La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA"

Transcript

1 MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATLANTE REGIONALE DELLE FRANE La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA a cura di: Dott. Geol. Luca Dei Cas U.O. Centro di Monitoraggio Geologico

2 Attività del CMG ARPA, mediante il proprio Centro di Monitoraggio Geologico della Lombardia (CMG), compie un azione di controllo del territorio attraverso il monitoraggio di alcuni dei principali dissesti presenti in Lombardia I dati acquisiti da tale rete di monitoraggio vengono analizzati e processati al fine di consentire valutazioni sui modi e sui tempi di evoluzione dei fenomeni di dissesto Per le aree dotate di una rete di monitoraggio geologico finalizzata all attivazione di piani d emergenza all insorgere di situazioni di criticità, così come definite dalla DGR 22 dicembre 2008 n. 8/8753, il CMG si occupa di avvisare la sala operativa di Regione Lombardia affinché possano essere assunti i successivi provvedimenti

3 Attività del CMG

4 Rete di acquisizione e trasmissione dati TRASMISSIONE DATI Le reti di monitoraggio di ARPA prevedono l utilizzo di standard per eccellenza, ovvero: - il protocollo di comunicazione TCP/IP sulle reti - la modalità di trasferimento di informazioni FTP (File Transfer Protocol) come formato con cui rendere disponibili i dati - l utilizzo di codifiche anagrafiche unificate - l implementazione automatica del data base unificato MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATALNTE REGIONALE DELLE FRANE

5 Rete di acquisizione e trasmissione dati TRASMISSIONE DATI Le reti di monitoraggio di ARPA prevedono l utilizzo di standard per eccellenza, ovvero: - il protocollo di comunicazione TCP/IP sulle reti - la modalità di trasferimento di informazioni FTP (File Transfer Protocol) come formato con cui rendere disponibili i dati - l utilizzo di codifiche anagrafiche unificate - l implementazione automatica del data base unificato - la consultazione dei dati attraverso il web secondo profili utente differenziati in funzione delle competenze istituzionali

6 Rete di acquisizione e trasmissione dati TRASMISSIONE DATI Le reti di monitoraggio di ARPA prevedono l utilizzo di standard per eccellenza, ovvero: - il protocollo di comunicazione TCP/IP sulle reti - la modalità di trasferimento di informazioni FTP (File Transfer Protocol) come formato con cui rendere disponibili i dati - l utilizzo di codifiche anagrafiche unificate - l implementazione automatica del data base unificato - la consultazione dei dati attraverso il web secondo profili utente differenziati in funzione delle competenze istituzionali

7 Rete di acquisizione e trasmissione dati ACQUISIZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI

8 Rete di acquisizione e trasmissione dati

9 Monitoraggi conoscitivi e di allertamento Sostanzialmente le reti di monitoraggio si suddividono in: Monitoraggi conoscitivi: - esatta delimitazione di un fenomeno sia in termini di estensione areale che di profondità - quantificazione dei movimenti in atto e loro variazione spazio-temporale - dipendenza dei movimenti dal mutare delle condizioni idrauliche e meteorologiche - efficienza di eventuali opere di stabilizzazione o consolidamento - controllo strumentale delle opere eseguite Monitoraggi a fini di allertamento: - finalizzati all attivazione di piani d allertamento E del tutto evidente che i monitoraggi a fini di allertamento debbono essere monitoraggi in continuo e con trasmissione dati real time o near real time

10 Monitoraggi conoscitivi e di allertamento AREE AD ACQUISIZIONE AUTOMATICA FINALIZZATA ALL ALLERTAMENTO - Frana di Val Pola (Sondrio)* - Frane della Val Torreggio (Sondrio)* - Frana di Spriana (Sondrio)* - Area di Semogo (Sondrio)* - Frana del Ruinon (Sondrio)* - Area Ciudée - Campo Franscia (Sondrio)* - Area di Valle di Saviore (Brescia)* - Area del Monte Pizzo (Bergamo)* - Frana Gera Lario (Como)** - Frana di Idro (Brescia)* - Val Genasca (Sondrio) * - Frana Pal (Brescia) * Per alcune di queste aree* sono già previste, sulla base dei dati di monitoraggio acquisiti, procedure codificate inerenti la segnalazione all esterno (CFRM) di condizioni di rischio. Per le altre aree* l azione di monitoraggio è attualmente di tipo conoscitivo ma sono in corso studi per la definizione di soglie d allertamento.

11 Scenari d evento, soglie e criticità L attivazione delle azioni previste in un piano di protezione civile può essere considerata la finalità per eccellenza di un sistema di monitoraggio posto a presidio di una infrastruttura o di un insediamento Per le azioni legate all attivazione di un piano di protezione civile è necessario che siano definiti uno o più scenari d evento legati all evoluzione dello specifico dissesto Tali scenari d evento saranno legati a fasi di criticità crescenti L individuazione di criticità presuppone la definizione di soglie d allertamento al superamento delle quali vanno intraprese determinate azioni codificate appunto nei piani d emergenza. Le soglie sono valori numerici, determinati da una o più variabili, che evidenziano una variazione di comportamento del sistema monitorato tale da causare un aumento di pericolosità. Generalmente le soglie sono individuate rispetto a spostamenti evidenziati da singoli o gruppi di strumenti omogenei (es. soglie per estensimetri, soglie per inclinometri, soglie radar, ecc...) ed i valori numerici in aumento individuano passaggi dalla normalità a situazioni crescenti di criticità. E importante sottolineare la necessità di mantenere continuamente aggiornata la definizione delle soglie e l applicabilità dei piani d emergenza anche al fine di ridurre al minimo i falsi allarmi

12 Scenari d evento, soglie e criticità Nell ambito delle attività del CMG viene utilizzata la seguente terminologia riferita ad un predeterminato superamento di un livello di soglia: Criticità ordinaria (Attenzione): condizione di presunta anormalità che, salvo situazioni particolari, non comporta variazioni organizzative interne in termini di presidio dei sistemi di monitoraggio. Tale condizione deriva dal processamento di dati di monitoraggio rispetto a predefinite soglie e da eventuali verifiche in situ. Tale condizione non implica alcuna comunicazione ai soggetti esterni coinvolti nella gestione delle situazioni di emergenza Criticità moderata: condizione di anormalità che deriva dal processamento di dati di monitoraggio, rispetto predefinite soglie e da eventuali verifiche in situ. Comporta necessariamente una formale comunicazione al CFMR, preposto alla gestione delle procedure di emergenza. Parimenti anche il termine e/o il rientro dei processi che determinano lo condizione di criticità moderata - Codice 2 deve essere formalmente comunicato al CFMR Criticità elevata: condizione di accertata anormalità che deriva dal processamento di dati di monitoraggio, rispetto predefinite soglie e da eventuali verifiche in situ. Comporta necessariamente una formale comunicazione al CFMR preposto alla gestione dell emergenza. Parimenti, il termine e/o il rientro dei processi che determinano lo condizione di criticità elevata - Codice 3 deve essere formalmente comunicato al CFMR

13 Processamento dei dati Una volta acquisito il dato riferibile ad un tempo (τ), viene processato, per confronto, con quello di un prestabilito tempo (es. τ-1) al fine di individuare eventuali scostamenti dalla situazione di stabilità sino ad allora presente Generalmente il dato processato è relativo ad uno spostamento lineare (estensimetri, radar, gps, altezza di falda, ecc ), angolare (inclinometri profondi e superficiali) o alla quantità di pioggia caduta nell intervallo di tempo (pluviometri). Ad esempio: DATO PRE PROCESSATO = L (τ) L (τ-1) DATO PRE PROCESSATO = α (τ) α (τ-1)

14 Processamento dei dati Il valore numerico, come ottenuto dalla differenza fra il dato al tempo τ ed il precedente dato al tempo τ-1, viene confrontato con un prestabilito valore (valore di soglia) Laddove detto confronto evidenzi una situazione di potenziale criticità, ovvero DATO PRE PROCESSATO > VALORE DI SOGLIA il sistema automatico genera un avviso che fa scattare l operatività dei tecnici del CMG

15 1 - Superamento di soglie geotecniche

16 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO RIENTRO STATO DI ATTENZIONE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR IL RIENTRO DELLA CRITICITA QUINDI SI DISATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG RIENTRO STATO DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO MOVIMENTO SIGNIFICATIVO CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE

17 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA I dati dei sensori automatici vengono acquisiti con frequenza semioraria, per 24 ore consecutive, per 365 giorni l anno e trasmessi alla sede del CMG in tempo reale prioritariamente con modalità GPRS e, quando non funzionante detta modalità, via radio (se disponibile) L organizzazione quotidiana del lavoro del CMG prevede che venga individuato un tecnico che è responsabile, in orario di servizio, della verifica del superamento di soglie, della tacitazione dei segnali d allarme e della eventuale segnalazione al CFMR Inoltre quotidianamente i tecnici del CMG in servizio di pronta disponibilità valutano le segnalazioni di criticità e rispondono ad eventuali chiamate fuori orario d ufficio (dalle 17,00 alle 8:00 e H24 nei giorni festivi) in quanto organizzati in turni di reperibilità

18 Strumenti per la reperibilità 365 giorni l anno, 24h su 24h due Tecnici del CMG risultano reperibili anche grazie all utilizzo di tablet pc con connessione permanente ad Internet

19 Strumenti per la reperibilità Sul 365 tablet giorni del l anno, reperibile 24h su giungono 24h due in Tecnici tempo del reale CMG i messaggi risultano reperibili di allerta anche degli strumenti grazie all utilizzo del monitoraggio di tablet pc con connessione permanente ad Internet

20 Strumenti per la reperibilità Sul nonché 365 tablet giorni del del l anno, sistema reperibile 24h di Protezione su giungono 24h due Civile in tecnici tempo di Regione del reale CMG Lombardia i messaggi risultano reperibili di allerta anche degli strumenti grazie all utilizzo del monitoraggio di tablet pc con connessione permanente ad Internet.

21 Strumenti per la reperibilità Sul nonché Ovunque tablet del si del sistema trovi reperibile il di Tecnico Protezione giungono può Civile in accedere, tempo di Regione reale con Lombardia i messaggi le proprie di allerta credenziali, degli strumenti all interfaccia del monitoraggio di analisi e gestione del monitoraggio, esattamente come se si trovasse in ufficio

22 Strumenti per la reperibilità Il Tecnico potrà quindi operare una prima valutazione circa la veridicità Sul nonché Ovunque dell allarme tablet del si del tacitando sistema trovi reperibile il di lo Tecnico Protezione stesso giungono o, può qualora Civile in accedere, tempo di lo Regione ritenesse reale con Lombardia. i messaggi attendibile, proprie allerta attivando credenziali, degli le strumenti all interfaccia segnalazioni del e monitoraggio di le analisi procedure e gestione operative del del monitoraggio, caso in base esattamente al livello di criticità come come se si trovasse di seguito in descritto ufficio.

23 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA Moderata criticità

24 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE Nel caso di superamento di soglie prestabilite, il sistema attualmente in funzione presso il CMG prevede l invio di e di un SMS sul telefono del tecnico reperibile Al ricevimento di tale comunicazione il tecnico reperibile deve innanzitutto escludere con certezza casi di malfunzionamenti o danneggiamenti alla strumentazione e valutare la necessità di esperire apposito sopralluogo

25 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007)

26 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007) 2 - Analisi stato stazione GPRS RTU 007

27 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007) 2 - Analisi stato stazione GPRS RTU Analisi misurazione sensore ES3

28 VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA Esempio di anomalia dovuta a precipitazione nevosa 1 - Moderata criticità frana Val Pola (trasmissione da stazione GPRS RTU 007) 2 - Analisi stato stazione GPRS RTU Analisi misurazione sensore ES3 4 - Analisi comparata estensimetro + nivometro Palese correlazione misura estensimetrica/precipitazione

29 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG Esclusa anomalia RIENTRO STATO DI ATTENZIONE INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE La soglia di ATTENZIONE, così come individuata nei vigenti piani di protezione civile, non prevede comunicazioni all esterno ma ha effetto solamente sulle modalità interne di esecuzione dei controlli da parte dei tecnici CMG

30 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA Esclusa anomalia ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA Per i rimanenti casi di superamento di soglie (MODERATA ed ELEVATA criticità) le modalità operative prevedono una verifica sul terreno (sopralluogo e/o misure manuali straordinarie ecc ) da parte del personale del CMG e/o delle Guide Alpine In questa fase, per seguire l eventuale evoluzione del fenomeno che può proseguire al di fuori dei normali orari d ufficio, può essere attivato il servizio di pronta disponibilità eventualmente anche con presidio continuativo della sala operativa del CMG

31 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA Esclusa anomalia ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA Per i rimanenti casi di superamento di soglie (MODERATA ed ELEVATA criticità) le modalità operative prevedono una verifica sul terreno (sopralluogo e/o misure manuali straordinarie ecc ) da parte del personale del CMG e/o delle Guide Alpine In questa fase, per seguire l eventuale evoluzione del fenomeno che può proseguire al di fuori dei normali orari d ufficio, può essere attivato il servizio di pronta disponibilità eventualmente anche con presidio continuativo della sala operativa del CMG

32 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA Esclusa anomalia ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO In caso di verifica negativa, ovvero di non conferma del movimento o dell accelerazione, andrà messa in atto, se necessaria, una manutenzione della strumentazione secondo le procedure codificate SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO

33 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE Il CMG, dovrà verificare puntualmente l evolversi dell evento, attraverso la verifica dei dati strumentali, l analisi di tutti gli strumenti posti nel dissesto, il confronto fra spostamenti e dati meteo, MALFUNZIONAMENTO comunicando E/O ogni variazione VERIFICA ANOMALIA significativa TECNICA (con particolare riguardo alla variazione degli stati di criticità) e producendo delle brevi relazioni (anche sottoforma di ) di aggiornamento ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE Durante tutta la fase compresa fra una segnalazione all esterno TECNICO di CMG superamento AVVISA di soglie di Moderata criticità e/o Elevata criticità DIRIGENTE e CMG la comunicazione di ritorno alla normalità, Esclusa anomalia la sede del CMG deve essere presidiata da personale turnante MODERATA per 24 CRITICITA ore al giorno ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO In caso gli esiti del sopralluogo confermino il superamento di soglia, il CMG: - comunica la situazione alla direzione di ARPA ed al CFMR con riferimento ad eventuali piani di protezione civile - attiva ed eventualmente implementa il servizio di reperibilità per proseguire il monitoraggio del fenomeno SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO MOVIMENTO SIGNIFICATIVO Escluso movimento non significativo IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG

34 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE Il CMG, MODERATA dovrà CRITICITA verificare ELEVATA puntualmente CRITICITA l evolversi dell evento, attraverso la verifica dei dati strumentali, In caso di cessazione l analisi delle di criticità, tutti gli strumenti ovvero di posti rientro nel dissesto, dalle segnalazioni il confronto di superamento di soglie fra spostamenti di Moderata e criticità dati meteo, ed Elevata MALFUNZIONAMENTO comunicando criticità, E/O ogni le variazione condizioni andranno attentamente VERIFICA ANOMALIA significativa valutate TECNICA (con e giustificate particolare tecnicamente, riguardo alla con variazione la stesura degli di sintetica relazione stati di criticità) e producendo delle brevi relazioni (anche sottoforma di ) di aggiornamento SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE Durante tutta la fase compresa fra una segnalazione Di dette modifiche all esterno degli stati TECNICO di di CMG superamento criticità il CMG AVVISA di soglie darà comunicazione di Moderata criticità al proprio e/o interno ed al CFMR Elevata criticità DIRIGENTE e CMG la comunicazione di ritorno alla normalità, ATTENZIONE Esclusa anomalia la sede del CMG deve essere presidiata da personale turnante MODERATA per 24 CRITICITA ore al giorno ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE PIANIFICAZIONE SOPRALLUOGO TECNICO/GUIDA ALPINA MOVIMENTO NON SIGNIFICATIVO E/O MALFUNZIONAMENTO RIENTRO STATO DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA SOPRALLUOGO E MISURE MANUALI DI CONTROLLO Escluso movimento non significativo CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR IL RIENTRO DELLA CRITICITA QUINDI SI DISATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG MOVIMENTO SIGNIFICATIVO CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE

35 2 - Avvisi di criticità meteorologica regionale e superamento di soglie termopluviometeorologiche

36 OPERATIVITA IN CASO DI RICEZIONE DI AVVISI DI CRITICITA METEOROLOGICA REGIONALE In caso di ricezione dell avviso di criticità meteorologica emesso da Regione Lombardia il personale del CMG, addetto alla verifica quotidiana della strumentazione, intensifica la propria azione di controllo anche al fine di attivare, nel caso ve ne fosse necessità, eventuali interventi manutentivi urgenti

37 OPERATIVITA IN CASO DI RICEZIONE DI AVVISI DI CRITICITA METEOROLOGICA REGIONALE L intensificazione dell azione di controllo dovrà essere concentrata in particolare sulle aree di frana (ed i relativi pluviometri di riferimento) comprese all interno delle aree omogenee individuate come critiche: AREA A: Semogo, Val Pola, Ruinon AREA B: Spriana, Torreggio, Campo Franscia, AREA C: Gera Lario, Val Genasca, AREA G: Saviore dell Adamello, Idro AREA H: Branzi A maggior specificazione si chiarisce che ove i pluviometri di cui sopra risultino mal funzionanti verrà data immediata comunicazione al manutentore incaricato che dovrà disporre l urgente intervento finalizzato all eliminazione del malfunzionamento

38 OPERATIVITA IN CASO DI SUPERAMENTO DI SOGLIE PLUVIOMETEOROLOGICHE DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA Per alcune aree di frana sono state stabilite delle soglie meteorologiche SITO SPECIFICHE, esclusivamente o in aggiunta a quelle geotecniche. Tali soglie riguardano quasi unicamente dati di precipitazione In caso di superamento di soglie, il TECNICO incaricato dovrà appurare il buon funzionamento dei sistemi di trasmissione e dovrà verificare la congruità del dato, ad esempio confrontandolo con gli strumenti posti nelle vicinanze Salvo casi eccezionali non sarà necessario provvedere a delle misure di controllo o dei sopralluoghi

39 OPERATIVITA IN CASO DI SUPERAMENTO DI SOGLIE PLUVIOMETEOROLOGICHE DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA Successivamente, analogamente a quanto già visto per il superamento delle soglie geotecniche, una volta verificato il comprovato superamento di soglia: il CMG: - comunica la situazione alla direzione di ARPA ed al CFMR con riferimento ad eventuali piani di protezione civile - attiva ed eventualmente implementa il servizio di reperibilità onde mantenere monitorato il fenomeno attraverso l azione del tecnico reperibile che dovrà verificare puntualmente l evolversi dell evento meteorologico attraverso l analisi dei dati strumentali

40 OPERATIVITA IN CASO DI SUPERAMENTO DI SOGLIE PLUVIOMETEOROLOGICHE DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA Con il RIENTRO dei valori al di sotto della soglia il TECNICO dovrà dapprima accertarsi della correttezza dei valori registrati attraverso il confronto con strumenti collocati nelle vicinanze e, successivamente, dovrà dare comunicazione alla direzione di ARPA ed al CFMR dell avvenuta cessazione/modifica dello stato di criticità

41 SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI IN TELEMISURA ATTENZIONE MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA VERIFICA TECNICA MALFUNZIONAMENTO E/O ANOMALIA SEGNALAZIONE CORRETTA INTERVENTI PER ELIMINAZIONE ANOMALIE ATTENZIONE TECNICO CMG AVVISA DIRIGENTE CMG MODERATA CRITICITA ELEVATA CRITICITA INTENSIFICAZIONE DELLE VERIFICHE TECNICHE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR, POI SI ATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG RIENTRO STATO DI ATTENZIONE CMG COMUNICA A DIRIGENZA E A CFMR IL RIENTRO DELLA CRITICITA QUINDI SI DISATTIVA IL PRESIDIO h24 DEL CMG RIENTRO STATO DI MODERATA O ELEVATA CRITICITA IL DIRIGENTE CMG INFORMA IL DIRIGENTE STRRN/RSCC CIRCA LE ATTIVITA SVOLTE Le operazioni, ad eccezione dell esecuzione di sopralluoghi e misure manuali di controllo, risultano le medesime da eseguirsi in caso di superamento di soglie geotecniche

42 Per ulteriori informazioni

43

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

SOLUZIONI WIRELESS PER LA PREVISIONE, PREVENZIONE E MITIGAZIONE DEI RISCHI AMBIENTALI

SOLUZIONI WIRELESS PER LA PREVISIONE, PREVENZIONE E MITIGAZIONE DEI RISCHI AMBIENTALI SOLUZIONI WIRELESS PER LA PREVISIONE, PREVENZIONE E MITIGAZIONE DEI RISCHI AMBIENTALI I.CO INNOVATIVE COMPANY I.Co Innovative Company Srl si occupa di rispondere a bisogni latenti, studiando soluzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Guida Rapida caratteristiche 1. Introduzione InReach SE è il comunicatore satellitare che consente di digitare, inviare/ricevere

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione 1 Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione Per automatizzare Ia raccolta dati di produzione e monitorare in tempo reale il funzionamento delle macchine, Meta

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 Pubblicata nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale dell 11 marzo 2004 n. 59 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

GUIDA al SERVIZIO SIMOG

GUIDA al SERVIZIO SIMOG GUIDA al SERVIZIO SIMOG Manuale utente profilo RUP Ver. 3.03.3.0 Questa Guida ha l obiettivo di rendere il più agevole possibile la fruizione del SIMOG nel completamento delle funzionalità esposte. L AVCP

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM40B

STUDIO DI SETTORE VM40B A L L E G AT O 15 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM40B ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM40B sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli