GESTIRE IL CLIENTE CON IL CRM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIRE IL CLIENTE CON IL CRM"

Transcript

1 GESTIRE IL CLIENTE CON IL CRM E LA BUSINESS INTELLIGENCE: TRA STORIA E DATI CINZIA COLAPINTO Working Paper n GIUGNO 2005 Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Via Conservatorio Milano tel (21522) fax (21505) E Mail: In pubblicazione su: D. La Torre e F. Nalucci (a cura di), Business Intelligence, CRM e Data Mining, Utet, Torino, 2005

2 GESTIRE IL CLIENTE CON IL CRM E LA BUSINESS INTELLIGENCE: TRA STORIA E DATI Cinzia Colapinto Sommario Nel seguente paper si è cercato di definire i concetti di Customer Relationship Management e di Business Intelligence, sottolineando come essi contribuiscano a migliorare le strategie e le performance aziendali. Si mostra inoltre come le tecniche di data mining possano essere utilizzate nell ambito della CRM analysis, per meglio comprendere il comportamento dei clienti al fine di prevedere le loro azioni, migliorare decisioni e risultati. Si analizza l evoluzione del marketing, del CRM e della Business Intelligence a partire dagli anni 1980 in Italia, soffermandosi sulle differenti caratteristiche delle due cosiddette ondate di progetti CRM. Classificazione JEL : C44, M31. Parole chiave : Business Intelligence, Customer Relationship Management, Data Mining. Introduzione Da anni nell ambito dell economia aziendale si applica la teoria generale dei sistemi all impresa, giungendo a parlarne come di un sistema complesso o dinamico aperto. L impresa è una struttura dinamica, in quanto si rimodella continuamente a causa degli stimoli esterni, e aperta perché di fatto interagisce a vari livelli con l ambiente esterno, inteso come il mercato (di approvvigionamento e di sbocco), la tecnologia a sua disposizione e le istituzioni che, attraverso il loro operato, condizionano l attività aziendale. Accettando questa definizione, si deve pensare all impresa come a un insieme di parti intermedie coordinate fra loro che operano per il raggiungimento del comune fine aziendale. Questo approccio comporta che l obiettivo generale dell impresa sia suddiviso in obiettivi parziali, sempre coerenti e coordinati, attribuiti a ogni singolo centro decisionale 1. Le attività, che un impresa svolge, possono essere analizzate attraverso uno strumento sistematico, la catena del valore, che permette di meglio individuare tutte le fonti del vantaggio competitivo. I vantaggi in termini di costo o di differenziazione derivano, infatti, dalle differenti attività che un impresa compie per progettare, produrre, vendere, distribuire e assistere i prodotti/servizi offerti. La catena del valore permette di individuare nove categorie generiche distinte in due gruppi: - attività primarie: logistica in entrata, attività operative, logistica in uscita, marketing e vendite, servizi. - attività di supporto: attività infrastrutturali, gestione delle risorse umane, sviluppo della tecnologia, approvvigionamento. 1 Si consideri che in una soluzione di CRM è molto importante la definizione degli obiettivi intermedi, che devono essere espressi in termini di clienti, e non di prodotti, per fidelizzare il target e così mantenere la capacità di conseguimento nel tempo degli obiettivi finali.

3 Nel realizzare queste attività l impresa entra in contatto con una pluralità di soggetti con modalità di grado differente e per motivi diversi: investimento, vendita, acquisto; modo diretto o indiretto, specifico o generico. Per riferirsi a tutti coloro che sono portatori di un qualunque interesse verso la vita e le vicende di un impresa, si utilizza il termine stakeholder. In questa categoria oltre ai detentori di capitale di rischio, ai manager, ai lavoratori, alle banche e alle istituzioni finanziarie, alla pubblica amministrazione e ai fornitori, troviamo i clienti. Questi ultimi sono i destinatari dei prodotti e dei servizi offerti dall impresa sul mercato, il gradimento e la soddisfazione della clientela sono fondamentali per il successo dell iniziativa imprenditoriale 2. Da sempre si studiano e analizzano le risposte dei clienti alle proposte aziendali in modo da sostenere le vendite: il marketing è appunto la disciplina che da molti decenni si occupa di come ottenere la risposta più favorevole all offerta, dato un certo livello di prezzo, e la sua evoluzione porta al Customer Relationship Management (CRM). Negli anni 50 del boom economico, quando la domanda esplodeva e la produzione tirava, l unica preoccupazione delle aziende era di far conoscere il prodotto/servizio al maggior numero di clienti possibile e nasceva il marketing di massa. Gli anni 70 sono stati un decennio caratterizzato da forti contrasti sociali e crisi economiche, in cui la domanda inizia a contrarsi e le imprese capiscono che per vendere devono rivolgersi più direttamente ai loro clienti: si parla di direct marketing e di target. Nel corso del decennio successivo il mercato si avvia alla saturazione, e l attenzione si sposta progressivamente dal prodotto al cliente attraverso una più marcata attenzione al processo di differenziazione. Alla fine degli anni 80 la parola d ordine è qualità, e su questa si gioca la competitività delle aziende che cercano di dare a ciascun cliente un nome e un volto. Il decennio 90 vede la nascita del database 3 marketing 4 e dei contenitori informatici che archiviano i dati personali dei clienti e i loro percorsi di acquisto 5. Le imprese comprendono che, per rivolgersi a un consumatore sempre più evoluto ed esigente, è necessario acquisire ed elaborare le informazioni, e la tecnologia, Internet in primis, lo consente. Dalla Società Industriale si è definitivamente passati alla Società dell Informazione, in cui i nuovi approcci di marketing operativo e one-to-one 6 mirano a creare un rapporto con ogni singolo cliente, per soddisfare e/o anticipare le sue esigenze specifiche. I paradigmi precedenti non sono, però, adeguati al contesto odierno, non solo sotto il profilo economico, ma anche culturale e sociale, in quanto non assicurano risultati efficaci. Il marketing relazionale 7 si prospetta 2 Il ruolo del cliente è talmente determinante all interno dell impresa che spesso si utilizza l espressione: il cliente re. 3 Con il termine database si indica un archivio di dati memorizzati in forma strutturata, cioè un insieme di informazioni catalogate secondo valori chiave univoci. 4 Il database marketing o customer database fa riferimento a una base di dati che contiene le informazioni relative ai clienti e ai loro comportamenti di acquisto, che si alimenta attraverso le interazioni con il mercato di riferimento. Con l evoluzione dell e-commerce queste occasioni d interazione, e dunque anche il numero di informazioni che possono essere raccolte e organizzate nel database, sono aumentate e costituiscono una risorsa essenziale per elaborare iniziative di marketing personalizzate. 5 In questi anni, ad esempio, nella grande distribuzione (Esselunga, Standa, Unes ) si diffondono le carte-fedeltà, che forniscono all azienda un duplice vantaggio: fidelizzazione del cliente, la cui frequenza d acquisto è premiata con omaggi o sconti; informazioni sulle abitudini, i gusti e la capacità di spesa del cliente. 6 Il marketing one-to-one è quella tecnica di marketing che consente di "personalizzare" sul singolo cliente (tramite un rapporto unoa-uno con il venditore) l'offerta dell'azienda (il prodotto, il prezzo, l'assistenza post-vendita, ecc.). 7 Quando si parla di marketing relazionale (o relationship marketing) nel contesto dell on line, si vuole indicare ad esempio il processo di creazione di un nuovo sito, i cui contenuti e la cui struttura, sono scelti sulla base dell'esperienza di siti simili.

4 come risolutivo per una corretta comprensione del mercato, valutando il rapporto tra cliente e impresa non come una transazione, ma come la gestione di una relazione. Il Customer Relationship Management può essere visto come la strategia che applica i principi di questa filosofia: l intero sistema aziendale costituito da strutture di front office (ossia l interfaccia dell impresa nei confronti del mercato e dei clienti in genere, che svolge funzioni di interazione quali pre-vendita, vendita e supporto) e back office (la parte del sistema informativo alla quale non è confrontato l'utilizzatore finale, interno o esterno all'impresa 8 ), da piattaforme informatiche per l elaborazione dei dati e da apparati per l analisi dei risultati e la definizione delle strategie, proiettato alla gestione della relazione col cliente. Un percorso simile è stato seguito dalle misurazioni attinenti all ambito del marketing che, nate negli Stati Uniti, sono state importate in Europa e in Italia negli anni 50 attraverso le Ricerche di mercato e le Ricerche motivazionali; mentre solo negli anni 60 queste tecniche sono state adattate alla nostra cultura e hanno trovato una diffusione di massa. Non interessando in questa sede soffermarsi sulle numerose misurazioni utilizzate in quest area, è sufficiente evidenziare che il grado di soddisfazione dei clienti rappresenta dagli anni 90 l obiettivo più frequente degli investimenti in marketing e per questo l aspetto più analizzato. Secondo lo studio di Caldani-Busacca 9 l analisi della Customer satisfaction deve riguardare le relazioni fra: - qualità pianificata dal management - qualità desiderata dal consumatore - obiettivi di qualità percepiti dal personale - qualità offerta al mercato - qualità percepita dal consumatore evidenziando l eventuali discrepanze sulle quali intervenire per ottimizzare gli obiettivi di soddisfare la clientela e di stabilire una relazione proficua tra l'impresa e i propri interlocutori-consumatori. Gli strumenti per centrare questi obiettivi sono tipicamente le iniziative di marketing, alle quali, come si è già detto, oggi si affiancano strumenti informatici potenti che, se ben utilizzati, possono supportare effic acemente l'organizzazione nell'apertura verso il mercato. Tutte le soluzioni software ideate per questo scopo appartengono alla famiglia di applicazioni di CRM 10, che si fonda sull ipotesi di una relazione stabile tra service quality, customer satisfaction e customer loyalty. In questo modo sono le caratteristiche del cliente a permeare la realizzazione di tutte le attività che costituiscono la catena del valore dell impresa: si parla di un Analizzandone accuratamente il comportamento dell'utenza, si possono ben capire le esigenze dei navigatori e soddisfarle/anticiparle con scelte mirate nel nuovo sito. 8 Si tratta delle basi di dati, dei monitor transazionali, dei processi di trattamento interni, degli Enterprise Resource Planning e per estensione dell'erp stesso, tipicamente rispetto a strumenti di tipo Crm, così come tutti gli applicativi che non richiedono l'intervento dell'utilizzatore finale. 9 E. Valdani, B. Busacca (a cura di), Customer satisfaction: una nuova sfida, in Economia & Management, n , pag. 12 e ss. 10 Sfogliando testate dedicate all ICT, ricorre spesso il tema relativo al ruolo e all importanza del customer care - letteralmente cura del cliente. Vi è una forte attenzione nei confronti della tecnica di marketing, che può assurgere fino al ruolo di orientamento strategico, che consente di implementare il Crm per raggiungere la Customer Satisfaction.

5 percorso bottom-up 11. Customer Relationship Management e Business Intelligence: una definizione Nato a livello teorico più di venti anni fa negli Stati Uniti, il Customer Relationship Management 12 è arrivato in Italia accompagnato dallo slogan know your customer, cioè spingendo le imprese a immagazzinare quante più informazioni possibili riguardo ai propri clienti: dati anagrafici, percorsi di acquisto, storia della relazione con l azienda... Il risultato finale di questo processo di raccolta di dati consente di individuare dei gruppi specifici, al fine di rivolgersi ai clienti in modo proattivo e con un approccio personalizzato. Il CRM - nato anche dalla considerazione che mantenere relazioni commerciali con clienti consolidati costa meno che acquisire nuovi clienti - è l'evoluzione, dettata dalle nuove tecnologie, delle strategie di marketing e la stessa espressione anglosassone suggerisce una sua prima, ma incompleta, definizione: un sistema di processi atti a gestire le relazioni con la clientela in modo personalizzato, che può essere esteso al rapporto con i partner commerciali. Un CRM efficace richiede un approccio unitario verso tutte le relazioni dell'intera impresa che vanno condivise e favorite I concetti del CRM hanno modificato il modo di operare delle imprese, spostando l accento da un modello di gestione product-centric o enterprise-centric a uno customer-centric: l impresa decide di prestare più attenzione ai clienti, al punto da essere disposta a mettersi in discussione e trasformarsi in base alle loro necessità, in modo da costruire relazioni di qualità e acquisire un vantaggio competitivo. Talvolta si definisce erroneamente il CRM come una tecnologia applicata alla soluzione dei problemi di mercato delle imprese, esso è in realtà una strategia di business il cui fine è il miglioramento della redditività, dei ricavi e contemporaneamente della customer satisfaction, realizzando un cambiamento culturale e organizzativo dell impresa (in primo luogo attraverso l integrazione in modo efficace delle funzionalità aziendali di back office). La tecnologia è solo uno strumento per realizzare la modifica dei processi produttivi e distributivi aziendali ponendo il cliente come punto di partenza di ogni scelta. La dottrina distingue due livelli di Crm in base al grado di coordinamento verticale e orizzontale e di efficacia ed efficienza che caratterizza l'azienda: livello parziale e completo. In un azienda operante al livello di CRM parziale, l'organizzazione si basa sulla sincronizzazione dei processi e delle strategie: il vantaggio del coordinamento fra centri di decisione e tecnologie porta, per esempio, alla condiv isione da parte della divisione vendite e del marketing di una banca dati della clientela. Con il CRM completo, l'impresa ha una banca dati clienti a gestione unica in base alla quale l'intera organizzazione coordina i processi e le strategie. Questo livello è caratterizzato anche da un attività di reportistica e analisi in tempo reale, e da processi basati su Internet e di tipo tradizionale intrecciati tra loro in un unico sistema CRM. Se è vero che l obiettivo dell impresa è di acquisire, mantenere e servire i clienti grazie a una profonda conoscenza di modelli d'acquisto, canali distributivi preferiti e informazioni personali, tutto questo richiede 11 L introduzione del CRM, secondo Luciano Munari (NewFin), può essere definita un innovazione di processo in quanto incide sulla progettazione e realizzazione dei processi di marketing operativo, di marketing intelligence e di tutti gli altri processi aziendali a essi connessi. Osservatorio NewFin 2004, L innovazione finanziaria, pag Se si vuole dare una definizione più precisa del CRM si può fare riferimento al testo di Andrea Farinet ed Eleonora Ploncher Customer Relationship Management (Edizioni Eta): Il CRM può essere definito come un processo integrato e strutturato per la gestione delle relazioni con la clientela, il cui scopo è la costruzione di relazioni personalizzate di lungo periodo con il cliente, in grado di aumentare la soddisfazione del cliente e, in ultima analisi, il valore per il cliente e per l impresa.

6 la raccolta e l'analisi dei dati per fornire una visione complessiva, coerente e unitaria degli stessi. È in questo senso che entrano in gioco i software di archiviazione e di analisi dei dati che vanno sotto il concetto di Business Intelligence 13. Ricordiamo di seguito la definizione coniata dai pionieri del settore negli anni 80: La Business Intelligence è il prodotto dell analisi di dati quantitativi di business. È destinata a produrre riflessioni atte a consentire ai responsabili aziendali di operare decisioni consapevoli e informate, oltre che a stabilire, modificare e trasformare le strategie e i processi di business in modo tale da trarne vantaggi competitivi, migliorare le performance operative e la profittabilità e, più in generale, raggiungere gli obiettivi prefissati. In questi ultimi anni la BI si sta evolvendo verso l analisi a 360 gradi delle performance di tutta l impresa e tende a essere lo strumento principale per orientare le scelte del management verso obiettivi comuni. Si può parlare di una vera e propria evoluzione strategica, in quanto le applicazioni di BI occupano un ruolo sempre più fondamentale, diventando uno strumento prioritario per la definizione degli orientamenti aziendali. La capacità di gestire e utilizzare in modo ottimale il patrimonio informativo di un'impresa, sempre più aperta e in contatto con il mercato e i propri partner, sono di fatto i valori chiave per il successo e la competitività aziendale. L ambiente in cui operano oggi le imprese, caratterizzato da veloci cambiamenti e competizione sempre più aggressiva, le obbliga a confrontarsi sia con i propri obiettivi stabiliti, sia con il mercato di riferimento. A questo fine devono essere adottate nuove modalità di analisi dei fenomeni tramite la BI, come l analisi di posizionamento dell'azienda e di benchmarking: per prendere decisioni corrette oltre alle performance, agli obiettivi e ai budget aziendali stabiliti, devono essere presi in considerazione anche i dati di mercato e le informazioni sul comportamento dei concorrenti. La BI, infatti, ha oggi superato i confini dipartimentali (o di business unit) per affermarsi, in modo trasversale 14 in tutte le aree dell impresa per garantire il raggiungimento di risultati in modo coerente alla strategia aziendale. Di conseguenza si allarga la base di utenza dei sistemi di BI, attraverso una "democratizzazione dell'informazione" 15 : le applicazioni non sono unicamente destinate ai processi di vertice del top o middle management, ma interessano tutti coloro che necessitano di informazioni per decisioni anche di taglio operativo. Si può facilmente constatare che, dopo anni di investimenti in Enterprise Resource Planning (ERP) 16 e CRM, i quali hanno migliorato la 13 Il termine Business Intelligence, essenzialmente appartenente alla cultura del marketing, è stato coniato nel 1989 da H. Dresner, analista di Gartner Group (società di consulenza nel settore IT), per indicare una classe di strumenti e applicazioni informatiche in grado di risolvere le problematiche informative aziendali, in particolar modo i problemi di reporting. La BI raggruppa ora tutte le discipline legate al prendere decisioni, all'alimentazione di Datawarehouse, alle pubblicazioni d informazioni (su Internet o su altro supporto), le applicazioni di Data Mining e i frontali d'analisi, in precedenza chiamati infocentri, Eis (Executive Information System) o, ancora, Sisd (Sistema d'informazione e Supporto alla Decisione). La BI comprende anche strumenti Decision Support System (DSS è la categoria di prodotti informatici destinata al supporto delle attività direzionali), ma comprende anche un sottoinsieme di strumenti più semplici, rivolti direttamente ai manager aziendali che non hanno una conoscenza approfondita dell'elaboratore. 14 Il passaggio da un approccio di settore o dipartimentale a una visione di assieme dell azienda ha portato alla nascita di applicazioni trasversali, quali l analisi della catena del valore, l analisi del cliente e la gestione delle risorse umane. 15 Si diffonde cioè un utilizzo collaborativo delle informazioni per condividerle e scambiarle tra le diverse aree aziendali. Questi fenomeni potrebbero portare secondo alcuni analisti a una crescita e diffusione esponenziale della BI negli anni futuri, simile a quanto è accaduto per l'informatica individuale negli anni Enterprise Resource Planning, che letteralmente significa "pianificazione delle risorse aziendali", si riferisce ai software applicativi che gestiscono un insieme di attività aziendali. Queste applicazioni sono in grado di supportare importanti processi di business, quali

7 gestione operativa, si assiste oggi alla crescita degli investimenti in applicazioni di BI per il Business Performance Management e nell affermazione di nuovi modelli di direzione basati sull utilizzo delle Balanced ScoreCard. Come si struttura un sistema di CRM Secondo quanto detto nel precedente paragrafo possiamo definire un sistema di CRM come un insieme di procedure, base dati, software e funzioni aziendali, che concorrono a formare il patrimonio di conoscenza sul cliente, a gestirlo, a bonif icarlo e a farlo fruttare. L'applicazione di un sistema di CRM richiede l'utilizzo di tecnologie per automatizzare i processi di front-end (vendite, servizi di supporto, marketing, canali distributivi ecc.), e integrarli con i sistemi transazionali e con quelli che producono informazioni di supporto (tipicamente il Datawarehouse, i Datamart e i sistemi di analisi dei dati). Il sistema si distingue fra CRM analitico (anche detto informativo), che analizza e interpreta le informazioni sul cliente (ossia tutto ciò che attiene alle attività di back office di un impresa), e CRM operativo, al quale appartengono tutte le azioni quotidiane volte a gestire le relazioni con il cliente nel cosiddetto front office (qualunque sia il canale di comunicazione: rete di vendita, servizio di assistenza, contact centre, dipartimento marketing, ecc.). L'architettura tecnologica è a metà strada tra la categoria operativa e quella analitica. Spesso a queste due si affianca un altra area, il CRM collaborativo, che si riferisce in modo particolare alle metodologie e alle tecnologie integrate con i molteplici canali di comunicazione (telefono, fax, , web, ecc.) per gestire il contatto personalizzato con il cliente (il cosiddetto Contact Center Multicanale). Inoltre, essendo integrato con CRM operativo e analitico, permette di realizzare offerte personalizzate per ogni categoria di clientela e di aggiornare in automatico i dati relativi alle azioni intraprese sulle altre componenti. Per meglio comprendere l architettura del sistema si faccia riferimento alla Figura 1. Figura 1: L infrastruttura tecnologica di un sistema di CRM Si è scelto di iniziare la descrizione del sistema a prtire dalla struttura dal CRM analitico, che in pratica ad esempio la pianificazione dei prodotti, la relazione con i fornitori, la gestione degli ordini e il servizio clienti.

8 consiste nell applicare i sistemi di Business Intelligence (reportistica, analisi OLAP 17 e altro) a un CRM operativo, in modo da ottenere un analisi puntuale dei dati per il supporto alle decisioni aziendali. Il CRM analitico quindi cattura, conserva, estrae, elabora, interpreta e diffonde le informazioni sul clie nte. I sistemi di Business Intelligence (detti anche di marketing intelligence) 18 partendo da un'archiviazione coerente di tutte le informazioni disponibili sulla base clienti, sono in grado di elaborare analisi su segmentazioni sempre più piccole (in teoria fino al cosiddetto segmento unitario), per studiarne il comportamento nel tempo. Si viene così a disporre di strumenti per realizzare ricerche di mercato di alto livello e in tempi ridotti rispetto alle metodologie tradizionali: ad esempio si possono attivare degli "alert" che aiutano a individuare le situazioni critiche al fine di intervenire in modo tempestivo. I sistemi di BI si appoggiano su una piattaforma tecnologica di Datawarehouse (DW 19 ), elemento alla base di una soluzione CRM, che integra in un solo database tutte le informazioni provenienti dalle diverse fonti informative aziendali 20, realizzando così la necessaria integrazione delle relative applicazioni: prevalentemente si tratta dei dati dei sistemi gestionali ed ERP (cioè di provenienza interna), ma nelle migliori soluzioni sono previsti anche strumenti per integrare i dati provenienti da applicazioni e ambienti diversi (dall'ambiente office dell'utente, al portale aziendale, a internet, ma anche ricerche di mercato ad hoc). Le informazioni contenute, quindi, provengono da fonti differenti e hanno diversi formati. Il Datawarehouse è un motore di calcolo analitico che supporta le attività di analisi e decisione dell impresa, e in pratica, è tipicamente una piattaforma costituita da un insieme di programmi che estraggono i dati dall'ambiente operativo, da un database che contiene il Datawarehouse stesso e da un insieme di procedure che rendono disponibili questi dati agli utenti. Dal punto di vista architetturale, il DW deve essere dotato della capacità di eseguire operazioni complesse e "pesanti" per quanto attiene l'impegno di capacità di elaborazione. Il poter operare con un archivio unico porta vantaggi in termini di coerenza e condivisione dei dati, non solo a livello di call center ma anche di rete di vendita. Grazie allo sviluppo dei sistemi di DW, si crea in azienda un patrimonio informativo prezioso presente solo nel sistema di BI, e per questo motivo si assiste oggi al processo contrario che appunto chiude il cerchio (il cosiddetto closed-loop). In pratica è il sistema di BI con i suoi Datawarehouse/Data Mart 21 ad alimentare a valle il sistema ERP o un gestionale specifico, 17 Gli strumenti OLAP (On Line Analytic Processing) sono utilizzati per eseguire interrogazioni specifiche sui database aziendali e realizzare report riassuntivi, come ad esempio il livello di acquisti ripartito per area geografica. 18 Tra i sistemi di Business Intelligence disponibili sul mercato italiano citiamo ad esempio Business Object, Hyperyon, Informix, Microsoft, Microstrategy, Oracle e Sas. 19 Il Datawarehouse - "magazzino di dati" - è essenzialmente un database di grosse dimensioni (che può, infatti, essere suddiviso su più computer ed essere costituito da diversi database) in grado di raccogliere, omogeneizzare, razionalizzare e rendere disponibili tutte le informazioni di un azienda. 20 Le fonti informative aziendali sono numerose. I progetti di BI delle aziende europee si trovano in media a dover integrare da 6 a 10 fonti di dati (nel 39% dei casi) e da 11 a 20 fonti diverse per un altro 32%. C è, inoltre, un altro 11% di imprese che deve integrare nella soluzione di BI fino a database diversi. Fonte Garner Group, Per Data Mart si intendono basi dati costruite per facilitare maggiormente l archiviazione dei dati e l utilizzo delle informazioni con modalità specifiche. Lo si può pensare come un particolare Datawarehouse caratterizzato dal raccogliere solo alcuni tipi di dati: ad esempio può essere utilizzato come banca dati uno specifico comparto aziendale. Una soluzione di CRM può presentare la costruzione di Datawarehouse o di singoli Datamart o, e forse si tratta della soluzione migliore, di entrambi.

9 oppure ad aggiornare le informazioni de l portale aziendale su web. Si pensi ad esempio ai budget nati sul sistema BI che alimentano a valle le applicazioni di autorizzazione della spesa sulla base del budget di investimenti concordato, oppure ai sistemi produttivi e MRP che ricevono i volumi pianificati dai processi previsionali di BI. Sono sempre più numerosi anche i portali aziendali alimentati da sistemi di BI: basti pensare all accesso da parte della forza vendita alle informazioni sui clienti, ottenute con il CRM analitico. Il processo d integrazione e di pervasività dei sistemi di DW e BI è confermato, oltre che dalla posizione prioritaria di questo tipo d investimenti in It, dal fatto che questa infrastruttura applicativa in qualche modo supporta l intera governance delle aziende: dall amministrazione al marketing, dagli acquisti alla direzione generale, dalle vendite ai sistemi informativi. Se la costruzione del Datawarehouse e dei vari Datamart rappresentano la parte più costosa e lunga di un progetto di CRM, sono gli strumenti di analisi dei dati raccolti che determinano l efficienza e l efficacia del medesimo: i dati devono essere trasformati in informazioni utili per i centri decisionali o di controllo. Gli strumenti di analisi si distinguono in due categorie: - strumenti di interrogazione della base dati per generare elenchi di clienti in base a regole di estrazione predefinite in base all obiettivo da conseguire. - strumenti di data mining 22 capaci di individuare le regole nascoste in base alle quali un fenomeno analizzato si manifesta. Questo tipo di analisi consente di estrarre tendenze, rilevare correlazioni tra i comportamenti di diverse variabili, reperire ripetizioni di fenomeni e facilitare così il lavoro dei decisori. Oggi non è difficile disporre di dati (basti pensare alla ricchezza delle fonti di dati accessibili su web o attraverso Datawarehouse aziendali), il problema è cercare di utilizzarli, estrarne le informazioni. Spesso i dati, che si possono riferirsi all'attività giornaliera dell'impresa privata (o pubblica), alla clientela (o all'utenza), al mercato o alla concorrenza, si presentano in forma eterogenea, ridondante, non strutturata e quindi in modo non utile. L utilizzo di strumenti di Data Mining, in particolar modo, permette di rispondere a domande generiche, di far emergere dai dati le associazioni esistenti senza richiedere la formulazione di ipotesi a priori, grazie a un approccio esplorativo più adatto a rispondere alle odierne esigenze delle imprese. Fino qui si è parlato del CRM analitico, cioè dell intelligenza del sistema di CRM che genera la conoscenza che permette di sviluppare tutte quelle azioni che ricadono sotto la definizione di CRM operativo. Utilizzare gli strumenti di ICT ha permesso di gestire in modo tempestivo e automatizzato il rapporto con la clientela, trasferendo una modalità di approccio, dedicata in passato solo ai clienti importanti (per capacità di spesa e dimensioni), alla totalità del target. In pratica, il CRM operativo supporta le attività di back office per la gestione degli ordini, della supply chain e delle transazioni con il sistema informatico dell'azienda; le attività di front office per l'automazione delle forze vendita e l'automazione del marketing d'impresa; le attività di mobile office per il supporto alle attività degli agenti e per altri servizi di supporto. Il CRM operativo coinvolge tutti i canali di interazione con il cliente, da quelli innovativi a quelli 22 Questa analisi è realizzata in maniera assistita grazie ad algoritmi che riprendono i lavori realizzati nei settori ancestrali della logica fuzzy, dell'intelligenza artificiale e delle reti neurali. Per una sua definizione, si consideri quella fornita da Gartner Group: Data mining is the process of discovering meaningful new correlations, patterns and trends by sifting through large amounts of data stored in repositories, using pattern recognition technologies as well as statistical and mathematical techniques.

10 tradizionali, come la rete di vendita e le filiali, permettendo azioni più customerizzate e ha, quindi, un forte impatto sulla forma dell'organizzazione e sui ruoli svolti dai collaboratori, in particolare sul front end dell'azienda. Il contatto azienda-cliente è il nodo essenziale per un buon funzionamento del sistema, in quanto permette la raccolta delle informazioni sui clienti, attuali e potenziali, da inserire nel database clienti per poi trasformarle in dati necessari per indirizzare la gestione attraverso il Datawarehouse. L'obiettivo da perseguire è perciò facilitare il compito del front end di trasmettere le richieste dei clienti all interno dell impresa, per usarle per dirigere il processo. Questo passaggio può essere realizzato grazie a vari strumenti di contatto come ad esempio il call center, la posta elettronica, il fax, sito Internet ecc. Su questo tema nel 2001 l Istituto CIRM Market Research aveva condotto un'indagine che dimostrava che il contatto azienda/cliente avviene soprattutto telefonicamente (75,3%), forse anche a causa della diffusione del numero verde come strumento di comunicazione aziendale che, per il cliente, si traduce in una rapida ed economica possibilità di contatto, anche per segnalare problemi o chiedere chiarimenti. Per le aziende, invece, il numero verde rappresenta il modo più efficace per farsi raggiungere da tutti i clienti, attuali e potenziali, ottenendo in un modo relativamente economico informazioni e suggerimenti utili in fase di programmazione e valutazione della propria attività. Il contatto diretto allo sportello tipico delle società erogatrici di "servizi pubblici" risultava meno utilizzato (39%), fatta eccezione per la categoria delle casalinghe e dei profili tradizionali. Le richieste effettuate tramite Internet, fax e posta elettronica rappresentavano ancora fenomeni limitati. In particolar modo, visto la scarsa alfabetizzazione informatica del nostro Paese, l'utilizzo di Internet e dell resta diffuso essenzialmente tra i giovani ( 29%). Figura 2: Canali utilizzati nelle relazioni con il cliente (Fonte CIRM 2001) In linea con questi dati è stato lo sviluppo dei call center, che permettono di accentrare la conoscenza sul cliente, necessaria per effettuare transazioni economiche e gestire attività di servizio: il sistema informativo è alla base dell operatività del call center, nel quale l'operatore è collegato con ogni altra funzione e reparto aziendale interessato e utilizza un sistema capace di archiviare e gestire in maniera efficiente le informazioni sul cliente. Questa modalità di contatto con il cliente impatta sulla natura stessa delle reti di vendita, poiché il venditore non è più l'unico referente della relazione con il cliente. Il ricorso a questo strumento permette di alleggerire la gestione quotidiana operativa degli agenti a favore dell'attività di procacciamento di nuovi business, e spesso migliora il livello di servizio, consentendo al tempo stesso un forte risparmio economico.

11 Alcune regole per il successo di un sistema di CRM La letteratura si è frequentemente occupata delle condizioni di successo di un progetto di CRM, visto anche che spesso gli investimenti realizzati dalle imprese italiane ma anche da quelle estere - non hanno prodotto i risultati promessi e sperati. L errore è stato ritenere che l implementazione di un sistema di BI sia sufficiente a garantire il successo, considerando il progetto come un semplice investimento in tecnologia. L adozione profittevole di questo tipo di strumenti necessita, infatti, di alcuni prerequisiti: esige una rimodellazione dell impresa affiancata da una revisione dei suoi processi interni ed esterni e della loro integrazione; richiede che sia rivista la qualità e gli skill delle persone, e anche dei fornitori. Dopo avere visto la struttura di un sistema di CRM, si possono anche meglio comprendere le principali 10 regole, ivi brevemente riportate, che garantiscono che un progetto abbia successo. Partendo dall assunto che i progetti di CRM richiedono ingenti investimenti (milioni di euro, soprattutto per l area analitica), risulta importante che siano ben definiti i tempi, i costi e i ricavi in modo che vi sia l appoggio da parte dei vertici aziendali e non si abbandoni erroneamente il progetto troppo presto, sprecando risorse. A questo scopo sarebbe preferibile dividere il progetto in sub-progetti 23 integrati fra loro, che evidenzino la loro utilità in modo graduale, tenendo comunque sempre conto della visione generale. In questo senso il progetto deve prevedere obiettivi differenziati in termini: spaziali, cioè dividendo i clienti in gruppi, per valutare meglio i tipi di intervento ed evitare così sprechi di risorse; temporali, non dimenticando mai che i risultati eccellenti arriveranno alla fine, dopo un necessario e inevitabile periodo di adattamento/apprendimento dell impresa. Questa impostazione rende basilare da parte delle società una definizione chiara degli obiettivi in moda da tracciare le finalità strategiche in un arco di tempo di 2/5 anni: questi possono includere obiettivi di vendite, di quote di mercato e di margini. Il coordinamento è particolarmente importante perché anche se i progetti di CRM possono essere scomposti in più iniziative separate, ma tra loro coordinate, basate su un coerente disegno dei processi incentrati sui clienti, sui diversi canali e sulle diverse unità organizzative delle aziende, restano progetti di natura pluriennale. Il processo di implementazione di un progetto di CRM non è banale, e per avere successo occorre analizzare i processi aziendali alla luce delle aspettative del cliente, identificare i punti di forza e di debolezza, e ridisegnarli in base a ciò che il cliente vuole. In particolare si deve agire su quelle funzioni aziendali più coinvolte in questo tipo di processo: il marketing, le vendite e il supporto post-vendita, cioè quelle che hanno un rapporto diretto con il mercato (il cosiddetto front office). Ognuna di queste funzioni possiede informazioni sui clienti, gestisce contatti con loro e decide azioni, è quindi fondamentale che la collaborazione e lo scambio di informazioni sia continuo, immediato e tempestivo, l approccio CRM si pone questo come obiettivo interno all impresa per raggiungere l obiettivo finale, e principale, di maggiore redditività nel proprio business. Ecco perché si deve prevedere il coinvolgimento del personale sotto vari aspetti raccolta dati, utilizzo delle informazioni spiegando bene le finalità del progetto e mostrando anche i vantaggi pratici per l operatività dell organizzazione. Il coinvolgimento richiede che siano previsti percorsi formativi per 23 La divisione in microprogetti non deve seguire una logica temporale, ma semplicemente individuare delle finalità specifiche da inserire nel quadro unitario finale.

12 sviluppare le capacità di utilizzo della tecnologia del sistema CRM da parte di tutti i soggetti coinvolti. In questo ambito è importante anche il sostegno da parte dei fornitori di strumenti di BI, i quali dovrebbero aiutare le aziende a rendere operative le soluzioni di qualità attraverso la fattiva presenza di persone capaci. Questo tipo di investimenti spesso comporta una riorganizzazione aziendale per ridefinire le responsabilità e le eventuali interdipendenze: risulta a volte necessario creare addirittura una figura dedicata al coordinamento degli uffici che si occupano delle iniziative di customer care. Visto l impatto sul personale dell impresa, risulta fondamentale la revisione dei meccanismi operativi per motivare, creare un gruppo affiatato e motivato facendo leva sull utilizzo di premi/incentivi in base al raggiungimento degli obiettivi prefissati e sistemi di controllo di gestione attenti anche alla performance commerciale e alla qualità dell offerta. Le fondamenta del progetto sono i dati, che possono essere efficientemente utilizzati, solo se saranno completi e di qualità. La completezza delle informazioni può essere raggiunta attraverso un approccio integrato dei vari canali di contatto, dando attenzione anche a dati di carattere qualitativo. La qualità dipende non solo dalla corretta imputazione, che eviti duplicazioni e disallineamenti, ma anche dalla frequenza degli aggiornamenti: dati errati portano ad analisi e strategie fuorvianti per la creazione di valore dell impresa. Non è difficile comprendere che il successo e il valore (anche economico) di questa filosofia/cultura gestionale non dipende solo dalla tecnologia, ma dal fatto che la vision aziendale sia improntata al cliente e alla soddisfazione di tutti i clienti. Quindi prima di implementare un sistema di CRM, dovrebbe anche essere chiara la politica aziendale, ad esempio se si tratta di "una società centrata sul cliente" oppure se si attua una strategia basata "sulla differenzia zione del livello di servizio" eccetera. Perché scegliere la filosofia Una scelta deve partire dall osservazione della realtà e valutare i differenti scenari compresa la scelta zero, non faccio nulla! che comporta comunque dei costi in termini di mancata opportunità. È in questo senso che si deve guardare al profondo divide esistente fra le aziende che hanno investito significativamente in BI - ricavando reali benefici in termini di capacità decisionale, tempestività, efficacia operativa, profittabilità - e quelle che non hanno capito la necessità di trasformare il dato in informazione e l informazione in risorsa strategica per i decision maker. Se le prime imprese sono diventate, in definitiva, più efficienti e competitive è importante che le altre inizino a riflettere sul costo dei non investimenti. Per prima cosa si deve comprendere come sia possibile adeguare il linguaggio della tecnologia alla soluzione dei problemi della propria azienda, tecnologia che deve capire il tipo di business che è chiamata a supportare. Questo rappresenta un importante evoluzione culturale, che abbiamo già detto deve coinvolgere anche i fornitori: oltre a garantire tempi ragionevoli ai ritorno sugli investimenti, è auspicabile che aiutino i clienti a sviluppare il bagaglio strumentale e metodologico, oggi purtroppo ancora inesistente in Italia, richiesto per misurarli. Il processo dovrebbe essere visto come un "ciclo continuo" che integri ogni aspetto dell attività aziendale (interno ed esterno) al fine di operare in sincronia con l altro grazie alla gestione ottimizzata delle informazioni. Dato che oggi le relazioni tra impresa e cliente tendono a svilupparsi contemporaneamente attraverso numerosi canali (punti vendita, agenti, telefono fisso o mobile, Internet/mail, ATM, chioschi multimediali, eccetera), la complessità del sistema cresce notevolmente fino ai limiti della ingestibilità. La progressiva convergenza tecnologica nel mondo della comunicazione è, infatti, rappresentata dalla cosiddetta Unified Communication. I sistemi di CRM permettono appunto di governare tale complessità grazie a una

13 piattaforma di strumenti e soluzioni ava nzati in termini di raccolta e analisi dei dati, definizione dei contenuti e interfaccia, sulla quale i vari canali trovano l'integrazione necessaria, permettendo a ogni dipendente di avere un'univoca visione del cliente. La multicanalità aiuta il cliente a sentirsi parte del sistema, esserci sempre, qualunque sia il luogo e la situazione in cui il cliente, per comodità o convenienza, opera: in sede, in filiale, via telefono o Internet essere sempre a disposizione del cliente in modo distintivo e assicurando pari livelli di qualità, affidabilità, professionalità e completezza. L'obiettivo strategico del CRM è di massimizzare il valore delle relazioni tra azienda e cliente, per questo si contrappone all'approccio transazionale che fa dipendere la redditività aziendale essenzialmente dal risultato ottenuto in ogni singolo scambio, dalla capacità di conquistare quote sempre più ampie di mercato, dallo sviluppo dei volumi scambiati e dalla minimizzazione dei costi per singola operazione. Il CRM sposta l'attenzione dalla singola transazione alla relazione con il cliente durante tutto il suo ciclo di vita. La redditività dell'azienda è vista come un fattore dipendente dal comportamento di acquisto dei suoi clienti nel medio-lungo periodo, quindi diviene fondamentale rafforzare e personalizzare la relazione con il cliente, ascoltandolo e anticipando adeguatamente le sue istanze. Il concetto di base, ancora una volta sottolineato, è il focus sulla soddisfazione e sulla fedeltà del cliente e non sull'acquisiszione di prospect. Il dotarsi di un sistema di CRM mira, infatti, a trasformare la conoscenza dei propri clienti e lo sviluppo di relazioni stabili e durature in un vantaggio competitivo, in un aumento della redditività aziendale: miglioramento del servizio, aumento dell efficienza, massimizzazione delle iniziative di cross selling e up selling 24, raffinamento delle azioni di marketing e di vendita, contenimento dei costi 25. Il punto d'arrivo è un cliente "leale", ovvero collaborativo, che ritiene l'impresa "giusta" e trasparente, e per questo è disposto a investire nella sperimentazione di nuovi prodotti/servizi più sofisticati, ricchi e costosi. Un buon tasso di fedeltà può avviare in un impresa un circolo virtuoso: sviluppo dei margini maggiori investimenti fedeltà elevata soddisfazione Il CRM consente all azienda, attraverso l utilizzo di strumenti adeguati, di agire in modo efficace ed efficiente sulle variabili alla base del valore del ciclo di vita del cliente (Customer Life Time 24 Il cross-selling mira ad aumentare il numero dei prodotti/servizi venduti al cliente, attraverso l'offerta di un prodotto/servizio complementare a quello per il quale il cliente ha manifestato un'intenzione d'acquisto. L up-selling offre un prodotto di migliore qualità e costo, ma con lo stesso valore d'uso di quello scelto dal cliente. 25 Il Crm aiuta, infatti, il management a capire quanto e dove è possibile ridurre i costi senza perdere in termini di efficienza e efficacia.

14 Value). Questo valore, infatti, dipende dalla capacità dell impresa di costruire relazioni più o meno personalizzate in funzione della redditività attuale e prospettica che si basa su più elementi: il numero delle transazioni effettuate dal singolo cliente, il numero dei clienti dell impresa, i ricavi e costi per ogni transazione e il time value del singolo cliente. Si è detto più volte che il CRM pone l attenzione sul cliente esistente, per questo è utile che il sistema possa individuare e segnalere eventuali anomalie comportamentali, situazioni di abbandono o di riduzione dell'intensità d'uso dei servizi, propensione all'acquisto di nuovi prodotti, sensibilità alle azioni promozionali, bisogni insoddisfatti, il livello di rischio, il tipo e le modalità di utilizzo dei canali distributivi, e tutto quant'altro potrebbe essere utile all'organizzazione per meglio gestire situazioni critiche e il costante obiettivo della redemption. Tradizionalmente un impresa decide di creare un Datawarehouse in quanto desidera utilizzare i dati aziendali per comprendere gli andamenti del passato e per fare previsioni sul futuro, migliorando di conseguenza la gestione del business corrente. Esso viene inserito in un sistema CRM perché i normali sistemi di elaborazione delle transazioni non sono in grado di fornire: informazioni integrate, infatti ogni applicazione opera sulla propria struttura dati e difficilmente la medesima è condivisa da due diverse applicazioni; informazioni storiche, di fatto ogni applicazione è focalizzata sui dati correnti e raramente effettua il consolidamento di quelli storici. Questi due elementi sono, invece, propri del Datawarehouse, che memorizza i dati con un livello di settorializzazione o granularità abbastanza elevato, con la possibilità di poterli riaggregare in base alle necessità informative richieste di volta in volta dall'impresa, supportando così tutte le operazioni di tipo decisionale. Se l impresa è interessata a scavare ancora più in profondità nei dati, può utilmente inserire nel proprio progetto di CRM l utilizzo del Data Mining, che porta a nuove conoscenze e di conseguenza aiuta a prendere decisioni migliori. Queste tecniche di indagine avanzate permettono di svelare informazioni nascoste, creare modelli esplicativi, identificare relazioni fra le attività e correggere errori di gestione. I risultati sono di qualità e in una forma comprensibile e facilmente interpretabile, in questo modo è possibile ottenere un migliore ritorno sugli investimenti in Datawarehouse. I vantaggi concreti sono di fatto: una riduzione dei costi a fronte di processi più efficienti che danno forza ai dati aziendali permettendo la progettazione di programmi futuri più specifici; un aumento dei profitti attraverso nuove opportunità di crescita (basti pensare alla possibilità di assegnare uno score ai clie nti per valutare i prospect). Ricordiamo che il fine ultimo di un impresa è sempre quello di generare profitti, quindi gli aspetti finanziari legati ai progetti di CRM non sono un pr oblema secondario; soprattutto perché è difficile valutare economicamente progetti caratterizzati da costi ingenti e difficilmente identificabili nel loro complesso, a fronte dei quali non si riescono a definire anticipatamente ricavi di breve periodo o direttamente imputabili. Non a caso oggi si parla di un nuovo CRM, che abbandona progetti faraonici pluriennali per concentrarsi su progetti circoscritti con soluzioni flessibili e modulari che garantiscano ritorni degli investimenti definiti e a breve termine. Lo stallo del mercato è stato causato, oltre che dagli elevati costi, dalla complessità delle soluzioni tradizionali proposte e dai lunghi tempi di implementazione che pesano sul bilancio dell impresa. Questa seconda generazione sceglie i percorsi incrementali, in cui la tecnologia sia trasformata in valore di business considerando anche il contesto economico odierno, caratterizzato da una concorrenza globale sempre più aggressiva, che costringe l imprese a guardare con maggiore attenzione ai margini operativi. Ecco perchè le imprese oggi richiedono risposte concrete a problemi pratici: una Business Iintelligence estesa a livello aziendale affiancata a soluzioni flessibili e integrabili; una maggiore adattabilità alle strategie della propria azienda e del settore a cui si rivolgono, una maggiore usabilità da parte degli utenti finali.

15 La situazione italiana negli anni 2000 Al fine di fornire un quadro più completo circa l evoluzione e la salute del settore, è utile ripercorrere gli ultimi anni attraverso le ricerche effettuate, soffermandoci sui risultati, i numeri che forse meglio evidenziano l importanza e l impatto di questa nuova strategia sulle imprese, di qualsiasi dimensione, che desiderano affrontare in modo vincente la sfida del terzo millennio. Nel 2000 dallo studio CRM, Web Call Center in Italia, condotto dalla società di ricerche di mercato Markab, era emerso che le imprese stavano iniziando ad assegnare un ruolo chiave al cliente nello sviluppo del proprio business. Questo si rifletteva nella crescita del mercato dei contact center, sempre meno limitato al solo canale vocale e più aperto alle soluzioni IP, e in una maggiore fiducia nelle potenzialità di sviluppo delle tecnologie di Datawarehousing e Data Mining (26% del campione intervistato). Dopo un impressionante 2000, il CRM si è fortemente raffreddato nel 2001, riportando una modesta crescita del 6%. Nonostante questo, la ricerca presentata da Assintel e Fed ha messo in evidenza che una buona percentuale delle aziende italiane si dichiari "orientata al cliente" (64%), prestando molta attenzione alla soddisfazione delle esigenze informative del cliente (43%), gestendo più fonti informative (24%) e personalizzando i prodotti/servizi alle richieste dei clienti (15%). In questa prima fase, l utilizzo quotidiano di Internet per questi scopi era piuttosto limitato, se non addirittura elementare; fatta eccezione per le aziende rivolte direttamente al mercato "consumer" caratterizzate da qualche utilizzo più mirato. Sempre nel 2001 la CIRM ha condotto una ricerca per analizzare lo scenario del CRM, con particolare attenzione ai servizi aziendali di front office, evidenziando che i contatti "azie nda-cliente" più frequenti si hanno nel settore delle telecomunicazioni (68,9%), dei servizi pubblici (62%) e dei servizi finanziari/assicurativi (54,3%). Erano, invece, scarsi i contatti tra i clienti e le aziende produttrici di beni di largo consumo (15,2%): questa differenza sottolinea la gestione "tradizionale" orientata al prodotto piuttosto che al clie nte delle aziende operanti in questo settore. Nello stesso anno in base ai dati raccolti dalla ricerca condotta dal Customer Management Forum, su un campione di 111 aziende italiane, nel nostro Paese si stavano diffondendo sempre più strategie di relazione con il cliente gestite con strumenti multimediali. Guardando ai media, i più utilizzati risultavano essere la posta elettronica 26 (88,5%), il Web (56,7%), mentre nella relazione con il cliente si confermava il predominio dei contact center (87,5%) seguiti dalla rete distributiva e commerciale (53,8%) e dal sito Web (48,1%). I risultati dell indagine, condotta nel 2002 da NetConsulting sulla diffusione della Business Intelligence nel nostro Paese, avevano evidenziato un brusco rallentamento del mercato dell It 27. Se negli anni precedenti l It aveva registrato tassi di crescita compresi fra il 10 e il 13%, il 2002 si è chiuso con una crescita prossima allo zero causata prevalentemente dalla crisi della domanda da parte delle piccole imprese e del mondo consumer. Una contrazione legata al fatto che le Pmi hanno sviluppato verso l It un approccio mentale sempre più orientato al breve periodo, soprattutto a causa della difficoltà nel determinare l effettivo ritorno sugli investimenti. Il pericolo è la conseguente perdita di capacità di visione e, quindi, della componente strategica delle scelte di innovazione: questo, come si è già detto, ha portato a quella che si definisce la 26 I dati relativi alla posta elettronica hanno evidenziato che i messaggi in uscita (dall azienda al cliente) sono il 76,6% del totale del traffico di messaggi e che tale strumento, sul traffico totale della rete, sta comunque crescendo passando dal rappresentarne l 1,5% nel 2000, al 4,2% nel Il rallentamento non ha riguardato solo l hardware, ma si è registrata una considerevole riduzione anche delle componenti software e servizi, che sono sempre state il traino del settore It.

16 seconda generazione di soluzioni di CRM e BI, con offerte mirate in grado di creare da subito efficienza e profitti concreti. La stessa indagine rivela un management italiano che ha oramai acquisito una vera comprensione dei valori strategici dell It, capace di supportare l incremento e il controllo dell efficienza oltre che la diversificazione e l ampliamento dell offerta. I sistemi informativi delle aziende italiane si sono orientati, infatti, verso la gestione efficace e intelligente dell informazione, che assume un valore sempre più strategico nella gestione aziendale. La seguente tabella evidenzia la tipologia di investimenti effettuati nel nostro Paese 28. Progetti di: % Business intelligence o di Datawarehousing 58% Erp 12% CRM 12% Extranet per clienti e agenti 10% Gestione delle risorse umane 7% Tabella 1: Dove hanno investito le imprese nel Si noti che la gestione avanzata dell informazione è la caratteristica prevalente della maggior parte delle applicazioni considerate, informazioni che non riguardano solo i clienti, ma anche i fornitori, l andamento delle vendite nonché quelle gestionali e amministrative. Il senso del valore strategico dell informazione si proietta su tutti i settori e le funzioni aziendali, creando strutture sempre più integrate all interno e sistemiche nei loro rapporti con l esterno, sia nei confronti dei clienti che dei fornitori. La fase di crisi dell'industria del software del settore CRM è individuata anche dalla ricerca realizzata da Gartner Group, confermando il trend negativo che era già presente nel 2001 in misura minore : il mercato aveva raggiunto i 2,8 miliardi di dollari nel 2002 con una flessione del -24,7% rispetto al 2001 (3,7 miliardi), anno in cui il mercato era sceso del 6,4%. Se guardiamo al 2003, secondo i dati Gartner Dataquest il fatturato mondiale del CRM è stato di 3.4 miliardi di dollari, rivelando una leggera flessione rispetto al 2002 (3.5 miliardi di dollari) e soprattutto un aumento del peso delle piccole e medie imprese nei confronti delle grandi e dell on demand che si attesta a un tasso del 35%. Stando ai dati dell indagine condotta dal Customer Management Forum 30 sull applicazione delle soluzioni di CRM in Italia, le nostre imprese si sono limitate principalmente all implementazione di contact center, e solo poche realtà hanno una visione strategica delle opportunità offerte dalla gestione del contatto esterno in termini di competitività. Nonostante la focalizzazione delle imprese italiane sulla creazione e 28 I dati relativi al settore Banche si differenziano per un attenzione maggiore verso il Crm (50% di progetti in corso e 38% pianificati) seguito da: Bi e Dw (con rispettivamente il 25 e il 33%), la sicurezza e il risk management (il 42 e il 25%), l outsourcing (25 e 25%) e l anagrafe centralizzata (33 e 17%). 29 Dati Netconsulting, dicembre Si veda il Report Benchmarking del Customer Management Forum, progetto promosso da Irso-Butera e Partners:

17 sviluppo di contact center, questi in Italia sono ancora pochi in confronto agli altri paesi europei: se nel nostro paese vi lavorano 250mila persone, pari all 1% della popolazione lavorativa, negli altri paesi si tocca anche il 3%. Se si guarda ai settori in cui si sono maggiormente implementate le soluzioni CRM dopo le telecomunicazioni, ricordando fra tutti Vodafone, troviamo il settore bancario, assicurativo e quello delle utilities per quanto attiene al mondo privato. La liberalizzazione del settore energetico, come avvenne alla fine degli anni novanta in quello delle telecomunicazioni31, ha creato pressione competit iva che spinge a mettere più attenzione nella relazione con i clienti: anche l incubment deve fidelizzare gli utenti, infatti Enel Gas ha investito nel milioni di euro in un progetto di business intelligence per il customer profile. Anche la Pubblica Amministrazione deve adottare soluzioni complete e integrate per la gestione delle richieste dei cittadini (citizen-driven). Un sistema CRM consente alle pubbliche amministrazioni di acquisire, visualizzare e utilizzare le informazioni fondamentali al fine di servire al meglio i propri utenti e cittadini. La pubblica amministrazione (PA) 32 registra, però, un forte ritardo rispetto alla realtà privata anche se non mancano casi eccellenti nella PA Centrale (Inps/Inail e Agenzia delle Entrate), come nella PA Locale (Roma e Firenze). Soffermandosi sul settore pubblico, si può sottolineare che oggi la PA affronta grandi sfide: cittadini e aziende con richieste sempre più pressanti in materia di servizi di e-government, la progressiva riduzione dei budget destinati al settore dei servizi e l'obsolescenza dei processi gestionali che necessitano di essere aggiornati. Contesto reso ancora più difficile dall esistenza di barriere che limitano l adozione di strumenti adeguati per la gestione della relazione con il cliente 33. Innanzitutto una difficoltà di comunicazione legata anche al fatto che spesso il CRM non è percepito come potenzialmente utile da parte delle Pubbliche amministrazioni. In secondo luogo le procedure e le infrastrutture pubbliche costituiscono spesso una barriera all adozione di CRM: ad esempio l inadeguatezza dei sistemi informativi pubblici limita la capacità dei governi di aprire canali per l interazione con la clientela. Infine, non si deve sottovalutare il fatto che le Istituzioni pubbliche ancora oggi sono restie a stringere alleanze (sia con soggetti privati che pubblici) per facilitare lo scambio di informazioni. In conclusione è importante scommettere sul Citizen Relationship Management, che permetterà alla PA di analizzare i dati forniti dagli utenti stessi durante le interazioni Cittadino-Amministrazione, con l obiettivo di definire meglio i servizi, consentire sistemi di personalizzazione sempre maggiori e aprire nuovi canali di comunicazione diretta. Il CRM nella Pubblica Amministrazione non deve essere inteso come una nuova modalità di approccio all utente, ma come uno strumento di conoscenza dello stesso. Il cittadino non è solo un fruitore di servizi, ma una fonte di informazioni e punti di vista grazie a cui pianificare ed elaborare servizi migliori e meglio erogati, oltre che nuove politiche di governo. 31 Da anni nel settore delle telecomunicazioni la conoscenza della customer base è un asset fondamentale da presidiare. Un forte ruolo è stato giocato dall apertura del mercato delle telecomunicazioni nel settembre del 1998, che ha avuto come primo effetto immediato il passaggio di molti clienti ai nuovi gestori. Questo ha determinato un grande cambiamento nell approccio di marketing, a partire dall ex-monopolista che ha spostato l attenzione dal prodotto al mercato. Nel nuovo regime di concorrenza diventava fondamentale massimizzare la redemption delle campagne, attraverso un offerta accurata verso i target specifici. 32 Nel caso della PA si parla più propriamente di Citizen Relationship Management. 33 Per un approfondimento sul tema si veda ad esempio lo studio Customer Relationship Management: A Blueprint for Government redatto da Accenture, società di analisi e consulenza.

18 Bibliografia [1] Report Benchmarking 2004, Customer Management Forum [2] Osservatorio Contact Center, Club Cmmc (Customer management multimedia call center) [3] Contact Center, un mercato in evoluzione, NetworkWorld, 29 novembre 2000 [4] Isabella Naef, Crm, il pc conta i punti fedeltà, MF, 30 novembre 2004 [5] Paola Partendola, La Lunga strada verso il CRM, ZeroUno, 28 febbraio 2005 [6] Eleonora Rambaldi, La fabbrica delle informazioni. [7] E. Valdani, B. Busacca (a cura di), Customer satisfaction: una nuova sfida, in Economia & Management, n 2, 1992, pag. 12 e ss. [8] Luciano Munari, L innovazione finanziaria, Osservatorio NewFin 2004, Pag 238. [9] Farinet e E. Ploncher, Customer Relationship Management, Edizioni Eta.

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Business Intelligence CRM

Business Intelligence CRM Business Intelligence CRM CRM! Customer relationship management:! L acronimo CRM (customer relationship management) significa letteralmente gestione della relazione con il cliente ;! la strategia e il

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp. www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.it coregain time to market Il CRM che fa pulsare il tuo business.

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM 1.1 CRM e Social CRM Dal momento del suo sviluppo, il CRM è sempre stato utilizzato da molte aziende

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE è confermata al dr. Paolo GAGLIARDO, con le specificazioni di seguito riportate. Alle dirette

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata su processi, controllo,

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS?

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? Le soluzioni INNOVA CRM sono la risposta L ESIGENZA DI UN NUOVO SISTEMA GESTIONALE E tipico e auspicabile per un Azienda, nel corso degli anni, avere un processo di

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER Sistemi Informativi Catena del valore di PORTER La catena del valore permette di considerare l'impresa come un sistema di attività generatrici del valore, inteso come il prezzo che il consumatore è disposto

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL Convegno ABI CRM 2003 Strategie di Valorizzazione delle Relazioni con la Clientela Andrea Di Fabio

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali Corso Sistemi Informativi Aziendali,. Sistemi informativi aziendali di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Marzo 2009 Corso Sistemi Informativi Aziendali - Il customer relationship management

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Data Mining e Analisi dei Dati

Data Mining e Analisi dei Dati e Analisi dei Dati Rosaria Lombardo Dipartimento di Economia, Seconda Università di Napoli La scienza che estrae utili informazioni da grandi databases è conosciuta come E una disciplina nuova che interseca

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick è una soluzione di Customer Relationship Management

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 10 - L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641

Organizzazione aziendale Lezione 10 - L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Organizzazione aziendale Lezione 10 - L organizzazione dell impresa Cap. 6 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Le funzioni aziendali La ricerca e sviluppo Il marketing e le vendite Le

Dettagli

IL CRM di Platinumdata

IL CRM di Platinumdata IL CRM di Platinumdata Cos è un CRM? Il Customer relationship management (CRM) o Gestione delle Relazioni coi Clienti è legato al concetto di fidelizzazione e gestione dei clienti. Attualmente il mercato

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza.

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza. B usiness I ntelligence: un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno.... abbiamo constatato ad esempio come le aziende che hanno investito significativamente in BI (Business Intelligence) abbiano

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM Sociologia della Comunicazione A.A. 2008-2009 Logiche ed applicazioni di CRM Fulvio Fortezza Importanza delle relazioni Oggi il successo di un impresa non dipende più solo dalle competenze che si originano

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli