Direzione Didattica Statale 3 Circolo Via G. Di Vittorio, 70 A 081/ Qualiano (NA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Didattica Statale 3 Circolo Via G. Di Vittorio, 70 A 081/8196878. 80019 Qualiano (NA)"

Transcript

1 PIANO DI MIGLIORAMENTO dell Istituto Direzione Didattica Statale 3 Circolo Via G. Di Vittorio, 70 A 081/ Qualiano (NA) internet:www.terzocircoloqualiano.it RESPONSABILE del Piano : Dirigente Scolastico Prof.ssa Tiziana Tuzi Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM: Nome e Cognome Ruolo nell organizzazione scolastica Ruolo nel team di miglioramento Tiziana Tuzi Dirigente scolastico D.S. Teresa Carandente Responsabile di plesso componente Giuseppa D Alterio F.S. area Abilità differenti componente Maria Guerrera F.S. area POF componente Lucia Imparato Referente Invalsi Referente valutatore Vincenza Mele 1 Collaboratore del D.S. Referente miglioramento Francesco Paolella 2 Collaboratore del D.S. Referente miglioramento Clementina D Alterio F.S. area Continuità / Cittadinanza e componente territorio Palma Perrotta Docente componente Loredana Uccio Referente laboratorio linguistico componente Antimo Petrossi D.S.G.A DSGA Carmelina Patri Referente formazione docenti componente PRIMA SEZIONE Scenario di riferimento Informazioni ritenute necessarie per la spiegazione delle scelte di miglioramento Il contesto socio-culturale in cui la scuola è inserita (reti sul territorio, caratteristiche sociali e culturali dell ambiente in cui la scuola è inserita, modelli educativi di riferimento, offerte per la gestione del tempo libero) La popolazione del Comune di Qualiano è di circa 25mila abitanti, di cui circa un terzo proviene da Napoli; minima la presenza di extracomunitari; si registra un costante calo demografico. Carenza di punti d incontro e di aggregazione per i giovani; la scuola pertanto rappresenta la principale agenzia educativa e formativa. Parte delle famiglie, seppur sollecitate, partecipa poco alle iniziative scolastiche, probabilmente a causa della situazione di svantaggio socio-economico e culturale da cui proviene. La scuola partecipa come partner alle reti esistenti tra le scuole del territorio, in relazione alla costruzione del Curricolo verticale in base alle Indicazioni Nazionali. L organizzazione scolastica (Composizione popolazione scolastica alunni, strategie della scuola per il coinvolgimento delle famiglie, obiettivi del POF, modalità di condivisione metodologica La popolazione scolastica del Circolo si attesta sui 600 alunni. La scuola attiva iniziative per coinvolgere le famiglie: solidarietà, rappresentazioni teatrali e manifestazioni varie. Gli obiettivi del POF possono riassumersi così: garantire a tutti il diritto allo studio, 1

2 e didattica tra insegnanti, attenzione alle dinamiche tra pari, gestione della scuola, sistemi di comunicazione) valorizzando le potenzialità di ciascuno; favorire il confronto interpersonale e la solidarietà sociale; valorizzare tutti gli elementi della convivenza civile. La condivisione degli strumenti di programmazione e di valutazione rappresenta il punto di forza della collaborazione tra docenti. La Dirigenza attua tutte le strategie necessarie per migliorare le strutture scolastiche. Buone le dinamiche relazionali tra le componenti scolastiche. Al sito web sono state apportate le modifiche necessarie per renderlo fruibile anche dalle famiglie. Il lavoro in aula (attenzione alle relazioni docenti-alunni, gli ambienti di apprendimento, progetti di recupero e potenziamento degli apprendimenti, utilizzo di nuove tecnologie per la didattica) I docenti attivano tutte le strategie necessarie a favorire positive relazioni con/tra gli alunni, creando situazioni di collaborazione e di condivisione atte a stimolare l apprendimento e un clima di ben-essere. Per il raggiungimento dei suddetti obiettivi, la scuola progetta attività di recupero potenziamento ed aggregazione. Le aule della sede S. Chiara sono state tutte dotate delle LIM; è stata allestita un aula multimediale ad uso esclusivo dei docenti con postazione PC e tablet; al plesso C. Migliaccio è stata potenziata la rete wireless e i docenti sono stati forniti di tablet sia per le attività strettamente didattiche sia per la compilazione dei registri elettronici. Permane uno scarso utilizzo del laboratorio scientifico. Pertanto si propone il potenziamento di una didattica interattiva laboratoriale. IDEE GUIDA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Descrizione dei processi che hanno portato alla scelta degli obiettivi di miglioramento Risultati della valutazione esterna (Prove Invalsi, valutazione di equipe) Risultati dei processi autovalutazione Criticità individuate/piste di miglioramento Punteggi inferiori sia alla media regionale che a quella nazionale attivazione di corsi di potenziamento dei processi logico-procedurali risultati critici. Presa di coscienza delle criticità e volontà di superarle. Principali criticità: scarso utilizzo del laboratorio scientifico e in generale radicate abitudini che ostacolano i cambiamenti. Scarsa interazione delle famiglie alla governance dell istituzione scolastica, richiesta di una specifica azione formativa per i docenti sul disagio. Punti di forza della scuola/ risorse Volontà generalizzata di migliorare i processi di apprendimento, affiancando alla didattica tradizionale l utilizzo delle TIC. Azione condivisa della comunità scolastica soprattutto per quel che riguarda aspetti procedurali di progettazione in relazione al POF, nonché ai criteri comuni di 2

3 Linea strategica del piano La consapevolezza della necessità di mettere in campo azioni utili a migliorare tutti i processi di insegnamento apprendimento, favorisce la disposizione di un piano integrato con corsi per docenti ed alunni. In particolare il piano dovrà implementare la formazione docenti per disagio alunni, sostenere la professionalità dei docenti all uso della nuove tecnologie azione mirata di didattica con la LIM, incrementare la conoscenza della normativa amministrativo contabile al fine di conseguire una buona amministrazione, e potenziare lo sviluppo e l acquisizione delle competenze chiave degli alunni secondo secondo gli assi culturali: linguaggio, matematica e scienza. Definizione di Obiettivi strategici Indicatori Favorire l inclusione scolastica di alunni con tipologie diverse di disagio o bisogno. Sviluppare una didattica basata anche sull elaborazione multimediale. Acquisire competenze specifiche al fine di operare in un amministrazione efficiente ed efficace. Potenziare le competenze linguistiche e logicomatematiche. Utilizzare in maniera consapevole le strumentazioni del laboratorio scientifico. Indicatori di valutazione : soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Indicatori di partecipazione Partecipazione ai corsi docenti: 2/3 dei docenti parteciperanno ai corsi per il disagio e l elaborazione multimediale; i docenti interessati e il personale amministrativo parteciperanno al corso della gestione contabile. Partecipazione ai corsi alunni: Gruppi delle classi II e III per le competenze in lingua madre. Gruppi delle classi IV per le competenze scientifiche e logico-matematiche. ELENCO DEI PROGETTI DI MIGLIORAMENTO (secondo l ordine di priorità) Pertanto le aree da migliorare e le relative azioni di miglioramento risultano essere: Nello specifico dunque i progetti sono identificati come: Area da migliorare Necessità di miglioramento Grado di priorità (fattibilità per impatto-prodotto) Sviluppo dele competenze chiave in Comprensione e rielaborazione Impatto 3 / Prodotto 2 Italiano matematica - scienze processi logici Area da migliorare Necessità di miglioramento Grado di priorità Formazione docenti Strategie metodologico - didattiche Impatto 2 / Prodotto 3 Area da migliorare Necessità di miglioramento Grado di priorità Formazione personale scolastico Gestione amministrativo - contabile Impatto 2 / Prodotto 2 3

4 1. Corsi B4/B9: Per una didattica inclusiva / Gli adempimenti amministrativo contabili nella scuola dematerializzata. 2. Corso D1: La didattica con la LIM. 3. Corsi C1: La conoscenza è la chiave del mondo; Mentematematica; La scienza in laboratorio. SECONDA SEZIONE Da compilare per ciascun progetto Indicazioni di progetto Titolo del progetto Per una didattica inclusiva Responsabile del progetto D Alterio Giuseppa Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Aggiornare e sviluppare le conoscenze e le competenze dei docenti che necessitano in aula di attivare misure compensative e dispensative. - Sviluppare pratiche - operative concrete e Best Practice per la gestione dei i problemi legati all' inclusività scolastica. - Offrire strategie da adottare in accordo alle differenti tipologie di disagio o bisogno. - Definire una raccolta di modelli (checklist, esempi di esercizi, proposte di attività,...) da usare e mettere in pratica.. Obiettivi operativi 1.Organizzare ed animare situazioni di apprendimento; 2.Gestire la progressione degli apprendimenti; 3.Ideare e fare evolvere dispositivi di differenziazione. 4.Coinvolgere gli alunni nel loro apprendimento e nel loro lavoro; 5. Lavorare in gruppo; 6.Partecipare alla gestione della scuola. Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto Favorire l integrazione e l inclusione delle varie fasce sociali opportune strategie, curriculari ed extracurriculari, per il recupero dello svantaggio e per l ampliamento dell O.F. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Docenti infanzia e primaria, personale scolastico Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. 4 La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla

5 componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o interno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Target Il diritto all' inserimento, integrazione e inclusione affinchè ciascuna persona possa sentirsi uguale agli altri, portatrice degli stessi diritti e aspirazioni, quali che siano le condizioni bio-psico-fisiche, sociali e culturali. La didattica diventa inclusiva quando sa accogliere tutte le diversità e riformulare al tal fine le proprie scelte organizzative, progettuali,metodologiche didattiche e logistiche. Il riesame e il miglioramento (Act) Note sul monitoraggio Modalità di revisione delle azioni Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. 5 Criteri di miglioramento

6 Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianificazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione1 B4 D alterio Giuseppa GiuseppaGiuseppaG iuseppa Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto Titolo del progetto Gli adempimenti amministrativo -contabili nella scuola dematerializzata Responsabile del progetto Petrossi Antimo Data di inizio e fine febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Aggiornare e acquisire competenze specifiche al fine di operare in una amministrazione efficiente ed efficace; - Programmare azioni destinate alla formazione del personale in materia amministrativa contabile, nella gestione degli acquisti, fattura elettronica, mercato elettronico, piattaforma certificazione dei crediti e altro; - Seguire le modifiche costanti e dinamiche della legislazione e del costrutto operativo che la accompagna; - Fornire al personale impegnato validi supporti di carattere analitico informatico Obiettivi operativi 1. Sapere predisporre piano acquisti in rapporto al POF e al P. A.; 2. Sapere le modalità di acquisizione di beni e servizi e strumenti di e- procurement, il ciclo operativo ( Determina dirigenziale, indagine di mercato... ); 3. conoscenza DEL CODICE DEGLI APPALTI E REGOLAMENTO DI CONTABILITA' ( SOGLIE DI SPESA, CRITERI DI SELEZIONE, PROSPETTI COMPARATIVI, AGGIUDICAZIONE PROVVISORIA, DEFINITIVA, STAND STILL, STIPULA DEL CONTRATTO... tracciabilità, DURC, Equitalia; 4. Uso Fattura elettronica; 5. Uso della piattaforma certificazione crediti; 6. Aspetti connessi alla dematerializzazione.; Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei 1 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 6

7 Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto Nel sottolineare l' opportunità che viene data alle scuole del progetto VaLes, si fa presente quanto sia importante la formazione del personale in materia amministrativo contabile e in particolare l' acquisizione di competenze per la gestione delle procedure messe in atto dalla recente normativa. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA. Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Docenti, personale ATA, Dirigenti. Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente personale della scuola e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o interno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) 7

8 Target Si fa presente che nella precedente programmazione 2013 non è stato possibile programmare azioni destinate alla formazione del personale in materia amministrativa contabile. Pertanto tale azione si sostiene in misura quanto mai puntuale, soprattutto e in relazione con le direttive e i riferimenti dettati della Unione Europea. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Criteri di miglioramento Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianifcazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione2 B9 Petrossi Antimo Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto La pianificazione (Plan) Titolo del progetto La didattica con la LIM Responsabile del progetto Patrì Carmelina Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 Pianificazione obiettivi operativi Obiettivi operativi Indicatori di valutazione 2 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 8

9 L'articolazione progettuale del corso si ispira alla definizione di un percorso formativo flessibile, teso a integrare e valorizzare l'intreccio tra didattica e tecnologie ed in grado di rispondere alle diverse esigenze, e competenze, dei docenti. Il corso ha l'obiettivo di promuovere l'uso degli strumenti e dei contenuti digitali che oggi servono per collaborare, condividere, comunicare e insegnare negli ambienti di apprendimento on line e nei sistemi di organizzazione e gestione delle attività didattiche in presenza e a distanza; questi ultimi richiedono inoltre ai partecipanti competenze per svolgere attività collaborative e partecipazione attiva (social networking). Il corso richiede un livello di competenze digitali un poco più avanzato rispetto ad un percorso di base, soprattutto, richiede maggiori disponibilità ed esperienza di discussione e collaborazione, anche on line, fra colleghi. L'offerta formativa si articola nelle seguenti aree tematiche: I) Fare didattica con l'elaborazione testi e le presentazioni multimediali II) Metodologie didattiche con la LIM Metodologie - Laboratorio - Lavoro di gruppo Incrementare le competenze tecnologiche; - Esplorare modalità di insegnamento/apprendimento innovative; - Progettare percorsi didattici con la Lim/pc/ tablet; - Migliorare l' efficacia della lezione; - Favorire la personalizzazione dei percorsi di apprendimento degli studenti; - Incrementare la partecipazione/collaborazione degli alle attività di classe. SPECIFICI - Il collegamento PC-LIM: allineamento e orientamento dello schermo interattivo; - Componenti del software della LIM; - Interazione con il sw della LIM; - Cattura e conversione delle note manoscritte su LIM; - Uso degli altri strumenti sw: creazione di oggetti e percorsi didattici digitali; - Creazione di mappe interattive e Specifiche. Per completare il percorso di formazione ogni partecipante dovrà progettare, possibilmente insieme ai colleghi del proprio gruppo, un percorso didattico disciplinare, o interdisciplinare, oppure dovrò simulare un'attività di lavoro che implichi l'utilizzo delle risorse digitali presentate durante l'intervento di formazione. soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto L'esperienza della grande richiesta di interventi per la formazione dei docenti del primo ciclo e all'uso didattico delle nuove tecnologie dimostra che, comunque, c'è ancora una forte esigenza di formazione sulle competenze digitali e che interventi specifici vanno accuratamente programmati dalle scuole, che devono scegliere i contenuti e le modalità più coerenti con le proprie esigenze di formazione. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Docenti infanzia e primaria, personale della scuola. 9

10 Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o inetrno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ). Target La società attuale e i nuovi programmi scolastici richiedono una buona padronanza dei mezzi di comunicazione che dipendono dall'utilizzo del computer. Negli ultimi anni il Ministero dell'istruzione ha promosso molti interventi per lo sviluppo delle competenze digitali del personale della scuola per la diffusione delle tecnologie, creazione reti. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati 10

11 consentiranno di calibrare le eventuali successive. azioni Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianifcazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione3 D1 Patrì Carmelina Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto Titolo del progetto La conoscenza è la chiave del mondo Responsabile del progetto Imparato Lucia Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Comunicazione nella madrelingua: capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in un'itera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione e formazione, lavoro, vita domestica e tempo libero. Obiettivi operativi Padronanza della lingua italiana. o Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l'interazione comunicativa verbale in vari contesti. o Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo. Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei 3 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 11

12 o Produrre testi di vario tipo in relazione ai diversi scopi comunicativi. o Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi. o Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario. o Utilizzare e produrre testi multimediali. Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto La centralità del costrutto della competenza nella ridefinizione del compito formativo della scuola è attestata dalla crescente attenzione, riconoscibile sia a livello nazionale, sia a livello internazionale, al tema delle competenze chiave per la cittadinanza attiva. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Alunni delle classi seconde e terze scuola primaria Budget previsto 10337,89 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. 12

13 Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Descrizione delle azioni di monitoraggio Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o interno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Target Si avverte l'esigenza di identificare e declinare in termini operativi i traguardi formativi che il sistema scolastico deve assicurare per consentire al soggetto in formazione un inserimento autonomo e responsabile nel contesto sociale, culturale, professionale in cui vive. Tali traguardi vengono espressi in termini di competenza, ovvero di capacità di usare il proprio sapere, più o meno formalizzato, per rispondere ai propri bisogni personali e alle esigenze poste dal contesto sociale. Il riesame e il miglioramento (Act) Note sul monitoraggio Modalità di revisione delle azioni Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianificazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto 13

14 Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione4 C1 Imparato Lucia G F M A M G L A S O X M X X X Indicazioni di progetto Titolo del progetto Mentematematica Responsabile del progetto Guerrera Maria Data di inizio e fine Febbraio maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Obiettivi operativi Indicatori di valutazione Abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane, ponendo l'accento sugli aspetti del processo, dell'attività e della conoscenza. Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica. o Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni o Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. o Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi, anche con l'ausilio di interpretazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni di tipo informatico. soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto La centralità del costrutto della competenza nella ridefinizione del compito formativo della scuola è attestata dalla crescente attenzione, riconoscibile sia a livello nazionale, sia a livello internazionale, al tema delle competenze chiave per la cittadinanza attiva. 4 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 14

15 Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Alunni quarte e quinte scuola primaria Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Target Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o inetrno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Si avverte l'esigenza di identificare e declinare in termini operativi i traguardi formativi che il sistema scolastico deve assicurare per consentire al soggetto in formazione un inserimento autonomo e responsabile nel contesto sociale, culturale, professionale in cui vive. Tali 15

16 traguardi vengono espressi in termini di competenza, ovvero di capacità di usare il proprio sapere, più o meno formalizzato, per rispondere ai propri bisogni personali e alle esigenze poste dal contesto sociale. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali successive. azioni Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianificazione degli obiettivi. Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail. Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere G F M A M G L A S O C1 Guerrera Maria X M X X X Note Situazione5 Indicazioni di progetto Titolo del progetto La scienza in laboratorio Responsabile del progetto Mele Vincenza Data di inizio e fine Febbraio 2015 maggio 2015 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi Le competenze di base in campo scientifico e tecnologico riguardano la Obiettivi operativi Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni, Indicatori di valutazione soddisfazione degli utenti 5 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 16

17 padronanza, l'uso e l'applicazione di conoscenze e metodologie che spiegano il mondo naturale. Tali competenze comportano la comprensione dei cambiamenti determinati dall'attività umana e la consapevolezza della responsabilità di ciascun cittadino. appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità. o Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall'esperienza. o Essere consapevole delle potenzialità delle tecnologie rispetto al contesto culturale e sociale in cui vengono applicate. questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto. La centralità del costrutto della competenza nella ridefinizione del compito formativo della scuola è attestata dalla crescente attenzione, riconoscibile sia a livello nazionale, sia a livello internazionale, al tema delle competenze chiave per la cittadinanza attiva. Risorse umane necessarie Esperti esterni, docenti interni, personale ATA Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Alunni classe quarte, quinte della scuola primaria Budget previsto 5892,86 euro Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo FSE IT 05 1 PO 007 Asse II Obiettivo H - Azione H.9 Definizione interventi per potenziare lo sviluppo del sistema di valutazione nazionale. La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Fase organizzativa: costituzione gruppo di progetto che avrà il compito di selezionare esperti e tutors, nonché valutare la fattibilità dell intervento in relazione ai bisogni esplicitati dalla componente docente e più in generale con le linee di indirizzo esplicitate nel POF. Fase esecutiva di avanzamento del progetto: verifica dei passaggi previsti e della loro compatibilità con la progettualità complessiva del piano. Fase di monitiraggio in itinenere: stato di avanzamento, diffusione e condivisione nei consigli di classe delle tematiche e metodologie proposte, Fase di valutazione : analisi dei risultati raggiunti, diffusione e archiviazione in banche dati. 17

18 Fase di diffusione e condivisione: vengono diffusi i risultati al fine di favorire la massima condivisione all interno dell Istituto. Descrizione delle attività per la diffusione del progetto Comunicazione azioni di pubblicità iniziale mezzo stampa, web e mail. Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Sono previste riunioni periodiche del gruppo di miglioramento per valutare la diffusione del progetto e lo stato di realizzazione, definire la frequenza del monitoraggio, i dati che lo stesso dovrà produrre in funzione dei risultati e dei target da raggiungere, eventuali dati di feedback (anche informali) provenienti dall esterno e /o inetrno del progetto). Saranno predisposti questionari da somministrare al personale, ai genitori, agli enti ed agli alunni. Saranno raccolte infine le valutazioni di soddisfazione (incontri periodici, schede di rilevazione, ecc ) Target Si avverte l'esigenza di identificare e declinare in termini operativi i traguardi formativi che il sistema scolastico deve assicurare per consentire al soggetto in formazione un inserimento autonomo e responsabile nel contesto sociale, culturale, professionale in cui vive. Tali traguardi vengono espressi in termini di competenza, ovvero di capacità di usare il proprio sapere, più o meno formalizzato, per rispondere ai propri bisogni personali e alle esigenze poste dal contesto sociale. Note sul monitoraggio Sulla base degli esiti del monitoraggio verranno attuate eventuali revisioni ed integrazioni all azione di miglioramento. Nel mesi di marzo sarà somministrato un questionario di gradimento, i cui risultati consentiranno di calibrare le eventuali azioni successive. Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Eventuale rimodulazione dei tempi e delle attività proposte. Criteri di miglioramento Osservazione del generale livello di soddisfazione in base alla pianifcazione degli obiettivi. 18 Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Disseminazione finale mezzo stampa, web e mail.

19 Note sulle possibilità di implementazione del progetto Al momento non disponibile Schema di andamento per le attività del progetto Attività Responsabile Tempificazione attività (mesi dall avvio) Ipotesi poi da rivedere Note Situazione6 C1 Mele Vincenza Giuseppa giuseppa G F M A M G L A S O X M X X X TERZA SEZIONE Da compilare relativamente al Piano per verificare l omogeneità delle azioni di valutazione del PdM Progetto Obiettivi operativi Indicatori Target Risultati ottenuti7 Per una didattica inclusiva 1.Organizzare ed animare situazioni di apprendimento; 2.Gestire la progressione degli apprendimenti; 3.Ideare e fare evolvere dispositivi di differenziazione. 4.Coinvolgere gli alunni nel loro apprendimento e nel loro lavoro; 5. Lavorare in gruppo; 6.Partecipare alla gestione della scuola soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Il diritto all' inserimento, integrazione e inclusione affinchè ciascuna persona possa sentirsi uguale agli altri, portatrice degli stessi diritti e aspirazioni, quali che siano le condizioni bio-psico-fisiche, sociali e culturali. La didattica diventa inclusiva quando sa accogliere tutte le diversità e riformulare al tal fine le proprie scelte organizzative, progettuali Note 6 Da compilare durante l attuazione del progetto Rosso = attuazione non in linea con gli obiettivi Giallo = non ancora avviata / in corso e in linea con gli obiettivi Verde = attuata 7 Da compilare a fine del Piano di Miglioramento 19

20 ,metodologiche didattiche e logistiche. Gli adempimenti amministrativo -contabili nella scuola dematerializzata 1. Sapere predisporre piano acquisti in rapporto al POF e al P. A.; 2. Sapere le modalità di acquisizione di beni e servizi e strumenti di e- procurement, il ciclo operativo (Determina dirigenziale, indagine di mercato... ); 3. conoscenza DEL CODICE DEGLI APPALTI E REGOLAMENTO DI CONTABILITA' ( SOGLIE DI SPESA, CRITERI DI SELEZIONE, PROSPETTI COMPARATIVI, AGGIUDICAZIONE PROVVISORIA, DEFINITIVA, STAND STILL, STIPULA DEL CONTRATTO... tracciabilità, DURC, Equitalia; 4. Uso Fattura elettronica; 5. Uso della piattaforma certificazione crediti; 6. Aspetti connessi alla dematerializzazione.; soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei Si fa presente che nella precedente programmazione 2013 non è stato possibile programmare azioni destinate alla formazione del personale in materia amministrativa contabile. Pertanto tale azione si sostiene in misura quanto mai puntuale, soprattutto e in relazione con le direttive e i riferimenti dettati della Unione Europea. La didattica con la LIM 20 Incrementare le competenze tecnologiche; - Esplorare modalità di insegnamento/apprendimento innovative; - Progettare percorsi didattici con la Lim/pc/ tablet; - Migliorare l' efficacia della lezione; - Favorire la personalizzazione dei percorsi di apprendimento degli studenti; - Incrementare la partecipazione/collaborazione degli alle attività di classe. SPECIFICI - Il collegamento PC-LIM: allineamento e orientamento dello schermo interattivo; - Componenti del software della LIM; - Interazione con il sw della LIM; - Cattura e conversione delle note manoscritte su LIM; - Uso degli altri strumenti sw: creazione di oggetti e percorsi didattici digitali; - Creazione di mappe interattive e Specifiche. Per completare il percorso di formazione ogni partecipante dovrà progettare, possibilmente insieme ai colleghi del proprio gruppo, un percorso soddisfazione degli utenti questionari. Analisi dei competenze raggiunte Comparazione dei La società attuale e i nuovi programmi scolastici richiedono una buona padronanza dei mezzi di comunicazione che dipendono dall'utilizzo del computer. Negli ultimi anni il Ministero dell'istruzione ha promosso molti interventi per lo sviluppo delle competenze digitali del personale della scuola per la diffusione delle tecnologie, creazione reti.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

nome/funzione Dirigente Scolastico Direttore Servizi Generali e Amministrativi R.G.Q. Nel raccoglitore in aula docenti

nome/funzione Dirigente Scolastico Direttore Servizi Generali e Amministrativi R.G.Q. Nel raccoglitore in aula docenti 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITA. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI LISTA DI DISTRIBUZIONE nome/funzione Dirigente

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Unione Europea P.O.N. - Competenze per lo Sviluppo (FSE) P.O.N. - Ambiente per l apprendimento (FESR) D.G. Occupazione, Affari Sociali e

Dettagli