AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico"

Transcript

1 PROGETTO STRADA Strategie di Adattamento al Cambiamento Climatico per la gestione dei Rischi Naturali nel territorio transfrontaliero REPORT CONCLUSIVO DELLE ATTIVITÀ AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico 1

2 Partner Capofila: REGIONE PIEMONTE Partner Coinvolti: tutti 1) Obiettivi generali dell Azione 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico Nell attuale contesto del cambiamento climatico e delle conseguenti variazioni dei regimi pluviometrici e idrologici, la gestione dei rischi naturali non può prescindere da un approccio integrato, da basarsi sulla diffusione e acquisizione delle conoscenze sviluppate negli ultimi anni in merito agli impatti che il cambiamento climatico genera sulle risorse idriche. Benché i cambiamenti climatici abbiano portata globale, è innegabile che i loro impatti possono variare significativamente quando incidono in aree sensibili quali sono quelle montuose caratteristiche del territorio transfrontaliero tra Italia e Svizzera. La cooperazione transfrontaliera in questo settore ha contribuito allo scambio di conoscenze e di buone pratiche, e ancor di più ha reso possibile un confronto sulle questioni tuttora aperte grazie ad un percorso comune che coinvolge tutti i partner. Inoltre, lo sviluppo di studi di settore riguardanti la pericolosità dei fenomeni valanghivi di piccola e media dimensione, la caratterizzazione dei fenomeni precipitativi estremi e concentrati e la definizione degli aspetti pianificatori e gestionali della risorsa idrica per i laghi Ceresio e Verbano rivestono elevata utilità nell ambito dell ambito trasfrontaliero, essendo essi fenomeni ad elevata pericolosità e che insistono diffusamente su tutta l area interessata dal progetto strategico. Questa azione rappresenta il punto nodale del progetto, in quanto consiste nella definizione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico, in relazione ai temi trattati nelle diverse azioni. Rappresenta quindi la sintesi, in un documento condiviso tra i partner, dei risultati raggiunti, attraverso la definizione e la messa a punto di strategie comuni rivolte alle istituzioni, utili a fronteggiare gli effetti indotti dai cambiamenti climatici nei vari ambiti naturali indagati. In tale contesto si è anche affrontata l analisi di come il sistema di protezione civile possa sviluppare strategie di operatività territoriale sempre più efficaci, per dare risposte concrete di supporto alla popolazione eventualmente colpita da eventi calamitosi. Attraverso l organizzazione di un esercitazione congiunta a scala reale ( full scale ) con gli operatori di protezione civile di ambito transfrontaliero, si è infine voluto misurare la risposta del sistema di protezione civile a fronte di un evento calamitoso nel contesto territoriale del Lago Maggiore, simulato in relazione a ipotetiche precipitazioni piovose intense e durature. La valutazione dei risultati ottenuti si è tradotta in un documento contenente raccomandazioni e definizione di buone pratiche sotto forma di ritorno d esperienza delle attività svolte. 2) Descrizione di dettaglio delle Sottoazioni Sottoazione 6.1 Confronto e sintesi delle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici Referente: ERSAF, Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste 2

3 - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: ERSAF. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: Nel contesto della sottoazione 6.1 e come logica prosecuzione delle attività di coordinamento scientifico e progettuale, ERSAF si è occupato della raccolta, della sistematizzazione e della condivisione di documenti ufficiali, report e delibere relativi alle strategie di adattamento al cambiamento climatico. I principali documenti condivisi con il partenariato di progetto sono stati prodotti dalle Nazioni Unite (UNFCCC, Convenzione ONU sul Cambiamento Climatico), dall Unione Europea, dal CIPRA, e dalla Mountain Alliance Initiative ICIMOD International Centre for Integrated Mountain Development). ERSAF, nell ambito della sottoazione 1.1 e 1.2, ha provveduto a condividere con il partenariato articoli scientifici e materiale tecnico relativo alle conoscenze attuali sul cambiamento climatico; nell ambito della sottoazione 6.1, il materiale condiviso è in massima parte costituito da documenti ufficiali, report e iniziative internazionali e comunità online con adeguate credenziali scientifiche e tecniche. In qualità di leader di sottoazione 6.1, ERSAF ha inoltre fornito documenti ufficiali e bibliografia aggiornata sulle strategie di adattamento al cambiamento climatico prodotti dall Agenzia delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (UNFCCC), dall Unione Europea, dalla Convenzione delle Alpi e dall Alleanza- Iniziativa sulle Montagne e ha sovrinteso all istituzione di un Comitato Tecnico Scientifico di Progetto che si è occupato di redigere un documento comune di sintesi per la definizione degli scenari evolutivi e la valutazione delle strategie di adattamento proposte dalle diverse Azioni. - Attività del Comitato Tecnico Scientifico di Progetto: Nel corso del III anno di Progetto ERSAF ha istituito il Comitato Tecnico Scientifico di Progetto (CTS), costituito con rappresentanti nominati da ogni regione e da ogni cantone coinvolto (Grigioni, Lombardia, Piemonte, Ticino, Valle d'aosta, Vallese), che ha avuto il compito di lavorare sulla definizione comune delle strategie di adattamento negli ambiti della gestione dei laghi, del monitoraggio delle sorgenti di montagna e della gestione delle valanghe frequenti, sull armonizzazione del quadro concettuale delle strategie e sulla preparazione del documento finale strategico di Progetto. Il CTS è stato presieduto da Eliot Laniado, dell Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell'informazione e delle Telecomunicazioni del Consiglio Nazionale delle Ricerche, a seguito di un apposita Convenzione stipulata con ERSAF. Il 24 Maggio 2012 si è tenuto a Torino, presso la sede della Protezione Civile della Regione Piemonte, il 1 Incontro del Comitato Tecnico Scientifico (CTS) del Progetto STRADA. La giornata ha visto la condivisione degli elementi chiave di una strategia di adattamento, le riflessioni dei Referenti di Azione circa il passaggio dal lavoro svolto nelle singole azioni alla definizione di strategie, e una discussione aperta ai membri del CTS sull'organizzazione del lavoro e su come indirizzare e seguire le singole attività. Gli elementi chiave di una strategia di adattamento sono stati individuati nei seguenti punti: - Presenza di un quadro conoscitivo di riferimento (situazione attuale ed evoluzione storica) 3

4 - Delineazione di uno scenario di riferimento - Definizione di obiettivi e indicatori - Definizione delle azioni/alternative - Stima degli effetti delle azioni/alternative - Confronto e scelta tra le alternative - Attuazione e monitoraggio In tutte le fasi sopraelencate, è essenziale prevedere il coinvolgimento e la partecipazione dei soggetti interessati. Il Comitato Tecnico Scientifico, al suo secondo incontro il 24 ottobre 2012, a Lugano, si è invece concentrato sulla discussione della prime esemplificazioni di strategie di adattamento per le tematiche della gestione delle sorgenti di montagna, delle valanghe frequenti e dei laghi transfrontalieri, secondo gli elementi chiave condivisi. I membri del CTS e i referenti di Azione presenti hanno inoltre convenuto con il coordinamento del CTS di preparare un documento finale che rappresentasse l'insieme dei messaggi che il CTS di STRADA concorda di fornire, in termini di tesi o lezioni apprese, a decisori politici e attori locali, incorporando le esperienze strategiche e le specificità emerse nel corso del Progetto. Sulla base delle proposte finali provenienti dai vari gruppi di lavoro, è stato quindi redatto un documento di sintesi contenente le tesi e le lezioni apprese dal partenariato di progetto, la definizione dei nuovi scenari evolutivi, i relativi impatti sul territorio e le proposte comuni per la migliore gestione del rischio e dell uso delle risorse. Le tesi condivise dal CTS e presentate nel documento finale sotto forma di lezioni apprese sono le seguenti: 1) Cosa sappiamo, cosa occorre sapere e come ci muoviamo? L incertezza: prenderne coscienza e agire. 2) Chi deve fare cosa, e insieme a chi? Assicurare la governance e prevedere la partecipazione 3) Cosa vogliamo ottenere? In quali ambiti e con quali tempi? La definizione di obiettivi e indicatori. 4) Che effetti avranno le nostre azioni? Come scegliamo la strategia? La valutazione degli effetti, la selezione e l attuazione della strategia. 5) E se succede un imprevisto? E se qualcosa va storto? La gestione del rischio di ogni giorno. 6) Come rispondiamo alle dinamiche sul territorio? Come monitoriamo la situazione? La flessibilità di una strategia e il monitoraggio. Le informazioni raccolte sono state strutturate e riordinate per permettere una sintesi differenziata per target di riferimento: 4

5 - Ai decisori politici e ai tecnici, che rappresentano le istituzioni direttamente coinvolte nel processo decisionale, sono state messe a disposizione opportunamente rielaborate e sistematizzate tutte le informazioni tecnico-gestionali utili allo svolgimento delle loro attività di gestione e pianificazione; - Al pubblico generico (cittadini, ecc.) sono stati illustrati con idonei strumenti divulgativi gli impatti dei cambiamenti climatici sulle risorse locali e le strategie di adattamento ideate nel progetto. - Bibliografia i) Documenti dell'unfccc (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico) sulle strategie di adattamento: Bali Action Plan del 2007 e la Convenzione sull'adattamento di Cancùn del Disponibile anche un kit informativo sugli accordi mondiali sulla mitigazione e sull'adattamento al cambiamento climatico. ii) Documenti dell'unione Europea: in particolare il Green Paper sull'adattamento del 2007, il White Paper sulle Strategie di Adattamento del 2009, la Valutazione d'impatto del White Paper e il Report Comunitario sulle Strategie del Selezionati inoltre il Paper sulla valutazione comparata delle strategie di adattamento nazionali (l'italia non ne ha alcuna). Sono disponibili anche i report della European Environmental Agency sulla gestione delle acque sulle Alpi e sui segnali osservabili del cambiamento climatico, tutti datati iii) Documenti CIPRA (Convenzione delle Alpi): il Piano d'azione sul Cambiamento Climatico nelle Alpi (2009) e il Report sull'acqua nelle Alpi nel contesto del Cambiamento Climatico del iv) Documenti ICIMOD - Mountain Initiative (International Centre for Integrated Mountain Development): ICIMOD è un ente intergovernativo dell'asia Meridionale con sede a Kathmandu. ICIMOD e il Governo del Nepal hanno promosso l'alleanza-iniziativa delle Montagne nel contesto del cambiamento climatico, con report e testi destinati al COP16 di Cancùn (2010). 5

6 Sottoazione 6.2: Definizione di procedure operative di intervento congiunto in zone transfrontaliere - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: Regione Piemonte Settore Protezione Civile. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: La conoscenza dei rischi del territorio rappresenta la base per la pianificazione delle azioni finalizzate alla tutela della vita, dei beni e degli insediamenti. L ambito di riferimento per tali azioni non può essere limitato dai confini politici ed amministrativi in quanto la propagazione dei rischi e lo sviluppo degli elementi vulnerabili trascendono gli ambiti delle singole nazioni. Partendo dagli approfondimenti, definiti nell ambito delle azioni 1-5, si sono pertanto proposte ed analizzate procedure operative di intervento congiunto condivise, finalizzate in particolare a definire lo scenario di rischio alluvionale nel contesto transfrontaliero del Lago Maggiore. Le ricadute degli studi volti a perseguire una maggiore conoscenza del rischio sono state quindi integrate in un documento atto a coordinare le risorse e le procedure di gestione dell emergenza a scala transfrontaliera. - Attività svolte: Per la definizione dell ambito tematico all interno del quale sviluppare l azione esercitativa, attraverso un confronto con i partners, si è scelto un tema che coinvolgesse il maggior numero di partner possibile e che costituisse un argomento unificante tra le varie problematiche affrontate dal progetto. Si è quindi ritenuto che la simulazione di un evento di precipitazioni intense con effetti importanti sull innalzamento del livello del Lago Maggiore, in uno scenario simile a quello verificatosi nell ottobre 2000, potesse rappresentare un valido banco di prova per la sperimentazione del sistema di protezione civile nel contesto transfrontaliero. Al fine di strutturare un modello d intervento per fronteggiare lo scenario di rischio derivante dall esondazione del Lago Maggiore in aree urbanizzate e sulla viabilità del lungolago sono state quindi intraprese le seguenti iniziative: Incontri tecnici si sono svolti tra il Settore Protezione Civile della Regione Piemonte e quello della Regione Lombardia, con l interessamento della Provincia di Varese; sono stati inoltre coinvolti il Servizio Protezione Civile della Provincia del Verbano Cusio Ossola, il Gruppo comunale di protezione civile del Comune di Verbania, per l acquisizione e l analisi della documentazione già esistente a livello di Piani di Protezione Civile Comunali e Provinciali. E stato interessato il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale per la definizione dei rapporti formali transfrontalieri con il Cantone Ticino per l attuazione dell esercitazione, effettuatasi nei giorni 19 e 22 aprile del Il confronto svolto, in particolare con i rappresentanti della Protezione Civile del Canton Ticino (CH) in occasione di un incontro tenutosi a Locarno il 26 marzo 2012, 6

7 relativamente alle diverse procedure d intervento in uso in caso di calamità naturale, ha permesso di definire un ottimizzazione delle modalità di cooperazione transfrontaliera, specialmente nelle procedure di comunicazione e di informazione reciproca. Gli elementi di raccordo introdotti dal confronto instaurato sono stati raccolti nel documento di sintesi delle sottoazioni 6.2, 6.3 e Esercitazione congiunta Italo-Svizzera - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: Regione Piemonte Settore Protezione Civile. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: Il 22 Aprile 2013, a Verbania, sul Lago Maggiore, si è svolta l esercitazione di protezione civile prianificata, denominata Al lago, secondo i criteri individuati nell azione 6.2. La simulazione della gestione di un evento alluvionale, con effetti di progressivo allagamento delle rive del lago e di innesco di fenomeni di dissesto sui versanti, ha coinvolto l intero sistema di protezione civile locale, rappresentato dal Servizio Protezione Civile e dal Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Verbania, dalla Prefettura e dal Comune di Verbania, nonché dal Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile, dal Gruppo Comunale di Protezione civile e dal Corpo Volontari Antiincendi Boschivi di Verbania. Le fasi operative dell esercitazione hanno inoltre coinvolto il Servizio di Emergenza sanitaria 118, la Croce Rossa Italiana, i Vigili del fuoco, le Forze dell ordine ed i fornitori di servizi essenziali, coordinati dalla Prefettura. La programmazione delle attività oggetto di esercitazione ha richiesto l effettuazione di numerosi incontri a Verbania (2 in febbraio, 2 a marzo e 2 nel mese di aprile 2013) con le autorità e ed i rappresentanti degli operatori di protezione civile locale. Il documento d impianto dell esercitazione redatto contiene il quadro dell organizzazione, delle risorse necessarie e delle procedure operative (attraverso 146 attivazioni), attuate fra le giornate del 19 e del 22 aprile. La sua redazione è stata ottimizzata dall impiego di uno specifico applicativo informatico sviluppato da CSI Piemonte per conto del Settore regionale Protezione civile, che permette di condividere tra i vari enti coinvolti nella stesura del documento, secondo le proprie competenze, indicazioni, informazioni, dati, mappe ed eventuale altro materiale di interesse per l'evento programmato. L attivazione delle varie fasi prestabilite nel documento di impianto è stata legata all emissione da parte del Centro Funzionale di ARPA Piemonte, secondo cadenze programmate nei giorni tra il 19 e il 22 di aprile, di bollettini d allertamento e d aggiornamento previsti dal Disciplinare regionale del sistema d allertamento per scopi di protezione civile in caso di criticità idrogeologica. 7

8 Lo schema seguente identifica il modello d intervento di protezione civile adottato dalla Regione Piemonte, sulla base del quale sono stati strutturati gli apporti operativi da parte dei vari organismi istituzionali coinvolti nell esercitazione. Fig. n. 1: Schema organizzativo del modello d intervento regionale di protezione civile adottato nel corso dell esercitazione del 22 Aprile 2013 a Verbania. - Attività svolte: Nel corso dell esercitazione, svoltasi in modalità full scale, ovvero attraverso azioni per posti di comando e d intervento reale sul territorio, è stato anche possibile testare operativamente sistemi e metodologie innovative basate sul web, finalizzate ad una rapida trasmissione alle sale operative, tramite app di web mapping installate su smartphone, dei dati di rilevamento dei fenomeni di dissesto da parte delle strutture tecniche regionali coinvolte nell esercitazione. Si sono messi a confronto due diversi sistemi di segnalazione di effetti al suolo in corso di evento: uno, sviluppato dal Settore Protezione Civile regionale, denominato GeoEventFlex, ed uno denominato ODK (Open Data 8

9 Kit) implementato dal Centro Interdipartimentale di ricerca sui rischi naturali in ambiente montano e collinare (NAT-RISK) dell Università di Torino, sotto il coordinamento del Prof. Marco Giardino. Lo stesso Centro NAT-RISK ha altresì contribuito all allestimento sperimentale, di concerto con il Settore Protezione Civile e con il Centro funzionale regionale, di una Redazione web presso la Sala operativa del Coordinamento provinciale del volontariato di Verbania, presso la quale sono state sperimentate, attraverso la realizzazione di un apposito sito web, nuove modalità di diffusione alla popolazione di informazioni sullo sviluppo dell evento calamitoso e di comunicazione di raccomandazioni per l autoprotezione del cittadino. Fig. n. 2: Schermata dell applicativo GeoEventFlex sviluppato dal Settore regionale Protezione civile, per l acquisizione e la gestione delle segnalazioni sul dissesto idrogeologico in corso d evento rilevate sul territorio attraverso l uso di smartphone. Scopo della Redazione Web è stato quello di far pervenire le informazioni al pubblico sull evento in modo puntuale e continuo, facendo una sorta di cronaca dell evento attraverso: informazioni meteo puntuali e comprensibili (es. i bollettini sono stati accompagnati da spiegazioni sul significato dei diversi livelli di allerta e da indicazioni sui comportamenti di autoprotezione); 9

10 informazioni di contatto con gli organismi del soccorso, individuazione di aree di raccolta della popolazione e di centri operativi (su mappa); informazioni sull evoluzione dell evento: impatto, aree a rischio, interruzioni della viabilità, danni, etc.; informazioni sulle attività in loco degli organismi del soccorso; informazioni sul contesto operativo (procedure e processi); informazioni di autoprotezione; link utili; approfondimenti sull evento: geologici e geomorfologici, storici. Il principale canale di comunicazione utilizzato, in condivisione tra il Settore regionale Protezione Civile ed il Centro funzionale di ARPA Piemonte, è stato un sito web appositamente creato per l esercitazione. Fig. n. 3: Home page del sito EXPC Verbania allestito sperimentalmente con il supporto del Centro Interdipartimentale di ricerca sui rischi naturali in ambiente montano e collinare (NAT-RISK) dell Università di Torino, per l informazione alla popolazione sull evoluzione dell evento alluvionale simulato nel corso dell esercitazione Al lago. 10

11 Il carattere transfrontaliero dell esercitazione è stato garantito dalla presenza presso il Centro Coordinamento Soccorsi (CCS) istituito presso la Prefettura di Verbania, di rappresentanti delle autorità di protezione civile del Canton Ticino della Confederazione Elvetica, con il coinvolgimento del Centro operativo di Chiasso per una richiesta di supporto per la gestione di un emergenza simulata, riferita alla necessità di rientro da oltre confine di lavoratori frontalieri bloccati da una frana sulla viabilità del lungo lago. Il Servizio Difesa del Suolo provinciale ha inoltre reso disponibile un server web con un visualizzatore cartografico GIS integrato, accessibile dai vari posti di comando mediante una pagina internet dedicata, sul quale venivano pubblicati in tempo reale le cartografie rappresentanti le aree di allagamento e gli edifici vulnerabili al progressivo innalzamento simulato del livello del lago. Un esempio di cartografia prodotta dall applicativo impiegato è rappresentato nell immagine alla pagina seguente. Il Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile del Verbano Cusio Ossola ha fornito il necessario supporto operativo - logistico alle azioni di intervento simulato nel corso dell esercitazione; i volontari sono stati coinvolti, in particolare, in azioni di mitigazione degli effetti dell innalzamento del livello del lago, attraverso l installazione di barriere anti-esondazione NOAQ sulla piazza antistante il Municipio di Verbania. Altri interventi sono stati effettuati a supporto di operazioni di evacuazione della popolazione da aree allagate di un campeggio ubicato in area prossima al lago e per la gestione di una situazione d emergenza connessa al verificarsi di una frana sulla viabilità transfrontaliera nel comune di Cannero Riviera. Il Coordinamento dei volontari ha infine contribuito alla simulazione di un salvataggio di persone infortunate su un isola del lago, attraverso l impiego di un mezzo anfibio cingolato derivato da un mezzo militare; a conclusione dell esercitazione, il Coordinamento ha messo a disposizione i propri locali e la cucina da campo per la fornitura di un pasto a tutti i partecipanti. 11

12 Fig. n. 4: Pagina del sito allestito sperimentalmente dal Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Verbania, per aggiornamenti sull evoluzione del livello del Lago Maggiore nel corso dell esercitazione Al lago. 12

13 Fig. n. 5: esempio di rappresentazione modellistica, elaborata dal Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Verbania, delle fasce di esondazione del Lago Maggiore nella zona di Intra (Verbania) e della vulnerabilità degli edifici in relazione all altezza della lama d acqua. 13 Fig. n. 6: Fase di simulazione di soccorsi con mezzo anfibio da parte del Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile del Verbano Cusio Ossola.

14 6.4 - Valutazione dei risultati ottenuti ed elaborazione di raccomandazioni sotto forma di ritorno d esperienza delle attività svolte training - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: Regione Piemonte Settore Protezione Civile. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: Al termine dell esercitazione sono stati valutati criticamente, in una apposita riunione di confronto tra i vari soggetti coinvolti, sia a livello istituzionale che operativo, i risultati ottenuti in relazione alla programmazione effettuata, attraverso la verifica quantitativa di indicatori stabiliti preventivamente in relazione al rispetto della tempistica delle attivazioni previste e alla reattività operativa del sistema di protezione civile nel suo complesso. Gli esiti dell esercitazione hanno portato alla redazione di uno specifico documento finale relativo alle Azioni progettuali 6.2 e 6.3, nel quale sono illustrate, oltre al documento d impianto dell esercitazione Al lago, le strategie di operatività territoriali ottimali per la gestione, a livello di protezioni civile, di fenomeni calamitosi connessi al verificarsi di precipitazioni intense. Ai fini del raggiungimento degli obiettivi del progetto sono stati in particolare analizzati gli aspetti procedurali dell esercitazione che identificano possibili miglioramenti del sistema d intervento di protezione civile per eventi similari a quello simulato; sono state altresì discusse le possibilità di sviluppo del sistema di rilevamento e trasmissione di informazioni georeferenziate sul dissesto, attraverso l impiego di applicativi specifici per smartphone o tablet, oltre al ritorno d esperienza derivante dall esercizio di un canale d informazione sperimentale alla popolazione in corso d evento via web. - Risultati delle attività svolte: Nel corso dell esercitazione, dal punto di vista procedurale, le tempistiche di attivazione del sistema di protezione civile e l efficacia d intervento sono complessivamente risultati in linea secondo quanto programmato. L ambito transfrontaliero dell esercitazione ha permesso di mettere a confronto i sistemi d intervento a livello regionale sia italiano che svizzero, identificando gli ambiti nei quali, in particolare quello comunicativo, sono stati individuati spazi di miglioramento, attraverso futuri protocolli condivisi di gestione delle emergenze. La collaborazione instauratasi tra gli organi istituzionali e operativi coinvolti a livello regionale (Settore Protezione civile, Centro Funzionale di ARPA Piemonte, Settori tecnici della Direzione regionale Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Economia Montana e Foreste) provinciale (Servizio di Protezione civile, Servizio Difesa del Suolo, Prefettura e Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile) e locale (Gruppo comunale di Protezione civile) ha permesso di verificare e 14

15 ottimizzare la solidità del sistema di protezione civile regionale, individuandone alcuni punti critici e definendone le relative azioni correttive necessarie. L impiego di un sistema appositamente creato per il controllo e il rilevamento di dati sugli effetti al suolo su punti critici pre-individuati, mediante l uso di un app per il web mapping su smartphone e l'invio in tempo reale ad un server presso la Sala operativa regionale, ha consentito di valutarne l utilità nel percorso metodologico di supporto alla gestione dell evento, attraverso il controllo sullo stato evolutivo al suolo dei fenomeni. In particolare, sono stati evidenziati alcuni aspetti critici legati all uso sul terreno degli strumenti di web mapping (legati principalmente ai limiti intrinseci degli strumenti stessi, ad esempio in relazione alla visibilità dello schermo in condizioni di forte luminosità ambientale). Complessivamente, è stata valutata positivamente l esperienza d impiego di sistemi innovativi di trasmissione alle Sale operative di segnalazioni dal territorio di fenomeni di dissesto e/o dei danni associati, in relazione soprattutto alla facilità d impiego del sistema, all elevata affidabilità della trasmissione dei dati (seppur dipendente dalla qualità della rete del gestore d appoggio) ed alla rapidità di disponibilità dei dati. Per quanto concerne le attività sperimentate nel campo della comunicazione, è evidente quanto l informazione sia centrale al fine di rendere resiliente la cittadinanza, le amministrazioni locali, i gestori dei servizi essenziali e delle infrastrutture. Le possibilità di reazione della popolazione di fronte agli eventi calamitosi si basa inevitabilmente su una informazione che renda il cittadino consapevole e responsabile. In questa prospettiva, gli esiti dell esercitazione di protezione civile condotta nell ambito del progetto sono stati riportati in un apposito documento, che affronta i temi dell esigenza di fornire alla popolazione un informazione aperta, accessibile e comprensibile, sulle tematiche dei rischi naturali. Nel documento vengono proposte soluzioni, in parte applicabili a breve termine, in parte a medio e lungo termine, efficacemente introducibili nel sistema della comunicazione per scopi di protezione civile nel contesto transfrontaliero italo-svizzero. Alcuni prodotti di comunicazione sono stati infine realizzati dalla Regione Piemonte (una brochure informativa, un video e materiale promozionale del progetto) per garantire la massima diffusione dei risultati e per proporre un approccio coinvolgente al cittadino sul tema dell adozione di adeguati comportamenti di autoprotezione nei confronti dei rischi naturali. - Bibliografia i) DGR 30 Luglio 2007, n Disciplinare per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile. Regione Piemonte. ii) Linee guida per la redazione dei Piani Comunali di Protezione Civile. Regione Piemonte, iii) Giardino M., Giordan D., Ambrogio S., GIS Technologies for data collection, management and visualisation of large slope instabilities: two applications in the Western Italian Alps. Natural Hazards and Earth System Sciences 4, pp

16 iv) Lanfranco M. and Rapisardi E., Urban resilience to severe storms. An Italian case-history of local community response to natural disasters. Geophysical Research Abstracts, Vol. 3, EGU v) Rapisardi E., Lanfranco M., Di Lolli A., Lombardo D., Web and mobile emergencies netwrk to real time information and geodata management, doi: /

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli