REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MANAGEMENT EUROPEAN MASTER IN BUSINESS STUDIES (EMBS)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MANAGEMENT EUROPEAN MASTER IN BUSINESS STUDIES (EMBS)"

Transcript

1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MANAGEMENT EUROPEAN MASTER IN BUSINESS STUDIES (EMBS) UNIVERSITÀ PARTNER EMBS: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO UNIVERSITÉ DE SAVOIE (FRANCIA) UNIVERSITÄT-GESAMTHOCHSCHULE KASSEL (GERMANIA) UNIVERSIDAD DE LEÓN (SPAGNA)

2 INDICE TITOLO I ISTITUZIONE E ATTIVAZIONE... 2 Art. 1 - Informazioni generali... 2 Art. 2 - Management Committee... 3 Art. 3 Examination Board... 3 TITOLO II... 4 OBIETTIVI FORMATIVI E RISULTATI ATTESI... 4 Art. 5 - Descrizione del percorso formativo... 4 Art. 6 - Obiettivi formativi... 4 Art. 7 - Sbocchi occupazionali... 6 TITOLO III... 6 AMMISSIONE E NUMERO DI ISCRITTI... 6 Art. 8 Programmazione degli accessi... 6 Art. 9 - Requisiti per l ammissione... 6 Art Modalità di accertamento dei requisiti curriculari... 7 Art Modalità di verifica dell adeguatezza della personale preparazione... 7 Art. 12 Trasferimenti in ingresso... 7 TITOLO IV... 8 ORGANIZZAZIONE DIDATTICA E SVOLGIMENTO DEL PERCORSO FORMATIVO... 8 Art Modalità di svolgimento delle attività didattiche... 8 Art Quadro generale delle attività formative... 9 Art. 15 Articolazione del percorso formativo... 9 Art Verifica di profitto delle attività formative... 9 Art Piani di studio...10 Art Riconoscimento crediti tra le istituzioni partner...10 Art Tutorato, orientamento...11 Art Prova finale...11 Art. 21 Conseguimento del titolo...11 TITOLO V...12 NORME FINALI E TRANSITORIE...12 Art Modifiche al presente regolamento...12 Art Entrata in vigore e validità...13 TITOLO I ISTITUZIONE E ATTIVAZIONE Art. 1 - Informazioni generali 1. Il corso di laurea magistrale in Management European Master in Business Studies (di seguito laurea magistrale in Management - EMBS) appartiene alla classe MIUR LM-77 Scienze economicoaziendali (ai sensi del DM 16 marzo 2007). 2. La struttura responsabile per il semestre che si svolge a Trento è il Dipartimento di Economia e Management dell Università degli Studi di Trento con sede in via Inama, 5, Trento. 3. La struttura responsabile del coordinamento e dell amministrazione del corso di laurea magistrale in Management - EMBS è il IAE Savoie Mont Blanc dell Université de Savoie, con sede in rue Marcoz, Chambery, Francia. 4. Le sedi di erogazione del corso di laurea magistrale in Management - EMBS sono il Dipartimento di Economia e Management dell Università degli Studi di Trento (di seguito UNITN), il IAE Savoie Mont Blanc dell Université de Savoie (Francia), la Universität-Gesamthochschule Kassel (Germania) e la Universidad de León (Spagna). 5. Il corso di laurea magistrale in Management - EMBS viene attivato come corso omologo all interno dell ordinamento didattico del corso di laurea magistrale in Management, approvato dal MIUR nell aprile Pagina 2 di 16

3 6. Il presente regolamento è redatto in conformità con il predetto ordinamento didattico e si applica agli studenti immatricolati al corso di laurea magistrale in Management - EMBS a partire dall a.a Il corso di laurea magistrale in Management - EMBS prevede il conseguimento di un titolo congiunto corrispondente ai seguenti quattro titoli nazionali: nel sistema universitario italiano, Laurea Magistrale in CLASSE LM-77 Lauree Magistrali in Scienze Economico-Aziendali ; nel sistema universitario francese, Master en Droit Economie Gestion ; nel sistema universitario tedesco, Master of Arts ; nel sistema universitario spagnolo, Master Universitario Europeo en Dirección de Empresas. Art. 2 - Management Committee 1. È istituito un comitato congiunto denominato Management Committee. 2. Il Management Committee è composto da un docente e da un rappresentante del personale tecnico amministrativo in rappresentanza di ciascuna delle quattro università partner EMBS, per complessivi 8 membri. 3. I membri del Management Committee sono nominati rispettivamente: - i membri di UNITN dal Direttore del Dipartimento di Economia e Management dell Università degli Studi di Trento; - i membri del IAE dal Direttore del IAE Savoie Mont Blanc dell Université de Savoie; - i membri dell università di Kassel dal Preside della Faculty of Economics & Management della Universität-Gesamthochschule Kassel; - i membri dell Università di León dal Preside della Faculty of Economics of the University of León. 4. Ogni università partecipante al Management Committee esprime un solo voto e le decisioni vengono assunte con maggioranza semplice. 5. Il Management Committee è incaricato della direzione accademica/didattica e del coordinamento del programma, così come del suo sviluppo e della sua qualità. 6. Il Management Committee svolge le seguenti funzioni: - crea le condizioni necessarie all implementazione degli accordi fra i partner del programma; - definisce le regole generali del programma di studio; - approva limitate modifiche alla struttura del programma; - supervisiona le procedure del programma; - decide in merito a casi problematici e/o eccezionali; - garantisce il buon funzionamento del programma; - stabilisce l ammontare della quota finanziaria di partecipazione al programma (additional fees). 7. Il Management Committee si riunisce di regola almeno una volta all anno presso una delle sedi partner del programma. È regolarmente costituito in presenza di almeno un rappresentante per ciascuna università partner. Nel caso in cui i membri del Management Committee non possano riunirsi fisicamente, le riunioni possono essere condotte anche mediante l ausilio di supporti elettronici (videoconferenza, , ecc.). Art. 3 Examination Board 1. Conformemente a quanto concordato con i partner EMBS, viene istituito un comitato congiunto denominato Examination board con competenza in merito a questioni riguardanti la valutazione delle attività svolte dagli studenti (esami, tirocinio, Consultancy project, intermediate e final report). L Examination board è composto da: 4 professori impegnati nel programma EMBS; 1 ricercatore/ lecturer, 1 studente iscritto al programma EMBS. 2. I membri dell Examination board sono autorizzati ad assistere agli esami. Pagina 3 di 16

4 Art. 4 Commissione paritetica per la didattica 1. Ai sensi del regolamento del Dipartimento di Economia e Management di UNITN, art. 15 (Emanato con D.R. n. 110 del 13 febbraio 2013) è istituita la Commissione paritetica per la didattica con il compito di sovrintendere alla funzionalità delle attività didattiche svolte presso il Dipartimento di Economia e Management di UNITN, esprimere pareri sulla qualità delle stesse e dei servizi forniti agli studenti, nonché in materia di diritto allo studio. 2. Il Comitato paritetico per la didattica ha ruolo consuntivo ed esprime parere obbligatorio e non vincolante sulle modifiche ai regolamenti didattici dei corsi di studio e produce una relazione annuale sull attività didattica. TITOLO II OBIETTIVI FORMATIVI E RISULTATI ATTESI Art. 5 - Descrizione del percorso formativo 1. La laurea magistrale in Management - EMBS si propone di preparare laureati qualificati con una forte competenza nella gestione di aziende, imprese, nazionali e multinazionali, organizzazioni senza scopo di lucro. 2. E' obiettivo della laurea magistrale in Management EMBS formare figure professionali in grado di gestire le principali funzioni aziendali, nei diversi contesti di riferimento, sia attraverso il pieno dominio delle tecniche di analisi e delle conoscenze applicative e di supporto ai processi decisionali, sia coordinando e organizzando unità operative. 3. Il tirocinio prevede, di norma, un periodo da trascorrere presso un'azienda ad affrontare uno specifico problema di diretto interesse della stessa, sotto la guida di un tutor aziendale e di un tutor accademico. 4. La tesi di laurea costituisce un importante momento di approfondimento, anche teorico-concettuale, di tematiche tipiche del management, ed è di norma corredato da una parte empirica. 5. Gli studenti del programma EMBS, che prevede il rilascio di titolo congiunto con le università partner nel progetto, trascorrono un periodo presso ogni università coinvolta; seguono un programma comune, coerente con i rispettivi regolamenti didattici e hanno riconosciute, sulla base di specifici accordi tra università, le attività formative così svolte secondo lo schema previsto dall'european Credit Transfer System (ECTS). Le valutazioni delle prove di profitto sono convertire sulla base di specifiche tabelle di conversione. Art. 6 - Obiettivi formativi Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3, comma 7) 1. Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding) I laureati magistrali in Management - EMBS: dispongono di una rafforzata conoscenza di base in ambito economico generale e quantitativo, con particolare riferimento: ai sistemi economici nazionali e internazionali, alle strutture di mercato e della concorrenza, all'analisi di settore, all'analisi e al trattamento dei dati e delle informazioni a supporto dei processi decisionali; dispongono di una buona capacità di interpretazione del processo di produzione del valore nelle aziende di diversa natura e finalità, grazie ad approfondite conoscenze dei modelli di analisi e delle tecniche di gestione aziendale nei diversi ambiti di specializzazione funzionale: produzione, marketing e commercializzazione, amministrazione, finanza e controllo, organizzazione; dispongono delle conoscenze di base dei sistemi informativi e delle loro relazioni con l'organizzazione e amministrazione aziendale. Pagina 4 di 16

5 Gli obiettivi formativi sono perseguiti attraverso attività didattiche d'aula che prevedono anche momenti di confronto critico sui diversi temi, l'utilizzo di dati ed elementi fattuali tratti dalla realtà; i risultati dell'apprendimento sono verificati tramite prove d'esame, relazioni individuali o di gruppo, partecipazione attiva alla discussione. 2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding) I laureati magistrali in Management - EMBS sono in grado di: sviluppare analisi interdisciplinari delle principali problematiche della gestione aziendale nei diversi settori; formulare alternative decisionali, integrando le conoscenze economico-generali, economicoaziendali, giuridiche e quantitative; utilizzare i dati e le informazioni disponibili attraverso corrette procedure; progettare la struttura e i sistemi operativi di funzionamento delle organizzazioni, proponendo diverse alternative evidenziandone i benefici; coordinare l'attività di sistemi organizzativi, anche complessi, inserendosi nei processi di gestione delle risorse; progettare e coordinare sistemi di gestione nei diversi ambiti delle specializzazioni funzionali del management, padroneggiando la conoscenza dei modelli e delle tecniche gestionali; affrontare i problemi di gestione delle aziende secondo un approccio integrato e interdisciplinare, integrando saperi e metodi diversi; selezionare, utilizzare e interpretare fonti di varia natura, al fine di offrire una lettura critica e originale di fenomeni complessi. Gli obiettivi formativi sono perseguiti attraverso attività didattiche d'aula e di laboratorio, che prevedono anche momenti di confronto critico sui diversi temi, l'utilizzo di dati ed elementi fattuali tratti dalla realtà e simulazioni di situazioni reali; i risultati dell'apprendimento sono verificati tramite prove d'esame, relazioni individuali o di gruppo, focalizzate sulla soluzione di problemi. 3. Autonomia di giudizio (making judgements) I laureati magistrali in Management - EMBS sono in grado di: selezionare e valutare alternative decisionali, integrando le conoscenze economico-generali, economico-aziendali, giuridiche e quantitative, proponendo scelte di corretta gestione; integrarsi in processi decisionali complessi e articolati, lavorando in team e gruppi, contribuendo alla riflessione critica complessiva e concorrendo alla formazione di decisioni condivise e consapevoli; operare scelte in relazione all'organizzazione del lavoro e all'impiego dei sistemi di incentivi. Gli obiettivi formativi sono perseguiti attraverso l'inserimento, nelle diverse attività formative (attività didattiche d'aula e di laboratorio, tirocinio, preparazione alla prova finale), di studio di casi e momenti di riflessione critica su problemi, simulati o tratti dalla realtà, rispetto ai quali gli studenti individuano e valutano alternative. Il raggiungimento degli obiettivi formativi è verificato nell'ambito della valutazione finale delle diverse attività formative. 4. Abilità comunicative (communication skills) I laureati magistrali in Management - EMBS sono in grado di: predisporre relazioni scritte, analitiche e di sintesi, nelle quali le proposte e le idee devono essere presentate e adeguatamente sostenute; presentare in pubblico le loro proposte e idee, anche con l'ausilio di strumenti tecnologici; presentare ed argomentare di fronte a interlocutori specialisti e non specialisti le proprie posizioni e i risultati delle ricerche compiute. Le abilità di comunicazione sono applicate e sperimentate dagli studenti all'interno delle attività formative che prevedono la predisposizione, individuale o in gruppo, di elaborati e la loro presentazione. Le abilità sono valutate nell'ambito della valutazione finale delle diverse attività formative. 5. Capacità di apprendimento (learning skills) I laureati magistrali in Management - EMBS hanno la capacità di: selezionare e accedere a fonti informative di varia natura (pubblicazioni, banche-dati, Pagina 5 di 16

6 informazioni disponibili in rete, fonti normative, prassi; seguire l'evoluzione dei saperi, delle tecniche, delle fonti normative e delle loro interpretazioni e conseguentemente attuare un costante aggiornamento. Gli obiettivi formativi sono perseguiti, in particolare, attraverso le attività didattiche di laboratorio, la predisposizione dei connessi elaborati e della relazione di tirocinio e la preparazione della prova finale. Il raggiungimento degli obiettivi formativi è verificato nell'ambito della valutazione finale delle diverse attività formative e della prova finale. Art. 7 - Sbocchi occupazionali 1. Gli sbocchi occupazionali per il laureato magistrale in Management - EMBS sono rappresentati da posizioni professionali in azienda o nella consulenza aziendale, rivolti a tutti i settori produttivi, con specifico riferimento a: a) posizioni di rilevanza manageriale di tipo funzionale (con particolare riferimento al marketing,) in organizzazioni di piccole, medie e grandi dimensioni, inseriti in percorsi di rapida crescita professionale, ovvero a diretto supporto al vertice; b) consulenti autonomi o nell ambito di aziende operanti nello specifico settore della consulenza aziendale di varia natura, con prospettiva di accesso alle posizioni di vertice; c) imprenditori autonomi nei diversi settori dell economia. TITOLO III AMMISSIONE E NUMERO DI ISCRITTI Art. 8 Programmazione degli accessi 1. Annualmente le università partecipanti fissano, su proposta del Management Committee: le modalità e le scadenze entro le quali devono essere presentate le domande di ammissione al programma; il numero massimo di partecipanti al programma, anche tenendo conto dell esigenza di garantire una partecipazione numericamente equilibrata di studenti delle diverse provenienze. 2. Il Consiglio di Dipartimento di Economia e Management di UNITN delibera annualmente, sulla base di quanto proposto dal Management Committee, il numero programmato, di norma entro le scadenze previste dalla vigente normativa e comunque in tempo utile per un adeguata informazione. 3. La delibera del Consiglio di Dipartimento viene vagliata dal Senato Accademico in composizione allargata alla rappresentanza studentesca e successivamente approvata dal Consiglio di Amministrazione. Art. 9 - Requisiti per l ammissione 1. Le conoscenze richieste all ingresso sono espresse in termini di contenuti (conoscenze e capacità) e misurate, a titolo indicativo, in termini di impegno formativo minimo (CFU) normalmente necessario in un corso di laurea per la loro acquisizione. La certificazione dei requisiti può avvenire sia sulla base delle attività svolte e dei crediti acquisiti nei percorsi di studio precedenti, sia attraverso specifici test svolti dal Dipartimento o da istituzioni accreditate. 2. L accesso al corso di laurea magistrale in Management - EMBS è pertanto subordinato alla verifica dei seguenti requisiti: a) requisiti curriculari generali: essere in possesso di laurea di primo livello, conseguita in università italiane o altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo; avere una conoscenza della lingua inglese pari almeno al livello B2 del Common European Framework of Reference for Languages o livello equivalente. b) requisiti curriculari specifici: conoscenze di base in ambito economico, aziendale, giuridico che normalmente caratterizzano un percorso di studi di primo livello che includa lo studio di sistemi economici e delle aziende per un totale di almeno 60 CFU nei settori tipici dei corsi di laurea del Dipartimento di Economia e Management. In particolare i candidati devono possedere una formazione universitaria nelle discipline tipiche di una laurea in Scienze economiche (L33) e in Scienze dell economia e della Pagina 6 di 16

7 gestione aziendale (L18), per un ammontare di crediti formativi corrispondente alla metà dei crediti base e caratterizzanti normalmente previsti negli ordinamenti didattici. Il requisito si ritiene normalmente soddisfatto con un percorso formativo che includa 60 crediti nei seguenti settori scientifico disciplinari: Settori scientifico disciplinari Discipline SECS-P/01, SECS-P/02, SECS- P/03, SECS-P/04, SECS-P/05, SECS-P/06, SECS-P/12 SECS-P/07, SECS-P/08, SECS- P/09, SECS-P/10, SECS-P/11 IUS-01, IUS-02, IUS-03, IUS-09 SECS-S/01, SECS-S/03, SECS- S/06 Discipline di ambito economico Discipline in ambito economico-aziendale Discipline in ambito giuridico Discipline matematico-statistiche Contenuti Micro e macroeconomia, economia industriale, politica economica, economia e finanza pubblica, storia economica Fondamenti di contabilità e bilancio, principi contabili, general management, business policy, finanza aziendale Fondamenti di diritto pubblico, fonti del diritto, istituzioni di diritto privato, diritto commerciale Analisi matematica; analisi statistica con i seguenti vincoli: - ambito economico: almeno 8 CFU - ambito economico-aziendale: almeno 10 CFU - ambito matematico-statistico: almeno 6 CFU. Per candidati con percorsi formativi universitari precedenti non regolati dalla normativa italiana, i vincoli sono soddisfatti in riferimento a contenuti disciplinari corrispondenti, verificati sulla base dei programmi dei corsi (syllabus). c) requisiti di personale preparazione: è prevista la valutazione della personale preparazione secondo le modalità specificate nell art. 11. Art Modalità di accertamento dei requisiti curriculari 1. Il possesso dei requisiti di cui all art. 9, punto 2 a) e 2 b) è accertato di norma mediante lo screening del curriculum studiorum. 2. Per la verifica della conoscenza della lingua inglese almeno pari al livello B2 o equivalente (di cui all art. 9, punto 2 a) si procede, di norma, sulla base dei risultati dei test internazionalmente riconosciuti o, in alternativa, di valutazioni del livello di conoscenza rilasciate da UNITN o altra università. A tale fine possono essere considerate adeguate certificazioni rilasciate da enti ritenuti idonei oppure dichiarazione rilasciata dall università di provenienza da cui risulti che la lingua ufficiale del corso di studio di primo livello o equivalente seguito dal candidato sia l inglese. 3. La verifica del possesso dei requisiti all accesso, di cui all art. 9, a), b) e c), è svolta congiuntamente dalle Istituzioni partecipanti secondo le modalità previste dall accordo di titolo congiunto tra le università partecipanti al programma. Art Modalità di verifica dell adeguatezza della personale preparazione 1. La valutazione della personale preparazione (di cui all art. 9, punto 2 c) sarà basata sul voto di laurea di primo livello. 2. Il voto di laurea triennale minimo richiesto è, coerentemente con il requisito fissato dalle Università partner, pari a 95/110 (o voto straniero equivalente definito sulla base di appositi criteri di conversione). L equivalenza della votazione di 95/110 con le votazioni di laurea conseguite nei sistemi universitari delle università partner è così definita: Germania 2,5; Spagna 6,5; Francia La verifica dell adeguatezza della personale preparazione è svolta congiuntamente dalle istituzioni partecipanti secondo le modalità previste dall accordo di titolo congiunto tra le università partecipanti al programma. Art. 12 Trasferimenti in ingresso 1. In ragione della struttura della laurea magistrale in Management - EMBS ed in conformità a quanto concordato con i partner, non sono ammessi trasferimenti né passaggi interni verso il corso di laurea magistrale in Management - EMBS. 2. Inoltre, non sarà possibile accedere alla laurea magistrale in Management - EMBS a semestre iniziato né direttamente al secondo anno a seguito di abbreviazione di carriera. Pagina 7 di 16

8 TITOLO IV ORGANIZZAZIONE DIDATTICA E SVOLGIMENTO DEL PERCORSO FORMATIVO Art Modalità di svolgimento delle attività didattiche 1. All interno del corso di laurea magistrale in Management - EMBS sono previsti insegnamenti cui sono attribuiti specifici settori scientifico-disciplinari e altre attività formative quali ad esempio tesi, tirocini, consultancy project (come da tabella riportato nell Allegato 1). 2. L attività didattica consiste in lezioni frontali tradizionali o sotto forma di laboratorio, workshop, testimonianze dal mondo del lavoro, seminari-gruppi di discussione. Le modalità di didattica utilizzate sono tali da presupporre la frequenza sistematica delle lezioni da parte degli studenti. 3. Tutte le attività didattiche prevedono l obbligo di frequenza alle lezioni. Tale obbligo si intende assolto con una partecipazione superiore all 80% del totale delle ore di lezione. La verifica della percentuale di frequenza minima può essere accertata tramite raccolta delle firme di presenza alle singole lezioni o appello nominale. A discrezione del docente, con riserva di verifica, la presenza può essere accertata mediante dichiarazione sostitutiva. Nel caso di mancato raggiungimento della frequenza minima, lo studente potrà ricevere obblighi aggiuntivi (su indicazione del docente responsabile dell attività didattica) oppure potrà non essere ammesso a sostenere la verifica finale e sarà quindi tenuto a frequentare nuovamente l attività formativa. 3. Le attività didattiche si inseriscono in una struttura di calendario organizzata su due semestri collocati tra settembre e il successivo mese di giugno, secondo un calendario delle lezioni definito annualmente. 4. Tutte le attività didattiche saranno erogate in lingua inglese. 5. Al fine dell ottenimento del titolo congiunto devono essere acquisiti tutti i crediti previsti dal programma nel rispetto delle normative nazionali e degli accreditamenti ottenuti dalle università partner. Conseguentemente tutte le attività didattiche previste sono necessarie al fine del conseguimento del titolo congiunto, riconosciuto nei 4 sistemi universitari di riferimento. 6. È prevista la valutazione della qualità dell attività didattica svolta tramite somministrazione agli studenti di appositi questionari di soddisfazione. 7. Il carico formativo dello studente è quantificato in funzione delle diverse normative nazionali in un intervallo che va da 25 ore a 30 ore per ogni credito formativo (CFU) così suddivise: attività d aula (ore di lezione, di esercitazione, di laboratorio, di seminario, ecc.); attività di studio autonomo o comunque di impegno individuale per complessivi 60 CFU all anno. 8. Le attività didattiche possono essere sostituite da attività svolte presso altre istituzioni formative, italiane e straniere, tramite apposite convenzioni e accordi, secondo le modalità e le regole previste dai rispettivi ordinamenti e previa autorizzazione del Management Committee. Le valutazioni conseguite presso altre istituzioni, se non corrispondenti a quelle in uso nel Dipartimento, sono convertite mediante apposite tabelle di equivalenza. 9. La quota di ore di carico formativo per le diverse attività è fissata in funzione delle caratteristiche delle stesse, riservando, in ogni caso, un peso prevalente allo studio e all impegno individuale. Il numero di ore riservate allo studio autonomo per ogni credito formativo va da 19 a 24. Il rapporto tra lavoro in aula e lavoro svolto fuori dall aula può essere, in funzione delle specifiche caratteristiche delle attività formative, diversamente quantificato nei laboratori, nei workshop e nei seminari-gruppi di discussione. 10. L impegno orario tiene conto del grado di maturazione e della preparazione accumulata dagli studenti ed è commisurato in riferimento ad uno studente medio fornito di adeguata preparazione di base. 11. Il tirocinio formativo previsto per la laurea magistrale in Management - EMBS è strettamente legato alla realizzazione di un progetto sul campo. Il tirocinio formativo può essere svolto presso aziende, enti o istituti di ricerca, aziende e amministrazioni pubbliche e studi professionali. 12. Il tirocinio formativo per la laurea magistrale in Management - EMBS ha una durata minima di 3 mesi e deve essere certificato dal tutor nominato dalla struttura responsabile del tirocinio (vedi comma 13 del presente articolo). Il tirocinio deve essere svolto secondo le procedure condivise dai partner EMBS e deve avvenire sulla base di una convenzione tra uno dei partner EMBS e il soggetto ospitante. 13. La struttura responsabile della certificazione dei tirocini è l Universidad de Leòn. Pagina 8 di 16

9 Art Quadro generale delle attività formative 1. Il quadro generale delle attività formative prevede l indicazione dei relativi settori scientifico disciplinari e dei CFU assegnati, degli obiettivi formativi, dell anno di corso e delle regole di scelta che guidano la definizione dei Piani di Studio. 2. Per la tabella delle attività formative si veda l allegato 1. Art. 15 Articolazione del percorso formativo 1. La laurea magistrale in Management - EMBS prevede la frequenza di attività presso ciascuna delle università partner del programma secondo il seguente schema. 1 semestre: presso l Università degli Studi di Trento Dipartimento di Economia e Management 30 CFU (di cui 26 CFU in attività didattiche d aula + 4 CFU per il Consultancy Project: lavoro di gruppo svolto durante il 1 semestre con presentazione finale ad inizio del 2 semestre in Francia); 2 semestre: presso l Universitè de Savoie (30 CFU); 3 semestre: presso l Universität-Gesamthochschule Kassel (20 CFU+10 CFU per intermediate report tesi finale); 4 semestre: presso l Universidad de León (15 CFU+5 CFU per prova finale+10 CFU per tirocinio minimo di 3 mesi). La prova finale, nelle modalità previste dall art 20, è suddivisa in due moduli, prevede una discussione intermedia (corrispondente ad un impegno formativo pari a 10 CFU) da farsi presso l Universität-Gesamthochschule Kassel a conclusione del 3 semestre, ed una discussione finale (corrispondente ad un impegno formativo pari a 5 CFU) da farsi presso l Universidad de León a conclusione del 4 semestre e prima dell inizio del tirocinio. Lo svolgimento del tirocinio (10 CFU) è previsto a conclusione del 4 semestre, dopo la discussione della tesi finale e prima della proclamazione. Art Verifica di profitto delle attività formative 1. La valutazione delle attività formative è espressa secondo il sistema di votazione in uso presso la sede EMBS di svolgimento dei singoli insegnamenti cui gli esami si riferiscono. 2. Per quanto riguarda il Dipartimento di Economia e Management dell Università degli Studi di Trento, la valutazione delle attività formative è espressa in trentesimi (con voto minimo sufficiente pari a 18), con possibilità di assegnazione della lode in un numero ristretto di casi meritevoli, o è espressa con i gradi approvato e non approvato, se relativa al tirocinio. Le votazioni conseguite presso l Universitè de Savoie sono espresse in una scala da 1 a 20 (con voto minimo sufficiente pari a 10); quelle conseguite presso l Universidad de León da 1 a 10 (con voto minimo sufficiente pari a 5); e quelle conseguite presso l Universität-Gesamthochschule Kassel da 5 a 1, con la votazione più alta fissata pari a 1 (con voto minimo sufficiente pari a 4). L equivalenza dei voti è riportata all art La valutazione dell apprendimento può avvenire nei seguenti modi: prove scritte (durata indicativa dai 90 ai 120 minuti); colloqui orali (durata indicativa dai15 ai 30 minuti); presentazioni orali (durata indicativa dai15 ai 30 minuti) Per ciascun esame o verifica del profitto da sostenersi presso il Dipartimento di Economia e Management di UNITN la struttura didattica individua un docente responsabile della procedura di valutazione che ne garantisce il corretto svolgimento e verbalizzazione. La procedura di verbalizzazione dell esito dell esame avviene di norma tramite l ausilio di procedure informatizzate on line. Per quanto riguarda gli esami sostenuti presso le sedi delle università partner si fa riferimento alle regole e alle consuetudini localmente vigenti. 4. Le attività didattiche possono prevedere una prova intermedia. La valutazione finale tiene conto anche della valutazione della prova intermedia. Nel caso di attività organizzate in moduli coordinati, possono essere organizzate prove alla fine di ogni modulo; i docenti titolari dei moduli partecipano alla valutazione collegiale del profitto, che sarà, di norma, data dalla media delle valutazioni ottenute nei singoli moduli. Le frazioni di punteggio pari o superiori a 0,5 sono arrotondante all unità superiore. 5. Nel caso di lavori di gruppo, se non vi sono fondati motivi per ritenere che il contributo dei singoli sia differenziato per impegno e risultati, tutti i componenti il gruppo otterranno la medesima valutazione. La valutazione della partecipazione alla discussione è fatta dal docente al termine di ogni sessione e non può superare il 40% della valutazione totale dell attività didattica. Pagina 9 di 16

10 6. Tutti gli studenti sono tenuti a partecipare ad un consultancy project durante il primo semestre del primo anno. L attività verrà svolta in gruppi e la sua valutazione di competenza del docente tutor del progetto - è basata su una relazione scritta (1/3 del voto finale), su una presentazione orale (1/3 del voto) nonché sull eventuale documentazione fornita dall ente ospitante (1/3 del voto). Verrà identificato il contributo di ciascun membro del gruppo. 7. La verifica dei risultati dello stage/tirocinio è di competenza dell Universidad de León. La certificazione dell avvenuto tirocinio, basata sui resoconti obbligatoriamente forniti dallo studente (70% del voto), dal rapporto finale e della documentazione fornita dall ente ospitante (30% del voto), è a cura del tutor del tirocinio. 8. Per la verifica dei risultati di eventuali periodi di studio all estero in mobilità internazionale (al di fuori del programma congiunto) si rimanda ai regolamenti Erasmus e mobilità degli studenti delle università partner. 9. Il calendario degli esami è pubblicato con congruo anticipo rispetto alle sessioni d esame stabilite. 10. Per quanto non previsto dal presente articolo, si rimanda all art. 20 del Regolamento didattico di Ateneo per le attività didattiche di competenza di UNITN e alle normative e alle prassi vigenti presso le università partner per le attività didattiche di loro pertinenza. 11. In conformità a quanto previsto dalla normativa in vigore presso le Università partner EMBS, in caso di non superamento di un modulo di esame o di un esame, questo non potrà essere ripetuto più di due volte, ad eccezione di documentate cause di forza maggiore. In caso di superamento con esito positivo dell esame oppure di un modulo di esame non sarà possibile rifiutare il voto conseguito e ripetere la prova. 12. Stante l esigenza di sostenere le prove d esame presso l università nella quale sono state erogate le attività didattiche, lo studente è tenuto a partecipare agli appelli d esame previsti al termine delle lezioni. L eventuale seconda prova di recupero potrà essere sostenuta durante il successivo semestre presso l università ospitante. Nel caso in cui lo studente non si presentasse all esame nelle date previste, oppure non ottemperasse agli obblighi previsti in merito al consultancy project, al tirocinio ed alla prova finale, l attività verrà considerata come non superata. Art Piani di studio 1. Allo studente viene assegnato, all inizio del suo percorso, il Piano degli studi per l intero corso di studio. Art Riconoscimento crediti tra le istituzioni partner 1. Ai fini del conseguimento del titolo italiano, le valutazioni riportate presso l Université de Savoie, l Universität-Gesamthochschule Kassel e la Universidad de León vengono convertite in trentesimi secondo la seguente tabella di conversione (le frazioni di punteggio pari o superiori a 0,5 sono arrotondante all unità superiore): Italy France Germany Spain 30 L / / 19 / 18 1, , ,7 8, ,0 8, ,5 7, / 13,5 2,3 7 / 6, , , , ,5 3,3 5, , , ,0 5 <18 <10 4,3 / 5,0 <5 Pagina 10 di 16

11 Art Tutorato, orientamento 1. Il Direttore del Dipartimento di Economia e Management di UNITN nomina un responsabile per il tutorato e l orientamento per le attività svolte in UNITN e individua un docente responsabile di tutorato e orientamento per il singolo corso di studio, che di norma coincide con il responsabile del corso di studio 2. Il responsabile di tutorato e orientamento del Dipartimento coordina, integrandosi con i responsabili di tutorato e orientamento dei corsi di studio, le attività di assistenza e di sostegno su singole materie, che si rendesse opportuno organizzare in riferimento alle attività didattiche svolte in UNITN. Nominativi e recapiti sono indicati sul sito web del Dipartimento. Art Prova finale 1. Per conseguire la laurea magistrale in Management - EMBS lo studente deve aver acquisito 120 crediti formativi compresi quelli relativi alla prova finale. Lo studente iscritto alla laurea magistrale in Management - EMBS elabora e discute la tesi presso una delle università partner. 2. La prova finale prevede la valutazione di un elaborato scritto predisposto dal/la candidato/a con la supervisione di un docente che assume il ruolo di relatore di tesi e della sua presentazione e discussione. L elaborato può affrontare temi di natura teorica e pratica, ma deve dimostrare in ogni caso la capacità del candidato a trattare un argomento rilevante per il percorso di studi scelto, con autonomia e concretezza. Il lavoro di tesi deve presentare degli spunti di originalità. 3. La valutazione del lavoro prevede due momenti distinti ma complementari: la valutazione di una versione preliminare dell elaborato denominata intermediate report, prevista alla conclusione del 3 semestre e della versione finale dell elaborato denominata final report da svolgersi a conclusione del 4 semestre (entro 12 settimane dalla consegna del final report). 4. In caso di esito negativo della valutazione dell intermediate report al termine del 3 semestre, lo stesso può essere presentato una seconda volta a conclusione del 4 semestre ed essere nuovamente valutato. La presentazione del final report è prevista a conclusione del 4 semestre oppure a conclusione del tirocinio obbligatorio di 3 mesi nel caso in cui lo studente abbia dovuto ripetere la presentazione dell intermediate report. In caso di valutazione negativa, il final report può essere presentato una seconda volta a conclusione del tirocinio obbligatorio di 3 mesi. Non sono previste ulteriori sessioni di valutazione dell intermediate e del final report. 5. La valutazione dell intermediate report e del final report è di competenza di una commissione composta da almeno quattro membri (compreso il Presidente) scelti tra i docenti ed i ricercatori del Dipartimento e/o delle Università partner. La commissione è nominata dai singoli responsabili delle rispettive strutture didattiche delle Università partner EMBS, su proposta dell Examination Board (di cui all art. 3). 6. La valutazione complessiva del final report, espressa in centesimi (con 100 quale punteggio più elevato), tiene in considerazione sia la qualità del lavoro scritto (70% voto della valutazione) sia quella della presentazione orale (30% voto della valutazione). 7. L individuazione del tema e del relatore della prova finale sono compito degli studenti che all inizio del 3 semestre devono individuare - attraverso l Examination Board - un docente disponibile a svolgere il ruolo di relatore di tesi. Relatore di tesi può essere ogni docente titolare di corso e ricercatore della struttura didattica di una delle università partner. Nel caso gli studenti incontrassero difficoltà nell individuazione del docente relatore, devono rivolgersi al docente responsabile di tutorato e orientamento del corso di studio. 8. L elaborato è scritto in lingua inglese. Per la predisposizione dell elaborato scritto gli studenti dispongono di 8 settimane durante il 3 semestre e di 4 settimane durante il 4 semestre. Allo studente che - per ragioni indipendenti dalla propria volontà - non completasse l elaborato scritto entro i suddetti termini, potrà essere concessa una proroga di massimo 6 settimane complessive. Art. 21 Conseguimento del titolo 1. Il conseguimento del titolo è subordinato al rispetto delle normative vigenti nei paesi e nelle università partner. Conseguentemente, in conformità alle regole vigenti presso gli altri paesi partner del programma, gli studenti devono concludere tutte le attività formative (incluso tirocinio ed l esame finale comprensivo di intermediate report, final report, entro il 30 settembre del secondo anno di corso. Pagina 11 di 16

12 2. Le procedure per l ammissione all esame finale, i criteri per la formazione del voto di laurea, le modalità di presentazione dell elaborato finale e la composizione delle commissioni di conseguimento titolo sono disciplinati nel Regolamento didattico di ateneo e nel Regolamento di Dipartimento per lo svolgimento della prova finale. 3. Per gli studenti del corso di laurea magistrale in Management- European Master in Business Studies, le modalità di svolgimento della prova finale sono regolate dagli accordi con le altre università partecipanti al programma congiunto in quanto compatibili con i regolamenti di Ateneo e di Dipartimento. 4. La prova finale è valutata da una apposita Commissione di laurea magistrale. La Commissione di valutazione della tesi è composta da quattro membri (compreso il Presidente) scelti tra i docenti ed i ricercatori del Dipartimento e/o delle università partner. La valutazione complessiva finale tiene conto anche del curriculum individuale e delle valutazioni conseguite dallo studente. I criteri di valutazione della prova finale sono indicati nel Regolamento di Dipartimento per gli esami di laurea. 5. Il voto di laurea viene espresso nei quattro sistemi di votazione in uso presso i partner. Per quanto riguarda il Dipartimento di Economia e Management dell Università degli Studi di Trento, la valutazione delle attività formative è espressa in centodecimi, con possibilità, in caso di voto pari a 110/110, di attribuzione della lode. La valutazione è così determinata: a) determinazione di un punteggio base, corrispondente alla media dei voti ponderata per il numero dei crediti di ogni attività (compresi nel rispetto delle normative nazionali dei singoli partner i voti assegnati per il consultancy project ed il tirocinio). I voti, così come indicati dai Transcript of Records, laddove necessario sono convertiti in trentesimi secondo la tabella di cui all art. 18. La media dei voti è espressa in centodecimi; b) aggiunta, al punteggio base, del punteggio assegnato dalla Commissione alla prova finale (art. 20 comma 6) così come convertito sulla base della tabella che segue: VOTO FINALE ESPRESSO IN CENTESIMI DALLA COMMISSIONE PUNTEGGIO FINALE ESPRESSO SECONDO IL SISTEMA ITALIANO 97, ,1-97,5 9 88,76-95,0 8 82,6-88, ,1-82,5 6 67,6-75,0 5 61,26-67,5 4 55,1-61, ,6-55,0 2 50,0-52,5 1 <50 insufficiente La suddetta tabella di conversione potrà essere periodicamente aggiornata sulla base della distribuzione statistica dei voti conseguiti dagli studenti EMBS alla prova finale. 6. Secondo quanto previsto dall ordinamento italiano il titolo si consegue con la proclamazione pubblica. TITOLO V NORME FINALI E TRANSITORIE Art Modifiche al presente regolamento 1. L approvazione del presente regolamento nonché le relative modifiche vengono approvate su proposta del Direttore con delibera del Consiglio di Dipartimento, acquisito il parere non vincolante del comitato paritetico per la didattica. La delibera è presa con la maggioranza assoluta dei membri del consiglio di Dipartimento. Il presente regolamento e le eventuali modifiche successive sono inoltre sottoposti all approvazione del Senato accademico. Il presente regolamento è emanato con decreto rettorale. Pagina 12 di 16

13 2. Al fine del conseguimento del titolo congiunto, il regolamento deve essere compatibile con i regolamenti didattici delle Università partner. Art Entrata in vigore e validità 1. Ogni anno accademico di prima immatricolazione individua una specifica coorte di studenti. Ogni coorte di studenti ha il proprio regolamento che rimane valido per tutta la durata del proprio corso di studio. Il Dipartimento si riserva comunque la possibilità di modificare il regolamento anche prima della conclusione del percorso sulla base di particolari esigenze. 2. La validità del regolamento didattico viene garantita, di norma, per un numero di anni pari alla durata normale del corso di studio più uno. Decorso tale termine, il Dipartimento si riserva di far transitare gli studenti, che non hanno ancora ottenuto il titolo, su regolamenti successivi. 3. Nel caso di modifiche del regolamento didattico è data facoltà agli studenti appartenenti a coorti di anni precedenti di aderire al nuovo regolamento. Qualora il nuovo regolamento comporti norme più favorevoli per gli studenti, rispetto al regolamento cui appartengono, oppure introduca miglioramenti nell'organizzazione della didattica fruita dagli studenti stessi, esso sarà applicato anche alle coorti precedenti, secondo le modalità stabilite nello stesso regolamento. Gli studenti potranno comunque richiedere di mantenere il regolamento previgente, indicando le norme che, applicate alla propria carriera, influenzerebbero negativamente il regolare svolgimento del proprio percorso. 4. Eventuali problematiche interpretative o applicative derivanti dalla successione dei Regolamenti nel tempo vengono risolte dal responsabile della struttura didattica, sentiti i referenti per i servizi alla didattica e per la gestione delle carriere. 5. Eventuali deroghe o estensioni dell applicazione del presente regolamento sono concesse dal responsabile della struttura didattica. Pagina 13 di 16

14 Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Management - LAUREA MAGISTRALE IN MANAGEMENT- EUROPEAN MASTER IN BUSINESS STUDIES EMBS Nome del corso / Attività Settore Crediti Anno Propedeuticità Obiettivi formativi Disciplinare Economics 10 Knowledge on European and global economic systems. European economy structure SECS-P/02 5 Comprensione delle questioni economiche contemporanee sull Unione Economica e Monetaria, della stato dell Unione da un punto di vista economico, dei problemi posti dalla fase di transizione verso l UEM, della politica macro-economica in unione monetaria e delle questioni strutturali quali la disoccupazione europea, le politiche industriali e commerciali, le politiche e i problemi dell allargamento. Global economic policy SECS-P/02 5 Conoscenza storica delle dottrine economiche, del legame tra politiche economiche proposte e l epoca nella quale esse vengono adottate, dei concetti di base, tra cui l oggetto delle politiche economiche (mercati di beni e servizi, del lavoro, dei capitali; la crescita; la moneta) e degli strumenti di regolazione (beni e servizi pubblici, fiscalità, regolamentazione, ) dei diversi livelli di poteri che attuano le politiche economiche. Capacità di analisi delle principali implicazioni legate agli sconvolgimenti economici attuali quali la globalizzazione economica, il progresso tecnologico, l evoluzione dei sistemi sanitari, l aumento delle disuguaglianze o il futuro delle pensioni. Finance 5 Knowledge on finance financial markets. Firm s financial management. Corporate finance SECS-P/09 2 Il corso fornisce conoscenze e capacità operative in merito a: - valutazione degli investimenti - gestione dei rischi finanziari - creazione di valore finanziario - strategie per i mercati finanziari - valutazione delle imprese - dinamiche sociali nella distribuzione del valore prodotto - processi di privatizzazione di imprese statali. Financial markets & Asset Pricing SECS-P/06 3 Conoscenze in materia di principi generali di organizzazione dei mercati finanziari, dei mercati azionari, mercati obbligazionari e mercati dei cambi, dei mercati derivati, dei mercati a termine, dei mercati dei future (mercati dei tassi) e dei mercati delle opzioni negoziabili. Conoscenze relative all organizzazione e al funzionamento dei mercati finanziari (mercati sottostanti e mercati derivati). Capacità di analisi dell impatto dello sviluppo di tali mercati sulle altre componenti dell economia. Marketing Management SECS-P/08 10 Conoscenza dei attori di sviluppo e interesse del marketing internazionale, dello studio dell ambiente e della domanda degli studi internazionali di mercato, delle tecniche di segmentazione internazionale e delle strategie del marketing mix a livello internazionale e delle opportunità legate all e-business. Capacità di formulazione di piani di marketing internazionale. Inoltre il corso fornisce conoscenze e capacità di analisi riferite a: - relazione tra fornitori, produttori, distributori, grossisti, dettaglianti e consumatori nel contesto internazionale - canali e politiche distributive - organizzazioni di consumatori. Marketing Research SECS-S/03 10 I metodi e le tecniche utilizzabili nella realizzazione di studi di marketing. Metodi di campionamento e elaborazioni statistiche. Capacità di progettazione a attuazione di studi esplorativi, interviste individuai, focus group, tecniche associative e di proiezione, analisi di contenuto di studi descrittivi (osservazione, questionario, Pagina 14 di 16

15 Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Management - European and international commercial law International Strategic Management convalida e fidelizzazione di misure). Capacità di progettare e utilizzare test e sperimentazioni (pianificazioni e validità sperimentale). Capacità operative specifiche nell utilizzo di programmi Sphinx e SPSS. IUS/04 6 Conoscenza della nozioni di conflitti di leggi e di giurisdizioni, dei fondamenti della materia. Capacità di analisi dei contratti di commercio internazionale e della loro esecuzione (contratti relativi al finanziamento del commercio internazionale, alla vendita, alla garanzia autonoma e alla rappresentazione dell impresa commerciale all estero). Comprensione degli accordi GATT, di quelli derivanti dall Uruguay Round e dei regimi specifici relativi ai prodotti di base, al commercio tra paesi con diversi livelli di sviluppo. SECS-P/08 5 Il corso fornisce una approfondita conoscenza dei modelli strategici per il contesto competitivo internazionale e in particolare su: - caratteristiche del business internazionale - pianificazione strategica e operative nel contesto internazionale - analisi della concorrenza internazionale - scelte strategiche - attuazione delle strategie nelle organizzazioni - le gestione globale delle attività aziendali International accounting SECS-P/07 5 Comprensione della struttura del Bilancio e della reportistica finanziaria aziendale secondo ii principi internazionali (IFRS). Capacità di utilizzare gli strumenti di reporting nei processi di analisi e decisione. Capacità di redazione del bilancio e di applicazione degli standard contabili. Information system ING-INF/05 5 Gli studenti del corso acquisiscono buone conoscenze su come le informazioni economiche e finanziarie d impresa sono raccolte, interpretate e sull uso delle tecnologie correlate e su temi quali: knowledge management systems, smart technology, tecnologie per e-business e m-business, ambienti di lavoro virtuali e global Internet commerce. Organizational behaviour and human resources management SECS-P/10 5 Il corso fornisce conoscenze sulla teoria dell organizzazione e sulle teorie del comportamento organizzativo di persone e gruppi e competenze di progettazione organizzativa. Supply Chain Management SECS-P/08 5 Conoscenza e comprensione della problematica della gestione dei flussi fisici e di informazione (Supply Chain). Conoscenza della nozione di Supply Chain, delle grandi funzioni della catena logistica, dell ottimizzazione della catena logistica, dello lo sviluppo di reti a monte e a valle. Capacità di percepire le implicazioni riguardanti l ottimizzazione della Supply Chain (pianificazione, stock management, sistemi d informazione associati ). Capacità di comprendere la realtà della nozione di rete: a monte, le relazioni con i fornitori; a valle, le relazioni con i distributori e i clienti. Communication 10 Management of incentives, task assignment, knowledge and innovation in organizations. Business to Business Marketing and business negotiation SECS-P/08 5 Conoscenze sulla negoziazione internazionale (I fattori che influenzano il contesto di una negoziazione internazionale, condizioni della negoziazione internazionale, Il processo di acquisto e i parametri di decisone di un acquirente, andamento della negoziazione e contrattazione). Capacità di portare a termine una negoziazione commerciale internazionale. Le qualità di un buon negoziatore. Esercizi e casistica. Cross-Cultural Communication SECS-P/10 5 Comprendere la complessità e le dinamiche della comunicazione nelle situazioni d interazione e di scambio culturale e, in particolare, conoscenza delle componenti culturali della comunicazione, degli spazi di comunicazione e dell identità degli attori, del gruppo di appartenenza e del gruppo di riferimento, gli spazi di vita e le frontiere sociali, culturali e geografiche, e, infine, alcuni degli ostacoli frequenti (lingua, norme sociali, codici non verbali ecc.). Pagina 15 di 16

16 Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Management - Altre attività formative (D.M. 270 art.10 5) (per un totale di 38 CFU ) Insegnamenti a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a) 15 Per la prova finale (art.10, comma 5, lettera c) 15 Intermediate report 10 Final report 5 Ulteriori attività formative (art.10, comma 5, lettera d) Consultancy Project 4 Ulteriori attività formative (art.10, comma 5, lettera d) Tirocinio 10 CFU CFU TOTALI PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO 120 Insegnamenti classificati tra i crediti a scelta dello studente (15 CFU) Secondo quanto stabilito nell art. 13 co. 5 del presente regolamento, al fine di soddisfare i requisiti previsti dai diversi ordinamenti nazionali e dagli accreditamenti rilasciati dalle agenzie nazionali cui fanno riferimento le università che operano nell ambito di ordinamenti diversi da quello italiano, i crediti a scelta dello studente devono necessariamente essere ottenuti con le seguenti attività didattiche, o con altre che perseguano i medesimi obiettivi formativi. Services and quality SECS-P/08 5 (3+2) Il corso fornisce conoscenze e capacità operative: - in materia di sistemi della qualità e di miglioramento della qualità - progettazione, implementazione e gestione di sistemi orientate a soddisfare gli standard di qualità fissati - uso degli standard ISO 9000 e ISO e loro integrazione con i processi di business - modalità di miglioramento della qualità nelle organizzazioni. Innovation & Knowledge Management SECS-P/10 5 Conoscenza del concetto e delle ragioni dell innovazione, delle tecniche di gestione dell innovazione. Capacità di identificare e sfruttare il proprio capitale innovazione, di scegliere le tecniche da utilizzare per innovare (tecniche di creatività, tecniche di concezione di prodotti o servizi, tecniche di problem solving). Il monitoraggio e gestione delle conoscenze. Customer behaviour SECS-P/08 5 Capacità di comprendere il ruolo dei clienti, consumatori del loro comportamento nelle scelte, dei marchi nelle politiche aziendali; Comprensione del comportamento organizzativo; capacità di comprendere le implicazioni del comportamento dei consumatori per il marketing e la comunicazione. Comprensione del ruolo degli aspetti sociologici, personali, culturali e situazionali nel comportamento dei consumatori; Conoscenza del processo decisionale del consumatore Pagina 16 di 16

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MANAGEMENT

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MANAGEMENT REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MANAGEMENT Emanato con DR del INDICE TITOLO I...2 ISTITUZIONE E ATTIVAZIONE...2 Art. 1 - Informazioni generali...2 Art. 2 Commissione paritetica

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77 ALLEGATO N. 3 AL VERBALE N. 2 DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA DI ECONOMIA DEL 18 APRILE 2013 SCUOLA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-77 Scienze economico-aziendali. Università degli Studi di TRENTO LM-77 - Scienze economico-aziendali

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-77 Scienze economico-aziendali. Università degli Studi di TRENTO LM-77 - Scienze economico-aziendali Università Classe Università degli Studi di TRENTO LM-77 - Scienze economico-aziendali Ateneo data conv durata conv data provvisoria Atenei in convenzione León - Universidad de León 28/04/2009 6 S Chambery

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

PARTE I Principi generali

PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Banca e Finanza Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Banca e Finanza Banking

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Scuola di Economia e Management. LM-77 ACCOUNTING E LIBERA PROFESSIONE REGOLAMENTO a.a. 2013-14

Scuola di Economia e Management. LM-77 ACCOUNTING E LIBERA PROFESSIONE REGOLAMENTO a.a. 2013-14 Scuola di Economia e Management LM-77 ACCOUNTING E LIBERA PROFESSIONE REGOLAMENTO a.a. 2013-14 Art.1 - Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza E istituito presso l Università di Firenze

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA CORSO DI LAUREA IN PROGETTAZIONE E MANAGEMENT DEI SISTEMI TURISTICI E CULTURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE PHYSICS AND ADVANCED TECHNOLOGIES Classe delle lauree in Scienze e tecnologie fisiche (L-30) (Emanato

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28 Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria dell'università

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO ENVIRONMENTAL GEOLOGY (Classe L-34) (Emanato con D.R. n. 1056/2015 del 24.07.2015 pubblicato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011.

Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011. Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011. Corso di Laurea Magistrale in Consulenza aziendale e libera professione (Classe di laurea LM-77) Regolamento didattico Art. 1 Obiettivi

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Logistica e trasporti (Adeguamento di corso

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2008-2009

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2008-2009 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2008-2009 Premessa Il presente Regolamento si riferisce al corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 Art.1 Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza E istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea in Economia

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CONSULENZA E PROFESSIONE Classe

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia, Statistica ed Informatica per l'azienda Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale

Dettagli

LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16

LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16 LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16 Art.1 - Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza È istituito presso l Università di Firenze

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Classe L 18

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-icocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia e amministrazione delle imprese, Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GESTIONE AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GESTIONE AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GESTIONE AZIENDALE Emanato con DR. 433 del 28 luglio 2008, modificato con DR. 95 del 11 febbraio 2011 e con DR. 403 del 20 luglio 2011 INDICE TITOLO I... 2

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56)

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico ha l obiettivo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA DI LETTERE E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA, ECONOMIA e di LETTERE E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E CULTURA DELLA GASTRONOMIA E DELLA RISTORAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA A.A. 2015-2016

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA A.A. 2015-2016 Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA A.A. 2015-2016 SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Risorse turistiche e beni culturali (Adeguamento

Dettagli

Scuola di Economia e Management. LM-16 Finance and risk management- Finanza e gestione del rischio REGOLAMENTO a.a. 2013-14

Scuola di Economia e Management. LM-16 Finance and risk management- Finanza e gestione del rischio REGOLAMENTO a.a. 2013-14 Scuola di Economia e Management LM-16 Finance and risk management- Finanza e gestione del rischio REGOLAMENTO a.a. 2013-14 (Corso di Laurea Magistrale tenuto in lingua inglese) Art. 1 - Denominazione del

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT, FINANZA E INTERNATIONAL BUSINESS Classe di appartenenza: LM 77 Scienze economico-aziendali Nome inglese del

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM. Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM. Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM Corso di laurea in Relazioni pubbliche e comunicazione d'impresa Classe di appartenenza L-20 Scienze della comunicazione Nome inglese del corso: Public

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Art. 3 Attività formative Il presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-46 in di cui al D.M. 16 marzo

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in ECONOMIA AZIENDALE

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in ECONOMIA AZIENDALE UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in ECONOMIA AZIENDALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Economia e impresa

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale)

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea nelle sedute

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

0484 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

0484 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 0484 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Art. 1 Finalità Ai sensi delle norme di legge e delle disposizioni ministeriali che regolano l'autonomia didattica, il presente regolamento disciplina l'articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15 FACOLTA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE A.A. 2014/15 SOMMARIO DATI GENERALI... 1 Art. 1 -

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia. Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia. Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Economia Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE Classe di appartenenza: L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale Nome inglese del corso: BUSINESS

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari, Classe appartenenza L-1 Scienze dell'economia

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/20115. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/20115. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/20115 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CHIMICA PER

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica dell Atmosfera e Meteorologia Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

INGEGNERIA GESTIONALE

INGEGNERIA GESTIONALE UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA GESTIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Dipartimento

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA GESTIONALE Classe di appartenenza: LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE MANAGEMENT ENGINEERING REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2016-2017 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli