Direzione Didattica Statale 3 Circolo Via G. Di Vittorio, 70 A 081/ Qualiano (NA)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Didattica Statale 3 Circolo Via G. Di Vittorio, 70 A 081/8196878. 80019 Qualiano (NA)"

Transcript

1 PIANO DI MIGLIORAMENTO dell Istituto Direzione Didattica Statale 3 Circolo Via G. Di Vittorio, 70 A 081/ Qualiano (NA) internet:www.terzocircoloqualiano.it RESPONSABILE del Piano : Dirigente Scolastico Prof.ssa Tiziana Tuzi Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM: Nome e Cognome Ruolo nell organizzazione scolastica Ruolo nel team di miglioramento Tiziana Tuzi Dirigente scolastico D.S. Teresa Carandente Responsabile di plesso componente Giuseppa D Alterio F.S. area Abilità differenti componente Maria Guerrera F.S. area POF componente Lucia Imparato Referente Invalsi Referente valutatore Vincenza Mele 1 Collaboratore del D.S. Referente miglioramento Francesco Paolella 2 Collaboratore del D.S. Referente miglioramento Clementina D Alterio F.S. area Continuità / Cittadinanza e componente territorio Palma Perrotta Docente componente Loredana Uccio Referente laboratorio linguistico componente Antimo Petrossi D.S.G.A DSGA Carmelina Patri Referente formazione docenti componente PRIMA SEZIONE Scenario di riferimento Informazioni ritenute necessarie per la spiegazione delle scelte di miglioramento Il contesto socio-culturale in cui la scuola è inserita (reti sul territorio, caratteristiche sociali e culturali dell ambiente in cui la scuola è inserita, modelli educativi di riferimento, offerte per la gestione del tempo libero) La popolazione del Comune di Qualiano è di circa 25mila abitanti, di cui circa un terzo proviene da Napoli; minima la presenza di extracomunitari; si registra un costante calo demografico. Carenza di punti d incontro e di aggregazione per i giovani; la scuola pertanto rappresenta la principale agenzia educativa e formativa. Parte delle famiglie, seppur sollecitate, partecipa poco alle iniziative scolastiche, probabilmente a causa della situazione di svantaggio socio-economico e culturale da cui proviene. La scuola partecipa come partner alle reti esistenti tra le scuole del territorio, in relazione alla costruzione del Curricolo verticale in base alle Indicazioni Nazionali. L organizzazione scolastica (Composizione popolazione scolastica alunni, strategie della scuola per il coinvolgimento delle famiglie, obiettivi del POF, modalità di condivisione metodologica La popolazione scolastica del Circolo si attesta sui 600 alunni. La scuola attiva iniziative per coinvolgere le famiglie: solidarietà, rappresentazioni teatrali e manifestazioni varie. Gli obiettivi del POF possono riassumersi così: garantire a tutti il diritto allo studio, 1

2 e didattica tra insegnanti, attenzione alle dinamiche tra pari, gestione della scuola, sistemi di comunicazione) valorizzando le potenzialità di ciascuno; favorire il confronto interpersonale e la solidarietà sociale; valorizzare tutti gli elementi della convivenza civile. La condivisione degli strumenti di programmazione e di valutazione rappresenta il punto di forza della collaborazione tra docenti. La Dirigenza attua tutte le strategie necessarie per migliorare le strutture scolastiche. Buone le dinamiche relazionali tra le componenti scolastiche. Al sito web sono state apportate le modifiche necessarie per renderlo fruibile anche dalle famiglie. Il lavoro in aula (attenzione alle relazioni docenti-alunni, gli ambienti di apprendimento, progetti di recupero e potenziamento degli apprendimenti, utilizzo di nuove tecnologie per la didattica) I docenti attivano tutte le strategie necessarie a favorire positive relazioni con/tra gli alunni, creando situazioni di collaborazione e di condivisione atte a stimolare l apprendimento e un clima di ben-essere. Per il raggiungimento dei suddetti obiettivi, la scuola progetta attività di recupero potenziamento ed aggregazione. Le aule della sede S. Chiara sono state tutte dotate delle LIM; è stata allestita un aula multimediale ad uso esclusivo dei docenti con postazione PC e tablet; al plesso C. Migliaccio è stata potenziata la rete wireless e i docenti sono stati forniti di tablet sia per le attività strettamente didattiche sia per la compilazione dei registri elettronici. Permane uno scarso utilizzo del laboratorio scientifico. Pertanto si propone il potenziamento di una didattica interattiva laboratoriale. IDEE GUIDA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Descrizione dei processi che hanno portato alla scelta degli obiettivi di miglioramento Risultati della valutazione esterna (Prove Invalsi, valutazione di equipe) Risultati dei processi autovalutazione Criticità individuate/piste di miglioramento Punteggi inferiori sia alla media regionale che a quella nazionale attivazione di corsi di potenziamento dei processi logico-procedurali risultati critici. Presa di coscienza delle criticità e volontà di superarle. Principali criticità: scarso utilizzo del laboratorio scientifico e in generale radicate abitudini che ostacolano i cambiamenti. Scarsa interazione delle famiglie alla governance dell istituzione scolastica, richiesta di una specifica azione formativa per i docenti sul disagio. Punti di forza della scuola/ risorse Volontà generalizzata di migliorare i processi di apprendimento, affiancando alla didattica tradizionale l utilizzo delle TIC. Azione condivisa della comunità scolastica soprattutto per quel che riguarda aspetti procedurali di progettazione in relazione al POF, nonché ai criteri comuni di 2

3 Linea strategica del piano La consapevolezza della necessità di mettere in campo azioni utili a migliorare tutti i processi di insegnamento apprendimento, favorisce la disposizione di un piano integrato con corsi per docenti ed alunni. In particolare il piano dovrà implementare la formazione docenti per disagio alunni, sostenere la professionalità dei docenti all uso della nuove tecnologie azione mirata di didattica con la LIM, incrementare la conoscenza della normativa amministrativo contabile al fine di conseguire una buona amministrazione, e potenziare lo sviluppo e l acquisizione delle competenze chiave degli alunni secondo secondo gli assi culturali: linguaggio, matematica e scienza. Definizione di Obiettivi strategici Indicatori Favorire l inclusione scolastica di alunni con tipologie diverse di disagio o bisogno. Sviluppare una didattica basata anche sull elaborazione multimediale. Acquisire competenze specifiche al fine di operare in un amministrazione efficiente ed efficace. Potenziare le competenze linguistiche e logicomatematiche. Utilizzare in maniera consapevole le strumentazioni del laboratorio scientifico. Indicatori di valutazione : soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Indicatori di partecipazione Partecipazione ai corsi docenti: 2/3 dei docenti parteciperanno ai corsi per il disagio e l elaborazione multimediale; i docenti interessati e il personale amministrativo parteciperanno al corso della gestione contabile. Partecipazione ai corsi alunni: Gruppi delle classi II e III per le competenze in lingua madre. Gruppi delle classi IV per le competenze scientifiche e logico-matematiche. ELENCO DEI PROGETTI DI MIGLIORAMENTO (secondo l ordine di priorità) Pertanto le aree da migliorare e le relative azioni di miglioramento risultano essere: Nello specifico dunque i progetti sono identificati come: Area da migliorare Necessità di miglioramento Grado di priorità (fattibilità per impatto-prodotto) Sviluppo dele competenze chiave in Comprensione e rielaborazione Impatto 3 / Prodotto 2 Italiano matematica - scienze processi logici Area da migliorare Necessità di miglioramento Grado di priorità Formazione docenti Strategie metodologico - didattiche Impatto 2 / Prodotto 3 Area da migliorare Necessità di miglioramento Grado di priorità Formazione personale scolastico Gestione amministrativo - contabile Impatto 2 / Prodotto 2 3

4 1. Corsi B4/B9: Per una didattica inclusiva / Gli adempimenti amministrativo contabili nella scuola dematerializzata. 2. Corso D1: La didattica con la LIM. 3. Corsi C1: La conoscenza è la chiave del mondo; Mentematematica; La scienza in laboratorio. SECONDA SEZIONE Da compilare per ciascun progetto Indicazioni di progetto Titolo del progetto Per una didattica inclusiva Responsabile del progetto D Alterio Giuseppa Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Aggiornare e sviluppare le conoscenze e le competenze dei docenti che necessitano in aula di attivare misure compensative e dispensative. - Sviluppare pratiche - operative concrete e Best Practice per la gestione dei i problemi legati all' inclusività scolastica. - Offrire strategie da adottare in accordo alle differenti tipologie di disagio o bisogno. - Definire una raccolta di modelli (checklist, esempi di esercizi, proposte di attività,...) da usare e mettere in pratica.. Obiettivi operativi 1.Organizzare ed animare situazioni di apprendimento; 2.Gestire la progressione degli apprendimenti; 3.Ideare e fare evolvere dispositivi di differenziazione. 4.Coinvolgere gli alunni nel loro apprendimento e nel loro lavoro; 5. Lavorare in gruppo; 6.Partecipare alla gestione della scuola. Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto Favorire l integrazione e l inclusione delle varie fasce sociali opportune strategie, curriculari ed extracurriculari, per il recupero dello svantaggio e per l ampliamento dell O.F. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Docenti infanzia e primaria, personale scolastico Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. 4 La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla

5 componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o interno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Target Il diritto all' inserimento, integrazione e inclusione affinchè ciascuna persona possa sentirsi uguale agli altri, portatrice degli stessi diritti e aspirazioni, quali che siano le condizioni bio-psico-fisiche, sociali e culturali. La didattica diventa inclusiva quando sa accogliere tutte le diversità e riformulare al tal fine le proprie scelte organizzative, progettuali,metodologiche didattiche e logistiche. Il riesame e il miglioramento (Act) Note sul monitoraggio Modalità di revisione delle azioni Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. 5 Criteri di miglioramento

6 Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianificazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione1 B4 D alterio Giuseppa GiuseppaGiuseppaG iuseppa Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto Titolo del progetto Gli adempimenti amministrativo -contabili nella scuola dematerializzata Responsabile del progetto Petrossi Antimo Data di inizio e fine febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Aggiornare e acquisire competenze specifiche al fine di operare in una amministrazione efficiente ed efficace; - Programmare azioni destinate alla formazione del personale in materia amministrativa contabile, nella gestione degli acquisti, fattura elettronica, mercato elettronico, piattaforma certificazione dei crediti e altro; - Seguire le modifiche costanti e dinamiche della legislazione e del costrutto operativo che la accompagna; - Fornire al personale impegnato validi supporti di carattere analitico informatico Obiettivi operativi 1. Sapere predisporre piano acquisti in rapporto al POF e al P. A.; 2. Sapere le modalità di acquisizione di beni e servizi e strumenti di e- procurement, il ciclo operativo ( Determina dirigenziale, indagine di mercato... ); 3. conoscenza DEL CODICE DEGLI APPALTI E REGOLAMENTO DI CONTABILITA' ( SOGLIE DI SPESA, CRITERI DI SELEZIONE, PROSPETTI COMPARATIVI, AGGIUDICAZIONE PROVVISORIA, DEFINITIVA, STAND STILL, STIPULA DEL CONTRATTO... tracciabilità, DURC, Equitalia; 4. Uso Fattura elettronica; 5. Uso della piattaforma certificazione crediti; 6. Aspetti connessi alla dematerializzazione.; Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei 1 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 6

7 Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto Nel sottolineare l' opportunità che viene data alle scuole del progetto VaLes, si fa presente quanto sia importante la formazione del personale in materia amministrativo contabile e in particolare l' acquisizione di competenze per la gestione delle procedure messe in atto dalla recente normativa. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA. Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Docenti, personale ATA, Dirigenti. Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente personale della scuola e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o interno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) 7

8 Target Si fa presente che nella precedente programmazione 2013 non è stato possibile programmare azioni destinate alla formazione del personale in materia amministrativa contabile. Pertanto tale azione si sostiene in misura quanto mai puntuale, soprattutto e in relazione con le direttive e i riferimenti dettati della Unione Europea. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Criteri di miglioramento Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianifcazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione2 B9 Petrossi Antimo Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto La pianificazione (Plan) Titolo del progetto La didattica con la LIM Responsabile del progetto Patrì Carmelina Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 Pianificazione obiettivi operativi Obiettivi operativi Indicatori di valutazione 2 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 8

9 L'articolazione progettuale del corso si ispira alla definizione di un percorso formativo flessibile, teso a integrare e valorizzare l'intreccio tra didattica e tecnologie ed in grado di rispondere alle diverse esigenze, e competenze, dei docenti. Il corso ha l'obiettivo di promuovere l'uso degli strumenti e dei contenuti digitali che oggi servono per collaborare, condividere, comunicare e insegnare negli ambienti di apprendimento on line e nei sistemi di organizzazione e gestione delle attività didattiche in presenza e a distanza; questi ultimi richiedono inoltre ai partecipanti competenze per svolgere attività collaborative e partecipazione attiva (social networking). Il corso richiede un livello di competenze digitali un poco più avanzato rispetto ad un percorso di base, soprattutto, richiede maggiori disponibilità ed esperienza di discussione e collaborazione, anche on line, fra colleghi. L'offerta formativa si articola nelle seguenti aree tematiche: I) Fare didattica con l'elaborazione testi e le presentazioni multimediali II) Metodologie didattiche con la LIM Metodologie - Laboratorio - Lavoro di gruppo Incrementare le competenze tecnologiche; - Esplorare modalità di insegnamento/apprendimento innovative; - Progettare percorsi didattici con la Lim/pc/ tablet; - Migliorare l' efficacia della lezione; - Favorire la personalizzazione dei percorsi di apprendimento degli studenti; - Incrementare la partecipazione/collaborazione degli alle attività di classe. SPECIFICI - Il collegamento PC-LIM: allineamento e orientamento dello schermo interattivo; - Componenti del software della LIM; - Interazione con il sw della LIM; - Cattura e conversione delle note manoscritte su LIM; - Uso degli altri strumenti sw: creazione di oggetti e percorsi didattici digitali; - Creazione di mappe interattive e Specifiche. Per completare il percorso di formazione ogni partecipante dovrà progettare, possibilmente insieme ai colleghi del proprio gruppo, un percorso didattico disciplinare, o interdisciplinare, oppure dovrò simulare un'attività di lavoro che implichi l'utilizzo delle risorse digitali presentate durante l'intervento di formazione. soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto L'esperienza della grande richiesta di interventi per la formazione dei docenti del primo ciclo e all'uso didattico delle nuove tecnologie dimostra che, comunque, c'è ancora una forte esigenza di formazione sulle competenze digitali e che interventi specifici vanno accuratamente programmati dalle scuole, che devono scegliere i contenuti e le modalità più coerenti con le proprie esigenze di formazione. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Docenti infanzia e primaria, personale della scuola. 9

10 Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o inetrno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ). Target La società attuale e i nuovi programmi scolastici richiedono una buona padronanza dei mezzi di comunicazione che dipendono dall'utilizzo del computer. Negli ultimi anni il Ministero dell'istruzione ha promosso molti interventi per lo sviluppo delle competenze digitali del personale della scuola per la diffusione delle tecnologie, creazione reti. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati 10

11 consentiranno di calibrare le eventuali successive. azioni Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianifcazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione3 D1 Patrì Carmelina Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto Titolo del progetto La conoscenza è la chiave del mondo Responsabile del progetto Imparato Lucia Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Comunicazione nella madrelingua: capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in un'itera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione e formazione, lavoro, vita domestica e tempo libero. Obiettivi operativi Padronanza della lingua italiana. o Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l'interazione comunicativa verbale in vari contesti. o Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo. Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei 3 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 11

12 o Produrre testi di vario tipo in relazione ai diversi scopi comunicativi. o Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi. o Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario. o Utilizzare e produrre testi multimediali. Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto La centralità del costrutto della competenza nella ridefinizione del compito formativo della scuola è attestata dalla crescente attenzione, riconoscibile sia a livello nazionale, sia a livello internazionale, al tema delle competenze chiave per la cittadinanza attiva. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Alunni delle classi seconde e terze scuola primaria Budget previsto 10337,89 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. 12

13 Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Descrizione delle azioni di monitoraggio Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o interno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Target Si avverte l'esigenza di identificare e declinare in termini operativi i traguardi formativi che il sistema scolastico deve assicurare per consentire al soggetto in formazione un inserimento autonomo e responsabile nel contesto sociale, culturale, professionale in cui vive. Tali traguardi vengono espressi in termini di competenza, ovvero di capacità di usare il proprio sapere, più o meno formalizzato, per rispondere ai propri bisogni personali e alle esigenze poste dal contesto sociale. Il riesame e il miglioramento (Act) Note sul monitoraggio Modalità di revisione delle azioni Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianificazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto 13

14 Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione4 C1 Imparato Lucia G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto Titolo del progetto Mentematematica Responsabile del progetto Guerrera Maria Data di inizio e fine Febbraio maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Obiettivi operativi Indicatori di valutazione Abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane, ponendo l'accento sugli aspetti del processo, dell'attività e della conoscenza. Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica. o Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni o Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. o Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi, anche con l'ausilio di interpretazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni di tipo informatico. soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto La centralità del costrutto della competenza nella ridefinizione del compito formativo della scuola è attestata dalla crescente attenzione, riconoscibile sia a livello nazionale, sia a livello internazionale, al tema delle competenze chiave per la cittadinanza attiva. 4 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 14

15 Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Alunni quarte e quinte scuola primaria Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Target Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o inetrno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Si avverte l'esigenza di identificare e declinare in termini operativi i traguardi formativi che il sistema scolastico deve assicurare per consentire al soggetto in formazione un inserimento autonomo e responsabile nel contesto sociale, culturale, professionale in cui vive. Tali 15

16 traguardi vengono espressi in termini di competenza, ovvero di capacità di usare il proprio sapere, più o meno formalizzato, per rispondere ai propri bisogni personali e alle esigenze poste dal contesto sociale. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali successive. azioni Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianificazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere G F M A M G L A S O C1 Guerrera Maria X M X X X Note Situazione5 Indicazioni di progetto Titolo del progetto La scienza in laboratorio Responsabile del progetto Mele Vincenza Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Le competenze di base in campo scientifico e tecnologico riguardano la Obiettivi operativi Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni, Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti 5 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 16

17 padronanza, l'uso e l'applicazione di conoscenze e metodologie che spiegano il mondo naturale. Tali competenze comportano la comprensione dei cambiamenti determinati dall'attività umana e la consapevolezza della responsabilità di ciascun cittadino. appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità. o Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall'esperienza. o Essere consapevole delle potenzialità delle tecnologie rispetto al contesto culturale e sociale in cui vengono applicate. questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto. La centralità del costrutto della competenza nella ridefinizione del compito formativo della scuola è attestata dalla crescente attenzione, riconoscibile sia a livello nazionale, sia a livello internazionale, al tema delle competenze chiave per la cittadinanza attiva. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Alunni classe quarte, quinte della scuola primaria Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. 17

18 Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o inetrno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Target Si avverte l'esigenza di identificare e declinare in termini operativi i traguardi formativi che il sistema scolastico deve assicurare per consentire al soggetto in formazione un inserimento autonomo e responsabile nel contesto sociale, culturale, professionale in cui vive. Tali traguardi vengono espressi in termini di competenza, ovvero di capacità di usare il proprio sapere, più o meno formalizzato, per rispondere ai propri bisogni personali e alle esigenze poste dal contesto sociale. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianifcazione degli obiettivi. 18 Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail.

19 Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione6 C1 Mele Vincenza Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X TERZA SEZIONE Da compilare relativamente al Piano per verificare l omogeneità delle azioni di valutazione del PdM Progetto Obiettivi operativi Indicatori Target Risultati ottenuti7 Per una didattica inclusiva 1.Organizzare ed animare situazioni di apprendimento; 2.Gestire la progressione degli apprendimenti; 3.Ideare e fare evolvere dispositivi di differenziazione. 4.Coinvolgere gli alunni nel loro apprendimento e nel loro lavoro; 5. Lavorare in gruppo; 6.Partecipare alla gestione della scuola soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Il diritto all' inserimento, integrazione e inclusione affinchè ciascuna persona possa sentirsi uguale agli altri, portatrice degli stessi diritti e aspirazioni, quali che siano le condizioni bio-psico-fisiche, sociali e culturali. La didattica diventa inclusiva quando sa accogliere tutte le diversità e riformulare al tal fine le proprie scelte organizzative, progettuali Note 6 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 7 Da compilare a fine del Piano di Miglioramento 19

20 ,metodologiche didattiche e logistiche. Gli adempimenti amministrativo -contabili nella scuola dematerializzata 1. Sapere predisporre piano acquisti in rapporto al POF e al P. A.; 2. Sapere le modalità di acquisizione di beni e servizi e strumenti di e- procurement, il ciclo operativo (Determina dirigenziale, indagine di mercato... ); 3. conoscenza DEL CODICE DEGLI APPALTI E REGOLAMENTO DI CONTABILITA' ( SOGLIE DI SPESA, CRITERI DI SELEZIONE, PROSPETTI COMPARATIVI, AGGIUDICAZIONE PROVVISORIA, DEFINITIVA, STAND STILL, STIPULA DEL CONTRATTO... tracciabilità, DURC, Equitalia; 4. Uso Fattura elettronica; 5. Uso della piattaforma certificazione crediti; 6. Aspetti connessi alla dematerializzazione.; soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Si fa presente che nella precedente programmazione 2013 non è stato possibile programmare azioni destinate alla formazione del personale in materia amministrativa contabile. Pertanto tale azione si sostiene in misura quanto mai puntuale, soprattutto e in relazione con le direttive e i riferimenti dettati della Unione Europea. La didattica con la LIM 20 Incrementare le competenze tecnologiche; - Esplorare modalità di insegnamento/apprendimento innovative; - Progettare percorsi didattici con la Lim/pc/ tablet; - Migliorare l' efficacia della lezione; - Favorire la personalizzazione dei percorsi di apprendimento degli studenti; - Incrementare la partecipazione/collaborazione degli alle attività di classe. SPECIFICI - Il collegamento PC-LIM: allineamento e orientamento dello schermo interattivo; - Componenti del software della LIM; - Interazione con il sw della LIM; - Cattura e conversione delle note manoscritte su LIM; - Uso degli altri strumenti sw: creazione di oggetti e percorsi didattici digitali; - Creazione di mappe interattive e Specifiche. Per completare il percorso di formazione ogni partecipante dovrà progettare, possibilmente insieme ai colleghi del proprio gruppo, un percorso soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei La società attuale e i nuovi programmi scolastici richiedono una buona padronanza dei mezzi di comunicazione che dipendono dall'utilizzo del computer. Negli ultimi anni il Ministero dell'istruzione ha promosso molti interventi per lo sviluppo delle competenze digitali del personale della scuola per la diffusione delle tecnologie, creazione reti.

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Scuola S.PIO X Foggia

Scuola S.PIO X Foggia PIANO DI MIGLIORAMENTO Scuola S.PIO X Foggia a.s. 2014-2015 RESPONSABILE del Piano: Giovanna Caserta Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM: Nome e Cognome Ruolo nell organizzazione

Dettagli

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012 1 LE COMPETENZE-CHIAVE In ragione delle scelte etiche e pedagogiche operate dal collegio e dai consigli di classe, il Buonarroti ha individuato le competenze chiave necessarie allo sviluppo globale della

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali. Prot. N 1448/D8 Napoli, 04/03/2015

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali. Prot. N 1448/D8 Napoli, 04/03/2015 Prot. N 1448/D8 Napoli, 04/03/2015 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE ESPERTI ESTERNI ALL ISTITUZIONE SCOLASTICA ANNUALITÀ 2014/2015 PON COMPETENZE PER LO SVILUPPO FSE-2007- IT 05 1 PO 007 ASSE II OB. H-AZ.

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ...

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ... PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto... RESPONSABILE del Piano di Miglioramento Il Team per il Miglioramento ha la responsabilità della scelta dei percorsi di miglioramento e dell organizzazione dei progetti

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE PER GEOMETRI E PROGRAMMATORI MICHELE AMARI 00043 CIAMPINO (Roma) Via Romana, 11 13 Tel. 7960023 Fax 7961653 Distretto Scolastico n 40 Codice Fiscale 80203970589 Programmazione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Regina 5 22012 CERNOBBIO (CO) C.F. 95000030130 PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 Responsabile del Piano (DS) Grandi Anna Rielaboratore del Piano Bianchi Emilia sulla base

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES A.S. 2014-15 INS. DARIO AMODEO PREMESSA La disponibilità

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7. www.iacpignataromaggiore.it Proc.09 Stesura del POF INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.ARCHIVIAZIONI SCOPO Questa

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO Via Roma, 80 80018 MUGNANO DI NAPOLI Telefono/Fax 081-7451142 Distretto 26 Codice NAEE15100R Codice fiscale 80101770636 @-mail: naee15100r@istruzione.it web site: www.cdsequino.gov.it

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO Istituto Comprensivo Statale G. Ciscato Via Marano, 53-36034 MALO (Vi) Tel. 0445/605202 0445/581418 C.F.:83003630247 C.M. VIIC80800N www.ciscato.gov.it e-mail: viic80800n@istruzione.it viic80800n@pec.istruzione.it

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati Dal RAV: Contesto Risorse Processi Risultati caratteristiche del territorio aspetti sociali materiali organizzativi apprendimenti

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro 1 di 5 Progetto in attesa di conferma dall'ust Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Denominazione Istituto Codice Meccanografico Indirizzo Scolastico LICEO LINGUISTICO PARITARIO "PIAMARTA" BSPL095008

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (anno scolastico 2014-2015) anno zero AUTONOMIA SCOLASTICA e AUTOVALUTAZIONE L autovalutazione d istituto affonda le sue radici nell autonomia scolastica (dpr 275/1999) 1999-2014

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI"

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI" Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno 29/10/2015 Dal RAV al PDM PER ORIENTARE IL PTOF e costruire un curricolo verticale per competenze 29/10/2015 - MA/PIROZZI DAL RAV AL PDM PER REALIZZARE

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A.S. 2015-2016 TITOLO : Il PC: un amico utile COD. U.d.A N 1/4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI FRANCAVILLA FONTANA (BR) MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA COMMISSIONE EUROPEA Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale La Scuola

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO DOSOLO-POMPONESCO-VIADANA Via Colombo 2, 46030 San Matteo delle Chiaviche (MN). Tel. 0375 800041 Fax: 0375 80216 Sito: : www.icdosolopomponescosanmatteo.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

PROGETTO PON/FESR 2014-2020

PROGETTO PON/FESR 2014-2020 PROGETTO PON/FESR 2014-2020 Prot.n. AOODGEFID/12810 del 15 Ottobre 2015 Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni Scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali Asse II Infrastrutture per

Dettagli

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue)

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue) UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Progetto di formazione di docenti e studenti dei tecnici e professionali del settore turisticoalberghiero in Sicilia Sicily is a Treasure Island for tourism

Dettagli

Il Piano di Miglioramento. Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015

Il Piano di Miglioramento. Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015 Il Piano di Miglioramento Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015 DATA DRIVEN IMPROVEMENT No Child Left Behind Act (2002): promozione dell utilizzo dei dati per il miglioramento della scuola. La

Dettagli

Elaborazione a cura di: Marcello Pedone

Elaborazione a cura di: Marcello Pedone 1 Per niente Poco Abbastanza Questionario Docenti 1. In questa istituzione scolastica gli studenti sono assegnati alle diverse sezioni secondo modalità chiare e condivise 6 29 56 8 2. Questa istituzione

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Progetto A.M.I.C.O. Azioni Metodologiche ed Iniziative per la Cooperazione aa.ss. 2014/2015 Sede/i di realizzazione del progetto: Plessi di scuola primaria della

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO (PDM) IN RAPPORTO AL RAV PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA (PTOF).

PIANO DI MIGLIORAMENTO (PDM) IN RAPPORTO AL RAV PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA (PTOF). PIANO DI MIGLIORAMENTO (PDM) IN RAPPORTO AL RAV PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA (PTOF). Adempimenti di cui al DPR 80/2013 e alla Legge 107/205. Come è noto i documenti che dovranno essere predisposti

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod.

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019 Team per l Innovazione dell ISC Nardi PREMESSA L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif. Prot. N 17791

Dettagli

Prot n. 36/C41 Cunardo, 11 gennaio 2016. Piano di Miglioramento Relativo al Piano Triennale dell Offerta Formativa triennio 2016-2019

Prot n. 36/C41 Cunardo, 11 gennaio 2016. Piano di Miglioramento Relativo al Piano Triennale dell Offerta Formativa triennio 2016-2019 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CUNARDO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria I grado Via Vaccarossi, 17-21035 Cunardo (VA) Codice Fiscale 93012080128 Tel. 0332 71 65 80 Fax 0332 71 60 58 E-mail

Dettagli