La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni"

Transcript

1 La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni a cura diandrea Bongi Qualifica: Dottore Commercialista e Pubblicista

2 La disciplina normativa di riferimento Articolo 2 DL 138/2011

3 Beni ai soci: la telenovela Riferimenti : D.L , n. 138, conv. L , n. 148, art. 2, commi da 36- terdecies a 36-duodevicies Provv. Agenzia Entrate , prot. n scadenza Provv. Agenzia Entrate , prot. n proroga al Provv. Agenzia Entrate , prot. n proroga al Provv. Agenzia Entrate , prot. n proroga al Provv. Agenzia Entrate , prot. n (beni) proroga al ; Provv. Agenzia Entrate , prot. n (finanziamenti); Comunicato Agenzia Entrate modifica ed unifica i modelli;

4 LA SITUAZIONE ATTUALE

5 LA SITUAZIONE ATTUALE 1. ritorno alla legge; 2. Via il provvedimento 16/11/2011; 3. Via il censimento sui finanziamenti e capitalizzazioni; 4. Via l impresa individuale; 5. Solo fin/cap in entrata; 6. Comunico solo se c èdifferenza fra corrispettivo e valore di mercato

6 Art. 2 comma 36-terdecies All'articolo 67, comma 1, del Tuire' inserita la seguente: "h-ter) la differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo annuo per la concessione in godimento di beni dell'impresa a soci o familiari dell'imprenditore". Nel rigo RL10 di Unico PF

7 Art.2, comma 36-quaterdecies I costi relativi ai beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari dell'imprenditore per un corrispettivo annuo inferiore al valore di mercato del diritto di godimento non sono in ogni caso ammessi in deduzione dal reddito imponibile. NB: Fuori tutti i beni per i quali il Tuir prevede limitazioni di deducibilità(circ. 24/e);

8 Art. 2, comma 36-sexiesdecies Al fine di garantire l'attivitàdi controllo, nelle ipotesi di cui al comma 36-quaterdecies l'impresa concedente ovvero il socio o il familiare dell'imprenditore comunicano all'agenzia delle entrate i dati relativi ai beni concessi in godimento

9 Art. 2, comma 36-sexiesdecies Per l'omissione della comunicazione, ovvero per la trasmissione della stessa con dati incompleti o non veritieri, èdovuta, in solido, una sanzione amministrativa pari al 30 per cento della differenza.. Qualora, nell'ipotesi di cui al precedente periodo, i contribuenti si siano conformati alle disposizioni. èdovuta, in solido, la sanzione di cui all'articolo 11, comma 1, lettera a), del dlgs 471/1997.

10 Art. 2, comma 36-septiesdecies L'Agenzia delle entrate procede a controllare sistematicamente la posizione delle persone fisiche che hanno utilizzato i beni concessi in godimento e ai fini della ricostruzione sintetica del reddito tiene conto, in particolare, di qualsiasi forma di finanziamento o capitalizzazione effettuata nei confronti della società.

11 La duplice condizione incriminata

12 La comunicazione dei beni d impresa Presupposti normativi e obblighi conseguenti

13 Situazione attuale Scadenza fissata al 12 dicembre 2013; Invio dati relativi al 2012; Provvedimento direttoriale n del 2 agosto 2013;

14 I soggetti obbligati I soggetti che esercitano attivitàdi impresa, sia in forma individuale che collettiva, effettuano la comunicazione secondo le modalitàstabilite dal presente provvedimento. L obbligo di comunicazione può essere assolto, in via alternativa, dall'impresa concedente, dal socio o dal familiare dell'imprenditore.

15 Chi sono gli obbligati imprenditore individuale; societàdi persone (snc e sas); societàdi capitali (spa, srl, sapa); societàcooperative; stabili organizzazioni di societànon residenti; enti associativi -beni relativi alla sfera commerciale. escluse le societàsemplici.

16 L oggetto della comunicazione A decorrere dal 2012 i soggetti individuati comunicano all anagrafe tributaria i dati dei soci -comprese le persone fisiche che direttamente o indirettamente detengono partecipazioni nell'impresa concedente -e dei familiari dell'imprenditore che hanno ricevuto in godimento beni dell'impresa, qualora sussista una differenza tra il corrispettivo annuo relativo al godimento del bene ed il valore di mercato del diritto di godimento

17 Si comunica ogni bene concesso La comunicazione deve essere effettuata per ogni bene concesso in godimento nel periodo d'imposta. L obbligo sussiste anche se il bene èstato concesso in godimento in periodi precedenti, qualora ne permanga l utilizzo nell anno di riferimento della comunicazione.

18 Il tipo di concessione La comunicazione deve essere effettuata per i beni concessi in godimento dall'impresa ai soci, o familiari di questi ultimi, o ai soci o familiari di altra societàappartenente al medesimo gruppo; Non rilevano le percentuali di partecipazione

19 Esclusioni oggettive 1) i beni concessi in godimento agli amministratori: Con o senza fringe benefit; Accomandatari di snc e sas;

20 Esclusioni oggettive 2) i beni concessi in godimento al socio dipendente o lavoratore autonomo, qualora detti beni costituiscano fringe benefit assoggettati alla disciplina prevista dagli articoli 51 e 54 del Tuir:

21 Esclusioni oggettive 3) i beni concessi in godimento all imprenditore individuale Risolta la stortura del primo provvedimento attuativo; NB: clausola di salvaguardia doppia tassazione (circ.36/e);

22 Esclusioni oggettive 4) beni concessi in godimento a enti non commerciali soci che utilizzano gli stessi beni per fini esclusivamente istituzionali; 5) alloggi delle società cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa concessi ai propri soci;

23 Esclusioni oggettive 5) i beni ad uso pubblico per i quali èprevista l integrale deducibilitàdei relativi costi nonostante l utilizzo privatistico riconosciuto per legge; 6) i finanziamenti concessi ai soci o ai familiari dell'imprenditore (il bene è il denaro)

24 Esclusione altri beni L'obbligo della comunicazione non sussiste quando i beni concessi in godimento al socio o familiare dell'imprenditore, inclusi nella categoria altro del tracciato record contenuto nell allegato tecnico al presente provvedimento, siano di valore non superiore a tremila euro, al netto dell imposta sul valore aggiunto

25 IL MODELLO DI COMUNICAZIONE beni ai soci - Èunico sia per beni ai soci che per finanziamenti e capitalizzazioni; - Reso disponibile sul sito entrate il 28/11/2013 in sostituzione dei 2 modelli allegati ai provvedimenti 2/8/2013; NB: manca la firma del dichiarante!! responsabilità.

26 IL FRONTESPIZIO

27 SOGGETTO CHE COMUNICA: persona fisica

28 SOGGETTO CHE COMUNICA: impresa

29 I BENI RILEVANTI

30 LA CATEGORIA RESIDUALE: ALTRO Se il bene non rientra in alcuna delle tipologie elencate, occorre selezionare la casella Altro. ATTENZIONE: solo per i beni concessi in godimento inclusi nella categoria Altro, non esiste l obbligo della comunicazione quando i beni sono di valore non superiore a euro al netto dell Iva.

31 DATI DEL SOGGETTO CHE UTILIZZA O CONCEDE IL BENE

32 LA TIPOLOGIA DI UTILIZZO DEL BENE

33 I DATI DEL CONTRATTO

34 IL CORRISPETTIVO DEL GODIMENTO

35 CASISTICHE La comunicazione deve essere effettuata per ogni bene concesso in godimento nel periodo d imposta compilando per ognuno un modulo distinto. La comunicazione deve essere effettuata nel caso in cui c è differenza tra il corrispettivo annuo relativo al godimento del bene e il valore di mercato del diritto di godimento, per ognuno dei beni concessi o ricevuti nel periodo d imposta. L obbligo sussiste anche se il bene èstato concesso in godimento in periodi precedenti, nel caso in cui si continua a utilizzare nell anno di riferimento della comunicazione.

36

37

38

39

40 Utilizzo per piùanni DOMANDA: In caso di utilizzo di un bene che si protrae per piùanni con differenza fra corrispettivo e valore di mercato si deve fare la comunicazione per ogni anno? POSSIBILE RISPOSTA: Si. Gli utilizzi che vengono dal passato ed interessano l anno oggetto di segnalazione vanno sempre comunicati se esiste la sproporzione.

41 Il valore sotto soglia degli altri beni DOMANDA: Nel caso di utilizzo in un bene di categoria «altro» il cui valore èinferiore a euro non si effettua nessuna segnalazione e non c ènessuna conseguenza in termini di redditi? POSSIBILE RISPOSTA: la comunicazione non deve essere inoltrata (provv ). La norma antielusione però non fa nessuna esclusione anche se è lecito ritenere che non ci sia alcuna conseguenza sui redditi

42 L esclusione per l amministratore DOMANDA: Se un bene èconcesso in uso ad un amministratore l esclusione dalla comunicazione scatta solo se vi èun riaddebito sotto forma di fringe benefit? POSSIBILE RISPOSTA: No. L esclusione per l amministratore (socio) scatta a prescindere dalle pattuizioni in ordine ad eventuali fringe benefit o meno.

43 I beni in uso ai soci di snc e sas DOMANDA: I beni concessi in uso ai soci delle societàdi persone come vanno trattati vista l esclusione per gli amministratori? POSSIBILE RISPOSTA: L esclusione vale solo per i soci che sono anche amministratori quindi bisogna fare gli opportuni distinguo specie nelle sas

44 La comunicazione dei finanziamenti e dei capitalizzazioni Presupposti normativi

45 Il riferimento normativo 36-septiesdecies: «l agenzia delle entrate procede a controllare sistematicamente la posizione delle persone fisiche che hanno utilizzato i beni concessi in godimento e ai fini della ricostruzione sintetica del reddito tiene conto, in particolare, di qualsiasi forma di finanziamento o capitalizzazione effettuata nei confronti della società» NB: fuori perimetro impresa individuale

46 Situazione attuale Scadenza fissata al 12 dicembre 2013; Invio dati relativi ai flussi 2012 non censimento esistente; Provvedimento direttoriale n del 2 agosto 2013;

47 I soggetti obbligati soggetti che esercitano attivitàdi impresa, sia in forma individuale che collettiva, effettuano la comunicazione secondo le modalità stabilite No obbligo alternativo Impresa individuale fuori perimetro.

48 Oggetto della comunicazione I soggetti di cui sopra comunicano all anagrafe tributaria i dati delle persone fisiche soci o familiari dell imprenditore che hanno concesso all impresa, nell anno di riferimento, finanziamenti o capitalizzazioni per un importo complessivo, per ciascuna tipologia di apporto, pari o superiore a tremilaseicento euro

49 esclusioni Sono esclusi dall'obbligo di comunicazione i dati relativi agli apporti, giàin possesso dell Amministrazione finanziaria: -finanziamenti per atto pubblico o scrittura privata; -operazioni certificate con atto notarile (costituzioni di società, aumenti di capitale, versamento in conto copertura perdite); -operazioni con registrazione volontaria dell atto. Per i finanziamenti risultanti dalla nota integrativa non sembra potersi escludere l obbligo di comunicazione.

50 IL MODELLO DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI 3.1) DATI DEL SOGGETTO CHE COMUNICA Sono obbligati alla comunicazione coloro che esercitano attività di impresa, sia in forma individuale sia collettiva. In particolare, il campo Qualifica del modello assume il valore 3, mentre il campo Tipo soggetto può assumere i seguenti valori: E imprenditore individuale; F società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice); G società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni); H società cooperative; I stabili organizzazioni di società non residenti; L enti privati di tipo associativo solo per i beni relativi alla sfera commerciale.

51 DATI DEL SOGGETTO CHE COMUNICA

52 DATI DEL SOGGETTO CHE EFFETTUA IL FINANZIAMENTO O LA CAPITALIZZAZIONE

53 DATA DEL FINANZIAMENTO O CAPITALIZZAZIONE

54 ULTERIORI INDICAZIONI Indicare l ammontare dei finanziamenti o delle capitalizzazioni effettuati a favore dell impresa nel periodo d imposta dal singolo socio o dal familiare dell imprenditore. Per ognuno dei soci finanziatori o dei familiari dell imprenditore occorre compilare un modulo distinto. I finanziamenti e le capitalizzazioni vanno comunicati solo nei casi in cui siano di importo complessivo non inferiore a euro. Questo limite va verificato con riguardo alla posizione del singolo socio o familiare.

55 La finalitàdella comunicazione Controllo sistematico della posizione del contribuente che utilizza i beni concessi in godimento dall impresa, esaminando, ai fini della ricostruzione sintetica del reddito, anche qualsiasi forma di finanziamento o capitalizzazione effettuata nei confronti della società. Potenziamento della capacità di determinazione sintetica del reddito mediante il redditometro. NB: il limite dei non aiuta..

56 ULTERIORI INDICAZIONI Nel caso di piùfinanziamenti o capitalizzazioni effettuati nel corso dell anno, va indicata la data dell ultima operazione; L obbligo sussiste sia per le imprese in contabilità ordinaria sia per quelle in contabilità semplificata, in presenza di conti correnti dedicati alla gestione dell impresa o di scritture private o altra documentazione da cui sia identificabile il finanziamento /capitalizzazione.

57 LE «RESTITUZIONI» Per verificare il raggiungimento della soglia dei euro complessivi si considerano i finanziamenti senza tener conto delle eventuali restituzionieffettuate nello stesso periodo d imposta al socio o al familiare dell imprenditore. NB: si perde di vista lo scopo -redditometro

58 Esempio 1:

59 Esempio n.2

60 Esempio 3

61

62

63 L ente non commerciale DOMANDA: Gli enti non commerciali che non svolgono attività d impresa devono considerarsi esclusi dall obbligo pur in presenza di finanziamenti ricevuti nel corso dell anno? POSSIBILE RISPOSTA: Si ritiene di no. L obbligo riguarda solo i soggetti che esercitano attività d impresa

64 Il capitale sottoscritto DOMANDA: Esiste l obbligo di comunicare la quota di capitale soltanto sottoscritta dal socio e non ancora versata? POSSIBILE RISPOSTA: No. La comunicazione guarda al criterio di cassa. Contano solo i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate non solo sottoscritte o promesse

65 Finanziamento ad conto cointestato DOMANDA: Se un finanziamento arriva da un conto cointestato di un socio deve comunque essere comunicato? POSSIBILE RISPOSTA: Si. Il problema èsemmai quello di individuare esattamente quale soggetto segnalare per le semplificate

66 La rinuncia la finanziamento DOMANDA: Deve essere segnalata la rinuncia dei soci ai finanziamenti già effettuata avvenuta nel corso del 2012? POSSIBILE RISPOSTA: No. La rinuncia al finanziamento non ha alcun effetto monetario e quindi non va comunicata.

67 L ex socio DOMANDA: Il finanziamento effettuato nel corso del 2012 da un soggetto che ora non èpiùsocio rileva comunque e va comunicata? POSSIBILE RISPOSTA: Si ritiene di si. Per due motivi: uno riguarda le finalitàdella dichiarazione l altro il fatto che la posizione che rileva èquella di socio al momento del versamento e non della comunicazione.

68 Familiari dei soci e soggetti collettivi DOMANDA: Vanno comunicati i finanziamenti ricevuti dai familiari dei soci o da soggetti collettivi (es. società)? POSSIBILE RISPOSTA: No. Il provvedimento dice espressamente che vanno comunicati i dati delle persone fisiche socie escludendo i soggetti collettivi e i familiari dei soci stessi

69 Regime sanzionatorio Ultime novità

70 Il provvedimento del 2 agosto Cambia le carte in tavola per le sanzioni: Si comunica solo qualora sussista una differenza tra il corrispettivo annuo relativo al godimento del bene ed il valore di mercato del diritto di godimento

71 L obbligo alternativo per la comunicazione beni ai soci

72 Il regime sanzionatorio solidale

73 L attenuante delle sanzioni

74 sanzioni omessa/incompleta comunicazione finanziamenti

75

76 REGIME SANZIONATORIO Omessa presentazione della comunicazione o presentazione della stessa con dati incompleti o non veritieri RISPETTO DELLA DISCIPLINA BENI DATI IN USO AI SOCI (il concedente società/ditta individuale ha dedotto i costi e/o l utilizzatore socio/familiare non ha tassato la differenza tra il valore normale ed il corrispettivo) SI Sanzione, in solido, da 258 a NO Sanzione, in solido, pari al 30% della differenza tra il valore normale ed il corrispettivo annuo del bene concesso in godimento su che parametri deve essere determinata la sanzione in caso di mancata comunicazione dei finanziamenti dei soci (o dei loro familiari) erogati a favore della società?

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO STUDIO CAGNIN ROVOLETTO COMMERCIALISTI ASSOCIATI PIERO CAGNIN CHIARA ROVOLETTO DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI A Tutti i Clienti Loro Sedi COMUNICAZIONE PER I BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 18.2015 Ottobre Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI AD EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE...

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I

R O S S I & A S S O C I A T I R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Novembre 2013 nr.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione A tutti i clienti Loro sedi OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione PREMESSA Come noto il D.L.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Circolare n. 19 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa del 20 ottobre 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti obbligati ad effettuare

Dettagli

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 COMUNICAZIONE BENI D IMPRESA IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE

Dettagli

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI A tutti i clienti LL.SS Ravenna, 26/11/2013 NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI Entro il prossimo 12 dicembre è previsto l invio

Dettagli

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI INDICE 1. PREMESSA 2. COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI 2.1 Soggetti obbligati 2.2 Oggetto della

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Circolare 11/2014-C del 17.10.2014 Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Come disposto dal provvedimento n. 54581 del 16 aprile 2014,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 162 del 29 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 12 dicembre 2013: appuntamento con la comunicazione dei beni e finanziamenti dati in godimento ai soci Rileva solo

Dettagli

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Circolare informativa area tributaria La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria GIORDA FRANCESCO Informativa per la clientela di studio N. 18 del 29.01.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria Gentile Cliente, con la stesura

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2015 ARGOMENTO: ADEMPIMENTO ANNUALE RELATIVO ALLA: COMUNICAZIONE DEI BENI IN USO AI SOCI E FINANZIAMENTI A SOCIETA Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE PER L ANNO 2014 DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI E/O CAPITALIZZAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 2, COMMI da 36-terdecies a 36-duodevicies,

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti COMUNICAZIONE DEI BENI D IMPRESA AI SOCI/FAMILIARI SOGGETTO OBBLIGATO: - società (di capitali o persone) che concedono beni in uso ai soci

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe:

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe: 20.10.2014 Comunicazione dei beni d'impresa concessi in godimento ai soci o familiari dell'imprenditore - Comunicazione dei finanziamenti o delle capitalizzazioni dei soci o familiari ricevuti dall'impresa

Dettagli

OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti

OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti RACCOLTA DATI PRESSO IL CLIENTE I dati di cui necessitiamo per effettuare la comunicazione sono i seguenti : DATI DELL UTILIZZATORE

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners

Pomara Scibetta & Partners Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Oggetto: Comunicazione telematica dei beni concessi in godimento a soci o familiari

Oggetto: Comunicazione telematica dei beni concessi in godimento a soci o familiari Circ. 04/E/120912 Rev. 04/E/121006 San Fior, lì 12/09/2012 06/10/2012 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: Comunicazione telematica dei beni concessi in godimento a soci o familiari La scadenza dell adempimento

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale ll prossimo mese di dicembre 2013, salvo proroghe dell'ultima ora

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013.

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013. Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative. Alessandro Cotto

La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative. Alessandro Cotto La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative Alessandro Cotto La manovra di ferragosto (DL 138/2011 conv. L. 148/2011) BENI D IMPRESA IN GODIMENTO

Dettagli

TRENTINO IMPRESE CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ARTIGIANI E LE PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO S.R.L. INFORMATIVA n 011/2015

TRENTINO IMPRESE CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ARTIGIANI E LE PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO S.R.L. INFORMATIVA n 011/2015 Trento, 19 ottobre 2015 INFORMATIVA n 011/2015 COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA Entro il 30.10.2015 devono essere presentate

Dettagli

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 In presenza di società/ditte individuali che concedono in godimento l utilizzo di beni d impresa a un socio/familiare

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF264 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO GODIMENTO BENI AI SOCI E FAMILIARI - COMUNICAZIONE AL 30/10 RIFERIMENTI PROVV. N. 54581/2014 E N. 94902/2013

Dettagli

Circolare N.37 del 13 marzo 2012

Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta dei documenti necessari al fine dell adempimento Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 51/2013 Oggetto: BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI COMUNICAZIONE 2012 DA INVIARE ENTRO IL 12 DICEMBRE 2013 Con due distinti provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto

Dettagli

Carlin Laurenti & associati

Carlin Laurenti & associati Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 2013/94904 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all'anagrafe tributaria, ai sensi dell articolo 7, dodicesimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE. Dott. Lelio Cacciapaglia

I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE. Dott. Lelio Cacciapaglia I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE Dott. Lelio Cacciapaglia BENI AI SOCI E SPESOMETRO Il comma 36-septiesdecies dispone che l'agenzia delle entrate proceda a controllare sistematicamente

Dettagli

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE Anno 2014 N. RF265 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 8 OGGETTO FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE RIFERIMENTI PROVV. N. 94904/2013; DL 138/2011

Dettagli

I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE

I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE Dott. Lelio Cacciapaglia BENI AI SOCI E SPESOMETRO Il comma 36-septiesdecies dispone che l'agenzia delle entrate proceda a controllare sistematicamente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 166485 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari, ai sensi

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 299 08.11.2013 Comunicazione finanziamenti e apporti dei soci/familiari alla società La disciplina, il nuovo adempimento e soluzioni su come affrontare

Dettagli

Bologna, 12 dicembre 2013

Bologna, 12 dicembre 2013 Bologna, 12 dicembre 2013 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto: CIRCOLARE N. 16 COMUNICAZIONE ENTRO IL 31 GENNAIO 2014 DEI BENI DATI IN GODIMENTO AI SOCI E AI FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 47 09.12.2013 La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci/familiari e finanziamenti ricevuti Le istruzioni

Dettagli

Comunicazione beni ai soci e finanziamenti dei soci

Comunicazione beni ai soci e finanziamenti dei soci Comunicazione beni ai soci e finanziamenti dei soci Pagina 1 INDICE 1. Premessa...2 2. Aspetti normativi...2 3. Regola impositiva nei confronti dei soggetti utilizzatori...8 4. Regola Impositiva nei confronti

Dettagli

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Padova Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Padova, 03 ottobre 2013 Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista Revisore Legale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Vicenza 17 Gennaio 2014 Gentile Cliente, il 31/01/2014 scade il nuovo adempimento - di cui abbiamo trattato

Dettagli

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Entro

Dettagli

La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci

La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci Premessa Le novità del D.L. 138/2011 e i provvedimenti attuativi 2 Impianto normativo: «di proroga in proroga» D.L. 138/2011 art. 2, commi

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI E FAMILIARI. COMUNICAZIONE DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI DA SOCI E FAMILIARI NEI CONFRONTI DELL IMPRESA PREMESSA Entro il 30 ottobre 2014, per

Dettagli

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori.

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori. Fiscale Tributario A TUTTE LE AZIENDE ASSOCIATE Verona, 10 ottobre 2013 Prot. n. 199/13 LB/mm Circ. n. 199/FT/24-13 Oggetto: 1) LA VERIFICA DEI LIMITI DI DEDUCIBILITA PER I RIMBORSI CHILOMETRICI 2) BENI

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo. STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it MANOVRA-BIS (d.l. n. 138/2011): Contrasto alle intestazioni

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: la nuova disciplina dei beni d impresa concessi in godimento a soci e familiari. I nuovi adempimenti di comunicazione dei beni concessi

Dettagli

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI TRIBUTARI DEL IL BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara I beni aziendali in uso ai soci Beni ai soci e spesometro

Dettagli

Durc imprese creditici della PA

Durc imprese creditici della PA CIRCOLARE INFORMATIVA Novità fiscali Scadenze Adempimenti Novità fiscali Durc imprese creditici della PA L'Inail con la circolare 53 dell'11 novembre 2013 ha chiarito che è possibile il rilascio del Durc

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI

COMUNICAZIONE DEI BENI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Commissione di studio II. DD Imposte dirette COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI Lavoro della dell Ordine dei Dottori

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Beni aziendali in uso a soci / familiari : aspetti contabili e fiscali Diverse tipologie di utilizzo dei beni d impresa L assegnazione in godimento di beni ai soci è fattispecie che

Dettagli

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI Circolare informativa per la clientela n. 35/2013 del 27 novembre 2013 BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI SOMMARIO 1. «RATIO» delle DISPOSIZIONI...

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE RAFFAELLI. Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti

STUDIO COMMERCIALE RAFFAELLI. Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti La comunicazione dei beni d impresa in godimento da parte di soci e familiari ha vissuto una stagione particolarmente travagliata, condita di continui

Dettagli

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI INFORMATIVA N. 236 04 OTTOBRE 2012 IMPOSTE DIRETTE LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI Art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, DL n. 138/2011 Circolari Agenzia Entrate

Dettagli

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 10 di SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 GGG Prelievi bancari non giustificati Sentenza Corte Cassazione n. 16948/2015 Indagini bancarie

Dettagli

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI Aspetti generali Con l art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla L. 14 settembre 2011,

Dettagli

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI Circolare informativa per la clientela n. 33/2013 del 21 novembre 2013 BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI In questa Circolare 1. «Ratio» delle

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015

CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 ottobre al 15 novembre 2015. Versamenti Iva mensili e trimestrali Scade il 16

Dettagli

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012 Lelio Cacciapaglia NUOVA TIPOLOGIA DI SOCIETÀ DI COMODO Le società che presentano dichiarazioni in perdita fiscale

Dettagli

Circolare - Notiziario n. 10

Circolare - Notiziario n. 10 .. Circolare - Notiziario n. 10 CATTABRIGA CLAUDIA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE 16 settembre 2013 Nuovo redditometro Circ. Ag. Entrate 31.07.2013, n. 24/E Il nuovo metodo di ricostruzione

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

BENI IN GODIMENTO AI SOCI E FINANZIAMENTI: COMUNICAZIONE

BENI IN GODIMENTO AI SOCI E FINANZIAMENTI: COMUNICAZIONE Circolare informativa per la clientela n. 30/2015 del 23 ottobre 2015 BENI IN GODIMENTO AI SOCI E FINANZIAMENTI: COMUNICAZIONE In questa Circolare 1. Beni in godimento 2. Coordinamento con le regole del

Dettagli

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari ANNO 2012 Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari Le novità introdotte dal Decreto «Salva Italia» e dalle manovre fiscali successive Milano 16 aprile 2012 Avv. Giampaolo

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali Circolare n. 12/13 Legnago, 25.11.2013 A TUTTI I CLIENTI - LORO SEDI - INCREMENTI DEGLI ACCONTI IRES E IRAP SCADENZA 2 DICEMBRE

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari

La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari Circolare n. 27/IR del 2 febbraio 2012 La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari 1. Premessa Il decreto legge n. 138 del 13 agosto 2011, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Comunicazione dei beni concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore e dei finanziamenti 1

Comunicazione dei beni concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore e dei finanziamenti 1 1 Comunicazione dei beni concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore e dei finanziamenti 1 di Pamela Alberti e Alessandro Cotto 2 Dopo numerosi rinvii, scade il 12.12.2013 il termine per

Dettagli

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n.

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n. D.L. 13 agosto 2011, n. 138 (G.U. 13-8-2011, n. 188), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 (G.U. 16-9- 2011, n. 216). Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo; modificato

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI

COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI Il DL 13.8.2011 n. 138, convertito nella L. 14.9.2011 n. 148, ha introdotto un nuovo adempimento fiscale che, nelle

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

Accertamenti e Controlli 2011

Accertamenti e Controlli 2011 Accertamenti e Controlli 2011 Manovra estiva 2010 D.L. n. 78/2010 Manovre estive 2011 D.L. n. 70/2011 D.L. n. 98/2011 D.L. n. 138/2011 28 SETTEMBRE 2011 Avv. Giampaolo Foresi ACCERTAMENTO SINTETICO (Art.

Dettagli

Obblighi di comunicazione:

Obblighi di comunicazione: Newsletter CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Obblighi di comunicazione: dei beni dell impresa concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore dei finanziamenti e delle capitalizzazioni effettuati da

Dettagli

COMUNICAZIONE OPERATIVA. Modelli Unico 2012. Secondo acconto Beni assegnati ai soci

COMUNICAZIONE OPERATIVA. Modelli Unico 2012. Secondo acconto Beni assegnati ai soci Modelli Unico 2012 Secondo acconto Beni assegnati ai soci SOMMARIO 1. PREMESSA... 1 2. TITOLARI REDDITI DI IMPRESA... 2 3. REDDITI ATTRIBUITI PER TRASPARENZA AI SOCI... 6 4. BENI DATI IN GODIMENTO ALL'IMPRENDITORE

Dettagli

SCADENZA AL 30 OTTOBRE PER LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI 2014

SCADENZA AL 30 OTTOBRE PER LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI 2014 FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 19 del 05 Ottobre 2015 SCADENZA AL 30 OTTOBRE PER LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI 2014 Come avvenuto lo scorso anno, entro il trentesimo

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera Matteo Formenti esperto contabile - revisore

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23)

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23) STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.6.2011 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2011 CEDOLARE

Dettagli

Periodico informativo n. 5/2013

Periodico informativo n. 5/2013 Periodico informativo n. 5/2013 Tabelle ACI 2013 aggiornate e auto in uso promiscuo ai soci e dipendenti Gentile Cliente, Le inviamo la presente per comunicarle che l ACI ha pubblicato, come ogni anno,

Dettagli

Imprese: nuovi limiti per la contabilità semplificata

Imprese: nuovi limiti per la contabilità semplificata Imprese: nuovi limiti per la contabilità semplificata In tema di semplificazione fiscale il c.d. Decreto sviluppo, in vigore dallo scorso 14.5.2011, è intervenuto sul regime della contabilità semplificata

Dettagli

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d.

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d. DOTT. RAG. GIOVANNA CASTELLI Via Luigi Sacco 14, Varese Tel.: 0332/288494 288522 Fax: 0332/831583 282850 E-mail: segreteria@gcastelli.com Varese, 4 ottobre 2011 OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Fisco & Contabilità N. 09. La raccolta che non lascia spazio all immaginazione

Fisco & Contabilità N. 09. La raccolta che non lascia spazio all immaginazione Fisco & Contabilità La raccolta che non lascia spazio all immaginazione N. 09 07.03.2012 Il Decreto Semplificazioni fiscali chiarisce la sorte dei ratei e risconti I costi a cavallo d esercizio possono

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI DEI SOCI Aspetti problematici, spunti di riflessione e prospetti operativi

LA COMUNICAZIONE DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI DEI SOCI Aspetti problematici, spunti di riflessione e prospetti operativi LA COMUNICAZIONE DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI DEI SOCI Aspetti problematici, spunti di riflessione e prospetti operativi di Vito Dulcamare Il prossimo 2 aprile (essendo il 31 marzo sabato) scade

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 15/2011. Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo Applicazione del regime della cedolare secca

NOTA INFORMATIVA N. 15/2011. Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo Applicazione del regime della cedolare secca Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona dottore commercialista revisore legale CLAUDIO UBINI dottore commercialista

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 05 maggio 2014

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 05 maggio 2014 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 05 maggio 2014 Oggetto: Circolare n. 11/2014 del 05 maggio 2014

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Circolare informativa n 3/2011 Cedolare secca sui canoni di locazione degli immobili abitativi Premessa La cedolare secca, ossia il nuovo regime opzionale di imposizione sostitutiva sul

Dettagli