AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico"

Transcript

1 PROGETTO STRADA Strategie di Adattamento al Cambiamento Climatico per la gestione dei Rischi Naturali nel territorio transfrontaliero REPORT CONCLUSIVO DELLE ATTIVITÀ AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico 1

2 Partner Capofila: REGIONE PIEMONTE Partner Coinvolti: tutti 1) Obiettivi generali dell Azione 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico Nell attuale contesto del cambiamento climatico e delle conseguenti variazioni dei regimi pluviometrici e idrologici, la gestione dei rischi naturali non può prescindere da un approccio integrato, da basarsi sulla diffusione e acquisizione delle conoscenze sviluppate negli ultimi anni in merito agli impatti che il cambiamento climatico genera sulle risorse idriche. Benché i cambiamenti climatici abbiano portata globale, è innegabile che i loro impatti possono variare significativamente quando incidono in aree sensibili quali sono quelle montuose caratteristiche del territorio transfrontaliero tra Italia e Svizzera. La cooperazione transfrontaliera in questo settore ha contribuito allo scambio di conoscenze e di buone pratiche, e ancor di più ha reso possibile un confronto sulle questioni tuttora aperte grazie ad un percorso comune che coinvolge tutti i partner. Inoltre, lo sviluppo di studi di settore riguardanti la pericolosità dei fenomeni valanghivi di piccola e media dimensione, la caratterizzazione dei fenomeni precipitativi estremi e concentrati e la definizione degli aspetti pianificatori e gestionali della risorsa idrica per i laghi Ceresio e Verbano rivestono elevata utilità nell ambito dell ambito trasfrontaliero, essendo essi fenomeni ad elevata pericolosità e che insistono diffusamente su tutta l area interessata dal progetto strategico. Questa azione rappresenta il punto nodale del progetto, in quanto consiste nella definizione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico, in relazione ai temi trattati nelle diverse azioni. Rappresenta quindi la sintesi, in un documento condiviso tra i partner, dei risultati raggiunti, attraverso la definizione e la messa a punto di strategie comuni rivolte alle istituzioni, utili a fronteggiare gli effetti indotti dai cambiamenti climatici nei vari ambiti naturali indagati. In tale contesto si è anche affrontata l analisi di come il sistema di protezione civile possa sviluppare strategie di operatività territoriale sempre più efficaci, per dare risposte concrete di supporto alla popolazione eventualmente colpita da eventi calamitosi. Attraverso l organizzazione di un esercitazione congiunta a scala reale ( full scale ) con gli operatori di protezione civile di ambito transfrontaliero, si è infine voluto misurare la risposta del sistema di protezione civile a fronte di un evento calamitoso nel contesto territoriale del Lago Maggiore, simulato in relazione a ipotetiche precipitazioni piovose intense e durature. La valutazione dei risultati ottenuti si è tradotta in un documento contenente raccomandazioni e definizione di buone pratiche sotto forma di ritorno d esperienza delle attività svolte. 2) Descrizione di dettaglio delle Sottoazioni Sottoazione 6.1 Confronto e sintesi delle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici Referente: ERSAF, Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste 2

3 - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: ERSAF. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: Nel contesto della sottoazione 6.1 e come logica prosecuzione delle attività di coordinamento scientifico e progettuale, ERSAF si è occupato della raccolta, della sistematizzazione e della condivisione di documenti ufficiali, report e delibere relativi alle strategie di adattamento al cambiamento climatico. I principali documenti condivisi con il partenariato di progetto sono stati prodotti dalle Nazioni Unite (UNFCCC, Convenzione ONU sul Cambiamento Climatico), dall Unione Europea, dal CIPRA, e dalla Mountain Alliance Initiative ICIMOD International Centre for Integrated Mountain Development). ERSAF, nell ambito della sottoazione 1.1 e 1.2, ha provveduto a condividere con il partenariato articoli scientifici e materiale tecnico relativo alle conoscenze attuali sul cambiamento climatico; nell ambito della sottoazione 6.1, il materiale condiviso è in massima parte costituito da documenti ufficiali, report e iniziative internazionali e comunità online con adeguate credenziali scientifiche e tecniche. In qualità di leader di sottoazione 6.1, ERSAF ha inoltre fornito documenti ufficiali e bibliografia aggiornata sulle strategie di adattamento al cambiamento climatico prodotti dall Agenzia delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (UNFCCC), dall Unione Europea, dalla Convenzione delle Alpi e dall Alleanza- Iniziativa sulle Montagne e ha sovrinteso all istituzione di un Comitato Tecnico Scientifico di Progetto che si è occupato di redigere un documento comune di sintesi per la definizione degli scenari evolutivi e la valutazione delle strategie di adattamento proposte dalle diverse Azioni. - Attività del Comitato Tecnico Scientifico di Progetto: Nel corso del III anno di Progetto ERSAF ha istituito il Comitato Tecnico Scientifico di Progetto (CTS), costituito con rappresentanti nominati da ogni regione e da ogni cantone coinvolto (Grigioni, Lombardia, Piemonte, Ticino, Valle d'aosta, Vallese), che ha avuto il compito di lavorare sulla definizione comune delle strategie di adattamento negli ambiti della gestione dei laghi, del monitoraggio delle sorgenti di montagna e della gestione delle valanghe frequenti, sull armonizzazione del quadro concettuale delle strategie e sulla preparazione del documento finale strategico di Progetto. Il CTS è stato presieduto da Eliot Laniado, dell Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell'informazione e delle Telecomunicazioni del Consiglio Nazionale delle Ricerche, a seguito di un apposita Convenzione stipulata con ERSAF. Il 24 Maggio 2012 si è tenuto a Torino, presso la sede della Protezione Civile della Regione Piemonte, il 1 Incontro del Comitato Tecnico Scientifico (CTS) del Progetto STRADA. La giornata ha visto la condivisione degli elementi chiave di una strategia di adattamento, le riflessioni dei Referenti di Azione circa il passaggio dal lavoro svolto nelle singole azioni alla definizione di strategie, e una discussione aperta ai membri del CTS sull'organizzazione del lavoro e su come indirizzare e seguire le singole attività. Gli elementi chiave di una strategia di adattamento sono stati individuati nei seguenti punti: - Presenza di un quadro conoscitivo di riferimento (situazione attuale ed evoluzione storica) 3

4 - Delineazione di uno scenario di riferimento - Definizione di obiettivi e indicatori - Definizione delle azioni/alternative - Stima degli effetti delle azioni/alternative - Confronto e scelta tra le alternative - Attuazione e monitoraggio In tutte le fasi sopraelencate, è essenziale prevedere il coinvolgimento e la partecipazione dei soggetti interessati. Il Comitato Tecnico Scientifico, al suo secondo incontro il 24 ottobre 2012, a Lugano, si è invece concentrato sulla discussione della prime esemplificazioni di strategie di adattamento per le tematiche della gestione delle sorgenti di montagna, delle valanghe frequenti e dei laghi transfrontalieri, secondo gli elementi chiave condivisi. I membri del CTS e i referenti di Azione presenti hanno inoltre convenuto con il coordinamento del CTS di preparare un documento finale che rappresentasse l'insieme dei messaggi che il CTS di STRADA concorda di fornire, in termini di tesi o lezioni apprese, a decisori politici e attori locali, incorporando le esperienze strategiche e le specificità emerse nel corso del Progetto. Sulla base delle proposte finali provenienti dai vari gruppi di lavoro, è stato quindi redatto un documento di sintesi contenente le tesi e le lezioni apprese dal partenariato di progetto, la definizione dei nuovi scenari evolutivi, i relativi impatti sul territorio e le proposte comuni per la migliore gestione del rischio e dell uso delle risorse. Le tesi condivise dal CTS e presentate nel documento finale sotto forma di lezioni apprese sono le seguenti: 1) Cosa sappiamo, cosa occorre sapere e come ci muoviamo? L incertezza: prenderne coscienza e agire. 2) Chi deve fare cosa, e insieme a chi? Assicurare la governance e prevedere la partecipazione 3) Cosa vogliamo ottenere? In quali ambiti e con quali tempi? La definizione di obiettivi e indicatori. 4) Che effetti avranno le nostre azioni? Come scegliamo la strategia? La valutazione degli effetti, la selezione e l attuazione della strategia. 5) E se succede un imprevisto? E se qualcosa va storto? La gestione del rischio di ogni giorno. 6) Come rispondiamo alle dinamiche sul territorio? Come monitoriamo la situazione? La flessibilità di una strategia e il monitoraggio. Le informazioni raccolte sono state strutturate e riordinate per permettere una sintesi differenziata per target di riferimento: 4

5 - Ai decisori politici e ai tecnici, che rappresentano le istituzioni direttamente coinvolte nel processo decisionale, sono state messe a disposizione opportunamente rielaborate e sistematizzate tutte le informazioni tecnico-gestionali utili allo svolgimento delle loro attività di gestione e pianificazione; - Al pubblico generico (cittadini, ecc.) sono stati illustrati con idonei strumenti divulgativi gli impatti dei cambiamenti climatici sulle risorse locali e le strategie di adattamento ideate nel progetto. - Bibliografia i) Documenti dell'unfccc (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico) sulle strategie di adattamento: Bali Action Plan del 2007 e la Convenzione sull'adattamento di Cancùn del Disponibile anche un kit informativo sugli accordi mondiali sulla mitigazione e sull'adattamento al cambiamento climatico. ii) Documenti dell'unione Europea: in particolare il Green Paper sull'adattamento del 2007, il White Paper sulle Strategie di Adattamento del 2009, la Valutazione d'impatto del White Paper e il Report Comunitario sulle Strategie del Selezionati inoltre il Paper sulla valutazione comparata delle strategie di adattamento nazionali (l'italia non ne ha alcuna). Sono disponibili anche i report della European Environmental Agency sulla gestione delle acque sulle Alpi e sui segnali osservabili del cambiamento climatico, tutti datati iii) Documenti CIPRA (Convenzione delle Alpi): il Piano d'azione sul Cambiamento Climatico nelle Alpi (2009) e il Report sull'acqua nelle Alpi nel contesto del Cambiamento Climatico del iv) Documenti ICIMOD - Mountain Initiative (International Centre for Integrated Mountain Development): ICIMOD è un ente intergovernativo dell'asia Meridionale con sede a Kathmandu. ICIMOD e il Governo del Nepal hanno promosso l'alleanza-iniziativa delle Montagne nel contesto del cambiamento climatico, con report e testi destinati al COP16 di Cancùn (2010). 5

6 Sottoazione 6.2: Definizione di procedure operative di intervento congiunto in zone transfrontaliere - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: Regione Piemonte Settore Protezione Civile. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: La conoscenza dei rischi del territorio rappresenta la base per la pianificazione delle azioni finalizzate alla tutela della vita, dei beni e degli insediamenti. L ambito di riferimento per tali azioni non può essere limitato dai confini politici ed amministrativi in quanto la propagazione dei rischi e lo sviluppo degli elementi vulnerabili trascendono gli ambiti delle singole nazioni. Partendo dagli approfondimenti, definiti nell ambito delle azioni 1-5, si sono pertanto proposte ed analizzate procedure operative di intervento congiunto condivise, finalizzate in particolare a definire lo scenario di rischio alluvionale nel contesto transfrontaliero del Lago Maggiore. Le ricadute degli studi volti a perseguire una maggiore conoscenza del rischio sono state quindi integrate in un documento atto a coordinare le risorse e le procedure di gestione dell emergenza a scala transfrontaliera. - Attività svolte: Per la definizione dell ambito tematico all interno del quale sviluppare l azione esercitativa, attraverso un confronto con i partners, si è scelto un tema che coinvolgesse il maggior numero di partner possibile e che costituisse un argomento unificante tra le varie problematiche affrontate dal progetto. Si è quindi ritenuto che la simulazione di un evento di precipitazioni intense con effetti importanti sull innalzamento del livello del Lago Maggiore, in uno scenario simile a quello verificatosi nell ottobre 2000, potesse rappresentare un valido banco di prova per la sperimentazione del sistema di protezione civile nel contesto transfrontaliero. Al fine di strutturare un modello d intervento per fronteggiare lo scenario di rischio derivante dall esondazione del Lago Maggiore in aree urbanizzate e sulla viabilità del lungolago sono state quindi intraprese le seguenti iniziative: Incontri tecnici si sono svolti tra il Settore Protezione Civile della Regione Piemonte e quello della Regione Lombardia, con l interessamento della Provincia di Varese; sono stati inoltre coinvolti il Servizio Protezione Civile della Provincia del Verbano Cusio Ossola, il Gruppo comunale di protezione civile del Comune di Verbania, per l acquisizione e l analisi della documentazione già esistente a livello di Piani di Protezione Civile Comunali e Provinciali. E stato interessato il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale per la definizione dei rapporti formali transfrontalieri con il Cantone Ticino per l attuazione dell esercitazione, effettuatasi nei giorni 19 e 22 aprile del Il confronto svolto, in particolare con i rappresentanti della Protezione Civile del Canton Ticino (CH) in occasione di un incontro tenutosi a Locarno il 26 marzo 2012, 6

7 relativamente alle diverse procedure d intervento in uso in caso di calamità naturale, ha permesso di definire un ottimizzazione delle modalità di cooperazione transfrontaliera, specialmente nelle procedure di comunicazione e di informazione reciproca. Gli elementi di raccordo introdotti dal confronto instaurato sono stati raccolti nel documento di sintesi delle sottoazioni 6.2, 6.3 e Esercitazione congiunta Italo-Svizzera - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: Regione Piemonte Settore Protezione Civile. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: Il 22 Aprile 2013, a Verbania, sul Lago Maggiore, si è svolta l esercitazione di protezione civile prianificata, denominata Al lago, secondo i criteri individuati nell azione 6.2. La simulazione della gestione di un evento alluvionale, con effetti di progressivo allagamento delle rive del lago e di innesco di fenomeni di dissesto sui versanti, ha coinvolto l intero sistema di protezione civile locale, rappresentato dal Servizio Protezione Civile e dal Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Verbania, dalla Prefettura e dal Comune di Verbania, nonché dal Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile, dal Gruppo Comunale di Protezione civile e dal Corpo Volontari Antiincendi Boschivi di Verbania. Le fasi operative dell esercitazione hanno inoltre coinvolto il Servizio di Emergenza sanitaria 118, la Croce Rossa Italiana, i Vigili del fuoco, le Forze dell ordine ed i fornitori di servizi essenziali, coordinati dalla Prefettura. La programmazione delle attività oggetto di esercitazione ha richiesto l effettuazione di numerosi incontri a Verbania (2 in febbraio, 2 a marzo e 2 nel mese di aprile 2013) con le autorità e ed i rappresentanti degli operatori di protezione civile locale. Il documento d impianto dell esercitazione redatto contiene il quadro dell organizzazione, delle risorse necessarie e delle procedure operative (attraverso 146 attivazioni), attuate fra le giornate del 19 e del 22 aprile. La sua redazione è stata ottimizzata dall impiego di uno specifico applicativo informatico sviluppato da CSI Piemonte per conto del Settore regionale Protezione civile, che permette di condividere tra i vari enti coinvolti nella stesura del documento, secondo le proprie competenze, indicazioni, informazioni, dati, mappe ed eventuale altro materiale di interesse per l'evento programmato. L attivazione delle varie fasi prestabilite nel documento di impianto è stata legata all emissione da parte del Centro Funzionale di ARPA Piemonte, secondo cadenze programmate nei giorni tra il 19 e il 22 di aprile, di bollettini d allertamento e d aggiornamento previsti dal Disciplinare regionale del sistema d allertamento per scopi di protezione civile in caso di criticità idrogeologica. 7

8 Lo schema seguente identifica il modello d intervento di protezione civile adottato dalla Regione Piemonte, sulla base del quale sono stati strutturati gli apporti operativi da parte dei vari organismi istituzionali coinvolti nell esercitazione. Fig. n. 1: Schema organizzativo del modello d intervento regionale di protezione civile adottato nel corso dell esercitazione del 22 Aprile 2013 a Verbania. - Attività svolte: Nel corso dell esercitazione, svoltasi in modalità full scale, ovvero attraverso azioni per posti di comando e d intervento reale sul territorio, è stato anche possibile testare operativamente sistemi e metodologie innovative basate sul web, finalizzate ad una rapida trasmissione alle sale operative, tramite app di web mapping installate su smartphone, dei dati di rilevamento dei fenomeni di dissesto da parte delle strutture tecniche regionali coinvolte nell esercitazione. Si sono messi a confronto due diversi sistemi di segnalazione di effetti al suolo in corso di evento: uno, sviluppato dal Settore Protezione Civile regionale, denominato GeoEventFlex, ed uno denominato ODK (Open Data 8

9 Kit) implementato dal Centro Interdipartimentale di ricerca sui rischi naturali in ambiente montano e collinare (NAT-RISK) dell Università di Torino, sotto il coordinamento del Prof. Marco Giardino. Lo stesso Centro NAT-RISK ha altresì contribuito all allestimento sperimentale, di concerto con il Settore Protezione Civile e con il Centro funzionale regionale, di una Redazione web presso la Sala operativa del Coordinamento provinciale del volontariato di Verbania, presso la quale sono state sperimentate, attraverso la realizzazione di un apposito sito web, nuove modalità di diffusione alla popolazione di informazioni sullo sviluppo dell evento calamitoso e di comunicazione di raccomandazioni per l autoprotezione del cittadino. Fig. n. 2: Schermata dell applicativo GeoEventFlex sviluppato dal Settore regionale Protezione civile, per l acquisizione e la gestione delle segnalazioni sul dissesto idrogeologico in corso d evento rilevate sul territorio attraverso l uso di smartphone. Scopo della Redazione Web è stato quello di far pervenire le informazioni al pubblico sull evento in modo puntuale e continuo, facendo una sorta di cronaca dell evento attraverso: informazioni meteo puntuali e comprensibili (es. i bollettini sono stati accompagnati da spiegazioni sul significato dei diversi livelli di allerta e da indicazioni sui comportamenti di autoprotezione); 9

10 informazioni di contatto con gli organismi del soccorso, individuazione di aree di raccolta della popolazione e di centri operativi (su mappa); informazioni sull evoluzione dell evento: impatto, aree a rischio, interruzioni della viabilità, danni, etc.; informazioni sulle attività in loco degli organismi del soccorso; informazioni sul contesto operativo (procedure e processi); informazioni di autoprotezione; link utili; approfondimenti sull evento: geologici e geomorfologici, storici. Il principale canale di comunicazione utilizzato, in condivisione tra il Settore regionale Protezione Civile ed il Centro funzionale di ARPA Piemonte, è stato un sito web appositamente creato per l esercitazione. Fig. n. 3: Home page del sito EXPC Verbania allestito sperimentalmente con il supporto del Centro Interdipartimentale di ricerca sui rischi naturali in ambiente montano e collinare (NAT-RISK) dell Università di Torino, per l informazione alla popolazione sull evoluzione dell evento alluvionale simulato nel corso dell esercitazione Al lago. 10

11 Il carattere transfrontaliero dell esercitazione è stato garantito dalla presenza presso il Centro Coordinamento Soccorsi (CCS) istituito presso la Prefettura di Verbania, di rappresentanti delle autorità di protezione civile del Canton Ticino della Confederazione Elvetica, con il coinvolgimento del Centro operativo di Chiasso per una richiesta di supporto per la gestione di un emergenza simulata, riferita alla necessità di rientro da oltre confine di lavoratori frontalieri bloccati da una frana sulla viabilità del lungo lago. Il Servizio Difesa del Suolo provinciale ha inoltre reso disponibile un server web con un visualizzatore cartografico GIS integrato, accessibile dai vari posti di comando mediante una pagina internet dedicata, sul quale venivano pubblicati in tempo reale le cartografie rappresentanti le aree di allagamento e gli edifici vulnerabili al progressivo innalzamento simulato del livello del lago. Un esempio di cartografia prodotta dall applicativo impiegato è rappresentato nell immagine alla pagina seguente. Il Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile del Verbano Cusio Ossola ha fornito il necessario supporto operativo - logistico alle azioni di intervento simulato nel corso dell esercitazione; i volontari sono stati coinvolti, in particolare, in azioni di mitigazione degli effetti dell innalzamento del livello del lago, attraverso l installazione di barriere anti-esondazione NOAQ sulla piazza antistante il Municipio di Verbania. Altri interventi sono stati effettuati a supporto di operazioni di evacuazione della popolazione da aree allagate di un campeggio ubicato in area prossima al lago e per la gestione di una situazione d emergenza connessa al verificarsi di una frana sulla viabilità transfrontaliera nel comune di Cannero Riviera. Il Coordinamento dei volontari ha infine contribuito alla simulazione di un salvataggio di persone infortunate su un isola del lago, attraverso l impiego di un mezzo anfibio cingolato derivato da un mezzo militare; a conclusione dell esercitazione, il Coordinamento ha messo a disposizione i propri locali e la cucina da campo per la fornitura di un pasto a tutti i partecipanti. 11

12 Fig. n. 4: Pagina del sito allestito sperimentalmente dal Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Verbania, per aggiornamenti sull evoluzione del livello del Lago Maggiore nel corso dell esercitazione Al lago. 12

13 Fig. n. 5: esempio di rappresentazione modellistica, elaborata dal Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Verbania, delle fasce di esondazione del Lago Maggiore nella zona di Intra (Verbania) e della vulnerabilità degli edifici in relazione all altezza della lama d acqua. 13 Fig. n. 6: Fase di simulazione di soccorsi con mezzo anfibio da parte del Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile del Verbano Cusio Ossola.

14 6.4 - Valutazione dei risultati ottenuti ed elaborazione di raccomandazioni sotto forma di ritorno d esperienza delle attività svolte training - Indicazione dei partner coinvolti: Referente: Regione Piemonte Settore Protezione Civile. Partecipanti: tutti i partner. - Contesto scientifico, modelli/metodologie/procedure applicate: Al termine dell esercitazione sono stati valutati criticamente, in una apposita riunione di confronto tra i vari soggetti coinvolti, sia a livello istituzionale che operativo, i risultati ottenuti in relazione alla programmazione effettuata, attraverso la verifica quantitativa di indicatori stabiliti preventivamente in relazione al rispetto della tempistica delle attivazioni previste e alla reattività operativa del sistema di protezione civile nel suo complesso. Gli esiti dell esercitazione hanno portato alla redazione di uno specifico documento finale relativo alle Azioni progettuali 6.2 e 6.3, nel quale sono illustrate, oltre al documento d impianto dell esercitazione Al lago, le strategie di operatività territoriali ottimali per la gestione, a livello di protezioni civile, di fenomeni calamitosi connessi al verificarsi di precipitazioni intense. Ai fini del raggiungimento degli obiettivi del progetto sono stati in particolare analizzati gli aspetti procedurali dell esercitazione che identificano possibili miglioramenti del sistema d intervento di protezione civile per eventi similari a quello simulato; sono state altresì discusse le possibilità di sviluppo del sistema di rilevamento e trasmissione di informazioni georeferenziate sul dissesto, attraverso l impiego di applicativi specifici per smartphone o tablet, oltre al ritorno d esperienza derivante dall esercizio di un canale d informazione sperimentale alla popolazione in corso d evento via web. - Risultati delle attività svolte: Nel corso dell esercitazione, dal punto di vista procedurale, le tempistiche di attivazione del sistema di protezione civile e l efficacia d intervento sono complessivamente risultati in linea secondo quanto programmato. L ambito transfrontaliero dell esercitazione ha permesso di mettere a confronto i sistemi d intervento a livello regionale sia italiano che svizzero, identificando gli ambiti nei quali, in particolare quello comunicativo, sono stati individuati spazi di miglioramento, attraverso futuri protocolli condivisi di gestione delle emergenze. La collaborazione instauratasi tra gli organi istituzionali e operativi coinvolti a livello regionale (Settore Protezione civile, Centro Funzionale di ARPA Piemonte, Settori tecnici della Direzione regionale Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Economia Montana e Foreste) provinciale (Servizio di Protezione civile, Servizio Difesa del Suolo, Prefettura e Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile) e locale (Gruppo comunale di Protezione civile) ha permesso di verificare e 14

15 ottimizzare la solidità del sistema di protezione civile regionale, individuandone alcuni punti critici e definendone le relative azioni correttive necessarie. L impiego di un sistema appositamente creato per il controllo e il rilevamento di dati sugli effetti al suolo su punti critici pre-individuati, mediante l uso di un app per il web mapping su smartphone e l'invio in tempo reale ad un server presso la Sala operativa regionale, ha consentito di valutarne l utilità nel percorso metodologico di supporto alla gestione dell evento, attraverso il controllo sullo stato evolutivo al suolo dei fenomeni. In particolare, sono stati evidenziati alcuni aspetti critici legati all uso sul terreno degli strumenti di web mapping (legati principalmente ai limiti intrinseci degli strumenti stessi, ad esempio in relazione alla visibilità dello schermo in condizioni di forte luminosità ambientale). Complessivamente, è stata valutata positivamente l esperienza d impiego di sistemi innovativi di trasmissione alle Sale operative di segnalazioni dal territorio di fenomeni di dissesto e/o dei danni associati, in relazione soprattutto alla facilità d impiego del sistema, all elevata affidabilità della trasmissione dei dati (seppur dipendente dalla qualità della rete del gestore d appoggio) ed alla rapidità di disponibilità dei dati. Per quanto concerne le attività sperimentate nel campo della comunicazione, è evidente quanto l informazione sia centrale al fine di rendere resiliente la cittadinanza, le amministrazioni locali, i gestori dei servizi essenziali e delle infrastrutture. Le possibilità di reazione della popolazione di fronte agli eventi calamitosi si basa inevitabilmente su una informazione che renda il cittadino consapevole e responsabile. In questa prospettiva, gli esiti dell esercitazione di protezione civile condotta nell ambito del progetto sono stati riportati in un apposito documento, che affronta i temi dell esigenza di fornire alla popolazione un informazione aperta, accessibile e comprensibile, sulle tematiche dei rischi naturali. Nel documento vengono proposte soluzioni, in parte applicabili a breve termine, in parte a medio e lungo termine, efficacemente introducibili nel sistema della comunicazione per scopi di protezione civile nel contesto transfrontaliero italo-svizzero. Alcuni prodotti di comunicazione sono stati infine realizzati dalla Regione Piemonte (una brochure informativa, un video e materiale promozionale del progetto) per garantire la massima diffusione dei risultati e per proporre un approccio coinvolgente al cittadino sul tema dell adozione di adeguati comportamenti di autoprotezione nei confronti dei rischi naturali. - Bibliografia i) DGR 30 Luglio 2007, n Disciplinare per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile. Regione Piemonte. ii) Linee guida per la redazione dei Piani Comunali di Protezione Civile. Regione Piemonte, iii) Giardino M., Giordan D., Ambrogio S., GIS Technologies for data collection, management and visualisation of large slope instabilities: two applications in the Western Italian Alps. Natural Hazards and Earth System Sciences 4, pp

16 iv) Lanfranco M. and Rapisardi E., Urban resilience to severe storms. An Italian case-history of local community response to natural disasters. Geophysical Research Abstracts, Vol. 3, EGU v) Rapisardi E., Lanfranco M., Di Lolli A., Lombardo D., Web and mobile emergencies netwrk to real time information and geodata management, doi: /

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: Visto:

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: Visto: REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 17 febbraio 2014, n. 11-7110 Programma Operativo di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013. Approvazione della scheda

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015 Codice DB1400 D.D. 17 novembre 2014, n. 3146 P.O. IT-CH 2007-2013. Progetto strategico VETTA II (ID 469099051). Avvio dei moduli progettuali 1, 3, 4 e 5. Accertamento entrate

Dettagli

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Comune di Luino Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Protezione Civile: le novità LEGGE 100 del 12 luglio 2012 (Riordino Protezione Civile) 3-bis. Il comune approva con deliberazione consiliare,

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007 STRATEGIE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO Sviluppi e prospettive per il territorio transfrontaliero Milano, 26 ottobre 2010 PIC INTERREG III A 2000-2006 ALCOTRA PROGETTO RIVES protezione del territorio

Dettagli

Progetto VETTA. Valorizzazione delle esperienze e dei prodotti turistici transfrontalieri delle medie ed alte quote. Le opportunità non hanno confini

Progetto VETTA. Valorizzazione delle esperienze e dei prodotti turistici transfrontalieri delle medie ed alte quote. Le opportunità non hanno confini Progetto VETTA Valorizzazione delle esperienze e dei prodotti turistici transfrontalieri delle medie ed alte quote Le opportunità non hanno confini Obbiettivo generale e linee d azione Valorizzare e rendere

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Rendere le Città Resilienti

Rendere le Città Resilienti Rendere le Città Resilienti La Campagna Mondiale 2010-2015 per la prevenzione dei rischi da calamità naturale Rendere le Città resilienti: la mia Città si prepara, mira a far sì che Sindaci, Amministrazioni

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 Pagina 1 1 PREMESSA... 4 2 PROGRAMMA DI AZIONE PRIMA... 5 2.1 AZIONI

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

GIS e gestione delle emergenze: il Piano di Protezione Civile dell Isola Bergamasca

GIS e gestione delle emergenze: il Piano di Protezione Civile dell Isola Bergamasca GIS e gestione delle emergenze: il Piano di Protezione Civile dell Isola Bergamasca A. TROZZI (*)(**), M. DE AMICIS(**), M. DELIGIOS ( ), S. SIRONI (**), S.STERLACCHINI(*), S. CHIESA (*) (*) CNR IDPA,

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

ASSENTE ORDINARIA MODERATA ELEVATA EMERGENZA Per approfindimenti:

ASSENTE ORDINARIA MODERATA ELEVATA EMERGENZA Per approfindimenti: PROGETTO STRADA 2.0 Il progetto STRADA 2.0 affronta il tema dell impatto dei cambiamenti climatici sui rischi naturali, partendo dai risultati raggiunti attraverso il progetto STRADA, nel quale sono state

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO FLUVIALE DEL PO TRATTO TORINESE, L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DELLA COLLINA TORINESE a cui

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale PTA - Piattaforma Tecnologica Alpina

FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale PTA - Piattaforma Tecnologica Alpina PTA - Piattaforma Tecnologica Alpina Il nostro partenariato Le azioni obiettivi delle azioni Azione 1 Gestione e monitoraggio del progetto È stata l azione di coordinamento e gestione pratica del progetto

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROTEZIONE CIVILE GRUPPO LUCANO Enti co-progettanti: - Associazione Volontari Protezione Civile

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015

REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015 REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015 Codice A18000 D.D. 20 febbraio 2015, n. 400 P.O. IT-CH 2007-2013. Progetto strategico VETTA II. Approvazione schema di convenzione tra la Regione Piemonte e il Comune di

Dettagli

visto il regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale;

visto il regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale; REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 17 febbraio 2014, n. 8-7107 Programma operativo di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013. Approvazione scheda relativa

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia Il Sistema I.M.Pre.S@ per una prevenzione più efficace

L esperienza di Regione Lombardia Il Sistema I.M.Pre.S@ per una prevenzione più efficace L esperienza di Regione Lombardia Il Sistema I.M.Pre.S@ per una prevenzione più efficace Convegno Realizzazione di modalità e strumenti per integrare le informazioni correnti del sistema salute e del sistema

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione delle emergenze idrogeologiche e degli eventi di scarsità idrica: l esperienza dell Emilia-Romagna

Attività di protezione civile per la gestione delle emergenze idrogeologiche e degli eventi di scarsità idrica: l esperienza dell Emilia-Romagna Attività di protezione civile per la gestione delle emergenze idrogeologiche e degli eventi di scarsità idrica: l esperienza dell Emilia-Romagna Santa Sofia, 24 ottobre 2014 Maurizio Mainetti Direttore

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

Le possibilitá non hanno confini. Validazione di sistemi di monitoraggio satellitari e terrestri per deformazioni del suolo. Data: 04.

Le possibilitá non hanno confini. Validazione di sistemi di monitoraggio satellitari e terrestri per deformazioni del suolo. Data: 04. Le possibilitá non hanno confini Validazione di sistemi di monitoraggio satellitari e terrestri per deformazioni del suolo Deliverable D.6.01 PIANO DI COMMUNICAZIONE Data: 04.2012 Il progetto SloMove é

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell ambiente PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE Storia della protezione civile in Italia legata alle calamità: dalle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA ALLEGATO A decreto dirigenziale n. del MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA 0. Premessa La valutazione di un evento di protezione

Dettagli

Introduzione al seminario sull utilizzo delle tecniche interferometriche satellitari: esperienze a confronto

Introduzione al seminario sull utilizzo delle tecniche interferometriche satellitari: esperienze a confronto Introduzione al seminario sull utilizzo delle tecniche interferometriche satellitari: esperienze a confronto ANGELO ROBOTTO DIRETTORE TECNICO ARPA PIEMONTE cura e alimenta il patrimonio conoscitivo, in

Dettagli

Il preventivo economico 2014 è redatto sulla base della programmazione degli oneri e della prudenziale valutazione dei proventi.

Il preventivo economico 2014 è redatto sulla base della programmazione degli oneri e della prudenziale valutazione dei proventi. RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO 2014 Il preventivo economico 2014 è redatto sulla base della programmazione degli oneri e della prudenziale valutazione dei proventi. PROVENTI Dall esame

Dettagli

Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici

Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici G. Barreca Genova 09/06/2010 Provincia di Firenze Servizio Protezione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

Condivisione dati territoriali e TMP

Condivisione dati territoriali e TMP Uno strumento di supporto alle decisioni. Il SIIG - Sistema Informativo Integrato Globale Condivisione dati territoriali e TMP Giuseppe Pastorelli Politecnico di Milano Condivisione di dati territoriali

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

STRADA - STRATEGIE DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI PER LA GESTIONE DEI RISCHI NATURALI NEL TERRITORIO TRANSFRONTALIERO: Asse: Ambiente e

STRADA - STRATEGIE DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI PER LA GESTIONE DEI RISCHI NATURALI NEL TERRITORIO TRANSFRONTALIERO: Asse: Ambiente e STRADA - STRATEGIE DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI PER LA GESTIONE DEI RISCHI NATURALI NEL TERRITORIO TRANSFRONTALIERO: Asse: Ambiente e Territorio OBIETTIVI OPERATIVI DI PERTINENZA DELLE AZIONI

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po ex art. 4 c. 2 Deliberazione di Comitato Istituzionale n. 2/2015 del 5 agosto 2015

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Progetto MANUMONT Progetto di Piano direttore per la manutenzione del territorio collinare e montano

Progetto MANUMONT Progetto di Piano direttore per la manutenzione del territorio collinare e montano Progetto MANUMONT Progetto di Piano direttore per la manutenzione del territorio collinare e montano Premessa Il PAI (Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico, approvato con DPCM 24 maggio 2001) ha l

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO Alessandra Marchese (GISIG) La ricerca che crea innovazione per un futuro sostenibile Genova, 20 febbraio 2015 Con il patrocinio di Con il contributo

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation convenzione delle alpi Methodologies and best practices for the participation of the stakeholders involved in flood risk prevention Metodologie e buone prassi per il coinvolgimento degli stakeholder er

Dettagli

La Community per la sicurezza nazionale. Rita Forsi MiSE - CERT

La Community per la sicurezza nazionale. Rita Forsi MiSE - CERT La Community per la sicurezza nazionale Rita Forsi MiSE - CERT Contesto Italiano della cyber security D. Lgs. 70/2012 Il decreto prevede l individuazione del CERT Nazionale presso il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO RELAZIONE DI PROGETTO ELENCO MODULI ID modulo Nome modulo DATA AVVIO DATA CONCLUSIONE FINANZIAMENTO 47169496 1RP-AMB Capitalizzazione rete di monitoraggio 47170695 2RP-AMB Capitalizzazione strumento SIIG

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA ITALIA-FRANCIA ALCOTRA ALCOTRA 2014-2020 2014-2020 Nuove Nuove opportunità opportunità di di cooperazione cooperazione nell area nell area transfrontaliera transfrontaliera

Dettagli

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Fase 2.1.1 Trasferimento delle esperienze maturate dalla Regione Marche in materia

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE Provincia Autonoma di Trento SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE (maggio 2005) FINALITA Il presente Sistema di Allerta costituisce parte essenziale delle attività di protezione civile a livello provinciale,

Dettagli

CARTA DI BOLOGNA 2012

CARTA DI BOLOGNA 2012 CARTA DELLE REGIONI EUROPEE PER LA PROMOZIONE DI UN QUADRO COMUNE DI AZIONI STRATEGICHE DIRETTE ALLA PROTEZIONE E SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE COSTIERE DEL MEDITERRANEO CARTA DI BOLOGNA 2012 La presente

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

Fruibilità dell Informazione Ambientale

Fruibilità dell Informazione Ambientale Fruibilità dell Informazione Ambientale Nicoletta Sannio, Mariano Casula Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa Ambiente, Sevizio S.A.V.I Abstract Il Sistema Informativo Regionale Ambientale

Dettagli

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione.

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione. Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE Azione di sistema numero 2 Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione dell utenza 1 INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi comunicativi...4 3.

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ACCORDO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E DELLE RETI DI IMPRESE Premesso che: La Comunicazione della Commissione

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli