FOTOROMANZO DIFESA DELL AMBIENTE CRONACHE DI ISTITUTO INTERVISTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOTOROMANZO DIFESA DELL AMBIENTE CRONACHE DI ISTITUTO INTERVISTE"

Transcript

1 FOTOROMANZO DIFESA DELL AMBIENTE CRONACHE DI ISTITUTO INTERVISTE I NOSTRI CAMPIONI CRONACHE ATTUALITA SCUOLA E LAVORO PSICOLOGIA E QUANT ALTRO... SULLA NOSTRA RIVISTA UNICA IN TUTTA ITALIA!!!

2 INDICE Fondato nell Anno Scolastico 1991/92 da un idea del prof.pasquale Muia Periodico I.I.S.S. Einaudi Casaregis Galilei / Genova Segreteria e Presidenza: Piazza Sopranis, Genova Contatti: Casaregis-Galilei : tel: fax: Einaudi: tel: fax: info.: SitoWeb : Dirigente : Miria Carpaneto Vicario: Alberto Tognoni Dir. Servizi Amm.: Giancarlo Muià Redazione Coordinatore responsabile: N.Venturi Segretaria di Redazione: Galvez Claudia Pellegrino Patrick, Rasconà Da- Redattori: niela, Art Derector: Soliz Kevin Impaginazione: Stefano Vitiello Sitoweb: http//www.ecg-genova.gov.it/noi news.htm Collaboratori: professori: Daniela Badano,Tina Petruzzello, Autilia Barba, Franca Monzeglio, Laura Ferro, Viliana Pasero, Paola Pistamiglio, Alessandro Marino, Gli articoli sull ambiente sono stati scritti da: Marco Zucca e Mattia Celentano per i Laghi del Gorzente, Pasca Darius e Andrei Pinzaru il mare di plastica, Lorenzo Mantero con De Vita Lorenzo e Sossou Matthieu le spiagge ben conservate, Lorenzo Danovala petroliera Haven Il fotografo è Bennou Alì Caporedattore: Davide Macchiarella Chiuso in fotocomposizione: maggio 2017 Pubblicazione per Uso interno all Istituto EDITORIALE PAG. 3 L INTERVISTA A M. CARPANETO 4 Di Ilaria Carotenuto, Lucia Ottonello IL FOTOROMANZO: LA CRUDA REALTA 5 Regia di Galvez Claudia e Soliz Kevin. Attori: Iacona Giulia,Ferretti Alessia, Pellegrino Patrick, Rasconà Daniela,Razzetti Lorenzo,Davide Poggi, Pepe Marco, Cosso Matteo,Lercari Anna. VITA D ISTITUTO: NAVIGANDO SI IMPARA 10 REPORT: BABY DAY? 12 PSICOLOGIA: IL C.I.C. 14 VITA D ISTITUTO: B.C.E. 15 VITA D ISTITUTO: SPORT 18 AMBIENTE:ENERGIE RINNOVABILI 20 AMBIENTE: LIGURIA E INQUINAMENTO 22 AMBIENTE: SPIAGGE CONSERVATE 23 AMBIENTE: L ACQUA A GENOVA 25 AMBIENTE: RISCHIO PLASTICA 26 REPORT: GRAZIE NON FUMO! 27 REPORT: I GIOVANI E LA POLITICA 28 REPORT: GIUSEPPE DI MATTEO 29 VITA D ISTITUTO: THE GAME 30 AMBIENTE: NATURAL RESERVE 31 AMBIENTE: EDUCAZIONE AMBIENTALE 33 VITA D ISTITUTO: SCAMBIO CON ATENE 34 VITA D ISTITUTO: NICE TO MEET YOU 36 VITA D ISTITUTO: ASSISES JEUNES 38 REPORT: NUCLEARE? 40 REPORT: DEPRESSIONE E CONSUMISMO 41 La nostra rivista scolastica è libera da condizionamenti ideologici e politici col motto: ragioniamo con la nostra testa e confrontiamo tutti i punti di vista!

3 EDITORIALE Noi news Eccoci dunque all edizione di Noi News dell anno scolastico 2016/2017 ricca di novità e di contenuti. Abbiamo innanzitutto preferito concentrarci su un unica soluzione affinchè la qualità del prodotto fosse degna della tradizione della nostra rivista, pluripremiata a livello nazionale grazie al fondatore, il prof. Pasquale Muia e dall anno scorso proseguita dal prof. Venturi, ambedue con una lunga esperienza in campo giornalistico o editoriale. Veniamo dunque alle novità: innanzitutto il fotoromanzo a cura della classe 3C. Avremo poi l intervista alla nuova dirigente scolastica la prof.ssa Miria Carpaneto che succede dignitosamente al prof. Angelo Capizzi. Fin dai tempi mitici del preside Roberto Olmi la nostra scuola ha cercato di mantenere un clima sereno e collaborativo, evitando i protagonismi e dannose competizioni tra i vari compo-nenti e questo si è ottenuto, seppur parzialmente date le umane debolezze, grazie appunto alle varie figure dirigenziali che si sono succedute. Anche noi di Noi News cerchiamo di apportare il nostro contributo convinti che ogni sforzo positivo comunque darà i suoi frutti. Una particolare attenzione è stata data ai problemi ambientali dato che interessano la nostra salute messa a repentaglio dall inquinamento in un mondo sempre più ridotto a spazzatura. Inoltre abbiamo diverse documentazione dei progetti internazionali che sono stati attuati dal nostro istituto. Infine articoli sulle attività sportive, cronache di attualità, rapporti tra scuola e lavoro. Ci scusiamo se diversi progetti non hanno trovato visibilità, troveranno spazio sulla edizione online!

4 L INTERVISTA CONOSCIAMO MIRIA CARPANETO, IL NOSTRO DIRIGENTE SCOLASTICO 1. Quali materie le piacevano di più quando era studentessa? E poi ha finito con il laurearsi in che cosa? Le materie letterarie, soprattutto italiano (linguistica e filologia romanza) e storia. Mi sono laureata in lettere moderne e ho preso un master in didattica dell'italiano. 2. Chissà in quante scuole ha lavorato, prima di iniziare l attività di dirigente Non molte, perché ho vinto la cattedra appena laureata, senza fare nemmeno un giorno di supplenza. Ho insegnato lettere per tre anni nella scuola media di 1 grado, poi in un istituto turistico e in un istituto tecnico industriale e, infine, italiano e latino nel liceo scientifico. 3. Sarà difficile conciliare la vita privata con il lavoro, come ci riesce? Ci riesco poco e male. Lavoro troppo e, in pratica, non ho vita privata. Non sono un buon modello da imitare. 4. Oggi sia per una questione di igiene alimentare sia per una maggiore consapevolezza del valore degli altri esseri viventi si parla molto di vegetarianismo, lei cosa ne pensa? Sono quasi vegetariana, anche se non per ideologia proclamata: di fatto odio la carne rossa e mangio pochissima carne...e poi ho una gatta dolcissima Qual è il suo piatto preferito? Risotto e torte di verdura.

5 L INTERVISTA IL SALUTO DI INIZIO ANNO che riusciamo, tutti insieme, a fare squadra. Un saluto agli studenti, ai docenti, al personale ATA, ai genitori della scuola, ai membri del Consiglio di istituto dell IIS Casaregis-Einaudi-Galilei che ho il privilegio di dirigere a partire da questo nuovo anno scolastico. Voglio assicurare tutti che, per parte mia, metterò a disposizione le mie competenze, la mia passione, il mio tempo e le mie energie per cercare di far funzionare al meglio la scuola. Tuttavia, senza la collaborazione, il senso di responsabilità e l impegno di tutti, nessun vero risultato è raggiungibile: perciò il mio augurio a ciascuno di voi di un anno scolastico sereno e gratificante è anche l auspicio 6. Quali hobby coltiva nel suo tempo libero? Non ho tempo libero. 7. Le piace viaggiare? Qual è stato il viaggio più bello della sua vita? Viaggiare mi piace molto, anche se mi costa fatica cambiare le abitudini. Ho imparato ad apprezzare la ricchezza del viaggiare grazie a mio marito e ho avuto la fortuna di visitare molti paesi, dagli Stati Uniti, all'india, alla Tanzania, all'islanda. Due viaggi mi sono rimasti nel cuore: il Perù, che è un'esperienza straordinaria, e, paradossalmente, Napoli, che è una città "diversa" da tutte le altre in Italia. 8. Qual è la regione del mondo che la affascina di più? Perché? Forse il Messico, perché non ci sono mai stata e, oltre all'attrazione per l'aspetto archeologico, risento degli influssi della letteratura ispano-americana e del fascino di certo realismo magico. 9. Qual era il suo sogno nel cassetto da Buon inizio e buon lavoro a tutti Miria Carpaneto piccola? Ero una bambina molto timida e un po' complessata: giocavo spesso a fare la maestra, ma va detto anche che era l'unico mondo che conoscevo oltre a quello familiare. 10. Com è secondo lei la scuola perfetta? Una scuola ben organizzata, dove nessuno si risparmia, ci si lamenta poco e ci si mette in discussione molto...e poi si studia, non solo gli alunni, ma anche i docenti e i presidi.

6 IL FOTOROMANZO Sei solo uno sfigato! Non ce la faccio più! A essere un" bravo ragazzo" ti prendono a pedate! Voglio diventare un bullo come loro Se per essere accettato dal branco devo iniziare a fumare allora lo farò anche se mi fa schifo!

7 Ecco un pacchetto per uno! Andiamo a fumare che così facciamo vedere agli altri che siamo grandi! Dammi i soldi per le sigarette sfigato che non sei altro! E così hai cominciato a fumare, e noi che abbiamo smesso perchè è una roba infantile! La sua ragazza: "Basta, non ti voglio più vedere, puzzi di fumo e dai fastidio ai tuoi compagni! Che vita ragazzi! Birra e fumo! Noi si che siamo furbi! Ecco tu sei uno dei nostri, ti comporti come noi che ce ne freghiamo delle regole!

8 Poi un giorno si ricorda di essere stato nella stessa situazione del suo compagno... Fuori i soldi che dobbiamo comprarci il fumo! Fermi non si è dei duri prendendosela coi più deboli! Non ti faranno più niente quei fanfaroni! Se hai bisogno di me per i compiti chiamami quando vuoi! La sua ragazza intanto viene a sapere del cambiamento e si riappacifica con lui: << Ti voglio bene! ma potevamo anche incontrarci in un altro luogo che il cimitero >> - <<E' l'unico luogo più vicino che sia tranquillo e con l'aria abbastanza pulita...

9 Poi un altro giorno i Anche coi genitori ritorna la quiete: "Quel che è stato è stato e non è più. Hai tutta la nostra stima e affetto!... << Cosa fai? Fumi in classe? >> << Chi se ne frega poi diamo la colpa allo sfigato! >> << Per intanto via questa porcheria, e guai se gli dai fastidio. Hai finito di fare il gradasso! Poi c'è una telecamera che ti inchioda! >> Questo nostro breve fotoromanzo non vuole criminalizzare la debolezza di chi ha preso il vizio del fumo, ma vuole evidenziare il punto fragile di tanti giovani che è quello di imitare gli altri o prendere per esempio quelli che fanno i fanfaroni. Solo quando si impara a ragionare con la propria testa si è veramente adulti! << E piantala anche di far puzzare l'aria col tuo vizio di metterti questo biberon fetente in bocca! Per te sono tutti imbecilli ma ti sei mai guardato allo specchio? >> Ringraziamo tutti quanti hanno collaborato alla creazione di questo lavoro

10 VITA D ISTITUTO NAVIGANDO S IMPARA UN MODO ALTERNATIVO DI FARE ALTERNANZA CON L ISTITUTO EINAUDI- CASAREGIS-GALILEI Prof.Alessandro Marino Quest anno per la prima volta, dal 18 al 21 Febbraio 2017 quaranta allievi dell Istituto Einaudi-Casaregis-Galilei hanno partecipato al progetto Navigando si impara promosso dalla Grimaldi Lines come parte integrante della programmazione di alternanza scuola lavoro. Si tratta di un attività dedicata alla formazione dei giovani alunni delle scuole secondarie superiori, divenuto oggetto del Protocollo d intesa sottoscritto con il Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca. L interesse nei docenti organizzatori (Roberta Castello, Fiorella Germani, Cristina Casanova, Alessandro Marino) è stato suscitato dall idea innovativa di supportare gli studenti nell orientamento professionale, stimolandone le eccellenze e, contemporaneamente, contribuendo alla promozione di viaggi d istruzione all estero economici e nel rispetto dell ambiente. Il percorso formativo che ha visto impegnati i ragazzi all interno della Nave Cruise diretta a Barcellona è stato personalizzato in base al loro indirizzo scolastico. I ragazzi dell indirizzo professionale amministrativo a curvatura turistica sono stati coinvolti in attività a bordo prettamente connesse al loro indirizzo ( procedure di safety e security e bordo, sistemi e procedure ed esercitazioni di emergenza, attività di reception, accoglienza passeggeri e procedure di check in a bordo, procedure di controllo documenti ). I ragazzi dell indirizzo professionale amministrativo segretariale ( ex segretaria d azienda) e dell indirizzo tecnico

11 VITA D ISTITUTO stati coinvolti invece in un percorso formativo dal nome L arte del comunicare promosso dall associazione Nartea attraverso il quale i partecipanti hanno appreso e acquisito competenze comunicative ed organizzative basilari, fondamenti di linguaggi multimediali, strategie di comunicazione di produzione culturale attraverso programmi informatici e social network, nell uso dell inglese tecnico e nella gestione di una realtà produttiva culturale-turistica. Una esperienza a cui hanno partecipato solo i candidati più meritevoli spiega il Prof. Alessandro Marino, selezionati a seguito di un vero e proprio colloquio, probabilmente il primo della loro vita, in cui sono state testate le capacità relazionali, motivazionali, di adattamento e i principali requisiti comportamentali. Un esperienza bellissima che pur se di pochi giorni ci ha aiutato a crescere, maturare, conoscere persone nuove e soprattutto ad interfacciarci col mondo del lavoro, racconta Martinela una ragazza della VC, oppure ancora Carolina che grazie a questo viaggio ha deciso di non abbandonare più gli studi ma di continuare la rincorsa verso i propri sogni. Un progetto dunque rivelatosi anche strumento per la lotta contro la dispersione scolastica. Giunti al termine del percorso, Giovedì 16 Marzo 2017 alle ore 17 presso la sede dell Istituto Einaudi Casaregis Galilei, avrà luogo la cerimonia conclusiva del progetto in cui la Preside Miria Carpaneto, conferirà ai quaranta partecipanti l attestato di alternanza scuola lavoro valido per la certificazione di 32 ore di Alternanza.

12 REPORT BABY DAY: COSA PREOCCUPA VERAMENTE? IN UN PAESE SOVRAPPOPOLATO E CEMENTIFICA- TO COME IL NOSTRO dove ogni anno la popolazione aumenta di parecchie decine di migliaia di unità a causa dell immigrazione (l ISTAT fa i calcoli solo sui residenti ufficiali e sugli italiani che sono in lieve calo e non sulla popolazione reale) e il territorio viene eroso dal cemento di centinaia di migliaia di ettari ha senso lanciare una campagna per l incremento demografico? Quali preoccupazioni nasconde la propaganda? A) UNA FORMA DI NUOVO RAZZISMO? L'italia diventa sempre più popolata da persone non autoctone (originarie del luogo) e diminuisce leggermente il numero di "italiani d.o.c.". B) UN PROBLEMA DI RELIGIONE? Con gli immigrati provenienti soprattutto dalle zone islamiche aumentano i musulmani a scapito dei cattolici C) L ESATTO CONTRARIO delle due tesi precedenti. Attraverso i dati ISTAT e un allarmismo pilotato ad arte (la popolazione dei cittadini italiani regolari è solo in lieve calo come si vede dalla tabella) si cerca di far pressione per dare una cittadinanza in massa agli immigrati. D) UM PROGRAMMA DI DESTABILIZZAZIONE ECO- NOMICA fornendo mano d opera a basso costo e inducendo a far abbassare i salari? Nella tabella a lato l andamento della popolazione reidente documentata (quanta quella non censita?) PIU' L'AMBIENTE E' SOVRAPPOPOLATO PIU' E' DIFFICILE DA CONTROLLARE, AUMENTANO QUINDI CRIMINI. La soluzione non sta in una corsa a chi fa più figli (di recente l appello di Erdogan, presidente turco: fate almeno cinque figli e l Euirupa sarà vostra!) ma al contrario nell attenta regolamentazione della distribuzione della gente sul territorio senza pregiudizi tra italiani e stranieri ) rispettando l'ambiente naturale. IL PROBLEMA DEVE ESSERE VISTO ANCHE FUORI PARROCCHIA-ITALIA. La popolazione mondiale aumenta di all anno in un pianeta sempre più povero di risorse e sempre più avvelenato dalla spazzatura umana. Diminuisce in modo allarmante la biodiversità a causa dell antropizzazione dell ambiente (in poche parole sempre più strade, case e cemento con relativa spazzatura). Insomma è proprio il caso di preoccuparsi se in un piccolo punto del pianeta gli italiani non fanno tanti figli come i conigli? Bisogenerebbe premiarli perché fanno un bene all ecosistema! VIVA LA QUALITA UMANA che apprezza la cultura, il sapere e la bellezza e che non si considera in base alla produzione di figli come volevano i dittatori del passato e vogliono quelli del presente (Gli uomini non sono conigli! Papa Francesco) Accanto la foto reclamizzata dal ministero e poi sequestrata (con licenziamento del direttore grafico) in quanto considerata razzista. Si vede infatti a sinistra una persoa di colore. Eppure sarà ben passata in mano ai responsabili?? O si fanno fare le cose senza neppuren guardarle?

13 In un paese di disoccupati ha senso una campagna per far crescere nuove generazioni bisognose di sussidi e senza lavoro? Studiando economia emerge chiaramente che la forza lavoro produce ricchezza ma quando questo potenziale non è impiegato si traduce nel suo contrario ossia produce povertà avendo bisogno di sussidi ed assistenza. Ed è quanto sta accadendo in Italia. Ha dunque senso fare una campagna per avere più figli quando questi finiranno in buona parte ad alimentare la massa già esi REPORT stente di disoccupati? Non ha più senso aspettare che si smaltisca da sola? Ai disoccupati D.O.C italiani si aggiungono ogni anno decine di migliaia di persone della comunità europea ed altre decine e decine di migliaia di e- xtracomunitari che chiedono lavoro. SOTTO LA SITUAZIONE MONDIA- LE: POPOLAZIONE E ECONOMIA l'aumento della popolazione mondiale (80 milioni l'anno a partire dai 7 miliardi attuali causa la distruzione dell'ambiente naturale per far posto a nuove aree abitabili e spazi agricoli per sopperire ai bisogni alimentari della popolazione. Lo sfruttamento delle risorse per dare energia e l'industrializzazione crescente causa Un inquinamento ed avvelenamento sempre più massiccio dell'ambiente che si ripercuote sulla salute. Per soddisfare la crescente richiesta di cibo aumenta l uso di pesticidi e conservanti. diminuiscono tutte le specie animali e le varietà vegetali non avendo più spazio. Molte scompaiono e stanno scomparendo. la concentrazione umana favorisce l'incremento delle devianze psichiche ( come succede negli esperimenti di sovrappopolazione coi ratti ). la ricerca di accaparrarsi le materie prime e la difesa del benessere aumenta il rischio di intolleranze su base etnica e culturale. Aumenta il rischio di guerre tra i paesi poveri e la conflittualità tra quelli poveri e quelli ricchi.

14 PSICOLOGIA LO SPORTELLO D ASCOLTO A DISPOSIZIONE DI TUTTI GLI STU- DENTI E GLI INSEGNANTI Di Sofia Espinoza, Giulia Angeloni, Alessia Marotta, Stefano Vitiello Abbiamo incontrato la dottoressa Chiara Arena, psicologa, che conduce lo sportello d ascolto per l istituto Euinaudi Casaregis Galilei. La sua utilità è quella di essere di aiuto ad alunni e docenti: basta prendere un appuntamento con lei attraverso il numero telefonico che c è nei volantini. Secondo le difficoltà che lo studente ha si organizzano gli incontri per risolvere gli eventuali problemi. Se la situazione è particolarmente difficile c è sempre il centro giovani viciino alla Fiumara. Riassumiamo il colloquio con la dottoressa nel modo che segue: PERCHE SI SCEGLIA DI FARE PSICOLO- GIA? Secondo la dottoressa Chiara Arena la motivazione fondamentale è quella di conoscere meglio se stessi e gli altri. E un mestiere che può dare tante soddisfazioni. Personali. proprio quello di dare la consapevolezza che gli strumenti per realizzarsi stanno in se stessi.. Conoscendosi meglio si riesce a trovare la propria soluzione. Gli adulti fanno più fatica a mettersi in gioco, sono più rigidi, mentre i ragazzi si riescono ad aprire più velocemente perché più si è piccoli più si è flessibili. Lo psicologo lavora su ciò che vede chiedendo la motivazione di ciò che si fa rendendo così consapevoli di quanto si sta facendo. PARLARE CON LO PSICOLOGO DEI PROPRI PROBLEMI ANZICHE CON GLI AMICI E PIU FACILE IN QUANTO RAPPRESENTA UNO SPAZIO NEUTRO, LIBERO E SENZA GIUDIZIO, E ANCHE PERCHE NE SA UN PO DI PIU ATTRAVERSO LO STUDIO E L ESPERIENZA. E UN PESO ASCOLTARE I PENSIERI DEGLI ALTRI? All inizio può essere difficile in quanto si tende a portarsi dietro la tristezza e i problemi delle persone, poi con l esperienza si riesce a chiuderli in un quaderno di appunti, anche quelli più coinvolgenti dove c è un forte rapporto empatico (sentire molto vicino l altro coi suoi sentimenti). COME SI CAPISCONO LE PERSONE? Secondo diverse teorie l interiorità della persona si rivela attraverso la gestualità e i modi di fare ma è bene tener presente che ognuno è diverso con la sua storia personale per cui l importante è parlare insieme per individuare i problemi sapendo che in ognuno ci sono le risorse per risolverli. Quindi l aiuto che può dare lo psicologo è Ringraziamo la dott.ssa Chiara Arena per la disponibilità

15 VITA D ISTITUTO VIAGGIO D'ISTRUZIONE A FRANCOFORTE: UN'IMMERSIONE NEL CUORE FINANZIARIO D'EUROPA Prof. Daniela Badano Ci accoglie una città dinamica, con palazzi ultramoderni e un sistema di trasporto pubblico molto efficiente. La prima mattina è dedicata alla visita della città. Francesco, la nostra guida, ci spiega che durante la seconda guerra pesanti bombardamenti bellici a tappeto distrussero quasi interamente gli edifici storici del centro. L'originario nucleo abitativo è ora in fase di ricostruzione. Ci viene spiegato che a Francoforte risiedono i maggiori poteri economici e finanziari d Europa. petali disposti attorno ad un gambo centrale. I petali sono uffici e il gambo centrale è un grande atrio che, grazie a un effetto camino, fornisce l aerazione ai piani superiori dell edificio. Giardini alti quattro piani si alternano agli uffici, risalendo il grattacielo, e assicurano a ciascun ufficio una vista sul giardino e sulla città. Al centro la sede della Commertzbank in una veduta al tramonto Visitiamo il Römerberg, la piazza più grande e caratteristica di Francoforte, nonché il cuore pulsante della città antica. Adiacente alla piazza troviamo il Römer, un complesso architettonico con caratterisitici palazzi a traliccio; l edificio centrale è la sede del Municipio fin dal Il gruppo di studenti sotto il simbolo dell'euro nei pressi della sede originaria della BCE Non c'è angolo senza la sede di una banca. Ma il capolavoro che ci mostra è il gigantesco palazzo che accoglie la sede della Commerzbank. Completata nel 1997, è la torre più alta in Europa, con i suoi 300 metri di altezza ed è considerata un decisivo passo avanti nello sviluppo di un architettura più attenta all ambiente. L edificio ha pianta triangolare, composta da tre Attraversando il Römerberg troviamo la Piazza San Paolo, sulla quale si affaccia l omonima Chiesa. È una costruzione densissima di significato per la città. Qui si svolse, tra il 1848 e il 1849, la prima Assemblea Nazionale Tedesca. Non a caso sulla facciata sono istoriate numerose targhe di personalità politiche, simbolo della rinascita democratica in Germania. Ci viene fatta notare la targa di J.F. Kennedy che nel 1963, pochi mesi prima dell'assassinio, tenne un importante discorso sul tema della democrazia proprio nella chiesa di San Paolo.Ci dirigiamo quindi nel luogo di culto maggiormente rappresentativo di Francoforte: il Duomo che con la sua torre di 95 metri che è il simbolo della grandezza cittadina. Rappresenta uno dei pochi edifici storici a resistere parzialmente ai bombardamenti aerei.

16 VITA D ISTITUTO Tra il 1562 e il 1792 vide l incoronazione di ben 10 imperatori. Visitiamo, in estremo silenzio, la sala dell'incoronazione. La città di Francoforte ospita le più importanti istituzioni economiche e finanziarie sia della Germania che dell Unione Europea. Tra queste visitiamo la Banca Centrale Europea, sorta nel 1998, e la Borsa valori, istituita nel Quest ultima è certamente una sede di scambio economico e finanziario tra le più influenti d Europa. Durante la visita ci viene spiegato che il volume di affari è superiore all 80% del valore totale tedesco e circa un terzo di quello europeo. Tra le caratteristiche che ci vengono illustrate ci spiegano che si tratta di un importante mercato secondario: ciò vuol significare che tutte le operazioni di acquisto e vendita di azioni avvengono su titoli già precedentemente collocati sul mercato internazionale. Si differenza, quindi, dal mercato primario, al quale i risparmiatori accedono per comprare titoli appena emessi sulla piazza. New York, ad esempio, rappresenta il tipico mercato azionario primario. Per calcolare l andamento si usa come indice il DAX 30; con questo acronimo, corrispondente a Deutsche Aktien Xchange 30, si indicano i 30 titoli con maggior valore azionario, o capitalizzazione. Tra questi ci sono: Allianz, Deutsche Bank, Siemens. Nel 1997 è stata introdotta una nuova forma di contrattazione elettronica, la Xetra. Le contrattazioni si aprono alle ore 09:00 e terminano alle 17:30. I titoli scambiati, per la maggiore, sono quelli della piattaforma tradizionale di Francoforte; oltre ad azioni estere e ai titoli del Neuer Markt. Quest ultimo rappresenta un ulteriore indice, al quale appartengono le aziende innovative con forti margini di crescita, come l informatica e le telecomunicazioni. Il palazzo della Borsa di Francoforte è caratterizzato, al suo esterno, da due statue che ritraggono un orso e un toro. Per gli specialistici del trading o i conoscitori del linguaggio finanziario, il periodo orso rappresenta un abbassamento delle quotazioni; nella fase toro, invece, si prevede un innalzamento del valore delle azioni dovute all enfasi dei contraenti e alla fiducia nel mercato. Il gruppo davanti al palazzo della borsa tedesca con le tradizionali statue del toro e dell'orso Ci spiegano che le interpretazioni sulla nascita dei due termini sono diverse. Si ipotizza un origine nel mondo anglosassone, riprendendo probabilmente i modi in cui i due animali attaccano l avversario (il toro lo sbalza in alto con l aiuto delle corna, mentre l orso lo atterra). La Banca centrale europea (BCE) è la banca centrale dei 19 Stati membri dell Unione europea che hanno adottato l euro. L' obiettivo principale è mantenere la stabilità dei prezzi nell area dell euro e preservare così il potere di acquisto della moneta unica. La BCE è un istituzione ufficiale dell UE che si colloca al centro dell Eurosistema e anche del Meccanismo di vigilanza unico, per quanto riguarda la vigilanza sulle banche. La missione della BCE è, infatti, servire i cittadini europei salvaguardando il valore dell euro e mantenendo la stabilità dei prezzi. L UE si pone diversi obiettivi (articolo 3 del Trattato sull Unione europea), fra i quali lo sviluppo sostenibile dell Europa, basato su una crescita economica equilibrata e sulla stabilità dei prezzi, su un economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale. Pertanto, la stabilità dei prezzi non è solo l obiettivo primario della politica monetaria della BCE, ma anche un obiettivo dell intera Unione europea. Durante la visita ci viene spiegata l'importanza di mantenere il tasso d'inflazione intorno al 2 % per garantire il giusto livello di crescita economica.

17 VITA D ISTITUTO Viene anche posto l'accento sugli sforzi che in questi ultimi anni di crisi sono stati effettuati per rilanciare l'economia, non ultimo il quantitative easing per consentire ai governi degli Stati di poter finanziare la spesa pubblica con denaro nuovo. Il gruppo all'interno della BCE tra le bandiere degli stati aderenti all'eurosistema Nella foto a destra Il gruppo di studenti davanti alla nuova sede della BCE Nella foto sotto li studenti durante la visita alla mostra della moneta allestita all'interno della BCE: al centro un lingotto d'oro

18 VITA D ISTITUTO SPORT ALL EINAUDI CASAREGIS GALILEI Prof. Laura Ferro IL NUOTO Intervista a Sar Monari Apriamo quest anno una rubrica dove uno studente parlerà del suo sport, per farlo conoscere e per spiegarne le caratteristiche. Sara Monari (2 C) pratica nuoto da molti anni ed è tutta la sua vita. non ho mai avuto problemi per studiare LF: obiettivi? SM: le gare nazionali, entrare nelle prime venti Intervista a Chiara Fiorelli Miglior sportivo dell anno Chiara Fiorelli (2 C Einaudi) è stata eletta miglior sportiva della scuola, anno 2016/17, per aver partecipato alla competizione più prestigiosa, i mondiali di ju jitzu svoltasi ad Atene nel mese di marzo 2017, classificandosi settima. LF: raccontaci qualcosa sul nuoto. SM: la sua particolarità è che si pratica in piscina, in un ambiente che non ci appartiene naturalmente È maschile e femminile; ci sono quattro stili e diverse lunghezze di gara: velocità, mezzo fondo e fondo. È uno sport molto pesante, si lavora in vasca ma anche in palestra. Io mi alleno tutti i giorni ed i sacrifici sono molti. LF: Quali sono i miglior risultati che hai ottenuto e in quali gare? SM: io faccio stile libero, mezzo fondo. Sono arrivata terza agli individuali del trofeo di Albenga 2015 (atleti del nord Italia) 200 m. e sempre terza staffetta 4x200 finali regionali Quinta ai regionali individuali m. LF: ottimi risultati e la scuola? SM: lo sport insegna le regole ed aiuta ad organizzarsi, LF: Uno sport di nicchia, come mai questa scelta? CF: quasi una tradizione di famiglia, lo praticava la mamma che lo aveva conosciuto da uno zio ho iniziato circa 10 anni fa e mi sono subito appassionata. Le prime gare, poi la convocazione agli Europei ed infine quella ai mondiali. LF: ci spieghi le caratteristiche di base di questo sport? CF: fa parte delle arti marziali ed è di origine giapponese. La gara si sviluppa in tre fasi che durano in totale 3 min: calci e pugni, prese al kimono, blocco a terra dell avversario. Durante la gara si acquisiscono punteggi relativi alla tecnica e vince chi ha totalizzato più punti. LF: come è stato partecipare ai mondiali? CF: una grande emozione, un momento indimenticabile tanta agitazione prima però durante la gara tutto si dimentica, ci si concentra e si dà il massimo! LF: quanto ti alleni e come riesci a conciliare l impegno sportivo con quello scolastico? CF: sotto gara mi alleno tutti i giorni, compreso il sabato, ma generalmente 3 volte a settimana. Gli allenamenti sono verso sera quindi riesco a studiare prima; non ho avuto mai problemi. LF: secondo te è uno sport praticabile da tutti a livello economico? CF: l iscrizione alla palestra costa circa 50 euro e 100 euro il kimono.

19 VITA D ISTITUTO costi aumentano se si comincia a gareggiare perché le trasferte sono a carico degli atleti e non della società. Per questi mondiali fortunatamente abbiamo avuto uno sponsor quindi i costi sono stati accettabili. LF: obiettivi? Beh.. sono già arrivata al mondiale quindi Essere chiamata ai prossimi europei e, naturalmente, partecipare al prossimo mondiale Tennistavolo Tornei di classe Si sono svolti nei mesi di dicembre 2016 e gennaio Torneo della scuola: si è svolto nel mese di gennaio ed ha visto protagonisti i vincitori dei tornei di classe. Le gare hanno mostrato un livello di preparazione degli atleti superiore rispetto a quello dello scorso anno con partite molto interessanti. Classifica: 1 classificato Chiarabini Alessio ( 5 B Sia) 2 classidfcato 3 classificato Martini Daniele ( 4 A Sia) Gruppo sportivo Per il primo anno si tiene, in Einaudi, il GS di tennistavolo aperto a tutti gli studenti, con frequenza settimanale. Il gruppo è pensato come torneo e vede diversi iscritti dalle prime alle quinte. Si è aperto in febbraio e si concluderà in maggio. Giochi sportivi Il 23 marzo 2017 la squadra Einaudi composta da Poggi Davide (3 Asia) e Rettagliati Alberto (1 A) ha partecipato alla fase provinciale dei giochi studenteschi. I ragazzi hanno battuto i rivali dell istituto Giorgi 5 a 0 vincendo, quindi, sia le gare individuali che quella a squadra. Il confronto con il Lanfranconi è stato entusiasmante e le due squadre sono state alla pari fino all ultima partita che, purtroppo, si è conclusa con la vittoria degli avversari che hanno, quindi, passato il turno per le fase regionale. Il responsabile delle gare, allenatore e grande tecnico di questo sport, ha fatto i complimenti a Davide per la tattica di gioco ed indicato Alberto come miglior giocatore del girone. Ginnastica artistica e danza Per il terzo anno si è aperto il gruppo sportivo di ginnastica artistica. Il corso prevede, per quest anno, l introduzione di elementi di danza, dalla caraibica alla contemporanea. Il corso è iniziato in gennaio e terminerà in maggio. Calcio Il torneo di calcio Einaudi dell aprile.2017 ha come al solito ha avuto moltissimi iscritti.

20 AMBIENTE ENERGIA RINNOVABILE IN LIGURIA SHOW YOUR GREEN ENERGY MAP Prof. Franca Monzeglio Quanto conosciamo dei siti che si occupano di energia rinnovabile in Liguria? Quanto risparmio energetico producono? E, soprattutto, dove sono localizzati? Prima di iniziare il progetto internazionale Show your green energy map le informazioni a disposizione erano davvero frammentarie. In seguito, grazie a ricerche sul campo, visitando i principali siti liguri di energia pulita, agli studenti delle classi quarte a indirizzo energia e meccatronica dell Istituto Tecnico Industriale Galilei si è dischiuso un mondo! Affiancati dagli studenti di ben 14 scuole superiori europee, i nostri ragazzi si sono confrontati tra loro, hanno studiato, presentato ricerche, documentato con foto e video i siti visitati, intervistato chi produce e utilizza l eolico e il solare ogni giorno, a- nalizzato gli aspetti scientifici, statistici, matematici, informatici, dando vita a una mappa che localizza i principali impianti di energia pulita. E così, partendo da informazioni generali recuperate su Internet, la ricerca si è via via sviluppata portando a una e vera e propria geo-localizzazione dei più importanti siti che fanno uso di pannelli solari, pale eoliche, impianti idroelettrici, geotermici e biomassa. Attraverso una particolare applicazione, realizzata appositamente per il progetto, gli studenti hanno creato una Google Map che consente di localizzare i siti di energia rinnovabile in Liguria. Ogni puntatore individua un impianto energetico pulito del quale è possibile conoscere le principali caratteristiche tecniche, cliccandovi sopra semplicemente. Le informazioni riportate per ognuno dei siti analizzati sono il frutto delle ricerche effettuate personalmente dai raga zzi, sulla base di studi matematico-statistici, tecnici, informatici e anche linguistici, poiché tutto il materiale è stato realizzato in inglese. A destra. Pannelli fotovoltaici e prototipo di centrale solare a torre realizzato dall Ingegner Francia all Istituto Marsano

21 AMBIENTE Affiancati dai proff. Franca Monzeglio, Roberta Repetto e Matteo Bertazzoni, gli studenti del Galilei hanno potuto avvicinarsi in modo personale e autentico alle energie sostenibili, grazie alle visite all Istituto Tecnico Agrario Marsano di Sant Ilario, in cui è stato realizzato il primo prototipo di pannello solare risalente agli inizi del Novecento, e al Parco Pesea di Coronata, dove una sola pala eolica e alcuni inseguitori solari producono il fabbisogno di un intera azienda agricola e delle abitazioni circostanti. L ottima qualità del lavoro compiuto dai nostri ragazzi ha portato a gratificazioni anche dal punto di vista personale. Agli studenti del Galilei, infatti, sono arrivate le congratulazioni dalle scuole europee che hanno collaborato al progetto e che hanno sviluppato le proprie mappe secondo i diversi Paesi di appartenenza (Slovenia, Romania, Francia, Repubblica Ceca, Serbia, Turchia, Bulgaria, Germania). Oltre alle competenze tecniche, matematiche, informatiche e linguistiche, i ragazzi hanno potuto sviluppare anche un senso critico più consapevole sull uso delle energie rinnovabili nella vita di tutti i giorni, accrescendo la consapevolezza che un mondo più pulito e sostenibile è possibile. Classi quarte dell Istituto Galilei in visita al Parco Pesea di Genova Coronata Classi quarte dell Istituto Galilei in visita all Istituto Marsano di Genova Sant Ilario

22 AMBIENTE Liguria, criticità inquinamento in sedici dei ventiquattro punti monitorati La Haven era una superpetroliera di tipo VLCC(Very Large Crude Carrier), ossia nave cisterna di grandissime dimensioni adibita al trasporto di greggio, di 344 m di lunghezza. Il naufragio della petroliera Haven è stato un grave incidente marittimo, avvenuto l'11 aprile 1991 nel tratto di mare davanti a Voltri (golfo di Genova) e causato da una grande esplosione avvenuta a bordo. Al seguito della esplosione si ebbe l'incendio del combustibile trasportato dalla nave che venne riversato in fiamme sul mare dalle cisterne esplose Dopo la fase iniziale di incendio del combustibile versato in mare, la nave venne trainata al largo di Arenzano; per una fortunata serie di coincidenze (mare calmo, assenza di vento), la maggior parte del combustibile fu esaurito dalla combustione durata più giorni. In seguito il relitto affondò, e si trova su un fondale di circa 85 metri Legambiente: Adeguare le reti fognarie, effettuare maggiori controlli e intervenire sugli scarichi abusivi ancora presenti. Per una regione che vive di turismo è doveroso risolvere definitivamente il problema della depurazione. Blitz di Goletta Verde sulla depurazione a Lerici: Che vergogna! Cariche batteriche elevate per sedici punti sui ventiquattro monitorati lungo le coste liguri: nel mirino ancora una volta principalmente foci di fiumi, canali e scarichi che continuano a immettere in mare sostanze inquinanti, con gravi rischi non soltanto per l ecosistema marino ma anche per la stessa salute dei bagnanti. Per questo vengono prese in esame le foci dei fiumi, torrenti, gli scarichi e i piccoli canali che spesso troviamo sulle nostre spiagge: queste situazioni sono i veicoli principali di contaminazione batterica dovuta all insufficiente depurazione dei reflui urbani che attraverso i corsi d acqua arrivano in mare. Inquinamento da petrolio: il caso della Haven nelle acque antistanti Arenzano. Si tratta del più grande relitto visitabile da subacquei del Mediterraneo, e uno dei più grandi al mondo. L'affondamento causò la perdita di migliaia di tonnellate di petrolio che almeno in parte, nelle sue componenti più dense, ancora oggi permangono nei fondali marini antistanti Genova. Da allora si sono succedute diverse operazioni di bonifica che hanno prosciugato gran parte del greggio da fondali, coste e spiagge. Oggi la Haven, da protagonista di un disastro ambientale, si è trasformata in un ecosistema di grande interesse scientifico, dove vivono ostriche, nudibranchi e alcionari, piante come gli anemoni goiello e pesci di varie specie, saraghi, ricciole, scorfani, cernie, murene e aragoste.

23 AMBIENTE Spiagge conservate Molte delle spiagge liguri non sono ben conservate (ad esempio il mare di Voltri,pegli,foce ) però ci sono alcune spiagge ben conservate (ad esempio quella di s. fruttuoso o quelle delle cinque terre). Queste zone si sono conservate grazie all istituzione dei parchi naturali. La spiaggia delle cinque terre si trova nella provincia di La Spezia. La spiaggia di San Fruttuoso si trova nel parco di Portofino. nella presenza di specie rare, quanto nella coesistenza di un gran numero di comunità vegetali e animali. Oltre alla gran varietà di specie di alghe, troviamo oltre 150 specie di spugne, corallo nero, stelle marine. I fondali di Portofino sono famosi anche per la presenza del corallo rosso. Questo animale coloniale prospera in ambienti poco illuminati, in acque pure e fresche e non sopporta eccessivi sbalzi di temperatura. Tali condizioni si ritrovano in vari ambienti dei fondali di Portofino, soprattutto nella fascia di litorale sud, tra Punta Chiappa e Punta di Portofino. Le specie ittiche che nuotano nelle acque dell AMP sono tantissime, dalle cernie alle orate, non mancano le occhiate, i saraghi e le tanute (Spondyliosoma cantharus), ed alcuni labridi, come il tordo (Labrus turdus) e la donzella pavonina L intera area dell AMP è compresa nel Santuario Pelagos per i mammiferi marini, area specialmente protetta di interesse mediterraneo, costituita Riserva Marina Portofino è un area di grande interesse per la conservazione della biodiversità del Mediterraneo: il rapido susseguirsi di diversi livelli di profondità, l'eterogeneità della natura del fondo, le diverse condizioni di illuminazione ed esposizione alle correnti determinano una grande ricchezza di microambienti in cui vivono numerosissime specie animali e vegetali di grande interesse scientifico ed economico. I fondali marini rappresentano davvero un fiore all'occhiello per il parco: scendono vertiginosamente a profondità altissime con un'alternanza di ambienti davvero spettacolari con una ricca presenza di essenze vegetali e presenze animali, nel fondale marino vi è pure una statua di Cristo, si chiama Cristo degli Abissi, è una statua bronzea posta nel 1954 sul fondale della baia di San Fruttuoso, tra Camogli e Portofino. Notevoli praterie di posidonia e gorgonie gialle, rosse e arancione, e corallo accendono di vita i fondali, vera attrazione per i sub di tutto il mondo. Il pregio principale dei fondali di Portofino sta non tanto nel 1999 grazie alla collaborazione tra Francia, Principato di Monaco e Italia (Liguria, Toscana e nord della Sardegna). Il santuario, che si estende per Kmq, ha caratteristiche ambientali peculiari che hanno consentito l instaurarsi di una catena trofica ("chi mangia chi" all'interno di un ecosistema) favorevole ai cetacei. Nell area del Santuario si stima la presenza di un migliaio di balene, fra stenelle, tursiopi e delfini comuni; e ancora grampi, capodogli, zifi e globicefali, oltre a occasionali balenottere minori, che in queste acque trovano le condizioni necessarie sia all'approvvigionamento del cibo, sia alla riproduzione.

24 AMBIENTE Tra i molluschi è molto diffuso il mollusco ciprea lurida gasteropode appartenente alla famiglia delle Cypraeidae, dalla bella conchiglia lucida di colore grigio/arancio.che già nel XV secolo contraddistingueva questa zona compresa tra i borghi di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, anticamente detti appunto Cinque Terre. nord della Sardegna). Il santuario, che si estende per Kmq, ha caratteristiche ambientali peculiari che hanno consentito l instaurarsi di una catena trofica ("chi mangia chi" all'interno di un ecosistema) favorevole ai cetacei. Nell area del Santuario si stima la presenza di un migliaio di balene, fra stenelle, tursiopi e delfini comuni; e ancora grampi, capodogli, zifi e globicefali, oltre a occasionali balenottere minori, che in queste acque trovano le condizioni necessarie sia all'approvvigionamento del cibo, sia alla riproduzione. Man mano che si scende più in profondità aumenta la varietà della fauna bentonica Le specie ittiche che nuotano nelle acque dell AMP sono tantissime, dalle cernie alle orate, non mancano le occhiate, i saraghi e le tanute (Spondyliosoma cantharus), ed alcuni labridi, come il tordo (Labrus turdus) e la donzella pavonina L intera area dell AMP è compresa nel Santuario Pelagos per i mammiferi marini, area specialmente protetta di interesse mediterraneo, costituita nel 1999 grazie alla collaborazione tra Francia, Principato di Monaco e Italia (Liguria, Toscana e

25 AMBIENTE I LAGHI DEL GORZENTE: LA STORIA DELL ACQUA A GENOVA più riempito. L acqua a Genova ha storia antica. Sono presenti in città antichi canali risalenti al periodo romano; in città col tempo vi era sempre più bisogno di nuovi acquedotti perché l industria cresceva e anche con l aumento della popolazione salivano le esigenze igieniche. Le prime centrali idroelettriche costruite nella zona di Isoverde sfruttavano la caduta dell acqua proveniente dai laghi del Gorzente, producendo energia per la città. I LAGHI DEL GORZENTE I laghi del Gorzente sono un gruppo di tre invasi artificiali dell Appennino Ligure che alimentano gli acquedotti di Genova, i Laghi del Gorzente si trovano in provincia di Genova e furono creati artificialmente negli anni 80. I laghi sono : Badana, lungo (o Bigio) e lago Lavezze o Bruno. AL lago Badana dell acqua è rimasto solo il ricordo. Una grande pozza vuota con erbacce e arbusti che da dieci anni hanno preso il posto dello storico bacino. Una diga artificiale che portava fino a cinque milioni di metri cubi d acqua al giorno nelle case dei genovesi, dal ponente al centro città. Sul fondo si intravedono ancora i segni delle ultime piogge ma persino gli appassionati del Gorzente non se lo ricordano più quando uno dei tre laghi artificiali dell Appennino ligure è scomparso. Svuotato, a febbraio 2006, per motivi di sicurezza a causa di infiltrazioni e, da allora, mai LA POTABILIZZAZIONE: La potabilizzazione consiste nell'insieme dei procedimenti volti a rendere l'acqua idonea al consumo umano, ha il compito di rimuovere le sostanze chimiche preservandole dai microrganismi patogeni. Le acque captate dal complesso dei laghi del Gorzente, una volta utilizzate dalla centrale elettrica di Isoverde, vengono incanalate verso l'impianto di potabilizzazione, dove dopo la potabilizzazione, vengono distribuite all'utenza. Il trattamento delle acque all'interno dell'impianto consiste in: preclorazione;, chiariflocculazione;, filtrazione con filtri a sabbia;, clorazione finale. Nella prima foto i canali dell acquedotto genovese. Di seguito uno dei laghi del Gorzenjte. A lato i curatori di queste ricerche sotto laa guida della prof. Viliana Pasero

26 AMBIENTE Un rischio per tutti! Milioni di tonnellate di plastica nel mare Pasca & PInzaru 1AEE A farne le spese sono gli esseri viventi.se l immondizia danneggia la flora e provoca il soffocamento e la menomazione degli animali marini, le particelle vengono spesso ingerite da organismi che poi finiscono nei nostri piatti. Con effetti che, anche se gli studi in merito sono ancora agli inizi, sembrano dannosi Circa il 32% degli oggetti di plastica a livello globale sfugge ai sistemi di raccolta e viene abbandonato in natura. Un mare di spazzatura, insomma, che inonderà la Terra e non darà futuro alle catene alimentari degli oceani di tutto il mondo. Gli oceani contengono oltre 165 milioni di tonnellate di plastica e cioè,ogni giorno, finiscono nelle loro acque 731 tonnellate di rifiuti in plastica Nel mar Mediterraneo,uno tra i mari più inquinati,ne finiscono almeno 8 milioni di tonnellate all'anno:il problema,però, non riguarda solo la oggetti di grandi dimensioni,come le bottiglie (che spesso formano delle vere e proprie i- sole in mezzo all acqua), ma anche i rifiuti che non riusciamo a vedere: la concentrazione delle microplastiche al largo delle nostre coste è persino maggiore di quella del Pacifico.Il problema più grosso sono le microplastiche: il 92 % della plastica presente è più piccola di 5 millimetri.la distribuzione delle microplastiche non è omogenea.a peggiorare la situazione c è il fatto che il Mediterraneo è un mare chiuso. anche per l uomo. L isola di plastica non è altro che un ammasso di immondizia che vaga nell oceano Pacifico. L accumulo è noto da molto tempo, da almeno alla fine degli anni 80, e ha un età di oltre 60 anni. Un gigantesco vortice di correnti superficiali ha concentrato in quest area i rifiuti formati principalmente da materiali plastici gettati o persi da navi in transito, o scaricati in mare dalle coste.gli effetti che l isola di plastica ha nei confronti dell ambiente non sono ancora stati studiati in maniera approfondita, ma sicuramente hanno un incidenza sull ambiente alquanto elevata.le condizioni ambientali in questo ultimo periodo storico sono alquanto peggiorate, determinando situazioni sempre più allarmanti e preoccupanti. Se non iniziamo davvero ad interessarci nel nostro ambiente, le conseguenze le pagheranno i nostri figli e nipoti. Stiamo attenti ai sacchetti e alle bottigliette! Non disperdiamole nell ambiente per non avvelenarci!!!

27 VITA D ISTITUTO Questo è il nome di un progetto di Educazione alla Salute portato avanti dal nostro Istituto, che ha come obiettivo l informazione e la promozione di stili di vita sani e corretti. Nell ambito di questo progetto, la Commissione di Educazione alla Salute ha organizzato quattro incontri, tenuti dal dott. Pizzaferri dell ospedale Galliera, aventi per oggetto il vizio del fumo e il tema delle dipendenze. Gli incontri, svolti nei due plessi della scuola, sono stati rivolti ai ragazzi delle terze e delle quarte del nostro Istituto. squadre di calcio, con calciatori. Il dott. Pizzaferri, gentilmente e a titolo gratuito, ha messo la Sua professionalità a servizio dei nostri studenti, affrontando le varie tematiche non solo dal punto di vista tecnico ma anche umano e riuscendo, grazie ad una dialettica espositiva chiara e accattivante, a suscitare l interesse dei nostri alunni ed a coinvolgerli in dibattiti che li hanno portati a riflettere ed a dirimere dubbi. Alla fine di ogni incontro il dottore ha consegnato agli studenti che lo desidera vano dei poster di varie firma autografa dei Il nostro Istituto ringrazia di cuore il dottor Pizzaferri per la gentilezza, disponibilità e per la passione dimostrata, con l auspicio di poter continuare questa proficua collaborazione anche per il prossimo anno e si propone di portare avanti questo ed altri progetti per aiutare gli studenti ad evitare comportamenti pericolosi o dannosi per la propria salute. prof. Simona Viscuso

28 REPORT I PUNTI FONDAMENTALI PER LA CIVILTA I GIOVANI HANNO ABBAN- DONATO LA POLITICA? Da quanto è emerso discutendo tra noi i giovani non hanno abbandonato l'interesse per la politica ma un modo di intenderla basato sulla competizione come fosse tra squadre di calcio. La politica è FARE L'INTERESSE COMUNE rispettando i vari punti di vista ma non gli egoismi. E qui sta appunto quanto i giovani rifiutano: fare politica per guadagnare, avere privilegi, sentirsi importanti, sporcarsi le mani facendo affari, piazzare parenti e amici. Basta prime donne e papaveri tracotanti ma buoni impiegati che fanno bene il loro mestiere senza dar spet-tacolo!!! Bisogna insomma cancellare il modo di intendere la politica, applicare delle regole di onestà rigorose soprattutto per quanto riguar-da la corruzione che sta soffocando l'italia e le prospettive di noi giovani. LA MIA LIBERTA FINISCE DOVE COMIN- CIA QUELLA DEGLI ALTRI. Questo significa che non devo essere libero di fare quello che voglio ma solo quello che non crea danno agli altri e alle cose. L INTERESSE GENERALE VIENE PRIMA DI QUELLO INDIVIDUALE Ossia i propri interessi non devono andare contro quelli degli altri. LO STATO E UNA CASSA COMUNE E DI-STRIBUISCE I SERVIZI A TUTTI. I parassiti che sfruttano il bene comune devono essere pu-niti. NON CI SONO DIRITTI SENZA DOVERI Tutti devono dare il loro contributo al sociale, ognuno può essere utile secondo le sue abilità e capacità, non importa il ruolo che svolge, se è fatto bene anche il più umile è prezioso! IL RIMEDIO PRINCIPE PER LA SITUAZIO- NE POLITICA ATTUALE Noi studenti veniamo sempre messi alla prova per vedere se abbiamo studiato e non abbiamo copiato i compiti. Sarebbe strano che anche i politici non debbano anche loro essere controllati dai cittadini che li hanno eletti? Chi fa politica deve essere regolarmente messo alla prova dalle forze dell'ordine con attori che cercano di corromperli. Se si lasciano corrompere manette! Insomma chi fa politica deve essere integerrimo e non pensare che l'occasione fa l'uomo ladro! BASTA INTOCCABILI!!! E ALLORA SI RI- COMINCIA A FAR BUONA POLITICA!!! Le leggi vanno rispettate da tutti e non devono essere fatte e disfatte per proteggere e favorire chi le fa.

29 VITA D ISTITUTO THE GAME IN YOUR DREAM (educare attraverso il gioco) prof.monzeglio Educare attraverso il gioco: questo è l approccio seguito nel corso dell etwinning che ha visto protagonisti, oltre ai ragazzi della classe II AMM dell Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei, altrettanti studenti provenienti da diverse scuole europee. I Paesi rappresentati (Turchia, Georgia, Bulgaria, Portogallo e Italia, ovviamente) si sono sfidati a colpi di parole crociate, indovinelli, giochi di parole e problemi logico-matematici. Lo scopo principale era quello di imparare divertendosi, creando, immaginando, progettando, comparando, facendo dell attività ludica, insomma, un punto di incontro per ragazzi di diversa provenienza culturale. Dopo essere stati divisi in gruppi, gli studenti del Galilei hanno realizzato diverse tipologie di gioco, utilizzando gli strumenti tecnologici e informatici a loro più congeniali: un file Excel per uno schema di parole crociate, uno di Paint per una figura da ricavare, uno di Word per indovinelli e uno di Scratch per una situazione animata in cui il giocatore può accumulare punti o perderne, se non riesce a dare la soluzione in tempi prestabiliti. In questo modo, ogni ragazzo ha potuto rafforzare le proprie competenze logico -matematiche e anche linguistiche, considerato che il progetto internazionale si è svolto in inglese. In un clima di sereno scambio e attiva collaborazione, dapprima i gruppi della classe II AMM si sono affrontati l uno con l altro, in modo da testare l efficacia di quanto creato (ogni gioco era corredato da regole e istruzioni e, ovviamente, da soluzioni, anche se raccolte in file separati); in seguito hanno pubblicato i loro lavori sulla piattaio ma etwinning affinché i loro coetanei europei potessero partecipare. Così facendo, anche le competenze personali di cittadinanza attiva ne hanno ricavato beneficio. Inventare e creare sono aspetti fondamentali nella crescita di ogni individuo e confrontarsi con gli altri è altrettanto importante. Grazie al progetto internazionale The game in your dream, gli studenti coinvolti hanno potuto combinare l attività ludica a quella educativa, migliorare le loro competenze di problem solving, rafforzare le proprie abilità cognitive e di ragionamento, confrontarsi con coetanei e sfidarsi in modo divertente e accattivante. Inoltre, tutti i giochi realizzati dai ragazzi che hanno partecipato al progetto saranno raccolti in una piccola pubblicazione e saranno il frutto delle competizioni online e delle discussioni sul blog, creato appositamente sulla piattaforma etwinning. Le ricadute non saranno a uso esclusivo dei giovani giocatori, ma anche degli insegnanti, che potranno avvalersi di nuovi strumenti educativi coinvolgenti e innovativi, proprio perché realizzati da ragazzi provenienti da culture diverse, ma tutti con il comune scopo di imparare divertendosi.

30 REPORT GIUSEPPE DI MATTEO IL RAGAZZO CHE HA SCONFITTO LA MAFIA RICERCA DI: SARA MONARI, CHIARA FIORELLI, GIORGIA CIGNA, ANDREA CERNETKI E ALBERTO TERRANA. 2^C (prof. Petruzzello) Figlio di un pentito, fu rapito e dopo due anni di prigionia sciolto nell acido. Un delitto che cambiò la percezione di Cosa Nostra nel Paee. Il carceriere ammise: quel gesto fece perdere ai boss il rispetto della gente. Giuseppe Di Matteo è stato ricordato a San Giuseppe Jato, con una iniziativa voluta dal Coordinamento di Libera e dal Comune, presso il Giardino della memoria di contrada Giambascio, nel casolare trasformato in prigione degli orrori. Anche a Palermo una celebrazione con il sindaco ha omaggiato la memoria del bambino sciolto nell acido. Fu una pagina atroce nella storia d Italia, ma che segnò anche la repulsione per la mafia. Giuseppe Di Matteo è stato ricordato a San Giuseppe Jato, con una iniziativa voluta dal Coordinamento di Libera e dal Comune, presso il Giardino della memoria di contrada Giambascio, nel casolare trasformato in prigione degli orrori. Anche a Palermo una celebrazione con il sindaco ha omaggiato la memoria del bambino sciolto nell acido. Fu una pagina atroce nella storia d Italia, ma che segnò anche la repulsione per la mafia..era stato rapito il 26 novembre del 1993 e avrebbe compiuto quindici anni il 19 gennaio: la sua unica colpa, essere il figlio di un pentito, Santino Di Matteo, che aveva iniziato a collaborare con la giustizia e a raccontare particolari sulla strage di Capaci e che la mafia voleva ricattare per farlo tacere. Secondo i racconti processuali del pentito Gaspare Spatuzza, che prese parte al sequestro il 26 novembre Spatuzza. del 1993, i mafiosi si travestirono da poliziotti per ingannare il bambino, facendogli credere di poter rivedere il padre in quel protezione periodo sotto lontano dalla Sicilia. «Agli occhi del bambino siamo apparse degli angeli, ma in realtà eravamo dei lupi. Lui era felice, diceva: Papà mio, amore mio», ha raccontato Fu Brusca a ordinare di sciogliere il corpo nell acido. Il boss (una volta tanto gelido da essere stato prescelto per premere il pulsante assassino che mise fine alla vita di Giovanni Falcone, della moglie e della scorta) non ragionava più. L uccisione del bambino divenne un boomerang per le famiglie mafiose. Giuseppe Monticciolo, carceriere del piccolo Di Matteo, anno dopo ammise: «Per fermare il pentito Di Matteo abbiamo scelto il ricatto più ignobile, prendergli il figlio. Così credevamo di aver risolto il problema ma invece andò a finire che quel bambino morto ammazzato, un bimbo, sconfisse la mafia. Fu peggio di una sconfitta militare, perché Cosa nostra perse la faccia e il rispetto della gente». MAFIA E SPORCIZIA! MAFIA E VIGLIACCHERIA!

31 AMBIENTE dell inquinamento chimico sulla flora e sulla NATURAL RESERVES fauna), chi ha trattato particolari episodi avvenuti nella nostra regione gravemente provata Nell ambito di un progetto internazionale dal dall inquinamento prodotto dall uomo titolo We need to protect our natural reserves, gli studenti della classe I AMM dell Is- (l affondamento tituto Tecnico Industriale Galileo Galilei hanno affrontato alcuni fra i più importanti temi di educazione ambientale, trattando delle principali riserve naturali del territorio ligure e dei danni che l ambiente può subire sia per cause naturali sia per la negligenza dell uomo che non se ne prende cura. Affiancati dalla docente di scienze della terra, prof.ssa Viliana Pasero, e da quella di inglese, della petroliera Haven di prof.ssa Franca Monzeglio, i ragazzi hanno prodotto delle accurate ricerche, insieme ai loro coetanei provenienti da diverse scuole europee (Turchia, Ucraina, Estonia e Georgia i Paesi coinvolti). Ogni studente ha preso in esame un diverso tema ambientale e lo ha trattato secondo la visione che un adolescente ha nei confronti della natura. Chi si è occupato delle principali riserve naturali presenti sul nostro territorio (i laghi del Brugneto, quelli di Lavezzi e il lago d Orta, per esempio, o le acque termali della Liguria), chi ha affrontato il tema dell inquinamento ambientale (le piogge acide, il fenomeno dell eutrofizzazione, gli effetti fronte alla costa di Arenzano) o dalla natura stessa (gli effetti dell alga tossica che per molto tempo ha tenuto in scacco gran parte della costa ligure): tutto questo e molto altro è stato osservato dai ragazzi che hanno dato una visione personale e consapevole nelle proprie ricerche.

32 AMBIENTE NATURAL RESERVES I lavori creati sono stati pubblicati sulla piattaforma etwinning affinché, insieme ai loro coetanei europei, i ragazzi potessero scambiare fra loro idee e impressioni. In questo modo, anche le competenze personali di cittadinanza attiva sono state sviluppate. Gli studenti del Galilei, infatti, si sono confrontati con gli altri ragazzi europei, venendo a contatto con culture diverse e, nello stesso tempo, hanno imparato differenti approcci all ecologia. Grazie al progetto internazionale We need to protect our natural reserves, la classe ha appreso quanto importante sia proteggere l ambiente per costruire un futuro sostenibile. Inoltre, in una serena atmosfera di scambio culturale, i ragazzi coinvolti hanno potuto confrontare soluzioni, combinando le reciproche idee per rendere l ambiente che li circonda il migliore possibile. Uno degli scopi principali del progetto, infatti, è stato proprio quello di sensibilizzare i giovani verso il tema dell educazione ambientale e renderli maggiormente consapevoli e rispettosi del loro territorio. Le ricerche prodotte, tutte rigorosamente in inglese, confluiranno in un unico e-book che conterrà slogan, articoli, presentazioni, video e, in generale, tutto il materiale creato ai ragazzi. Franca Monzeglio

33 VITA D ISTITUTO SCAMBIO CULTURALE CON IL PRIMO LYKEIO DI ATENE Prof. Franca Monzeglio Durante lo scorso anno scolastico, gli allievi delle classi terze a indirizzo meccatronica ed e- nergia dell Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei si erano cimentate in un progetto internazionale dal titolo How is it living in the Mediterranean Sea? in collaborazione con il Primo Lykeio di Glyfada, Atene. Gli studenti delle due scuole coinvolte avevano affrontato insieme diversi temi: da quello sociale a quello politico, da quello culturale a quello religioso, da quello linguistico-letterario a quello storico. Il progetto etwinning si era rivelato da subito l occasione ideale per mettere a confronto due realtà, quella italiana e quella greca, secondo il punto di vista di teenagers che vivono in due diversi Paesi mediterranei, accomunati da storia e tradizioni, così simili eppure, nello stesso tempo, così distanti. Per completare il percorso di scambio culturale, restavano da verificare di persona i risultati delle ricerche svolte dai ragazzi. E, finalmente, ad aprile gli studenti del liceo di Atene sono venuti in visita alla nostra scuola. Più di cinquanta ragazzi, accompagnati dal prof. Makis Vavasis e dai suoi colleghi, hanno incontrato le due classi quarte del Galilei in uno straordinario clima di festa e partecipazione. Dopo essere stati accolti e salutati in aula magna, gli studenti greci e italiani hanno presentato le rispettive scuole e città, selezionando una parte dei lavori svolti durante l anno scolastico precedente. Poi, al termine di una breve pausa durante la quale sono stati offerti agli ospiti prodotti liguri come focaccia e canestrelli, i ragazzi ateniesi si sono esibiti in alcune delle danze più caratteristiche del loro Paese. NELLE FOTO SEGUENTI Alcuni momenti dello scambio culturale in aula magna tra i ragazzi dell Istituto Galilei e quelli del Primo Lykeio Visita ai laboratori del Galilei, il sirtaki in palestra e il Museo della Scienza e della Tecnica a Milano

34 VITA D ISTITUTO Il momento più coinvolgente è stato sicuramente quello in cui i giovani greci si sono mescolati ai loro coetanei italiani, invitando tutti a unirsi nel sirtaki, il ballo popolare che ha letteralmente travolto i partecipanti in un vortice di allegria e spirito di comunione. Infine, prima di lasciare la scuola, gli studenti del Galilei hanno organizzato visite guidate ai laboratori dell istituto, spiegando la funzione delle principali macchine utensili e tutte le attività che si svolgono normalmente durante le lezioni di meccanica ed elettronica nei vari locali tecnici della scuola. Purtroppo non è stato possibile continuare la giornata tutti insieme, poiché i ragazzi del liceo ateniese avevano in programma una visita all Acquario di Genova, ma l incontro fra le due scuole è proseguito il giorno seguente a Milano. Dopo aver visitato in mattinata il Museo della Scienza e delle Tecnica, infatti, gli studenti del Galilei hanno raggiunto i loro amici di Atene in piazza del Duomo da dove è partito un breve giro turistico delle principali vie del centro, a cura di uno dei docenti accompagnatori, il prof. Matteo Bertazzoni. Nonostante la pioggia, il pomeriggio è trascorso serenamente, con il rapporto tra i ragazzi delle due scuole che pian piano si trasformava in una bella amicizia. Lo scambio culturale si è rivelato uno straordinario mezzo di comunicazione e interazione che ha reso tutti i ragazzi coinvolti, greci e italiani, cittadini speciali del Mediterraneo.

35 VITA D ISTITUTO Educazione ambientale coi prof. Venturi e Barba presso la scuola media di Rivarolo e al Barabino.di Sampierdarena. E veramente confortante aver notato quanto interesse ed entusiasmo ci sia nei ragazzi nello scoprire l ambiente naturale intorno a noi. La prof. Barba ha parlato, tra l altro, della Poseidonia e del parco delle Biancane mentre il prof. Venturi degli animali in val Polcevera proiettando le sue foto naturalistiche tratte dal suo sito :

36 VITA D ISTITUTO NICE TO MEET YOU Prof. Franca Monzeglio Nell ambito di un etwinning con una scuola polacca e una spagnola, la classe I AMM dell Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei ha partecipato quest anno a uno scambio internazionale dal titolo Nice to meet you, il cui scopo era quello di mettere a contatto tra loro gli studenti provenienti dalle diverse scuole europee, coinvolte nel progetto. E così, partendo da una presentazione di se stessi e dei propri hobby, i ragazzi hanno prodotto delle slide in PowerPoint e degli album fotografici contenenti diverse ricerche, a seconda degli argomenti trattati. Ad ogni studente del Galilei è stato assegnato un particolare sito di interesse culturale e artistico di Genova, da presentare ai coetanei polacchi e spagnoli, i quali hanno fatto altrettanto relativamente alle proprie città. Sono state condotte ricerche sui Palazzi di Strada Nuova, scoprendo curiosità su via Garibaldi e il centro storico genovese che neppure i ragazzi conoscevano. Palazzo Ducale, il Museo di Sant Agostino, la cattedrale di San Lorenzo, la zona del Porto Antico e il Castello D Albertis sono solo alcuni dei siti trattati dagli allievi del Galilei. Inoltre, per rendere più coinvolgente e divertente il rapporto tra i vari allievi, ad ognuno di essi è stato associato un penpal, ovvero un corrispondente polacco e uno spagnolo, con cui scambiare messaggi via mail. Il risultato di questa divertente esperienza è stato entusiasmante! Oltre a instaurare nuove amicizie, i ragazzi hanno potuto osservare, imparare, conoscere nuove realtà attraverso una visione personale e consapevole. Grazie alle ricerche svolte dagli studenti e pubblicate sulla piattaforma etwinning, essi hanno potuto scambiare fra loro impressioni sui differenti stili di vita di adolescenti provenienti da Paesi europei diversi sotto molti punti di vista. Tutto il materiale prodotto è stato realizzato in inglese, la lingua veicolare. In questo modo, gli studenti hanno rafforzato le proprie competenze linguistiche, ma anche e soprattutto quelle di cittadinanza attiva. L intenzione è quella di proseguire il progetto anche nel prossimo anno scolastico, affrontando altre tematiche e, chissà, forse rendendo lo scambio, per il momento solo virtuale, anche concreto, invitando gli allievi polacchi e spagnoli

37 VITA D ISTITUTO NICE TO MEET YOU Alcune slide realizzate dai ragazzi del Galilei sui principali siti di interesse artistico della città Parte delle ricerche sul centro storico genovese evidenziate dagli studenti della I AMM Nella pagina precedente: Dennis, studente del Galilei, Dominika, studentessa della scuola polacca, e Guillermo, spagnolo

38 VITA D ISTITUTO ASSISES JEUNES ET MEDITERRANEE Quest anno a Villefranche-sur-mer abbiamo partecipato alle 17e AssiseJeunes et Méditerranée, assieme a studenti e a rappresentanti di centri di ricerca e di protezione ambientale provenienti da: Algeria, Tunisia, Montenegro, Turchia, Grecia, Albania, Croazia, Spagna, Italia, Libia, Francia e Libano. Lo scorso anno abbiamo svolto un progetto sulla Posidonia oceanica con le proff. Autilia Barba e Rosa Torrini. Abbiamo assistito ad una lezione tenuta dal prof. Paolo Guidetti Dell Università di Nizza e svolto alcune attività educative (giochi, powerpoint) con i bambini della scuola elementare G.Mazzini e della Scuola Media Barabino di Sampierdarena, per sensibilizzarli alla salvaguardia della Posidonia e del mare. in

39 VITA D ISTITUTO in Abbiamo imparato molto sul mare e come proteggerlo Ci siamo messi alla prova presentando il nostro lavoro Abbiamo migliorato le nostre capacità espressive in francese Abbiamo appreso molte cose su culture ed a- bitudini diverse Abbiamo sviluppato un maggior spirito di a- dattamento Nos intentions futures approfondire ulteriormente la nostra conoscenza del mare realizzare nuovi progetti e confrontarci con altri studenti partecipare ad altre esperienze internazionali

40 REPORT NUCLEARE? "...Una catastrofe ben più grande è stata evitata perchè una valvola si è rotta, Siamo salvi perchè miracolosamente nel paese della tecnologia qualcosa non ha funzionato..". Così il giornalista di fukushima-a Nuclear Story trasmessa su Sky termina il suo ottimo reportage. Le lobby del nucleare che hanno con una martellante pubblicità convinto la popolazione e i politici a costruire le centrali, a loro detta sicure al 100%, come al solito pur essendo responsabili del disastro ne escono indenni. Coloro che si opponevano al nucleare venivano dipinti come fanatici senza senso del progresso, ignoranti della potenza della tecnologia e della scienza, stupidi reazionari. Dopo Cernobyl e dopo Fukushima (e altre catastrofi del nucleare meno conosciute) la prudenza è ritornata ma si può star certi che, "con le nuove centrali sarà tutta un'altra cosa : così come predicava il venditore di almanacchi di Leopardi predicheranno le lobby del nucleare e i preti dello scientismo pilotato dagli interessi economici! C'è solo da sperare che presto si trovi il modo di ottenere un'energia meno pericolosa con la fusione nucleare ( la fissione è invece quella attuale) se nò siamo fritti.

41 REPORT DEPRESSIONE E CONSUMISMO: devi sentirti sempre insoddisfatto per comprare e spendere cercando di divertirti senza riuscirci mai davvero.. Creare bisogni illusori, far sentire le persone sempre inadeguate, non accettabili socialmente se non avendo certe cose, questa è stata la strategia vincente che ha permesso agli USA di uscire dalla depressione economica. Da quel momento iniziò il boom della reclame, la gente doveva seguire le regole del mercato che gli diceva cosa comprare e cosa fare. Tutti gli altri stati si adeguarono al nuovo sistema. Un tempo si facevano prodotti utili e ben fatti che dovevano resistere al tempo e che potevano essere riparati. Oggi devono s o l o d a r e nell occhio e durare poco. Le persone devono perdere il vizio di accontentarsi di poco, di quel che serve davvero. Una persona felice di quel che ha, che se lo gode (per esempio una bicicletta, un orto e una casetta che si aggiusta da solo ) è un nemico in questa logica consumistica: bisogna farla sentire fuori dal passo coi tempi e questi tempi sono scanditi dai prodotti commerciali. Il RISULTATO? UN MONDO PIENO DI DEPRESSI E DI SPAZZA- TURA. (prof. N.Venturi) Boom di sordi tra i giovani per i troppi decibel in cuffia, in auto e nelle discoteche!!! In tre anni i ragazzi con problemi di udito sono balzati dal 3% al 4,2%. Sotto accusa Discoteche, musica a tutto volume nell auto o in cuffia e secondariamente i rumori del traffico le cause di questo handicap

42

IIS F. DE SARLO G. DE LORENZO LAGONEGRO A.S. 2017/2018

IIS F. DE SARLO G. DE LORENZO LAGONEGRO A.S. 2017/2018 IIS F. DE SARLO G. DE LORENZO LAGONEGRO A.S. 2017/2018 ACCOGLIENZA INIZIO ANNO SCOLASTICO 11 SETTEMBRE 2017 11 settembre 2017 L accoglienza non è un intervento episodico, non è disponibilità solo nella

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: LA RIFORMA PROTESTANTE BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre le novità portate da Lutero DIDATTIZZAZIONE e

Dettagli

LE ARANCE DI MICHELE. dai 9 anni VICHI DE MARCHI

LE ARANCE DI MICHELE. dai 9 anni VICHI DE MARCHI dai 9 anni LE ARANCE DI MICHELE VICHI DE MARCHI Illustrazioni di Vanna Vinci Serie Arancio n 134 Pagine: 208 Codice: 978-88-566-1303-2 Anno di pubblicazione: 2011 L AUTORE Roberto Denti è rimasto, anche

Dettagli

PlayEnergy: capire l energia con gli strumenti della scienza. Milano, 25 novembre 2009

PlayEnergy: capire l energia con gli strumenti della scienza. Milano, 25 novembre 2009 PlayEnergy: capire l energia con gli strumenti della scienza Milano, 25 novembre 2009 PlayEnergy Nasce da una esigenza della scuola: formazione sui temi dell energia e promozione della scienza Progetto

Dettagli

Mariangela Bruzzone - Giuseppe Anderi Liceo Scientifico VittorinoBernini Genova. Domingo Paola Liceo Issel, Finale Ligure. Francesca Morselli, DIMA

Mariangela Bruzzone - Giuseppe Anderi Liceo Scientifico VittorinoBernini Genova. Domingo Paola Liceo Issel, Finale Ligure. Francesca Morselli, DIMA Mariangela Bruzzone - Giuseppe Anderi Liceo Scientifico VittorinoBernini Genova Domingo Paola Liceo Issel, Finale Ligure Francesca Morselli, DIMA Coinvolge docenti di diverse discipline (Matematica, Lettere,

Dettagli

Proposte per gruppi scolastici A richiesta preventivi specifici per altre destinazioni.

Proposte per gruppi scolastici A richiesta preventivi specifici per altre destinazioni. Whale Watching Avvistamento cetacei San Fruttuoso e Portofino Giro del porto di genova Proposte per gruppi scolastici 2014-2015 A richiesta preventivi specifici per altre destinazioni. Whale Watching Avvistamento

Dettagli

Tutti e tutte coloro che sono impegnati nel WWF hanno uno scopo, che è lo scopo del WWF: la conservazione della natura e dei processi ecologici.

Tutti e tutte coloro che sono impegnati nel WWF hanno uno scopo, che è lo scopo del WWF: la conservazione della natura e dei processi ecologici. IL WWF 2011 LA MISSIONE DEL WWF Tutti e tutte coloro che sono impegnati nel WWF hanno uno scopo, che è lo scopo del WWF: la conservazione della natura e dei processi ecologici. Questo si traduce in una

Dettagli

IL SANTUARIO PELAGOS

IL SANTUARIO PELAGOS NEL MAR MEDITERRANEO È STATA ISTITUITA UNA GRANDE AREA MARINA PROTETTA, IL SANTUARIO PELAGOS, CHE SI ESTENDE PER 87.500 KM 2 TRA L ITALIA, LA FRANCIA E IL PRINCIPATO DI MONACO E COMPRENDE IL MAR LIGURE

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

1 INCONTRO VASTERAS SVEZIA NOVEMBRE

1 INCONTRO VASTERAS SVEZIA NOVEMBRE 1 INCONTRO VASTERAS SVEZIA 10-17 NOVEMBRE 2012 Partecipanti Alunni : Abate Giulio Milione Cristian Docenti: prof.ssa Barrella Gianna prof. Rossi Francesco Arrivo in Svezia: Il giorno 10 Novembre 2012,

Dettagli

PIANO DIDATTICO SUSTAIN

PIANO DIDATTICO SUSTAIN PIANO DIDATTICO SUSTAIN Titolo dell Unità Nome, Scuola e Paese dell insegnante Gruppo target Obiettivi RISPETTO Beyza AYDIN Doğa Koleji, Turchia beyzaydin@hotmail.com 5 anni, asilo Rispetto reciproco e

Dettagli

5-A1 ragazzi estero.qxd:5-a1 ragazzi estero.qxd :53 Pagina 1

5-A1 ragazzi estero.qxd:5-a1 ragazzi estero.qxd :53 Pagina 1 5-A1 ragazzi estero.qxd:5-a1 ragazzi estero.qxd 8-11-2010 10:53 Pagina 1 Dicembre 2010 5-A1 ragazzi estero.qxd:5-a1 ragazzi estero.qxd 8-11-2010 10:53 Pagina 2 5-A1 ragazzi estero.qxd:5-a1 ragazzi estero.qxd

Dettagli

I- [ A ] Leggi il seguente testo : Samar è una studentessa egiziana del Cairo. Lei frequenta un corso di letteratura

I- [ A ] Leggi il seguente testo : Samar è una studentessa egiziana del Cairo. Lei frequenta un corso di letteratura Prova scritta( 2) 2011 I- [ A ] Leggi il seguente testo : Samar è una studentessa egiziana del Cairo. Lei frequenta un corso di letteratura italiana di tre mesi a Milano. Le sue colleghe Laila e Samira

Dettagli

Liceo Scientifico Linguistico «Aldo Moro» Innovare nella continuità

Liceo Scientifico Linguistico «Aldo Moro» Innovare nella continuità www.liceomoro.it segreteria@liceomoro.it Liceo Scientifico Linguistico «Aldo Moro» Innovare nella continuità Page 1 Sapere Conoscenze Intuizione Abilità Laboratorialità Competenze Saper Fare Progetto Saper

Dettagli

Via Firenze, 51 - Tel. 0587/ Fax 0587/ PIANO DI LAVORO. Prof.

Via Firenze, 51 - Tel. 0587/ Fax 0587/ PIANO DI LAVORO. Prof. Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof.ssa

Dettagli

L Isc Centro nella finale

L Isc Centro nella finale L Isc Centro nella finale regionale dei Campionati Studenteschi di atletica leggera San Benedetto del Tronto Giovedì 5 maggio presso lo stadio di Macerata si è svolta la finale Regionale dei Campionati

Dettagli

i dossier LA GRANDE ILLUSIONE EUROPEA Paul Krugman, New York Times a cura di Renato Brunetta 2 luglio 2012

i dossier LA GRANDE ILLUSIONE EUROPEA Paul Krugman, New York Times  a cura di Renato Brunetta 2 luglio 2012 00 i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE ILLUSIONE EUROPEA Paul Krugman, New York Times 2 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Negli ultimi mesi ho letto una serie di analisi ottimistiche sul futuro

Dettagli

Le cause dell effetto serra ed i possibili rimedi. Ferrara, 21 Aprile 2006 Progetto Casa Circondariale Sostenibile

Le cause dell effetto serra ed i possibili rimedi. Ferrara, 21 Aprile 2006 Progetto Casa Circondariale Sostenibile Le cause dell effetto serra ed i possibili rimedi Ferrara, 21 Aprile 2006 Progetto Casa Circondariale Sostenibile QUALI SONO LE CAUSE DELL EFFETTO EFFETTO SERRA? Industrie, macchine, produzione di energia

Dettagli

Guarda la nostra presentazione!

Guarda la nostra presentazione! MAVEIRA Guarda la nostra presentazione! Salvaguardare l ambiente I mutamenti del clima devono farci riflettere sull uso delle risorse della Terra, sugli sprechi nei paesi industrializzati e sullo sfruttamento

Dettagli

I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento.

I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 L Unione Europea nel 2008 ha fissato, con il pacchetto 20-20-20, degli obiettivi

Dettagli

Test di Livello lingua Italiana

Test di Livello lingua Italiana Test di Livello lingua Italiana NOME COGNOME... DATA... Indicare con una x la risposta corretta: 1. Piacere! Il mio nome è Anna. Come chiami, tu? # ti sei VALUTAZIONE:... DOCENTE:... 2. Io abito Pordenone.

Dettagli

LA SCUOLA APERTA. Sabato 29 novembre 2014 ore Lunedì 15 dicembre 2014 ore Lunedì 12 gennaio 2015 ore 20.00

LA SCUOLA APERTA. Sabato 29 novembre 2014 ore Lunedì 15 dicembre 2014 ore Lunedì 12 gennaio 2015 ore 20.00 LA SCUOLA APERTA PER VEDERE DI PERSONA GLI AMBIENTI E CONOSCERE I DOCENTI Sabato 29 novembre 2014 ore 15.00 Lunedì 15 dicembre 2014 ore 20.00 Lunedì 12 gennaio 2015 ore 20.00 Sabato 24 gennaio 2015 ore

Dettagli

Il mio Albero di Natale

Il mio Albero di Natale Carlo Ancelotti a cura di Giorgio Ciaschini Il mio Albero di Natale Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-017143-7 Prima edizione: novembre 2013 L Editore

Dettagli

Firenze 09/11/2016 PERCHÉ ABBIAMO FATTO UNA SCUOLA CALCIO?

Firenze 09/11/2016 PERCHÉ ABBIAMO FATTO UNA SCUOLA CALCIO? Announcement n. 6/2016 Firenze 09/11/2016 Come ben sapete, il Centro Storico Lebowski è una società sportiva dilettantistica che intende lo sport come veicolo di conoscenza, solidarietà e trasformazione

Dettagli

Intervento di Daniela Bedogni, foto di Antonella Barbieri

Intervento di Daniela Bedogni, foto di Antonella Barbieri Asilo Nido Cappuccetto Rosso Scuola dell Infanzia statale Mago di Oz Sezioni nido: rossa, verde, gialla, blu Sezioni infanzia: 1-3 - 4 Educatrici: Borghi M. Cristina, Giuliani Franca, Grandi Mariangela,

Dettagli

Monaco, 3 aprile 2017

Monaco, 3 aprile 2017 1 Discours M. Gian Luca Galletti Ministre de l environnement Italien Intervento Monaco Blue Initiative Monaco, 3 aprile 2017 Sua altezza Serenissima, Caro Carmenu Illustri ospiti, buon giorno a tutti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di FAVRIA CANAVESE (TO) Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Piazza della Repubblica, 6 - Tel.

ISTITUTO COMPRENSIVO di FAVRIA CANAVESE (TO) Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Piazza della Repubblica, 6 - Tel. ISTITUTO COMPRENSIVO di FAVRIA CANAVESE (TO) Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Piazza della Repubblica, 6 - Tel. 0124/470067 Sito web:http://www.icfavria.gov.it FINALITA DELLA SCUOLA

Dettagli

DON CIOTTI, IL SOCIALE E' COOPERATIVO O NON E' SOCIALE

DON CIOTTI, IL SOCIALE E' COOPERATIVO O NON E' SOCIALE DON CIOTTI, IL SOCIALE E' COOPERATIVO O NON E' SOCIALE Il presidente di Libera e Gruppo Abele e' intervenuto alla presentazione di UP UmanaPersone Firenze, 17 set. - (AdnKronos) - ''Il sociale e' cooperativo

Dettagli

INTRODUZIONE. La maggior parte della crescita della popolazione mondiale sta avvenendo e

INTRODUZIONE. La maggior parte della crescita della popolazione mondiale sta avvenendo e INTRODUZIONE La maggior parte della crescita della popolazione mondiale sta avvenendo e continuerà ad avvenire nei paesi in via di sviluppo. La stragrande maggioranza di questo incremento interessa soprattutto

Dettagli

Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e

Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e monitoraggio Istituto degli Innocenti Contenuti Premessa e contesto

Dettagli

I vignaioli. Riferimento biblico: Matteo 20, 1-16

I vignaioli. Riferimento biblico: Matteo 20, 1-16 I vignaioli Riferimento biblico: Matteo 20, 1-16 Introduzione: Così infatti è il regno di Dio - comincia a spiegare Gesù, circondato da tanta gente che lo sta ascoltando attentamente Un signore era padrone

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona

COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona COMUNE DI ERBUSCO Area servizi alla Persona IL TAVOLO DI COMUNITA 2013-2014 LA CARTA EDUCATIVA DI ERBUSCO 2 QUADRIMESTRE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Il 26 Novembre 2012, presso il teatro comunale, era stata

Dettagli

PARTECIPAZIONE ATTIVA DEGLI STUDENTI In collaborazione con Centro di Solidarietà l Orizzonte

PARTECIPAZIONE ATTIVA DEGLI STUDENTI In collaborazione con Centro di Solidarietà l Orizzonte I.S.I.S.S. Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore PIETRO GIORDANI Via Lazio, 3-43100 Parma - Tel. 0521272405/272418 Fax 0521272435 e-mail: ssgiorda@provincia.parma.it http://www.ipsgiordani.it

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI GEOGRAFIA DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA Competenza 1- Riconoscere ed utilizzare organizzazioni spaziali Competenza 2 - Conoscere ed analizzare elementi dello spazio vissuto Competenza

Dettagli

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle Devo iscrivere mio figlio/a alle La riforma parte per le sole classi prime da settembre 2010 Le iscrizioni si chiudono il 26 marzo 2010 Richiedi al Dirigente Scolastico della scuola media di tuo figlio/a

Dettagli

Migliora l andamento economico del settore e crescono i consumi in cultura INDAGINE SULLE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE

Migliora l andamento economico del settore e crescono i consumi in cultura INDAGINE SULLE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE Roma, 20 settembre 2017 Migliora l andamento economico del settore e crescono i consumi in cultura INDAGINE SULLE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE Dopo alcuni anni di difficoltà, cresce il clima di fiducia

Dettagli

Perché studiare Infermieristica?

Perché studiare Infermieristica? Perché studiare Infermieristica? Perchè mi piace il contatto umano, relazionarmi con le persone e provare empatia. Perché posso prendermi cura di persone e questo mi gratifica e mi dà molte soddisfazioni.

Dettagli

Lezione 4. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

Lezione 4. Coordinatrice didattica: Paola Baccin Lezione 4 Coordinatrice didattica: Paola Baccin FALSI AMICI 1. In questa puntata abbiamo visto tanti esempi di falsi amici. Che cosa significa, in ambito linguistico, un falso amico? In linguistica si

Dettagli

La corsa contro la fame Didattica, sport e solidarietà in un progetto ad alto valore educativo, per un futuro migliore! 4 edizione, 9 Maggio 2018 FAME

La corsa contro la fame Didattica, sport e solidarietà in un progetto ad alto valore educativo, per un futuro migliore! 4 edizione, 9 Maggio 2018 FAME 4 edizione, 9 Maggio 2018 La corsa contro la fame Didattica, sport e solidarietà in un progetto ad alto valore educativo, per un futuro migliore! LA CORSA CONTRO LA FAME il progetto La Corsa contro la

Dettagli

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE MOTIVAZIONI DELLA SCELTA L'obiettivo del progetto è quello di promuovere una didattica svolta per l'ambiente, basata sui comportamenti, sui valori e sui cambiamenti. Lo

Dettagli

DOVE SIAMO. Sede: Sedi distaccate: Borgo San Giuseppe 13 - Parma Viale Vittoria 33 - Parma. Piazzale San Sepolcro 3 - Parma

DOVE SIAMO. Sede: Sedi distaccate: Borgo San Giuseppe 13 - Parma Viale Vittoria 33 - Parma. Piazzale San Sepolcro 3 - Parma DOVE SIAMO Sede: Piazzale San Sepolcro 3 - Parma Sedi distaccate: Borgo San Giuseppe 13 - Parma Viale Vittoria 33 - Parma ORARI Attività scolastica Uffici Le lezioni si svolgono dal lunedì al sabato. Per

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA PERCEZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE TRA GLI STAKEHOLDER DEL TERRITORIO

RILEVAZIONE DELLA PERCEZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE TRA GLI STAKEHOLDER DEL TERRITORIO Unione Cinque Città (capofila) Piedimonte San Germano, Aquino, Villa Santa Lucia, Roccasecca RILEVAZIONE DELLA PERCEZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE TRA GLI STAKEHOLDER DEL TERRITORIO 27 Ottobre 2011 Villa

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECOLOGIA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECOLOGIA LAUREA SPECIALISTICA DELLA CLASSE 6/S - BIOLOGIA Nuovo ordinamento didattico

Dettagli

Talismani per Camerino

Talismani per Camerino Talismani per Camerino Il progetto Talismani per Camerino è stato realizzato dall'associazione MENOPERMENO dal 3 al 5 aprile 2017 presso la scuola elementare Ugo Betti di Camerino. Il progetto ha la finalità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO - INDIRIZZO ORDINAMENTALE

LICEO SCIENTIFICO - INDIRIZZO ORDINAMENTALE LICEO SCIENTIFICO - INDIRIZZO ORDINAMENTALE Discipline Ore settimanali I II III IV V Lingua e letteratura Italiana 4 4 4 4 4 Lingua e cultura Latina 3 3 3 3 3 Lingua e cultura straniera 3 3 3 3 3 Storia

Dettagli

UNITA DI LAVORO Classe III A via Civitavecchia

UNITA DI LAVORO Classe III A via Civitavecchia UNITA DI LAVORO Classe III A via Civitavecchia TEMA La ricchezza della diversità OBIETTIVO FORMATIVO: Conoscere e apprezzare culture diverse DISCIPLINE: italiano, geografia, statistica, storia, cittadinanza

Dettagli

Disciplina: GEOGRAFIA. Curricula verticali biennio I.T.E. F. Laparelli COMPETENZE

Disciplina: GEOGRAFIA. Curricula verticali biennio I.T.E. F. Laparelli COMPETENZE Disciplina: GEOGRAFIA Curricula verticali biennio I.T.E. F. Laparelli COMPETENZE 1. Osservare, descrivere e analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO DELLE SCIENZE UMANE SACRO CUORE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE ANNO SCOLASTICO 2015/16 CLASSE 4^A DATA 14 OTTOBRE 2015 1. SITUAZIONE IN INGRESSO - Esito test e osservazioni:

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. XV Congresso «Lo sport che vogliamo: inclusivo» A cura di. Agenzia Comunicatio

RASSEGNA STAMPA. XV Congresso «Lo sport che vogliamo: inclusivo» A cura di. Agenzia Comunicatio RASSEGNA STAMPA XV Congresso «Lo sport che vogliamo: inclusivo» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA SOCIALE; US ACLI, NON C È SOLO PROBLEMA STADIO DELLA ROMA, OCCORRE SOSTENERE SPORT IN PERIFERIA

Dettagli

COSTRUZIONE DELL INDICE [% migliorati] + [% invariati diviso 2]

COSTRUZIONE DELL INDICE [% migliorati] + [% invariati diviso 2] ANDAMENTO ECONOMICO Il clima di fiducia Il 17,7% delle imprese culturali creative hanno dichiarato un miglioramento nell andamento economico generale degli ultimi due anni, il dato sale al 32% nella previsione

Dettagli

Identità, comunicazione e sviluppo delle scuole cattoliche degli istituti religiosi nel nuovo contesto. Prof. Marco Grumo ALTIS Università Cattolica

Identità, comunicazione e sviluppo delle scuole cattoliche degli istituti religiosi nel nuovo contesto. Prof. Marco Grumo ALTIS Università Cattolica Identità, comunicazione e sviluppo delle scuole cattoliche degli istituti religiosi nel nuovo contesto Prof. Marco Grumo ALTIS Università Cattolica Un opera religiosa oggi ha senso se dà un contributo

Dettagli

LA TRANSIZIONE ENERGETICA

LA TRANSIZIONE ENERGETICA LA TRANSIZIONE ENERGETICA Progetto didattico per l'a.s. 2017-2018 rivolto a 10 classi terze delle Scuole Secondarie di Primo Grado di Bologna e Provincia Via della Beverara, 123. 40131 Bologna Tel. 051.6356611

Dettagli

Samuel Eto o con Pierluigi Pardo

Samuel Eto o con Pierluigi Pardo Samuel Eto o con Pierluigi Pardo Prefazione di Massimo Moratti I piedi in Italia, il cuore in Africa Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2010 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-04112-6 Prima edizione:

Dettagli

ATTUALITÀ POLITICA MACERATA E PROVINCIA di Picchio News del 01/02/2016

ATTUALITÀ POLITICA MACERATA E PROVINCIA di Picchio News del 01/02/2016 Laura Boldrini a Macerata: "Bisogna tornare a credere nell'europa casa comune" - VIDEO ATTUALITÀ POLITICA MACERATA E PROVINCIA di Picchio News del 01/02/2016 Stamattina all Università di Macerata la presidente

Dettagli

SILVIA BENCIVELLI SERA

SILVIA BENCIVELLI SERA Quei lingotti romani al servizio dei neutrini Trenta barre di piombo rinvenute in una nave affondata oltre 2000 anni fa serviranno ai fisici del Gran Sasso per studiare le particelle frutto di esplosioni

Dettagli

Quando la fotografia parla alle coscienze PROGETTI EDUCATIONAL MOSTRE&VISITE GUIDATE. CONFERENZE. PRESENTAZIONI LIBRI.

Quando la fotografia parla alle coscienze PROGETTI EDUCATIONAL MOSTRE&VISITE GUIDATE. CONFERENZE. PRESENTAZIONI LIBRI. Quando la fotografia parla alle coscienze PROGETTI EDUCATIONAL MOSTRE&VISITE GUIDATE. CONFERENZE. PRESENTAZIONI LIBRI. 7-29 ottobre 2017 Un evento internazionale a Lodi Il Festival della Fotografia Etica

Dettagli

PROGETTO FARO PERCORSI FORMATIVI PER I GENITORI

PROGETTO FARO PERCORSI FORMATIVI PER I GENITORI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI MOZZO «Mosè del Brolo» PROGETTO FARO PERCORSI FORMATIVI PER I GENITORI Relatrice Insegnante Elisabetta Bonati PROGETTO FARO Presso Scuola Secondaria I grado

Dettagli

RELAZIONE FINALE RACCONTI MIGRANTI

RELAZIONE FINALE RACCONTI MIGRANTI RELAZIONE FINALE RACCONTI MIGRANTI Il progetto Racconti Migranti è stato ammesso a finanziamento di 803.57 euro relativo al bando regionale: DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 520 DEL 10/02/2015. Sostegno

Dettagli

una creazione umana. Bertoldi Martina 5sI

una creazione umana. Bertoldi Martina 5sI una creazione umana. Definizione di risorsa : mezzo che consente di fronteggiare le necessità e le difficoltà ; definizione di energia : deriva dalla parola greca érgon, ossia lavoro. È lo strumento che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE TRAGUARDI

Dettagli

SCAMBIO CULTURALE CON IL LICEO PETERSGASSE DI GRAZ (AUSTRIA) 23 FEBBRAIO 2 MARZO 2014 CLASSE :3CL COORDINATRICE : PROF.

SCAMBIO CULTURALE CON IL LICEO PETERSGASSE DI GRAZ (AUSTRIA) 23 FEBBRAIO 2 MARZO 2014 CLASSE :3CL COORDINATRICE : PROF. SCAMBIO CULTURALE CON IL LICEO PETERSGASSE DI GRAZ (AUSTRIA) 23 FEBBRAIO 2 MARZO 2014 CLASSE :3CL COORDINATRICE : PROF. ROSSELLA MAZZONI E' stata una bellissima settimana di divertimento e d'allegria.

Dettagli

DOMENICA 16 DICEMBRE CONSEGNA DEI LIBRI ALLA SCUOLA MURATORI DI SAN FELICE SUL PANARO

DOMENICA 16 DICEMBRE CONSEGNA DEI LIBRI ALLA SCUOLA MURATORI DI SAN FELICE SUL PANARO DOMENICA 16 DICEMBRE CONSEGNA DEI LIBRI ALLA SCUOLA MURATORI DI SAN FELICE SUL PANARO Ci siamo trovati di buon mattino immersi nella nebbia. Eravamo 2 famiglie della scuola Massaua: Davide di 2C, con la

Dettagli

4.5 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO PIANO DEGLI STUDI

4.5 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO PIANO DEGLI STUDI 4.5 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO 4.5.1. Il monoennio La strutturta scolastica del sistema peruviano prevede un percorso di undici anni a differenza di quello italiano che ne prevede uno di dodici, questo

Dettagli

LA SCELTA dottor Carlo Maria Raimondi LEGNANO,

LA SCELTA dottor Carlo Maria Raimondi LEGNANO, LA SCELTA dottor Carlo Maria Raimondi LEGNANO, 21.10.2016 DIAMO I NUMERI In Italia la percentuale degli alunni dispersi dopo il passaggio alle scuole superiori è del 23% I valori oscillano dall 11% di

Dettagli

Grande festa della robotica all'iti "Monaco" di Cosenza!

Grande festa della robotica all'iti Monaco di Cosenza! Grande festa della robotica all'iti "Monaco" di Cosenza! Il 1 Aprile scorso si sono svolte nel nostro Istituto le selezioni territoriali, per il Sud Italia, della rete di robotica 'Robocup Junior', relativamente

Dettagli

Viaggi. Vedere più in là della spiaggia e del sole

Viaggi. Vedere più in là della spiaggia e del sole Vedere più in là della spiaggia e del sole Una destinazione di vacanza può essere valutata non solo in funzione del paesaggio, del prezzo e delle prestazioni offerte. Il viaggiatore può anche preoccuparsi

Dettagli

Il Tennis giocato Dentro! Capire e allenare la parte umana e mentale di un atleta

Il Tennis giocato Dentro! Capire e allenare la parte umana e mentale di un atleta Il Tennis giocato Dentro! Capire e allenare la parte umana e mentale di un atleta Saggio di Psicologia Sportiva di Fabio Menabue Si ringraziano per la preziosa collaborazione: Dott.ssa Viviana Buraschi

Dettagli

Soroptimist Club Milano alla Scala incontra Intesa-Sanpaolo

Soroptimist Club Milano alla Scala incontra Intesa-Sanpaolo Soroptimist Club Milano alla Scala incontra Intesa-Sanpaolo Donne ed economia Importante iniziativa del Sodalizio presieduto da Paola Peila Paola Peila, Presidente del Soroptimist Club Milano alla Scala.

Dettagli

NOTIZIE DAL MOSSOTTI: fatti e parole a cura delle studentesse e degli studenti

NOTIZIE DAL MOSSOTTI: fatti e parole a cura delle studentesse e degli studenti NOTIZIE DAL MOSSOTTI: fatti e parole a cura delle studentesse e degli studenti articolo n. 27/2016 Cittadini a scuola e nel mondo. Percorsi interdisciplinari alla scoperta del vivere con gli altri. Evento

Dettagli

Parole e espressioni del testo

Parole e espressioni del testo Unità 7 Istruzione e scuola CHIAVI In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo sull iscrizione online nelle scuole italiane nuove parole ed espressioni l uso dei periodo ipotetico della realtà

Dettagli

Mercoledì 1 marzo Young International Forum. 1 e 2 marzo 2017 ORE 9,00

Mercoledì 1 marzo Young International Forum. 1 e 2 marzo 2017 ORE 9,00 Salone Internazionale dei Giovani Young International Forum 1 e 2 marzo 2017 STAZIONE MARITTIMA Napoli - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - Mercoledì 1 marzo - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

NUOVI SCENARI DEL TURISMO NEL MEDITERRANEO. Intervento di Norberto Tonini (Comitato Mondiale di Etica del Turismo UNWTO - )

NUOVI SCENARI DEL TURISMO NEL MEDITERRANEO. Intervento di Norberto Tonini (Comitato Mondiale di Etica del Turismo UNWTO - ) NUOVI SCENARI DEL TURISMO NEL MEDITERRANEO Intervento di Norberto Tonini (Comitato Mondiale di Etica del Turismo UNWTO - ) Dichiarazione di Montreal (articolo 8) conciliare lo sviluppo del turismo, la

Dettagli

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA FACOLTÀ DI FILOSOFIA Corso di Laurea IN FILOSOFIA PRESENTAZIONE La Facoltà di Filosofia dell Università Vita-Salute San Raffaele si trova in uno dei maggiori centri di ricerca europei, che pone la persona,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA FINALI PROVINCIALI CALCIO E FINALI TORNEO SWIMACLI. A cura di. Agenzia Comunicatio

RASSEGNA STAMPA FINALI PROVINCIALI CALCIO E FINALI TORNEO SWIMACLI. A cura di. Agenzia Comunicatio RASSEGNA STAMPA FINALI PROVINCIALI CALCIO E FINALI TORNEO SWIMACLI A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA SPORT: DOMANI ATTILIO FONTANA ALLE FINALI PROVINCIALI US ACLI DI CALCIO A 5 E CALCIO A

Dettagli

P R O G E T T O A U R O R A

P R O G E T T O A U R O R A PROGETTO AURORA CALCIO PALLACANESTRO PALLAVOLO SCIMONTAGNA GINNASTICA Introduzione Il Gruppo Sportivo Aurora San Francesco (che attualmente comprende le sezioni: calcio, pallacanestro, pallavolo, sci montagna,

Dettagli

Iscrizioni a.s

Iscrizioni a.s Scuola secondaria di Tavagnacco Istituto Comprensivo di Tavagnacco Iscrizioni a.s. 2017-18 martedì 10 gennaio 2017 Auditorium Luigi Bon Cosa cambia? dalla primaria alla secondaria Da bambini a adolescenti

Dettagli

Y OUNG I NTERNATIONAL F ORUM OrientaRoma 2016

Y OUNG I NTERNATIONAL F ORUM OrientaRoma 2016 Y OUNG I NTERNATIONAL F ORUM OrientaRoma 2016 28 29 e 30 settembre EX MATTATOIO TESTACCIO Ingresso: piazza Orazio Giustiniani 4 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - Mercoledì 28

Dettagli

La Santa Sede INIZIATIVA "IL TRENO DEI BAMBINI" PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO

La Santa Sede INIZIATIVA IL TRENO DEI BAMBINI PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO La Santa Sede INIZIATIVA "IL TRENO DEI BAMBINI" PROMOSSA DAL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO Atrio dell'aula Paolo VI Sabato, 3 giugno 2017 [Multimedia] Ragazzi e ragazze,

Dettagli

VOLLEY SCUOLA L EVENTO SIMBOLO DELLO SPORT SCOLASTICO COMPIE VENT ANNI

VOLLEY SCUOLA L EVENTO SIMBOLO DELLO SPORT SCOLASTICO COMPIE VENT ANNI VOLLEY SCUOLA L EVENTO SIMBOLO DELLO SPORT SCOLASTICO COMPIE VENT ANNI Volley Scuola è la straordinaria festa dello sport scolastico nella quale si fondono tutti i valori positivi e aggreganti della Pallavolo.

Dettagli

Dalla terra alle Stelle

Dalla terra alle Stelle Dalla terra alle Stelle lo SPETTACOLO del viaggio spaziale CON Umberto Guidoni Carlo Carzan Andrea Valente l a s tronauta l lu i lo scri t tore d o ma s t r o DALLA TERRA ALLE STELLE è uno spettacolo,

Dettagli

In allegato alla presente, per gli adempimenti di competenza, si rimette la circolare relativa alla fase in oggetto.

In allegato alla presente, per gli adempimenti di competenza, si rimette la circolare relativa alla fase in oggetto. Catania, 23.04.2013 Ai Dirigenti Scolastici Istituti di I e II Grado Statali e Non Statali di Catania e provincia L O R O S E D I OGGETTO: G. S. S. 2012/2013 - Fase provinciale di Nuoto. In allegato alla

Dettagli

1. Al lavoro. 1. Chi fa cosa? Metti la parola accanto alla definizione giusta. 2. Elimina la professione che non c entra.

1. Al lavoro. 1. Chi fa cosa? Metti la parola accanto alla definizione giusta. 2. Elimina la professione che non c entra. 1. Al lavoro 1. Chi fa cosa? Metti la parola accanto alla definizione giusta. INFERMIERE CUOCO - MECCANICO OPERAIO PARRUCCHIERE IDRAULICO POSTINO CANTANTE PROFESSORE CAMERIERE ATTORE CENTRALINISTA - DOTTORE

Dettagli

COMPITO AUTENTICO E RUBRICA DI VALUTAZIONE

COMPITO AUTENTICO E RUBRICA DI VALUTAZIONE Università IUAV di Venezia Tirocinio Formativo Attivo II ciclo a. a. 2014 2015 Esercitazione sulla Valutazione Docente: Prof.ssa Valentina Grion COMPITO AUTENTICO E RUBRICA DI VALUTAZIONE Venezia, 07 febbraio

Dettagli

IL SALONE DELLE OPPORTUNITA I NAPOLI. 8/10 novembre 2016 Mostra d Oltremare. Piazzale Tecchio. Ingresso gratuito

IL SALONE DELLE OPPORTUNITA I NAPOLI. 8/10 novembre 2016 Mostra d Oltremare. Piazzale Tecchio. Ingresso gratuito IL SALONE DELLE OPPORTUNITA I NAPOLI 8/10 novembre 2016 Mostra d Oltremare Piazzale Tecchio Ingresso gratuito PROGRAMMA MARTEDÌ 8 H. 9.00 SALA ITALIA INAUGURAZIONE DI ORIENTASUD 2016 E SALUTI ISTITUZIONALI

Dettagli

Dove siamo nel mondo

Dove siamo nel mondo L AFRICA Dove siamo nel mondo Dove siamo nel mondo Mari e confini Come si vede dalla carta, l Africa è bagnata a ovest dall Oceano Atlantico, a est dall Oceano Indiano, a nord dal Mar Mediterraneo, a nordest

Dettagli

Scuola Elementare Statale di Bovolone (Vr) Classe III a A a.s. 2003/04 PROGETTO: BIODIVERSITA UNA RISORSA IL GIOCO DELLA VALLE DEL MENAGO

Scuola Elementare Statale di Bovolone (Vr) Classe III a A a.s. 2003/04 PROGETTO: BIODIVERSITA UNA RISORSA IL GIOCO DELLA VALLE DEL MENAGO Scuola Elementare Statale di Bovolone (Vr) Classe III a A a.s. 2003/04 PROGETTO: BIODIVERSITA UNA RISORSA IL GIOCO DELLA VALLE DEL MENAGO PREMESSA La finalità del nostro progetto è quella di costruire

Dettagli

Circolare n. 326 Roma

Circolare n. 326 Roma X Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Sede Istituto d Arte e Liceo Artistico (RMSD08201D): Via Argoli 45 Sedi Liceo Scientifico (RMPS082013):

Dettagli

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari Alice Stefano Ferrari ha preparato un documentario che s intitola A braccia aperte pubblicato nel 2009 che parla di un ragazzo, Christian che è alla ricerca di

Dettagli

Istituto Comprensivo Gianni Rodari L Aquila

Istituto Comprensivo Gianni Rodari L Aquila Istituto Comprensivo Gianni Rodari L Aquila Autoanalisi e autovalutazione d Istituto OBIETTIVI GENERALI Definire i fattori di qualità Valutare risorse e criticità dell Istituzione Attuare azioni di miglioramento

Dettagli

In visita alle Istituzioni Europee. Milano. Strasbourg. Strasbourg. Colmar. Freiburg. Strasbourg. Strasbourg. Bruxelles. Brugge. Brugge.

In visita alle Istituzioni Europee. Milano. Strasbourg. Strasbourg. Colmar. Freiburg. Strasbourg. Strasbourg. Bruxelles. Brugge. Brugge. Milano In visita alle Istituzioni Europee Strasbourg Strasbourg Colmar Freiburg Strasbourg Strasbourg Bruxelles Brugge Brugge Bruxelles Milano A compimento del percorso seguito all interno dell Istituto,

Dettagli

ILLUMINIAMO IL MONDO

ILLUMINIAMO IL MONDO I. C. D Alessandro Risorgimento Scuola dell infanzia Arcobaleno PROGETTO DI INTERSEZIONE (BAMBINI ANNI 5) a.s. 2014 / 2015 ILLUMINIAMO IL MONDO SCOPO Il progetto Illuminiamo il mondo si pone l intento

Dettagli

9 - ATTIVITÀ PROGRAMMATE PER L A.S. 2016/2017

9 - ATTIVITÀ PROGRAMMATE PER L A.S. 2016/2017 9 - ATTIVITÀ PROGRAMMATE PER L A.S. 2016/2017 Le attività didattiche sono corredate da una serie di proposte educative, volte ad ampliare il progetto formativo della scuola. Di seguito si riporta l elenco

Dettagli

UNA FOTOGRAFIA DEL MEDIOEVO: ASSISI. SAN FRANCESCO E SANTA CHIARA

UNA FOTOGRAFIA DEL MEDIOEVO: ASSISI. SAN FRANCESCO E SANTA CHIARA UNA FOTOGRAFIA DEL MEDIOEVO: ASSISI. SAN FRANCESCO E SANTA CHIARA 11 ottobre 2012 Aula Magna Liceo Classico Statale «Pilo Albertelli» - Roma Resp.le Coordinamento Didattico Prof.ssa Agnese Pica Liceo Classico

Dettagli

ANAGRAFICA ISTITUTO TEMATICA OBIETTIVI FINALITÀ RISULTATI ATTESI

ANAGRAFICA ISTITUTO TEMATICA OBIETTIVI FINALITÀ RISULTATI ATTESI ANAGRAFICA ISTITUTO Scuola media statale Michele Cipolla via Antonio De Saliba n. 42 cap 90145 Palermo Tel/Fax. 091/201480 e-mail pamm040009@istruzione.it TITOLO PROGETTO L acqua globale TEMATICA L acqua,

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile in Emilia-Romagna: un confronto temporale con l Italia. Paesaggio e patrimonio culturale

Il benessere equo e sostenibile in Emilia-Romagna: un confronto temporale con l Italia. Paesaggio e patrimonio culturale Il benessere equo e sostenibile in : un confronto temporale con l Paesaggio e patrimonio culturale Settembre 216 N.B. Per agevolare la lettura, nei casi in cui il grafico presenti indicatori chiaramente

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Istitituti Comprensivi 15 e 17 di Bologna a.s. 2015-2016 Ins. Cice Maria Rosa Le attività in ordine all insegnamento della Religione Cattolica, per coloro

Dettagli

Gli abitanti d Europa

Gli abitanti d Europa Gli abitanti d Europa La popolazione POPOLO E POPOLAZIONE Un popolo è un gruppo di persone caratterizzate da: stesso modo di vivere stessa lingua e cultura. La popolazione è l insieme degli abitanti che

Dettagli

h. 9.30 10.15 Energie Rinnovabili e Risparmio energetico, Ing.Giancarlo Balzer, Ordine degli Ingegneri Bergamo

h. 9.30 10.15 Energie Rinnovabili e Risparmio energetico, Ing.Giancarlo Balzer, Ordine degli Ingegneri Bergamo AREA SCUOLE martedì 8 novembre FaSE Alzano Lombardo, Via Pesenti 1 9.00 13.00 Percorso Formativo per le Scuole Secondarie di Primo Grado 14.00 16.00 ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO La Settimana

Dettagli

GMD 2 "La metacognizione"

GMD 2 La metacognizione GMD 2 "La metacognizione" DIDATTICA PER TUTTI ESEMPI PRATICI CONDIVISIONE NON DARE NIENTE PER SCONTATO SPUNTI DI RIFLESSIONE CLIMA POSITIVO CONFRONTO DI IDEE MIGLIORAMENTO SCAMBIO AUTORIFLESSIONE SUGGERIMENTI

Dettagli

Il signor Rigoni DAL MEDICO

Il signor Rigoni DAL MEDICO 5 DAL MEDICO Per i giornali, Aristide Rigoni è l uomo più strano degli ultimi cinquant anni, dal giorno della sua nascita. È un uomo alto, forte, con due gambe lunghe e con una grossa bocca. Un uomo strano,

Dettagli