Il ciclo colturale e la fisiologia dei principali fruttiferi e l impatto delle calamità atmosferiche Prof. Franco Famiani Dott. Alessandro Baldicchi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ciclo colturale e la fisiologia dei principali fruttiferi e l impatto delle calamità atmosferiche Prof. Franco Famiani Dott. Alessandro Baldicchi"

Transcript

1 Il ciclo colturale e la fisiologia dei principali fruttiferi e l impatto delle calamità atmosferiche Prof. Franco Famiani 1 Dott. Alessandro Baldicchi

2 ARGOMENTI TRATTATI 1. Gelate 2. Vento forte 3. Siccità 4. Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Prof. F. Famiani Università di Perugia

3 GELATE GELO E BRINA (Condizioni di assicurazione) Abbassamento termico inferiore a 0 C dovuto a presenza di masse d aria fredda e/o congelamento di rugiada o sublimazione del vapore acqueo sulla superficie delle colture dovuta ad irraggiamento notturno. Gli effetti di tale evento devono essere riscontrati sulla stessa specie assicurata, su una pluralità di imprese agricole entro un raggio di 3 Km insistenti in zone aventi caratteristiche orografiche analoghe. Prof. F. Famiani Università di Perugia

4 GELATE - Classificazione 1. Gelate invernali 2. Gelate primaverili (o tardive) 3. Gelate autunnali (o precoci) La suscettibilità alle gelate varia in relazione alla fase fenologica delle piante ed all organo considerato Prof. F. Famiani Università di Perugia

5 GELATE: Acclimatazione/Deacclimazione al freddo Alta Diminuisce Bassa Aumenta Alta Resistenza al freddo

6 GELATE: Acclimatazione al freddo Nella fase di acclimatazione: cambiano i rapporti ormonali, aumenta l ABA e diminuiscono i promotori diminuisce il contenuto in acqua si ha la degradazione dell amido e l aumento dei carboidrati solubili (es. fruttosio, glucosio e saccarosio) aumento delle proteine solubili e di membrana, cambia il pattern proteico ed il rapporto con cui i diversi aminoacidi sono presenti nelle proteine (nelle specie più resistenti aumenta la presenza di acido glutammico e diminuisce quella di alanina), aumenta il contenuto di prolina e glicina cambia la composizione delle pareti cellulari nelle membrane cellulari si ha un aumento degli acidi grassi insaturi (acido linoleico) e dei fosfolipidi, con aumento della fluidità della membrana cui corrisponde una maggiore permeabilità all acqua e migliore operatività dei sistemi enzimatici ad essa associati modificazione dei sistemi di membrana (plasmalemma e reticolo endoplasmatico), che presentano invaginazioni ed associazioni con corpi multivescicolari elevato turnover di materiali di membrana I processi metabolici connessi con l acclimatamento sono impegnativi da un punto di vista energetico, pertanto le piante con limitate riserve non sono in grado di acclimatarsi regolarmente.

7 GELATE Meccanismi di resistenza allo stress da freddo dei diversi organi/tessuti - Tessuti xilematici: congelamento dell acqua nei vasi sopraffusione dell acqua nelle cellule parenchimatiche dei raggi xilematici il congelamento dell acqua soprafusa (nucleazione) porta alla morte delle cellule - Corteccia: congelamento dell acqua negli spazi intercellulari la sopravvivenza dei tessuti è legata alla capacità di resistere agli stress che la formazione di ghiaccio intercellulare comporta - Gemme dormienti: formazione di ghiaccio nelle perule e nel tessuto xilematico (asse della gemma) al di sotto de primordi fiorali sopraffusione dei primordi fiorali - il congelamento dell acqua soprafusa (nucleazione) porta alla morte delle cellule Danneggiamento dei tessuti Formazione di ghiaccio negli spazi intercellulari: disidratazione e concentrazione di componenti fino a livelli tossici, precipitazione delle proteine, ecc. Formazione di ghiaccio intracellulare: nei tessuti che presentano sopraffusione al superamento della temperatura critica si ha formazione di ghiaccio intracellulare che è sempre letale Effetti dell acclimatamento Incrementa la tolleranza allo stress indotto dalla formazione di ghiaccio intercellulare ed abbassa la temperatura di nucleazione nei tessuti che presentano sopraffusione

8 GELATE INVERNALI Differenze nella resistenza tra diverse specie e differenti tessuti Melo, ciliegio e susino europeo: resistono fino a a C Vite, pesco, pero e mandorlo: resistono fino a -18 C Actinidia, susino cino-giapponese e albicocco: resistono fino a 16 C Olivo: resiste fino a -10 C Agrumi: resistono fino a -2-5 C La sensibilità al freddo è crescente nei seguenti organi: legno tronco e branche corteccia legno e tronco gemme a legno gemme a fiore cerchia cambiale raggi parenchimatici e midollo dei rami Prof. F. Famiani Università di Perugia

9 GELATE Resistenza allo stress da freddo nelle diverse fasi fenologiche Pesco

10 GELATE Resistenza allo stress da freddo nelle diverse fasi fenologiche Actinidia

11 GELATE Resistenza allo stress da freddo nelle diverse fasi fenologiche Prof. F. Famiani Università di Perugia

12 GELATE PRIMAVERILI (O TARDIVE) Gelata per irraggiamento Possono essere per: Irraggiamento Avvezione evaporazione Prof. F. Famiani Università di Perugia

13 GELATE PRIMAVERILI (O TARDIVE) Prof. F. Famiani Università di Perugia Mazzetti di fiori di ciliegio danneggiati da gelata per irraggiamento

14 GELATE PRIMAVERILI (O TARDIVE) Actinidia

15 GELATE PRIMAVERILI (O TARDIVE) Danni qualitativi Prof. F. Famiani Università di Perugia

16 GELATE PRIMAVERILI (O TARDIVE) Un sistema di difesa per le gelate tardive è rappresentato dall irrigazione antibrina Prof. F. Famiani Università di Perugia

17 EFFETTI GELATE INVERNALI E PRIMAVERILI SULLA PRODUZIONE Relazione tra allegagione nelle diverse specie e produzione Nelle pomacee e drupacee in cui la produzione deriva dall allegagione di un numero relativamente basso dei fiori derivanti dalle gemme lasciate con la potatura, in caso di danni parziali alle gemme le piante possono recuperare con una percentuale di allegagione più alta dei fiori che si sono salvati Nell actinidia in cui la produzione è data dall allegagione di praticamente il 100% dei fiori derivanti dalle gemme rilasciate con la potatura anche danni limitati portano ad una significativa perdita di produzione In tutte le specie, quando il numero dei frutti/pianta risulta ridotto a causa della gelata, parte della produzione può essere recuperata attraverso un maggiore accrescimento dei frutti allegati.

18 GELATE AUTUNNALI Resistenza allo stress da freddo nelle diverse fasi fenologiche Minime termiche autunnali. Particolarmente pericolose per le specie i cui frutti si raccolgono in autunno, quali olivo ed actinidia. Nel caso dell actinidia sono anche pericolose per la vegetazione. Effetti di una gelata autunnale sulla vegetazione (foto G. Spada) Prof. F. Famiani Università di Perugia Frutti danneggiati da una gelata autunnale (in basso) a confronto con frutti sani (in alto) (foto G. Spada)

19 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza della specie e della cultivar Sono più suscettibili alle gelate tardive le specie e le cultivar a fioritura più precoce. Pertanto, le seguenti specie hanno suscettibilità decrescente: Mandorlo, albicocco, susino cinogiapponese, pesco, pero, ciliegio e susino europeo, melo L actinidia e la vite pur fiorendo tardi sono suscettibili perché possono essere danneggiati i germogli che portano le infiorescenze

20 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza della cultivar L epoca di fioritura può essere molto diversa nelle differenti cultivar PESCO Le cultivar a basso fabbisogno in freddo possono essere più suscettibili alle gelate tardive In cultivar a basso fabbisogno in freddo, un periodo caldo durante l inverno può facilmente stimolare e anticipare la fioritura, rendendo le piante molto più suscettibili alle gelate tardive

21 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza della cultivar Le cultivar appartenenti al gruppo delle Red Delicious sono più sensibili di quelle delle Golden Delicious e della Renetta del Canada. Le cinghiature sono più accentuate nelle Red Delicious, Golden Delicious e Granny Smith che in Jonathan, Morgenduft, Renetta del Canadà e Stayman

22 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza del portinnesto Nel melo, sono considerati meno suscettibili i portinnesti M7, MM106, MM111, mediamente sensibili i portinnesti M26 e M27, sensibile il portinnesto M9 M27 M9 MM106

23 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza della forma di allevamento F. Famiani Facoltà di Agraria di Perugia Le forme di allevamento basse sono più suscettibili ai danni da gelate tardive per irraggiamento Palmetta Vasetto ritardato

24 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza del carico di frutti F. Famiani Facoltà di Agraria di Perugia Se si è avuta un elevata allegagione è importante fare il diradamento. L elevato carico di frutti oltre a ridurre la qualità degli stessi ritarda l acclimatazione e riduce la lignificazione dei tessuti rendendo le piante più suscettibili ai danni da freddo.

25 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza della concimazione e dell irrigazione E importante applicare corrette concimazioni (con riguardo soprattutto all azoto) e irrigazioni per avere ottimali crescita e produzione delle piante e buona disponibilità di assimilati per il processo di acclimatazione. Evitare però eccessivi apporti di azoto, eseguendo solo se strettamente necessario l apporto di azoto a fine estate. Ridurre/sospendere gli apporti irrigui in tarda estate inizio autunno.

26 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza della potatura E consigliato ritardare il più possibile l esecuzione della potatura. È buona norma iniziare con quelle più resistenti e finire con le più suscettibili. Se ci sono gemme danneggiate dal freddo occorre rilasciare con la potatura un numero più elevato di gemme.

27 FATTORI AGRONOMICI E SUSCETTIBILITA ALLE GELATE Influenza della gestione del suolo L inerbimento rende il frutteto più suscettibile alle gelate tardive. È importante tenere il cotico molto basso.

28 VENTO FORTE VENTO FORTE (Condizioni di assicurazione) Fenomeno ventoso che raggiunga almeno il 7 grado della scala Beaufort (velocità pari o maggiore a 50 Km/h 14 m/s), limitatamente agli effetti meccanici diretti sul prodotto assicurato, ancorché causato dall abbattimento dell impianto arboreo. Gli effetti di tale evento devono essere riscontrati sulla stessa specie assicurata, su una pluralità di imprese agricole entro un raggio di 3 Km insistenti in zone aventi caratteristiche orografiche analoghe. Prof. F. Famiani Università di Perugia

29 Prof. F. Famiani Università di Perugia VENTO FORTE: danni

30 Prof. F. Famiani Università di Perugia VENTO FORTE: danni

31 Prof. F. Famiani Università di Perugia VENTO FORTE: danni

32 VENTO FORTE L habitus di fruttificazione potrebbe essere importante nel determinare la suscettibilità al vento Famani F. Facoltà di Agraria di Perugia

33 VENTO FORTE L habitus di fruttificazione potrebbe essere importante nel determinare la suscettibilità al vento Famani F. Facoltà di Agraria di Perugia

34 Famani F. Facoltà di Agraria di Perugia VENTO FORTE

35 F. Famiani Facoltà di Agraria di Perugia VENTO FORTE Le pesche producono prevalentemente sui rami misti. Le nettarine e le percoche, generalmente, producono meglio sui dardi e sui brindilli inseriti sui rami che hanno già fruttificato i quali, quindi, non vanno completamente asportati, ma accorciati o diradati. Il susino cinogiapponese produce nei rami misti e nei mazzetti di maggio. L europeo produce prevalentemente nei mazzetti di maggio.

36 VENTO FORTE La forma di allevamento potrebbe essere importante nel determinare la suscettibilità ai danni da vento. F. Famiani Facoltà di Agraria di Perugia

37 Carenza idrica Con un potenziale del terreno di 8 bar (-0,8 Mpa) si cominciano ad avere gravi effetti sulla pianta che diventano pregiudizievoli per la vita della pianta a 15 bar (-1,5 MPa) Lo stress idrico riduce: riduce l'attività fotosintetica e l'attività enzimatica riduce la differenziazione a fiore delle gemme, l'allegagione e l accrescimento vegetativo e dei frutti favorisce la cascola dei frutti e a lungo termine il disseccamento delle foglie

38 Carenza idrica Effetti dello stress idrico su foglie e frutti di actinidia

39 Meccanismi di difesa delle piante dallo stress idrico Alcune piante arboree (mandorlo, susino, ciliegio, ecc.), avendo una precoce fioritura e/o un rapido accrescimento dei frutti e dei germogli nel periodo primaverile, evitano la siccità estiva. Alcune specie conservano l'acqua attraverso adattamenti che limitano la traspirazione: pronta chiusura stomatica resistenza di tipo conservativo. Altre specie, come l olivo, presentano un adattamento resistenza di tipo adattativo (es. foglie piccole aventi stomi affossati e di ridotta apertura, cuticola spessa e impermeabile, peli stellari; alto rapporto radici/chioma; vasi conduttori di piccolo diametro che evitano l interruzione delle colonne d acqua anche quando la tensione è molto elevata; ecc.), e riescono mantenere gli stomi aperti ed una certa attività traspiratoria anche quando il potenziale totale raggiunge valori di -8 MPa grazie soprattutto all'aggiustamento osmotico. Ad un livello intermedio si colloca il pesco (-2,5-3 MPa) e più in basso la vite e l'actinidia (-1,5-1,8 MPa). In condizioni in cui l'assorbimento radicale non riesce a soddisfare la domanda traspiratoria, i vari tessuti, cedendo acqua, abbassano il loro potenziale fino ad un valore limite oltre il quale avviene la riduzione della traspirazione attraverso la chiusura o la diminuzione delle aperture stomatiche.

40 ACCRESCIMENTO DEI FRUTTI POMACEE DRUPACEE

41 Disponibilità idrica e accrescimento dei frutti Pesco cv Big-Top Applicazione di di volumi ridotti di irrigazione nella terza fase di accrescimento Tesi: T1 = Controllo (100%) T2 = Stress idrico leggero (65%) T3 = Stress idrico elevato (23%) Fonte: Besset et al., 2001

42 Disponibilità idrica e accrescimento dei frutti Pesco cv Merril Sundance Applicazione di stress idrico nelle 3 diverse fasi di crescita Tesi: Controllo 1 st = stress idrico nella I fase di crescita 2 nd = stress idrico nella II fase di crescita 3 rd = stress idrico nella III fase di crescita 4 th = stress idrico nella I e II fase di crescita 5 th = stress idrico nella I, II e III fase di crescita Rielaborato da Li et al., 1989 Commento

43 Disponibilità idrica e accrescimento dei frutti cv Andross Applicazione di stress idrico nella II fase di crescita Tesi: RDI-S-II Deficit idrico nella II fase di crescita (35%) RDI-P Deficit idrico in Post-raccolta (35%) RDI-S-II-P Deficit idrico nella fase II di crescita ed in post-raccolta (35%) Controllo (100%) Rielaborato da Girona et al., 2005

44 Disponibilità idrica e accrescimento dei frutti Stress idrici/limitate disponibilità di acqua determinano gli effetti più importanti sull accrescimento delle pesche quando si verificano nella III fase di crescita, mentre, generalmente, hanno effetti più limitati quando si verificano nella nelle prime due fasi di crescita.

45 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Frutto intero (g) Pesco cv Rome Star Umbria Pesco c.v. Rome Star +2% +22% +51% +27% 30 gg Giorni dopo la piena fioritura

46 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Peso fresco (g) Percoche cv Adriatica Umbria +13% +44% +24% +6% 25 gg Giorni dopo la piena fioritura

47 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Peso fresco frutto (g) Albicocco cv Reale d Imola - Umbria +8% +17% +51% +26% 25 gg Giorni dopo la piena fioritura

48 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Susino cv Ozark Premier +3% +4% +14% +39% +18% 34 gg Giorni dopo la piena fioritura

49 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione 6 Ciliegio cv Nero II Peso fresco (g) % +11% +24% +20% 1 26 gg Giorni dopo la piena fioritura

50 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Actinidia - Latina +7% Peso fresco (g) gg Giorni dopo la piena fioritura

51 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Actinidia - Viterbo +10% 45 gg

52 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione 140 Mandarino cv Avana - Puglia /07 01/08 01/09 01/10 01/11 01/12 Peso fresco frutto intero (g) % gg 0

53 Ritmo di crescita dei frutti durante la maturazione Tutte le drupacee considerate presentano forti accrescimenti durante tutta la terza fase di crescita, con incrementi di peso, negli ultimi giorni, fino al 55% di quello finale. L actinidia ed il mandarino Avana, negli ultimi 30 giorni prima della raccolta, presentano incrementi molto più bassi (7-10% l actinidia e 15% il mandarino).

Cenni sulle principali operazioni di potatura di alcune piante da frutto. 1 febbraio 2014

Cenni sulle principali operazioni di potatura di alcune piante da frutto. 1 febbraio 2014 Cenni sulle principali operazioni di potatura di alcune piante da frutto 1 febbraio 2014 Ma prima.un po di. Riscaldamento intellettuale... Cosa sono.. Le gemme? Sono organi vegetativi che rappresentano

Dettagli

CORSO DI FRUTTICOLTURA

CORSO DI FRUTTICOLTURA COMUNE DI CAMPONOGARA ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI DENIS COMPAGNO CORSO DI FRUTTICOLTURA 2006 ARGOMENTI ANATOMIA E FISIOLOGIA DELLE PIANTE ARBOREE TECNICHE DI PROPAGAZIONE POMACEE (MELO, PERO)

Dettagli

23 luglio. 9 luglio. 27 settembre. 27 agosto. 6 agosto

23 luglio. 9 luglio. 27 settembre. 27 agosto. 6 agosto 9 luglio 23 luglio 6 agosto 27 agosto 27 settembre il tasso di sviluppo e la qualità delle gemme a fiore decresce con : stress idrico alte temperature carenze nutrizionali defogliazione danni da freddo

Dettagli

Agronomia. Agrometeorologia. - Evapotraspirazione (1) -

Agronomia. Agrometeorologia. - Evapotraspirazione (1) - Agrometeorologia - Evapotraspirazione (1) - L evapotraspirazione Rappresenta i consumi idrici di una coltura. E data dalla somma di: Evaporazione dal suolo (massima in assenza di coltura e nelle prime

Dettagli

Materia PRODUZIONI VEGETALI

Materia PRODUZIONI VEGETALI Materia PRODUZIONI VEGETALI Il presente materiale è di proprietà dell Istituto di Istruzione Superiore Mario Rigoni Stern ed è vietata qualsiasi copia non autorizzata Pagina 1 di 8 Le produzioni vegetali

Dettagli

Operazioni della potatura

Operazioni della potatura Operazioni della potatura Asportazione delle branche Raccorciamento delle branche (potatura di ritorno) Diradamento delle ramificazioni fruttifere NB Intensità di potatura: influenzata dalla vigoria Rispettare

Dettagli

Associazione Frutteto di Vezzolano Giornata delle «Foglie cascanti» Cenni di Fisiologia dello sviluppo

Associazione Frutteto di Vezzolano Giornata delle «Foglie cascanti» Cenni di Fisiologia dello sviluppo Associazione Frutteto di Vezzolano Giornata delle «Foglie cascanti» 3-12-2016 Cenni di Fisiologia dello sviluppo Come le piante crescono e si sviluppano e come questi processi possono essere influenzati

Dettagli

3. Non spuntare mai il ramo di un anno!! Rami di età differente

3. Non spuntare mai il ramo di un anno!! Rami di età differente 3. Non spuntare mai il ramo di un anno!! Rami di età differente 1 1 1 1 1 2 1 3 4 Non spuntare mai il ramo di un anno!! (mantenimento della gemma terminale) Sbagliato! Non spuntare mai il ramo di un anno!!

Dettagli

Insegnamento: (Produzioni Frutticole di Qualità 3 CFU)

Insegnamento: (Produzioni Frutticole di Qualità 3 CFU) Laurea in: TECNOLOGIE ALIMENTARI ED ENOLOGICHE (TAE/L) Curriculum: INDUSTRIE ALIMENTARI II Anno (a.a. 2011/12) QUALITA DELLE PRODUZIONI ARBOREE ED ORTICOLE Insegnamento: (Produzioni Frutticole di Qualità

Dettagli

La presentazione che sar illustrata è il frutto del lavor congiunto dei colleghi: Paolo Fratini Giovanni Gasparetti Marco C. Orsini Isaia Rossi

La presentazione che sar illustrata è il frutto del lavor congiunto dei colleghi: Paolo Fratini Giovanni Gasparetti Marco C. Orsini Isaia Rossi IL CASO FRUTTA 1 La presentazione che sar illustrata è il frutto del lavor congiunto dei colleghi: Paolo Fratini Giovanni Gasparetti Marco C. Orsini Isaia Rossi Aurelio Toschi 2 Gelo «invernale» GELO:

Dettagli

PIANTE ARBOREE: ORGANOGRAFIA DELLA PARTE EPIGEA

PIANTE ARBOREE: ORGANOGRAFIA DELLA PARTE EPIGEA PIANTE ARBOREE: ORGANOGRAFIA DELLA PARTE EPIGEA La parte epigea (al disopra della superficie del terreno) è collegata alla parte ipogea della pianta attraverso il COLLETTO È composta da organi legnosi

Dettagli

Le gemme sono piccoli nuclei meristematici subconici o emisferici che si formano all ascella delle foglie disposte lungo l asse dei germogli La loro

Le gemme sono piccoli nuclei meristematici subconici o emisferici che si formano all ascella delle foglie disposte lungo l asse dei germogli La loro Le gemme sono piccoli nuclei meristematici subconici o emisferici che si formano all ascella delle foglie disposte lungo l asse dei germogli La loro forma è inizialmente piuttosto SEMPLICE E POCO DIFFERENZIATA

Dettagli

I flussi di calore sensibile e la temperatura dell aria

I flussi di calore sensibile e la temperatura dell aria I flussi di calore sensibile e la temperatura dell aria L aria in prossimità delle piante assorbe in misura ridotta la radiazione solare. Le variazioni nella temperatura dell aria sono determinate perciò

Dettagli

DIRADAMENTO DEL MELO stagione 2013

DIRADAMENTO DEL MELO stagione 2013 DIRADAMENTO CHIMICO DEL MELO DIRADAMENTO DEL MELO stagione 2013 Il diradamento chimico è una pratica indispensabile per ottenere produzioni di qualità con buona pezzatura, garantendo contemporaneamente

Dettagli

Caratterizzazione molecolare del batterio ed interventi di prevenzione e difesa. Responsabile scientifico: Dott. Marco Scortichini

Caratterizzazione molecolare del batterio ed interventi di prevenzione e difesa. Responsabile scientifico: Dott. Marco Scortichini Caratterizzazione molecolare del batterio ed interventi di prevenzione e difesa Responsabile scientifico: Dott. Marco Scortichini 1) Analisi proteomica durante la migrazione sistemica di PSA nel ramo di

Dettagli

Andamento Meteo 2012 rispetto al clima. Prospettive della coltura della patata in relazione al mutamento climatico. Possibili azioni di adattamento

Andamento Meteo 2012 rispetto al clima. Prospettive della coltura della patata in relazione al mutamento climatico. Possibili azioni di adattamento Andamento Meteo 2012 rispetto al clima Prospettive della coltura della patata in relazione al mutamento climatico Possibili azioni di adattamento Eventi caratteristici 2011 2012 Siccità autunno inverno

Dettagli

CONDIZIONI SPECIALI FRUTTA GRANDINE

CONDIZIONI SPECIALI FRUTTA GRANDINE CONDIZIONI SPECIALI FRUTTA GRANDINE Art. 1)Fermo quanto previsto all Art.5) Decorrenza della garanzia Termine di accettazione delle richieste di adesione delle Condizioni Generali di Assicurazione la garanzia

Dettagli

Progetto "FRUITGAS" L'ENERGIA DAL FRUTTETO: esempio di filiera per la produzione di energia rinnovabile da residui di potatura dei frutteti

Progetto FRUITGAS L'ENERGIA DAL FRUTTETO: esempio di filiera per la produzione di energia rinnovabile da residui di potatura dei frutteti Progetto "FRUITGAS" L'ENERGIA DAL FRUTTETO: esempio di filiera per la produzione di energia rinnovabile da residui di potatura dei frutteti Fabrizio GIOELLI (Università di Torino DiSAFA) Convegno finale.

Dettagli

TRASPORTO DELL ACQUA NELLA PIANTA

TRASPORTO DELL ACQUA NELLA PIANTA TRASPORTO DELL ACQUA NELLA PIANTA meccanismi e forze motrici per il trasporto dell acqua gradiente di concentrazione del vapor d acqua nella traspirazione gradiente di pressione nel trasporto a lunga distanza

Dettagli

Vigneto veneto, andamento e previsioni produttive 2013

Vigneto veneto, andamento e previsioni produttive 2013 Vigneto veneto, andamento e previsioni produttive 2013 Sull origine del grappolo e sul fiore della vite Conegliano, 19 giugno 2013 IL FIORE DELLA VITE Fiore maschile Fiore ermafrodita Fiore femminile Cleistogamia

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2017

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2017 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2017 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE SULLE RESE: FINO AL 65% DELLA SPESA AMMESSA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita al

Dettagli

RENDI IL TUO RACCOLTO ANCORA PIÙ ABBONDANTE!

RENDI IL TUO RACCOLTO ANCORA PIÙ ABBONDANTE! b m,m RENDI IL TUO RACCOLTO ANCORA PIÙ ABBONDANTE! m EQUILIBRATORE VEGETALE ORGANICO b m,m Su melo e pero, nonostante quest annata sia stata caratterizzata da una fioritura scarsa e una forte cascola,

Dettagli

Potatura dei fruttiferi

Potatura dei fruttiferi www.ersa.fvg.it Potatura dei fruttiferi Ennio Scarbolo: cell. 334-6564270 ennio.scarbolo@regione.fvg.it SCOPO della potatura : creare un equilibrio nella pianta Pianta equilibrata Pianta non Evitare il

Dettagli

GELO E BRINA, ISTRUZIONI PER L USO. di Claudio Fabbro

GELO E BRINA, ISTRUZIONI PER L USO. di Claudio Fabbro GELO E BRINA, ISTRUZIONI PER L USO di Claudio Fabbro I primi tepori primaverili d inizio aprile 2017 hanno comprensibilmente impresso un accelerazione al ciclo vegetativo delle varie colture, solo parzialmente

Dettagli

Fisiologia e malattie del legno

Fisiologia e malattie del legno Département fédéral de l'économie, de la formation et de la recherche DEFR Agroscope Fisiologia e malattie del legno Vivian Zufferey Katia Gindro 21 novembre 2014 www.agroscope.ch I une bonne alimentation,

Dettagli

Biostimolanti - alga. phylgreen. biostimolante unico 100% naturale

Biostimolanti - alga. phylgreen. biostimolante unico 100% naturale Biostimolanti - alga phylgreen biostimolante unico 100% naturale PHYLGREEN un biostimolante unico, ricavato da un estratto puro al 100% di Ascophyllum nodosum A differenza degli altri biostimolanti nel

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

La parete vegetativa deve essere verticale e sottile

La parete vegetativa deve essere verticale e sottile La parete vegetativa deve essere verticale e sottile Come impostare la chioma Principi per una chioma ideale La superficie fogliare deve mantenersi sana ed efficiente e con forte sviluppo primaverile;

Dettagli

PROVE SPERIMENTALI DI FERTIRRIGAZIONE DELL OLIVO NELLE MARCHE

PROVE SPERIMENTALI DI FERTIRRIGAZIONE DELL OLIVO NELLE MARCHE Dipartimento di Scienze Ambientali e delle Produzioni Vegetali Università Politecnica delle Marche, Ancona PROVE SPERIMENTALI DI FERTIRRIGAZIONE DELL OLIVO NELLE MARCHE Enrico Maria Lodolini e Davide Neri

Dettagli

Dalla natura il fungicida per la difesa di frutta, vite ed orticole da marciumi, muffe e batteriosi

Dalla natura il fungicida per la difesa di frutta, vite ed orticole da marciumi, muffe e batteriosi Serenade Natria Dalla natura il fungicida per la difesa di frutta, vite ed orticole da marciumi, muffe e batteriosi www.bayergarden.it Serenade Natria Caratteristiche Serenade Natria è l innovativo fungicida

Dettagli

COLTURA DOSAGGIO EPOCA D'IMPIEGO E CONSIGLI

COLTURA DOSAGGIO EPOCA D'IMPIEGO E CONSIGLI NUTRISPORE è una linea di prodotti idrosolubili con microrganismi e titoli in Azoto, Fosforo, Potassio e Magnesio specificamente creati per fornire un duplice vantaggio alle colture. Il primo, è rappresentato

Dettagli

La potatura degli agrumi

La potatura degli agrumi La potatura degli agrumi C. Mennone ALSIA Agenzia Lucana di di Sviluppo e Innovazione in in Agricoltura A.A.S.D. Pantanello Metaponto Le logiche e scuole di pensiero Casa con porte e finestre Agrumi come

Dettagli

Linee guida per il contenimento della malattia. Loredana Antoniacci Servizio Fitosanitario Regionale

Linee guida per il contenimento della malattia. Loredana Antoniacci Servizio Fitosanitario Regionale Linee guida per il contenimento della malattia Loredana Antoniacci Servizio Fitosanitario Regionale Faenza 22 marzo 2013 Il contenimento delle malattie batteriche Si realizza secondo due direzioni Attuando

Dettagli

Pesco Il diradamento meccanico sperimentazione 2009

Pesco Il diradamento meccanico sperimentazione 2009 Attività finanziata dalla Pesco Il diradamento meccanico sperimentazione 2009 Responsabile: G. Vittone Attività in campo: D. Allasia, M. Allasia, A. Armando, L. Asteggiano, A. Bevilacqua, L. Castellino,

Dettagli

Il cambiamento climatico e gli eventi estremi in agricoltura: le gelate tardive

Il cambiamento climatico e gli eventi estremi in agricoltura: le gelate tardive Bologna 15 maggio 2006 CLIMAGRI Cambiamenti climatici e agricoltura Il cambiamento climatico e gli eventi estremi in agricoltura: le gelate tardive Gabriele Antolini Coordinatore: Collaboratori: Scheda

Dettagli

Il contributo del mondo scientifico per l aggiornamento professionale

Il contributo del mondo scientifico per l aggiornamento professionale Il contributo del mondo scientifico per l aggiornamento professionale Francesco Tei Dipartimento Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali, Università di Perugia Avversità biotiche abiotiche funghi insetti

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. I movimenti dell acqua e dei soluti

FISIOLOGIA VEGETALE. I movimenti dell acqua e dei soluti FISIOLOGIA VEGETALE I movimenti dell acqua e dei soluti MOVIMENTI DELL ACQUA E DEI SOLUTI L acqua si muove seguente delle differenze di potenziali di energia Il potenziale di energia è l energia che viene

Dettagli

Frutteto Sostenibile. Fondazione per l agricoltura F.lli Navarra

Frutteto Sostenibile. Fondazione per l agricoltura F.lli Navarra Progetto Frutteto Sostenibile Due anni di lavoro 2014-2015 F.Galli,M.Mariani,D.Verzella,A.Zago Fondazione per l agricoltura F.lli Navarra Bayer CropScience Obiettivo Dimostrare che si può produrre in modo

Dettagli

La carenza idrica. Le risposte della vite al deficit idrico possono essere molte e di una certa complessità esse dipendono:

La carenza idrica. Le risposte della vite al deficit idrico possono essere molte e di una certa complessità esse dipendono: 05/09/2012 La carenza idrica Le risposte della vite al deficit idrico possono essere molte e di una certa complessità esse dipendono: dalla quantità di acqua perduta (dal tasso di perdita) dalla durata

Dettagli

turbo root WG rigenera la fertilità del suolo

turbo root WG rigenera la fertilità del suolo turbo root WG rigenera la fertilità del suolo ACIDI UMICI Miglioramento integrale della fertilità del suolo MIGLIORAMENTI BIOLOGICI: SVILUPPO RADICALE Grazie ai miglioramenti fisici-chimici, si ha un conseguente

Dettagli

La maturazione del Glera

La maturazione del Glera GLERA: GLI STUDI DEL CREA PER LA SUA COLTIVAZIONE AGRONOMIA, FISIOLOGIA, GENETICA, DIFESA La maturazione del Glera Dr Patrick Marcuzzo CREA - VIT Susegana, Tv 14 dicembre 2016 La maturazione inzia con

Dettagli

Esperienze con Ethephon su alcune cultivar di melo. Josef Vigl, Centro di Sperimentazione Laimburg, Frutticoltura,

Esperienze con Ethephon su alcune cultivar di melo. Josef Vigl, Centro di Sperimentazione Laimburg, Frutticoltura, Esperienze con Ethephon su alcune cultivar di melo LAIMBURG Josef Vigl, Centro di Sperimentazione Laimburg, Frutticoltura, Metodologia delle prove di diradamento 1. Scelta degli alberi sperimentali in

Dettagli

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella 2006-2007 Il programma di ricerca ha realizzato, anche per questo secondo anno di sperimentazione, una prova di tecnica colturale

Dettagli

Cambiamenti climatici in Valle d Itria ed impatti sulla viticoltura

Cambiamenti climatici in Valle d Itria ed impatti sulla viticoltura Cambiamenti climatici in Valle d Itria ed impatti sulla viticoltura Vulnerabilità dei sistemi colturali ai cambiamenti climatici Bari, 18 e19 ottobre 2007 Dott. Fabio Pastore CRSA- Locorotondo (Bari) Valle

Dettagli

Le piante e gli estremi termici

Le piante e gli estremi termici Le piante e gli estremi termici La maggior parte delle piante può crescere in un intervallo di temperatura che grossolanamente è compreso tra qualche grado al di sopra dello zero e 40 C. Poche piante superiori

Dettagli

Trasporto dei fotosintetati ai tessuti in crescita e di riserva.

Trasporto dei fotosintetati ai tessuti in crescita e di riserva. Trasporto dei fotosintetati ai tessuti in crescita e di riserva. Via di traslocazione I fotosintetati sono traslocati attraverso il floema Epidermide Corteccia Midollo Xilema Floema Cambio vascolare Floema

Dettagli

Mancozeb controlla le principali patologie dell olivo

Mancozeb controlla le principali patologie dell olivo Mancozeb 1 Mancozeb controlla le principali patologie dell olivo OCCHIO DI PAVONE o CICLOCONIO (Spilocaea oleagina) Presente in tutto l areale di coltivazione è la patologia più importante dell olivo.

Dettagli

Piano per vigneti in allevamento (nuovi impianti 1 e 2 anno)

Piano per vigneti in allevamento (nuovi impianti 1 e 2 anno) GERMINA VITE Obiettivi colturali Di per sé la concimazione della vite non è complicata, ma diventa complessa nel momento in cui si desidera ottenere uve di qualità. In questo caso, allora, non é solo importante

Dettagli

La gestione della potatura secca e verde del Cannonau ai fini dell'ottenimento di prodotti di qualità

La gestione della potatura secca e verde del Cannonau ai fini dell'ottenimento di prodotti di qualità Dorgali 25 ottobre 2016 La gestione della potatura secca e verde del Cannonau ai fini dell'ottenimento di prodotti di qualità Luciano De Pau Daniela Satta Servizio Arboricoltura La forma di allevamento

Dettagli

Epidemiologia alternariosi del pomodoro

Epidemiologia alternariosi del pomodoro M. COLLINA R. BUGIANI Centro di Fitofarmacia Servizio Fitosanitario Dipartimento di Scienze Agrarie Regione Emilia - Romagna Epidemiologia alternariosi del pomodoro Incontro tecnico: Difesa da peronospora

Dettagli

Quando si deve concimare il vigneto? Come si deve concimare?

Quando si deve concimare il vigneto? Come si deve concimare? Quando si deve concimare il vigneto? Come si deve concimare? Quando si deve concimare il vigneto? Quando la naturale fertilità del suolo non è adeguata a sostenere il potenziale vegeto produttivo desiderato.

Dettagli

VIGNETO VENETO, ANDAMENTO E PREVISIONI PRODUTTIVE 2017

VIGNETO VENETO, ANDAMENTO E PREVISIONI PRODUTTIVE 2017 VIGNETO VENETO, ANDAMENTO E PREVISIONI PRODUTTIVE 2017 Danni da gelo sulla vite, soglie termiche ed effetti sui tessuti Diego Tomasi CREA-VE Conegliano Conegliano 21 giugno 2017 Le gelate invernali

Dettagli

Conferenza sulle PRINCIPALI OPERAZIONI di POTATURA

Conferenza sulle PRINCIPALI OPERAZIONI di POTATURA Società Cooperativa Agricola di Legnaia 4 novembre 2010 Conferenza sulle PRINCIPALI OPERAZIONI di POTATURA Relatore Dr. Simone Tofani Agronomo, Responsabile Area Tecnica Società Cooperativa Agricola di

Dettagli

Tessuti gruppi di cellule strutturalmente e/o funzionalmente distinte.

Tessuti gruppi di cellule strutturalmente e/o funzionalmente distinte. Tessuti Tessuti gruppi di cellule strutturalmente e/o funzionalmente distinte. Tessuti embrionali o meristemi Tessuti adulti (o definitivi) Meristemi primari Tessuti definitivi primari Meristemi secondari

Dettagli

Laura Asteggiano, Graziano Vittone

Laura Asteggiano, Graziano Vittone 92 93 Diradamento del pesco La regolazione del carico produttivo è un operazione indispensabile per ottenere frutti di buona pezzatura e di migliore qualità gustativa, rispondenti alle attese dei consumatori.

Dettagli

LA GESTIONE DEL VIGNETO: LA POTATURA SECCA

LA GESTIONE DEL VIGNETO: LA POTATURA SECCA LA GESTIONE DELLA CHIOMA E LA QUALITÀ DELL UVA LA GESTIONE DEL VIGNETO: LA POTATURA SECCA Rosario Di Lorenzo Dipartimento di Colture Arboree Palermo EQUILIBRIO Relazione tra quantità e qualità dell uva

Dettagli

Stomi. costituiti da due cellule di guardia circondate da due cellule sussidiarie che aiutano a controllare le aperture stomatiche.

Stomi. costituiti da due cellule di guardia circondate da due cellule sussidiarie che aiutano a controllare le aperture stomatiche. Stomi costituiti da due cellule di guardia circondate da due cellule sussidiarie che aiutano a controllare le aperture stomatiche. Due tipi principali di cellule di guardia: A) Reniformi nelle dicotiledoni

Dettagli

IDEE E PROGRAMMI PER L AGRICOLTURA CHE CAMBIA

IDEE E PROGRAMMI PER L AGRICOLTURA CHE CAMBIA IDEE E PROGRAMMI PER L AGRICOLTURA CHE CAMBIA BUTTERATURA AMARA DEL MELO cause e possibili rimedi Dr. Andrea Gallo AGRICON Zevio, 10 febbraio 2005 CAUSE AVVERSITA IMPUTABILE AD UN ALTERATO EQUILIBRIO FISIOLOGICO-NUTRIZIONALE

Dettagli

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE Un MONDO di COLZA DK SENSEI PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA Investimento Investimento consigliato 30-40 p/m 2 alla raccolta NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DEL NOCE DA FRUTTO: una nuova filiera per una nuova opportunità

LA COLTIVAZIONE DEL NOCE DA FRUTTO: una nuova filiera per una nuova opportunità LA COLTIVAZIONE DEL NOCE DA FRUTTO: una nuova filiera per una nuova opportunità Soc. Agr. La Teresina s.r.l. Andrea Bernucci Baldissero d Alba (CN), 21 maggio 2017 1. Principali aspetti agronomici - esigenze

Dettagli

Portinnesti per i nuovi impianti di ciliegio: Sperimentazioni in corso

Portinnesti per i nuovi impianti di ciliegio: Sperimentazioni in corso Portinnesti per i nuovi impianti di ciliegio: Sperimentazioni in corso Giovanna Giacalone Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali ed Alimentari Università di Torino La coltivazione del ciliegio si sta

Dettagli

OLTRE ALLA STAGIONALITA OCCORRE FARE UN'ALTRA DISTINZIONE TRA COLTURE COLTIVATE IN PIENO CAMPO

OLTRE ALLA STAGIONALITA OCCORRE FARE UN'ALTRA DISTINZIONE TRA COLTURE COLTIVATE IN PIENO CAMPO OLTRE ALLA STAGIONALITA OCCORRE FARE UN'ALTRA DISTINZIONE TRA COLTURE COLTIVATE IN PIENO CAMPO E COLTURE COLTIVATE IN SERRA MA COSA E UNA SERRA? ABBIAMO DETTO CHE NON IN TUTTI I PERIODI DELL ANNO IL CLIMA

Dettagli

RELAZIONE DI PERIZIA AREA NORD/EST REGIONE TRENTINO -ALTOADIGE PROVINCIA DI TRENTO. OGGETTO : possibili danni da gelo primaverile I.S.M.E.A.

RELAZIONE DI PERIZIA AREA NORD/EST REGIONE TRENTINO -ALTOADIGE PROVINCIA DI TRENTO. OGGETTO : possibili danni da gelo primaverile I.S.M.E.A. AREA NORD/EST REGIONE TRENTINO -ALTOADIGE PROVINCIA DI TRENTO OGGETTO : possibili danni da gelo primaverile Committente: I.S.M.E.A. RELAZIONE DI PERIZIA Redatto in Trento,li 18 aprile 2012 da: Isp. Follador

Dettagli

A.R.P.A.V. DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO METEOROLOGICO

A.R.P.A.V. DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO METEOROLOGICO A.R.P.A.V. DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO METEOROLOGICO ANDAMENTO AGROMETEOROLOGICO ANNATA 2013 (da dicembre 2012 a novembre 2013) A cura di: A. Barbi, F. Checchetto, I.

Dettagli

La pratica della fertilizzazione

La pratica della fertilizzazione La pratica della fertilizzazione Fertilizzazione Tecnica agraria che consiste nell apporto al al terreno di sostanze in grado di migliorare la fertilità.. CONCIMAZIONE AMMENDAMENTO CORREZIONE Concimazione,

Dettagli

I DISSECCAMENTI DELL ALBICOCCO

I DISSECCAMENTI DELL ALBICOCCO I DISSECCAMENTI DELL ALBICOCCO Un confronto in Francia con uno specialista dell INRA Per meglio soddisfare la domanda dei consumatori, nelle nostre aree di produzione è necessario migliorare il livello

Dettagli

Ascesa della linfa grezza

Ascesa della linfa grezza Ascesa della linfa grezza Percorso delle soluzioni (acqua ed elementi minerali): Suolo Radici Fusto Foglie Atmosfera Comporta i seguenti fenomeni fisici: la diffusione il flusso di massa l osmosi Acqua

Dettagli

La nutrizione minerale. Ovvero gli ioni inorganici necessari alla pianta e modalità di assorbimento e assimilazione

La nutrizione minerale. Ovvero gli ioni inorganici necessari alla pianta e modalità di assorbimento e assimilazione La nutrizione minerale Ovvero gli ioni inorganici necessari alla pianta e modalità di assorbimento e assimilazione Assorbimento degli elementi minerali: riguarda il loro prelievo dal suolo da parte delle

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2015

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2015 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2015 (14-01-2015) CANTINA PRODUTTORI VALDOBBIADENE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2015 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore

Dettagli

Olivicoltura: le cure colturali. Muggia 11 maggio 2015

Olivicoltura: le cure colturali. Muggia 11 maggio 2015 Olivicoltura: le cure colturali Muggia 11 maggio 2015 Olivicoltura: le cure colturali Muggia 11 maggio 2015 Cos è la gestione agromonica? E l insieme di tutte le pratiche effettuate dall uomo per riuscire

Dettagli

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella Risultati della prova agronomica epoche di delle proteiche da granella 2005-2006 Il programma di attività, realizzato Azienda Agraria Sperimentale M. Marani di Ravenna, per l annata agraria 2005/2006 è

Dettagli

A TUTTI GLI IMPRENDITORI AGRICOLI

A TUTTI GLI IMPRENDITORI AGRICOLI Consorzio di Difesa delle Produzioni Intensive DELLA PROVINCIA DI SASSARI (D.M. n. 1470 del 7-7-1975) C.F. 92015030908 - P. IVA 02208630901 A TUTTI GLI IMPRENDITORI AGRICOLI Si comunica a tutti gli interessati

Dettagli

LA COLTURA HERBAL CROPS TECNICA AGRONOMICA

LA COLTURA HERBAL CROPS TECNICA AGRONOMICA LA COLTURA HERBAL CROPS TECNICA AGRONOMICA Rev. 2016 Herbal crops Coltura annuale, razionalmente inseribile negli ordinamenti colturali come coltura a semina primaverile. Gestibile con tecniche in grado

Dettagli

LA COLTURA HERBAL CROPS TECNICA AGRONOMICA

LA COLTURA HERBAL CROPS TECNICA AGRONOMICA LA COLTURA HERBAL CROPS TECNICA AGRONOMICA Herbal Crops Coltura annuale, razionalmente inseribile negli ordinamenti colturali come coltura a semina primaverile. Gestibile con tecniche in grado di determinare

Dettagli

E una società di servizio che offre assistenza tecnica alle aziende agricole, dal 1989.

E una società di servizio che offre assistenza tecnica alle aziende agricole, dal 1989. Chi è Agriproject group srl? E una società di servizio che offre assistenza tecnica alle aziende agricole, dal 1989. 1 La fertilizzazione a base di acido ortosilicico: un esperienza su diverse colture.

Dettagli

L andamento meteorologico del 2012 Norbert Paoli, Martin Thalheimer, Centro di Sperimentazione Agraria di Laimburg

L andamento meteorologico del 2012 Norbert Paoli, Martin Thalheimer, Centro di Sperimentazione Agraria di Laimburg L andamento meteorologico del 2012 Norbert Paoli, Martin Thalheimer, Centro di Sperimentazione Agraria di Laimburg Gennaio: siccitoso L inizio dell anno è stato contraddistinto da un andamento decisamente

Dettagli

Bollettino n. 5, 29 maggio 2013

Bollettino n. 5, 29 maggio 2013 Bollettino n. 5, 29 maggio 2013 PREVISIONI E DATI METEOROLOGICI a cura di LA SETTIMANA DAL 20 MAGGIO AL 26 MAGGIO 2013 STADIO FENOLOGICO: Prefioritura Per zone fredde e varietà tardive (cabernet) allungamento

Dettagli

Qual è il meccanismo che consente l ascesa dell acqua dal suolo all atmosfera attraverso la pianta? Teoria della tensione-coesione

Qual è il meccanismo che consente l ascesa dell acqua dal suolo all atmosfera attraverso la pianta? Teoria della tensione-coesione Qual è il meccanismo che consente l ascesa dell acqua dal suolo all atmosfera attraverso la pianta? Teoria della tensione-coesione L acqua all interno della pianta può essere considerata come un sistema

Dettagli

IL TRASPORTO DELL ACQUA NELLA PIANTA

IL TRASPORTO DELL ACQUA NELLA PIANTA IL TRASPORTO DELL ACQUA NELLA PIANTA Dal suolo,nella pianta fino all atmosfera, l acqua fluisce attraverso mezzi diversi e spinta da forze motrici diverse gradiente di concentrazione del vapor d acqua

Dettagli

Nota Tecnica del

Nota Tecnica del Nota Tecnica del 26-08-2016 Pesco Monilia Intervenire a 30 e 15 gg. dalla raccolta con antimonilici specifici Cidia molesta Inizio volo 4 generazione Rivolgersi al tecnico di riferimento per il posizionamento

Dettagli

- Drupacee Albicocco Prunus armeniaca Cultivar Maturazione Note. Maggio 2^ decade. Precoce. Giugno 1^ decade. Tyrinthos. Giugno 1^ decade.

- Drupacee Albicocco Prunus armeniaca Cultivar Maturazione Note. Maggio 2^ decade. Precoce. Giugno 1^ decade. Tyrinthos. Giugno 1^ decade. Albicocco Prunus armeniaca Precoce Maggio Simile a Ninfa. Precocità, discreto sapore, elevata produttività, bell aspetto, adatta coltura protetta. Scarsa consistenza, piccola pezzatura, scarsa tenuta.

Dettagli

Impatti dei cambiamenti climatici a livello locale LIGURIA

Impatti dei cambiamenti climatici a livello locale LIGURIA CRES - Climaresilienti II INCONTRO: Misure di adattamento ai cambiamenti climatici Impatti dei cambiamenti climatici a livello locale LIGURIA Cosa è già cambiato Un riscaldamento globale medio di 0,74

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture da seme> CORIANDOLO DA SEME

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture da seme> CORIANDOLO DA SEME Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture da seme> CORIANDOLO DA SEME CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2017 Norme tecniche di coltura > Colture da seme> CORIANDOLO DA SEME

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2017 Norme tecniche di coltura > Colture da seme> CORIANDOLO DA SEME Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2017 Norme tecniche di coltura > Colture da seme> CORIANDOLO DA SEME CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

Convegno: IL VIGNETO IN UN CLIMA CHE CAMBIA: LE PRATICHE DEL BIOLOGICO PER AFFRONTARE L INCERTEZZA CLIMATICA

Convegno: IL VIGNETO IN UN CLIMA CHE CAMBIA: LE PRATICHE DEL BIOLOGICO PER AFFRONTARE L INCERTEZZA CLIMATICA Convegno: IL VIGNETO IN UN CLIMA CHE CAMBIA: LE PRATICHE DEL BIOLOGICO PER AFFRONTARE L INCERTEZZA CLIMATICA Dott. Agr. Giovanni Bigot Azienda AMASTUOLA Venerdì 17 giugno ore 9,30 11,30 AREA CONVEGNI,

Dettagli

LA MICROIRRIGAZIONE: PROGETTI PILOTA IN DIVERSE REALTA E SU DIVERSE COLTURE ARBOREE

LA MICROIRRIGAZIONE: PROGETTI PILOTA IN DIVERSE REALTA E SU DIVERSE COLTURE ARBOREE UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI AGRARIA Dipartimento di Scienze Ambientali e delle Produzioni Vegetali Progetto no. 18 LR37/99 LA MICROIRRIGAZIONE: PROGETTI PILOTA IN DIVERSE REALTA E SU

Dettagli

Frutticoltura di precisione

Frutticoltura di precisione Frutticoltura di precisione Il Servizio di HK Previsione della crescita dei frutti, della produzione totale e della distribuzione in classi su melo e pero. Valido su tutte le varietà, tutte le età e tutte

Dettagli

Fisiologia ed uso dei fitoregolatori negli agrumi. C. Mennone. Agenzia Lucana di di Sviluppo e di di Innovazione in in Agricoltura

Fisiologia ed uso dei fitoregolatori negli agrumi. C. Mennone. Agenzia Lucana di di Sviluppo e di di Innovazione in in Agricoltura Fisiologia ed uso dei fitoregolatori negli agrumi C. Mennone Agenzia Lucana di di Sviluppo e di di Innovazione in in Agricoltura A.A.S.D. Pantanello Metaponto La qualità come viene valutata La pezzatura

Dettagli

Le gelate tardive dell'ultima decade di marzo 2008 in provincia di Bologna

Le gelate tardive dell'ultima decade di marzo 2008 in provincia di Bologna Sala operativa agrometeorologica Le gelate tardive dell'ultima decade di marzo in provincia di Bologna Nell ultima decade di marzo vaste aree del territorio bolognese sono state interessate da gelate tardive.

Dettagli

P o t a t u r a d e l l ' o l i v o

P o t a t u r a d e l l ' o l i v o P o t a t u r a d e l l ' o l i v o La potatura è una serie di interventi d asportazione di branche, rami, o parti di esse. Già in tempi antichi autori greci e latini indicarono la potatura tra le principali

Dettagli

ottobre febbraio 1999 settembre febbraio novembre

ottobre febbraio 1999 settembre febbraio novembre Nuovo Fitoregolatore per l Uva da Tavola 23 Forum di Medicina Vegetale Bari, 15/12/2011 Dott. Giovanni PAPA 1 2006 1 ottobre 2001 9 febbraio 1999 settembre 1978 9 febbraio 1908 6 novembre AlzChem AG Prodotti

Dettagli

Confidor 200 O-TEQ Il Re degli insetticidi da oggi protegge anche l olivo

Confidor 200 O-TEQ Il Re degli insetticidi da oggi protegge anche l olivo Confidor 200 O-TEQ Il Re degli insetticidi da oggi protegge anche l olivo La soluzione per la mosca dell olivo La mosca dell olivo è un parassita che colpisce questa coltura e talvolta può provocare danni

Dettagli

Crescita - Ramificazione - Vigoria

Crescita - Ramificazione - Vigoria Viticoltura Generale e Ampelografia Crescita - Ramificazione - Vigoria Giancarlo Scalabrelli * INTERAZIONI TRA LE GEMME DEL GERMOGLIO MODO DI RAMIFICAZIONE - ACROTONIA POTENZIALE VEGETATIVO ESPRESSIONE

Dettagli

POTATURA. Obiettivo principale:

POTATURA. Obiettivo principale: POTATURA Obiettivo principale: REGOLARE L'ATTIVITÀ VEGETATIVA E DI FRUTTIFICAZIONE PER CONSEGUIRE IL PIÙ RAPIDAMENTE POSSIBILE UNA PRODUZIONE ELEVATA, COSTANTE E DELLA MIGLIORE QUALITÀ POTATURA fattori

Dettagli

Loredana Antoniacci Servizio fitosanitario Regione Emilia-Romagna

Loredana Antoniacci Servizio fitosanitario Regione Emilia-Romagna Loredana Antoniacci Servizio fitosanitario Regione Emilia-Romagna Realizzate in collaborazione con: Agrintesa, Apofruit, Consorzio Agrario Ra, Terre Emerse e Gian Luigi Spada Faenza, 21 marzo 2012 Linee

Dettagli

PROGRAMMA COLTIVAZIONE IBRIDI PRECOCISSIMI

PROGRAMMA COLTIVAZIONE IBRIDI PRECOCISSIMI PROGRAMMA COLTIVAZIONE IBRIDI PRECOCISSIMI E possibile coltivare mais nella stessa annata in cui si programma una «bonifica dalla presenza della diabrotica»? Proponiamo due programmi che rendono possibile

Dettagli

Non è consentita la coltivazione di varietà costituite o provenienti da Organismi Geneticamente Modificati (OGM)

Non è consentita la coltivazione di varietà costituite o provenienti da Organismi Geneticamente Modificati (OGM) MELO Nel presente disciplinare sono contenute le modalità di coltivazione specifiche per la produzione integrata del melo. Le altre norme e i vincoli comuni a tutte le colture sono riportate in maniera

Dettagli

Confronto tra suolo degradato e suolo ricostituito per la produzione di pomodoro

Confronto tra suolo degradato e suolo ricostituito per la produzione di pomodoro Confronto tra suolo degradato e suolo ricostituito per la produzione di pomodoro Paolo Manfredi1, Chiara Cassinari2, Marco Trevisan2 1m.c.m. Ecosistemi s.r.l., Gariga di Podenzano, Piacenza 2Istituto di

Dettagli