Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto IQuEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto IQuEL"

Transcript

1 Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto IQuEL Maggio

2 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche ed organizzative, conseguite con i progetti del Programma Elisa, individuando le best practices locali, favorendone la personalizzazione e il riuso in altre realtà del Paese. Nell ambito del progetto IQuEL sono state sviluppate le seguenti soluzioni: Metodologia per la definizione e la rilevazione di indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati dagli Enti Pubblici Comune di Modena Comune di Piacenza pag. 3 COMUNE AMICO: Informatica per la gestione dei rapporti col cittadino Comune di Parma pag. 12 CzRM su piattaforma open source Comune di Bologna pag. 29 Piattaforma di Monitoraggio Qualità Servizi Erogati nell ambito del Progetto IQuEL Comune di Firenze pag. 40 2

3 Progetto IQuEL Misurazione della qualità dei servizi erogati dagli Enti Locali Titolo del servizio o della soluzione oggetto del riuso Metodologia per la definizione e la rilevazione di indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati dagli Enti Pubblici SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente - Comune di Modena (Metodologia di definizione degli indicatori) - Comune di Piacenza (Metodologia di rilevazione dei dati) Referente per l Amministrazione - Comune di Modena: Claudio Forghieri, , - Comune di Piacenza: Giuseppe Morsia, , Nome della soluzione Metodologia per la definizione e la rilevazione di indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati Ambito amministrativo interessato Misurazione della qualità dei servizi erogati Altre Amministrazioni che utilizzano o la soluzione Attualmente non è utilizzata da altre Amministrazioni Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni e Regioni 3

4 Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione La metodologia è rivolta all individuazione di un set di indicatori in grado di misurare la presenza, la frequenza e le modalità d'uso dei diversi canali per l'accesso al servizio e di un set di indicatori in grado di misurare le qualità percepita e l'efficienza del servizio erogato all'utente. La seconda fase è la relativa raccolta dei dati. Tipo di Amministrazioni a cui è destinato La metodologia si rivolge alle Amministrazioni che erogano servizi ai cittadini, principalmente Comuni 4

5 SEZIONE 2 DESCRIZIONE TESTUALE DELLA SOLUZIONE LINK DELLA SOLUZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA SOLUZIONE La definizione della metodologia è partita dall identificazione di 5 servizi sui quali testare in forma prototipale gli indicatori (cambio di indirizzo, iscrizione agli asili nido comunali, servizio di manutenzione stradale, servizi di comunicazione istituzionale, denuncia di inizio attività edilizia (DIA). Sono poi stati individuati tre macrogruppi di indicatori: d uso e di performance, indicatori di qualità progettata ed erogata, indicatori di comunicazione integrata. Per ogni servizio sono state prodotte delle raccolte generali di dati e indicatori potenzialmente utili in termini di monitoraggio della qualità, con particolare attenzione agli aspetti di multicanalità. Attraverso una serie di incontri monotematici con dirigenti e funzionari responsabili dei procedimenti negli Enti coinvolti si è giunti alla selezione degli elementi più significativi di ogni fase di erogazione del servizio, sia dal punto di vista del cittadino sia da quello dell Ente. Sono state elaborate una serie di schede riassuntive dei processi evidenziando i momenti rilevanti e di contatto con l utente e le differenze organizzative e gestionali fra gli Enti nell erogazione del servizio stesso. Da questo processo sono emerse le pratiche migliori e sono state definiti dei livelli differenziati di qualità di erogazione durante le varie fasi. La prima stesura degli indicatori è stata condivisa e riconsiderata in sede locale dai diversi Enti, coinvolgendo gli uffici interessati. Il risultato finale è stato una selezione degli indicatori più interessanti e praticabili e l identificazione dei temi salienti che è necessario proporre agli utenti in sede di ricerca di customer satisfaction. Si è proceduto poi alla stesura di un manuale di rilevazione che definisse i ruoli e le responsabilità degli attori coinvolti nel processo oltre che alle modalità vere e proprie di rilevazione di ogni singolo dato in modo da ridurre al minimo i rischi che potrebbero impattare sul processo. 5

6 SEZIONE 3 ASPETTI LEGATI ALL USO DELLA SOLUZIONE DATA DI AVVIO IN ESERCIZIO DELLA SOLUZIONE Dicembre 2009 N. DI ADDETTI OPERANTI CON LA SOLUZIONE La metodologia non richiede un numero definito di operanti ma il supporto di professionalità definite. BREVE DESCRIZIONE DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO IN CUI LA SOLUZIONE E STATA ADOTTATA (ASSEGNAZIONE DI RUOLI E FUNZIONI) RRS > Responsabile di Rilevazione per il Servizio: è responsabile della raccolta informazioni, della concentrazione dei dati necessari alla compilazione degli indicatori per il singolo servizio e della necessaria funzione trasversale di aggregazione delle informazioni che, pur afferenti a Enti, Settori o aree organizzative diverse, caratterizzano il medesimo servizio. RRE > Responsabile di Rilevazione per l Ente: è responsabile del superamento delle specificità procedimentali legate all adempimento dei singoli iter amministrativi, abilita l Ente ad effettuare in modo fluido e coerente la concentrazione delle informazioni afferenti a servizi anche molto diversi tra loro, conduce le attività di raccolta dei dati rilevati all interno dell Ente: una volta ricevute dai Responsabili di Servizio le comunicazioni necessarie, ne effettuano il controllo, richiedono le necessarie integrazioni documentali e accedono all applicativo Altran per effettuare il travaso dei dati N. DI GIORNATE E TIPOLOGIA DI FORMAZIONE 1 giornata di formazione N. DI GIORNATE PER MANUTENZIONE EVOLUTIVA Non si prevedono giornate specifiche per aggiornamento in quanto previsto costantemente durante il processo di rilevazione. 6

7 FORMAZIONE SPECIFICA EROGATA Contenuti della formazione: Indicatori statistici Indicatori di performance Indicatori di qualità progettata/erogata ESISTE UN MANUALE D USO DELLA SOLUZIONE PER GLI ADDETTI? Sono a disposizione i documenti di progetto: Definizione di Indicatori Quantitativi e Qualitativi dei Servizi erogati attraverso diversi canali Definizione di Indicatori di Customer Satisfaction dei Servizi erogati sui diversi canali Modalità di coordinamento fra gli Enti nella fase di raccolta dei dati Definizione di metodologie e scelta di strumenti per la rilevazione della qualità percepita ed effettiva Manuale di raccolta dei Dati Quantitativi DISPONIBILITA DI PERSONALE DELL ENTE A FORNIRE ASSISTENZA Il personale dell Ente è disponibile a fornire assistenza agli Enti interessati. LA SOLUZIONE E DI COMPLETA PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE CEDENTE? Sì, la metodologia per la definizione e la rilevazione degli indicatori quantitativi e qualitativi dei servizi erogati dagli Enti è stata messa a punto all interno del progetto IQuEL, finanziato dal Dipartimento per gli Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell ambito del Programma ELISA, ed è a disposizione degli Enti Pubblici interessati ad applicarla per il monitoraggio della qualità. 7

8 SEZIONE 4 ASPETTI DI COSTO DELLA SOLUZIONE SOSTENUTI DALL AMMINISTRAZIONE COSTI ESTERNI (FORNITORI + CONSULENZA) PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE ,00 COSTI INTERNI PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE Categoria # gg Project Manager 109 Analista senior 173 Personale esperto di statistica 279 Personale amministrativo 261 totale 822 8

9 SEZIONE 5 BENEFICI OTTENUTI DALL USO DELLA SOLUZIONE Benefici in termini di riduzione di costi conseguiti dall Amministrazione; riportare i costi, in euro, relativi al processo supportato dalla soluzione, prima dell adozione della soluzione e dopo l adozione della soluzione stessa I benefici per le Amministrazioni non possono essere quantificati in termini di riduzione di costi in Euro in quanto l applicazione della metodologia individuata riguarda la rilevazione della qualità dei servizi erogati, per cui i benefici sono soggettivi e dipendono da fattori interni alle Amministrazioni. Benefici in termini di miglioramento del servizio reso a cittadini e imprese conseguiti dall Amministrazione Lo scopo della metodologia è quello di migliorare il processo di erogazione dei servizi mettendo in evidenza le esigenze di cittadini e imprese e individuando la modalità che massimizzi il loro gradimento. Benefici derivanti all amministrazione dall elaborazione dei dati che la soluzione utilizzata o genera, al fine di orientare in modo più efficace l azione amministrativa Monitorando costantemente la qualità di erogazione dei servizi, l Amministrazione ha a disposizione una visione completa dei processi. I dati che l Amministrazione avrà a disposizione permetteranno a dirigenti ed amministratori di conoscere il grado di soddisfazione dei cittadini e di intervenire per migliorare i punti di debolezza nei procedimenti e contemporaneamente migliorare il livello di efficienza interna dell Ente. I risultati saranno utili quindi per poter intervenire ed orientare le politiche dell Ente in modo da migliorarne le prestazioni e migliorare il rapporto col cittadino/utente. Elementi di semplificazione della procedura tradizionale introdotti dalla soluzione Il recepimento e l analisi dei dati che risulteranno dalle rilevazioni quantitative e qualitative saranno utili per orientare le Amministrazioni verso processi di semplificazione delle procedure tradizionali secondo le esigenze e le aspettative degli utenti. Altri benefici derivanti dall utilizzo della soluzione non ricompresi nelle tipologie prima indicate Costante miglioramento dell efficacia e dell efficienza interna dei servizi insieme al miglioramento dei processi di erogazione dei servizi. 9

10 SEZIONE 6 ASPETTI LEGATI ALLE TECNOLOGIE UTILIZZATE Caratteristiche della soluzione tecnologica La metodologia non richiede applicazioni tecnologiche specifiche. Prerequisiti di natura tecnica (hw e sw di base) per il funzionamento della soluzione; descrizione dell hw e sw di base necessario per riusare la soluzione, ovvero senza la quale la soluzione non è utilizzabile Partners coinvolti nella realizzazione della soluzione; indicare il partner/fornitori coinvolti nelle diverse fasi di realizzazione della soluzione: analisi, realizzazione, test, gestione a regime Quanto tempo è durato il progetto 18 mesi Quali sono i volumi di servizio che la soluzione gestisce La soluzione è integrata con altre applicazioni dell amministrazione? 10

11 SEZIONE 7 ALTRI ASPETTI VINCOLANTI Esigenza di specifici modelli organizzativi Non sono richiesti specifici modelli organizzativi. Necessità di accordi con Enti terzi? Non sono necessari accordi con Enti terzi. Dipendenza da normative regionali Non ci sono normative regionali vincolanti. 11

12 Progetto IQuEL Misurazione della qualità dei servizi erogati dagli Enti Locali Titolo del servizio o della soluzione oggetto del riuso COMUNE AMICO SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente: Comune di Parma, Strada Repubblica, PARMA Referente per l Amministrazione Flora Raffa, Responsabile di progetto, , Nome della soluzione COMUNE AMICO Ambito amministrativo interessato Informatica per la gestione dei rapporti col cittadino. Altre Amministrazioni che utilizzano o che hanno aderito al riuso della soluzione Attualmente non è utilizzato da altre Amministrazioni. Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni, Province, Regioni. 12

13 Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione? La soluzione CRM (Citizen Relationship Managment) sviluppata dal Comune di Parma riguarda le seguenti macro aree di attività dell Ente: 1) Comune accoglie 2) Comune informa 3) Comune indirizza 4) Comune risolve Comune accoglie: questa funzionalità è finalizzata al raggiungimento degli obiettivi relazionali che l ente si prefigge. Questo viene ottenuto grazie alla piattaforma tecnologica che garantisce all ente uniformità di interazione con il cittadino indipendentemente dal canale scelto per il contatto. Comune informa: mediante lo sviluppo e la messa a disposizione di una base dati di conoscenza e dei percorsi pre-codificati di ricerca questa funzionalità permette agli operatori di Front Office di soddisfare la gran parte delle richieste di informazioni derivanti dal cittadino e dalle imprese del territorio del comune. Comune indirizza: in questo caso la piattaforma svolge la funzione di mettere in contatto diretto il cittadino con l ufficio o la persona che corrisponde alla richiesta del cittadino. Può agire da semplice centralino ma anche, e di solito è il caso più frequente, da primo passo all interno del processo di risoluzione della richiesta del cittadino interamente gestito all interno del sistema con tracciamento delle varie fasi e delle tempistiche collegate. Comune Risolve: questa macro-funzione fa riferimento all intervento attivo degli operatori di Front Office finalizzato alla facilitazione dell accesso ai servizi, della segnalazione di disfunzioni o di necessità di intervento fino all eventuale presentazione di esposti. Tipo di Amministrazioni a cui è destinato La soluzione è studiata per l utilizzo ottimale all interno di Comuni. 13

14 SEZIONE 2 DESCRIZIONE TESTUALE DELLA SOLUZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA SOLUZIONE Nell ambito di una più ampia ridefinizione degli standard qualitativi di gestione dei contatti con i cittadini e le imprese del territorio, il Comune di Parma ha deciso di dotarsi di un Contact Center unificato in grado di raccogliere in prima battuta tutte le chiamate verso i numeri dei vari centralini del Comune (Municipio e DUC). Il Contact Center dovrà gestire in modalità asincrona anche richieste che giungeranno via Fax, , sms e WEB. Prime dell implementazione del sistema i centralini del Comune non svolgevano nessuna attività di accoglienza e di indirizzamento nei confronti dei cittadini che chiamavano e si limitavano a passare le chiamate agli uffici interni richiesti. Ovviamente questo modo di operare rendeva il lavoro degli uffici del Comune frammentato a causa delle numerose interruzioni e, anche la gestione del contatto, risultava problematica perché era frequente che il destinatario della chiamata non fosse presente oppure chi riceveva la chiamata non fosse la persona più adatta. In ogni caso coloro che ricevevano le chiamate non erano addestrati alla gestione del contatto con il cittadino o con l impresa. Questi passaggi generavano disorientamento nell interlocutore, che veniva trattato in modo diverso a seconda dell ufficio con il quale si trovava ad interagire, e facevano perdere al Comune l occasione di raccogliere informazioni sull interlocutore utili a migliorare dal punto di vista comunicativo il suo rapporto con i cittadini e le imprese. In questo contesto, il Contact Center è diventato l interfaccia del Comune verso i cittadini e le imprese per ogni tipo di richiesta sia di carattere informativo che di carattere più operativo. In tal senso l obiettivo è quindi quello di dotare gli operatori del Contact Center di strumenti in grado di dare risposte ai cittadini. Gli obiettivi che si sono perseguiti sono principalmente tre. Il primo è quello di migliorare l efficienza e l efficacia del Comune di Parma nel dare risposte ai propri interlocutori e in ogni caso di poter monitore e tenere sotto controllo il processo di gestione di ogni singola richiesta Il secondo più operativo è quello di ridurre al minimo indispensabile il numero di chiamate verso gli uffici interni dotando gli operatori del Contact Center di una piattaforma software in grado si supportarli nell attività di ricerca delle informazioni Il terzo è quello di strutturare l interazione con le persone che chiamano in modo da cogliere l occasione del contatto per arricchire la profilazione dei cittadini e delle imprese e nel tempo poter meglio indirizzare la comunicazione tra istituzioni e cittadini relativa alle diverse tematiche. 14

15 Dal punto di vista funzionale l operatività del Contact Center si sviluppa in 4 aree: Comune Accoglie mira a strutturare le modalità di svolgimento del contatto. Dal punto di vista della piattaforma software significa essere in grado di far vedere all operatore l anagrafica del cittadino che sta chiamando al momento di rispondere in modo da aiutarlo nell impostare la chiamata. Ciò si ottiene mediante l integrazione con il sistema CTI Genesys in uso al Contact Center del Comune di Parma col database di Pivoltal: al ring passerà a Pivotal il numero di telefono del chiamante in modo che Pivotal possa ricercarlo nel suo data base e visualizzare le informazioni salienti sul monitor dell operatore. Nel caso in cui dal numero non si riesca ad arrivare al cittadino Pivotal fornirà all operatore le funzionalità di ricerca rapida che gli permettano di arrivare all anagrafica del chiamante immediatamente dopo l inizio della chiamata. Sarà previsto anche la possibilità di gestire e registrare chiamate da cittadini che vogliono rimanere anonimi. Comune informa mira a dotare gli operatori del Contact Center di tutta una serie di informazioni a cui potrebbero essere interessati i cittadini (orari di apertura delle diverse strutture comunali, uffici competenti per tipologia di pratica da espletare, orari e date delle iniziative del comune etc). In questo caso la piattaforma software permetterà all utente di navigare su archivi di informazioni strutturati che verranno caricate direttamente nel data base di Pivotal, di ricercare informazioni nel DWH che verrà reso disponibile dalla società IT.City mediante l interfacciamento che verrà predisposto e ricercare in maniera destrutturata altre informazioni su siti collegati al Comune. Ovviamente anche in questo caso l operatore registrerà la chiamata, la collegherà se nota all anagrafica da cui è originata, la classificherà e la chiuderà una volta terminata riportando l esito del contatto e la risposta fornita. Pivotal metterà a disposizione degli operatori del Contact Center una Knowledge Base di chiamate risolte. In pratica, a seconda della classificazione della chiamata, l operatore potrà ricercare nella Knowledge Base chiamate simili e avvalersi dei suggerimenti in queste contenute. In questo modo sarà possibile strutturare il flusso di risoluzione delle chiamate su tutta una serie di richieste ricorrenti. La Knowledge Base di Pivotal viene creata e alimentata in Pivotal dalle chiamate risolte. In pratica gli operatori hanno modo di flaggare le chiamate che ritengono interessanti una volta risolte in modo che periodicamente il Contact Center Manager possa analizzarle e dopo averle controllate e classificate, renderle disponibili come Knowledge Base a disposizione di tutti gli altri operatori. Collegate alle Kowledge Base di Pivotal ci potranno essere le schede prodotto del comune di Parma. In Pivotal sarà resa disponibile la funzionalità che permetterà il mantenimento e la creazione di nuove schede prodotto mano a mano che queste verranno rese disponibili. Per alcuni dei flussi di risoluzione predisposti potrà rendersi necessario l intervento di un secondo livello. 15

16 Comune indirizza prevede quasi sempre il coinvolgimento di un secondo livello: è il caso in cui il chiamante chiede di essere messo in comunicazione con una persona ben precisa oppure, sulla base della richiesta di informazioni del chiamante, la procedura richiede il coinvolgimento di un ufficio interno. Nel caso in cui la richiesta richieda il coinvolgimento di società esterne il Contact Center, a seconda del tipo di società coinvolta, gestirà l inoltro come se fosse un ufficio del Comune oppure inoltrerà la chiamata ad un numero appositamente fornito dalla società terza coinvolta oppure semplicemente fornirà all interlocutore i recapiti generici a cui indirizzare la sua richiesta. In ogni caso la chiamata verrà opportunamente registrata e classificata in Pivotal. L inoltro ai secondi livelli prevede che l operatore di Contact Center abbia la possibilità di assegnare uno step collegato alla chiamata ad un ufficio interno. L ufficio destinatario dello step verrà allertato via dell avvenuta assegnazione dello step e sarà sua cura, una volta presa visione della problematica mediante un accesso light a Pivotal, risolvere la chiamata e chiudere il cerchio accedendo a Pivotal e dichiarando chiuso lo step a lui assegnato. L applicazione Pivotal prevede che possa essere attivato un flusso di gestione delle chiamate che prevede che il Contact Center possa essere coinvolto una volta chiuse le chiamate da parte degli uffici interni per un ultimo contatto: questo ha l obiettivo di accertare l effettiva soddisfazione del cittadino ed eventualmente cogliere l occasione per somministrare al cittadino uno script di profilazione o di customer satisfaction. Comune risolve si riferisce all intervento attivo del Contact Center finalizzato alla facilitazione dell accesso ai servizi, della segnalazione di disfunzioni, reclami o di necessità di intervento fino alla presentazione di esposti. In questo caso l obiettivo è quello di indirizzare correttamente la gestione delle segnalazioni e dei reclami per riuscire, mediante la strutturazione di processi proattivi, di minimizzare il tasso di conversione in esposti. L applicazione di Contact Center in questo caso si farà carico della registrazione delle chiamate e della strutturazione dei processi di gestione delle diverse tipologie di segnalazione. Gli utenti del Contact Center, almeno nella prima fase di sviluppo del progetto oggetto del presente documento, avranno la possibilità di accedere da Pivotal al sistema RIL.FE.DE.UR. attualmente in uso presso gli uffici del Comune per la gestione di segnalazioni ed esposti. Per quanto riguarda la parte relativa ai servizi, in questa prima fase di progetto non è previsto che Pivotal venga coinvolto attivamente nella fase di erogazione di servizi via Contact Center. Pivotal, mediante l integrazione con il DWH del Comune, permetterà agli utenti del Contact Center di avere visibilità sullo stato avanzamento pratiche per poter dare informazioni ai cittadini e alle società relativamente alle pratiche stesse. 16

17 In figura viene riportato lo schema logico di funzionamento di Pivotal nel caso del Comune di Parma. L interfaccia batch bidirezionale tra il data base di Pivotal e il DWH garantisce che una quota dei dati gestiti dal DWH venga giornalmente aggiornata in Pivotal. I dati che passano da DWH a Pivotal sono quelli relativi alle anagrafiche, alle informazioni di testata delle pratiche, alle schede prodotto e all organigramma del comune. Le schede prodotto del Comune sono gestite direttamente in Pivotal. L interfaccia è stata disegnata bidimensionale perché ci sono anche alcuni dati di anagrafica dei cittadini, tipo indirizzo , numero di cellulare o altri dati di contatto che dal DB del CRM passano al DWH. Le chiamate in arrivo vengono gestite dal software di CTI Genesys il quale instrada le chiamate in arrivo verso gli operatori. Mediante l implementazione del connettore OMNIGENESYS PIVOTAL CONNECTOR all interno di Pivotal l operatore ha a disposizione la barra telefonica di Genesys. Grazie all utilizzo di questo connettore, prodotto da Alcatel Lucent, agli utenti del Contact Center di Pivotal vengono rese disponibili le funzionalità di Logon/Logoff, Screen Pop-Up in caso di chiamata in arrivo con indicazione del chiamante, Risposta, Rilascio, trasferimento e messa in attesa. La comunicazione multicanale gestita dal Contact Center spesso permette nei tempi rapidi del primo contatto, esclusivamente di Front Office, di venire incontro alle necessità del cittadino. Naturalmente non tutte le richieste possono essere esaudite immediatamente e le problematiche espresse dai cittadini in questa fase possono in taluni casi richiedere l intervento di un secondo livello (BackOffice comunale) della struttura di interfacciamento del Comune stesso con i suoi cittadini. 17

18 Nell ambito della procedura Pivotal viene gestito il processo tutto interno alla macchina comunale di inoltro della chiamate ai secondi livelli. In questo modo tutte le richieste vengono tracciate, viene tracciato il percorso che il cittadino segue durante il contatto, monitorando lo stato della richiesta durante tutte le fasi del processo che porta alla risoluzione della problematica. In questo modo è possibile ottenere una misura completa del percorso seguito anche per le richieste che necessariamente fuoriescono dal perimetro del Contact Center addentrandosi negli uffici comunali. L applicativo Pivotal gestisce diverse tipologie di interfacciamento verso i Back Office dell amministrazione comunale per venire incontro alle diverse necessità dei vari uffici che interagiscono in con il Front Office in termini anche molto diversi tra loro sia per volumi che per tipologia di problematiche gestite. Le diverse tipologie di interazione tra i Front e Back vanno dall integrazione completa del processo con quegli uffici che accedono alla procedura fino all integrazione soft in cui gli uffici del Back interagiscono con la procedura via e- mail. Mediante l utilizzo del modulo per il Campaign Managment di Pivotal, MarketFirst, è possibile gestire questionari per la customer satisfaction e più in generale vengono gestiti i flussi automatici di comunicazione verso i cittadini e le imprese sfruttando i canali elettronici e l intreccio tra questi a seconda delle esigenze. 18

19 SEZIONE 3 ASPETTI LEGATI ALL USO DELLA SOLUZIONE DATA DI AVVIO IN ESERCIZIO DELLA SOLUZIONE Settembre 2008 N. DI ADDETTI OPERANTI CON LA SOLUZIONE 10 operatori di Front Office al Contact Center, 40 operatori di Front Office del centro servizi, e 70 operatori di Back Office negli uffici interni dell ente. BREVE DESCRIZIONE DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO IN CUI LA SOLUZIONE E STATA ADOTTATA (ASSEGNAZIONE DI RUOLI E FUNZIONI) SE NECESSARIO ESTREMI DELL EVENTUALE DOCUMENTO DESCRITTIVO DI ACCOMPAGNAMENTO Gli operatori di Front Office al Contact Center sono in grado di ricevere richieste attraverso i seguenti canali: 1) Telefono 2) 3) SMS 4) FAX Costituiscono il verso Front Office dell amministrazione verso i cittadini. Hanno accesso a tutte le funzionalità disponibili nel sistema: 1) Comune accoglie 2) Comune informa 3) Comune indirizza 4) Comune risolve Gli operatori di Front del Centro Servizi, hanno accesso alla sola funzionalità di Comune Accoglie. Gli operatori degli uffici interni dell ente vengono coinvolti nei processi di risoluzione delle richieste dei cittadini/imprese nel caso in cui gli operatori del front non siano in grado di risolvere in prima battuta la problematica. All interno del sistema viene inoltrata una richiesta (Incident) e viene monitorato lo stato d avanzamento della stessa, in modo che gli operatori del Front, nel caso venissero richiamati dal cittadino/impresa hanno modo di verificare lo stato di avanzamento dell Incident. 19

20 N. DI GIORNATE E TIPOLOGIA DI FORMAZIONE Operatori Front Office del Contact Center: 5 giorni Operatori Front Office del centro servizi: 1 giornata Operatori Back Office: 1 giornata Quelle riportate sono le giornate di training necessarie per ogni singolo operatore; normalmente i training vengono erogati in aula a ridosso della partenza in operativo delle persone coinvolte ed è bene che la singola aula non sia composta da più di 5-6 persone. N. DI GIORNATE PER MANUTENZIONE EVOLUTIVA Per la manutenzione evolutiva del sistema sono da prevedere una ventina di giornate all anno di attività. FORMAZIONE SPECIFICA EROGATA Contenuti della formazione per gli operatori di Front Office: Introduzione al CRM Inserimento nuovo Incident sul sistema Consultazione Knowledge Base Verifica informazioni anagrafiche cittadino Accesso tramite CRM ad applicativi esterni di front office Inoltro di Incident al secondo livello Chiusura e categorizzazione Incident Contenuti della formazione per gli operatori di Back Office: Introduzione al CRM Inserimento nuovo Incident sul sistema Consultazione Knowledge Base di Back Office Team di Supporto Gestione dell assegnazione degli Incident con auto-assegnazione Assegnazione Incident da Power-User Gestione Incident da Funzionalità di comunicazione con il cittadino Re-Inoltro di Incident Chiusura e categorizzazione Incident 20

21 ESISTE UN MANUALE D USO DELLA SOLUZIONE PER GLI ADDETTI? Esistono tre tipologie di manuali: uno tecnico edito dal fornitore della soluzione (Pivotal) Gestione del Contact Center del Comune di Parma in Pivotal, uno metodologico di utilizzo dello strumento edito dal Comune di Parma Linee guida operativo/funzionali del Contact Center ed uno descrittivo e divulgativo del sistema Linee guida per la progettazione di un CRM per gli Enti Locali realizzato all interno del Progetto IQuEL. DISPONIBILITA DI PERSONALE DELL ENTE A FORNIRE ASSISTENZA Il personale dell Ente è disponibile a fornire assistenza agli enti interessati al sistema. LA SOLUZIONE E DI COMPLETA PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE CEDENTE? Tipologia Componente Proprietà Licenze Pivotal CRM La proprietà è del Comune di Parma che non può cederla a terzi Licenze Genesys CTI La proprietà è del Comune di Parma che non può cederla a terzi Software DataWhare house La soluzione è stata sviluppata dalla società It.city ed è proprietà del Comune di Parma 21

22 SEZIONE 4 ASPETTI DI COSTO DELLA SOLUZIONE SOSTENUTI DALL AMMINISTRAZIONE COSTI ESTERNI (FORNITORI + CONSULENZA) PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE La soluzione CRM per il numero di utenti che si è detto precedentemente, 10 operatori di contact center, 40 operatori di front del centro servizi e 70 operatori del back ha avuto le seguenti voci di costo: licenze software Pivotal Business Server + applicazioni + barra telefonica Utenti full (utenti contact center e parte dei back) utenti light (utenti centro servizi e rimanante back) MarketFirst per l automatizzazione di tutta la parte out bound Servzi di consulenza: Pivotal IT.City COSTI INTERNI PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE Categoria # Gg Project Manager 125 Analista senior 10 Personale esperto di informatica 80 Personale amministrativo 60 totale

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL Progetto IQuEL Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze TITOLO Parma, 8 Aprile 2009 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

Il cittadino al centro dell amministrazione

Il cittadino al centro dell amministrazione Il cittadino al centro dell amministrazione L individuazione della sede La sede è stata individuata sulla base delle condizioni logistiche e progettuali dell Ente Parcellizzazione delle sedi presenti sul

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant Agenda Un CRM per la PA Scenari di applicazione Bibliografia e Webliografia 2 Un CRM per

Dettagli

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI Sede amministrativa Via E. Ramarini, 7 00015 Monterotondo Scalo Roma Tel. + 39 06 90.60.181 Fax. + 39 06.90.69.208 info@bucap.it www.bucap.it Sede legale Via Innocenzo XI, 8 00165 Roma Se d SOLUZIONE DI

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

INDICE del documento. Contact Center

INDICE del documento. Contact Center INDICE del documento 1 Descrizione del servizio di... 2 1.1 Obiettivi del... 2 1.2 Servizi del in Fase Transitoria... 2 1.3 Supporti informativi per il... 3 2 Modello Organizzativo del servizio di... 4

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

Processi di Gestione dei contatti

Processi di Gestione dei contatti Processi di Gestione dei contatti Indice 1. Scopo del Documento... 3 2. Definizioni ed Acronimi... 3 3. Modello funzionale e gestione del contatto... 5 3.1. I Motivi di Contatto... 6 3.2. I Processi di

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE dell Unità C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE LA CREAZIONE DELL URP DEL COMUNE DI MODICA 1. Intro L introduzione degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

SIG-FIN UN CRM PER TUTTE LE ESIGENZE

SIG-FIN UN CRM PER TUTTE LE ESIGENZE SIG-FIN UN CRM PER TUTTE LE ESIGENZE SIG-FIN (Sistema Informativo Gestionale Finanziario) è la soluzione di CRM (Customer Relationship Management) sviluppato da Cesaweb per tutte le società Finanziarie

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Marco Gentili Area Governo e Monitoraggio delle Forniture ICT 1 Area Governo e Monitoraggio Forniture ICT Governo

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

NOSTROMO. Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER

NOSTROMO. Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER NOSTROMO Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER CARATTERISTICHE DELLA PIATTAFORMA La piattaforma sarà in grado di assolvere a tutte le funzioni di Call Center essendo in grado di offrire

Dettagli

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1 PARTE I CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DI METTIAMOCI LA FACCIA 2 OBIETTIVI DELL INIZIATIVA

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Un approccio innovativo basato su tecnologie Open Source. White Paper

Un approccio innovativo basato su tecnologie Open Source. White Paper Soluzioni software di CRM "Customer Relationship Management" Gestione delle relazioni con i clienti, delle trattative commerciali e delle iniziative di marketing, Gestione delle attività di supporto post-vendita

Dettagli

Milano. Sportello Reclami. DC Qualità, Servizi al cittadino, Semplificazione e Servizi Civici

Milano. Sportello Reclami. DC Qualità, Servizi al cittadino, Semplificazione e Servizi Civici Sportello Reclami DC Qualità, Servizi al cittadino, Semplificazione e Servizi Civici cosa dicono le Norme SGQ ISO 9001 NORME DELLA SERIE ISO 9000 SISTEMI DI GESTIONE FONDAMENTI E TERMINOLOGIA MIGLIORAMENT

Dettagli

I servizi web e mobile del Cassetto Previdenziale Aziende Interventi innovativi per le Aziende

I servizi web e mobile del Cassetto Previdenziale Aziende Interventi innovativi per le Aziende I servizi web e mobile del Cassetto Previdenziale Aziende Interventi innovativi per le Aziende INPS - Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Settembre 2014 Obiettivi Aumentare l accessibilità

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Progetto IQuEL. Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati 26 Novembre 2008

Progetto IQuEL. Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati 26 Novembre 2008 Progetto IQuEL Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati Parma, TITOLO 26 Novembre 2008 La qualità nel Comune di Firenze Asili nido da oltre dieci anni fanno rilevazioni

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO (Art. 8 c.2 della Legge n 150/00) Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

Contact Center Manuale CC_Contact Center

Contact Center Manuale CC_Contact Center Contact Center Manuale CC_Contact Center Revisione del 05/11/2008 INDICE 1. FUNZIONALITÀ DEL MODULO CONTACT CENTER... 3 1.1 Modalità di interfaccia con il Contact Center... 3 Livelli di servizio... 4 1.2

Dettagli

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l.

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l. Open System s.r.l. P.IVA: 00905040895 C.C.I.A.A.: SR-7255 Sede Legale: 96016 Lentini Via Licata, 16 Sede Operativa: 96013 Carlentini Via Duca degli Abruzzi,51 Tel. 095-7846252 Fax. 095-7846521 e-mail:

Dettagli

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 MANUALE www.logisticity.it Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 INDICE Presentazione... pag. 02 Applicativo... pag. 03 Amministrazione...pag. 06 Licenza...pag.

Dettagli

CentralixCallCenter Descrizione del sistema. Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl.

CentralixCallCenter Descrizione del sistema. Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl. CentralixCallCenter Descrizione del sistema Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl.net 2 Descrizione del sistema Sommario Centralix 4 Introduzione

Dettagli

PAWSN. Wireless social networking

PAWSN. Wireless social networking PAWSN Wireless social networking WI-FI pubblico in sicurezza SFRUTTA LA TUA RETE WI-FI PER OFFRIRE AL PUBBLICO CONNETTIVITÀ E ACCESSO A SERVIZI PROFILATI E CONTESTUALI Non sarebbe bello potere utilizzare

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI 2014 AGENZIA SPAZIALE ITALIANA 23 GENNAIO 2014 STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI 2014 PN-PIF-2014-002, Revisione A Pagina 1 INDICE Premessa 2 1. Standard di Qualità 3 2. Rapporti

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER

www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER SOFTWARE PER LA GESTIONE E P SOFTWARE PER LA due. CRM è lo strumento dedicato alla gestione e pianificazione delle azioni di

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

comunicazione a tutto campo

comunicazione a tutto campo comunicazione a tutto campo Software GESTIONALE PBX Asterisk Introduzione Rubrica Telefonica Condivisa Il crescente bisogno di velocità e snellezza in tutte le operazioni aziendali, compreso l'ambito della

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

24/09/13 Soluzioni di Riuso

24/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO364 MyPortal 2.0 proposta da Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Regione Regione dell'amministrazione: Veneto Ambito/i amministrativo/i

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Oil & Gas Business Application Suite Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Il progetto Il bando Nell

Dettagli

SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Carta di Qualità dei Servizi

SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Carta di Qualità dei Servizi SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE Carta di Qualità dei Servizi Presentazione del servizio 1. Presentazione generale Il SUE (Sportello Unico per l'edilizia) - art. 5 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 Evoluzione del Network di Linea Amica Meno costi per le PA, più efficienza per il cittadino 15 Marzo 2011 OGGI Linea Amica:

Dettagli

26/09/13 Soluzioni di Riuso

26/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO194 SPORVIC_SUE proposta da Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Comune Regione dell'amministrazione: Toscana Ambito/i amministrativo/i

Dettagli

Scheda identificativa

Scheda identificativa Pag. 1 di 7 Scheda identificativa Nome della procedura Civico Sportello Unico al cittadino Responsabilità Redazione Responsabile Sportello polifunzionale Input Richiesta o esigenza di una informazione

Dettagli

23/09/13 Soluzioni di Riuso

23/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO486 BIBLIOTECHE IN RETE proposta da PROVINCIA DI BERGAMO Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Provincia Regione dell'amministrazione:

Dettagli

Sistema ERP Dynamics AX

Sistema ERP Dynamics AX Equitalia S.p.A. Servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate Sistema ERP Dynamics AX Allegato 6 Figure professionali Sommario 1. Caratteri generali... 3 2. Account

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 18-01-2010 Messaggio n. 1715 OGGETTO: Nuovo servizio online per le Aziende e i Consulenti:

Dettagli

elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio

elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio Panoramica LISA Web è il software LIMS di riferimento per i laboratori di analisi Gestio Sviluppato in

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Comune di Parma. La rilevazione della CS tramite emoticon

Comune di Parma. La rilevazione della CS tramite emoticon Comune di Parma La rilevazione della CS tramite emoticon Gli emoticon come strumento per conoscere la soddisfazione dei cittadini Il Comune di Parma ha cominciato ad occuparsi di Customer Satisfaction

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

Archiviazione Documentale

Archiviazione Documentale Archiviazione Documentale Il Progetto OPEN SOURCE tutto Italiano per la Gestione Elettronica della documentazione, firma digitale, conservazione sostitutiva, fatturazione elettronica e protocollo informatico.

Dettagli

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound.

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. Disponibile in versione Standard e Professional Rebacall si pone l obiettivo di gestire ogni tipo di problematica relativa

Dettagli

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 803.001 www.lineaamica.gov.it Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 1 LINEA AMICA Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai cittadini informazioni e assistenza nei rapporti

Dettagli

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità Il nuovo paradigma dei servizi Ing. Giuseppe Lacerenza Roma, 21 maggio 2007 Il nuovo paradigma dei servizi Indice Sogei e il Sistema informativo della

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2014/2015

catalogo corsi di formazione 2014/2015 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

HELP DESK STARTER KIT

HELP DESK STARTER KIT HELP DESK STARTER KIT Centralino VoIP Risponditore automatico (IVR) Gestione servizi Gruppi operatori Barra telefonica Team Leader Statistiche Apertura scheda cliente Gestione ticket Evolvi Livecare Support

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Dynamic 08 Software per la lettura ottica

Dynamic 08 Software per la lettura ottica Dynamic 08 Software per la lettura ottica Dynamic 08 G.Q.S. S.r.l. 2008 All rights reserved G.Q.S. Srl Global Quality Service Via Bernini, 5/7 Corsico (MILANO) Cos è Dynamic 08 Dynamic 08 è un software

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 n. elaborato: 7 CRITICITA' NEI SERVIZI AL CONSUMATORE file: data: agg.: marzo 2014 Acea Ato 2 S.p.A. PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 7 Criticità nei servizi al consumatore

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia

Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Comune Regione dell'amministrazione:

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto Suoni della Memoria Scheda per la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche e organizzative

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

OGGETTO: Convenzione fornitura siti internet

OGGETTO: Convenzione fornitura siti internet Cliente Ordine degli Avvocati di Trento Largo Pigarelli, 1 38100 Trento (TN) OGGETTO: Convenzione fornitura siti internet A seguito della Vostra richiesta ci pregiamo sottoporvi la nostra migliore offerta

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

STATO AVANZAMENTO LAVORI

STATO AVANZAMENTO LAVORI ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) aggregazione di comuni denominata GRANDE MANTOVA ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) AGGREGAZIONE DI COMUNI CITTA DI CURTATONE PORTO MANTOVANO

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

DAL CRM AL CONTROLLO DI GESTIONE. tutto questo e molto di più

DAL CRM AL CONTROLLO DI GESTIONE. tutto questo e molto di più by DAL CRM AL CONTROLLO DI GESTIONE tutto questo e molto di più INDICE INTRODUZIONE PANORAMICA FUNZIONALITÀ I MODULI INFORMAZIONI TECNICHE INTRODUZIONE SYSLab PLANNER+ è la soluzione di gestionale e CRM

Dettagli

CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti

CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti I. Il CRM Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda ed i suoi

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti Premessa Il rapporto tra open source e innovazione è un

Dettagli

1 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 2 PREMESSA...4 3 ARCHITETTURA DELLA APPLICAZIONE...5 4 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...8 5 LA INBOX...9

1 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 2 PREMESSA...4 3 ARCHITETTURA DELLA APPLICAZIONE...5 4 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...8 5 LA INBOX...9 Manuale Utente CRM 1 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 2 PREMESSA...4 3 ARCHITETTURA DELLA APPLICAZIONE...5 3.1 Applicazione... 5 3.2 Gruppo... 5 3.3 Utente... 7 4 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...8 4.1 Apertura dell

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli