INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE ANDROID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE ANDROID"

Transcript

1 INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE ANDROID Giuseppe Marziale Bari, 27 Novembre 2013

2 About Me (Giuseppe Marziale) Sono Laureato in Ingegneria informatica specializzazione in sistema informativi e reti ( Ottobre 2007) Lavoro in exprivia con il ruolo di technical leader in ambito di sviluppo di applicazioni mobile Prevalentamente in ambito B2B Sviluppiamo su Android, Ios, blackberry, Windows Phone e in multipiattaforma skype: giuseppe_marziale

3 Agenda Introduzione alla piattaforma Android Struttura di un applicazione Android e tool di sviluppo Laboratorio

4 Introduzione alla piattaforma Android 4

5 Perché sviluppare Mobile Fonte: comscore.com

6 Perché sviluppare Mobile La diffusione degli smartphone, è enorme ed in continua crescita. Gli utenti connessi sono milioni e le app scaricate hanno superato 10 miliardi di copie Fonte: pureoxygenmobile.com

7 Perché Android(OS Marketshare) Fonte: IDC Worldwide Mobile Phone Tracker, Agosto 2013

8 Perché Android(Trend Vendite) Fonte: Wikipedia

9 Perché Android Curva di apprendimento non è ripida ( a differenza dello sviluppo IOS) Android è open-source e i tool di sviluppo sono scaricabili gratuitamente I costi di pubblicazione di un app sul market store di android sono esigui ( 25 dollari una tantum) Installare un app android sul cellulare è un processo banale, le app android possono essere diffuse facilmente attraverso un sito web(time to market molto basso)

10 Android Manufacteres

11 ARCHITETTURA ANDROID Applicazioni Application Framework Librerie native + Android runtime Linux kernel 11

12 Cos è Android E uno stack software per dispositivi mobili 1.Sistema Operativo: open source appoggia al kernel Linux (>=2.6.27) driver per l hardware 2.Middleware: librerie, android runtime, application framework 3.Applicazioni: native o di terze parti.

13 Linux Kernel kernel Linux v2.6 Driver dei dispositivi fisici 13

14 Librerie e Runtime Le librerie native sono esposte attraverso l application framework; sono scritte in linguaggio nativo (C/C++) Android runtime è l ambiente di esecuzione delle applicazioni, scritte in Java, basato su Dalvik VM 14

15 Application Framework L application framework fornisce le API di alto livello che forniscono servizi evoluti Le applicazioni native Android e quelle di terze parti utilizzano le API suddette. 15

16 TIPOLOGIA MOBILE APP 16

17 Applicazioni native Android 1. Scritte in Java utilizzando la sdk ufficiale distribuita da google Non supporta tutte le librerie Java come ad esempio Swing & AWT 2. Il codice java è compilato in byte code Dalvik (.dex) Ottimizzati per i dispositivi mobili (migliore gestione della memoria e delle risorse, utilizzo della batteria, etc.) 3. La Dalvik virtual machine esegue i files.dex 17

18 Struttura di un app Android e ambiente di sviluppo 18

19 Componenti base di un app Activities Fragment View e ViewGroups Service Intent Broadcast Receiver Content Provider

20 Activities Componenti base di un applicazione android. Un activity è una singola schermata mostrata all utente. Un app android deve avere almeno un activity ma può averne più di una che si alternano durante l esecuzione dell applicazione. Ciascuna Activity è indipendente dall altra. Un applicazione esterna potrebbe lanciare un Activity di un altra app.

21 Fragment E una sezione modulare di un activity Ha un suo ciclo di vita Può essere aggiunto o rimosso a runtime. Componente riusabile in diverse Activity. Sono disponibili dalle api 11 in poi.

22 View e ViewGroups Sono I componenti di interazione con gli utenti che costituiscono le user interface( bottoni, campi di testo, label, ). Sono classi che estendono android.view.view. Views. I viewgroups sono contenitori di view (invisibili), servono per organizzare e impaginare le view. Sono classi che estendono android.view.viewgroups. ViewGroup

23 Services Eseguono operazioni in background che non richiedono l interazione diretta dell utente: es. Musica in sottofondo, scaricamento di un file, tracking della posizione dell utente. Un servizi non hanno user interface. Un Activity può fare lo start di un servizio ( e lo stop) e operare interazioni con lo stesso.

24 Intent E un messaggio asincrono di sistema che si compone di un azione da eseguire e dei dati. Può essere esplicito o inplicito: in quest ultimo caso il sistema individua il componente che può eseguire tale azione (Intent Receiver) e la esegue. Un applicazione si abilita alla registrazione di un particolare intent dichiarando un IntentFilter.

25 Intent Un intent può essere usato per: esplicitare un compito o azione che una Activity o un Service possono eseguire solitamente con o su un particolare insieme di dati; lanciare una particolare Activity o Service; Supportare l'interazione tra qualsiasi applicazione installata sul dispositivo Android, senza doversi preoccupare di che tipo di applicazione sia o di quale componente software gli Intent facciano parte.

26 Intent example:visualizzazione url

27 Broadcast Receiver Un app registra un broadcast receiver che e configurato per ricevere e gestire determinati messaggi di sistema e intent; Un app può anche definire dei propri intent custom, lanciarli e gestirli. Un app non può lanciare messaggi di sistema. Un Broadcast Receiver non ha una user interface.

28 Android Security Ogni app in android gira nel proprio processo associata ad un user ( di sistema) e ad un gruppo univoco Ogni app è quindi isolata dalle altre e non può accedere ai dati delle altre app. L unico modo di condividere dati tra applicazioni è dichiarare esplicitamente un content provider. Un app ad install time ha bisogno di richiedere le autorizzazione per poter accedere a dati come i contatti, gli sms, la galleria di foto, gli storage ( sd o memoria interna);

29 Content Provider Un content provider gestisce un set di dati condivisi Tramite un content provider un altra app potrebbe leggere e eventualmente modificare i dati esposti. Un app può definire un Content Provider privato, non condiviso con altre app.

30 Content Provider Il sistema operativo mette a disposizione una serie di content provider nativi. Il database dei contatti I contenuti multimediali (audio, video, foto)

31 Struttura di un progetto Android

32 Android Manifest <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <manifest xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android" package="it.gmarz83.android.temperatura" android:versioncode="1" android:versionname="1.0"> <application <activity android:name=".convert" <intent-filter> <action android:name="android.intent.action.main" /> <category android:name="android.intent.category.launcher" /> </intent-filter> </activity> </application> <uses-sdk android:minsdkversion= 8 android:targetsdkversion= 17 /> <uses-feature android:name="android.hardware.camera android:required= false"> </uses-permission> <uses-permission android:name="android.permission.internet "> </usespermission> </manifest>

33 Android Manifest Permission <uses-permission android:name="android.permission.internet "> Tra i principali permessi che possiamo richiedere ci sono i seguenti: READ_CONTACTS: leggere (ma non scrivere) i dati dei contatti dell'utente. WRITE_CONTACTS: scrivere (ma non leggere) i dati dei contatti dell'utente RECEIVE_SMS: monitorare l'arrivo di messaggi SMS INTERNET: accedere ed utilizzare la connessione Internet ACCESS_FINE_LOCATION: utilizzare un accurato sistema di localizzazione come il GPS

34 Feature e permission categoria permission feature Location access_mock_location android.hardware.location access_location_extra_commands android.hardware.location install_location_provider access_coarse_location access_fine_location android.hardware.location android.hardware.location.network e android.hardware.location android.hardware.location e android.hardware.location.gps

35 Struttura di un progetto Android

36 Cartella assets contiene risorse esterne necessarie all applicazione (file audio, video, etc)

37 Struttura di un progetto Android

38 Cartella drawable Contiene I file immagine che saranno utilizzati all interno dell app( compresa l icona dell applicazione)

39 Struttura di un progetto Android

40 Cartella layout Contiene I file di layout delle schermate della nostra app. Il layout può essere definito anche da codice, ma è preferibile utilizzare l xml perchè disaccoppia la logica dalla definizione della user interface

41 Struttura di un progetto Android

42 Cartella Values(RES) Contiene file xml che definiscono risorse utilizzabili all interno dell applicazione Es. Il file delle stringhe o il file contenente lo stile dell'app.

43 Cartella Values(RES) <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <resources> <string name="app_name">nome App</string> </resources> <application

44 Struttura di un progetto Android

45 Cartella GEN Contiene un file R.java generato automaticamente da eclipse( non bisogna modificarlo). In questo file a ciascuna risorsa definita nella cartella Res( immagini, stringhe, view contenute nei layout ) è associato un id univoco mediante il quale è possizione referenziare il suddetto oggetto. Es. Per accedere alla stringa app_name: getstring(r.string.app_name));.

46 Struttura di un progetto Android

47 Contiene i file sorgente della nostra applicazione Cartella src

48 Activity lifecycle

49 Activity State L activity può restare per un periodo esteso di tempo solo nei seguenti stati: Resumed (running state): l activity è in foreground e l utente può interagire con la schermata; Paused: l activity è parzialmente oscurata da un altra schermata ( schermata semitrasparente o semplicemente un pop-up (alert dialog) ). L activity in questo caso non riceve input dall utente e non esegue codice; Stopped: l activity è completamente nascosta e invisibile all utente, ossia in background; Non esegue codice ma il contenuto delle sue variabili di istanza è mantenuto.

50 Gestione activity callback

51 Laboratorio App multidevice Hello word Intent tutorial Location Manager e Google Map tutorial Editor di note

52 App Multidevice I dispositivi android hanno una moltitudine di dimensioni, risoluzioni, e densità La densità è il numero di pixel per pollice calcolato sulla diagonale.

53 Classi di Device Per semplificare la realizzazione della User Interface Android raggruppa gli attuali device in classi in base a screen size e screen density (dpi). Screen sizes Small (426dp x 320dp) Normal (470dp x 320dp) baseline size Large (640dp x 480dp) xlarge (960dp x 720dp) Screen densities low o ldpi (~120 dpi) medium o mdpi (~160 dpi) baseline density high o hdpi (~ 240 dpi) extra high o xhdpi (~ 320 dpi) extra extra high o xxhdpi (~ 480 dpi)

54 Correlazione fra screen size/density reale e generalizzata Classi di Device

55 Classificazione Device

56 Classi di Device Note: A partire da Android 3.2 (API level 13), questi gruppi sono deprecati al posto di una nuova tecnica basata sulla screen width disponibile (espressa in dp). E un concetto molto simile alle CSS3 Query Nuovi qualificatori di dimensione I nuovi qualificatori offono più controllo sullo specifico screen sizes che l app supporta rispetto ai tradizionali 4 gruppi (small, normal, large, xlarge). Typical screen widths: 320dp: a typical phone screen (240x320 ldpi, 320x480 mdpi, 480x800 hdpi..) 360dp: a 5 phablet (es. note). 600dp: a 7 tablet (600x1024 mdpi). 720dp: a 10 tablet (720x1280 mdpi, 800x1280 mdpi, etc). 56

57 Supportare Multiple Screens Dichiarare esplicitamente nel manifest quali screen sizes la nostra app supporta <supports-screens android:xlargescreens="true" /> Provvedere layout differenti per differenti screen sizes I qualificatori utilizzati sono small, normal, large, xlarge Da Android 3.2 sw<n>dp definisce min-width richiesto per layout resource Provvedere immagini differenti per diverse densità I qualificatori utilizzati sono ldpi, mdpi, hdpi, xhdpi In base a size e density dello schermo corrente il sistema utilizza la risorsa adeguata

58 Esempio di sottocartelle res/layout/my_layout.xml // layout for normal screen size ("default") res/layout-small/my_layout.xml // layout for small screen size res/layout-large/my_layout.xml // layout for large screen size res/layout-xlarge/my_layout.xml // layout for extra large screen size res/layout-xlarge-land/my_layout.xml // layout for extra large in landscape orientation res/drawable-mdpi/my_icon.png // bitmap for medium density res/drawable-hdpi/my_icon.png // bitmap for high density res/drawable-xhdpi/my_icon.png // bitmap for extra high density Supportare Multiple Screens

59 La Soluzione Usare wrap_content, fill_parent or dp units nella definizione di android:layout_width and android:layout_height in un file di layout XML per garantire che la view abbia una grandezza appropriata per la corrente dimensione dello schermo del device. Non usare mai misure in pixel hard coded nelle app. Non usare l absolutelayout ( che è deprecato da Android 1,5) ma usare RelativeLayout Inserire repliche della stessa immagine per ogni densità Testare l app usando gli emulatori Approfondimento:

60 La Soluzione: Dpi DPI = Density Indipendent Pixel ossia un unità di misura dello schermo indipendente dalla densità 1 pixels = DP(density pixel) * (DPI(densità) / 160). 1 dp è equivalente ad un pixel fisico solo su schermi a 160 dpi (densità media) Indipendentemente dalla dimensione e della densità dello schermo il density pixel occupa sempre lo stesso spazio

61 La Soluzione: Scalare le immagini 3:4:6:8:12 è il rapporto tra le 4 densità. Se ho un immagine di 100px e la risoluzione base è mdpi(160 dpi che corrisponde al rapporto 4) si ottiene: 1.ldpi: 75 75, cioè 3/4 della risoluzione base (100 * 3 / 4 = 75); 2.mdpi: ; 3.hdpi: , cioè una volta e mezzo la risoluzione base (100 * 6 / 4 = 100 * 3 / 2 = 100 * 1,5 = 150); 4.xhdpi: , cioè il doppio della risoluzione base (100 * 8 / 4 = 100 * 2 = 200). 5.xxhdpi: , cioè il triplo della risoluzione base (100 * 12 / 4 = 100 * 3 = 300).

62 Intent esplicito Si tratta di un utilizzo dell oggetto Intent nel quale si esplicita l oggetto che si vuole richiamare : Intent i = new Intent(this, ActivityTwo.class); i.putextra("value1", "This value one for ActivityTwo "); i.putextra("value2", "This value two ActivityTwo");

63 Intent implicito Si tratta di un utilizzo dell oggetto Intent nel quale si esplicita l oggetto che si vuole richiamare : L intent implicito non specifica una classe Java bensì un azione e opzionalmente un uri associata all azione: Intent intent = new Intent(Intent.ACTION_VIEW, Uri.parse("http://gmarz83.altervista.org")); Android individua quale componente è registrato per gestire tale azione Se individua un solo componente, esegue l azione se ce n è più di uno un dialog chiede all utente verso quale componente dirigire l azione

64 Trasferimento Dati Intent espliciti o impliciti posso contentere dati extra Intent sharingintent = new Intent(Intent.ACTION_SEND); sharingintent.settype("text/plain"); sharingintent.putextra(android.content.intent.extra_text, " allegato!"); startactivity(intent.createchooser(sharingintent,"condividi"));

65 Trasferimento Dati 2 Il componente che riceve l intent estrae i dati così Bundle extras = getintent().getextras(); if (extras == null) { return; } String value1 = extras.getstring(intent.extra_text); if (value1!= null) { // fai qualcosa}

66 Chiamare Activity con Risultato Intent i = new Intent(this, ActivityTwo.class); i.putextra("val1", valore 1"); i.putextra("val2", valore 2"); startactivityforresult(i, REQUEST_CODE);

67 Chiamare Activity con Risultato public void finish() { Intent data = new Intent(); data.putextra("returnkey1", "risultato1"); data.putextra("returnkey2", "risultato2"); setresult(result_ok, data); super.finish(); }

68 Chiamare Activity con Risultato protected void onactivityresult(int requestcode, int resultcode, Intent data) { if (resultcode == RESULT_OK && requestcode == REQUEST_CODE) { if (data.hasextra("returnkey1")) { Toast.makeText(this, data.getextras().getstring("returnkey1"), Toast.LENGTH_SHORT).show(); } } }

69 Intent Filter Un componente si registra e si abilita alla ricezione di determinati intent attraverso la definizione di un intent filter, che avviene nel manifest.xml <activity android:name=".browseractivitiy" <intent-filter> <action android:name="android.intent.action.view" /> <category android:name="android.intent.category.default" /> <data android:scheme="http"/> </intent-filter> </activity>

Programmazione in ambiente

Programmazione in ambiente Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Programmazione in ambiente Android Laura Montanini - laura.montanini@univpm.it Corso di Tecnologie per le TLC 2013-2014

Dettagli

Android. Intent e intent-filter. diegozabot@yahoo.it

Android. Intent e intent-filter. diegozabot@yahoo.it Android Intent e intent-filter diegozabot@yahoo.it Intent Cos è un Intent Un intent è una richiesta da parte di un componente di una funzionalità che viene implementata in un altro componente. Viene utilizzato

Dettagli

Android world. Sviluppare app per Android. Un insieme di software per dispositivi mobili (smartphone, tablet, portatili...)

Android world. Sviluppare app per Android. Un insieme di software per dispositivi mobili (smartphone, tablet, portatili...) Android world Un insieme di software per dispositivi mobili (smartphone, tablet, portatili...) Contiene un Sistema Operativo, software middleware e applicazioni varie Sviluppato da Open Handset Alliance,

Dettagli

Android. Android. Sviluppo di applicazioni. Dalvik 19/03/2011. A. Ferrari

Android. Android. Sviluppo di applicazioni. Dalvik 19/03/2011. A. Ferrari Android Android A. Ferrari Android è un sistema opera8vo per disposi8vi mobili. Inizialmente sviluppato da Startup Android Inc. acquisita poi nel 2005 da Google Inc. Il cuore di Android è un kernel Linux.

Dettagli

Android. Anatomia di una applicazione

Android. Anatomia di una applicazione Android Anatomia di una applicazione Elementi di base Gli elementi di base per costruire una applicazione Android sono cinque: Activity Intent Broadcast Receiver Service Content Provider 2 Activity (1/3)

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area Sviluppo Software Autore: Sergio Gandola Revisione: 2 Data: 07/06/13 Titolo: Documentazione Tecnica Diario File:Documentazione Tecnica.pdf Sito: http://inno-school.netsons.org/

Dettagli

Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione

Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Corso di Laurea in informatica Anno Accademico 2011-2012 Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione Relatore:

Dettagli

Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile

Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile Slide del corso FSE Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile svolto presso AREA Science Park Padriciano - Trieste - Italy diegozabot@yahoo.it Android Introduzione diegozabot@yahoo.it

Dettagli

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it ANDROID Domenico Talia Università della Calabria talia@dimes.unical.it Sistemi Operativi per Mobile! I sistemi operativi per sistemi mobili seguono i principi dei SO classici ma devono gestire risorse

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è Android?

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME Android ios Windows Phone 8 Android 2 Cos è Android? Un moderno open-source sistema operativo Componenti: Linux kernel Java Core applications 3 Perché è stato un successo

Dettagli

Programmazione Android. Luca Morettoni http://www.morettoni.net

Programmazione Android. Luca Morettoni <luca@morettoni.net> http://www.morettoni.net Programmazione Android Luca Morettoni http://www.morettoni.net Android Programming Cos'è Android; Concetti di base sulla programmazione: Q&A AndroidManifest; Activities; Services;

Dettagli

Android development. Sviluppo di Mobile Apps sul sistema operativo di Google

Android development. Sviluppo di Mobile Apps sul sistema operativo di Google Android development Sviluppo di Mobile Apps sul sistema operativo di Google Agenda Giorni: Gio 14/04/2011 Ven 15/04/2011 Gio 21/04/2011 Ven 22/04/2011 Suddivisione: Mattina: teoria Pomeriggio: pratica

Dettagli

La geolocalizzazione

La geolocalizzazione La geolocalizzazione La maggior parte dei dispositivi mobili di ultima generazione è dotata di un antenna GPS che permette di conoscere, in breve tempo e con la precisione di qualche metro, la propria

Dettagli

Sviluppo su Android. Linux Day Torino 2010

Sviluppo su Android. Linux Day Torino 2010 Sviluppo su Android Linux Day Torino 2010 Francesco Ronchi francesco.ronchi@gmail.com - www.synesthesia.it Cos'è Android Sistema operativo dedicato ai device mobili: cellulari, palmari, tablet, navigatori...

Dettagli

Lezione 3 Le attività

Lezione 3 Le attività A cura di Carlo Pelliccia Le applicazioni Android, come si è accennato durante la prima lezione, si compongono di quattro mattoni fondamentali: le attività (activity), i servizi (service), i broadcast

Dettagli

Programmazione Android

Programmazione Android Programmazione Android Giovanni Perbellini, Stefano Cordibella Università di Verona EDALab S.r.l. Agenda Introduzione Android Overview Ambiente di sviluppo Esempi Helloworld Weather 2 1 Cos è Android?

Dettagli

Lezione 1 Primi passi con Android

Lezione 1 Primi passi con Android A cura di Carlo Pelliccia Android è una piattaforma software per smartphone e tablet realizzata dal consorzio noto come Open Handset Alliance, di cui Google è capofila e maggiore contributore, ed al quale

Dettagli

Android Introduzione all architettura, alla programmazione e alla sicurezza. Alessandro Tanasi - http://www.tanasi.it - alessandro@tanasi.

Android Introduzione all architettura, alla programmazione e alla sicurezza. Alessandro Tanasi - http://www.tanasi.it - alessandro@tanasi. Android Introduzione all architettura, alla programmazione e alla sicurezza Alessandro Tanasi - http://www.tanasi.it - alessandro@tanasi.it Fun & profit Fun Sviluppo applicazioni Invenzione di nuove applicazioni

Dettagli

Basi Android. Android si definisce open. Con8ene tecnologie open source. Il codice di Android è open. Licenza Open Source Apache 2.

Basi Android. Android si definisce open. Con8ene tecnologie open source. Il codice di Android è open. Licenza Open Source Apache 2. Basi Android 1 Android Cosa è Android? Android è un insieme di strumen8 e librerie per sviluppare applicazioni mobili è più di un SO Android si definisce open Con8ene tecnologie open source Linux Il codice

Dettagli

Lezione 2 Gestione delle risorse

Lezione 2 Gestione delle risorse A cura di Carlo Pelliccia Se c è un aspetto di Android dal quale si evince la modernità di questo sistema, è la sua maniera di gestire le risorse ed i dati. Nelle piattaforme di sviluppo meno moderne,

Dettagli

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Corso App modulo Android Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Strumentazione: PC + smartphone Android + cavo micro USB per connessione Framework Phonegap SDK di Android JDK (Java) Eclipse (opzionale)

Dettagli

Capitolo 1. Sviluppare Mobile

Capitolo 1. Sviluppare Mobile Capitolo 1 Sviluppare Mobile Il precedente libro, Android. Guida per lo sviluppatore edito da Apogeo a febbraio 2010 ha avuto come obiettivo quello di descrivere le principali caratteristiche della piattaforma

Dettagli

[AD.AGIO] ANDROID SDK

[AD.AGIO] ANDROID SDK [AD.AGIO] ANDROID SDK 2013.06 Pag. 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta informazioni riservate il cui utilizzo è confidenziale e permesso esclusivamente nell'ambito del rapporto di fornitura in

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

Lezione 1 Primi passi con Android

Lezione 1 Primi passi con Android A cura di Carlo Pelliccia Meno di tre anni fa Google ha rilasciato una versione preliminare del kit di sviluppo di Android, il suo nuovo sistema operativo dedicato agli smartphone. Futurologi e semplici

Dettagli

Lezione 3 Le attività

Lezione 3 Le attività A cura di Carlo Pelliccia Le applicazioni Android, come si è accennato durante la prima lezione, si compongono di quattro mattoni fondamentali: le attività (activity), i servizi (service), i broadcast

Dettagli

ANDROID 4.2 JELLY BEAN Installazione e configurazione dell ambiente

ANDROID 4.2 JELLY BEAN Installazione e configurazione dell ambiente INTRODUZIONE Per sviluppare applicazioni in grado di girare su sistemi Android servono tre cose: il Java JDK (Java Development Kit), che contiene tutti gli strumenti necessari a sviluppare nel linguaggio

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Ambiente di sviluppo L'ambiente

Dettagli

Video Streaming. dal player standard Android verso device non convenzionali. GDG Fest Roma 2014 Matteo Bonifazi & Alessandro Martellucci

Video Streaming. dal player standard Android verso device non convenzionali. GDG Fest Roma 2014 Matteo Bonifazi & Alessandro Martellucci Video Streaming dal player standard Android verso device non convenzionali Chi siamo? +MatteoBonifazi m.bonifazi[at]reply.it @mbonifazi +AlessandroMartelluc ci a.martellucci[at]reply.i t @martellux http://www.reply.e

Dettagli

Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video

Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video + Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video Prof. Christian Micheloni Dott. Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine Outline Lezione 1 - Il sistema

Dettagli

Scuola Professionale e Filologica Geom. F.Borgogna Vercelli

Scuola Professionale e Filologica Geom. F.Borgogna Vercelli Scuola Professionale e Filologica Geom. F.Borgogna Vercelli Corsi ANDROID 2013/2014 Benvenuti nel mondo dinamico dello sviluppo di applicazioni per smartphone e tablet Android Corsi ANDROID 2013/2014 L

Dettagli

Lezione 2 Gestione delle risorse

Lezione 2 Gestione delle risorse A cura di Carlo Pelliccia Se c è un aspetto di Android dal quale si evince la modernità di questo sistema, è la sua maniera di gestire le risorse ed i dati. Nelle piattaforme di sviluppo meno moderne,

Dettagli

Scaletta. Strumenti di sviluppo Prima applicazione Aspetti peculiari di Android. Conclusioni. Activity e Intent. MoBe s.r.l.

Scaletta. Strumenti di sviluppo Prima applicazione Aspetti peculiari di Android. Conclusioni. Activity e Intent. MoBe s.r.l. Scaletta Strumenti di sviluppo Prima applicazione Aspetti peculiari di Android Activity e Intent Conclusioni Strumenti di sviluppo Disponibili per Windows, Mac OS X (Intel) e Linux Strumenti JDK (Java

Dettagli

Laboratorio di Smart Vision and Sensor Networks. Niki Martinel Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine

Laboratorio di Smart Vision and Sensor Networks. Niki Martinel Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine + Laboratorio di Smart Vision and Sensor Networks Niki Martinel Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine Outline Lezione 1 - Il sistema operativo Android Cos

Dettagli

Corso Android New Edition Corso Online Programmatore Android New Edition

Corso Android New Edition Corso Online Programmatore Android New Edition Corso Android New Edition Corso Online Programmatore Android New Edition Accademia Domani Via Pietro Blaserna, 101-00146 ROMA (RM) info@accademiadomani.it Programma Generale del Corso di Programmatore

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Android Introduzione all architettura, alla programmazione e alla sicurezza. Alessandro Tanasi - http://www.tanasi.it - alessandro@tanasi.

Android Introduzione all architettura, alla programmazione e alla sicurezza. Alessandro Tanasi - http://www.tanasi.it - alessandro@tanasi. Android Introduzione all architettura, alla programmazione e alla sicurezza Alessandro Tanasi - http://www.tanasi.it - alessandro@tanasi.it Fun & profit Fun Sviluppo applicazioni Invenzione di nuove applicazioni

Dettagli

Realizzazione di una semplice applicazione HelloWorld con una introduzione delle API di base del SDK Android.

Realizzazione di una semplice applicazione HelloWorld con una introduzione delle API di base del SDK Android. HelloWorld App Realizzazione di una semplice applicazione HelloWorld con una introduzione delle API di base del SDK Android. Introduzione Programmiamo una applicazione di base Android, prendendo confidenza

Dettagli

Indice generale. Capitolo 1 Introduzione ad Android... 1

Indice generale. Capitolo 1 Introduzione ad Android... 1 Prefazione Introduzione...xvii...xix Capitolo 1 Introduzione ad Android... 1 Che cos è Android... 2 Un po di storia... 3 Android e Java... 4 Confronto con J2ME... 6 La Dalvik Virtual Machine... 9 L architettura

Dettagli

Lezione 1 Primi passi con Android

Lezione 1 Primi passi con Android A cura di Carlo Pelliccia Lezione 1 Primi passi con Android Meno di tre anni fa Google ha rilasciato una versione preliminare del kit di sviluppo di Android, il suo nuovo sistema operativo dedicato agli

Dettagli

Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Anno accademico 2012/2013

Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Anno accademico 2012/2013 Università degli Studi di Bologna Scuola di Ingegneria e Architettura Java e la piattaforma Android Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2012/2013 Prof. ENRICO DENTI Dipartimento di

Dettagli

LA TUA PRIMA APP CON CORDOVA

LA TUA PRIMA APP CON CORDOVA LA TUA PRIMA APP CON CORDOVA Dedicato a. Gianluca ed Enza, due persone speciali Autore: Gianpiero Fasulo www.gfasulo.it - Pag. 2 COPYRIGHT La tua prima APP con CORDOVA Tutti i diritti riservati. Nessuna

Dettagli

MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY

MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. GET METAIO... 4 2.1. PREREQUISITI... 4 2.2. INTALLAZIONE... 4 2.3. PROGETTI ESEMPLIFICATIVI... 4 3. USARE

Dettagli

Struttura progetto Phonegap/Cordova. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com

Struttura progetto Phonegap/Cordova. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Struttura progetto Phonegap/Cordova Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com 1 Creazione app Per creare una nuova app con cordova entrare nella cartella dei vostri progetti e premere shift + tasto destro.

Dettagli

Fondamenti di sviluppo mobile su Android

Fondamenti di sviluppo mobile su Android Fondamenti di sviluppo mobile su Android Dott. A. Tedeschi antonio.tedeschi@uniroma3.it Corso di Telecomunicazioni Wireless a.a. 2015-2016 1 Outline Fondamenti di programmazione Android Creare un nuovo

Dettagli

Programmazione. Android

Programmazione. Android Lezioni 4 e 5 Programmazione Android Componenti di un'applicazione AndroidManifest.xml Le Activity Definizione Ciclo di vita Layout & View Interazione Laboratorio 9 e 12 Ottobre 2012 2 Componenti di un'applicazione

Dettagli

Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Anno accademico 2014/2015

Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Anno accademico 2014/2015 Università degli Studi di Bologna Scuola di Ingegneria e Architettura Java e la piattaforma Android Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2014/2015 Prof. ENRICO DENTI Dipartimento di

Dettagli

ANDROID ANDROID & JAVA. DALVIK o ART? STRUMENTI SVILUPPARE CON ECLIPSE. Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

ANDROID ANDROID & JAVA. DALVIK o ART? STRUMENTI SVILUPPARE CON ECLIPSE. Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Università degli Studi di Bologna Scuola di Ingegneria e Architettura Java e la piattaforma Android Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2014/2015 Prof. ENRICO DENTI Dipartimento di

Dettagli

Realizzazione di un servizio per la rilevazione di malfunzionamenti in ambiente Android

Realizzazione di un servizio per la rilevazione di malfunzionamenti in ambiente Android Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Realizzazione di un servizio per la rilevazione di malfunzionamenti in ambiente Android Anno Accademico 2011/12 relatore Ch.mo

Dettagli

Corso Base. ActionSMS. Maurizio Cozzetto, Francesco Sarasini

Corso Base. ActionSMS. Maurizio Cozzetto, Francesco Sarasini Corso Base ActionSMS Maurizio Cozzetto, Francesco Sarasini Broadcast Receivers A broadcast receiver is a component that does nothing but receive and react to broadcast announcements (Intents). For a Broadcast

Dettagli

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point 1 Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point Pasquale Cautela pasquale.cautela@studio.unibo.it Marco Peca marco.peca@studio.unibo.it Rosario Salpietro rosario.salpietro@studio.unibo.it

Dettagli

Sviluppo di App per sistema operativo Android

Sviluppo di App per sistema operativo Android Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea Triennale in Ingegneria dell Informazione Tesina di laurea triennale Sviluppo di App per sistema operativo

Dettagli

Esercizi lezione 7. Esercizio A Progettate un'applicazione Android che consenta di fare una telefonata. Pag. 1/9

Esercizi lezione 7. Esercizio A Progettate un'applicazione Android che consenta di fare una telefonata. Pag. 1/9 Pag. 1/9 Esercizi lezione 7 Esercizio A Progettate un'applicazione Android che consenta di fare una telefonata. Suggerimenti: si può usare un intent e il metodo startactivity(), seguendo il frammento di

Dettagli

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco Ciclo di vita delle aevità Ogni AcHvity ha dei metodi standard A(vità non esiste 1. oncreate() 2. onstart() 3. onresume() A(vità in esecuzione 4. onpause() 5. onstop() 6. ondestroy() A(vità non esiste

Dettagli

Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android

Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android Anno Accademico 2010\11 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato

Dettagli

Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video

Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video + Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video Prof. Christian Micheloni Dott. Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine Cosa abbiamo visto Nella 1 lezione:

Dettagli

Corso Programmazione Android

Corso Programmazione Android Corso Programmazione Android Codice: ITAM0114 Durata: 40 ore Descrizione corso Il corso Programmazione Android è rivolto agli amanti del mobile che intendono entrare in questo affascinante mondo, in continua

Dettagli

14/10/2015 ALESSANDRAZULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI ANDROID- VERSIONE 1. http://alessandrazullo.altervista.org Alessandra Zullo

14/10/2015 ALESSANDRAZULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI ANDROID- VERSIONE 1. http://alessandrazullo.altervista.org Alessandra Zullo 14/10/2015 ALESSANDRAZULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI ANDROID- VERSIONE 1 http://alessandrazullo.altervista.org Alessandra Zullo Indice Provvisorio INTRODUZIONE... 3 COMPONENTI PRINCIPALI... 3 PROCESSI...

Dettagli

Corso Programmazione Java ed Android

Corso Programmazione Java ed Android Corso Programmazione Java ed Android Codice: ITAJ0114 Durata: 72 ore Descrizione corso Il corso Programmazione Java ed Android è rivolto agli amanti del mobile che intendono entrare in questo affascinante

Dettagli

Modulo 3. Ecosistema Android

Modulo 3. Ecosistema Android Modulo 3 Ecosistema Android 3.1 Introduzione ad Android 3.1 Cos'è Android Sistema operativo open-source inizialmente pensato per dispositivi mobili e poi evolutosi. Attualmente leader del mercato...e lo

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SVILUPPO DI APPLICAZIONI MOBILE PLATFORM-INDEPENDENT: IL LINGUAGGIO E PIATTAFORMA MOBL

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SVILUPPO DI APPLICAZIONI MOBILE PLATFORM-INDEPENDENT: IL LINGUAGGIO E PIATTAFORMA MOBL ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Seconda Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica SVILUPPO DI APPLICAZIONI MOBILE PLATFORM-INDEPENDENT: IL LINGUAGGIO E PIATTAFORMA MOBL

Dettagli

per favore Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco Prof. Roberto De Prisco 29/09/14 e NON RISPONDERE!!!! Slide 3

per favore Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco Prof. Roberto De Prisco 29/09/14 e NON RISPONDERE!!!! Slide 3 Prof. Roberto De Prisco 2 per favore 3 o almeno e NON RISPONDERE!!!! Scrivere un app che mehe la vibrazione il lun e gio dalle 16:00 alle 18:00 1 Dress Code 4 Lui Vestito scuro, cravatta, camicia chiara,

Dettagli

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno:

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno: ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GUGLIELMO MARCONI Piazza Poerio 2, 70126 Bari - Tel.080-5534450 Fax.080-5559037 - www.marconibari.it - info@marconibari.it Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013

Dettagli

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UNA APPLICAZIONE MOBILE PER AGENTI E RAPPRESENTANTI

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UNA APPLICAZIONE MOBILE PER AGENTI E RAPPRESENTANTI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Polo scientifico-didattico di Cesena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISCHE NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UNA

Dettagli

Lezione 19 Blackberry. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Lezione 19 Blackberry. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Lezione 19 Blackberry + Credits I lucidi di questa lezione sono stati redatti dal Dr. Paolo Casoto nel 2012. Sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione, non commerciale e non opere derivate.

Dettagli

Processamento audio e video

Processamento audio e video Ing. Simone SCARDAPANE Un seminario per Laboratorio per l Elaborazione Multimediale Anno Accademico 2012/2013 Parte 1 1. (Brevissima) Introduzione ad Android 2. Fondamenti di OOP 3. Programmare su Android

Dettagli

Introduzione ad Android

Introduzione ad Android Introduzione ad Android Android Day 15 dicembre 2014 Oggi parleremo di Il mondo mobile oggi Perché scegliere la piattaforma Android Possibilità di lavoro Creare un App Come iniziare lo sviluppo Consigli

Dettagli

Il progetto Insieme a Scuola di Internet

Il progetto Insieme a Scuola di Internet Il progetto Insieme a Scuola di Internet Glossario Glossario > A @ (at) La @, che si pronuncia at oppure chiocciola comunemente chiamata a commerciale, è un carattere utilizzato generalmente per la posta

Dettagli

UNIRADIO CESENA: PROGETTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UNA MOBILE APP PER WEB RADIO

UNIRADIO CESENA: PROGETTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UNA MOBILE APP PER WEB RADIO ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CAMPUS DI CESENA SCUOLA DI SCIENZE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE UNIRADIO CESENA: PROGETTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UNA MOBILE APP PER WEB RADIO

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area applicazioni Autore: Alessio Salandi Revisione: 1.0 Data: 23/05/2013 Titolo: Documentazione tecnica - Grafica Diario File:Documentazione.pdf Sito: http://inno-school.netsons.org/

Dettagli

Corso di programmazione di sistemi mobile 1. Android. Google Cloud Messaging

Corso di programmazione di sistemi mobile 1. Android. Google Cloud Messaging Corso di programmazione di sistemi mobile 1 Android Google Cloud Messaging Corso di programmazione di sistemi mobile 2 Cos è Il Google Cloud Messaging o GCM è un servizio di Google che permette di inviare

Dettagli

Android. Memorizzazione di dati

Android. Memorizzazione di dati Android Memorizzazione di dati Introduzione In questa lezione vedremo quali sono i metodi principali messi a disposizione da una applicazione Android per memorizzare dei dati in maniera permanente e successivamente

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica. Android. Ingegneria del Software 2 - Android 1

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica. Android. Ingegneria del Software 2 - Android 1 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Android Ingegneria del Software 2 - Android 1 What is Android? (da developer.android.com) Android is a software stack for mobile devices that includes

Dettagli

Nicolò Carandini HTTP, Web Services e RestSharp (II parte) 1

Nicolò Carandini HTTP, Web Services e RestSharp (II parte) 1 Nicolò Carandini HTTP, Web Services e RestSharp (II parte) 1 HTTP, Web Services e RestSharp Dopo aver descritto nella prima parte di quest articolo 1 le basi su cui poggia la comunicazione nel Word Wide

Dettagli

Programmazione Android. Lezione 10 Stili e temi

Programmazione Android. Lezione 10 Stili e temi A cura di Carlo Pelliccia Più volte, nel corso delle lezioni precedenti, si è rimarcato come Android spicchi tra gli altri sistemi mobili per la modernità dei suoi concetti e per la tipologia dei suoi

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Localizzazione utente

Sistemi Mobili e Wireless Android Localizzazione utente Sistemi Mobili e Wireless Android Localizzazione utente Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Localizzazione utente

Dettagli

Lo sbarco di Google nel pianeta Mobile Internet: primo impatto ed esempi pratici.

Lo sbarco di Google nel pianeta Mobile Internet: primo impatto ed esempi pratici. Lo sbarco di Google nel pianeta Mobile Internet: primo impatto ed esempi pratici. Riccardo Solimena (Java Italian Portal) Stefano Sanna (JUG Sardegna Onlus) Outline Who we are Android: brevissima introduzione

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Sviluppare applicazioni per Windows 8 con XAML, C# e VB

Sviluppare applicazioni per Windows 8 con XAML, C# e VB Sviluppare applicazioni per Windows 8 con XAML, C# e VB Di Daniele Bochicchio, Cristian Civera, Marco De Sanctis, Alessio Leoncini, Marco Leoncini, Stefano Mostarda Hoepli Editore (2012) ISBN 9788820352417

Dettagli

Android. Elenco dei package

Android. Elenco dei package Android Elenco dei package Introduzione In questa lezione vedremo l'elenco completo dei package Android che raggruppano le classi che è possibile utilizzare per sviluppare una applicazione utilizzando

Dettagli

STRUTTURA DEL PERCORSO DIDATTICO

STRUTTURA DEL PERCORSO DIDATTICO STRUTTURA DEL PERCORSO DIDATTICO MODULO NUMERO DI CORSI CFU ATTIVITÀ FORMATIVA ORE DIDATTICA FRONTALE ORE DI STUDIO INDIVIDUALE, DI GRUPPO, TIROCINIO CORE 12 corsi 18 CFU 108 342 TOOLS 4 corsi 14 CFU 84

Dettagli

Approfondimenti tematici Android PROGRAMMING. Il corso completo per imparare a programmare con il S.O. Google dedicato agli smartphone

Approfondimenti tematici Android PROGRAMMING. Il corso completo per imparare a programmare con il S.O. Google dedicato agli smartphone Approfondimenti tematici Android PROGRAMMING Il corso completo per imparare a programmare con il S.O. Google dedicato agli smartphone Android programming Questo approfondimento tematico è pensato per chi

Dettagli

Progetto e sviluppo di un applicazione client-server per la raccolta dati su fallimenti in ambiente Android

Progetto e sviluppo di un applicazione client-server per la raccolta dati su fallimenti in ambiente Android Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi operativi Progetto e sviluppo di un applicazione client-server per la raccolta dati su fallimenti in Anno Accademico

Dettagli

Android. Location, Maps, Servizi di Sistema

Android. Location, Maps, Servizi di Sistema Android Location, Maps, Servizi di Sistema Introduzione In questa lezione ci occuperemo di analizzare due casi d'uso che fanno uso dei servizi di localizzazione e della Google Maps LocationManager Project

Dettagli

Sviluppo di applicazioni mobili su piattaforma Maemo

Sviluppo di applicazioni mobili su piattaforma Maemo tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Giovanni Fortini Matr. 534/2169 Contesto e contributo Sistemi operativi per dispositivi mobili Sviluppo di un applicazione

Dettagli

Indice: Introduzione 1 Strumenti di lavoro 2 Istallare Eclipse e SDK 3 Istallare l ADT in eclipse 4. Powered by: Vincenzo Acinapura

Indice: Introduzione 1 Strumenti di lavoro 2 Istallare Eclipse e SDK 3 Istallare l ADT in eclipse 4. Powered by: Vincenzo Acinapura Indice: Introduzione 1 Strumenti di lavoro 2 Istallare Eclipse e SDK 3 Istallare l ADT in eclipse 4 Introduzione Salve a tuttiù Mi presento mi chiamo Vincenzo Acinapura e studio ingegneria informatica,

Dettagli

Sviluppo di una applicazione su piattafotma Android con il supporto di un DBMS orientato ad oggetti

Sviluppo di una applicazione su piattafotma Android con il supporto di un DBMS orientato ad oggetti Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica Sviluppo di una applicazione su piattafotma Android con il supporto di un DBMS orientato ad

Dettagli

Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web Share Mobile per Dispositivi Mobili Multipiattaforma. Elaborato di Laurea di: Marco Stanzani

Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web Share Mobile per Dispositivi Mobili Multipiattaforma. Elaborato di Laurea di: Marco Stanzani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Enzo Ferrari Sede di Modena Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web

Dettagli

Android Porting on a Mobile Device

Android Porting on a Mobile Device Android Porting on a Mobile Device git commit --author Michael Trimarchi Simboli Parte abbordabile Parte che presenta alcune difficoltà Parte estremamente difficile Che cos'è

Dettagli

MA GLI ANDROIDI SOGNANO PINGUINI ELETTRICI? Introduzione ad Android. Il futuro prossimo dei telefoni cellulari.

MA GLI ANDROIDI SOGNANO PINGUINI ELETTRICI? Introduzione ad Android. Il futuro prossimo dei telefoni cellulari. MA GLI ANDROIDI SOGNANO PINGUINI ELETTRICI? Introduzione ad Android. Il futuro prossimo dei telefoni cellulari. 8 aprile 2008 Case delle Culture di Ponziana via Orlandini 38 - Trieste Cos'è Android? Android

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Dott. Ing. Davide Maiorca

Dott. Ing. Davide Maiorca Pattern Recognition and Applications Lab Sicurezza dei Sistemi Android Dott. Ing. Davide Maiorca davide.maiorca@diee.unica.it Corso di Sicurezza Informatica A.A. 2014/2015 Dipartimento di Ingegneria Elettrica

Dettagli

Novità della. versione 12?

Novità della. versione 12? NETSUPPO RT R MANAGE 12 Novità della versione 12? NetSupport Manager continua a proporre le ultimissime funzionalità per il supporto dei PC e la gestione dei desktop da remoto. Permette di monitorare più

Dettagli

Sviluppo di app e invio di notifiche per wearable devices in Android. Brando Mordenti Matricola 661278

Sviluppo di app e invio di notifiche per wearable devices in Android. Brando Mordenti Matricola 661278 Sviluppo di app e invio di notifiche per wearable devices in Android Brando Mordenti Matricola 661278 INTRODUZIONE Le app Wearable girano direttamente sul wearable device, permettendo di accedere all hardware

Dettagli

Cosa consente di fare Gea.Net App

Cosa consente di fare Gea.Net App Cosa consente di fare Gea.Net App Gea.Net App per Android e una piccola app che gira su device con sistema operativo Android condividendo i dati del gestionale Gea.Net. Questa versione permette di disporre

Dettagli

STUDIO E SVILUPPO DI UN APPLICAZIONE DI SICUREZZA PERSONALE IN AMBIENTE ANDROID

STUDIO E SVILUPPO DI UN APPLICAZIONE DI SICUREZZA PERSONALE IN AMBIENTE ANDROID POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA STUDIO E SVILUPPO DI UN APPLICAZIONE DI SICUREZZA PERSONALE IN AMBIENTE ANDROID Relatore: Prof. Capone ANTONIO Correlatore:

Dettagli

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION CONCETTI FONDAMENTALI USO DI DISPOSITIVI MOBILI APPLICAZIONI SINCRONIZZAZIONE 4. COLLABORAZIONE MOBILE 4.1. Concetti fondamentali 4.1.1 Identificare

Dettagli