COMUNE DI FOLLONICA (Provincia di Grosseto)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FOLLONICA (Provincia di Grosseto)"

Transcript

1 COMUNE DI FOLLONICA (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI PER AUTOTRAZIONE a cura di: Simurg Consulenze e Servizi S.n.c.

2 2 INDICE TITOLO 1. DISPOSIZIONI GENERALI...4 Capo I Principi generali...4 Articolo 1. Oggetto e finalità...4 Articolo 2. Definizioni...4 Articolo 3. Zone comunali...5 Articolo 4. Impianti di pubblica utilità...5 Capo II Disciplina dell attività...6 Sezione I Impianti stradali...6 Articolo 5. Esercizio dell attività...6 Articolo 6. Rilascio dell autorizzazione per l installazione e l esercizio di impianti stradali di distribuzione di carburanti...6 Articolo 7. Modifiche degli impianti...7 Articolo 8. Rilascio dell autorizzazione per le modifiche di impianti stradali di distribuzione di carburanti...8 Articolo 9. Collaudo...9 Articolo 10. Sospensione volontaria dell attività...10 Articolo 11. Variazioni del legale rappresentante o della denominazione o ragione sociale...10 Articolo 12. Subingresso...10 Articolo 13. Cessazione dell attività...11 Articolo 14. Decadenza dell autorizzazione...11 Articolo 15. Pubblicità dei prezzi...11 Articolo 16. Prelievo di carburanti in recipienti presso gli impianti stradali...11 Sezione II Impianti e contenitori-distributori mobili ad uso privato e impianti per natanti...11 Articolo 17. Impianti ad uso privato...11 Articolo 18. Impianti per il rifornimento di natanti...12 Articolo 19. Contenitori-distributori mobili ad uso privato...12 TITOLO 2. CRITERI DI AMMISSIBILITA DEGLI IMPIANTI STRADALI...12 Capo I - Impianti esistenti...12 Articolo 20. Verifiche di compatibilità...12 Articolo 21. Incompatibilità assoluta...13 Articolo 22. Incompatibilità relativa...13 Articolo 23. Attività economiche accessorie integrative...13

3 3 Capo II - Nuovi impianti...14 Articolo 24. Caratteristiche dei nuovi impianti...14 Articolo 25. Superficie minima degli impianti...14 Articolo 26. Distanze minime tra gli impianti...14 Articolo 27. Modalità di calcolo delle distanze...15 Articolo 28. Aree pubbliche riservate all installazione ed esercizio di impianti di distribuzione carburanti...15 TITOLO 3. ORARI DI SERVIZIO, VIGILANZA E SANZIONI...15 Capo I Orari di servizio...15 Articolo 29. Orari di apertura...15 Articolo 30. Turni domenicali e festivi...16 Articolo 31. Turni di riposo infrasettimanali...16 Articolo 32. Servizio notturno...16 Articolo 33. Pubblicità dell orario e dei turni...16 Articolo 34. Deroghe...17 Articolo 35. Ferie...17 Capo II Vigilanza e sanzioni...17 Articolo 36. Vigilanza...17 Articolo 37. Sanzioni...18

4 4 TITOLO 1. DISPOSIZIONI GENERALI Capo I Principi generali Articolo 1. Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l installazione e l esercizio degli impianti di distribuzione di carburanti per autotrazione ai sensi della Legge Regionale 7 febbraio 2005 n 28, di seguito denominata legge. 2. Il presente regolamento persegue le seguenti finalità: a) la razionalizzazione, l ammodernamento e l incremento complessivo dell efficienza della rete distributiva al fine di migliorare le condizioni di lavoro degli operatori e le possibilità di acquisto dei consumatori; b) la trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la circolazione delle merci; c) la tutela del consumatore, con particolare riferimento alla possibilità di approvvigionamento, al servizio di prossimità, all assortimento e alla sicurezza dei prodotti; d) il pluralismo e l equilibrio tra le diverse tipologie delle strutture distributive e le diverse forme di vendita, con particolare riguardo al riconoscimento e alla valorizzazione del ruolo delle piccole e medie imprese. Articolo 2. Definizioni 1. Ai fini dell applicazione del presente regolamento si intendono: a) per carburanti, le benzine, il gasolio per autotrazione, il gas di petrolio liquefatto per autotrazione (GPL), il gas metano per autotrazione e tutti gli altri combustibili per autotrazione in commercio, nonché l olio lubrifi cante; b) per rete, l insieme dei punti vendita eroganti carburanti per autotrazione, ubicati entro la rete stradale, gli impianti ad uso privati e gli impianti per natanti; c) per impianto stradale, il complesso commerciale unitario, costituito da uno o più apparecchi di erogazione automatica di carburante per autotrazione nonché dai servizi e dalle attività economiche accessorie integrative; d) per self-service pre-pagamento, il complesso di apparecchiature per l erogazione automatica di carburante senza l assistenza di apposito personale con pagamento preventivo al rifornimento; e) per self-service post-pagamento, il complesso di apparecchiature per il comando e il controllo a distanza dell erogatore da parte di apposito incaricato, con pagamento successivo al rifornimento; f) per attività economiche accessorie integrative: attività commerciale di vendita al dettaglio attività di somministrazione alimenti e bevande, vendita di quotidiani e periodici, vendita tabacchi, lotterie e altre attività simili servizi all automobile e all automobilista, quali officina meccanica, elettrauto, gommista, lavaggio, servizi di lubrificazione, aree attrezzate per camper, servizi igienici di uso pubblico, fax, fotocopie, punto telefonico pubblico, bancomat;

5 5 g) per incompatibilità, la collocazione dell impianto in un area non idonea con la presenza di impianti di distribuzione di carburanti; h) per impianto ad uso privato, tutte le attrezzature fisse senza limiti di capacità ubicate all interno di aree private non aperte al pubblico quali stabilimenti, cantieri, magazzini, depositi e simili, e destinate al rifornimento esclusivo degli automezzi di proprietà o in leasing di imprese produttive o di servizio, con esclusione delle amministrazioni pubbliche. Per impianto ad uso privato può intendersi anche un impianto utilizzato per il rifornimento di automezzi di proprietà di imprese diverse dal titolare dell autorizzazione a condizione che tra il titolare ed i soggetti utilizzatori sia costituito un consorzio o una associazione di imprese o che si tratti di società controllata dalla società titolare dell autorizzazione; i) per contenitore-distributore mobile ad uso privato, tutte le attrezzature mobili con capacità non superiore a 9000 litri ubicate all interno di cave per estrazione di materiali, di cantieri stradali, ferroviari ed edili nonché di attività industriali, artigianali, agricole e agromeccaniche destinate al rifornimento di macchine e automezzi di proprietà dell azienda presso la quale viene usato il contenitoredistributore, con carburanti liquidi di categoria C di cui al decreto del Ministro dell interno del 31 luglio Articolo 3. Zone comunali Ai fini della localizzazione degli impianti di distribuzione il territorio comunale è ripartito in quattro zone così delineate: a) zona 1 (centri storici), che corrisponde alle parti del territorio di cui all articolo 2, lettera a) del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n (Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell articolo 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765); b) zona 2 (zone residenziali), che corrisponde alle parti del territorio di cui all articolo 2, lettere b) e c) del d.m. 1444/1968; c) zona 3 (zone per insediamenti produttivi), che corrisponde alle parti del territorio di cui all articolo 2, lettere d) ed f) del d.m. 1444/1968 ; d) zona 4 (zone agricole), che corrisponde alle parti del territorio di cui all articolo 2, lettera e) del d.m. 1444/1968. Articolo 4. Impianti di pubblica utilità È da considerarsi impianto di pubblica utilità: a) l impianto ubicato ad una distanza superiore a 7 chilometri, nelle diverse direzioni, dall impianto più vicino; b) l impianto che costituisce l unico punto di rifornimento esistente nel territorio comunale.

6 6 Capo II Disciplina dell attività Sezione I Impianti stradali Articolo 5. Esercizio dell attività L installazione e l esercizio degli impianti stradali di distribuzione di carburanti per autotrazione sono soggette ad autorizzazione amministrativa rilasciata dal Comune e sono svolte da soggetti in possesso dei requisiti soggettivi, morali e professionali, di cui all articolo 13 della legge. L autorizzazione di cui al comma 1 contiene il termine entro il quale l impianto è posto in esercizio o sono utilizzate le parti modificate soggette ad autorizzazione. Articolo 6. Rilascio dell autorizzazione per l installazione e l esercizio di impianti stradali di distribuzione di carburanti Per il rilascio dell autorizzazione per l attivazione di un nuovo impianto di distribuzione di carburanti il richiedente deve presentare al Comune apposita domanda di autorizzazione in bollo così come da modulistica predisposta dal Comune stesso. La richiesta di autorizzazione di cui al comma 1 può essere trasmessa tramite posta raccomandata con ricevuta di ritorno o presentata a mano direttamente all ufficio protocollo; in quest ultimo caso il Comune provvede a rilasciare apposita ricevuta. La richiesta di autorizzazione di cui al comma 1 dovrà indicare: a) dati anagrafici e codice fiscale del richiedente, dati relativi all impresa individuale (se titolare di omonima impresa individuale) o dati relativi alla società (se rappresentante legale di società); b) numero di iscrizione al REA della C.C.I.A.A. della sede legale; c) ubicazione dell impianto che si intende attivare; d) titolo di disponibilità del terreno; e) caratteristiche dell impianto (tipo di carburanti erogati; numero e tipo degli apparecchi automatici che si intendono installare; numero e capacità dei serbatoi che si intendono utilizzare); f) la data in cui il progetto è stato trasmesso al Comando provinciale dei Vigili del fuoco per il parere di conformità La richiesta di autorizzazione di cui al comma 1 dovrà essere completa della seguente documentazione: a) autocertificazione attestante il possesso dei requisiti morali di cui all articolo 13 della legge, il possesso dei requisiti previsti dalla normativa antimafia e il rispetto delle normative vigenti in materia di carburanti; b) atto dal quale risulti la disponibilità del terreno; c) planimetria dell'impianto in scala 1:100, datata e firmata da tecnico abilitato; d) relazione d'impatto acustico a firma di tecnico abilitato; e) perizia giurata, redatta da un ingegnere o da altro tecnico competente per la sottoscrizione del progetto presentato e iscritto al relativo albo professionale, attestante che la richiesta in esame rispetta le prescrizioni urbanistiche, fiscali e quelle concernenti la sicurezza ambientale e stradale, la tutela dei beni storici e artistici nonché le norme di indirizzo programmatico della Regione e il rispetto dei criteri, requisiti e caratteristiche delle aree determinati dal Comune;

7 7 f) relazione tecnica descrittiva dell impianto; g) copia del documento di identità del richiedente; h) copia del documento di identità del tecnico abilitato. 5. L ufficio comunale competente entro dieci giorni dal ricevimento della domanda verifica la completezza della stessa e comunica tramite posta al richiedente l'avvio del procedimento. 6. L ufficio comunale competente, per le domande pervenute incomplete o irregolari, comunica al richiedente, in unica soluzione ed entro dieci giorni dal ricevimento della domanda, tutte le cause di irregolarità e incompletezza trasmettendo apposita richiesta di integrazione; la documentazione integrativa può essere richiesta dal comune solamente per una volta. 7. La comunicazione di irregolarità o incompletezza interrompe il decorso dei termini di cui al comma 10. I termini ricominceranno a decorrere dal giorno in cui la domanda sarà completata tramite il ricevimento dell integrazione, che deve pervenire al Comune con le stesse modalità previste al comma 2 per la domanda di richiesta di autorizzazione. 8. In caso di irregolarità o incompletezza della domanda di autorizzazione, la documentazione integrativa richiesta dal Comune dovrà pervenire allo stesso entro venti giorni dalla data della richiesta, decorsi i quali la domanda viene archiviata. 9. Se l'amministrazione Comunale, nei prescritti dieci giorni dal ricevimento della domanda, non effettua al richiedente la comunicazione di cui al comma precedente, il termine di cui al successivo comma 10 decorre in ogni caso dal ricevimento della domanda. 10. Entro novanta giorni dalla data di ricevimento della domanda o, se richiesta, della documentazione integrativa, il responsabile del procedimento provvederà a notificare al richiedente l accoglimento dell istanza con rilascio dell autorizzazione amministrativa e contestuale concessione edilizia nonché il termine entro il quale l impianto è posto in esercizio, o il motivato diniego al rilascio dell autorizzazione. 11. Trascorsi i termini di cui al comma 10, qualora l Amministrazione Comunale non abbia comunicato il provvedimento di diniego, la domanda deve ritenersi accolta Articolo 7. Modifiche degli impianti Costituisce modifica all impianto: a) la variazione della tipologia e del numero dei carburanti erogati; b) la contemporanea sostituzione delle colonnine e dei serbatoi con variazione del numero delle prime e della capacità dei secondi; c) la sostituzione di distributori a semplice o doppia erogazione con altri rispettivamente ad erogazione doppia o multipla per prodotti già erogati; d) la sostituzione di uno o più serbatoi o cambio di destinazione dei serbatoti o delle colonnine per prodotti già erogati; e) la variazione del numero o della capacità di stoccaggio dei serbatoi; f) l installazione di dispositivi self-service post-pagamento; g) l installazione di dispositivi self-service pre-pagamento; h) la variazione dello stoccaggio degli olii lubrificanti; i) la variazione dello stoccaggio degli olii esausti, del gasolio per uso riscaldamento dei locali degli impianti e di tutti gli altri prodotti non destinati alla vendita al pubblico; j) la trasformazione delle modalità di rifornimento del metano. Le modifiche degli impianti di distribuzione dei carburanti sono soggette a denuncia di inizio di attività, ai sensi degli articoli 58 e 59 della L.R. 9/1995, che il titolare presenta al

8 8 Comune e all ufficio competente dell Agenzia delle Dogane e possono essere effettuate dalla data di ricevimento della denuncia. 3. Sono soggette ad autorizzazione comunale le seguenti modifiche: a) l aggiunta di altri carburanti in impianti esistenti; b) la ristrutturazione totale di un impianto sulla stessa area, da intendersi come il mutamento contemporaneo di tutte le parti costitutive dello stesso. Articolo 8. Rilascio dell autorizzazione per le modifiche di impianti stradali di distribuzione di carburanti 1. Per il rilascio dell autorizzazione alle modifiche di cui all Articolo 7, comma 3, lettere a) e b), il titolare dell autorizzazione deve presentare al Comune apposita domanda di autorizzazione in bollo così come da modulistica predisposta dal Comune stesso. 2. La richiesta di autorizzazione di cui al comma 1 può essere trasmessa tramite posta raccomandata con ricevuta di ritorno o presentata a mano direttamente all ufficio protocollo; in quest ultimo caso il Comune provvede a rilasciare apposita ricevuta. 3. La richiesta di autorizzazione di cui al comma 1 dovrà indicare: a) dati anagrafici e codice fiscale del richiedente, dati relativi all impresa individuale (se titolare di omonima impresa individuale) o dati relativi alla società (se rappresentante legale di società); b) numero di iscrizione al REA della C.C.I.A.A. della sede legale; c) ubicazione dell impianto oggetto di modifica; d) consistenza attuale e caratteristiche dell impianto; e) tipo di modifiche che si intendono effettuare; f) consistenza futura e caratteristiche dell impianto; 4. La richiesta di autorizzazione di cui al comma 1 dovrà essere completa della seguente documentazione: a) autocertificazione attestante il possesso dei requisiti morali di cui all articolo 13 della legge, il possesso dei requisiti previsti dalla normativa antimafia e il rispetto delle normative vigenti in materia di carburanti; b) autocertificazione tesa ad attestare che l impianto non ricade in alcuna delle fattispecie di incompatibilità assoluta e relativa; c) planimetria dell'impianto in scala 1:100 (stato attuale e stato modificato), datata e firmata da tecnico abilitato; d) perizia giurata, redatta da un ingegnere o da altro tecnico competente per la sottoscrizione del progetto presentato e iscritto al relativo albo professionale, attestante che la richiesta in esame rispetta le prescrizioni urbanistiche, fiscali e quelle concernenti la sicurezza ambientale e stradale, la tutela dei beni storici e artistici nonché le norme di indirizzo programmatico della Regione; e) relazione tecnica descrittiva dell impianto (situazione attuale; modifiche che si intendono apportare; stato modificato); f) copia del documento di identità del richiedente; g) copia del documento di identità del tecnico abilitato. 5. L ufficio comunale competente entro dieci giorni dal ricevimento della domanda verifica la completezza della stessa e comunica tramite posta al richiedente l'avvio del procedimento. 6. L ufficio comunale competente, per le domande pervenute incomplete o irregolari, comunica al richiedente, in unica soluzione ed entro dieci giorni dal ricevimento della

9 9 domanda, tutte le cause di irregolarità e incompletezza trasmettendo apposita richiesta di integrazione; la documentazione integrativa può essere richiesta dal comune solamente per una volta. 7. La comunicazione di irregolarità o incompletezza interrompe il decorso dei termini di cui al comma 10. I termini ricominceranno a decorrere dal giorno in cui la domanda sarà completata tramite il ricevimento dell integrazione, che deve pervenire al Comune con le stesse modalità previste al comma 2 per la domanda di richiesta di autorizzazione. 8. In caso di irregolarità o incompletezza della domanda di autorizzazione, la documentazione integrativa richiesta dal Comune dovrà pervenire allo stesso entro venti giorni dalla data della richiesta, decorsi i quali la domanda viene archiviata. 9. Se l'amministrazione Comunale, nei prescritti dieci giorni dal ricevimento della domanda, non effettua al richiedente la comunicazione di cui al comma precedente, il termine di cui al successivo comma 10 decorre in ogni caso dal ricevimento della domanda. 10. Entro novanta giorni dalla data di ricevimento della domanda o, se richiesta, della documentazione integrativa, il responsabile del procedimento provvederà a notificare al richiedente l accoglimento dell istanza con rilascio dell autorizzazione amministrativa nonché il termine entro il quale le parti modificate sono utilizzate, o il motivato diniego al rilascio dell autorizzazione. 11. Trascorsi i termini di cui al comma 10, qualora l Amministrazione Comunale non abbia comunicato il provvedimento di diniego, la domanda deve ritenersi accolta. Articolo 9. Collaudo 1. I nuovi impianti e le parti modificate per le quali è richiesta l autorizzazione non possono essere posti in esercizio prima dell effettuazione del collaudo richiesto dal titolare dell autorizzazione al comune dove ha sede l impianto. 2. Il comune, per l espletamento del collaudo, nomina una commissione della quale fanno parte un rappresentante del comune con funzioni di presidente, un rappresentante del Comando provinciale dei vigili del fuoco, un rappresentante dell ufficio dell Agenzia delle Dogane, un rappresentante dell Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (ARPAT) e un rappresentante dell Azienda unità sanitaria locale (Azienda USL), competenti per territorio. 3. Il collaudo è effettuato entro sessanta giorni dal ricevimento, da parte del comune, della richiesta da parte del titolare dell autorizzazione. 4. In attesa del collaudo e su richiesta del titolare è autorizzato l esercizio provvisorio, previa presentazione al comune di idonea documentazione attestante la conformità dei lavori ai progetti e alle rispettive norme che li disciplinano. Entro e non oltre sessanta giorni dalla data dell autorizzazione all esercizio provvisorio il comune è tenuto ad effettuare il collaudo. 5. Gli oneri relativi al collaudo sono determinati dal comune e sono a carico del richiedente. 6. Il collaudo è comunque effettuato ogni quindici anni dal precedente. 7. Il collaudo non è previsto per la realizzazione delle modifiche di cui all Articolo 7, comma 1 soggette a denuncia di inizio di attività; in tali casi la regolarità dell intervento è attestata da perizia giurata che il titolare trasmette al comune e all ufficio competente dell Agenzia delle Dogane. 8. Oltre alle modalità previste nei commi precedenti del presente articolo, per il collaudo è possibile ricorrere alla procedura di Sportello Unico per le Attività Produttive ai sensi dell articolo 9 del D.P.R. 447/98 (Regolamento Regolamento recante norme di semplifi

10 10 cazione dei procedimenti di autorizzazione per la realizzazione, l ampliamento, la ristrutturazione e la riconversione di impianti produttivi, per l esecuzione di opere interne ai fabbricati, nonché per la determinazione delle aree destinate agli insediamenti produttivi, a norma dell articolo 20, comma 8, della legge 15 marzo 1997, n. 59), così come modificato dal D.P.R. 440/2000. Articolo 10. Sospensione volontaria dell attività 1. L attività di distribuzione dei carburanti può essere sospesa per un periodo massimo di centottanta giorni, previa comunicazione al comune competente per territorio. 2. Il comune, su motivata richiesta del titolare dell autorizzazione, può autorizzare la sospensione dell attività dell impianto per un ulteriore periodo di centottanta giorni. 3. Qualora l attività di distribuzione dei carburanti sia esercitata in forma di impresa individuale, il termine di cui ai comma 1 non si applica nei casi di sospensione per: a) malattia certificata al comune entro dieci giorni dall inizio del periodo di sospensione; b) gravidanza e puerperio certificati al comune entro dieci giorni dall inizio del periodo di sospensione; c) assistenza a figli minori con handicap gravi come previsto dall articolo 33 della L. 104/1992 e dall articolo 42 del D.L. 151/ Nell ipotesi di cui al comma 3, lettera b), l attività può essere sospesa per un periodo massimo cumulativo di quindici mesi. Articolo 11. Variazioni del legale rappresentante o della denominazione o ragione sociale 1. Le variazioni del legale rappresentante e della denominazione o ragione sociale di un attività commerciale sono soggette a comunicazione al comune da effettuare entro sessanta giorni e non implicano il rilascio di una nuova autorizzazione né la presentazione di una nuova denuncia d inizio attività. Articolo 12. Subingresso 1. Il trasferimento della gestione o della proprietà dell azienda o di un ramo di azienda, per atto tra vivi o per causa di morte, comporta il trasferimento al subentrante della titolarità del titolo abilitativo all esercizio dell attività commerciale. 2. Il subingresso nella titolarità di un impianto di distribuzione di carburanti è soggetto a comunicazione effettuata dal subentrante al comune competente per territorio e all ufficio competente dell Agenzia delle Dogane. 3. Il subentrante deve dichiarare il trasferimento dell attività, essere in possesso dei requisiti di cui all articolo 13 della legge e, qualora richiesti, dei requisiti professionali ed impegnarsi al mantenimento dei livelli occupazionali ed al rispetto dei contratti collettivi di lavoro. 4. La comunicazione di subingresso è effettuata, secondo modalità stabilite dal comune: a) entro sessanta giorni dalla data dell atto di trasferimento della gestione o della titolarità dell esercizio; b) entro un anno dalla morte del titolare. 5. In caso di subingresso per causa di morte, la comunicazione è effettuata dall erede o dagli eredi che abbiano nominato, con la maggioranza indicata dall articolo 1105 del codice civile, un solo rappresentante per tutti i rapporti giuridici con i terzi, ovvero abbiano costituito una società.

11 11 6. Nei casi di cui al comma 5, qualora si tratti di attività relative al settore merceologico alimentare o alla somministrazione di alimenti e bevande, fermo restando il possesso dei requisiti di cui all articolo 13 della legge, il subentrante ha facoltà di continuare a titolo provvisorio l attività. Qualora entro un anno dalla data di decesso del dante causa il subentrante non dimostri il possesso dei requisiti professionali richiesti, salvo proroga in comprovati casi di forza maggiore, il titolo abilitativo decade. Articolo 13. Cessazione dell attività 1. La cessazione delle attività disciplinate dal presente regolamento è soggetta a comunicazione al comune, da effettuarsi entro sessanta giorni dalla cessazione. Articolo 14. Decadenza dell autorizzazione 1. Il comune dichiara la decadenza dell autorizzazione: a) qualora vengano meno requisiti di cui all articolo 13 della legge; b) qualora, salvo proroga in caso di comprovata necessità e su motivata istanza, non sia rispettato il termine di messa in esercizio dell impianto, fissato nell autorizzazione; c) qualora l attività sia sospesa per un periodo superiore a centottanta giorni in mancanza dell autorizzazione alla sospensione di cui all Articolo 10; d) nel caso in cui il titolare, autorizzato ai sensi dell Articolo 10, comma 2, sospenda l attività per un periodo complessivamente superiore a dodici mesi. 2. La decadenza dell autorizzazione comporta lo smantellamento dell impianto e il ripristino del sito entro il termine fissato dal comune. Articolo 15. Pubblicità dei prezzi 1. Al titolare dell autorizzazione è fatto obbligo di esporre in modo leggibile dalla carreggiata stradale il cartello relativo ai prezzi praticati in relazione alle tipologie di carburanti erogati, senza l indicazione generica di sconti. Articolo 16. Prelievo di carburanti in recipienti presso gli impianti stradali 1. Il prelievo di carburanti in recipienti presso gli impianti stradali da parte di operatori economici o altri utenti che hanno la necessità di rifornire i propri mezzi direttamente sul posto di lavoro, per quantitativi superiori a 100 e inferiori a 1000 litri, è soggetto a comunicazione al comune. 2. I recipienti per il prelievo di carburanti devono essere conformi alle prescrizioni tecniche in materia. 3. Il titolare dell autorizzazione o il gestore riforniscono i soggetti muniti di comunicazione. Sezione II Impianti e contenitori-distributori mobili ad uso privato e impianti per natanti Articolo 17. Impianti ad uso privato 1. L installazione e l esercizio di impianti ad uso privato, così come definiti all Articolo 2, comma1, lettera h), sono soggette ad autorizzazione amministrativa rilasciata dal Comune ed sono svolte da soggetti in possesso dei requisiti soggettivi, morali e professionali, di cui all articolo 13 della legge.

12 12 2. L autorizzazione di cui al comma 1 contiene il termine entro il quale l impianto è posto in esercizio o sono utilizzate le parti modificate soggette ad autorizzazione. 3. L autorizzazione di cui al comma 1 è rilasciata per il rifornimento diretto ed esclusivo degli automezzi indicati dal richiedente. 4. È vietata la cessione di carburantie e degli altri prodotti a soggetti diversi dal titolare dell autorizzazione, dalle imprese consorziate o associate o dalle società controllate come indicato all Articolo 2, comma1, lettera h), sia a tirolo oneroso che gratuito. Articolo 18. Impianti per il rifornimento di natanti 1. L installazione e l esercizio di impianti per il rifornimento di natanti sono soggette ad autorizzazione amministrativa rilasciata dal Comune, nel rispetto della disciplina applicabile agli impianti stradali di distribuzione di carburanti. 2. Gli impianti per il rifornimento di natanti sono adibiti all esclusivo rifornimento degli stessi e possono derogare alle caratteristiche tipologiche e ai criteri di superficie e distanze previste per i nuovi impianti stradali. Articolo 19. Contenitori-distributori mobili ad uso privato 1. L attivazione di contenitori-distributori mobili ad uso privato, così come definiti all Articolo 2, comma 1, lettera i), è soggetta a denuncia di inizio attività, ai sensi degli articoli 58 e 59 della L.R. 9/1995, che il titolare presenta al Comune e può essere effettuata dalla data di ricevimento della denuncia. 2. Il titolare dell attività, contestualmente alla comunicazione, è tenuto ad attestare il rispetto delle norme in materia di sicurezza e prevenzione incendi. TITOLO 2. CRITERI DI AMMISSIBILITA DEGLI IMPIANTI STRADALI Capo I - Impianti esistenti Articolo 20. Verifiche di compatibilità 1. Allo scopo di perseguire l obiettivo dell ammodernamento del sistema distributivo anche attraverso la riduzione del numero degli impianti, il comune provvede a sottoporre a verifica gli impianti esistenti. 2. Le verifiche di cui al comma 1 sono volte ad accertare il ricorrere delle ipotesi di incompatibilità assoluta e relativa dell impianto così come definite all Articolo 21 e all Articolo I titolari di impianti che intendono aggiungere prodotti non precedentemente erogati o installare dispositivi self service pre o post pagamento, possono procedere, nel rispetto di quanto previsto dall Articolo 7, solo nel caso in cui sia stata effettuata la verifica comunale o, in mancanza, nel caso in cui abbiano presentato al comune una dichiarazione attestante di non ricadere in alcuna delle fattispecie di incompatibilità.

13 13 Articolo 21. Incompatibilità assoluta 1. Ricadono nelle fattispecie di incompatibilità assoluta: a) gli impianti che all interno dei centri abitati sono ubicati in zone pedonali o in zone a traffico limitato in modo permanente; b) gli impianti che al di fuori dei centri abitati sono ubicati all interno di curve aventi raggio minore od uguale a 100 metri. 2. Gli impianti che ricadono nelle fattispecie di incompatibilità assoluta non sono suscettibili di adeguamento e il comune revoca l autorizzazione. Articolo 22. Incompatibilità relativa 1. Ricadono nelle fattispecie di incompatibilità relativa: a) gli impianti privi di sede propria per i quali il rifornimento avviene sulla sede stradale, sia all interno che al di fuori dei centri abitati; b) gli impianti posti in corrispondenza di biforcazioni di strade di uso pubblico e ubicati sulla cuspide delle stesse con accessi su più strade pubbliche, al di fuori dei centri abitati; c) gli impianti che, ai sensi del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada) e successive integrazioni e modifiche, sono ubicati a distanza non regolamentare da incroci o accessi di rilevante importanza per i quali non sia possibile l adeguamento ai fini viabili a causa di costruzioni esistenti o impedimenti naturali. 2. Gli impianti che ricadono nelle fattispecie di incompatibilità di cui al comma 1, lettere a) e b) possono permanere nel sito originario se suscettibili di adeguamento. L adeguamento avviene nei termini e con le modalità stabiliti dal comune. 3. Gli impianti che ricadono nelle fattispecie di incompatibilità di cui al comma 1, lettera c) possono permanere nel sito originario purché sussista una delle seguenti condizioni: a) l impianto sia localizzato in strade a senso unico di marcia; b) l impianto sia localizzato in strade a due corsie per ogni senso di marcia o con spartitraffico centrale. Articolo 23. Attività economiche accessorie integrative 1. Negli impianti esistenti dotati di dispositivi selfservice pre-pagamento possono essere istallati dispositivi self-service post-pagamento a condizione che gli impianti stessi siano forniti di servizi all automobile e all automobilista e che sia esercitata una attività di vendita al dettaglio su una superficie di vendita non superiore a 250 metri quadrati. 2. I servizi o le attività informative di interesse turistico possono essere allestiti nel rispetto degli standard dettati dalla Regione Toscana. 3. Il comune può autorizzare l esercizio di un attività di somministrazione di alimenti e bevande e la vendita della stampa quotidiana e periodica nel rispetto di quanto previsto nei piani comunali di settore. La domanda di autorizzazione è presentata contestualmente dal titolare dell autorizzazione e dal gestore. 4. L autorizzazione di cui al comma 3 non può essere ceduta separatamente dall autorizzazione per l istallazione e l esercizio di impianti.

14 14 Capo II - Nuovi impianti Articolo 24. Caratteristiche dei nuovi impianti 1. I nuovi impianti erogano almeno i prodotti benzina e gasolio e sono dotati di dispositivi self - service pre e post pagamento, di servizi o attività informative di interesse turistico, di almeno due servizi all automobile e all automobilista, nonché di un attività di vendita al dettaglio con superficie di vendita non inferiore a 25 metri quadrati e non superiore a 250 metri quadrati. 2. Gli standard di qualità e di prestazione dei servizi e delle attività informative di interesse turistico di cui al comma 1 sono definiti dalla Regione Toscana. 3. Il comune può autorizzare l esercizio di un attività di somministrazione di alimenti e bevande e la vendita della stampa quotidiana e periodica nel rispetto di quanto previsto nei piani comunali di settore. La domanda di autorizzazione è presentata contestualmente dal titolare dell autorizzazione e dal gestore. 4. L autorizzazione di cui al comma 3 non può essere ceduta separatamente dall autorizzazione per l istallazione e l esercizio di impianti. 5. Oltre a quanto previsto nel presente Capo, i nuovi impianti sono soggetti ai vincoli dettati dagli strumenti urbanistici vigenti, dal Codice della Strada, dalle normative fiscali, sanitarie, ambientali, di sicurezza del lavoro e di tutela dei beni paesaggistici, storici ed artistici. Articolo 25. Superficie minima degli impianti 1. La superficie minima per l installazione di nuovi impianti, compresi i percorsi di ingresso ed uscita, è determinata come segue: a) mq nella zona 2 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera b); b) mq nella zona 3 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera c); c) mq nella zona 4 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera d). 2. Il Comune si riserva comunque la facoltà di determinare valori di superficie minima in deroga a quelli stabiliti al comma 1, in misura non superiore al 20 per cento. 3. Nella zona 1 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera a) non sono ammissibili nuove installazioni, ad eccezione di quelle dotate esclusivamente di colonnine per l alimentazione dei veicoli elettrici, per le quali non sono previste superfici minime. Articolo 26. Distanze minime tra gli impianti 1. Per l installazione e l esercizio di nuovi impianti senza erogazione di metano le distanze minime fra gli impianti sono determinate come segue: a) m 400 nella zona 2 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera b); b) m 700 nella zona 3 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera c); c) m nella zona 4 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera d). 2. Per l installazione e l esercizio di nuovi impianti con erogazione di metano e per l aggiunta di metano in impianti esistenti si osserva una distanza non inferiore a 6 chilometri rispetto al più vicino impianto erogante metano. 3. Nella zona 1 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera a) non sono ammissibili nuove installazioni, ad eccezione di quelle dotate esclusivamente di colonnine per l alimentazione dei veicoli elettrici, per le quali non sono previste distanze minime.

15 15 4. La distanza tra impianti localizzati nella zona 1 così come definita all Articolo 3, comma 1, lettera a) e impianti localizzati nelle altre zone non può essere inferiore a 600 metri. 5. nelle strade extraurbane principali, di cui all articolo 2 del D. Lgs. 285/92 (Nuovo codice della strada), da ultimo modificato dal D. L. 151/2003 convertito, con modificazioni, dalla L. 214/2003, gli impianti sono installati a una distanza non inferiore a 15 chilometri dagli impianti esistenti sulla stessa direttrice di marcia. 6. Il Comune si riserva comunque la facoltà di determinare valori di distanze minime in deroga a quelli stabiliti al presente articolo, in misura non superiore al 20 per cento. 7. Le distanze di cui al presente articolo non si applicano in caso di spostamento di impianti esistenti entro un raggio di 500 metri per gravi motivi accertati dal comune. Articolo 27. Modalità di calcolo delle distanze 1. Le distanze di cui all Articolo 26 sono calcolate con riferimento al percorso stradale più breve rispetto all impianto esistente più vicino, esclusivamente sulla viabilità pubblica principale di scorrimento, indipendentemente dalla direttrice di marcia e nel rispetto del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada) e successive integrazioni e modifiche. 2. Se le corsie di marcia sono separate da segnaletiche che ne impediscono l attraversamento o da barriere invalicabili, la distanza è calcolata con riferimento agli impianti esistenti sulla stessa corsia. 3. La distanza tra impianti localizzati in zone comunali diverse o in comuni diversi corrisponde alla media aritmetica calcolata sulle distanze stabilite per ciascuna delle zone interessate. Articolo 28. Aree pubbliche riservate all installazione ed esercizio di impianti di distribuzione carburanti 1. Qualora il comune intenda riservare aree pubbliche all installazione ed esercizio di impianti stabilisce i criteri per la loro assegnazione e provvede previa pubblicazione di bandi di gara. In tal caso, la priorità per l assegnazione può essere riconosciuta a consorzi di gestori di impianti incompatibili, ai titolari di impianti, singoli o associati, che risultino proprietari, nell ambito del territorio regionale, di un numero di punti vendita non superiore a cinque, oltreché alla realizzazione di impianti eroganti anche carburanti ecologici. TITOLO 3. ORARI DI SERVIZIO, VIGILANZA E SANZIONI Capo I Orari di servizio Articolo 29. Orari di apertura 1. L orario di apertura degli impianti stradali di carburanti ha carattere flessibile e può essere determinato in base alle esigenze dell utenza nel rispetto dei seguenti principi:

16 16 a) orario minimo settimanale di apertura fissato in cinquantadue ore, non tenendo conto delle ore di servizio prestate in osservanza del turno di apertura domenicale e/o festiva; b) articolazione dell orario di servizio dalle ore 6.00 alle ore c) orario unico di apertura obbligatoria, nella fascia antimeridiana dalle ore 8.00 alle ore e nella fascia pomeridiana dalle ore alle ore 19.00; d) chiusura dell impianto per almeno due ore tra le ore e le ore L orario prescelto è comunicato al Comune almeno quindici giorni prima dell attuazione e rimane valido vino ad eventuale successiva comunicazione. 3. Eventuali scelte di nuove opzioni, comunque fino ad un massimo di tre ogni anno, devono essere comunicate al Comune almeno quindici giorni prima dell attuazione del nuovo orario. 4. Nella fascia di apertura obbligatoria dei giorni feriali l impianto è assistito da personale. 5. Le attività economiche accessorie integrative osservano gli orari e i turni dell impianto. Per tali attività il comune può consentire l osservanza di orari e turni diversi. Articolo 30. Turni domenicali e festivi 1. Nelle domeniche e nei giorni festivi il comune garantisce l apertura degli impianti in misura non inferiore al 20 per cento di quelli funzionanti nel territorio comunale. La percentuale può essere elevata di concerto con i gestori. 2. Le percentuali di cui al comma 1 possono essere garantite anche mediante l erogazione di carburante con apparecchiature self-service pre-pagamento in impianti funzionanti di regola con la presenza del gestore; tale scelta è comunicata dal gestore al Comune almeno trenta giorni prima dell adozione della stessa. 3. Gli impianti che effettuano il turno domenicale con la presenza del gestore sospendono l attività nel primo giorno feriale successivo. Nessun recupero è dovuto per l esercizio dell attività durante le festività infrasettimanali. Articolo 31. Turni di riposo infrasettimanali 1. Il turno di riposo infrasettimanale è obbligatorio ed è effettuato il sabato pomeriggio o in un altro pomeriggio della settimana a scelta del gestore. 2. Il gestore comunica al comune la scelta del turno di riposo infrasettimanale in un giorno diverso dal sabato almeno quindici giorni prima dell adozione dell opzione prescelta. 3. Durante la settimana il comune garantisce l apertura di un numero di impianti nella misura di cui all Articolo 30, comma 1 e a tal fine comunica al gestore motivato diniego entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 2. Articolo 32. Servizio notturno 1. Il servizio notturno si svolge dalle ore ventidue fino all inizio dell orario di apertura giornaliera. 2. Il gestore che intende effettuare il servizio notturno ne dà comunicazione al Comune almeno quindici giorni prima dell inizio del servizio. Articolo 33. Pubblicità dell orario e dei turni 1. L orario di servizio e i turni di riposo infrasettimanale, domenicale e festivo sono pubblicizzati dal gestore mediante apposito cartello.

17 17 2. Il cartello deve avere dimensioni minime di cm 30 x 40, deve essere esposto in luogo facilmente visibile al pubblico e indicare in modo chiaro e facilmente leggibile i seguenti dati: a) l orario di servizio compreso l eventuale servizio notturno; b) il turno di riposo infrasettimanale; c) il turno di apertura domenicale e festivo specificando se il tipo di servizio che verrà effettuato sarà con apparecchiature self-service pre-pagamento o con la presenza del gestore. Articolo 34. Deroghe 1. Sono esonerati dal rispetto degli orari e dei turni di riposo infrasettimanale, domenicale e festiva: a) gli impianti che erogano esclusivamente metano o gas di petrolio liquefatto (GPL); b) gli impianti dotati di apparecchiature self-service pre-pagamento, a condizione che al di fuori dell orario di servizio l attività di erogazione si svolga senza la presenza del gestore. 2. Sono esonerati dal rispetto dei turni di chiusura domenicale e festiva anche gli impianti che erogano metano o GPL all interno di un complesso di distribuzione comprendente anche altri carburanti. L esenzione è consentita a condizione che il gestore adotti gli accorgimenti necessari al fine di separare funzionalmente le attività di erogazione dei diversi prodotti e ne dia comunicazione al Comune almeno quindici giorni prima dell adozione della nuova modalità. 3. Il gestore può chiedere l esenzione dal turno di apertura domenicale e festiva qualora l impianto sia localizzato in zone a prevalente caratteristica industriale o commerciale, prive di flussi di traffico significativo in tali giorni. 4. Il comune, su istanza del gestore, può consentire l adozione di orari e turni in deroga alle disposizioni di cui agli articoli 29, 30 e 31, nel rispetto dell orario minimo previsto, nei seguenti casi: a) in occasione di manifestazioni che determinano notevole afflusso di utenza motorizzata; b) per gli impianti localizzati su strade extraurbane principali; c) se nel territorio comunale è presente un unico impianto; d) per comprovate necessità tecniche, per rilevanti esigenze di servizio alla collettività o per ragioni di pubblica utilità. Articolo 35. Ferie 1. La sospensione consecutiva dell attività per ferie è consentita per un periodo non superiore a due settimane per ogni anno solare ed è comunicata dal gestore nei termini e con le modalità stabiliti dal comune. 2. Durante ogni periodo dell anno il comune garantisce l apertura di un numero di impianti nella misura di cui Articolo 30, comma 1 e a tal fine comunica al gestore motivato diniego entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 1. Capo II Vigilanza e sanzioni Articolo 36. Vigilanza

18 18 1. All accertamento ed all irrogazione delle sanzioni si applicano le disposizioni contenute nella Legge Regionale 28 dicembre 2000, n. 81 (Disposizioni in materia di sanzioni amministrative). 2. Il comune è competente a ricevere il rapporto di cui all articolo 17 della Legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale) ed introita i proventi delle sanzioni amministrative. 3. Le violazioni di cui all Articolo 37, comma 8, sono iscritte nell archivio regionale dei trasgressori di cui all articolo 5 della L.R. 81/2000. Articolo 37. Sanzioni 1. E soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro a euro chiunque: a) installa ed esercita l attività di distribuzione di carburanti in impianti stradali senza la prescritta autorizzazione o collaudo ovvero senza i requisiti di cui all articolo 13 della legge; b) installa ed esercita l attività di distribuzione di carburanti ad uso privato senza la prescritta autorizzazione o non rispetta il divieto di cui all Articolo 17, comma 4; c) installa ed esercita l attività di distribuzione di carburanti in impianti per il rifornimento di natanti senza la prescritta autorizzazione; d) attiva un impianto senza la presenza del gestore al di fuori delle ipotesi previste dall articolo 51, comma 3 della legge; e) attiva un contenitore-distributore mobile ad uso privato in carenza delle prescrizioni di cui all Articolo 19, comma Nel caso di esercizio dell attività senza autorizzazione, l attività è sospesa fino al rilascio della stessa. 3. Nel caso di attivazione di un impianto senza la presenza del gestore al di fuori delle ipotesi previste dall articolo 51, comma 3 della legge, l attività dell impianto è sospesa fino alla sua regolarizzazione. 4. Qualora non ricorrano i presupposti per il rilascio dell autorizzazione o per la regolarizzazione dell impianto, di cui al comma 1, lettere a), b), c) e d), il comune ordina lo smantellamento dell impianto e il ripristino dell area nella situazione originaria. 5. Nel caso di cui al comma 1, lettera e), l attività è sospesa fino alla sua regolarizzazione. 6. E soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 500 a euro chiunque: a) effettua le modifiche di cui all Articolo 7 senza la prescritta autorizzazione od omettendo la denuncia; b) non utilizza le parti modificate dell impianto soggette ad autorizzazione entro il termine fi ssato nell autorizzazione; c) non rispetta le disposizioni in materia di orari e turni di apertura e chiusura; d) non espone, in modo leggibile dalla carreggiata stradale, il cartello relativo ai prezzi praticati; e) viola le disposizioni contenute all Articolo 10, all Articolo 11, all Articolo 12 e all Articolo Nel caso di effettuazione delle modifi che di cui all Articolo 7 senza autorizzazione od omettendo la denuncia, la messa in funzione delle parti modificate è sospesa fino al rilascio dell autorizzazione o alla presentazione della denuncia.

19 19 8. Nei casi di particolare gravità o di reiterazione delle violazioni di cui al comma 6 il Comune dispone la sospensione dell attività dell impianto per un periodo non superiore a venti giorni.

COMUNE DI VECCHIANO (Provincia di Pisa)

COMUNE DI VECCHIANO (Provincia di Pisa) COMUNE DI VECCHIANO (Provincia di Pisa) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI PER AUTOTRAZIONE Approvato con delibera del Consiglio comunale

Dettagli

PROVINCIA DI RIMINI ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE E SERVIZI ALLE IMPRESE

PROVINCIA DI RIMINI ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE E SERVIZI ALLE IMPRESE PROVINCIA DI RIMINI ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE E SERVIZI ALLE IMPRESE Criteri e modalità per l'esercizio delle funzioni relative alle concessioni per la installazione e l'esercizio di impianti di

Dettagli

SEZIONE V IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITUATI LUNGO LE AUTOSTRADE ED I RACCORDI AUTOSTRADALI

SEZIONE V IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITUATI LUNGO LE AUTOSTRADE ED I RACCORDI AUTOSTRADALI SEZIONE V IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITUATI LUNGO LE AUTOSTRADE ED I RACCORDI AUTOSTRADALI Art. 89. (Definizioni). 1. L attività di erogazione dei carburanti lungo le autostrade e i raccordi

Dettagli

II SETTORE SERVIZI ALLE PERSONE E ALLE IMPRESE

II SETTORE SERVIZI ALLE PERSONE E ALLE IMPRESE CITTA DI LAVELLO Provincia di Potenza Via Cavour - 0972-80111 0972-88643 Sito web: www.comune.lavello.pz.it e-mail: info@comune.lavello.pz.it C.A.P. 85024 - C.F.: 85000470766 P.IVA: 00789800760 II SETTORE

Dettagli

Attività Produttive. Altre attività Distributori carburanti stradali. Descrizione

Attività Produttive. Altre attività Distributori carburanti stradali. Descrizione Attività Produttive Altre attività Distributori carburanti stradali Descrizione L'esercizio dell'attività di distributore di carburante è disciplinato dalla Legge Regionale 2/02/2010, n. 6. Il Comune esercita

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE NORME SUL PROCEDIMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI PER APERTURA, AMPLIAMENTO, CONCENTRAZIONE E ACCORPAMENTO MEDIE STRUTTURE

Dettagli

Scheda informativa del modulo B8

Scheda informativa del modulo B8 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per ogni vicenda che riguardi gli impianti per il rifornimento di veicoli, natanti e aeromobili. Gli impianti sono subordinati alla verifica della conformità

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 24/2009 (Atti del Consiglio) Modifiche alla legge regionale 7 febbraio 2005, n. 28 (Codice del commercio. testo unico in materia di commercio, in sede

Dettagli

Comune di Follonica PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA

Comune di Follonica PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA Comune di Follonica PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA 2 SOMMARIO TITOLO I - FINALITÀ, DEFINIZIONI E NORME GENERALI... 3 Articolo 1. Ambito di

Dettagli

ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010

ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010 COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna AREA TECNICA UO COMMERCIO E SERVIZI AMMINISTRATIVI ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010 OGGETTO: ORARI DI APERTURA, CHIUSURA E TURNI DEI DISTRIBUTORI DI CARBURANTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA DELL AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA, TRASFERIMENTO ED AMPLIAMENTO

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA DELL AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA, TRASFERIMENTO ED AMPLIAMENTO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA, TRASFERIMENTO ED AMPLIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

NORME REGOLAMENTARI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE DELEGATE IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI

NORME REGOLAMENTARI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE DELEGATE IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI NORME REGOLAMENTARI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE DELEGATE IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI CARBURANTI. Il presente Regolamento è stato approvato con delibera

Dettagli

ART. 1 PRESCRIZIONI GENERALI

ART. 1 PRESCRIZIONI GENERALI PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA NORME DI REGOLAMENTO approvato con Delibera di Consiglio n.4 del 05/02/2004, così come modificata dalla

Dettagli

In via/p.zza n C.A.P. In via/p.zza n C.A.P.

In via/p.zza n C.A.P. In via/p.zza n C.A.P. AL COMUNE DI POGGIO RENATICO (FE) SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI AI SENSI DEL D.LGS. 11.2.1998 N. 32 E DELLA DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI Città Metropolitana di Bologna ****** Area Tecnica Attivita produttive ORDINANZA SINDACALE N.

COMUNE DI SASSO MARCONI Città Metropolitana di Bologna ****** Area Tecnica Attivita produttive ORDINANZA SINDACALE N. COMUNE DI SASSO MARCONI Città Metropolitana di Bologna ****** Area Tecnica Attivita produttive ORDINANZA SINDACALE N. 11 DEL 29/12/2016 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA RELATIVA AGLI

Dettagli

Oggetto: DETERMINAZIONE OARARI DI APERTURA E CHIUSURA E TURNAZIONE DEGLI IMPIANTI STRADALI DISTRIBUZIONE CARBURANTI : ANNO 2012.

Oggetto: DETERMINAZIONE OARARI DI APERTURA E CHIUSURA E TURNAZIONE DEGLI IMPIANTI STRADALI DISTRIBUZIONE CARBURANTI : ANNO 2012. COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE - Provincia di Vicenza - 36075 via Roma, 5 CF e P. IVA 00163690241 E-mail:montecchiomaggiore.vi@cert.ip-veneto.net http://www.comune.montecchio-maggiore.vi.it/ Ente con sistema

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI Marca da bollo Al Signor SINDACO DEL COMUNE di RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI Il sottoscritto Cognome Nome Codice fiscale Data di

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI

ALLO SPORTELLO UNICO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI COMUNICAZIONE PER L ATTIVAZIONE DI DISTRIBUTORI MOBILI ALLO SPORTELLO UNICO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI 3 copie in carta semplice Il sottoscritto quale esercente attività comunica i seguenti

Dettagli

CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA.

CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA. CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA. ^^^^^^^ APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 68 DELL'11.7.2000 1 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMPILARE IN STAMPATELLO

COMPILARE IN STAMPATELLO BOLLO Comune di Cerro Maggiore - Sportello Unico delle Attività Produttive DISTRIBUTORI DI CARBURANTE AD USO PRIVATO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di CERRO MAGGIORE codice ISTAT Comune 1 5 0 7 2

Dettagli

Allegato A. Art. 1 Concessione per nuovi impianti

Allegato A. Art. 1 Concessione per nuovi impianti Allegato A Art. 1 Concessione per nuovi impianti La concessione per l installazione di un nuovo impianto autostradale di carburanti è subordinata alla confor m ità alle disposizioni del piano regolatore,

Dettagli

Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 PUNTO VENDITA ESCLUSIVO DI QUOTIDIANI E PERIODICI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 PUNTO VENDITA ESCLUSIVO DI QUOTIDIANI E PERIODICI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 PUNTO VENDITA ESCLUSIVO DI QUOTIDIANI E PERIODICI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) APERTURA NUOVO ESERCIZIO SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE AMPLIAMENTO

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 13374 del 11 marzo 2011 Ordinanza n. 029/11 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE E PER FERIE

Dettagli

REGOLAMENTO SALE GIOCHI

REGOLAMENTO SALE GIOCHI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 74 DEL 23.10.1997 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 15 DEL 28.02.2000 REGOLAMENTO SALE GIOCHI REGOLAMENTO SALE - GIOCHI ART. 1 A norma dell art. 19 punto 8) del DPR 24/7/1977

Dettagli

Il/La sottoscritto/a...

Il/La sottoscritto/a... COMUNICAZIONE SOSPENSIONE ATTIVITA DOMANDA DI PROROGA SOSPENSIONE ATTIVITA All Ufficio Attività Produttive Del Comune di Borgo San Lorenzo COMUNICAZIONE SOSPENSIONE ATTIVITA ( art.70 L.R. 07.02.2005 n

Dettagli

Titolo IX Distributori di carburanti. Art. 53 Distributori di carburanti

Titolo IX Distributori di carburanti. Art. 53 Distributori di carburanti LEGGE PROVINCIALE 22 dicembre 1983, n. 46 Disciplina del settore commerciale della provincia autonoma di Trento Titolo IX Distributori di carburanti Art. 53 Distributori di carburanti 1. L attività inerente

Dettagli

Cisterne mobili di gasolio di carburante (diesel tank): nuovi adempimenti in materia di prevenzione incendi

Cisterne mobili di gasolio di carburante (diesel tank): nuovi adempimenti in materia di prevenzione incendi Data 05/09/2017 A Da Oggetto Tutti i clienti Feinar Servizio Sicurezza sul Lavoro Feinar Web www.feinar.it Tel. +39 0437 212215 e-mail sicurezza@feinar.it Cisterne mobili di gasolio di carburante (diesel

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SALE PUBBLICHE DA GIOCO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 97 del 20/12/2011)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SALE PUBBLICHE DA GIOCO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 97 del 20/12/2011) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SALE PUBBLICHE DA GIOCO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 97 del 20/12/2011) AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente provvedimento disciplina

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE DELEGATE IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI

CRITERI E MODALITA PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE DELEGATE IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI CRITERI E MODALITA PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE DELEGATE IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI (Delibera C.P. nn.133/82921 del 21-11-2007) ART. 1 FINALITA

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) Disciplina e criteri degli orari di apertura e chiusura, nonché delle giornate di chiusura degli impianti di distribuzione carburanti per uso autotrazione Nr. 28425

Dettagli

PIANO di LOCALIZZAZIONE dei PUNTI di VENDITA ESCLUSIVI di STAMPA QUOTIDIANA e PERIODICA (D. Lgs. 24 aprile 2001, n. 170)

PIANO di LOCALIZZAZIONE dei PUNTI di VENDITA ESCLUSIVI di STAMPA QUOTIDIANA e PERIODICA (D. Lgs. 24 aprile 2001, n. 170) COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo PIANO di LOCALIZZAZIONE dei PUNTI di VENDITA ESCLUSIVI di STAMPA QUOTIDIANA e PERIODICA (D. Lgs. 24 aprile 2001, n. 170) NORMATIVA CAPO I PRICIPI GENERALI Art. 1 Generalità

Dettagli

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all'attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-8. Distributori di carburante

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all'attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-8. Distributori di carburante SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento:08/03/2016 ALLEGATO B-8 Distributori di carburante Legge regionale Lazio n. 8/2001 - L.R. 35/2003 e successive modificazioni ed integrazioni Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BEDIZZOLE Provincia di Brescia

COMUNE DI BEDIZZOLE Provincia di Brescia COMUNE DI BEDIZZOLE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. N. 52 del 04.08.2008 Modificato con delibera C.C. N. 7 del 15.03.2013 Art. 1 DEFINIZIONE DI SALA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Comune di Modena Settore Promozione dello sviluppo e innovazione economica REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 128 del 11/2/1985 e modificato con deliberazione

Dettagli

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Allegato alla deliberazione consiliare n. 5 dd. 09/03/2010 IL SEGRETARIO GENERALE dott. Diego Viviani Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Articoli: Art. 1 Fonti normative e definizioni

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Area Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SALE GIOCHI

COMUNE DI VIAREGGIO. Area Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SALE GIOCHI COMUNE DI VIAREGGIO Area Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SALE GIOCHI 1 INDICE: TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1: Definizioni pag. 3 Articolo

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2014.

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2014. Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Servizi al Territorio Servizio Attività Produttive - SUAP ORDINANZA N. 284 DEL 23.12.2013 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI

Dettagli

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma)

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) Regione Lazio Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) PEC: suap.pec@comunedicivitavecchia.legalmail.it MODELLO G-9bis Comunicazione per modifiche distributori

Dettagli

Pubblicato il DPR 151 del 1 agosto 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi entra in vigore il 7 0ttobre.

Pubblicato il DPR 151 del 1 agosto 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi entra in vigore il 7 0ttobre. Pubblicato il DPR 151 del 1 agosto 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi entra in vigore il 7 0ttobre. Entra in vigore il 7 ottobre 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi, pubblicato

Dettagli

Settore Attività produttive e commercio

Settore Attività produttive e commercio Settore Attività produttive e commercio P.G. N.: 310266/2009 2009 - Sottoscritta il : 23/12/2009 - Richiesta di pubblicazione all'albo Pretorio. Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA RELATIVA

Dettagli

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A Prot. n. 5192 Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 OGGETTO: Determinazione degli orari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Legge Regionale 21.09.2007, n. 29. IL SINDACO VISTO che in

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTE COMUNICAZIONE

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTE COMUNICAZIONE IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTE COMUNICAZIONE (da presentare 30 giorni prima dell inizio dei lavori) Al Responsabile S.U.A.P. del Comune di Vecchiano Il/La sottoscritto/a, Cognome Nome Nato/a: Comune

Dettagli

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 home > Le Leggi Regionali > Leggi home > Le Leggi Regionali > Leggi Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 Nuove norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione ed ammodernamento della

Dettagli

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune

Dettagli

Comune di Pula Provincia di Cagliari

Comune di Pula Provincia di Cagliari Comune di Pula Provincia di Cagliari SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE TURISMO CULTURA - SPORT Corso Vittorio Emanuele II, n. 28 09010 Pula (CA) Tel. 070/92440215/216 Fax. 070/9253346 e-mail: pmelis@comune.pula.ca.it

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI

Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI Sommario PARTE I - DEFINIZIONI... 3 Art. 1 - Richiami normativi

Dettagli

Al Comune di AVERSA

Al Comune di AVERSA Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ACCONCIATORE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune

Dettagli

CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI E REGOLAMENTO PROCEDURALE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI E REGOLAMENTO PROCEDURALE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA COMUNE DI FINO MORNASCO Provincia di Como SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI E REGOLAMENTO PROCEDURALE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Approvato con deliberazione

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 47 ADOTTATA DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL

APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 47 ADOTTATA DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CITTA DI AMANTEA ( P R O V. D I C O S E N Z A ) REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLA AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 47 ADOTTATA DAL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Bashkia e Fermës Provinça e Kozencës Comune di Firmo Provincia di Cosenza REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Indice Pag. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Al Comune di CAPRI

Al Comune di CAPRI Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 PICCOLA OFFICINA PER RIPARAZIONI MECCANICHE DI MOTOCICLI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con deliberazione dl Consiglio Comunale n. 45 del 26.11.2001. Art. 1 Nastro

Dettagli

DECRETO N Del 23/11/2015

DECRETO N Del 23/11/2015 DECRETO N. 10080 Del 23/11/2015 Identificativo Atto n. 338 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto DEFINIZIONE DEI TURNI DI SERVIZIO DEI GIORNI FESTIVI E DEI TURNI DI FERIE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Il sottoscritto Cognome Nome. cittadinanza Luogo di nascita: Comune ( ) Stato Data di nascita. Residenza: Comune ( ) Via n. CAP Tel.

Il sottoscritto Cognome Nome. cittadinanza Luogo di nascita: Comune ( ) Stato Data di nascita. Residenza: Comune ( ) Via n. CAP Tel. SCIA di Attivazione di contenitore-distributore mobile ad uso privato all interno di attività economiche (da presentarsi prima dell attivazione) PROTOCOLLO Allo Sportello UnicoAttività Produttive del Comune

Dettagli

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi COMUNE DI ARBA Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi Adottato con deliberazione consiliare n. 9 del 28.04.2010 1 Articolo 1 Ambito di applicazione. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Cona Ufficio Commercio

Al Sindaco del Comune di Cona Ufficio Commercio Al Sindaco del Comune di Cona Ufficio Commercio ATTIVITA DI PANIFICAZIONE ( art. 4, comma 2, D.L. 4.7.2006 n. 223, convertito in Legge 4/8/2006 n. 248) Dichiarazione d inizio attività (DIA) Dichiarazione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38-52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2015.

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2015. Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Il Sindaco Ordinanza N. 180 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Borgosatollo Provincia di Brescia COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO AUTORIZZATIVO approvato con Delibera di C.C. n.33 del 03/10/2000 Art. 1 AMBITO

Dettagli

Scheda informativa del modulo B23

Scheda informativa del modulo B23 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per tutte le attività di distribuzione e vendita di GPL in bombole e in serbatoi disciplinate dal D.Lgs. 128/2006. L endoprocedimento si attiva per l esercizio

Dettagli

COMUNICAZIONE PER ESERCIZIO DI ATTIVITA DI OTTICO (L.R. n. 25/93 e L.R. n. 12/04) Il/la sottoscritto/a Cognome Nome

COMUNICAZIONE PER ESERCIZIO DI ATTIVITA DI OTTICO (L.R. n. 25/93 e L.R. n. 12/04) Il/la sottoscritto/a Cognome Nome COMUNICAZIONE PER ESERCIZIO DI ATTIVITA DI OTTICO (L.R. n. 25/93 e L.R. n. 12/04) Al Comune di Enna Servizio SUAP Il/la sottoscritto/a Cognome Nome Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Luogo di nascita:

Dettagli

CITTA' DI VENOSA Provincia di Potenza

CITTA' DI VENOSA Provincia di Potenza CITTA' DI VENOSA Provincia di Potenza Legge Regionale n. 20 del 13 maggio 2003 Deliberazione Giunta Regionale 3 maggio 2004, n. 1071 D.Lgs 11 febbraio 1998 n.32 e s.m.i. Decreto Ministero Attività Produttive

Dettagli

Scheda informativa del modulo B2

Scheda informativa del modulo B2 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per l esercizio delle attività di commercio su aree pubbliche, disciplinato dal Capo II della L.R. 18.05.2006 n.5 e dal D. Lgs 114/98 (come modificato dal D.

Dettagli

VENDITA STRAORDINARIA (VENDITA DI LIQUIDAZIONE)

VENDITA STRAORDINARIA (VENDITA DI LIQUIDAZIONE) Modello n. U.R.P. Pag. 1 di 1 AL COMUNE DI VICCHIO Ufficio Attività Produttive Via Garibaldi, 1 50039 - Vicchio 1. Dati esercente Il sottoscritto: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

COMUNE DI PINETO PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO DEL COMMERCIO IN FORMA ITINERANTE

COMUNE DI PINETO PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO DEL COMMERCIO IN FORMA ITINERANTE COMUNE DI PINETO PROVINCIA DI TERAMO AREA TECNICA URBANISTICA ASSETTO DEL TERRITORIO ATTIVITA PRODUTTIVE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO DEL COMMERCIO IN FORMA ITINERANTE Approvato con deliberazione

Dettagli

Il sottoscritto, nato a Prov. ( ) il / / e residente a Prov. ( ), in Via/Piazza n., in qualità di: _ titolare della ditta individuale

Il sottoscritto, nato a Prov. ( ) il / / e residente a Prov. ( ), in Via/Piazza n., in qualità di: _ titolare della ditta individuale Mod. 02 Marca da Bollo 14,62 Alla Regione Puglia Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Commercio P.O. Sviluppo Rete Carburanti, Oli Minerali Corso Sonnino n. 177 70121 BARI ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA ED AL FUNZIONAMENTO DI STRUTTURE CHE PRESTANO SERVIZI SOCIO SANITARI Approvato con deliberazione consiliare n. 39 del

Dettagli

Sono grandi strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie di vendita superiore a mq 2500.

Sono grandi strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie di vendita superiore a mq 2500. - Ufficio competente Per avvio di nuova attività, trasferimento di sede, subingresso e variazione dell attività è competente l' Unità Pianificazione, Sviluppo e Somministrazione. - Descrizione Sono medie

Dettagli

Attività Produttive. Altre attività Distributori di Carburanti. Descrizione

Attività Produttive. Altre attività Distributori di Carburanti. Descrizione Attività Produttive Altre attività Distributori di Carburanti Descrizione Impianti di Distribuzione di Carburante Gli impianti per il rifornimento di natanti e quelli per il rifornimento di aeromobili

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA SALA GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA SALA GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SALA GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI Approvato con delibera Consiglio Comunale n 58 del 29/9/2000

Dettagli

IL/LA SOTTOSCRITTO/A. Codice fiscale I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune. Denominazione o ragione sociale

IL/LA SOTTOSCRITTO/A. Codice fiscale I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune. Denominazione o ragione sociale DISTRIBUTORI DI CARBURANTE AD USO PRIVATO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE art. 91, comma 4 L. R. 2 febbraio 2010, n. 6, e art. 21 d.g.r. 11 giugno 2009 n. 8/9590 marca da bollo 16,00 Riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 18 del 28.02.2008 1 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 DEFINIZIONI... 3 Art.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli

COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE

COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE Approvato con delibera C.C. n. 61 del 30.09.2002 Modificato con delibera C.C. n. 11 del 27.03.2009 Modificato con delibera

Dettagli

Comune di Serravalle Pistoiese

Comune di Serravalle Pistoiese Comune di Serravalle Pistoiese PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 7 del 27/01/2014 2 INDICE TITOLO

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita Distributori automatici. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita Distributori automatici. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita Distributori automatici Descrizione Il distributore automatico è un apparecchio che eroga prodotti scelti dall'utente previo pagamento del prezzo corrispondente

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio

Dettagli

NORME SUL PROCEDIMENTO CONCERNENTE LE DOMANDE RELATIVE ALLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

NORME SUL PROCEDIMENTO CONCERNENTE LE DOMANDE RELATIVE ALLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Comune di Padova NORME SUL PROCEDIMENTO CONCERNENTE LE DOMANDE RELATIVE ALLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 102 del 17 ottobre 2005 In vigore dal 4 novembre

Dettagli

Al Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA

Al Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA Mod. SCIA generica servizi SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) per l attività di ARTIGIANO INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore COLONNELLI GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento COLONNELLI GIUSEPPINA. Responsabile dell' Area

DETERMINAZIONE. Estensore COLONNELLI GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento COLONNELLI GIUSEPPINA. Responsabile dell' Area REGIONE LAZIO Direzione Regionale: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Area: DETERMINAZIONE N. G02588 del 06/03/2017 Proposta n. 3881 del 03/03/2017 Oggetto: Questura di Roma - Commissariato di P.S.

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Servizio Sportello Unico Attività Produttive Via Zanella n Cisterna di Latina Tel Fax

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Servizio Sportello Unico Attività Produttive Via Zanella n Cisterna di Latina Tel Fax COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Servizio Sportello Unico Attività Produttive Via Zanella n.1 04012 Cisterna di Latina Tel. 06-96834227 - Fax 06-96834336 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI: ACCONCIATORE ED

Dettagli

INIZIO DEL PROCEDIMENTO. Istanza di parte. 30 gg. dalla richiesta di. svincolo. Istanza di parte. Istanza dell'ente interessato.

INIZIO DEL PROCEDIMENTO. Istanza di parte. 30 gg. dalla richiesta di. svincolo. Istanza di parte. Istanza dell'ente interessato. SETTORE URBANISTICA - EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA (ufficio a cui rivolgersi per informazioni) Responsabile: ROSSETTO arch. DANILO tel. 049/9697931 e.mail danilo.rossetto@comune.piazzola.pd.it

Dettagli

CRITERI PER L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE REGIONALI IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI

CRITERI PER L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE REGIONALI IN MATERIA DI IMPIANTI AUTOSTRADALI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI Progr.Num. 197/2016 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 22 del mese di febbraio dell' anno 2016 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

DOCUMENTAZIONE SULLA SICUREZZA ED AGIBILITA DEGLI AMBIENTI E LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI. DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER IL RILASCIO DELL

DOCUMENTAZIONE SULLA SICUREZZA ED AGIBILITA DEGLI AMBIENTI E LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI. DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER IL RILASCIO DELL DOCUMENTAZIONE SULLA SICUREZZA ED AGIBILITA DEGLI AMBIENTI E LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI. DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO. 1 ALL.1 Relazione descrittiva delle

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PRODUTTIVA (MOD. A) (ai sensi della l.r. 2 aprile 2007 n. 8, articoli 3 e 5)

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PRODUTTIVA (MOD. A) (ai sensi della l.r. 2 aprile 2007 n. 8, articoli 3 e 5) Al Comune di Settore Sede di Protocollo generale DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PRODUTTIVA (MOD. A) (ai sensi della l.r. 2 aprile 2007 n. 8, articoli 3 e 5) Il/La sottoscritto/a (1)... nato/a a il residente

Dettagli

Quadro Riepilogativo della documentazione 5

Quadro Riepilogativo della documentazione 5 Quadro Riepilogativo della documentazione 5 DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA SCIA Procura/delega Nel caso di procura/delega a presentare la segnalazione Soggetti coinvolti h), i) Sempre obbligatorio Ricevuta

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ( Art. 10, 22, comma 7, 36, 37 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 L.R. 30 luglio 2009, n. 14) ) Spazio riservato al Comune marca da bollo Al RESPONSABILE dello SPORTELLO UNICO

Dettagli

PUBBLICO SPETTACOLO ATTIVITA RICOMPRESE NEGLI ARTT TULPS 80 TULPS) ISTANZA AUTORIZZAZIONE

PUBBLICO SPETTACOLO ATTIVITA RICOMPRESE NEGLI ARTT TULPS 80 TULPS) ISTANZA AUTORIZZAZIONE PUBBLICO SPETTACOLO ATTIVITA RICOMPRESE NEGLI ARTT. 68 e 69 TULPS senza strutture collaudabili (art. 80 TULPS) ISTANZA AUTORIZZAZIONE Al SUAP del Comune di LAVAGNA Il sottoscritto Cognome Nome Cittadinanza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE 1 INDICE Art. 1 Normativa di riferimento Art. 2 Denuncia di Inizio di Attività Produttiva (DIAP) Art. 3 Disposizioni

Dettagli

INDIRIZZI REGIONALI CONCERNENTI IL RIORDINO DEL SISTEMA DI DIFFUSIONE DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N.170/2001.

INDIRIZZI REGIONALI CONCERNENTI IL RIORDINO DEL SISTEMA DI DIFFUSIONE DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N.170/2001. Allegato "A" alla DGR n.910/2003 INDIRIZZI REGIONALI CONCERNENTI IL RIORDINO DEL SISTEMA DI DIFFUSIONE DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N.170/2001. Art.1 Finalità 1. I

Dettagli

Attività Produttive. Attività di intrattenimento Locali di pubblico spettacolo (discoteche, sale da ballo) Descrizione

Attività Produttive. Attività di intrattenimento Locali di pubblico spettacolo (discoteche, sale da ballo) Descrizione Attività Produttive Attività di intrattenimento Locali di pubblico spettacolo (discoteche, sale da ballo) Descrizione Per locali di pubblico spettacolo si intendono: discoteche, sale da ballo e locali

Dettagli

Adempimenti comunali in merito alle autorizzazioni commerciali per le medie strutture di vendita

Adempimenti comunali in merito alle autorizzazioni commerciali per le medie strutture di vendita ALLEGATO B INDICAZIONI AI COMUNI SUI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLE COMUNICAZIONI PER GLI ESERCIZI DI VICINATO ED ALLE AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Adempimenti comunali in merito alle autorizzazioni

Dettagli

COMUNE DI RADDA IN CHIANTI

COMUNE DI RADDA IN CHIANTI BANDO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DODECENNALE DI N. 15 POSTEGGI RESISI DISPONIBILI NELLA FIERA ANNUALE DENOMINATA FIERA DEL PERDONO CON SVOLGIMENTO IL LUNEDÌ SUCCESSIVO ALL ULTIMA DOMENICA

Dettagli

QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE

QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA SCIA ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE ALLEGAT O DENOMINAZIONE QUADRO INFORMATIVO DI RIFERIMENTO CASI IN CUI È PREVISTO Procura/delega

Dettagli

Sportello Unico Attività Produttive IL DIRIGENTE RENDE NOTO REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO

Sportello Unico Attività Produttive IL DIRIGENTE RENDE NOTO REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO Sportello Unico Attività Produttive BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTEGGI AL MERCATO RISERVATO ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI (MERCATO DEL CONTADINO) Periodo 15.12.2014 30.09.2019

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Motorio-Ricreativa e Sportiva (Palestra)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Motorio-Ricreativa e Sportiva (Palestra) SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Motorio-Ricreativa e Sportiva (Palestra) Art. 10 della Legge Regionale Toscana n. 72/2000 Il/la sottoscritto/a nato/a a Provincia il di nazionalità, residente

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Page 1 of 5 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 17 gennaio 2013 Modalita' attuative delle disposizioni in materia di pubblicita' dei prezzi praticati dai distributori di carburanti per autotrazione,

Dettagli