L Assicurazione dei Crediti quale fattore di risk mitigation e leva per lo sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Assicurazione dei Crediti quale fattore di risk mitigation e leva per lo sviluppo"

Transcript

1 L Assicurazione dei Crediti quale fattore di risk mitigation e leva per lo sviluppo Riccardo CARRADORI Amministratore Delegato e Direttore Generale Coface Assicurazioni Università degli Studi,Verona

2 Programma Contesto Rischio Paese mondiale e Italia Il sostegno di Coface e le azioni di Coface nella mitigazione del rischio credito L incidenza dell assicurazione dei crediti sull attivo di bilancio e la stabilizzazione dei flussi di cassa

3 3 Il contesto

4 4 Gli Assicurati

5 5 Gli assicuratori

6 6 Un approccio vincente, in tempi difficili

7 I nuovi scenari dell Economia mondiale dopo la crisi 7 1st oil shock 2nd oil shock recession in the US Internet bubble and 9/11 Securitization crisis and Fall of Lehman years 8 years 7 years 5 years (p) % pts 3.1 pts 3.0 pts 2.4 pts 5.8 pts 20 0 World growth (current exchange rate) Payment incident index (base 100= world average ) 7

8 Lezioni apprese dalla Crisi 1. La 5 crisi del credito è durata 2 anni, come le precedenti, ma è stata la più violenta degli ultimi 60 anni 2. Il differenziale di crescita a livello mondiale tra l'inizio e la fine della crisi è stato di 6 punti, con grandi differenze geografiche (16 punti in Russia) 3. Le Insolvenze hanno raggiunto picchi inimmaginabili all apice della crisi (x5 in Italia): 8 La situazione avrebbe potuto essere peggiore, vista la caduta verticale del PIL Il management delle aziende è diventato sempre più cauto, e ciò emerge chiaramente nell utilizzo di coperture e rating 4. Il Credito di Fornitura resiste (per fortuna) e questo è stato un fattore di grande rilievo per la resilienza dell economia mondiale! Le aziende continuano, infatti, a sostenersi a vicenda, la qualcosa non è: né scontata, basti pensare a come il credito interbancario per lo sviluppo sia sostanzialmente scomparso alla fine del 2008 né ininfluente, visto che il Credito di Fornitura è la prima fonte di credito per le aziende

9 La crescita mondiale nel 2011: una ripresa a due velocità 2011f e World Growth Advanced economies Emerging Countries 9

10 In sintesi La durata dei cicli economici si riduce da 10 a 7/5 anni Per la prima volta, nel 2009, il tasso di crescita del PIL risulta negativo (-1.5%) La volatilità aumenta a dismisura, le crisi diventano più profonde ed aumentano i tempi di recupero per le imprese, soprattutto nei paesi avanzati In EU, servono 5 anni buoni per recuperarne 2 di crisi, ai tassi di crescita attuali Coface rivede la previsione di crescita mondiale da 3,4% a 3,2%, a causa dei recenti eventi in Giappone, Maghreb e Medio Oriente Nonostante il rallentamento della crescita, il contesto economico resta espansivo In tale contesto, la crescita dei paesi avanzati si attesta su 1.7%, quella dei paesi emergenti su 5.6% L Italia continua a trovarsi in una situazione di sostanziale stagnazione dell economia domestica (compressa da pesanti vincoli di bilancio), seppur con un Export piuttosto vivace (+20%) 10

11 Le economie dei paesi industrializzati nel 2011: elementi di fragilità I rischi di una doppia recessione saranno evitati Crescita negli USA grazie ad una politica pragmatica Il cammino della Germania grazie a due fattori chiave, l export e la ripresa dei consumi interni Alcuni rischi che creano allerta: Un moderato rallentamento a causa della riduzione della leva finanziaria del settore privato, politiche fiscali restrittive e del rallentamento del commercio mondiale Recessioni attese nelle economie della zona euro della periferia (Portogallo, Irlanda, Grecia e incertezza nello scenario spagnolo) Seconda crisi petrolifera possibile, legati ai mutamenti politici nel Nord Africa e Medio Oriente 11

12 Un nuovo fenomeno: si intensifica la convergenza in termini di rischio tra i paesi avanzati ed emergenti Regional Risk Index 100 basis : world 2000 Advanced economies Euro zone Emerging countries

13 Il Rischio Paese secondo Coface Il Rischio Paese: Misura l influenza dell evoluzione macro-economica e istituzionale di un paese sul rischio credito delle sue imprese Il rating Paese: Misura il rischio medio dei mancati pagamenti delle imprese in un dato paese Per valutare i paesi, Coface fa ricorso alle prospettive economiche e politiche del paese, alla esperienza di pagamento Coface e alla valutazione del contesto economico Questa valutazione si declina su una scala di 7 livelli: A1, A2, A3, A4, B, C, D Il rating del Contesto Economico: Valuta la qualità dell ambiente in cui si svolgono gli affari di un determinato paese, e più in particolare misura l affidabilità e la disponibilità dei conti delle aziende, se il sistema legale fornisce la giusta ed efficiente protezione ai creditori l efficacia e l equità del sistema giuridico nei confronti dei creditori Questa valutazione si declina su una scala di 7 livelli: A1, A2, A3, A4, B, C e D L evoluzione media non pregiudica il rating della singola impresa, è dunque importante verificare anche il rating relativo all impresa in oggetto 13

14 2011: un miglioramento dei rating delle economie avanzate 14

15 Alcune economie avanzate sono ritornate al livello precrisi rating (A1) 15

16 Altre non hanno ancora riguadagnato i rating attribuiti prima della crisi 16

17 Paesi emergenti nel periodo post crisi I paesi emergenti sono caratterizzati da: Una domanda interna vivace Esportazioni sostenute, soprattutto in Asia Liquidità robusta Quindi, si prevede una forte crescita nei paesi emergenti (5.7%): Moderato rialzo nell Europa emergente (3.6%) and in CIS (4.7%) Un atterraggio più contenuto in America Latina (4.2%) Grande dinamismo nell Asia emergente (7.2%) 17

18 Un fatto: le insolvenze del paese Italia 18

19 I Fallimenti in Italia (fonte Cerved dati 2010) 30 fallimenti al giorno nuove insolvenze nel 2010 (+20% vs 2009) Indice di Insolvenze doppio rispetto alla media Mondo Manifatturiero tra i settori più colpiti: fallimenti Principali cause: carenza di liquidità Classe dimensionale più colpita: aziende con fatturato compreso tra 2 e 10 mln di euro 19

20 Il credito verso i Clienti in Italia Più che in ogni altro Paese, il credito di fornitura è una delle principali fonti di finanziamento delle Imprese Italiane (arriva a sovrastare il canale bancario) Le esigenze di finanziamento delle nostre Imprese aumentano ovviamente con l allungarsi dei tempi di pagamento nelle transazioni commerciali, creando un notevole sfasamento tra entrate e uscite monetarie, soprattutto in periodi di crisi: si paga sempre prima e si incassa dopo, soprattutto dallo Stato L obiettivo di Coface è quello di aiutare i propri Clienti: migliorando la gestione del credito di fornitura, spremendo cassa al meglio dal capitale circolante rendendo il credito bancario più accessibile e meno oneroso, grazie al più elevato merito di credito dell assicuratore, anche grazie alla cessione del beneficio di polizza ove richiesto sostenendo lo sviluppo delle aziende, soprattutto a livello internazionale 20

21 Il mercato Italiano del Credito resta Immaturo I Crediti Commerciali delle Imprese Italiane sono pari a ca. il 30% del loro fatturato annuo, quasi il doppio della media europea! Gli strumenti normativi a disposizione dei creditori Italiani per far valere i propri diritti non possono certo dirsi particolarmente efficaci Nonostante tutto ciò, che dovrebbe presupporre un elevata penetrazione dell Assicurazione del Credito, le Aziende Italiane assicurate sono ca a fronte di un potenziale di quasi In Italia, si stima che solo il 6% dei crediti commerciali venga assicurato, contro il 60% in Europa Fino ad oggi, le aziende si sono difese finanziandosi tra loro, aumentando il credito dei fornitori e dilazionando i tempi d incasso In periodi di crisi, però, il rischio d insolvenza aumenta e si traduce nel c.d. Effetto Domino In taluni casi, tale rischio può arrivare a creare serie difficoltà, fino a condurre al fallimento dell azienda creditrice, in tempi sempre più brevi 21

22 I crediti verso clienti in Italia rappresentano circa 1/3 dell attivo di bilancio, come proteggerlo? Attività Immobilizzazioni materiali ed immateriali Passività Patrimonio Netto Crediti vs. Clienti Debiti a Lungo Termine Rimanenze Cassa Passività Correnti L Assicurazione del Credito migliora la gestione del credito di fornitura ed aiuta le Imprese a proteggere l attivo e a migliorare la redditività 22

23 Quali leve a disposizione delle aziende in caso di perdite su crediti commerciali? Quale impatto ha una perdita su crediti rispetto al fatturato di un Azienda? Possiamo stimare l impatto di una perdita su crediti in relazione ai margini che l Azienda ricava dalle proprie vendite? Quale sarà pertanto il fatturato che l Azienda deve sviluppare per assorbire e compensare una perdita su crediti commerciali? Come calcolare questo semplice indicatore? Fatturato aggiuntivo = perdita su crediti/margine Minore è il margine sulle vendite maggiore sarà il fatturato necessario per assorbire e compensare la perdita 23

24 Stima dell impatto di potenziali perdite su crediti sul fatturato prospettico di un Azienda, con e senza polizza Fatturato dell azienda euro Margine sulle vendite pari al 10% Perdita su crediti euro % di Copertura: 80 Margine sulle vendite ( Ros) In presenza di polizza Perdita Fatturato Supplementare Margine sulle vendite ( Ros) In assenza di polizza Perdita Fatturato Supplementare 10% % In presenza di una polizza credito, il fatturato supplementare per rientrare da una consistente perdita su crediti è limitato alla fetta di perdita che resta a carico dell assicurato Nel caso in esame, la necessità di sviluppare fatturato aggiuntivo per recuperare la perdita su crediti subita si riduce quindi dell 80% 24

25 Ritardi sui pagamenti per regione, Giorni medi di ritardo nei pagamenti delle imprese Fonte: Databank 25

26 Gestione del credito e degli scaduti : Coface FATTURAZIONE (condizioni di pagamento) Periodo di gestione autonoma del credito: periodo massimo di copertura 6 mesi+ 60gg addizionali Notizia degli impagati 15 /01/11 15/04/11 30/09/11 Esempio Data fattura: 15 gennaio Scadenza fattura: 15 Aprile Scadenza PMC: 31 luglio Segnalazione ultima del mancato pagamento :30 settembre Riduzione dei limiti di credito 26

27 Il solo dato della notizia della denuncia dei mancati pagamenti non basta ad intraprendere azioni che creano valore per la Compagnia e per l assicurato!! 27

28 In altre parole Veniamo a conoscenza degli impagati 8 mesi dopo dalla verifica degli stessi e questo comporta la necessità di porre una grande attenzione in termini di attuazione delle strategie da parte degli Assicuratori. Un provvedimento di riduzione degli affidamenti il 30 di settembre, ha un effetto immediato sulle fatture emesse da quella data in poi, ma non in termini di segnalazione degli impagati il cui effetto si ha allo scadere del periodo di gestione autonoma del credito ( nell esempio a maggio 2012) Coface, per tutelare il suo bilancio e per fornire un servizio al cliente assicurato, si è dotata di nuovi strumenti per decodificare i segnali deboli di un aumento potenziale dei tassi di insolvenza: studi settoriali analisi delle richieste di prolungamento del periodo autonomo di gestione del credito definizione degli indici predittivi visite preventive presso i debitori analisi del trend del rapporto tra mancati pagamenti in bonis e insolvenze 28

29 Una gestione ottimale dei crediti commerciali costituisce una prova di affidabilità e stabilità nei confronti della Banca per beneficiare di condizioni più vantaggiose nei prestiti e affidamenti bancari? Maggio 2011 MILANO

30 La disciplina applicabile alle banche Le Istruzioni di vigilanza prudenziale per le banche (Circ. Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006) non prevedono l assicurazione del credito come strumento di CRM (Credit Risk Mitigation) La polizza potrebbe essere ammessa come strumento di CRM (ma sussistono forti dubbi, soprattutto qualora si adotti un'interpretazione restrittiva della normativa prudenziale) nel caso di adozione di sistemi IRB avanzati e comunque a condizione che siano integrati i requisiti richiesti per le garanzie personali L'assicuratore deve in ogni caso aver ricevuto un rating interno o da parte di un'ecai tale da fargli attribuire una classe di merito creditizio non inferiore a 2 In ogni caso, l'effetto di mitigazione si verificherebbe solo qualora l'esposizione fosse imputabile al debitore ceduto (v. sopra) 30

31 La disciplina degli intermediari finanziari ex 107 TUB Le Istruzioni di vigilanza prudenziale per gli intermediari ex 107 TUB (Circ. BdI n. 216 del 5/8/ aggiornamento del 9/7/2007) prevedono espressamente le polizze di assicurazione del credito come strumento di CRM, a condizione che esse integrino i requisiti previsti per le garanzie personali L'assicuratore deve in ogni caso aver ricevuto un rating da parte di un'ecai (nel caso di adozione del metodo standardizzato) o interno (nel solo caso di adozione di metodi IRB) tale da fargli attribuire una classe di merito creditizio non inferiore a 2 a livello individuale Essendo assicurabile solo il rischio di credito nei confronti del debitore ceduto, la polizza vale come strumento di CRM a condizione che sia possibile imputare a quest'ultimo l'esposizione 31

32 Posizione della Banca d Italia sulla polizza credito CAI in prima linea nel rapporto con BdI in tema di polizza credito Già nel 2007, Coface ha posto quesito alla BdI: se la polizza di assicurazione del credito possa rientrare tra gli strumenti CRM utilizzabili ai fini prudenziali dagli intermediari di cui all art 107 TUB Risposta BdI del 19/3/2008: la concreta utilizzabilità di tali strumenti richiede un attenta valutazione di tutti gli aspetti rilevanti ai fini della riduzione dei rischi, che non può che essere effettuata dagli intermediari sulla base delle caratteristiche degli strumenti utilizzati e della propria operatività Comunicazione BdI sull assicurazione del credito in Bollettino di Vigilanza BdI n. 9, settembre 2008, risponde sempre in termini generici 32

33 Cenni alla possibile evoluzione della normativa prudenziale Banche Basilea III - Nessun impatto prevedibile allo stato sulla disciplina prudenziale dell assicurazione del credito (esiste però solo il framework approvato dal Comitato di Basilea e non ancora la relativa direttiva comunitaria) Recepimento CRD (Capital Requirement Directive) II e CRD III - Nessun impatto prevedibile allo stato Finanziarie 107 Albo unico ex art. 106 TUB, come modificato dal d.lgs. n. 141/ Assoggettamento degli intermediari finanziari (ex 106 e 107) ad una disciplina prudenziale più simile a quella delle banche di quella ora applicabile alle sole 107 Manca la disciplina attuativa del nuovo art. 106 TUB; sarà emanata dalla BdI entro il 31/12/2011; pertanto al momento non è possibile ipotizzare la nuova regolamentazione prudenziale per le nuove

34 Dal punto di vista di una banca Basel 2 compliant il pricing : segue stringenti logiche di price risk adjusted (RORAC) la sintesi del rischio di credito è rappresentato dal rating (che esprime una Perdita Attesa associata alla classe di rating) la presenza dell assicurazione crediti incide sulla valutazione qualitativa dell azienda nel sistema di rating (ma da sola non fa cambiare classe di rating all azienda) se il credit risk management dell azienda migliora grazie all assicurazione crediti, il rating migliora grazie ai benefici indotti sul bilancio, sull andamentale e sulla centrale rischi Maggio 2011 MILANO

35 Come si determina il rating Dati quantitativi Bilancio Centrale rischi Andamento rapporto + Dati qualitativi Appartenenza a gruppo Prospettive aziendali Minacce/opportunità aziendali e del mercato di riferimento Assetto proprietario Rating Controparte = PD Probability of default Maggio 2011 MILANO

36 Dati quantitativi peso ~70% Dati quantitativi: Bilancio + Centrale rischi + Andamento rapporto Bilancio Situazione Patrimoniale Capitalizzazione; Equilibrio strutturale; Magazzino; Crediti; Liquidità; Ciclo monetario Indebitamento; dimensione; rapporto BT/MT Conto Economico Redditività Oneri finanziari Raffronto bilanci Evoluzione capitale;debito; ciclo monetario Evoluzione redditività Centrale rischi Indebitamento complessivo Rapporto su fatturato margine disponibile enti affidanti Tipo dell indebitamento: BT/MT; autoliquidante; A revoca; Leasing; Factor; Cassa; Firma Modalità di utilizzo Sconfinamenti; ritardi; rate mutui e leasing impagate Andamento accordato e utilizzi Coerenza con dati del bilancio Andamento rapporto Analisi conto corrente Portafoglio commerciale Italia e Estero ; Import / Mutui Modalità di utilizzo Sconfinamenti Rate impagate di mutui e leasing % insoluti del portafoglio commerciale e del factor (cedente) Appoggio di lavoro (inserimento fidi / fatturato) 36

37 Dati qualitativi: appartenenza gruppo, imprenditore, prospettive aziendali, minacce/opportunità aziendali, dati correttivi peso ~30% Appartenenza a gruppo andamento del gruppo di riferimento rilevanza e interdipendenza dell azienda rispetto al gruppo Assetto Proprietario proprietà ben riconoscibile ricambio generazionale Prospettive aziendali previsione di sviluppo dell attività aziendale nel medio periodo Minacce / opportunità aziendali capacità di affrontare le minacce del mercato (prezzi, cambi, norme) capacità di cogliere le future opportunità capacità di protezione dai rischi (assicurazione crediti; coperture cambi e tassi) + giudizio dell analista rating 37

38 Metodo di calcolo del capitale regolamentare delle banche Dati quantitativi Bilancio Centrale rischi Andamento rapporto Dati qualitativi + Rating Controparte PD Probability of default X Garanzie e tipologia fidi LGD Loss Given Default = PA Perdita Attesa Appartenenza a gruppo Imprenditore Prospettive aziendali Minacce/opportunità aziendali Dati correttivi Utilizzati per: Calcolo del capitale regolamentare 11 Maggio 2011 MILANO 38

39 Esempi di calcolo regolamentare mediamente, per tutti i clienti con questi parametri (*) la banca si deve attendere in caso di default di perdere lo 0,6% dei prestiti concessi. di conseguenza, deve disporre di un patrimonio almeno pari al 7% del credito: ad es per un credito da 1 mln ad un azienda con tali caratteristiche di rischio, la banca deve detenere Euro di capitale proprio. 39

40 Gli elementi per il calcolo del pricing risk adjusted L applicazione del rating al pricing della relazione corporate si traduce soprattutto nell introduzione di due elementi che in precedenza venivano utilizzati marginalmente: - la Perdita Attesa - il Costo del Capitale La determinazione del pricing deve mirare alla creazione di valore positivo in base ai rischi assunti. Perdita EVA Ricavi netti = - attesa - Costo del capitale Margine di intermediazione al netto dei costi operativi EAD * LGD * PD Capitale assorbito * Tasso di remunerazione del capitale a rischio ( Risk Free + Premio al rischio) Maggio 2011 MILANO

41 Coface: un radar per orientarsi in nuovi mercati? Le parole di un nostro Cliente: Coface è stata una molla fantastica per misurare meglio le nostre opportunità: non è una semplice assicurazione, ma uno strumento manageriale che aiuta a definire la rotta giusta» nel processo di internazionalizzazione della mia impresa, Coface è stato un partner fondamentale «un radar in grado di aiutarci a orientare le nostre scelte». 41

42 Le sfide dell Internazionalizzazione Quali difficoltà ha una PMI quando si affaccia ai mercati esteri (vicini e lontani)? linguistiche di conoscenza delle norme, del mercato di riferimento delle reali condizioni di pagamento i processi di valutazione della clientela domestica non sempre sono replicabili esperienza sul campo: mancanza di una rete di vendita presente sul territorio, competente ed efficace 42

43 Il nostro patrimonio: una rete mondiale! Coface nel mondo Presenza diretta in 67 paesi Presenza indiretta in 32 paesi tramite la rete CreditAlliance** Canada Stati Uniti Messico Argentina Brasile Cile Colombia Costa Rica Equador Paraguay** Perù Uruguay** Venezuela Germania Austria Belgio Danimarca Spagna Francia Irlanda Italia Grecia** Liechtenstein** Lussemburgo Norvegia Paesi Bassi Portogallo Regno Unito Svezia Svizzera Algeria Benin Burkina Faso Camerun Costa d Avorio Egitto Gambia** Gabon Guinea** Mali Marocco Mauritania** Niger** Senegal Sudan** Ciad** Togo Tunisia** Sudafrica Uganda** Bahrain** Iran** Israele Giordania** Kuwait** Libano** Gibuti** E.A.U. Libia** Oman** Qatar** Siria** Yemen** Bulgaria Cipro** Croazia Estonia Finlandia Ungheria Kazakhstan Lettonia Lituania Malta** Polonia Rep. Ceca Romania Russia Serbia Slovacchia Slovenia Turchia Ucraina Australia Brunei Cina Corea Hong Kong India Indonesia** Giappone Malesia Nuova Zelanda** Pakistan** Filippine** Singapore Taiwan Tailandia Vietnam 43

44 Un organizzazione e degli strumenti gestionali sviluppati in base alle esigenze dei nostri Clienti Per offrire la gamma di servizi più efficiente e performante, mettiamo a disposizione dei nostri Clienti: La nostra presenza territoriale globale, che offre servizi locali di qualità sviluppati sulle esigenze dei mercati locali, secondo una logica di prossimità Le nostre piattaforme mondiali, che hanno l obiettivo di far confluire risorse produttive a livello mondiale e di rafforzare i processi di controllo del rischio La nostra banca dati mondiale, che raccoglie le esperienze di pagamento di oltre 100 milioni di debitori Cofanet, uno strumento evoluto di gestione integrata del credito, che fornisce risposte in tempo reale sull affidabilità delle aziende censite Un ampia gamma di prodotti, semplici e flessibili Prevenzione, Trasparenza, Dialogo, Tempestività e Innovazione, per un sostegno continuativo allo sviluppo profittevole delle Imprese 44

45 Come sosteniamo le imprese all Export Come risolviamo i problemi che le PMI incontrano nel loro sviluppo sui mercati internazionali? Conoscenza del mercato di riferimento e capacità di analisi con un dabase in cui convergono informazioni ufficiali e informali (50 milioni di aziende valutate) Un partner con esperienza in outsourcing che consente la valutazione della clientela estera, che richiede parametri e processi diversi da quelli abitualmente utilizzati. Valutazione è l unica modalità di concessione di limite di credito presente sul mercato che in tempo reale e a livello mondiale mette a disposizione una chiara e garantita disponibilità di copertura Il network internazionale di Infoline, Recupero Crediti e circuito di legali specializzati è a supporto dell Assicurato in ogni momento. 45

46 Perché è sempre più importante Assicurare i Crediti? In un contesto in cui aumentano la complessità degli affari e la volatilità dei rischi e si comprimono i cicli (crisi più profonde e tempi di recupero ridotti all osso) L assicurazione credito permette di coprire rischi ordinari (convenienza economica) e/o catastrofali (sopravvivenza), in maniera tanto più efficace quanto più viene preservata la logica mutualistica Aiuta a sostenere sviluppo e internazionalizzazione (motore della crescita) E un fattore sempre più riconosciuto di mitigazione del rischio di credito (credit enhancer) e permette quindi un maggior accesso al credito a costi più contenuti E imperniata su 3 pilastri fondamentali: Prevenzione (evitare perdite consistenti), Gestione (minimizzare eventuali danni), Indennizzo (recuperare cassa) 46

47 L impatto di Basilea III e Solvency II La compressione dei Cicli economici, l inasprimento delle crisi e l aumento significativo della volatilità delle materie prime, comportano maggiori rischi più correlati tra loro Basilea III e Solvency II renderanno più severi, a breve, i requisiti regolamentari sul Capitale Economico, con l effetto di aumentare la stretta creditizia ed affossare ulteriormente l economia Le Banche e le società di Factoring dovranno pertanto ricercare Fattori efficaci di Mitigazione e/o Traslazione del Rischio di Credito, che permettano di contenere l assorbimento di capitale regolamentare sempre più stringente imposto ldalle Autorità Le Imprese dovranno puntare su Cassa (Circolante), Redditività e Merito di Credito (ove possibile, esaltato da operatori più virtuosi, quali gli Assicuratori), per sostenere una Crescita Virtuosa fortemente orientata all Export, in un contesto domestico di sostanziale Stagnazione In tale scenario, la gestione integrata del Credito diventa quindi sempre più una importante chiave competitiva di sistema da cui non si potrà più prescindere 47

48 Coface: Nuova Energia per lo Sviluppo! 1. Solidità 2. Competenza 3. Qualità 4. Semplicità 5. Flessibilità Eccellenza Globale al servizio della crescita dei Grandi Gruppi Multinazionali e delle PMI della provincia Italiana 6. Affidabilità 7. Prevenzione 8. Trasparenza 9. Dialogo 10. Innovazione 48

49 Grazie per l attenzione! 49

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda 1 Coface- Rischio Paese 2011 Assolombarda 09/03/2011 La missione di Coface

Dettagli

L assicurazione dei crediti

L assicurazione dei crediti L assicurazione dei crediti Bologna, 13 12 2011 Antonella Vona, Responsabile Marketing e Comunicazione Coface Assicurazioni 1970 1971 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982 1983 1984 1985

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

Un servizio personalizzato Un offerta completa e modulabile secondo le esigenze del Cliente

Un servizio personalizzato Un offerta completa e modulabile secondo le esigenze del Cliente COFACE NEL MONDO Algeria Argentina Australia Austria Belgio Benin Brasile Bulgaria Burkina Faso Camerun Canada Cile Cina Colombia Corea del Sud Costa d Avorio Costa Rica Croazia Danimarca Ecuador Egitto

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Federici Assicurazioni Agenzia di Milano Atradius Credit Insurance N.V.

Federici Assicurazioni Agenzia di Milano Atradius Credit Insurance N.V. Federici Assicurazioni Agenzia di Milano Atradius Credit Insurance N.V. Una forza trainante nelle assicurazioni del credito e delle cauzioni Atradius - page 1 Una partnership solida Con decenni di esperienza

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

CONVENZIONE REPlat Listino 2011

CONVENZIONE REPlat Listino 2011 CONVENZIONE REPlat 01. VISURE IMMOBILIARI VISURE IPOTECARIE TOTALE - 15% Visura Ipotecaria Light 26,00 22,10 Visura Ipotecaria Strong 48,00 40,80 Elenco Formalità 18,00 15,30 Visura Ipotecaria per Immobile

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni!

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! Sensori induttivi miniaturizzati Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! AZIENDA Grazie alla sua visione per l innovazione e la valorizzazione tecnologica, Contrinex continua a fissare nuovi standard

Dettagli

Coface nel mondo. La presenza internazionale

Coface nel mondo. La presenza internazionale Coface in Italia Coface nel mondo Algeria Argentina Australia Austria Belgio Benin Brasile Bulgaria Burkina Faso Camerun Canada Cile Cina Colombia Corea del Sud Costa d'avorio Costa Rica Croazia Danimarca

Dettagli

Euler Hermes Aiutiamo le imprese a sviluppare il business in sicurezza

Euler Hermes Aiutiamo le imprese a sviluppare il business in sicurezza Euler Hermes Aiutiamo le imprese a sviluppare il business in sicurezza Euler Hermes leader mondiale dell assicurazione crediti, assiste i clienti in tutto il mondo nell affrontare consapevolmente i mercati

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005 l import-export italiano di tecnologia nelle pagine che seguono sono riportati i dati dell Istituto Italiano di Statistica (ISTAT) riguardanti le voci doganali che includono la tecnologia lapidea. Dati

Dettagli

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero 29/2014 Pagina 1 di 8 Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero : 29/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : DICHIARAZIONI

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Legenda dei Paesi Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Afghanistan 155 h 1 Albania 64 i 1 Algeria 84 h 1 Andorra 30 h 2 Angola 146 h 2 Argentina 46 h 4 Armenia 76 Australia 2 Austria 25 i 1

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Convenzione Servizi di Telefonia Fissa e Trasmissione Dati. Listino prezzi

Convenzione Servizi di Telefonia Fissa e Trasmissione Dati. Listino prezzi Prezzi per servizi di telefonia tradizionale Listino prezzi Canoni (inclusi tutti i servizi di linea richiesti) per linee in ULL Tipologia linea Costo al mese IVA Linea RTG (singolo canale fonico bidirezionale

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online INFO ITALIA Il presente listino è valido dal Marzo 0. Le tariffe indicate si intendono al netto d IVA e inclusivi dei diritti di segreteria

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 il caffè marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.:

Dettagli

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad.

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. ALBANIA 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39 /min. 1,69 /min. 0,00 /min. 0,19 /cad. ALGERIA* 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

Servizi Imprese Italiane e Persone

Servizi Imprese Italiane e Persone Servizi Imprese Italiane e Persone Prezzo RICERCA ANAGRAFICA RICERCA ANAGRAFICA Ricerca anagrafica 0,888 RICERCA AVANZATA Ricerca Avanzata 1,858 Elenco base da ricerca avanzata (1 nominativo) 0,206 Elenco

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 12 INDICE 1 TELECOM ITALIA S.P.A. 3

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2012 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Espansione

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

micro¯o - mercati emergenti piccoli

micro&macro - mercati emergenti piccoli micro¯o - mercati emergenti Il vino è stato a lungo uno dei prodotti alimentari più scambiati al mondo. Dal 1980 il commercio internazionale del vino è risultato in continua e rapida espansione, nonostante

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il servizio

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 14 INDICE 1 TELECOM ITALIA S.P.A. 3

Dettagli

Classifica delle esportazioni italiane di shampoo

Classifica delle esportazioni italiane di shampoo SHAMPOO 1 19.696 14,3% 2 16.443 11,9% 3 13.501 9,8% 4 10.683 7,7% 5 7.127 5,2% 6 6.262 4,5% 7 5.717 4,1% 8 5.370 3,9% 9 Belgio 3.622 2,6% 10 3.533 2,6% 11 Slovenia 3.057 2,2% 12 Svizzera 2.578 1,9% 13

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI TRAFFIC 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto)

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) V 1.0 FASTWEB Business Unit Executive Strettamente confidenziale 1. Convenzione Fonia Amavet La presente offerta FONIA è valida per le sole Aziende Business

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 14 INDICE 1 FASTWEB S.P.A. 3 1.1 SERVIZI

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI OPEN 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il

Dettagli

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500 Telefonia di base Direttrici di traffico Distrettuale, incluso urbane Interdistrettuale Verso rete mobile Internazionale - Area 1 Internazionale - Area 2 Internazionale - Area 3 Internazionale - Area 4

Dettagli

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT LETTURA DATI UNIONI COMMERCIALI UNIONE ECONOMICA MONETARIA (UEM12) comprende: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna. A partire da gennaio

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

SERVIZI DIVERSI ESTERO

SERVIZI DIVERSI ESTERO Allegato PDF: Foglio N. 6.10.00 informativo Categoria Estero Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2013 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Crescita

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no e dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Dettagli

Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010

Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010 Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010 2010 Genworth Financial, Inc. All rights reserved. 0 Genworth Financial Gruppo Assicurativo indipendente e globale

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Sito internet: http://www.disp.let.uniroma1.it/basili2001

Sito internet: http://www.disp.let.uniroma1.it/basili2001 Bollettino di sintesi della Banca Dati BASILI a cura di Maria Senette Banca Dati degli Scrittori Immigrati in Lingua Italiana fondata da Armando Gnisci nel 1997 Dipartimento di Italianistica e Spettacolo

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero. Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013

Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero. Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013 Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013 Solidi, dinamici, internazionali, italiani UNA BANCA SOLIDA SU CUI CONTARE La

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

1 551 020 1 531 598-19 422-1,3 TICINO Totale 17 400 091 17 769 842 369 751 2,1

1 551 020 1 531 598-19 422-1,3 TICINO Totale 17 400 091 17 769 842 369 751 2,1 Industria alberghiera e altre infrastrutture. Pernottamenti Fonte TS 2013 2014 Differenza Assoluta Differenza % ET Lago Maggiore 6 593 021 6 1 7 2 6 4,5 Gambarogno Turismo 1 357 144 1 366 558 9 414 0,7

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

Prospettive di sviluppo del mercato delle carte di pagamento: opportunità e fattori di rischio

Prospettive di sviluppo del mercato delle carte di pagamento: opportunità e fattori di rischio Prospettive di sviluppo del mercato delle carte di pagamento: opportunità e fattori di rischio Roma, 3 novembre 2011 Massimo Doria 1 Ø L obiettivo di riduzione del contante Ø Il framework regolatorio delle

Dettagli

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ******

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ****** Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione Albania 75 105 ****** multipla * Algeria 75 105 multipla 3 Angola 105 135 multipla

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

Ripresa dell export della provincia di Lecce

Ripresa dell export della provincia di Lecce Ripresa dell export della provincia di Lecce Segnali positivi dall export salentino: nel secondo trimestre 2011 si è registrata una crescita congiunturale delle esportazioni del 37% che si aggiunge al

Dettagli

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Alcune riflessioni sui mezzi di pagamento Giancarlo Bianchi Responsabile Trade & Export Finance Banca Popolare di Vicenza Componente del Gruppo di lavoro

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Ulisse per le vendite all estero

Ulisse per le vendite all estero 1Sistema Informativo Ulisse per le vendite all estero Gennaio 2014 PER CONOSCERE I MERCATI ESTERI DI VENDITA E DI APPROVVIGIONAMENTO 2Sistema Informativo, In un contesto di forti cambiamenti dell ambiente

Dettagli

Il Factoring e le piccole e medie imprese

Il Factoring e le piccole e medie imprese Il Factoring e le piccole e medie imprese Uno strumento per migliorare le performance aziendali e ridurre i rischi finanziari delle PMI anche in ottica di Basilea 2 Marino Baratti Amministratore Delegato

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE ALLEGATO n. 1 TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE Il personale docente e ATA (limitatamente a direttori dei servizi generali e amministrativi e assistenti amministrativi) può partecipare alle prove

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Minuti disponibili con una carta da 5 DA FISSO NV

Minuti disponibili con una carta da 5 DA FISSO NV CARTA NEW WELCOME Minuti disponibili con una carta da 5 Telefonate nazionali DESTINAZIONE DA NUMERO GEOGRAFICO 0267878-0115072 - 0655111-0812494 (**) DA FISSO NV 800 174 174 DA MOBILE TIM NV 803 100 DA

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Analisi statistica dei dati relativi ai casi di sottrazione internazionale di minori Anno 2012 Roma, 24 gennaio 2013 Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo Dipartimento

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

Elenco Bandiere del Mondo

Elenco Bandiere del Mondo Divisione Comunicazione Visiva www.pubblicarb.it/pennoni-bandiere/ Tel. 080 534 4812 Elenco Bandiere del Mondo Bandiere Africa Produzione e vendita di bandiere in poliestere nautico bandiere africane da

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

ALLEGATO 1 alla delibera n. 252/16/CONS. Wind Telecomunicazioni S.p.A. Stato dell'offerta Aggiornamento al "05/09/2016"

ALLEGATO 1 alla delibera n. 252/16/CONS. Wind Telecomunicazioni S.p.A. Stato dell'offerta Aggiornamento al 05/09/2016 ALLEGATO 1 alla delibera n. 252/16/CONS Operatore Wind Telecomunicazioni S.p.A. Stato dell'offerta Aggiornamento al "05/09/2016" Data di inizio sottoscrivibilità dell'offerta "14/03/2016" Data di fine

Dettagli

ALLEGATO 1 alla delibera n. 252/16/CONS. https://www.wind.it/it/privati/tariffe_e_opzioni/privatiestero/dallitalia/noi_international_e uropa_usa/

ALLEGATO 1 alla delibera n. 252/16/CONS. https://www.wind.it/it/privati/tariffe_e_opzioni/privatiestero/dallitalia/noi_international_e uropa_usa/ ALLEGATO 1 alla delibera n. 252/16/CONS Operatore Stato dell'offerta Data di inizio sottoscrivibilità dell'offerta "08/06/2015" Data di fine sottoscrivibilità dell'offerta Territorio di riferimento Nome

Dettagli