Social Learning, Knowlage Management, Cooperative Group Work, Gestione semantica delle informazioni, sono strumenti indispensabili.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Social Learning, Knowlage Management, Cooperative Group Work, Gestione semantica delle informazioni, sono strumenti indispensabili."

Transcript

1 EDUCATIONALAB è il progetto che intende realizzare un ambiente favorevole all apprendimento in cui è sollecitata la fondamentale dinamica dell imparare ad imparare attraverso percorsi formativi learning centered. I percorsi formativi colgono la dimensione integrale della personalità di colui che apprende (cognitiva, meta cognitiva, pratico-operativa, affettivo - motivazionale, relazionale - sociale). Le competenze vengono condivise in ambienti di apprendimento attenti alla sollecitazione dei saperi naturali dello studente ed offrono spazio al suo ruolo attivo e riflessivo nei processi di costruzione, co-costruzione, condivisione di conoscenza e significato. Il modello di apprendimento significativo, presentato in questo progetto, intende proporsi come una buona prassi nel contesto formativo e scolastico per promuovere nello studente la competenza intesa come saper agire, reagire e co-agire pensando. EDUCATIONALAB realizza contesti di apprendimento in cui viene facilitata l interazione comunicativa fra diversi soggetti: alunni insegnanti, gli esperti, i facilitatori, il tutto con l utilizzo delle tecnologie. In tal senso la gamma delle tecnologie rivestono il ruolo di strumenti che aiutano a formare. L ambiente classe diventa knowledge-building community in cui tutti gli allievi sono impegnati in compiti autentici che incoraggiano l interdipendenza nell apprendimento efficace tra saperi formali, informali e non formali. Il clima di cooperazione è supportato e sollecitato dall utilizzo consapevole e intenzionale delle tecnologie, al fine sempre di l imparare a imparare. Il tutto rappresenta la chiave di volta per costruire la cittadinanza digitale, consapevole di una realtà in cui la tecnologia permea ogni ambito del quotidiano e riduce il digital divide, importante causa del knowledge divide. Social Learning, Knowlage Management, Cooperative Group Work, Gestione semantica delle informazioni, sono strumenti indispensabili.

2 Il professore diventa il mediatore culturale che con l utilizzo della tecnologia qualifica l azione formativa e ai fruitori dello stesso ne valorizza le potenzialità per cui il Tempo Scuola si ampia, cosi come il Luogo Scuola si smaterializza creando la possibilità di accedere ai contenuti in locale o in remoto. Fulcro dell idea innovativa sono i laboratori virtuali - on-line che permettono di simulare ed eseguire un qualsiasi esperimento. I sistemi informatici avanzati permettono di osservare in tempo reale eventi naturali, come la riproduzione di animali (con telecamere che osservano per esempio la schiusa delle uova) o l osservazione di fenomeni astronomici attraverso il controllo a distanza di un telescopio. La scienza sperimentale, cioè l elaborazione di una ipotesi, la sperimentazione e l osservazione di quanto accade viene esperito da ogni alunno. EDUCATIONLAB individua nell interazione un modo nuovo di costruire l apprendimento dinamico e coinvolgente che veicola i linguaggi usati dai nativi digitali nel quotidiano. E personalizzato perché attento ai bisogni e dunque ai tempi di apprendimento individuali ma nel contempo ricco, strutturato, in-formativo per rendere ogni alunno capace di auto-in-formazione. Egli è sempre più consapevole e responsabile delle proprie inclinazioni e del proprio stile cognitivo, il tutto in un clima di cooperative-learning in cui il Docente continuerà ad avere un ruolo centrale. Le caratteristiche di questo ambiente di apprendimento sono: o In qualsiasi momento: la possibilità di estendere il tempo scuola anche ad un ambiente domestico, per attività pomeridiane e serali di esercitazione, revisione e consolidamento. o Dovunque: la possibilità di estendere il luogo scuola: musei, fiere, siti archeologici, luoghi di attività ricreative. o Disponibile a chiunque: possibilità per lo studente malato, a casa, in ospedale, o diversamente abile, di seguire le lezioni mediante webcam, di interagire con il docente e con i compagni di classe come se fosse presente in aula. L utilizzo delle tecnologie integrate con un nuovo ambiente di apprendimento, permetterà a tutti la costruzione di una cittadinanza digitale consapevole. EDUCATIONLAB è il complesso risultato di conoscenze innovative unite alla consapevolezza che una didattica supportata dalle nuove tecnologie conserva una fondamentale opzione pedagogica: l esigenza del costruttivismo della conoscenza. E questa sfida che la scuola del XXI secolo deve raccogliere. In tal senso la rivoluzione digitale, i libri di testo multimediali e interattivi, editabili, la possibilità per gli alunni di interagire con il testo stesso, singolarmente o in cooperative group work, non elimina ma anzi sottolinea la funzione essenziale del professore che diventa il regista, in un contesto di scambio di informazioni in cui l efficacia comunicativa e la verifica della qualità dell apprendimento sono da lui rilevate e monitorate. La logica dell insegnamento, teaching centered, viene sostituita dall apprendimento, learning centered, ed il docente non è colui che dispensa un sapere astratto e decontestualizzato ma colui che

3 attiva nel soggetto la sua intenzionalità conoscitiva, proprio grazie al supporto delle nuove tecnologie. Per questo motivo una parte importante del Progetto è dedicato alla formazione del Docente che deve acquisire una metodologia per individuare e qualificare tutti i comportamenti che promuovono il contesto di apprendimento che sarà sempre maggiormente cooperativo, al fine di riconoscere le eventuali distorsioni che sono necessarie eliminare o recuperare in itinere, per la costruzione di un efficace percorso di apprendimento. EDUCATIONALAB, è quindi un insieme unico di tutte queste parti con l intento di creare un trade union tra: Metodo, Ambiente di apprendimento, Strumenti utilizzati, Soggetti. IL METODO Il punto di svolta a cui la ricerca ci ha condotto è stato quello di metterci dinanzi al quesito più importante e dal contenuto più innovativo. Una volta messi in campo gli strumenti e le tecnologie con determinate caratteristiche di multimedialità, pensato e realizzato un ambiente favorevole all apprendimento, è necessario dare la soluzione al quesito di come tutto ciò possa dialogare all interno dell aula, quale deve essere la metodologia didattica per essere condotta una lezione. A questa domanda abbiamo dato la risposta tramite il coinvolgimento di studiosi internazionali che da tempo si erano posti il problema giungendo inevitabilmente alla soluzione innovativa di questo tipo. La metodologia che deve gestire questo cambiamento è pertanto determinante e di fondamentale importanza. EDUCATIONALAB, ha fatto suo il metodo del Prof. Alfredo Mazzocchi qui sintetizzato. (visualizza qui).

4 AMBIENTE DIDATTICO L ambiente di apprendimento Una buona scuola si costituisce come un contesto idoneo a promuovere apprendimenti significativi e a garantire il successo formativo per tutti gli alunni. A tal fine è possibile indicare, nel rispetto dell autonomia delle scuole e della libertà di insegnamento, alcuni principi metodologici che contraddistinguono un efficace azione formativa senza pretesa di esaustività. L acquisizione dei saperi richiede un uso flessibile degli spazi, a partire dalla stessa aula scolastica, ma anche la disponibilità di luoghi attrezzati che facilitino approcci operativi alla conoscenza per le scienze, la tecnologia, le lingue comunitarie, la produzione musicale, il teatro, le attività pittoriche, la motricità. Particolare importanza assume la biblioteca scolastica, anche in una prospettiva multimediale, da intendersi come luogo privilegiato per la lettura e la scoperta di una pluralità di libri e di testi, che sostiene lo studio autonomo e l apprendimento continuo; un luogo pubblico, fra scuola e territorio, che favorisce la partecipazione delle famiglie, agevola i percorsi di integrazione, crea ponti tra lingue, linguaggi, religioni e culture. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni, per ancorarvi nuovi contenuti. Nel processo di apprendimento l alunno porta una grande ricchezza di esperienze e conoscenze acquisite fuori dalla scuola e attraverso i diversi media oggi disponibili a tutti, mette in gioco aspettative ed emozioni, si presenta con una dotazione di informazioni, abilità, modalità di apprendere che l azione didattica dovrà opportunamente richiamare, esplorare, problematizzare. In questo modo l allievo riesce a dare senso a ciò che impara. Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità, per fare in modo che non diventino disuguaglianze. Le classi sono oggi caratterizzate da molteplici diversità, legate alle differenze nei modi e nei livelli di apprendimento, alle specifiche inclinazioni e ai personali interessi, a particolari stati emotivi e affettivi. La scuola deve progettare e realizzare percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli allievi. Particolare attenzione va rivolta agli alunni con cittadinanza non italiana i quali, ai fini di una piena integrazione, devono acquisire sia un adeguato livello di uso e controllo della lingua italiana per comunicare e avviare i processi di apprendimento, che una sempre più sicura padronanza linguistica e culturale per proseguire nel proprio percorso scolastico/educativo. L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole, anche se da tempo è un fatto culturalmente e normativamente acquisito e consolidato, richiede un effettiva progettualità utilizzando le forme di flessibilità previste dall autonomia e le opportunità offerte dalle tecnologie. Favorire l esplorazione e la scoperta al fine di promuovere il gusto per la ricerca di nuove conoscenze. In questa prospettiva la problematizzazione svolge una funzione insostituibile: sollecita gli alunni a individuare problemi, a sollevare domande, a mettere in discussione le

5 conoscenze già elaborate, a trovare appropriate piste d indagine, a cercare soluzioni originali. Incoraggiare l apprendimento collaborativo. Imparare non è solo un processo individuale. La dimensione sociale dell apprendimento svolge un ruolo significativo. In tal senso, molte sono le forme di interazione e collaborazione che possono essere introdotte (dall aiuto reciproco all apprendimento cooperativo, all apprendimento tra pari), sia all interno della classe, che attraverso la formazione di gruppi di lavoro con alunni di classi e di età diverse. A questo scopo risulta molto efficace l utilizzo delle nuove tecnologie che permettono agli alunni di operare insieme per costruire nuove conoscenze, ad esempio, attraverso ricerche sul web e per corrispondere con coetanei anche di altri paesi. Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere al fine di imparare ad apprendere. Riconoscere le difficoltà incontrate e le strategie adottate per superarle, prendere atto degli errori commessi, ma anche comprendere le ragioni di un insuccesso, conoscere i propri punti di forza, sono tutte competenze necessarie a rendere l alunno consapevole del proprio stile di apprendimento e capace di sviluppare autonomia nello studio. Occorre che l alunno sia attivamente impegnato nella costruzione del suo sapere e di un suo metodo di studio, sia sollecitato a riflettere su come e quanto impara, sia incoraggiato a esplicitare i suoi modi di comprendere e a comunicare ad altri i traguardi raggiunti. Ogni alunno va posto nelle condizioni di capire il compito assegnato e i traguardi da raggiungere, riconoscere le difficoltà e stimare le proprie abilità, imparando così a riflettere sui propri risultati, valutare i progressi compiuti, riconoscere i limiti e le sfide da affrontare, rendersi conto degli esiti delle proprie azioni e trarne considerazioni per migliorare. Tutto questo rappresenta il prototipo EDUCATIONALAB che grazie alla sua fruibilità online sarà possibile utilizzare Dovunque In qualsiasi momento Da chiunque. Ambiente Classe Zoom

6 Applicazioni - Contenuti Presenti all interno degli E-book - Unità didattiche interattive. Zoom L Aula cambia Il contesto che accoglie i nuovi strumenti e le nuove metodologie, perde la sua staticità, diventa modulare e fluido, si adatta alle esigenze degli allievi, del docente e al tipo di lezione che si vuole svolgere. Spostamento del focus dall insegnante allo studente Spostamento del focus dall apprendimento al fare Aumento della motivazione degli alunni Risalto della cooperazione Aumento del tempo scuola Spostamento del luogo scuola L aula diventa il luogo in cui si realizzano le prime dinamiche adatte all apprendimento, la mobilità dell aula, la possibilità di creare gruppi di lavoro, l interazione tra alunni e professore, o tra gruppi crea le condizioni basilari affinché l uso delle nuove tecnologie e dei nuovi strumenti possa essere facilitato e funzionale. Aumento del Tempo Scuola - Luogo Scuola

7 Il tempo scuola si estende, gli alunni avranno la possibilità di accedere da casa o da altro luogo alle informazioni contenute nel Cloud e continuare il lavoro intrapreso in aula. Il Cloud consentirà agli alunni momentaneamente indisponibili all attività scolastica di partecipare alle lezioni. La classe diventa un luogo accessibile, che si estende oltre il confine definito. Il Cloud è il luogo di scambio, conservazione, confronto delle esperienze, sia tra gli alunni, che fra le scuole. Più scuole potranno accedere al Cloud e mettere in comunione le proprie esperienze, i propri problemi al fine di condividerne le soluzioni. Questa tecnologia fornisce una opportunità storica permettendo la nascita di nuove possibili riconfigurazioni spaziali e temporali del sistema formativo: policentrismo formativo, scuola distribuita, istruzione permanente. STRUMENTI UTILIZZATI Personal Desktop Cloud EDUCATIONALAB ha scelto ClassLink LaunchPad quale miglior strumento per la didattica. E il primo desktop basato su cloud che offre agli insegnanti e agli studenti l accesso a tutte le applicazioni ed i files disponibili sempre e ovunque. L unico requisito è una connessione ad Internet. EDUCATIONALAB è costituito da una piattaforma centrale il cui cuore è costituito da ClassLink / LaunchPad che funge da contenitore di tutte le applicazioni. ClassLink può essere divisa in 3 sottostazioni: il distributore dei libri, il contenitore dei dati e il coordinatore delle applicazioni. E uno strumento molto semplice da utilizzare che permetterà agli insegnanti e agli studenti di accedere al proprio desktop personalizzato e da qui sarà possibile gestire i propri dati Sarà possibile accederetramite un PC desktop o un qualsiasi Computer portatile, con un Tablet o Smartphone. Sarà possibile la connessione in tempo reale con la Classe in qualsiasi momento ed in qualsiasi luogo. Il coordinatore delle applicazioni ci permette di gestire, produrre, visualizzare tutte le attività didattiche che vanno dalla semplice esercitazione alle applicazioni più complesse permettendo sia un lavoro individuale che di gruppo. Il contenitore dei dati è uno storage cloud sia individuale che condiviso che permette l archiviazione sia delle informazione già residenti che quelle generate dall attività didattica.

8 Reader Ebook Educationalab ha scelto Excelsoft che ha realizzato un software di lettura multi piattaforma: Openpage. Questa soluzione è stata sviluppata per le esigenze di carattere educativo per ogni scuola di qualsiasi ordine e grado. Excelsoft è tra le prime software house al mondo in ambito educational ed ha realizzato Openpage dalla progettazione iniziale fino allo sviluppo finale. Ha creato così un ambiente di apprendimento con interno strumenti di valutazione. Questa soluzione è utilizzata da circa 23 milioni di utenti in tutto il mondo. Il distributore dei libri non è altro che una piattaforma con relativo reader che permette la lettura e l elaborazione dei libri scolastici. Unità didattiche Interattive Libri Multimediali - L ebook I testi scolastici in formato e-book che realizzeremo non saranno dei semplici pdf o epub, ma avranno le caratteristiche di multimedialità ed interattività fruibilità - socialità Il nostro ebook didattico sarà: MULTIMEDIALE: i testi devono avere contenuti multimediali che consentano all allievo di accedere a video, filmati, fotografie. La multimedialità permetterà l utilizzo semantico dei contenuti multimediali. INTERATTIVO: l interattività permetterà all allievo e al docente di poter interagire sul testo adattandolo alle proprie esigenze ma rispettando la paternità e scientificità dello stesso, oltre a permettere la sperimentazione di nuovi contenuti e modalità di studio e di co-costruzione del testo. FRUIBILE: scaricare ogni momento libri multimediali e interattivi, spostare facilmente documenti tra i due schermi, registrare lezioni, prendere appunti, fare lezioni in video conferenza. SOCIALITA : tutti i volumi, le lezioni, gli appunti, grazie alla rete, potranno essere accessibili e condivisi e sempre disponibili sulla nuvola di EDUCATIONALAB. Inoltre l hardware adottato permetterà di dare piena attuazione alle dinamiche che favoriscono l apprendimento alla base della metodologia adottata da EDUCATIONALAB.

9 I contenuti inseriti saranno in formato Epub. Tutti i contenuti sono stati creati appositamente con nuova forma grafica per il progetto in essere e verranno arricchiti di test e contenuti audio video. All interno del Testo sono stati inseriti dei Link Interattivi (Hot Link). Questi potranno essere selezionarti con un click del mouse, potranno attivare il browser (predefinito), o attivare collegamenti / audio / video / esercizio inserito / scheda didattica di approfondimento. Con questa icona partiranno i Video inseriti come demo per approfondire l argomento trattato. Oltre a ciò da alcuni hot link ben specificati partiranno, ad esempio se previsti, delle Video Lezioni. Con alcuni hot link si potranno visualizzare files in formato Pdf che all occorrenza potranno essere stampati ad esempio cartine, esercizi etc. Altri hot link permetteranno l esecuzione, attraverso il browser predefinito, di un applet java (macchina java virtuale). Questo simulazioni, divertenti ed interattive, saranno inerenti alla materia / argomento trattato. Le nuove funzionalità dei formati epub 3 e Html 5 ci permetterà di rendere la multimedialità e i contenuti interattivi più completi per l utilizzo delle risorse esterne. Come evidenziato, nell esempio riportato, all interno del testo sarà possibile inserire delle formule e grazie alla novità dell installazione di MathML possiamo inserire, come caratteri, tutti i simboli grafici e matematici. Come si evince dall immagine è possibile inserire un audio / video audio a corredo della lezione, inoltre è possibile l inserimento di link sia all interno dello stesso testo che all esterno. L Html 5 è l'insieme di tecnologie che vuole trasformare Internet da un semplice catalogo di pagine di testo in un immenso archivio di applicazioni web ovvero strumenti con funzionalità avanzate e interfaccia user-friendly per "fare cose" e non solo per consultare documenti. L Html 5 vuole essere la tecnologia di sviluppo futuro. Questo futuro non sarà solo il nostro desktop o notebook ma anche iphone, ipad, e Tablet Android. Sono questi gli strumenti con cui oggi e soprattutto domani si utilizzerà il web. Come si può vedere dalle immagini possono essere supportate numerose tipologie di domande: dalla scelta multipla all'inserimento, dal vero/falso al testo libero. Dispense Multimediali Con questa definizione vengono identificati gli Asset Digitali.

10 Questi saranno utilizzabili liberamente dal docente e dagli studenti nella creazione di percorsi personalizzati e un glossario relativo alle discipline coinvolte. Tali Dispense Multimediali verranno strutturate, come evidenziate nell immagine di fianco riportata. Nella parte centrale si avrà il video correlato di spiegazione degli elementi visualizzati e da una traccia audio che spiegherà nel dettaglio la scena. Come si può notare, dall immagine, all interno delle applicazioni si potranno svolgere le seguenti attività: Torna al Video in esecuzione - Questo tasto permette di ritornare al video in esecuzione una volta che si è scelto una delle modalità di seguito riportate. Approfondimenti La funzione ci permette di accedere all approfondimento dell argomento attraverso la lettura del testo, mentre il video che si era intenti a visualizzare scorrerà nella parte a destra come riportato nell immagine. Attività Interattiva - Con questa sezione verranno svolte da parte dello studente delle attività interattive. Queste avranno il fine di supportare docenti e studenti in tutte le fasi (preparazione, esecuzione e verifica della comprensione) dello studio e della sperimentazione. Quiz Interattivi - In questa sezioni si potranno completare dei Quiz interattivi, come per la sezione precedente, aiuteranno il docente e lo studente in tutte le fasi (preparazione, esecuzione e verifica della comprensione) dello studio e della sperimentazione. Link Correlati - In funzione mostrerà in una lista di link esterni scelti secondo il target scolastico che trattano l argomento. Spiegazione Termini Utilizzati - Glossario dell argomento Argomento Trattato - Spiegazione grafica dell argomento trattato Laboratori Remoti e Virtuali Online Un laboratorio online è un sistema hardware/software che consente agli utenti di interagire con simulatori o processi fisici dislocati in altri luoghi attraverso la rete Internet o tramite dispositivi mobili. Le possibili applicazioni di questi laboratori sono molteplici e spaziano dalla programmazione a distanza di robot o macchine utensili, all utilizzo di strumenti di laboratorio per la didattica e per lo svolgimento di esercitazioni pratiche. La diffusione di questo tipo di laboratori permette di risolvere molti problemi legati alla gestione dei laboratori tradizionali:

11 problemi logistici: i laboratori online sono sempre aperti e funzionanti pur garantendo sicurezza e protezione: la scuola riduce gli oneri connessi all uso di agenti chimici pericolosi, radiazioni, smaltimento rifiuti speciali costi: le attrezzature di laboratorio sono sfruttate in modo più razionale e condivise da molti utenti costi di manutenzione: non sono più a carico della Scuola spazi dedicati: le scuole possono incrementare l offerta di esperienze ed attività di laboratorio senza dover sottrarre spazi alla didattica in aula staff qualificato: disponibile online durante lo svolgimento degli esperimenti che ne richiedono la presenza Principali vantaggi: Piena accessibilità. A differenza dei laboratori tradizionali, un laboratorio remoto può essere utilizzato 24 ore al giorno e da qualunque terminale collegato ad Internet. La diffusione di Internet ha permesso la realizzazione di laboratori reali controllati in remoto che sono disponibili in molte nazioni e stanno entrando a far parte della normale prassi didattica. Nonostante vi siano ancora alcune limitazioni, essi offrono un buon potenziale per migliorare le lezioni con attività pratiche riducendo i problemi organizzativi e contenendo i costi. Inoltre i laboratori online sono ideali per attività di apprendimento eseguite a distanza. I laboratori equipaggiati con attrezzature reali sono in grado di fornire dati sperimentali a studenti e ricercatori ma sono spesso molto costosi. I laboratori virtuali, invece, sono basati su modelli matematici, simulatori software e banche dati. Essi possono simulare il comportamento delle attrezzature reali a costi minori, ma spesso non riescono a riprodurre efficacemente molti aspetti non considerati dai modelli ma essenziali nella didattica delle discipline scientifiche. Un Laboratorio Online (o anche Laboratorio Remoto) può contenere sia attrezzature reali che simulate. Queste ultime si rivelano utili in fase di addestramento, per evitare danni alle attrezzature reali. Mappe Concettuali All interno dell ambiente è stato istallata la piattaforma per la creazione delle Mappe Concettuali. Questo permette di creare Solution Map in modalità condivisa via web. L impatto grafico è minore di quello che può essere ottenuto con altri strumenti e l ambiente di lavoro è decisamente

12 sobrio ma consente di creare elementi web che possono essere inseriti con grande facilità in altri siti web permettendo sia di visualizzare che di navigare nelle mappe prodotte. Oltre alle funzioni di disegno, consente anche la collaborazione a distanza attraverso internet. In questo modo creare mappe concettuali diventa semplice: dopo l inserimento dell argomento possiamo arricchirlo con icone o immagini relative all argomento trattato cercando così di semplificare l apprendimento. A questo punto possiamo inserire nella mappa annotazioni o collegamento verso link o file e possiamo assegnare specifici argomenti a gruppi di lavoro per ampliarne i concetti fornire la possibilità di coinvolgere un numero maggiore di utenti. Una volta terminata la mappa, questa può essere: trasmessa via mail ad altri utenti; inserita in un ambiente di condivisione in internet (blog o altro); condivisa nel gruppo di lavoro, attraverso l ambiente classe o attraverso il cloud; potrà essere esportata e stampata in vari formati (pdf, word, powerpoint) potrà essere linkata all interno di una unità didattica attraverso gli Hot Link. Esercitazioni Strutturate Questo strumento permette la creazione, la gestione e l'analisi di questionari e test. Semplice da utilizzare, dotato di numerose funzionalità, permette di gestire quiz online, esami via web, certificazioni e formazione a distanza. I Docenti e i Formatori possono facilmente aggiungere o importare le domande con pochi clic del mouse, impostare le opzioni e pubblicare automaticamente i test. Gli allievi svolgono quindi i questionari online. Tutte le risposte sono automaticamente valutate e salvate per una successiva visualizzazione o analisi. Supporterà numerose tipologie di domande-risposte che andranno dalla scelta multipla all'inserimento diretto, dal vero/falso al testo libero.

13 Le domande potranno essere suddivise in categorie e sarà possibile estrarre un numero casuale di domande da ogni argomento. I questionari sono completamente personalizzabili con numerose opzioni: tempo massimo, punteggi differenti, valutazione, sicurezza e molto altro. Si potranno creare questionari formativi e sommativi, test di selezione, esami didattici, test psicologici e di personalità, sondaggi, ecc. I questionari potranno essere pubblicati on-line e resi disponibili agli utenti. I test possono essere pubblici, semi-pubblici oppure privati. Docenti, responsabili e amministratori potranno controllare le risposte date, le valutazioni ed i punteggi. Ogni sessione di svolgimento (cioè le risposte date dagli utenti) potrà essere successivamente visualizzata a schermo, stampata su carta oppure esportata in un file PDF. Le domande possono essere analizzate con statistiche e grafici: ad esempio, puoi verificare quanti utenti hanno risposto in modo esatto, in modo errato oppure non hanno dato alcuna risposta ad una particolare domanda. MISSION Ci troviamo in un momento in cui le modalità di comunicazione stanno modificando quelle relazionali fra persone. Questa influenza è ancora più sentita nel mondo della scuola dove a una realtà dinamica (i ragazzi), sempre più spesso, si contrappone una realtà statica (individuata non solo nell ambiente scolastico fisico, ma anche nelle modalità di apprendimento al momento messe in atto). Ecco allora che, al fine di ridurre il gap oggi esistente, è necessario introdurre strumenti e proporre una modalità di apprendimento in grado di far dialogare i ragazzi con gli strumenti, l ambiente con i ragazzi e gli strumenti fra di loro. Il nostro progetto è un insieme unico, seppur costituito da parti diverse, tutte con il medesimo intento di creare un metodo di apprendimento, relazionando didattica, strumenti utilizzati, docenti e discendenti, in modo da facilitare l apprendimento. La scuola stessa si sta adeguando a queste nuove necessità facendosi promotrice della ricerca di nuove tecnologie e metodologie didattiche che permettono i realizzare prodotti editoriali che:

14 a) consentano ai protagonisti del processo educativo di interagire efficacemente con le moderne tecnologie digitali e multimediali e di sperimentare nuovi contenuti e modalità di studio e di co-costruzione dei saperi b) siano funzionali al conseguimento di conoscenze, abilità e competenze e che contribuisca efficacemente alla realizazzione/organizzazione di nuovi ambienti di apprendimento * Questi i presupposti su cui è in atto il cambiamento che nel breve periodo coinvolgerà il mondo della scuola. EUCATIONALAB ha da tempo iniziato a lavorare in tal senso coinvolgendo scuole e professori nell ascolto delle esigenze, delle necessità pratiche, nonché per comprendere quali fossero i limiti che strumenti tecnologicamente molto efficienti incontrano nel momento in cui vengono inseriti all interno di un aula scolastica. Questo attento confronto ha portato alla formulazione delle nostre linee guida basate principalmente su due domande : a) Quali caratteristiche deve avere il luogo (l aula) in cui principalmente si realizza l apprendimento per interagire con gli strumenti (Tablet Lim - video proiettori Interattivi ecc) b) Quale metodologia deve essere prevista affinché l ambiente di apprendimento sia efficiente e consenta una corretta interazione fra le varie forze in esso inserite c) Quali caratteristiche deve avere il libro come strumento di trasmissione della conoscenza per poter essere inserito all interno di un contesto di apprendimento cambiato e fortemente influenzato dalle nuove tecnologie. Queste domande, nate dalle esigenze concrete da noi riscontrate ci hanno di conseguenza portato, attraverso un attenta ricerca, alla definizione di determinate soluzioni e alla contestuale realizzazione di determinati prodotti. Note * Editoria Digitale Scolastica Linea guida e di indirizzo promosse dal MIUR

Educationalab è un marchio registrato

Educationalab è un marchio registrato Educationalab è il progetto che intende realizzare un ambiente favorevole all apprendimento in cui è sollecitata la fondamentale dinamica dell imparare ad imparare attraverso percorsi formativi learning

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A CL@SSI 2.0 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O N. 9 B O L O G N A S c u o l a s e c o n d a r i a d i I g r a d o I l G u e r c i n o a. s. 2009-2 0 1 0 I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A F e b b

Dettagli

TIC & didattica: Seminari 2015. Michele Capalbo

TIC & didattica: Seminari 2015. Michele Capalbo TIC & didattica: una pluralità di relazioni Seminari 2015 Michele Capalbo Progetto: POF 2015\2016 L.S. E. Fermi (CS) Percorso: Orientiamoci sulle TIC nella didattica curriculare Facciamo conoscenza epub

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO A scuola tra le nuvole Il progetto intende realizzare il connubio tra la tecnologia, come strumento di mediazione dell apprendimento,

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

High Quality Audio/Video

High Quality Audio/Video EDUCATIONAL High Quality Audio/Video LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM HD PRESENTAZIONE IDM HD nato per la formazione...!!! Protagonista di progetti ambiziosi, per importanti realtà scolastiche,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Scuola digitale inclusiva dal dire al fare: esperienze e modelli operativi dalle scuole italiane

Scuola digitale inclusiva dal dire al fare: esperienze e modelli operativi dalle scuole italiane Scuola digitale inclusiva dal dire al fare: esperienze e modelli operativi dalle scuole italiane Prof.ssa Monica Fanizzi Organizzazione della scuola - Usi didattici del tutorial Prof.ssa Maria Bertoldini

Dettagli

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO CARATTERISTICHE FUNZIONALI DELLA SOLUZIONE TECNOLOGICA DEDICATA ALLA FORMAZIONE E ALL'AGGIORNAMENTO A DISTANZA

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 LA CLASSE OLTRE I CONFINI PER UNA DIDATTICA 3.0 Progetto dell Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 1 Lorenzo Da Ponte NOME DEL PROGETTO: LA CLASSE

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DI MACERATA

IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DI MACERATA I P S I A SAN BENEDETTO DEL TRONTO 20 settembre 2014 PROJECT WORK IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DI MACERATA Progettare l inclusione con le tecnologie 2 Dall aprile 2014, l IPSIA di San Benedetto del

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze

IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze Pordenone, Trieste, Udine 11 dicembre 2013 Gorizia 12 dicembre 2013 A cura dello Staff regionale per le misure

Dettagli

14 Maggio 2015. Strumenti per il lavoro in classe. A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com

14 Maggio 2015. Strumenti per il lavoro in classe. A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com 14 Maggio 2015 Strumenti per il lavoro in classe A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com Da destinatario passivo di informazioni......a partecipante attivo nel processo di apprendimento. Ha condotto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA 1 In una realtà multiculturale come la nostra, l apprendimento precoce di una lingua straniera, qual è l inglese, è ormai fondamentale

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione LOGOS Didattica della Comunicazione Didattica Comunicazione e comunità hanno la stessa radice linguistica: le comunità esistono attraverso la condivisione di significati comuni e di forme comuni di comunicazione(j.

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Tablet in spalla Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Progetto pilota su tre scuole secondarie di 1 grado di Lucca Scuola G. Carducci IC Lucca 1 Scuola D. Chelini

Dettagli

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO Il progetto nasce dall esigenza di creare spazi alternativi per

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

Cambia la scuola che cambia

Cambia la scuola che cambia SEMINARIO Cl@ssi 2.0 A Rimini dal 10 all'11 febbraio docenti e dirigenti per pensare la scuola del futuro Cambia la scuola che cambia Docenti partecipanti prof.: Gentile Laura, Mazzeo Lucia, Santoro Marina

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

I servizi cloud per la didattica

I servizi cloud per la didattica I servizi cloud per la didattica Un servizio offerto da DidaCloud srls Fare startup significa fare cose nuove che cambiano la vita propria e altrui Riccardo Luna, primo direttore dell edizione italiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA TITOLO DEL PROGETTO «PER UNA COMUNITA CHE COSTRUISCE SAPERI E PRATICA CITTADINANZA» SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA SCUOLA PRIMARIA SEC. DI 1 GRADO A.S. 2011/2012 STUDIAMO INSIEME L AMBIENTE

PROGETTO CONTINUITA SCUOLA PRIMARIA SEC. DI 1 GRADO A.S. 2011/2012 STUDIAMO INSIEME L AMBIENTE PROGETTO CONTINUITA SCUOLA PRIMARIA SEC. DI 1 GRADO A.S. 2011/2012 Il progetto continuità Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado, coinvolgerà otto classi di V^ della Scuola Primaria e cinque classi

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Dal f lipped all EAS

Dal f lipped all EAS Dal flipped all EAS Lo sviluppo della tecnologia e i piani nazionali permettono oggi di portare con sempre maggior costanza e diffusione le TIC all interno della classe, il luogo per definizione deputato

Dettagli

Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE

Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE Prof. Andrea Porcarelli Applet, Learning Object, Ambienti di Pubblicazione e di Simulazione Prof. Claudio Cancelli SILSIS- Sede di Bergamo

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE:

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: Uso didattico del TABLET Livello Base (100 ore), Livello Intermedio (150 ore), Livello Avanzato

Dettagli

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Funzione Strumentale Giovanna Perrella Un po di normativa I perché della Continuità L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali AREA DI COMPETENZA COPERTA DALLA CERTIFICAZIONE MACRO-COMPETENZA

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Il Quadro di della Certificazione EPICT si articola su quattro livelli: 1. Area di competenza (Competenza

Dettagli

Piano Nazionale Scuola Digitale CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI

Piano Nazionale Scuola Digitale CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI Piano Nazionale Scuola Digitale CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 206 INTRODUZIONE I corsi si rivolgono agli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado, di tutte le discipline, non solo

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi Definizione dei profili di apprendimento Architetture Didattiche Tipologia Caratteristiche Quando avvalersene Ricettiva Trasmissione

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE PROTOMAIL REGISTRO ELETTRONICO VIAGGI E-LEARNING DOCUMENTI WEB PROTOCOLLO ACQUISTI QUESTIONARI PAGELLINE UN GESTIONALE INTEGRATO PER TUTTE LE ESIGENZE DELLA SCUOLA

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

p. 5 1 Esercitazione e ripasso p. 5 1.1 Tutte le attività p. 5 1.2 Regole grammaticali p. 7 1.3 Verifiche suggerite p. 8 1.

p. 5 1 Esercitazione e ripasso p. 5 1.1 Tutte le attività p. 5 1.2 Regole grammaticali p. 7 1.3 Verifiche suggerite p. 8 1. 1 INDICE INTRODUZIONE 1 Che cos è WebLab? 2 Perché usare WebLab? p. 3 p. 3 p. 3 COME ACCEDERE A WebLAB? 1 Sei un insegnante? 2 Non sei ancora registrato? 3 Sei uno studente? p. 4 p. 4 p. 4 p. 4 LE ATTIVITÀ

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA E compito della tecnologia quello di promuovere nei bambini e nei ragazzi forme di pensiero e atteggiamenti che preparino e sostengano

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti L intento di questa guida rapida è mostrare, in poche pagine, come diventare operativi in breve tempo con Moodle e riuscire a popolare il proprio corso con

Dettagli

didattica da laboratorio

didattica da laboratorio didattica da laboratorio LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM Premium IDM PREMIUM è una rete didattica multimediale hardware ideata per rendere l insegnamento in laboratorio sempre più dinamico ed

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI 2 SCUOLA PRIMARIA «SANDRO PERTINI» CLASSE II SEZIONE B Gennaio/giugno 2014 Presentazione dell unità

Dettagli

Strumenti e materiali didattici: sitografia ragionata. Silvia Balabio

Strumenti e materiali didattici: sitografia ragionata. Silvia Balabio Strumenti e materiali didattici: sitografia ragionata Silvia Balabio Premessa Le risorse disponibili in rete per l insegnamento dell italiano L2 sono ormai numerose e costituiscono una fonte preziosa per

Dettagli

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti dei corsi Il corso denominato G1 non compare in quanto le iscrizioni all incontro col prof. Tagliagambe sono stati diversamente contemplati. Il codice del corso, indicato sulla destra nella casella dei

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI Via F.lli Rosselli n. 4-52025 Montevarchi (AR ) e-mail: aric834004@istruzione.it - aric834004@pec.it http://www.magiotti-mv.it/ Tel. e Fax. 055/9102637-055/9102704

Dettagli

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO)

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) 1. PREMESSA Il Manuale non è esaustivo di ciò che è necessario sapere sul trattamento didattico dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), ma raccoglie

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

PROGETTO PON Realizzazione Ambienti Digitali

PROGETTO PON Realizzazione Ambienti Digitali a.s 2015-2016 Istituto Comprensivo P. FERRARI di Pontremoli MS Via IV Novembre, 76-54027 Pontremoli (MS) Tel/ Fax 0187/830168 E-mail msic81100n@istruzione.it U.R.L. http://www.icferraripontremoli.it PROGETTO

Dettagli