***************************

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "***************************"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Associazione Regionale del Piemonte QUESITO Il Comune, con delibera del Consiglio Comunale avente per oggetto "Individuazione delle zone del territorio comunale non metanizzate-criteri per usufruire della riduzione del prezzo sul gasolio e gpl di cui all'art. 8 comma 10 della L. 448/98 e s.m.i. a seguito della pubblicazione della legge finanziaria 2010" ha individuato con una carta tecnica le zone del territorio comunale non metanizzate e le frazioni esterne al centro abitato capoluogo, i cui abitanti possono godere delle agevolazioni fiscali sull'acquisto del combustibile da riscaldamento, se non collegati alla rete del metano. L'Agenzia delle Dogane, con una prima circolare del 15/01/2010 indicava l'autocertificazione come mezzo per usufruire di tale agevolazione, in presenza di un atto di individuazione delle zone già elaborato dall'ente. Successivamente, in data 12/04/2010 veniva emanata una nuova circolare in cui si indicava che, nei casi di dubbia individuazione, poteva essere richiesta una attestazione comunale, il cui modello era allegato alla circolare medesima. I fornitori di combustibile da riscaldamento non accettano più l'autocertificazione e richiedono sempre l'attestazione. Il Comune rilascia attestazioni relative alle localizzazioni e ai vincoli in carta resa legale dietro presentazione di istanza in bollo e pagamento dei diritti di segreteria, per un importo complessivo a carico del cittadino pari a circa 50,00. È possibile, nella fattispecie, rilasciare l'attestazione in carta libera avvalendosi di quanto previsto all'art. 5 della Tabella Allegato B del DPR 642/72? Inoltre, è corretto obbligare un cittadino a procurarsi una attestazione onerosa se è prevista la autocertificazione? ***************************

2 PARERE Il quesito attiene alla complessa attuazione della legislazione in materia di riduzione di prezzo sui combustibili nelle frazioni non metanizzate dei Comuni. In particolare la complicazione riguarda il mancato richiamo dell art. 13, comma 2 della legge 23 dicembre 2001, n. 448 (che aveva previsto l individuazione delle aree ricadenti nella zona climatica E, individuate, dai Comuni medesimi, con apposita delibera consiliare), da parte della legge finanziaria 2010 (legge 23 dicembre 2009, n. 191), che ora comporta la non applicazione della riduzione di prezzo alle frazioni parzialmente non metanizzate comprese nel centro abitato ove ha sede la casa comunale. L esclusione delle zone in questione ha provocato difficoltà operative quando gli utenti finali non possono determinare oggettivamente l'appartenenza all una o all altra zona in quanto, in forza della predetta normativa di settore, i Comuni negli atti consiliari sono tenuti a distinguere esclusivamente le zone metanizzate da quelle non metanizzate. Non sempre però all interno di tali zone viene individuata l'effettiva posizione geografica delle abitazioni che hanno diritto all agevolazione, con la conseguenza che, in tal modo, vengono a generarsi evidenti dubbi interpretativi sulla concreta applicazione del beneficio fiscale sia da parte degli operatori di settore che dei destinatari finali, nonché, a volte, degli stessi Enti comunali interessati. La questione è stata affrontata in via amministrativa mediante le due circolari dell Agenzia delle dogane che lo stesso Comune richiedente ricorda. In particolare la più recente circolare R.U del 12 aprile u.s. (http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/ed/agenzia/accise/normativa+sulle+ac cise/2010) afferma, nella parte di interesse (sottolineatura nostra): Per dissipare eventuali dubbi interpretativi in merito alle loro effettive posizioni geografiche, è opportuno che i Comuni interessati, nei casi in cui sia necessario, distinguano, attraverso atti ufficiali, le porzioni edificate non metanizzate che sono

3 ubicate nel centro abitato ove ha sede la casa comunale da quelle che, invece, si trovano fuori dal detto centro abitato e mantengono quindi, il diritto all agevolazione. A tal fine, per snellire le attività delle Amministrazioni comunali ed uniformare, a livello nazionale, la prassi operativa, è stato predisposto, di concerto con le Associazioni di categoria e con l A.N.C.I., l allegato fac-simile di attestazione che potrebbe essere utilizzato dagli Enti comunali per la corretta individuazione, di volta in volta, delle porzioni di territorio edificate, già dichiarate come non metanizzate dalle apposite delibere comunali, che si trovano, o meno, al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale e che di conseguenza possono, o meno, fruire della riduzione di prezzo. Sulla base di tale attestazione i fornitori che, a seguito delle indicazioni fornite da questa Agenzia nella nota n. 5961/R.U. del 15 gennaio 2010 (reperibile sul sito sezione accise - normativa sulle accise), abbiano temporaneamente fatturato il gasolio o il GPL a prezzo pieno, potranno effettuare, ove spettanti, le relative riduzioni di prezzo presentando quindi agli Uffici delle Dogane territorialmente competenti istanza di rimborso corredata dalla documentazione necessaria, ai sensi dell articolo 2, comma 2 del D.P.R. 30 settembre 1999, n Così ricostruita la vicenda, occorre precisare quanto segue: - la legislazione vigente (l. n. 448 del 2001 e l. n. 191 del 2009) comporta che i comuni provvedano con deliberazione consiliare per individuare le zone non metanizzate e nulla dice espressamente con riferimento all individuazione, all interno di tali aree, delle porzioni al di fuori del centro abitato; - le due circolari dell Agenzia delle dogane richiamate sono soltanto atti amministrativi, che intendono fornire istruzioni per semplificare l attività amministrativa: esse non sono vincolanti né per le Amministrazioni comunali né per gli utenti. Esse peraltro facoltizzano e non obbligano i Comuni ad avvalersi dell allegato fac-simile di attestazione e prevedono che solo ove necessario i comuni provvedano mediante atti ufficiali ;

4 - a fronte di tale situazione normativa, che si appalesa lacunosa, e delle circolari amministrative il cui valore è di mero orientamento, le Amministrazioni comunali sono tenute ad interpretare la legge, come risultante dall ultima riforma, nel rispetto del principio del buon andamento, in modo da non violare le posizioni soggettive degli utenti; - alla luce di tale principio la soluzione più corretta è che il Comune proceda ad approvare nuova deliberazione consiliare con la quale individuare le porzioni fuori dal centro abitato. La deliberazione potrebbe essere strutturata come segue: Atteso che la Legge Finanziaria 2010 L. 191 del 23/12/2009 non ha reiterato l ampliamento dell ambito applicativo della riduzione del prezzo del gasolio e del GPL usati come combustibile per riscaldamento in alcune zone del territorio nazionale climaticamente svantaggiate, disposto dall art. 13, comma 2 della L. 28/12/2001, n. 448; Atteso che il citato articolo 13, comma 2 della L. 28/12/2001, n. 448, con riguardo ai Comuni metanizzati ricadenti nella zona climatica E di cui al DPR 412/1993, estendeva la riduzione di prezzo alle frazioni parzialmente non metanizzate limitatamente alle parti di territorio comunale individuate con delibera del Consiglio Comunale ancorché nelle stesse frazioni fosse ubicata la casa comunale; Preso atto che, a causa della mancata reiterazione del citato articolo 13, comma 2 della L. 448/2001, l ambito applicativo del beneficio in questione deve ora essere individuato sulla base dell art. 8, comma 10, lett. c), punto 4) della Legge 448 del , come modificato dall art. 12, comma 4 della Legge 23/12/1999, n. 488 e di quanto stabilito dall art. 4 del decreto-legge 30/9/2000, n. 268, convertito con modificazioni dalla L. 23/11/2000, n. 354; Atteso che il citato art. 4, del D.L. n. 268/2000 definisce come frazioni di comuni le porzioni edificate ubicate a qualsiasi quota, al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale, ivi comprese le aree su cui insistono case sparse ; Atteso, quindi, che ai fini della corretta applicazione del beneficio, ad oggi, sia indispensabile individuare il centro abitato ove ha sede la casa comunale; il Consiglio delibera di individuare le aree del centro abitato come segue... ;

5 - in difetto il Comune violerebbe il principio di buona amministrazione: l utente potrebbe autocertificare la propria situazione assumendosi però il rischio di dichiarazioni non veritiere ove mancasse da parte del Comune l individuazione del centro abitato; inoltre l autocertificazione non viene ammessa dai fornitori, che sono soggetti privati e quindi non sono tenuti per legge ad accettarla e non avrebbe alcuna efficacia probatoria in caso di contestazione (cfr. Cass., sez. III, , n , secondo cui la dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, così come l autocertificazione in genere, ha attitudine certificativa e probatoria solamente nei rapporti con la p.a. essendo viceversa priva di efficacia in sede giurisdizionale nelle liti tra privati); - il Comune deducente chiede infine se sia possibile procedere al rilascio dell attestazione, evidentemente in difetto di apposita deliberazione consiliare, senza esigere il pagamento dell imposta di bollo. Come noto, le fattispecie di esenzione dall imposta di bollo sono disciplinate dal d.p.r. n. 642 del 1972, allegato B ed assumono carattere tassativo. L attestazione in esame è finalizzata all applicazione di disposizione normativa tributaria (di favore), posto che l accisa rientra tra le imposte indirette sulla produzione e le imposte indirette sul consumo (da ultimo, la ricostruzione della disciplina delle accise è puntualmente effettuata dalla Corte cost., con sentenza n. 115 del 2010: (...) tali norme, perciò, hanno l esplicito obiettivo di creare una nozione unitaria di accisa quale imposta relativa a specifici settori di produzione, in cui il consumo rileva esclusivamente come destinazione del bene prodotto (o importato) ed ai fini dell esigibilità di un obbligazione tributaria già sorta sin dal momento della fabbricazione (o importazione); e ciò ancorché, in base al sistema voluto dal legislatore, il soggetto che immette in consumo e, perciò, tenuto al pagamento del tributo possa essere diverso dal soggetto fabbricante (o produttore). Unica fattispecie di esenzione che si avvicina al caso di specie tra quelle dell Allegato B) del d.p.r. n. 642 del 1972 è prevista al punto 5, ove sono menzionati Atti e copie del procedimento di accertamento e riscossione di qualsiasi tributo,

6 dichiarazioni, denunzie, atti, documenti e copie presentati ai competenti uffici ai fini dell'applicazione delle leggi tributarie, con esclusione di ricorsi, opposizioni ed altri atti difensivi del contribuente. (...) Istanze di rimborso e di sospensione del pagamento di qualsiasi tributo, nonché documenti allegati alle istanze medesime. La richiamata previsione è tuttavia riferita solo alle istanze formulate dall amministrato e non contempla l attestazione per l effetto rilasciata dall Amministrazione comunale. Pare quindi, alla luce della tassatività delle fattispecie di esenzione, che non sia consentito al Comune non esigere l imposta di bollo riguardo all attestazione de qua; - proprio per le ragioni menzionate si ritiene che l Amministrazione comunale sia tenuta a provvedere con nuova deliberazione comunale aggiornata al dettato della legge n. 191 del Ancorché tale ultima legge non lo preveda espressamente, essa comunque modifica la previgente legislazione, che imponeva ai Comuni la deliberazione ricognitiva, sicché il nuovo ambito di applicazione della normativa così modificata impone all Amministrazione comunale di aggiornare la propria precedente attività deliberativa. Ciò anche nel rispetto del principio del buon andamento della pubblica amministrazione nei rapporti con gli amministrati, cui le soluzioni alternative non potrebbero fornire alcun vantaggio (autocertificazione e estratti onerosi con imposta di bollo). La Presidente di ANCI Piemonte Amalia NEIROTTI (Sindaco di Rivalta di Torino)

Roma, 12 aprile 2010. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 12 aprile 2010. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Roma, 12 aprile 2010 Protocollo: R.U. 41017 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici

Dettagli

COMUNE DI SARDIGLIANO

COMUNE DI SARDIGLIANO COMUNE DI SARDIGLIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ART. 12 L. 488/99 RIDUZIONE COSTO DEL GASOLIO E GPL INDIVIDUAZIONE AREE NON METANIZZATE FUORI DAL CENTRO ABITATO. N. 4 IN

Dettagli

Proposta di deliberazione ad iniziativa del Sindaco

Proposta di deliberazione ad iniziativa del Sindaco Proposta di deliberazione ad iniziativa del Sindaco OGGETTO: APPROVAZIONE DELL INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE NON METANIZZATE DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELL APPLICAZIONE DELLE RIDUZIONI FISCALI SUL COSTO

Dettagli

COMUNE DI PRIMALUNA. Provincia di Lecco DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 35 del 18-03-2013

COMUNE DI PRIMALUNA. Provincia di Lecco DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 35 del 18-03-2013 COMUNE DI PRIMALUNA Provincia di Lecco DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 35 del 18-03-2013 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE ANNUALE DELLE ZONE DEL TERRITORIO COMUNALE NON METANIZZATE AI FINI DELLE AGEVOLAZIONI

Dettagli

Comune di Tricesimo Provincia di Udine

Comune di Tricesimo Provincia di Udine Comune di Tricesimo Provincia di Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ANNO 2010 N 00032 del Reg. Delibere Originale OGGETTO: AGEVOLAZIONI SUGLI ACQUISTI DI COMBUSTIBILE PER IL RISCALDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI REANA DEL ROJALE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI REANA DEL ROJALE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI REANA DEL ROJALE PROVINCIA DI UDINE Copia conforme ANNO 2010 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 00029 del Reg. Delibere OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELLE AREE DEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

C O M U N E D I S A N S I R O

C O M U N E D I S A N S I R O C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 20 del 20-09-2012 Oggetto: INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE NON METANIZZATE AI FINI DELL APPLICAZIONE DELLE RIDUZIONI

Dettagli

COMUNE DI SABBIO CHIESE Provincia di Brescia UFFICIO TECNICO

COMUNE DI SABBIO CHIESE Provincia di Brescia UFFICIO TECNICO Delibera di consiglio comunale n. 3 del 29 gennaio 2016 OGGETTO : INDIVIDUAZIONE DELLE FRAZIONI NON METANIZZATE DEL COMUNE AI FINI DELLA RIDUZIONE DEL COSTO DEL GASOLIO E DEL G.P.L. USATI COME COMBUSTIBILI

Dettagli

COMUNE DI BORGONE SUSA

COMUNE DI BORGONE SUSA COMUNE DI BORGONE SUSA CITTA' METROPOLITANA DI TORINO Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 31 OGGETTO:Individuazione zone non metanizzate ai fini dell'applicazione del beneficio della

Dettagli

C O M U N E D I S O R I C O Provincia di Como

C O M U N E D I S O R I C O Provincia di Como C O M U N E D I S O R I C O Provincia di Como COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 2 del 23-03-2016 Oggetto: Individuazione delle aree comunali ricadenti in zona climatica E non metanizzate

Dettagli

COMUNE di ANDEZENO. PROVINCIA di TORINO. VERBALE di DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE n. 33 / 2012

COMUNE di ANDEZENO. PROVINCIA di TORINO. VERBALE di DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE n. 33 / 2012 Copia Albo VERBALE di DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE n. 33 / 2012 19/12/2012 OGGETTO: Agevolazioni per riduzione costo del gasolio e del G.P.L. ad uso riscaldamento, art. 8, comma 10, lettera C)

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia Protocollo Nr. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Nr. 3 del 29/04/2014 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE NON METANIZZATE AI FINI

Dettagli

COMUNE di FIVIZZANO. Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4

COMUNE di FIVIZZANO. Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4 COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4 OGGETTO: Individuazione annuale 2013 delle frazioni non metanizzate che possono godere della riduzione del prezzo

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Riferimento proposta n. CDC - 2015/5 del 14/04/2015

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Riferimento proposta n. CDC - 2015/5 del 14/04/2015 Comune di Cormons Provincia di Gorizia ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI, PATRIMONIO, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, PROTEZIONE CIVILE, COMMERCIO E ATTIVITÀ PRODUTTIVE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna N. di prot: 16937 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N 30 del 30/06/2010. OGGETTO: AGEVOLAZIONI PER RIDUZIONE COSTO DEL GASOLIO E DEL

Dettagli

COMUNE DI GARGNANO Provincia di Brescia

COMUNE DI GARGNANO Provincia di Brescia COMUNE DI GARGNANO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 23/2010 del 06.05.2010 SESSIONE ORDINARIA PUBBLICA PRIMA CONVOCAZIONE Oggetto: Riduzione del costo del gasolio

Dettagli

CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE

CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE Copia CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE Provincia di Mantova *** Codice Ente 10835 Numero 28 Data 29/04/2013 Verbale di Deliberazione Consiglio Comunale Oggetto: LEGGE 448/1998 - RICOGNIZIONE DELLA RETE

Dettagli

Benefici gasolio ad uso autotrazione quarto trimestre 2013: presentazione della dichiarazione entro il 31.01.2014

Benefici gasolio ad uso autotrazione quarto trimestre 2013: presentazione della dichiarazione entro il 31.01.2014 CIRCOLARE A.F. N. 6 del 15 Gennaio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Benefici gasolio ad uso autotrazione quarto trimestre 2013: presentazione della dichiarazione entro il 31.01.2014 (Nota Agenzia delle

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 39 del 25-09-2012 immediatamente eseguibile VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione - Seduta di Prima convocazione

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA Nr. 45 del 09/07/2010 COPIA Prop. n. 20351 Impegno n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: ADEGUAMENTO DELL'INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE

Dettagli

Preso atto del parere espresso ai sensi dell art. 53 della Legge 08.06.1990 n 142; adotta la seguente deliberazione

Preso atto del parere espresso ai sensi dell art. 53 della Legge 08.06.1990 n 142; adotta la seguente deliberazione OGGETTO: AGEVOLAZIONI PER IL GPL ED IL GASOLIO NELLE ZONE CLIMATICHE "E" NON METANIZZATE. ICLUSIONE DI PARTI DELLE FRAZIONI DI BORGO VAL E BORGO MONTE. - INTEGRAZIONE ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 27 DEL

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE Comune di BARGE Provincia di Cuneo ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE Adunanza pubblica di prima convocazione. DELIBERAZIONE N 23 OGGETTO: AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DI COMBUSTIBILE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI VILLANOVA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI VILLANOVA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 DEL 31/03/2011 Sessione ordinaria di prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO: individuazione

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 123

CITTÀ DI CARMAGNOLA (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 123 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 123 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE NON METANIZZATE AI FINI DELLA RIDUZIONE DEL COSTO DEL GASOLIO E

Dettagli

Sono presenti gli assessori esterni Bertani Roberto, Bedogni Francesca Segue quanto riportato nell allegata sbobinatura IL CONSIGLIO COMUNALE

Sono presenti gli assessori esterni Bertani Roberto, Bedogni Francesca Segue quanto riportato nell allegata sbobinatura IL CONSIGLIO COMUNALE N. 55 in data 25/06/2010 Proposta n. 45 Oggetto: INDIVIDUAZIONE DELLE AREE NON SERVITE DALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO NEL COMUNE DI CAVRIAGO AL FINE DI CONSENTIRE L'ACCESSO ALLA RIDUZIONE DEL

Dettagli

Provincia di Potenza

Provincia di Potenza Città di Rionero in Vulture Provincia di Potenza ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 13/04/2015 OGGETTO: Individuazione zone non metanizzate ai fini dell'applicazione del

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO C O P I A LEGGE N.448/1998 E S.M.I. - RIDUZIONE DEL COSTO DEL GASOLIO E G.P.L. - INDIVIDUAZIONE AREE NON METANIZZATE -

Dettagli

C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara)

C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara) COPIA DELIBERAZIONE N. 57 C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza straordinaria in prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia N. 5 Registro Delibere COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O INDIVIDUAZIONE DELLE VIE NON METANIZZATE AI FINI DELLE AGEVOLAZIONI DI CUI

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 20 In data 18/02/2010 Prot. N. 3259 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Sessione ordinaria

Dettagli

CITTA DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. (PROVINCIA DI TREVISO)

CITTA DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. (PROVINCIA DI TREVISO) COPIA N. 6 reg. Delib. N. di prot. CITTA DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. (PROVINCIA DI TREVISO) FG/MS Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Oggetto: AGEVOLAZIONE FISCALE PER COMBUSTIBILE

Dettagli

C O M U N E DI O D E R Z O

C O M U N E DI O D E R Z O C O M U N E DI O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza di prima convocazione, seduta pubblica. Copia N 29/2014 del 15/09/2014 OGGETTO:

Dettagli

Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013

Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013 Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013 Benefici fiscali sul gasolio per autotrazione per il quarto trimestre 2012. Appuntamento al 31 Gennaio 2013 Benefici fiscali sul gasolio per autotrazione per il quarto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI TORRI DEL BENACO Provincia di Verona Viale F.lli Lavanda, 3 - Cap. 37010 0456205888 - fax 0456205800 P.IVA 00661030239 sito internet: www.comune.torridelbenaco.vr.it e-mail: comune@torridelbenaco.vr.it

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

RISOLUZIONE N. 163/E

RISOLUZIONE N. 163/E RISOLUZIONE N. 163/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 luglio 2007 OGGETTO:Istanza di interpello. Società Cooperativa edilizia Alfa Atto di assegnazione di alloggi da cooperativa a soci.

Dettagli

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente Risoluzione n.125/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - riacquisto di prima casa a titolo gratuito Decadenza dai benefici di cui alla nota II-bis

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Codice Ente: 10839 ORIGINALE DELIBERAZIONE N.6 Prot. n. 5524 in data: 22.02.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELLE AREE NON METANIZZATE DEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte QUESITO È CORRETTO POTER NON ACCOGLIERE LA RICHIESTA DI UNA DIPENDENTE

Associazione Regionale del Piemonte QUESITO È CORRETTO POTER NON ACCOGLIERE LA RICHIESTA DI UNA DIPENDENTE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Associazione Regionale del Piemonte QUESITO È CORRETTO POTER NON ACCOGLIERE LA RICHIESTA DI UNA DIPENDENTE ALLA FRUIZIONE DI UN'ASPETTATIVA PER 30 GG. AI SENSI DELLA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 23 aprile 2015 OGGETTO: Piani urbanistici particolareggiati - Art. 33, comma 3, della legge n. 388 del 2000 Applicabilità regime

Dettagli

Comune di Almese PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23

Comune di Almese PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 C o p i a Comune di Almese PROVINCIA DI TORINO OGGETTO: VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 INDIVIDUAZIONE PARTI DEL TERRITORIO DEL COMUNE NON METANIZZATE E FUORI DAL CENTRO ABITATO AL

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 03 O G G E T T O INDIVIDUAZIONE ZONE DEL TERRITORIO COMUNALE NON METANIZZATE PER APPLICAZIONE AGEVOLAZIONI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara)

C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara) COPIA DELIBERAZIONE N. 51 C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza straordinaria in prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO INDIVIDUAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Centro Studi e Documentazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Prot.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 212/E

RISOLUZIONE N. 212/E RISOLUZIONE N. 212/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso ROMA 22 maggio 2008 Oggetto: Consulenza giuridica Interpello IVA Fornitura di energia elettrica ai consorzi per uso irriguo, di sollevamento

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

Roma, 07 novembre 2007

Roma, 07 novembre 2007 RISOLUZIONE N.. 316/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 novembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option deliberati prima del 3 ottobre 2006 Opzioni parzialmente esercitate

Dettagli

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe DECRETO DESTINAZIONE ITALIA, LEGGE DI STABILITÀ, DECRETO MILLEPROROGHE E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il comma 139 dell art. unico della legge 27 dicembre 2013, n. 147 - Disposizioni per la formazione del

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A N. 43 Reg. Deliberazioni OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE NON METANIZZATE L anno duemilaquattordici addì ventisei

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO

COMUNE DI MALALBERGO rovincia di Bologna DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 43 del 25/09/2014 COIA CONFORME ALL'ORIGINALE OGGETTO: AGEVOLAZIONI ER RIDUZIONI COSTO DEL GASOLIO E DEL G..L. AD USO RISCALDAMENTO, ART. 8, COMMA

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 337/E

RISOLUZIONE N. 337/E RISOLUZIONE N. 337/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 agosto 2008 Oggetto: Istanza d Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - IVA - Operazioni accessorie -

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 agosto 2015 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Condominio minimo - Detrazione spese per interventi edilizi - art. 16-bis

Dettagli

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 08 dd. 18.03.2015 OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - gli artt. 33 e 34 della

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 8

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 8 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 8 SESSIONE ORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe dr.ssa

Dettagli

RISOLUZIONE N.11/E. Roma, 13 febbraio 2013

RISOLUZIONE N.11/E. Roma, 13 febbraio 2013 RISOLUZIONE N.11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria - Allegati alla dichiarazione di successione - art. 30 del D.Lgs.

Dettagli

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003...

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003... Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 27/E Roma, 9 maggio 2003 Oggetto: Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

Con la sentenza in esame i giudici della Suprema Corte ritengono, in sostanza, che il canone di

Con la sentenza in esame i giudici della Suprema Corte ritengono, in sostanza, che il canone di L allaccio alla pubblica fognatura è il presupposto imprescindibile per il pagamento del canone di depurazione ai sensi dell art. 14 della legge Galli? Dubbi ed interpretazioni Franco Giampietro e Sonia

Dettagli

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 04 gennaio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza Giuridica Art. 1 della legge n. 449 del 1997 Piano Casa Possibilità di fruire della detrazione del 36 per cento

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE CONSILIARE NR. 32 DD. 13/10/2011 OGGETTO: Esame ed approvazione schema contratto di servizio a disciplina delle modalità amministrative e tecniche per l affidamento a Trentino Riscossioni

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

STRALCIO DELLA DELIBERA N. 30 DEL 29/09/2011

STRALCIO DELLA DELIBERA N. 30 DEL 29/09/2011 STRALCIO DELLA DELIBERA N. 30 DEL 29/09/2011 COMUNE di CASALEONE Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE NON METANIZZATE E RIDUZIONE

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR

Deliberazione n. 119/2015/PAR Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

COMUNE DI FONTANELICE

COMUNE DI FONTANELICE DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE COMUNE DI FONTANELICE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 24/12/2012 INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE DEL TERRITORIO COMUNALE NON METANIZZATE PER GLI

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO

COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. (Approvato con Deliberazione Consiliare n. 10 del 15.05.2012) 1 Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

RISOLUZIONE n. 68/E QUESITO

RISOLUZIONE n. 68/E QUESITO RISOLUZIONE n. 68/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 febbraio 2008 OGGETTO:Istanza di Interpello. Imposta sostitutiva. Mutui concessi da istituti previdenziali per la rinegoziazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 OGGETTO: Consulenza giuridica Fatturazione delle prestazioni rese dai medici di medicina generale operanti in regime di convenzione con

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica RISOLUZIONE N. 203/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 agosto 2009 OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

Dettagli

Ristrutturazione: la documentazione delle spese

Ristrutturazione: la documentazione delle spese Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 40 17.11.2014 Ristrutturazione: la documentazione delle spese Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Come noto per fruire della

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro www.bollettinoadapt.it, 11 gennaio 2013 Interpelli in sintesi: lavoratori svantaggiati, fondi di solidarietà bilaterale, successione somministrazione e contratto a termine, contributo addizionale Inps

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

COMUNE DI FIGLINE VALDARNO. Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 197 del 25.10.2012 INDICE Titolo

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

Roma, 17 dicembre 2015. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 17 dicembre 2015. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 17 dicembre 2015 Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Prot.: 141033/RU Rif.: Allegati: Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Prestazioni Coordinamento generale Legale Direzione centrale Sistemi informativi

Dettagli

COMUNE DI GONARS Provincia di Udine

COMUNE DI GONARS Provincia di Udine COPIA N. 20 Reg. Delib. COMUNE DI GONARS Provincia di Udine ------------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Adeguamento a seguito della legge 23 dicembre 2009, n. 191 (legge finanziaria

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

Agenzia delle Entrate, circolare 7 maggio 2001, n. 44/E, Imposta sulle successioni e sulle donazioni - Legge 21 novembre 2000, n. 342, articolo 69.

Agenzia delle Entrate, circolare 7 maggio 2001, n. 44/E, Imposta sulle successioni e sulle donazioni - Legge 21 novembre 2000, n. 342, articolo 69. Agenzia delle Entrate, circolare 7 maggio 2001, n. 44/E, Imposta sulle successioni e sulle donazioni - Legge 21 novembre 2000, n. 342, articolo 69. Premessa L'articolo 69 della legge 21 novembre 2000,

Dettagli

Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso

Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE 117/E Oggetto: Mandato senza rappresentanza alla locazione di immobili ad uso turistico - Trattamento, ai fini IVA, delle somme

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) Codice Fiscale 00256490806 REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 05/07/2013 ART. 1 - FINALITA

Dettagli