PROGETTO SOSTES Innovazione e sostegno al capitale umano prioritariamente nel settore tessile abbigliamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO SOSTES Innovazione e sostegno al capitale umano prioritariamente nel settore tessile abbigliamento"

Transcript

1 PROGETTO SOSTES Innovazione e sostegno al capitale umano prioritariamente nel settore tessile abbigliamento

2 IL PROGETTO SOSTES È REALIZZATO DA Regione Lombardia D. G. Istruzione Formazione e Lavoro Camere di Commercio lombarde Unioncamere Lombardia nell ambito dell Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo

3 FINALITA DEL PROGETTO SOSTES RICONVERSIONE PRODUTTIVA ED ORGANIZZATIVA INNOVAZIONE RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO E DI MARKETING RAFFORZAMENTO DELLE CAPACITA MANAGERIALI E POTENZIAMENTO DEL CAPITALE UMANO SVILUPPO DELLE DIVERSE FORME DI AGGREGAZIONE ED INTEGRAZIONE TRA IMPRESE

4 TRE TIPOLOGIE DI AZIONI BANDO A: contributi ed assistenza per l innovazione delle PMI del sistema manifatturiero lombardo con priorità alla filiera tessile - abbigliamento BANDO B: contributi ed assistenza per l innovazione delle micro e piccole imprese del sistema distributivo al dettaglio del tessile-abbigliamento BANDO C: contributi per Operatori per la promozione dell innovazione ed aggregazione della filiera del tessileabbigliamento

5 BANDO A Contributi ed assistenza per l innovazione delle PMI del sistema manifatturiero lombardo con priorità alla filiera tessile - abbigliamento

6 OBIETTIVO DEL BANDO Favorire la riconversione produttiva ed organizzativa, il riposizionamento strategico, l innovazione e processi di aggregazione tra PMI attraverso l erogazione di: incentivi per spese a carattere immateriale percorso di assistenza individuale

7 Risorse finanziarie Importo iniziale: ,00 Agevolazioni concedibili Contributi fino a un massimo di ,00 pari al: 60% delle spese ammesse per le imprese del sistema manifatturiero 75% delle spese ammesse per le imprese del sistema manifatturiero della filiera tessile-abbigliamento Destinatari PMI del settore manifatturiero (sezione D della classificazione ATECO 2002) Risultati attesi da un minimo di 175 a circa 260 imprese agevolate

8 Risorse finanziarie Importo iniziale: ,00 Provincia Ripartizione risorse disponibili per provincia Bergamo ,00 Brescia ,00 Como ,00 Cremona ,00 Lecco ,00 Lodi ,00 Milano ,00 Monza e Brianza ,00 Mantova ,00 Pavia ,00 Sondrio ,00 Varese ,00 Totale ,00

9 Le risorse, allocate su base provinciale, potranno essere ridistribuite diversamente, trascorsi 40 giorni dalla data di pubblicazione del Bando, allo scopo di garantire una maggiore efficacia della spesa, dandone tempestiva comunicazione.

10 REQUISITI DEI DESTINATARI PMI Avere una delle seguenti forme giuridiche: Ditte individuali Società di persone Società di capitali Cooperative Risultare iscritte al Registro delle Imprese Svolgere l attività riferita ai codici ISTAT (Ateco 2002) Sezione D Avere sede operativa in Lombardia Essere PMI secondo i paramentri C.E Essere in regola con il De Minimis rispettando i limiti ed i parametri in vigore all atto di pubblicazione del Bando Presentare un progetto cantierabile con data ultima di realizzazione delle spese e rendicontazione delle stesse entro il 29/5/2009

11 DEFINIZIONI PMI SECONDO I PARAMETRI C.E. aziende che hanno meno di 250 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 50 milioni di Euro oppure totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di Euro REGOLAMENTO DE MINIMIS prescrive che l importo degli aiuti a tale titolo concessi ad una medesima impresa non deve superare i Euro nell arco di tre esercizi finanziari

12 Non possono partecipare al presente Bando le imprese che, sulla base della normativa comunitaria vigente in materia di Aiuti di Stato, siano operanti in uno dei seguenti settori: settore carbonifero industria siderurgica costruzioni e riparazioni navali produzione di fibre sintetiche industria automobilistica

13 INCENTIVI CONCEDIBILI Contributi per spese a carattere immateriale riconducibili all innovazione ed al rafforzamento del capitale umano. Il contributo erogabile sarà pari al: 60% delle spese ammesse al netto di IVA e fino ad un massimo di Euro ,00 cadauno, per le PMI del sistema manifatturiero lombardo 75% delle spese ammesse al netto di IVA e fino ad un massimo di Euro ,00 cadauno, per le PMI del sistema manifatturiero della filiera del tessile - abbigliamento, il cui codice ISTAT (Ateco 2002) è contenuto nel seguente elenco: segue

14 17 INDUSTRIE TESSILI e relativi gruppi, classi e categorie 18 CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO; PREPARAZIONE, TINTURA E CONFEZIONE DI PELLICCE e relativi gruppi, classi e categorie FABBRICAZIONE DI ALTRI ARTICOLI IN MATERIE PLASTICHE Fabbricazione di altri articoli in materie plastiche Fabbricazione di altri articoli metallici e minuteria metallica Totale spese minimo ammissibile: Euro ,00 I destinatari del contributo dovranno obbligatoriamente seguire un percorso di assistenza personalizzata, della durata di 5 ore finalizzata alla realizzazione delle spese previste e alla produzione della documentazione amministrativa/contabile per la rendicontazione delle stesse.

15 CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA Spese a carattere immateriale Spese immediatamente riferite al progetto Sostenute fin dai 6 mesi antecedenti alla presentazione della domanda

16 TIPOLOGIE DI INTERVENTO AZIONI A SUPPORTO DELL INNOVAZIONE AZIONI A SUPPORTO DEL RAFFORZAMENTO DEL CAPITALE UMANO

17 SPESE AMMISSIBILI AZIONI A SUPPORTO DELL INNOVAZIONE Registrazione e licenza d uso marchi collettivi e territoriali a carattere annuale Acquisto di licenze annuali per software gestionale/professionale Onorari notarili e professionali inerenti ad operazioni di aggregazione (fusione, acquisizione di azienda o ramo di azienda, costituzioni aggregazioni temporanee, ecc ) Spese per assistenza, consulenza, accompagnamento, ricerca e sviluppo relative a: software gestionali/professionali afferenti ai processi di innovazione (gestione di magazzino; gestione e visualizzazione ordini; gestione e controllo del flusso produttivo; integrazione del proprio magazzino con quello della filiera; gestione della clientela, ecc..) sistemi di gestione ambientale e sulla sicurezza, razionalizzazione dei flussi di materiali e standard lavorativi, CMS-Content Management System, ecc.. marchi (anche collettivi e territoriali), brevetti e diritti similari tecnologie per l anticontraffazione risparmio energetico e fonti rinnovabili segue

18 SPESE AMMISSIBILI certificazione di qualità, etiche ed ecologiche difesa della proprietà intellettuale etichettatura e tracciabilità dei prodotti riconoscibilità e valorizzazione del prodotto riposizionamento strategico e di mercato: nuova immagine, nuove linee di prodotto nuovi materiali, prodotti e processi produttivi anche finalizzati alla progettazione della prototipazione design industriale e nuovi trend finalizzati alla progettazione della prototipazione ricerche di mercato, analisi di settore e di nuovi segmenti di mercato potenziali check up organizzativo e sul fabbisogno tecnologico aziendale innovazioni della funzione commerciale, del ciclo produttivo aziendale e della logistica implementazione di nuove procedure di informatizzazione e di scambio dati nuovi sistemi di cooperazione e collaborazione tra PMI in particolare negli ambiti della co-progettazione, co-makership e della razionalizzazione logistica

19 SPESE AMMISSIBILI AZIONI A SUPPORTO DEL RAFFORZAMENTO DEL CAPITALE UMANO Formazione specialistica e settoriale (erogata dagli Operatori del sistema della formazione e del lavoro accreditati presso la Regione Lombardia)

20 SPESE AMMISSIBILI Tra le voci di spesa ammissibili è altresì previsto: il rimborso delle spese di assistenza personalizzata finalizzata alla definizione del progetto di innovazione che sarà oggetto della domanda di contributo al Bando SOSTES (importo massimo ammissibile pari al 3% del totale delle spese complessivamente ammesse) il costo del personale dipendente o parasubordinato nelle tipologie contrattuali previste dalla legge, dedicato al progetto, nei limiti del 20% del totale delle spese complessivamente ammesse

21 SPESE NON AMMISSIBILI Spese non riconducibili al suddetto elenco Spese a carattere continuativo e periodico e connesse al normale funzionamento ed alla gestione ordinaria dell impresa Avviamento e acquisto di licenze autorizzative per lo svolgimento dell attività Spese sostenute oltre i 6 mesi precedenti dalla presentazione della domanda Spese i cui preventivi riportino importi indistinti e cumulati di più voci di spesa Spese documentate da note, ricevute, bollettini Spese sostenute in contanti o mediante assegno circolare Spese pagate con conto corrente diverso da quello aziendale

22 La consulenza e i servizi specialistici dovranno essere forniti in base ad appositi contratti stipulati dall impresa con: enti pubblici e privati aventi personalità giuridica, imprese e società, anche in forma cooperativa, iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, che abbiano nell oggetto sociale l erogazione di servizi alle imprese e che siano preferibilmente accreditati dal sistema regionale Questio [1] professionisti iscritti ad un albo professionale legalmente riconosciuto (se obbligatorio) [1] Per i fornitori non appartenenti agli elenchi QUESTIO, dovrà essere presentata documentazione aggiuntiva sulle competenza in materia di Innovazione nelle PMI come sarà meglio specificato nell Atto di Accettazione del contributo

23 BANDO B Contributi ed assistenza per l innovazione delle micro e piccole imprese del sistema distributivo al dettaglio del tessileabbigliamento

24 OBIETTIVO DEL BANDO Favorire il riposizionamento strategico, l innovazione, lo sviluppo di competenze imprenditoriali e favorire processi di aggregazione tra le micro-piccole imprese del commercio al dettaglio del settore del tessile - abbigliamento attraverso l erogazione di: incentivi per spese a carattere immateriale percorso di assistenza individuale

25 Risorse finanziarie Importo iniziale di ,00 Agevolazioni concedibili Contributi fino a un massimo di ,00 pari al 75% delle spese a carattere immateriale riconducibili all innovazione Destinatari Micro e piccole imprese del sistema distributivo al dettaglio del settore tessile - abbigliamento Risultati attesi da un minimo di 275 a circa 350 imprese agevolate

26 Risorse finanziarie Importo iniziale: ,00 Provincia Ripartizione risorse disponibili per provincia Bergamo ,00 Brescia ,00 Como ,00 Cremona ,00 Lecco ,00 Lodi ,00 Milano ,00 Monza e Brianza ,00 Mantova ,00 Pavia ,00 Sondrio ,00 Varese ,00 Totale ,00

27 Le risorse, allocate su base provinciale, potranno essere ridistribuite diversamente, trascorsi 40 giorni dalla data di pubblicazione del Bando, allo scopo di garantire una maggiore efficacia della spesa, dandone tempestiva comunicazione.

28 REQUISITI DEI DESTINATARI Micro e piccole Imprese Avere una delle seguenti forme giuridiche: Ditte individuali Società di persone Società di capitali Cooperative Avere sede operativa in Lombardia Risultare iscritte al Registro delle Imprese Essere Micro o Piccole Imprese secondo i paramentri C.E Essere in regola con il De Minimis rispettando i limiti ed i parametri in vigore all atto di pubblicazione del Bando Presentare un progetto cantierabile con data ultima di realizzazione delle spese e rendicontazione delle stesse entro il 29/5/2009 Svolgere un attività che rientri nei seguenti codici ISTAT (classificazione ATECO 2002) segue:

29 CODICI ISTAT Commercio al dettaglio di tessili Commercio al dettaglio di tessuti per l abbigliamento, l arredamento e di biancheria per la casa Commercio al dettaglio di filati per maglieria e di merceria Commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento Commercio al dettaglio di confezioni per adulti Commercio al dettaglio di confezioni per bambini e neonati Commercio al dettaglio di biancheria personale, maglieria, camicie Commercio al dettaglio di pellicce e di abbigliamento in pelle Commercio al dettaglio di cappelli, ombrelli, guanti e cravatte Commercio al dettaglio di calzature e articoli in cuoio Commercio al dettaglio di calzature e accessori Commercio al dettaglio di articoli di pelletteria e da viaggio

30 DEFINIZIONI MICRO O PICCOLE IMPRESE SECONDO I PARAMETRI C.E. MICROIMPRESE: aziende che hanno meno di 10 dipendenti e fatturato annuo oppure totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di Euro PICCOLE IMPRESE: aziende che hanno meno di 50 dipendenti e fatturato annuo oppure totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di Euro REGOLAMENTO DE MINIMIS prescrive che l importo degli aiuti a tale titolo concessi ad una medesima impresa non deve superare i Euro nell arco di tre esercizi finanziari

31 NON POSSONO PARTECIPARE le imprese la cui attività è: ubicata presso centri commerciali oggetto di affiliazione commerciale da oltre 6 mesi dalla data di presentazione della domanda di candidatura

32 INCENTIVI CONCEDIBILI Contributi per spese a carattere immateriale riconducibili all innovazione ed al rafforzamento del capitale umano. L intervento permetterà ai destinatari di usufruire di un contributo fino ad un massimo di Euro ,00 cadauno, pari al 75% del totale di spese ammissibili, al netto di IVA. Totale spese minimo ammissibile: Euro 5.000,00 I destinatari del contributo usufruiranno di assistenza personalizzata finalizzata alla realizzazione delle spese previste e alla produzione della documentazione amministrativa/contabile per la rendicontazione delle stesse.

33 CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA Spese a carattere immateriale Spese immediatamente riferite al progetto Sostenute fin dai 6 mesi antecedenti alla presentazione della domanda

34 TIPOLOGIE DI INTERVENTO AZIONI A SUPPORTO DELL INNOVAZIONE AZIONI A SUPPORTO DEL RAFFORZAMENTO DEL CAPITALE UMANO

35 SPESE AMMISSIBILI AZIONI A SUPPORTO DEL INNOVAZIONE Registrazione del marchio e gli onorari professionali direttamente afferenti Acquisto di licenze annuali per software gestionale/professionale Onorari notarili e professionali relativi alla costituzione della società/impresa o inerenti ad operazioni di aggregazione (fusione, acquisizione di azienda o ramo di azienda, aggregazioni temporanee, ecc ) Spese per assistenza, consulenza, accompagnamento, ricerca e sviluppo relative a: software gestionali/professionali afferenti all innovazione organizzativa (gestione di magazzino; gestione e visualizzazione ordini; integrazione del proprio magazzino con quello dei fornitori, gestione avanzata della clientela, gestione della vendita on-line ed e-commerce, gestione di programmi di incentivazione rivolti alla clientela, gestione dello scambio dati B2B, CRM Customer relationship management, ecc..) Siti web e sezioni dedicate segue

36 SPESE AMMISSIBILI check up aziendali, studi di fattibilità per riorganizzazione aziendale check up sul fabbisogno tecnologico aziendale progettazione inerente al riposizionamento strategico e di mercato: nuova immagine coordinata (logo, visual merchandising, ecc..), nuova linee di prodotto, nuovi target di mercato ricerche di mercato, analisi di settore e di segmenti di mercato potenziali implementazione di nuove procedure di informatizzazione di scambio dati processi di aggregazione (area legale, contrattuale, economico-finanziaria, ecc ) Fee d ingresso per l acquisto di servizi finalizzati all avvio di attività in franchising (importo massimo ammissibile pari al 20% della spesa complessivamente ammessa)

37 SPESE AMMISSIBILI AZIONI A SUPPORTO DEL RAFFORZAMENTO DEL CAPITALE UMANO Formazione specialistica e settoriale (erogata dagli Operatori del sistema della formazione e del lavoro accreditati presso la Regione Lombardia).

38 SPESE AMMISSIBILI Tra le voci di spesa ammissibili è altresì previsto: il rimborso delle spese di assistenza personalizzata finalizzata alla definizione del progetto di innovazione che sarà oggetto della domanda di contributo al Bando SOSTES (importo massimo ammissibile pari al 3% del totale delle spese complessivamente ammesse) il costo del personale dipendente o parasubordinato nelle tipologie contrattuali previste dalla legge, dedicato al progetto, nei limiti del 30% del totale delle spese complessivamente ammesse

39 SPESE NON AMMISSIBILI Spese non riconducibili al suddetto elenco Spese a carattere continuativo e periodico e connesse al normale funzionamento ed alla gestione ordinaria dell impresa Avviamento e acquisto di licenze autorizzative per lo svolgimento dell attività Spese sostenute oltre i 6 mesi dalla presentazione della domanda Spese i cui preventivi riportino importi indistinti e cumulati di più voci di spesa Spese documentate da note, ricevute, bollettini Spese sostenute in contanti o mediante assegno circolare Spese pagate con conto corrente diverso da quello aziendale

40 La consulenza e i servizi specialistici dovranno essere forniti in base ad appositi contratti stipulati dall impresa con: enti pubblici e privati aventi personalità giuridica, imprese e società, anche in forma cooperativa, iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, che abbiano nell oggetto sociale l erogazione di servizi alle imprese e che siano preferibilmente accreditati dal sistema regionale Questio [1] professionisti iscritti ad un albo professionale legalmente riconosciuto (se obbligatorio) [1] Per i fornitori non appartenenti agli elenchi QUESTIO, dovrà essere presentata documentazione aggiuntiva sulle competenza in materia di Innovazione nelle PMI come sarà meglio specificato nell Atto di Accettazione del contributo

41 BANDO C Contributi per Operatori per la promozione dell innovazione ed aggregazione della filiera del tessile - abbigliamento

42 OBIETTIVO DEL BANDO upportare gli Operatori della filiera del tessile-abbigliamento nella progettazione di iniziative in materia di innovazione ed aggregazione che abbiano una immediata e diretta ricaduta sulle imprese attraverso l erogazione di: ncentivi per spese a carattere immateriale ercorso di assistenza individuale

43 Risorse finanziarie Importo iniziale di ,00 Agevolazioni concedibili Contributi fino a un massimo di ,00 pari al 75% delle spese immateriali riconducibili alla promozione dell innovazione ed aggregazione Beneficiari Operatori di sistema per progetti a sostegno delle imprese della filiera del tessile -abbigliamento Risultati attesi da un minimo di 16 a circa 20 progetti agevolati

44 REQUISITI DEI BENEFICIARI a. Associazioni imprenditoriali lombarde o loro società di servizi alle imprese b. Centri servizi alle imprese specializzate nel settore tessile-abbigliamento c. Consorzi d imprese d. ATS tra soggetti di cui al punto a) e b); ogni soggetto non potrà partecipare a più di una ATS. Avere sede operativa in Lombardia Presentare un progetto cantierabile con data ultima di realizzazione delle spese e rendicontazione delle stesse entro il 29/5/2009 Essere in regola con il De Minimis rispettando i limiti ed i parametri in vigore all atto di pubblicazione del Bando

45 Non potranno essere oggetto del presente Bando le richieste di contributo destinate ad iniziative di supporto ai Distretti commerciali lombardi (istituiti con atto della Giunta Regionale n del 24 luglio Piano Triennale degli interventi sul Commercio Modalità per l attuazione dell Iniziativa Promozione dei Distretti del Commercio ).

46 REQUISITI DEI DESTINATARI PMI SECONDO I PARAMETRI C.E. (aziende che hanno meno di 250 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di Euro) che abbiano sede operativa in Lombardia che operino nella filiera del tessile - abbigliamento

47 INCENTIVI CONCEDIBILI Contributi per spese a carattere immateriale riconducibili all innovazione ed al rafforzamento del capitale umano. L intervento permetterà ai beneficiari di usufruire di un contributo fino ad un massimo di Euro ,00 cadauno, pari al 75% del totale di spese ammissibili, al netto di IVA. Totale spese minimo ammissibile: Euro ,00 I beneficiari del contributo usufruiranno di assistenza personalizzata, della durata di 5 ore, finalizzata alla realizzazione delle spese previste e alla produzione della documentazione amministrativa/contabile per la rendicontazione delle stesse.

48 CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA Spese a carattere immateriale Spese immediatamente riferite al progetto Sostenute in data successiva alla presentazione della domanda

49 TIPOLOGIE DI INTERVENTO AZIONI A SUPPORTO DELLA PROMOZIONE DELLA INNOVAZIONE E DELL AGGREGAZIONE TRA IMRESE

50 SPESE AMMISSIBILI Onorari notarili e professionali inerenti ad operazioni di aggregazione anche temporanea tra imprese (consorzi di acquisto, B2B, ecc..) Acquisto di licenze annuali di software gestionale e altre applicazioni aziendali che favoriscano la messa in rete delle imprese Spese per assistenza, consulenza, accompagnamento, ricerca e sviluppo relative a: implementazione di nuove procedure di informatizzazione e di scambio dati tra imprese nuovi materiali, nuove tecnologie, nuovi trend e design strumenti d informazione, animazione e sensibilizzazione in materia di innovazione ed aggregazione tra imprese iniziative promozionali in materia di innovazione ed aggregazione tra imprese realizzazione di siti e pagine web finalizzate alla messa in rete tra imprese (social network, creazione di aree riservate, newsletter specialistiche, ecc..)

51 SPESE NON AMMISSIBILI Spese non riconducibili al suddetto elenco Spese a carattere continuativo e periodico e connesse al normale funzionamento ed alla gestione ordinaria Spese sostenute in data antecedente alla presentazione della domanda Spese i cui preventivi riportino importi indistinti e cumulati di più voci di spesa Spese documentate da note, ricevute, bollettini Spese sostenute in contanti o mediante assegno circolare Spese pagate con conto corrente diverso da quello aziendale

52 La consulenza e i servizi specialistici dovranno essere forniti in base ad appositi contratti stipulati dall impresa con: enti pubblici e privati aventi personalità giuridica, imprese e società, anche in forma cooperativa, iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, che abbiano nell oggetto sociale l erogazione di servizi alle imprese e che siano preferibilmente accreditati dal sistema regionale Questio [1] professionisti iscritti ad un albo professionale legalmente riconosciuto (se obbligatorio) [1] Per i fornitori non appartenenti agli elenchi QUESTIO, dovrà essere presentata documentazione aggiuntiva sulle competenza in materia di Innovazione nelle PMI come sarà meglio specificato nell Atto di Accettazione del contributo

53 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

54 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE La modalità di presentazione delle domande di contributo è a SPORTELLO APERTO L attribuzione del contributo avverrà secondo l ordine cronologico di invio delle domande al SOGGETTO OPERATIVO e di ricezione della documentazione obbligatoria richiesta, secondo le modalità di seguito indicate.

55 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Per la presentazione delle domande di candidatura e per la compilazione della relativa modulistica dovrà essere utilizzato Esclusivamente il formulario on-line predisposto sul sito previa registrazione all Area Riservata. La domanda di candidatura, pena l inammissibilità della stessa, dovrà essere inviata al SOGGETTO OPERATIVO sia on-line che in formato cartaceo.

56 INVIO ON-LINE I richiedenti dovranno presentare on-line la seguente documentazione: il Formulario e la Domanda di candidatura il Progetto (Piano di innovazione - Piano di promozione) (file word compilato e allegato on-line al formulario). Il sistema assegnerà automaticamente un numero progressivo di protocollo, con l indicazione di data/ora/minuto/secondo. Tale ordine di arrivo farà fede ai fini dell acquisizione della priorità di valutazione in ordine cronologico.

57 INVIO DOCUMENTAZIONE CARTACEA ENTRO IL 7 GIORNO DALL INVIO ON-LINE La domanda di candidatura in forma cartacea, con tutti gli allegati richiesti dal Bando, dovrà pervenire all Ufficio Protocollo della Camera di Commercio di Milano, pena l inammissibilità della domanda stessa, entro e non oltre il 7 giorno di calendario successivo a quello dell invio on - line. In caso di spedizione postale non farà fede la data di invio, bensì la data di ricezione ed il numero di protocollazione presso il suddetto Ufficio.

58 DOCUMENTAZIONE CARTACEA La busta contenente la domanda di candidatura dovrà riportare la seguente dicitura: Spett.le Progetto SOSTES c/o Camera di Commercio di Milano - Ufficio Protocollo Via S. Vittore al Teatro, Milano Bando A - Contributi ed assistenza per l innovazione delle PMI del sistema manifatturiero lombardo con priorità alla filiera tessile - abbigliamento (intestazione che varia a seconda del bando a cui si partecipa)

59 AMMISSIBILITA DEI PROGETTI Non saranno considerate ammissibili, e pertanto verranno respinte, le domande: presentate da soggetti non in possesso dei requisiti formali richiesti dal bando redatte su modulistica diversa da quella resa disponibile nell Area riservata del sito incomplete e/o non corredate dalla documentazione obbligatoria richiesta presentate da soggetti che si trovino in una o più condizioni di cui all art. 38 del D.Lgs. 163/2006 il cui totale di spese ammissibili risulti inferiore al minimo previsto dal bando la cui documentazione in formato cartaceo sia pervenuta all Ufficio Protocollo della Camera di Commercio di Milano oltre il 7 giorno di calendario successivo a quello dell invio on - line della stessa.

60 ELEMENTI DI VALUTAZIONE Bando A - B Le domande verranno valutate in base all ordine cronologico di invio on-line, attraverso la verifica dei requisiti formali e la valutazione dei seguenti elementi: CRITERI DI VALUTAZIONE PUNTEGGIO max ATTRIBUIBILE Coerenza del progetto con gli obiettivi del Bando 20 Completezza e correttezza della documentazione 10 Innovatività dell iniziativa rispetto alle soluzioni individuate per la qualificazione del capitale umano e per garantire il mantenimento dei livelli occupazionali 30 Iniziative rivolte ad incentivare l aggregazione imprenditoriale 30 Progetti presentati da imprese a titolarità femminile o a prevalente partecipazione femminile 10 La soglia minima di ammissibilità è di 50 punti su 100 Totale complessivo 100 Per progetti presentati da società il punteggio sarà riconosciuto a: società di persone e cooperative: se la compagine sociale è rappresentata donne per almeno 50%+1, indipendentemente dalle quote di capitale detenute; società di capitali: se le donne detengono almeno il 50%+1 delle quote di capitale e costituiscono almeno il 50%+1 del totale dei componenti dell organo di amministrazione.

61 ELEMENTI DI VALUTAZIONE Bando C Le domande verranno valutate in base all ordine cronologico di invio on-line, attraverso la verifica dei requisiti formali e la valutazione dei seguenti elementi: 1. CARATTERISTICHE E INNOVATIVITA DEL PROGETTO CRITERI DI VALUTAZIONE Descrizione del progetto attraverso i fabbisogni delle imprese e del profilo dei destinatari finali. Descrizione delle attività previste dal Bando e coerenza con i fabbisogni delle imprese destinatarie. Innovatività del progetto e dell approccio metodologico inteso come articolazione delle attività previste. Modalità di monitoraggio e valutazione dei risultati raggiunti. TOTALE CRITERIO 1 PUNTEGGIO MAX ATTRIBUIBILE

62 ELEMENTI DI VALUTAZIONE Bando C 2.QUALIFICAZIONE ED ESPERIENZA DEL SOGGETTO BENEFICIARIO Esperienza diretta nel campo della gestione e sviluppo delle PMI, documentata attraverso il numero di anni di esperienza maturata, il numero e la descrizione dei progetti realizzati. Rappresentatività dell ente, documentabile attraverso la descrizione delle attività svolte e dei servizi offerti a favore delle PMI della filiera del tessile-abbigliamento. Esperienza diretta nel campo della gestione e sviluppo di prodotti/servizi per l innovazione e/o aggregazione imprenditoriale delle PMI, documentata attraverso il numero di anni di esperienza maturata, il numero e la descrizione dei progetti realizzati. TOTALE CRITERIO

63 ELEMENTI DI VALUTAZIONE Bando C 3. PRIORITA REGIONALI Specifica attenzione allo sviluppo locale. Specifica attenzione alle pari opportunità. Specifica attenzione allo sviluppo della società dell informazione TOTALE CRITERIO 3 15 PUNTEGGIO MAX ATTRIBUIBILE 100 La soglia minima di ammissibilità è di 50 punti su 100

64 TEMPISTICA Pubblicazione BANDI 27/02/09 Apertura BANDI 03/03/09 Presentazione domande fino ad esaurimento risorse. Termine ultimo per la realizzazione delle spese e la richiesta di erogazione del contributo (rendicontazione) 29/05/09

65 INFORMAZIONI

1. Finalità 2. Tipologie di intervento 3. Incentivi concedibili 4. Risorse disponibili

1. Finalità 2. Tipologie di intervento 3. Incentivi concedibili  4. Risorse disponibili ALLEGATO B Bando Progetto Sostes Innovazione e sostegno al capitale umano a favore delle micro e piccole imprese del sistema distributivo al dettaglio nel settore del tessile abbigliamento INDICE 1. Finalità

Dettagli

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento ALLEGATO C Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento INDICE 1. Finalità 2. Tipologie di intervento 3. Soggetti beneficiari 4.

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA Finanza Agevolata - Regione Lombardia Fondo di Rotazione per l imprenditorialità Linea di intervento n. 8 : Start up d impresa di giovani, donne e soggetti svantaggiati BENEFICIARI PMI che alla data di

Dettagli

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 Premessa La regione Puglia, in linea con gli indirizzi per lo sviluppo delle politiche comunitarie nei suoi tre

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ED ASSISTENZA ALLO START-UP E SVILUPPO D IMPRESA ED AUTOIMPIEGO

BANDO CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ED ASSISTENZA ALLO START-UP E SVILUPPO D IMPRESA ED AUTOIMPIEGO PROGETTO SATURNO 2007 Promuovere e sviluppare l imprenditorialità lombarda attraverso un sistema di rete AZIONE 1 Azioni di supporto allo start-up, sviluppo d impresa e autoimpiego BANDO CONTRIBUTI IN

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE

SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE Bando a valere sul Fondo Perequativo Accordo MiSE-Unioncamere 2012 approvato con Delibera di Giunta nr. 108/27.10.2014

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

CONCORSO BIG DREAM. per premiare idee imprenditoriali di migranti RIF: ACRA-CCS/ITAIEF/2070/2013-1

CONCORSO BIG DREAM. per premiare idee imprenditoriali di migranti RIF: ACRA-CCS/ITAIEF/2070/2013-1 CONCORSO BIG DREAM per premiare idee imprenditoriali di migranti RIF: ACRA-CCS/ITAIEF/2070/2013-1 La Fondazione ACRA-CCS ha ricevuto dal Fondo Europeo per l Integrazione un cofinanziamento per la realizzazione

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012 7 D.g.r. 4 aprile 2012 - n. IX/3225 Determinazioni in merito al settore produttivo della moda con particolare riferimento all imprenditoria giovanile e femminile. Istituzione linea di azione Start up moda

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Manuale di supporto alla rendicontazione on line

Manuale di supporto alla rendicontazione on line ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ASSE 1- INNOVAZIONE Misura 1.5 Nascita e consolidamento imprese di servizi all innovazione Bando CONTRIBUTI ALLE MICRO,

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell

Dettagli

BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale

BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale 1 - Premi per la brevettazione Invitalia, per conto del MiSE, sostiene la valorizzazione economica dei

Dettagli

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Accordo di programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo - anno 2012 Asse

Dettagli

Guida alla compilazione e all invio della domanda

Guida alla compilazione e all invio della domanda Guida alla compilazione e all invio della domanda Avviso per la Selezione di Progetti da Ammettere al Finanziamento del Fondo Rotativo per lo Sviluppo delle PMI Campane Misura Start up P.O. FESR Campania

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1.

Dettagli

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 30 ottobre 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione energetica di edifici esistenti Bando 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione

Dettagli

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE ATTIVITÀ AMMISSIBILI Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (codice

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche.

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche. BANDO REGIONE MARCHE. INCENTIVI ECONOMICI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AL FINE DI FAVORIRE I PROCESSI DI AGGREGAZIONE IN FILIERE E LE PRODUZIONI MADE IN ITALY. IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1. PREMESSA

Dettagli

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività :

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività : Comune di Darfo Boario Terme Bando a sportello per gli esercizi ese e le imprese commerciali e turistiche del Distretto dell attrattività : Nel Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI

POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI 1. FINALITA E INTERVENTI AGEVOLABILI L intervento intende favorire il progresso e lo sviluppo dei processi di innovazione e

Dettagli

Manuale di supporto alla rendicontazione on line

Manuale di supporto alla rendicontazione on line ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ASSE 1- INNOVAZIONE Misura 1.5 Nascita e consolidamento imprese di servizi all innovazione Bando CONTRIBUTI ALLE MICRO,

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Cassino 22/1/2009 Chi siamo Invitalia, l'agenzia nazionale per

Dettagli

P.O. FESR Puglia 2007-2013 ASSE VI INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO. pugliasviluppo. Puglia Sviluppo S.p.A. Azionista Unico Regione Puglia

P.O. FESR Puglia 2007-2013 ASSE VI INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO. pugliasviluppo. Puglia Sviluppo S.p.A. Azionista Unico Regione Puglia P.O. FESR Puglia 2007-2013 ASSE VI UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L INNOVAZIONE SERVIZIO

Dettagli

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 favorire e promuovere la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti cementoamianto ove presenti nei luoghi di lavoro; favorire e promuovere interventi

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP BANDO START DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP 1 1. FINALITA DELL INTERVENTO La Regione Lombardia e il Sistema delle Camere di Commercio lombarde, nell ambito degli impegni

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 Art.1 Premessa Nel rispetto di quanto previsto dalla Legge 236/93, art. 9, comma

Dettagli

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA COOPERAZIONE, DEL COMMERCIO, DELL'ARTIGIANATO E DELLA PESCA DIPARTIMENTO COOPERAZIONE COMMERCIO ARTIGIANATO P.O.R. 2000-2006 ASSE 4 - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

Presentazione domande: dal 04/10/2010 al 29/07/2011. Soggetti beneficiari. Progetti ammissibili. Spese ammissibili

Presentazione domande: dal 04/10/2010 al 29/07/2011. Soggetti beneficiari. Progetti ammissibili. Spese ammissibili BANDO INNOVAZIONE PER LA COMPETITIVITA Misura B Sostegno alla brevettazione internazionale e alla consulenza tecnologica ed organizzativa dei processi Allegato 1 alla delibera della Giunta camerale n.

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP AVVISO START MILANO DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP 1 INDICE 1. FINALITA DELL INTERVENTO 2. AMBITI DI INTERVENTO 3 DOTAZIONE FINANZIARIA 4. MISURA : SUPPORTO ALLA CREAZIONE

Dettagli

BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale in misura massima

Dettagli

AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE RIAPERTURA TERMINI

AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE RIAPERTURA TERMINI AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE CRITERI E MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ALLE PMI DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI RIAPERTURA TERMINI 1. SOGGETTI BENEFICIARI

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli

BANDO IMPRESA DIGITALE FAQ

BANDO IMPRESA DIGITALE FAQ BANDO IMPRESA DIGITALE FAQ Aggiornate al 24-09-2012 1 INDICE 1. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA?... 3 2. LA PARTECIPAZIONE AL BANDO E APERTA ANCHE A AGGREGAZIONI DI IMPRESE (ATI, RETI, )?... 3

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

IL PUNTO NUOVA IMPRESA

IL PUNTO NUOVA IMPRESA 1 IL PUNTO NUOVA IMPRESA Aree di competenza Lo Sportello Punto Nuova Impresa offre informazione sulla costituzione di nuove imprese; eroga informazioni sulle procedure burocratiche, amministrative e legislative

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2 Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI Asse 2 Attività II.1.2 Obiettivi Supportare i processi di cambiamento tecnologico e organizzativo, attraverso il sostegno a progetti realizzati

Dettagli

BANDO DI PARTECIPAZIONE EXPROM Executive Program per l internazionalizzazione Formare Export Manager per le PMI del Lazio

BANDO DI PARTECIPAZIONE EXPROM Executive Program per l internazionalizzazione Formare Export Manager per le PMI del Lazio BANDO DI PARTECIPAZIONE EXPROM Executive Program per l internazionalizzazione Formare Export Manager per le PMI del Lazio Art. 1 Oggetto 1. La Regione Lazio con Determina Dirigenziale C1873 del 03/08/2010

Dettagli

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese La Regione Toscana interviene sul sistema delle imprese artigiane ed industriali per supportarle

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Scheda sintetica del bando relativo a: Concessione di contributi per la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Programma per la realizzazione di reti d Impresa denominato ERGON Azione

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PON Reti e Mobilità Obiettivo Convergenza 2007 2013 Linea di Intervento I.4.1. Regimi di aiuto al settore privato per la realizzazione di infrastrutture logistiche Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO CONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO CONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO CONOMICO PROGETTO FACILITO BASSO SAN DONATO AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE ALL'INCUBATORE

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli