&'( ( ! " #$ % " ) " " * %'(() ( % " *' )( +'((, - ,%. ' +%% "') - / %%% 0 %%

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "&'( ( ! " #$ % " ) " " * %'(() ( % " *' )( +'((, - ,%. ' +%% "') - / %%% 0 %%"

Transcript

1 !"##!$$ &'( (! " #$ &$'$(!') " ) " " * '(() ( " *' )( + + +'((, -,-*,. ' + "') - /.' 0 1

2 1 /' ( ( 0( ) ) +. 2 ) )/ 0 3 / " )/ )/ 1' (() " &$' 2 ( ( )!! ! + " 1! + "! + ++.! + 4 " 4 &&' 3))) 4 3,5. 6 ) +. " " * ' 9 &!' (() 3 " 2

3 &' + '(& ' '$'$( ' : )/ ' ; /! + ' < 2 ' = ' ++ 3

4 ' ( Dall indagine CENSIS 2003 Pensiamo a cosa ha significato la coesione sociale fino a tutti gli anni 80. In primo luogo, la coesione ha portato ad una lunga fase di sviluppo economico potente, che ha fondato la propria carica sul potenziale di inclusione sociale e sulla certezza di non avere limiti, né di tempo, né di qualità e quantità per le risorse prodotte. Sono stati gli anni di proliferazione della piccola impresa, della moltiplicazione delle attività di lavoro, dello sviluppo urbano, dell avvio delle opere di infrastrutturazione, che hanno dato a tutti la sensazione di potersi affermare nel processo di arricchimento quasi generale. Certamente, questo è stato possibile grazie ad una gestione del welfare fortemente pubblicistica e accentrata, che, coprendo qualunque tipo di bisogno sociale in modo indifferenziato (da quelli scolastici, a quelli sanitari, a quelli legati alla convivenza civile) ha svolto un ruolo di fondamentale sicurezza psicologica collettiva. La vitalità dei tanti imprenditori, soprattutto di realtà medie e piccole, i sistemi locali che hanno trovato la loro vocazione allo sviluppo, le reti di altri attori economici che nel tempo si sono via via consolidate, hanno tutti potuto contare sulla copertura dei bisogni sociali che lo Stato ha garantito loro Il pluralismo dei welfare Per lungo tempo il perno della coesione sociale è stato il welfare a monopolio statale. Di esso viene spesso proposta una visione riduttiva e caricaturale, di strumento prettamente clientelare finalizzato alla riproduzione del consenso politico, sottacendo il contributo decisivo che ha dato allo sprigionamento dell imprenditoria di massa, alla spinta verso il benessere, all attenuazione degli impatti sociali indotti dalla velocità socioeconomica. Nessuno ha avuto la sensazione di bruciarsi i vascelli alle spalle mettendosi a fare impresa o puntando sul lavoro autonomo o esponendosi sul piano reddituale per l acquisto della casa. La storia recente di questo welfare, però, è segnata dalla progressiva erosione del suo ruolo e, soprattutto, della capacità di risposta alla matrice quali-quantitativa della domanda. Due sono stati i fattori erosivi primari: - la ricerca crescente di personalizzazione e qualità nei servizi e nelle prestazioni che ha portato ad un aumento consistente della spesa privata per la tutela (in sanità, previdenza, istruzione e assistenza); - il gap tra bisogni e risorse disponibili, con la necessità di ripristinare il vincolo di bilancio. I due fattori hanno irradiato una pluralità di impulsi diversi, spesso contraddittori, ma la cui risultante è stata fondamentalmente la crescita di un welfare pluralista, competitivo, dove l utilità pubblica non è più sinonimo di stato. 4

5 La voglia di personalizzazione e la connessa monetabilità della domanda ha messo in campo utenti consapevoli, che accumulano e selezionano le informazioni, attivano proprie strategie di tutela e, quindi, ha fornito la base sostanziale per l articolazione dei provider nei diversi ambiti. Pubblico, privato e non profit sono diventati ormai assi portanti del welfare e, laddove si è creata la giusta dose di competizione e cooperazione, si è generata innovazione operativa e più alti livelli di qualità. Appartengono, infatti, alla storia virtuosa del welfare pluralista italiano, ad esempio, la capacità di rispondere all emergenza tossicodipendenza quando alla fine degli anni settanta si è innervata con la deriva di un intera generazione diventando fenomeno di massa, così il come il progressivo sviluppo di innovativi servizi alla persona in risposta all invecchiamento ed all aumento delle patologie cronico-degenerative, o ancora la costruzione di un settore dei trapianti e di una cultura della donazione degli organi tra le più avanzate d Europa. Il ripristino del vincolo di bilancio, invece, più che attivare la necessaria razionalizzazione per funzioni e obiettivi prioritari ha innescato un razionamento di fatto, palese e occulto, dei bisogni sociali. In sostanza, non ha contribuito a ricercare un più virtuoso equilibrio tra responsabilità individuale, familiare e pubblica, ma piuttosto ha perseguito il tentativo di spostare costi e rischi della protezione sociale sul privato, senza una valutazione delle concrete situazioni.... Comunque gli impulsi neocentralizzatori a tutti i livelli non sono riusciti ad arrestare la forza erosiva della domanda e l ormai consolidato politeismo del welfare. Il meccanismo omogeneizzante e unificatore del welfare statale ha lasciato il posto all individualizzazione dei percorsi di tutela e, a questo stadio, anche l impatto coesivo del welfare si è attenuato. Ecco perché i tentativi di riportare tutto di nuovo alla statualità come baluardo dei diritti non funziona ed è un muro dalle fondamenta friabili, sbriciolato dalla libertà di scelta direttamente finanziata e praticata dagli italiani. 5

6 ' GLOSSARIO DEL NON PROFIT TERZO SETTORE Con l espressione Terzo settore si intende, secondo la terminologia economica, l insieme dei soggetti non profit. Questo insieme è Terzo in quanto contrapposto e complementare ai due attori fondamentali del sistema economico: lo Stato e il Mercato. La contrapposizione si basa sul fatto che le organizzazioni appartenenti al Terzo settore sono soggetti di natura privata ma volti alla produzione e alla allocazione di beni e servizi a valenza pubblica o collettiva. La complementarietà è invece la grande sfida di questi anni, da quando si è smesso di considerare semplicisticamente il settore non profit come una nicchia ma lo si è cominciato a considerare in una logica complessa di relazioni, di cooperazione e di competizione, con l agente pubblico e con le imprese private. ASSOCIAZIONI L associazione si costituisce attraverso un contratto con cui le parti mirano a realizzare un interesse comune a tutti i soggetti che vi partecipano. Scopo dell associazione è soddisfare i bisogni di natura ideale o comunque non economica dei propri membri. I riferimenti legislativi sono contenuti negli artt. 12 e seguenti del Codice Civile. COMITATI All origine del comitato c è un contratto attraverso il quale i promotori intendono esercitare in comune un attività di raccolta dei fondi necessari alla realizzazione dello scopo di interesse pubblico da realizzare. I riferimenti legislativi sono contenuti negli artt. 39 e seguenti del codice civile COOPERATIVE SOCIALI Le cooperative sociali sono cooperative costituite con lo scopo di sostenere la promozione umana e l'integrazione sociale e lavorativa dei cittadini appartenenti alle cosiddette categorie svantaggiate e deboli (ex carcerati, disabili, ragazze-madri ecc.). Sono disciplinate dalla legge n. 381 dell'8 novembre 1991 che le suddivide in due tipologie: Tipo A - Perseguono l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale attraverso la gestione dei servizi socio sanitari ed educativi Tipo B - Svolgono attività agricole, industriali, commerciali o di servizi finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate. FONDAZIONI Le fondazioni sono organizzazioni senza fine di lucro, dotate di un proprio patrimonio, impegnate in molteplici settori: assistenza, istruzione, ricerca scientifica, erogazioni premi e riconoscimenti,formazione, ecc La loro esistenza è prevista dal Codice Civile negli artt. 12 e seguenti e la loro struttura giuridica può variare a seconda della tipologia. Una particolare categoria è rappresentata dalle fondazioni bancarie che, dopo un lungo processo di riforma, si stanno trasformando in organizzazioni private senza scopo di lucro impegnate esclusivamente in attività di pubblica utilità. 6

7 ONG Organizzazioni Non Governative Le ONG sono organizzazioni private che operano nel campo della cooperazione allo sviluppo e della solidarietà internazionale. La loro attività nell'ambito della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo è disciplinata dalla legge 49/87 che prevede la concessione, da parte del Ministero degli Affari esteri, del riconoscimento di idoneità. ONLUS - Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale Le ONLUS, disciplinate dal D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, costituiscono una categoria di enti rilevante solo ai fini fiscali, destinataria solo di un regime tributario di favore in materia di imposte sui redditi, di imposta sul valore aggiunto, di altre imposte dirette nonché di ulteriori specifici tributi. Possono diventare ONLUS associazioni, fondazioni, comitati, società cooperative, altri enti privati con o senza personalità giuridica operanti in determinati settori indicati dal decreto legislativo. Organizzazioni di volontariato Rientrano nella definizione legislativa di organizzazioni di volontariato tutti gli organismi liberamente costituiti per svolgere attività senza fine di lucro per scopi esclusivi di solidarietà e che si avvale in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti. Tale definizione è contenuta nella legge quadro 11 agosto 1991, n. 266; ogni Regione ha poi deliberato una propria legge regionale che disciplina sul proprio territorio il riconoscimento delle organizzazioni di volontariato e ne gestisce il Registro regionale. 7

8 ' '5865'6 Il non profit in Italia e'un fenomeno sempre più rilevante, sotto il profilo sociale ma anche sotto quello economico, secondo le rilevazioni dell'istat che parlano di un giro d'affari annuo di 73mila miliardi. Il primo censimento delle organizzazioni e delle imprese non a scopo di lucro e'stato presentato a Roma, presso l'istituto di Statistica. Ecco le cifre più rilevanti. Nel non profit lavorano, regolarmente retribuite, 630mila persone, (pari al 3.04 dell intera forza lavoro e pari al 5 nel settore dei servizi). 'una quota rilevante -sottolinea l'istat - anche ai fini dei conti economici nazionali ': 532mila sono lavoratori dipendenti, 80mila addetti con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, 18mila lavoratori distaccati o comandati da altre impreso o istituzioni. A questi vanno ad aggiungersi 3,2 milioni di volontari, 96mila religiosi e 28mila obiettori di coscienza. Le istituzioni non-profit attive sono in tutto Di queste, la metà e'localizzata nell'italia settentrionale e i due terzi circa svolgono attività prevalentemente nel settore cultura, sport e ricreazione. In termini assoluti la Lombardia ( istituzioni), il Veneto (21.092), l'emilia Romagna (19.160) e la Toscana (18.021), sono le regioni in cui si registra il maggior numero assoluto di enti non profit. Il Trentino (88,7) e la Valle d'aosta (69,2) sono quelle in cui è concentrato il numero più elevato di organizzazioni ogni 10mila abitanti. Nel 91,3 dei casi si tratta di associazioni, riconosciute (61.313) e non ( ). Tuttavia sono attive anche Fondazioni e cooperative sociali, le quali sebbene meno numerose ricoprono un ruolo molto significativo per le attività svolte, la quota di occupati utilizzati e la consistenza economica delle loro iniziative. Nel complesso, il giro d'affari dichiarato dalle istituzioni del non profit e'di 73mila miliardi di entrate e 69mila miliardi di uscite: 4mila miliardi in più le entrate, rispetto alle uscite. Il 63,1 delle imprese censite ( ) operano nel settore cultura, sport e ricreazione. Segue il settore dell'assistenza sociale, nel quale e'attivo l'8,7 delle istituzioni (19.234). A seguire le relazioni sindacali e la rappresentanza di interessi (7,1 pari a organizzazioni), istruzione e ricerca (5,2 peri a unità), sanità (4,4 pari a unità), tutela dei diritti e attività politica (3,1, pari a unità), attività di formazione e promozione religiosa (3,1, pari a unità),. dello sviluppo economico e coesione sociale (2, organizzazioni), dell'ambiente (1,5, pari a unità), della cooperazione e solidarietà internazionale (0,6, unità'), della filantropia e promozione del volontariato (0,6, unità). ' 8

9 ' : &5'> $3 )&)/ 2 '5)'$&/ ')?$ 1 "BNL per Telethon" Progetto Nome progetto "BNL per Telethon" Periodo di attuazione 2002 Azienda partner Nome Banca Nazionale del Lavoro Categoria merceologica Intermediazione monetaria Sito Responsabile progetto Silvia Diaconale responsabile progetto Organizzazione partner Nome Comitato Telethon Fondazione Onlus Settore di attività Salute / Ricerca Scientifica Sito Responsabile progetto Livia Piermattei responsabile progetto Comunicazione / Agenzia di pubblicità o PR Nome n.d. Responsabile progetto n.d. Budget BNL ha impegnato tutte le proprie risorse e il proprio know-how per sostenere la partnership: circa un milione di euro di investimento in comunicazione per Telethon nel solo 2002, 650 agenzie e promotori finanziari e tutte le società del gruppo dedicate all'iniziativa, produzione di materiale pubblicitario e monitoraggio complessivo degli eventi locali. Background L'impresa e il sociale La Banca Nazionale del Lavoro ha sempre dedicato grande attenzione ai temi della responsabilità sociale, facendosi promotore e sostenendo iniziative che spaziano dallo sviluppo di progetti di solidarietà a partnership e sponsorizzazioni cult urali e sportive. La responsabilità sociale di BNL comincia dalla centralità della persona : cliente, dipendente, investitore. Conoscere le esigenze del cliente ha, infatti, aiutato a ripensare le infrastrutture, i sistemi e le procedure, il processo di ideazione e realizzazione dei prodotti, l'organizzazione delle strutture commerciali e dei canali di vendita. Le politiche di Responsabilità Sociale d'impresa si concretizzano nel 2001 per BNL in donazioni a enti e associazioni nonprofit per oltre euro e in sponsorizzazioni a sostegno del sociale, della cultura e dello sport per euro: il 32,83 per aiuti umanitari e sociali; il 58,64 per la cultura; l'8,52 per lo sport. Il 2002 è inoltre stato l'anno in cui BNL ha celebrato i suoi undici anni di impegno a fianco di Telethon, la fondazione che raccoglie fondi per finanziare la ricerca sulle malattie genetiche. Il legame tra Banca Nazionale del Lavoro e Telethon rappresenta un caso di assoluto successo nell'area del nonprofit. BNL, banca ufficiale di Telethon, ha assicurato in questi undici anni, con 9

10 grande coinvolgimento di uomini e strutture, un contributo importante alla ricerca scientifica sulle malattie genetiche raccogliendo 98 milioni di euro e attestandosi così come il primo partner della raccolta fondi. La BNL ha raggiunto anno dopo anno maggiori record di raccolta; in modo particolare nell'edizione della maratona televisiva 2002 ha realizzato il 60 circa della raccolta totale con oltre 13 milioni di euro. Una partnership quindi che è testimonianza di un vero primato nazionale nell'ambito della Responsabilità Sociale, sia sotto il profilo della cultura d'impresa sia sotto quello dei risultati operativi. BNL ha pubblicato nel 2002 il suo primo bilancio della responsabilità sociale relativo all'esercizio 2001, uno strumento che descrive, analizza e misura - per la prima volta in un'unica pubblicazione i rapporti qualitativi e quantitativi che la Banca intrattiene con i propri interlocutori: clienti, investitori, dipendenti, esponenti della business community, operatori del nonprofit. Questo primo bilancio non è solo un resoconto sociale a completamento dei dati già diffusi nel bilancio civilistico 2001, ma si pone l'obiettivo di valorizzare in forma strutturata la storia e le esperie nze più recenti maturate dal Gruppo BNL in ambito etico e sociale, comunicando l'insieme dei valori che ne caratterizzano la cultura d'impresa con la massima chiarezza. Il percorso di BNL verso lo sviluppo e la pianificazione di progetti e attività di responsabilità sociale proseguirà in maniera sempre più attiva nel L'organizzazione Il Comitato Telethon Fondazione Onlus è un ente senza finalità di lucro che persegue come finalità principale il finanziamento della ricerca medico-scientifica sulle malattie genetiche. Il Comitato Telethon, attraverso la sensibilizzazione dell opinione pubblica raccoglie fondi da destinare al finanziamento di eccellenti progetti di ricerca. L attività istituzionale è, dunque, quella erogativa. Attraverso un meccanismo molto rigoroso, il Comitato Telethon seleziona progetti innovativi che facciano avanzare la conoscenza nel campo delle malattie genetiche e che abbrevino la strada verso la terapia. I finanziamenti sono diretti sia a progetti di ricerca esterna, ovvero ottenuti da ricercatori che lavorano presso enti di ricerca italiani pubblici o privati nonprofit, sia a progetti di ricerca interna, ovvero ottenuti da ricercatori strutturati all interno di uno degli Istituti Telethon. Oltre a questo il Comitato Telethon è impegnato in diverse attività di raccolta fondi e in varie iniziative editoriali. Attraverso queste ultime il largo pubblico viene informato sulle attività istituzionali e su tematiche sociali e di ricerca relative alle malattie genetiche. Telethon ha ricevuto nel 2001 l'oscar di Bilancio e della Comunicazione nonprofit. Obiettivi del progetto "BNL per Telethon" è maratona televisiva. Quindi è raccolta di fondi per realizzare la missione del Comitato Telthon, ma non finisce con la maratona. Spenta la TV, i dipendenti BNL continuano tutto l'anno a sensibilizzare e a informare il grande pubblico sull'importanza della ricerca scientifica, unica possibilita' di salvezza per le persone colpite da una malattia genetica. Strategia L'ultima frontiera del conflitto sta nella difficile coesistenza tra i valori della globalizzazione e quelli dell'appartenenza. Nel mondo reale con le sue imperfezioni e le sue asimmetrie, il meccanismo redistributivo delle risorse e della ricchezza deve tenere conto dell'altro, ovvero delle interdipendenze e delle interazioni strategiche. BNL, nell'esercizio dell'attività ordinaria di erogazione del credito, ha sempre operato tenendo conto dei riflessi sociali del suo core business. La partnership con Telethon si muove sui binari del "dono ut dones". BNL è forse l'unica grande azienda al mondo ad avere instaurato una forma di interdipendenza biunivoca e consolidata con un'organizzazione nonprofit, in nome della solidarietà. Descrizione del progetto 10

11 BNL è partner di Telethon per la maratona a favore della lotta contro le malattie genetiche. Oltre a mettere a disposizione le sue agenzie per tutta la durata della maratona televisiva, BNL assiste Telethon 365 giorni all'anno, sia facendo da punto di raccolta dei fondi, sia gestendo gratuitamente gli investimenti finanziari di Telethon, sia promuovendo Telethon anche attraverso l'organizzazione di eventi locali. Comunicazione e supporto Alcune delle iniziative di comunicazione intraprese da BNL a sostegno del progetto, nel più ampio quadro del Piano di Comunicazione Integrata, sono state le seguenti: eventi speciali, salvadanai dedicati, interventi in trasmissioni televisive, organizzazione di cene con clienti "gioiello" del private banking attivazione di apposite procedure informative Intranet e Internet, impegno volontario di tutto il personale della Banca come perno motore della macchina organizzativa di Telethon, con il 93 delle dipendenze aperte, attività di comunicazione interna, utilizzo di nuove strutture Bancomat, conti correnti dedicati. Risultati Relativi al progetto In 11 anni di partnership BNL ha raccolto quasi 100 milioni di Euro (45 del totale) consentendo a Telethon di diventare una realtà di primaria importanza nel sostegno alla ricerca scientifica in Italia. Nell'edizione della maratona televisiva 2002 ha realizzato il 60 circa della raccolta totale con oltre 13 milioni di euro. BNL ha aumentato e consolidato negli ultimi 3 anni la propria share; è auspicabile, quindi, che la partnership prosegua nel corso degli anni. Relativi all'impresa Telethon è per BNL un'occasione per presentare al mondo la sua leadership culturale e operativa nel settore nonprofit. La partnership BNL-Telethon ha contribuito a realizzare un'ottima performance in termini di brand equity, permettendo a BNL di detenere la leadership con oltre il 14 del ricordo totale banche. BNL è lo sponsor di Telethon più citato in modo spontaneo e sollecitato. L'indagine di clima ha evidenziato la leadership valoriale di BNL associata a Telethon. BNL è il leader assoluto della maratona. Nel 2002, con 13.5 milioni di Euro, ha raccolto circa il 60 del totale. Relativi al personale Miglioramento dello spirito di squadra, rafforzamento dell'orgoglio di appartenenza e sana competizione per una gara di solidarietà. Telethon è un momento di aggregazione che ha facilitato il confronto- incontro tra management e stakeholder interni. 11

12 "Coop per i bambini del Sud del mondo" Progetto Nome progetto "Coop per i bambini del Sud del mondo" Periodo di attuazione 2002 Sito Azienda partner Nome Coop Consumatori Nordest Categoria merceologica Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati Sito Responsabile progetto Andrea Mantero - Collaboratore per la Responsabilità Sociale responsabile progetto Organizzazione partner n. 1 Nome Caritas Diocesana - Parma Settore di attività Attività delle organizzazioni religiose Sito Responsabile progetto Flavia Lonardi responsabile progetto Organizzazione partner n. 2 Nome GVC - Gruppo Volontariato Civile Onlus - Bologna Settore di attività ONG Sito Responsabile progetto Luigi Seghezzo responsabile progetto Organizzazione partner n. 3 Nome Arci Cultura e Sviluppo - Roma Settore di attività ONG Sito Responsabile progetto Agostino Bistorelli responsabile progetto Comunicazione / Agenzia di pubblicità o PR Nome Coop - Area Comunicazione Istituzionale Responsabile progetto Mauro Poletti Budget n.d. Background L'impresa e il sociale La Coop Consumatori NordEst è una rete di vendita in ipermercati e supermercati dell'emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia dal Alla base della politica della Coop è la creazione e la gestione, da parte dei consumatori associati, di aziende distributive che perseguono obiettivi di carattere sociale e di interesse collettivo, quali la tutela della salute e dell ambiente, l informazione e l educazione dei consumatori, l impegno verso le giovani generazioni, l ammodernamento e lo sviluppo del sistema distributivo italiano. La Coop ritiene vitale per la comunità lo sviluppo di una cooperazione democratica, unita e efficiente, con scopi di mutualità, di solidarietà verso i più deboli e svantaggiati, di equità e di benessere e senza fini di speculazione privata. Coop ha un'intensa attività sociale, locale e internazionale, che sta integrando sempre più strettamente con quella commerciale nel corso del passare degli anni. Valga ad esempio il fatto che 12

13 Coop è stata la prima catena italiana di grande distribuzione organizzata, a recepire, con risultati positivi, l esperienza del Commercio Equo e Solidale. Coop, da sempre sensibile ai problemi dei paesi del sud del mondo, ha promosso una serie di iniziative finalizzate al loro autosviluppo, obiettivo di primaria importanza, che si traduce per Coop in un impegno concreto e tangibile. La promozione di nuove imprenditorialità e la valorizzazione delle risorse umane e naturali sono elementi decisivi, a giudizio di Coop, per uno sviluppo effettivo da cui scaturisca, per migliaia di poveri, un riscatto morale, sociale ed economico dallo sfruttamentodei paesi ricchi. Coop, coerentemente con i principi di solidarietà e di "autosviluppo" di cui si è fatta promotrice, è intervenuta con aiuti concreti al fine di contribuire alla crescita dei paesi economicamente più svantaggiati. Di conseguenza, ha destinato risorse proprie a progetti, individuando le priorità, le zone di intervento e gli obiettivi. Inoltre, a garanzia del proprio impegno, Coop ha ottenuto nel dicembre 1998 la certificazione etica SA 8000 per i propri prodotti a marchio ed ha avviato una campagna di sensibilizzazione dei propri fornitori. Partecipazione dei soci, identità cooperativa e responsabilità etica e sociale dell'impresa, integrazione tra le cooperative del Distretto Adriatico: sono questi i temi che saranno al centro dell'impegno della cooperativa anche nel corso del 2003, sulla base delle indicazioni scaturite dalla Convention Sociale di Trento dell'ottobre scorso. Le organizzazioni La Caritas Italiana è l'organismo pastorale costituito dalla Conferenza Episcopale Italiana al fine di promuovere, anche in collaborazione con altri organismi, la testimonianza della carità della comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica. Caritas Italiana promuove, attraverso Caritas Internationalis, a livello internazionale: interventi di emergenza, progetti di sviluppo, microrealizzazioni, iniziative di animazione e formazione sulle tematiche della mondialità e della cooperazione internazionale, collegamento con altri organismi, prioritariamente quelli ecclesiali e d ispirazione cristiana. Particolare attenzione è data ai risvolti pedagogico promozionali dei diversi interventi curando soprattutto il coinvolgimento delle Caritas Diocesane. Il GVC - Gruppo di Volontariato Civile nasce a Bologna il 21 maggio E un associazione senza scopo di lucro riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri Italiano come organismo idoneo a promuovere e realizzare progetti di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo (ONG) e nel 1998 assume la denominazione di ONLUS. Nel 2002 GVC ha gestito 79 programmi di cooperazione, co-finanziati da 18 differenti linee di finanziamento, oltre a diversi micro-progetti che derivano da attività di solidarietà e sensibilizzazione sul territorio nazionale e ad altri finanziati direttamente da loco che vanno ad integrare e completare attività dei progetti principali. GVC è attualmente presente in 8 aree geografiche ed in 24 Paesi del Sud del Mondo, dove è organizzato con rappresentanti e uffici di coordinamento. Mentre in Italia ha costituito gruppi d appoggio nelle Marche, in Liguria e nelle Province autonome di Bolzano e Trento, oltre che in diverse città dell Emilia Romagna. La complessità e la molteplicità di attività di GVC, nonché la presenza in numerose aree territoriali, sono un fattore qualificante perché rappresentano un vasto patrimonio di esperienze e consentono, anche, una professionalità diversificata per territorio di appartenenza. L'Arci - associazione di promozione sociale alla quale aderiscono più di un milione di soci, organizzati in oltre circoli - promuove la partecipazione attiva dei cittadini alla costruzione della società. L'Arci affonda le sue radici nella storia stessa del nostro Paese, nelle importanti esperienze mutualistiche e solidaristiche della fine del XIX secolo. In queste origini sta anche la solidarietà internazionale e l'impegno per la pace e per la giustizia sociale. Valori profondamente impressi nel patrimonio genetico dell Arci. Le lotte a sostegno della liberazione dei popoli, per la pace e la 13

14 democrazia, i diritti umani, per la convivenza hanno segnato la sua identità culturale. Valori che hanno dato vita ad una fitta rete di rapporti con associazioni di cittadini in tutto il mondo. Da queste relazioni nascono i progetti della campagna Attivarci, portata avanti da Arci Cultura e Sviluppo. Arci Cultura e Sviluppo - l'organizzazione non governativa dell'arci che realizza e gestisce i progetti di solidarietà internazionale, si impegna a comunicare puntualmente ai sostenitori della campagna l'utilizzo dei fondi e lo stato di realizzazione dei progetti. Obiettivi del progetto Il progetto interno di Caritas Diocesana di Parma, punta a realizzare adozioni a distanza in Brasile, Etiopia ed Eritrea. Si tratta di un aiuto a distanza per i bambini che vivono in situazioni di precarietà e miseria. L'adozione consiste in un contributo finanziario che per un anno garantisce al bambino la frequenza della scuola, l'assistenza sanitaria ed un'alimentazione adeguata. Il progetto interno di GVC - Gruppo Volontariato Civile Onlus, punta a condurre interventi di sostegno all'infanzia in paesi del Centro America. In Nicaragua verranno aiutati bambini e adolescenti costretti a vivere in una situazione a rischio permanente di violenza. In Guatemala e in Honduras si intende migliorare l'alimentazione e le condizioni di vita e l'integrazione scolastica di bambini appartenenti a comunità indigene. Si intende inoltre portare aiuti urgenti (generi alimentari, coperte, tende e medicine) ai profughi afgani. Il progetto interno di Arci, punta a potenziare l' assistenza educativa e sanitaria ai bambini dei campi profughi di Hebron-Palestina. Gli obiettivi sono il potenziamento della biblioteca e dell'ambulatorio del campo, che ospita circa persone. Strategia Coop Consumatori NordEst prevede, tra le varie divisioni, l'area Soci e Identità, il cui scopo è garantire che gli ideali cooperativi siano sempre a fondamento delle politiche aziendali, pur in una realtà che non può prescindere da una competizione economica forte e improntata al rinnovamento. Il direttore dell'area ha impostato e gestito il programma, forte dei mezzi multidisciplinari che la propria area mette a disposizione e del coinvolgimento degli uffici dell'area, condizione - questa - fondamentale per rendere il progetto effettivamente applicabile e per garantirne il corretto funzionamento. La scelta dei progetti da sostenere è avvenuta attraverso sedute di consultazione con le organizzazioni nonprofit per capire che tipo di progetti dovessero essere prioritari. Alcuni progetti erano già in corso d'opera e necessitavano di nuove risorse economiche, altri sono stati avviati ex novo proprio per il progetto "Coop per i bambini del Sud del mondo". Le procedure di selezione e pianificazione dei progetti sono avvenute in modo chiaro e corretto con un accordo formale che ha sottointeso i diritti e i doveri e la volontà di Coop Consumatori NordEst di stabilire rapporti di partnership con queste associazioni, per ottenere valore aggiunto in termini di reputazione e per contribuire in maniera effettiva a innescare processi pro-attivi per uno sviluppo sostenibile Descrizione del progetto La raccolta dei fondi da destinare ai tre progetti interni delle organizzazioni partner viene effettuata in questo modo: ogni socio Coop titolare della Coop card (la fidelity card dell'azienda) può, se già in possesso di punti- fedeltà, donarli al progetto prescelto tra quelli che trova descritti nel catalogo premi. Ogni donazione di punti porta 155 euro all'associazione promotrice del progetto prescelto, e la donazione viene raddoppiata dall'azienda, per un totale di 309,87 euro a favore del progetto. I punti possono essere raccolti anche da più soci insieme, sommando 9000 punti da un massimo di tre carte Sociocoop (o da tre carte più da altre tre carte). L'abbinamento delle carte può essere fatto direttamente dai soci o delegato alla cooperativa. In alternativa si può formare un gruppo di soci (massimo 18) e raccogliere singole quote di 500 punti o multipli di 500. Chiunque può formare un gruppo: genitori di una scuola, membri di un'associazione, colleghi di lavoro, vicini di casa. 14

15 Infine, anche il singolo socio può donare 500 punti direttamente dalle casse. Comunicazione e supporto Coop Consumatori NordEst ha usufruito dei canali di comunicazione che la struttura aziendale ha a disposizione: affissione in tutti i punti vendita di cartelloni informativi; distribuzione di depliant informativi; pubblicità periodiche su Radiocoop; speciali della rivista "Consumatori"; conferenze nei distretti di Parma, Cavriago, Colorno; distribuzione nei punti vendita di depliant informativi di rendicontazione; Telefono verde. Risultati Relativi al progetto In 3 anni ( ) Coop Consumatori NordEst ha raccolto quasi 1 milione di Euro che hanno permesso la piena realizzazione dei tre progetti interni alle organizzazioni partner. Nel 2001 la partecipazione attiva dei soci Coop è stata ancora maggiore dell'anno precedente: hanno aderito oltre 14mila soci e con i punti Sociocoop donati, il cui valore è stato raddoppiato dalla cooperativa, si è raggiunto un contributo totale ai quattro progetti di euro, pari a 997 milioni di lire: quasi un miliardo di lire a favore di chi vive in condizioni di estrema povertà per ridargli speranza nel futuro. Risultati interni a Caritas relativi al 2001: 916 adozioni a distanza, 309,87 Euro per ogni singola adozione, Euro contributo complessivo. Risultati interni a GVC relativi al 2001: n.d. Risultati interni ad Arci relativi al 2001: n.d. Relativi all'impresa L'iniziativa è servita a dimostrare che le strategie di marketing aziendale per la fidelizzazione (carta Sociocoop e catalogo premi) sono sempre più impostate verso i valori aziendali cooperativi di mutualità e aiuto reciproco. Da un'indagine appositamente realizzata, è emerso che l'impegno sociale di Coop ha contribuito ad innalzare il livello di fiducia riposta dai consumatori. Relativi al personale I dipendenti sono stati formati con lettere aziendali e con sedute informative sul funzionamento delle procedure di raccolta fondi e sulle motivazioni che sono alla base di queste iniziative. I soci volontari e i presidenti dei distretti si sono attivati per pubblicizzare ai soci consumatori l'importanza dell'iniziativa e per sollecitare le donazioni. Fondamentale il coinvolgimento delle funzioni aziendali toccate dall'iniziativa: i responsabili della carta socio-coop; i responsabili del catalogo-soci; i redattori della rivista Consumatori; i responsabili della comunicazione istituzionale; i dipendenti dei punti vendita; gli addetti al servizio Telefono verde. 15

16 ' ; ' 7 " A' B! "! # " #$"! $ & & '($ ) '*! + # + 16

17 $ " ) & " '$ ", " " #( ("-!""..!!!/!/ *# " *$ " $ ( "& 0, 17

18 ,,,*),$, #"/ #$" # $ 1 $ " " " 1 * $, (2! $ )- $( " $" " $ $- * * ) *))" /', / 18

19 3 3 3,' 19

20 ' < ' 7 " A' B " #$# " & & ' & #("$ ' "' ) $ $& & * && ('$$*!*'4' +,-,, &./& " 0/-12 ##**!**((4' 3# ' & " $ 44 & "&& 20

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT - GUIDA PRATICA - a cura di: Gruppo di studio costituito tra Agenzia delle Entrate Direzioni Regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia Direzioni Provinciali

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli