Le applicazioni per smartphone come strumento per la comunicazione d azienda: uno studio sulla percezione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le applicazioni per smartphone come strumento per la comunicazione d azienda: uno studio sulla percezione"

Transcript

1 Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione Tesi di Laurea Le applicazioni per smartphone come strumento per la comunicazione d azienda: uno studio sulla percezione Relatore Ch.mo Prof. Francesco Casarin Correlatori Ch.ma Prof.ssa Cinzia Colapinto Ch.mo Prof. Silvio Giove Laureanda Chiara Ferraro Matricola Anno Accademico 2011 / 2012

2

3 Indice Introduzione...1 Capitolo 1 Il mobile marketing: approcci e criticità 1.1 Il mobile marketing: una definizione Le tipologie di mobile marketing Il marketing di prossimità ed il real time marketing Il mobile marketing come strumento promozionale Il mobile marketing per lo sviluppo dell immagine di marca L Incentive Based Advertising Il mobile marketing di tipo push e quello di tipo pull L atteggiamento dei consumatori verso il mobile marketing I driver individuali all accettazione del mobile marketing Gli attributi maggiormente apprezzati in una campagna di mobile marketing Capitolo 2 I nuovi processi di comunicazione tra azienda e consumatore: il web, le comunità online e la svolta social 2.1 Le particolarità dell online word- of- mouth e l avvento dei social media La nascita delle comunità online: definizione e classificazioni Tipologie di comunità online Le motivazioni personali che spingono l utente a partecipare ad una comunità online Il concetto di web democracy e la figura dell influential all interno di una rete sociale L influenza del web 2.0 sulle decisioni d acquisto I

4 2.3 La comunicazione d azienda in un ottica di web La co- creazione di contenuti e il citizen advertising La relazione col cliente: una risorsa per l innovazione Capitolo 3 L avvento degli smartphone: nuove opportunità per la comunicazione di marketing 3.1 Lo smartphone: un nuovo strumento per la comunicazione mobile Gli smartphone per il mobile internet Le applicazioni per smartphone: nuove opportunità e criticità per il marketing L uso dei codici QR per la comunicazione informativa L uso delle applicazioni per i mobile coupon Le applicazioni basate sulla localizzazione geografica e il concetto di augmented reality Gli smartphone per l utilizzo dei social network ed il concetto di real time web L uso degli smartphone per il customer generated content L interazione col cliente attraverso la creazione di applicazioni aziendali Lo sfruttamento degli smartphone per la comunicazione di marketing: prospettive ipotizzabili Capitolo 4 Il caso aziendale di riferimento: Compar s.p.a. ed il marchio Bata 4.1 Presentazione del gruppo Bata Bata Italia: Compar s.p.a I punti vendita fisici L attività e- commerce, il web marketing e la presenza social L utilizzo dei dispositivi mobili II

5 Capitolo 5 Presentazione del percorso di ricerca 5.1 Lo scenario: presupposti e motivazioni per la ricerca L oggetto della ricerca La popolazione di riferimento La domanda di ricerca I risultati ipotizzabili sulla base della letteratura consultata Il disegno di ricerca Metodologia: la ricerca qualitativa Metodologia: l intervista Modalità di raccolta dei dati La traccia dell intervista L analisi dei dati: i sistemi di codifica Capitolo 6 I risultati della ricerca empirica: un indagine esplorativa sulla percezione delle applicazioni per smartphone 6.1 Le categorie di analisi Percezione dello strumento smartphone Confronto tra l utilizzo dello smartphone e quello del pc Occasioni d uso relative alle applicazioni Attributi delle applicazioni percepiti come più importanti Fattori che inducono a scaricare un applicazione Attitudini dell utente nei confronti delle applicazioni di brand Influenza delle applicazioni sul rapporto cliente- brand Confronto con le ipotesi precedentemente formulate Capitolo 7 Implicazioni manageriali 7.1 Un applicazione da costruire sui bisogni del cliente: le ipotesi di sviluppo La localizzazione dei punti vendita L arricchimento informativo sui prodotti La multicanalità in store III

6 7.1.4 Il coinvolgimento del cliente tramite promozioni dedicate L applicazione per smartphone: uno strumento integrativo per il Customer Relationship Management Conclusioni Bibliografia IV

7 Introduzione Il presente elaborato si propone di approfondire il tema, di grande attualità, delle applicazioni per smartphone. Software di questo tipo stanno infatti richiamando una certa attenzione in quanto, oltre ad aver creato un mercato che si sta rivelando molto fiorente e ricco di opportunità, si prestano ad essere sfruttati per diverse finalità, data la loro importante caratteristica di versatilità. In particolare, grandi sono la curiosità e l interesse per le potenzialità offerte da questi strumenti come mezzi per la comunicazione d azienda ed il Customer Relationship Management. Com è noto, la diffusione degli smartphone sta acquisendo dimensioni di sempre maggiore importanza, e tale fenomeno si inserisce in un percorso che vede la convergenza di diversi fattori. In primo luogo, è opportuno evidenziare la grande popolarità che, negli ultimi anni, ha caratterizzato dispositivi mobili come i telefoni cellulari, tale da arrivare a rendere questi oggetti parte integrante della quotidianità di ogni individuo, e da stimolare la continua evoluzione delle relative tecnologie, arricchendoli di funzionalità sempre più varie e potenzialmente interessanti per l utente. Tali dispositivi hanno fin dall inizio destato un certo interesse per le potenzialità offerte in un ottica di comunicazione di marketing: in proposito, sono stati ripercorsi i principali approcci e le criticità individuate nella consultazione della letteratura specializzata riguardante il mobile marketing. Allo stesso tempo, un fenomeno di essenziale importanza è stato l avvento del web 2.0, il quale, oltre alla sua rilevanza da un punto di vista comunicativo e sociale, è stato qui trattato nell ottica del forte impatto che ha sicuramente avuto nel rapporto tra 1

8 aziende e clienti, divenuto più diretto e paritario, collaborativo e tendenzialmente bidirezionale. Queste due principali tendenze sono, almeno in parte, confluite nello strumento dello smartphone: tale strumento è definibile come un telefono cellulare di nuova generazione, il quale integra le funzionalità tipiche, appunto, di un telefono cellulare con alcune delle principali funzioni tipiche di un computer. In particolare, lo smartphone offre la possibilità di riunire in un unico oggetto la caratteristica della mobilità, diverse funzionalità volte alla comunicazione, la possibilità di collegarsi alla rete internet e, aspetto particolarmente innovativo, l opportunità di scaricare i software dedicati a tale strumento: le applicazioni. Come si diceva, lo strumento dello smartphone sta avendo un ampia diffusione presso il pubblico. Questo ha portato alla nascita ed alla repentina espansione del mercato delle applicazioni ad esso dedicate: questi software, spesso prodotti da sviluppatori indipendenti e messi a disposizione degli utilizzatori attraverso apposite piattaforme digitali, sono oggi largamente diffusi ed offrono le funzionalità più varie, riscuotendo un ampio successo presso gli utenti. La grande popolarità di tali applicazioni ha dunque fatto in modo che questi strumenti suscitassero un certo interesse anche per le potenziali opportunità offerte nell ambito della comunicazione d azienda e della gestione del rapporto tra clienti e brand. In particolare, è ipotizzabile una particolare utilità di questo strumento con riferimento al Customer Relationship Management, proprio in forza del carattere prettamente personale di un dispositivo come lo smartphone e, allo stesso tempo, dell importante ruolo che tale oggetto è arrivato a ricoprire nella quotidianità degli individui. Allo stesso tempo, però, gli scenari che si aprono a tal proposito sono decisamente vasti, e anche per questo non appare forse totalmente chiaro, alle aziende coinvolte, in quali modi sia più opportuno configurare tali strumenti per un utilizzo appropriato e vantaggioso. Intuendo le potenzialità offerte da questo strumento innovativo, l azienda Compar s.p.a. ha recentemente lanciato l applicazione per smartphone relativa al marchio 2

9 Bata, la quale tuttavia al momento mantiene una struttura molto semplice, offrendo funzionalità e contenuti piuttosto limitati. La presente ricerca, dunque, si propone di delineare alcune possibili percorsi di sviluppo futuro auspicabili affinché tale strumento possa essere sfruttato maggiormente, in un ottica di comunicazione d azienda ed approfondimento del rapporto con il cliente. A tal fine, sono stati in primo luogo intervistati alcuni soggetti interni all azienda, per comprenderne struttura, caratteristiche ed obiettivi strategici, con un particolare focus su questo strumento specifico. Successivamente è stato condotto uno studio empirico di tipo qualitativo, volto ad un indagine esplorativa per una comprensione globale del fenomeno dal punto di vista degli utenti. Sono in particolare stati approfonditi tre aspetti principali: la visione e le modalità di utilizzo dello strumento smartphone da parte dell utente, le caratteristiche ricercate in un applicazione per smartphone ed infine l influenza dell applicazione relativa ad una marca sul rapporto tra il cliente e la marca stessa. La ricerca è stata condotta sottoponendo un intervista semi- strutturata faccia a faccia a quaranta soggetti appartenenti alla popolazione di riferimento, costituita dagli studenti dell Università Ca Foscari di età compresa tra i 19 ed i 26 anni. Le informazioni così raccolte sono poi state esaminate tramite le tecniche open- coding ed axial- coding. È stato in questo modo possibile ottenere un quadro generale relativo alla percezione che hanno gli utenti del fenomeno indagato, per una migliore comprensione sia della visione dello smartphone come strumento, sia degli attributi generalmente ricercati all interno dei software ad esso dedicati che, in particolare, delle specificità relative alla percezione di applicazioni collegate ad un brand. Confrontando le informazioni così ottenute, e le considerazioni che è stato possibile trarne, con le conoscenze relative al caso specifico di Compar e del marchio Bata, è dunque stato possibile ipotizzare alcuni possibili percorsi di sviluppo che fossero coerenti sia con quelle che sono emerse come le esigenze ed i desideri degli utenti, sia con le caratteristiche e le strategie specifiche dell azienda. 3

10 4

11 Capitolo 1 Il Mobile Marketing: approcci e criticità 1.1 Il Mobile Marketing: una definizione Quando si parla di Mobile Marketing, ci si riferisce ad un fenomeno relativamente recente, in quanto strettamente connesso con la comparsa e la successiva evoluzione delle tecnologie relative ai dispositivi mobili. Si fa in particolare riferimento alla produzione e diffusione, da parte delle varie case produttrici, di telefoni cellulari e, in un momento successivo, di altri dispositivi come Smartphone e Tablet, i quali si stanno diffondendo in maniera sempre più massiccia presso i consumatori. Si tratta di innovazioni di grandissima portata, che hanno portato in un tempo relativamente breve cambiamenti profondi e sostanziali riguardanti abitudini e stili di vita dei consumatori, divenendo parte integrante della vita di ognuno, a tal punto che risulta ormai difficile immaginare di poterne fare a meno (Kaplan, 2012). Le suddette tecnologie sono infatti state adottate in modo particolarmente massiccio dai consumatori, con tassi di penetrazione che, in alcuni Paesi dell Unione Europea, arrivano ad eccedere addirittura il 100% 1 (Ahonen, 2006). 1 Il mercato dei telefoni cellulari si è sviluppato in tempi molto rapidi, fino a raggiungere una penetrazione superiore al 100% dovuta al fatto che, in alcuni casi, un singolo individuo può possedere più di un dispositivo. Infatti già nel marzo precisamente all interno del numero del 14 marzo della rivista Mobile Communications - Informa riportava, per i telefoni cellulari, un tasso di penetrazione medio relativo ai paesi dell Europa Occidentale del 103% (Ahonen, 5

12 Da un punto di vista manageriale, le tecnologie relative ai telefoni cellulari hanno fin dall inizio destato un certo interesse per le inedite opportunità comunicative che esse offrivano, sebbene di fatto esse non siano ancora pienamente sfruttate per la comunicazione di marketing. Si ritiene che il limitato utilizzo di questi nuovi strumenti sia dovuto a molteplici fattori, i più importanti dei quali risultano essere la scarsa conoscenza del Mobile Marketing da parte degli addetti ai lavori e la mancanza di competenze specifiche (Friedrich et al., 2009, Valsecchi et al., 2007) ma anche il timore che i clienti reagiscano ad iniziative di questo tipo in modo negativo, vedendo magari intaccata la propria privacy (Jayawardhena, 2009). È chiaro dunque come sia necessaria una maggiore conoscenza sia del fenomeno stesso, che dell attitudine dei consumatori a riguardo. Al fine di procedere ad un analisi più approfondita, tuttavia, si ritiene necessario in primo luogo fornire una definizione puntuale di Mobile Marketing. A questo proposito, diversi sono i contributi presenti in letteratura e diverse sono le definizioni date da ciascun autore, ognuna delle quali tende ad enfatizzare specifici aspetti del fenomeno. Alcuni autori definiscono il Mobile Marketing in modo piuttosto generale, identificando questo fenomeno semplicemente come l utilizzo di un dispositivo mobile come un mezzo per veicolare una qualsiasi comunicazione di marketing (Leppaniemi et al., 2006, p. 38; Smutkupt et al., 2010, p. 128; Andrews et al., 2012, p. 537). Tuttavia, si ritiene che questa sia una descrizione forse fin troppo ampia, che non tiene conto degli aspetti peculiari connessi all utilizzo di tali dispositivi, assimilando questi ultimi a qualsiasi altro mezzo di comunicazione, sebbene le caratteristiche di fruizione siano decisamente differenti. Altro orientamento è quello che vede il Mobile Marketing come lo sforzo effettuato da organizzazioni, imprese o brand e volto a promuovere, informare, vendere o 2006), mentre nel caso dell Italia, uno dei paesi caratterizzati dal maggior tasso di penetrazione al mondo (Valsecchi et al., 2007) questo raggiungeva il 124.6% (Ahonen, 2006). 6

13 comunque indurre il consumatore ad intraprendere un azione di qualche tipo, tramite l utilizzo di una piattaforma mobile (Rohm et al., 2012, p. 486). Questa visione, come si può notare, pone l accento sull interattività che caratterizza il mezzo di comunicazione considerato e sulla conseguente possibilità di ottenere un feedback da parte del ricevente possibilità che, peraltro, non caratterizza il dispositivo mobile in modo esclusivo continuando tuttavia ad ignorarne i connotati distintivi. Una definizione più specifica è quella che identifica il Mobile Marketing con l utilizzo di un dispositivo wireless per offrire ai consumatori informazioni personalizzate, sensibili al tempo ed alla localizzazione fisica di questi ultimi, al fine di promuovere beni, servizi ed idee e creando in questo modo valore per tutti gli stakeholders (Scharl et al., 2005, p. 165). Vengono in questo modo enfatizzate alcune tra le caratteristiche peculiari più importanti relative ai dispositivi mobili, ossia la possibilità di fornire comunicazioni personalizzate in base alla localizzazione, al momento e al soggetto destinatario, sebbene si ritenga che una visione così circoscritta possa finire per tralasciare alcune tra le possibilità comunicative disponibili. La descrizione che si ritiene essere più completa è quella fornita da A. M. Kaplan (2012, p. 130), il quale definisce il Mobile Marketing come qualsiasi attività di marketing attuata con l ausilio di una rete onnipresente, alla quale i consumatori si possono connettere costantemente tramite un dispositivo mobile personale. Tale formulazione mette in risalto alcuni punti fondamentali, alcune condizioni che devono essere presenti affinché si possa parlare di Mobile Marketing: in primis l ubiquità della rete, condizione che, per essere esaudita, non richiede necessariamente la presenza di una singola rete ma piuttosto di una molteplicità di reti che garantiscano, nel loro insieme, una copertura completa. Altra condizione necessaria è la possibilità, per il destinatario della comunicazione, di avere accesso costante a tale rete tramite il proprio dispositivo mobile. Infine, è essenziale che il cliente disponga di un dispositivo mobile personale, che non sia cioè condiviso con altri soggetti. Si ritiene che quest ultima definizione sia la più adeguata: infatti essa mette in risalto gli aspetti peculiari ed esclusivi del Mobile Marketing, con un focus sulle caratteristiche degli strumenti tecnologici che devono essere presenti affinché di questo fenomeno si 7

14 possa parlare presenza di una rete disponibile in ogni luogo e possibilità di accedere a questa rete in modo costante. Allo stesso tempo, non vengono posti limiti alle attività che di fatto possono essere svolte con l ausilio di tali strumenti si parla infatti di attività di marketing di qualsiasi tipo. Altra definizione spesso presente in letteratura è quella di Mobile Customer Relationship Management, nome abbreviato con l acronimo mcrm. Si tratta di un concetto similare a quello di Mobile Marketing ma che pone l accento sull utilizzo delle tecnologie relative ai dispositivi mobili per il Customer Relationship Management, o CRM. Il CRM può essere interpretato come un approccio manageriale, in base al quale la cultura d impresa è, nella sua interezza, orientata al cliente. In base a questa visione, dunque, l impresa cerca di creare e mantenere una relazione il più possibile stretta e duratura con il cliente stesso. È chiaro come questo presupponga la conoscenza del consumatore, e come tale conoscenza possa essere estremamente facilitata dall uso delle tecnologie di informazione e comunicazione (ICT). Il Mobile Customer Relationship Management, conseguentemente, è stato definito come CRM realizzato tramite l utilizzo di un dispositivo mobile (Valsecchi et al., 2007, p. 757) o, in modo più specifico, come un processo comunicativo, che può essere sia interattivo che unidirezionale, finalizzato alle vendite, al marketing o alle attività di customer service, messo in atto attraverso un dispositivo mobile allo scopo di creare e mantenere delle relazioni tra azienda e clienti (Sinisalo et al., 2007, p. 774). Come già accennato, la quantità di azioni che un azienda può intraprendere nello svolgere azioni di Mobile Marketing è davvero molto ampia, ed il ventaglio di opportunità disponibili si sta allargando progressivamente, di pari passo con le nuove potenzialità offerte dall innovazione tecnologica. Al fine di comprendere le caratteristiche fondamentali di questo fenomeno, tuttavia, risulta utile semplificare l analisi focalizzando l attenzione sul Mobile Marketing considerato nella suo forma più semplice: l invio di messaggi, con contenuti di testo (SMS) o di immagini (MMS) da parte delle aziende ai propri clienti. 8

15 Diversi sono infatti gli autori che si sono occupati di questo argomento, e i numerosi studi condotti hanno permesso di trarre importanti conclusioni sia dal punto di vista dei clienti, analizzandone attitudini e reazioni, sia da quello manageriale, individuando le relative opportunità, criticità ed implicazioni strategiche. Tali considerazioni sono da ritenersi particolarmente importanti in quanto possono essere estese, con le dovute cautele, anche a forme più evolute di comunicazione, che mantengano la caratteristica di essere trasmesse tramite l ausilio di un dispositivo mobile collegato in modo permanente ad una rete onnisciente. Lo studio della comunicazione fatta attraverso i dispositivi mobili è particolarmente importante in quanto questi ultimi sono dotati di caratteristiche assolutamente uniche, e non possono pertanto essere assimilati ad alcun altro mezzo di comunicazione per quanto riguarda le opportunità comunicative che essi offrono (Jayawardhena, 2009). Tali peculiarità sono state ampiamente sottolineate da molti degli autori che si sono occupati del fenomeno. Le caratteristiche che spiccano in modo più immediato, come messo in risalto dalla stessa definizione di Mobile Marketing che si è scelto di adottare, sono quelle dell ubiquità e della costanza, ossia il fatto che questi dispositivi permettano che uno scambio comunicativo possa avvenire, potenzialmente, in qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento (Camponovo et al., 2005). La diretta conseguenza di tali caratteristiche è il fatto di poter far pervenire al singolo cliente contenuti pensati in modo specifico per un determinato contesto, momento e luogo (Rohm e Sultan, 2005), per una comunicazione più specifica e dunque proficua, con tutti i vantaggi che tale opportunità comporta. L efficacia comunicativa di un messaggio, infatti, può essere molto maggiore quando esso è trasmesso nel momento e nel luogo più adatto, quando cioè il consumatore ha più bisogno dell informazione espressa o è comunque più disponibile a recepirla: come conseguenza, si ha una maggiore creazione di valore sia per l azienda che per il cliente stesso (Kenny e Marshall, 2000). Strettamente correlata a questo concetto è un altra caratteristica tipica dei dispositivi mobili: la localizzazione. Infatti, il beneficio dell ubiquità è pienamente apprezzabile anche e soprattutto in virtù del fatto che, grazie a varie tecnologie, esiste la possibilità 9

16 di localizzare geograficamente il dispositivo stesso. Conseguentemente, il fatto di conoscere la posizione del relativo proprietario consente di fornire a quest ultimo informazioni che siano in qualche modo collegate al fatto di trovarsi in tale luogo: questo è fonte di vantaggio competitivo, in quanto il consumatore riconosce il valore di un informazione specifica, che sia cioè utile nel contesto della sua corrente posizione geografica (Clarke, 2001). Altra importante caratteristica del telefono cellulare è quella di essere, tipicamente, un dispositivo personale, utilizzato da un singolo individuo e difficilmente condiviso con altri. Il soggetto può arrivare alla costruzione di un rapporto pressoché intimo con il proprio dispositivo, in quanto quest ultimo è custode di importanti informazioni e considerato pressoché indispensabile in ogni momento della quotidianità (Bauer et al., 2005, pp ). Inoltre, specialmente tra i più giovani, è consueta l abitudine di arrivare ad utilizzare questo dispositivo come un mezzo di espressione personale: il processo è facilitato dalla possibilità di adattare alcune caratteristiche ad esempio la suoneria o l immagine sullo sfondo alle preferenze individuali, aspetto che contribuisce ad enfatizzare il carattere esclusivo del rapporto tra quest oggetto ed il suo possessore (Walsh e White, 2007). Corollario di tali proprietà è il fatto che le comunicazioni inviate tramite dispositivi di questo tipo possano essere personalizzate, adattate in base alle caratteristiche note del destinatario: in particolare, si ritiene che un azione di Mobile Marketing possa essere tanto più efficace quanto più l azienda sia nella posizione di utilizzare informazioni personali relative al destinatario (Jayawardhena, 2009, p. 474). Si ritiene infatti che una delle proprietà più interessanti, dal punto di vista manageriale, del Mobile Marketing, sia proprio quella di permettere una comunicazione mirata, personalizzata, e di instaurare relazioni di tipo personale con i clienti (Grant e O Donohoe, 2007, p. 224). Infine, un'altra opportunità fondamentale offerta dalla comunicazione su dispositivi mobili è l interattività (Grant e O Donohoe, 2007, p. 224), ossia la possibilità di 10

17 condurre una comunicazione a due vie, e non solo unidirezionale come nei media classici: infatti, tramite l utilizzo di un dispositivo mobile il destinatario di un messaggio ha la possibilità di rispondervi immediatamente, esso ha dunque il potere di condizionare la conversazione in modo attivo, ed è di conseguenza possibile, ancora una volta, stabilire un dialogo più diretto tra l azienda ed il cliente (Bauer et al., 2005, p. 182; Smutkupt et al., 2010, p. 128). Da diversi autori l interattività è stata enfatizzata come una tra le principali caratteristiche che rendono il telefono cellulare uno strumento unico per il management, offrendo opportunità comunicative inedite che dovrebbero dunque essere adeguatamente sfruttate (Barnes e Scornavacca, 2004; Bauer et al., 2005, p. 182). È chiaro infatti come lo stimolo ad una partecipazione attiva del cliente possa risultare un vantaggio in un ottica manageriale, in quanto permette un maggiore coinvolgimento dello stesso nel processo comunicativo ed un dialogo più diretto con esso, a beneficio dell immagine dell azienda e del brand. Inoltre, importante è la possibilità di conoscere meglio il singolo cliente raccogliendo importanti informazioni personali che lo riguardano, aspetto utile per quanto riguarda la possibilità di personalizzare i messaggi trasmessi. Va ricordato, tuttavia, che affinché si abbia interazione, è indispensabile che quest ultima sia adeguatamente stimolata: sta all azienda infatti adoperarsi affinché la partecipazione del cliente sia attiva, in base al semplice concetto che due soggetti decidono di interagire solamente come conseguenza di una scelta personale, essi infatti sviluppano un processo comunicativo a due vie solamente nel caso in cui tale processo abbia un utilità per entrambi (Stewart e Pavlou, 2002). Quest ultimo concetto, in effetti, si ritiene generalizzabile per ciascuna delle caratteristiche sopracitate: se è vero che le opportunità offerte dai dispositivi mobili sono assolutamente uniche ed innovative, va ricordato come, per dare un vero significato ad un azione di Mobile Marketing, sia l azienda a doversi adoperare in prima persona per lo sfruttamento effettivo delle suddette possibilità, in modo da offrire ai propri clienti una rinnovata comunicazione che offra esperienze prima inesplorate, anziché essere una banale ripetizione di campagne comunicative già viste, dove a cambiare non è che il supporto utilizzato. 11

18 1.2 Le tipologie di Mobile Marketing Appurato come la definizione di Mobile Marketing attenga principalmente alle condizioni tecniche necessarie per svolgere un determinato tipo di azioni comunicative ossia la presenza di una rete onnisciente e la costante possibilità per un individuo di accedervi tramite il proprio dispositivo mobile - ancora non è stata data una descrizione puntuale delle diverse attività che, concretamente, possono essere svolte da parte delle aziende con l ausilio di tali tecnologie. Infatti sono numerose, come già accennato, le modalità con cui questo strumento può effettivamente essere utilizzato. Per il momento, non risulta utile dilungarsi sulle diverse forme specifiche che i contenuti comunicati possono assumere. La tecnologia odierna permette la trasmissione di contenuti d immagine, audio, video: il ventaglio di possibilità è molto ampio. Tuttavia, si preferisce in questo momento prescindere dalla forma specifica assunta dai vari messaggi e procedere piuttosto ad una suddivisione di tipo più concettuale, considerando la logica sottostante ad ogni tipologia di comunicazione, le caratteristiche tipiche dei dispositivi mobili che vengono maggiormente sfruttate, gli scopi perseguiti e la reazione che si intende suscitare nel consumatore. Di seguito, dunque, si esporranno in sintesi le diverse tipologie di Mobile Marketing individuate in base a tali fattori. 12

19 1.2.1 Il Marketing di Prossimità ed il Real Time Marketing Come già esposto, tra le più importanti caratteristiche dei dispositivi mobili vi è la possibilità di accedere ad una rete onnisciente ed altresì quella di essere localizzati geograficamente. Tali possibilità possono essere sfruttate dalle aziende per dare vita ad azioni comunicative indirizzate in modo specifico a clienti che si trovino in un determinato luogo geografico. Quando un azione comunicativa presenta queste caratteristiche, si parla di Marketing di Prossimità, con riferimento al fatto che la ricezione di un contenuto inerente a qualsiasi aspetto del Marketing Mix - avvenga solamente nel momento in cui ci si trovi, appunto, in prossimità di uno specifico luogo geografico predeterminato da parte del mittente. Esiste anche la definizione inglese Location Based Marketing (LBM), che, con significato analogo, descrive la situazione in cui il messaggio trasmesso sia personalizzato in base alla localizzazione del dispositivo mobile, e conseguentemente del suo proprietario. Volendo dare una definizione più precisa, si può affermare che il Location Based Marketing consiste in una comunicazione di marketing personalizzata sulla base della posizione geografica del ricevente, ricevuta da quest ultimo su un dispositivo mobile da parte di un mittente identificabile (Unni e Harmon, 2007, p. 28; Bruner e Kumar, 2007, p. 3). Similare è la definizione Location Based Advertising, con la quale si vuole restringere il campo di studio al fenomeno della diffusione di messaggi di tipo esclusivamente pubblicitario, sempre con contenuto basato sulla posizione fisica del cliente destinatario (Tsang et al., 2004, p. 68). È tuttavia necessaria una precisazione. Alcuni autori scelgono di dare all espressione Location Based Marketing un significato molto più ampio, definendolo semplicemente come una comunicazione di marketing pensata in modo esclusivo per essere trasmessa in un particolare luogo, presso il quale il consumatore ha accesso al 13

20 mezzo utilizzato per la comunicazione stessa (Bruner e Kumar, 2007, p. 3). Visto in questo modo, il Location Based Marketing non implicherebbe, di per sé, l utilizzo di alcun dispositivo tecnologico. Si pensi, ad esempio, ad un cartello pubblicitario posto in prossimità di un negozio e volto a segnalare la presenza di una promozione all interno del punto vendita stesso: si tratta in questo caso pur sempre di una comunicazione di marketing pensata in modo specifico per quel particolare luogo geografico, in corrispondenza del quale il potenziale cliente viene in contatto con un mezzo di comunicazione, nella fattispecie il cartello. In questo contesto, tuttavia, si preferisce circoscrivere il fenomeno prendendo in considerazione, come già detto, il solo caso in cui i messaggi in questione siano trasmessi attraverso un dispositivo mobile posseduto dal destinatario: secondo questa visione, il LBM può essere considerato come un caso particolare di Mobile Marketing. Questa particolare tipologia di Mobile Marketing offre l importante opportunità di creare valore per il consumatore andando ad incontrare alcune esigenze di quest ultimo. È importante notare, infatti, come il valore di un informazione possa essere massimizzato nell eventualità in cui essa sia semplicemente fornita nel luogo e nel momento giusto, quando cioè il ricevente ne senta maggiormente la necessità. L importanza del Location Based Marketing sta proprio nell abilità di rispondere ad una necessità informativa nell esatto contesto in cui tale necessità si presenti, in modo tale che l informazione trasmessa sia particolarmente apprezzata dal consumatore e quindi recepita con un atteggiamento maggiormente positivo: si tratta del fenomeno che alcuni autori hanno denominato Real Time Marketing (Oliver et al., 1998). Questo aspetto del Mobile Marketing va tenuto in particolare considerazione anche perché fornire informazioni specifiche per un determinato contesto e luogo aiuta a migliorare la percezione del cliente relativamente all utilità delle informazioni stesse, aspetto che contribuisce, come si vedrà in seguito, ad ottenere una reazione positiva da parte di chi riceve il messaggio. 14

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

FOCUS. www.wikabu.com

FOCUS. www.wikabu.com FOCUS WIKABU: l innovativa app mobile che consente agli utenti di scoprire dove acquistare i prodotti visti in pubblicità (cartacea, cartellonistica e digitale). Il servizio mira a soddisfare sia il bisogno

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

Il fenomeno della geolocalizzazione. Ugo Benini

Il fenomeno della geolocalizzazione. Ugo Benini Il fenomeno della geolocalizzazione Ugo Benini pagina 1 di 9 Cos è la geolocalizzazione Come si è evoluto il concetto di geolocalizzazione negli ultimi anni? Quali le ricadute nel mondo dei Social Network?

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing e Comunicazione del settore bancario

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information Inside Marketing rappresenta il passo in avanti necessario per lavorare in un ambiente sempre più multitasking e sempre più ricco di stimoli. Il

Dettagli

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN REPORT DI SINTESI sul PEER-COACHING Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN Nel progetto SUSTAIN il peer coaching (coaching reciproco tra pari) è stato ideato come parte integrante della fase

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali

SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica SNAP Proposte e coupon personalizzati

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Progetto di web marketing per promuovere le aziende e portare nuovi clienti a fare acquisti nei negozi anche senza avere il sito web

Progetto di web marketing per promuovere le aziende e portare nuovi clienti a fare acquisti nei negozi anche senza avere il sito web By Progetto di web marketing per promuovere le aziende e portare nuovi clienti a fare acquisti nei negozi anche senza avere il sito web 1 2 Cosa è Happy Carnet Per i Fornitori Primari è lo strumento per

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 INDICE 1. LA PREMESSA... 3 2. PERCHÈ IMPIEGARE FACEBOOK PER IL PROPRIO BUSINESS?... 4 3. CHE COS È MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL... 6 4.

Dettagli

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi www.aioroma.it Intervista a Maurizio Patitucci A cura di Michelangelo Marino Buongiorno Maurizio, sono ormai diversi anni che insieme

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

Dolphin - Marketing & CRM

Dolphin - Marketing & CRM Dolphin - Marketing & CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT NOTE MARKETING E CRM CONFERMA VIAGGIO L Agenzia anticipa la partenza del viaggiatore con un messaggio che riepiloga i servizi prenotati, orari

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Progetto. Spunti per una NUOVA COMUNICAZIONE

Progetto. Spunti per una NUOVA COMUNICAZIONE Progetto Spunti per una NUOVA COMUNICAZIONE lo scenario internet e le nuove tecnologie stanno avendo un ruolo sempre più centrale e importante nella vita quotidiana di ognuno sempre più le persone sentono

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

Promozioni e servizi di Kaleidosms

Promozioni e servizi di Kaleidosms Listino prodotti CON INVIO EFFETTUATO DA OPERATORI KALEIDO *con contratto annuale e pagamento semestrale anticipato KLIENTIDB La Rubrica con i tuoi clienti. Crediti sms 0,00 + IVA al mese La soluzione

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

Privacy Policy e utilizzo dei cookie.

Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy Informativa resa ai sensi dell articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 ai visitatori del sito di Hakomagazine e fruitori dei servizi offerti dallo stesso,

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali:

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali: Regole sulla Privacy Le presenti Regole sulla Privacy contengono le informazioni su come Golden Boy Technology & Innovation S.r.l. (di seguito, la Società) utilizza e protegge le informazioni personali

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 9-15 giugno 2003. Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti. E-government: il punto dei Garanti europei

Newsletter. Notiziario settimanale 9-15 giugno 2003. Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti. E-government: il punto dei Garanti europei Newsletter Notiziario settimanale Versione ottimizzata per la stampa Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti E-government: il punto dei Garanti europei 1 Newsletter 2003 IL GARANTE DENUNCIA

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

Il Cliente al centro della nostra missione

Il Cliente al centro della nostra missione Il Cliente al centro della nostra missione SOLUZIONI CRM COMPLETE Agicoom propone e progetta soluzioni CRM complete utilizzando VTE software tra i più innovativi e all avangardia presenti sul mercato che

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico dott.ssa Paola D Alessandro 1 La Direzione generale sta procedendo alla modifica delle linee guida del 2010 riguardo all utilizzo

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Metodo, persone e contenuti

MARKETING AUTOMATION Metodo, persone e contenuti 02 MARKETING AUTOMATION Metodo, persone e contenuti Contenuti 2.0 2.1 2.2 Per dare un volto ai numeri I contenuti che fanno la differenza Le fasi di lead scoring & lead nurturing per aumentare il conversion

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

LA PIATTAFORMA ON-LINE PER INVIARE PER GESTIRE LE CAMPAGNE DI DIRECT MARKETING.

LA PIATTAFORMA ON-LINE PER INVIARE PER GESTIRE LE CAMPAGNE DI DIRECT MARKETING. LA PIATTAFORMA ON-LINE PER INVIARE PER GESTIRE LE CAMPAGNE DI DIRECT MARKETING. MULTIMEX Multimedia Direct Marketing Siamo in una delle epoche più innovative della storia: CAMBIA IL MODO DI INTERAGIRE,

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli