PALAZZO MILLOTTI - PERUGIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PALAZZO MILLOTTI - PERUGIA"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea Specialistica Architettura Restauro dell Architettura Architettura A.A. 2006/2007 PALAZZO MILLOTTI - PERUGIA Corso di: Comportamento dei materiali murari Prof.ssa P.Trovalusci - Studenti: Della Portella Daniele, Mengozzi Sara

2 Palazzo Millotti: Perugia Inquadramento dell edificio: Cartografia del Touring Club Italiano L edificio oggetto della presente relazione, situato nel centro storico di Perugia a cavallo tra Piazza Piccinino a valle e Piazza Michelotti a monte, con notevole dislivello (circa 13m), si sviluppa su 8 livelli, compreso il sottotetto, di cui 3 parzialmente interrati. L edificio è inserito nella schiera di fabbricati che salendo da Piazza Danti, corona il Colle del Sole verso Piazza Piccinino, ed è posizionato nel punto più alto della città (circa 500 s.l.m.). L edificio è il risultato di diverse stratificazioni storiche, facilmente rilevabili nelle tracce, orizzontali, evidenziate dalla presenza di diversi materiali da costruzione e dalla organizzazione strutturale. Prospetto su Piazza Michelotti Pianta Tipo: Piano Terra Prospetto su Piazza Piccinino

3 Rilievi dei prospetti: Fronte Piazza Michelotti Fronte Piazza Piccinino

4 Rilievi dei piani: Piano terzo sottostrada Piano secondo sottostrada

5 Rilievi dei piani: Piano primo sottostrada Piano terra

6 Rilievi dei piani: Piano primo Piano secondo

7 Rilievi dei piani: Piano terzo

8 Analisi delle strutture: Analisi delle strutture voltate Pianta di riferimento: PIANO TERRA Analizzando le piante ai vari livelli, si conferma l evoluzione dell edificio per ampliamenti successivi: infatti si notano differenze strutturali degli orizzontamenti e ovviamente delle strutture verticali. I piani intrerrati presentano nel complesso delle volte a botte, per passare poi a testimonianze gotiche, come la volta a crociera del piano terra che è in corrispondenza della fetta in conci di travertino del prospetto su piazza Michelotti. Proseguendo verso l alto attraverso lo scalone voltato a botte che arriva fino al terzo piano,tutti i piani superiori sono caratterizzati da volte a padiglione decorate. Infine i locali del piano secondo e terzo hanno subito trasformazioni che si possono definire recenti come testimoniano le divisioni interne e i solai in ferro e tavelloni con getto in cls. Infine la copertura sommitale dell edificio è costituita da un solaio in legno e pianelle di laterizio che presenta in alcuni punti più interventi di riparazione successive. Legenda: Volta a botte lunettata Volta a botte Volta a padiglione Analisi delle murature Analizzando le murature di cui è composto l edificio è evidente che questo è costituito da almeno tre tipi di muratura diversa. Partendo da destra, troviamo una pietra squadrata, del XIV secolo, è questa infatti la data a cui si fa risalire la costruzione della torretta, che risulta essere la parte più antica dell edificio, proseguendo, al centro (tra la torretta e il palazzo Montesperelli ), una porzione di edificio composta da mattoni pieni a due teste in laterizio, porzione che probabilmente è stata costruita nel XIX secolo per collegare le due strutture adiacenti, ed infine la parte più ampia costruita con ciottoli e pietrame sbozzato che corrisponde all originario palazzo Montesperelli (successivamente chiamato Palazzo Milloti) datato nel XVIII secolo. Ciottoli e pietrame Laterizio Travertino

9 Analisi del quadro fessurativo dei prospetti: FRONTE: PIAZZA MICHELOTTI Quadro fessurativo dei prospetti: le lesioni si localizzano lungo le bucature delle finestre e tra le connessioni di paramenti murari diversi realizzati in epoche diverse. Sul fronte di piazza Michelotti la torretta e la struttura adiacente (cioè le strutture più antiche) presentano maggiori lesioni. Il fronte Piccinino è maggiormente degradato nella parte sommitale che corrisponde con i solai di epoca più recente. Altre lesioni sono presenti anche sulla parete aggettante rispetto alla schiera nella quale è inserito. FRONTE: PIAZZA PICCININO

10 Quadro fessurattivo delle strutture orizzontali (piano primo sottostrada e piano terra): FESSURATIVO PIANO PRIMO SOTTOSTRADA FESSURATIVO PIANO TERRA

11 Quadro fessurattivo delle strutture orizzontali (piano primo e piano secondo): FESSURATIVO PIANO PRIMO FESSURATIVO PIANO SECONDO

12 Documentazione fotografica dei dissesti sui prospetti: FRONTE MICHELOTTI: FRONTE PICCININO: PROSPETTO PRINCIPALE SBALZO TRA PALAZZO MILLOTTI E SCHIERA ADIACENTE DI EDIFICI LA TORRETTA: TRAVERTINO LESIONI LUNGO LE FINESTRE PARTE SOMMITALE CON MAGGIORI LESIONI

13 Documentazione fotografica dei dissesti sulle strutture orizzontali: Piano primo: Particolare delle lesioni sui giunti: Lesioni lungo i giunti. Si sono presentate principalmente su volte a crociera, padiglione e volte a schifo Particolare dei dissesti sulle volte del vano scala Particolare delle lesioni sulle volte decorate Volta a schifo

14 Assonometria esplosa dell edificio: Piano terzo Piano secondo L assonometria esplosa è un elemento utile per capire come si sviluppano le strutture dell edificio edificio e di conseguenza, grazie al quadro fessurativo precedentemente studiato, i possibili cinematismi che potrebbero innescarsi. Piano primo Legenda: Ammezzato (tra piano terra e piano primo) Volta a botte Piano terrra Volta a crociera Piano primo sottostrada Volta a padiglione Volta a botte lunettata Piano secondo sottostrada Volta a schifo Piano terzo sottostrada

15 Descrizione degli interventi eseguiti sulle murature Bonifica dell muratura mediante: Demolizione di intonaco dove necessario, scarnitura dei giunti, idropulizia in pressione, esecuzione del cuci - scuci dove necessario, stilatura dei giunti con malta idonea a ritiro controllato. - NUOVI ARCHITRAVI METALLICI. - NUOVA MURATURA (in mattoni pieni conformi al D.M 16/01/96 ben ammorsata alla esistente). - DEMOLIZIONE DELLA MURATURA ESISTENTE - INTERVENTI di CUCI - SCUCI in mattoni pieni in corrispondenza delle lesioni. - INSERIMENTO di TIRANTI. Esempi di cuci- scuci Esempio di nuovo architrave metallico

16 particolare del piano terra Interventi di cuci scuci in mattoni pieni in corrispondenza delle lesioni Nuova muratura in mattoni pieni ben ammorsata all esistente

17 Descrizione degli interventi eseguiti sui solai Consolidamento dell strutture voltate mediante: Svuotamento, pulizia accurata dell estradosso, scarnitura profonda dei giunti e successiva stilatura previo inserimento di elementi di contrasto tra i giunti più danneggiati. Preparazione per la posa in opera di fibre di carbonio in nastri monodirezionali. Rinfianco con materiale alleggerito. Soletta in cls alleggerita collegata alle murature perimetrali - CONSOLIDAMENTO DEI SOLAI IN FERRO E TAVELLONI - REALIZZAZIONE DI SOLAI DI CALPESTIO IN LEGNO E PIANELLE - REALIZZAZIONE DI NUOVI SOLAI DI CALPESTIO IN ACCIAIO E TAVELLONI - INTERVENTI CON CAPPA ARMATA O POSA DI FIBRE DI CARBONIO SULLE STRUTTURE VOLTATE Fibre di Carbonio/vetro e successivo riempimento con materiale alleggerito Cappa armata

18 particolare del piano terra Consolidamento della volta con materiali frp Consolidamento mediante cappa armata Consolidamento della volta con materiali frp Consolidamento della volta con materiali frp

19 Sezione di una porzione significativa della parete Individuazione delle catene: Le catene presenti sul fronte sono nove e la maggior parte di esse è concentrata sulla nostra sezione muraria. In corrispondenza delle catene troviamo le strutture voltate. P. 1 : Corrispondenza con volta a padiglione. P. Terra: Corrispondenza con volta a padiglione. P. 1 sottostrada: Corrispondenza con volta a botte. Porzione di muratura presa in esame: 1m

20 Calcolo spinte (S) delle strutture voltate: Piano primo sottostrada: volta a botte Volumi di metà struttura: Volume dell ARCO (per 1 m di muratura): cm3 Volume del RIEMPIMENTO: 0.13 cm3 Volume del SOLAIO (h 20 cm) : 0.10 cm3 Peso specifico materiali che compongono la volta: P.S. MATTONI PIENI: 1.65 Kg/dm3 P.S. RIEMPIMENTO: Ghiaia > 1,5-1,8 Sabbia > 1,4-1, 6 = 1,5 kg/dm3 P.S. SOLAIO: 1,4 Kg/dm3 Pianta Identificazione delle spinte: imposte. PESO ARCO = (V * P.S.) = * 1650 Kg/cm3 = 196,35 Kg PESO RIEMPIMENTO = 0,13cm3 * 1500 Kg/cm3= 195 Kg PESO SOLAIO = 0,10cm3 * 1400Kg/cm3 = 140Kg SOLAIO + RIEMPIMENTO = 335 Kg

21 Calcolo spinte (S) delle strutture voltate: Piano primo sottostrada: volta a padiglione Pianta piano primo Volumi di metà struttura: Volume dell ARCO (per 1 m di muratura): 0.06 cm3 Volume del RIEMPIMENTO: 0.05 cm3 Volume del SOLAIO (h 20 cm) : 0.04 cm3 Peso specifico materiali che compongono la volta: P.S. MATTONI PIENI: 1.65 Kg/dm3 P.S. RIEMPIMENTO: Ghiaia > 1,5-1,8 Sabbia > 1,4-1, 6 = 1,5 kg/dm3 P.S. SOLAIO: 1,4 Kg/dm3 Identificazione delle spinte: muri perimetrali. Pianta piano terra PESO ARCO = (V * P.S.) = 0.06 * 1650 Kg/cm3 = 99 Kg PESO RIEMPIMENTO = 0,05 cm3 * 1500 Kg/cm3= 75 Kg PESO SOLAIO = 0,04 cm3 * 1400Kg/cm3 = 56Kg SOLAIO + RIEMPIMENTO = 131 Kg

22 Calcolo spinte (S) delle strutture voltate: Calcolo spinta S nella volta a botte: Calcolo spinta S nella volta a padiglione: Dati: Dati: P = ( ) = 670 kg P = ( ) = 131 kg H = 200 cm H = 120 cm L = 650 cm L = 560 cm PL = kg/cm PL = kg/cm YB = PL/2 = Xa YB = PL/2 = Xa YA = PL/2 = YA = PL/2 = XA = PL2/8H = XA = PL2/8H = XB = PL2/8H = ya S XB = PL2/8H = ya S S = xa2 + xb2 = Kg S = xa2 + xb2 = Kg

23 Calcolo spinte (S) delle strutture voltate: Sezione con relativi valori delle spinte delle volte: Spessori della sezione: Piano terzo: 0.50 m 2.85 m Piano secondo: 0.50 m 3.60 m Piano primo: 0.70 m S = m Piano terra: 1.00 m S = m Piano primo sottostrada: 1.20 m S = m Piano secondo sottostrada: 1.30 m 3.30 m Piano primo sottostrada: 2.00 m 4.00 m

24 PROBABILI DISSESTI SULLE STRUTTURE VOLTATE: Gli archi e le volte in muratura devono essere soggetti esclusivamente a sforzi interni di compressione, le spinte che ne derivano sui piedritti d imposta, combinate con i carichi verticali non devono essere tali da imprimere sforzi di trazione sui piedritti stessi, in ogni loro sezione orizzontale, per tutta la loro altezza fino al piano di fondazione. I loro dissesti possono essere perciò provocati da: 1. DIMINUITA CAPACITA DI RESISTERE AGLI SFORZI DI COMPRESSIONE Questa causa che riguarda sia la volta che i piedritti è generata dalla cosidetta FATISCENZA MURARIA. Il materiale subisce l azione disgregatrice del tempo, dell umidità, gelo-disgelo e azioni climatiche. In particolare le malte di gesso, con cui sono murati gli intradossi delle volte a mattoni, si idratano nel tempo e perdono capacità di coesione. 2. VARIAZIONE DEI CARICHI : DISSESTI DA SPINTA ECCESSIVA Si generano inflessioni nelle mura di piedritto che si manifestano con rigonfiamenti in senso orizzontale alla linea d imposta della volta. In verticale la deformazione dei muri assume linee sinusoidali (non simmetriche rispetto al centro di spinta). La massima freccia di inflessione si stabilisce sempre più in alto rispetto al centro di spinta. Siccome nei vecchi edifici le volte sono generalmente ubicate nei piani bassi, la spinta provoca deformazioni nei muri di piedritto che può estendersi fino alle fondazioni incrementando le sollecitazioni sul terreno, istigando la rotazione. Punto dove inizia l inflessione e si generano fratture orizzontali. Inversione della curvatura alle reni della volta. Punti dove si hanno le caratteristiche espulsioni di materiale.

25 PROBABILI DISSESTI SULLE STRUTTURE VOLTATE: VERIFICA DELLA SPINTA (metodo del Mery) La verifica della spinta si può eseguire, in maniera celere con il metodo grafico. Per l equilibrio di metà arco occorre applicare oltre che i carichi fissi P ( peso proprio, rinfianco, pavimento), anche la spinta S che l arco esercita contro il piedritto e la spinta orizzontale Q che gli trasmette l altra metà dell arco. Prendiamo in esame le sezioni a-a e b-b e le consideriamo interamente compresse, quindi con diagramma di pressione triangolare con la tensione max in a-a al lembo superiore e in b-b al lembo inferiore del terzo medio. Mancano le condizioni di trazione quindi Q passa per il terzo medio sup. e S per quello inf.. Per la direzione di S basta congiungere il punto o di intersezione Q con P con il terzo medio inf. ed è determinata la direzione di S. Le intensità di Q ed S si determinano conoscendo l intensità di P: basta fare il parallelogramma delle forze P.Q e S passanti per o. Q S a a o b b Trovate le grandezze delle spinte Q ed S si verificano le sezioni a-a di area wa, e b-b di area wb su cui tali forze agiscono

26 PROBABILI DISSESTI SULLE STRUTTURE VOLTATE: Per la stabilità delle suddette sezioni dovrà essere: sezione a-a sezione b-b (Carico di sicurezza) Per avere una tensione unitaria nelle due sezioni dovrebbe essere più grande wb alle reni, quindi: quindi..: Ciò giustifica l aumento dello spessore di archi e volte nella zona delle reni. Tra le due sezioni si costruisce la curva delle pressioni, dividendo in conci, di uguale lunghezza lungo l asse medio della volta o arco e ad ogni concio si applicano le forze verticali costituite dal peso proprio, dal carico sovrastante del riempimento, e si compongono a partire dalla sezione a-a con la spinta Q per trovare la spezzata delle successive risultanti R che può assimilarsi alla curva delle pressioni. La curva deve essere sempre contenuta entro il terzo medio dell arco.

27 PRIMO CINEMATISMO POSSIBILE: COLLASSO ANTISIMMETRICO DI UN ARCO Il meccanismo si verifica quando predomina la rotazione da un lato e uno dei piedritti rimane stabile, la presenza della catena è determinante per impedire il ribaltamento.

28 PRIMO CINEMATISMO CONSIDERATO: CASO SINGOLO VOLTA A BOTTE (piano primo sottostrada) Il meccanismo si verifica quando predomina la spinta orizzontale e uno dei piedritti rimane stabile. (La presenza della catena è determinante per impedire il ribaltamento). δla = P1 b/2 θ1 P2 θ2 e + + P3 θ3 d Po e θ2 + α P1 θ1 h1 α P2 θ2 h2 + α P3 θ3 h3 = 0 α = 0.9

29 SECONDO CINEMATISMO CONSIDERATO: CASO SINGOLO VOLTA A BOTTE (piano primo sottostrada) Il meccanismo si verifica quando predomina la spinta orizzontale e uno dei piedritti rimane stabile. (La presenza della catena è determinante per impedire il ribaltamento). δla = P1 b/2 θ1 P2 θ2 d + P3 θ3 b/2 Po e θ2 + α P1 θ1 H2 α P2 θ2 H3 + α P3 θ3 H4 = 0 α = 1.05

30 TERZO CINEMATISMO CONSIDERATO: CASO ARCO SIMMETRICO VOLTA ISOLATA (volta a botte, piano primo sottostrada) δla = P1 θ1 b/2 P2 θ2 d Po θ2 d α P1 θ1 H/2 α P2 θ2 (h/2 + y) = 0 α = - 0,6

31 PROBABILI DISSESTI SULLE STRUTTURE VOLTATE: 3. VERIFICA DEL PIEDRITTO Il piedritto su cui è impostato l arco per essere stabile, dovrà sopportare oltre alla spinta S, anche il carico verticale P trasmesso su di esso dal muro sovrastante. Vanno perciò eseguite le verifiche a schiacciamento, a scorrimento e al ribaltamento nelle sezioni più sollecitate e in particolare nella sezione di attacco della base del muro con la fondazione e alla base della fondazione verificando che non siano superate le tensioni ammissibili dei terreni di fondazione e delle murature e che per queste ultime la risultante dei carichi sia sempre all interno del nocciolo centrale d inerzia.

32 CASO I: CALCOLO DEL PIEDRITTO (volta a botte, piano primo sottostrada) ASSENZA DI TIRANTE Po s Po s P P H H b b δla = Po b/2 θ P b θ + S H θ = 0 α = > 0 δla = Po b/2 θ P b θ + S H θ = 0 α = < 0

33 CASO II: CALCOLO DEL PIEDRITTO (volta a padiglione, piano terra) PRESENZA DEL TIRANTE Calcolo della spinta data dal Tirante = Po 157,975 kg/m T s P H b δla = Po b/2 θ P b θ + S H θ T θ H = 0 α =

34 CASO II: CALCOLO DEL PIEDRITTO (volta a padiglione, piano primo) PRESENZA DEL TIRANTE Calcolo della spinta data dal Tirante = Po 163,16 kg/m T s P H b δla = Po b/2 θ P b θ + S H θ T θ H = 0 α =

35 CASO III: CALCOLO DEL PIEDRITTO (totale di tutto l edificio) l δla = P1 θ b/2 P2 θ b/2 P3 θ b/2 P4 θ b/2 + P5 θ b/2 P6 θ b/2 P7 θ b/2 C1 θ b + C2 θ b C3 θ b + S1 θ H1 + S2 θ H2 + + S3 θ H3 T1 θ H2 T2 θ H3 = 0 α = - 8,959

36 CASO IIII: SI CONSIDERA LA PARTE SOPRA LA VOLTA A BOTTE COME MONOLITICA (le volte sovrastanti, a padiglione, sono consolidate da tiranti) δla = P1 θ1 b/2 + P2 θ2 d + P3 θ3 + Po e θ2 α P1 θ1 H/2 α P2 θ2 ( h/2 + y) + α P3 θ3 ( h/2 + y) = 0 α = 0.6

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia VISTE ESTERNE Prima del restauro - Prospetto Ovest Dopo il restauro - Prospetto Ovest Prima del restauro - Prospetto Sud Sagrestia Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia Prima del restauro - Ingresso

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1 S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13

Dettagli

EDIFICIO MONOCELLULARE A PENTEDATTILO (RC)

EDIFICIO MONOCELLULARE A PENTEDATTILO (RC) Università di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di laurea in Architettura Restauro dell architettura Corso di Comportamento dei materiali murari prof.. P. Trovalusci

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima parte prima FONDAZIONI FONDAZIONI A POZZO FONDAZIONE A POZZO GETTO FONDAZIONE A PLATEA SCAVO FONDAZIONI SU PALI IN LEGNO STRUTTURE DI SOTTERRANEO MURATURE IN SOTTERRANEO FINESTRE SOTTERRANEI DRENAGGIO

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda parte seconda VOLTA A CROCIERA LE VOLTE abaco LE VOLTE a struttura muraria a botte volta a botte retta volta a botte lunettata a filari longitudinali a filari trasversali geometria, apparecchiature costruttive

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IL CONSOLIDAMENTO DI MURATURE STORICHE ovvero: valutazione e caratteristiche

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012 CREVALCORE SCUOLA G. LODI Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012: Scuola G.Lodi - Crevalcore Corpo laterale

Dettagli

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Roma, 29 gennaio 2009 Convegno Sika INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO: utilizzo di materiali fibrorinforzati e malte da ripristino Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Ugo Ianniruberto

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Frascati Roma PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Miglioramento sismico di edificio in muratura COMMITTENTE: Data, IL TECNICO Pagina 1 Manuale di

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE ARCHI VOLTE-PIATTABANDE L ARCO, LA VOLTA E LA PIATTABANDA sono stati molto utilizzati nelle opere architettoniche ed edilizie del passato. Oggi è frequente trovarli nelle ristrutturazioni edilizie e nei

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1)

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1 - Premessa Il presente Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera è relativo dell intervento di ristrutturazione

Dettagli

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura Resistenza a compressione (1) I materiali lapidei naturali ed artificiali raggiungono

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

sintesi di tesi di laurea

sintesi di tesi di laurea sintesi di tesi di laurea Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile PROGETTAZIONE STRUTTURALE PER IL RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI ROMA

SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI ROMA Ministero per i beni e le attività culturali SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI ROMA VALUTAZIONE E MONITORAGGIO DELLO STATO DI CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO: INTERVENTI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale Restauro e risanamento conservativo, compreso l adeguamento alle norme di sicurezza ed accessibilità di palazzo Morosini ex scuola media A. Vivaldi ora istituto tecnico A. Barbarigo, a Castello Venezia.

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1.

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1. 1. CONSOLIDAMENTO VOLTE 1.01 SE.01 Svuotamento di volte mq. 187,49 1.02 SE.02 Consolidamento di volte mq. 187,49 1.03 SD.06 Soletta in cls armata per solai mq. 187,49 CAPITOLO 1. 124/09 3.S.CM (ADS) PAGINA

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto;

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto; piano di manutenzione Committente: COMUNE DI CASALE MONFERRATO (AL) Oggetto: LAVORI DI AMPLIAMENTO DEL PALAZZETTO DELLO SPORT (adeguamento alle norme vigenti in materia di sicurezza ed igiene ai fini dell

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

3. DESTINAZIONE D USO DELL IMMOBILE Il fabbricato possiede una destinazione d uso attuale di tipo residenziale.

3. DESTINAZIONE D USO DELL IMMOBILE Il fabbricato possiede una destinazione d uso attuale di tipo residenziale. 1. INTRODUZIONE Il sisma del 6 aprile 2009 ha causato il danneggiamento strutturale di un edificio residenziale sito nel capoluogo del Comune di Xxxxxxxxxxx (TE). A seguito del sopralluogo effettuato dai

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

APPLICAZIONE DELLE BUONE PRASSI: PROGETTI DI FATTIBILITÀ

APPLICAZIONE DELLE BUONE PRASSI: PROGETTI DI FATTIBILITÀ APPLICAZIONE DELLE BUONE PRASSI: PROGETTI DI FATTIBILITÀ Il caso di Cogul...189 Step 1: rilievo critico...190 a - identificazione e collocazione con gli estratti cartografici...190 b - rilievo fotografico...190

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Taggia Provincia di Imperia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI MURO DI SOSTEGNO VILLA CURLO

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Statica per l edilizia storica

Statica per l edilizia storica Statica per l edilizia storica Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Architettura A.A. 2013-2014 Prof. ing. Antonio Cazzani, Dr. ing. Flavio Stochino antonio.cazzani@unica.it

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO Dott. Ing. FRANCO VALLEGRA 20015 PARABIAGO - Via Mari, 23 Tel. e Fax. 0331-553387 COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti)

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia ortolani@dicea.unifi.it PISTOIA 28/09/2012 ASPETTI GENERALI Malta: acqua

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE Cap. 10.1 del D.M. 14 gennaio 2008 e cap. C10.1 par. 4.1 della Circ. n. 617/2009 1. PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE PREMESSA Ai sensi del C10.1 punto

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Patologia degli edifici in muratura. Opere di pronto intervento

Patologia degli edifici in muratura. Opere di pronto intervento Patologia degli edifici in muratura Opere di pronto intervento Criteri generali Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto di dissesto; Tali

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

www.romolodifrancesco.it

www.romolodifrancesco.it PREMESSA Il caso trattato è relativo ad un progetto di consolidamento di un edificio residenziale sito nel comune di Giulianova (TE), in funzione del dissesto palesato riconducibile anche a cedimenti delle

Dettagli

RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA NETTO STORICO A PALERMO Aula Magna Scuola Politecnica 8 novembre 2014 RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Prof. Ing. Liborio Cavaleri Scuola Politecnica Edifici a ridosso dell area all interno delle antiche

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 INDICE Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 BIBLIOGRAFIA Giovannetti Francesco (a cura di), Manuale del recupero del

Dettagli

VERIFICA CERCHIATURE

VERIFICA CERCHIATURE Comune di: Provincia di: Lavoro: Montopoli V.A. Pisa Modifiche interne a fabbricato per civile abitazione in Montopoli V.A., via Masoria n. 5 Committente: Progettista: Dir. Lavori: Mario Rossi Montopoli

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

ST-A RELAZIONE DI CALCOLO INTERVENTI DI RIPRISTINO E VERIFICA DI STABILITÀ DELLA SOLETTA DEI BALCONI

ST-A RELAZIONE DI CALCOLO INTERVENTI DI RIPRISTINO E VERIFICA DI STABILITÀ DELLA SOLETTA DEI BALCONI COMMITTENTE: ASSOCIAZIONE ONLUS L ALTRA META DEL CIELO TELEFONO DONNA DI MERATE Via S. Ambrogio, 17 23807 MERATE C.F.94027160137 Comune di Olginate Provincia di Lecco OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture Gli interventi strutturali previsti sul Bastione delle Forche sono i seguenti: realizzazione di una nuova scala di accesso al Bastione in prossimità della scala esistente; realizzazione del parapetto lungo

Dettagli

Lezione n. 2 : le costruzioni in muratura

Lezione n. 2 : le costruzioni in muratura CONSOLIDAMENTO DEGLI EDIFICI STORICI prof PAOLO FACCIO (Università IUAV di Venezia ) A.A. 2012 2013 Lezione n. 2 : le costruzioni in muratura Collegamento tra elementi lignei Collegamento tra elementi

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Figura Professionale codice FP194 RESTAURATORE OPERE MURARIE

Figura Professionale codice FP194 RESTAURATORE OPERE MURARIE settore Comparto descrizione COSTRUZIONI COSTRUZIONI Persona che effettua il restauro ed il recupero strutturale di opere murarie antiche; si occupa di analizzare le caratteristiche della malta originaria,

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e

STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e consolidamento delle strutture di copertura - Strutture in legno

Dettagli

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI DESCRIZIONE Il sistema costruttivo degli edifici che si articolano su due piani si basa generalmente su uno schema di tipo ricorrente: - il piano seminterrato o piano terra,

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

Comportamento delle strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Pareti e orizzontamenti

Comportamento delle strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Pareti e orizzontamenti Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Comportamento delle strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Pareti e orizzontamenti Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli