Gli immigrati. nella città di Napoli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli immigrati. nella città di Napoli"

Transcript

1 CENTRO DI CITTADINANZA SOCIALE PER IMMIGRATI Comune di Napoli 92 Servizio Gruppi di Lavoro Pluritematici sull Immigrazione Coop. Sociale Dedalus G.C. di Napoli n del 7/12/2000 e n. 131 del 16/01/2002 e determinazione n. 37 del 5/3/2002 Gli immigrati nella città di Napoli (a cura di Elena de Filippo) Anno

2 Indice 1. PREMESSA 1 3. LE CARATTERISTICHE DELLA PRESENZA NEI DIVERSI CONTESTI CITTADINI GLI IMMIGRATI NELL AREA DI PIAZZA GARIBALDI BREVE DESCRIZIONE DEL TERRITORIO LA CONDIZIONE ABITATIVA LE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA IL LAVORO LA SCUOLA ANALISI DELLA PRESENZA DI IMMIGRATI NELL AREA DEI QUARTIERI SPAGNOLI E MONTESANTO BREVE DESCRIZIONE DEL TERRITORIO IL LAVORO LA SCUOLA BREVE DESCRIZIONE DEL TERRITORIO LA CONDIZIONE ABITATIVA IL LAVORO LA SCUOLA ANALISI DELLA PRESENZA DI IMMIGRATI NELL AREA ORIENTALE BREVE DESCRIZIONE DEL TERRITORIO LA CONDIZIONE ABITATIVA IL LAVORO LA SCUOLA ANALISI DELLA PRESENZA DI IMMIGRATI NELLA ZONA NORD BREVE DESCRIZIONE DEL TERRITORIO LA CONDIZIONE ABITATIVA IL LAVORO 60 2

3 3.5.4 LA SCUOLA I PROGETTI DI EDUCAZIONE PER ADULTI E I CORSI DI ALFABETIZZAZIONE PER PREADOLESCENTI BREVE DESCRIZIONE DEL TERRITORIO LA CONDIZIONE ABITATIVA IL LAVORO LA SCUOLA LE COMUNITÀ IMMIGRATE PRESENTI A NAPOLI LE COMUNITA PROVENIENTI DALL ASIA LA COMUNITÀ CINESE LA COMUNITÀ FILIPPINA LA COMUNITÀ PAKISTANA LA COMUNITÀ SRILANKESE LE COMUNITA PROVENIENTI DALL AFRICA LA COMUNITÀ BURKINABÈ LA COMUNITÀ CAPOVERDIANA LA COMUNITÀ ERITREA LA COMUNITÀ ETIOPE LA COMUNITÀ IVORIANA LA COMUNITÀ ARABA LA COMUNITÀ NIGERIANA LA COMUNITÀ SENEGALESE LA COMUNITÀ SOMALA LE COMUNITA PROVENIENTI DALL EUROPA ORIENTALE LA COMUNITÀ ALBANESE LA COMUNITÀ POLACCA LA COMUNITÀ ROM LA COMUNITÀ RUMENA 127 3

4 4.4.5 LA COMUNITÀ UCRAINA LE COMUNITA PROVENIENTI DALL AMERICA LATINA LA COMUNITÀ COLOMBIANA LA COMUNITÀ DOMINICANA LA COMUNITÀ ECUADOREGNA LA COMUNITÀ PERUVIANA 137 4

5 1. PREMESSA Il presente rapporto è il primo risultato, dal punto di vista dell elaborazione e della proposta, del lavoro svolto dai Gruppi Pluritematici sull immigrazione facenti parte della struttura operativa del Centro di Cittadinanza Sociale per Immigrati. Esso contiene una dettagliata analisi della presenza straniera nella città di Napoli, con particolare riferimento ai bisogni e alle aspettative degli immigrati e delle immigrate, e affronta, al contempo, il modo in cui queste istanze si rapportano con i servizi e le altre offerte del territorio. Il rapporto metterà in evidenza sia le capacità di risposta sia le aree di debolezza, dove cioè non vi è risposta, o le risposte non sono ancora adeguate alla complessità e all articolazione della domanda. Tale impostazione è coerente con il percorso avviato dal Comune di Napoli finalizzato a definire e strutturare nuovi modelli di politica sociale a favore dei migranti non comunitari presenti sul territorio cittadino. Nello specifico, in un quadro volto a realizzare interventi concreti e ben visibili, che puntino ad un sistema capace di garantire sicurezza ed identità sia per i nuovi arrivati che per gli autoctoni, l Amministrazione comunale ha istituito il Centro di Cittadinanza Sociale per Immigrati finalizzato a programmare e realizzare un sistema integrato di servizi per gli immigrati. In altre parole, si tratta di un progetto di studio, di ricerca applicata e di intervento dove l omogeneizzazione e la messa a sistema dei diversi servizi, la definizione e la proposta di nuove attività sulla base dei bisogni espressi dai destinatari, il monitoraggio e la valutazione permanente si configurano come obiettivi intermedi, propedeutici l uno all altro, indispensabili per il raggiungimento di una programmazione stabile e coordinata di politiche locali di governo dei flussi migratori, tesa a consolidare inclusione ed emancipazione degli stranieri non comunitari. Quindi un obiettivo complesso, per il raggiungimento del quale il Comune si è dotato di alcuni servizi di supporto dati in appalto ad organizzazioni del terzo settore - con la funzione di coadiuvare il Centro nella scelta dei percorsi e delle risposte da costruire quotidianamente sul territorio. I servizi di supporto sono un Ufficio di secondo livello, una unità mobile e, appunto i gruppi di lavoro pluritematici. Per quel che riguarda i gruppi di lavoro pluritematici essi hanno come obiettivo finale quello di mettere a punto nuove strategie per l attuazione di politiche locali e linee programmatiche a favore degli immigrati. A tal fine sono state individuate dall Amministrazione Comunale cinque aree tematiche: area giuridica ; area formazione e lavoro ; area alloggi ; area culturale ; area scolastica. Il compito dei gruppi di lavoro per ognuna delle aree tematiche è stato quello di: analizzare i bisogni della popolazione immigrata e la loro relazione con il sistema dei servizi; analizzare le problematiche e le criticità della presenza straniera; monitorare l andamento e il funzionamento dei servizi esistenti; costruire una banca dati delle opportunità e dei servizi; elaborare una prima bozza di linee guida per la programmazione di interventi. Ciascun gruppo di lavoro, oltre alle risorse operative e alle professionalità individuate in sede locale, si è avvalso della consulenza e del monitoraggio di cinque consulenti esterni, di scientifica rilevanza nazionale e di comprovata esperienza e competenza professionale: l avv. Nazzarena Zorzella, avvocato dell A.S.G.I., esperta nazionale sull immigrazione per l area giuridica; il prof. Enrico Pugliese, sociologo professore ordinario dell Università degli Studi di Napoli Federico II, esperto per l area formazione e lavoro; Walter Reggiani, consulente del CNEL, esperto per l area alloggi; il prof. Claudio Marta, antropologo e docente dell Università degli Studi di Napoli L Orientale, esperto per l area culturale ed, infine, il dott. Giuseppe Faso, insegnante e promotore di numerosi progetti di intercultura in Toscana ed esperto per l area scuola. 1.1 GLI OBIETTIVI SPECIFICI DEI GRUPPI DI LAVORO PLURITEMATICI Il gruppo di lavoro relativo all area giuridica ha l obiettivo di affrontare le problematiche inerenti la legislazione nazionale e locale in materia di immigrazione, soprattutto cogliendone le ricadute dirette sul quotidiano dei migranti presenti in città e di produrre proposte in merito alla definizione delle politiche comunali in tema di integrazione sociale e godimento dei diritti civili. L approvazione della legge Bossi-Fini, ed in particolare della regolarizzazione dei lavoratori dipendenti, ha richiesto una particolare attenzione allo studio della normativa e alla diffusione della stessa. In previsione della entrata in vigore della legge, ci si è impegnati in una serie di attività finalizzate alla diffusione delle norme in essa contenute. In primo luogo è stato raccolto e prodotto materiale informativo sul testo di legge e sulle sue implicazioni. In particolare, sono state elaborate schede sintetiche di facile ed immediata lettura distribuite durante alcuni seminari esplicativi, organizzati dallo stesso gruppo di lavoro sull area giuridica, sui temi della nuova normativa e sulla procedura di emersione del lavoro irregolare dei cittadini extracomunitari, a cui hanno partecipato assistenti sociali e operatori del privato sociale. 5

6 Tale attività divulgativa e di formazione/aggiornamento si è dimostrata particolarmente importante e ha suscitato un forte interesse da parte dei soggetti coinvolti. In tal senso, è sembrato opportuno proporre il mantenimento di tali iniziative, in primo luogo implementando il mandato del gruppo giuridico configurandolo, oltre alle funzioni attualmente individuate, anche come osservatorio sulle discriminazioni Il gruppo di lavoro sull area culturale si è dedicato all analisi dei possibili percorsi per favorire la costruzione di relazioni positive tra cittadini immigrati ed italiani e, contemporaneamente, la conservazione delle specificità culturali. Si è teso a valorizzare le affinità e, soprattutto, a garantire la diffusione e la valorizzazione delle espressioni culturali, sociali, economiche e religiose delle culture di provenienza degli immigrati, fuori da tentazioni di assimilazione o, addirittura, di discriminazione ed esclusione del diverso. Tutto questo attraverso il coinvolgimento delle associazioni e comunità di stranieri, delle organizzazioni di volontariato, delle associazioni culturali e degli altri enti del terzo settore e del privato sociale. Insomma, attraverso il lavoro svolto, si può dire che il gruppo si è connotato come una sorta di cantiere aperto di emersione e valorizzazione del patrimonio di esperienze ed espressioni culturali che la presenza delle comunità straniere fa convivere nella nostra città; patrimonio che spesso rimane sommerso, chiuso nei propri specifici, non valorizzato come risorsa collettiva per l insieme della popolazione Il gruppo che si interessa delle tematiche della formazione professionale e del lavoro ha portato avanti un analisi del mercato del lavoro locale in cui sono inseriti i lavoratori stranieri, da un lato per definirne con precisione i contorni, le caratteristiche e le tipologie, dall altro al fine di individuare le strategie da attuare per favorire la costruzione di stabili condizioni di pari opportunità di accesso sia al sistema inerente la formazione e l aggiornamento professionale, sia all inserimento nel mercato del lavoro Il gruppo di lavoro dell area alloggi ha analizzato la situazione del mercato locale delle abitazioni al quale gli immigrati possono accedere ed ha iniziato un analisi sulla possibilità di predisporre risposte concrete in tal senso. In particolare, si è occupato dello studio delle condizioni alloggiative che mediamente interessano le varie comunità presenti, in termini di principali tipologie abitative, dello stato igienicostrutturale delle abitazioni, delle modalità di accesso e di reperimento degli alloggi, dei canoni di locazione. In tale lavoro di studio, anche in riferimento alle diverse fasi che definiscono i percorsi migratori, sono stati considerati i centri di prima accoglienza, gli alloggi sociali, la verifica delle pari opportunità, per gli stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio, di accedere all edilizia residenziale pubblica, anche attraverso la promozione di servizi sociali per agevolare l accesso alle locazioni abitative ed al credito agevolato in materia di edilizia. Infine, il gruppo di lavoro relativo all area scolastica ha approfondito le diverse questioni relative alla tematica dell istruzione. A partire da quanto emerge dagli interventi che il Comune di Napoli ha già avviato a sostegno delle famiglie e dei minori immigrati, è stata realizzata una analisi del rapporto con la scuola da parte delle famiglie immigrate. In particolare, si pone l esigenza di sondare le varie possibilità di accesso, accoglienza ed integrazione degli stranieri (anche adulti) nel circuito scolastico, anche attraverso il ricorso alla mediazione culturale, a corsi di alfabetizzazione, alla predisposizione di percorsi integrativi degli studi sostenuti nel paese di provenienza al fine del conseguimento del titolo dell obbligo o del conseguimento del diploma di scuola secondaria. I gruppi di lavoro pluritematici hanno sede presso il Centro Polifunzionale di Villa Nestore a Piscinola, ma ci si è avvalsi anche degli uffici e delle attrezzature della cooperativa Dedalus presso il centro direzionale isola g8. Inoltre gran parte del lavoro è stato svolto dagli operatori direttamente sul territorio. 1.2 LA METODOLOGIA Il primo obiettivo dei gruppi di lavoro è stato quello di effettuare una mappatura delle organizzazioni attive nel campo dell immigrazione presenti nella città di Napoli. Ciò con l obiettivo di conoscere in modo esaustivo i soggetti attivi, far emergere ogni risorsa, sia formale che informale, ricostruire un archivio ragionato delle competenze e dei servizi è sembrato, infatti, in fase iniziale, un primo passo indispensabile non solo per potenziare e proporre una metodologia diffusa centrata sul coordinamento e sull integrazione, ma anche per calibrare la programmazione finalizzandola da un lato all innovazione, dall altro a recuperare i ritardi e i vuoti di intervento. Per realizzare questo specifico obiettivo di mappatura è stata elaborata una scheda sintetica di rilevazione, somministrata direttamente dagli operatori ai rappresentanti delle diverse organizzazioni presenti sul territorio. La scheda, tra l altro, mirava a rilevare le problematiche individuate dagli enti per ciascun area di intervento. Attraverso tale impostazione, con la mappatura, oltre a raccogliere informazioni sugli enti contattati, sono stati infatti indagati anche i principali bisogni degli immigrati nella città di Napoli, così almeno come gli stessi emergono dalle percezioni e dall esperienza di chi, a diverso titolo, lavora e produce elaborazione sul tema immigrazione nel contesto cittadino. Di conseguenza, sempre dal lavoro di mappatura, sono iniziate ad emergere anche alcune delle priorità di intervento da sottoporre all Amministrazione Comunale, soprattutto per quanto concerne i bisogni dei migranti e delle problematicità 6

7 più generali connesse alla presenza straniera in città. Indicazioni di priorità che per altro, sono state stimolate da un apposita parte del questionario, in cui si chiedeva ai soggetti intervistati di avanzare proposte o suggerimenti concreti per affrontare e rispondere alle necessità della popolazione immigrata. Dal punto di vista quantitativo, sono stati complessivamente contattati ottanta enti, prevalentemente del terzo settore, che operano in ambito sociale, di cui una quarantina si sono rivelati essere nella città di Napoli quelli più impegnati in materia di immigrazione. Si tratta di organizzazioni del terzo settore (cooperative sociali, associazioni di volontariato, parrocchie, fondazioni), sindacati, strutture di accoglienza, comunità di immigrati. Diciotto di queste organizzazioni, sostanzialmente quelle che rappresentano comunità straniere o che comunque sono composte da migranti se pur di diversa nazionalità, hanno dichiarato che l immigrazione rappresenta la loro area esclusiva di intervento. Per questi specifici enti, uno dei problemi che da subito è emerso con maggior chiarezza, riguarda la scarsa visibilità degli enti stessi, con una conseguente debolezza per quanto attiene la capacità e la possibilità di partecipare alla vita cittadina e di influenzare le scelte e le politiche sull immigrazione. Un deficit di partecipazione e riconoscimento dovuto sia a difficoltà interne ad alcune organizzazioni, sia alla mancanza di un adeguato sostegno da parte della comunità locale (carenza di spazi di aggregazione e socialità, inadeguate azioni di supporto amministrativo alla costituzione delle associazioni, ecc.). Successivamente alla mappatura degli enti, e sulla base del disegno della ricerca elaborato anche con la supervisione degli esperti, è stata effettuata una approfondita analisi sul campo della presenza straniera. Ricorrendo allo strumento della traccia di intervista, sono stati intervistati numerosi interlocutori privilegiati (testimoni qualificati) individuati tra quanti si interessano di immigrazione nei servizi pubblici, nel terzo settore, nel sindacato. Tra tali interlocutori sono stati considerati anche alcuni immigrati che, pur non rappresentando associazioni organizzate, si caratterizzano come veri e propri punti di riferimento per la loro comunità, vuoi perché hanno alle spalle lunghi periodi di soggiorno in città, vuoi per il ruolo partecipato e pubblico che gli stessi hanno mantenuto nelle sedi e nei luoghi di confronto e di iniziativa sul tema dell immigrazione e dei servizi ad essa dedicati. Per ognuna delle aree tematiche è stata elaborata una traccia di intervista specifica, strutturata in modo da far emergere le informazioni principali necessarie per l elaborazione dei rapporti sui cinque temi inerenti i gruppi di lavoro. Complessivamente sono state realizzate 215 interviste in profondità, 78 schede generali relative alle organizzazioni effettuate a circa ottanta testimoni qualificati, il cui elenco nominativo, corredato dall ente di appartenenza, quando esiste, è riportato in allegato. Inoltre sono state anche realizzate 205 schede di approfondimento relative ai salari dei lavoratori immigrati. La metodologia scelta è stata quella di intrecciare le problematiche relative alle 5 aree tematiche individuate dall Amministrazione (giuridica, casa, lavoro, cultura, scuola) al territorio. Infatti pur riferendosi all intero territorio comunale, particolare attenzione è stata data ad alcune aree territoriali, scelte tra quelle in cui la presenza della popolazione immigrata è più significativa dal punto di vista numerico o dalle problematiche presenti: la zona orientale, la zona nord di Napoli, Pianura, piazza Garibaldi, Rione Sanità, Quartieri Spagnoli. Tali territori non sono stati considerati come quartieri in senso stretto ma come zone, talvolta più estese rispetto alla definizione puramente amministrativa, che si connotano per una presenza straniera che presenta certe specificità oltre che per il fatto di condividere determinate caratteristiche di natura socio-economica. Tale metodo che ha portato alla definizione delle aree geografiche di ricerca, ha consentito ai gruppi di ottenere, per ciascun territorio, una conoscenza dettagliata da un lato delle condizioni di vita e dei bisogni dei migranti, dall altro delle caratteristiche e delle modalità di funzionamento, anche in relazione alla capacità di impatto sociale e di relazione con l utenza, degli eventuali servizi esistenti, sempre con riferimento alle aree di interesse considerate (area giuridica, area formazione e lavoro, area culturale, area alloggi, area scolastica). Una metodologia di ricerca che, come risulta evidente, permetterà all Amministrazione Comunale di affiancare alla fotografia generale della situazione su tutto il territorio una serie di approfondimenti specifici dedicati ad aree territoriali che, per caratteristiche quantitative o qualitative della presenza straniera, si configurano come particolarmente significative nella definizione delle politiche e dei modelli operativi in materia di politiche sociali rivolte ai migranti. Per fare un solo esempio, basta rifarsi a circoscrizioni come quelle di Pianura o Ponticelli dove a fronte di una presenza immigrata contenuta in termini numerici, sul tema degli alloggi e delle condizioni abitative dei migranti, vi sono situazioni che per gravità e urgenza di risposta non trovano eguali sulla restante parte del territorio napoletano. Le informazioni raccolte secondo la metodologia sopra illustrata hanno consentito ai diversi Gruppi di Lavoro, di ricostruire un primo quadro sulla condizione dei/lle cittadini/e immigrati/e nella città di Napoli. Ciò che emerge è ovviamente un quadro molto articolato. Risulta infatti estremamente difficile riassumere la complessità della presenza straniera e delle problematicità che essa esprime in una realtà articolata come quella del territorio napoletano. Infatti, solo tenendo presente le molteplici differenze in termini di 7

8 provenienza, di progetti e di modelli migratori, di esperienze di vita e di inserimento socio-lavorativo, insieme al bagaglio di tradizioni e di formazione culturale che diversifica le varie comunità, si può tentare di comprendere davvero i bisogni espressi dalle diverse componenti della presenza immigrata, con particolare riferimento all impatto che la stessa ha avuto con la città e i suoi abitanti, con la sua struttura economicopolitica e relazionale. Una realtà complessa, dunque, determinata da un insieme poliedrico di bisogni, aspettative, percorsi individuali e collettivi, la cui lettura e analisi è ulteriormente complicata dalle continue evoluzioni che ne caratterizzano lo sviluppo sul territorio cittadino. Dinamiche di cambiamento che obbligano ad impostare ogni azione di ricerca su metodologie capaci di adeguarsi a tali mutamenti e non statici, in quanto si presenterebbero come inadeguati ad indagare un fenomeno sociale che, per articolazione dei soggetti coinvolti, delle variabili socio economiche e culturali che incidono sullo stesso, si configura come insieme di processi dinamici in continua e rapida evoluzione. Tali metodologie devono mostrarsi in grado di strutturarsi come strumenti di osservazione permanente, organizzati in modo da coinvolgere più punti di osservazione, formali e informali, e disponibili a rivedere e mettere in discussione i propri assunti. Da questo punto di vista i Gruppi pluritematici, a partire dal supporto degli altri servizi collegati al Centro di Cittadinanza, e grazie al collegamento ed intreccio con i soggetti territoriali coinvolti non solo come interlocutori da ascoltare, ma anche come soggetti attori della ricerca, hanno potuto prevedere l aggiornamento continuo della propria indagine, allargandola e arricchendola in corso d opera sulla base delle nuove informazioni e delle nuove relazioni attivate con il territorio. 1.3 I BISOGNI DEGLI IMMIGRATI Venendo ora al racconto di quelli che sono stati individuati come principali bisogni degli stranieri, prima di passare ad un primo approfondimento in merito a quelli relativi alle cinque aree di ricerca, appare utile evidenziare due aspetti che si configurano come trasversali alle stesse aree. In primo luogo, dalla quasi totalità degli intervistati vengono sottolineati ritardi e criticità nella realizzazione di processi e percorsi tesi alla costruzione di stabili condizioni per gli stranieri di pari opportunità di accesso al sistema dei servizi e, più in generale, alla cittadinanza sociale. Un limite che sembra assumere la caratteristica di elemento strutturale che, nei fatti, depotenzia le ricadute dei diversi servizi e che sembra derivare da un interazione in negativo di più fattori, e specificatamente: le ricadute locali delle rigidità e delle chiusure introdotte dalla nuova normativa nazionale sull immigrazione; l ancora scarsa diffusione sul territorio cittadino dei servizi e delle attività rivolte agli immigrati e alle immigrate; la precarietà economica-temporale di molti interventi che li configura più come progetti a scadenza piuttosto che in servizi veri e propri, radicati e coordinati all interno di una programmazione organica delle politiche locali sull immigrazione, rispettosa dei tempi dei destinatari e, allo stesso modo, di quelli fisiologicamente necessari all evolversi positivo dei servizi stessi; una debolezza, quantitativa e qualitativa, delle proposte e dei servizi finalizzati a supportare gli stranieri nella ricerca di lavoro e di abitazione, a fronte di un idea di inclusione/integrazione, fatta propria anche dai presupposti fondativi del Centro, che vede nell inserimento lavorativo e nella possibilità di avere una casa adeguata due elementi indispensabili a garantire stabili e concrete condizioni di emancipazione e cittadinanza; la mancanza di una informazione/formazione adeguata per l insieme degli operatori e delle operatrici del sistema di welfare locale sul tema dell immigrazione e del sistema socio-relazionale ad esso connesso, che a volte complica l accesso dei migranti ai servizi anche quando gli stessi sono presenti e attivi sul territorio; i limiti di soggettività e auto-organizzazione che caratterizzano le comunità straniere presenti in città, con una conseguente bassa contrattualità delle stesse ad essere riconosciute come interlocutori nei processi di definizione della progettazione e programmazione delle politiche localirivolte agli immigrati. Il secondo tema riguarda l interconnessione tra due istanze, entrambe da considerarsi come aspettative diffuse tra i migranti, ma che portano con sè alcune confusioni, insieme ad una evidente problematica di definizione. Si tratta della relazione, del rapporto tra tensione a veder realizzate condizioni di integrazione/inclusione nella comunità locale e desiderio di mantenere, e attraverso il mantenimento valorizzare, le proprie identità culturali e di appartenenza alle diverse comunità. 8

9 Non sempre, infatti, è chiaro e razionalizzato tra i migranti il processo adatto a garantire entrambe le esigenze, con il rischio di scivolare in superficialità di approccio che possono portare a meccanismi di autoreferenzialità e auto-esclusione, o all assunzione di meccanismi di rivendicazione corporativa. Nel determinare tali difficoltà è evidente come giochino un peso negativo anche alcune delle stesse criticità precedentemente ricordate come concause della situazione disparitaria nell accesso alla cittadinanza. Ma, nel contempo, dagli interlocutori contattati, è emerso come vi sia la necessità di individuare strumenti atti a supportare i processi di interculturalità attivati con l insediamento dei migranti che, se lasciati soli rischiano di non definirsi o di allungarsi eccessivamente, con il conseguente pericolo di attivare spinte all esclusione o a dinamiche di conflittualità sociale. L implementazione delle azioni informative/formative, la promozione e la realizzazione di spazi di confronto e convivenza tra differenze, la diffusione dell intervento di mediazione culturale, ma anche di sostegno alla realizzazione di relazioni aperte e di mediazione dei conflitti, sembrano dunque pratiche prioritarie e da attivare al più presto in modo diffuso sul territorio. Venendo alle specifiche aree di ricerca, dall analisi condotta sinora è emerso che i principali bisogni degli immigrati nella città di Napoli, per ciò che concerne l ambito lavorativo, vanno dalla tutela dei diritti sul lavoro (in termini di salario, orario, riposo, etc.) alla richiesta di migliori servizi per l inserimento al lavoro dipendente e autonomo. Molti testimoni intervistati hanno espresso l esigenza di dotare il territorio di interventi che da un lato sappiano concretamente orientare l utenza immigrata alle reali opportunità lavorative locali e d altra parte, attraverso l analisi della domanda, sappiano definire percorsi formativi e di aggiornamento legati alle reali esigenze del mercato del lavoro. Così come, da più parti si è sottolineata l esigenza di prevedere azioni tese alla valorizzazione delle competenze e delle abilità pregresse dei migranti, a partire dal riconoscimento dei titoli di studio. I bisogni legati agli alloggi riguardano le pari opportunità in materia di accesso alle abitazioni e agli alloggi di edilizia popolare e, più in generale, a condizioni abitative migliori per i cittadini immigrati. Infatti, tutti i testimoni sono concordi nel definire in termini estremamente negativi la realtà alloggiativa per gli stranieri in quanto la maggioranza di essi abita in case (appartamenti e bassi) con problemi di sovraffollamento (per risparmiare sulle spese), mancanza di privacy, spazi inadeguati per i bambini (per lo studio e per il gioco), condizioni igieniche e strutturali insostenibili, livello degli affitti alto o comunque molto più alto rispetto alle stesse abitazioni date in fitto agli italiani. Infine, un altro aspetto negativo, emerso più volte, è la reticenza da parte degli italiani ad affittare case (dignitose) ad immigrati. Va sottolineato con forza che, per gli immigrati, la difficoltà di accesso ad abitazioni dignitose, non significa soltanto vivere in ambienti inadeguati, ma anche l impossibilità di ottenere la certificazione necessaria per ottenere il ricongiungimento di un familiare. In altre parole, il mancato accesso al diritto alla casa determina, spesso, la mancanza di relazioni affettive e la costruzione di legami familiari stabili. Altri bisogni avvertiti dai testimoni interpellati riguardano la difficoltà di ottenimento di un regolare contratto di fitto, necessario tra l altro per la richiesta di residenza,e la carenza di strutture di I e II accoglienza per rispondere a situazioni temporanee di difficoltà nella ricerca di un alloggio adeguato alle proprie esigenze. La necessità di usufruire di più spazi pubblici per le attività socio-culturali, la possibilità di esprimere e promuovere liberamente la cultura di appartenenza che permetta uno scambio interculturale positivo, sostenuto dall ente pubblico, sono i principali bisogni emersi relativamente all area culturale. Infine, in ambito scolastico, si avverte la necessità di un maggior riconoscimento e rispetto delle identità culturali sia per coloro che intendono rimanere in Italia, senza per questo rinunciare alla propria appartenenza culturale, sia per coloro che intendono ritornare nel proprio paese di origine, senza per questo rinunciare al diritto allo studio per i propri figli. Per questo è auspicato un percorso che vada verso la realizzazione di una scuola in grado di accogliere i minori stranieri, sia attraverso la formazione degli operatori scolastici all intercultura, sia in termini dell adeguamento dei programmi scolastici, che non renda più necessaria la costituzione di scuole etniche (che di fatto già esistono) da parte di ciascuna comunità. Il gruppo di lavoro ha inoltre rilevato che a fronte di una contenuta presenza di bambini stranieri inseriti nella scuola dell obbligo pubblica e negli asili, vi è una significativa presenza di bambini nelle scuole parificate che consentono, grazie ad un reale prolungamento dell orario scolastico, di conciliare la vita lavorativa con il mantenimento dei bambini nati in Italia. La condizione giuridica degli immigrati residenti sul territorio nazionale, e ancor di più nella regione campana, è caratterizzata da una forte precarietà dovuta alle limitazioni e alle difficoltà che si incontrano nella fase di accesso regolare al territorio, alla farraginosità e alle lungaggini delle procedure amministrative per il rilascio e il rinnovo del titolo di soggiorno, alla difficoltà di mantenere la regolarità del soggiorno una volta che la si è ottenuta. Tali problemi nella nostra regione raggiungono una dimensione più critica a causa della diffusione di fenomeni legati ad un'economia informale che rende la dimostrazione dei requisiti richiesti dalla legge per ottenere o mantenere la regolarità del soggiorno - come la documentazione relativa alla condizione abitativa e lavorativa - assai più complessa. Inoltre, la stessa area è caratterizzata dalla forte presenza di un'immigrazione a carattere non stabile, legata anche alla circostanza che, una volta ottenuto il 9

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

Associazione Trama di Terre

Associazione Trama di Terre Associazione Trama di Terre Centro Interculturale delle donne Via Aldrovandi, 3, 40026 Imola (BO) Italia Tel/fax +39 0542 2892 info@tramaditerre.org www.tramaditerre.org Trama di Terre nasce nel 997 dall

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70

Ricerca Uil Scuola. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Ricerca Uil Scuola da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 Non solo bambini Stranieri adulti sui banchi di scuola Una fotografia dell Italia che

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

Saldo Migratorio - Anno 2007. Saldo Migratorio Emigrati Immigrati -1050-900 -750-600 -450-300 -150 0 150 300 450 600 750. Estero.

Saldo Migratorio - Anno 2007. Saldo Migratorio Emigrati Immigrati -1050-900 -750-600 -450-300 -150 0 150 300 450 600 750. Estero. Reports statistici relativi all immigrazione nella città di Aosta. I grafici di cui sotto, riguardano il lavoro svolto dal personale dell Ufficio di Statistica del Comune di Aosta e sono stati estratti

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital L accesso alla casa rappresenta uno degli aspetti salienti del processo di integrazione sociale degli stranieri nel nostro paese.

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO Conosciamoci meglio. Premessa

PROGETTO INTEGRATO Conosciamoci meglio. Premessa PROGETTO INTEGRATO Conosciamoci meglio Premessa Il Consiglio Territoriale per l immigrazione di Enna, ponendosi come faro rivolto ad individuare i bisogni locali, nell intendimento di promuovere nuovi

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Progetto Eguaglianza tra diversi

Progetto Eguaglianza tra diversi Progetto Eguaglianza tra diversi Soggetto realizzatore: Associazione di mediatori culturali Mosaico di Biella Direzione Didattica 2 Circolo di Biella Cooperativa La Dimora Altri enti coinvolti nella realizzazione

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013 1. Gli accessi al Centro per l Integrazione Questo secondo report, relativo ai mesi di marzo

Dettagli

Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici

Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici 17 novembre 2008 La presenza delle donne migranti La presenza straniera in provincia di Milano 120000 131833 117539 119651 115978

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012)

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Rumeni ancora in testa con il 21,1% della quota parte; si conferma modesta l incidenza dei cinesi.

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE L associazione Fabbrica dei Sogni si può definire come il punto di arrivo di un percorso iniziato nell anno 2000 all interno della Comunità del Centro giovanile S. Giorgio di Bergamo,

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

FINALITÁ DEL PROGETTO IL REFERENTE PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

FINALITÁ DEL PROGETTO IL REFERENTE PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOCORONA Via Fornai, 1 38016 Mezzocorona Tel. 0461/605409 - C.F. 96056920224 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

Dettagli

LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA. Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma

LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA. Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma Il progetto di Affido Famigliare Omoculturale nasce nel 2000, col rientro al comune

Dettagli

A.C.I.S.J.F. - Firenze

A.C.I.S.J.F. - Firenze OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE A.C.I.S.J.F. - Firenze STAZIONE DI S. M. NOVELLA DI FIRENZE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO DI ASCOLTO E DI AIUTO Referente

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI 1. L ISCRIZIONE Per l iscrizione degli alunni stranieri la normativa vigente (D.P.R. 394/99) prevede quanto segue: I minori stranieri

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Gli di nelle scuole della provincia di Torino 2013/2014 A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

Obiettivi e metodologia della ricerca

Obiettivi e metodologia della ricerca Atteggiamenti e consapevolezza rispetto a salute e lavoro: un confronto tra cittadini italiani e cittadini stranieri provenienti da paesi a forte pressione migratoria (PFPM) Obiettivi e metodologia della

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L Osservatorio Nazionale sul Disagio e la Solidarietà

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO 1) I servizi finanziati I beneficiari dei servizi finanziati con il

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

Progetto regionale CONOSCERE PER PREVENIRE Prevenzione dell interruzione volontaria di gravidanza (IVG) e delle mutilazione genitali femminili (MGF) fra le donne immigrate. ATTIVITA 2009 ASSOCIAZIONE NOSOTRAS

Dettagli

Percorsi di accoglienza in Casentino

Percorsi di accoglienza in Casentino Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Percorsi di accoglienza in Casentino Tema programmatico [ ] A: competitività del territorio e dei

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO

ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO PREMESSA Nel territorio del comune di Spinea è presente oggi una

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

Progetto Bambini nel Mondo 2013

Progetto Bambini nel Mondo 2013 Progetto Bambini nel Mondo 2013 Accordo tra la e l'istituto Culturale Islamico Toscano Onlus di Santa Croce sull'arno. 1 1. Premesse Il processo migratorio che coinvolge da tanti anni il nostro territorio

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

Lo stato di salute della scuola torinese

Lo stato di salute della scuola torinese Lo stato di salute della scuola torinese Gli indicatori di salute riferiti al mondo scolastico sono numerosi ma non sempre di facile lettura e reperibilità. Un analisi dettagliata e puntuale della situazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007).

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). Provincia di Torino Ufficio Statistica Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). di Franco A. Fava 1. La popolazione straniera residente. Secondo

Dettagli

Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni. Chi sono le associazioni?

Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni. Chi sono le associazioni? Informazione, educazione ed empowerment del paziente e delle comunità Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni Chi sono le associazioni? Le associazioni di stranieri al 31/12/2008

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi PREMESSA L impegno che oggi è richiesto ad ogni cittadino della Terra,

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012 Artigiancassa Progetto Key Woman Roma, 5 Dicembre 2012 Malgrado l attuale congiuntura economica le imprese a guida femminile fanno registrare una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica Le imprese

Dettagli