Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto IQuEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto IQuEL"

Transcript

1 Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto IQuEL Maggio

2 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche ed organizzative, conseguite con i progetti del Programma Elisa, individuando le best practices locali, favorendone la personalizzazione e il riuso in altre realtà del Paese. Nell ambito del progetto IQuEL sono state sviluppate le seguenti soluzioni: Metodologia per la definizione e la rilevazione di indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati dagli Enti Pubblici Comune di Modena Comune di Piacenza pag. 3 COMUNE AMICO: Informatica per la gestione dei rapporti col cittadino Comune di Parma pag. 12 CzRM su piattaforma open source Comune di Bologna pag. 29 Piattaforma di Monitoraggio Qualità Servizi Erogati nell ambito del Progetto IQuEL Comune di Firenze pag. 40 2

3 Progetto IQuEL Misurazione della qualità dei servizi erogati dagli Enti Locali Titolo del servizio o della soluzione oggetto del riuso Metodologia per la definizione e la rilevazione di indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati dagli Enti Pubblici SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente - Comune di Modena (Metodologia di definizione degli indicatori) - Comune di Piacenza (Metodologia di rilevazione dei dati) Referente per l Amministrazione - Comune di Modena: Claudio Forghieri, , - Comune di Piacenza: Giuseppe Morsia, , Nome della soluzione Metodologia per la definizione e la rilevazione di indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati Ambito amministrativo interessato Misurazione della qualità dei servizi erogati Altre Amministrazioni che utilizzano o la soluzione Attualmente non è utilizzata da altre Amministrazioni Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni e Regioni 3

4 Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione La metodologia è rivolta all individuazione di un set di indicatori in grado di misurare la presenza, la frequenza e le modalità d'uso dei diversi canali per l'accesso al servizio e di un set di indicatori in grado di misurare le qualità percepita e l'efficienza del servizio erogato all'utente. La seconda fase è la relativa raccolta dei dati. Tipo di Amministrazioni a cui è destinato La metodologia si rivolge alle Amministrazioni che erogano servizi ai cittadini, principalmente Comuni 4

5 SEZIONE 2 DESCRIZIONE TESTUALE DELLA SOLUZIONE LINK DELLA SOLUZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA SOLUZIONE La definizione della metodologia è partita dall identificazione di 5 servizi sui quali testare in forma prototipale gli indicatori (cambio di indirizzo, iscrizione agli asili nido comunali, servizio di manutenzione stradale, servizi di comunicazione istituzionale, denuncia di inizio attività edilizia (DIA). Sono poi stati individuati tre macrogruppi di indicatori: d uso e di performance, indicatori di qualità progettata ed erogata, indicatori di comunicazione integrata. Per ogni servizio sono state prodotte delle raccolte generali di dati e indicatori potenzialmente utili in termini di monitoraggio della qualità, con particolare attenzione agli aspetti di multicanalità. Attraverso una serie di incontri monotematici con dirigenti e funzionari responsabili dei procedimenti negli Enti coinvolti si è giunti alla selezione degli elementi più significativi di ogni fase di erogazione del servizio, sia dal punto di vista del cittadino sia da quello dell Ente. Sono state elaborate una serie di schede riassuntive dei processi evidenziando i momenti rilevanti e di contatto con l utente e le differenze organizzative e gestionali fra gli Enti nell erogazione del servizio stesso. Da questo processo sono emerse le pratiche migliori e sono state definiti dei livelli differenziati di qualità di erogazione durante le varie fasi. La prima stesura degli indicatori è stata condivisa e riconsiderata in sede locale dai diversi Enti, coinvolgendo gli uffici interessati. Il risultato finale è stato una selezione degli indicatori più interessanti e praticabili e l identificazione dei temi salienti che è necessario proporre agli utenti in sede di ricerca di customer satisfaction. Si è proceduto poi alla stesura di un manuale di rilevazione che definisse i ruoli e le responsabilità degli attori coinvolti nel processo oltre che alle modalità vere e proprie di rilevazione di ogni singolo dato in modo da ridurre al minimo i rischi che potrebbero impattare sul processo. 5

6 SEZIONE 3 ASPETTI LEGATI ALL USO DELLA SOLUZIONE DATA DI AVVIO IN ESERCIZIO DELLA SOLUZIONE Dicembre 2009 N. DI ADDETTI OPERANTI CON LA SOLUZIONE La metodologia non richiede un numero definito di operanti ma il supporto di professionalità definite. BREVE DESCRIZIONE DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO IN CUI LA SOLUZIONE E STATA ADOTTATA (ASSEGNAZIONE DI RUOLI E FUNZIONI) RRS > Responsabile di Rilevazione per il Servizio: è responsabile della raccolta informazioni, della concentrazione dei dati necessari alla compilazione degli indicatori per il singolo servizio e della necessaria funzione trasversale di aggregazione delle informazioni che, pur afferenti a Enti, Settori o aree organizzative diverse, caratterizzano il medesimo servizio. RRE > Responsabile di Rilevazione per l Ente: è responsabile del superamento delle specificità procedimentali legate all adempimento dei singoli iter amministrativi, abilita l Ente ad effettuare in modo fluido e coerente la concentrazione delle informazioni afferenti a servizi anche molto diversi tra loro, conduce le attività di raccolta dei dati rilevati all interno dell Ente: una volta ricevute dai Responsabili di Servizio le comunicazioni necessarie, ne effettuano il controllo, richiedono le necessarie integrazioni documentali e accedono all applicativo Altran per effettuare il travaso dei dati N. DI GIORNATE E TIPOLOGIA DI FORMAZIONE 1 giornata di formazione N. DI GIORNATE PER MANUTENZIONE EVOLUTIVA Non si prevedono giornate specifiche per aggiornamento in quanto previsto costantemente durante il processo di rilevazione. 6

7 FORMAZIONE SPECIFICA EROGATA Contenuti della formazione: Indicatori statistici Indicatori di performance Indicatori di qualità progettata/erogata ESISTE UN MANUALE D USO DELLA SOLUZIONE PER GLI ADDETTI? Sono a disposizione i documenti di progetto: Definizione di Indicatori Quantitativi e Qualitativi dei Servizi erogati attraverso diversi canali Definizione di Indicatori di Customer Satisfaction dei Servizi erogati sui diversi canali Modalità di coordinamento fra gli Enti nella fase di raccolta dei dati Definizione di metodologie e scelta di strumenti per la rilevazione della qualità percepita ed effettiva Manuale di raccolta dei Dati Quantitativi DISPONIBILITA DI PERSONALE DELL ENTE A FORNIRE ASSISTENZA Il personale dell Ente è disponibile a fornire assistenza agli Enti interessati. LA SOLUZIONE E DI COMPLETA PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE CEDENTE? Sì, la metodologia per la definizione e la rilevazione degli indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati dagli Enti è stata messa a punto all interno del progetto IQuEL, finanziato dal Dipartimento per gli Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell ambito del Programma ELISA, ed è a disposizione degli Enti Pubblici interessati ad applicarla per il monitoraggio della qualità. 7

8 SEZIONE 4 ASPETTI DI COSTO DELLA SOLUZIONE SOSTENUTI DALL AMMINISTRAZIONE COSTI ESTERNI (FORNITORI + CONSULENZA) PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE ,00 COSTI INTERNI PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE Categoria # gg Project Manager 109 Analista senior 173 Personale esperto di statistica 279 Personale amministrativo 261 totale 822 8

9 SEZIONE 5 BENEFICI OTTENUTI DALL USO DELLA SOLUZIONE Benefici in termini di riduzione di costi conseguiti dall Amministrazione; riportare i costi, in euro, relativi al processo supportato dalla soluzione, prima dell adozione della soluzione e dopo l adozione della soluzione stessa I benefici per le Amministrazioni non possono essere quantificati in termini di riduzione di costi in Euro in quanto l applicazione della metodologia individuata riguarda la rilevazione della qualità dei servizi erogati, per cui i benefici sono soggettivi e dipendono da fattori interni alle Amministrazioni. Benefici in termini di miglioramento del servizio reso a cittadini e imprese conseguiti dall Amministrazione Lo scopo della metodologia è quello di migliorare il processo di erogazione dei servizi mettendo in evidenza le esigenze di cittadini e imprese e individuando la modalità che massimizzi il loro gradimento. Benefici derivanti all amministrazione dall elaborazione dei dati che la soluzione utilizzata o genera, al fine di orientare in modo più efficace l azione amministrativa Monitorando costantemente la qualità di erogazione dei servizi, l Amministrazione ha a disposizione una visione completa dei processi. I dati che l Amministrazione avrà a disposizione permetteranno a dirigenti ed amministratori di conoscere il grado di soddisfazione dei cittadini e di intervenire per migliorare i punti di debolezza nei procedimenti e contemporaneamente migliorare il livello di efficienza interna dell Ente. I risultati saranno utili quindi per poter intervenire ed orientare le politiche dell Ente in modo da migliorarne le prestazioni e migliorare il rapporto col cittadino/utente. Elementi di semplificazione della procedura tradizionale introdotti dalla soluzione Il recepimento e l analisi dei dati che risulteranno dalle rilevazioni quantitative e qualitative saranno utili per orientare le Amministrazioni verso processi di semplificazione delle procedure tradizionali secondo le esigenze e le aspettative degli utenti. Altri benefici derivanti dall utilizzo della soluzione non ricompresi nelle tipologie prima indicate Costante miglioramento dell efficacia e dell efficienza interna dei servizi insieme al miglioramento dei processi di erogazione dei servizi. 9

10 SEZIONE 6 ASPETTI LEGATI ALLE TECNOLOGIE UTILIZZATE Caratteristiche della soluzione tecnologica La metodologia non richiede applicazioni tecnologiche specifiche. Prerequisiti di natura tecnica (hw e sw di base) per il funzionamento della soluzione; descrizione dell hw e sw di base necessario per riusare la soluzione, ovvero senza la quale la soluzione non è utilizzabile Partners coinvolti nella realizzazione della soluzione; indicare il partner/fornitori coinvolti nelle diverse fasi di realizzazione della soluzione: analisi, realizzazione, test, gestione a regime Quanto tempo è durato il progetto 18 mesi Quali sono i volumi di servizio che la soluzione gestisce La soluzione è integrata con altre applicazioni dell amministrazione? 10

11 SEZIONE 7 ALTRI ASPETTI VINCOLANTI Esigenza di specifici modelli organizzativi Non sono richiesti specifici modelli organizzativi. Necessità di accordi con Enti terzi? Non sono necessari accordi con Enti terzi. Dipendenza da normative regionali Non ci sono normative regionali vincolanti. 11

12 Progetto IQuEL Misurazione della qualità dei servizi erogati dagli Enti Locali Titolo del servizio o della soluzione oggetto del riuso COMUNE AMICO SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente: Comune di Parma, Strada Repubblica, PARMA Referente per l Amministrazione Flora Raffa, Responsabile di progetto, , Nome della soluzione COMUNE AMICO Ambito amministrativo interessato Informatica per la gestione dei rapporti col cittadino. Altre Amministrazioni che utilizzano o che hanno aderito al riuso della soluzione Attualmente non è utilizzato da altre Amministrazioni. Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni, Province, Regioni. 12

13 Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione? La soluzione CRM (Citizen Relationship Managment) sviluppata dal Comune di Parma riguarda le seguenti macro aree di attività dell Ente: 1) Comune accoglie 2) Comune informa 3) Comune indirizza 4) Comune risolve Comune accoglie: questa funzionalità è finalizzata al raggiungimento degli obiettivi relazionali che l ente si prefigge. Questo viene ottenuto grazie alla piattaforma tecnologica che garantisce all ente uniformità di interazione con il cittadino indipendentemente dal canale scelto per il contatto. Comune informa: mediante lo sviluppo e la messa a disposizione di una base dati di conoscenza e dei percorsi pre-codificati di ricerca questa funzionalità permette agli operatori di Front Office di soddisfare la gran parte delle richieste di informazioni derivanti dal cittadino e dalle imprese del territorio del comune. Comune indirizza: in questo caso la piattaforma svolge la funzione di mettere in contatto diretto il cittadino con l ufficio o la persona che corrisponde alla richiesta del cittadino. Può agire da semplice centralino ma anche, e di solito è il caso più frequente, da primo passo all interno del processo di risoluzione della richiesta del cittadino interamente gestito all interno del sistema con tracciamento delle varie fasi e delle tempistiche collegate. Comune Risolve: questa macro-funzione fa riferimento all intervento attivo degli operatori di Front Office finalizzato alla facilitazione dell accesso ai servizi, della segnalazione di disfunzioni o di necessità di intervento fino all eventuale presentazione di esposti. Tipo di Amministrazioni a cui è destinato La soluzione è studiata per l utilizzo ottimale all interno di Comuni. 13

14 SEZIONE 2 DESCRIZIONE TESTUALE DELLA SOLUZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA SOLUZIONE Nell ambito di una più ampia ridefinizione degli standard qualitativi di gestione dei contatti con i cittadini e le imprese del territorio, il Comune di Parma ha deciso di dotarsi di un Contact Center unificato in grado di raccogliere in prima battuta tutte le chiamate verso i numeri dei vari centralini del Comune (Municipio e DUC). Il Contact Center dovrà gestire in modalità asincrona anche richieste che giungeranno via Fax, , sms e WEB. Prime dell implementazione del sistema i centralini del Comune non svolgevano nessuna attività di accoglienza e di indirizzamento nei confronti dei cittadini che chiamavano e si limitavano a passare le chiamate agli uffici interni richiesti. Ovviamente questo modo di operare rendeva il lavoro degli uffici del Comune frammentato a causa delle numerose interruzioni e, anche la gestione del contatto, risultava problematica perché era frequente che il destinatario della chiamata non fosse presente oppure chi riceveva la chiamata non fosse la persona più adatta. In ogni caso coloro che ricevevano le chiamate non erano addestrati alla gestione del contatto con il cittadino o con l impresa. Questi passaggi generavano disorientamento nell interlocutore, che veniva trattato in modo diverso a seconda dell ufficio con il quale si trovava ad interagire, e facevano perdere al Comune l occasione di raccogliere informazioni sull interlocutore utili a migliorare dal punto di vista comunicativo il suo rapporto con i cittadini e le imprese. In questo contesto, il Contact Center è diventato l interfaccia del Comune verso i cittadini e le imprese per ogni tipo di richiesta sia di carattere informativo che di carattere più operativo. In tal senso l obiettivo è quindi quello di dotare gli operatori del Contact Center di strumenti in grado di dare risposte ai cittadini. Gli obiettivi che si sono perseguiti sono principalmente tre. Il primo è quello di migliorare l efficienza e l efficacia del Comune di Parma nel dare risposte ai propri interlocutori e in ogni caso di poter monitore e tenere sotto controllo il processo di gestione di ogni singola richiesta Il secondo più operativo è quello di ridurre al minimo indispensabile il numero di chiamate verso gli uffici interni dotando gli operatori del Contact Center di una piattaforma software in grado si supportarli nell attività di ricerca delle informazioni Il terzo è quello di strutturare l interazione con le persone che chiamano in modo da cogliere l occasione del contatto per arricchire la profilazione dei cittadini e delle imprese e nel tempo poter meglio indirizzare la comunicazione tra istituzioni e cittadini relativa alle diverse tematiche. 14

15 Dal punto di vista funzionale l operatività del Contact Center si sviluppa in 4 aree: Comune Accoglie mira a strutturare le modalità di svolgimento del contatto. Dal punto di vista della piattaforma software significa essere in grado di far vedere all operatore l anagrafica del cittadino che sta chiamando al momento di rispondere in modo da aiutarlo nell impostare la chiamata. Ciò si ottiene mediante l integrazione con il sistema CTI Genesys in uso al Contact Center del Comune di Parma col database di Pivoltal: al ring passerà a Pivotal il numero di telefono del chiamante in modo che Pivotal possa ricercarlo nel suo data base e visualizzare le informazioni salienti sul monitor dell operatore. Nel caso in cui dal numero non si riesca ad arrivare al cittadino Pivotal fornirà all operatore le funzionalità di ricerca rapida che gli permettano di arrivare all anagrafica del chiamante immediatamente dopo l inizio della chiamata. Sarà previsto anche la possibilità di gestire e registrare chiamate da cittadini che vogliono rimanere anonimi. Comune informa mira a dotare gli operatori del Contact Center di tutta una serie di informazioni a cui potrebbero essere interessati i cittadini (orari di apertura delle diverse strutture comunali, uffici competenti per tipologia di pratica da espletare, orari e date delle iniziative del comune etc). In questo caso la piattaforma software permetterà all utente di navigare su archivi di informazioni strutturati che verranno caricate direttamente nel data base di Pivotal, di ricercare informazioni nel DWH che verrà reso disponibile dalla società IT.City mediante l interfacciamento che verrà predisposto e ricercare in maniera destrutturata altre informazioni su siti collegati al Comune. Ovviamente anche in questo caso l operatore registrerà la chiamata, la collegherà se nota all anagrafica da cui è originata, la classificherà e la chiuderà una volta terminata riportando l esito del contatto e la risposta fornita. Pivotal metterà a disposizione degli operatori del Contact Center una Knowledge Base di chiamate risolte. In pratica, a seconda della classificazione della chiamata, l operatore potrà ricercare nella Knowledge Base chiamate simili e avvalersi dei suggerimenti in queste contenute. In questo modo sarà possibile strutturare il flusso di risoluzione delle chiamate su tutta una serie di richieste ricorrenti. La Knowledge Base di Pivotal viene creata e alimentata in Pivotal dalle chiamate risolte. In pratica gli operatori hanno modo di flaggare le chiamate che ritengono interessanti una volta risolte in modo che periodicamente il Contact Center Manager possa analizzarle e dopo averle controllate e classificate, renderle disponibili come Knowledge Base a disposizione di tutti gli altri operatori. Collegate alle Kowledge Base di Pivotal ci potranno essere le schede prodotto del comune di Parma. In Pivotal sarà resa disponibile la funzionalità che permetterà il mantenimento e la creazione di nuove schede prodotto mano a mano che queste verranno rese disponibili. Per alcuni dei flussi di risoluzione predisposti potrà rendersi necessario l intervento di un secondo livello. 15

16 Comune indirizza prevede quasi sempre il coinvolgimento di un secondo livello: è il caso in cui il chiamante chiede di essere messo in comunicazione con una persona ben precisa oppure, sulla base della richiesta di informazioni del chiamante, la procedura richiede il coinvolgimento di un ufficio interno. Nel caso in cui la richiesta richieda il coinvolgimento di società esterne il Contact Center, a seconda del tipo di società coinvolta, gestirà l inoltro come se fosse un ufficio del Comune oppure inoltrerà la chiamata ad un numero appositamente fornito dalla società terza coinvolta oppure semplicemente fornirà all interlocutore i recapiti generici a cui indirizzare la sua richiesta. In ogni caso la chiamata verrà opportunamente registrata e classificata in Pivotal. L inoltro ai secondi livelli prevede che l operatore di Contact Center abbia la possibilità di assegnare uno step collegato alla chiamata ad un ufficio interno. L ufficio destinatario dello step verrà allertato via dell avvenuta assegnazione dello step e sarà sua cura, una volta presa visione della problematica mediante un accesso light a Pivotal, risolvere la chiamata e chiudere il cerchio accedendo a Pivotal e dichiarando chiuso lo step a lui assegnato. L applicazione Pivotal prevede che possa essere attivato un flusso di gestione delle chiamate che prevede che il Contact Center possa essere coinvolto una volta chiuse le chiamate da parte degli uffici interni per un ultimo contatto: questo ha l obiettivo di accertare l effettiva soddisfazione del cittadino ed eventualmente cogliere l occasione per somministrare al cittadino uno script di profilazione o di customer satisfaction. Comune risolve si riferisce all intervento attivo del Contact Center finalizzato alla facilitazione dell accesso ai servizi, della segnalazione di disfunzioni, reclami o di necessità di intervento fino alla presentazione di esposti. In questo caso l obiettivo è quello di indirizzare correttamente la gestione delle segnalazioni e dei reclami per riuscire, mediante la strutturazione di processi proattivi, di minimizzare il tasso di conversione in esposti. L applicazione di Contact Center in questo caso si farà carico della registrazione delle chiamate e della strutturazione dei processi di gestione delle diverse tipologie di segnalazione. Gli utenti del Contact Center, almeno nella prima fase di sviluppo del progetto oggetto del presente documento, avranno la possibilità di accedere da Pivotal al sistema RIL.FE.DE.UR. attualmente in uso presso gli uffici del Comune per la gestione di segnalazioni ed esposti. Per quanto riguarda la parte relativa ai servizi, in questa prima fase di progetto non è previsto che Pivotal venga coinvolto attivamente nella fase di erogazione di servizi via Contact Center. Pivotal, mediante l integrazione con il DWH del Comune, permetterà agli utenti del Contact Center di avere visibilità sullo stato avanzamento pratiche per poter dare informazioni ai cittadini e alle società relativamente alle pratiche stesse. 16

17 In figura viene riportato lo schema logico di funzionamento di Pivotal nel caso del Comune di Parma. L interfaccia batch bidirezionale tra il data base di Pivotal e il DWH garantisce che una quota dei dati gestiti dal DWH venga giornalmente aggiornata in Pivotal. I dati che passano da DWH a Pivotal sono quelli relativi alle anagrafiche, alle informazioni di testata delle pratiche, alle schede prodotto e all organigramma del comune. Le schede prodotto del Comune sono gestite direttamente in Pivotal. L interfaccia è stata disegnata bidimensionale perché ci sono anche alcuni dati di anagrafica dei cittadini, tipo indirizzo , numero di cellulare o altri dati di contatto che dal DB del CRM passano al DWH. Le chiamate in arrivo vengono gestite dal software di CTI Genesys il quale instrada le chiamate in arrivo verso gli operatori. Mediante l implementazione del connettore OMNIGENESYS PIVOTAL CONNECTOR all interno di Pivotal l operatore ha a disposizione la barra telefonica di Genesys. Grazie all utilizzo di questo connettore, prodotto da Alcatel Lucent, agli utenti del Contact Center di Pivotal vengono rese disponibili le funzionalità di Logon/Logoff, Screen Pop-Up in caso di chiamata in arrivo con indicazione del chiamante, Risposta, Rilascio, trasferimento e messa in attesa. La comunicazione multicanale gestita dal Contact Center spesso permette nei tempi rapidi del primo contatto, esclusivamente di Front Office, di venire incontro alle necessità del cittadino. Naturalmente non tutte le richieste possono essere esaudite immediatamente e le problematiche espresse dai cittadini in questa fase possono in taluni casi richiedere l intervento di un secondo livello (BackOffice comunale) della struttura di interfacciamento del Comune stesso con i suoi cittadini. 17

18 Nell ambito della procedura Pivotal viene gestito il processo tutto interno alla macchina comunale di inoltro della chiamate ai secondi livelli. In questo modo tutte le richieste vengono tracciate, viene tracciato il percorso che il cittadino segue durante il contatto, monitorando lo stato della richiesta durante tutte le fasi del processo che porta alla risoluzione della problematica. In questo modo è possibile ottenere una misura completa del percorso seguito anche per le richieste che necessariamente fuoriescono dal perimetro del Contact Center addentrandosi negli uffici comunali. L applicativo Pivotal gestisce diverse tipologie di interfacciamento verso i Back Office dell amministrazione comunale per venire incontro alle diverse necessità dei vari uffici che interagiscono in con il Front Office in termini anche molto diversi tra loro sia per volumi che per tipologia di problematiche gestite. Le diverse tipologie di interazione tra i Front e Back vanno dall integrazione completa del processo con quegli uffici che accedono alla procedura fino all integrazione soft in cui gli uffici del Back interagiscono con la procedura via e- mail. Mediante l utilizzo del modulo per il Campaign Managment di Pivotal, MarketFirst, è possibile gestire questionari per la customer satisfaction e più in generale vengono gestiti i flussi automatici di comunicazione verso i cittadini e le imprese sfruttando i canali elettronici e l intreccio tra questi a seconda delle esigenze. 18

19 SEZIONE 3 ASPETTI LEGATI ALL USO DELLA SOLUZIONE DATA DI AVVIO IN ESERCIZIO DELLA SOLUZIONE Settembre 2008 N. DI ADDETTI OPERANTI CON LA SOLUZIONE 10 operatori di Front Office al Contact Center, 40 operatori di Front Office del centro servizi, e 70 operatori di Back Office negli uffici interni dell ente. BREVE DESCRIZIONE DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO IN CUI LA SOLUZIONE E STATA ADOTTATA (ASSEGNAZIONE DI RUOLI E FUNZIONI) SE NECESSARIO ESTREMI DELL EVENTUALE DOCUMENTO DESCRITTIVO DI ACCOMPAGNAMENTO Gli operatori di Front Office al Contact Center sono in grado di ricevere richieste attraverso i seguenti canali: 1) Telefono 2) 3) SMS 4) FAX Costituiscono il verso Front Office dell amministrazione verso i cittadini. Hanno accesso a tutte le funzionalità disponibili nel sistema: 1) Comune accoglie 2) Comune informa 3) Comune indirizza 4) Comune risolve Gli operatori di Front del Centro Servizi, hanno accesso alla sola funzionalità di Comune Accoglie. Gli operatori degli uffici interni dell ente vengono coinvolti nei processi di risoluzione delle richieste dei cittadini/imprese nel caso in cui gli operatori del front non siano in grado di risolvere in prima battuta la problematica. All interno del sistema viene inoltrata una richiesta (Incident) e viene monitorato lo stato d avanzamento della stessa, in modo che gli operatori del Front, nel caso venissero richiamati dal cittadino/impresa hanno modo di verificare lo stato di avanzamento dell Incident. 19

20 N. DI GIORNATE E TIPOLOGIA DI FORMAZIONE Operatori Front Office del Contact Center: 5 giorni Operatori Front Office del centro servizi: 1 giornata Operatori Back Office: 1 giornata Quelle riportate sono le giornate di training necessarie per ogni singolo operatore; normalmente i training vengono erogati in aula a ridosso della partenza in operativo delle persone coinvolte ed è bene che la singola aula non sia composta da più di 5-6 persone. N. DI GIORNATE PER MANUTENZIONE EVOLUTIVA Per la manutenzione evolutiva del sistema sono da prevedere una ventina di giornate all anno di attività. FORMAZIONE SPECIFICA EROGATA Contenuti della formazione per gli operatori di Front Office: Introduzione al CRM Inserimento nuovo Incident sul sistema Consultazione Knowledge Base Verifica informazioni anagrafiche cittadino Accesso tramite CRM ad applicativi esterni di front office Inoltro di Incident al secondo livello Chiusura e categorizzazione Incident Contenuti della formazione per gli operatori di Back Office: Introduzione al CRM Inserimento nuovo Incident sul sistema Consultazione Knowledge Base di Back Office Team di Supporto Gestione dell assegnazione degli Incident con auto-assegnazione Assegnazione Incident da Power-User Gestione Incident da Funzionalità di comunicazione con il cittadino Re-Inoltro di Incident Chiusura e categorizzazione Incident 20

21 ESISTE UN MANUALE D USO DELLA SOLUZIONE PER GLI ADDETTI? Esistono tre tipologie di manuali: uno tecnico edito dal fornitore della soluzione (Pivotal) Gestione del Contact Center del Comune di Parma in Pivotal, uno metodologico di utilizzo dello strumento edito dal Comune di Parma Linee guida operativo/funzionali del Contact Center ed uno descrittivo e divulgativo del sistema Linee guida per la progettazione di un CRM per gli Enti Locali realizzato all interno del Progetto IQuEL. DISPONIBILITA DI PERSONALE DELL ENTE A FORNIRE ASSISTENZA Il personale dell Ente è disponibile a fornire assistenza agli enti interessati al sistema. LA SOLUZIONE E DI COMPLETA PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE CEDENTE? Tipologia Componente Proprietà Licenze Pivotal CRM La proprietà è del Comune di Parma che non può cederla a terzi Licenze Genesys CTI La proprietà è del Comune di Parma che non può cederla a terzi Software DataWhare house La soluzione è stata sviluppata dalla società It.city ed è proprietà del Comune di Parma 21

22 SEZIONE 4 ASPETTI DI COSTO DELLA SOLUZIONE SOSTENUTI DALL AMMINISTRAZIONE COSTI ESTERNI (FORNITORI + CONSULENZA) PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE La soluzione CRM per il numero di utenti che si è detto precedentemente, 10 operatori di contact center, 40 operatori di front del centro servizi e 70 operatori del back ha avuto le seguenti voci di costo: licenze software Pivotal Business Server + applicazioni + barra telefonica Utenti full (utenti contact center e parte dei back) utenti light (utenti centro servizi e rimanante back) MarketFirst per l automatizzazione di tutta la parte out bound Servzi di consulenza: Pivotal IT.City COSTI INTERNI PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE Categoria # Gg Project Manager 125 Analista senior 10 Personale esperto di informatica 80 Personale amministrativo 60 totale

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli