Sistema di Gestione. delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di Gestione. delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio)"

Transcript

1 Sistema di Gestione Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale COMUNE DI MILANO

2

3 Obiettivo del documento Il presente documento contiene una descrizione sintetica delle potenzialità del progetto Ambrogio meglio specifica nei documenti di dettaglio rilasciati. Con il progetto Ambrogio il Comune di Milano intende migliorare ulteriormente l attività dei servizi che operano direttamente sul territorio, facendo leva su un servizio sempre più efficace nella risposta alle segnalazioni provenienti dal territorio della città. Il progetto illustrato viene denominato TTM Ambrogio ( da Trouble Ticket Management o Gestione delle Segnalazioni ) e consente una gestione precisa ed efficace delle segnalazioni provenienti dal territorio, fino alla loro completa risoluzione a cura dei reparti competenti, secondo le modalità operative qui descritte che sono comuni a tutte le tipologie di segnala-zioni (veicoli abbandonati, buche, segnali danneggiati, tombini rotti, etc.). All interno dello stesso verranno descritti, suddivisi per capitolo, i seguenti punti: Piattaforma Devices per la segnalazione Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 3

4

5 Sommario 1 Piattaforma Soggetti coinvolti Obiettivi e benefici Concetti operativi Requisiti necessari Accesso all applicativo Aree di lavoro del programma Stati della segnalazione Selezione delle segnalazioni Schede e campi della segnalazione Lavorazione delle segnalazioni Visualizzazione delle segnalazioni Ricerca delle segnalazioni Riassegnazione delle segnalazioni Devices - PDA per la gestione delle segnalazioni Dispositivo palmare Accesso all applicativo Nuova segnalazione Segnalazioni da validare Archivio Trasferimento Dati Conclusioni Elenco allegati Assessment Situazione Attuale: Modello AS_IS Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 5

6 4.1.2 Assessment Situazione Attuale: Analisi e Linee Guida Evolutive Comune di Milano Piattaforma CRM Ambrogio Specifiche Funzionali Comune di Milano Piattaforma CRM Ambrogio Gestione Civici Comune di Milano Piattaforma CRM Ambrogio Funzionalità Cartografiche Ambrogio: Disegno del Modello di Servizio Comune di Milano Piattaforma CRM Ambrogio Analisi di Dettaglio CAPITOLO 1 - Piattaforma

7 1 Piattaforma 1.1 Soggetti coinvolti Soggetti autorizzati della Macchina Comunale Allargata addetti alla gestione delle segnalazioni in funzione delle specifiche competenze. Operatori del Team Ambrogio di aiuto 1.2 Obiettivi e benefici L uso corretto del programma consente di raggiungere i seguenti obiettivi migliorativi: Punto di contatto univoco Canale di comunicazione efficace (bidirezionale) Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 7

8 Processo di feedback tempestivo Razionalizzazione delle modalità d ingaggio Base dati per analizzare andamenti e statistiche Tempestività d intervento Progressiva eliminazione dei processi cartacei Centralizzazione delle informazioni 1.3 Concetti operativi Nel normale utilizzo del C.R.M. Ambrogio sono previsti degli automatismi che consentono all operatore di concentrarsi sulla sua attività di risoluzione con il solo compito di informare costantemente il programma sullo stato della segnalazione (Assegnata, Programmata, Chiusa, etc.) e su tutte le informazioni inerenti la sua progressiva lavorazione (esiti dei contatti, date di programmazione interventi, note operative, etc.), in modo che ciascun operatore (a partire dal segnalatore originario) possa riferirsi a informazioni univoche ed aggiornate per seguire l avanzamento dei lavori fino alla completa chiusura della segnalazione. Anche eventuali campi obbligatori saranno segnalati (nel caso non vengano opportunamente compilati), in modo da consentire sempre agli operatori successivi di avere tutte le informazioni necessarie in ogni passaggio della gestione della segnalazione. 8 CAPITOLO 1 - Piattaforma

9 1.4 Requisiti necessari Per utilizzare il C.R.M. di Ambrogio è necessario dotare gli utenti autorizzati di un personal computer con almeno le seguenti caratteristiche minime (o, eventualmente, anche superiori) Requisiti di sistema Personal Computer: fisso o portatile Sistema Operativo: WinXP aggiornato Browser Internet: Explorer versione 7 Impostazione dei PopUp: attivata Connessione di rete internet Requisiti utente L utilizzo del C.R.M. Ambrogio da parte degli utenti richiede esclusivamente una minima praticità operativa con il personal computer in ambiente Windows, con particolare attenzione all utilizzo di applicativi basati sulla piattaforma web. 1.5 Accesso all applicativo Utilizzare il C.R.M. Ambrogio non richiede alcuna installazione e lo si usa direttamente da un browser (Internet Explorer v7) via internet su qualunque PC con i requisiti indicati e connesso alla rete internet. Dopo aver aperto il browser Internet Explorer Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 9

10 l indirizzo a cui collegarsi da digitare nella barra degli indirizzi è: Autenticazione Dopo la connessione via internet all indirizzo di Ambrogio, per utilizzare l applicativo è necessario autenticarsi inserendo i propri dati personali di identificazione della propria utenza (Nome utente e Password): COMUNEDIMILANO\[USERID] (assegnata a ogni operatore autorizzato) [PASSWORD UTENTE] (riservata e personale) 10 CAPITOLO 1 - Piattaforma

11 1.5.2 Schermata principale Se si digita la corretta utenza e password, la connessione al server del C.R.M. di Ambrogio avviene presentando la propria schermata iniziale: Pagina iniziale dell operatore di reparto: Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 11

12 Pagina iniziale del responsabile di reparto: Nella schermata iniziale sono distinguibili quattro aree principali: Utente connesso Pannello di navigazione Finestra di lavoro Barra degli strumenti 12 CAPITOLO 1 - Piattaforma

13 1.5.3 Utente connesso Viene indicato in alto a destra e rappresenta l utenza con la quale ci si è collegati al programma. Da questa utenza dipenderanno ovviamente i permessi per poter visualizzare e modificare solo le segnalazioni e le funzioni di propria competenza (esempio: un operatore di zona 4 vedrà solo le sue segnalazioni personali e quelle della sua zona) Pannello di navigazione Si trova nella parte sinistra dello schermo e permette di scegliere l Area di lavoro e, al suo interno, l attività personale su cui operare (per esempio: Code, Segnalazioni, etc.) Finestra di lavoro Occupa la maggior parte della schermata principale (parte destra) e contiene le segnalazioni (righe) da selezionare su cui operare, ciascuna delle quali rappresenta una singola pratica o Segnalazione da risolvere Barra degli strumenti Si trova nella parte superiore dello schermo e contiene i comandi e i tasti da premere (esempio: per prenderla in carico, per cambiarne lo stato, etc.) dopo aver selezionato la singola segnalazione da lavorare. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 13

14 1.6 Aree di lavoro del programma Nell Area di Lavoro in alto a sinistra, le Attività Principali da cliccare per la gestione delle segnalazioni sono le seguenti: CODE SEGNALAZIONI Attività su Area di Lavoro Code Cliccando (in alto a sinistra) sull Attività personale Code si accede all Area di Lavoro per la gestione delle Code che contiene due Tipologie di code Coda Generale (di area/zona/ente/reparto/gruppo) Code Personali (del singolo utente) 14 CAPITOLO 1 - Piattaforma

15 Selezionando la coda generale ( Rimozioni Zona 4 nell esempio), nella finestra di lavoro (parte destra dello schermo) compariranno tutte le segnalazioni ancora da gestire presenti nella coda di reparto. Le Segnalazioni inserite nel sistema vengono automaticamente assegnate alla coda del reparto competente in base alla tipologia, catalogata nell albero delle segnalazioni ed, eventualmente, alla zona (indirizzo) in cui è stata rilevata e dunque, per ciascun reparto, questa è la coda di arrivo delle segnalazioni di propria competenza da gestire. Selezionando invece una delle due code personali ( Assegnate o In corso nell esempio), nella finestra di lavoro (parte destra dello schermo) compariranno le segnalazioni già prese in carico e Assegnate, oppure In corso di risoluzione. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 15

16 La cartella Assegnate contiene le segnalazioni per cui non è ancora stata (almeno) programmata una risoluzione La cartella In Corso contiene le segnalazioni in via di effettiva risoluzione e quelle eventualmente aperte dall operatore stesso ma non ancora assegnate 16 CAPITOLO 1 - Piattaforma

17 1.6.2 Attività su Area di Lavoro Segnalazioni Cliccando (in alto a sinistra) sull Attività personale Segnalazioni si accede all Area di Lavoro per la ricerca e per la visualizzazione di gruppi/tipologie di segnalazioni con le medesime caratteristiche (esempio: tutte le segnalazioni personali già risolte, tutte le segnalazioni scadute da chiudere, etc.). L operatore può effettuare una Ricerca Rapida tra le segnalazioni inserendo, a scelta, un dato fra il titolo, l indirizzo, il proprietario, il segnalatore o il numero della Segnalazione nel campo di ricerca (sotto Segnalazioni) e cliccando sulla lente d ingrandimento. Per effettuare la ricerca di una parte del dato prescelto della Segnalazione, occorre usare il carattere jolly asterisco ( * ) prima dei caratteri da cercare (es. *paolo). Per visualizzare ancora più rapidamente le segnalazioni secondo la loro tipologia (Segnalazioni personali ancora Aperte, Segnalazioni di Reparto già chiuse, Scadute, etc.) si può scegliere dal menù a tendina sotto Visualizza la tipologia richiesta per ottenere rapidamente la selezione di tutte le segnalazioni della tipologia prescelta. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 17

18 1.7 Stati della segnalazione Gli stati che caratterizzano il corso di lavorazione di una segnalazione sono i seguenti: Aperta; Potenziale Duplicato; Duplicato da Verificare; Duplicato; Da Verificare; Assegnata; Congelata; Programmata; In Lavorazione; Chiusa; 18 CAPITOLO 1 - Piattaforma

19 1.7.1 Ciclo di vita della segnalazione Ogni segnalazione è caratterizzata da un ciclo di vita definito dai vari passaggi di stato nei quali si troverà una segnalazione, fino allo stato finale di chiusura che sancirà la risoluzione del problema. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 19

20 1.7.2 Transizioni di Stato possibili in Ambrogio In ciascuna fase del ciclo di vita della segnalazione, sarà possibile transitare solo negli stati coerenti con l attuale situazione, secondo la seguente tabella. Stato Iniziale Pulsante Transizione Stato Finale Aperta Salva ed Assegna 1 Assegnata Aperta Aperta (inserimento Salva ed Assegna tramite interfaccia (inserimento Salva ed Assegna del tramite C.R.M.) 2 3 Da Verificare Potenziale Duplicato Assegnata interfaccia (inserimento Chiudi Segnalazione del tramite C.R.M.) 4 Chiusa Assegnata interfaccia Programmata del C.R.M.) 5 Programmata Assegnata In Lavorazione 6 In Lavorazione Assegnata Congelata 7 Congelata Assegnata Non Pertinente 8 Da Verificare Programmata Chiudi Segnalazione 9 Chiusa Programmata In Lavorazione 10 In Lavorazione In Lavorazione Chiudi Segnalazione 11 Chiusa Congelata Programmata 12 Programmata Congelata In Lavorazione 13 In Lavorazione Da Verificare Salva ed Assegna 14 Assegnata Da Verificare Chiudi Segnalazione 15 Chiusa Potenziale Conferma 16 Duplicato Duplicato Potenziale Sblocca 17 Assegnata Duplicato Potenziale Demanda 18 Duplicato da Verificare Duplicato Duplicato Sblocca 19 Assegnata Duplicato da Conferma 20 Duplicato verificare Duplicato da verificare Sblocca 21 Assegnata 1.8 Selezione delle segnalazioni Dopo aver cliccato sulla coda (di reparto oppure personale) contenente le segnalazioni, nella finestra di lavoro compaiono le righe che rappresentano tutte le segnalazioni presenti nella relativa cartella. 20 CAPITOLO 1 - Piattaforma

21 1.8.1 Anteprima delle segnalazioni Utilizzando la vista rapida è possibile visualizzare un anteprima dei dati caratteristici di ogni segnalazione con un click (sinistro) del mouse sul triangolino azzurro posto a sinistra di ciascuna segnalazione. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 21

22 1.8.2 Apertura delle segnalazioni Da questa cartella, con un doppio click (sempre col tasto sinistro del mouse) su una delle segnalazioni, si apre in primo piano la finestra con tutte le informazioni di dettaglio. 22 CAPITOLO 1 - Piattaforma

23 1.9 Schede e campi della segnalazione Ciascuna Segnalazione è caratterizzata da una serie di campi e di attributi informativi, alcuni dei quali sono obbligatori mentre altri sono facoltativi, organizzati per schede e raggruppati in macro aree Scheda Generale La scheda Generale è suddivisa nelle seguenti macro aree: Informazioni Generali Localizzazione Geografica Albero Segnalazione Informazioni sull assegnazione Timeline Dettaglio SLA Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 23

24 Campi e attributi area Localizzazione Geografica Questa area raggruppa gli attributi geografici della segnalazione: Indirizzo civico: indirizzo(via e numero civico) del luogo della segnalazione(da anagrafica SIT) Latitudine/Longitudine GPS: coordinate GPS rilevate sul dispositivo mobile (se proveniente da palmare) Latitudine/Longitudine Civico: coordinate del civico da anagrafica SIT 24 CAPITOLO 1 - Piattaforma

25 Visualizzazione della mappa Con un click sul tasto Visualizza Mappa, grazie alle informazioni geografiche fornite dal SIT (Sistema Informativo Territoriale) viene visualizzata una rappresentazione grafica della mappa contenente in evidenza una breve descrizione e il punto oggetto della segnalazione, la cui colorazione (verde, giallo oppure rosso) riflette la severità impostata dall attuatore (bassa, media oppure alta). Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 25

26 Campi e attributi area Albero Segnalazione Questa area raggruppa i campi della segnalazione inerenti la definizione (inserita dal segnalatore) dell Albero delle Segnalazioni che consente di mappare combinazioni tra eventi problematici (esempio: buca, tombino rotto, veicolo abbandonato, etc.), la localizzazione (esempio: marciapiede, parco, etc.) e il settore/azienda competente per la relativa risoluzione (nella cui coda di lavorazione verrà automaticamente inoltrata la segnalazione). Oggetto (esempio: Targa viaria ) Famiglia (esempio: Marciapiede ) Area (esempio: Sede Stradale ) Competenza (esempio: Ufficio toponomastica ) 26 CAPITOLO 1 - Piattaforma

27 Campi e attributi area Informazioni sull assegnazione Questa area raggruppa le informazioni relative ai gestori della segnalazione: Proprietario: operatore che ha attualmente in carico la segnalazione BU Proprietario: reparto di appartenenza dell operatore proprietario della segnalazione Autore: operatore che ha creato la segnalazione BU Autore: reparto di appartenenza dell operatore autore della segnalazione Autore Modifica: operatore che per ultimo ha modificato la segnalazione BU Autore Modifica: reparto di appartenenza dell operatore autore della modifica della segnalazione Data Ultima Modifica: data di ultima modifica della segnalazione Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 27

28 Campi e attributi area Timeline Questa area raggruppa le informazioni relative alle date critiche della segnalazione: Data Apertura: data in cui la segnalazione è stata creata (aggiornata automaticamente da sistema all invio della segnalazione) Data Assegnazione Ente: data in cui la segnalazione è stata assegnata all ente attuatore (aggiornata automaticamente da sistema) Data Assegnazione Team Ambrogio: data in cui la segnalazione è stata assegnata al Team Ambrogio (aggiornata automaticamente da sistema) Data Programmazione: data di programmazione (aggiornata automaticamente da sistema all inserimento della data di prevista chiusura non obbligatoria) Data Inizio Lavori: data di inizio lavori (inserita dall utente non obbligatoria) quando l attività è pianificata ed assegnata al soggetto esecutore Data Prevista Chiusura: data di prevista chiusura (inserita dall utente obbligatoria solo per variazione di stato in Programmata o In lavorazione ) Data Chiusura: data di chiusura (aggiornata automaticamente da sistema) 28 CAPITOLO 1 - Piattaforma

29 Campi e attributi area Dettaglio SLA Questa area raggruppa le informazioni relative alle date attese della segnalazione secondo il criterio di SLA applicato (si tratta di attributi statistici attualmente non utilizzati): Data Assegnazione: data attesa di assegnazione all ente attuatore Data Programmazione: data attesa di programmazione Data Inizio Lavori: data attesa di inizio lavori Data Chiusura: data attesa di chiusura Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 29

30 1.9.2 Scheda Allegati La scheda Allegati contiene gli allegati (in formato elettronico) alla segnalazione come, per esempio, le fotografie che devono essere obbligatoriamente almeno due. Eventuali ulteriori allegati (una facoltativa terza, quarta foto o altre scansioni elettroniche, documenti, etc.) possono essere allegate premendo prima il tasto Sfoglia (per indicare il percorso e nome del file da allegare), e infine il tasto Allega (per allegare fisicamente il file alla segnalazione). 30 CAPITOLO 1 - Piattaforma

31 1.9.3 Scheda Cronologia (Aggregato) Ogni segnalazione conserva uno storico delle variazioni di tutti i dati ad essa associati, comprese le transizioni di stato, con due diversi livelli di dettaglio. La scheda Cronologia (Aggregato) contiene la cronologia in forma aggregata delle modifiche, e dei rispettivi autori, effettuate nel corso del ciclo di vita della segnalazione fin dalla data della sua creazione Scheda Cronologia (Dettaglio) La scheda Cronologia (Dettaglio) contiene la cronologia in forma dettagliata dei cambiamenti nei singoli campi, dei rispettivi autori, dei valori precedenti ed attuali, modificati nel corso del ciclo di vita della segnalazione fin dalla data della sua creazione. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 31

32 1.10 Lavorazione delle segnalazioni Dopo aver aperto e visualizzato (tramite doppio click) una segnalazione contenuta nella coda di reparto (esempio: ufficio toponomastica ), per operare su una segnalazione è necessario assegnarsela prendendola in carico tramite il pulsante Prendi in Carico. 32 CAPITOLO 1 - Piattaforma

33 Dopo la presa in carico, in questo modo la richiesta viene ora spostata nella cartella personale delle segnalazioni Assegnate Modifica della segnalazione Mentre la segnalazione è in stato Assegnata, è possibile modificarla ad esempio aggiungendo dei commenti aggiuntivi tramite la funzione Aggiungi Nota, oppure variandone la Severità. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 33

34 Per salvare le modifiche è necessario premere il tasto Salva (se si vuole poi rimanere nella maschera della segnalazione) oppure cliccare su Salva e chiudi se dopo il salvataggio si desidera contestualmente uscire anche dalla maschera della segnalazione appena modificata. Dopo la modifica, la segnalazione rimane sempre nella propria cartella personale Assegnate Cambiamento di stato della segnalazione Tramite il bottone Gestione Stati, presente nella toolbar della finestra della richiesta, si fa avanzare la lavorazione della richiesta. 34 CAPITOLO 1 - Piattaforma

35 A seconda dello stato in cui si vuol far evolvere la segnalazione, il sistema richiede ulteriori informazioni: Anche se idealmente è teoricamente possibile che una segnalazione attraversi tutte le fasi dei diversi stati in sequenza (per il significato dei vari stati si faccia riferimento alla tabella del capitolo sui passaggi di stato) si tenga però presente che non tutte le segnalazioni devono passare obbligatoriamente attraverso tutti i vari stati, bensì possono anche saltare direttamente allo stato che meglio rappresenta la situazione reale di risoluzione della singola segnalazione. ESEMPIO 1 Per una specifica segnalazione l operatore è in grado di indicare una data di chiusura prevista avendo le informazioni sulla pianificazione di quando sarà eseguita l attività => si passa allo stato Programmata indicando le relative date di inizio e fine attività. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 35

36 ESEMPIO 2 Per un altra segnalazione l'operatore C.R.M. ha assegnato (con varie comunicazioni, fax, etc.) la lavorazione da effettuare a un soggetto concretamente attuatore, alla ditta che deve eseguire i lavori, al reparto interno competente, etc. => si passa direttamente allo stato In Lavorazione Modifica della Programmazione Una volta impostato uno stato (esempio: Programmata), sempre dal menù di gestione degli stati è possibile modificare la programmazione dalla Gestione Stati scegliendo Modifica Programmazione e ridefinendo le nuove date che andranno a sovrascrivere le precedenti e rimarranno comunque tracciate (e successivamente consultabili) dentro la cronologia. 36 CAPITOLO 1 - Piattaforma

37 Chiusura della Segnalazione Sempre utilizzando il bottone Gestione Stati, alla completa risoluzione del problema che ha originato la segnalazione, è possibile chiuderla selezionando la voce Chiudi Segnalazione. Nella maschera successiva di conferma, andranno quindi indicati, obbligatoriamente, il Tipo di Risoluzione ed il motivo, con eventualmente anche una descrizione di dettaglio. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 37

38 1.11 Visualizzazione delle segnalazioni Le segnalazioni chiuse si possono vedere tramite le apposite visualizzazioni predefinite (già pronte da scegliere nell elenco a tendina Visualizza), nell elenco delle segnalazioni o anche tramite la Ricerca Avanzata. Nell area di lavoro, selezionando la voce Segnalazioni vengono visualizzate di default le segnalazioni attive personali (assegnate all utente), ed è sempre possibile cambiare la visualizzazione dal menù a tendina Visualizza. 38 CAPITOLO 1 - Piattaforma

39 Le segnalazioni, di default, sono ordinate per Data di apertura, a partire dalla più recente. Tuttavia è possibile cambiare parametro di ordinamento e direzione (ascendente/discendente) cliccando sul nome della colonna. (Titolo, Numero Segnalazione, Priorità, Data Apertura, etc.) Ricerca delle segnalazioni Nell area di ricerca è possibile effettuare una ricerca tra le segnalazioni inserendo, a scelta, un dato fra: titolo della segnalazione indirizzo proprietario segnalatore numero della segnalazione Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 39

40 eventualmente preceduto dall asterisco se ci si ricorda solo una parte dell informazione (esempio; *visconti troverà Alex Visconti, Visconti di Modrone, Viscontini, Matilde Visconti, etc.) N.B.: invece senza asterisco viene effettuata una ricerca esatta di quanto inserito che deve quindi essere esattamente corrispondente a quanto cercato (esempio: visconti viene considerato diverso da viscontini che dunque NON verrà trovato). Gli utenti esperti di operatori booleani AND e OR, potranno anche effettuare delle ricerche personalizzate complesse (e particolarmente potenti) con il pulsante Ricerca Avanzata, oltre a salvare le ricerche personali per utilizzi futuri come quelle già impostate e pronte all uso nella tendina Visualizza Riassegnazione delle segnalazioni Se un manager o un operatore abilitato dovesse avere la necessità di passare una segnalazione ad un altro Operatore del proprio reparto (per ferie o assenze dell attuatore che le ha in gestione) può farlo tramite il bottone o voce di menù Assegna. Il click sul bottone Assegna fa comparire la finestra di Conferma Assegnazione in cui bisogna selezionare Assegna a un altro utente (o a un altra coda) e confermare poi premendo il tasto con la lente di Ingrandimento. 40 CAPITOLO 1 - Piattaforma

41 Una volta selezionato l utente, va infine confermato con il tasto Ok la riassegnazione della segnalazione all utente (o alla coda di reparto) prescelta. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 41

42

43 2 Devices - PDA per la gestione delle segnalazioni La dotazione di dispositivi Palmari ad agenti della polizia locale e ai geometri, consente di inviare in tempo reale le segnalazioni ai corretti soggetti che sono in grado di lavorarla. Gli agenti, durante la normale attività di presidio del territorio sono in grado di rilevare le problematiche della sede stradale oltre, naturalmente, a documentare e trasmettere, con tanto di fotografie, casi di abusi e /o violazioni. Tutto senza più dover redigere dispendiose relazioni su carta. Il Modulo Client per dispositivi Palmari è denominato ereporting, viene fornito su card di memoria SD, e consente la raccolta del fenomeno relative ad anomalie del territorio quali cornicioni pericolanti, cartelli stradali divelti, tombini rotti, oppure altri tipi di dati, di cui il vigile viene a conoscenza durante il turno di lavoro, in piena mobilità. ereporting consente: rilevazione fotografica dell anomalia e/o del guasto; apertura segnalazione attraverso apposite interfacce guidate; Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 43

44 associazione dato GPS alla segnalazione; Localizzazione automatica dell indirizzo attraverso geocodifica inversa del dato GPS monitoraggio automatico delle attività sullo stato avanzamento ticket; ricezione segnalazioni da CRM Ambrogio da verificare e validare I dati possono essere memorizzati sul palmare o trasferiti automaticamente attraverso una connessione disponibile (GSM, GPRS, Wi-Fi, ) direttamente al CRM Ambrogio. In questo modo si realizzano risparmi enormi in termini di tempo rispetto all'attuale metodo utilizzato dagli agenti che prevede il ricorso a un sistema cartaceo per la raccolta dei dati prima di trasferirli ad altri dipendenti per l'inserimento nei database. 2.1 Dispositivo palmare Sistema Operativo: Windows Mobile 6.0 Fotocamera 2.0 MP Connessione GPRS/EDGE/WiFi GPS Slot SD Card 44 CAPITOLO 2 - Devices - PDA per la gestione delle segnalazioni

45 2.2 Accesso all applicativo Il pulsante ereporting consente l avvio del modulo applicativo. è necessario attendere il completamento delle operazioni di caricamento dati. Le maschere di caricamento visualizzano lo stato di avanzamento delle operazioni. 2.3 Nuova segnalazione La creazione di una nuova segnalazione avviene attraverso la selezione di una serie di menu tendina in cascata, in modo da ottimizzare la fase di compilazione e ridurre la possibilità di errore umano. Pertanto, le modifiche ad un certo livello menu influiscono sui dati ai livelli successivi. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 45

46 2.3.1 Aggiunta delle foto e delle informazioni La maschera per la registrazione di una segnalazione guasto o rilevazione anomalia sul territorio è composta da una serie di pulsanti specificati nella tabella riepilogativa sottostante. Indicatore Stato GPS Segnala la connessione satellitare GPS, quindi la possibilità di recuperare in automatico la propria posizione. Pulsante Localizza Indirizzo Se disponibile la connessione GPS (icona verde), cliccando su questo pulsante viene restituito automaticamente via e numero. Pulsante Scatta una Foto Abilita la fotocamera. E necessario inserire almeno due foto, una volta caricata correttamente la foto, verrà cambiato lo stato del pulsante a E presente una foto. Campo Descrizione della segnalazione. Compilando questa casella di testo è possibile fornire ulteriori dettagli sulla segnalazione che si sta effettuando. Pulsante Salva segnalazione Cliccando su questo pulsante viene avviata l operazione di salvataggio dei dati inseriti. NB. Il salvataggio dei dati avviene sulla base dati locale del dispositivo mobile; per rendere disponibili tali informazioni sul CRM occorre effettuare il Trasferimento Dati. 46 CAPITOLO 2 - Devices - PDA per la gestione delle segnalazioni

47 2.3.2 Fotocamera Cliccando sul pulsante SCATTA! si attiva la fotocamera. Nel caso l immagine risultasse di scarsa qualità (o comunque non soddisfacente) cliccare sul pulsante SCATTA! e scattarne una nuova Stradario E possibile filtrare le vie scrivendo parte del nome nell apposita casella di testo e poi cliccare sul tasto CERCA. La via selezionata è evidenziata in grigio. Per confermare la scelta cliccare due volte sul nome della via oppure cliccare una volta sul tasto CONFERMA. Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 47

48 2.4 Segnalazioni da validare L icona indica la presenza di Segnalazioni da Validare, cioè Segnalazioni che in fase di inserimento nel CRM Ambrogio non hanno superato i controlli di validità, e vengono sottoposte nuovamente all agente per ulteriore integrazione o controllo, oppure, nuove segnalazioni create direttamente nel CRM, che non sono ancora state assegnate ad alcun a- gente e che vengono trasmesse ai terminali mobili per essere verificate. Cliccando sull icona indicata si accede alla lista delle segnalazioni da validare. Cliccando sul tasto si accede alla modifica della segnalazione selezionata. 48 CAPITOLO 2 - Devices - PDA per la gestione delle segnalazioni

49 2.5 Archivio Cliccando sul tasto ARCHIVIO si accede alla lista delle segnalazioni effettuate dal dispositivo mobile. NB. Indipendentemente dall utente che ha registrato la segnalazione, in questa sezione, sono disponibili per la consultazione tutte le segnalazioni registrate dallo stesso dispositivo. In presenza di copertura GPS (icona verde) è possibile filtrare tutte le segnalazioni che si trovano ad una certa distanza dal punto nel quale ci troviamo. Tale distanza è selezionabile da un menu a tendina oppure attraverso immissione manuale. E possibile filtrare le segnalazioni scrivendo parte del nome nell apposita casella di testo e cliccare sul tasto CERCA. I colori sono: ROSSO: Segnalazione Aperta. VERDE: Segnalazione Chiusa. Quando una segnalazione viene attivata con il click, il colore di sfondo diventa Blu Cliccando su segnalazione. (oppure doppio click sulla segnalazione) si accede al dettaglio della Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 49

50 Se ci troviamo in una zona coperta dal segnale GPS (icona verde) possiamo filtrare tutte le segnalazioni che si trovano ad una certa distanza dal punto nel quale ci troviamo. Tale distanza è selezionabile da un menù a tendina oppure si può inserire manualmente Dettaglio segnalazione Viene visualizzato il dettaglio della segnalazione con le eventuali modifiche apportate dal sintetizzatore e lo stato attuale. 50 CAPITOLO 2 - Devices - PDA per la gestione delle segnalazioni

51 2.6 Trasferimento Dati Immagine A Immagine B Una volta terminata e compilata tutta la segnalazione, assicurarsi che la stessa venga salvata, se l operazione è andata a buon fine si visualizzerà la finestra di conferma (Immagine A). Cliccando sull icona si accede alla pagina per il trasferimento dati dalla quale sarà possibile inviare le segnalazioni e, contemporaneamente, scaricare gli aggiornamenti sui dati presenti nel dispositivo come lo stradario, gli agenti, etc (Immagine B) Progetto GIT - Sistema di Gestione delle Segnalazioni (Progetto Ambrogio) 51

52 Nella maschera di trasferimento un indicatore LED posto in alto a destra segnalerà la presenza di copertura GPRS/EDGE per il trasferimento dati. Quando il colore dell icona è VERDE è possibile procedere con l operazione di sincronizzazione dati. Nella maschera una serie di messaggi di testo forniranno dettagli sullo stato di avanzamento del processo di trasferimento, in particolare: Aggiornamento dei dati in corso... Download degli aggiornamenti in corso... Invio dei dati in corso... Un messaggio finale di aggiornamento completato segnalerà che tutte le operazioni sono terminate con successo. Cliccando sul pulsante INDIETRO si avvierà la procedura di ottimizzazione dati, ed al termine l applicazione tornerà sulla schermata principale di inizio compilazione nuova segnalazione. 52 CAPITOLO 2 - Devices - PDA per la gestione delle segnalazioni

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

MANUALE DI RIFERIMENTO

MANUALE DI RIFERIMENTO - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi UALE DI RIFERIMENTO Procedura COB Import tracciato Ministeriale Preparato da: Paolo.Meyer Firma Data Verificato da: Carlo di Fede Firma Data Approvato da:

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013-

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013- Progetto SINTESI Dominio Provinciale Guida alla compilazione del form di Accreditamento -Versione Giugno 2013- - 1 - Di seguito vengono riportate le indicazioni utili per la compilazione del form di accreditamento

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php.

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. MASTERCOM La piattaforma MASTERCOM funziona con Mozilla Firefox. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. Tramite l indirizzo https://82.185.224.202/registro/index.php

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli