La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA"

Transcript

1 MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATLANTE REGIONALE DELLE FRANE La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA a cura di: Dott. Geol. Luca Dei Cas U.O. Centro di Monitoraggio Geologico

2 Attività del CMG ARPA, mediante il proprio Centro di Monitoraggio Geologico della Lombardia (CMG), compie un azione di controllo del territorio attraverso il monitoraggio di alcuni dei principali dissesti presenti in Lombardia I dati acquisiti da tale rete di monitoraggio vengono analizzati e processati al fine di consentire valutazioni sui modi e sui tempi di evoluzione dei fenomeni di dissesto Per le aree dotate di una rete di monitoraggio geologico finalizzata all attivazione di piani d emergenza all insorgere di situazioni di criticità, così come definite dalla DGR 22 dicembre 2008 n. 8/8753, il CMG si occupa di avvisare la sala operativa di Regione Lombardia affinché possano essere assunti i successivi provvedimenti

3 Attività del CMG

4 Rete di acquisizione e trasmissione dati TRASMISSIONE DATI Le reti di monitoraggio di ARPA prevedono l utilizzo di standard per eccellenza, ovvero: - il protocollo di comunicazione TCP/IP sulle reti - la modalità di trasferimento di informazioni FTP (File Transfer Protocol) come formato con cui rendere disponibili i dati - l utilizzo di codifiche anagrafiche unificate - l implementazione automatica del data base unificato MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATALNTE REGIONALE DELLE FRANE

5 Rete di acquisizione e trasmissione dati TRASMISSIONE DATI Le reti di monitoraggio di ARPA prevedono l utilizzo di standard per eccellenza, ovvero: - il protocollo di comunicazione TCP/IP sulle reti - la modalità di trasferimento di informazioni FTP (File Transfer Protocol) come formato con cui rendere disponibili i dati - l utilizzo di codifiche anagrafiche unificate - l implementazione automatica del data base unificato - la consultazione dei dati attraverso il web secondo profili utente differenziati in funzione delle competenze istituzionali

6 Rete di acquisizione e trasmissione dati TRASMISSIONE DATI Le reti di monitoraggio di ARPA prevedono l utilizzo di standard per eccellenza, ovvero: - il protocollo di comunicazione TCP/IP sulle reti - la modalità di trasferimento di informazioni FTP (File Transfer Protocol) come formato con cui rendere disponibili i dati - l utilizzo di codifiche anagrafiche unificate - l implementazione automatica del data base unificato - la consultazione dei dati attraverso il web secondo profili utente differenziati in funzione delle competenze istituzionali

7 Rete di acquisizione e trasmissione dati ACQUISIZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI

8 Rete di acquisizione e trasmissione dati

9 Monitoraggi conoscitivi e di allertamento Sostanzialmente le reti di monitoraggio si suddividono in: Monitoraggi conoscitivi: - esatta delimitazione di un fenomeno sia in termini di estensione areale che di profondità - quantificazione dei movimenti in atto e loro variazione spazio-temporale - dipendenza dei movimenti dal mutare delle condizioni idrauliche e meteorologiche - efficienza di eventuali opere di stabilizzazione o consolidamento - controllo strumentale delle opere eseguite Monitoraggi a fini di allertamento: - finalizzati all attivazione di piani d allertamento E del tutto evidente che i monitoraggi a fini di allertamento debbono essere monitoraggi in continuo e con trasmissione dati real time o near real time

10 Monitoraggi conoscitivi e di allertamento AREE AD ACQUISIZIONE AUTOMATICA FINALIZZATA ALL ALLERTAMENTO - Frana di Val Pola (Sondrio)* - Frane della Val Torreggio (Sondrio)* - Frana di Spriana (Sondrio)* - Area di Semogo (Sondrio)* - Frana del Ruinon (Sondrio)* - Area Ciudée - Campo Franscia (Sondrio)* - Area di Valle di Saviore (Brescia)* - Area del Monte Pizzo (Bergamo)* - Frana Gera Lario (Como)** - Frana di Idro (Brescia)* - Val Genasca (Sondrio) * - Frana Pal (Brescia) * Per alcune di queste aree* sono già previste, sulla base dei dati di monitoraggio acquisiti, procedure codificate inerenti la segnalazione all esterno (CFRM) di condizioni di rischio. Per le altre aree* l azione di monitoraggio è attualmente di tipo conoscitivo ma sono in corso studi per la definizione di soglie d allertamento.

11 Scenari d evento, soglie e criticità L attivazione delle azioni previste in un piano di protezione civile può essere considerata la finalità per eccellenza di un sistema di monitoraggio posto a presidio di una infrastruttura o di un insediamento Per le azioni legate all attivazione di un piano di protezione civile è necessario che siano definiti uno o più scenari d evento legati all evoluzione dello specifico dissesto Tali scenari d evento saranno legati a fasi di criticità crescenti L individuazione di criticità presuppone la definizione di soglie d allertamento al superamento delle quali vanno intraprese determinate azioni codificate appunto nei piani d emergenza. Le soglie sono valori numerici, determinati da una o più variabili, che evidenziano una variazione di comportamento del sistema monitorato tale da causare un aumento di pericolosità. Generalmente le soglie sono individuate rispetto a spostamenti evidenziati da singoli o gruppi di strumenti omogenei (es. soglie per estensimetri, soglie per inclinometri, soglie radar, ecc...) ed i valori numerici in aumento individuano passaggi dalla normalità a situazioni crescenti di criticità. E importante sottolineare la necessità di mantenere continuamente aggiornata la definizione delle soglie e l applicabilità dei piani d emergenza anche al fine di ridurre al minimo i falsi allarmi

12 Scenari d evento, soglie e criticità Nell ambito delle attività del CMG viene utilizzata la seguente terminologia riferita ad un predeterminato superamento di un livello di soglia: Criticità ordinaria (Attenzione): condizione di presunta anormalità che, salvo situazioni particolari, non comporta variazioni organizzative interne in termini di presidio dei sistemi di monitoraggio. Tale condizione deriva dal processamento di dati di monitoraggio rispetto a predefinite soglie e da eventuali verifiche in situ. Tale condizione non implica alcuna comunicazione ai soggetti esterni coinvolti nella gestione delle situazioni di emergenza Criticità moderata: condizione di anormalità che deriva dal processamento di dati di monitoraggio, rispetto predefinite soglie e da eventuali verifiche in situ. Comporta necessariamente una formale comunicazione al CFMR, preposto alla gestione delle procedure di emergenza. Parimenti anche il termine e/o il rientro dei processi che determinano lo condizione di criticità moderata - Codice 2 deve essere formalmente comunicato al CFMR Criticità elevata: condizione di accertata anormalità che deriva dal processamento di dati di monitoraggio, rispetto predefinite soglie e da eventuali verifiche in situ. Comporta necessariamente una formale comunicazione al CFMR preposto alla gestione dell emergenza. Parimenti, il termine e/o il rientro dei processi che determinano lo condizione di criticità elevata - Codice 3 deve essere formalmente comunicato al CFMR

13 Processamento dei dati Una volta acquisito il dato riferibile ad un tempo (τ), viene processato, per confronto, con quello di un prestabilito tempo (es. τ-1) al fine di individuare eventuali scostamenti dalla situazione di stabilità sino ad allora presente Generalmente il dato processato è relativo ad uno spostamento lineare (estensimetri, radar, gps, altezza di falda, ecc ), angolare (inclinometri profondi e superficiali) o alla quantità di pioggia caduta nell intervallo di tempo (pluviometri). Ad esempio: DATO PRE PROCESSATO = L (τ) L (τ-1) DATO PRE PROCESSATO = α (τ) α (τ-1)

14 Processamento dei dati Il valore numerico, come ottenuto dalla differenza fra il dato al tempo τ ed il precedente dato al tempo τ-1, viene confrontato con un prestabilito valore (valore di soglia) Laddove detto confronto evidenzi una situazione di potenziale criticità, ovvero DATO PRE PROCESSATO > VALORE DI SOGLIA il sistema automatico genera un avviso che fa scattare l operatività dei tecnici del CMG

15 1 - Superamento di soglie geotecniche

16 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO RIENTRO STATO DI ATTENZIONE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR IL RIENTRO DELLA CRITICITA QUINDI SI DISATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG RIENTRO STATO DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO MOVIMENTO SIGNIFICATIVO CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE

17 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA I dati dei sensori automatici vengono acquisiti con frequenza semioraria, per 24 ore consecutive, per 365 giorni l anno e trasmessi alla sede del CMG in tempo reale prioritariamente con modalità GPRS e, quando non funzionante detta modalità, via radio (se disponibile) L organizzazione quotidiana del lavoro del CMG prevede che venga individuato un tecnico che è responsabile, in orario di servizio, della verifica del superamento di soglie, della tacitazione dei segnali d allarme e della eventuale segnalazione al CFMR Inoltre quotidianamente i tecnici del CMG in servizio di pronta disponibilità valutano le segnalazioni di criticità e rispondono ad eventuali chiamate fuori orario d ufficio (dalle 17,00 alle 8:00 e H24 nei giorni festivi) in quanto organizzati in turni di reperibilità

18 Strumenti per la reperibilità 365 giorni l anno, 24h su 24h due Tecnici del CMG risultano reperibili anche grazie all utilizzo di tablet pc con connessione permanente ad Internet

19 Strumenti per la reperibilità Sul 365 tablet giorni del l anno, reperibile 24h su giungono 24h due in Tecnici tempo del reale CMG i messaggi risultano reperibili di allerta anche degli strumenti grazie all utilizzo del monitoraggio di tablet pc con connessione permanente ad Internet

20 Strumenti per la reperibilità Sul nonché 365 tablet giorni del del l anno, sistema reperibile 24h di Protezione su giungono 24h due Civile in tecnici tempo di Regione del reale CMG Lombardia i messaggi risultano reperibili di allerta anche degli strumenti grazie all utilizzo del monitoraggio di tablet pc con connessione permanente ad Internet.

21 Strumenti per la reperibilità Sul nonché Ovunque tablet del si del sistema trovi reperibile il di Tecnico Protezione giungono può Civile in accedere, tempo di Regione reale con Lombardia i messaggi le proprie di allerta credenziali, degli strumenti all interfaccia del monitoraggio di analisi e gestione del monitoraggio, esattamente come se si trovasse in ufficio

22 Strumenti per la reperibilità Il Tecnico potrà quindi operare una prima valutazione circa la veridicità Sul nonché Ovunque dell allarme tablet del si del tacitando sistema trovi reperibile il di lo Tecnico Protezione stesso giungono o, può qualora Civile in accedere, tempo di lo Regione ritenesse reale con Lombardia. i messaggi attendibile, proprie allerta attivando credenziali, degli le strumenti all interfaccia segnalazioni del e monitoraggio di le analisi procedure e gestione operative del del monitoraggio, caso in base esattamente al livello di criticità come come se si trovasse di seguito in descritto ufficio.

23 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA Moderata criticità

24 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE Nel caso di superamento di soglie prestabilite, il sistema attualmente in funzione presso il CMG prevede l invio di e di un SMS sul telefono del tecnico reperibile Al ricevimento di tale comunicazione il tecnico reperibile deve innanzitutto escludere con certezza casi di malfunzionamenti o danneggiamenti alla strumentazione e valutare la necessità di esperire apposito sopralluogo

25 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007)

26 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007) 2 - Analisi stato stazione GPRS RTU 007

27 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007) 2 - Analisi stato stazione GPRS RTU Analisi misurazione sensore ES3

28 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007) 2 - Analisi stato stazione GPRS RTU Analisi misurazione sensore ES3 4 - Analisi comparata estensimetro + nivometro Palese correlazione misura estensimetrica/precipitazione

29 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG Esclusa anomalia RIENTRO STATO DI ATTENZIONE INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE La soglia di ATTENZIONE, così come individuata nei vigenti piani di protezione civile, non prevede comunicazioni all esterno ma ha effetto solamente sulle modalità interne di esecuzione dei controlli da parte dei tecnici CMG

30 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA Esclusa anomalia ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA Per i rimanenti casi di superamento di soglie (MODERATA ed ELEVATA criticità) le modalità operative prevedono una verifica sul terreno (sopralluogo e/o misure manuali straordinarie ecc ) da parte del personale del CMG e/o delle Guide Alpine In questa fase, per seguire l eventuale evoluzione del fenomeno che può proseguire al di fuori dei normali orari d ufficio, può essere attivato il servizio di pronta disponibilità eventualmente anche con presidio continuativo della sala operativa del CMG

31 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA Esclusa anomalia ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA Per i rimanenti casi di superamento di soglie (MODERATA ed ELEVATA criticità) le modalità operative prevedono una verifica sul terreno (sopralluogo e/o misure manuali straordinarie ecc ) da parte del personale del CMG e/o delle Guide Alpine In questa fase, per seguire l eventuale evoluzione del fenomeno che può proseguire al di fuori dei normali orari d ufficio, può essere attivato il servizio di pronta disponibilità eventualmente anche con presidio continuativo della sala operativa del CMG

32 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA Esclusa anomalia ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO In caso di verifica negativa, ovvero di non conferma del movimento o dell accelerazione, andrà messa in atto, se necessaria, una manutenzione della strumentazione secondo le procedure codificate SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO

33 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE Il CMG, dovrà verificare puntualmente l evolversi dell evento, attraverso la verifica dei dati strumentali, l analisi di tutti gli strumenti posti nel dissesto, il confronto fra spostamenti e dati meteo, MALFUNZIONAMENTO comunicando E/O ogni variazione VERIFICA ANOMALIA significativa TECNICA (con particolare riguardo alla variazione degli stati di criticità) e producendo delle brevi relazioni (anche sottoforma di ) di aggiornamento ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE Durante tutta la fase compresa fra una segnalazione all esterno TECNICO di CMG superamento AVVISA di soglie di Moderata criticità e/o Elevata criticità DIRIGENTE e CMG la comunicazione di ritorno alla normalità, Esclusa anomalia la sede del CMG deve essere presidiata da personale turnante MODERATA per 24 CRITICITA ore al giorno ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO In caso gli esiti del sopralluogo confermino il superamento di soglia, il CMG: - comunica la situazione alla direzione di ARPA ed al CFMR con riferimento ad eventuali piani di protezione civile - attiva ed eventualmente implementa il servizio di reperibilità per proseguire il monitoraggio del fenomeno SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO MOVIMENTO SIGNIFICATIVO Escluso movimento non significativo IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG

34 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE Il CMG, MODERATA dovrà CRITICITA verificare ELEVATA puntualmente CRITICITA l evolversi dell evento, attraverso la verifica dei dati strumentali, In caso di cessazione l analisi delle di criticità, tutti gli strumenti ovvero di posti rientro nel dissesto, dalle segnalazioni il confronto di superamento di soglie fra spostamenti di Moderata e criticità dati meteo, ed Elevata MALFUNZIONAMENTO comunicando criticità, E/O ogni le variazione condizioni andranno attentamente VERIFICA ANOMALIA significativa valutate TECNICA (con e giustificate particolare tecnicamente, riguardo alla con variazione la stesura degli di sintetica relazione stati di criticità) e producendo delle brevi relazioni (anche sottoforma di ) di aggiornamento SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE Durante tutta la fase compresa fra una segnalazione Di dette modifiche all esterno degli stati TECNICO di di CMG superamento criticità il CMG AVVISA di soglie darà comunicazione di Moderata criticità al proprio e/o interno ed al CFMR Elevata criticità DIRIGENTE e CMG la comunicazione di ritorno alla normalità, ATTENZIONE Esclusa anomalia la sede del CMG deve essere presidiata da personale turnante MODERATA per 24 CRITICITA ore al giorno ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO RIENTRO STATO DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO Escluso movimento non significativo CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR IL RIENTRO DELLA CRITICITA QUINDI SI DISATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG MOVIMENTO SIGNIFICATIVO CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE

35 2 - Avvisi di criticità meteorologica regionale e superamento di soglie termopluviometeorologiche

36 OPERATIVITA IN CASO DI RICEZIONE DI AVVISI DI CRITICITA METEOROLOGICA REGIONALE In caso di ricezione dell avviso di criticità meteorologica emesso da Regione Lombardia il personale del CMG, addetto alla verifica quotidiana della strumentazione, intensifica la propria azione di controllo anche al fine di attivare, nel caso ve ne fosse necessità, eventuali interventi manutentivi urgenti

37 OPERATIVITA IN CASO DI RICEZIONE DI AVVISI DI CRITICITA METEOROLOGICA REGIONALE L intensificazione dell azione di controllo dovrà essere concentrata in particolare sulle aree di frana (ed i relativi pluviometri di riferimento) comprese all interno delle aree omogenee individuate come critiche: AREA A: Semogo, Val Pola, Ruinon AREA B: Spriana, Torreggio, Campo Franscia, AREA C: Gera Lario, Val Genasca, AREA G: Saviore dell Adamello, Idro AREA H: Branzi A maggior specificazione si chiarisce che ove i pluviometri di cui sopra risultino mal funzionanti verrà data immediata comunicazione al manutentore incaricato che dovrà disporre l urgente intervento finalizzato all eliminazione del malfunzionamento

38 OPERATIVITA IN CASO DI SUPERAMENTO DI SOGLIE PLUVIOMETEOROLOGICHE DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA Per alcune aree di frana sono state stabilite delle soglie meteorologiche SITO SPECIFICHE, esclusivamente o in aggiunta a quelle geotecniche. Tali soglie riguardano quasi unicamente dati di precipitazione In caso di superamento di soglie, il TECNICO incaricato dovrà appurare il buon funzionamento dei sistemi di trasmissione e dovrà verificare la congruità del dato, ad esempio confrontandolo con gli strumenti posti nelle vicinanze Salvo casi eccezionali non sarà necessario provvedere a delle misure di controllo o dei sopralluoghi

39 OPERATIVITA IN CASO DI SUPERAMENTO DI SOGLIE PLUVIOMETEOROLOGICHE DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA Successivamente, analogamente a quanto già visto per il superamento delle soglie geotecniche, una volta verificato il comprovato superamento di soglia: il CMG: - comunica la situazione alla direzione di ARPA ed al CFMR con riferimento ad eventuali piani di protezione civile - attiva ed eventualmente implementa il servizio di reperibilità onde mantenere monitorato il fenomeno attraverso l azione del tecnico reperibile che dovrà verificare puntualmente l evolversi dell evento meteorologico attraverso l analisi dei dati strumentali

40 OPERATIVITA IN CASO DI SUPERAMENTO DI SOGLIE PLUVIOMETEOROLOGICHE DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA Con il RIENTRO dei valori al di sotto della soglia il TECNICO dovrà dapprima accertarsi della correttezza dei valori registrati attraverso il confronto con strumenti collocati nelle vicinanze e, successivamente, dovrà dare comunicazione alla direzione di ARPA ed al CFMR dell avvenuta cessazione/modifica dello stato di criticità

41 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG RIENTRO STATO DI ATTENZIONE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR IL RIENTRO DELLA CRITICITA QUINDI SI DISATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG RIENTRO STATO DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE Le operazioni, ad eccezione dell esecuzione di sopralluoghi e misure manuali di controllo, risultano le medesime da eseguirsi in caso di superamento di soglie geotecniche

42 Per ulteriori informazioni

43

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

Aree monitorate in provincia di Sondrio: il nuovo sistema di gestione dei dati in tempo reale

Aree monitorate in provincia di Sondrio: il nuovo sistema di gestione dei dati in tempo reale Il monitoraggio dei fenomeni franosi Sala Convegni della Comunità Montana della Valsassina Barzio 29 maggio 2009 Aree monitorate in provincia di Sondrio: il nuovo sistema di gestione dei dati in tempo

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

FORUM TELECONTROLLO 2013

FORUM TELECONTROLLO 2013 FORUM TELECONTROLLO 2013 Relazione Titolo: Sulla strada per la Smart City Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Relazione: Le città si stanno trasformando in

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Anno XLVI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 15 del 15.4.2015 Supplemento n. 58 mercoledì, 15 aprile 2015 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana,

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

La Rete Regionale di Controllo dei Fenomeni Franosi

La Rete Regionale di Controllo dei Fenomeni Franosi La Rete Regionale di Controllo dei Fenomeni Franosi Giacomo Re Fiorentin Arpa Piemonte Centro Regionale per le Ricerche Territoriali e Geologiche Il regolamento di organizzazione di Arpa Piemonte, Ente

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATION ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATIONS Cosa sono? Le stazioni sono realizzate conformemente alla direttiva mondiale WMO (World Meteorological Organization), Annex n.8, e sono utilizzate

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare SERVIZIO TRASPORTI,PROTEZIONE CIVILE E SICUREZZA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE N. meccanografico DT008-162-2010 del 10/12/2010 N. determina 6536 del 27/12/2010

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO SINTETICO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri recante indirizzi operativi la predisposizione della parte dei piani di gestione relativa al sistema di allertamento nazionale, statale

Dettagli

o.o nella sede dewente,

o.o nella sede dewente, DELIBERAZIONE N )) S1 SEDUTA DEL 2 6 SET. 2014 PRESIDENZAzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA...,. DIPARTIMENTdzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJ OGGETTO D.P.C.M. 27 febbraio 2004:

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 06 marzo 2013 111 D.G. Protezione civile, polizia locale e sicurezza D.d.s. 1 marzo 2013 - n. 1734 Esito della ricognizione delle pianificazioni provinciali vigenti in materia di protezione civile IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio

Dettagli

Il monitoraggio in Valsassina e le attività del Progetto MORFEO G.B. Crosta, F. Agliardi, P. Frattini

Il monitoraggio in Valsassina e le attività del Progetto MORFEO G.B. Crosta, F. Agliardi, P. Frattini Il monitoraggio in Valsassina e le attività del Progetto MORFEO G.B. Crosta, F. Agliardi, P. Frattini Dipartimento di Scienze Geologiche e Geotecnologie Università degli Studi di Milano Bicocca Ufficio

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio Francesco Antolini Emanuele Tavelli Geosciences and Information Technologies GIT 2015 - San Leo (RN), 17 Giugno 2015 Winet Srl Vu Pham

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Seminario: Il dissesto idrogeologico: dalla conoscenza del territorio alla sua protezione Milano, 20 maggio 2015 INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Dott. Geol. Dario Fossati Regione

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO Ing. Stefano Allegri Tec.Comunale Sindaco Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Pag. 1 di 1 1. CONSIDERAZIONI

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Regione Molise Servizio per la Protezione Civile Centro Funzionale del Molise SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Approvato con D.G.R. n. 152 del 23.02.2009 Stato:

Dettagli

Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi

Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi Le frane sono fenomeni complessi, molto differenti tra loro che vanno adeguatamente studiati, caso per caso

Dettagli

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI Procedura B04 ALLERTA 1-2 Pag. 1 di 8 OVE VENGA ADOTTATO UN AVVISO DI CRITICITÀ MODERATA O ELEVATA CON PREAVVISO INFERIORE ALLE 12 ORE DALL INIZIO DELLA CRITICITÀ (INIZIO DELLA CRITICITÀ PREVISTO PER IL

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 27 GENNAIO 2009. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 22 dicembre 2008 - n. 8/8753

MILANO - MARTEDÌ, 27 GENNAIO 2009. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 22 dicembre 2008 - n. 8/8753 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE LANO - MARTEDÌ, 27 GENNAIO 2009 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 16 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Comune di Luino Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Protezione Civile: le novità LEGGE 100 del 12 luglio 2012 (Riordino Protezione Civile) 3-bis. Il comune approva con deliberazione consiliare,

Dettagli

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011 Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile Prefettura di Taranto 6 dicembre 2011 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO 27 febbraio 2004 (G.U. 11-3-2004

Dettagli

Direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allerta per i rischi naturali ai fini di protezione civile

Direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allerta per i rischi naturali ai fini di protezione civile Direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allerta (Testo coordinato della Direttiva approvata con d.g.r. n 8/8753 del 22/12/2008 e modificata con il decreto dirigente

Dettagli

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali Roberto Cremonini Arpa Piemonte Dip. Sistemi Previsionali Rocco Pispico Arpa Piemonte Dip. Geologia e Dissesto La nostra geomatica

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO 5 maggio 2010 WWW.PROVINCIA.TORINO.IT 1 PREMESSA...3 IL DISCIPLINARE REGIONALE...4 LE PROCEDURE OPERATIVE DEL SISTEMA

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Provincia di Forlì-Cesena PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO 11.07.08 Numeri Utili e di Reperibilità (aggiornato a giugno 2008) S.O.U.P. Sala

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

Piano Comunale di Emergenza

Piano Comunale di Emergenza Comune di Genova Assessorato alla Protezione Civile Direzione Polizia Municipale Protezione Civile Funzioni Speciali Sezione Protezione Civile Pubblica Incolumità Piano Comunale di Emergenza Schema Operativo

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP 1 Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Funzione Impianti CMP Funzione Impianti nei CMP: contesto 2 Il contesto ci chiede di confrontarci giornalmente con una riduzione dei volumi e una richiesta sempre maggiore

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004.

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/11 DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. Affidamento ad ARPAV delle attività di supporto al funzionamento del Centro Funzionale Decentrato presso

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Saie Built Academy: scienze e tecnologie per costruire città e territorio Bologna 22 Ottobre 2014 Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Matteo Berti Dipartimento BIGEA -

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALDERA

UNIONE DEI COMUNI VALDERA UNIONE DEI COMUNI VALDERA VERBALE DELLA II COMMISSIONE PONTEDERA 04 GIUGNO 2015 All ordine del giorno ci sono 1. Regolamento per la disciplina del servizio pubblico non di linea NCC noleggio con conducente

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA

Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche Ing. Emilio Benati Presidente di FAST SpA «Competitività e Sostenibilità. Progetti e tecnologie al servizio delle reti di

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Software sviluppati dal Centro Funzionale per la gestione, l archiviazione e l elaborazione dei prodotti utilizzati

Software sviluppati dal Centro Funzionale per la gestione, l archiviazione e l elaborazione dei prodotti utilizzati CEntro funzionale per la previsione meteorologica e il monitoraggio MeteoPluvioIDrometrico e delle frane Settore Programmazione Interventi di Protezione Civile sul Territorio Regione Campania Software

Dettagli

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007 STRATEGIE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO Sviluppi e prospettive per il territorio transfrontaliero Milano, 26 ottobre 2010 PIC INTERREG III A 2000-2006 ALCOTRA PROGETTO RIVES protezione del territorio

Dettagli

Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza di coperture in cemento- amianto negli edifici

Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza di coperture in cemento- amianto negli edifici Comitato di Direzione Amianto (Istituito con DGR n. 64-3574 del 19 marzo 2012) Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza di coperture in cemento- amianto negli

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO VOL 2.2 2013 Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE previsione, prevenzione e pianificazione di emergenza

PROTEZIONE CIVILE previsione, prevenzione e pianificazione di emergenza Id : 3 1 8 S P 7 2 c o d ic e : 3 1 8-0 7 5-0 7 2 a l K m : 8 1,8 5 0 C o m u n e : D e rvio c o rs o d a c q u a : V a rro n e PROTEZIONE CIVILE previsione, prevenzione e pianificazione di emergenza RISCHIO:

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI IN TICINO. SUPSI Istituto Scienze della Terra Christian Ambrosi

IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI IN TICINO. SUPSI Istituto Scienze della Terra Christian Ambrosi IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI IN TICINO SUPSI Istituto Scienze della Terra Christian Ambrosi IST: Settori di attività Institute of Earth Sciences Continuing education Engineering geology Geomatic

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5 Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 5 Quadro dei processi alluvionali prevalenti

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI Giovanni Barozzi, Agostino Colombi AUTECO SISTEMI SRL Via Nazionale, 7 27049 Stradella (PV) auteco@auteco.net Sommario

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

GESFRA -GESES. Sistema per il monitoraggio remoto di Eventi Franosi ed Esondazioni GESFRA

GESFRA -GESES. Sistema per il monitoraggio remoto di Eventi Franosi ed Esondazioni GESFRA GESFRA -GESES Sistema per il monitoraggio remoto di Eventi Franosi ed Esondazioni 1 INDICE DOCUMENTO 1. Premesse progettuali del sistema GESFRA 2. Obiettivi già raggiunti del sistema GESFRA 3. 4. Funzionamento

Dettagli

- con DD n. 275 del 18 aprile 2012 sono stati nominati i componenti delegati dalle direzioni regionali e il presidente del Comitato di Direzione;

- con DD n. 275 del 18 aprile 2012 sono stati nominati i componenti delegati dalle direzioni regionali e il presidente del Comitato di Direzione; REGIONE PIEMONTE BU5 31/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 18 dicembre 2012, n. 40-5094 Approvazione del Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza

Dettagli

Attenzione. Allerta. Allarme. da adottare nel monitoraggio del movimento di versante per il

Attenzione. Allerta. Allarme. da adottare nel monitoraggio del movimento di versante per il Individuazione delle soglie di Attenzione Allerta Allarme da adottare nel monitoraggio del movimento di versante per il Piano di Protezione Civile di S. Maria Maddalena di Ripoli in comune di San Benedetto

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Dr. Geologo Luca Dei Cas Dirigente U.O. Centro Monitoraggio Geologico di ARPA Lombardia The Geologic Monitoring Center (CMG) started

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Brunier Fabio Indirizzo 4, Fraz. Marsan, 11020, Nus, Aosta Cellulare 33 96 94 34 27 Fax E-mail fabiobrunier@libero.it Data di nascita 08.05.1978 Nazionalità Italiana

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni

Il sistema di valutazione delle prestazioni Il sistema di valutazione delle prestazioni MANUALE aggiornato a gennaio 2015 a cura del servizio Organizzazione e sviluppo INDICE 1. Introduzione: il processo di valutazione 2. Pianificazione degli obiettivi

Dettagli

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda Scenario Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda I servizi di ronda/ispezione forniti dagli Istituti di Vigilanza vengono effettuati da Guardie Giurate incaricate di verificare ed ispezionare

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. Centrale antifurto combinata filare - RF GW10931

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. Centrale antifurto combinata filare - RF GW10931 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE Centrale antifurto combinata filare - RF GW10931 GW10931 - MANUALE DI PROGRAMMAZIONE - 70154364 PER L INSTALLATORE: AVVERTENZE Attenersi scrupolosamente alle norme operanti sulla

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 B. Primo Piano di gestione del rischio di alluvioni (PGRA

Dettagli

COMPUTERASSIST. GESTIONE MESSAGGI ALLERTAMENTO GESTIONE NOTIFICA REPERIBILI 24h/24h INVIO FAX A LISTE DI DISTRIBUZIONE

COMPUTERASSIST. GESTIONE MESSAGGI ALLERTAMENTO GESTIONE NOTIFICA REPERIBILI 24h/24h INVIO FAX A LISTE DI DISTRIBUZIONE GESTIONE MESSAGGI ALLERTAMENTO GESTIONE NOTIFICA REPERIBILI 24h/24h INVIO FAX A LISTE DI DISTRIBUZIONE PER LE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE L evoluzione e il coinvolgimento sempre più importante delle

Dettagli