di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza"

Transcript

1 INCENTIVI INAIL: DAL BANDO AI FINANZIAMENTI CONSIDERAZIONI SU TEMPI E MODALITA' DI EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza

2 PREMESSA Nel corso del mese di luglio dell anno scorso è stato dato avvio alle agevolazioni riconosciute dall Inail a favore dei programmi aziendali di adeguamento delle strutture alle normative di sicurezza ed igiene del lavoro in attuazione della Legge n. 626/1994, a fronte dei quali sono stati stanziati complessivamente ,59 euro, corrispondenti a 450 miliardi di lire, distribuiti fra le singole Regioni in base al numero degli addetti delle imprese potenziali destinatarie degli interventi ed alla rilevanza del fenomeno infortunistico nel territorio di ciascuna Regione. A fronte di questo bando sono state complessivamente presentate domande, distribuite sul territorio nazionale così come riportato nella tavola 1, per un ammontare totale di spesa pari a ,00 euro e relative principalmente ai seguenti settori: lavorazione del metallo, agricoltura, lavorazioni del legno, servizi vari, costruzioni edili, chimica e plastica, depositi e macchine. Tavola 1 - Ripartizione territoriale delle domande presentate Numero Numero Regione domande Regione domande presentate presentate Regione Numero domande presentate Piemonte 921 Liguria 151 Molise 88 Valle d Aosta 18 Emilia Romagna 999 Campania 226 Lombardia Toscana 904 Puglia 219 Trento 58 Umbria 247 Basilicata 76 Bolzano 40 Marche 476 Calabria 73 Veneto 607 Lazio 420 Sicilia 185 Friuli Venezia 168 Abruzzo 152 Sardegna 79 Tavola 2 - Importi richiesti per Asse di intervento Asse di intervento Investimenti previsti (euro) Asse 1 - Sostituzione delle macchine prive di marcature CE, comprese quelle ,00 per il sollevamento e la movimentazione dei carichi Asse 2 - Acquisto, installazione, ristrutturazione e/o modifica di impianti, apparecchi e dispositivi per: l incremento del livello di sicurezza contro gli infortuni; la riduzione dell esposizione dei lavoratori ad agenti chimici, fisici e ,00 biologici; l eliminazione o la riduzione dell impiego di sostanze pericolose dal ciclo produttivo Asse 3 - Installazione di dispositivi di monitoraggio dello stato dell ambiente di lavoro al fine di controllare l esposizione dei lavoratori ad agenti chimici, fisici e ,00 biologici Asse 4 - Ristrutturazione o modifica strutturale degli ambienti di lavoro ,00 Asse 5 - Implementazione di sistemi di gestione aziendale della sicurezza ,00 secondo parametri conformi alla normativa internazionale TOTALE COMPLESSIVO ,00 L AGEVOLAZIONE INAIL Il contributo disciplinato dall art. 23, lettera a) del Dlgs. n. 38/00, consiste nel riconoscimento di: un finanziamento a tasso zero fino al 100% delle spese previste, per un importo minimo di 20 milioni e massimo di 300 milioni di Lire, ora espressi in Euro. L intervento consiste nella totale copertura da parte dell Inail del costo per interessi, oneri e spese accessorie connessi al finanziamento che viene concesso all azienda beneficiaria a fronte degli investimenti ammessi a contributo; un ulteriore contributo in conto capitale pari al 30% del valore dell investimento con un limite di 90 milioni di Lire, da esprimersi in Euro, per progetti particolarmente innovativi, riconosciuto dall Inail a Pagina 2 di 9

3 fronte dei programmi di adeguamento che abbiano già ottenuto il finanziamento in conto interessi. Tale contributo consentirà alle imprese beneficiarie di ridurre l importo dovuto a titolo di rimborso del finanziamento agevolato. Entrambe le forme di intervento sono destinate alle piccole e medie imprese ed alle aziende dei settori agricolo ed artigianale, a fronte degli investimenti orientati all adeguamento delle strutture e dell organizzazione alle normative di sicurezza e igiene del lavoro, in attuazione del Dlgs. n. 626/1994 e delle sue successive modificazioni. Ai fini dell assegnazione delle risorse, sono stati definiti 5 possibili assi di intervento, di cui il primo ed il secondo sono risultati essere quelli per cui le imprese richiedenti hanno previsto maggiori investimenti, come dimostrato dai dati riportati nella tavola 2. MODALITÀ E TEMPISTICHE PER L OTTENIMENTO DELLE AGEVOLAZIONI Le imprese che risulteranno beneficiarie dell agevolazione Inail prevista per i programmi di adeguamento, avranno tempi differenti per il riconoscimento delle agevolazioni Inail in discorso e dovranno seguire modalità diverse a seconda che siano destinatarie del solo finanziamento a tasso zero oppure anche del contributo in conto capitale. Finanziamento in conto interessi Il finanziamento in conto interessi, che come sopra visto si concretizza attraverso l apertura di una linea di credito presso uno degli Istituti di credito appositamente convenzionati, consente all azienda di non sostenere alcun costo in termini di interessi, oneri e spese accessorie, che restano a carico dell Inail. Esse dovranno invece corrispondere gli eventuali interessi di mora, gli oneri fiscali e di stipula connessi al contratto di finanziamento, le eventuali commissioni per rimborso anticipato del finanziamento, nonché i costi relativi alla concessione ed al perfezionamento delle garanzie. L iter procedurale previsto dalla normativa è particolarmente lungo e macchinoso poiché prevede nella sostanza il congiunto coinvolgimento di quattro attori: la Direzione Regionale dell Inail, il Consiglio di Amministrazione dell Inail, le singole banche prescelte dalle imprese per l erogazione del finanziamento tra quelle convenzionate e le aziende beneficiarie. Nel dettaglio, le tappe, evidenziate nella Tavola 3, possono così essere elencate: 1. Valutazione dei progetti a cura delle singole Direzioni Regionali dell Inail presso cui è stato presentato il progetto. L Istituto ha il compito di valutare la rispondenza ai fini prevenzionale dei singoli interventi proposti secondo i criteri di ammissibilità previsti dal Regolamento attuativo e di formulare una graduatoria in base ai criteri di priorità previsti dallo stesso Regolamento, assegnando a ciascun progetto un punteggio calcolato attraverso gli indici riportati nella Tavola Valutazione dei progetti a cura degli Istituti di Credito richiamati dalle singole imprese nella domanda, per la verifica della documentazione bancaria e comunicazione dell esito all Inail. All atto della presentazione della domanda, le imprese hanno infatti riportato nel quadro B gli estremi della banca finanziatrice prescelta, tenuta a verificare la congurità economico finanziaria delle imprese ai fini del riconoscimento del finanziamento, nonché i propri dati di bilancio appositamente riclassficati e riferiti alle chiusure degli esercizi 2000 e Esame finale a cura del Consiglio di Amministrazione dell Inail e successiva approvazione dei progetti. Si tratta del momento che suggella la formulazione della graduatoria ai fini dell effettivo riconoscimento delle agevolazioni Inail. 4. Comunicazione da parte dell Inail dell esito dell istruttoria sia alle aziende che agli Istituti di credito. Si tratta di un momento rilevante poiché dalla data di comunicazione agli Istituti di credito (specificatamente richiamato nella comunicazione di ammissione al finanziamento, inviata all impresa) si intende aperta la linea di credito a favore delle imprese beneficiarie. 5. Sottoscrizione del contratto di finanziamento agevolato da parte dell impresa con la banca prescelta. Tale sottoscrizione deve essere effettuata entro sessanta giorni prima della fine del sesto mese dalla data di apertura della linea di credito, indipendentemente dal numero di tranches in cui verrà erogato il finanziamento. Si tratta della prima importante scadenza che le imprese beneficiarie sono tenute a rispettare, pena la non ricevibilità dell agevolazione. 6. Presentazione da parte dell azienda beneficiaria della richiesta di finanziamento alla Direzione Regionale dell Inail territorialmente competente. La richiesta può essere presentata direttamente o trasmessa mediante raccomandata postale con avviso di ricevimento, apponendo sulla busta la dicitura Pagina 3 di 9

4 Richiesta di finanziamento in conto interessi dei programmi di adeguamento documentazione contabile e dovrà contenere: a. la richiesta di erogazione del finanziamento, debitamente sottoscritta dal Legale rappresentante dell azienda beneficiaria; b. la documentazione attestante le spese sostenute, il cui valore complessivo è stato indicato nel progetto approvato; c. la dichiarazione di responsabilità da parte del Legale rappresentante, attestante la conformità degli interventi realizzati rispetto al progetto presentato ed approvato dall Inail. Tale richiesta dovrà essere presentata dall impresa non oltre sessanta giorni prima della scadenza prevista per l erogazione del finanziamento, indicata nel progetto e legata all entità del programma complessivo, come indicato al successivo punto Verifica a cura dell Inail della documentazione pervenuta dall impresa beneficiaria ed eventuale controllo in loco a conferma dell effettiva realizzazione degli investimenti previsti. Il Regolamento attuativo prevede in particolare che laddove si verifichi la mancata o incompleta realizzazione degli interventi previsti oppure si constati la mancanza delle condizioni attestate nella domanda, l impresa sarà soggetta a revoca del finanziamento ed al recupero dei contributi concessi dall Inail, con applicazione delle eventuali sanzioni amministrative e penali previste dalla legislazione vigente. 8. Comunicazione a cura dell Inail agli Istituti di credito interessati dell esito del controllo effettuato. 9. Concessione da parte dell Istituto di credito del finanziamento agevolato all impresa beneficiaria in base ai costi sostenuti fino a quel momento per la realizzazione del progetto e rendicontati all Inail; il Regolamento ha disposto che la concessione possa avvenire in più tranches, con scadenze al termine del sesto mese, del dodicesimo mese, del diciottesimo mese e del ventiquattresimo mese dalla data di apertura della linea di credito. Il numero di tranches attivabili da parte dell azienda varia a seconda dell importo di spesa indicato nel progetto; in particolare: - per importi fino a ,00 euro, il finanziamento può essere attinto in un un unica soluzione; - per importi compresi tra ,00 e ,00 euro, il finanziamento può essere attinto in un unica soluzione o con prelievi parziali su due delle quattro scadenze ammissibili; - per importi compresi tra ,00 e ,00 euro, il finanziamento può essere attinto in un unica soluzione o con prelievi parziali su tre delle quattro scadenze ammissibili. 10. Conclusione degli investimenti entro il periodo segnalato nel progetto dall impresa per ciascun Asse di investimento e comunque non oltre i due anni dalla data di comunicazione di approvazione del programma. Da quanto sopra esposto, si evince come il finanziamento venga riconosciuto solo a seguito della realizzazione degli investimenti, su specifica richiesta avanzata dall azienda beneficiaria corredata dei documenti attestanti le spese sostenute e nel tempo massimo di 24 mesi dalla data di apertura della linea di credito. La restituzione della quota capitale del finanziamento agli Istituti di credito avverrà sulla base di piani di ammortamento redatti dalle banche prevedendo rate semestrali a quota capitale costante. Il bando ha inoltre previsto che, indipendentemente dal numero di tranches con cui verrà erogato il finanziamento, l arco temporale considerato per l ammortamento debba concludersi entro il termine del quinto anno dalla data della prima scadenza di erogazione, corrispondente alla fine del sesto mese dalla data di apertura della linea di credito. Contributo in conto capitale Il contributo in conto capitale viene erogato direttamente a cura dell Inail alla banca prescelta per effettuare l operazione di finanziamento agevolato, a parziale copertura degli importi che l impresa beneficiaria dovrebbe rimborsare secondo il piano di ammortamento definito. Per l attivazione di questo intervento, le imprese beneficiarie devono farsi parte attiva nel momento in cui ricevono la comunicazione da parte dell Inail di ammissione al finanziamento in conto interessi. Nella sostanza, la procedura sarà la seguente: 1. Comunicazione da parte dell Inail alle singole aziende dell esito dell istruttoria relativa al riconoscimento del finanziamento agevolato e contestuale trasmissione dell apposita modulistica per la presentazione della richiesta di riconoscimento del contributo in conto capitale. 2. Presentazione da parte dell azienda beneficiaria alla Direzione Regionale dell Inail competente per territorio, della seguente documentazione, nei tempi che verranno segnalati all azienda nella stessa lettera di comunicazione di avvenuta ammissione al finanziamento agevolato: a. richiesta di attribuzione del contributo in conto capitale; Pagina 4 di 9

5 b. documentazione tecnica utile per la valutazione delle caratteristiche del progetto secondo i criteri di qualità tecnica ed organizzativa precisati dal Regolamento attuativo. 3. Valutazione a cura dell Inail della documentazione trasmessa per l apprezzamento della valenza tecnica del progetto, della sua qualità ai fini prevenzionali e della sua estensibilità ad altre realtà produttive, per l attribuzione di uno specifico punteggio. La valutazione è effettuata tramite l assegnazione a ciascun progetto di un punteggio su base ponderale secondo la formula: K = (A * 75) + (B * 25), dove K rappresenta il punteggio complessivo assegnato al singolo progetto, A e B rappresentano invece i coefficienti assegnati a ciascun programma sulla base degli elementi riportati in dettaglio nella tabella n Approvazione della graduatoria formulata dalla singole Direzioni regionali, a cura del Consiglio di Amministrazione dell Inail. 5. Comunicazione da parte dell Inail degli esiti della graduatoria, sia all impresa risultata beneficiaria, che all Istituto di credito interessato all erogazione del finanziamento agevolato. 6. Rideterminazione a cura della banca del piano di ammortamento previsto per la restituzione del finanziamento agevolato, considerando il minor costo dovuto dall impresa grazie all ottenimento dell ulteriore contributo in conto capitale. 7. Eventuali verifiche a cura dell Inail a conferma dell effettiva realizzazione degli investimenti previsti. CONCLUSIONI Ad oggi le Direzioni Regionali stanno effettuando la valutazione dei progetti per l assegnazione del finanziamento in conto interessi, cui seguirà l analisi per la successiva attribuzione dell eventuale contributo in conto capitale. Dal momento del ricevimento della comunicazione dell avvenuta ammissione al finanziamento agevolato, attesa per l inizio della primavera, le imprese hanno nella sostanza quattro mesi per la presentazione della documentazione necessaria all erogazione della prima tranches di finanziamento, fermo restando che la produzione di questo materiale presuppone l avvenuta realizzazione della corrispondente porzione di investimenti. I tempi previsti per l esecuzione del progetto costituiscono quindi un elemento particolarmente importante da gestire in vista del riconoscimento del finanziamento agevolato che resta subordinano all avvenuto sostenimento delle spese. All atto della presentazione della domanda, ciascuna impresa è stata tenuta a segnalare il tempo previsto per la realizzazione degli interventi relativi ad ogni singolo Asse, fermo restando che il Regolamento attuativo fissava come limite minimo per il loro avvio, il giorno successivo alla presentazione della domanda, e come limite massimo per la loro conclusione, i due anni dalla data di comunicazione di approvazione del programma. Sempre all atto della presentazione della domanda, ma con effetto puramente indicativo, le aziende richiedenti hanno inoltre dovuto segnalare a livello complessivo le previste tranches di erogazione del finanziamento agevolato, fornendo indirettamente il planning previsionale relativo alla realizzazione del progetto. Poiché infatti l erogazione del finanziamento agevolato è strettamente legato all avvenuta realizzazione degli investimenti, alla loro fatturazione e al loro pagamento, la definizione dei tempi e dell entità delle tranches di erogazione costituiscono il segnale di quando l azienda intende realizzare l investimento e per quale entità. Pagina 5 di 9

6 Tavola 3 - Procedura per l assegnazione e l erogazione del finanziamento a tasso zero ATTIVITÀ SVOLTE A CURA DELL INAIL E DELLE AZIENDE ATTIVITÀ SVOLTE DALLE BANCHE E DALLE AZIENDE ATTIVITÀ ISTRUTTORIA A CURA DELL INAIL Attività istruttoria a cura degli Istituti di Credito Richiesta da parte della banca di ulteriori documenti alle Aziende. Definizione con l Azienda delle garanzie. Delibera di approvazione progetto da parte del Consiglio di Amministrazione Inail Comunicazione a Istituti di Credito dell esito della graduatoria. Tale data rappresenta il momento di apertura della linea di credito Comunicazione esito positivo alle Aziende richiedenti RICHIESTA DI EROGAZIONE E PRESENTAZIONE DI PARZIALE EROGAZIONE ALL INAIL (ENTRO 60 GIORNI DALLA PRIMA SCADENZA DI EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO) Richiesta di sottoscrizione del contratto di finanziamento presso la banca (entro 60 giorni prima della fine del 6 mese dalla data di apertura della linea di credito) Verifica a cura dell Inail dei documenti ricevuti Autorizzazione dell Inail agli Istituti di credito per la concessione del finanziamento. EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO ALLE AZIENDE Pagina 6 di 9

7 Tavola 4 - Modalità di assegnazione dei punteggi ( 1 ) ( 2 ) Numero di Assi di finanziamento previsti dal progetto (5) Percentuale di lavoratori direttamente interessati dal progetto in termini di sicurezza e salute, rispetto al totale dei lavoratori presenti in azienda (6) Incidenza del fenomeno infortunistico in base a ciascuna voce della Tariffa Inail Indice di rilevanza del fenomeno infortunistico su base regionale Indice di impatto prevenzionale del progetto Indice di estensione del tessuto tecnico-produttivo su base regionale Punteggio finale assegnato al progetto 1 Per un Asse: 1 punto; per due Assi: 2 punti; per tre Assi: 3 punti; per quattro Assi: 4 punti; per cinque Assi: 5 punti. 2 I punteggi vengono attribuiti secondo le seguenti fasce di percentuale: - meno del 25%: 1 punto - tra 25% e 50% 3 punti - tra 50 % e 75%: 5 punti - tra 75% e 100 %: 7 punti Pagina 7 di 9

8 Tavola 5 - Criteri per l attribuzione del punteggio (contributo in conto capitale) PUNTEGGIO COEFFICIENTE A Caratteristiche qualitative, metotodologiche e tecniche, rilevabili dalle relazioni A.1 Qualità, completezza ed efficacia del progetto A.2 Esportabilità dei contenuti del progetto A.3 Completezza ed esaustività dell analisi dei prezzi 0 0,50 punti 0 0,30 punti 0 0,10 punti progettuali A.4 Completezza ed esaustività della documentazione, inclusi gli elaborati grafici, i piani di assistenza e manutenzione 0 0,10 punti B.1 Congruità tra i tempi programmati per la realizzazione del progetto e la sua complessità 0 0,70 punti B Tempi di esecuzione, servizio di assistenza e piano di controllo post realizzazione B.2 per gli Assi 1 4 Validità del piano di controllo degli interventi realizzati e/o del piano di assistenza tecnica e di manutenzione programmata, verifica della loro congruenza con gli interventi realizzati, comprovata da apposito modello di contratto o capitolato o dalla documentazione prevista per il controllo e la verifica B.2 per l Asse 5 Validità del piano di verifica periodica e di miglioramento dell efficacia del sistema di sicurezza 0 0,30 punti Approfondimenti C. Aprile, R. Aprile,«Il nuovo bando INAIL per Pmi più "sicure"», Finanziamenti su misura News n. 7/2002, pag. 15 Segnalazioni Siti internet Inail - Bandi, modulistica e informazioni Pagina 8 di 9

9 GLOSSARIO Finanziamento in conto interessi Apertura di una linea di credito che consente all'azienda di non sostenere alcun costo in termini di interessi, oneri e spese accessorie. Rimangono a carico dell'azienda gli eventuali interessi di mora, gli oneri fiscali e di stipula connessi al contratto di finanziamento, le eventuali commissioni per rimborso anticipato del finanziamento, nonché i costi relativi alla concessione e al perfezionamento delle garanzie. Contributo in conto capitale Contributo erogato a parziale copertura degli importi che l'impresa beneficiaria dovrebbe rimborsare, secondo un piano di ammortamento definito.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di Ipsoa Editore S.r.l. Copyright Ipsoa Editore S.r.l. Fonte: Finanziamenti su misura News-Rivista di agevolazioni e tecniche finanziarie, Ipsoa Editore Pagina 9 di 9

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Incontro 3 Marzo 2006 Associazione Industriali Cremona

Incontro 3 Marzo 2006 Associazione Industriali Cremona Incontro 3 Marzo 2006 Associazione Industriali Cremona,1&(17,9,,1$,/ 3(5/ $'(*8$0(172'(//(67587785(( '(// 25*$1,==$=,21($//(1250$7,9(',6,&85(==$(,*,(1('(//$9252 ,OSUHVHQWHEDQGRSUHYHGHGXHWLSLGLLQFHQWLYL

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Incentivi Inail per la prevenzione: informazioni utili

Incentivi Inail per la prevenzione: informazioni utili Incentivi Inail per la prevenzione: informazioni utili La G.U. n. 113 del 16 maggio 2002 ha pubblicato il bando Inail per la richiesta di incentivi alle pmi, artigianali e dell agricoltura, che presentano

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

La riforma della Legge 488/92

La riforma della Legge 488/92 Ministero delle Attività Produttive IPI Istituto per la Promozione Industriale La riforma della Legge 488/92 Nuovi criteri e modalità per la concessione delle agevolazioni ex lege 488/92 a seguito della

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

INFOTEL SISTEMI E CENTRO ALTA FORMAZIONE

INFOTEL SISTEMI E CENTRO ALTA FORMAZIONE INFOTEL SISTEMI E CENTRO ALTA FORMAZIONE CERTIFICATA PROGRAMMA INCENTIVI INAIL Bando ISI INAIL 2013 per interventi da avviare nel 2014 CHI SIAMO INFOTEL SISTEMI (www.infotelsistemi.com) è un azienda che

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

CIRCOLARE CDP novembre 2000, n. 1240

CIRCOLARE CDP novembre 2000, n. 1240 CIRCOLARE CDP, n. 1240 Istruzioni per la concessione da parte della Cassa depositi e prestiti dei finanziamenti a valere sul fondo per la progettazione preliminare istituito ai sensi dell art. 4 della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE INFORMAZIONI SU COOPERFIDI ITALIA DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE Versione N. 9 aggiornata all 26.03.2015 Cooperfidi Italia soc. coop. Sede legale e direzione generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA PREVENZIONE DI CUI ALL'ARTICOLO 23 LETTERA b) DEL DECRETO LEGISLATIVO n.38/2000 E RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA PREVENZIONE DI CUI ALL'ARTICOLO 23 LETTERA b) DEL DECRETO LEGISLATIVO n.38/2000 E RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA PREVENZIONE DI CUI ALL'ARTICOLO 23 LETTERA b) DEL DECRETO LEGISLATIVO n.38/2000 E RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI SULLA PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO IN AZIENDE AGRICOLE Premessa L Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, di seguito

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Report incentivi ISI 2013

Report incentivi ISI 2013 Report incentivi ISI 2013 Il 29 maggio 2014 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 307,359 milioni di euro stanziati dall INAIL nell ambito del bando degli incentivi

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER DI ALTA FORMAZIONE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLE OFFERTE FORMATIVE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE

AVVISO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER DI ALTA FORMAZIONE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLE OFFERTE FORMATIVE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Direzione Generale Servizio Programmazione e Gestione del sistema della Formazione Professionale onale AVVISO PER L EROGAZIONE

Dettagli

Finanziamenti ISI 2012

Finanziamenti ISI 2012 Finanziamenti ISI 2012 L invio telematico delle domande si svolgerà in una unica sessione il giorno 18 Aprile 2013 dalle ore 16:00 alle ore 17:00. REGOLE TECNICHE PER LA PARTECIPAZIONE ALL INOLTRO ONLINE

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare:

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare: Nota di approfondimento Il Fondo Kyoto Cambia la disciplina del Fondo rotativo Kyoto, istituito dalla Legge Finanziaria 2007 e originariamente regolamentato dal D.M. 25 novembre 2008 e s.m.i. e dalla relativa

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Bando per la concessione di borse di studio a.s. 2009-2010 Agli studenti frequentanti le Scuole Secondarie di primo grado

Bando per la concessione di borse di studio a.s. 2009-2010 Agli studenti frequentanti le Scuole Secondarie di primo grado Assessorato Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro COMUNE DI FRASSINORO Provincia di Modena P.zza Miani, 16 41044 Frassinoro Mo Bando per la concessione di borse di studio a.s. 2009-2010

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT BANDO PER CONTRIBUTI PER LA PRODUZIONE DI LUNGOMETRAGGI DI INTERESSE REGIONALE A SOCIETÀ DI PRODUZIONE (ART. 7) La Regione concede prestiti a tasso agevolato nella misura pari al 40% del tasso di riferimento

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 7/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale

Regione Umbria Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Politiche della casa e riqualificazione urbana DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 5527

Dettagli

BANDO IMPRESA GIOVANI

BANDO IMPRESA GIOVANI BANDO IMPRESA GIOVANI Art. 1 Finalità Scopo della presente iniziativa è lo sviluppo ed il sostegno all imprenditorialità mediante l erogazione di pacchetti integrati di servizi (orientamento, formazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Decreto Direttoriale 11.03.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 29 luglio

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008.

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. Allegato alla Delib.G.R. n. 40/5 del 22.7.2008 Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. 1. Premessa L art. 12 della

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Ruolo dell INAIL ASSICURAZIONE RIABILITAZIONE PREVENZIONE DAL RUOLO ASSICURATIVO STORICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DI TUTELA Sulla base dell evoluzione normativa l

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2014 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2015 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2014

Dettagli

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa.

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa. SAPERE DONARE Insieme 2010 Regolamento 1. OBIETTIVI: Sapere Donare è un progetto della Fondazione CRT nato per sostenere e promuovere la cultura della donazione. L avvio del progetto nel 2005 è consistito

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 8 novembre 1996, n. 591 (pubblicato nella G.U.R.I. del 22 novembre 1996, n. 274) "Regolamento recante criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per la promozione di iniziative di lavoro

Dettagli

Ministero delle Infrastruttur e dei Trasporti

Ministero delle Infrastruttur e dei Trasporti Ministero delle Infrastruttur e dei Trasporti BANDO A FAVORE DELLE REGIONI PER IL FINANZIAMENTO DI RETI DI RICARICA DEDICATE AI VEICOLI ELETTRICI Frequently Asked Questions Aggiornato al 2 settembre 2013

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00 COMUNE DI GONNOSNÒ PROVINCIA DI ORISTANO Ufficio Servizio Sociale Professionale Via Oristano, 30-09090 GONNOSNÒ P.I. 00069670958 E-mail: protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it 0783/931678 0783/931679 L.R.

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa. LEGGE 25 febbraio 1992 n.215 Azioni positive per l imprenditoria femminile OGGETTO Strumento di incentivazione per la diffusione della imprenditorialità femminile che offre un sostegno diretto a tutti

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014.

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. NOTA TECNICA Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. Cassa depositi e prestiti società per azioni (di seguito CDP ) rende nota con la presente comunicazione la propria disponibilità alla rinegoziazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 134 concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO l Allegato 1 al DL 83/2012 che abroga la Legge 1083/54

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 Scadenza: ore 13,00 del giorno 18/03/2014 BANDO Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R.

Dettagli

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1 A. Procedura Ordinaria - Modello di valutazione per le imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori: industria manifatturiera, edilizia, alberghi (società alberghiere proprietarie dell immobile),

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DDG 12 del 6 novembre 2014 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, nella legge 8 novembre 2013, n. 128, recante Misure urgenti in materia

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

I.N.A.I.L. Bando ISI 2015

I.N.A.I.L. Bando ISI 2015 I.N.A.I.L. Bando ISI 2015 BUDGET REGIONALI REGIONE RIPARTIZIONE FONDI (%) STANZIAMENTO ISI 2015 Graduatoria 1 Progetti di investimento (1) e modelli organizzativi e di responsabilità sociale (2) STANZIAMENTO

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli