ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE"

Transcript

1 D. Lgs. 49/2014 ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente

2 RECEPIMENTO DIRETTIVA EUROPEA SUI RAEE D. Lgs. 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

3 ART. 3 - ESCLUSIONI Parti di apparecchiature purché possano svolgere la loro funzione solo in quanto parti di tale apparecchiatura Apparecchiature necessarie per la tutela degli interessi di sicurezza nazionale compresi armi, munizioni e materiale bellico destinati a fini specificatamente militari Lampada a incandescenza Dal 15 agosto 2018 saranno escluse altresì: Apparecchiature destinate allo spazio Utensili industriali fissi di grandi dimensioni Le installazioni fisse di grandi dimensioni Mezzi di trasporto (esclusi veicoli a 2 ruote non omologati) Macchine mobili non stradali destinate ad uso esclusivo professionale Apparecchiature per sviluppo e ricerca Dispositivi medici e diagnostici in vitro (qualora rischio infezione)

4 ART. 4 DEFINIZIONI Nuove definizioni Lettere b) e c) UTENSILI INDUSTRIALI FISSI DI GRANDI DIMENSIONI - INSTALLAZIONI FISSE DI GRANDI DIMENSIONI: In funzione presso un impianto di produzione o centro di ricerca, installati e gestiti da professionisti Lettera d) MACCHINE MOBILI NON STRADALI: Alimentazione a bordo, movimento continuo tra postazioni fisse Lettera f) RAEE DI PICCOLISSIME DIMENSIONI: inferiori a 25 cm Lettera i) DISTRIBUTORE AL DETTAGLIO: rende disponibile l AEE all utilizzatore finale Lettera n) RAEE EQUIVALENTI: ritirati a fronte della fornitura di una nuova AEE. A differenza delle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo scompare la clausola del peso non superiore al doppio del peso della nuova attrezzatura. Il RAEE equivalente deve aver svolto la stessa funzione dell apparecchiatura fornita

5 ART. 4 DEFINIZIONI Nuove definizioni Lettera q) MESSA A DISPOSIZIONE SUL MERCATO: fornitura per distribuzione, consumo o uso sul mercato nazionale Lettera r) IMMISSIONE SUL MERCATO: la prima messa a disposizione sul mercato nazionale Lettera s) RIMOZIONE: con varie tecniche, rimozione e monitoraggio del flusso delle sostanze pericolose Lettere t), u) e v) DISPOSITIVO MEDICO, DISPOSITIVO MEDICO DIAGNOSTICO IN VITRO, DISPOSITIVO MEDICO IMPIANTABILE ATTIVO Lettera bb) RACCOLTA: richiama il D. Lgs. 152/06 Lettera cc) DEPOSITO PRELIMINARE ALLA RACCOLTA: temporaneo, D15, R13. Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo è stata eliminata la frase effettuato dai distributori nel rispetto delle condizioni di cui all articolo 11

6 ART. 4 DEFINIZIONI Nuove definizioni Lettera ff) PREPARAZIONE PER IL RIUTILIZZO: richiama il D. Lgs. 152/06 Lettera mm) CENTRO DI RACCOLTA DEI RAEE: richiama l art. 183 comma 1 lettera mm) del D. Lgs. 152/06 e del Decreto ministeriale 8 aprile Lettera nn) MARCHIO: permette l identificazione del produttore Lettera oo) RAGGRUPPAMENTO: come definiti dal Regolamento 25/9/2007 n. 185 Lettera pp) LUOGO DI RAGGRUPPAMENTO: deposito preliminare alla raccolta dei RAEE domestici, organizzato dai distributori Lettera qq) RIFIUTI DERIVANTI DAI PANNELLI FOTOVOLTAICI: domestici se l impianto in cui sono installati è di potenza nominale inferiore a 10 kw. Vanno conferiti nel Raggruppamento 4. Questa nuova definizione non era presente nelle versioni precedenti del decreto legislativo

7 ART. 4 DEFINIZIONI Definizioni innovate Lettera g) PRODUTTORE: distinzione tra chi è stabilito nel territorio nazionale e chi in un altro Stato membro dell UE. Specificato che è produttore anche chi commissiona la progettazione o la fabbricazione di AEE e le commercializza apponendovi il proprio marchio Lettera h) DISTRIBUTORE: aggiunto che nulla osta al fatto che un distributore sia anche produttore Lettera l) RAEE DOMESTICI: aggiunta la specifica che i RAEE derivanti da apparecchiature che potrebbero essere usate sia in nuclei domestici che professionali sono comunque considerati domestici Lettera z) RIFIUTO PERICOLOSO: richiama il D. Lgs. 152/06 e sostituisce la definizione sostanze o miscele pericolose

8 ART. 4 DEFINIZIONI Definizioni innovate Lettera dd) RACCOLTA DIFFERENZIATA: ai sensi del D. Lgs. 152/06. Sostituisce la definizione di raccolta separata Lettera ee) RIUTILIZZO: ai sensi del D. Lgs. 152/06. Sostituisce la definizione di reimpiego Lettera gg) RECUPERO: ai sensi del D. Lgs. 152/06. Sostituisce la definizione di recupero di energia Lettera ll) TRATTAMENTO: ai sensi del D. Lgs. 152/06. Sostituisce la definizione precedente

9 ART. 5 PROGETTAZIONE DI PRODOTTI Richiamo al Programma nazionale di prevenzione Promozione cooperazione tra produttori ed operatori degli impianti di trattamento, recupero e riciclaggio Sostegno al mercato dei materiali riciclati anche per produrre AEE Applicazione all INTERO CICLO DI VITA DELLE AEE

10 ART. 6 CRITERI DI PRIORITA NELLA GESTIONE Nuovo articolo 1. Riutilizzo 2. Preparazione per il riutilizzo 3. Recupero

11 ART. 7 PREPARAZIONE PER IL RIUTILIZZO Nuovo articolo Ai sensi del D. Lgs. 152/06 Nei Centri di raccolta sono individuate apposite aree adibite al deposito preliminare dei RAEE domestici destinati alla preparazione per il riutilizzo

12 ART. 8 OBBLIGHI DEI PRODUTTORI Conseguire obiettivi minimi Allegato V Sistemi individuali o collettivi, uniformi sul territorio nazionale Attraverso uno dei sistemi annualmente comunicano al MATTM l ammontare del contributo necessario per adempiere agli obblighi di raccolta, trattamento, recupero e smaltimento. Al momento della vendita il produttore può applicare il contributo indicandolo separatamente e con possibilità di renderlo noto Inserita la possibilità che la presenza del contributo necessario per adempiere agli obblighi di raccolta, trattamento, recupero e smaltimento può essere resa nota nell indicazione del prezzo del prodotto all utilizzatore finale

13 ART. 9 SISTEMI INDIVIDUALI Il sistema deve essere riconosciuto dal MATTM Deve operare su tutto il territorio nazionale Deve fornire idonee informazioni agli utilizzatori finali Deve intercettare tutti i RAEE generati dalle proprie AEE Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo è stata eliminata la possibilità di avvalersi delle modalità di gestione concordate con il Centro di coordinamento e la necessità di presentare lo studio sul ciclo di vita delle AEE. E stato invece inserito l obbligo del possesso di certificazioni ISO 9001 e 14001, Emas o altro sistema equivalente di gestione della qualità sottoposto ad audit

14 ART. 9 SISTEMI INDIVIDUALI Il sistema deve essere riconosciuto dal MATTM Deve operare su tutto il territorio nazionale Deve fornire idonee informazioni agli utilizzatori finali Deve intercettare tutti i RAEE generati dalle proprie AEE Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo è stata eliminata la possibilità di avvalersi delle modalità di gestione concordate con il Centro di coordinamento e la necessità di presentare lo studio sul ciclo di vita delle AEE. E stato invece inserito l obbligo del possesso di certificazioni ISO 9001 e 14001, Emas o altro sistema equivalente di gestione della qualità sottoposto ad audit

15 ART. 10 SISTEMI COLLETTIVI Con l adesione ad un sistema collettivo il produttore adempie ai propri obblighi Possono partecipare: distributori, raccoglitori, trasportatori, riciclatori, recuperatori previo accordo con i produttori Devono garantire il ritiro dei RAEE dai CdR secondo indicazioni del CDC Rispetto versioni in itinere dello schema di decreto legislativo è stato inserito l obbligo del possesso di certificazioni ISO 9001 e 14001, Emas o altro sistema equivalente di gestione della qualità sottoposto ad audit

16 ART. 11 DEPOSITO PRELIMINARE PRESSO I DISTRIBUTORI I distributori devono assicurare Uno contro uno Informazione chiara all utente (anche per vendita a distanza) sulla gratuità della suddetta operazione Rientra nella fase della raccolta ex D. Lgs. 152/06 se effettuato presso il punto vendita o altro luogo ex Comunicazione art. 3 DMATTM 65/10 al fine del trasporto verso CdR o impianti trattamento se: - Avvio ogni 3 mesi o al raggiungimento di kg. Mai comunque superiore ad 1 anno. Quantitativo elevato a kg per ciascuno dei Raggruppamenti 1, 2, 3 e kg complessivi per Raggruppamenti 4, 5 se RAEE ritirati da trasportatori iscritti All Albo - Luogo idoneo non accessibile a terzi, pavimentato, protetti da acque meteoriche e vento, pericolosi separati, apparecchiature integre

17 ART. 11 COMMA 3 UNO CONTRO ZERO Riguarda i RAEE piccolissime dimensioni Facoltativo per tutti ed obbligatorio per i distributori con superficie di vendita > 400 mq. Nelle versioni precedenti del decreto legislativo era riservato esclusivamente ai distributori con superficie di vendita > 400 mq Punti di raccolta non subordinati a registrazione ed autorizzazione D. Lgs. 152/06 Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo viene previsto che, nelle more dell adozione del Decreto ministeriale che disciplinerà le modalità semplificate per l attività di ritiro gratuito da parte dei distributori in ragione dell uno contro zero, deve essere garantita la raccolta separata dei RAEE di illuminazione dalle altre categorie di RAEE tramite appositi contenitori allo scopo di preservarne l integrità anche in fase di trasporto fino al conferimento agli impianti di trattamento

18 ART. 12 RD RAEE DOMESTICI Richiamo alla densità di popolazione per l adeguatezza dei sistemi di RD Conferimento gratuito anche per gestori centri di assistenza tecnica Inserita anche la possibilità di conferimento gratuito ai CdR per i RAEE detenuti presso LdR RD prioritaria per apparecchiature per scambio di temperatura contenenti sostanze che riducono lo strato di ozono e gas ad effetto serra, lampade fluorescenti contenenti mercurio, pannelli fotovoltaici e apparecchiature di piccole dimensioni Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo viene inserita l obbligatorietà della convenzione per quei comuni che non abbiano allestito un centro di raccolta idoneo e vogliano conferire nel centro di raccolta di un altro comune

19 ART. 14 TASSO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Fino al 31 dicembre 2015: 4 kg/anno*ab Dal 1 gennaio 2016: 45% come rapporto tra RAEE raccolti e peso medio AEE immesse sul mercato nei 3 anni precedenti Dal 1 gennaio 2019: 65% rispetto al peso medio delle AEE immesse sul mercato nei 3 anni precedenti o 85% rispetto ai RAEE prodotti Commissione europea deve definire metodologia per calcolo RAEE prodotti. Nelle more, il MATTM di concerto con MSE, può definire una metodologia tenendo conto del ciclo di vita delle AEE Monitoraggio conseguimento obiettivi è affidato ad ISPRA

20 ART. 15 RITIRO RAEE CONFERITI NEI C.D.R. I produttori assicurano su tutto il territorio nazionale il ritiro sulla base delle modalità definite da: Apposite convenzioni nel caso di sistemi individuali CDC nel caso di sistemi collettivi

21 ART. 15 COMMA 2 ACCORDO DI PROGRAMMA Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo tra i soggetti sottoscrittori, con Anci, Centro di Coordinamento e associazioni di categoria rappresentative dei produttori iscritti al Centro di coordinamento, sono state inserite le le associazioni di categoria a livello nazionale delle imprese che effettuano la raccolta L Accordo di Programma triennale va stipulato entro 6 mesi dall entrata in vigore del D. Lgs. Stabilisce: Condizioni di ritiro Modalità gestione RAEE a rischio infettivo: individuazione impianti idonei, oneri a carico produttori Premi di efficienza Adeguamento ed implementazione CdR Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto legislativo è previsto che nelle more della stipula dell Accordo restano validi gli Accordi di programma stipulati

22 ART. 18 TRATTAMENTO ADEGUATO Almeno l eliminazione di tutti i liquidi ed un trattamento selettivo In caso di presenza di sostanze lesive OZONO si applica Regolamento CE 1005/2009 Commissione europea emanerà norme minime di qualità trattamento: nelle more, il MATTM determina criteri e modalità ulteriori rispetto al D. Lgs. Impianti esistenti si devono adeguare Il CDC procede all adeguamento degli Accordi Previsti eventuali sistemi incentivanti per l adozione di sistemi certificati EMAS

23 ART. 19 OBIETTIVI DI RECUPERO Cernita e deposito che precedono le operazioni di recupero e riciclaggio non considerate I titolari dei centri di raccolta dovranno annotare su apposita sezione del registro ex art. 190 comma 1 del D. Lgs. 152/06 il peso dei RAEE, i loro componenti, i materiali e le sostanze in USCITA dai centri di raccolta (output). Rispetto alle versioni precedenti del decreto legislativo è stato eliminato l obbligo riguardo alle suddette annotazioni in ENTRATA (input). RIMANE CRITICITA SU MODALITA ANNOTAZIONI

24 ART. 21 SPEDIZIONI DI RAEE Il trattamento può essere effettuato al di fuori del territorio nazionale se la spedizione è conforme a: Regolamento CE 1013/2006 Spedizioni di rifiuti Regolamento CE 1418/2007 Esportazione rifiuti destinati al recupero Sono computati ai fini del raggiungimento degli obiettivi solo se l esportatore può dimostrare che il trattamento è avvenuto con gli stessi requisiti stabiliti dal D. Lgs. Le spese per le analisi sulle AEE usate spedite all estero sospettate di essere RAEE sono a carico dei soggetti responsabili delle spedizioni

25 ART. 22 VENDITA A DISTANZA Se il venditore a distanza non risiede nel territorio italiano deve registrarsi direttamente o tramite rappresentante autorizzato che è responsabile del ritiro dei RAEE equivalenti (UNO CONTRO UNO) I venditori a distanza, al fine di adempiere agli obblighi di ritiro gratuito, indicano in modo chiaro: I propri LdR o i luoghi convenzionati presso cui l utilizzatore può conferire i RAEE senza maggiori oneri di quelli che sosterrebbe nell acquisto tradizionale modalità di ritiro presso il luogo di consegna senza maggiori oneri di quelli che sosterrebbe nell acquisto tradizionale Senza tale indicazione il contratto di vendita non ha validità

26 ART. 23 FINANZIAMENTO RAEE DOMESTICI Finanziamento ritiro e trasporto RAEE storici conferiti nei CdR + trattamento adeguato, recupero e smaltimento è a carico dei produttori in proporzione alla quota di mercato calcolata in base al peso delle AEE immesse sul mercato per ciascuna apparecchiatura o per ciascun raggruppamento nell anno solare di riferimento. Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto è stata eliminata l opzione del calcolo delle quote di mercato tra numero di pezzi o peso delle AEE immesse sul mercato AEE IMMESSE DOPO IL 13 AGOSTO 2005 I produttori possono adempiere: Sistema individuale Sistema collettivo in base alla quota di mercato calcolata come sopra APPARECCHIATURE DI ILLUMINAZIONE, DOMESTICHE E PROFESSIONALI Finanziamento a carico dei produttori indipendentemente dalla data di immissione sul mercato

27 ART. 24 FINANZIAMENTO RAEE PROFESSIONALI STORICI A carico del produttore nel caso di fornitura di una nuova apparecchiatura in sostituzione di una equivalente A carico del detentore negli altri casi IMMESSE DOPO IL 15 AGOSTO 2005 A carico del produttore che ne assume l onere per le AEE immesse sul mercato dopo tale data Possibilità di accordi volontari tra produttori ed utenti non domestici al fine di prevedere modalità alternative di finanziamento che rispettino il D. Lgs

28 ART. 26 INFORMAZIONE AGLI UTILIZZATORI Poste all interno delle istruzioni per l uso delle AEE. Devono contenere informazioni su: Obbligo di effettuare RD Sistemi di ritiro dei RAEE Modalità di consegna all atto dell acquisto del nuovo equivalente Modalità conferimento gratuito senza acquisto per RAEE di piccolissime dimensioni Effetti nocivi delle sostanze presenti in caso di smaltimento scorretto Il ruolo degli acquirenti nella RD Significato dei simboli Se non sono previste istruzioni per l uso, le informazioni sono fornite tramite apposite pubblicazioni o materiale informativo presso punto vendita Il gestore del servizio di raccolta fornisce informazioni su: Le misure adottate per la RD dei RAEE Il ruolo dell utilizzatore finale nel processo

29 ART. 27 INFORMAZIONE AGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO I produttori forniscono informazioni gratuite su preparazione per il riutilizzo e trattamento adeguato Per ogni nuova tipologia di AEE immessa sul mercato per la prima volta le informazioni sono fornite entro 1 anno dalla data di immissione Le informazioni devono indicare almeno: diverse componenti diversi materiali punto delle AEE dove sono presenti sostanze e miscele pericolose Le informazioni sono fornite come MANUALI o STRUMENTI ELETTRONICI anche attraverso la banca dati del CDC

30 ART. 28 MARCHIO DI IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE Apposto sulle AEE deve identificare chiaramente il PRODUTTORE e che la AEE è stata immessa sul mercato dopo il 13 agosto 2005 Deve contenere almeno: Nome del produttore Logo del produttore, se registrato Numero di registrazione al Registro nazionale Il produttore può adottare, in alternativa, sistemi a radio frequenza previa autorizzazione del Comitato di vigilanza e controllo Deve essere apposto anche il simbolo ex Allegato IX (no in rifiuti indifferenziati) Il marchio deve essere apposto sulla superficie della AEE o anche sotto una componente ma che può essere rimossa senza utensili Se per le dimensioni dell AEE non è possibile apporre il marchio, lo stesso sarà apposto sull imballaggio e sulle istruzioni per l uso

31 ART. 29 REGISTRO NAZIONALE Vive Regolamento 25 settembre 2007 n. 185 Sezioni: Sistemi collettivi Sistemi individuali riconosciuti Iscrizione esclusivamente telematica Si iscrive il produttore o rappresentante autorizzato (risponde a tutti gli oneri, anche di iscrizione) Forniti i dati ex Allegato X con obbligo di aggiornamento Il Registro deve fornire, sul proprio sito, link agli altri registri nazionali

32 ART. 30 RAPPRESENTANTE AUTORIZZATO E nominato da produttore non avente sede in Italia E responsabile dell adempimento degli obblighi ricadenti sul produttore Similmente, un produttore con sede in Italia che vende in un altro Stato membro dell UE, nomina in quello Stato un rappresentante autorizzato

33 ART. 31 MONITORAGGIO E a carico di Ispra (obiettivi, quantità e categorie di AEE immesse, RAEE esportati ecc.) Ispra trasmette annualmente dati al MATTM Il MATTM invia ogni 3 anni alla Commissione europea una relazione sullo stato di attuazione della Direttiva. La prima relazione dovrà coprire il periodo 14/2/14 31/12/15

34 ART. 33 CENTRO DI COORDINAMENTO 1 Vive Regolamento 25/9/07 n 185 Costituito da tutti i sistemi collettivi di gestione dei RAEE domestici Adesione entro 30 giorni dalla costituzione del sistema collettivo Anche 2 componenti esterni: uno MATTM ed uno MSE Entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore del D. Lgs. il CDC predispone un elenco degli impianti di trattamento (iscrizione obbligatoria mediante semplice comunicazione senza oneri): comunicano annualmente le quantità trattate entro il 30 aprile Vi possono aderire anche i sistemi individuali, sia domestici che professionali (anche collettivi)

35 ART. 33 CENTRO DI COORDINAMENTO COMPITI Garantire il ritiro dei RAEE dai CdR su tutto il territorio nazionale Collaborare alla definizione della metodologia per il trattamento adeguato Supportare il Comitato di Vigilanza sulla definizione delle quote di mercato Assicurare ritiri tempestivi dei RAEE Rendicontare i dati sulla raccolta Trasmettere i dati all ISPRA Stipulare Accordi con associazioni soggetti recuperatori per assicurare livelli di trattamento e qualificazione delle aziende del settore Monitorare i flussi di RAEE per categoria Predisporre per ogni categoria un piano di prevenzione Assicurare il trasferimento delle informazioni dai produttori agli impianti di trattamento Acquisire i dati inerenti i RAEE gestiti dagli impianti e ricevuti dai distributori

36 ART. 35 COMITATO DI VIGILANZA E CONTROLLO Vive Comitato istituito ai sensi art. 15 D. Lgs. 151/05 e art. 19 D. Lgs. 188/08 Assicura il monitoraggio sull attuazione del D. Lgs. Si esprime, in mancanza di specifica valutazione europea, sull applicabilità o meno del decreto a tipologie di AEE non elencate negli allegati Fornisce al MATTM le informazioni necessarie per la relazione triennale Con Delibera, definisce i criteri per determinare le quote di mercato anche tenendo conto del diverso impatto ambientale delle AEE (si avvale del CDC)

37 ART. 36 COMITATO DI INDIRIZZO Vive Comitato istituito ai sensi Regolamento 25/9/07 n. 185 E ricostituito entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del D. Lgs. Supporto al Comitato di Vigilanza Rispetto alle versioni in itinere dello schema di decreto è stato inserito l obbligo di trasmettere annualmente al MATTM una relazione sull andamento del sistema di raccolta, recupero e riciclaggio dei RAEE Tredici membri: 3 settore industria (almeno 1 settore recupero e trattamento) 2 settore commercio 1 settore artigianato 1 settore cooperazione 2 Regioni 1 Anci 1 UPI 1 Confservizi 1 Consumatori

38 ART. 37 ISPEZIONE E MONITORAGGIO Comprendono almeno: Informazioni fornite dal produttore al Registro nazionale Spedizioni, con particolare riferimento alle esportazioni dei RAEE al di fuori dell UE Operazioni svolte presso gli impianti di trattamento

Nuova normativa RAEE Adempimenti e Facoltà per il Distributore al dettaglio di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Nuova normativa RAEE Adempimenti e Facoltà per il Distributore al dettaglio di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Nuova normativa RAEE Adempimenti e Facoltà per il Distributore al dettaglio di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Avv. Davide Rossi Studio Legale DDR Trust 1580 Punti Vendita 21.500 Addetti 9,

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 73 del 28 marzo 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 73 del 28 marzo 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE WORKSHOP RAEE La nuova normativa nazionale RAEE PV CYCLE 2014 INDICE La Direttiva europea RAEE Finalità, obbiettivi, scadenze e campo di applicazione La nuova normativa nazionale RAEE Introduzione e principali

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Decreto Legislativo 49/2014. Disciplina della gestione dei RAEE in Italia

Decreto Legislativo 49/2014. Disciplina della gestione dei RAEE in Italia Decreto Legislativo 49/2014 Disciplina della gestione dei RAEE in Italia Inquadramento normativo e premesse Il d.lgs. 49 del 14 marzo 2014 recepisce la direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature

Dettagli

Il d.lgs. 49/2014: principali novità nella gestione dei RAEE domestici. aspetti tecnici e normativi e impatti sulla gestione della raccolta

Il d.lgs. 49/2014: principali novità nella gestione dei RAEE domestici. aspetti tecnici e normativi e impatti sulla gestione della raccolta Il d.lgs. 49/2014: principali novità nella gestione dei RAEE domestici aspetti tecnici e normativi e impatti sulla gestione della raccolta INCONTRO ARPAV Treviso, 18 giugno 2014 Inquadramento normativo

Dettagli

Oggetto: RAEE - emanata la nuova disciplina che abroga il decreto 151/2005

Oggetto: RAEE - emanata la nuova disciplina che abroga il decreto 151/2005 23 Aprile 2014 Responsabili Filiali CNA Addetti Affari Generali Sedi Soc. collegate e.p.c.vice-direttore Generale Area Risorse e Servizi per la Gestione Servizio Sicurezza e Ambiente prot. 25/14 Oggetto:

Dettagli

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma Fabrizio Longoni Salerno, 10 aprile 2015 Inquadramento normativo e premesse Il d.lgs. 49 del 14 marzo 2014 recepisce

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE 1 LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE Protocollo di intesa ANCI CDC RAEE e DISTRIBUZIONE Ing. Fabrizio Longoni Milano, 23 novembre 2010 IL VECCHIO SISTEMA RAEE 2 Cittadini Enti Locali Produttori (attraverso

Dettagli

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità Andrea Quaranta Il 29 luglio 2005 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 151/2005, che ha recepito le direttive 2002/95/CE,

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE ISTITUZIONE DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE), COSTITUZIONE DI

Dettagli

LA DIRETTIVA 2012/19/UE DEL 4 LUGLIO 2012 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

LA DIRETTIVA 2012/19/UE DEL 4 LUGLIO 2012 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche LA DIRETTIVA 2012/19/UE DEL 4 LUGLIO 2012 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche Obiettivi e Destinatari «La presente direttiva è intesa a contribuire alla produzione e al consumo sostenibili

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO Indice Inquadramento normativo Campo di applicazione e principali definizioni Obblighi dei produttori, distributori e utilizzatori FAQ e principali criticità

Dettagli

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4 SETTEMBRE 2010 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori 4 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione,

Dettagli

RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione. Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015

RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione. Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015 RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015 Gestione dei RAEE D. Lgs. 49/2014 2 D. Lgs. 49/2014 Il 14 Marzo 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA RAEE

LA NUOVA DIRETTIVA RAEE LA NUOVA DIRETTIVA RAEE E stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale dell'unione europea, la nuova Direttiva 2012/19/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2012, sui rifiuti di apparecchiature

Dettagli

Decreto Legislativo 49/2014. Moduli Fotovoltaici e RAEE

Decreto Legislativo 49/2014. Moduli Fotovoltaici e RAEE Decreto Legislativo 49/2014 Moduli Fotovoltaici e RAEE 1 Indice Introduzione... 3 Q1 La mia società rientra nella definizione di produttore di AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)?... 4 Q2

Dettagli

L ECO CONTRIBUTO RAEE

L ECO CONTRIBUTO RAEE Circolare N. 86 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 7 dicembre 2007 L ECO CONTRIBUTO RAEE Come previsto dal D.Lgs 151/2005, in capo ai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche sono

Dettagli

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) AIRI TUTORIAL MEETING TECNOLOGIE MODERNE ED EMERGENTI PER LE PMI Perché una regolamentazione La politica ambientale dell'unione

Dettagli

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Il quadro Legislativo ed operativo Decreto n 15 del 25 Luglio 2005 Decreto n 152 del 3 Aprile 2006 Decreto n

Dettagli

Impianti RAEE: quali autorizzazioni e quali adempimenti? Edoardo Saronni NICA Srl

Impianti RAEE: quali autorizzazioni e quali adempimenti? Edoardo Saronni NICA Srl Impianti RAEE: quali autorizzazioni e quali adempimenti? Edoardo Saronni NICA Srl D.Lgs. 25 luglio 2005 n.151 Il 13 agosto 2005 è entrato in vigore il D.Lgs. 25 luglio 2005 n.151, recante nuove regole

Dettagli

Avv. Maurizio Iorio. Approvato dal Parlamento Europeo i testo di compromesso della Direttiva RAEE

Avv. Maurizio Iorio. Approvato dal Parlamento Europeo i testo di compromesso della Direttiva RAEE Milano, 20.12.2012 Approvato dal Parlamento Europeo i testo di compromesso della Direttiva RAEE La revisione della Direttiva è entrata da settembre 2011 nella fase di seconda lettura e, ad oggi, è assai

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori I PRODUTTORI IL REGISTRO NAZIONALE DEI PRODUTTORI IL VISIBLE FEE I produttori di AEE: chi sono? Il Decreto Legislativo 151 riguarda un numero

Dettagli

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E IL MINISTRO DELLA SALUTE REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERA

Dettagli

Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte. Torino, 16 dicembre 2010

Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte. Torino, 16 dicembre 2010 Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte Torino, 16 dicembre 2010 INQUADRAMENTO GENERALE Normativa di riferimento: Decreto Legislativo 151 del 25 luglio 2005 Decreto Ministeriale attuativo

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008

CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008 CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008 DATA: 7/01/2008 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente / Manutenzioni / Acquisti e Vendite DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341.49.42.10 # 0341.25.00.07

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE

CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE NOVI LIGURE (Consorzio obbligatorio unico di Bacino ai sensi della L.R. 24.10.2002, n. 24) RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

Gli obblighi del punto vendita

Gli obblighi del punto vendita Il Decreto Legislativo 14 Marzo 2014 n. 49, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 Marzo 2014 introduce alcune modifiche alla normativa vigente in materia di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche

Dettagli

UNIONCAMERE LOMBARDIA OSSERVATORIO CODICE AMBIENTE 2012 5 novembre 2012

UNIONCAMERE LOMBARDIA OSSERVATORIO CODICE AMBIENTE 2012 5 novembre 2012 UNIONCAMERE LOMBARDIA OSSERVATORIO CODICE AMBIENTE 2012 5 novembre 2012 Responsabilità estesa del produttore: la nuova Direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

Dettagli

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005 Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni Milano, 28 giugno 2005 IL RUOLO DEI PRODUTTORI E LE PROBLEMATICHE ANCORA APERTE Dr.ssa Daniela Capaccioli Responsabile

Dettagli

La nuova Direttiva RAEE II: campo di applicazione

La nuova Direttiva RAEE II: campo di applicazione RECUPERO E RICICLO DEI MODULI FOTOVOLTAICI A FINE VITA: IL PRINCIPIO DELLA RESPONSABILITÀ ESTESA DEI PRODUTTORI Fiera Milano 7 maggio 2014 Il D.Lgs 49/2014: analisi del campo di applicazione, esclusioni

Dettagli

Oggetto: Pubblicato in gazzetta il nuovo decreto legislativo sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

Oggetto: Pubblicato in gazzetta il nuovo decreto legislativo sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Prot. 41/C.U. Roma, 1 aprile 2014 All Ufficio di Presidenza A.C.I. DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO Oggetto: Pubblicato in gazzetta il nuovo decreto legislativo sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Dettagli

Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi

Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi Rimini, Ecomondo FORUM RAEE Avv. Maurizio Iorio Presidente dell Associazione Nazionale Produttori e Importatori di Elettronica Civile (ANDEC) Attuazione

Dettagli

Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi

Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi Rimini, Ecomondo FORUM RAEE Avv. Maurizio Iorio Presidente dell Associazione Nazionale Produttori e Importatori di Elettronica Civile (ANDEC) Attuazione

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1 GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttive Europee: 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 Decreto Ministeriale 08 marzo 2010, n. 65 Modalità

Dettagli

LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE. Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005

LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE. Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005 LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005 Il Consiglio dei Ministri ha licenziato lo schema di Decreto legislativo di recepimento delle

Dettagli

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Titolo I PRINCIPI GENERALI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

L attuazione in Italia della Direttiva Pile e Accumulatori Quali oneri, scadenze e adempimenti a carico delle aziende

L attuazione in Italia della Direttiva Pile e Accumulatori Quali oneri, scadenze e adempimenti a carico delle aziende L attuazione in Italia della Direttiva Pile e Accumulatori Quali oneri, scadenze e adempimenti a carico delle aziende Inquadramento generale della normativa Evento URGC Remedia, 25 novembre 2010 Maurizio

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa RISOLUZIONE N. 55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa La

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

Il centro comunale di raccolta differenziata e le nuove modalità di accesso

Il centro comunale di raccolta differenziata e le nuove modalità di accesso Il centro comunale di raccolta differenziata e le nuove modalità di accesso Il Comune di Seriate è proprietario del Centro Comunale di Raccolta Differenziata, sito in via Lazzaretto 4, realizzato nel 1997

Dettagli

RAEE PROFESSIONALI TORINO

RAEE PROFESSIONALI TORINO Provincia di Torino Area Ambiente RAEE PROFESSIONALI!&%!# ' TORINO D.Lgs. 151 del 25 luglio 2005 Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI MODULI FOTOVOLTAICI A FINE VITA: IL PRINCIPIO DELLA RESPONSABILITÀ ESTESA DEI PRODUTTORI. Fiera Milano 7 maggio 2014

RECUPERO E RICICLO DEI MODULI FOTOVOLTAICI A FINE VITA: IL PRINCIPIO DELLA RESPONSABILITÀ ESTESA DEI PRODUTTORI. Fiera Milano 7 maggio 2014 RECUPERO E RICICLO DEI MODULI FOTOVOLTAICI A FINE VITA: IL PRINCIPIO DELLA RESPONSABILITÀ ESTESA DEI PRODUTTORI Fiera Milano 7 maggio 2014 Il Disciplinare Tecnico del GSE e il D.Lgs 49/2014 di recepimento

Dettagli

VIII COMMISSIONE PERMANENTE

VIII COMMISSIONE PERMANENTE Martedì 18 febbraio 2014 37 Commissione VIII VIII COMMISSIONE PERMANENTE (Ambiente, territorio e lavori pubblici) S O M M A R I O UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI... 37 AUDIZIONI

Dettagli

La Normativa di riferimento

La Normativa di riferimento CENTRO di COORDINAMENTO RAEE costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 La Normativa di riferimento Direttive 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Registro, Centro di Coordinamento

Dettagli

V MODULO La Gestione dei RAEE. A cura di Ing. Gabriele MUZIO

V MODULO La Gestione dei RAEE. A cura di Ing. Gabriele MUZIO V MODULO La Gestione dei RAEE A cura di Ing. Gabriele MUZIO Contenuti Definizioni Obblighi dei soggetti conivolti I Consorzi di recupero Riferimenti Normativi Direttive Europee ROHS (2011/65/UE) e WEEE

Dettagli

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). D.Lgs. 14 marzo 2014, n. 49. Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). (G.U. 28 marzo 2014, n. 73 - S.O. n. 30) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi

Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi PROMUOVERE LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DI RAEE, IL REIMPIEGO, IL RICICLAGGIO E ALTRE FORME DI RECUPERO IN MODO DA RIDURRE I RIFIUTI DA SMALTIRE; MIGLIORARE,

Dettagli

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena TIPOLOGIE DI RIFIUTI PRINCIPALMENTE GESTITE - RAEE, RIFIUTI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Il Centro di Coordinamento dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 Normativa di riferimento Il tema dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE E RIFIUTI DI AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE E RIFIUTI DI AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE E RIFIUTI DI AEE Guida alla gestione amministrativa Promosso da Realizzato da Novembre 2014 Ecocerved Apparecchiature elettriche ed elettroniche e rifiuti di

Dettagli

RAEE Professionali. Giugno 2007

RAEE Professionali. Giugno 2007 Giugno 2007 RAEE Professionali COPYRIGHT Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Consorzio Re.Media e rientrano nelle proprietà intellettuali del Consorzio stesso. E' fatto,

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Definizione e verifica dei requisiti dei Sistemi o Consorzi per il recupero e riciclo dei moduli fotovoltaici a fine vita in attuazione delle Regole applicative per il riconoscimento delle tariffe incentivanti

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Roma, 14 giugno 2010 Uff.-Prot.n UE.AA 9864/250/F7/PE Oggetto: RAEE Rifiuti da apparecchiature elettriche e elettroniche. Decreto

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1.

Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1. Introduzione Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1. Scopo principale del Decreto è quello di istituire una

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta relativa al1a gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta relativa al1a gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE "ISTITUZIONE E MODALITA' DI FUNZIONAMENTO DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Rimini, 27/10/05 Agli organi di informazione COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Dopo la prima presentazione in aprile, sono proseguiti in questi mesi

Dettagli

Decreto 8 marzo 2010, n. 65

Decreto 8 marzo 2010, n. 65 Decreto 8 marzo 2010, n. 65 Regolamento recante modalità semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei distributori e degli installatori di apparecchiature

Dettagli

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED 10 IDEE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE di Gaia Gusso Intervista al dottor Paolo Pipere, Responsabile Servizio Territorio, Ambiente e Cultura della Camera di Commercio Industria

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Indice

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Aggiornamento normativo

Aggiornamento normativo Aggiornamento normativo LEGGE 28 dicembre 2015, n. 221 Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell uso eccessivo di risorse naturali Pubblicata

Dettagli

AEEETEL Registro Nazionale produttori Apparecchiature elettriche ed elettroniche

AEEETEL Registro Nazionale produttori Apparecchiature elettriche ed elettroniche AEEETEL Registro Nazionale produttori Apparecchiature elettriche ed elettroniche Manuale produttore Versione: 2.0 Data Redazione: 17/12/2014 1 Manuale Registro AEE Produttori ver 2.0 17/12/2014 1 REGISTRO

Dettagli

Il Recepimento della Direttiva RAEE 2 : criticità e nuove opportunità

Il Recepimento della Direttiva RAEE 2 : criticità e nuove opportunità Il Recepimento della Direttiva RAEE 2 : criticità e nuove opportunità (Direttiva 2012/19/UE) Milano, Lunedì 17 marzo 2014 Evento organizzato da ANDEC, AIRES e dalla Camera di Commercio di Milano Avv. M.

Dettagli

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE Gestione Completa dell Uno Contro Uno Il Decreto Uno contro Uno (D.M. 65/2010) obbliga distributori, centri di assistenza ed installatori al ritiro gratuito

Dettagli

La distinzione fra RAEE e AEE la documentazione richiesta per la spedizione di AEE all estero

La distinzione fra RAEE e AEE la documentazione richiesta per la spedizione di AEE all estero La distinzione fra RAEE e AEE la documentazione richiesta per la spedizione di AEE all estero Quesito: quale procedura deve essere seguita da un detentore di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Dettagli

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE 1/24 I - PREMESSA: I RAEE (1/3) I RAEE (rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), secondo la normativa italiana in vigore, derivano da

Dettagli

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono

Dettagli

Circolare N.50 del 03 Aprile 2014

Circolare N.50 del 03 Aprile 2014 Circolare N.50 del 03 Aprile 2014 Trasporto dei propri rifiuti solo con l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che per l attività di raccolta

Dettagli

Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE

Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE Fabrizio D Amico Presidente CdC RAEE Forum RAEE 2014 ACCORDO TRATTAMENTO L Accordo per la qualità del trattamento dei RAEE è stato siglato nell aprile

Dettagli

QUANDO ENTRA IN VIGORE LA LEGGE ITALIANA DI ATTUAZIONE DELLA D. RAEE

QUANDO ENTRA IN VIGORE LA LEGGE ITALIANA DI ATTUAZIONE DELLA D. RAEE Come é stata attuata in Italia la Direttiva RAEE 2 : peculiarità italiane, problemi e criticità Avv. Maurizio Iorio Con il Decreto Legislativo n. 49 del 14.03.2014 l Italia, prima di tutti gli altri Stati

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il MUD rifiuti speciali semplificato Qualora il produttore decida di avvalersi della facoltà di effettuare la comunicazione

Dettagli

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Milano, 22 Maggio 2015 Prot. n. 184/2015 Oggetto: Rifiuti di Apparecchiature Elettriche

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

GUIDA ALLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE)

GUIDA ALLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE) ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA GUIDA ALLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE) VENDITORI TRASPORTATORI - INSTALLATORI GESTORI

Dettagli

L iscrizione al Registro dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche

L iscrizione al Registro dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche L iscrizione al Registro dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Innovazione Organizzativa CCIAA di Milano Registro produttori Le modalità

Dettagli

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO ECODOM UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO A. NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL TEMA DEI RAEE (RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE)

Dettagli

QUADERNO RAEE 2. Ottobre 2012 UNO CONTRO UNO:

QUADERNO RAEE 2. Ottobre 2012 UNO CONTRO UNO: QUADERNO RAEE 2 UNO CONTRO UNO: GUIDA ALLA GESTIONE DEI RAEE PROVENIENTI DALLA DISTRIBUZIONE, DAGLI INSTALLATORI E DAI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI Ottobre 2012 a cura

Dettagli

FOTOVOLTAICO: RECUPERARE I RIFIUTI DEL FUTURO PER UN ENERGIA DOPPIAMENTE PULITA ORA AL SERVIZIO DEL FOTOVOLTAICO

FOTOVOLTAICO: RECUPERARE I RIFIUTI DEL FUTURO PER UN ENERGIA DOPPIAMENTE PULITA ORA AL SERVIZIO DEL FOTOVOLTAICO FOTOVOLTAICO: RECUPERARE I RIFIUTI DEL FUTURO PER UN ENERGIA DOPPIAMENTE PULITA ORA AL SERVIZIO DEL FOTOVOLTAICO Forum Qual'Energia 2014 - Michele Zilla 1 PREMESSA IV CONTO ENERGIA 2011 Il Produttore/Importatore

Dettagli

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE PER I DISTRIBUTORI E GLI INSTALLATORI O I GESTORI DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA Applicazione del Decreto 8 marzo 2010, n. 65. Regolamento recante modalità semplificate

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 10.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 329/5 DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 novembre 2013 che modifica la direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE N. 14 in data: 04.04.2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RAEE DA PARTE

Dettagli

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.) Descrizione 200121* Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio 200123* Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli