Scuola e I-padagogia Una nuova frontiera tecnologica coinvolge la scuola moderna cambiandone le regole educative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola e I-padagogia Una nuova frontiera tecnologica coinvolge la scuola moderna cambiandone le regole educative"

Transcript

1 Cultura > News > Italia - giovedì 10 aprile 2014, 16:11 Intervista all'esperto Scuola e I-padagogia Una nuova frontiera tecnologica coinvolge la scuola moderna cambiandone le regole educative Maria Chiara Strappaveccia Page 1/6

2 Il convegno intitolato I-PADAGOGIA, ispirandosi al termine pad-agogia fusione tra il vocabolo tecnologico pad e il sostantivo agogica, che nel linguaggio musicale significa indicazione di un andamento, coniato nel 2010 in Australia da Jeffrey Brand e Shelley Kinash proprio per riflettere sul ritmo e sulle modalità del cambiamento, si terrà l 11 aprile prossimo alla Fiera di Verona nel Centro Congressi, presso l Auditorium Verdi. Promosso dalla Direzione Scolastica Regionale del Veneto, è stato organizzato da Cnos-Fap (Centro Nazionale Opere Salesiane Formazione Aggiornamento Professionale) e Apple guardando ai quasi due anni di sperimentazione sull i-pad come strumento in aula, con un iniziativa che coinvolge una ventina di centri professionali salesiani e oltre 2500 ragazzi, con risvolti molto interessanti. Il convegno vuole essere, dunque, una lettura documentata sulle modifiche in atto nell apprendimento, coinvolgendo insegnanti e dirigenti sul tema della didattica digitale. L utilizzo del tablet nella didattica ha un potenziale dirompente, ma mal si adatta all approccio tradizionale, va quindi ripensata anche la cultura pedagogica. Proprio su questa tematica si basa il convegno e il dibattito sul tema, mettendo in primo piano anche l esperienza estera dell Ørestad Gymnasiun di Copenaghen, promotore della didattica senza carta, pensata per uno studente nomade e non più sedentario, illustrata dal preside del centro Allen Kjaer Andersen. L apertura dei lavori sarà affidata a Mario Tonini, presidente nazionale del Cnos-Fap, insieme alle autorità (tra le quali probabilmente anche l onorevole Gabriele Toccafondi, in qualità di sottosegretario del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca), mentre a introdurre e concludere il tema sarà Roberto Franchini del Comitato scientifico icnos. Gli interventi nell ordine saranno quelli del già citato Allen Kjaer Andersen, a seguire Massimo Tosi per Apple Distinguished Educator, quindi il capofila della sperimentazione made in Italy Alberto Grillai e vi sarà un confronto con Maria Grazia Ottaviani, che cura il progetto Wikidisciplina. Questa nuova pedagogia, o pad-agogia dell apprendimento riguardante i nuovi media informatici, ha dato vita a cinque punti fermi nella sperimentazione del rapporto tra insegnamento e apprendimento. Il primo è che l'innovazione tecnologica non ha un valore in sé, ma assume un significato soltanto se e quando diventa veicolo e/o occasione di innovazione organizzativa e metodologico-didattica; il secondo afferma che l innovazione tecnologica non può essere attuata sporadicamente, ma implica l'interazione virtuosa tra tutti gli attori che interagiscono in un contesto omogeneo, la continuità nel tempo e il consolidamento di buone prassi. Il terzo consiste nel fatto che le innovazioni più significative sono quelle che riescono a diventare patrimonio condiviso di tutti i soggetti coinvolti (insegnanti, studenti, dirigenti, genitori, referenti...) e innescano processi orientati al miglioramento della qualità complessiva dell organizzazione in cui si collocano; il quarto è che qualsiasi innovazione tecnologica implica una visione sistemica e richiede che si mettano in atto investimenti costanti, strategie permanenti di supporto ai soggetti coinvolti e politiche flessibili di alfabetizzazione, formazione continua e aggiornamento delle competenze; l ultimo riguarda le innovazioni metodologiche più significative che le tecnologie possono agevolare o sostenere. Esse sono quelle che riportano lo studente al centro del processo di apprendimento e lo spingono ad essere attivamente coinvolto. Abbiamo intervistato sull argomento Roberto Franchini, non solo membro del Comitato scientifico di icnos, ma anche docente all Università Cattolica di Brescia. Ci può dare una definizione di I-padagogia? Page 2/6

3 L introduzione del tablet, nello specifico dell ipad nella scuola, non è un fatto neutro, come sostituire una lavagna a fogli mobili con una L.I.M. (lavagna interattiva multimediale), dove lo schema didattico non cambia, ovvero c è un docente che spiega e dei ragazzi che ascoltano. Questa introduzione, essendo il tablet un dispositivo individuale, flessibile, leggero e disponibile, muta profondamente la concezione stessa del rapporto tra insegnamento e apprendimento, ridisegnando, o aiutando a ridisegnare, perché la pedagogia ci era arrivata da sola, il modello di scuola. La scuola 2.0 e la pedagogia legata a questa non sono semplicemente la stessa cosa di prima col tablet, ma una concezione profondamente diversa perché vede un maggiore protagonismo degli studenti, molta meno lezione, molta più ricerca, molta più trasparenza rispetto alle fonti culturali del sapere, molta più competenza e meno conoscenza. Quali sono i nodi centrali del convegno di Verona sull I-padagogia? C è un nodo teorico e uno pratico. Il nodo teorico è la presentazione del modo in cui appunto il tablet potenzialmente rivoluziona la didattica, alla luce anche di esperienze internazionali, come dimostra la presenza del preside di Copenaghen. La scuola di Copenaghen, che abbiamo visitato nel dicembre scorso, è profondamente innovativa. L altro nodo, invece, è quello esperienziale, pratico: c è una comunità di scuole, quelle salesiane, che non solo ha provato a cambiare la didattica, ma ha elaborato delle linee guida, ovvero delle raccomandazioni (qualcosa cioè che si può condividere in modo concreto, non solo in linea teorica), che durante il convegno verranno presentate e possono rappresentare un punto di partenza importante per discutere della riforma della scuola in Italia. Quali sono i vantaggi di usare il tablet nelle scuole? In ultima analisi il vantaggio più concreto è creare un maggiore benessere dei ragazzi a scuola. Il modello, tradizionale (fatto di lezioni, libri, ascolto, studio a casa e interrogazioni) provoca un più o meno aperto, o nascosto, malessere nei nostri studenti, una sorta di sensazione di contrasto tra il mondo degli adulti, in questo caso i docenti, e i ragazzi. Il tablet, riportando la centralità sugli studenti, sul loro modo di fare ricerca, su un modo accattivante di organizzare i contenuti, di costruire dei prodotti, dei video, degli e- book, di lavorare in gruppo, di interagire non solo con l interno, ma anche con l esterno, dovrebbe produrre e di fatto sta producendo un maggiore benessere dei ragazzi a scuola e dunque una minore dispersione scolastica. Si consideri che l Italia è uno dei paesi con il più alto tasso di dispersione scolastica, ben lontana dagli obiettivi posti dalla Comunità Europea del Programma Il secondo vantaggio è più specifico e legato all enorme aumento delle fonti della conoscenza: non siamo più costretti a dare un riferimento univoco ai nostri studenti tramite i libri di testo, ma possiamo dare loro la possibilità di avere moltissime fonti e perciò di esercitare il loro senso critico. Come cambia il lavoro degli studenti e degli educatori nelle scuole con l uso di questa particolare tecnologia digitale? Che cosa la differenzia tanto rispetto ad altre tecnologie quali il web, o il pc portatile? Circa il web non credo che può fare differenza perché, in effetti, il tablet è una sorta di interfaccia estremamente versatile verso il web e in qualche modo coincide. Rispetto al pc portatile, il vantaggio più evidente è la portabilità, la non necessità di essere continuamente collegati a corrente elettrica (in questo senso anche la versatilità) e poi anche la semplicità di utilizzo (vedi le app) che, nonostante il computer stia recuperando un po di terreno, in ogni modo rende vantaggioso l utilizzo del tablet. Page 3/6

4 Il lavoro degli studenti cambia, in quanto essi ascoltano meno e producono di più. Il lavoro degli educatori diventa anche la sfida più difficile, perché in genere gli insegnanti fanno fatica di fronte al cambiamento e il lavoro muta parecchio: non è la scuola che conoscono, non è quella che hanno subìto o fatto in questi anni. Volendo riassumere questo mutamento con uno slogan, l insegnante non è più front, ossia frontale, ma è side, laterale. Non è più un saputone, che sa tutto sulla sua disciplina, ma è un metodologo, uno che aiuta gli studenti ad esercitare il loro senso critico. Non è più colui che parla, ma colui che risponde a delle domande, a delle questioni, a delle istanze. Questo comporta anche un cambiamento degli spazi didattici, dei tempi delle gestione della didattica: e si tratta di cambiamenti molto importanti. Con l uso del tablet l alunno diventa protagonista delle iniziative di lezione e si riduce il tempo dedicato a lezioni di tipo trasmissivo. Crede che questo tipo di educazione possa essere maggiormente attrattivo per le nuove generazioni e non riduca l importanza dell insegnante in classe? No, non riduce l importanza dell insegnante in classe, anzi l aumenta e le si dà il vero senso. Intendo dire che l insegnante che fa lezione oggi riveste un ruolo per molti aspetti superato. Oggi possiamo con tranquillità ed estrema facilità fruire via web di video lezioni, di un sacco di fonti del sapere. Se l insegnante vuole conservare oggi il suo ruolo nel mondo del sapere, è in seria difficoltà e perciò deve essere rivalutato, a ben guardare. Perché è anche vero che gli studenti, sommersi dall enormità delle fonti di informazione in se stesse, hanno maggiormente bisogno di un adulto che li supporti nello sviluppo del senso critico, delle capacità di interazione, di negoziazione, di cooperazione, di progettazione e, in ultima analisi, di concentrazione dei saperi. In un certo modo il ruolo dell insegnante diventa ancora più delicato e più ambizioso. Queste metodologie digitali costringono la scuola ad attuare dei cambiamenti sostanziali nella didattica e nelle aule? Se sì, quali? Prima di tutto lo spazio scolastico viene a cambiare, perché occorrerà concepire spazi cooperativi e riservati a piccoli gruppi, dedicati al lavoro individuale, dedicati alla videoconferenza e così via. Mentre a tutt oggi esso è ancora modellato per la lezione frontale, fatto di predelle, cattedre, banchi disposti tutti verso la cattedra, strumenti di proiezione visiva come la lavagna. La seconda grande differenza di tipo organizzativo è quella legata al tempo, spesso organizzato in orari molto frammentati (si va dall ora di matematica, a quella di italiano, a quella di scienze, a quella di chimica), nei quali non si riesce a svolgere un lavoro di ricerca e cooperativo così come richiesto dal tablet. Occorrerà, quindi, ripensare anche il tempo, concependo un unità modulare molto più ampia, di due o tre ore, o persino di intere mattinate, a disposizione degli studenti per realizzare il loro lavoro di ricerca. La terza grossa differenza è legata alle risorse, dove presumibilmente il libro di testo va verso l esaurimento, anche nella sua versione digitale. Bisognerà pensare ad ambienti bibliotecari digitali, a biblioteche digitali, a moduli di contenuto multipli che richiedono come sempre agli studenti il lavoro di selezione tra più fonti. Sono possibili cambiamenti anche nella forma delle classi: quella organizzata per età e grandi raggruppamenti dovrà essere inevitabilmente superata, si va verso i piccoli gruppi di tipo cooperativo. Si parla di predisporre esperienze da parte dei formatori che coinvolgano il contributo del mondo esterno (aziendale, sociale e culturale) alla scuola tramite videoconferenze, , telefonate. Crede che la scuola sia pronta per aprirsi a queste esperienze? Page 4/6

5 La scuola fa fatica. Essa è una sorta di santuario un po chiuso e questa, anche se è una generalizzazione, è in gran parte un affermazione veritiera. C è una difficoltà di fondo verso il cambiamento, ma penso anche che ci debba essere una specie di approccio a questo fatto come qualcosa di importante. Non appena la scuola comincia ad attuare i cambiamenti, vedendone i frutti nel tempo continuerà a farlo con sempre maggiore coraggio. Credo che il ruolo del leader didattico nel promuovere il cambiamento sia fondamentale per avviare queste esperienze. L I-padagogia utilizza sia l apprendimento cooperativo sia quello individuale degli studenti nella valutazione complessiva di un lavoro realizzato dal singolo alunno. Crede che questo tipo di valutazione non crei delle disparità tra alunni più meritevoli o gruppi di lavoro più meritevoli e quelli che invece non lo sono, solo in base alla loro produttività e non alla loro conoscenza del problema? Innanzitutto nella domanda c è una piccola imprecisione: la lezione frontale non scompare. Come primo aspetto i nostri studenti hanno bisogno comunque di momenti in cui si faccia il punto tutti insieme sulle conoscenze e le abilità che fanno parte del curriculum. Come secondo aspetto, questa potenziale nodale questione, ossia che il rischio di spostare l iniziativa sullo studente allarghi la forbice tra gli studenti più competenti e quelli con meno competenze, si affronta organizzando bene la struttura dei gruppi di lavoro. In questo senso l approccio del comprehensive learning ci aiuta molto: bisogna pensare a gruppi eterogenei piuttosto che a gruppi di livello, a forme di mutuo aiuto tra studenti e alla peer education, dove lo studente più competente si spende nell aiutare lo studente meno bravo di lui. Dobbiamo introdurre quegli elementi, proprio anche nella predisposizione dei gruppi, nella interdipendenza positiva tra ragazzi, che consentano di evitare questo possibile rischio. Quali sono i vantaggi dell eliminazione delle lavagne nelle scuole a favore di un proiettore e un sistema di trasmissione (mirror) su ogni aula? L importante è che il sistema di trasmissione (mirror) non diventi una sorta di lavagna tecnologica, perché allora il vantaggio è puramente estetico ed è scarso. A mio giudizio, il vero vantaggio non è nel controllo fra i sistemi di mirror rispetto alle lavagne tradizionali, ma consiste nel fare del tablet un dispositivo di lavoro individuale di gruppo e che poi tale sistema di mirror serva soprattutto agli studenti per mostrare il loro lavoro, piuttosto che agli insegnanti per riprodurre la funzione della lavagna tradizionale. Un adeguata connettività internet con un accesso veloce alla rete, riservando un adeguata banda per il traffico dei dispositivi tablet, è un indice che grava sui costi di gestione e fissi della scuola. Non pensa che alcune scuole si potranno permettere questo investimento e altre invece non lo potranno attuare facendo propendere i genitori per le prime a scapito delle altre? Questo è sicuramente un rischio grosso. La valutazione che ogni scuola deve fare, prima di avviare sperimentazioni, o comunque progetti di questo tipo, è che una scuola così pensata, trasparente, richiede una connettività elevata. Penso che quando questo aspetto, a causa di scarsità di risorse o carenza di infrastrutture, viene a mancare, allora la sfida si debba giocare sulla riforma della didattica a prescindere dalla tecnologia. Io ripeto quello che ho detto all inizio: la cosa più importante non è tanto il tablet in sé, quanto i cambiamenti pedagogici che la nuova scuola dovrà affrontare, al limite anche utilizzando la banale connettività di uno smartphone, o semplicemente il lavoro cooperativo con la classe. Page 5/6

6 Powered by TCPDF (www.tcpdf.org) Per quanto riguarda i tablet vi deve essere una scelta obbligatoria del sistema operativo e delle applicazioni presenti sul dispositivo dato agli studenti fatta anche da un gruppo di formatori creato ad hoc da parte della scuola. Crede che siamo pronti a questi cambiamenti e a formare gli educatori in questo senso? È un progetto che va affrontato, soprattutto da questo punto di vista, con adeguata gradualità e programmazione, per cui ci dovrà essere innanzitutto una formazione degli insegnanti, anche se vorrei ridimensionare l importanza di questo problema, perché è spesso possibile che gli studenti siano più avanti degli educatori e degli insegnanti su questi aspetti. In qualche modo l insegnante deve potersi fidare di loro sull utilizzo efficace della tecnologia; ma certamente in un buon team di lavoro all interno della scuola è necessaria la presenza di almeno due o tre insegnanti leader, anche dal punto di vista tecnologico. La risposta alla crisi della scuola può avvenire dall utilizzo delle nuove tecnologie nei campi dell apprendimento? Le do una risposta strana: secondo me l introduzione della tecnologia amplifica la crisi della scuola che già c era e in qualche modo la costringe ancora di più al cambiamento. Non è che prima cambia la cultura della scuola e dopo introduciamo la tecnologia, ma forse questa introduzione tecnologica indurrà e costringerà la scuola a mutare la sua cultura. Questo avviene anche nelle aziende: non cambia prima la cultura produttiva e dopo arriva la tecnologia, è la tecnologia che costringe a cambiare la cultura produttiva. Page 6/6

icnos FEDERAZIONE CNOS-FAP CENTRO NAZIONALE OPERE SALESIANE FORMAZIONE AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE SALESIANA

icnos FEDERAZIONE CNOS-FAP CENTRO NAZIONALE OPERE SALESIANE FORMAZIONE AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE SALESIANA icnos FEDERAZIONE CNOS-FAP CENTRO NAZIONALE OPERE SALESIANE FORMAZIONE AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE SALESIANA C è chi guarda alle cose come sono e si chiede perché. Io penso a come

Dettagli

!!!! Linee guida! sull utilizzo dei tablet in classe. 1 Marzo 2014

!!!! Linee guida! sull utilizzo dei tablet in classe. 1 Marzo 2014 Linee guida sull utilizzo dei tablet in classe 1 Marzo 2014 Principi didattici 0 - Dalla centralità del formatore alla centralità dell allievo Nell organizzazione delle attività educative e didattiche,

Dettagli

Mario Rotta. Sperimentando. Tecnologie mobili, contenuti digitali personalizzati e innovazione nei processi educativi

Mario Rotta. Sperimentando. Tecnologie mobili, contenuti digitali personalizzati e innovazione nei processi educativi Mario Rotta Sperimentando Tecnologie mobili, contenuti digitali personalizzati e innovazione nei processi educativi Lo scenario Un concetto essenziale: PMLKE Personal Mobile Learning & Knowledge Environment

Dettagli

Dal f lipped all EAS

Dal f lipped all EAS Dal flipped all EAS Lo sviluppo della tecnologia e i piani nazionali permettono oggi di portare con sempre maggior costanza e diffusione le TIC all interno della classe, il luogo per definizione deputato

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA Circolare n. 327 R Verona, 0 8 / 0 4 / 2 0 1 5 All'attenzione E p.c. DOCENTI ATA Oggetto: MARTEDÌ 28 APRILE - INCONTRO DI AGGIORNAMENTO SUL CORRETTO UTILIZZO DEL REGISTRO ELETTRONICO RIVOLTO AI DOCENTI

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

La Buona Scuola. Tematica. Liceo Scientifico Statale J.F. Kennedy Roma. www.liceokennedy.org

La Buona Scuola. Tematica. Liceo Scientifico Statale J.F. Kennedy Roma. www.liceokennedy.org La Buona Scuola Tematica Liceo Scientifico Statale J.F. Kennedy Roma www.liceokennedy.org Il 20 ottobre 2014 3 ore Presso il Liceo Scientifico Statale «J.F. Kennedy» di Roma, via Nicola Fabrizi, 7 Aula

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Il progetto nasce dall idea di sperimentare le potenzialità della Lavagna Interattiva Multimediale nella pratica

Dettagli

PROGETTO DI INNOVAZIONE DIDATTICA PER LIVELLI DI COMPETENZA

PROGETTO DI INNOVAZIONE DIDATTICA PER LIVELLI DI COMPETENZA PROGETTO DI INNOVAZIONE DIDATTICA PER LIVELLI DI COMPETENZA Chiamiamo educazione il coltivare modalità diverse di andare dal passato e dal presente verso il possibile. JEROME BRUNER Premessa La scuola

Dettagli

Didattica per competenze/attiva: Apprendere con flipped classroom, Cooperative learning, Jigsaw.

Didattica per competenze/attiva: Apprendere con flipped classroom, Cooperative learning, Jigsaw. Circ. 76 Manfredonia, 23/02/2016 Al Personale docente sede Al Sito Web Didattica per competenze/attiva: Apprendere con flipped classroom, Cooperative learning, Jigsaw. Premessa L idea-base della «flipped

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

CentroStudi 30 Capitolo 2 Francesco Muzzarelli è esperto di formazione e corporate training consulting, autore di numerosi saggi sulle tematiche della formazione rivolta

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio)

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Istituto Tecnico Economico A.F.M. (Amministrazione-Finanza-Marketing)

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

M-LEARN. Fondazione Mondo Digitale e Istituto Comprensivo Antonio Rosmini

M-LEARN. Fondazione Mondo Digitale e Istituto Comprensivo Antonio Rosmini M-LEARN Fondazione Mondo Digitale e Istituto Comprensivo Antonio Rosmini Nome della scuola: Istituto Comprensivo Antonio Rosmini. Municipio: XIII Nome del dirigente scolastico: Giuseppe Fusacchia Nome

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO SCUOLA: Istituto comprensivo di Crespellano (Valsamoggia, Bologna) MUSEO: Museo civico archeologico Arsenio Crespellani di Bazzano (Valsamoggia, Bologna) ALTRI PARTNER:

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

La classe capovolta. Un progetto di flipped classroom come strumento di inclusione

La classe capovolta. Un progetto di flipped classroom come strumento di inclusione MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Nino Rota (ex I.C. Vigna Pia ) Scuola Primaria e Scuola Secondaria 1 Grado Via

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Ardesia Tech, una sperimentazione nella scuola primaria

Ardesia Tech, una sperimentazione nella scuola primaria Ardesia Tech, una sperimentazione nella scuola primaria Massimo Faggioli ANSAS INDIRE m.faggioli@indire.it Cosa succede se in terza elementare la classe diventa iper-tecnologica? Come cambiano i rapporti

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio INTRODUZIONE Nell ambito delle politiche socio-sanitarie,

Dettagli

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione Finale 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto nasce dall idea di studiare una ricetta coinvolgendo la maggior parte di materie oggetto

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

Registro Elettronico... Anywhere

Registro Elettronico... Anywhere Registro Elettronico... Anywhere le soluzioni Cloud, on-line e off-line di Axios Premessa Da settembre le scuole dovranno improrogabilmente, ai sensi della L. 135/2012, scegliere un sistema digitale che

Dettagli

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe?

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe? FLIPPED CLASSROOM Come e perché capovolgo la classe? Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it La Classe Capovolta 2 Come funziona? Faccio studiare prima della lezione: I ragazzi arrivano a lezione con delle

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

Concetti chiave. Cooperative learning

Concetti chiave. Cooperative learning Fondamenti teorici Lev Semenovic Vigotsky da dimostrato il ruolo di facilitatore che può assumere un adulto consapevole agendo sull area potenziale di sviluppo della mente del bambino e questa ipotesi

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Al via il nuovo anno scolastico. Ecco tutte le novità Gelmini: Domani giornata storica Domani è una giornata

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA La progettazione dell insegnante è un lavoro molto impegnativo che richiede tempo e accuratezza: una buona programmazione semplifica molto il lavoro di gruppo

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO NICOLO DE CONTI CHIOGGIA. Formazione ForTIC 2006/2007. L'offerta formativa

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO NICOLO DE CONTI CHIOGGIA. Formazione ForTIC 2006/2007. L'offerta formativa SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO NICOLO DE CONTI CHIOGGIA Formazione ForTIC 2006/2007 L'offerta formativa Benvenuti nel percorso di formazione ForTIC2. L attività di formazione che prende avvio vuole essere

Dettagli

L attività progettuale, è rivolta ai docenti come azione formativa e agli alunni con attività differenziate per segmenti scolastici.

L attività progettuale, è rivolta ai docenti come azione formativa e agli alunni con attività differenziate per segmenti scolastici. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LA LIM IN CLASSE UNA RICERCA NELLA SCUOLA ITALIANA. Ph. D. Massimiliano Andreoletti UCSC - Milano

LA LIM IN CLASSE UNA RICERCA NELLA SCUOLA ITALIANA. Ph. D. Massimiliano Andreoletti UCSC - Milano LA LIM IN CLASSE UNA RICERCA NELLA SCUOLA ITALIANA Ph. D. Massimiliano Andreoletti UCSC - Milano la LIM può LIM in classe sollecitare il narcisismo del docente rafforzare un modello didattico trasmissivo

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

VERBALE. Giovedì 20/02/2014, nella sede dell Istituto di Scuola secondaria di II grado

VERBALE. Giovedì 20/02/2014, nella sede dell Istituto di Scuola secondaria di II grado VERBALE Giovedì 20/02/2014, nella sede dell Istituto di Scuola secondaria di II grado Margherita di Savoia, via Cerveteri n. 55 Roma, si è svolta la riunione preliminare tra le 24 scuole che hanno aderito

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CALUSO Via Gnavi, 1 10014 CALUSO (To) Tel. 011/9833253 - Fax 011/9891435 E mail:toee08400n@istruzione.it SITO:www.circolodidatticocaluso.gov.it Prot. n. 1720 Caluso, 29.09.2015

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

BALLANDO CON LA STORIA

BALLANDO CON LA STORIA BALLANDO CON LA STORIA Laboratorio didattico per l inclusione di ANNAMARIA IMPROTA 1, IDA COLONNA 2, MARINA SALZANO 3 (clicca sul collegamento ipertestuale per le visione del video password per il video:

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Commissione Informatica/Multimedialità

Commissione Informatica/Multimedialità Quando un uomo siede un'ora in compagnia di una bella ragazza, sembra sia passato un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa per un minuto e gli sembrerà più lungo di qualsiasi ora. Questa è la relatività.

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

Le Pelagie in videoconferenza un esempio di assolvimento dell obbligo di istruzione in un contesto isolato.

Le Pelagie in videoconferenza un esempio di assolvimento dell obbligo di istruzione in un contesto isolato. un esempio di assolvimento dell obbligo di istruzione in un contesto isolato. Maria Angela Marramaldo, Paola Dragonetti 1 dirigente scolastico dell Istituto Onnicomprensivo di Lampedusa e Linosa via Enna,

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla IV edizione Anno Accademico 2009/2010 Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto English Podcast è stato finalizzato alla registrazione di file audio o video di lezioni in

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

COMUNE di MELE LA TECNOCLASSE. Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele

COMUNE di MELE LA TECNOCLASSE. Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele COMUNE di MELE Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele un progetto del COMUNE di MELE in collaborazione con l ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI-1 e la partecipazione di AMTER

Dettagli

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un AULA 2.0 La sperimentazione aula 2.0, basata sulla didattica in rete o e_learning o FAD di III generazione, implica inevitabilmente la trasformazione della didattica che passa da una tipologia comunicativa

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur 1. Nella scuola: esercizi di mondo Una buona scuola è una scuola buona per tutti

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2016 DM 762/2014 SEDE IC Cecco Angiolieri Siena

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2016 DM 762/2014 SEDE IC Cecco Angiolieri Siena CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2016 DM 762/2014 SEDE IC Cecco Angiolieri Siena BASE LAVORARE CON DISPOSITIVI PERSONALI DI FRUIZIONE DESTINATI AD ESSERE USATI IN SITUAZIONI DI DIDATTICA FRONTALE E COLLABORATIVA

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Open School è un insieme di progetti rivolti a studenti, insegnanti

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola

L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola I.T.E.Tambosi-Battisti Trento Relazione Scientifica Progetto Tamba Team L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola Essere protagonisti della scuola significa, per noi che presentiamo questo

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di CASTEL MAGGIORE LIM e Tecnologia: la scuola cambia musica

ISTITUTO COMPRENSIVO di CASTEL MAGGIORE LIM e Tecnologia: la scuola cambia musica M.P.I. U.S.R. EMILIA ROMAGNA UFFICIO IX - BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO di CASTEL MAGGIORE Via Bondanello n. 28-40013 Castel Maggiore (BO) Tel. 051/6321233 Fax 051/712810 Cod. Fiscale 91201340378 Cod. Ministeriale

Dettagli