Lavoro e Tecnostress la sindrome della generazione always on

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro e Tecnostress la sindrome della generazione always on"

Transcript

1 obiettivo. Tuttavia, a ispetto i una (ipotetica) migliore prouttività, la continua reperibilità el lavoratore e la conseguente sua impossibilità a sottrarsi ai contatti lo pongono nella conizione i non staccare mai o comunque i essere (quasi) sempre contattabile, ano corso a situazioni che potrebbero generare stress. Come mostrano i risultati i una ricerca conotta a Sonnentag (2005) risponere alle azienali anche prima i ormire, fare telefonate i lavoro nel fine settimana oltre a minare il benessere psicofisico provoca, nel tempo, una minore efficienza. Queste sono alcune elle consierazioni che emergono alle pagine i un opuscolo Nuove tecnologie in materia i comunii Marco Michelli Giornalista esperto in politiche ella prevenzione Lavoro e Tecnostress la sinrome ella generazione always on Intervista a Carlo Galimberti 1 e Francesco Bacchini 2 Qualche anno fa fece scalpore uno spot televisivo i una compagnia telefonica nazionale. Ripreneva un testimonial eccezione - quel Leonaro Di Caprio all epoca iolo ei teenager quale protagonista el pluripremiato film Titanic - isteso al sole in un prato incolto, circonato alla natura. In questa atmosfera agreste ai colori rosa arancioni ell'alba e con minuscoli insetti che si lasciano toccare in un contesto i magia e i serenità improvviso si sentiva la vibrazione i un cellulare e Di Caprio, solo per un attimo in ubbio iceva a se stesso: Non ora, restano a goersi l atmosfera senza nemmeno guarare chi fosse a cercarlo. La tecnologia è importante, ma anche tutto il resto recitava lo slogan. Eravamo nel 2000, ma a istanza i ieci anni lo spot firmato al regista Chris Cunningham iventa più che mai attuale. Infatti, cellulari, smartphone, tablet, ecc. fanno parte integrante ella nostra vita quotiiana renenoci costantemente connessi. Si parla i persone Always on, ossia sempre raggiungibili. Ebbene, in ambito lavorativo, caratteristica i questa connessione perenne è la possibilità i svolgere la propria attività inipenentemente al luogo e al momento. Grazie agli strumenti messi a isposizione alla tecnologia il valore i spazio e tempo si relativizza, poiché utilizzanoli il lavoratore può continuare a prourre oltre i confini ell ufficio e oltre i tempi estinati contrattualmente a tale 1 Professore Orinario i Psicologia sociale ella comunicazione presso la Facoltà i Lettere e Filosofia ell Università cattolica el Sacro Cuore i Milano. 2 Professore Aggregato i Diritto el lavoro presso il Dipartimento i Scienze economico azienali e iritto per l economia ell Università egli Stui i Milano - Bicocca. 96 ambiente & sicurezza sul lavoro

2 cazione e tutela ella salute nel lavoro, realizzato a Assolombara proprio per parlare agli operatori el settore i un nuovo aspetto collegato al benessere lavorativo: il Tecnostress. Per approfonire la tematica abbiamo intervistato ue Professori universitari, Carlo Galimberti e Francesco Bacchini, che hanno collaborato alla realizzazione el Quaerno sopra citato e che a iverso tempo hanno iniziato a occuparsi i questa nuova sinrome. Galimberti: Tra i possibili effetti ella costellazione i comportamenti inaeguati nell uso i questi nuovi artefatti per il lavoro e la comunicazione il più rilevante è ITSO (Inability To Switch Off), ovvero lo stress a iperconnettività. Si tratta ella variante i una sinrome nota come workaholism, escritta scientificamente all inizio egli anni Settanta, come il isturbo che caratterizza chi non riesce mai a staccare al lavoro. Il workaholic pone l attività la Prof. Galimberti, può arci una efinizione i Tecnostress? L utilizzo elle nuove tecnologie per la comunicazione porta a iniviuare ue elementi quali possibili cause elle situazioni i stress: per la prima volta nella storia el lavoro umano è possibile svolgere la propria attività inipenentemente al luogo e al momento in cui ci si trova; gli artefatti igitali che utilizziamo per lo svolgimento el nostro lavoro ci permettono i essere (quasi) sempre reperibili. La congiunzione i questi ue fattori e il loro stabile inseiamento nella conizione lavorativa i un numero sempre crescente i lavoratori stanno eterminano in loro la conizione i tecno stressati. Con il termine tecnostress, infatti, si vuole inicare una sinrome nuova, la cui causa può essere appunto iniviuata, in prima approssimazione, nell uso costante, simultaneo e eccessivo i tecnologie ell informazione e i apparecchi informatici igitali in situazione i mobilità e non-mobilità. Quali le principali conseguenze? punti i vista Galimberti: A volte il tecnostress viene confuso con l ansia tecnologica; per non caere in questo errore è sufficiente tenere presente che gli effetti negativi che il rapio mutare ella tecnologia può avere sulla vita lavorativa elle persone si manifestano generalmente in rapporto a attività ben precise - come programmare riunioni, reigere business plan, gestire scaenze che richieono la preparazione i ocumenti conivisi, ecc. - e non in relazione a generiche paure i essere inaeguati rispetto all uso elle tecnologie stesse. Si tratta i una sinrome che, quano colpisce, affligge le persone sul piano fisico, psichico e relazionale e le imprese su quelli prouttivo, organizzativo e economico. Il termine sinrome usato per enotare il fenomeno, rimana a un insieme - etimologicamente un concorso - i sintomi i cui non sono ancora ben noti caratteristiche e effetti, ma su cui i ricercatori i varie iscipline hanno già cominciato a riflettere, ano corso sia a inagini i natura conoscitiva (inchieste, sonaggi, ecc.), sia a ricerche i natura osservazionale. Il termine è spesso associato al workaholism, perché? ambiente & sicurezza sul lavoro

3 punti i vista vorativa prima i ogni altra, persino prima egli affetti familiari e ella propria stessa salute. Il tecnostress riguara tutti i lavoratori o ci sono settori i attività maggiormente a rischio? Galimberti: Certamente può colpire tutti i lavoratori che utilizzano a ciclo continuo strumenti tecnologici per essere sempre reperibili. Per ora il fenomeno sembra toccare maggiormente il settore ei servizi più che quello manifatturiero; va comunque tenuto presente che, al i là ella compenetrazione ei ue settori, la spinta all aozione i artefatti web 2.0 in tutti gli ambiti i lavoro appare sempre più forte. Di fatto, non si può parlare i settori a rischio, quanto i ruoli che sono collegati h24 a un ambiente i comunicazione immeiata al quale non si staccano, soprattutto mentalmente. Dunque, al momento potremmo ire che si tratta in special moo i irigenti e el personale che gestisce la comunicazione con l esterno ell aziena (e persino el personale el Servizio Prevenzione e Protezione, sempre a isposizione ). Tuttavia, parlare i specifiche categorie è un errore: i problemi sono connessi con un uso inaeguato elle nuove tecnologie al punto, paraossalmente, a complicare e non a semplificare la conciliazione tra tempi i lavoro e tempi i vita e questo tipo i uso si sta allargano a tutti i settori lavorativi, senza contare le implicazioni a livello sociale e collegati ai rapporti familiari o alla ifficoltà i crearsi ei momenti i svago (sono questi temi presenti negli stui eicati al tema el work-family balance e el c.. smart working, questione assai interessante che meriterebbe una trattazione specifica). Del resto capita molto spesso i veere persino in spiaggia persone connesse, eite a intervenire a una riunione i lavoro, magari urante le proprie ferie Prof. Bacchini, perché in Italia c è ancora poca attenzione al fenomeno? CHI È CARLO GALIMBERTI Dal 2001 professore orinario i Psicologia sociale presso la Facoltà i Lettere e filosofia ell Università Cattolica el Sacro Cuore i Milano; presso tale facoltà attualmente insegna Psicologia sociale ella comunicazione. Da segnalare il coorinamento i vari progetti i ricerca finanziati all Unione Europea tra cui il progetto VEP- SY (Telemeicine an Portable Virtual Environments for Clinical Psychology). Presso l'università Cattolica i Milano irige il Centro stui e ricerche i Psicologia ella comunicazione (CSRPC) e è membro el Laboratorio i Interazione Comunicativa e Nuove Tecnologie (LICENT). Il nostro Paese solo recentemente ha incominciato a interessarsi alla problematica. Ciò si eve sia al fatto che non vi è ancora una materia legislativa specifica, ma anche perché le grani aziene, nel contesto i crisi globalizzata, hanno lasciato sullo sfono questi stui. Peraltro, nel corso i una recente esperienza i formazione i irigenti con elega alla sicurezza abbiamo compreso che si sta iniziano una nuova fase i interesse sulla tematica, le implicazioni e i possibili anni che arreca. Consierano anche il costante aumento el numero i pubblicazioni in materia e l attenzione che le istituzioni europee sembra stiano cominciano a eicare alla regolamentazione el fenomeno in see normativa, possiamo immaginare che l attenzione per la tematica crescerà velocemente. Quale normativa si applica? Bacchini: L articolo 69, comma 1, lett. a), el D.Lgs. n. 81/2008 efinisce attrezzatura i lavoro qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto inteso come il complesso i macchine, attrezzature e componenti necessari all attuazione i un processo prouttivo. Proprio tale finalità non ci permette i riconurre i nuovi artefatti tecnologici (tablet, computer, Blackberry, smartphone, ultrabook, phablet, ecc.) alla efinizione i attrezzatura i lavoro. Di fatto, per le loro caratteristiche i nuovi apparecchi tecnologici e igitali non si possono consierare attrezzature a lavoro, né sono assimilabili ai vieoterminali. Nonostante i rischi a essi connessi non siano normati, il primo - principale e fonamentale - obbligo el atore i lavoro è provveere (anche per il tramite ei suoi collaboratori) alla valutazione ei rischi e alla reazione el relativo ocumento 98 ambiente & sicurezza sul lavoro

4 punti i vista (art. 17, comma 1, lett. a, el D.Lgs. n. 81/2008). L art. 28, comma 1, el D.Lgs. n. 81/2008, specifica quali rischi evono essere consierati in see i valutazione e in esso, sia pure in termini generali, viene prescritto i consierare tutti i rischi, ivi compresi quelli riguaranti gruppi i lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, quelli riguaranti le lavoratrici in stato i gravianza, quelli connessi alle ifferenze i genere, all età, alla provenienza a altri Paesi, nonché quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione i lavoro. Se si riconuce il tecnostress a una specifica tipologia i stress lavorativo che trova la sua fonte nel carico, nei ritmi e negli orari i lavoro, nonché nella invasione ella sfera privata a parte i quella lavorativa, ecco che - qualora l attività lavorativa prevea l uso i tablet computer, blackberry, smartphone, vieo telefoni, posta elettronica e, quini, si svolga, inipenentemente al luogo e al momento in cui ci si trova attraverso la gestione simultanea i molte informazioni - il atore i lavoro ha l obbligo, urante la valutazione e rischio a stress lavoro-correlato, i tenere conto i tali nuovi elementi e valutare le principali conseguenze che erivano sul piano operativo al loro utilizzo effettivo all interno ei contesti i lavoro. Per concluere, potremmo quini affermare che, almeno al punto i vista psicosociale, il tecnostress costituisce una sottoimensione ello stress lavorativo, mentre al punto i vista giuslavoristico potrebbe essere consierato un rischio lavorativo iscenente all esposizione, conseguenza i un uso non proceuralizzato, a eterminati strumenti i lavoro (soprattutto in relazione alla loro naturale preisposizione a ilatare significativamente l orario lavorativo) e, come tale, bisognoso i specifica valutazione. Bacchini: Essere informati su quanto sta accaeno consente i per poter gestire aeguatamente questi fenomeni, soprattutto in uno scenario futuro ove è ipotizzabile che la loro azione si allargherà a tutto il mono ei lavoratori e porterà a ientificare il tecnostress come fenomeno rilevante al pari ello stress lavoro-correlato. Detto in altri termini, si tratta i evitare i farsi trovare impreparati i fronte alla necessità i trattare il tecnostress: a ifferenza i quanto avvenuto in passato, è opportuno che gli RSPP non ven Quale iniziative si potrebbero aottare a livello sociale? CHI È FRANCESCO BACCHINI Professore Aggregato i iritto el lavoro e elle relazioni inustriali e sinacali, presso l Università egli Stui i Milano Bicocca. Componente el Collegio ei ocenti ella Scuola i Dottorato in Scienze Giuriiche ell Università i Milano-Bicocca, Curriculum i Diritto Penale, Penale impresa e Criminologia. Componente el Consiglio ella Scuola i Specializzazione in Igiene e Meicina Preventiva ell Università i Milano-Bicocca. Componente el comitato scientifico e ocente el Master i I livello in Esperto in processi i formazione e sviluppo ella sicurezza sul lavoro ell Università egli Stui i Bergamo. Galimberti: In altre nazioni si stanno già impostano alcune soluzioni: penso a esempio al caso teesco ella VW ove, in base a un accoro con i sinacati, trenta minuti opo la fine ell orario i lavoro i server interni all aziena smettono i reinirizzare il traffico ati, e in particolare le , riattivanosi soltanto trenta minuti prima ell inizio ella successiva giornata lavorativa; e ancora la Atos, aziena francese i Information Technology - preso atto che i ipenenti ricevono meiamente un centinaio i al giorno, i cui solo il 15% si imostra necessario - ha eciso i banire l uso elle interne entro il Anche nel nostro Paese, l organizzazione e la ivisione el lavoro vanno riviste e meglio impostate, per non finire a vivere ogni attività azienale come se fosse un emergenza. Come ice il Dott. Bacchini Bisogna pensare l attività i progettazione ei processi i lavoro e quella i progettazione ei processi i lavoro in sicurezza i fatto coinciono. All interno i un Servizio i Prevenzione e Protezione azienale, come si può intervenire per fronteggiare questo nuovo rischio? ambiente & sicurezza sul lavoro

5 punti i vista gano a trovarsi nella necessità i affrontare questo tema all oggi al omani, magari per ottemperare a norme introotte in fretta e furia cui non ci si è preparati in moo aeguato. Che fare allora per costruire questa mappa minimale? Bisogna in primo luogo riconoscere i essere i fronte a strumenti che, per caratteristiche e conseguenze potenziali, vanno ecisamente oltre la imensione tecnicoorganizzativa i tutela ella salute prevista alla normativa per i vieoterminali, ai quali non sono affatto assimilabili; analogamente, ai loro utilizzatori non potranno essere applicate misure preventive messe a punto per i lavoratori vieo terminalisti. Galimberti: Ci si eve renere conto che le problematiche relative all uso i questi artefatti i nuova generazione vanno ben al i là i quelle sin qui note. Infatti, pur assomigliano a altri strumenti tecnologici, gli artefatti i ultima generazione costituiscono, per gran parte elle loro caratteristiche e elle conseguenze elle moalità uso sperimentabili, una novità quasi assoluta: a qui eriva la necessità per il atore i lavoro e per il Servizio i Prevenzione e Protezione che lo supporta, i valutare con attenzione le situazioni che l uso i tali artefatti generano, per eciere se sia il caso o meno i otare i propri collaboratori i tali strumenti, preparanosi aeguatamente all iniviuazione i criteri che guiino la ecisione i aottare o meno tali artefatti. Inoltre, il SPP può collaborare a efinire le misure organizzative in grao i contenere i rischi connessi all uso ei evice mobili, limitano l esposizione ei soggetti a situazioni fonte i tecnostress. Ciò significa salare la imensione organizzativa con la preisposizione i misure i protezione. Mi rivolgo a entrambi: quali i prossimi progetti ai quali state lavorano? Stiamo impostano il lavoro per realizzare una pubblicazione che, teneno il conto ei principali lavori i ricerca apparsi negli ultimi cinque anni, faccia il punto sul fenomeno ai punti i vista psicosociale e giuslavoristico. Segnaliamo inoltre che nei prossimi anni con il Dott. Fulvio Gauioso, nel quaro elle attività previste al suo ottorato i ricerca in psicologia sociale, lavoreremo per are corso a una ricerca sul campo, i carattere quali-quantitativo, tesa a valutare le caratteristiche precipue ell utilizzo i tecnologie web 2.0 in mobilità in relazione alle attività lavorative. Prospettive per il futuro? Bacchini: Con l ingresso al lavoro elle nuove generazioni, ossia con soggetti consierabili quasinativi al punto i vista igitale, la tematica ovrà essere ulteriormente rimoellata, poiché ci si troverà i fronte a una cultura uso e a un insieme i pratiche uso al momento ifficili a preveere nel loro impatto sui processi lavorativi e, in particolare, sulle moalità i comunicazione praticabili all interno elle organizzazioni lavorative. Prof. Galimberti, la veo pensieroso... vuole ire ancora qualcosa? Tornano al SPP, oltre a integrare la tematica nell impostazione ei processi lavorativi e a ivulgare una cultura organizzativa che prevee meno coinvolgimento elle persone al i fuori ell orario i lavoro, il servizio i SPP che ha compreso la problematica non ne ovrebbe parlare irettamente. Mi spiego: ovviamente va tematizzata la questione, ma senza metterne in primo piano la natura problematica, bensì utilizzano una riformulazione ella questione, promuoveno l importanza ella valorizzazione ella persona e el suo benessere lavorativo. Insomma, parlarne senza parlarne per trattare il tutto in una prospettiva i welfare azienale più che non i patologizzazione i comportamenti. Peraltro, impostare l approccio in questo moo non ovrebbe risultare un problema: imparare i punti a tener presente per una migliore qualità ella vita non solamente lavorativa el personale e infonere quelle basi i cultura anche ell uso aeguato egli strumenti a isposizione ovrebbe essere nel DNA i ogni attore che si eica alla salute e sicurezza azienale, non cree? Quello slogan La tecnologia è importante, ma anche tutto il resto sembra essere stato appena coniato. 100 ambiente & sicurezza sul lavoro

SPECIALE STRESS LAVORO-CORRELATO

SPECIALE STRESS LAVORO-CORRELATO SPECIALE STRESS LAVORO-CORRELATO MINI GUIDA ALLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO Ambiente & Sicurezza sul Lavoro Pubblicazione iscritta al N. 485/85 el 29-10-1985 el Registro ella Stampa presso il Tribunale

Dettagli

La redazione del primo bilancio d esercizio successivo alla trasformazione di una società di persone in società di capitali di Fabio Giommoni *

La redazione del primo bilancio d esercizio successivo alla trasformazione di una società di persone in società di capitali di Fabio Giommoni * La reazione el primo bilancio esercizio successivo alla trasformazione i una società i persone in società i capitali i Fabio Giommoni * La reazione el bilancio esercizio a parte i una società i capitali

Dettagli

Gestione economico aziendale

Gestione economico aziendale Gestione economico azienale La ue iligence nelle operazioni straorinarie: funzione, tipologie e moalità i esecuzione i Massimo Buongiorno e Marco Capra Il presente lavoro vuole tracciare un quaro introuttivo,

Dettagli

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario.

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario. . Operazioni finanziarie Si efinisce operazione finanziaria (O.F.) ogni operazione relativa a impegni monetari e si efinisce operazione finanziaria elementare uno scambio, tra ue iniviui, i capitali iversi.

Dettagli

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS E L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Sommario: 1. Introuzione 2. Il sistema ei prezzi i Walras e l equilibrio economico generale 3. Le contraizioni implicite nel sistema

Dettagli

strumenti Strumenti e tecniche di Business Intelligence per valutare l attendibilità delle stime campionarie di indagini complesse

strumenti Strumenti e tecniche di Business Intelligence per valutare l attendibilità delle stime campionarie di indagini complesse ISSN 2037-2582 5 Strumenti e tecniche i Business Intelligence per valutare l attenibilità elle stime campionarie i inagini complesse Strumento i ricerca a cura i Alessanro Martini strumenti L Istituto

Dettagli

Gestione economico aziendale

Gestione economico aziendale Gestione economico azienale La ue iligence fiscale i Marco Capra e Massimo Buongiorno Con il presente lavoro inauguriamo gli approfonimenti in orine ai ifferenti aspetti ella ue iligence. Come già esposto

Dettagli

Adempimenti e procedure

Adempimenti e procedure Aempimenti e proceure Fusioni i società: semplificazioni e aempimenti pratici i Roberto Moro Visconti * Il D.Lgs. n.123/12 (in G.U. n.180 el 3 agosto 2012) ha previsto una serie i semplificazioni proceurali

Dettagli

Formule specifiche per la determinazione dellavviamento nei trasferimenti dazienda di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre

Formule specifiche per la determinazione dellavviamento nei trasferimenti dazienda di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Formule specifiche per la eterminazione ellavviamento nei trasferimenti aziena i Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Lavviamento ha sempre costituito una fonte i controversie tra orientamento giurispruenziale,

Dettagli

INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE

INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE MOD. ISTAT/IMF-10/C.09 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE 1 2 Provincia... Comune... Sezione i Censimento... (a cura el Comune)

Dettagli

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1 INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI - INTRODUZIONE La popolazione i interesse ell inagine è costituita alle onne i età compresa

Dettagli

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria Tributi, accertamento e giurispruenza tributaria Riflessi fiscali ella copertura elle perite nelle società in accomanita semplice i Fabio Giommoni * La copertura elle perite elle società in accomanita

Dettagli

Decine di pagine web, di indirizzi Internet,

Decine di pagine web, di indirizzi Internet, UE lontana e banche iffienti, ma serve imparare I piccoli e mei imprenitori i settore lamentano le ifficoltà che si incontrano sulla straa sia ei finanziamenti comunitari sia i quelli bancari. Gli esperti

Dettagli

Nota metodologica. Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati dell indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana

Nota metodologica. Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati dell indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana Nota metoologica I ati vengono raccolti nell ambito ell inagine campionaria sulle famiglie Aspetti ella vita quotiiana, ce fa parte i un sistema integrato i inagini sociali (Inagini Multiscopo) e è volta

Dettagli

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria La liquiazione mortis causa ella quota sociale agli erei i un socio i società i persone i Fabio Giommoni * La morte i un socio i società i persone impone generalmente la liquiazione ella quota agli erei.

Dettagli

Università degli studi di Bari A. Moro. Economia dei tributi. Anno accademico 2015/2016. Prova scritta del 13 giugno 2016 sul programma del I modulo

Università degli studi di Bari A. Moro. Economia dei tributi. Anno accademico 2015/2016. Prova scritta del 13 giugno 2016 sul programma del I modulo Università eli stui i Bari A. Moro Corso i Laurea maistrale in Consulenza professionale per le aziene Economia ei tributi Anno accaemico 2015/2016 Prova scritta el 13 iuno 2016 sul proramma el I moulo

Dettagli

Capitolo 4 Funzionamento dei gruppi elettrogeni e loro protezioni

Capitolo 4 Funzionamento dei gruppi elettrogeni e loro protezioni 61 Capitolo 4 Funzionamento ei gruppi elettrogeni e loro protezioni 4.1 ntrouzione Nel presente capitolo si prenono in esame le moalità i esercizio e i funzionamento ei gruppi elettrogeni nei confronti

Dettagli

L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO

L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO 21 icembre 2015 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO Anno scolastico 2014-2015 Nell anno scolastico 2014-2015 gli alunni con isabilità sono stimati pari

Dettagli

MICRO-RETI DI DISTRIBUZIONE: CONTROLLO E MODELLI DELLE SORGENTI

MICRO-RETI DI DISTRIBUZIONE: CONTROLLO E MODELLI DELLE SORGENTI Università egli Stui i Paova Facoltà i Ingegneria Corso i Laurea Specialistica in Ingegneria Elettrotecnica Tesi i Laurea Specialistica: MICRO-RETI DI DISTRIBUZIONE: CONTROLLO E MODELLI DELLE SORGENTI

Dettagli

4. Quale delle seguenti affermazioni è corretta: Per partecipare al corso ed ottenere la qualifica di Giudice nazionale, oltre ad aver

4. Quale delle seguenti affermazioni è corretta: Per partecipare al corso ed ottenere la qualifica di Giudice nazionale, oltre ad aver GIURIA DOMANDE DI GINNASTICA RITMICA 1 Quale elle seguenti affermazioni è corretta: Corso Giuice nazionale a. La qualifica i Giuice nazionale si ottiene partecipano a un corso inetto alla F.G.I. e superano

Dettagli

Il diabete si cura bene ovunque

Il diabete si cura bene ovunque Il iabete si cura bene ovunque La persona con iabete è seguita a numerose strutture: agli ambulatori ai Centri i riferimento regionale, passano per ospeali e strutture private in collaborazione con i meici

Dettagli

Un terzo tempo della partita

Un terzo tempo della partita La soglia ella vecchiaia si è spostata i 20 anni creano generazioni i anziani in conizioni fisiche e intellettuali ottimali. La longevità aggiunge un terzo tempo nel quale le conizioni croniche non impeiscono

Dettagli

I L T E M A. Il diabete

I L T E M A. Il diabete Il iabete nell anziano Anche sopra i 70-75 anni il iabete va trattato per riurre i rischi cariovascolari e i complicanze. Ma la terapia ieale va aeguata alla conizione reale in cui il paziente si trova

Dettagli

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella -2/I Criteri i imensionamento per cilinri e servocilinri SWC Cyliners esigner SWC è un ottimo software per la progettazione veloce e efficace ei Cilinri e Servocilinri Atos, isponibile

Dettagli

Condizionamento, congestione e capacità economica delle strade.

Condizionamento, congestione e capacità economica delle strade. Conizionamento, congestione e capacità economica elle strae. µ 3 4 ε (-Q) m (-Q) M : Equilibrio spontaneo in corrisponenza el traffico Q : volume i traffico Q E, corrisponente alla capacità economica ella

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8 Rimini, 7 ottobre 2014 Macroeconomia 158 Il mercato ei titoli Sul mercato ei titoli si etermina il prezzo ei titoli

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE "VITTORIO EMANUELE II" PALERMO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

LICEO CLASSICO STATALE VITTORIO EMANUELE II PALERMO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE LICEO CLASSICO STATALE "VITTORIO EMANUELE II" PALERMO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE II giorno 18/04/2013 alle ore 17,10 nel locale ella irezione viene sottoscritta la presente

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 6 29 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 6 29 Aprile 2011 Università i Siena See i Grosseto Secono Semestre 200-20 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 6 29 Aprile 20 Un ultimo punto sul capitolo 5 Risparmio Investimento in economia aperta? o, serve

Dettagli

Gestione economico-aziendale

Gestione economico-aziendale La valutazione i un aziena nell ipotesi i un acquisizione: un caso i applicazione el metoo ei multipli i Massimo Buongiorno * e Marco Capra ** Il presente lavoro illustra un incarico svolto nell interesse

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO 5 Premettiamo una Definizione: si chiama atto i moto i un sistema materiale in un ato istante t, l insieme elle velocità i tutti i punti el sistema all istante t. E errato parlare

Dettagli

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm ensori i prossimità inuttivi Introuzione Principi i funzionamento ei sensori i prossimità inuttivi Bobina Oscillatore Circuito i attivazione Circuito elettrico i uscita I sensori i prossimità inuttivi

Dettagli

Nozioni generali. Tipi di cuscinetti 6. Normalizzazione ed intercambiabilità 12. Dimensioni e codifica 14. Precisione di esecuzione dei cuscinetti 18

Nozioni generali. Tipi di cuscinetti 6. Normalizzazione ed intercambiabilità 12. Dimensioni e codifica 14. Precisione di esecuzione dei cuscinetti 18 Nozioni generali Tipi i cuscinetti 6 efinizioni 6 Vocabolario 8 Attituini 9 Normalizzazione e intercambiabilità 12 Le norme 12 Intercambiabilità 12 imensioni e coifica 14 Coifica generale 14 Coice completo

Dettagli

Il controllo del dolore e non farmacologico

Il controllo del dolore e non farmacologico DICEMBRE 2013 L evoluzione storica Il controllo el olore e non farmacologico i la filosofia Cure Palliative I bisogni el Paziente f.moggia.valenti Bologna, 20 aprile 2013.valenti L Organizzazione Moniale

Dettagli

Teorema di Sostituzione

Teorema di Sostituzione Teorema i Sostituzione Le Fiure (a) e (b) i seuito riportate, si riferiscono al Teorema i sostituzione che afferma: Una impeenza Z a percorsa a una corrente, può essere sostituita un eneratore i tensione

Dettagli

ANALISI DELLE PRESTAZIONI DI UN MANIPOLATORE PARALLELO PER IL PICK-AND-PLACE TRAMITE INDICI CINEMATICI E DINAMICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

ANALISI DELLE PRESTAZIONI DI UN MANIPOLATORE PARALLELO PER IL PICK-AND-PLACE TRAMITE INDICI CINEMATICI E DINAMICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSIÀ DEGLI SUDI DI PADOVA FACOLÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCARONICA ESI DI LAUREA MAGISRALE ANALISI DELLE PRESAZIONI DI UN MANIPOLAORE PARALLELO PER IL PICK-AND-PLACE RAMIE INDICI

Dettagli

Le molle. M. Guagliano

Le molle. M. Guagliano Le molle M. Guagliano Introuzione Le molle sono organi meccanici che hanno la proprietà i eformarsi molto sotto carico, ma rimaneno nel campo elastico el materiale i cui sono costituite, ovvero non accumulano

Dettagli

Ibrevetti italiani hanno un valore scarsissimo,

Ibrevetti italiani hanno un valore scarsissimo, Brevetti e tutela ella proprietà inustriale In Italia, troppo costosi ma poco utili Ibrevetti italiani hanno un valore scarsissimo, tanto che ormai si tene a presentare le richieste i registrazione irettamente

Dettagli

Capitolo 1: La sintesi del diamante a basse pressioni 1.1 Diagramma di fase del carbonio, paradosso termodinamico e ruolo dell idrogeno nella sintesi

Capitolo 1: La sintesi del diamante a basse pressioni 1.1 Diagramma di fase del carbonio, paradosso termodinamico e ruolo dell idrogeno nella sintesi Capitolo : La sintesi el iamante a basse pressioni. Diagramma i fase el carbonio, paraosso termoinamico e ruolo ell irogeno nella sintesi el iamante a basse pressioni. Moelli i nucleazione e i crescita

Dettagli

Progetto di un solaio in legno a semplice orditura (a cura di: ing. E. Grande)

Progetto di un solaio in legno a semplice orditura (a cura di: ing. E. Grande) Progetto i un solaio in legno a semplice oritura (a cura i: ing. E. Grane) 1. PREMESSA Il presente elaborato concerne la progettazione i un solaio in legno a semplice oritura con estinazione uso i civile

Dettagli

Puntare tutto sul verde

Puntare tutto sul verde Puntare tutto sul vere i stima che siano il 5% ella S popolazione italiana, forse i più. Sicuramente è in crescita il numero i persone in Italia che optano per stili alimentari alternativi : vegetariani,

Dettagli

Il riassorbimento osseo perimplantare nella tecnica postestrattiva

Il riassorbimento osseo perimplantare nella tecnica postestrattiva Il riassorbimento osseo perimplantare nella tecnica postestrattiva Luca Fumagalli, nrea Parenti, Matteo Capelli, Francesco Zuffetti, Fabio Galli, Silvio Taschieri, Massimo Del Fabbro, Tiziano Testori.

Dettagli

INNOVAMBIENTE: un esperienza interdisciplinare di integrazione tra scienze naturali, matematiche e informatiche

INNOVAMBIENTE: un esperienza interdisciplinare di integrazione tra scienze naturali, matematiche e informatiche 268-028:Layout 1 12/05/2010 13.18 Pagina 28 28 IATTICA elle CIENZE N. 268 MAGGIO 2010 INNOVAMBIENTE: un esperienza interisciplinare i integrazione tra scienze naturali, matematiche e informatiche Troppo

Dettagli

PROVINCIA DI SALERNO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI

PROVINCIA DI SALERNO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Relazione Valutazione ell apporto solio ei principali corsi acqua el golfo i Salerno Consulenti e collaboratori: Prof. Eugenio Pugliese Carratelli Prof. Enrico Foti (Univ. Catania) Prof. Vittorio Bovolin

Dettagli

Il trasferimento dell azienda dell esportatore abituale

Il trasferimento dell azienda dell esportatore abituale Tributieaccertamentofiscale Iltrasferimentoell azienaell esportatoreabituale isanroceratoemichelebana * IsoggettipassiviIvacheeffettuanoabitualmenteoperazioniconl esteropossonoavvalersiellafacoltài effettuare

Dettagli

QUESITI DI PSICOLOGIA

QUESITI DI PSICOLOGIA QUESITI DI PSICOLOGIA appunti 23 TEST DI VERIFICA 1 Che osa si intene on il onetto i atteniilità? a L effiaia he un test ha nel preveere i renimenti i un soggetto nelle ailità speifihe misurate Il grao

Dettagli

Diodi: Complementi e applicazioni

Diodi: Complementi e applicazioni SOMMO - MMUNTÀ DSTU N UN GUNZONE PN... Esempio 1 :... - DSTUZONE D UN GUNZONE PE ECCESSO D O PE ECCESSO D V... - CONNESSONE N PEO D DUE DOD... Esempio :...3 - CONNESSONE N SEE D DUE O PÙ DOD...3 Esempio

Dettagli

Corso di Elettronica Digitale. Display decoder a 7 segmenti con le mappe di Karnaugh

Corso di Elettronica Digitale. Display decoder a 7 segmenti con le mappe di Karnaugh Corso i Elettronica Digitale Display ecoer a 7 segmenti con le mappe i Karnaugh Anrea Di Salvo A.A. 23/24 Che cos'è? Per un singolo moulo, è una rappresentazione i interi a a 9 (e eventualmente i alcuni

Dettagli

Ricordando GOVERNARE LA PENALITÀ. STRUTTURA SOCIALE, PROCESSI DECISIONALI E DISCORSI PUBBLICI SULLA PENA. a cura di MaRco RUotoLo

Ricordando GOVERNARE LA PENALITÀ. STRUTTURA SOCIALE, PROCESSI DECISIONALI E DISCORSI PUBBLICI SULLA PENA. a cura di MaRco RUotoLo Ricorano MASSIMO PAVARINI GOVERNARE LA PENALITÀ. STRUTTURA SOCIALE, PROCESSI DECISIONALI E DISCORSI PUBBLICI SULLA PENA a cura i MaRco RUotoLo a MASSIMO PAVARINI, grane Maestro el Diritto penale, abbiamo

Dettagli

Mi merito questa pausa

Mi merito questa pausa Mi merito questa pausa una vera tempesta ormonale che genera moifiche im- È portanti nel fisico, nella psicologia e nel metabolismo, un po come accae quano a bambine si iventa onne. Avviene intorno ai

Dettagli

ondulatorio della luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto di partenza

ondulatorio della luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto di partenza O2. Introuzione all'ottica geometrica Premessa Lo stuio egli strumenti astronomici non puoç prescinere al comportamento onulatorio ella luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto i partenza necessario,

Dettagli

Navigazione di Veicoli Autonomi

Navigazione di Veicoli Autonomi Luca Baglivo Navigazione i Veicoli Autonomi Pianificazione e Controllo i Traiettoria Appunti per il corso i Robotica Spaziale per Ingegneria Aerospaziale PREFAZIONE Lo scopo ella presente ispensa è quello

Dettagli

Cap. 8 Sistemi di controllo

Cap. 8 Sistemi di controllo Cap. 8 Sistemi i controllo Come già etto, in generale, un sistema è solo potenzialmente in grao i soisfare gli obiettivi per i quali è stato costruito, e cioè i comportarsi nella maniera esierata. Per

Dettagli

DISPENSE DEL CORSO DI IDRAULICA DEI MEZZI POROSI

DISPENSE DEL CORSO DI IDRAULICA DEI MEZZI POROSI Ultimo aggiornamento 30/04/013 DISPENSE DEL CORSO DI IDRAULICA DEI MEZZI POROSI 1-1 Ultimo aggiornamento 30/04/013 INDICE 1. Introuzione al corso...1-4. Le fale acquifere...-6.1. Legge i Darcy...-7.. Fale

Dettagli

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA Informazioni sul prootto Il chioo i sollevamento DEHA a testa sferica è annegato nel calcestruzzo con una guaina che viene successivamente rimossa. Il sollemento

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Dario Curlante Progettare strutture in legno lamellare AGGIORNATO AL NUOVO EC5 UNI EN 1995-1-1:014 Dario Flaccovio Eitore Dario Curlante ISBN 9788857903736 014 by Dario Flaccovio Eitore s.r.l. - tel. 0916700686

Dettagli

L'equazione di continuità

L'equazione di continuità L'equazione i continuità Una prima imostrazione. Consieriamo il volume occupato a una istribuzione i cariche ρ (t, x). È possibile esprimere la proprietà i conservazione ella carica nel seguente moo t

Dettagli

SENSORI PER GRANDEZZE MECCANICHE

SENSORI PER GRANDEZZE MECCANICHE Sono utili per la misura i: SENSORI PER GRANDEZZE MECCANICHE granezze legate al moto, come posizione, spostamento, rugosità superficiale, velocità i flusso, velocità i rotazione,... granezze legate alle

Dettagli

! Una gerarchia ricorsiva deriva dalla presenza di una ricorsione o ciclo (un anello nel caso più semplice) nello schema operazionale.

! Una gerarchia ricorsiva deriva dalla presenza di una ricorsione o ciclo (un anello nel caso più semplice) nello schema operazionale. Gerarhie Riorsive! Una gerarhia riorsiva eriva alla presenza i una riorsione o ilo (un anello nel aso più semplie) nello shema operazionale.! Esempio i shema operazionale on anello:! Rappresentazione sullo

Dettagli

Juvenile Idiopathic Arthritis: inquadramento storico-classificativo

Juvenile Idiopathic Arthritis: inquadramento storico-classificativo Juvenile Iiopathic rthritis: inquaramento storico-classificativo F. Fantini Cattera i eumatologia ell'università i Milano; Dipartimento i eumatologia Istituto rtopeico Gaetano Pini, Milano Sebbene la prima

Dettagli

Catalogo tecnico boccole autolubrificanti e rilubrificabili

Catalogo tecnico boccole autolubrificanti e rilubrificabili MBI METAL BUSHINGS ITALIA - MBI METAL BUSHINGS ITALIA Catalogo tecnico boccole autolubrificanti e rilubrificabili 1 MBI METAL BUSHINGS ITALIA - MBI METAL BUSHINGS ITALIA e Il nuovo materiale privo i piombo

Dettagli

Viti a ricircolazione di sfere standard

Viti a ricircolazione di sfere standard Viti a ricircolazione i stanar KURODA prouce viti a ricircolazione i nelle versioni rullate stanar, rettificate stanar e rettificate secono isegno cliente; la gamma completa comprene chiocciole singole

Dettagli

L evoluzione storica LA RIMODULAZIONE e DELLA TERAPIA ALLA

L evoluzione storica LA RIMODULAZIONE e DELLA TERAPIA ALLA FEBBRAIO 2014 L evoluzione storica LA RIMODULAZIONE e DELLA TERAPIA ALLA FINE DELLA i la filosofia VITA E LA Cure RELAZIONE Palliative D AIUTO f.moggia.valenti Bologna, 20 aprile 2013.valenti Quano un

Dettagli

Geberit PE-HD 6.1 Sistema........................................... 198 6.2 Montaggio.........................................

Geberit PE-HD 6.1 Sistema........................................... 198 6.2 Montaggio......................................... 6.1 Sistema........................................... 198 6.1.1 Descrizione el sistema.............................. 198 6.1.2 Settori 'impiego..................................... 198 6.1.3 Dati tecnici...........................................

Dettagli

CORDA DI METALLO UN MODELLO E UN ALGORITMO PER LA SIMULAZIONE PER MODELLI FISICI DI STRUMENTI AD ARCO PREPRINT

CORDA DI METALLO UN MODELLO E UN ALGORITMO PER LA SIMULAZIONE PER MODELLI FISICI DI STRUMENTI AD ARCO PREPRINT UN MODELLO E UN ALGORITMO PER LA SIMULAZIONE PER MODELLI FISICI DI STRUMENTI AD ARCO PREPRINT Marco Palumbi, Lorenzo Seno marco.palumbi@bigfoot.com, lorenzo.seno@bigfoot.com Centro Ricerche Musicali Via

Dettagli

e le centrali nucleari

e le centrali nucleari GENNAIO 2010 N. 265 DIDATTICA elle CIENZE 35 D La raioattività e le centrali nucleari i comincia a riparlare i nucleare, a qualche tempo; alcuni recenti sonaggi inicano che l opinione pubblica vee meno

Dettagli

Sicc Spa - V.le Porta Po 89 z.i. 45100 Rovigo Italy Tel. +39.0425.403111 r.a. Fax +39.0425.403177 www.siccspa.it - info@siccspa.it CT.

Sicc Spa - V.le Porta Po 89 z.i. 45100 Rovigo Italy Tel. +39.0425.403111 r.a. Fax +39.0425.403177 www.siccspa.it - info@siccspa.it CT. Sicc Spa - V.le Porta Po 89 z.i. 45100 Rovigo Italy Tel. +39.0425.403111 r.a. Fax +39.0425.403177 www.siccspa.it - info@siccspa.it CT. 02-11 Catalogo Tecnico termo energie alternative acqua aria Costruire

Dettagli

Bosch, soluzioni tecnologiche per lavorare e vivere meglio

Bosch, soluzioni tecnologiche per lavorare e vivere meglio osch, soluzioni tecnologiche per lavorare e vivere meglio osch, con le proprie soluzioni tecnologiche avanzate, è al fianco ei professionisti in ogni ambito. In un tipico contesto urbano, molti sono i

Dettagli

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari Sistemi i fissaggio Knauf 07/2011 Sistemi i fissagio Knauf Fissaggio sempice i carichi perpenicoari Cucine Forster Sistemi i fissaggio Knauf quari e scaffai Questo opuscoo iustra come fissare iversi carichi

Dettagli

di successo nell innovazione, leader specializzati in settori precisi: sono tra gli ingredienti

di successo nell innovazione, leader specializzati in settori precisi: sono tra gli ingredienti L eccellenza italiana nel mono Il Mae in Italy è ormai sinonimo Foto Sarmas i successo Alta qualità ei prootti, investimenti nell innovazione, leaer specializzati in settori precisi: sono tra gli ingreienti

Dettagli

Giornale italiano di ricerca clinica e applicativa

Giornale italiano di ricerca clinica e applicativa Dislessia, isortografia, iscalculia: uno o più isturbi? numero monografico a cura i Gloria Di Filippo e Pierluigi Zoccolotti Direzione: Giacomo Stella Enrico Savelli Giornale italiano i ricerca clinica

Dettagli

Linea sistemi di tubazioni/ linea raccorderia Acciaio

Linea sistemi di tubazioni/ linea raccorderia Acciaio Prestabo IT / Catalogo 0 Con riserva i moifiche. Linea sistemi i tubazioni/ linea raccoreria Acciaio F Sistema a pressare con raccori a pressare e tubi i acciaio al carbonio non legato.0308 (E3), secono

Dettagli

Codice [m 3 /h] DN [mm] H7200W630-S7 630 200 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T H7250W1000-S7 1000 250 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T

Codice [m 3 /h] DN [mm] H7200W630-S7 630 200 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T H7250W1000-S7 1000 250 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T Schea ecnica 7..W..S7 Valvole a globo 3-vie N 200 / N 250 con flange PN 16 Per circuiti iraulici chiusi a acqua frea e acqua cala a bassa temperatura Per la regolazione moulante ella portata in sistemi

Dettagli

APPENDICE TECNICA. 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione dei cuscinetti volventi - Pag.3

APPENDICE TECNICA. 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione dei cuscinetti volventi - Pag.3 1 APPENDICE TECNICA 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione ei cuscinetti volventi Pag.3 2. APPELLATIVO DEI CUSCINETTI VOLVENTI 2.1 Sigle ei cuscinetti volventi Pag.4 2.2 Schermi e anelli

Dettagli

Profilo cognitivo e delle abilità di lettura in dislessici evolutivi con e senza ritardo di linguaggio diventati giovani adulti

Profilo cognitivo e delle abilità di lettura in dislessici evolutivi con e senza ritardo di linguaggio diventati giovani adulti i s l e s s i a, i s o r t o g r a f i a, i s c a l c u l i a: un o o p i ù i s t u r b i? Profilo cognitivo e elle abilità i lettura in islessici evolutivi con e senza ritaro i linguaggio iventati giovani

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 5

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 5 PPUNTI DI TOPOGRFI MODULO 5 MISUR DELLE DISTNZE E DEI DISLIVELLI PROF. SPDRO EMNUELE UNIT DIDTTIC N 1 MISUR DELLE DISTNZE http://spaaroemanueletopografia.bloog.it/ RIDUZIONE DELL DISTNZ LL SUPERFICIE DI

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

L interferenza e la natura ondulatoria della luce

L interferenza e la natura ondulatoria della luce CAPITOLO 5 L interferenza e la natura onulatoria ella luce Un serpentone lungo più i 6 mila chilometri, che corre a oltre mila anni nel cuore ella Cina. È sicuramente grazie alla sua graniosità e alla

Dettagli

Qualsiasi testo di elettronica o di sistemi dedica

Qualsiasi testo di elettronica o di sistemi dedica NOVEMBRE 2004 N. 234 IATTICA elle CIENZE 7 Il principio ella controreazione/1 In questa prima parte l Autore efinisce il concetto i controreazione, che ha un ruolo essenziale non solo in elettronica ma

Dettagli

Multiscopo ISTAT Famiglie e soggetti sociali

Multiscopo ISTAT Famiglie e soggetti sociali ISTAT Multiscopo ISTAT Famiglie e soggetti sociali 2009 Coice SN104 ADPSS-SOCIODATA Archivio Dati e Programmi per le Scienze Sociali www.sociologiaip.unimi.it/socioata E-mail: apss.sociologia@unimi.it

Dettagli

a) Relativa b) Causale c) Finale d) Oggettiva d a) Oggettiva b) Finale c) Temporale d) Comparativa d

a) Relativa b) Causale c) Finale d) Oggettiva d a) Oggettiva b) Finale c) Temporale d) Comparativa d Vietata la pubblicazione, la riprouzione e la ivulgazione a scopo i lucro. FB00001 Che tipo i proposizione suborinata, fra le seguenti, non è contenuta nella frase: Esseno un esperto in materia, mi fio

Dettagli

Le nuove normative: Eurocodice 5 ed Ordinanza 3274

Le nuove normative: Eurocodice 5 ed Ordinanza 3274 STRATEX s.p.a., Sutrio, Uine Orine egli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori ella Provincia i Verona Verona, 9 Settembre 006 Corte Molon, sala convegni Convegno IL LEGNO LAMELLARE Creatività

Dettagli

Lezione n. 9 del 28 marzo 2012

Lezione n. 9 del 28 marzo 2012 Alessanro Manolini Diartimento i Ingegneria Civile Corso i OPERE DI SOSTEGNO A.A. 0-0 Muro a mensola Muro a gravità Terre rinforzate Paratia Gabbionate Crib wall Lezione n. 9 el 8 marzo 0 Paratie i sostegno:

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

Pronto Soccorso. Agesci Specialità e Brevetti n. 9. INSERTO di SCOUT AVVENTURA n.3 di Aprile 2003

Pronto Soccorso. Agesci Specialità e Brevetti n. 9. INSERTO di SCOUT AVVENTURA n.3 di Aprile 2003 Agesci Specialità e Brevetti n. 9 a cura ella reazione i SCOUT Avventura scout.avventura@agesci.it INSERTO i SCOUT AVVENTURA n.3 i Aprile 2003 Per avere informazioni sui manuali scout eiti alla Nuova Nuova

Dettagli

La prima gamma di cuscinetti per impieghi gravosi correntemente prodotti e disponibili. SNR - Industry

La prima gamma di cuscinetti per impieghi gravosi correntemente prodotti e disponibili. SNR - Industry La prima gamma i cuscinetti per impieghi gravosi correntemente prootti e isponibili. SNR - Inustry I N U S T R Y TN21Ia:TN21Ia 4/12/08 14:01 Page 2 Una gamma aeguata alle applicazioni più impegnative.

Dettagli

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio SCHEDA DI APPROONDIMENTO Prove i laoratorio PROVE DI RESISTENZA A TRAZIONE Le prove i resistenza a trazione sono essenziali per valutare le caratteristiche fonamentali e il comportamento el materiale sia

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI EDIFICI CON PRESENZA DI AMIANTO. Pontassieve 12-19 maggio 2009 dott. Gabriele Fornaciai

CRITERI DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI EDIFICI CON PRESENZA DI AMIANTO. Pontassieve 12-19 maggio 2009 dott. Gabriele Fornaciai CRITERI DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI EDIFICI CON PRESENZA DI AMIANTO Pontassieve 12-19 maggio 2009 ott. Gabriele Fornaciai L AMIANTO INTRODUZIONE AL TEMA Cosa è, ove si trova, tipi i amianto, prootti

Dettagli

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce)

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Stuio i funzioni Carlo Elce 1 Stuio i una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Per rappresentare graficamente una funzione reale i una variabile reale bisogna seguire i seguenti passi: Passo 1)

Dettagli

Quaderni per l economia

Quaderni per l economia Quaerni per l economia Quaerni per l economia Numero 3 6 marzo 2009 Giorio De Rita Luca Doni all Oroloio Marco Marcatili La centralità el creito nella crisi el settore immobiliare Le inamiche el mercato

Dettagli

Disturbi associati nella dislessia evolutiva

Disturbi associati nella dislessia evolutiva i s l e s s i a, i s o r t o g r a f i a, i s c a l c u l i a: un o o p i ù i s t u r b i? Disturbi associati nella islessia evolutiva Uno stuio preliminare Giacomo Stella, Stefano Franceschi e Enrico

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Espressione. Agesci Specialità e Brevetti n. 12. Dalla collana Piccola biblioteca delle arti di Gremese Editore: Paola Della Porta, Manuale di dizione

Espressione. Agesci Specialità e Brevetti n. 12. Dalla collana Piccola biblioteca delle arti di Gremese Editore: Paola Della Porta, Manuale di dizione Per avere informazioni sui manuali scout eiti alla Nuova Fioraliso potete contattare irettamente la casa eitrice tel. / - fax / e-mail eitoria@fioraliso.it Trovate il catalogo aggiornato in www.fioraliso.it

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Dalle statistiche IFR più recenti risulta

Dalle statistiche IFR più recenti risulta SIRI - ASSOCIAZIONE ITALIANA DI ROBOTICA E AUTOMAZIONE Da questo numero inizia una collaborazione tra SA e SIRI, associazione italiana i robotica e automazione. L associazione curerà una rubrica fissa

Dettagli

STRUTTURE DI SEDE CENTRALE. Interventi di razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale

STRUTTURE DI SEDE CENTRALE. Interventi di razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale STRUTTUR DI SD CNTRAL *** Interventi i razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale Incontro con le OO.SS. Torino, 6 maggio 2005 Piano 2003-2005 Interventi: Integrazione i Carine Finanziaria

Dettagli

La Rivista delle Operazioni

La Rivista delle Operazioni elle razioni Mensile i approfonimento eicato alla gestione straorinaria i imprese e società aprile 2013 DIRITTOESOCIETÀ Societàaresponsabilitàlimitata(Srl),societàaresponsabilitàlimitata semplificata(srls),societàaresponsabilitàlimitataa

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO IN ZONA SISMICA

STRUTTURE IN LEGNO IN ZONA SISMICA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E DEI MATERIALI TESI DI LAUREA SPECIALISTICA in Progetto

Dettagli

ARMI COMUNI. Richiesta di autorizzazione per l importazione o per l esportazione. (1) Esportazione di armi. comuni o antiche, artistiche, rare

ARMI COMUNI. Richiesta di autorizzazione per l importazione o per l esportazione. (1) Esportazione di armi. comuni o antiche, artistiche, rare ARMI COMUNI Richiesta di autorizzazione per l importazione o per l esportazione ALL UFFICIO TERRITORIALE EL GOVERNO I ALLA QUESTURA I AL COMMISSARIATO I P.S. I ISTANZA PER IL RILASCIO I LICENZA PER: ()

Dettagli