EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA"

Transcript

1 EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia di 25 fotogrammi al secondo. La scansione è di 4/100 di secondo ad immagine Prenderemo in esame il gesto tecnico suddividendolo nelle varie fasi, analizzandole in dettaglio, partendo dall istante dell atterraggio dell arto destro mentre l arto sinistro è ancora in fase di spinta in filo interno (quindi ancora da completare l estensione dell arto). Le varie fasi della doppia spinta analizzate nella dispensa sono: - Traslocazione del baricentro - Atterraggio - Doppia spinta simultanea - Doppia spinta - Spinta filo esterno - Spinta filo interno - Stacco - Recupero SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 1

2 TRASLOCAZIONE DEL BARICENTRO La spinta dell arto sinistro iniziata su filo esterno mette in movimento il baricentro. Questa fase viene individuata come traslocazione del baricentro. Durante questa fase l arto destro atterra. SEQUENZA FOTOGRAMMI Soggetto A Soggetto B SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 2

3 Soggetto C Soggetto D SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 3

4 ATTERRAGGIO ARTO DESTRO Ciò che indicherà la corretta posizione di atterraggio dell arto sarà la proiezione verticale a terra della spina iliaca antero-superiore collocata in posizione più interna rispetto al bacino (semplicemente ricercare sull arto destro la posizione base e cioè l allineamento perpendicolare sul terreno dei punti di riferimento, ruota del pattino, ginocchio, spina iliaca, testa dell omero; per questo ultimo punto di riferimento non è corretto parlare di allineamento con gli altri punti, l indicazione dovrà essere quella di non flettere il busto sul piano frontale e non fare torsioni sul suo asse). Atterrare in questa posizione renderà realizzabili alcuni elementi tecnici determinanti per l esecuzione corretta del movimento. Atterraggio per le prove di fondo (tecnica C ). Nel momento dell atterraggio l arto destro dovrà essere completamente carico di tutto il peso del corpo e sarà distribuito equamente su tutta la lama. Tutte le ruote dovranno prendere contatto con il terreno simultaneamente, per ottenere questa situazione, la gamba destra, al momento dell atterraggio sarà piegata ed il ginocchio con la sua proiezione verticale sul terreno, dovrà coprire la prima ruota. La lama del pattino dovrà posizionarsi parallela rispetto alla direzione di avanzamento e perpendicolare rispetto al terreno (o leggermente su filo esterno). Le spalle saranno perpendicolari rispetto alla direzione di marcia e nella flessione potranno superare il ginocchio destro. Le braccia sono in coordinazione con le gambe ed il braccio sinistro partito da dietro, esteso, alto, fuori, con la prima parte del movimento in avanti, fuori, si orienta sul piano trasverso, poi si muove verso il piano sagittale sopra ed avanti al ginocchio destro. SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 4

5 Atterraggio per le prove veloci (tecnica A ) Per favorire la doppia spinta simultanea nel momento dell atterraggio la distanza tra i due pattini non dovrà essere eccessiva, questo per facilitare lo sbilanciamento dell asse corporeo determinato dalla spinta-estensione dell altro arto. È da consigliare quindi una riduzione della superficie nella quale verranno applicate le forze dei due arti. FOTOGRAMMI RELATIVI ALL ATTERRAGGIO Soggetto A Soggetto B Soggetto C Soggetto D ERRORI La punta non è parallela alla direzione di avanzamento. SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 5

6 DOPPIA SPINTA SIMULTANEA ARTO DESTRO L arto inferiore sinistro è ancora in spinta su filo interno non ancora completamente esteso e con tutte le ruote a contatto con il terreno. La spinta, con la completa estensione dell arto, sarà la componente propulsiva determinante per l avanzamento. L estensione-spinta dell arto sinistro, oltre alla spinta sopra descritta, dovrà procurare all asse corporeo dell atleta uno sbilanciamento sul piano frontale verso l arto destro. La velocità di estensione dell arto sinistro sarà la stessa di quella di apertura dell angolo della lama del pattino destro. La simultaneità di spinta della gamba sinistra ancora in fase di estensione, l atterraggio della gamba destra, la progressiva e necessaria inclinazione del corpo (come se si dovesse affrontare una curva), farà si che il pattino destro in questa posizione potrà spingere ed orientarsi nello stesso verso di quello sinistro mantenendo però il parallelismo rispetto alla direzione di avanzamento (da fotogrammi analizzati al computer si può individuare un tempo di contatto al suolo dei due arti di circa 12/16 centesimi di secondo). SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 6

7 SEQUENZA FOTOGRAMMI Soggetto A Soggetto B Soggetto C Soggetto D SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 7

8 DOPPIA SPINTA ARTO DESTRO Appena sarà avvenuto lo stacco della gamba sinistra, l atleta sarà inclinato verso destra con tutto il corpo e con il pattino su filo esterno. Il pattino destro fino a questo momento aveva spinto in doppia spinta simultanea nella stessa direzione del sinistro e con senso rettilineo. Dopo lo stacco del sinistro, il destro inizia la fase di doppia spinta e favorito dall inerzia del corpo continuerà un incremento dell inclinazione di tutto l asse corporeo aumentando l angolo della lama su filo esterno. A questo punto la traiettoria a terra del pattino diverrà curvilinea. Sull arto in doppia spinta sarà già avvenuto il trasferimento di peso, si dovrà applicare forza sulla parte posteriore del pattino, il quale compirà una rapida apertura ancora su filo esterno, ricercando il miglior angolo di spinta orizzontale ma continuando ad andare verso sinistra (adduzione verso l altro arto). Il piegamento dell arto destro non subirà particolari modificazioni fino a quando non inizierà la spinta su filo esterno con la relativa estensione della gamba in direzione laterale. L angolo della lama, durante la fase di doppia spinta, aumenterà e la sua apertura avrà una velocità superiore rispetto a quanto avveniva nella fase di doppia spinta simultanea. SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 8

9 Tale apertura doppia spinta dovrà essere repentina (da fotogrammi analizzati al computer si può individuare un tempo di circa 8/10 centesimi di secondo). SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 9

10 SEQUENZA FOTOGRAMMI Soggetto A Soggetto B Soggetto C Soggetto D SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 10

11 SPINTA FILO ESTERNO ARTO DESTRO Una volta raggiunto il massimo angolo della lama su filo esterno si può considerare terminata la doppia spinta e come si inizierà la chiusura di tale angolo partirà la spinta su filo esterno ricercando l inversione di filo. La posizione del corpo sbilanciata verso destra dovrà ora portarsi nella stessa posizione ma verso sinistra. Questa nuova traslocazione di baricentro generata dalla spinta dell arto destro sarà il momento di maggior dispendio energetico fino al cambio di filo. SEQUENZA FOTOGRAMMI Soggetto A Soggetto B SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 11

12 Soggetto C Soggetto D SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 12

13 SPINTA FILO INTERNO ARTO DESTRO Dal momento del cambio di filo la spinta continuerà su filo interno utilizzando in maniera determinante anche l inerzia del corpo. Il braccio destro dalla posizione esteso, dietro, alto, fuori, si sta orientando sul piano trasverso aiutando così la traslocazione del baricentro ed andrà a posizionarsi flesso sopra ed avanti il ginocchio sinistro. Atterraggio arto sinistro. L arto sinistro atterra L arto destro sta continuando la sua spinta. Alla sua completa estensione, le ruote dovranno mantenere il contatto completo sul terreno. Solo al termine della spinta ci sarà la flessione plantare del piede (da fotogrammi analizzati al computer si può individuare un tempo di circa 40/50 centesimi di secondo di spinta in filo esterno e filo interno). SEQUENZA FOTOGRAMMI Soggetto A Soggetto B SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 13

14 Soggetto C Soggetto D SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 14

15 STACCO ARTO DESTRO Lo stacco sarà un istante ed il pattino non dovrà essere eccessivamente sollevato dal terreno. Subito dopo lo stacco avverrà la flessione della gamba sulla coscia tale da non far toccare la ruota anteriore sul terreno, la quale garantirà una decontrazione dei muscoli flessori della coscia. FOTOGRAMMI RELATIVI ALLO STACCO Soggetto A Soggetto B Soggetto C Soggetto D SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 15

16 RECUPERO ARTO DESTRO La fase del recupero sarà un momento particolarmente delicato in quanto precede l atterraggio, che come già descritto, dovrà essere eseguito correttamente per rendere possibile la doppia spinta. Il recupero dell arto destro inizia in adduzione verso la gamba sinistra che ora sta spingendo in doppia spinta. Il suo movimento continua parallelo al piano sagittale e termina ad affiancamento del pattino sinistro. Durante questa fase la sensazione è quella di un incrocio dell arto in recupero. Questo effetto ci sarà solamente se l altro arto effettuerà realmente doppia spinta. Evitare quindi di oltrepassare con l arto in recupero il piano sagittale. Ad affiancamento avvenuto potremmo considerare il corpo verticale e la lama del pattino sinistro in cambio di filo. Ora la continuazione della spinta della gamba sinistra in direzione postero laterale e su filo interno riporta l asse corporeo ad inclinarsi sulla parte destra (traslocazione del baricentro). Da questo momento si riproporranno tutte le fasi già descritte a proposito della gamba destra. SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 16

17 SEQUENZA FOTOGRAMMI Soggetto A Soggetto B SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 17

18 Soggetto C Soggetto D SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 18

19 LA DOPPIA SPINTA IN USCITA DA UNA CURVA Soltanto in curva e in situazione di passo incrociato i due arti inferiori si muovono nella stessa direzione, senza la necessaria consapevolezza dell atleta. Tale situazione è attuabile soltanto se l asse corporeo ha una buona inclinazione verso l interno della curva, nel nostro caso l inclinazione è verso sinistra e sul medesimo arto. Nel rettilineo, con esecuzione tecnica di doppia spinta, per riuscire a far muovere nella stessa direzione i due arti si dovrà, ad ogni atterraggio di destro e di sinistro, ricercare tale inclinazione con la fase di doppia spinta simultanea, simulando ogni volta un impostazione di curva nella quale i punti di riferimento, prima ruota, ginocchio, spina iliaca, testa dell omero saranno si allineati ma con inclinazione esterna rispetto al baricentro. SEQUENZA FOTOGRAMMI SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 19

20 Nelle pagine successive proponiamo l analisi di alcune tra le fasi più significative della doppia spinta, avvalendoci di un sistema computerizzato per la rappresentazione grafica tridimensionale. Le immagini saranno disposte nella seguente sequenza: 1. vista frontale 2. vista dall alto 3. vista prospettica SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 20

21 SPINTA IN RETTILINEO - TECNICA DI DOPPIA SPINTA Spinta filo interno dell arto sinistro, relativa traslocazione del baricentro verso la parte opposta alla gamba di spinta e termine recupero dell arto destro vista frontale vista dall alto vista prospettica SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 21

22 SPINTA IN RETTILINEO - TECNICA DI DOPPIA SPINTA Atterraggio dell arto destro e spinta filo interno dell arto sinistro vista frontale vista dall alto vista prospettica SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 22

23 SPINTA IN RETTILINEO - TECNICA DI DOPPIA SPINTA Fase conclusiva della doppia spinta simultanea dell arto destro e della spinta filo interno dell arto sinistro vista frontale vista dall alto vista prospettiva SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 23

24 SPINTA IN RETTILINEO - TECNICA DI DOPPIA SPINTA Fase conclusiva della doppia spinta dell arto destro e prima parte del recupero dell arto sinistro vista frontale vista dall alto vista prospettica SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 24

25 FASI DELLA SPINTA IN RETTILINEO UTILIZZANDO VARIE TECNICHE All atleta vengono richieste modificazioni ed adattamenti della propria tecnica in funzione della gara e delle distanze nelle quali deve misurarsi. Un atleta di alto livello dovrebbe possedere nel suo bagaglio tecnico questa capacità di interpretazione. SPINTA IN RETTILINEO TABELLA DESCRIZIONE FASI TECNICA A TECNICA B TECNICA C SPINTA SPINTA DINAMICA DOPPIA SPINTA PROVE VELOCI PROVE DI FONDO PROVE DI FONDO 1. traslocazione del 1. traslocazione del 1. traslocazione del baricentro baricentro baricentro 2. atterraggio 2. atterraggio 2. atterraggio 3. scorrimento 3. scorrimento dinamico 3. doppia spinta progressivo filo simultanea esterno 4. spinta filo esterno 4. spinta filo esterno 4. doppia spinta 5. spinta filo interno 5. spinta filo interno 5. spinta filo esterno 6. stacco 6. stacco 6. spinta filo interno 7. recupero 7. recupero 7. stacco 8. recupero SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 25

26 OSSERVAZIONI SUGLI EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA che cosa intendiamo per doppia spinta: la capacità di un arto inferiore di muoversi prima nella direzione dell altro arto e poi nella naturale direzione in abduzione durante la spinta quando deve entrare in azione la doppia spinta simultanea in correlazione dell altro arto. La doppia spinta simultanea è la fase determinante per realizzare la doppia spinta, il suo effetto si sentirà soltanto se la sua azione inizierà quando l altro arto non è ancora in completa estensione-spinta, questo a differenza di quanto accade nelle prove veloci dove l atterraggio-scorrimento avviene quando l altro arto ha completato la sua estensione-spinta Il completamento della spinta su filo interno dell arto sinistro dovrà, durante la sua estensione procurare all asse corporeo dell atleta uno sbilanciamento sul piano frontale verso l arto destro. La velocità di estensione dell arto sinistro sarà la stessa di quella di apertura dell angolo della lama del pattino destro SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 26

27 MOMENTI DELLA DOPPIA SPINTA SIMULTANEA SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 27

28 Anche se nelle immagini non ci troviamo nella situazione di una prova veloce l atleta evidenziato ha già completato la sua spinta di sinistro mantenendo perpendicolari i punti di riferimento sulla gamba destra, ora potrà soltanto spingere con l arto destro. L eventuale apertura su filo esterno del pattino destro, dopo lo stacco del sinistro, non potrà essere doppia spinta ERRORI ERRORI: Il completamento della spinta su filo interno dell arto in sx durante la sua estensione non procura all asse corporeo dell atleta uno sbilanciamento sul piano frontale verso l arto dx. SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 28

29 evitare di contrastare l azione propulsiva di avanzamento dell arto in spinta su filo interno. Necessità di atterrare con l altro arto con la lama parallela alla direzione di avanzamento e perpendicolare al terreno per far si che durante l estensione dell arto in spinta fino al suo stacco l angolo della lama potrà gradualmente e progressivamente aprirsi con il conseguente spostamento del bacino in esterno. Appoggiare su filo esterno o aprire repentinamente dopo l atterraggio tutto l angolo prima della completa estensione dell altro arto limita lo spostamento del bacino ERRORI DI ESECUZIONE DEL GESTO TECNICO: Il pattino destro è atterrato con la punta intraruotata rispetto alla direzione di avanzamento. La traiettoria del pattino a terra sta percorrendo una curva riducendo la velocità di avanzamento. Da analisi di altri filmati il tempo per fare allineare la punta del pattino alla direzione di avanzamento è di circa 15/100 di secondo Dal fotogramma si può notare la sola torsione delle spalle. Il bacino rimane in una posizione centrale. Ancora il pattino non ha ritrovato il parallelismo con la direzione di avanzamento Il fotogramma 3 indica una buona esecuzione Nel fotogramma 4, in una ipotetica posizione di doppia spinta simultanea, il soggetto ha atterrato con il pattino più esternamente rispetto alla proiezione verticale sul terreno della spina iliaca e la spinta dell arto destro non provoca lo spostamento del bacino SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 29

30 preparare la doppia spinta con la doppia spinta simultanea, nella quale il bacino si sposta dalla parte opposta dell arto di spinta e l arto inferiore in D.S.S. viene caricato completamente (trovarsi impostati come se si dovesse affrontare una curva) iniziare la traiettoria curvilinea del pattino in doppia spinta solo nel momento dello stacco dell altro arto in spinta SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 30

31 aiuto determinante delle braccia e movimento sinergico del busto: il movimento scorretto non permette l esecuzione della doppia spinta, evitare assolutamente il solo movimento sul piano sagittale. Se consideriamo il movimento di un arto superiore e lo analizziamo da quando è dietro rispetto al piano frontale, la sua direzione nello spazio passa inizialmente per fuori e parallelamente al piano trasverso, solo successivamente, appena oltrepassato il piano frontale si orienterà oltre il piano sagittale avanti e sopra al ginocchio dell arto inferiore in doppia spinta. Come inizierà la spinta dell arto inferiore il braccio si sposterà di nuovo per fuori, dietro, alto la spinta dal filo esterno dovrà avvenire nel momento di massima inclinazione ed in questo momento l impulso sarà massimale. Applicare la spinta quando l angolo si è già in parte ridotto la riduce notevolmente evitare di forzare il recupero dell arto incrociandolo sull altro credendo che questo determini la doppia spinta durante l analisi del movimento, per la successiva valutazione e correzione, il tecnico non dovrà mai limitarsi ad osservare i movimenti della sola lama del pattino. La più esasperata apertura sul filo esterno se non accompagnata da tutti quegli altri parametri esecutivi, che ho provato a descrivere, non sarà la condizione utile per creare doppia spinta. Come classificato nello schema delle fasi della spinta nelle varie interpretazioni e situazioni di gara, il movimento della sola lama poco correlato con gli altri parametri esecutivi, determinerà soltanto uno scorrimento dinamico progressivo su filo esterno a cura di : PAOLO MARCELLONI direttore Scuola Italiana Pattinaggio a Rotelle SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 31

32 JESI AGOSTO 1997 SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO a ROTELLE 32

i fondamentali del pattinaggio in linea

i fondamentali del pattinaggio in linea Impostazione del Fondamentale e Proposta di esercizi propedeutici per la sua Acquisizione Definizione di Filo si definisce "Filo" la porzione di ruota a contatto con il terreno,determinata dall'inclinazione

Dettagli

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 La tecnica del lancio del disco prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 prof.ri Domenico Di Molfetta, 2 prof.ri Domenico Di Molfetta, 3 prof.ri Domenico Di Molfetta, 4 prof.ri Domenico Di Molfetta, 5 prof.ri Domenico

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Novara Calcio TRAINING GUIDE - 2003-2004 JSS COACH: Enrico Mordillo Age range: 2003-2004 N 1 Date: 3-9-2012 N Players: Where: Novarello Project: Goals: g 1) 2) 3) 4) 5) Coordinative program 1-2 speed ladder

Dettagli

I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe

I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe I salti a scuola Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe A scuola noi vogliamo Educare con il salto, cioè arricchire la motricità di base dei nostri alunni con una ampia gamma di attività

Dettagli

Valutazione dello stile di corsa

Valutazione dello stile di corsa Valutazione dello stile di corsa Lo scopo principale della scheda di valutazione per lo stile di corsa è quello di fornire ai tecnici e all'osservatore arbitrale uno strumento utile per una presa di conoscenza

Dettagli

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO Testo e disegni di Stelvio Beraldo ESERCIZI PER IL DORSO TRAZIONI DELLE BRACCIA ALLA SBARRA BASSA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Esegui col corpo sempre

Dettagli

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA Fig. 1 Fig. 2 Fig.3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 SEQUENZA FOTOGRAFICA DELLO STRAPPO RECORD DI 180 KG. EFFETTUATO DA ASEN ZLATEV,

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof.

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof. SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE Prof. Paolo Moisè LA CORSA (KOLTAI) È UN ESPRESSIONE FONDAMENTALE DELL ATLETICA

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte CORSO DI FORMAZIONE ISTRUTTORI 2006 La corsa ad ostacoli: tecnica e didattica. Prof. Roberto Amerio L IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEGLI OSTACOLI NELLE CATEGORIE GIOVANILI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie. Tesi di laurea

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie. Tesi di laurea UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie Tesi di laurea ANALISI BIOMECCANICA DEL MOVIMENTO NELL' ESERCIZIO DI JUMP CON PATTINI IN-LINEA. Relatore:

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA 4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA A questo punto è necessario analizzare la tecnica di base del kayak da velocità. Per tecnica di base infatti si intende la tecnica da insegnare

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso Getto del Peso RECORD GETTO PESO Outdoor: Randy Barnes 23.12 m Westwood, California USA 20 May 1990 Natalya Lisovskaya 22.63 m Mosca, 1987 Indoor Randy Barnes 22.66 m 1989 Helena Fibingerová 22.50m 1977

Dettagli

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Per la valutazione dei giovani sciatori di fondo L obiettivo principale dell allenamento giovanile è di assicurare ai giovani una valida

Dettagli

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Daniela Longo(1), Ario Federici(1) e Emanuele Lattanzi(2) (1) Facoltà di Scienze Motorie Università di Urbino (2) Istituto di Scienze

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45 Posizione Eretta Naturalmente ; La distanza tra i piedi Corrisponde alla Larghezza delle anche Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

Il programma d allenamento «L 11». Le vostre domande le nostre risposte. Per allenatori

Il programma d allenamento «L 11». Le vostre domande le nostre risposte. Per allenatori Il programma d allenamento «L 11». Le vostre domande le nostre risposte. Per allenatori Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Casella postale, 6002 Lucerna Per informazioni:

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

LA GUARDIA GUARDIA SINISTRA

LA GUARDIA GUARDIA SINISTRA LA GUARDIA La posizione di guardia è un atteggiamento che assume il corpo tale da permetterci dei movimenti di attacco e di difesa rapidi ed esplosivi. GUARDIA STANDARD: L appoggio dei piedi a terra e

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini

L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini La spalla del nuotatore è una patologia infiammatoria dell articolazione scapolo omerale che

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Mobilizzazione Spalle

Mobilizzazione Spalle Mobilizzazione Spalle www.osteopathicenter.com Appoggiare i gomiti con tutto l avambraccio sull arco di una porta. I gomiti debbono essere allineati un po al di sopra della linea delle spalle. I piedi

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

MOVIMENTO E BENESSERE

MOVIMENTO E BENESSERE Corso di aggiornamento 2011-2012 MOVIMENTO E BENESSERE I fisioterapisti della S.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione Direttore ff Dott. Franzè Franco In collaborazione con Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Equilibrio Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Mantenimento della verticale del capo in appoggio monopodalico Studi fatti dal Prof. Dario Riva Violetta evidenziano che una delle caratteristiche

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza.

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza. Complimenti, siete sulla linea di partenza. Qui inizia il vostro Zurich percorsovita «...» che avrete a vostra disposizione ogniqualvolta lo vorrete. Resistenza A voi la scelta! Troverete 15 stazioni con

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B SERIE B 1. Il Campionato è riservato alle ginnaste più esperte. Sono escluse le ginnaste partecipanti al Campionati di Serie A; 2. La competizione è individuale; 3. E prevista una classifica assoluta determinata

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 La durata del lavoro sarà di circa tre settimane per poi passare

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S.

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Beraldo 1983) MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA TABELLA - Per stabilire il

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it)

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani DEFINIZIONE L ESIGENZA DI UNO STUDIO DELLA CORSA L IMPORTANZA

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

Arti superiori. Arti inferiori Materiali Obiettivo Varianti/note PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PISCINA. N esercizio

Arti superiori. Arti inferiori Materiali Obiettivo Varianti/note PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PISCINA. N esercizio PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PISCINA Arti superiori N esercizio Descrizione esercizio Ripetizioni/ 1 Piano frontale abd/add degli arti superiori alternati / insieme durata Materiali Obiettivo

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

Settore Tecnico A.I.A.

Settore Tecnico A.I.A. Settore Tecnico A.I.A. Corso Arbitro di Calcio Stagione Sportiva 2008/09 Associazione Italiana Arbitri: Corso Arbitro di Calcio Lezione n. 5 5.1. Proposta Routine Riscaldamento Pre-Gara 5.2. Valutazione

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS www.inrca.it U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace @ I.N.R.C.A. 2008 www.giobbe.net e-mail: info@giobbe.net I brillanti

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto

Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto [02000007] ABSTRACT In questa breve serie (4) di articoli, vengono presi in considerazioni alcuni concetti di base sulle andature canine e

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli