modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials) unità 1 unità 2 unità 3 unità 4 unità 5 unità 6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials) unità 1 unità 2 unità 3 unità 4 unità 5 unità 6"

Transcript

1 modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials) unità 1 unità 2 Computer e dispositivi Primi passi con Windows 7: il desktop, le icone, le impostazioni di sistema Gestione dei testi e delle stampe Gestione dei file Le reti Sicurezza e benessere nell uso del computer unità 3 unità 4 unità 5 unità 6 Obiettivi Comprendere i concetti fondamentali relativi all ICT (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione), ai computer, ai dispositivi elettronici e al software Accendere e spegnere un computer Operare efficacemente sul desktop di un computer usando icone e finestre Regolare le principali impostazioni del sistema e usare le funzionalità di Guida in linea Creare un semplice documento e stamparne delle copie Conoscere i principali concetti di gestione dei file ed essere in grado di organizzare efficacemente cartelle e file Comprendere i concetti fondamentali relativi ai supporti di memoria e all uso di software di compressione e di estrazione di file di grandi dimensioni Comprendere i concetti relativi alle reti e alle possibilità di connessione, ed essere in grado di collegarsi a una rete Comprendere l importanza di effettuare copie di backup dei dati e di proteggere i dati e i dispositivi elettronici da malware Comprendere l importanza del «green computing», dell accessibilità e della salvaguardia della salute degli utenti

2 unità 1 Computer e dispositivi 1. L ICT (syllabus 1.1.1, 1.1.2) L acronimo ICT sta per Information and Communication Technologies, cioè Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. In un senso molto generale, si tratta di quell insieme di tecnologie che permettono l elaborazione e lo scambio delle informazioni. Quando navighiamo in Internet, o facciamo una telefonata con il nostro cellulare, o quando produciamo un documento con un applicazione di elaborazione testi, noi facciamo uso di queste tecnologie. Il concetto di ICT inizia a prendere forma a partire dagli anni 60, quando, cioè, informatica e telecomunicazioni iniziano a convergere. Sviluppatisi per lungo tempo indipendentemente l uno dall altro (le telecomunicazioni infatti utilizzavano prevalentemente tecnologie analogiche, mentre l informatica utilizzava tecnologie digitali), questi due settori iniziano presto a interagire e a integrarsi. A partire dagli anni 80, con l avvento del personal computer, inizia la cd. Rivoluzione digitale, che si porta a compimento con la diffusione della telefonia cellulare e la digitalizzazione delle reti telefoniche e di tutti i media di comunicazione (audio, video, testo ecc.). Oggi, l informatica (intesa come insieme di hardware e software) e le telecomunicazioni (intese come insieme di reti telematiche) sono i pilastri su cui si regge la società della comunicazione. Vari esempi di quanto detto fino ad ora possono essere rinvenuti nei diversi modi con i quali compiamo molte delle nostre attività quotidiane: mentre, fino a qualche anno fa, per fare un bonifico bancario o per pagare un utenza dovevamo recarci presso la filiale della nostra banca, oggi possiamo compiere queste azioni con un PC e una connessione Internet (cd. e-banking). Ancora, molti adempimenti amministrativi, che prima ci costringevano a lunghe file presso gli uffici delle pubbliche amministrazioni, oggi sono informatizzati grazie all e-government. Anche l attività didattica ha tratto notevoli benefici dal progresso dell ITC: si pensi alla possibilità di seguire corsi a distanza, di assistere a conferenze on line ecc. (cd. e-learning). 2. L hardware (syllabus 1.2.1) Il termine hardware nasce dalla fusione di due parole inglesi: hard (duro) e ware (oggetto, manufatto). Si tratta dell insieme di tutti i componenti fisici di un computer: le parti meccaniche, magnetiche, ottiche ed elettroniche che permettono al computer di funzionare. Fanno ad esempio parte dell hardware di un computer il case, il monitor, il processore, i cavi di collegamento ecc. 3. Computer e altri dispositivi hardware (syllabus 1.2.1) 3.1 Tipologie di computer Fig. 1 Un personal computer desktop Quando si parla di computer, in realtà si parla di una realtà molto variegata ed estremamente eterogenea. Esistono infatti molti tipi di computer, ognuno realizzato per soddisfare determinate esigenze e rivolto ad un determinato tipo di utenza. Ad esempio una persona che utilizza il computer prevalentemente a casa si doterà di un modello desktop, mentre chi lo utilizza per lavoro ed è spesso in viaggio opterà per un computer portatile o magari un tablet. Il personal computer da tavolo, o desktop PC (figura 1) è il tipo di computer più utilizzato in ambito domestico e nei piccoli uffici, ed ha un costo variabile tra i 500 e i euro, a seconda del tipo di configurazione. 10 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

3 Un altro tipo di computer molto utilizzato è il laptop, o computer portatile (figura 2), che fornisce le medesime prestazioni di un desktop PC a fronte di dimensioni e peso molto più contenuti. Ciò si «paga» in termini di prezzo, più elevato rispetto a quello dei computer da tavolo. I computer portatili sono molto utilizzati in ambito professionale in quanto consentono di lavorare e garantiscono connettività anche in viaggio o lontano dall ufficio. Sono dotati di batterie che li rendono utilizzabili anche se non si ha a disposizione una rete elettrica (in auto, in treno ecc.). Tra i computer portatili rientrano anche i cd. tablet PC (letteralmente, PC tavoletta), che stanno riscuotendo notevole successo negli ultimi anni, soprattutto grazie al Fig. 2 Un computer portatile traino dell ipad di Apple e dei modelli basati su sistema operativo Android (figura 3). Si tratta, nella sua forma «pura», di computer dotati di touch screen: il dialogo tra macchina e utente non avviene con mouse e tastiera come nei PC «tradizionali», ma mediante la pressione delle dita sullo schermo o mediante dei gesti che il computer riconosce e interpreta. Esistono anche tablet «ibridi», che cioè presentano una tastiera nascosta che può essere utilizzata all occorrenza. Per le loro dimensioni ridotte e per il fatto che possono essere usati senza mouse e tastiera i tablet sono molto apprezzati dai professionisti che hanno bisogno di un computer facile da trasportare e da usare (si pensi a chi viaggia molto o chi trascorre le giornate in riunione). Tuttavia, i tablet hanno riscosso un enorme successo anche tra l utenza più giovane, grazie anche al fatto che le strategie di marketing hanno portato i tablet a diventare un oggetto «di moda». 3.2 Altri dispositivi Fig. 3 Un tablet L evoluzione tecnologica degli ultimi anni ha via via ridotto le differenze tra computer e altre tipologie di dispositivi. Fino a pochi anni fa, ad esempio, un computer era un computer e un telefono era un telefono: questi due oggetti svolgevano due compiti completamente differenti e non erano in alcun modo assimilabili tra di loro. Oggi si va verso un integrazione che rende queste rigide differenziazioni decisamente obsolete, a tal punto che vengono coniati nuovi vocaboli che tendono proprio a rimarcare questa integrazione (si pensi ad esempio al neologismo phablet, che è la contrazione di phone e tablet e sta appunto ad indicare un dispositivo che è a metà strada tra un telefono e un tablet). Lo smartphone è l evoluzione del tradizionale telefono cellulare: si tratta di un dispositivo portatile che associa le funzionalità di gestione di dati tipiche di un computer con quelle di un telefono cellulare, sul quale è possibile installare Fig. 4 Uno smartphone programmi che aggiungono nuove funzionalità come, ad esempio, il fotoritocco o la protezione crittografica della conversazione. Tramite uno smartphone è possibile collegarsi in rete con altri dispositivi tramite il protocollo Bluetooth o con Internet via wireless o connessione dati. Inoltre, questi dispositivi montano quasi sempre delle fotocamere digitali che permettono di realizzare foto di ottima qualità. A proposito di fotografie, anche le macchine fotografiche sono state investite in pieno dalla rivoluzione digitale. Dai modelli più economici, fino a quelli professionali che possono costare anche migliaia di euro, la fotocamera digitale è diventata ormai uno standard, e ha praticamente soppiantato la tradizionale macchina fotografica a pellicola in moltissimi casi. I motivi sono davvero tanti: se si sbaglia uno scatto è sufficiente cancellarlo e ripeterlo senza attendere lo sviluppo della pellicola; non si è più dipendenti dal Unità 1 Computer e dispositivi 11

4 numero di pose del rullino, ma dalle dimensioni della scheda di memoria che permette di fare molti più scatti; inoltre, nell era della condivisione delle informazioni e dei social network, la possibilità di rendere pubbliche le proprie foto in tempo reale rende queste apparecchiature molto appetibili soprattutto al pubblico giovane. Infine, tra i dispositivi digitali non possiamo non citare i lettori multimediali (figura 5), cioè quei dispositivi (che possono anche essere non portatili) che permettono di fruire di qualsiasi file contenente media. Un lettore multimediale è quindi in grado di leggere file musicali, ma anche video o immagini (dipende, ovviamente, dal modello). I file multimediali possono essere ospitati su memorie di massa proprie del lettore (si pensi al diffusissimo IPod) o esterne, come nel caso dei lettori DVD in grado di leggere dei dischi contenenti sia file video (mpeg o divx) che audio o immagini. Fig. 5 Un lettore multimediale 4. Il processore (syllabus 1.2.2) La Central Processing Unit, più comunemente chiamata processore o microprocessore, è il vero e proprio «cervello» che sta alla base del funzionamento del computer. La CPU è composta da due elementi fondamentali: l ALU (unità logico-aritmetica), dove avvengono tutti i passaggi dell elaborazione, e la CU (control unit o unità di controllo), che stabilisce la logica con cui devono essere effettuate le singole operazioni dall unità logico-aritmetica. Fig. 6 Un microprocessore Un altro elemento molto importante del processore è la memoria cache. Si tratta di un tipo di memoria particolarmente veloce, che immagazzina i dati in maniera tale da renderli immediatamente disponibili al processore appena quest ultimo li richiede. In questo modo la CPU non deve «attendere» l invio dei dati da parte della RAM, ed il processo di elaborazione diventa più veloce. seguimi Negli ultimi anni si sono affermate le CPU dual o multi core, cioè composte da due o più nuclei di processori fisici. La velocità del processore, infine, è data dal numero di cicli di istruzione al secondo che esso compie. Per comprendere il concetto di ciclo di istruzione, possiamo dire che in ciascun ciclo il processore: preleva l istruzione; la interpreta; la esegue; passa all istruzione successiva. La velocità con cui può essere compiuto un ciclo di istruzioni è determinata dal clock, che possiamo immaginare come un orologio interno che scandisce i tempi del processore: ad esempio, un processore che funziona a 800 Mhz (MegaHertz), può compiere 800 milioni di cicli di istruzione al secondo, così come un processore da 3 Ghz (Gigahertz) è in grado di eseguire 3 miliardi di cicli di istruzione al secondo. 5. Tipi di memoria (syllabus 1.2.2) Nel computer esistono 2 tipi di memorie: la memoria fisica o di sistema; la memoria di massa. La memoria fisica si suddivide in: memoria ROM; memoria RAM. 12 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

5 La sigla ROM sta per Read Only Memory, ovvero memoria di sola lettura. I PC contengono una particolare memoria ROM denominata BIOS ROM. Essa contiene i programmi che servono per far funzionare il computer al momento dell accensione. Questa memoria è particolarmente stabile e non può essere cancellata o manomessa dall utente, in quanto la perdita delle informazioni in essa contenute porterebbe all impossibilità di avviare il computer. La sigla RAM sta invece per Random Access Memory, ovvero memoria ad accesso casuale (figura 7). Il suo nome deriva dalla particolare tecnica con cui si accede alle informazioni in essa contenute. La memoria RAM è la memoria utilizzata per contenere i dati in corso di elaborazione e le istruzioni del programma in esecuzione. Se, per esempio, si sta utilizzando un word processor, o un programma di foto ritocco, il documento o la foto sui quali si sta lavorando sono collocati all interno della RAM e sono trasferiti sul disco solo quando l utente ne richiede espressamente il salvataggio. La memoria RAM è volatile, nel senso che il suo contenuto si cancella al momento dello spegnimento del PC. La quantità di RAM installata influenza la velocità del computer: gli attuali PC contengono una quantità di memoria misurata in Gigabyte. fai attenzione Fig. 7 Due banchi di memoria RAM Espandere la RAM Nei Personal Computer la RAM è normalmente espandibile. È cioè possibile acquistare dei «banchi» o «moduli» di memoria da inserire negli appositi slot presenti nel case. La RAM non ha bisogno di alcuna installazione software, in quanto, una volta aggiunta, è sufficiente avviare il computer affinché essa venga «letta» dal sistema. Così, ad esempio, se il nostro PC dispone di 1 Gigabyte di memoria RAM, potremmo acquistare un ulteriore modulo di memoria da 1 Gigabyte da affiancare a quello esistente, per portare la RAM del nostro PC da 1 a 2 Gigabyte. Se non si è esperti, però è sempre meglio rivolgersi ad un tecnico: esistono diversi tipi di memoria RAM, e dunque corriamo il rischio di acquistarne un tipo non adatto al nostro PC; inoltre, nonostante il processo di alloggiamento sia molto semplice, non dobbiamo mai dimenticare che all interno del PC transita corrente elettrica, e quindi se non si sa bene dove mettere le mani, è sempre meglio non rischiare! Le memorie di massa, invece, sono quelle su cui vengono memorizzati i dati in maniera permanente. Quando ad esempio digitiamo un documento di testo e poi lo salviamo, lo memorizziamo appunto su una memoria di massa. Le memorie di massa possono essere di diverso tipo: hard disk, chiavette USB, nastri magnetici, schede SD, Compact disc, DVD, sono tutte memorie su cui i dati vengono scritti e memorizzati in maniera permanente. In particolare l hard disk (figura 8) è un elemento essenziale per il funzionamento di un computer. Su di esso infatti viene memorizzato il sistema operativo. Esistono hard disk di svariate dimensioni: in linea di massima, i modelli attualmente sul mercato vanno dai 250 gigabyte fino a 3 terabyte e oltre. Un altra caratteristica degli hard disk è la loro velocità di rotazione: si va dai giri Fig. 8 Un hard disk al minuto fino a Maggiore è la velocità e più veloce sarà l accesso ai dati, e quindi migliori saranno le prestazioni del computer. 6. Periferiche 6.1 Periferiche di input (syllabus 1.2.3) Le periferiche di input sono gli strumenti che utilizziamo per immettere dati e impartire comandi al computer: lo facciamo ad esempio digitando con la tastiera o cliccando con il mouse. Vediamo allora quali sono le principali periferiche di input, come possiamo riconoscerle, e a cosa servono. Unità 1 Computer e dispositivi 13

6 Lo strumento principale che utilizziamo per immettere i dati nel computer è la tastiera. Essa presenta diversi gruppi di tasti, che svolgono varie funzioni (figura 9). La parte principale è detta tastiera alfanumerica e Tasti funzionali Tastiera alfanumerica Tasti di editing Tasti cursore Tastierino numerico Fig. 9 La tastiera ed i vari gruppi di tasti che la compongono serve appunto per l immissione di numeri e lettere. Nella parte superiore della tastiera troviamo i tasti funzionali, identificati dalla dicitura «F» seguita da un numero (da 1 a 12). Questi tasti servono per svolgere particolari funzioni che variano a seconda dei programmi (ad esempio, in quasi tutti i programmi la pressione del tasto F1 corrisponde all apertura della guida in linea del programma). I tasti di editing sono di particolare utilità durante l immissione di testi: ad esempio i tasti PagSu e PagGiù permettono di scorrere le pagine di un documento, i tasti Home e End permettono di spostarsi ad inizio o fine riga ecc. Il tastierino numerico è utilizzato per compiere le 4 operazioni fondamentali, ed è organizzato visivamente appunto come la tastiera di una calcolatrice. Infine, i tasti cursore, rappresentati da frecce orientate nelle quattro direzioni, vengono usati per muovere il cursore nell area dello schermo. Sono poi presenti alcuni tasti di notevole importanza (figura 10): Esc BackSpace Tab Barra spaziatrice: serve per inserire spazi bianchi Blocco maiuscolo Invio quando si digita un documento; Ctrl Maiuscolo Maiuscolo Ctrl Alt Alt Gr ALT: è sempre usato in Barra spaziatrice combinazione con un altro tasto per attivare Fig. 10 Alcuni tasti di particolare importanza particolari opzioni; CTRL: analogamente al tasto ALT, è sempre utilizzato in combinazione con un altro tasto per attivare particolari opzioni; ALT GR: viene usato in combinazione con altri tasti della tastiera alfanumerica, o per immettere il terzo carattere di un tasto, quando presente (ad esempio battendo ALT GR + ò si digita il MAIUSC: mantenendo premuto questo tasto e battendo un carattere, questo viene immesso in maiuscolo; se si batte un tasto non corrispondente ad un carattere, viene immesso il simbolo presente nella parte superiore del tasto (ad esempio, se si batte il tasto della virgola tenendo premuto il tasto MAIUSC, verrà digitato il punto e virgola («;»); BLOC MAIUSC: blocca le maiuscole, cioè, se premuto, le lettere verranno digitate tutte in maiuscolo. Ciò non vale per i simboli: se si batte il tasto della virgola quando è attivo il tasto BLOC MAIUSC, verrà comunque digitata la virgola, e non il punto e virgola. L attivazione del tasto viene di solito segnalata da una spia luminosa presente sulla parte destra della tastiera. Per disattivare il tasto BLOC MAIUSC premerlo nuovamente; TAB: genera uno spazio di lunghezza prefissata (tabulazione); ESC: è utilizzato in genere per annullare l ultima operazione effettuata; BACKSPACE: serve a cancellare il carattere presente a sinistra del cursore quando si digita un testo; INVIO: serve per andare a capo quando si digita un testo, oppure, più in generale, per confermare l immissione dei dati. Il mouse (figura 11) è un dispositivo di input che si è affermato grazie ai sistemi operativi ed ai programmi ad interfaccia grafica. Prima del loro avvento, infatti, i comandi erano impartiti esclusivamente mediante la tastiera (figura 12). Con le interfacce grafiche, invece, i comandi vengono impartiti mediante una freccetta (puntatore) che viene spostata sullo schermo appunto mediante il mouse. 14 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

7 Fig. 11 Un mouse Fig. 12 Un esempio di interfaccia testuale Le operazioni che si possono compiere con il mouse sono le seguenti: spostamento: consiste nel muovere il mouse su una superficie (si usano di solito degli appositi tappetini chiamati «mouse pad») in modo da spostare il puntatore sullo schermo; trascinamento: è utilizzato per spostare gli oggetti (ad esempio, le icone). Consiste nel cliccare su un oggetto e, senza rilasciare il tasto sinistro del mouse, spostare quest ultimo fino alla posizione voluta. In questo modo, l oggetto sul quale si è cliccato resta «agganciato» al puntatore, e viene «sganciato» solo quando si rilascia il tasto del mouse; clic: è la pressione di un tasto del mouse che avviene mentre il mouse è fermo. Di solito si utilizza il tasto sinistro del mouse per selezionare un oggetto, mentre il clic con il tasto destro spesso viene utilizzato per aprire i menu contestuali; doppio clic: è la rapida successione di due clic (di solito con il tasto sinistro del mouse) per attivare determinate funzioni (ad esempio per lanciare un programma o aprire un documento). Esistono mouse dei generi più svariati. La maggior parte di essi presenta due tasti e, al centro, una rotellina che può avere le più svariate funzioni: zoom, scorrimento di un documento ecc. Attualmente sono in commercio anche mouse senza fili, che utilizzano un sensore a distanza e sono alimentati a batterie, e mouse ottici, che sfruttano per il movimento del cursore un raggio luminoso invece della solita pallina visibile nella parte inferiore dei mouse tradizionali. Sono molto affidabili, hanno una durata maggiore (in quanto non ci sono parti meccaniche sottoposte ad usura) ma sono anche più costosi dei mouse tradizionali. Vi sono poi dei dispositivi che «nascono» concettualmente dal mouse, ma che sono diversi sotto alcuni punti di vista. Ad esempio la trackball può essere immaginata come una sorta di mouse fisso: il movimento del puntatore è gestito tramite una pallina presente sulla parte superiore del dispositivo. In pratica, puoi pensare alla trackball come se fosse un mouse «al contrario»: mentre nei normali mouse il movimento del dispositivo gestisce la rotazione della pallina, nella trackball il dispositivo è fisso, e la pallina viene mossa con un dito. Ancora più evoluto è il touchpad. Questo dispositivo viene molto utilizzato nei computer portatili, che necessitano di concentrare il maggior numero di funzioni nel minor spazio possibile. Il touchpad è un «tappetino» sul quale si muove un dito con una leggerissima pressione per gestire il movimento del puntatore: in pratica ad un movimento del dito in una determinata direzione corrisponde un analogo movimento del Fig. 14 Una webcam Fig. 13 Uno scanner puntatore. I clic sono gestiti o tramite pulsanti posti vicino al tappetino, o anche con pressioni più forti sul tappetino stesso. Oltre al mouse e alla tastiera, che sono indispensabili per utilizzare un PC, esiste una vasta gamma di periferiche per l immissione dei dati. Analizziamo le principali. Lo scanner (figura 13) è un dispositivo che serve per la digitalizzazione di immagini e per l acquisizione di testi. Per quanto riguarda in particolare i testi scritti, esistono particolari programmi (chiamati OCR) che permettono al computer di «interpretare» il testo acquisito e di renderlo leggibile e modificabile con i normali programmi di videoscrittura. Una webcam (figura 14) è una telecamera che, a differenza di una telecamera tradizionale, non permette di registrare video ma si limita a trasmettere semplicemen- Unità 1 Computer e dispositivi 15

8 te le immagini riprese, in forma digitale, attraverso una interfaccia USB. La webcam è molto utilizzata insieme ai programmi di instant messaging o di telefonia via IP per realizzare delle vere e proprie videoconferenze. Le webcam possono essere utilizzate anche per trasmettere immagini dal vivo da particolari posti del mondo. seguimi Una webcam non è da sola in grado di registrare un video ma può solo trasmetterlo. Però la registrazione di video ripresi da una webcam può essere realizzata con dei programmi specifici che spesso sono forniti in dotazione alla stessa webcam. Il microfono è una periferica di input mediante la quale è possibile utilizzare la propria voce per dare degli input al computer. Questi ultimi possono essere di vario genere: ad esempio, esistono software di riconoscimento vocale che permettono di «dettare» del testo ad un programma di videoscrittura, o altri che consentono addirittura di impartire comandi al PC. Attualmente, è possibile utilizzare il microfono (munito di cuffie) anche per la comunicazione vocale a distanza via Internet, come se fosse una comune cornetta del telefono. Il microfono, come la webcam, può essere incorporato nei portatili. 6.2 Periferiche di output (syllabus 1.2.3) Una volta immessi i dati in un computer tramite le periferiche di input, essi vengono elaborati e restituiti all utente mediante le periferiche di output. La periferica di output principale, nel senso che è essenziale al funzionamento del computer, è lo schermo, o monitor (figure 15 e 16) che ha l aspetto di un televisore e serve a visualizzare sia i dati che vengono inviati al computer mediante la tastiera, sia i dati elaborati dal PC. I monitor si differenziano in base alla dimensione, espressa in pollici (la dimensione si riferisce alla misura della diagonale dello schermo), alla nitidezza delle immagini e al numero di colori che è possibile visualizzare. Fig. 16 Un monitor LCD Fig. 18 Una stampante Per far «colloquiare» il monitor con il PC, è necessario Fig. 15 Un monitor CRT che quest ultimo sia dotato di un dispositivo chiamato scheda video (figura 17) le cui caratteristiche siano compatibili con il monitor. Un altra periferica di output che, seppur non essenziale per il funzionamento del computer, è ormai di uso comune, è la stampante (figura 18). Essa serve per stampare su carta i risultati di un elaborazione: un documento scritto, un immagine digitalizzata, un grafico ecc. Esiste una grande varietà di stampanti in grado di soddisfare ogni esigenza: ve ne sono alcune in grado di stampare solo Fig. 17 Una scheda video testo, altre che possono stampare anche le immagini ma solo in bianco e nero, ed altre ancora che possono stampare a colori con qualità fotografica. Le stampanti attualmente più diffuse sono: a getto d inchiostro: sono dotate di appositi contenitori che contengono l inchiostro che viene spruzzato sulla carta; laser: si basano appunto sulla tecnologia laser, sono in genere abbastanza costose ma forniscono risultati eccellenti e sono molto più veloci di quelle a getto d inchiostro. I moderni PC sono ormai tutti dotati di scheda audio, cioè di un dispositivo in grado di trasformare i bit in suoni. I suoni vengono dunque riprodotti dal PC e possono essere ascoltati tramite cuffie o altoparlanti, che 16 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

9 vengono collegati agli appositi connettori posti sulla parte visibile della scheda audio. Sia le cuffie che gli altoparlanti sono periferiche di output, in quanto restituiscono il risultato dell elaborazione sotto forma di suoni. Nei computer più recenti, la scheda audio è ormai integrata nella scheda madre. Per completare il discorso sulle periferiche non possiamo non citare una piattaforma che negli ultimi anni sta riscuotendo grande apprezzamento: la docking station, alla quale è possibile collegare un computer portatile per «trasformarlo» in un vero e proprio computer da scrivania. Le docking station contengono slot per schede di espansione, connettori per hard disk esterni e per altre periferiche quali monitor, stampanti, mouse, tastiera ecc. Inoltre, con la diffusione di tablet e smartphone, sono state di recente commercializzate docking station studiate appositamente per alloggiare questi dispositivi, permettendo in tal modo di integrare la comodità di un dispositivo portatile con la funzionalità di un computer da scrivania. 7. Porte di comunicazione (syllabus 1.2.4) Come abbiamo accennato in precedenza, diversi dispostivi possono essere collegati al computer a seconda delle esigenze dell utente; si può ad esempio collegare una stampante, un hard disk portatile, una webcam o un microfono, uno smartpohne o un palmare. Alcuni collegamenti possono essere anche wireless, cioè che non necessitano dell ausilio di alcun cavo. Il collegamento al computer dei diversi dispostivi avviene tramite le porte di input/output che sono spesso integrate nella scheda madre del computer e sono visibili all esterno. Queste porte possono essere paragonate a delle prese in cui deve essere inserito uno spinotto collegato ad un cavo. La porta parallela, a 25 pin, era tradizionalmente utilizzata per collegare la stampante al computer. Nella comunicazione parallela i dati sono trasferiti Fig. 19 Porte USB un byte alla volta e i bit viaggiano su fili diversi dal computer al dispositivo collegato. Nel caso della porta parallela i bit viaggiano su otto fili diversi. seguimi In una trasmissione attraverso una porta seriale i bit sono trasferiti uno di seguito all altro e giungono al dispositivo che li riceve nello stesso ordine in cui sono inviati. La porta seriale a 9 pin permetteva, invece, di trasferire i dati in entrambe le direzioni, dal computer al dispositivo esterno; i dati sono trasmessi sullo stesso filo, un bit alla volta. La porta USB (Universal Serial Bus) è una porta seriale che ha ormai soppiantato sia la porta parallela che quella a 9 pin ed è, infatti, utilizzata per collegare quasi tutti i dispositivi esterni al computer quali modem analogici, mouse, memorie di massa esterne, webcam, stampanti. Tramite la porta USB è possibile collegare, anche in cascata, 127 dispositivi diversi ed è anche possibile collegare «a caldo» il dispositivo, ossia senza che sia necessario spegnere il computer perché il sistema lo riconosca. Un altra peculiarità dell USB è che è in grado di alimentare direttamente il dispositivo a cui è collegato; quest ultimo, quindi, può non aver più bisogno di una alimentazione elettrica a parte. La porta USB è diventata talmente importante e diffusa che i costruttori di computer fanno di tutto per inserirne quante più possibile. La FireWire è un altra interfaccia seriale di proprietà della Apple Computer utilizzata per connettere dispostivi che comunicano tramite il protocollo FireWire. È molto utilizzata per collegare videocamere digitali e, come l USB, permette il collegamento a caldo del dispositivo ed è in grado di alimentarlo autonomamente. La porta HDMI (High-Definition Multimedia Interface) è un interfaccia completamente digitale che può inviare contemporaneamente segnali audio e video. Proprio per questo motivo, oltre ai computer, anche i televisori di ultima generazione alloggiano una o più porte HDMI, per permettere il collegamento dei dispositivi che supportino l alta definizione (decoder, ricevitori satellitari, lettori blu-ray ecc.). Anche l interfaccia USB, d altro canto, non è più «esclusiva» dei computer: ad esempio, già da molti anni ormai le TV alloggiano una o più porte USB per permettere il collegamento con dispositivi esterni (hard disk, chiavette, lettori multimediali ecc.). Unità 1 Computer e dispositivi 17

10 La porta di rete, infine, consente di collegare il computer ad un dispositivo di rete (un hub di rete, uno switch, un router) o ad un altro computer. Prima della diffusione della comunicazione wireless la porta di rete è stata fondamentale per creare comunicazioni con dispositivi di rete esterni. 8. Il software (syllabus 1.3.1) Il computer, per funzionare, ha bisogno di istruzioni, di qualcosa che gli dica cosa fare e come farlo. Questo «qualcosa» è il software, che è appunto l insieme dei programmi che servono a far funzionare un computer. Dunque, il software permette all hardware di funzionare, ed in questo modo il computer può svolgere la sua funzione, che è quella di elaborare le informazioni. In maniera molto elementare, possiamo dire che un computer funziona nel seguente modo (figura 20): l utente immette le informazioni nel computer (input); questo le elabora e restituisce il risultato dell elaborazione all utente (output). Per fare un esempio banale, l utente potrebbe inserire le seguenti informazioni: =? Il computer elabora le informazioni, e restituisce il risultato, ovvero 4. Fig. 20 Schema di funzionamento di un computer Il software può essere suddiviso in due grandi categorie: software necessario per l avvio ed il funzionamento del computer (sistema operativo e programmi di utilità con esso forniti) che prende il nome di software di sistema; software installato dall utente per le proprie specifiche esigenze (ad esempio un programma di videoscrittura, un programma di computer grafica ecc.) che viene anche chiamato software applicativo. Negli ultimi anni il panorama software sta radicalmente mutando. Mentre, infatti, tradizionalmente il software era sempre collegato ad un determinato computer, nel senso che si acquistava la licenza e si installava il programma sul computer locale, attualmente si sta affermando sempre più il cloud computing, un insieme di tecnologie che permettono all utente di memorizzare, archiviare ed elaborare dati grazie all utilizzo di risorse hardware/software distribuite in rete in un architettura tipica client-server. In altri termini, sempre più spesso non si utilizzano programmi installati sul proprio computer ma software presenti in rete. Gli esempi sono tantissimi: si pensi, ad esempio, a Google Docs, che permette la realizzazione e l archiviazione di documenti di testo, fogli elettronici e presentazioni completamente online. Anche la gestione della posta elettronica è ormai delegata ad applicazioni online: Google Mail e Microsoft Outlook, ad esempio, sono due tra le applicazioni più usate che permettono una completa gestione della posta elettronica senza che nulla debba essere installato sul computer locale. 9. Sistemi operativi (syllabus 1.3.2) Il sistema operativo è un insieme di programmi che, da un lato, gestisce l elaborazione dei dati e «coordina» il funzionamento del computer e, dall altro, permette all utente di interagire con la macchina e di impartire i comandi. Dunque il sistema operativo è un software essenziale, in quanto senza di esso un computer non può funzionare. Al momento dell accensione del computer, il nucleo del sistema operativo cioè quello che svolge le funzioni «vitali» viene caricato mediante un processo automatico chiamato «bootstrap». Gli altri elementi del sistema operativo, quali i programmi di utilità o altre funzioni vengono poi richiamati o caricati a seconda delle esigenze. Esistono diversi tipi di sistemi operativi. Il più diffuso è sicuramente Windows, ma ne esistono altri altrettanto validi. Ad esempio, il sistema operativo Linux è caratterizzato da un altissima affidabilità ed anche dal fatto di essere gratuito. Inoltre, esso è open source, cioè il codice da cui è costituito è «aperto» e liberamente modificabile da chi abbia la capacità per farlo. Appunto per questo motivo, esistono molte versioni di Linux. seguimi La GUI Parlando di sistemi operativi, non possiamo fare a meno di descrivere brevemente l evoluzione che ha portato dai sistemi a riga di comando a quelli a interfaccia grafica (Graphic User Interface o GUI). Il DOS, ovvero il più antico sistema operativo per PC, era del primo tipo, ed i comandi venivano materialmente digitati dall utente che, quindi, doveva conoscere la particolare sintassi 18 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

11 utilizzata dal sistema. Per questo motivo utilizzare il DOS era consentito solo a chi conoscesse il linguaggio del sistema, per riuscire a comunicare con esso. Ad esempio, il comando COPY permetteva di copiare dei file, il comando MD permetteva di creare nuove directory (cioè quelle che oggi siamo abituati a chiamare «cartelle»). Il primo sistema ad interfaccia grafica è stato il MacOS, prodotto dalla Apple, ed ha causato una vera e propria rivoluzione: non era più necessario conoscere la sintassi del sistema, in quanto i comandi potevano essere impartiti agendo su elementi grafici presenti sullo schermo (icone, pulsanti ecc.). Questo sistema è stato poi ripreso dalla Microsoft che lo ha utilizzato per il Windows, che è attualmente il sistema operativo a interfaccia grafica più diffuso. Il Linux, dal canto suo, è stato per anni un sistema prevalentemente a riga di comando e per questo, nonostante la sua altissima affidabilità, costituiva un sistema di nicchia, utilizzato prevalentemente da esperti informatici. Negli ultimi anni, tuttavia, nel tentativo di diffondere maggiormente questo sistema operativo sono state create delle interfacce grafiche per renderne più semplice ed intuitivo l utilizzo. Con la diffusione sempre maggiore di dispositivi portatili quali tablet e smartphone, le case produttrici di software si stanno spingendo sempre più verso la realizzazione di sistemi operativi orientati specificamente verso questo tipo di hardware. È il caso ad esempio di Android e di Windows Mobile di Microsoft. 10. Software applicativo (syllabus 1.3.3) I software applicativi sono quelli che vengono comunemente denominati «programmi», e vengono utilizzati dagli utenti per soddisfare precise esigenze: uno scrittore utilizzerà un software di videoscrittura, un grafico utilizzerà un programma di disegno ecc. Di programmi ne esistono tantissimi e per ogni esigenza di lavoro o di svago, ma vi sono alcune tipologie di software che sono sicuramente tra le più utilizzate. Tra questi tipi ricordiamo: i programmi di videoscrittura, chiamati anche word processor, che permettono di utilizzare il computer come una macchina da scrivere molto avanzata, e in più permettono di modificare e correggere il testo molto rapidamente. Il programma di videoscrittura più diffuso è sicuramente Microsoft Word; i programmi di foglio elettronico, che permettono di automatizzare calcoli anche molto complessi mediante l utilizzo di formule e funzioni, nonché di realizzare e gestire grafici statistici. Il più utilizzato è Microsoft Excel; i programmi di archiviazione dati o database, molto utili per la gestione di grandi archivi ma spesso utilizzati anche in ambito domestico (ad esempio per catalogare grosse collezioni di dischi o libri). Tra i molti database in commercio ricordiamo Microsoft Access; i browser Web, cioè tutti quei programmi che permettono di visualizzare pagine Web durante la navigazione in Internet. Tra questi programmi ricordiamo Internet Explorer, FireFox, Opera; i programmi di elaborazione immagini, come Photoshop e Gimp, sono applicativi utilizzati per gestire le immagini digitali (si pensi ad una foto realizzata tramite una macchina fotografica digitale o, ancora, ad una un immagine acquisita tramite scanner). Il programma di elaborazione immagini opera a livello di pixel modificandoli anche singolarmente. Attraverso un qualsiasi programma di elaborazione immagini possono compiersi operazioni molto complesse su immagini o su foto; possono modificarsi i colori, aggiungere elementi o effetti; i software di presentazione, come Power Point, sono utilizzati per creare delle presentazioni composte di diapositive (le cd. slide) che possono essere sia mostrate a video che, ad esempio, proiettate su uno schermo esterno al computer. Le diapositive possono contenere elementi multimediali anche molto complessi (testo, suoni, immagini, effetti sonori) e i testi, le immagini e le singole transizioni tra una diapositiva e l altra possono essere animati da effetti. Va sottolineata l esistenza dei cosiddetti pacchetti o suite, cioè gruppi di programmi per l uso domestico o per l ufficio venduti tutti insieme. Ad esempio, il pacchetto Microsoft Office comprende Word, Excel, Access e Power Point. Abbiamo accennato in precedenza al fatto che sempre più spesso le applicazioni non risiedono più sui computer locali ma sono offerte sotto forma di risorse distribuite in rete. È il caso, ad esempio, dei programmi per la gestione della posta elettronica o di alcune suite di office automation. Le piattaforme software online che però più hanno riscosso successo negli ultimi anni sono sicuramente quelle relative ai social network o reti sociali, che permettono la comunicazione tra utenti che condividono determinati interessi. Il «re» indiscusso dei social network è sicuramente Facebook, che può appunto essere utilizzato direttamente online, dunque senza installare nulla sul computer locale, o mediante un applicazione che può essere scaricata e installata gratuitamente sui dispositivi mobili. A questo proposito, va sottolineato che, così come già visto per i sistemi operativi, anche il campo del software applicativo si sta spingendo sempre più verso il pano- Unità 1 Computer e dispositivi 19

12 rama «mobile». Migliaia di cd. app, infatti, sono a disposizione gratuitamente o a pagamento su piattaforme quali Play store di Google o Apple store per essere scaricate e installate sugli smartphone o sui tablet. 11. L EULA (syllabus 1.3.4) Quando si acquista un software (ma anche, spesso, quando si installa un programma gratuito), l utente sottoscrive una licenza d uso. In realtà, nel linguaggio comune si dice «acquistare un programma» ma ciò che si acquista non è la proprietà del software, ma appunto la licenza di installarlo sul proprio computer e di utilizzarlo. Per questo motivo, ad esempio, quando acquistiamo una licenza software non siamo liberi di installare il relativo programma su quante macchine vogliamo, né di copiarlo e distribuirlo (a meno che ciò non sia previsto dal contratto di licenza). La licenza d uso viene, nel linguaggio anglosassone, chiamata EULA, acronimo che sta per End User Licence Agreement, cioè appunto licenza d uso con l utente finale. La EULA in generale comprende la concessione di licenza, le limitazioni d uso, la limitazione di garanzia, la limitazione di responsabilità e le restrizioni all esportazione. Il contratto è presentato all utente o in forma di foglio all interno della confezione con cui il programma è distribuito, o in forma elettronica durante le fasi di installazione del programma. In quest ultimo caso l accettazione avviene cliccando sul relativo pulsante, a cui segue l installazione del programma. La non accettazione implica l impossibilità di installare il programma. 12. Le licenze software (syllabus 1.3.5) Come abbiamo accennato in precedenza, affinché l utente sia chiamato ad accettare una licenza d uso non è detto che questa debba essere a pagamento. Esistono infatti anche licenze che non prevedono il pagamento di un corrispettivo in denaro, ma il rispetto di determinate regole inserite appunto nella licenza. Esaminiamo a questo punto i principali tipi di licenze comunemente utilizzati nella distribuzione del software. Innanzitutto possiamo suddividere le licenze in due macrocategorie: licenze per il software proprietario (closed source); licenze per il software libero (open source). Rientrano nel primo tipo, oltre a quelle che implicano direttamente un pagamento a fronte della concessione della licenza, anche le licenze trial (o versioni di prova), le licenze shareware e quelle freeware. La versione di prova prevede che l utente provi appunto il programma per un determinato periodo di tempo, scaduto il quale il software smette di funzionare. Se si desidera continuare ad utilizzare l applicazione, bisognerà pagare un corrispettivo dopodiché, tipicamente, verrà inviato un numero seriale che permetterà di «sbloccare» il programma che riprenderà a funzionare correttamente ed a tempo indeterminato. Nel caso di licenza shareware, di solito è permesso all utente di copiare e diffondere il programma che, in linea di massima, è dotato di funzionalità ridotte rispetto alla versione completa. Pagando una determinata cifra, è possibile sbloccare le funzioni inibite. Alcuni produttori utilizzano questo tipo di licenza in quanto la libera copia e diffusione permette al programma di essere conosciuto da grandi quantità di utenti: per chi non può spendere soldi in pubblicità, questo è l unico modo per riuscire a restare sul mercato senza scomparire sotto il peso delle grandi multinazionali che possono permettersi di investire ingenti capitali in pubblicità. Del resto, ci sono molti esempi di software anche di grande successo distribuiti sotto licenza shareware (si pensi ad esempio a WinZip, che è stato a lungo il programma più usato per gestire la compressione dei file). Le licenze freeware mettono a disposizione dell utente programmi completi senza che sia previsto alcun corrispettivo. Si tratta di solito di programmi realizzati da amatori che vogliono condividere con altri le proprie creazioni, senza volerne trarre profitti economici, o per far pubblicità alle proprie doti di programmatori. Le licenze open source, ispirate alla filosofia del software libero, permettono a chiunque di utilizzare i programmi senza limitazione incoraggiando al tempo stesso lo studio del funzionamento, le eventuali modifiche e la distribuzione tramite la duplicazione. Il sistema operativo Linux è uno degli esempi più fulgidi di software open source, ma esistono anche casi più recenti e di grande successo: uno su tutti, il sistema operativo Android, diventato ormai uno standard per i dispositivi mobili (e basato sul kernel cioè sul «nucleo» Linux). Ma non sono solo i sistemi operativi a basarsi su licenze open source: anche tanti applicativi molto utilizzati sono basati su questo tipo di licenza (si pensi ad esempio al famosissimo browser Firefox, o alla suite di programmi di office automation OpenOffice). 20 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

13 13. Iniziamo ad usare il computer Password (1.4.1, 1.4.2) Avviare il computer è una procedura molto semplice: è sufficiente premere il pulsante di accensione posto sul case, e la procedura di accensione si avvia automaticamente senza che l utente debba fare alcunché. In realtà però, dal punto di vista del computer, quella dell accensione è una fase importantissima e cruciale. In questa fase (detta di bootstrap) viene effettuato il controllo della configurazione del sistema e dell hardware installato, dopodiché viene caricato il sistema operativo vero e proprio. Al termine di questa fase viene visualizzata la scrivania (o desktop) e l utente può finalmente iniziare a utilizzare la macchina. Windows 7 è un sistema multiutente, cioè è strutturato in modo da poter essere utilizzato da più persone, ciascuna con una propria configurazione, una propria cartella personale ecc. Per tale motivo è opportuno proteggere il proprio account per evitare modifiche indesiderate alle proprie impostazioni. Per mantenere al sicuro i propri dati, quindi, è consigliabile proteggere l accesso alla propria utenza mediante una password. La voce Pannello di controllo Cliccare sul pulsante di Avvio, quindi sulla voce Pannello di controllo (figura 21). Nel Pannello di controllo, cliccare sulla voce Account utente e protezione famiglia (figura 22), quindi su Account utente per accedere alla finestra di modifica dell account (figura 23). Fig. 21 La voce Pannello di controllo del menu di Avvio Fig. 22 L icona Account utente e protezione famiglia nel Pannello di controllo Cliccare qui per creare una password Fig. 23 La finestra per la gestione degli account Cliccare sull account da modificare, quindi cliccare su Crea una password per l account. La finestra che si apre (figura 24) permette la gestione della password per l utenza desiderata. Digitare la password (facendo attenzione all uso delle maiuscole/minuscole, dato che si tratta di password case sensitive, cioè «sensibili» all utilizzo delle lettere maiuscole o minuscole), digitarla nuovamente nella casella Unità 1 Computer e dispositivi 21

14 di conferma, ed eventualmente digitare un suggerimento che aiuti a ricordarla, quindi cliccare sul pulsante Crea password per completare la procedura. A questo punto, ogniqualvolta si avvierà il computer, verrà richiesta la password al termine della fase di bootstrap (figura 25). Digitare la password Confermare la password Digitare, se lo si desidera, un suggerimento che aiuti a ricordare la password Fig. 24 La finestra per la gestione della password Il pulsante Crea password Fig. 25 L avvio di Windows con richiesta di password fai attenzione Se si utilizza il suggerimento della password, questo sarà visibile a tutti gli utenti, quindi è un opzione da utilizzare con molta attenzione in quanto potrebbe compromettere la sicurezza del proprio account. È interessante notare come, dalla finestra di gestione degli account del Pannello di controllo, sia possibile creare molteplici account. Ciò è utile, come abbiamo accennato in precedenza, quando uno stesso computer è utilizzato da più persone. Infatti, ciascun utente potrà personalizzare il proprio account e, soprattutto, avere una password personale che gli permetterà di tenere al sicuro i propri dati rispetto agli altri utenti. Si faccia attenzione al fatto che, per creare e modificare gli account, bisogna disporre dei permessi come amministratore. Per spegnere il PC cliccare sul pulsante di Avvio e selezionare Arresta il sistema (figura 26). 22 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

15 Fig. 26 Arrestare il sistema Il pulsante Arresta il sistema Per riavviare il sistema, invece, cliccare sulla freccia a destra della voce Arresta il sistema e selezionare Riavvia il sistema (figura 27). I casi in cui può essere necessario riavviare il computer sono svariati: applicazioni che non rispondono, installazione di software che richiedono il riavvio del PC per poter funzionare correttamente, installazione di aggiornamenti del sistema ecc. In entrambi i casi è necessario assicurarsi che non ci siano applicazioni aperte, onde evitare eventuali perdite di dati. Fig. 27 Riavviare il sistema seguimi È possibile personalizzare la voce che appare di default quando si clicca sul pulsante di Avvio. La procedura è la seguente: cliccare sul pulsante di Avvio; cliccare con il tasto destro del mouse sulla parte destra del menu di Avvio e selezionare il comando Proprietà; nella finestra che si apre (Proprietà della barra delle applicazioni e del menu Start) aprire il menu a tendina Azione del pulsante di alimentazione e selezionare la voce desiderata (figura 28). Fig. 28 Modificare le impostazioni di default del pulsante di alimentazione Unità 1 Computer e dispositivi 23

16 Verifiche ed esercizi unità 1 domande vero/falso Per ciascuna delle seguenti affermazioni, indicare se è vera o falsa v f 1) ICT è l acronimo di Information and Communication Technologies 2) Il laptop è una postazione fissa, c.d. computer da tavolo 3) Nel processore, la velocità con cui può essere compiuto un ciclo di istruzioni è determinata dal clock 4) RAM e ROM sono due tipi di memoria di massa 5) La memoria dell hard disk è volatile, nel senso che essa viene cancellata quando spegniamo il computer 6) La tastiera è una periferica di input 7) Gli altoparlanti sono periferiche di input 8) La porta USB è un tipo di porta parallela 9) Le licenze shareware normalmente vietano la copia e la distribuzione del software 10) Il bootstrap è la fase di avvio del computer domande a risposta multipla Per ciascuna delle seguenti domande indicare la risposta scegliendo una fra quelle proposte 1) La RAM è: a) Una memoria di massa b) Una memoria volatile c) Un supporto per la memorizzazione dei dati 2) Quale, tra i seguenti fattori, non influisce sulle prestazioni di un computer? a) La quantità di RAM b) La velocità della CPU c) La grandezza del case 3) Quando spegniamo il PC, il contenuto della RAM: a) Viene cancellato b) Viene trasferito nell hard disk c) Rimane nella memoria RAM 4) Un hard disk è: a) Un tipo di memoria di massa b) Un tipo di memoria RAM c) Un tipo di memoria ROM 24 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

17 5) La tastiera alfanumerica è: a) Un particolare tipo di tastiera per scrivere caratteri greci b) Una tastiera che permette di inserire lettere e numeri c) Una tastiera che permette di inserire numeri e compiere le operazioni aritmetiche fondamentali 6) Le chiavette USB servono a: a) Memorizzare dati b) Proteggere dati c) Interpretare dati 7) PowerPoint è: a) Un software per navigare in Internet b) Un software per la gestione della posta elettronica c) Un software per creare presentazioni elettroniche 8) Quando si acquista un software, l acquirente: a) Diventa proprietario del software b) Diventa titolare di una licenza d uso del software c) Diventa titolare di un diritto di usufrutto sul software 9) Linux è: a) Un software applicativo b) Un sistema operativo c) Un programma di riconoscimento vocale 10) HDMI è: a) Una porta di comunicazione b) Un sistema operativo open source c) Un tipo di memoria di massa domande a risposta libera Per ciascuna delle seguenti domande, fornire una risposta sintetica 1) Fornisci una definizione di hardware, facendo alcuni esempi. 2) Fornisci una definizione di smartphone. 3) Quali tipi di computer conosci? Quali sono gli impieghi tipici di ciascuno? Unità 1 Computer e dispositivi 25

18 4) Cosa è la RAM? Quali sono le sue caratteristiche? 5) Descrivi i più diffusi dispositivi portatili. 6) Fornisci una definizione di ICT. 7) Cosa è l EULA? 8) Spiega cosa è una memoria di massa e a cosa serve. Fornisci alcuni esempi di memorie di massa. 9) Elenca le principali periferiche di input e di output e spiega a cosa servono. 10) Definisci i principali tipi di licenze software. 26 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

unità didattica 2 Concetti generali seguimi prerequisiti Nessuna conoscenza particolare

unità didattica 2 Concetti generali seguimi prerequisiti Nessuna conoscenza particolare unità didattica 2 Concetti generali prerequisiti Nessuna conoscenza particolare obiettivi Saper distinguere tra classi di computer Saper identificare le parti che compongono un computer Conoscere i fattori

Dettagli

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE INFORMATICA DI BASE CHE COSA È UN COMPUTER Un computer è un elaboratore elettronico, cioè una macchina elettronica programmabile in grado di eseguire automaticamente operazioni logico-aritmetiche sui dati

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base del computer

Modulo 1 Concetti di base del computer Modulo 1 Concetti di base del computer Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali per l uso dei dispositivi elettronici, la creazione e la gestione dei file, le reti e la sicurezza

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY

INFORMATION TECNOLOGY PROGETTAZIONE CLASSI PRIMA A E B CONCETTI DI BASE INFORMATION TECNOLOGY SIGNIFICATO DI INFORMATION TECNOLOGY il sistema informatico La classificazione dei computer in base all uso Principali componenti

Dettagli

Born T Develop. VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com

Born T Develop. VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com Born T Develop VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com ARGOMENTI TRATTATI Hardware Comprendere il termine hardware Comprendere cosa è un personal computer

Dettagli

DISPOSITIVI DI INPUT

DISPOSITIVI DI INPUT LA TASTIERA (o keyboard) DISPOSITIVI DI INPUT Quando viene premuto un tasto si genera un codice corrispondente alla cifra alfanumerica selezionata che viene inviato alla CPU per essere elaborato. La tastiera

Dettagli

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012 IIS Bonfantini Novara -Laboratorio di informatica 2012 Pagina 1 PERSONAL COMPUTER I personal computer sono quelli usati per lavoro d'ufficio o in ambito domestico da un solo utente per volta. Un ulteriore

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Calcolatori e interfacce grafiche

Calcolatori e interfacce grafiche Calcolatori e interfacce grafiche COMPONENTI DI UN COMPUTER Hardware Tutti gli elementi fisici che compongono un calcolatore Software Comandi, istruzioni, programmi che consentono al calcolatore di utilizzare

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Materiale didattico Aggiornato il 16.06.2013

Materiale didattico Aggiornato il 16.06.2013 Materiale didattico Aggiornato il 16.06.2013 Che ci faccio io qui? What Am I Doing Here? (1988) è un libro dell'autore inglese Bruce Chatwin e consiste di una serie di saggi e racconti di viaggi della

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE Dott. Paolo Righetto 1 CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA Percorso dell incontro: 1) Alcuni elementi della configurazione hardware

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera Pratica guidata 2 Usare mouse e tastiera Mouse: Clic sinistro, doppio clic, clic destro, Drag and drop, Forme del puntatore Tastiera: tasti principali e combinazioni Centro Servizi Regionale Pane e Internet

Dettagli

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 3 Periferiche e tipi di computer In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti che permettono

Dettagli

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1 Il Personal Computer Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare www.vincenzocalabro.it 1 Cos è Il Personal Computer è un elaboratore di informazioni utilizzato da un singolo utente. Le informazioni

Dettagli

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it.

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it. Concetti base dell ICT Conoscere il computer ed il software di base Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Fase 1 Information technology Computer Tecnologia utilizzata per la realizzazione

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 1- IL COMPUTER a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 LE PRINCIPALI PARTI DEL COMPUTER (PC) Un computer è paragonabile ad una grande scatola

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono:

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono: 3. Il Software TIPI DI SOFTWARE La macchina come insieme di componenti hardware di per sé non è in grado di funzionare. Sono necessari dei programmi progettati dall uomo che indicano la sequenza di istruzioni

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 5

Esame di INFORMATICA Lezione 5 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati dalla CPU Master

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA. Docente. Stefania Melillo

CORSO DI INFORMATICA. Docente. Stefania Melillo CORSO DI INFORMATICA Docente Stefania Melillo Cosa significa informatica? Il termine nasce dalla fusione di due parole, INFORMazione e automatica le informazioni vengono immesse, in un calcolatore capace

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Un primo approccio ai concetti di informatica di base

Un primo approccio ai concetti di informatica di base Un primo approccio ai concetti di informatica di base CORSO DI INFORMATICA DI BASE CONCETTI DI BASE DELLA TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE Hardware e software. Tipi di computer. Componenti essenziali di un

Dettagli

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati

Dettagli

Concetti Teorici di Base sull informatica

Concetti Teorici di Base sull informatica Concetti Teorici di Base sull informatica INFORMATICA: È la scienza che studia l informazione e l elaborazione dei dati e il loro trattamento automatico mediante gli elaboratori elettronici. PROGRAMMA:

Dettagli

Modulo 1 Concetti teorici di base

Modulo 1 Concetti teorici di base Modulo 1 Concetti teorici di base 1 Quale delle seguenti frasi rappresenta il significato di ICT (Tecnologie per l informazione e la comunicazione)? La progettazione e l utilizzo dei computer Le scienze

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche,

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, elettriche, meccaniche, magnetiche, ottiche che ne consentono

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un Pagina 18 di 47 2. Analisi delle componenti hardware di un computer 2.1 L hardware 2.1.1 Componenti principali di un computer L Informatica (da Informazione + Automatica) è la disciplina che studia la

Dettagli

Introduzione all INFORMATICA

Introduzione all INFORMATICA Introduzione all INFORMATICA dott.ssa Aurelia Apice Email: aureliarossa@libero.it informazioni 1 Informatica Cos era? Calcoli matematici impensabili a mano per scopi scientifici e militari Cos è? Automazione

Dettagli

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento o Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. o Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati

Dettagli

INFORMATICA 1 ANNO. Prof. Stefano Rizza

INFORMATICA 1 ANNO. Prof. Stefano Rizza INFORMATICA 1 ANNO Prof. Stefano Rizza PROGRAMMA MINISTERIALE 1 1. Utilizzare strumenti tecnologici ed informatici per consultare archivi, gestire informazioni, analizzare dati (riferimento ECDL Start)

Dettagli

SOFTWARE L ACCENSIONE DEL COMPUTER

SOFTWARE L ACCENSIONE DEL COMPUTER SOFTWARE Con software si intende l insieme delle istruzioni che permettono il funzionamento dell hardware; il concetto di software, o programma che dir si voglia, è un concetto generale ed ampio: si distingue,

Dettagli

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 1

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 1 IL COMPUTER Esistono principalmente due tipi di computer di uso comune: IL PC, PERSONAL COMPUTER è un computer che viene posato su un tavolo e che per la sua considerevole mole ed accessori a seguito,

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Si intende per Sistema Operativo (o software di sistema) un gruppo di programmi che gestisce il funzionamento di base del computer. Il sistema operativo rimane sempre attivo dal momento

Dettagli

Sistemi operativi e Microsoft Windows

Sistemi operativi e Microsoft Windows Sistemi operativi e Microsoft Windows Sistemi operativi e Microsoft Windows...1 Definizioni di carattere generale...2 Interfaccia...2 Interfaccia Utente...2 Sistema operativo...2 CPU (Central Processing

Dettagli

Spegnere e riavviare il computer

Spegnere e riavviare il computer Spegnere e riavviare il computer Cliccare sul pulsante Start Disconnetti: chiudi o disconnetti l attuale sessione utente e vieni ridirezionato alla schermata di scelta dell account Modalità standby Salva

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

CHE COSA FAREMO INSIEME?

CHE COSA FAREMO INSIEME? CHE COSA FAREMO INSIEME? Impareremo a conoscere il computer per poter sfruttare al meglio alcune sue caratteristiche Raccoglieremo informazioni preziose perché non si può amare chi non si conosce IL COMPUTER

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

Centro Iniziative Sociali Municipio III

Centro Iniziative Sociali Municipio III Centro Iniziative Sociali Municipio III C.I.S Municipio III Corso di informatca Roberto Borgheresi C ORSO BASE DI I NFORMATICA Centro Iniziative Sociali Municipio III Coordinatore: Roberto Borgheresi Insegnanti:

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 2.1.1.1 Primi passi col computer Avviare il computer Windows è il sistema operativo più diffuso per la gestione dei personal computer, facile e amichevole

Dettagli

Syllabus IC3 2005. Computing Fundamentals

Syllabus IC3 2005. Computing Fundamentals Syllabus IC3 2005 Computing Fundamentals? Identificare i vari tipi di computer, come elaborano le informazioni e come interagiscono con altri sistemi e dispositivi informatici? Individuare la funzione

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Da sempre l uomo ha bisogno di rappresentare, trasmettere ed elaborare informazioni di varia natura, ad esempio numeri, frasi, immagini, suoni, concetti o addirittura sensazioni. Tutte le nostre attività

Dettagli

MODULE 4 BASIC IT SKILLS

MODULE 4 BASIC IT SKILLS MODULE 4 BASIC IT SKILLS Nel modulo 4 abbiamo preparato una guida per le competenze informatiche di base che condurrà passo dopo passo i principianti che vogliono imparare a usare Word e Internet o da

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Concetti di base sul Software dei computer. Unitre Anno 2014-2015

Concetti di base sul Software dei computer. Unitre Anno 2014-2015 Concetti di base sul Software dei computer Unitre Anno 2014-2015 Software Un software è sempre un programma scritto in un linguaggio di programmazione ad alto livello che contiene una lista di istruzioni.

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli

WINDOWS: HARDWARE - SOFTWARE

WINDOWS: HARDWARE - SOFTWARE WINDOWS: HARDWARE - SOFTWARE WINDOWS XP - VISTA (OGGETTO RIGIDO) TUTTI I COMPONENTI FISICI DEL PC OGGETTO MORBIDO WORD - PAINT- ECC. SISTEMA OPERATIVO * Software che permette di gestire direttamente l

Dettagli

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE Tecnologie Informatiche 1 Il computer» È una macchina elettronica con lo scopo di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente.» E formato dall hardware

Dettagli

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse WINDOWS: uso della tastiera e del mouse a cura di: Francesca Chiarelli ultimo aggiornamento: settembre 2015 http://internet.fchiarelli.it La tastiera FUNZIONE DI EDIZIONE TAST. NUMERICO Tasti principali

Dettagli

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte 1. Quale delle seguenti affermazioni è corretta? Nella trasmissione a commutazione di pacchetto: Sulla stessa linea

Dettagli

MODULO 1 Uso del computer e gestione dei file

MODULO 1 Uso del computer e gestione dei file MODULO 1 Uso del computer e gestione dei file I contenuti del modulo Lo scopo di questo modulo è di verificare la conoscenza pratica delle principali funzioni di base di un personal computer e del suo

Dettagli

TEST: Hardware e Software

TEST: Hardware e Software TEST: Hardware e Software 1. Che tipo di computer è il notebook? A. da tavolo B. generico C. non è un computer D. Portatile 2. Come è composto il computer? A. Software e Freeware B. Freeware e Antivirus

Dettagli

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer.

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer L hardware del Personal computer 2004 Roberto Bisceglia http://www.itchiavari.org/ict Il personal computer è una macchina, costituita principalmente da circuiti elettronici, in grado

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo O mentre ci sono più risposte corrette per le domande con il simbolo

Dettagli

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER 1.1 AVVIARE IL COMPUTER Avviare il computer è un operazione estremamente semplice, nonostante ciò coloro che scelgono di frequentare un corso

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti.

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file DESKTOP All accensione del nostro PC, il BIOS (Basic Input Output System) si occupa di verificare, attraverso una serie di test, che il nostro hardware

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

3. Modalità operative per l uso di Linux con interfaccia grafica

3. Modalità operative per l uso di Linux con interfaccia grafica Il computer 3. Modalità operative per l uso di Linux con interfaccia grafica Identificazione con nome utente e password Premere il pulsante di accensione del computer e attendere il caricamento del sistema

Dettagli