Scuola e I-padagogia Una nuova frontiera tecnologica coinvolge la scuola moderna cambiandone le regole educative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola e I-padagogia Una nuova frontiera tecnologica coinvolge la scuola moderna cambiandone le regole educative"

Transcript

1 Cultura > News > Italia - giovedì 10 aprile 2014, 16:11 Intervista all'esperto Scuola e I-padagogia Una nuova frontiera tecnologica coinvolge la scuola moderna cambiandone le regole educative Maria Chiara Strappaveccia Page 1/6

2 Il convegno intitolato I-PADAGOGIA, ispirandosi al termine pad-agogia fusione tra il vocabolo tecnologico pad e il sostantivo agogica, che nel linguaggio musicale significa indicazione di un andamento, coniato nel 2010 in Australia da Jeffrey Brand e Shelley Kinash proprio per riflettere sul ritmo e sulle modalità del cambiamento, si terrà l 11 aprile prossimo alla Fiera di Verona nel Centro Congressi, presso l Auditorium Verdi. Promosso dalla Direzione Scolastica Regionale del Veneto, è stato organizzato da Cnos-Fap (Centro Nazionale Opere Salesiane Formazione Aggiornamento Professionale) e Apple guardando ai quasi due anni di sperimentazione sull i-pad come strumento in aula, con un iniziativa che coinvolge una ventina di centri professionali salesiani e oltre 2500 ragazzi, con risvolti molto interessanti. Il convegno vuole essere, dunque, una lettura documentata sulle modifiche in atto nell apprendimento, coinvolgendo insegnanti e dirigenti sul tema della didattica digitale. L utilizzo del tablet nella didattica ha un potenziale dirompente, ma mal si adatta all approccio tradizionale, va quindi ripensata anche la cultura pedagogica. Proprio su questa tematica si basa il convegno e il dibattito sul tema, mettendo in primo piano anche l esperienza estera dell Ørestad Gymnasiun di Copenaghen, promotore della didattica senza carta, pensata per uno studente nomade e non più sedentario, illustrata dal preside del centro Allen Kjaer Andersen. L apertura dei lavori sarà affidata a Mario Tonini, presidente nazionale del Cnos-Fap, insieme alle autorità (tra le quali probabilmente anche l onorevole Gabriele Toccafondi, in qualità di sottosegretario del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca), mentre a introdurre e concludere il tema sarà Roberto Franchini del Comitato scientifico icnos. Gli interventi nell ordine saranno quelli del già citato Allen Kjaer Andersen, a seguire Massimo Tosi per Apple Distinguished Educator, quindi il capofila della sperimentazione made in Italy Alberto Grillai e vi sarà un confronto con Maria Grazia Ottaviani, che cura il progetto Wikidisciplina. Questa nuova pedagogia, o pad-agogia dell apprendimento riguardante i nuovi media informatici, ha dato vita a cinque punti fermi nella sperimentazione del rapporto tra insegnamento e apprendimento. Il primo è che l'innovazione tecnologica non ha un valore in sé, ma assume un significato soltanto se e quando diventa veicolo e/o occasione di innovazione organizzativa e metodologico-didattica; il secondo afferma che l innovazione tecnologica non può essere attuata sporadicamente, ma implica l'interazione virtuosa tra tutti gli attori che interagiscono in un contesto omogeneo, la continuità nel tempo e il consolidamento di buone prassi. Il terzo consiste nel fatto che le innovazioni più significative sono quelle che riescono a diventare patrimonio condiviso di tutti i soggetti coinvolti (insegnanti, studenti, dirigenti, genitori, referenti...) e innescano processi orientati al miglioramento della qualità complessiva dell organizzazione in cui si collocano; il quarto è che qualsiasi innovazione tecnologica implica una visione sistemica e richiede che si mettano in atto investimenti costanti, strategie permanenti di supporto ai soggetti coinvolti e politiche flessibili di alfabetizzazione, formazione continua e aggiornamento delle competenze; l ultimo riguarda le innovazioni metodologiche più significative che le tecnologie possono agevolare o sostenere. Esse sono quelle che riportano lo studente al centro del processo di apprendimento e lo spingono ad essere attivamente coinvolto. Abbiamo intervistato sull argomento Roberto Franchini, non solo membro del Comitato scientifico di icnos, ma anche docente all Università Cattolica di Brescia. Ci può dare una definizione di I-padagogia? Page 2/6

3 L introduzione del tablet, nello specifico dell ipad nella scuola, non è un fatto neutro, come sostituire una lavagna a fogli mobili con una L.I.M. (lavagna interattiva multimediale), dove lo schema didattico non cambia, ovvero c è un docente che spiega e dei ragazzi che ascoltano. Questa introduzione, essendo il tablet un dispositivo individuale, flessibile, leggero e disponibile, muta profondamente la concezione stessa del rapporto tra insegnamento e apprendimento, ridisegnando, o aiutando a ridisegnare, perché la pedagogia ci era arrivata da sola, il modello di scuola. La scuola 2.0 e la pedagogia legata a questa non sono semplicemente la stessa cosa di prima col tablet, ma una concezione profondamente diversa perché vede un maggiore protagonismo degli studenti, molta meno lezione, molta più ricerca, molta più trasparenza rispetto alle fonti culturali del sapere, molta più competenza e meno conoscenza. Quali sono i nodi centrali del convegno di Verona sull I-padagogia? C è un nodo teorico e uno pratico. Il nodo teorico è la presentazione del modo in cui appunto il tablet potenzialmente rivoluziona la didattica, alla luce anche di esperienze internazionali, come dimostra la presenza del preside di Copenaghen. La scuola di Copenaghen, che abbiamo visitato nel dicembre scorso, è profondamente innovativa. L altro nodo, invece, è quello esperienziale, pratico: c è una comunità di scuole, quelle salesiane, che non solo ha provato a cambiare la didattica, ma ha elaborato delle linee guida, ovvero delle raccomandazioni (qualcosa cioè che si può condividere in modo concreto, non solo in linea teorica), che durante il convegno verranno presentate e possono rappresentare un punto di partenza importante per discutere della riforma della scuola in Italia. Quali sono i vantaggi di usare il tablet nelle scuole? In ultima analisi il vantaggio più concreto è creare un maggiore benessere dei ragazzi a scuola. Il modello, tradizionale (fatto di lezioni, libri, ascolto, studio a casa e interrogazioni) provoca un più o meno aperto, o nascosto, malessere nei nostri studenti, una sorta di sensazione di contrasto tra il mondo degli adulti, in questo caso i docenti, e i ragazzi. Il tablet, riportando la centralità sugli studenti, sul loro modo di fare ricerca, su un modo accattivante di organizzare i contenuti, di costruire dei prodotti, dei video, degli e- book, di lavorare in gruppo, di interagire non solo con l interno, ma anche con l esterno, dovrebbe produrre e di fatto sta producendo un maggiore benessere dei ragazzi a scuola e dunque una minore dispersione scolastica. Si consideri che l Italia è uno dei paesi con il più alto tasso di dispersione scolastica, ben lontana dagli obiettivi posti dalla Comunità Europea del Programma Il secondo vantaggio è più specifico e legato all enorme aumento delle fonti della conoscenza: non siamo più costretti a dare un riferimento univoco ai nostri studenti tramite i libri di testo, ma possiamo dare loro la possibilità di avere moltissime fonti e perciò di esercitare il loro senso critico. Come cambia il lavoro degli studenti e degli educatori nelle scuole con l uso di questa particolare tecnologia digitale? Che cosa la differenzia tanto rispetto ad altre tecnologie quali il web, o il pc portatile? Circa il web non credo che può fare differenza perché, in effetti, il tablet è una sorta di interfaccia estremamente versatile verso il web e in qualche modo coincide. Rispetto al pc portatile, il vantaggio più evidente è la portabilità, la non necessità di essere continuamente collegati a corrente elettrica (in questo senso anche la versatilità) e poi anche la semplicità di utilizzo (vedi le app) che, nonostante il computer stia recuperando un po di terreno, in ogni modo rende vantaggioso l utilizzo del tablet. Page 3/6

4 Il lavoro degli studenti cambia, in quanto essi ascoltano meno e producono di più. Il lavoro degli educatori diventa anche la sfida più difficile, perché in genere gli insegnanti fanno fatica di fronte al cambiamento e il lavoro muta parecchio: non è la scuola che conoscono, non è quella che hanno subìto o fatto in questi anni. Volendo riassumere questo mutamento con uno slogan, l insegnante non è più front, ossia frontale, ma è side, laterale. Non è più un saputone, che sa tutto sulla sua disciplina, ma è un metodologo, uno che aiuta gli studenti ad esercitare il loro senso critico. Non è più colui che parla, ma colui che risponde a delle domande, a delle questioni, a delle istanze. Questo comporta anche un cambiamento degli spazi didattici, dei tempi delle gestione della didattica: e si tratta di cambiamenti molto importanti. Con l uso del tablet l alunno diventa protagonista delle iniziative di lezione e si riduce il tempo dedicato a lezioni di tipo trasmissivo. Crede che questo tipo di educazione possa essere maggiormente attrattivo per le nuove generazioni e non riduca l importanza dell insegnante in classe? No, non riduce l importanza dell insegnante in classe, anzi l aumenta e le si dà il vero senso. Intendo dire che l insegnante che fa lezione oggi riveste un ruolo per molti aspetti superato. Oggi possiamo con tranquillità ed estrema facilità fruire via web di video lezioni, di un sacco di fonti del sapere. Se l insegnante vuole conservare oggi il suo ruolo nel mondo del sapere, è in seria difficoltà e perciò deve essere rivalutato, a ben guardare. Perché è anche vero che gli studenti, sommersi dall enormità delle fonti di informazione in se stesse, hanno maggiormente bisogno di un adulto che li supporti nello sviluppo del senso critico, delle capacità di interazione, di negoziazione, di cooperazione, di progettazione e, in ultima analisi, di concentrazione dei saperi. In un certo modo il ruolo dell insegnante diventa ancora più delicato e più ambizioso. Queste metodologie digitali costringono la scuola ad attuare dei cambiamenti sostanziali nella didattica e nelle aule? Se sì, quali? Prima di tutto lo spazio scolastico viene a cambiare, perché occorrerà concepire spazi cooperativi e riservati a piccoli gruppi, dedicati al lavoro individuale, dedicati alla videoconferenza e così via. Mentre a tutt oggi esso è ancora modellato per la lezione frontale, fatto di predelle, cattedre, banchi disposti tutti verso la cattedra, strumenti di proiezione visiva come la lavagna. La seconda grande differenza di tipo organizzativo è quella legata al tempo, spesso organizzato in orari molto frammentati (si va dall ora di matematica, a quella di italiano, a quella di scienze, a quella di chimica), nei quali non si riesce a svolgere un lavoro di ricerca e cooperativo così come richiesto dal tablet. Occorrerà, quindi, ripensare anche il tempo, concependo un unità modulare molto più ampia, di due o tre ore, o persino di intere mattinate, a disposizione degli studenti per realizzare il loro lavoro di ricerca. La terza grossa differenza è legata alle risorse, dove presumibilmente il libro di testo va verso l esaurimento, anche nella sua versione digitale. Bisognerà pensare ad ambienti bibliotecari digitali, a biblioteche digitali, a moduli di contenuto multipli che richiedono come sempre agli studenti il lavoro di selezione tra più fonti. Sono possibili cambiamenti anche nella forma delle classi: quella organizzata per età e grandi raggruppamenti dovrà essere inevitabilmente superata, si va verso i piccoli gruppi di tipo cooperativo. Si parla di predisporre esperienze da parte dei formatori che coinvolgano il contributo del mondo esterno (aziendale, sociale e culturale) alla scuola tramite videoconferenze, , telefonate. Crede che la scuola sia pronta per aprirsi a queste esperienze? Page 4/6

5 La scuola fa fatica. Essa è una sorta di santuario un po chiuso e questa, anche se è una generalizzazione, è in gran parte un affermazione veritiera. C è una difficoltà di fondo verso il cambiamento, ma penso anche che ci debba essere una specie di approccio a questo fatto come qualcosa di importante. Non appena la scuola comincia ad attuare i cambiamenti, vedendone i frutti nel tempo continuerà a farlo con sempre maggiore coraggio. Credo che il ruolo del leader didattico nel promuovere il cambiamento sia fondamentale per avviare queste esperienze. L I-padagogia utilizza sia l apprendimento cooperativo sia quello individuale degli studenti nella valutazione complessiva di un lavoro realizzato dal singolo alunno. Crede che questo tipo di valutazione non crei delle disparità tra alunni più meritevoli o gruppi di lavoro più meritevoli e quelli che invece non lo sono, solo in base alla loro produttività e non alla loro conoscenza del problema? Innanzitutto nella domanda c è una piccola imprecisione: la lezione frontale non scompare. Come primo aspetto i nostri studenti hanno bisogno comunque di momenti in cui si faccia il punto tutti insieme sulle conoscenze e le abilità che fanno parte del curriculum. Come secondo aspetto, questa potenziale nodale questione, ossia che il rischio di spostare l iniziativa sullo studente allarghi la forbice tra gli studenti più competenti e quelli con meno competenze, si affronta organizzando bene la struttura dei gruppi di lavoro. In questo senso l approccio del comprehensive learning ci aiuta molto: bisogna pensare a gruppi eterogenei piuttosto che a gruppi di livello, a forme di mutuo aiuto tra studenti e alla peer education, dove lo studente più competente si spende nell aiutare lo studente meno bravo di lui. Dobbiamo introdurre quegli elementi, proprio anche nella predisposizione dei gruppi, nella interdipendenza positiva tra ragazzi, che consentano di evitare questo possibile rischio. Quali sono i vantaggi dell eliminazione delle lavagne nelle scuole a favore di un proiettore e un sistema di trasmissione (mirror) su ogni aula? L importante è che il sistema di trasmissione (mirror) non diventi una sorta di lavagna tecnologica, perché allora il vantaggio è puramente estetico ed è scarso. A mio giudizio, il vero vantaggio non è nel controllo fra i sistemi di mirror rispetto alle lavagne tradizionali, ma consiste nel fare del tablet un dispositivo di lavoro individuale di gruppo e che poi tale sistema di mirror serva soprattutto agli studenti per mostrare il loro lavoro, piuttosto che agli insegnanti per riprodurre la funzione della lavagna tradizionale. Un adeguata connettività internet con un accesso veloce alla rete, riservando un adeguata banda per il traffico dei dispositivi tablet, è un indice che grava sui costi di gestione e fissi della scuola. Non pensa che alcune scuole si potranno permettere questo investimento e altre invece non lo potranno attuare facendo propendere i genitori per le prime a scapito delle altre? Questo è sicuramente un rischio grosso. La valutazione che ogni scuola deve fare, prima di avviare sperimentazioni, o comunque progetti di questo tipo, è che una scuola così pensata, trasparente, richiede una connettività elevata. Penso che quando questo aspetto, a causa di scarsità di risorse o carenza di infrastrutture, viene a mancare, allora la sfida si debba giocare sulla riforma della didattica a prescindere dalla tecnologia. Io ripeto quello che ho detto all inizio: la cosa più importante non è tanto il tablet in sé, quanto i cambiamenti pedagogici che la nuova scuola dovrà affrontare, al limite anche utilizzando la banale connettività di uno smartphone, o semplicemente il lavoro cooperativo con la classe. Page 5/6

6 Powered by TCPDF (www.tcpdf.org) Per quanto riguarda i tablet vi deve essere una scelta obbligatoria del sistema operativo e delle applicazioni presenti sul dispositivo dato agli studenti fatta anche da un gruppo di formatori creato ad hoc da parte della scuola. Crede che siamo pronti a questi cambiamenti e a formare gli educatori in questo senso? È un progetto che va affrontato, soprattutto da questo punto di vista, con adeguata gradualità e programmazione, per cui ci dovrà essere innanzitutto una formazione degli insegnanti, anche se vorrei ridimensionare l importanza di questo problema, perché è spesso possibile che gli studenti siano più avanti degli educatori e degli insegnanti su questi aspetti. In qualche modo l insegnante deve potersi fidare di loro sull utilizzo efficace della tecnologia; ma certamente in un buon team di lavoro all interno della scuola è necessaria la presenza di almeno due o tre insegnanti leader, anche dal punto di vista tecnologico. La risposta alla crisi della scuola può avvenire dall utilizzo delle nuove tecnologie nei campi dell apprendimento? Le do una risposta strana: secondo me l introduzione della tecnologia amplifica la crisi della scuola che già c era e in qualche modo la costringe ancora di più al cambiamento. Non è che prima cambia la cultura della scuola e dopo introduciamo la tecnologia, ma forse questa introduzione tecnologica indurrà e costringerà la scuola a mutare la sua cultura. Questo avviene anche nelle aziende: non cambia prima la cultura produttiva e dopo arriva la tecnologia, è la tecnologia che costringe a cambiare la cultura produttiva. Page 6/6

Mario Rotta. Sperimentando. Tecnologie mobili, contenuti digitali personalizzati e innovazione nei processi educativi

Mario Rotta. Sperimentando. Tecnologie mobili, contenuti digitali personalizzati e innovazione nei processi educativi Mario Rotta Sperimentando Tecnologie mobili, contenuti digitali personalizzati e innovazione nei processi educativi Lo scenario Un concetto essenziale: PMLKE Personal Mobile Learning & Knowledge Environment

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe?

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe? FLIPPED CLASSROOM Come e perché capovolgo la classe? Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it La Classe Capovolta 2 Come funziona? Faccio studiare prima della lezione: I ragazzi arrivano a lezione con delle

Dettagli

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA Circolare n. 327 R Verona, 0 8 / 0 4 / 2 0 1 5 All'attenzione E p.c. DOCENTI ATA Oggetto: MARTEDÌ 28 APRILE - INCONTRO DI AGGIORNAMENTO SUL CORRETTO UTILIZZO DEL REGISTRO ELETTRONICO RIVOLTO AI DOCENTI

Dettagli

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione Finale 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto nasce dall idea di studiare una ricetta coinvolgendo la maggior parte di materie oggetto

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio)

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Istituto Tecnico Economico A.F.M. (Amministrazione-Finanza-Marketing)

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso Modello Formativo DIDATEC PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici Concetta Grasso Il docente nel XXI secolo la scuola dell insegnamento Ruolo, funzioni, profili professionali dell insegnante

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

LA LIM IN CLASSE UNA RICERCA NELLA SCUOLA ITALIANA. Ph. D. Massimiliano Andreoletti UCSC - Milano

LA LIM IN CLASSE UNA RICERCA NELLA SCUOLA ITALIANA. Ph. D. Massimiliano Andreoletti UCSC - Milano LA LIM IN CLASSE UNA RICERCA NELLA SCUOLA ITALIANA Ph. D. Massimiliano Andreoletti UCSC - Milano la LIM può LIM in classe sollecitare il narcisismo del docente rafforzare un modello didattico trasmissivo

Dettagli

LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE

LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE Soggetto accreditato per la formazione del personale della scuola D M, protocollo AOODPIT 595 del 15/07/2014 MIUR ANNO SCOLASTICO 2014/15 www.imparadigitale.it segreteria@imparadigitale.it

Dettagli

PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO

PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO IDEA PROGETTUALE Da alcuni anni il corpo sanitario e le autorità scolastiche devono confrontarsi con un utenza in rapida trasformazione. L evoluzione, quasi sempre positiva,

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO A scuola tra le nuvole Il progetto intende realizzare il connubio tra la tecnologia, come strumento di mediazione dell apprendimento,

Dettagli

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un AULA 2.0 La sperimentazione aula 2.0, basata sulla didattica in rete o e_learning o FAD di III generazione, implica inevitabilmente la trasformazione della didattica che passa da una tipologia comunicativa

Dettagli

Registro Elettronico... Anywhere

Registro Elettronico... Anywhere Registro Elettronico... Anywhere le soluzioni Cloud, on-line e off-line di Axios Premessa Da settembre le scuole dovranno improrogabilmente, ai sensi della L. 135/2012, scegliere un sistema digitale che

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5 Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo Maurizio Gentile Gentile, M. (2008). Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo. Scuola e Formazione, pp. 21-25. Nell anno scolastico 2005/2006 un gruppo

Dettagli

COMUNE di MELE LA TECNOCLASSE. Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele

COMUNE di MELE LA TECNOCLASSE. Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele COMUNE di MELE Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele un progetto del COMUNE di MELE in collaborazione con l ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI-1 e la partecipazione di AMTER

Dettagli

I.C. POIRINO TECNICHE PER MIGLIORARE L APPRENDIMENTO

I.C. POIRINO TECNICHE PER MIGLIORARE L APPRENDIMENTO I.C. POIRINO TECNICHE PER MIGLIORARE L APPRENDIMENTO e LAVORO COOPERATIVO Osservazioni attività didattiche in aula classi 2.a e 3.a, Ins. Alberto Arato, docente di lettere Conduzione e report a cura di:

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

a. Consuntivo Personale dell Esperienza

a. Consuntivo Personale dell Esperienza Istituto Comprensivo di Sasso Marconi Scuola Secondaria di I grado G. Galilei Relazione finale al collegio dei docenti della Funzione Strumentale per le Nuove Tecnologie Docente: Elena Spera A.S. 2008-09

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur 1. Nella scuola: esercizi di mondo Una buona scuola è una scuola buona per tutti

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

Progetto Educativo della scuola dell infanzia

Progetto Educativo della scuola dell infanzia Progetto Educativo della scuola dell infanzia Istituto Minutoli - scuola paritaria primaria e dell infanzia Via R. Paolucci, 5 - Palermo Tel. 091 6711022 info@istitutominutoli.it www.istitutominutoli.it

Dettagli

a questo punto... La soluzione che volete c è! Soluzioni e Sistemi per la comunicazione e la didattica interattiva

a questo punto... La soluzione che volete c è! Soluzioni e Sistemi per la comunicazione e la didattica interattiva Soluzioni e Sistemi per la comunicazione e la didattica interattiva La soluzione che volete c è! a questo punto... 2 Installazione tradizionale a parete Proiettore ad ottica ultracorta con distanza di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo)

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) I progetti IT attivati nelle singole scuole mostrano che la scuola sta facendo passi avanti nell acquisizione delle tecnologie e nella

Dettagli

Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09

Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09 Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09 L idea del progetto sulla pubblicità è nata dalla decisione di partecipare ad un concorso proposto nell ambito della

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii.

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. Il Piano di Miglioramento (PdM) Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. 1 Indice Introduzione SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Progetto Future Cup 2013

Progetto Future Cup 2013 Progetto Future Cup 2013 SCUOLA: ISTITUTO SOCIALE REFERENTE: Professor Antonio Abate TUTOR SAA: Simona Francone CLIENTE: ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI VIA ROMA Sommario 1 IL TEAM 3 2 SCOPRITALENTO 4 3 L AZIENDA

Dettagli

Osservazione in classe!

Osservazione in classe! Osservazione in classe IC De Filis Terni classe 4^ scuola primaria insegnante Emanuela Desideri ricercatore/osservatore Cristina Gaggioli 06 Marzo 2015 ore 10:00 Arrivo nella sede distaccata di Via Curio

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

SETTIMANA FLESSIBILE 18 23 FEBBRAIO 2013 RELAZIONE SUI DATI FORNITI DAI QUESTIONARI RIVOLTI A DOCENTI CLASSI

SETTIMANA FLESSIBILE 18 23 FEBBRAIO 2013 RELAZIONE SUI DATI FORNITI DAI QUESTIONARI RIVOLTI A DOCENTI CLASSI IIS SCALCERLE A.S. 2012/2013 SETTIMANA FLESSIBILE 18 23 FEBBRAIO 2013 RELAZIONE SUI DATI FORNITI DAI QUESTIONARI RIVOLTI A DOCENTI CLASSI QUESTIONARIO RIVOLTO AI DOCENTI SUL RECUPERO E/O APPROFONDIMENTO

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI Località d intervento: Varese Scuola Secondaria di I grado Mons. E. Manfredini Durata prevista: Giugno 2014Maggio 2015 Beneficiari diretti: 30

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI RESPONSABILITÀ EDUCATIVA Perseguire l innovazione didattica con efficacia, praticando sperimentazioni e attivando corsi di formazione che consentano alla

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

Cambia la scuola che cambia

Cambia la scuola che cambia SEMINARIO Cl@ssi 2.0 A Rimini dal 10 all'11 febbraio docenti e dirigenti per pensare la scuola del futuro Cambia la scuola che cambia Docenti partecipanti prof.: Gentile Laura, Mazzeo Lucia, Santoro Marina

Dettagli

Fare lezione con la LIM

Fare lezione con la LIM Fare lezione con la LIM Descrizione dell'attività Argomento: LE SPAZIO Obiettivi formativi: Conoscere e utilizzare gli strumenti essenziali della LIM Conoscere il mondo delle Scienze tramite gli argomenti

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività FOCUS TEMATICO: Perché gli insegnanti? Ogni bambino nel mondo ha diritto ad un educazione di qualità e nessuno ha la possibilità di esercitare questo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità

Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità Iole Beltrame Dirigente scolastico iole.beltrame@istruzione.it Imparano ad imparare l informatica e la multimedialità i nostri bambini della scuola

Dettagli

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Al nostro Paese serve una BUONA SCUOLA Perché è l unica risposta alla nuova

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini di Riccarda Viglino L'insegnamento, secondo Bruner, dovrebbe avere l'obiettivo di condurre lo studente a scoprire ed imparare per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

SMART EDUCATION: Soluzioni innovative per la Scuola 2.0 Vodafone Italia

SMART EDUCATION: Soluzioni innovative per la Scuola 2.0 Vodafone Italia SMART EDUCATION: Soluzioni innovative per la Scuola 2.0 Vodafone Italia Bologna, 17 ottobre 2013 Le Smart Cities secondo Vodafone Miglioramento qualità della vita dei cittadini Forte impatto sulla comunità

Dettagli

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA MATERIA INFORMATICA CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: IL COMPUTER: CONCETTI DI BASE - Saper far funzionare correttamente il computer - Sapersi muovere

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO DI PRIMIERO (TN) Via delle Fonti, 10-38054 Transacqua

Dettagli

l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo

l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo L educazione alla salute rappresenta il processo educativo grazie al quale i soggetti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Innov@school. Progetto di Scuola Digitale 2.0. Registro Elettronico Innovativo. Distributore ufficiale per l Italia

Innov@school. Progetto di Scuola Digitale 2.0. Registro Elettronico Innovativo. Distributore ufficiale per l Italia Innov@school Progetto di Scuola Digitale 2.0 Registro Elettronico Innovativo Distributore ufficiale per l Italia Introduzione al REGISTRO ELETTRONICO Innov@school è un progetto che nasce per ampliare il

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53) I principi innovatori della legge per la definizione delle norme generali dell istruzione e

Dettagli

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare.

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare. Strumenti compensativi e dispensativi Gli strumenti compensativi e dispensativi sono strumenti di facilitazione che danno a coloro che hanno delle difficoltà l opportunità di raggiungere molti obiettivi

Dettagli

EXECUTIVE. Percorso di specializzazione dell Executive Master in Wine Business Management. 28 FEBBRAIO - 30 MAGGIO 2014 1a EDIZIONE

EXECUTIVE. Percorso di specializzazione dell Executive Master in Wine Business Management. 28 FEBBRAIO - 30 MAGGIO 2014 1a EDIZIONE EXECUTIVE education Winery E-commerce corso EXECUTIVE Percorso di specializzazione dell Executive Master in Wine Business Management 28 FEBBRAIO - 30 MAGGIO 2014 1a EDIZIONE fondazione cuoa Da oltre 50

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli