modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials) unità 1 unità 2 unità 3 unità 4 unità 5 unità 6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials) unità 1 unità 2 unità 3 unità 4 unità 5 unità 6"

Transcript

1 modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials) unità 1 unità 2 Computer e dispositivi Primi passi con Windows 7: il desktop, le icone, le impostazioni di sistema Gestione dei testi e delle stampe Gestione dei file Le reti Sicurezza e benessere nell uso del computer unità 3 unità 4 unità 5 unità 6 Obiettivi Comprendere i concetti fondamentali relativi all ICT (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione), ai computer, ai dispositivi elettronici e al software Accendere e spegnere un computer Operare efficacemente sul desktop di un computer usando icone e finestre Regolare le principali impostazioni del sistema e usare le funzionalità di Guida in linea Creare un semplice documento e stamparne delle copie Conoscere i principali concetti di gestione dei file ed essere in grado di organizzare efficacemente cartelle e file Comprendere i concetti fondamentali relativi ai supporti di memoria e all uso di software di compressione e di estrazione di file di grandi dimensioni Comprendere i concetti relativi alle reti e alle possibilità di connessione, ed essere in grado di collegarsi a una rete Comprendere l importanza di effettuare copie di backup dei dati e di proteggere i dati e i dispositivi elettronici da malware Comprendere l importanza del «green computing», dell accessibilità e della salvaguardia della salute degli utenti

2 unità 1 Computer e dispositivi 1. L ICT (syllabus 1.1.1, 1.1.2) L acronimo ICT sta per Information and Communication Technologies, cioè Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. In un senso molto generale, si tratta di quell insieme di tecnologie che permettono l elaborazione e lo scambio delle informazioni. Quando navighiamo in Internet, o facciamo una telefonata con il nostro cellulare, o quando produciamo un documento con un applicazione di elaborazione testi, noi facciamo uso di queste tecnologie. Il concetto di ICT inizia a prendere forma a partire dagli anni 60, quando, cioè, informatica e telecomunicazioni iniziano a convergere. Sviluppatisi per lungo tempo indipendentemente l uno dall altro (le telecomunicazioni infatti utilizzavano prevalentemente tecnologie analogiche, mentre l informatica utilizzava tecnologie digitali), questi due settori iniziano presto a interagire e a integrarsi. A partire dagli anni 80, con l avvento del personal computer, inizia la cd. Rivoluzione digitale, che si porta a compimento con la diffusione della telefonia cellulare e la digitalizzazione delle reti telefoniche e di tutti i media di comunicazione (audio, video, testo ecc.). Oggi, l informatica (intesa come insieme di hardware e software) e le telecomunicazioni (intese come insieme di reti telematiche) sono i pilastri su cui si regge la società della comunicazione. Vari esempi di quanto detto fino ad ora possono essere rinvenuti nei diversi modi con i quali compiamo molte delle nostre attività quotidiane: mentre, fino a qualche anno fa, per fare un bonifico bancario o per pagare un utenza dovevamo recarci presso la filiale della nostra banca, oggi possiamo compiere queste azioni con un PC e una connessione Internet (cd. e-banking). Ancora, molti adempimenti amministrativi, che prima ci costringevano a lunghe file presso gli uffici delle pubbliche amministrazioni, oggi sono informatizzati grazie all e-government. Anche l attività didattica ha tratto notevoli benefici dal progresso dell ITC: si pensi alla possibilità di seguire corsi a distanza, di assistere a conferenze on line ecc. (cd. e-learning). 2. L hardware (syllabus 1.2.1) Il termine hardware nasce dalla fusione di due parole inglesi: hard (duro) e ware (oggetto, manufatto). Si tratta dell insieme di tutti i componenti fisici di un computer: le parti meccaniche, magnetiche, ottiche ed elettroniche che permettono al computer di funzionare. Fanno ad esempio parte dell hardware di un computer il case, il monitor, il processore, i cavi di collegamento ecc. 3. Computer e altri dispositivi hardware (syllabus 1.2.1) 3.1 Tipologie di computer Fig. 1 Un personal computer desktop Quando si parla di computer, in realtà si parla di una realtà molto variegata ed estremamente eterogenea. Esistono infatti molti tipi di computer, ognuno realizzato per soddisfare determinate esigenze e rivolto ad un determinato tipo di utenza. Ad esempio una persona che utilizza il computer prevalentemente a casa si doterà di un modello desktop, mentre chi lo utilizza per lavoro ed è spesso in viaggio opterà per un computer portatile o magari un tablet. Il personal computer da tavolo, o desktop PC (figura 1) è il tipo di computer più utilizzato in ambito domestico e nei piccoli uffici, ed ha un costo variabile tra i 500 e i euro, a seconda del tipo di configurazione. 10 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

3 Un altro tipo di computer molto utilizzato è il laptop, o computer portatile (figura 2), che fornisce le medesime prestazioni di un desktop PC a fronte di dimensioni e peso molto più contenuti. Ciò si «paga» in termini di prezzo, più elevato rispetto a quello dei computer da tavolo. I computer portatili sono molto utilizzati in ambito professionale in quanto consentono di lavorare e garantiscono connettività anche in viaggio o lontano dall ufficio. Sono dotati di batterie che li rendono utilizzabili anche se non si ha a disposizione una rete elettrica (in auto, in treno ecc.). Tra i computer portatili rientrano anche i cd. tablet PC (letteralmente, PC tavoletta), che stanno riscuotendo notevole successo negli ultimi anni, soprattutto grazie al Fig. 2 Un computer portatile traino dell ipad di Apple e dei modelli basati su sistema operativo Android (figura 3). Si tratta, nella sua forma «pura», di computer dotati di touch screen: il dialogo tra macchina e utente non avviene con mouse e tastiera come nei PC «tradizionali», ma mediante la pressione delle dita sullo schermo o mediante dei gesti che il computer riconosce e interpreta. Esistono anche tablet «ibridi», che cioè presentano una tastiera nascosta che può essere utilizzata all occorrenza. Per le loro dimensioni ridotte e per il fatto che possono essere usati senza mouse e tastiera i tablet sono molto apprezzati dai professionisti che hanno bisogno di un computer facile da trasportare e da usare (si pensi a chi viaggia molto o chi trascorre le giornate in riunione). Tuttavia, i tablet hanno riscosso un enorme successo anche tra l utenza più giovane, grazie anche al fatto che le strategie di marketing hanno portato i tablet a diventare un oggetto «di moda». 3.2 Altri dispositivi Fig. 3 Un tablet L evoluzione tecnologica degli ultimi anni ha via via ridotto le differenze tra computer e altre tipologie di dispositivi. Fino a pochi anni fa, ad esempio, un computer era un computer e un telefono era un telefono: questi due oggetti svolgevano due compiti completamente differenti e non erano in alcun modo assimilabili tra di loro. Oggi si va verso un integrazione che rende queste rigide differenziazioni decisamente obsolete, a tal punto che vengono coniati nuovi vocaboli che tendono proprio a rimarcare questa integrazione (si pensi ad esempio al neologismo phablet, che è la contrazione di phone e tablet e sta appunto ad indicare un dispositivo che è a metà strada tra un telefono e un tablet). Lo smartphone è l evoluzione del tradizionale telefono cellulare: si tratta di un dispositivo portatile che associa le funzionalità di gestione di dati tipiche di un computer con quelle di un telefono cellulare, sul quale è possibile installare Fig. 4 Uno smartphone programmi che aggiungono nuove funzionalità come, ad esempio, il fotoritocco o la protezione crittografica della conversazione. Tramite uno smartphone è possibile collegarsi in rete con altri dispositivi tramite il protocollo Bluetooth o con Internet via wireless o connessione dati. Inoltre, questi dispositivi montano quasi sempre delle fotocamere digitali che permettono di realizzare foto di ottima qualità. A proposito di fotografie, anche le macchine fotografiche sono state investite in pieno dalla rivoluzione digitale. Dai modelli più economici, fino a quelli professionali che possono costare anche migliaia di euro, la fotocamera digitale è diventata ormai uno standard, e ha praticamente soppiantato la tradizionale macchina fotografica a pellicola in moltissimi casi. I motivi sono davvero tanti: se si sbaglia uno scatto è sufficiente cancellarlo e ripeterlo senza attendere lo sviluppo della pellicola; non si è più dipendenti dal Unità 1 Computer e dispositivi 11

4 numero di pose del rullino, ma dalle dimensioni della scheda di memoria che permette di fare molti più scatti; inoltre, nell era della condivisione delle informazioni e dei social network, la possibilità di rendere pubbliche le proprie foto in tempo reale rende queste apparecchiature molto appetibili soprattutto al pubblico giovane. Infine, tra i dispositivi digitali non possiamo non citare i lettori multimediali (figura 5), cioè quei dispositivi (che possono anche essere non portatili) che permettono di fruire di qualsiasi file contenente media. Un lettore multimediale è quindi in grado di leggere file musicali, ma anche video o immagini (dipende, ovviamente, dal modello). I file multimediali possono essere ospitati su memorie di massa proprie del lettore (si pensi al diffusissimo IPod) o esterne, come nel caso dei lettori DVD in grado di leggere dei dischi contenenti sia file video (mpeg o divx) che audio o immagini. Fig. 5 Un lettore multimediale 4. Il processore (syllabus 1.2.2) La Central Processing Unit, più comunemente chiamata processore o microprocessore, è il vero e proprio «cervello» che sta alla base del funzionamento del computer. La CPU è composta da due elementi fondamentali: l ALU (unità logico-aritmetica), dove avvengono tutti i passaggi dell elaborazione, e la CU (control unit o unità di controllo), che stabilisce la logica con cui devono essere effettuate le singole operazioni dall unità logico-aritmetica. Fig. 6 Un microprocessore Un altro elemento molto importante del processore è la memoria cache. Si tratta di un tipo di memoria particolarmente veloce, che immagazzina i dati in maniera tale da renderli immediatamente disponibili al processore appena quest ultimo li richiede. In questo modo la CPU non deve «attendere» l invio dei dati da parte della RAM, ed il processo di elaborazione diventa più veloce. seguimi Negli ultimi anni si sono affermate le CPU dual o multi core, cioè composte da due o più nuclei di processori fisici. La velocità del processore, infine, è data dal numero di cicli di istruzione al secondo che esso compie. Per comprendere il concetto di ciclo di istruzione, possiamo dire che in ciascun ciclo il processore: preleva l istruzione; la interpreta; la esegue; passa all istruzione successiva. La velocità con cui può essere compiuto un ciclo di istruzioni è determinata dal clock, che possiamo immaginare come un orologio interno che scandisce i tempi del processore: ad esempio, un processore che funziona a 800 Mhz (MegaHertz), può compiere 800 milioni di cicli di istruzione al secondo, così come un processore da 3 Ghz (Gigahertz) è in grado di eseguire 3 miliardi di cicli di istruzione al secondo. 5. Tipi di memoria (syllabus 1.2.2) Nel computer esistono 2 tipi di memorie: la memoria fisica o di sistema; la memoria di massa. La memoria fisica si suddivide in: memoria ROM; memoria RAM. 12 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

5 La sigla ROM sta per Read Only Memory, ovvero memoria di sola lettura. I PC contengono una particolare memoria ROM denominata BIOS ROM. Essa contiene i programmi che servono per far funzionare il computer al momento dell accensione. Questa memoria è particolarmente stabile e non può essere cancellata o manomessa dall utente, in quanto la perdita delle informazioni in essa contenute porterebbe all impossibilità di avviare il computer. La sigla RAM sta invece per Random Access Memory, ovvero memoria ad accesso casuale (figura 7). Il suo nome deriva dalla particolare tecnica con cui si accede alle informazioni in essa contenute. La memoria RAM è la memoria utilizzata per contenere i dati in corso di elaborazione e le istruzioni del programma in esecuzione. Se, per esempio, si sta utilizzando un word processor, o un programma di foto ritocco, il documento o la foto sui quali si sta lavorando sono collocati all interno della RAM e sono trasferiti sul disco solo quando l utente ne richiede espressamente il salvataggio. La memoria RAM è volatile, nel senso che il suo contenuto si cancella al momento dello spegnimento del PC. La quantità di RAM installata influenza la velocità del computer: gli attuali PC contengono una quantità di memoria misurata in Gigabyte. fai attenzione Fig. 7 Due banchi di memoria RAM Espandere la RAM Nei Personal Computer la RAM è normalmente espandibile. È cioè possibile acquistare dei «banchi» o «moduli» di memoria da inserire negli appositi slot presenti nel case. La RAM non ha bisogno di alcuna installazione software, in quanto, una volta aggiunta, è sufficiente avviare il computer affinché essa venga «letta» dal sistema. Così, ad esempio, se il nostro PC dispone di 1 Gigabyte di memoria RAM, potremmo acquistare un ulteriore modulo di memoria da 1 Gigabyte da affiancare a quello esistente, per portare la RAM del nostro PC da 1 a 2 Gigabyte. Se non si è esperti, però è sempre meglio rivolgersi ad un tecnico: esistono diversi tipi di memoria RAM, e dunque corriamo il rischio di acquistarne un tipo non adatto al nostro PC; inoltre, nonostante il processo di alloggiamento sia molto semplice, non dobbiamo mai dimenticare che all interno del PC transita corrente elettrica, e quindi se non si sa bene dove mettere le mani, è sempre meglio non rischiare! Le memorie di massa, invece, sono quelle su cui vengono memorizzati i dati in maniera permanente. Quando ad esempio digitiamo un documento di testo e poi lo salviamo, lo memorizziamo appunto su una memoria di massa. Le memorie di massa possono essere di diverso tipo: hard disk, chiavette USB, nastri magnetici, schede SD, Compact disc, DVD, sono tutte memorie su cui i dati vengono scritti e memorizzati in maniera permanente. In particolare l hard disk (figura 8) è un elemento essenziale per il funzionamento di un computer. Su di esso infatti viene memorizzato il sistema operativo. Esistono hard disk di svariate dimensioni: in linea di massima, i modelli attualmente sul mercato vanno dai 250 gigabyte fino a 3 terabyte e oltre. Un altra caratteristica degli hard disk è la loro velocità di rotazione: si va dai giri Fig. 8 Un hard disk al minuto fino a Maggiore è la velocità e più veloce sarà l accesso ai dati, e quindi migliori saranno le prestazioni del computer. 6. Periferiche 6.1 Periferiche di input (syllabus 1.2.3) Le periferiche di input sono gli strumenti che utilizziamo per immettere dati e impartire comandi al computer: lo facciamo ad esempio digitando con la tastiera o cliccando con il mouse. Vediamo allora quali sono le principali periferiche di input, come possiamo riconoscerle, e a cosa servono. Unità 1 Computer e dispositivi 13

6 Lo strumento principale che utilizziamo per immettere i dati nel computer è la tastiera. Essa presenta diversi gruppi di tasti, che svolgono varie funzioni (figura 9). La parte principale è detta tastiera alfanumerica e Tasti funzionali Tastiera alfanumerica Tasti di editing Tasti cursore Tastierino numerico Fig. 9 La tastiera ed i vari gruppi di tasti che la compongono serve appunto per l immissione di numeri e lettere. Nella parte superiore della tastiera troviamo i tasti funzionali, identificati dalla dicitura «F» seguita da un numero (da 1 a 12). Questi tasti servono per svolgere particolari funzioni che variano a seconda dei programmi (ad esempio, in quasi tutti i programmi la pressione del tasto F1 corrisponde all apertura della guida in linea del programma). I tasti di editing sono di particolare utilità durante l immissione di testi: ad esempio i tasti PagSu e PagGiù permettono di scorrere le pagine di un documento, i tasti Home e End permettono di spostarsi ad inizio o fine riga ecc. Il tastierino numerico è utilizzato per compiere le 4 operazioni fondamentali, ed è organizzato visivamente appunto come la tastiera di una calcolatrice. Infine, i tasti cursore, rappresentati da frecce orientate nelle quattro direzioni, vengono usati per muovere il cursore nell area dello schermo. Sono poi presenti alcuni tasti di notevole importanza (figura 10): Esc BackSpace Tab Barra spaziatrice: serve per inserire spazi bianchi Blocco maiuscolo Invio quando si digita un documento; Ctrl Maiuscolo Maiuscolo Ctrl Alt Alt Gr ALT: è sempre usato in Barra spaziatrice combinazione con un altro tasto per attivare Fig. 10 Alcuni tasti di particolare importanza particolari opzioni; CTRL: analogamente al tasto ALT, è sempre utilizzato in combinazione con un altro tasto per attivare particolari opzioni; ALT GR: viene usato in combinazione con altri tasti della tastiera alfanumerica, o per immettere il terzo carattere di un tasto, quando presente (ad esempio battendo ALT GR + ò si digita il MAIUSC: mantenendo premuto questo tasto e battendo un carattere, questo viene immesso in maiuscolo; se si batte un tasto non corrispondente ad un carattere, viene immesso il simbolo presente nella parte superiore del tasto (ad esempio, se si batte il tasto della virgola tenendo premuto il tasto MAIUSC, verrà digitato il punto e virgola («;»); BLOC MAIUSC: blocca le maiuscole, cioè, se premuto, le lettere verranno digitate tutte in maiuscolo. Ciò non vale per i simboli: se si batte il tasto della virgola quando è attivo il tasto BLOC MAIUSC, verrà comunque digitata la virgola, e non il punto e virgola. L attivazione del tasto viene di solito segnalata da una spia luminosa presente sulla parte destra della tastiera. Per disattivare il tasto BLOC MAIUSC premerlo nuovamente; TAB: genera uno spazio di lunghezza prefissata (tabulazione); ESC: è utilizzato in genere per annullare l ultima operazione effettuata; BACKSPACE: serve a cancellare il carattere presente a sinistra del cursore quando si digita un testo; INVIO: serve per andare a capo quando si digita un testo, oppure, più in generale, per confermare l immissione dei dati. Il mouse (figura 11) è un dispositivo di input che si è affermato grazie ai sistemi operativi ed ai programmi ad interfaccia grafica. Prima del loro avvento, infatti, i comandi erano impartiti esclusivamente mediante la tastiera (figura 12). Con le interfacce grafiche, invece, i comandi vengono impartiti mediante una freccetta (puntatore) che viene spostata sullo schermo appunto mediante il mouse. 14 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

7 Fig. 11 Un mouse Fig. 12 Un esempio di interfaccia testuale Le operazioni che si possono compiere con il mouse sono le seguenti: spostamento: consiste nel muovere il mouse su una superficie (si usano di solito degli appositi tappetini chiamati «mouse pad») in modo da spostare il puntatore sullo schermo; trascinamento: è utilizzato per spostare gli oggetti (ad esempio, le icone). Consiste nel cliccare su un oggetto e, senza rilasciare il tasto sinistro del mouse, spostare quest ultimo fino alla posizione voluta. In questo modo, l oggetto sul quale si è cliccato resta «agganciato» al puntatore, e viene «sganciato» solo quando si rilascia il tasto del mouse; clic: è la pressione di un tasto del mouse che avviene mentre il mouse è fermo. Di solito si utilizza il tasto sinistro del mouse per selezionare un oggetto, mentre il clic con il tasto destro spesso viene utilizzato per aprire i menu contestuali; doppio clic: è la rapida successione di due clic (di solito con il tasto sinistro del mouse) per attivare determinate funzioni (ad esempio per lanciare un programma o aprire un documento). Esistono mouse dei generi più svariati. La maggior parte di essi presenta due tasti e, al centro, una rotellina che può avere le più svariate funzioni: zoom, scorrimento di un documento ecc. Attualmente sono in commercio anche mouse senza fili, che utilizzano un sensore a distanza e sono alimentati a batterie, e mouse ottici, che sfruttano per il movimento del cursore un raggio luminoso invece della solita pallina visibile nella parte inferiore dei mouse tradizionali. Sono molto affidabili, hanno una durata maggiore (in quanto non ci sono parti meccaniche sottoposte ad usura) ma sono anche più costosi dei mouse tradizionali. Vi sono poi dei dispositivi che «nascono» concettualmente dal mouse, ma che sono diversi sotto alcuni punti di vista. Ad esempio la trackball può essere immaginata come una sorta di mouse fisso: il movimento del puntatore è gestito tramite una pallina presente sulla parte superiore del dispositivo. In pratica, puoi pensare alla trackball come se fosse un mouse «al contrario»: mentre nei normali mouse il movimento del dispositivo gestisce la rotazione della pallina, nella trackball il dispositivo è fisso, e la pallina viene mossa con un dito. Ancora più evoluto è il touchpad. Questo dispositivo viene molto utilizzato nei computer portatili, che necessitano di concentrare il maggior numero di funzioni nel minor spazio possibile. Il touchpad è un «tappetino» sul quale si muove un dito con una leggerissima pressione per gestire il movimento del puntatore: in pratica ad un movimento del dito in una determinata direzione corrisponde un analogo movimento del Fig. 14 Una webcam Fig. 13 Uno scanner puntatore. I clic sono gestiti o tramite pulsanti posti vicino al tappetino, o anche con pressioni più forti sul tappetino stesso. Oltre al mouse e alla tastiera, che sono indispensabili per utilizzare un PC, esiste una vasta gamma di periferiche per l immissione dei dati. Analizziamo le principali. Lo scanner (figura 13) è un dispositivo che serve per la digitalizzazione di immagini e per l acquisizione di testi. Per quanto riguarda in particolare i testi scritti, esistono particolari programmi (chiamati OCR) che permettono al computer di «interpretare» il testo acquisito e di renderlo leggibile e modificabile con i normali programmi di videoscrittura. Una webcam (figura 14) è una telecamera che, a differenza di una telecamera tradizionale, non permette di registrare video ma si limita a trasmettere semplicemen- Unità 1 Computer e dispositivi 15

8 te le immagini riprese, in forma digitale, attraverso una interfaccia USB. La webcam è molto utilizzata insieme ai programmi di instant messaging o di telefonia via IP per realizzare delle vere e proprie videoconferenze. Le webcam possono essere utilizzate anche per trasmettere immagini dal vivo da particolari posti del mondo. seguimi Una webcam non è da sola in grado di registrare un video ma può solo trasmetterlo. Però la registrazione di video ripresi da una webcam può essere realizzata con dei programmi specifici che spesso sono forniti in dotazione alla stessa webcam. Il microfono è una periferica di input mediante la quale è possibile utilizzare la propria voce per dare degli input al computer. Questi ultimi possono essere di vario genere: ad esempio, esistono software di riconoscimento vocale che permettono di «dettare» del testo ad un programma di videoscrittura, o altri che consentono addirittura di impartire comandi al PC. Attualmente, è possibile utilizzare il microfono (munito di cuffie) anche per la comunicazione vocale a distanza via Internet, come se fosse una comune cornetta del telefono. Il microfono, come la webcam, può essere incorporato nei portatili. 6.2 Periferiche di output (syllabus 1.2.3) Una volta immessi i dati in un computer tramite le periferiche di input, essi vengono elaborati e restituiti all utente mediante le periferiche di output. La periferica di output principale, nel senso che è essenziale al funzionamento del computer, è lo schermo, o monitor (figure 15 e 16) che ha l aspetto di un televisore e serve a visualizzare sia i dati che vengono inviati al computer mediante la tastiera, sia i dati elaborati dal PC. I monitor si differenziano in base alla dimensione, espressa in pollici (la dimensione si riferisce alla misura della diagonale dello schermo), alla nitidezza delle immagini e al numero di colori che è possibile visualizzare. Fig. 16 Un monitor LCD Fig. 18 Una stampante Per far «colloquiare» il monitor con il PC, è necessario Fig. 15 Un monitor CRT che quest ultimo sia dotato di un dispositivo chiamato scheda video (figura 17) le cui caratteristiche siano compatibili con il monitor. Un altra periferica di output che, seppur non essenziale per il funzionamento del computer, è ormai di uso comune, è la stampante (figura 18). Essa serve per stampare su carta i risultati di un elaborazione: un documento scritto, un immagine digitalizzata, un grafico ecc. Esiste una grande varietà di stampanti in grado di soddisfare ogni esigenza: ve ne sono alcune in grado di stampare solo Fig. 17 Una scheda video testo, altre che possono stampare anche le immagini ma solo in bianco e nero, ed altre ancora che possono stampare a colori con qualità fotografica. Le stampanti attualmente più diffuse sono: a getto d inchiostro: sono dotate di appositi contenitori che contengono l inchiostro che viene spruzzato sulla carta; laser: si basano appunto sulla tecnologia laser, sono in genere abbastanza costose ma forniscono risultati eccellenti e sono molto più veloci di quelle a getto d inchiostro. I moderni PC sono ormai tutti dotati di scheda audio, cioè di un dispositivo in grado di trasformare i bit in suoni. I suoni vengono dunque riprodotti dal PC e possono essere ascoltati tramite cuffie o altoparlanti, che 16 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

9 vengono collegati agli appositi connettori posti sulla parte visibile della scheda audio. Sia le cuffie che gli altoparlanti sono periferiche di output, in quanto restituiscono il risultato dell elaborazione sotto forma di suoni. Nei computer più recenti, la scheda audio è ormai integrata nella scheda madre. Per completare il discorso sulle periferiche non possiamo non citare una piattaforma che negli ultimi anni sta riscuotendo grande apprezzamento: la docking station, alla quale è possibile collegare un computer portatile per «trasformarlo» in un vero e proprio computer da scrivania. Le docking station contengono slot per schede di espansione, connettori per hard disk esterni e per altre periferiche quali monitor, stampanti, mouse, tastiera ecc. Inoltre, con la diffusione di tablet e smartphone, sono state di recente commercializzate docking station studiate appositamente per alloggiare questi dispositivi, permettendo in tal modo di integrare la comodità di un dispositivo portatile con la funzionalità di un computer da scrivania. 7. Porte di comunicazione (syllabus 1.2.4) Come abbiamo accennato in precedenza, diversi dispostivi possono essere collegati al computer a seconda delle esigenze dell utente; si può ad esempio collegare una stampante, un hard disk portatile, una webcam o un microfono, uno smartpohne o un palmare. Alcuni collegamenti possono essere anche wireless, cioè che non necessitano dell ausilio di alcun cavo. Il collegamento al computer dei diversi dispostivi avviene tramite le porte di input/output che sono spesso integrate nella scheda madre del computer e sono visibili all esterno. Queste porte possono essere paragonate a delle prese in cui deve essere inserito uno spinotto collegato ad un cavo. La porta parallela, a 25 pin, era tradizionalmente utilizzata per collegare la stampante al computer. Nella comunicazione parallela i dati sono trasferiti Fig. 19 Porte USB un byte alla volta e i bit viaggiano su fili diversi dal computer al dispositivo collegato. Nel caso della porta parallela i bit viaggiano su otto fili diversi. seguimi In una trasmissione attraverso una porta seriale i bit sono trasferiti uno di seguito all altro e giungono al dispositivo che li riceve nello stesso ordine in cui sono inviati. La porta seriale a 9 pin permetteva, invece, di trasferire i dati in entrambe le direzioni, dal computer al dispositivo esterno; i dati sono trasmessi sullo stesso filo, un bit alla volta. La porta USB (Universal Serial Bus) è una porta seriale che ha ormai soppiantato sia la porta parallela che quella a 9 pin ed è, infatti, utilizzata per collegare quasi tutti i dispositivi esterni al computer quali modem analogici, mouse, memorie di massa esterne, webcam, stampanti. Tramite la porta USB è possibile collegare, anche in cascata, 127 dispositivi diversi ed è anche possibile collegare «a caldo» il dispositivo, ossia senza che sia necessario spegnere il computer perché il sistema lo riconosca. Un altra peculiarità dell USB è che è in grado di alimentare direttamente il dispositivo a cui è collegato; quest ultimo, quindi, può non aver più bisogno di una alimentazione elettrica a parte. La porta USB è diventata talmente importante e diffusa che i costruttori di computer fanno di tutto per inserirne quante più possibile. La FireWire è un altra interfaccia seriale di proprietà della Apple Computer utilizzata per connettere dispostivi che comunicano tramite il protocollo FireWire. È molto utilizzata per collegare videocamere digitali e, come l USB, permette il collegamento a caldo del dispositivo ed è in grado di alimentarlo autonomamente. La porta HDMI (High-Definition Multimedia Interface) è un interfaccia completamente digitale che può inviare contemporaneamente segnali audio e video. Proprio per questo motivo, oltre ai computer, anche i televisori di ultima generazione alloggiano una o più porte HDMI, per permettere il collegamento dei dispositivi che supportino l alta definizione (decoder, ricevitori satellitari, lettori blu-ray ecc.). Anche l interfaccia USB, d altro canto, non è più «esclusiva» dei computer: ad esempio, già da molti anni ormai le TV alloggiano una o più porte USB per permettere il collegamento con dispositivi esterni (hard disk, chiavette, lettori multimediali ecc.). Unità 1 Computer e dispositivi 17

10 La porta di rete, infine, consente di collegare il computer ad un dispositivo di rete (un hub di rete, uno switch, un router) o ad un altro computer. Prima della diffusione della comunicazione wireless la porta di rete è stata fondamentale per creare comunicazioni con dispositivi di rete esterni. 8. Il software (syllabus 1.3.1) Il computer, per funzionare, ha bisogno di istruzioni, di qualcosa che gli dica cosa fare e come farlo. Questo «qualcosa» è il software, che è appunto l insieme dei programmi che servono a far funzionare un computer. Dunque, il software permette all hardware di funzionare, ed in questo modo il computer può svolgere la sua funzione, che è quella di elaborare le informazioni. In maniera molto elementare, possiamo dire che un computer funziona nel seguente modo (figura 20): l utente immette le informazioni nel computer (input); questo le elabora e restituisce il risultato dell elaborazione all utente (output). Per fare un esempio banale, l utente potrebbe inserire le seguenti informazioni: =? Il computer elabora le informazioni, e restituisce il risultato, ovvero 4. Fig. 20 Schema di funzionamento di un computer Il software può essere suddiviso in due grandi categorie: software necessario per l avvio ed il funzionamento del computer (sistema operativo e programmi di utilità con esso forniti) che prende il nome di software di sistema; software installato dall utente per le proprie specifiche esigenze (ad esempio un programma di videoscrittura, un programma di computer grafica ecc.) che viene anche chiamato software applicativo. Negli ultimi anni il panorama software sta radicalmente mutando. Mentre, infatti, tradizionalmente il software era sempre collegato ad un determinato computer, nel senso che si acquistava la licenza e si installava il programma sul computer locale, attualmente si sta affermando sempre più il cloud computing, un insieme di tecnologie che permettono all utente di memorizzare, archiviare ed elaborare dati grazie all utilizzo di risorse hardware/software distribuite in rete in un architettura tipica client-server. In altri termini, sempre più spesso non si utilizzano programmi installati sul proprio computer ma software presenti in rete. Gli esempi sono tantissimi: si pensi, ad esempio, a Google Docs, che permette la realizzazione e l archiviazione di documenti di testo, fogli elettronici e presentazioni completamente online. Anche la gestione della posta elettronica è ormai delegata ad applicazioni online: Google Mail e Microsoft Outlook, ad esempio, sono due tra le applicazioni più usate che permettono una completa gestione della posta elettronica senza che nulla debba essere installato sul computer locale. 9. Sistemi operativi (syllabus 1.3.2) Il sistema operativo è un insieme di programmi che, da un lato, gestisce l elaborazione dei dati e «coordina» il funzionamento del computer e, dall altro, permette all utente di interagire con la macchina e di impartire i comandi. Dunque il sistema operativo è un software essenziale, in quanto senza di esso un computer non può funzionare. Al momento dell accensione del computer, il nucleo del sistema operativo cioè quello che svolge le funzioni «vitali» viene caricato mediante un processo automatico chiamato «bootstrap». Gli altri elementi del sistema operativo, quali i programmi di utilità o altre funzioni vengono poi richiamati o caricati a seconda delle esigenze. Esistono diversi tipi di sistemi operativi. Il più diffuso è sicuramente Windows, ma ne esistono altri altrettanto validi. Ad esempio, il sistema operativo Linux è caratterizzato da un altissima affidabilità ed anche dal fatto di essere gratuito. Inoltre, esso è open source, cioè il codice da cui è costituito è «aperto» e liberamente modificabile da chi abbia la capacità per farlo. Appunto per questo motivo, esistono molte versioni di Linux. seguimi La GUI Parlando di sistemi operativi, non possiamo fare a meno di descrivere brevemente l evoluzione che ha portato dai sistemi a riga di comando a quelli a interfaccia grafica (Graphic User Interface o GUI). Il DOS, ovvero il più antico sistema operativo per PC, era del primo tipo, ed i comandi venivano materialmente digitati dall utente che, quindi, doveva conoscere la particolare sintassi 18 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

11 utilizzata dal sistema. Per questo motivo utilizzare il DOS era consentito solo a chi conoscesse il linguaggio del sistema, per riuscire a comunicare con esso. Ad esempio, il comando COPY permetteva di copiare dei file, il comando MD permetteva di creare nuove directory (cioè quelle che oggi siamo abituati a chiamare «cartelle»). Il primo sistema ad interfaccia grafica è stato il MacOS, prodotto dalla Apple, ed ha causato una vera e propria rivoluzione: non era più necessario conoscere la sintassi del sistema, in quanto i comandi potevano essere impartiti agendo su elementi grafici presenti sullo schermo (icone, pulsanti ecc.). Questo sistema è stato poi ripreso dalla Microsoft che lo ha utilizzato per il Windows, che è attualmente il sistema operativo a interfaccia grafica più diffuso. Il Linux, dal canto suo, è stato per anni un sistema prevalentemente a riga di comando e per questo, nonostante la sua altissima affidabilità, costituiva un sistema di nicchia, utilizzato prevalentemente da esperti informatici. Negli ultimi anni, tuttavia, nel tentativo di diffondere maggiormente questo sistema operativo sono state create delle interfacce grafiche per renderne più semplice ed intuitivo l utilizzo. Con la diffusione sempre maggiore di dispositivi portatili quali tablet e smartphone, le case produttrici di software si stanno spingendo sempre più verso la realizzazione di sistemi operativi orientati specificamente verso questo tipo di hardware. È il caso ad esempio di Android e di Windows Mobile di Microsoft. 10. Software applicativo (syllabus 1.3.3) I software applicativi sono quelli che vengono comunemente denominati «programmi», e vengono utilizzati dagli utenti per soddisfare precise esigenze: uno scrittore utilizzerà un software di videoscrittura, un grafico utilizzerà un programma di disegno ecc. Di programmi ne esistono tantissimi e per ogni esigenza di lavoro o di svago, ma vi sono alcune tipologie di software che sono sicuramente tra le più utilizzate. Tra questi tipi ricordiamo: i programmi di videoscrittura, chiamati anche word processor, che permettono di utilizzare il computer come una macchina da scrivere molto avanzata, e in più permettono di modificare e correggere il testo molto rapidamente. Il programma di videoscrittura più diffuso è sicuramente Microsoft Word; i programmi di foglio elettronico, che permettono di automatizzare calcoli anche molto complessi mediante l utilizzo di formule e funzioni, nonché di realizzare e gestire grafici statistici. Il più utilizzato è Microsoft Excel; i programmi di archiviazione dati o database, molto utili per la gestione di grandi archivi ma spesso utilizzati anche in ambito domestico (ad esempio per catalogare grosse collezioni di dischi o libri). Tra i molti database in commercio ricordiamo Microsoft Access; i browser Web, cioè tutti quei programmi che permettono di visualizzare pagine Web durante la navigazione in Internet. Tra questi programmi ricordiamo Internet Explorer, FireFox, Opera; i programmi di elaborazione immagini, come Photoshop e Gimp, sono applicativi utilizzati per gestire le immagini digitali (si pensi ad una foto realizzata tramite una macchina fotografica digitale o, ancora, ad una un immagine acquisita tramite scanner). Il programma di elaborazione immagini opera a livello di pixel modificandoli anche singolarmente. Attraverso un qualsiasi programma di elaborazione immagini possono compiersi operazioni molto complesse su immagini o su foto; possono modificarsi i colori, aggiungere elementi o effetti; i software di presentazione, come Power Point, sono utilizzati per creare delle presentazioni composte di diapositive (le cd. slide) che possono essere sia mostrate a video che, ad esempio, proiettate su uno schermo esterno al computer. Le diapositive possono contenere elementi multimediali anche molto complessi (testo, suoni, immagini, effetti sonori) e i testi, le immagini e le singole transizioni tra una diapositiva e l altra possono essere animati da effetti. Va sottolineata l esistenza dei cosiddetti pacchetti o suite, cioè gruppi di programmi per l uso domestico o per l ufficio venduti tutti insieme. Ad esempio, il pacchetto Microsoft Office comprende Word, Excel, Access e Power Point. Abbiamo accennato in precedenza al fatto che sempre più spesso le applicazioni non risiedono più sui computer locali ma sono offerte sotto forma di risorse distribuite in rete. È il caso, ad esempio, dei programmi per la gestione della posta elettronica o di alcune suite di office automation. Le piattaforme software online che però più hanno riscosso successo negli ultimi anni sono sicuramente quelle relative ai social network o reti sociali, che permettono la comunicazione tra utenti che condividono determinati interessi. Il «re» indiscusso dei social network è sicuramente Facebook, che può appunto essere utilizzato direttamente online, dunque senza installare nulla sul computer locale, o mediante un applicazione che può essere scaricata e installata gratuitamente sui dispositivi mobili. A questo proposito, va sottolineato che, così come già visto per i sistemi operativi, anche il campo del software applicativo si sta spingendo sempre più verso il pano- Unità 1 Computer e dispositivi 19

12 rama «mobile». Migliaia di cd. app, infatti, sono a disposizione gratuitamente o a pagamento su piattaforme quali Play store di Google o Apple store per essere scaricate e installate sugli smartphone o sui tablet. 11. L EULA (syllabus 1.3.4) Quando si acquista un software (ma anche, spesso, quando si installa un programma gratuito), l utente sottoscrive una licenza d uso. In realtà, nel linguaggio comune si dice «acquistare un programma» ma ciò che si acquista non è la proprietà del software, ma appunto la licenza di installarlo sul proprio computer e di utilizzarlo. Per questo motivo, ad esempio, quando acquistiamo una licenza software non siamo liberi di installare il relativo programma su quante macchine vogliamo, né di copiarlo e distribuirlo (a meno che ciò non sia previsto dal contratto di licenza). La licenza d uso viene, nel linguaggio anglosassone, chiamata EULA, acronimo che sta per End User Licence Agreement, cioè appunto licenza d uso con l utente finale. La EULA in generale comprende la concessione di licenza, le limitazioni d uso, la limitazione di garanzia, la limitazione di responsabilità e le restrizioni all esportazione. Il contratto è presentato all utente o in forma di foglio all interno della confezione con cui il programma è distribuito, o in forma elettronica durante le fasi di installazione del programma. In quest ultimo caso l accettazione avviene cliccando sul relativo pulsante, a cui segue l installazione del programma. La non accettazione implica l impossibilità di installare il programma. 12. Le licenze software (syllabus 1.3.5) Come abbiamo accennato in precedenza, affinché l utente sia chiamato ad accettare una licenza d uso non è detto che questa debba essere a pagamento. Esistono infatti anche licenze che non prevedono il pagamento di un corrispettivo in denaro, ma il rispetto di determinate regole inserite appunto nella licenza. Esaminiamo a questo punto i principali tipi di licenze comunemente utilizzati nella distribuzione del software. Innanzitutto possiamo suddividere le licenze in due macrocategorie: licenze per il software proprietario (closed source); licenze per il software libero (open source). Rientrano nel primo tipo, oltre a quelle che implicano direttamente un pagamento a fronte della concessione della licenza, anche le licenze trial (o versioni di prova), le licenze shareware e quelle freeware. La versione di prova prevede che l utente provi appunto il programma per un determinato periodo di tempo, scaduto il quale il software smette di funzionare. Se si desidera continuare ad utilizzare l applicazione, bisognerà pagare un corrispettivo dopodiché, tipicamente, verrà inviato un numero seriale che permetterà di «sbloccare» il programma che riprenderà a funzionare correttamente ed a tempo indeterminato. Nel caso di licenza shareware, di solito è permesso all utente di copiare e diffondere il programma che, in linea di massima, è dotato di funzionalità ridotte rispetto alla versione completa. Pagando una determinata cifra, è possibile sbloccare le funzioni inibite. Alcuni produttori utilizzano questo tipo di licenza in quanto la libera copia e diffusione permette al programma di essere conosciuto da grandi quantità di utenti: per chi non può spendere soldi in pubblicità, questo è l unico modo per riuscire a restare sul mercato senza scomparire sotto il peso delle grandi multinazionali che possono permettersi di investire ingenti capitali in pubblicità. Del resto, ci sono molti esempi di software anche di grande successo distribuiti sotto licenza shareware (si pensi ad esempio a WinZip, che è stato a lungo il programma più usato per gestire la compressione dei file). Le licenze freeware mettono a disposizione dell utente programmi completi senza che sia previsto alcun corrispettivo. Si tratta di solito di programmi realizzati da amatori che vogliono condividere con altri le proprie creazioni, senza volerne trarre profitti economici, o per far pubblicità alle proprie doti di programmatori. Le licenze open source, ispirate alla filosofia del software libero, permettono a chiunque di utilizzare i programmi senza limitazione incoraggiando al tempo stesso lo studio del funzionamento, le eventuali modifiche e la distribuzione tramite la duplicazione. Il sistema operativo Linux è uno degli esempi più fulgidi di software open source, ma esistono anche casi più recenti e di grande successo: uno su tutti, il sistema operativo Android, diventato ormai uno standard per i dispositivi mobili (e basato sul kernel cioè sul «nucleo» Linux). Ma non sono solo i sistemi operativi a basarsi su licenze open source: anche tanti applicativi molto utilizzati sono basati su questo tipo di licenza (si pensi ad esempio al famosissimo browser Firefox, o alla suite di programmi di office automation OpenOffice). 20 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

13 13. Iniziamo ad usare il computer Password (1.4.1, 1.4.2) Avviare il computer è una procedura molto semplice: è sufficiente premere il pulsante di accensione posto sul case, e la procedura di accensione si avvia automaticamente senza che l utente debba fare alcunché. In realtà però, dal punto di vista del computer, quella dell accensione è una fase importantissima e cruciale. In questa fase (detta di bootstrap) viene effettuato il controllo della configurazione del sistema e dell hardware installato, dopodiché viene caricato il sistema operativo vero e proprio. Al termine di questa fase viene visualizzata la scrivania (o desktop) e l utente può finalmente iniziare a utilizzare la macchina. Windows 7 è un sistema multiutente, cioè è strutturato in modo da poter essere utilizzato da più persone, ciascuna con una propria configurazione, una propria cartella personale ecc. Per tale motivo è opportuno proteggere il proprio account per evitare modifiche indesiderate alle proprie impostazioni. Per mantenere al sicuro i propri dati, quindi, è consigliabile proteggere l accesso alla propria utenza mediante una password. La voce Pannello di controllo Cliccare sul pulsante di Avvio, quindi sulla voce Pannello di controllo (figura 21). Nel Pannello di controllo, cliccare sulla voce Account utente e protezione famiglia (figura 22), quindi su Account utente per accedere alla finestra di modifica dell account (figura 23). Fig. 21 La voce Pannello di controllo del menu di Avvio Fig. 22 L icona Account utente e protezione famiglia nel Pannello di controllo Cliccare qui per creare una password Fig. 23 La finestra per la gestione degli account Cliccare sull account da modificare, quindi cliccare su Crea una password per l account. La finestra che si apre (figura 24) permette la gestione della password per l utenza desiderata. Digitare la password (facendo attenzione all uso delle maiuscole/minuscole, dato che si tratta di password case sensitive, cioè «sensibili» all utilizzo delle lettere maiuscole o minuscole), digitarla nuovamente nella casella Unità 1 Computer e dispositivi 21

14 di conferma, ed eventualmente digitare un suggerimento che aiuti a ricordarla, quindi cliccare sul pulsante Crea password per completare la procedura. A questo punto, ogniqualvolta si avvierà il computer, verrà richiesta la password al termine della fase di bootstrap (figura 25). Digitare la password Confermare la password Digitare, se lo si desidera, un suggerimento che aiuti a ricordare la password Fig. 24 La finestra per la gestione della password Il pulsante Crea password Fig. 25 L avvio di Windows con richiesta di password fai attenzione Se si utilizza il suggerimento della password, questo sarà visibile a tutti gli utenti, quindi è un opzione da utilizzare con molta attenzione in quanto potrebbe compromettere la sicurezza del proprio account. È interessante notare come, dalla finestra di gestione degli account del Pannello di controllo, sia possibile creare molteplici account. Ciò è utile, come abbiamo accennato in precedenza, quando uno stesso computer è utilizzato da più persone. Infatti, ciascun utente potrà personalizzare il proprio account e, soprattutto, avere una password personale che gli permetterà di tenere al sicuro i propri dati rispetto agli altri utenti. Si faccia attenzione al fatto che, per creare e modificare gli account, bisogna disporre dei permessi come amministratore. Per spegnere il PC cliccare sul pulsante di Avvio e selezionare Arresta il sistema (figura 26). 22 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

15 Fig. 26 Arrestare il sistema Il pulsante Arresta il sistema Per riavviare il sistema, invece, cliccare sulla freccia a destra della voce Arresta il sistema e selezionare Riavvia il sistema (figura 27). I casi in cui può essere necessario riavviare il computer sono svariati: applicazioni che non rispondono, installazione di software che richiedono il riavvio del PC per poter funzionare correttamente, installazione di aggiornamenti del sistema ecc. In entrambi i casi è necessario assicurarsi che non ci siano applicazioni aperte, onde evitare eventuali perdite di dati. Fig. 27 Riavviare il sistema seguimi È possibile personalizzare la voce che appare di default quando si clicca sul pulsante di Avvio. La procedura è la seguente: cliccare sul pulsante di Avvio; cliccare con il tasto destro del mouse sulla parte destra del menu di Avvio e selezionare il comando Proprietà; nella finestra che si apre (Proprietà della barra delle applicazioni e del menu Start) aprire il menu a tendina Azione del pulsante di alimentazione e selezionare la voce desiderata (figura 28). Fig. 28 Modificare le impostazioni di default del pulsante di alimentazione Unità 1 Computer e dispositivi 23

16 Verifiche ed esercizi unità 1 domande vero/falso Per ciascuna delle seguenti affermazioni, indicare se è vera o falsa v f 1) ICT è l acronimo di Information and Communication Technologies 2) Il laptop è una postazione fissa, c.d. computer da tavolo 3) Nel processore, la velocità con cui può essere compiuto un ciclo di istruzioni è determinata dal clock 4) RAM e ROM sono due tipi di memoria di massa 5) La memoria dell hard disk è volatile, nel senso che essa viene cancellata quando spegniamo il computer 6) La tastiera è una periferica di input 7) Gli altoparlanti sono periferiche di input 8) La porta USB è un tipo di porta parallela 9) Le licenze shareware normalmente vietano la copia e la distribuzione del software 10) Il bootstrap è la fase di avvio del computer domande a risposta multipla Per ciascuna delle seguenti domande indicare la risposta scegliendo una fra quelle proposte 1) La RAM è: a) Una memoria di massa b) Una memoria volatile c) Un supporto per la memorizzazione dei dati 2) Quale, tra i seguenti fattori, non influisce sulle prestazioni di un computer? a) La quantità di RAM b) La velocità della CPU c) La grandezza del case 3) Quando spegniamo il PC, il contenuto della RAM: a) Viene cancellato b) Viene trasferito nell hard disk c) Rimane nella memoria RAM 4) Un hard disk è: a) Un tipo di memoria di massa b) Un tipo di memoria RAM c) Un tipo di memoria ROM 24 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

17 5) La tastiera alfanumerica è: a) Un particolare tipo di tastiera per scrivere caratteri greci b) Una tastiera che permette di inserire lettere e numeri c) Una tastiera che permette di inserire numeri e compiere le operazioni aritmetiche fondamentali 6) Le chiavette USB servono a: a) Memorizzare dati b) Proteggere dati c) Interpretare dati 7) PowerPoint è: a) Un software per navigare in Internet b) Un software per la gestione della posta elettronica c) Un software per creare presentazioni elettroniche 8) Quando si acquista un software, l acquirente: a) Diventa proprietario del software b) Diventa titolare di una licenza d uso del software c) Diventa titolare di un diritto di usufrutto sul software 9) Linux è: a) Un software applicativo b) Un sistema operativo c) Un programma di riconoscimento vocale 10) HDMI è: a) Una porta di comunicazione b) Un sistema operativo open source c) Un tipo di memoria di massa domande a risposta libera Per ciascuna delle seguenti domande, fornire una risposta sintetica 1) Fornisci una definizione di hardware, facendo alcuni esempi. 2) Fornisci una definizione di smartphone. 3) Quali tipi di computer conosci? Quali sono gli impieghi tipici di ciascuno? Unità 1 Computer e dispositivi 25

18 4) Cosa è la RAM? Quali sono le sue caratteristiche? 5) Descrivi i più diffusi dispositivi portatili. 6) Fornisci una definizione di ICT. 7) Cosa è l EULA? 8) Spiega cosa è una memoria di massa e a cosa serve. Fornisci alcuni esempi di memorie di massa. 9) Elenca le principali periferiche di input e di output e spiega a cosa servono. 10) Definisci i principali tipi di licenze software. 26 Modulo 1 Concetti di base del computer (Computer Essentials)

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Guida Samsung Galaxy S Advance

Guida Samsung Galaxy S Advance Guida Samsung Galaxy S Advance Il manuale utente completo del telefono si può scaricare da qui: http://bit.ly/guidasamsung NB: la guida è riferita solo al Samsung Galaxy S Advance, con sistema operativo

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning.

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. Per collegare un iphone con connettore Lightning ad SPH-DA100 AppRadio e

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux 2014/04/13 20:48 1/12 Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Introduzione Il prossimo 8 aprile, Microsoft cesserà il supporto e gli aggiornamenti per Windows

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

NONNI SU INTERNET. Guida pratica all uso del PC. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET. Guida pratica all uso del PC. Fondazione Mondo Digitale Nonni su Internet NONNI SU INTERNET Guida pratica all uso del PC Fondazione Mondo Digitale Guida pratica all uso del PC Questo manuale è a cura della Fondazione Mondo Digitale, con la supervisione del

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

guida utente showtime

guida utente showtime guida utente showtime occhi, non solo orecchie perché showtime? Sappiamo tutti quanto sia utile la teleconferenza... e se poi alle orecchie potessimo aggiungere gli occhi? Con Showtime, il nuovo servizio

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Guida per l'utente. Xperia L C2105/C2104

Guida per l'utente. Xperia L C2105/C2104 Guida per l'utente Xperia L C2105/C2104 Indice Xperia L Guida per l'utente...6 Introduzione...7 Informazioni sulla presente guida per l'utente...7 Cos'è Android?...7 Panoramica del telefono...7 Montaggio...8

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH Manuale DA-10287 Grazie per aver acquistato l'altoparlante portatile Super Bass Bluetooth DIGITUS DA-10287! Questo manuale d'istruzioni vi aiuterà ad iniziare

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Informazione Navigare in Internet in siti di social network oppure in siti web che consentono la condivisione di video è una delle forme più accattivanti

Dettagli

Manuale d'uso Nokia Lumia 510

Manuale d'uso Nokia Lumia 510 Manuale d'uso Nokia Lumia 510 Edizione 1.1 IT Manuale d'uso Nokia Lumia 510 Indice Sicurezza 4 Operazioni preliminari 5 Tasti e componenti 5 Tasti Indietro, Start e Cerca 6 Inserire la scheda SIM 6 Caricare

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

P R O C E D U R E Sommario Creazione di un nuovo account MediaJet... 2

P R O C E D U R E Sommario Creazione di un nuovo account MediaJet... 2 P R O C E D U R E Sommario Creazione di un nuovo account MediaJet... 2 Informazioni sul copyright e sui marchi.... 7 Creazione di un nuovo account MediaJet Lo Spazio di archiviazione online personale è

Dettagli