L Assicurazione dei Crediti quale fattore di risk mitigation e leva per lo sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Assicurazione dei Crediti quale fattore di risk mitigation e leva per lo sviluppo"

Transcript

1 L Assicurazione dei Crediti quale fattore di risk mitigation e leva per lo sviluppo Riccardo CARRADORI Amministratore Delegato e Direttore Generale Coface Assicurazioni Università degli Studi,Verona

2 Programma Contesto Rischio Paese mondiale e Italia Il sostegno di Coface e le azioni di Coface nella mitigazione del rischio credito L incidenza dell assicurazione dei crediti sull attivo di bilancio e la stabilizzazione dei flussi di cassa

3 3 Il contesto

4 4 Gli Assicurati

5 5 Gli assicuratori

6 6 Un approccio vincente, in tempi difficili

7 I nuovi scenari dell Economia mondiale dopo la crisi 7 1st oil shock 2nd oil shock recession in the US Internet bubble and 9/11 Securitization crisis and Fall of Lehman years 8 years 7 years 5 years (p) % pts 3.1 pts 3.0 pts 2.4 pts 5.8 pts 20 0 World growth (current exchange rate) Payment incident index (base 100= world average ) 7

8 Lezioni apprese dalla Crisi 1. La 5 crisi del credito è durata 2 anni, come le precedenti, ma è stata la più violenta degli ultimi 60 anni 2. Il differenziale di crescita a livello mondiale tra l'inizio e la fine della crisi è stato di 6 punti, con grandi differenze geografiche (16 punti in Russia) 3. Le Insolvenze hanno raggiunto picchi inimmaginabili all apice della crisi (x5 in Italia): 8 La situazione avrebbe potuto essere peggiore, vista la caduta verticale del PIL Il management delle aziende è diventato sempre più cauto, e ciò emerge chiaramente nell utilizzo di coperture e rating 4. Il Credito di Fornitura resiste (per fortuna) e questo è stato un fattore di grande rilievo per la resilienza dell economia mondiale! Le aziende continuano, infatti, a sostenersi a vicenda, la qualcosa non è: né scontata, basti pensare a come il credito interbancario per lo sviluppo sia sostanzialmente scomparso alla fine del 2008 né ininfluente, visto che il Credito di Fornitura è la prima fonte di credito per le aziende

9 La crescita mondiale nel 2011: una ripresa a due velocità 2011f e World Growth Advanced economies Emerging Countries 9

10 In sintesi La durata dei cicli economici si riduce da 10 a 7/5 anni Per la prima volta, nel 2009, il tasso di crescita del PIL risulta negativo (-1.5%) La volatilità aumenta a dismisura, le crisi diventano più profonde ed aumentano i tempi di recupero per le imprese, soprattutto nei paesi avanzati In EU, servono 5 anni buoni per recuperarne 2 di crisi, ai tassi di crescita attuali Coface rivede la previsione di crescita mondiale da 3,4% a 3,2%, a causa dei recenti eventi in Giappone, Maghreb e Medio Oriente Nonostante il rallentamento della crescita, il contesto economico resta espansivo In tale contesto, la crescita dei paesi avanzati si attesta su 1.7%, quella dei paesi emergenti su 5.6% L Italia continua a trovarsi in una situazione di sostanziale stagnazione dell economia domestica (compressa da pesanti vincoli di bilancio), seppur con un Export piuttosto vivace (+20%) 10

11 Le economie dei paesi industrializzati nel 2011: elementi di fragilità I rischi di una doppia recessione saranno evitati Crescita negli USA grazie ad una politica pragmatica Il cammino della Germania grazie a due fattori chiave, l export e la ripresa dei consumi interni Alcuni rischi che creano allerta: Un moderato rallentamento a causa della riduzione della leva finanziaria del settore privato, politiche fiscali restrittive e del rallentamento del commercio mondiale Recessioni attese nelle economie della zona euro della periferia (Portogallo, Irlanda, Grecia e incertezza nello scenario spagnolo) Seconda crisi petrolifera possibile, legati ai mutamenti politici nel Nord Africa e Medio Oriente 11

12 Un nuovo fenomeno: si intensifica la convergenza in termini di rischio tra i paesi avanzati ed emergenti Regional Risk Index 100 basis : world 2000 Advanced economies Euro zone Emerging countries

13 Il Rischio Paese secondo Coface Il Rischio Paese: Misura l influenza dell evoluzione macro-economica e istituzionale di un paese sul rischio credito delle sue imprese Il rating Paese: Misura il rischio medio dei mancati pagamenti delle imprese in un dato paese Per valutare i paesi, Coface fa ricorso alle prospettive economiche e politiche del paese, alla esperienza di pagamento Coface e alla valutazione del contesto economico Questa valutazione si declina su una scala di 7 livelli: A1, A2, A3, A4, B, C, D Il rating del Contesto Economico: Valuta la qualità dell ambiente in cui si svolgono gli affari di un determinato paese, e più in particolare misura l affidabilità e la disponibilità dei conti delle aziende, se il sistema legale fornisce la giusta ed efficiente protezione ai creditori l efficacia e l equità del sistema giuridico nei confronti dei creditori Questa valutazione si declina su una scala di 7 livelli: A1, A2, A3, A4, B, C e D L evoluzione media non pregiudica il rating della singola impresa, è dunque importante verificare anche il rating relativo all impresa in oggetto 13

14 2011: un miglioramento dei rating delle economie avanzate 14

15 Alcune economie avanzate sono ritornate al livello precrisi rating (A1) 15

16 Altre non hanno ancora riguadagnato i rating attribuiti prima della crisi 16

17 Paesi emergenti nel periodo post crisi I paesi emergenti sono caratterizzati da: Una domanda interna vivace Esportazioni sostenute, soprattutto in Asia Liquidità robusta Quindi, si prevede una forte crescita nei paesi emergenti (5.7%): Moderato rialzo nell Europa emergente (3.6%) and in CIS (4.7%) Un atterraggio più contenuto in America Latina (4.2%) Grande dinamismo nell Asia emergente (7.2%) 17

18 Un fatto: le insolvenze del paese Italia 18

19 I Fallimenti in Italia (fonte Cerved dati 2010) 30 fallimenti al giorno nuove insolvenze nel 2010 (+20% vs 2009) Indice di Insolvenze doppio rispetto alla media Mondo Manifatturiero tra i settori più colpiti: fallimenti Principali cause: carenza di liquidità Classe dimensionale più colpita: aziende con fatturato compreso tra 2 e 10 mln di euro 19

20 Il credito verso i Clienti in Italia Più che in ogni altro Paese, il credito di fornitura è una delle principali fonti di finanziamento delle Imprese Italiane (arriva a sovrastare il canale bancario) Le esigenze di finanziamento delle nostre Imprese aumentano ovviamente con l allungarsi dei tempi di pagamento nelle transazioni commerciali, creando un notevole sfasamento tra entrate e uscite monetarie, soprattutto in periodi di crisi: si paga sempre prima e si incassa dopo, soprattutto dallo Stato L obiettivo di Coface è quello di aiutare i propri Clienti: migliorando la gestione del credito di fornitura, spremendo cassa al meglio dal capitale circolante rendendo il credito bancario più accessibile e meno oneroso, grazie al più elevato merito di credito dell assicuratore, anche grazie alla cessione del beneficio di polizza ove richiesto sostenendo lo sviluppo delle aziende, soprattutto a livello internazionale 20

21 Il mercato Italiano del Credito resta Immaturo I Crediti Commerciali delle Imprese Italiane sono pari a ca. il 30% del loro fatturato annuo, quasi il doppio della media europea! Gli strumenti normativi a disposizione dei creditori Italiani per far valere i propri diritti non possono certo dirsi particolarmente efficaci Nonostante tutto ciò, che dovrebbe presupporre un elevata penetrazione dell Assicurazione del Credito, le Aziende Italiane assicurate sono ca a fronte di un potenziale di quasi In Italia, si stima che solo il 6% dei crediti commerciali venga assicurato, contro il 60% in Europa Fino ad oggi, le aziende si sono difese finanziandosi tra loro, aumentando il credito dei fornitori e dilazionando i tempi d incasso In periodi di crisi, però, il rischio d insolvenza aumenta e si traduce nel c.d. Effetto Domino In taluni casi, tale rischio può arrivare a creare serie difficoltà, fino a condurre al fallimento dell azienda creditrice, in tempi sempre più brevi 21

22 I crediti verso clienti in Italia rappresentano circa 1/3 dell attivo di bilancio, come proteggerlo? Attività Immobilizzazioni materiali ed immateriali Passività Patrimonio Netto Crediti vs. Clienti Debiti a Lungo Termine Rimanenze Cassa Passività Correnti L Assicurazione del Credito migliora la gestione del credito di fornitura ed aiuta le Imprese a proteggere l attivo e a migliorare la redditività 22

23 Quali leve a disposizione delle aziende in caso di perdite su crediti commerciali? Quale impatto ha una perdita su crediti rispetto al fatturato di un Azienda? Possiamo stimare l impatto di una perdita su crediti in relazione ai margini che l Azienda ricava dalle proprie vendite? Quale sarà pertanto il fatturato che l Azienda deve sviluppare per assorbire e compensare una perdita su crediti commerciali? Come calcolare questo semplice indicatore? Fatturato aggiuntivo = perdita su crediti/margine Minore è il margine sulle vendite maggiore sarà il fatturato necessario per assorbire e compensare la perdita 23

24 Stima dell impatto di potenziali perdite su crediti sul fatturato prospettico di un Azienda, con e senza polizza Fatturato dell azienda euro Margine sulle vendite pari al 10% Perdita su crediti euro % di Copertura: 80 Margine sulle vendite ( Ros) In presenza di polizza Perdita Fatturato Supplementare Margine sulle vendite ( Ros) In assenza di polizza Perdita Fatturato Supplementare 10% % In presenza di una polizza credito, il fatturato supplementare per rientrare da una consistente perdita su crediti è limitato alla fetta di perdita che resta a carico dell assicurato Nel caso in esame, la necessità di sviluppare fatturato aggiuntivo per recuperare la perdita su crediti subita si riduce quindi dell 80% 24

25 Ritardi sui pagamenti per regione, Giorni medi di ritardo nei pagamenti delle imprese Fonte: Databank 25

26 Gestione del credito e degli scaduti : Coface FATTURAZIONE (condizioni di pagamento) Periodo di gestione autonoma del credito: periodo massimo di copertura 6 mesi+ 60gg addizionali Notizia degli impagati 15 /01/11 15/04/11 30/09/11 Esempio Data fattura: 15 gennaio Scadenza fattura: 15 Aprile Scadenza PMC: 31 luglio Segnalazione ultima del mancato pagamento :30 settembre Riduzione dei limiti di credito 26

27 Il solo dato della notizia della denuncia dei mancati pagamenti non basta ad intraprendere azioni che creano valore per la Compagnia e per l assicurato!! 27

28 In altre parole Veniamo a conoscenza degli impagati 8 mesi dopo dalla verifica degli stessi e questo comporta la necessità di porre una grande attenzione in termini di attuazione delle strategie da parte degli Assicuratori. Un provvedimento di riduzione degli affidamenti il 30 di settembre, ha un effetto immediato sulle fatture emesse da quella data in poi, ma non in termini di segnalazione degli impagati il cui effetto si ha allo scadere del periodo di gestione autonoma del credito ( nell esempio a maggio 2012) Coface, per tutelare il suo bilancio e per fornire un servizio al cliente assicurato, si è dotata di nuovi strumenti per decodificare i segnali deboli di un aumento potenziale dei tassi di insolvenza: studi settoriali analisi delle richieste di prolungamento del periodo autonomo di gestione del credito definizione degli indici predittivi visite preventive presso i debitori analisi del trend del rapporto tra mancati pagamenti in bonis e insolvenze 28

29 Una gestione ottimale dei crediti commerciali costituisce una prova di affidabilità e stabilità nei confronti della Banca per beneficiare di condizioni più vantaggiose nei prestiti e affidamenti bancari? Maggio 2011 MILANO

30 La disciplina applicabile alle banche Le Istruzioni di vigilanza prudenziale per le banche (Circ. Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006) non prevedono l assicurazione del credito come strumento di CRM (Credit Risk Mitigation) La polizza potrebbe essere ammessa come strumento di CRM (ma sussistono forti dubbi, soprattutto qualora si adotti un'interpretazione restrittiva della normativa prudenziale) nel caso di adozione di sistemi IRB avanzati e comunque a condizione che siano integrati i requisiti richiesti per le garanzie personali L'assicuratore deve in ogni caso aver ricevuto un rating interno o da parte di un'ecai tale da fargli attribuire una classe di merito creditizio non inferiore a 2 In ogni caso, l'effetto di mitigazione si verificherebbe solo qualora l'esposizione fosse imputabile al debitore ceduto (v. sopra) 30

31 La disciplina degli intermediari finanziari ex 107 TUB Le Istruzioni di vigilanza prudenziale per gli intermediari ex 107 TUB (Circ. BdI n. 216 del 5/8/ aggiornamento del 9/7/2007) prevedono espressamente le polizze di assicurazione del credito come strumento di CRM, a condizione che esse integrino i requisiti previsti per le garanzie personali L'assicuratore deve in ogni caso aver ricevuto un rating da parte di un'ecai (nel caso di adozione del metodo standardizzato) o interno (nel solo caso di adozione di metodi IRB) tale da fargli attribuire una classe di merito creditizio non inferiore a 2 a livello individuale Essendo assicurabile solo il rischio di credito nei confronti del debitore ceduto, la polizza vale come strumento di CRM a condizione che sia possibile imputare a quest'ultimo l'esposizione 31

32 Posizione della Banca d Italia sulla polizza credito CAI in prima linea nel rapporto con BdI in tema di polizza credito Già nel 2007, Coface ha posto quesito alla BdI: se la polizza di assicurazione del credito possa rientrare tra gli strumenti CRM utilizzabili ai fini prudenziali dagli intermediari di cui all art 107 TUB Risposta BdI del 19/3/2008: la concreta utilizzabilità di tali strumenti richiede un attenta valutazione di tutti gli aspetti rilevanti ai fini della riduzione dei rischi, che non può che essere effettuata dagli intermediari sulla base delle caratteristiche degli strumenti utilizzati e della propria operatività Comunicazione BdI sull assicurazione del credito in Bollettino di Vigilanza BdI n. 9, settembre 2008, risponde sempre in termini generici 32

33 Cenni alla possibile evoluzione della normativa prudenziale Banche Basilea III - Nessun impatto prevedibile allo stato sulla disciplina prudenziale dell assicurazione del credito (esiste però solo il framework approvato dal Comitato di Basilea e non ancora la relativa direttiva comunitaria) Recepimento CRD (Capital Requirement Directive) II e CRD III - Nessun impatto prevedibile allo stato Finanziarie 107 Albo unico ex art. 106 TUB, come modificato dal d.lgs. n. 141/ Assoggettamento degli intermediari finanziari (ex 106 e 107) ad una disciplina prudenziale più simile a quella delle banche di quella ora applicabile alle sole 107 Manca la disciplina attuativa del nuovo art. 106 TUB; sarà emanata dalla BdI entro il 31/12/2011; pertanto al momento non è possibile ipotizzare la nuova regolamentazione prudenziale per le nuove

34 Dal punto di vista di una banca Basel 2 compliant il pricing : segue stringenti logiche di price risk adjusted (RORAC) la sintesi del rischio di credito è rappresentato dal rating (che esprime una Perdita Attesa associata alla classe di rating) la presenza dell assicurazione crediti incide sulla valutazione qualitativa dell azienda nel sistema di rating (ma da sola non fa cambiare classe di rating all azienda) se il credit risk management dell azienda migliora grazie all assicurazione crediti, il rating migliora grazie ai benefici indotti sul bilancio, sull andamentale e sulla centrale rischi Maggio 2011 MILANO

35 Come si determina il rating Dati quantitativi Bilancio Centrale rischi Andamento rapporto + Dati qualitativi Appartenenza a gruppo Prospettive aziendali Minacce/opportunità aziendali e del mercato di riferimento Assetto proprietario Rating Controparte = PD Probability of default Maggio 2011 MILANO

36 Dati quantitativi peso ~70% Dati quantitativi: Bilancio + Centrale rischi + Andamento rapporto Bilancio Situazione Patrimoniale Capitalizzazione; Equilibrio strutturale; Magazzino; Crediti; Liquidità; Ciclo monetario Indebitamento; dimensione; rapporto BT/MT Conto Economico Redditività Oneri finanziari Raffronto bilanci Evoluzione capitale;debito; ciclo monetario Evoluzione redditività Centrale rischi Indebitamento complessivo Rapporto su fatturato margine disponibile enti affidanti Tipo dell indebitamento: BT/MT; autoliquidante; A revoca; Leasing; Factor; Cassa; Firma Modalità di utilizzo Sconfinamenti; ritardi; rate mutui e leasing impagate Andamento accordato e utilizzi Coerenza con dati del bilancio Andamento rapporto Analisi conto corrente Portafoglio commerciale Italia e Estero ; Import / Mutui Modalità di utilizzo Sconfinamenti Rate impagate di mutui e leasing % insoluti del portafoglio commerciale e del factor (cedente) Appoggio di lavoro (inserimento fidi / fatturato) 36

37 Dati qualitativi: appartenenza gruppo, imprenditore, prospettive aziendali, minacce/opportunità aziendali, dati correttivi peso ~30% Appartenenza a gruppo andamento del gruppo di riferimento rilevanza e interdipendenza dell azienda rispetto al gruppo Assetto Proprietario proprietà ben riconoscibile ricambio generazionale Prospettive aziendali previsione di sviluppo dell attività aziendale nel medio periodo Minacce / opportunità aziendali capacità di affrontare le minacce del mercato (prezzi, cambi, norme) capacità di cogliere le future opportunità capacità di protezione dai rischi (assicurazione crediti; coperture cambi e tassi) + giudizio dell analista rating 37

38 Metodo di calcolo del capitale regolamentare delle banche Dati quantitativi Bilancio Centrale rischi Andamento rapporto Dati qualitativi + Rating Controparte PD Probability of default X Garanzie e tipologia fidi LGD Loss Given Default = PA Perdita Attesa Appartenenza a gruppo Imprenditore Prospettive aziendali Minacce/opportunità aziendali Dati correttivi Utilizzati per: Calcolo del capitale regolamentare 11 Maggio 2011 MILANO 38

39 Esempi di calcolo regolamentare mediamente, per tutti i clienti con questi parametri (*) la banca si deve attendere in caso di default di perdere lo 0,6% dei prestiti concessi. di conseguenza, deve disporre di un patrimonio almeno pari al 7% del credito: ad es per un credito da 1 mln ad un azienda con tali caratteristiche di rischio, la banca deve detenere Euro di capitale proprio. 39

40 Gli elementi per il calcolo del pricing risk adjusted L applicazione del rating al pricing della relazione corporate si traduce soprattutto nell introduzione di due elementi che in precedenza venivano utilizzati marginalmente: - la Perdita Attesa - il Costo del Capitale La determinazione del pricing deve mirare alla creazione di valore positivo in base ai rischi assunti. Perdita EVA Ricavi netti = - attesa - Costo del capitale Margine di intermediazione al netto dei costi operativi EAD * LGD * PD Capitale assorbito * Tasso di remunerazione del capitale a rischio ( Risk Free + Premio al rischio) Maggio 2011 MILANO

41 Coface: un radar per orientarsi in nuovi mercati? Le parole di un nostro Cliente: Coface è stata una molla fantastica per misurare meglio le nostre opportunità: non è una semplice assicurazione, ma uno strumento manageriale che aiuta a definire la rotta giusta» nel processo di internazionalizzazione della mia impresa, Coface è stato un partner fondamentale «un radar in grado di aiutarci a orientare le nostre scelte». 41

42 Le sfide dell Internazionalizzazione Quali difficoltà ha una PMI quando si affaccia ai mercati esteri (vicini e lontani)? linguistiche di conoscenza delle norme, del mercato di riferimento delle reali condizioni di pagamento i processi di valutazione della clientela domestica non sempre sono replicabili esperienza sul campo: mancanza di una rete di vendita presente sul territorio, competente ed efficace 42

43 Il nostro patrimonio: una rete mondiale! Coface nel mondo Presenza diretta in 67 paesi Presenza indiretta in 32 paesi tramite la rete CreditAlliance** Canada Stati Uniti Messico Argentina Brasile Cile Colombia Costa Rica Equador Paraguay** Perù Uruguay** Venezuela Germania Austria Belgio Danimarca Spagna Francia Irlanda Italia Grecia** Liechtenstein** Lussemburgo Norvegia Paesi Bassi Portogallo Regno Unito Svezia Svizzera Algeria Benin Burkina Faso Camerun Costa d Avorio Egitto Gambia** Gabon Guinea** Mali Marocco Mauritania** Niger** Senegal Sudan** Ciad** Togo Tunisia** Sudafrica Uganda** Bahrain** Iran** Israele Giordania** Kuwait** Libano** Gibuti** E.A.U. Libia** Oman** Qatar** Siria** Yemen** Bulgaria Cipro** Croazia Estonia Finlandia Ungheria Kazakhstan Lettonia Lituania Malta** Polonia Rep. Ceca Romania Russia Serbia Slovacchia Slovenia Turchia Ucraina Australia Brunei Cina Corea Hong Kong India Indonesia** Giappone Malesia Nuova Zelanda** Pakistan** Filippine** Singapore Taiwan Tailandia Vietnam 43

44 Un organizzazione e degli strumenti gestionali sviluppati in base alle esigenze dei nostri Clienti Per offrire la gamma di servizi più efficiente e performante, mettiamo a disposizione dei nostri Clienti: La nostra presenza territoriale globale, che offre servizi locali di qualità sviluppati sulle esigenze dei mercati locali, secondo una logica di prossimità Le nostre piattaforme mondiali, che hanno l obiettivo di far confluire risorse produttive a livello mondiale e di rafforzare i processi di controllo del rischio La nostra banca dati mondiale, che raccoglie le esperienze di pagamento di oltre 100 milioni di debitori Cofanet, uno strumento evoluto di gestione integrata del credito, che fornisce risposte in tempo reale sull affidabilità delle aziende censite Un ampia gamma di prodotti, semplici e flessibili Prevenzione, Trasparenza, Dialogo, Tempestività e Innovazione, per un sostegno continuativo allo sviluppo profittevole delle Imprese 44

45 Come sosteniamo le imprese all Export Come risolviamo i problemi che le PMI incontrano nel loro sviluppo sui mercati internazionali? Conoscenza del mercato di riferimento e capacità di analisi con un dabase in cui convergono informazioni ufficiali e informali (50 milioni di aziende valutate) Un partner con esperienza in outsourcing che consente la valutazione della clientela estera, che richiede parametri e processi diversi da quelli abitualmente utilizzati. Valutazione è l unica modalità di concessione di limite di credito presente sul mercato che in tempo reale e a livello mondiale mette a disposizione una chiara e garantita disponibilità di copertura Il network internazionale di Infoline, Recupero Crediti e circuito di legali specializzati è a supporto dell Assicurato in ogni momento. 45

46 Perché è sempre più importante Assicurare i Crediti? In un contesto in cui aumentano la complessità degli affari e la volatilità dei rischi e si comprimono i cicli (crisi più profonde e tempi di recupero ridotti all osso) L assicurazione credito permette di coprire rischi ordinari (convenienza economica) e/o catastrofali (sopravvivenza), in maniera tanto più efficace quanto più viene preservata la logica mutualistica Aiuta a sostenere sviluppo e internazionalizzazione (motore della crescita) E un fattore sempre più riconosciuto di mitigazione del rischio di credito (credit enhancer) e permette quindi un maggior accesso al credito a costi più contenuti E imperniata su 3 pilastri fondamentali: Prevenzione (evitare perdite consistenti), Gestione (minimizzare eventuali danni), Indennizzo (recuperare cassa) 46

47 L impatto di Basilea III e Solvency II La compressione dei Cicli economici, l inasprimento delle crisi e l aumento significativo della volatilità delle materie prime, comportano maggiori rischi più correlati tra loro Basilea III e Solvency II renderanno più severi, a breve, i requisiti regolamentari sul Capitale Economico, con l effetto di aumentare la stretta creditizia ed affossare ulteriormente l economia Le Banche e le società di Factoring dovranno pertanto ricercare Fattori efficaci di Mitigazione e/o Traslazione del Rischio di Credito, che permettano di contenere l assorbimento di capitale regolamentare sempre più stringente imposto ldalle Autorità Le Imprese dovranno puntare su Cassa (Circolante), Redditività e Merito di Credito (ove possibile, esaltato da operatori più virtuosi, quali gli Assicuratori), per sostenere una Crescita Virtuosa fortemente orientata all Export, in un contesto domestico di sostanziale Stagnazione In tale scenario, la gestione integrata del Credito diventa quindi sempre più una importante chiave competitiva di sistema da cui non si potrà più prescindere 47

48 Coface: Nuova Energia per lo Sviluppo! 1. Solidità 2. Competenza 3. Qualità 4. Semplicità 5. Flessibilità Eccellenza Globale al servizio della crescita dei Grandi Gruppi Multinazionali e delle PMI della provincia Italiana 6. Affidabilità 7. Prevenzione 8. Trasparenza 9. Dialogo 10. Innovazione 48

49 Grazie per l attenzione! 49

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai Ministri finanziari e ai Governatori delle banche centrali del G20 sull attuazione di Basilea 3 Ottobre 2012 Il presente documento è stato redatto

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Agosto 2013 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti Traduzione 1 Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti 0.105 Conclusa a Nuova York il 10 dicembre 1984 Approvata dall Assemblea federale il 6 ottobre 1986

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si rimanda

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Figli della recessione

Figli della recessione UNICEF Innocenti Report Card 12 La condizione dell'infanzia nei paesi ricchi Figli della recessione L'impatto della crisi economica sul benessere dei bambini nei paesi ricchi La Innocenti Report Card 12

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli