ASSENTE ORDINARIA MODERATA ELEVATA EMERGENZA Per approfindimenti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSENTE ORDINARIA MODERATA ELEVATA EMERGENZA Per approfindimenti:"

Transcript

1 PROGETTO STRADA 2.0 Il progetto STRADA 2.0 affronta il tema dell impatto dei cambiamenti climatici sui rischi naturali, partendo dai risultati raggiunti attraverso il progetto STRADA, nel quale sono state definite strategie di adattamento al cambiamento climatico negli ambiti della gestione dei laghi prealpini transfrontalieri, delle sorgenti di montagna e delle valanghe frequenti e precipitazioni estreme in ambito transfrontaliero. Gli obiettivi del progetto STRADA 2.0 puntano: alla capitalizzazione dei risultati raggiunti attraverso l adeguamento delle suddette strategie, in ragione di nuovi elementi di conoscenza o delle mutate condizioni ambientali e/o legislative, nonché tramite la sperimentazione sul territorio delle procedure individuate. alla divulgazione e condivisione dei dati attraverso il miglioramento e l integrazione dei servizi webgis tematici, nonché attraverso la creazione di app per smartphone e tablet volte alla diffusione a tappeto degli allertamenti emessi dai Centri Funzionali di Protezione Civile alla divulgazione, a più ampio raggio possibile, dei risultati raggiunti, mediante appositi corsi di formazione, giornate di informazione, coinvolgimento delle scuole, ecc.. 1 ATTIVITA DI COMUNICAZIONE RIVOLTE ALLE SCUOLE Le attività programmate si articolano in tre step e prevedono il coinvolgimento di scuole medie nella proposta di divulgazione della strategia di adattamento. Alle scuole individuate verrà proposto di aderire al progetto e di inserire al proprio interno, in posizione idonea e visibile un tabellone magnetico con la descrizione dei rischi naturali considerati nel progetto (idrogeologico idraulico temporali forti - valanghe). Nel primo step della durata di un bimestre gli studenti saranno guidati alla verifica/aggiornamento del suddetto tabellone, nel quale saranno indicate le allerte attive, da aggiornare tutte le volte che verranno emessi degli avvisi di criticità emessi da parte del Centro Funzionale. Il secondo step (marzo - aprile 2015) vedrà il lancio di un concorso di idee tra le scuole per l individuazione di un gadget per l allertamento. Il concorso prevedrà la definizione, da parte delle scuole aderenti, di una proposta di gadget da indossare e tenere aggiornato, con la funzione di mettere in evidenza e di tenere sotto controllo i livelli di allerta presenti sul territorio per i rischi naturali, oggetto della strategia di adattamento individuata nel progetto STRADA e aggiornata nel Nuovo progetto STRADA 2.0. Alla definizione delle proposte di gadget pervenute, seguirà l'individuazione del gadget "vincitore" del concorso di idee e la messa in produzione del gadget stesso. L attività di comunicazione con le scuole si concluderà con una giornata finale (26 maggio 2015) alla quale saranno invitate le scuole aderenti al progetto. Nella stessa giornata saranno: distribuiti i gadget del progetto, divulgati i vari output conseguiti con l intero progetto (app di allertamento, siti web gis contenenti con i risultati finali, ecc...) IL SISTEMA DI ALLERTA REGIONALE E GLI AVVISI DI CRITICITA La Regione Lombardia, dal 2008, è stata divisa in aree omogenee di allertamento. Ogni qual volta sia previsto un evento che possa produrre un rischio sul territorio, il Centro Funzionale Regionale emette un avviso di criticità per lo specifico rischio, indicando l area omogenea in cui quella situazione di rischio è prevista. L'avviso di criticità è un documento ufficiale che la Protezione Civile di Regione Lombardia emette in caso si prevedano condizioni critiche sul territorio rispetto a specifici rischi. Nell'avviso di criticità, per ogni tipologia di rischio, sono riportati una sintetica valutazione degli effetti al suolo e l'indicazione dei livelli di criticità, per ogni area omogenea, espressi attraverso la seguente legenda: ASSENTE ORDINARIA MODERATA ELEVATA EMERGENZA Per approfindimenti:

2 %2FDetail&cid= &pagename=DG_PPPWrapper# PRIMO STEP FEBBRAIO 2015: VERIFICA/AGGIORNAMENTO TABELLONE ALLERTE ATTIVE Al ricevimento degli avvisi di criticità emessi da parte del Centro Funzionale che potranno pervenire: via mail all indirizzo della scuola o del referente del progetto; attraverso la app di allertamento Protezione Civile Lombardia per smartphone e tablet (il download sarà possibile e gratuito su tutti gli Appstore dal 15 febbraio 2015); si dovranno semplicemente apporre sul tabellone le calamite indicanti il rischio nelle posizioni corrette e così gli studenti e l'intera scuola saranno quotidianamente aggiornati su quali siano i rischi previsti nell area omogenea di appartenenza e su quale sia il livello di rischio previsto. 2 Come si può vedere dal tabellone la Lombardia è stata divisa in zone omogenee che vanno da A a H per i rischi idrogeologico, idraulico e temporali e da 11 a 16 più l area 54 per il rischio valanghe: gli avvisi di criticità riporteranno, per ogni zona omogenea, un codice di allerta che va da 0 a 4.

3 Si riporta di seguito schematicamente un esempio: Vengono emessi da parte del Centro Funzionale i seguenti due avvisi di criticità regionale. 3

4 4

5 La Scuola si trova nell area omogenea C per rischi Idrogeologico-Idraulico e Temporali forti ed in area omogenea 11 per rischio valanghe. Rispetto ai due avvisi pervenuti la situazione per il comune in cui si trova la scuola sarà la seguente: Rischio Idrogeologico criticità ordinaria 1 codice giallo Rischio Idraulico criticità assente 0 codice verde Rischio Temporali forti criticità moderata 2 codice arancio Rischio Valanghe criticità moderata 2 codice arancio 5 Le calamite dovranno essere posizionate nel modo seguente. STRADA 2.0 Le opportunità non hanno confini Per informazioni:

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Anno XLVI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 15 del 15.4.2015 Supplemento n. 58 mercoledì, 15 aprile 2015 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana,

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico

AZIONE 6: Definizione e sperimentazione di strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico PROGETTO STRADA Strategie di Adattamento al Cambiamento Climatico per la gestione dei Rischi Naturali nel territorio transfrontaliero REPORT CONCLUSIVO DELLE ATTIVITÀ AZIONE 6: Definizione e sperimentazione

Dettagli

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA SEMINARIO NAZIONALE La tutela della risorsa idrica in montagna Applicazione della direttiva acque negli ambienti alpini italiani STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA Tolmezzo,

Dettagli

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio REGIONANDO 2001 REGIONE LIGURIA Settore Assetto del territorio e Controllo Tecnico ATTIVITÀ REGIONALI PER LA QUALIFICAZIONE E SOSTEGNO DEGLI ENTI LOCALI LIGURI NELLA DIFESA DEL SUOLO E NELLA TUTELA DELLA

Dettagli

UN IMMAGINE PER INVITO A PALAZZO

UN IMMAGINE PER INVITO A PALAZZO UN IMMAGINE PER INVITO A PALAZZO Concorso per l individuazione di una immagine grafica per i supporti di comunicazione dell evento. Concorso riservato agli studenti delle Accademie d Arte e degli Istituti

Dettagli

FARMACI: APPLICAZIONE PER INFORMAZIONI SU QUELLI GENERICI

FARMACI: APPLICAZIONE PER INFORMAZIONI SU QUELLI GENERICI Rassegna Stampa YAHOO.COM (1 USCITA) Data: 31/03/2011 Utenti unici: 2.463.590 FARMACI: APPLICAZIONE PER INFORMAZIONI SU QUELLI GENERICI Si chiama 'Wikipharm' la nuova App di ricerca dei farmaci lanciata

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

L attività della Sala Operativa Regionale nella gestione delle emergenze idrogeologiche

L attività della Sala Operativa Regionale nella gestione delle emergenze idrogeologiche REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE L attività della Sala Operativa Regionale nella gestione delle emergenze idrogeologiche Palmanova, 1 ottobre 2009 dott. ing. Nadia

Dettagli

Bando APP Marconi Prize

Bando APP Marconi Prize Bando APP Marconi Prize È indetto dalla Fondazione Marconi e dal Marconi Institute for Creativity (MIC) un concorso di idee per sviluppare la miglior applicazione per Apple e/o Android Market, da usarsi

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

Iniziamo ad utilizzare LiveBox ITALIANO. http://www.liveboxcloud.com

Iniziamo ad utilizzare LiveBox ITALIANO. http://www.liveboxcloud.com 2015 Iniziamo ad utilizzare LiveBox ITALIANO http://www.liveboxcloud.com Iniziamo ad utilizzare LiveBox LiveBox è un software di private cloud che permette di memorizzare, condividere e modificare i documenti

Dettagli

REGOLAMENTO START CUP SARDEGNA 2013

REGOLAMENTO START CUP SARDEGNA 2013 REGOLAMENTO START CUP SARDEGNA 2013 Articolo 1 - Definizione dell'iniziativa Il Premio Start Cup Sardegna 2013 (in seguito SCS) è una competizione tra business plan di idee imprenditoriali innovative maturate

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte Il Decreto legislativo 81/2008 Il TU sulla sicurezza prevede l inserimento in ogni attività scolastica di

Dettagli

PREMIO DELLE BUONE PRATICHE DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA E ALLA SALUTE Vito Scafidi VI edizione Nota illustrativa dicembre 2011

PREMIO DELLE BUONE PRATICHE DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA E ALLA SALUTE Vito Scafidi VI edizione Nota illustrativa dicembre 2011 PREMIO DELLE BUONE PRATICHE DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA E ALLA SALUTE Vito Scafidi VI edizione Nota illustrativa dicembre 2011 Gentilissimo Dirigente, Cittadinanzattiva è lieta di invitare la sua scuola

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

Spirit of the mountain

Spirit of the mountain Spirit of the mountain BERGAMO MILANO PONTRESINA SESTRIERE VERONA CINQUE FESTIVAL, UN GRANDE NETWORK L IDEA L'Associazione Montagna Italia nasce nel 1996 con lo scopo di promuovere il turismo, il rispetto

Dettagli

Ufficio Cultura. Bando di concorso PotenzApp PREMESSA

Ufficio Cultura. Bando di concorso PotenzApp PREMESSA Ufficio Cultura Bando di concorso PotenzApp PREMESSA Il Comune di Potenza, con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 25/01/2011, ha adottato la Strategia POTENZA 2020, un'ambiziosa cornice programmatica

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

STRUMENTI DI RETE PER UNA RETE EFFICACE

STRUMENTI DI RETE PER UNA RETE EFFICACE STRUMENTI DI RETE PER UNA RETE EFFICACE Maria Carmen Russo Coordinatore Rete Informagiovani Lombardia e Responsabile Servizio Università Informagiovani del Comune di Cremona GLI STRUMENTI Banca Dati Curricula

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Regolamento del concorso

Regolamento del concorso ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Regolamento del concorso FINALITÀ DEL CONCORSO Le finalità del concorso sono duplici. Da un lato, sensibilizzare gli alunni delle scuole

Dettagli

L acqua è il nostro futuro.

L acqua è il nostro futuro. Alla cortese attenzione dì tutti i DIRIGENTI SCOLASTICI e gli INSEGNANTI delle Scuole PRIMARIE e SECONDARIE DI PRIMO GRADO L acqua è il nostro futuro. Giochiamo ed impariamo con il Consiglio di bacino

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

REGIONE LAZIO AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO AREA PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE CONCORSO FOTOGRAFICO BEL LA ZIO. Bando del concorso

REGIONE LAZIO AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO AREA PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE CONCORSO FOTOGRAFICO BEL LA ZIO. Bando del concorso ALLEGATO A schema REGIONE LAZIO AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO AREA PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE CONCORSO FOTOGRAFICO BEL LA ZIO Bando del concorso Ente Banditore: Regione Lazio Agenzia Regionale del

Dettagli

1. Servizio / Ufficio Politiche territoriali e di piano. 2. Dirigente Fabio Tomasetti. 3. Account Andrea Guermandi

1. Servizio / Ufficio Politiche territoriali e di piano. 2. Dirigente Fabio Tomasetti. 3. Account Andrea Guermandi [1] 1. Servizio / Ufficio Politiche territoriali e di piano 2. Dirigente Fabio Tomasetti 3. Account Andrea Guermandi 4. Referente per la comunicazione Giancarlo Pasi Giorgia Mussoni 5. Referente sito web

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO SINTETICO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri recante indirizzi operativi la predisposizione della parte dei piani di gestione relativa al sistema di allertamento nazionale, statale

Dettagli

RE Registro Elettronico

RE Registro Elettronico RE Registro Elettronico Premessa Il RE Registro Elettronico è la sezione della piattaforma WEB che consente, ai Docenti, di utilizzare le funzionalità di Registro di classe e di Registro del professore.

Dettagli

Progetto di Ricerca attuativo delle linee programmatiche anni 2012-2013. Progetto

Progetto di Ricerca attuativo delle linee programmatiche anni 2012-2013. Progetto A l l e g a t o 1 Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Progetto di Ricerca attuativo delle linee programmatiche anni 2012-2013. Progetto RIHTA Sviluppo delle attività di valutazione sistematica

Dettagli

Smau Mob App Awards 4 Consumer 2014 centro-sud

Smau Mob App Awards 4 Consumer 2014 centro-sud Smau Mob App Awards 4 Consumer 2014 centro-sud REGOLAMENTO ART 1 Organizzazione Lo Smau MobAppAwards 4 Consumer è un iniziativa promossa dall Osservatorio Mobile & App Economy della School of Management

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

lii lii llll lii I I li I lii 1111111111111111111111111111111

lii lii llll lii I I li I lii 1111111111111111111111111111111 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI presso il,l/ùtislero della Giustizia Circ. n. 580/XVlll Sess. CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 07/08/2015 U-rsp/5220/2015 lii lii llll lii I I li I lii 1111111111111111111111111111111

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI A. Bampo, M. Battistutta, S. Caschi, L. Fragiacomo, C. Montefusco, M. Moretuzzo, M. Telesca,

Dettagli

CONCORSO CONFAP - AICA. Regolamento del concorso

CONCORSO CONFAP - AICA. Regolamento del concorso CONCORSO CONFAP - AICA La CONFAP e l Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico hanno sottoscritto un Protocollo d Intesa finalizzato alla promozione di iniziative destinate al raggiungimento

Dettagli

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali Roberto Cremonini Arpa Piemonte Dip. Sistemi Previsionali Rocco Pispico Arpa Piemonte Dip. Geologia e Dissesto La nostra geomatica

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO Ing. Stefano Allegri Tec.Comunale Sindaco Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Pag. 1 di 1 1. CONSIDERAZIONI

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

Grafica 3D su device Mobili

Grafica 3D su device Mobili Grafica 3D su device Mobili Capitolato d'appalto Data: 27 novembre 2012 Azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008 M E N T I S S. r. l. È v i e t a t a q u a l s i a s i r i p r o d u z i o n e, a n c h

Dettagli

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi Dott.sa Paola Callegari Fatturazione Elettronica Emissione/ Trasmissione Archiviazione Conservazione CHIAVI

Dettagli

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione MONITO DELLA NEVE AL SUOLO IN PIEMONTE Roberto Cremonini, Maria Cristina Prola, Secondo Barbero, Erika Solero Arpa Piemonte, Dipartimento Servizi Previsionali, Torino, Italia Enrico Bonansea, Marcella

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI Procedura B04 ALLERTA 1-2 Pag. 1 di 8 OVE VENGA ADOTTATO UN AVVISO DI CRITICITÀ MODERATA O ELEVATA CON PREAVVISO INFERIORE ALLE 12 ORE DALL INIZIO DELLA CRITICITÀ (INIZIO DELLA CRITICITÀ PREVISTO PER IL

Dettagli

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA AVVISO SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA Il Comune di Firenze, per favorire la trasparenza, il dialogo e la partecipazione dei cittadini intende sperimentare nuove forme di contatto

Dettagli

Smau Mob App Awards 4 Business 2014 centro-sud

Smau Mob App Awards 4 Business 2014 centro-sud Smau Mob App Awards 4 Business 2014 centro-sud REGOLAMENTO ART 1 Organizzazione Lo Smau Mob App Awards 4 Business è un iniziativa - promossa da SMAU e dall Osservatorio Mobile Enterprise della School of

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO 5 maggio 2010 WWW.PROVINCIA.TORINO.IT 1 PREMESSA...3 IL DISCIPLINARE REGIONALE...4 LE PROCEDURE OPERATIVE DEL SISTEMA

Dettagli

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004.

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/11 DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. Affidamento ad ARPAV delle attività di supporto al funzionamento del Centro Funzionale Decentrato presso

Dettagli

Organizzazione di un servizio meteorologico regionale

Organizzazione di un servizio meteorologico regionale PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dip. Protezione Civile e Tutela del Territorio Ufficio Previsioni e Organizzazione Organizzazione di un servizio meteorologico regionale Andrea Piazza PROVINCIA AUTONOMA DI

Dettagli

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Attività dirette al rafforzamento degli Uffici addetti alle politiche e alla gestione del personale delle Amministrazioni degli Enti Locali delle

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

Regolamento del concorso

Regolamento del concorso ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE La versione definitiva di questo documento sarà disponibile sul sito www.expoitaliasvizzera.it a partire dal 15 settembre Regolamento

Dettagli

Deutsche Bank. db POSMobile. Un nuovo strumento per il business in mobilità. Guida all utilizzo. db.com/italia

Deutsche Bank. db POSMobile. Un nuovo strumento per il business in mobilità. Guida all utilizzo. db.com/italia Deutsche Bank db POSMobile Un nuovo strumento per il business in mobilità. Guida all utilizzo. db.com/italia db POSMobile, un nuovo modo di accettare i pagamenti db POSMobile di Deutsche Bank è il nuovissimo

Dettagli

Gli Oscar della Sostenibilità I EDIZIONE 2014 Idee sostenibili al servizio del territorio lombardo

Gli Oscar della Sostenibilità I EDIZIONE 2014 Idee sostenibili al servizio del territorio lombardo 1 Gli Oscar della Sostenibilità I EDIZIONE 2014 Idee sostenibili al servizio del territorio lombardo REGOLAMENTO Condividono e collaborano al progetto: Acli Adiconsum BCC Cittadinanzattiva Con Voi Onlus

Dettagli

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Fax SMS Messaggi vocali E-mail LA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL AVVISO DI CRITICITÀ SI RITIENE EFFICACE QUALORA ALMENO UNO DEI CANALI

Dettagli

Cam a p m i p o i n o a n t a o o d i d i g i g o i r o na n l a i l s i m s o m o 2 0 2 0 0 8 0 / 8 2 / 0 2 0 0 9

Cam a p m i p o i n o a n t a o o d i d i g i g o i r o na n l a i l s i m s o m o 2 0 2 0 0 8 0 / 8 2 / 0 2 0 0 9 Poligrafici Editori Editoriale ale Campionato di giornalismo 2008/2009 Presentazione Indice Obiettivi del concorso Regolamento e modalità Programma del Campionato Gestione concorso Scheda di partecipazione

Dettagli

Progetto OULXLAB. Io sono un cantautore. II edizione. Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado.

Progetto OULXLAB. Io sono un cantautore. II edizione. Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado. Progetto OULXLAB Io sono un cantautore II edizione Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado Oulx (Torino) Soggetti promotori Presentazione del progetto M.I.U.R. Ufficio Scolastico

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

Il progetto Nexus dell UNECE per il bacino idrografico dell Isonzo/Soca

Il progetto Nexus dell UNECE per il bacino idrografico dell Isonzo/Soca Gorizia 14 Ottobre 2014 Il progetto Nexus dell UNECE per il bacino idrografico dell Isonzo/Soca Stato dell arte e prospettive sul possibile caso di studio nato dalla cooperazione fra Convenzione delle

Dettagli

WebGis - Piano Comprensoriale di Protezione Civile

WebGis - Piano Comprensoriale di Protezione Civile "S@ve - Protezione dell'ambiente per la gestione ed il controllo del territorio, valutazione e gestione emergenze per il comprensorio del Vallo di Diano" I PRODOTTI: WebGis - Piano Comprensoriale di Protezione

Dettagli

lucisull impresa2010>>2011

lucisull impresa2010>>2011 lucisull impresa 2010>>2011 lucisull impresa2010>>2011 C è un enorme bisogno di Cultura, di qualità come l intelligenza, il piacere di pensare e ragionare con la propria testa, di esplorare con curiosità,

Dettagli

Associazione Regionale Giornalisti ARGAV. Agroalimentari e Ambientali del Veneto e del Trentino-AltoAdige

Associazione Regionale Giornalisti ARGAV. Agroalimentari e Ambientali del Veneto e del Trentino-AltoAdige Associazione Regionale Giornalisti ARGAV Agroalimentari e Ambientali del Veneto e del Trentino-AltoAdige Dal 10 al 18 maggio alla Fiera Campionaria di Padova l evento finale di un percorso di educazione

Dettagli

APP mobile. Comuni Italia

APP mobile. Comuni Italia APP mobile Comuni Italia COSA É? COME FUNZIONA? PERCHÉ É UTILE? PERCHÉ É UNICA? F.A.Q. Circuito Comuni Italia COSA É? È un APP per smartphone e tablet personalizzata per ogni Comune disponibile sui maggiori

Dettagli

GIS Turistico della Valdaso Venerdì 23 gennaio 2015 - Ortezzano - Sala Savini

GIS Turistico della Valdaso Venerdì 23 gennaio 2015 - Ortezzano - Sala Savini GIS Turistico della Valdaso Venerdì 23 gennaio 2015 - Ortezzano - Sala Savini Ing. Roberto Capancioni GEOSERVICE srl PORTALE TERRITORIALE TURISTICO PER LA PROMOZIONE DEL PATRIMONIO: storico-culturale enogastronomico

Dettagli

Mediterranean sights Concorso video per la promozione del patrimonio culturale nel Mediterraneo

Mediterranean sights Concorso video per la promozione del patrimonio culturale nel Mediterraneo Mediterranean sights Concorso video per la promozione del patrimonio culturale nel Mediterraneo 1. Premessa L Italia, la Tunisia ed il Libano, attraverso rispettivamente il Ministero dei beni e delle attività

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Soluzioni per percorsi suggestivi ed immersivi in mobilità

Soluzioni per percorsi suggestivi ed immersivi in mobilità Soluzioni per percorsi suggestivi ed immersivi in mobilità APPiedi è un sistema di soluzioni per la fruizione di contenuti culturali e di realtà aumentata volti a rendere più intense e complete le attività

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia BANDO DI CONCORSO Centri di promozione della legalità Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Concorso regionale per la creazione di Centri di promozione della legalità, ai quali saranno assegnati

Dettagli

Lo statuto FISM. STATUTO Approvato dall assemblea dei soci del 29 gennaio 2011 Art.3 - I SOCI

Lo statuto FISM. STATUTO Approvato dall assemblea dei soci del 29 gennaio 2011 Art.3 - I SOCI FISM Lo statuto FISM FISM - Federazione delle Società Medico-Scientifiche Italiane Fondata a Milano il 6 luglio 1984, la Federazione (FISM) è Persona Giuridica (DPR. 10.2.2000, n.361), legalmente costituita

Dettagli

Lunedì 22 settembre 2014 http://www.lavocedelterritorio.it/articolo.asp?idprod=7565&idscatp=

Lunedì 22 settembre 2014 http://www.lavocedelterritorio.it/articolo.asp?idprod=7565&idscatp= http://www.lavocedelterritorio.it/articolo.asp?idprod=7565&idscatp= CONFAGRICOLTURA UMBRIA AVVIA COMUNICAZIONE PER AZIENDE ANCHE SU APP Il lancio a Todi, giovedì 25 settembre, durante al presentazione

Dettagli

mail reteventi@provincia.padova.it seguici su

mail reteventi@provincia.padova.it seguici su mail reteventi@provincia.padova.it seguici su _ il progetto Reteventi Cultura Veneto èil progetto a regia regionale definito con accordo di programma sottoscritto con le sette amministrazioni provinciali,

Dettagli

SMART SALES: la soluzione per la vendita digitale, efficace e economica

SMART SALES: la soluzione per la vendita digitale, efficace e economica Smart Apps SMART SALES: la soluzione per la vendita digitale, efficace e economica La nuova app per cataloghi e brochure virtuali con carrello prodotti e preventivo, in esclusiva per i clienti Vodafone

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

Genesi e obiettivi di PROGETTOMETRO (1/2)

Genesi e obiettivi di PROGETTOMETRO (1/2) Genesi e obiettivi di PROGETTOMETRO (1/2) Progetto di sviluppo nato all interno di Prima SGR a fine 2010 da intuizioni/ascolto del mercato, poi sviluppato nell ambito dell integrazione Anima-Prima PROGETTOMETRO

Dettagli

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATLANTE REGIONALE DELLE FRANE La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA a cura di: Dott. Geol. Luca Dei Cas U.O. Centro

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE

REPORT DI VALUTAZIONE Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013 Le opportunità non hanno confini. Oltre la frontiera: occasioni di cooperazione REPORT DI VALUTAZIONE Unione europea Fondo Europeo Sviluppo

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN BANCA DELLA

Dettagli

Georientiamoci - progetto didattico per gli studenti dell ultimo anno delle scuole secondarie di primo grado

Georientiamoci - progetto didattico per gli studenti dell ultimo anno delle scuole secondarie di primo grado Page 1 of 8 Georientiamoci - progetto didattico per gli studenti dell ultimo anno delle scuole secondarie di primo grado Da: Tolu Segreteria (segreteria.tolu@geometrioristano.it) Data invio: giovedì 16

Dettagli

Progetto Go Park Life 12 INF/IT/000571. Azione D2 rivolta ai docenti Prima giornata in presenza

Progetto Go Park Life 12 INF/IT/000571. Azione D2 rivolta ai docenti Prima giornata in presenza Azione D2 rivolta ai docenti Prima giornata in presenza Metafora srl 1 Il Progetto Life Go Park Metafora srl 2 Uno degli 11 progetti LIFE approvati nello strand Information and Communication 2012 Attivato

Dettagli

Microprogettazione abcdigital. TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi Obiettivi Cosa fare Materiale di supporto Note PRIMA DI OGNI AULA IN AULA

Microprogettazione abcdigital. TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi Obiettivi Cosa fare Materiale di supporto Note PRIMA DI OGNI AULA IN AULA TUTTI I GIORNI: APERTURA E CHIUSURA Tempi 30 min Preparare I tablet all installazione dell App di prova Impostare su tutti i tablet la possibilità a scaricare app da internet PRIMA DI OGNI AULA Tempi 20

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

Protocollo d intesa con i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Protocollo d intesa con i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Direzione Amministrativa Servizio Prevenzione e Protezione Dipartimento II Risorse Umane Modulo Rapporti Sindacali Protocollo d intesa con i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza 1. ACCESSO AI

Dettagli

PREMIO NAZIONALE. Premessa

PREMIO NAZIONALE. Premessa Industry Sector www.siemens.it/sce PREMIO NAZIONALE Olimpiadi dell automazione 2013 5 o edizione del concorso riservato ai Docenti e Studenti degli Istituti Tecnici e Professionali Bando e regolamento

Dettagli

Scheda azione emergente - 10

Scheda azione emergente - 10 Scheda azione emergente - 10 Azione emergente Politica cui l azione concorre Obiettivo Strategico Obiettivi operativi Attività DEFINIZIONE E ADOZIONE DI PIANI DI EMERGENZA COMUNALI ED INTERCOMUNALI Riduzione

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

REPORT GRUPPO DI LAVORO III

REPORT GRUPPO DI LAVORO III REPORT GRUPPO DI LAVORO III Piattaforma web Network per la RCS per la gestione dei flussi informativi ed organizzazione Centrale di produzione coordinata e permanente delle pillole informative del SSR

Dettagli

PREMESSE GENERALI. Uffici di Protezione Civile Via di Francia, 3 Segreteria tel. 010-5573445 fax 010-5573452 Email: protezionecivile@comune.genova.

PREMESSE GENERALI. Uffici di Protezione Civile Via di Francia, 3 Segreteria tel. 010-5573445 fax 010-5573452 Email: protezionecivile@comune.genova. Delibera ASPL n. 16/2014 Carta dei Servizi Protezione Civile Anno 2014 PREMESSE GENERALI Corpo Polizia Municipale Settore Protezione Civile, Comunicazione Operativa e Polizia Ambientale Uffici di Protezione

Dettagli