NICCHIA E COMPETITIVITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NICCHIA E COMPETITIVITA"

Transcript

1 Facoltà di Economia Corso di Laurea magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende Prof. Giancarlo Ferrero Marketing Corso Progredito A.A. 2010/2011 NICCHIA E COMPETITIVITA A Cura di: Giuseppe Convertino Jessica Peonia Fabio Annecchiarico Antonietta Marrazzo Alex Buroni Simona Scuncio 1

2 Indice 1. Lo scenario: nuova globalizzazione e polarizzazione dei mercati 2. Focalizzare l offerta sulla specialità del valore: la nicchia 3. Un caso: Pasta Latini 4. Regole e valore dei business di nicchia: un indagine di mercato 5. Alcuni esempi: La Sportiva, Audi, ipad 6. Nicchia e Made in Italy: il caso GEOX 7. Conclusioni Bibliografia 2

3 Nuova globalizzazione e polarizzazione dei mercati 3

4 Si parla di nuova globalizzazione perché parte da un movimento che, in forme diverse, ha attraversato sempre la storia dell uomo; anche in contrasto con la visione del Levitt che ne esaltava il potere omologante. Levitt perviene a generalizzare la tesi secondo cui i mercati di sbocco costituirebbero un unico mercato globale omogeneo da affrontare con prodotti universali. La globalità pertanto renderebbe possibile il trionfo della produzione di massa. 4

5 La catena della globalizzazione secondo T. Levitt 5

6 I 4 trend della nuova globalizzazione 1) Movimento del capitale e altri strumenti di mercato che circolano virtualmente e istantaneamente; 2) Movimento di individui attraverso i confini dei propri stati/paesi; 3) Movimento di informazione attraverso il web, disponibili in ogni momento; 4) Movimento della cultura popolare. 6

7 La nuova globalizzazione ha fatto emergere quale è la vera e sostanziale distanza che separa un mercato di massa da uno che non lo è. La n. g. acuisce la dicotomia tra due poli del mercato che impongono alle aziende l adozione di strutture organizzative e logiche gestionali differenziate: 1)Budget markets o mercati di massa 2)Premium markets incentrati su logiche della qualità funzionaleesperienzale della promessa del valore. Si parla allora di polarizzazione dei mercati come una situazione di marcata suddivisione dei mercati consumer in due macro archetipi quali quantitativamente differenti. 7

8 La polarizzazione dei mercati nelle economie mondiali Paesi emergenti Top market (premium) Paesi ricchi Middle market Paesi ricchi Paesi emergenti Bottom market (budget) Paesi ricchi Più dicotomizzato Sgranato ma fluido 8

9 Polarizzazione dei mercati La polarizzazione dei mercati deve far prendere atto alle imprese che una medesima struttura organizzativa può non essere valida per entrambe le situazioni di mercato ( budget o premium) e dovrà quindi adattarsi alle diverse situazioni. Le condizioni di polarizzazione dei mercati assumono rilevanza anche se interpretati in un ottica spazio temporale: Fattore tempo: lo status di un prodotto in un mercato di massa è sensibile al passare del tempo e può presentare situazioni che vedono nella dimensione premium uno spazio di rivitalizzazione e allungamento del ciclo di vita del prodotto; Fattore spaziale: la rilevanza della dimensione spaziale assume nella globalizzazione la sua massima espressione. Con l integrazione delle economie, imprese prima confinate in dimensioni più ridotte hanno prospettive di crescita dimensionale (mercato del lusso) 9

10 Mercati di massa nel tempo Anni 50 Anni 2000 Tempo 10

11 Mercati di massa e spazio spazio 11

12 La polarizzazione e i fondamentali modelli di scambio Le imprese devono determinare un modello di scambio per loro sostenibile; devono scegliere il posizionamento della propria offerta di valore all interno dello spazio polarizzato e la sua gestione in armonia con le condizioni di scambio che lo denotano. È un problema che si stratifica su tre livelli in funzione del proprio business model: 1)Scegliere in quale punto dello spazio polarizzato collocarsi; 2)Ideare e definire l offerta di valore con la quale presidiarlo; 3)Governare l offerta di valore in assonanza con le regole proprie dello spazio prescelto 12

13 Top price Icon market Ultra premium market Super premium market Premium market Mass market Budget market First price Basic price 13

14 I modelli in questione sono riconducibili a due poli di status economico, ciascuno sintesi di diverse condizioni specifiche: Il modello a Volumi si caratterizza per una configurazione di valore dell offerta di tipo convenience e per l obiettivo di pervenire ad elevati livelli di penetrazione e market share in condizione di efficienza. Il modello a Valori si caratterizza per una configurazione di valore orientato alla profittabilità con approcci strategici focalizzati su segmenti di domanda o loro porzioni attraverso capacità di differenziazione e flessibilità. 14

15 La trappola value La commodity zzazione dell offerta Con questo termine si intende la banalizzazione della percezione del valore dei prodotti, indotta tra le varie cause in particolare dalla proliferazione di offerta e dal moltiplicarsi del primo prezzo. Cosa devono fare le imprese per rispondere a questa situazione? Devono cercare formule di redditività nuove, non solo nei prodotti, ma nel modo stesso di concepire e offrire valore. 15

16 Supply side Tecnologia Barriere commerciali Concentrazione e competizione distributiva Debranding e Low costing Finanziarizzazione d impresa Commodity zzazione Trasformazioni socio demografiche Saturazione panieri di consumo Diminuzione potere d acquisto Accrescimento esperienza di acquisto/arbitraggio Banalizzazione percepita Demand side 16

17 L insidia premium la frammentazione Proliferazione di offerte sempre più denotate dal punto di vista commerciale e tarate su Target group sempre meno numerosi ma espressivi di schede di domanda sempre più specifiche. Le determinanti sono riconducibili sempre alla dicotomia fra cause di natura strutturale e non; in particolare fra le ragioni strutturali si individua la disponibilità di tecnologie per produzioni flessibili che accrescono la componente personalizzazione nelle schede di domanda dei consumatori 17

18 Supply side Tecnologia di produzione flessibile Brand extension Partnership orizzontale e verticale Disponibilità di capitali di rischio Frammentazione Ricerca della personalizzazione Richiesta di partecipazione attiva Demand side 18

19 La polarizzazione dei mercati si accompagna ai fenomeni della commodityzzazione e della frammentazione che operano in sinergia a minare potenzialmente gli spazi di redditività delle imprese. Le imprese quindi nella definizione delle loro strategie devono puntare ad evitare queste insidie; è nel dualismo market share/profittabilità che si gioca la scelta da effettuare. In questo ambito la scelta della focalizzazione di valore si configura come l opzione strategica che consente la via di fuga dalla trappola value e, in quest ambito la nicchia consente di evitare l insidia insita nel premium. Insidia Premium markets frammentazione Compressione dei margini Focalizzazione sulla specialità del valore prestato nicchia Commodity zzazione Trappola value market 19

20 FOCALIZZARE L OFFERTA SULLA SPECIALITÀ DEL VALORE: LA NICCHIA 20

21 Nicchia come concetto di nicchia... Recente Multidisciplinare Chiusa Globalizzazione Tendenza alla frammentazione Moltiplicazione della dimensione varietale dell offerta Ricerca ossessiva di linee di competizione no price Stabilità della domanda Trasformazione dei prodotti in commodity Inasprimento della guerra di prezzi Riduzione dei margini di profitto 21 Quello della nicchia è un tema poco trattato dagli studiosi di economia manageriale, perché si tende a pensare che nei mercati ciò che è piccolo non produce cultura d impresa, riservata alle grandi realtà. Gli studi sulla nicchia sono recenti, in quanto diventano rilevanti a partire dal 2000; multidisciplinari, in quanto si tratta di un tema trattato da varie riviste scientifiche; chiusi all interno dei canali accademici. Debolezza semantica del termine nicchia Indeterminatezza nel definire lo spazio competitivo di riferimento Confusione terminologica tra nicchia, settore, domanda, segmento

22 Alcuni contributi teorici... Porter nicchia come strategia di focalizzazione con differenziazione Grant Teoria delle risorse le risorse necessarie per l adozione di una strategia di nicchia sono quelle intangibili di tecnologia e reputazione (patrimonio di marca!), da cui derivano capacità organizzative legate alla sfera produttiva e di market driving Kotler la nicchia è di dimensioni e con potere d acquisto sufficienti per renderla redditizia; la nicchia ha un potenziale di crescita; la nicchia è d interesse trascurabile per i concorrenti più grandi; l impresa ha le capacità e le risorse per servire efficacemente la nicchia; l impresa può difendersi da un concorrente più grosso che l attacchi utilizzando il gradimento che si è costruito presso la clientela 22 Lo studio delle specificità della nicchia si colloca all interno della business strategy: l insieme delle decisioni da assumere per competere in un determinato mercato, scelte relative a come affermarsi in un particolare ambiente competitivo, vantaggi rispetto ai concorrenti, come rispondere alle esigenze del consumatore, teso al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

23 TRATTI DISTINTIVI DELLA NICCHIA DI MERCATO SPECIALITÀ: la nicchia si basa su un sistema di prodotto speciale. La specialità è data dal prodotto e supportata dal brand. ORIGINALITÀ: la product offering di nicchia tende a risultare immediatamente riconoscibile agli occhi dei consumatori target come priva di sostituti perfetti. Il patrimonio di originalità è valorizzato dal brand e dal suo posizionamento. ENFASI DEL VALORE: la nicchia riesce a traslare il plusvalore che il consumatore target riconosce all offerta in un premium price, e il business sopravvive se crea soddisfazione. La promessa di valore è sinteticamente espressa dal posizionamento di prezzo. RELATIVITÀ: dimensioni numericamente contenute del business derivanti dalla natura innovativa della nicchia e dalla specificità del target di riferimento. La relatività influenza la gestione operativa della nicchia e i suoi economics. 23 Solo se si prendono in considerazione tutti questi aspetti si può parlare di nicchia, che spesso viene confusa con segmento di domanda o focalizzazione dell offerta.

24 IMPRESA IMPRESA SEGMENTO NICCHIA Logica top down Logica bottom up Tutti i componenti del segmento sono considerati uguali Accento posto sulle individualità Dimensioni più ampie Dimensioni più piccole DOMANDA Accento sulla frammentazione del mercato in parti più piccole e meglio gestibili Accento sulla soddisfazione di specifiche esigenze DOMANDA 24 La nicchia si caratterizza per una dimensione limitata del target e per un elevato livello di specializzazione, necessario per soddisfare le esigenze specifiche di una porzione ridotta della domanda. L individuazione e la gestione della nicchia derivano da un processo bottom up che deriva dalla necessità di pochi consumatori i cui desideri sono trascurati dagli altri attori del mercato. Piccole dimensioni e focalizzazione sugli individui per la soddisfazione di una specifica esigenza. Bassa penetrazione, alta frequenza di acquisto ed elevata fedeltà dei consumatori. Invece il segmento si basa su una logica top down di divisione del mercato in parti più piccole, esso si focalizza sulle caratteristiche di un gruppo di persone che presenta tratti di omogeneità interna e gestibili allo stesso modo.

25 Nicchia come risposta alla nuova globalizzazione in quanto: possiede un innata vocazione anti competitiva enfatizzando al massimo la differenziazione percepita dal target: non esistono sostituti perfetti: si crea una sorta di isolamento concorrenziale che annulla l effetto sostituzione con altri prodotti della stessa categoria; rappresenta un gioco di fino dal punto di vista competitivo grazie all offerta di un valore SPECIALE verso un target coinvolto nel prodotto soprattutto dal punto di vista mentale: capacità di pochi di riconoscerne le caratteristiche distintive e possibilità di applicare un premium price; in linea con una tipologia di domanda progredita e raffinata che ricerca personalizzazione e innovazione dell offerta, fino al diretto coinvolgimento nella filiera aziendale. 25

26 Quindi NICCHIA come......spazio competitivo a sé, relativamente piccolo e caratterizzato da un offerta di prodotto speciale, la cui promessa di valore è superiore a quella media di categoria e il cui percepito si caratterizza per la sua originalità. (A. Mattiacci, 2008)... da cui MARKETING di NICCHIA L impresa adotta un marketing di nicchia quando focalizza la propria offerta su un segmento unico di mercato, cercando degli elementi di differenziazione che siano particolarmente apprezzati dal target e che consentano di conseguire un vantaggio concorrenziale notevole e duraturo, mediante l innalzamento di barriere all entrata che rendono oneroso e difficile l ingresso di nuovi concorrenti. (Guatri e Vicari, 1986) 26 La nicchia trova così collacazione negli spazi di mercato premium.

27 nicchia mercato di riferimento nicchia come variante speciale di sottocategoria es. Prius di Toyota: prima auto berlina a propulsione ibrida: variante speciale del segmento berlina della categoria auto nicchia come variante in un interstizio di domanda es. i Pod: nuova variante all interno della categoria dei lettori musicali reinventando la variante portatile nicchia come cross over di categorie es. probiotico: non è una variante di categoria, ma crea un nuovo mercato 27 1) La nicchia può scavarsi un posto all interno di un segmento di domanda, introducendo una variante speciale di una sottocategoria di prodotto. Si tratta del caso più frequente: un mercato maturo suddiviso in vari segmenti più ampi nei quali trovano già soddisfazione anche se non totalmente in linea con i loro desideri. 2) La nicchia può occupare un interstizio vuoto fra più segmenti di domanda, generando una NUOVA variante di categoria. L impresa decide di cogliere delle aree di domanda che l offerta corrente non riesce a intercettare e soddisfare direttamente, fornendo un interpretazione rivoluzionaria di una variante già esistente (es. Smart, crea la variante city car reinventando l utilitaria). 3) Caso più estremo: la nicchia può collocarsi ai margini fra due categorie, come incontro di attributi di prodotto propri di due categorie autonome creando una categoria affine ma distinta da quella di partenza. Questo tipo di offering può essere interpretato come variante di categoria oppure come nuova categoria che esce dalla tipologia nicchia in quanto assume in sé tutti i consumatori del nuovo prodotto tendendo a maggiori dimensioni: nasce un nuovo e mercato autonomo di piccole dimensioni.

28 NICCHIA MERCATO SEGMENTO Acquirenti di categoria TUTTI PORZIONE LIMITATA ELEVATO NUOVO MERCATO NICCHIA (interstizio) BASSO PICCOLO MERCATO NICCHIA (porzione di segmento) 28 Le condizioni che distinguono una nicchia da un mercato e da un segmento sono: grado di novità del prodotto rispetto allo spazio di categoria preesistente e la porzione di consumatori della categoria che il prodotto cerca di conquistare. Il nuovo mercato è solo momentaneamente di piccole dimensioni perché ha ampie potenzialità di crescita legata all innovatività del prodotto, mentre per le nicchie le opportunità di crescita sono legate a comportamenti differenti da parte del management.

29 Condizioni favorevoli per operare in spazi di nicchia: compatibilità tra il costo degli investimenti fissi e bassi volumi di vendita; la presenza di una tecnologia produttiva che consente una produzione limitata; la potenza produttiva/finanziaria non permette di competere economicamente alla pari di produttori che operano negli spazi principali del mercato; presenza di un consumatore con grande esperienza del prodotto generico e con una base cognitiva ricca proiettata sulla qualità dell offerta; il consumatore riconosce alla varietà un valore differenziale tradotto in un premium price. NON TUTTE LE NICCHIE SONO UGUALI!!! 29 Le dimensioni piccole ne fanno la scelta privilegiata delle piccole e medie imprese, che adottano la strategia di nicchia per evitare lo scontro diretto con i concorrenti più grandi, per ottenere i vantaggi derivanti dalla specializzazione su un unico mercato e per sopravvivere in ambienti competitivi sempre più difficili. Anche se alcuni studiosi (Kroeger) ritengono opportuno adottare l approccio di nicchia anche nelle grandi imprese con Business Unit dedicate.

30 ...LA VARIETÀ DI NICCHIE Economica NICCHIE SPERIMENTALI NICCHIE D IMMAGINE DRIVER D ACQUISTO Funzionali Simbolici NICCHIE TECNICHE NICCHIE EDONISTICHE Cognitiva NATURA DELL ACCESSIBILITÀ 30 Natura del driver d acquisto: natura dell appeal dell offering di nicchia che porta l acquirente all acquisto: elementi tecnici funzionali VS elementi intangibili emozionali. Natura dell accessibilità al prodotto: visto come barriera che impedisce al generico acquirente della categoria di avvicinarsi all offering di nicchia: sono richieste conoscenze tali da apprezzare le caratteristiche differenziali dell offering e disponibilità economica.

31 ...LA VARIETÀ DI NICCHIE Nicchia d immagine: si basa sull esclusività di utilizzo di alcuni prodotti, dal prezzo collocato nel super premium della categoria di riferimento. Driver d acquisto simbolico segnaletici. Alti consumatori del lusso! Nicchia edonistica: driver d acquisto emozionali simbolici, natura dell accessibilità cognitiva. Offerte particolari, difficili da comprendere, che generano gratificazione personale più che una forma di ostentazione verso gli altri. Nicchia tecnica: driver d acquisto funzionali, natura dell accessibilità cognitiva. Capacità di soddisfare al meglio benefit particolari di un gruppo ristretto di consumatori, che colgono il plus di valore nella prestazione del prodotto e sono quindi disposti a pagare un premium price. Nicchia sperimentale: driver d acquisto funzionali emozionali, natura dell accessibilità economica. Prodotti altamente innovativi verso cui si rivolgono pochi consumatori oltre che per il prezzo anche a causa di una limitata conoscenza delle potenzialità del prodotto (altrimenti nuovi mercati). 31 Nicchia d immagine: esperienza d acquisto bassa: l appeal è generato dall immagine esclusiva del brand e dal prezzo elevato. Passaparola per costruire uno status distintivo; fedeltà alla marca medio bassa: scelta tra marche diverse dello stesso livello. Keywords: ostentazione! Nicchia tecnica: capacità di riconoscere e valorizzare le differenze; passaparola per condividere un bisogno; fedeltà alla marca molto alta conseguenza della soddisfazione; keywords: consumatore concreto, attento, molto esigente. Nicchia edonistica: esperienza d acquisto medio bassa, l acquisto è finalizzato sia alla soddisfazione di un bisogno materiale che all appagamento personale; passaparola per condividere il piacere di consumo di un certo prodotto; fedeltà alla marca media conseguenza della soddisfazione; keywords: gratificazione personale. Nicchia sperimentale: esperienza d acquisto molto alta, associata all esclusività nell utilizzo di un nuovo prodotto; passaparola elevatissimo per necessità di parlare del prodotto e divenire un opinion leader; alta fedeltà alla marca; keywords: curiosità, propensione all innovazione.

32 ...LA VARIETÀ DI NICCHIE NICCHIE SPERIMENTALI Economica NICCHIE D IMMAGINE i Pad Occhiali Chanel DRIVER D ACQUISTO Funzionali Nikon per professionisti Sigaro toscano Simbolici NICCHIE TECNICHE NICCHIE EDONISTICHE Cognitiva NATURA DELL ACCESSIBILITÀ 32

33 PASTA LATINI Un prodotto di nicchia, del Made in Italy, fondato sulla materia prima 33

34 Mission Da la prostituta della tavola la pasta deve tornare ad essere primadonna, protagonista ed ingrediente principale per cuochi e buongustai. 34

35 Portfolio prodotti Latini si presenta sul mercato con quattro tipologie di prodotto: Linea classica Senatore Cappelli Farro Taganrog 35

36 36

37 Il mercato della pasta in Italia 37

38 SCUOLE DI PASTIFICAZIONE PRODUZIONE INDUSTRIALE Latini proviene dalla scuola di lavorazione artigianale. LAVORAZIONE ARTIGIANALE Nel contempo oggi si trova nelle condizioni di presidiare una nicchia nella quale: i numeri sono bassi perché la produzione è nulla rispetto a quella complessiva; Il prodotto manifesta gli attributi della specialità nelle materie prime e nel processo di lavorazione; I prezzi finali devono essere elevati per poter remunerare il maggior costo dei fattori e del processo di produzione; I consumatori devono essere cultori della gastronomia, persone attente alla ricerca delle prestazioni dei prodotti non industriali. 38

39 Politiche di distribuzione La gestione di un mercato globale con un prodotto tipicamente locale può avvenire attraverso: Approccio di tipo selettivo; Particolari e tipici percorsi paralleli mediante partnership con intermediari del canale vino 39

40 Latini nel futuro Ampliamento dello spazio geografico di copertura del prodotto; Aumento presenza nella GDO in Italia ed all estero; Collaborazioni commerciali e di marketing con aziende più strutturate e con più esperienza nel mercato; 40

41 Regole e valore dei business di nicchia: un indagine di mercato 41

42 Risultati di un indagine qualitativa su un campione di manager Obiettivi: Solidità della definizione della nicchia; Criticità gestionali dei business di nicchia; Misure economiche e di mercato e le principali traiettorie evolutive. 42

43 Concetto di nicchia: a cosa viene associato? Tipologia del prodotto, al brand e al mercato; Confuso normalmente con il concetto di segmento; Non si riscontra una sostanziale associazione tra nicchia e piccola impresa; Nella percezione dei caratteri definitori di nicchia relativa facilità nel fornire la definizione conferma della natura multidimensionale della nicchia 43

44 Nicchia e segmento: due sinonimi? Esiste una differenza tra segmento e nicchia di mercato Ulteriore frazione di un segmento è la parte più piccola di un segmento, Amministratore Delegato La sportiva Nicchia Interstizio tra più segmenti si sviluppa in spazi d offerta lasciati liberi tra segmenti, basandosi su prodotti ad hoc e su piccoli numeri, ridotti rispetto a quelli del segmento Marketing Manager Sony Computer Entertainment Ambito trasversale di creatività Le nicchie sono trasversali a più segmenti Assistant brand manager Renault Italia 44

45 Le criticità gestionali e le misure della nicchia Importanza nel mantenere nel tempo un posizionamento competitivo basato sulla specialità e sulla differenziazione, analizzando adeguatamente e costantemente le istanze della domanda Gestione del prodotto; politica distributiva; Comunicazione dei valori distintivi; lungimiranza della gestione. Tipologia della nicchia; Tipologia dell impresa. 45

46 Le caratteristiche di specialità di un prodotto Creazione della specialità del prodotto; Valorizzazione della specialità del prodotto Criticità gestionali Cura estrema degli attributi accessori del prodotto Mantenimento della specialità del prodotto Prudenza nella gestione del portafoglio prodotti 46

47 Non si riscontrano differenze di gestione con le medie e piccole imprese Riprendono il modello delle imprese orientate al prodotto, non concentrandosi sulla soddisfazione del consumatore finale Le imprese di nicchia tengono conto soprattutto delle preferenze e della cura del cliente 47

48 Il caso Glamoo Portale di acquisti collettivi Target di donne tra i 25 ed i 45 anni che intendono vivere delle esperienze glamour nella proprietà città Vendita di esperienze e servizi Organizzazione di eventi esclusivi sia in Italia che in Inghilterra 48

49 Il differenziale di prezzo Contenuto + specialità = posizionamento di prezzo premium o superiore dell offerta di nicchia Dato dal differenziale positivo di prezzo rispetto al generico di categoria che varia in relazione a: Nicchie tecniche Nicchie edonistiche Nicchie di immagine Possono arrivare ad un prezzo doppio o triplo rispetto alla media di mercato Il prezzo può essere fino a 6 volte superiore a quello medio Prezzo dieci volte superiore rispetto a quello del mass market + differenziazione dei termini simbolici, + è il premio di prezzo potenzialmente applicabile 49

50 La marginalità della nicchia rispetto alla media di mercato Differenziale di Redditività VS Differenziale di prezzo Si attesta su livelli più bassi Maggiori costi gestionali Offerta unica e originale Nicchie tecniche Nicchie di immagine Nicchie edonistiche Nicchie sperimentali Incremento dei costi di prodotto, non trasferito completamente al premium price richiesto al cliente Potrebbero essere più alti in relazione alla naturale immateriale dell offering e della relazione del consumatore Di segno incerto dato che la soddisfazione dei bisogni di natura simbolica non si traduce comunque in un prezzo eccessivamente alto Elevata rischiosità perché legate al lancio di un prodotto 50

51 Nicchia= esclusività Selezione dei partner DISTRIBUTORE CREARE LE CARATTERISTICHE DISTINTIVE RIMANERE IN UN ORIZZONTE DI NICCHIA DI STANDIG ANALOGHI Location adeguata Accuratezza dello spazio espositivo Non genera valori di significativi di copertura Numero esiguo di partner Pareri divergenti circa l impiego di canali di massa per l incremento delle vendite 51

52 Comunicazione di nicchia Generare appeal Forme di comunicazione Below the line Organizzazione di eventi, pubbliche relazioni e sponsorizzazioni Legate alle dinamiche del Buzz e Viral Marketing 52

53 Glamoo Sistema di newsletter sia in Italia che in Inghilterra Pagine Facebook Serate a tema ed eventi Partecipazione al Social Media Week 53

54 La brand loyaty delle nicchie Nicchie tecniche Nicchie d immagine Nicchie sperimentali Livelli alti o molto alti per soddisfare pienamente le richieste del consumatore esperto Livello di fedeltà inferiore perché la scelta è data dalla varietà La fedeltà è subordinata alla continua tensione verso la novità e l originalità da parte del consumatore che potrà anche rivolgersi ad altre marche 54

55 55

56 La nicchia intesa come frazione di un segmento 56

57 Nasce nel 1928 quando l artigiano Narciso Delladio inizia la sua attività. Produce zoccoli di legno per i boscaioli della zona. Negli anni 80 il free climbing è il core business dell azienda (ormai SRL). Nel 1998 un accordo con The North Face trasforma l azienda italiana in una SPA. TNF poteva distribuire in esclusiva La Sportiva in America del Nord. Nel 2000 si annulla l accordo, La Sportiva riprende il controllo totale e fonda in America La Sportiva North America. Nel 2006 La Sportiva, La Sportiva North America e La Sportiva France si uniscono in un holding. 57

58 Portafoglio prodotti Il segmento è rappresentato dall outdoor (vita all aria aperta). La nicchia all interno di questo segmento può essere rappresentata dall arrampicata sportiva o dall alpinismo ad alta quota. La nicchia è la parte più piccola di un segmento, data dall utilizzo particolare che si fa della calzatura per l outdoor Amministratore delegato La Sportiva SPA 58

59 paia di scarpe all anno in Cina Si producono scarpe da trail running paia di scarpe in Romania La produzione paia di scarpe all anno a Ziano (Tn) paia di scarpe all anno a Montebelluna (Tv) 80% Export (49 paesi) 20% Italia La produzione annuale è di poco meno di mezzo milione. Il mercato, per i volumi prodotti e per i suoi caratteri specifici, è quindi di nicchia (Nike nella sola Indonesia produce 6 milioni di paia di scarpe). 59

60 Modalità di distribuzione (selettiva) Agenzie direttamente coordinate dalla sede principale Rete di agenti Italia + agenzie in Austria, Germani e Paesi Bassi Sales Manager Italia / Agenzie Customer Service (8 persone) Distributori autonomi esclusivisti seguiti da un International Sales Manager Distributori esclusivisti (rete capillare) Export Sales Manager Customer Service (8 persone) Questa modalità di distribuzione, alternativa al modello tradizionale, elimina ulteriori passaggi e intermediari permettendo di avvicinare l azienda al consumatore finale. Questo si traduce in un maggior margine di profitto. 60

61 Mantenere la sede produttiva in Italia permette di: Affiancare l automazione alla manualità e quindi di avere maggiore controllo sulla qualità. Mantenere la percezione del Made in Italy. Mantenere una forte percezione della qualità nella mente del cliente. Avvalersi del know how di professionisti e appassionati del mondo outdoor. Testare i prodotti in fase di prototipazione direttamente sul campo. Essere ispirati dall ambiente circostante (le Dolomiti). L elevata qualità derivante da questi elementi permette il riconoscimento da parte del mercato di un premium price. 61

62 Il target Persona amante della montagna e del mondo outdoor, alla ricerca di un elevata funzionalità. Assume particolare rilevanza il target più giovane perché è quello più legato al mondo dell arrampicata. 62

63 Partecipazione come casa madre a importanti fiere internazionali di settore in Germania e Stati Uniti e inoltre sfrutta le fiere dei suoi importatori per supportarli. Strategia per il Sell In Come comunicare il marchio? Outdoor instinct E il concetto che sta alla base dell attività di comunicazione, richiama l appartenenza ad un universo di valori outdoor. Sito Internet aziendale. Permette l interazione diretta con i consumatori. Inoltre riesce ad interagire con il target più giovane. Strategia per il Sell Out Campagna pubblicitaria su magazine internazionali del settore. (Alp, Correre, Rock & Ice etc ). Permette di mostrare approfondimenti e dati specifici sui prodotti. Ora propongono anche l urban climbing. Organizzazione di eventi sportivi La Sportiva Climbing Party a edizione Ice Climbing Festival Ice Master World Cup Torino Winter Pack Street Boulder Contest Milano Mountain Kingdom Crea valore emozionale. Il Brand viene sperimentato. Sponsorizzazione di eventi internazionali di alto livello e utilizzo di testimonial. 63

64 La nicchia intesa come ambito trasversale AMC Eagle del

65 La nicchia intesa come ambito trasversale 65

66 Parte del portafoglio prodotti Audi A3 C A4 Avant D Q5 Off roader Segmento A3 Cabriolet A4 Allroad quattro (Crossover) Q5 Hybrid Varianti speciali della sotto categoria Nicchia trasversale a più segmenti. La Cross Over si è inserita tra due segmenti ( D e Off roader ). Questa nicchia porterà ad erodere parte del mercato delle altre due vetture della stessa casa ma 66

«La Sportiva: un agile azienda nel contesto alpino internazionale: L obiettivo qualità»

«La Sportiva: un agile azienda nel contesto alpino internazionale: L obiettivo qualità» «La Sportiva: un agile azienda nel contesto alpino internazionale: L obiettivo qualità» La Sportiva ha sede in Val di Fiemme, in Trentino La Sportiva: 84 anni di storia La Sportiva nasce ufficialmente

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Analisi sui cambiamenti realizzati dalle imprese di chimica fine e specialità per affrontare la crisi Centro Studi Federchimica Giugno 2011 Con un questionario

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

IMPORTANZA DEI SERVIZI E DELLA LORO INTEGRAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA ITALIA (Giorgio Merli FITA Confindustria)

IMPORTANZA DEI SERVIZI E DELLA LORO INTEGRAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA ITALIA (Giorgio Merli FITA Confindustria) IMPORTANZA DEI SERVIZI E DELLA LORO INTEGRAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA ITALIA (Giorgio Merli FITA Confindustria) ELEMENTI DI SCENARIO a) le evoluzioni strutturali del business

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

Come diventare imprese con alte performance

Come diventare imprese con alte performance Come diventare imprese con alte performance Uno studio su posizionamento di mercato, capacità distintive, anatomia della performance a cura di Marino Fadda Come diventare imprese con alte performance a

Dettagli

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING COMMENTO FRASI LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING Il management deve convincersi non di fabbricare prodotti, ma di fornire soddisfazioni che creano valore per i clienti (Levitt) - mission del mkt è

Dettagli

Azienda: Mission e Vision

Azienda: Mission e Vision Azienda: Mission e Vision Apple è l azienda che negli anni Settanta ha rivoluzionato il mercato informatico e che ha reinventato il personal computer con il suo Macintosh, introducendo l interfaccia grafica

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com IL RUOLO DEL BRAND di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management Sommario Introduzione...3 Definizione di marchio...4 Che cosa rende un marchio forte...4 Marchio e pubblicità...5 Monitoraggio...6

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online Ci occupiamo di realizzare progetti per aziende produttrici grazie ai quali distribuire e vendere prodotti e servizi. Con gli anni abbiamo

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Lucidi di Giuseppe Toscano 1 Domande guida per

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Convegno Nazionale dei Gruppi Agenti di Fondiaria e Sai Roma, 12 13 ottobre 2012 Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Fabio Orsi, IAMA Consulting Uno scenario complesso La grande

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Valutare la Business Idea

Valutare la Business Idea Valutare la Business Idea Paolo Gubitta () paolo.gubitta@unipd.it 2 aprile 2007 Obiettivi dell incontro Chiarire concetto, componenti e dinamiche della Business Idea Illustrare gli strumenti per compiere

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

Wine Management Lab La leadership del vino italiano come ambasciatore del Made in Italy: possibilità o realtà?

Wine Management Lab La leadership del vino italiano come ambasciatore del Made in Italy: possibilità o realtà? CDR - Claudio Dematté Research Wine Management Lab La leadership del vino italiano come ambasciatore del Made in Italy: possibilità o realtà? 7.10.2015 Una matrice agricola.. 60% delle imprese ha matrice

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE. Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015

Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE. Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015 Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015 LEZIONE 12 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO IL MARKETING CONCEPT L insieme delle attività che mirano

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1

Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1 Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1 Di che cosa si occupa il marketing? Qual è l obiettivo del marketing? Si spieghi la differenza tra consumatori

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore)

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) PROGRAMMA WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) - Il comportamento dei costi aziendali: costi variabili vs. costi fissi, costi diretti vs. costi

Dettagli

5. Segmentazione, targeting e posizionamento Giacomo Gistri

5. Segmentazione, targeting e posizionamento Giacomo Gistri 5. Segmentazione, targeting e posizionamento Giacomo Gistri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA Facoltà di Scienze della Comunicazione Anno 2011-12 Segmentazione Un singolo prodotto non può soddisfare

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

LE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE NEL SETTORE FINANZIARIO

LE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE NEL SETTORE FINANZIARIO LE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE NEL SETTORE FINANZIARIO Anna Zinola Università degli Studi di Pavia Roma, 7 novembre 2005 Agenda Lo scenario di riferimento Le tendenze della comunicazione nel settore finanza

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 OBIETTIVI DELL AZIENDA Massimizzare l utilità risorse Aumentare redditività e profitto Soddisfare il cliente / costruire

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012

L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012 L evoluzione delle agenzie di assicurazione 2012 Indagine sulla agent satisfaction degli agenti Generali Presentazione al Consiglio Direttivo Bologna, 15 novembre 2012 Copyright by IAMA Consulting Srl,

Dettagli

Digital marketing: scenari

Digital marketing: scenari Università Degli Studi Di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Sociali - Corso di Laurea in Culture Digitali e Della Comunicazione Digital marketing: scenari Dall Internet Marketing a Digital Marketing.

Dettagli

Lezione 15 30 APRILE 2010

Lezione 15 30 APRILE 2010 Lezione 15 30 APRILE 2010 Concetti visti Differenziazione Posizionamento su concorrenza e su valore per il cliente (attributo, beneficio, occasione d uso, categoria di utilizzatori, dissociazione) Unique

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio

Driver di competitività nel settore Autonoleggio BOZZA, 17 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio2014 Premessa L Ente Bilaterale Nazionale Autonoleggio ha lo scopo

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione Chi siamo Rete Value è una società di Marketing, Vendite e Rappresentanza, che opera sul Mercato Italiano a supporto di tutte le aziende, imprese, grossi gruppi, banche ed holding commerciali. Nasce dall

Dettagli

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi.

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi. http://www.sinedi.com ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1 L innovazione dei modelli di Business può essere guidata dalla

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Domande guida per la discussione 1. Si presentino

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE A cura di: Fausto Chironi, Andrea Panichi Cap. 5, Thompson A., Strickland

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Prefazione Prefazione

Prefazione Prefazione Tra i fattori strutturali dell economia e del sistema industriale italiano spiccano due caratteristiche: la prevalenza di imprese di piccole e medie dimensioni nelle quali si notano la contemporanea presenza

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

LA STORIA NEL FUTURO Cosmesi italiana: Competere nel mercato internazionale

LA STORIA NEL FUTURO Cosmesi italiana: Competere nel mercato internazionale LA STORIA NEL FUTURO Cosmesi italiana: Competere nel mercato internazionale Relatore: Dott. Alberto Pollini- Direttore Commerciale e Marketing Mirato S.p.A. CHI E MIRATO Mirato è uno dei principali protagonisti

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile:

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile: La pianificazione strategica nelle Pmi: criticità e prospettive L'innovazione è un fattore critico di successo e di competitività: per il lancio o il restyling di prodotti possono essere utilizzate tecniche

Dettagli

RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM

RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM Emilio Spera 4/11/2001 e.spera@tiscalinet.it IL PIANO DI MARKETING ON LINE di PCX

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli