LA MENINGITE MENINGOCOCCICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MENINGITE MENINGOCOCCICA"

Transcript

1 Responsabile: Dott. Massimo Valsecchi Redazione: NEWSLETTER N D.ssa Giuseppina Napoletano t Dott. Federico Gobbi Dott.ssa Emma Conti Dott.ssa Chiara Postiglione Recapiti: tel tel Le newsletter e gli aggiornamenti in epidiemiologia sono reperibili nel sito della Regione del Veneto al seguente indirizzo: +Persona/Sanita/Prevenzione/Stili+di+vit a+e+salute/malattie+viaggiatori+interna zionali/newsletter.htm Nel sito del Dipartimento di Prevenzione ULSS 20 all indirizzo: ews.html Supporto tecnico: Lucrezia Tognon Andrea Comin LA MENINGITE MENINGOCOCCICA Introduzione Tra tutte le infezioni che colpiscono le meningi (membrane che circondano l encefalo e il midollo spinale), quelle di origine batterica destano le maggiori preoccupazioni, sia dal punto di vista clinico che di sanità pubblica. Le meningiti di origine virale non hanno, di solito, conseguenze gravi e si risolvono nell arco di 7-10 giorni; quelle batteriche, invece, sono estremamente più serie, essendo gravate da possibili sequele e da elevata letalità, anche in situazioni di appropriata e tempestiva terapia. Gli agenti eziologici responsabili di oltre il 75% di tutte le meningiti batteriche nel mondo, e di oltre il 90% di quelle dei bambini, sono tre: Neisseria meningitidis, Streptococcus pneumoniae ed Haemophilus influenzae tipo B (HiB). Va detto che nei Paesi industrializzati, grazie all ampio utilizzo del vaccino anti-hib, la meningite dovuta a questo batterio è praticamente scomparsa. La meningite da meningococco si distingue dalle altre meningiti batteriche in quanto può presentarsi, oltre che in forma sporadica, anche sotto forma di estese epidemie (come ad esempio nell Africa sub-sahariana). Epidemiologia La meningite meningococcica è diffusa in tutto il mondo, ma la maggior incidenza di casi si riscontra nei paesi dell Africa sub-sahariana (circa il 60% dei casi notificati nel mondo). L epidemiologia dell infezione può variare a seconda dell area geografica: il sierogruppo A è prevalente in Africa, nella zona sub-sahariana, e Asia, mentre in Europa, Australia ed America sono più comuni i sierogruppi B e C. Negli Stati Uniti, da qualche anno, il sierogruppo Y viene isolato con sempre maggiore frequenza, tanto da raggiungere punte del 40% degli isolamenti (fig. 1). Negli ultimi anni si osserva un aumento dei casi dovuti al ceppo Y anche in Europa. Nella Regione Veneto l isolamento di questo ceppo è passato dal 3% nel 2007 al 12% nel 2012 (Report sistema di sorveglianza regionale delle meningiti, anni ,

2 Fig. 1 Distribuzione mondiale dei principali sierogruppi di Neisseria meningitidis. Per quanto riguarda il continente africano, ogni anno si osservano manifestazioni epidemiche nella zona compresa tra l Etiopia ed il Senegal, la cosiddetta cintura delle meningiti ovvero meningitis belt (fig. 2). Il fenomeno è particolarmente evidente durante la stagione secca (periodo dicembre-giugno), mentre ogni 4-10 anni si verificano epidemie più estese e gravi. Fig. 2 Aree con frequenti epidemie di meningite meningococcica (CDC). I Paesi che fanno parte della cintura della meningite sono oggetto di una sorveglianza permanente nell ambito del Progetto Vaccini Meningite, sviluppato dagli stati interessati, con la collaborazione dell OMS. Lo scopo è identificare le epidemie in modo tempestivo per meglio affrontarle e prevenirle con l intervento vaccinale. Secondo i dati dell OMS, nel primo semestre 2013, sono stati notificati, da 18 dei 19 paesi dell Africa posti sotto sorveglianza, un totale di casi di meningite, di cui 131 mortali (tasso di letalità del 9,1%). 2

3 I paesi più colpiti sono stati: Repubblica Democratica del Congo (5.411), Burkina Faso (2.143), Nigeria (753), Camerun (557), Sudan (509), Benin (504); gli altri paesi hanno segnalato meno di 500 casi. Si è registrato un calo dei casi dovuti al ceppo A ed un aumento di quelli dovuti agli altri ceppi. Nel 2009 i casi di meningite in quest'area furono , dovuti per il 90% al meningococco A, con decessi. La riduzione del numero di casi, in questi Paesi, il più basso registrato durante la stagione epidemica negli ultimi 10 anni, è maggiormente attribuibile alla progressiva introduzione, dal 2010, del vaccino coniugato contro il meningococco A. In Africa sub-sahariana il sierogruppo A è da sempre l agente eziologico predominante, ma negli ultimi anni le epidemie sono causate principalmente dal sierogruppo W135. In particolare, quest anno è stata notificata in Guinea un epidemia con 404 casi sospetti (38 decessi), attribuibili in massima parte a Neisseria meningitidis sierogruppo W135. Nei Paesi industrializzati l incidenza annua della meningite meningococcica, negli ultimi decenni, è risultata di 1-2 casi/ abitanti. In particolare, l Italia mostra oggi un trend di incidenza tra i più bassi d Europa ed il numero di casi di meningite, per anno, è in costante diminuzione. Attualmente si verificano ogni anno circa 900 casi d'infezione di origine batterica delle meningi, di cui, circa un terzo, sono provocate dal meningococco. La fascia di età più colpita è quella tra i 5 e i 40 anni, con due picchi di incidenza: al di sotto dell anno e nei giovani adulti dai 15 ai 24 anni; non si osservano particolari differenze tra maschi e femmine. In Italia sono attivi due flussi di sorveglianza interregionale per le meningiti: il flusso di Sorveglianza Speciale per le Malattie Invasive Batteriche (MIB), dell Istituto Superiore di Sanità, e quello afferente al Sistema Informativo Malattie Infettive (SIMI), che raccolgono sistematicamente i dati sui nuovi casi di malattia e sulla tipizzazione dei vari agenti eziologici. L accesso via web al sistema MIB, consente un adeguata informazione sull evoluzione di un focolaio epidemico. Secondo i dati di Sorveglianza nazionale del 2012, l incidenza della malattia invasiva da meningococco nel 2010 è stata dello 0,24 su abitanti, con un picco massimo nei bambini con meno di 1 anno d età (4,6/ ). I dati dal 1995 al 2010 mostrano un picco di frequenza di meningite da Neisseria meningitidis nel 2004 (fig. 3), seguito da una progressiva riduzione come diretta conseguenza dell uso del vaccino coniugato contro il meningococco di gruppo C. Fig. 3 Casi di meningite da Neisseria Meningitidis in Italia. 3

4 La tabella 1 mostra gli agenti eziologici delle malattie batteriche invasive nell anno 2012, distinti per regione, secondo i dati di sorveglianza del SIMI. Tab. 1 Malattie batteriche invasive suddivise per agente eziologico, distinte per Regione Anno La tabella 2 evidenzia la distribuzione dei casi di meningite e sepsi+meningite, causati dal solo meningococco, dal 2005 al 2009, distribuiti per regione e per fascia di età. Tab. 2 Meningiti e sepsi + meningiti da N. meningitidis. Numero di casi e relativa incidenza, notificati dal 2005 al 2009 in Italia, per Regione e fasce di età. Per quanto riguarda la tipizzazione batteriologica, dal 1994 al 2003, la maggior parte dei meningococchi identificati era risultata appartenere al sierogruppo B, (75% nel 2001, 56% nel 2003). Il sierogruppo C, come già detto, dopo un rapido aumento tra il 2000 e il 2005, ha subìto una significativa riduzione dei casi, molto probabilmente legata all offerta vaccinale. Attualmente sono prevalenti in Italia i ceppi B e C. Negli ultimi anni, si osserva un aumento del primo e una parallela diminuzione del secondo. Rimane elevato, comunque, il numero delle infezioni per le quali non è disponibile l informazione relativa alla tipizzazione (nel 2011 pari al 23% e nel 2012 al 22% ). 4

5 Nella Regione Veneto, oltre alle due modalità di raccolta dei dati sopraccitate, dal 2007 è attivo il Sistema di Sorveglianza delle Malattie Batteriche Invasive basato sugli isolamenti dei laboratori di Microbiologia (SSM), con lo scopo di permettere una descrizione, il più esaustiva possibile, dell andamento epidemiologico di tali patologie nel territorio regionale. In Veneto, nel periodo , attraverso i tre flussi di sorveglianza, sono stati notificati complessivamente 120 casi di patologia correlata ad infezione da Neisseria meningitidis (Report sulla sorveglianza regionale delle meningiti del maggio 2013). La disaggregazione per classe di età evidenzia un doppio picco: all'età di 2-4 anni (15% dei casi) e di anni(13,3% dei casi). Il tasso di notifica per abitanti, disaggregato per trimestre di segnalazione e classe d età, è evidenziato nella figura 4. Si nota come il tasso di notifica è costantemente più elevato nei soggetti con età inferiore ai 5 anni, e viene mantenuta una ciclicità stagionale. Nei soggetti con età inferiore all anno di età è pari a 5,7 per abitanti. Fig. 4 Tasso di notifica (x abitanti) per MBI da Neisseria meningitidis, per trimestre e classe di età, Regione Veneto (anni ). La figura 5 illustra la distribuzione percentuale e assoluta, per sierogruppo di Neisseria meningitidis: si evidenzia la diminuzione percentuale dei ceppi da sierogruppo C, isolati nel periodo in studio (44,4% nel 2007, 20% nel 2008, 33,3% nel 2009 e nessun caso nel biennio ). Fig. 5 Distribuzione percentuale e assoluta dei casi di Neisseria meningitidis per sierogruppo (anni ). 5

6 Analizzando il tasso di notifica (per abitanti) per Neisseria meningitidis, per classe di età e per sierotipo, si è evidenziato come nell età inferiore all anno, nonostante i ceppi non tipizzati, il 62,5% dei casi sono attribuibili al meningococco tipo B (10 casi su 16 totali), con un tasso specifico per il ceppo B pari a 3,5 per ; si rileva un secondo picco per la classe di età anni (1,2 per ), con un tasso specifico per meningococco B di 0,6 per abitanti. Rischio per i viaggiatori L impatto della malattia meningococcica è massimo in Africa, nella zona della cintura della meningite, dove, durante la stagione secca (dicembre-giugno), l incidenza può arrivare a casi ogni abitanti, cioè l 1% della popolazione. Durante il periodo non epidemico il tasso di malattia meningococcica in queste regioni è di 5-10 casi per abitanti, per anno. I bambini sono a maggior rischio, ma il 60% dei casi si verifica negli adolescenti e adulti. Il rischio di contrarre la meningite meningococcica è più elevato per i viaggiatori, nelle zone della cintura della meningite, che hanno un contatto prolungato con la popolazione locale, durante la stagione secca. Tra i fattori che influiscono sul rischio vi sono: la destinazione (iperendemica/endemica), la durata del viaggio, il comportamento sociale durante il viaggio (incluso il mezzo di trasporto), la densità abitativa, lo stato vaccinale. Va anche considerato che, in alcuni Paesi stranieri, una diagnosi tempestiva ed accurata può rivelarsi difficoltosa. Il pellegrinaggio alla Mecca (Hajj), Arabia Saudita, è associato ad un aumentato rischio e, infatti, sono stati registrati episodi epidemici di meningite meningococcica in pellegrini, al ritorno, o nei loro contatti; per questo motivo il governo dell'arabia Saudita richiede un certificato di vaccinazione. Profilassi La meningite meningococcica è soggetta a notifica obbligatoria entro 12 ore (classe II, Decreto ). Poiché il batterio sopravvive solo per pochi minuti al di fuori dell organismo, non è necessaria la disinfezione ambientale o la chiusura dei locali comunitari (es. scuole) dove si sia manifestato un caso di malattia invasiva. La sorveglianza sanitaria dei contatti a rischio va prolungata fino a 10 giorni dall esposizione, considerando il massimo periodo di incubazione della malattia. La profilassi farmacologica è rivolta principalmente ai soggetti che hanno avuto contatti stretti e prolungati con l ammalato, sia in famiglia che in comunità (es. scuole, voli in aereo di durata superiore alle 8 ore, manovre sanitarie, ecc.). In tal caso, è necessario iniziarla il prima possibile, meglio se entro 24 ore dalla diagnosi, anche sospetta, e, comunque, entro le 72 ore dal possibile contatto; dopo due settimane ha poco valore. Il farmaco di prima scelta è la rifampicina al dosaggio di 600mg ogni 12 ore per 2 giorni (10mg/kg per 2 giorni nel bambino); in alternativa si possono usare: ceftriaxone (250mg i.m. dose singola, può esser utilizzato nelle donne in gravidanza); ciprofloxacina ( mg in singola dose, non utilizzare in età inferiore a 18 anni) oppure azitromicina (500mg in singola dose). Nella tabella 3 sono riportati i farmaci utilizzati per la chemioprofilassi, con la posologia. 6

7 Tab. 3 Farmaci utilizzati per la chemioprofilassi della meningite meningococcica. Lattanti, bambini, adulti Rifampicina1 Età Dose Durata 1 mese 5 mg/kg PO 2 giorni ogni 12 ore 1 mese 10 mg/kg (max 600 mg) 2 giorni PO ogni 12 ore adulti 600 mg PO 2 giorni ogni 12 ore 12 anni 125 mg IM Dose singola > 12 anni 250 mg IM Dose singola 18 anni mg Dose singola PO Non raccomandato per l utilizzo < 18 anni, in gravidanza e durante l allattamento 10 mg/kg Non raccomandata. E efficace per l eradicazione dello stato di portatore nasofaringeo; può essere usata nelle zone dove è segnalata resistenza alla ciprofloxacina. Ceftriaxone Ciprofloxacina Azitromicina 1, 2 Precauzioni < 15 anni Dose singola Non utilizzare in gravidanza. Può interferire con l efficacia di contraccettivi orali, alcuni antiepilettici e anticoagulanti. Può macchiare le lenti a contatto morbide Per ridurre il dolore dovuto all iniezione, diluire con lidocaina all 1% In associazione alla profilassi farmacologica (passiva), in casi particolari, va presa in considerazione la possibilità di instaurare una vaccinazione di massa (profilassi attiva) con lo scopo di ridurre la possibilità di trasmissione di casi secondari. Il vaccino, inoltre, è efficace anche nei confronti dello stato di portatore sano, limitando quindi la circolazione del batterio. La vaccinazione e il dato relativo alla copertura vaccinale risultano strumenti indispensabili per il controllo ed il monitoraggio della malattia invasiva da meningococco. In Italia sono in commercio i seguenti vaccini anti-meningococco: 1. coniugato contro il sierogruppo C 2. coniugato tetravalente (A, C, W135, Y) 3. polisaccaridico tetravalente (A, C, W135, Y) 4. contro la meningite da N. meningitidis di sierogruppo B 1) Il vaccino coniugato contro il sierogruppo C E costituito dall oligosaccaride ceppo C, coniugato a proteine vettrici, come la proteina CRM-197 (tossina del Corynebacterium diphteriae detossificato), o il tossoide tetanico. Il vaccino può essere somministrato anche ai bambini di età inferiore a due anni. Il numero di dosi necessarie per l immunizzazione varia in base all età del soggetto da vaccinare; dopo l anno di età è somministrato in un unica dose. E dotato di un elevata efficacia protettiva (97%), presumibilmente di lunga durata; inoltre, ha fornito benefici anche per i soggetti non vaccinati grazie all immunità di gregge, che ha ridotto la trasmissione e abbassato il rischio di infezione. Il vaccino è generalmente ben tollerato. La cefalea è l evento collaterale più frequente (12%) nei tre giorni successivi alla vaccinazione, anche la febbre può essere presente nei primi giorni. Rara è la comparsa di petecchie o di altre manifestazioni emorragiche. 7

8 2) Il vaccino coniugato tetravalente E costituito da 4 polisaccaridi, sierogruppi A, C, W135, Y, coniugati ciascuno con il tossoide tetanico o la proteina CRM-197, il che suscita una risposta immune Tdipendente; consente di sviluppare maggiore immunogenicità e una memoria immunitaria a distanza di anni. Il vaccino, somministrato per via intramuscolare (deltoide), è indicato per l immunizzazione di adulti, adolescenti e bambini di età superiore a 12 mesi o di età 2 anni, a seconda del prodotto utilizzato. Può essere utilizzato per proteggere contro le infezioni causate dai ceppi A,C,W-135 e Y, anche nei soggetti vaccinati, all età di 1 anno, con il vaccino antimeningococco C. Un unica dose di vaccino conferisce una protezione di lunga durata. Effetti collaterali nel sito di iniezione: dolore, eritema (40%). Reazioni sistemiche: irritabilità, sonnolenza e febbre (5%). 3) Il vaccino polisaccaridico tetravalente E costituito dai polisaccaridi A, C, W135, Y. E indicato per i soggetti di età superiore a 2 anni, somministrato per via sottocutanea, in dose singola. Può essere somministrato con altri vaccini nella stessa seduta, in sedi diverse. Il livello protettivo di anticorpi compare generalmente dopo 7-10 giorni. Ha una durata di protezione relativamente breve (circa 3 anni), per cui la rivaccinazione può essere indicata per le persone ad alto rischio di infezione, come quelle che vivono in aree iperendemiche e per i bambini che abbiano ricevuto la 1^ dose prima dei 4 anni di età. Gli effetti collaterali sono rari: febbre (1%), reazioni locali (6.3%), esantema (1.6%), mentre le reazioni anafilattiche sono eccezionali. Il vaccino può essere somministrato anche in gravidanza e durante l allattamento poiché non ha effetti dannosi sul feto; nei soggetti immunodepressi o in trattamento con immunosoppressori la risposta immunitaria può essere ridotta. Pur essendo sicuro ed efficace, il vaccino tetravalente polisaccarico ha una serie di limitazioni significative dovute alla ridotta immunogenicità nei bambini nei primi 2 anni di vita, alla mancanza di sviluppo di memoria immunologica, all attività protettiva di durata limitata e al mancato effetto sui meningococchi presenti nel naso-faringe, con conseguente assenza di immunità di gruppo. 4) Il vaccino contro la meningite da N. meningitidis di sierogruppo B E stata recentemente autorizzata l immissione in commercio del nuovo vaccino per il sierogruppo B (Bexsero), ottenuto grazie alla biologia molecolare. E un vaccino proteico, contiene le Proteine di fusione ricombinante NHBA, NadA, fhbp e le Vescicole della membrana esterna (OMV) di Neisseria meningitidis gruppo B ceppo NZ98/254. Il vaccino, somministrato per via intramuscolare, è indicato per l immunizzazione attiva di soggetti di età pari o superiore ai 2 mesi. Gli effetti collaterali più frequenti sono febbre, dolore in sede di iniezione, malessere e cefalea. Bexsero può essere somministrato in concomitanza con i vaccini per: difterite, tetano, pertosse acellulare, Haemophilus influenzae di tipo B, poliomielite inattivato, epatite B, pneumococco eptavalente coniugato, morbillo, parotite, rosolia e varicella. Chi vaccinare Nei viaggiatori il rischio di malattia meningococcica generalmente è basso. La vaccinazione è consigliata per le persone che si recano nei paesi ad elevata endemia (cintura della meningite), o durante un epidemia di meningite causata da ceppi prevenibili con il vaccino (sierogruppi A, C, Y, W135); è indicata anche per coloro che vivono a stretto contatto con la popolazione locale, e alle persone che 8

9 lavorano in ambiente sanitario o strutture per rifugiati, in quanto possono essere a maggior rischio di infezione (personale sanitario, missionari ecc.). Il vaccino anti-meningococco, inoltre, è richiesto obbligatoriamente dall Arabia Saudita per i viaggiatori che visitano La Mecca durante il pellegrinaggio annuale (Hajj) o in qualsiasi periodo dell anno (Umrah). Il vaccino è inoltre offerto ai soggetti ad elevato rischio di malattia invasiva (es. splenectomizzati), assieme ad altri vaccini. Il calendario delle vaccinazioni, per l'età evolutiva, della Regione Veneto approvato nel 2006 ed aggiornato nel 2008, prevede la somministrazione di un'unica dose di vaccino al 13 mese, al 6 anno ed al 15 anno di età. Patogenesi La Neisseria meningitidis è un piccolo diplococco Gram-negativo che, osservato all esame microscopico, appare con il caratteristico aspetto a chicco di caffè. Sebbene sia possibile individuare 13 diversi sierogruppi (A, B, C, D, 29E, H, I, K, L, W135, X, Y, Z), la maggior parte dei casi di malattia è dovuta a cinque sierogruppi principali (A, B, C, W135 e Y), ognuno dei quali ha una capsula polisaccaridica di diversa composizione chimica. L uomo è il solo ospite. Nell'ambiente esterno il battere N. meningitidis al di fuori dell uomo è estremamente labile, molto sensibile alla temperatura e rapidamente inattivato dall essiccamento. La trasmissione del meningococco avviene per via respiratoria in seguito a contatto stretto, tramite l inalazione di goccioline di saliva o di muco di soggetti malati o, più frequentemente, di portatori sani. Il meningococco, infatti, può colonizzare il naso-faringe sia nella popolazione pediatrica che adulta, determinando uno stato di portatore asintomatico (carrier), transitorio o duraturo; la prevalenza dei carriers, nella popolazione generale, oscilla tra il 5% ed il 15%, con picchi fino al 30% nei mesi freddi. Tuttavia, meno dell 1% dei soggetti infetti presenta un rischio concreto di sviluppare la malattia invasiva. La meningite si manifesta quando il batterio, da comune abitante delle vie aeree superiori, supera la barriera mucosa oro-faringea, penetra nel circolo ematico, oltrepassa la barriera emato-encefalica e raggiunge lo spazio subaracnoideo. Il processo infiammatorio, delle meningi, determina edema cerebrale con aumento della pressione intracranica e, talvolta, erniazioni parenchimali o altre complicanze. Alcuni fattori, costituzionali e ambientali, aumentano il rischio di sviluppare la malattia invasiva. Oltre all'età, altri fattori individuali di rischio per la malattia meningococcica sono: i deficit immunitari, quali l'asplenia, il deficit di properdina ed il deficit dei componenti terminali del complemento, l'immunodeficienza congenita ed acquisita (compreso HIV). Il sovraffollamento, il basso status socio-economico, il fumo attivo o passivo di tabacco ed infezioni concomitanti del tratto respiratorio superiore, aumentano il rischio di malattia meningococcica. Quadro clinico La meningite batterica causata dalla Neisseria meningitidis si manifesta come una meningite acuta purulenta. L esordio della sintomatologia è simile a quello dovuto ad altra eziologia batterica, ma spesso è difficilmente riconoscibile perché subdolo e aspecifico. Dopo un periodo di incubazione breve, da 1 a 10 giorni (generalmente 3-4 giorni), compaiono in modo improvviso febbre, cefalea (spesso associata a vomito a getto), mialgie, fotofobia e rigidità nucale (segno patognomonico di meningite). Spesso è presente un esantema di tipo petecchiale, localizzato soprattutto nelle aree cutanee maggiormente esposte a pressione. Subentrano alterazioni dello stato di coscienza (es. confusione mentale, delirio, letargia), fino al coma; nel 20% dei casi il paziente può presentare crisi convulsive. Obiettivamente il paziente presenta la caratteristica posizione antalgica detta a cane di fucile, ovvero in decubito laterale con il capo iperesteso, il dorso curvo in avanti e le cosce flesse sul bacino. 9

10 Fig. 5 Rigor nucalis. L interessamento meningeo viene meglio accertato con la ricerca di alcuni segni neurologici specifici: rigor nucalis (fig. 5): da contrattura muscolare, rende difficile o impossibile la flessione passiva del capo; segno di Amoss o del tripode: la rigidità del dorso impedisce al paziente di sollevarsi dalla posizione supina senza l appoggio delle mani all indietro; segno della nuca di Brudzinski: la flessione degli arti inferiori è accentuata dal tentativo di flessione passiva del capo; segno di Kernig: la flessione degli arti inferiori è accentuata dal tentativo di porre il paziente in posizione seduta. Nei bambini e nei lattanti i sintomi classici possono mancare, o essere difficili da rilevare: la febbre può essere assente o minima (talora si riscontra ipotermia), prevalgono invece letargia o irritabilità, astenia, rifiuto del cibo, vomito, sintomi in generale aspecifici. Nei neonati il rigor nucalis può essere sostituito dalla condizione opposta, la nuca ciondolante da ipotonia muscolare. Nei lattanti può essere evidenziato il segno di Lesage: sollevando il bambino per le ascelle, manca il fisiologico movimento degli arti inferiori tipo a pedalata; molto evidente appare la tensione della fontanella bregmatica, indice di ipertensione endocranica. Nei casi più gravi (fino al 20%), la malattia può manifestarsi sottoforma di meningite settica (sepsi+meningite), caratterizzata da evoluzione fulminante in cui, sul quadro della meningite, predomina quello della sepsi: è una forma acutissima che porta rapidamente a shock settico e all insufficienza multiorgano, caratterizzata da petecchie e zone emorragico-necrotiche, ipotensione, coagulazione vascolare disseminata (CID), acidosi metabolica, insufficienza renale, lesioni emorragiche surrenaliche (sindrome di Waterhouse-Friderichsen). La prognosi in questi casi è pressoché sempre infausta. La malattia meningococcica invasiva, nonostante la disponibilità di un appropriato trattamento terapeutico, in Europa, mediamente, presenta un tasso di letalità del 9-12%. La morte può sopraggiungere entro 24 ore dall'insorgenza della malattia. 10

11 Diagnosi Posto il sospetto clinico di meningite, per un corretto approccio terapeutico, è indispensabile effettuare la rachicentesi tramite puntura lombare. L analisi del liquor cefalorachidiano (LCR) è, infatti, fondamentale per confermare la diagnosi di meningite e per definirne le caratteristiche. Nelle meningiti batteriche purulente il liquor si presenta torbido ed iperteso ed è tipicamente caratterizzato da: glicorrachia (marcata riduzione del glucosio), protidorrachia (aumento delle proteine), cospicuo aumento dei lattati e leucorrachia (incremento dei globuli bianchi), con prevalenza di granulociti neutrofili. A livello ematico, frequenti reperti laboratoristici sono la leucocitosi e l aumento della proteina C reattiva e della procalcitonina; nella forma setticemica con CID risultano diminuiti il fibrinogeno, le piastrine e i fattori II, V, VII e XIII della coagulazione. La diagnosi eziologica, importantissima ai fini terapeutici e prognostici, si basa sull esame batterioscopico (Fig 6) e sull esame colturale del liquor. Fig. 6 Forme intracellulari ed extracellulari di Neisseria meningitidis. Il primo consente di evidenziare la presenza del diplococco e di stimarne la carica, il secondo consente di isolarlo e di ottenere l antibiogramma, con una specificità del 100% ( gold standard ). I limiti di questa metodica microbiologica, tuttavia, sono il tempo di esecuzione (circa 3 giorni) e la sensibilità che, in caso di terapia antibiotica già in corso, scende a meno del 50%. Sempre sul LCR si possono eseguire il test di agglutinazione al lattice, per la ricerca degli antigeni batterici capsulari e, recentemente, anche la ricerca diretta del DNA batterico, tramite metodica PCR. I vantaggi di quest ultima metodica sono il fatto che può avvalersi anche di volumi bassissimi di campione biologico, è molto sensibile e consente la tipizzazione del sierotipo di meningococco (informazione indispensabile per la programmazione delle campagne vaccinali). La ricerca degli antigeni capsulari presenta una sensibilità variabile, ma ha un elevata specificità ed ha il vantaggio della grande rapidità (circa 15 ), per cui in caso di positività, consente di arrivare rapidamente alla diagnosi. Le emocolture risultano positive nel 35% dei casi di meningite meningococcica, nel 50-75% se si tratta di sepsi con meningite. Il tracciato elettroencefalografico (EEG) è sempre alterato, senza tuttavia presentare aspetti specifici; l esame del fondo oculare può evidenziare segni di ipertensione endocranica fino al papilledema. Il ruolo della TAC encefalo, nell ambito delle meningiti, non è di tipo diagnostico, ma è legato alla necessità di escludere l eventuale presenza di ipertensione endocranica o di lesioni occupanti spazio, che controindicano la puntura lombare. 11

12 Terapia e prognosi La meningite da N. meningitidis è un emergenza medica in quanto la diagnosi precoce e la tempestiva somministrazione di antibiotici efficaci sono fondamentali per una corretta gestione clinica. Infatti, nonostante i progressi della terapia antibiotica e della vaccinologia, la meningite batterica rimane una malattia severa, gravata da rilevante morbilità e mortalità. Nel sospetto fondato di meningite, è necessario iniziare una terapia antibiotica empirica il più precocemente possibile; l elevato rischio di rapida evoluzione infausta, infatti, non consente un'attesa prolungata della diagnosi eziologica per impostare una terapia mirata e raccomanda l inizio della somministrazione di antibiotici a largo spettro entro minuti dalla formulazione del sospetto diagnostico, eventualmente anche prima della rachicentesi. Una volta stabilito che l agente in causa è il meningococco, il farmaco di prima scelta è la penicillina G; in alternativa, o nei casi di N. menigitidis penicillinoresistente (rari in Italia), vengono utilizzati il cefotaxime o il ceftriaxone (quest ultimo ha un miglior rapporto costo-efficacia). Vi sono dati sufficienti per ritenere utile l uso di routine dei corticosteroidi (desametasone) come terapia aggiuntiva, da iniziare prima o in associazione con l antibiotico, allo scopo di ridurre la mortalità e le sequele neurologiche. Il paziente va tenuto in isolamento fino a 24 ore dopo l inizio di un adeguata terapia antibiotica. Nelle forme di meningite meningococcica non complicate, la terapia antibiotica va proseguita per 5-7 giorni. Se il quadro clinico è particolarmente compromesso (shock o segni di CID), è necessario inviare il paziente al reparto di terapia intensiva. La prognosi è condizionata da molteplici fattori, non solo dall agente eziologico e dall età del malato, anche se le condizioni di base del paziente e il livello sanitario (precocità e adeguatezza del trattamento), sembra siano gli elementi più importanti e determinanti. Se la meningite da meningococco viene curata precocemente, i pazienti vanno generalmente incontro a restitutio ad integrum e le sequele neurologiche sono poco frequenti. La complicanza più comune, nei primi anni di vita, è l idrocefalo, con conseguente cerebropatia e ritardo psico-motorio, mentre le sequele più importanti nell età adulta sono rappresentate da ipoacusia, paralisi dei nervi cranici (oculomotore, facciale), amputazione di dita o di arti (11-19% dei casi). Attualmente in Italia la letalità per meningite oscilla intorno al 5%, mentre raggiunge il 10-15% nelle sepsi. Non vi sono invece differenze significative nella letalità osservata per sierogruppo (gruppo B: 10%, gruppo C: 14%). Definizioni sull'andamento delle malattie Epidemia: il manifestarsi di un aumento statisticamente significativo della frequenza di una malattia, in una popolazione o in una regione, rispetto a quanto osservato in precedenza nella stessa zona e nello stesso periodo. Questo dipende da numerosi fattori, quali l agente eziologico, il tipo di popolazione, l intervallo di tempo considerato. Endemia: è la presenza costante di una malattia o di un agente infettivo in una determinata area geografica. Focolaio epidemico o cluster: quando si verificano almeno 2 casi di malattia nell arco di 30 giorni, nel raggio di 50 km dal caso indice. Caso sporadico: è il singolo caso di malattia, non collegato ad altri casi. 12

13 Bibliografia Moroni M., Esposito R., De Lalla F. Malattie Infettive, 6 ed. Masson, pag Focolai epidemici di meningite in Italia. Epicentro, il portale Meningococco. Dalla vaccinazione d emergenza alla prevenzione programmata Medica Editoria e Diffusione Scientifica. CDC WHO CD Conseil: Promed: European Medicines november 2012 The yellow book. CDC Health information for international travel dell'epidemiologia Agency: per la sanità pubblica

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è manifestata una crescente attenzione nei confronti

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA

PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA Versione 19 settembre 2014 1 PROTOCOLLO 2014: IN EVIDENZA

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii In viaggio con i bambini 1 Indice Prefazione 4 Introduzione 5 Le vaccinazioni 7 EPATITE A FEBBRE TIFOIDE FEBBRE GIALLA ENCEFALITE GIAPPONESE ENCEFALITE DA MORSO DI ZECCA MALATTIA MENINGOCOCCICA COLERA

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Circolare n 4 del 13 marzo 1998 Protocollo 400.3/26/1189 MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e

Dettagli

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Vaccinazioni pediatriche: le domande difficili Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Il contenuto del presente documento può essere liberamente

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c)

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) (a) Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza. Campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2014-15

Prevenzione e controllo dell influenza. Campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2014-15 PROTOCOLLO VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE Prevenzione e controllo dell influenza. Campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2014-15 Il presente documento contiene: Protocollo operativo Allegato

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli