Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2009/2010 IV A T.A.M. prof.ssa Anna Robino 2010/2011 V A T.A.M.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2009/2010 IV A T.A.M. prof.ssa Anna Robino 2010/2011 V A T.A.M."

Transcript

1 PROGETTTTO FFORMATTI IVO DII QUALLI IFFI ICAZZI IONE PROFFESSI IONALLE DII SECONDO LLI IVELLLLO TECNICO ESPERTO IN I FASHION DESIGN E NELLE ARTII DECORATIVE MEDITERRANEE Anno Scolastico Classe Tutor scolastico 2009/2010 IV A T.A.M. prof.ssa Anna Robino 2010/2011 V A T.A.M.

2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO La terza area, detta professionalizzante, è parte integrante dei curricoli scolastici degli istituti professionali nelle classi quarte e quinte e concorre a costituire tempo-scuola a tutti gli effetti come da Direttiva del Ministero Progetto 92 e Circolare Ministeriale 23 giugno 1992, n PREMESSA Il Progetto della cosiddetta Terza Area si configura come risposta ineludibile alla domanda del mercato del lavoro nel settore della moda, che vede una rapida e continua trasformazione degli strumenti del settore. Il progetto ha quindi lo scopo di integrare il curricolo scolastico e di fornire agli studenti un profilo professionale integrato e soprattutto flessibile, capace di accogliere e adattarsi a contesti lavorativi e strumenti aggiornati. Ciò significa da un lato aggiornare i programmi e i contenuti dell offerta formativa rispetto alle tendenze evidenziate nel mondo del lavoro, dall altro consentire l adattabilità, creando più stretti rapporti tra i percorsi formativi e i processi di apprendimento sul lavoro, e riconoscendo all esperienza pratica una funzione formativa sempre più rilevante. Nel quadro dell innovazione dell Istruzione professionale il Cipe interviene a sostegno di interventi formativi che consentono agli allievi che frequentano il biennio post-qualifica, il conseguimento della qualifica professionale di II livello individuata sulla base di specifiche richieste provenienti dal mondo del lavoro che riguardano specializzazioni strettamente collegate all utilizzo di nuove e più avanzate tecnologie nel mondo produttivo. Inoltre la Regione Sicilia ha stipulato con il MIUR una convenzione per l integrazione ed il raccordo tra il sistema formativo secondario e la formazione professionale regionale. Il biennio post qualifica degli Istituti Professionali comprende un area professionalizzante svincolata dalle logiche organizzative degli orari settimanali, incentrata sulla pratica lavorativa e su esperienze maturate con esperti esterni od interni che abbiano esperienza maturata nelle aziende e/o attività produttive. L intervento formativo, della durata complessiva di 600 ore, è così articolato IV anno ore 180 ore di lezione frontale ed attività pratiche da svolgersi all interno della scuola 120 ore di stage aziendale V anno ore 180 ore di lezione frontale ed attività pratiche da svolgersi all interno della scuola 120 ore di stage aziendale Le attività della Terza Area costituiscono a tutti gli effetti regolare attività di curricolo, obbligatoria e valutata ai fini dell ammissione agli esami di stato. Le finalità che caratterizzano l intervento formativo sono: creazione di un profilo professionale che sul fronte del reperimento nel territorio mostra segnali di maggiore difficoltà; creazione di un profilo professionale altamente specializzato da inserire in specifici settori aziendali in cui non è richiesta una cultura universitaria; creazione di un percorso formativo all interno del curricolo scolastico che coniuga competenze, crediti formativi, conoscenza del mondo del lavoro; creazione di un percorso formativo che mira alla comprensione delle dinamiche della realtà produttiva e del profilo professionale in uscita in rapporto alla vocazione individuale. MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO FORMATIVO Il giovane tecnico della moda, per poter svolgere al meglio la propria attività deve abbinare, alle indubbie doti di creatività, una solida base culturale, tecnica ed una metodologia scientifica di lavoro. Solo con un adeguata preparazione è in grado di interpretare, con scelte adeguate, i segnali forti provenienti dall attuale mercato, nel rispetto degli obiettivi prefissati: qualitativi temporali economici. Il corso in oggetto vuole completare la formazione teorica, corredandola

3 di una parte artistico - tecnico - applicativa che porti l operatore dal disegno alla realizzazione pratica, offrendo un arricchimento dell istruzione professionale rapportato alla realtà dell area socio economica - produttiva del settore di riferimento.il progetto cerca di dare una risposta alle aziende del settore, orientate ad una continua innovazione qualitativa, sia dei prodotti che dei processi, ed hanno quindi necessità di figure professionali adattabili alle esigenze di sviluppo progettuale, produttivo e gestionale. PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Il continuo sviluppo tecnologico nel campo tessile impone una sempre maggiore specializzazione per poter affrontare in modo consapevole i vari problemi che riguardano la creazione, la progettazione e la realizzazione di modelli. Il progetto ha come obiettivo quello di formare una figura professionale capace di porsi, in termini funzionali e senza alcuna sovrapposizione, nell ambito di quei segmenti specifici che il ciclo operativo completo del settore abbigliamento ingloba. Il tecnico dovrà pertanto acquisire sia la capacità progettuale di saper operare autonomamente che in equipe nei vari contesti aziendali, sia una cultura polivalente, che non sia limitata ad un contesto, ma che abbracci un ottica più vasta di contenuti affini ed extra - curriculari. Il tecnico così formato avrà possibilità di collocarsi, oltre che nella multiforme realtà produttiva dell industria dell abbigliamento, anche nel campo del lavoro autonomo. Il progetto vuole evidenziare la centralità della cultura mediterranea nella società contemporanea analizzandola nelle sue relazioni con l'arte la moda, la comunicazione, il design e la creatività individuale. Da una attenta analisi dei bisogni condotta a livello territoriale emerge la richiesta di una figura professionale individuata nel FASHION DESIGNER specializzato nelle arti decorative mediterranee, un progettista capace di unire tecnica, creatività e tradizione, sviluppando un know how non solo nell utilizzo degli strumenti di base per progettare collezioni di abiti ma anche nell utilizzo delle nuove tecnologie e dei nuovi materiali. Partendo da una solida conoscenza dei motivi decorativi tradizionali e tipici dell'area del mediterraneo, deve saper sviluppare da un lato un grande intuito sulle nuove tendenze e, dall altro, una capacità di dialogo e mediazione con tutti i settori aziendali (dal responsabile del marketing al product manager, dal modellista alla sarta) e con quelli esterni all azienda (fotografi, giornalisti, esperti di comunicazione, organizzatori di sfilate). Con l attuazione del progetto, pertanto, si vuole delineare la figura professionale di un tecnico che sia in grado di utilizzare la propria capacità produttiva, rapportandosi concretamente con tutte le fasi della produzione industriale e artigianale del prodotto. Una professionalità che accanto ad una solida preparazione culturale, sviluppa l attitudine al lavoro di gruppo, nel segno della flessibilità. Arricchire l offerta formativa FINALITÀ Offrire agli studenti l opportunita di fare esperienze formative complementari alle normali attivita didattiche Favorire la crescita della persona attraverso l apprendimento di "sapere", saper fare e "saper essere", tramite una didattica per problemi e lavoro di gruppo Competenze in uscita Le caratteristiche principali della figura professionale in uscita sono: Capacità di cogliere le continue variazioni del sistema moda per riuscire a soddisfare in modo concreto le richieste del mercato; studiare nuove linee di tendenza riconoscendo il valore delle nostre tradizioni Individuare la tecnica modellistica più appropriata per la realizzazione di un capo di abbigliamento anche in termini di costi di produzione; conoscere i software informatici specifici per la grafica 2d e 3d del settore per la progettazione di tessuti, abiti e accessori

4 conoscere l importanza del colore nell ambito della comunicazione visiva per interpretare le cartelle colori della tendenza moda stagionali Profonda conoscenza delle fibre e dei tessuti; Solida conoscenza dei software per la progettazione e la comunicazione di una collezione; Conoscenza della filiera produttiva. valorizzare la propria espressione grafica attraverso l uso di tecniche nuove PREREQUISITI L allievo, per affrontare il percorso formativo, deve possedere i seguenti prerequisiti: saper eseguire di un figurino d immagine; saper eseguire un figurino tecnico corredato da scheda di lavorazione; conoscere e distinguere tessuti e materiali; conoscere gli elementi base della lingua inglese; conoscere i codici della comunicazione. OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI E TRASVERSALI Alla fine del percorso formativo l allievo acquisisce un bagaglio di conoscenze teoriche e sperimentali tali da consentirgli di: conoscere il Sistema Moda; saper utilizzare software specifici per la rappresentazione grafica e l impaginazione dei figurini; saper individuare le tecniche di trasformazione modellistica più idonee in rapporto alle varie problematiche inerenti il figurino; conoscere ed utilizzare il linguaggio tecnico e merceologico; conoscere la legislazione in merito alle agevolazioni all imprenditoria giovanile e femminile; conoscere la legislazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro; far crescere le motivazioni all apprendimento attraverso un percorso formativo che integri studio e lavoro, in grado di fornire saperi utili per risolvere problemi; conoscere le proprie attitudini ed i propri limiti; acquisire nuovi saperi per dare risposta alla domanda di nuove competenze; acquisire competenze relazionali, comunicative ed organizzative. STRUTTURA DEI MODULI Nei corsi professionali post qualifica sono previsti dei percorsi formativi integrati tra la Terza Area Professionalizzante e lo Stage aziendale finalizzati al conseguimento della Qualifica Professionale di 2 livello. Percorso formativo IV anno a.s. 2009/2010: 300 ore annue, così suddivise: - Docenza frontale ore, da affidare ad esperti per lo svolgimento di blocchi tematici inerenti le problematiche concorrenti alla formazione del profilo professionale in uscita; - Stage ore, per la realizzazione di stage presso aziende specializzate nel settore. Percorso formativo V anno a.s. 2010/2011: 300 ore annue, così suddivise: - Docenza frontale ore, da affidare ad esperti per lo svolgimento di blocchi tematici inerenti le problematiche concorrenti alla formazione del profilo professionale in uscita; - Stage ore, per la realizzazione di stage presso aziende specializzate nel settore.

5 BLOCCO MODULARE 4 ANNO N Titolo del modulo Tipologia N. Ore STORIA DEI MOTIVI DECORATIVI MEDITERRANEI di 30 ore 1 approfondim ento di contenuti Analisi storico stilistica dei motivi decorativi del mediterraneo curriculari evoluzione storico stilistica del costume del mediterraneo Attività di ricerca dei motivi decorativi tradizionali 2 DALLE FORME AI DECORI studio e classificazione delle trame dei tessuti tradizionali teorico/ pratico 40 ore I sistemi cromatici, le armonie cromatiche, percezione ed uso del colore nelle trame decorative tradizionali; Ricerca della sintesi stilistica e formale Dal colore al tessuto, dal tessuto alle linee: Riproduzione grafica e classificazione delle diverse tipologie a partire dall individuazione del motivo geometrico di base. revisione degli elaborati produzione di un catalogo delle forme e dei colori con schemi di motivi decorativi di ispirazione. 3 INFORMATICA SPECIALISTICA - COMPUTER GRAFIC Art Rage 2; il software e l'ambiente di lavoro Utilizzo delle tavolette grafiche Applicazione avanzata per la manipolazione di immagini; impaginazione di una collezione moda e realizzazione del book; applicativo 20 ore variantatura dei tessuti; con l utilizzo di confestyl; acquisizione di figurini di moda e resa cromatica del capo d abbigliamento. 4 TECNICA DI CONFEZIONE SEMI-INDUSTRIALE E ARTIGIANALE pratico 50 ore Tecniche semi industriali ed artigianali; confezione di capi d abbigliamento caratterizzati da motivi decorativi mediterranei analisi dei costi.

6 5 I TEMI TRADIZIONALI: IL RICAMO contenuti: /teor ico e pratico 15 ore storia del ricamo Il tessuto in relazione al ricamo esecuzione pratica 6 TRA COLORE E TESSUTO Tecniche grafiche di pittura su stoffa in relazione al capo d abbigliamento ed al tessuto; /prat ico 10 ore progettazione grafico stilistica di motivi a tema; studio degli elementi stilistici del novecento ed interpretazione grafico cromatica su tessuto. Esecuzioni pratiche 7 COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO GRAFICO l'uso del software Power Point applicativo 15 ore raccolta delle immagini uso del software corel painter/corel draw/photoshop progettazione ed impaginazione dei pannelli espositivi produzione del CD 8 SIMULAZIONE AZIENDALE (stage) Inserimento delle allieve nel ciclo produttivo semi - industriale, dalla progettazione del capo d abbigliamento alla realizzazione. utilizzo di strumenti sartoriali in team con gli esperti dell azienda. osservazione delle logiche aziendali e delle problematiche da risolvere. studio stilistico del capo d abbigliamento in relazione al trend moda. book moda Realizzazione di una collezione ispirata. individuazione dei temi di tendenze. Test, discussioni e ricerche materiali; organizzazione del lavoro di gruppo; coordinamento cartelle colori, materiali, figurini; /prat ico 120 ore TOTALE 300 ore

7 BLOCCO MODULARE 5 ANNO N Titolo del modulo Tipologia N. Ore STORIA DEI MOTIVI DECORATIVI MEDITERRANEI 2 di 30 ore 1 approfondim ento di contenuti studio delle trame dei tessuti tradizionali curriculari visite guidate presso il Museo delle trame del mediterraneo e d arte contemporanea di Gibellina e partecipazioni ad eventi del settore Presentazione finale in Power Point/Pannelli espositivi 2 LA PROGETTAZIONE MODA IL TREND 2 Approfondimento del concetto di tendenza-moda, costume ed economia: fenomeni culturali e strategie produttive. teorico/ pratico 30 ore approfondimento della sintesi stilistica e formale per l impostazione del figurino in relazione al capo d abbigliamento; approfondimento dei sistemi cromatici, fisica del colore, armonie cromatiche, percezione ed uso del colore; revisione degli elaborati ed analisi degli errori più frequenti produzione di pannelli espositivi finali. 3 INFORMATICA SPECIALISTICA - COMPUTER GRAFIC 2 Art Rage 2; approfondimento delle conoscenze di base del programma Utilizzo delle tavolette grafiche Applicazione avanzata per la manipolazione di immagini; impaginazione di una collezione moda e realizzazione del book; applicativo 25 ore approfondimento della tecnica di variantatura dei tessuti; con l utilizzo di confestyl; acquisizione di figurini di moda e resa cromatica del capo d abbigliamento. 4 TECNICA DI CONFEZIONE SEMI-INDUSTRIALE E ARTIGIANALE pratico 40 ore Tecniche semi industriali ed artigianali; confezione di capi d abbigliamento : la giacca maschile sdifettatura e stiro dei capi d abbigliamento realizzati; analisi dei costi.

8 5 LA SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO L. 626/94 la normativa sulla sicurezza /teor ico 15 ore l ambiente di lavoro, i ruoli, le responsabilità il piano di sicurezza, i dispositivi di scurezza individuali gestione delle emergenze 6 CREAZIONE D IMPRESA acquisizione delle conoscenza sulla cultura d Impresa /teor ico 20 ore la legislazione sulla imprenditorialità femminile analisi del caso creazione del curriculum personale 7 COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO GRAFICO 2 approfondimento della conoscenze nell'uso del software Power Point applicativo 20 ore raccolta delle immagini approfondimento delle conoscenze relative all uso del software corel painter/corel draw/photoshop progettazione ed impaginazione dei pannelli espositivi produzione del CD 8 SIMULAZIONE AZIENDALE (stage) Inserimento delle allieve nel ciclo produttivo semi - industriale, dalla progettazione del capo d abbigliamento alla realizzazione. utilizzo di strumenti sartoriali in team con gli esperti dell azienda. osservazione delle logiche aziendali e delle problematiche da risolvere. studio stilistico del capo d abbigliamento in relazione al trend moda. book moda Realizzazione di una collezione ispirata. individuazione dei temi di tendenze. Test, discussioni e ricerche materiali; organizzazione del lavoro di gruppo; coordinamento cartelle colori, materiali, figurini; /prat ico 120 ore TOTALE 300 ore

9 SPAZI - Aula di Disegno - Laboratorio di Modellistica e Confezione - Laboratorio di informatica STRUMENTI E MEZZI - Materiale di consumo (carta per fotocopie, cartoncini da disegno, matite, colori, carta da taglio, carta millimetrata, etc.) - Tessuto per esercitazioni - PC - Pacchetti applicativi di Graphic Design - Lavagna luminosa - Proiettore per diapositive - Videoproiettore - Sussidi audiovisivi - Dispense INDICAZIONI METODOLOGICHE La metodologia adottata scaturisce dalla necessità di raccordare il bagaglio culturale acquisito dagli allievi con la Qualifica di 1 livello con le finalità formative del corso di Qualifica di 2 livello. Le strategie da usare dovranno favorire una transizione graduale da modelli di relazione con l ambiente proprio della esperienza scolastica, a modelli legati alla realtà locale, quali emergono dalla quotidiana esperienza di lavoro in ambienti organizzati. Le strategie metodologiche adottate saranno adeguate alle varie situazioni reali del modulo e terranno conto della evoluzione delle competenze degli allievi e dei risultati in itinere e finali. Si procederà mediante comunicazioni frontali, lavori di gruppo ed esercitazioni di laboratorio che prevedono l intervento del docente con chiarimenti e suggerimenti che eviteranno il disperdersi di energie dovuto alla nuova realtà professionalizzante. CRITERI DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Parallelamente a quanto stabilito in sede di Consiglio di Classe, si adotteranno come criteri di verifica delle griglie valutative dalle quali si potrà seguire il progressivo grado di apprendimento raggiunto. Il saper fare degli allievi sarà verificato in base ai seguenti punti basilari: Saper affrontare e risolvere problemi concreti; Saper progettare; Saper verificare; Saper ottimizzare. In prima analisi sarà oggetto di indagine valutativa il grado di raggiungimento dei seguenti obiettivi: Padronanza dei contenuti; Sviluppo di abilità pratiche; Capacità di transfert; Acquisizione di linguaggi specifici; Capacità di analisi dei dati; Autonomia di lavoro. In una seconda fase, l indagine verterà sul potenziamento degli obiettivi precedentemente individuati: Individuazione delle tematiche di un progetto; Scelta della procedura più idonea; Saper ricercare autonomamente; Saper verificare; Saper ottimizzare le scelte ed apportare eventuali modifiche.

10 Moduli - 4 anno N Titolo modulo Tipologia esperto N ore 1 STORIA DEI MOTIVI DECORATIVI MEDITERRANEI Analisi storico stilistica dei motivi decorativi del mediterraneo evoluzione storico stilistica del costume del mediterraneo Attività di ricerca dei motivi decorativi tradizionali 2 DALLA FORME AI DECORI studio e classificazione delle trame dei tessuti tradizionali I sistemi cromatici, le armonie cromatiche, percezione ed uso del colore nelle trame decorative tradizionali; Ricerca della sintesi stilistica e formale Dal colore al tessuto, dal tessuto alle linee: Riproduzione grafica e classificazione delle diverse tipologie a partire dall individuazione del motivo geometrico di base. revisione degli elaborati produzione di un catalogo delle forme e dei colori con schemi di motivi decorativi di ispirazione. Accademia di belle arti Diploma Accademia di belle arti Computer grafic Art Rage 2; il software e l'ambiente di lavoro Utilizzo delle tavolette grafiche Applicazione avanzata per la manipolazione di immagini; impaginazione di una collezione moda e realizzazione del book; variantatura dei tessuti; con l utilizzo di confestyl; acquisizione di figurini di moda e resa cromatica del capo d abbigliamento. conoscenza del software Art Rage2 conoscenza del software confestyl 20

11 4 Tecnica di Confezione semindustriale e artigianale Tecniche semi industriali ed artigianali; confezione di capi d abbigliamento sdifettatura e stiro dei capi d abbigliamento realizzati; analisi dei costi. 5 I temi tradizionali: il ricamo contenuti: storia del ricamo Il tessuto in relazione al ricamo esecuzione pratica 6 Tra colore e tessuto Tecniche grafiche di pittura su stoffa in relazione al capo d abbigliamento ed al tessuto; progettazione grafico stilistica di motivi a tema; studio degli elementi stilistici del novecento ed interpretazione grafico cromatica su tessuto. Esecuzioni pratiche Diploma di qualifica di operatore moda Diploma di qualifica di operatore moda Accademia di belle arti Comunicazione del prodotto grafico l'uso del software Power Point raccolta delle immagini uso del software corel painter/corel draw/photoshop progettazione ed impaginazione dei pannelli espositivi con photoshop produzione del CD conoscenza del software corel Painter conoscenza del software power point conoscenza del software photoshop 15

12 Moduli - 5 anno N Titolo modulo Tipologia esperto N ore 1 I motivi decorativi 2 approfondimento delle conoscenze delle trame del mediterraneo e dei tessuti tradizionali visite guidate presso Musei sul tema delle arti tradizionali partecipazioni ad eventi del settore Presentazione finale in Power Point/Pannelli espositivi Accademia di belle arti 30 2 La progettazione moda il trend Approfondimento del concetto di tendenza-moda, costume ed economia: fenomeni culturali e strategie produttive. approfondimento della sintesi stilistica e formale per l impostazione del figurino in relazione al capo d abbigliamento; approfondimento dei sistemi cromatici, fisica del colore, armonie cromatiche, percezione ed uso del colore; revisione degli elaborati ed analisi degli errori più frequenti produzione di pannelli espositivi finali. 3 Computer grafic 2 Art Rage 2; approfondimento delle conoscenze di base del programma Utilizzo delle tavolette grafiche Applicazione avanzata per la manipolazione di immagini; impaginazione di una collezione moda e realizzazione del book; approfondimento della tecnica di variantatura dei tessuti; con l utilizzo di confestyl; acquisizione di figurini di moda e resa cromatica del capo d abbigliamento. Diploma Accademia di belle arti conoscenza del software Art Rage2 conoscenza del software confestyl 30 25

13 4 Tecniche di confezione 2 Tecniche semi industriali ed artigianali; confezione di capi d abbigliamento : la giacca maschile sdifettatura e stiro dei capi d abbigliamento realizzati; analisi dei costi. 5 Legge 626 sulla sicurezza nell ambiente di lavoro la normativa sulla sicurezza l ambiente di lavoro, i ruoli, le responsabilità il piano di sicurezza, i dispositivi di scurezza individuali gestione delle emergenze Esperto nel settore laurea in ingegneria diploma di geometra diploma di perito tecnico industriale attestato di partecipazione a corsi sulla sicurezza L Creazione di impresa acquisizione delle conoscenza sulla cultura d Impresa la legislazione sulla imprenditorialità femminile analisi del caso creazione del curriculum personale Laurea in economia e commercio 20 7 Comunicazione del prodotto grafico 2 approfondimento della conoscenze nell'uso del software Power Point raccolta delle immagini approfondimento delle conoscenze relative all uso del software corel painter/corel draw/photoshop progettazione ed impaginazione dei pannelli espositivi produzione del CD conoscenza del software corel Painter conoscenza del software power point conoscenza del software photoshop 20

Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2008/2009 IV A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno. 2009/2010 V A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno

Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2008/2009 IV A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno. 2009/2010 V A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno PROGETTTTO FFORMATTI IVO DII QUALLI IFFI ICAZZI IONE PROFFESSI IONALLE DII SECONDO LLI IVELLLLO TECNICO INFORMATII ICO E COMMERCIALE DII PRODOTTII MODA Anno Scolastico Classe Tutor scolastico 2008/2009

Dettagli

Tecnico Esperto in Fashion Design ed eventi di Moda

Tecnico Esperto in Fashion Design ed eventi di Moda Cert. N. 13109 Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Francesco D Aguirre Istituto Superiore di Istruzione Classica, Tecnica e Professionale Via G. Baviera n.1, Salemi (TP) (Sede centrale) Tel. 0924/981344

Dettagli

PROGETTO MICHELANGELO

PROGETTO MICHELANGELO PROGETTO MICHELANGELO Premessa Il progetto nasce dall esigenza di ridefinire, in termini didatticamente e culturalmente innovativi, l intera esperienza formativa degli istituti secondari di istruzione

Dettagli

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA INDICE

Dettagli

Settore :Industria e artigianato Indirizzo :Produzioni industriali e artigianali

Settore :Industria e artigianato Indirizzo :Produzioni industriali e artigianali Is tituto Profess ionale di Stato pe r l Indus tria e l Artigianato CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371 e-mail: i p s i a p g @ t i n. i t - sito

Dettagli

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato Indirizzo: Produzioni Artigianali e Industriali Articolazione: Artigianato Opzione: Produzioni tessili e sartoriali L Istituto Professionale

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Fashion Global Design

Fashion Global Design Fashion Global Design Modellista e Stilista Donna corso triennale in settimana Obiettivi del corso Il sistema moda è un mondo in continuo movimento socioculturale, economico e industriale. Una realtà che

Dettagli

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UNITÀ DIDATTICA DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE TESSILE- ABBIGLIAMENTO, MODA E COSTUME CLASSE: V A PTS RIF. COMPETENZA:1 A.S. 2015-2016 TITOLO: LA COLLEZIONE MODA COD. 01 A PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV]

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] corso triennale GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] Progetto: Flavia Pellegrini Comunicazione e informazione sono oggi presenze generalizzate e pervasive che caratterizzano ogni aspetto della quotidianità.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE GRAFICHE Prof. Paolo Maria Arosio Prof. Lorenzo Cazzaniga A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corso, di durata triennale, permette di conseguire un alta formazione nel campo del design della comunicazione visiva. Il percorso formativo è strutturato in modo da trasmettere

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA Art. 1 - Denominazione del Corso di studio È istituito presso la Rome University of Fine Arts - Accademia di Belle

Dettagli

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008 Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista San Francesco d Assisi DIPARTIMENTO

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI. All. n.9 IeFP

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI. All. n.9 IeFP ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO e SERVIZI ALFREDO AMATUCCI Viale Italia n.18-83100 Avellino Sede centrale: Tel.0825 1643184 Fax: 0826 1643182 Succursale: Via Ferrante - tel e fax 0825 36581

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

CORSO PODUCT DESIGN ANNUALE. Realizzare oggetti da usare

CORSO PODUCT DESIGN ANNUALE. Realizzare oggetti da usare CORSO PODUCT DESIGN ANNUALE Realizzare oggetti da usare PRODUCT DESIGN - ANNUALE Un anno di studio dedicato a Product Design Obiettivi del corso Il Corso di Product Design annuale si pone l obbiettivo

Dettagli

Gli indirizzi di studio

Gli indirizzi di studio Gli indirizzi di studio L Istituto Caniana rappresenta oggi un polo scolastico della GRAFICA e della MODA di primo piano a livello nazionale. Lo dimostra il fatto, ad esempio, che nell anno scolastico

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

DISCIPLINE PITTORICHE

DISCIPLINE PITTORICHE Anno Scolastico 2014-15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARTI FIGURATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE PITTORICHE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' - Educazione all

Dettagli

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera Docenti: Gruppo N. 4 Gruppo di lavoro per la progettazione di Alternanza Scuola Lavoro costituito da: Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto

Dettagli

isgmd Ateneo Post-Diploma grafica moda design Istituto Superiore - Ateneo Post-diploma - Masters Accreditato dalla regione Lombardia

isgmd Ateneo Post-Diploma grafica moda design Istituto Superiore - Ateneo Post-diploma - Masters Accreditato dalla regione Lombardia isgmd Ateneo Post-Diploma Lecco, via Cavour 90 i www.isgmd.it tel. +390341282336 fax +390341264400 is grafica moda design Istituto Superiore - Ateneo Post-diploma - Masters Accreditato dalla regione Lombardia

Dettagli

Diamo futuro alle tue idee

Diamo futuro alle tue idee Diamo futuro alle tue idee FASHION & COMMUNICATION SCHOOL Formazione specialistica nell area Abbigliamento, Calzatura e Accessori, Comunicazione, Graphic e Web Design. Scegli una professione a misura del

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013 Promozione percorsi sperimentali di Alternanza scuola-lavoro (art.4, Legge 28 marzo 2003, n.53) D.D.G. n. 640 del 30/01/2012 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 9^ edizione a.s. 2012-2013 Istituto: I.I.S.S.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento

Dettagli

ASSE: PROFESSIONALIZZANTE a.s. 2014-2015

ASSE: PROFESSIONALIZZANTE a.s. 2014-2015 ASSE: PROFESSIONALIZZANTE a.s. 2014-2015 DISCIPLINE: Dipartimento Espressione della realtà professionale : Elementi di Storia dell arte ed espressioni grafiche, Tecnologia e tecniche di rappresentazione

Dettagli

ISTITUTO DI CULTURA PANTHEON srl VIA DI RIPETTA, 226 00186 ROMA Accreditato Regione Lazio

ISTITUTO DI CULTURA PANTHEON srl VIA DI RIPETTA, 226 00186 ROMA Accreditato Regione Lazio PANTHEON ACCADEMIA di BELLE ARTI ALL. B) DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI GRAFICA CORSO DI APPLICAZIONI DIGITALI PER LE ARTI VISIVE DAPL04 - DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008 L'arte oltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla, e indica il contenuto del futuro... Vasilij Kandinskij DIPARTIMENTO ARTI VISIVE SCUOLA DI GRAFICA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Karol Wojtyla Classe: Disciplina: TECNOLOGIA Prof.ssa Mariani Paola PROGRAMMAZIONE

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Istruzione e Formazione Professionale (IeFP)

Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Operatore dell abbigliamento - Sartoria Che cosa sono gli IeFP? Sono percorsi di Istruzione e Formazione Professionale Sono finalizzati al conseguimento di

Dettagli

ISTITUTO DI CULTURA PANTHEON srl VIA DI RIPETTA, 226 00186 ROMA Accreditato Regione Lazio

ISTITUTO DI CULTURA PANTHEON srl VIA DI RIPETTA, 226 00186 ROMA Accreditato Regione Lazio PANTHEON ACCADEMIA di BELLE ARTI ALL. B) DIPARTIMENTO DI PROGETTAZIONE E ARTI APPLICATE SCUOLA DI PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA CORSO DI DESIGN DAPL06 - DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE Accademia di Belle Arti di Brera - Milano La Scuola di Didattica dell arte dell Accademia di Brera risponde ad un vuoto formativo sulle culture del contemporaneo e dei

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale

Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale Articolazione del percorso formativo Scopo del corso è di consentire agli studenti in possesso di Diploma d Accademia di proseguire e completare

Dettagli

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo Orientamento per il successo scolastico e formativo PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo 2 I nuovi Licei 3 I nuovi licei LA STRUTTURA DEL PERCORSO QUINQUENNALE Il percorso

Dettagli

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA

OPERATORE GRAFICO MULTIMEDIA CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Palermo. ordinamenti didattici dei corsi triennali di primo livello in corso di autorizzazione ministeriale

Accademia di Belle Arti di Palermo. ordinamenti didattici dei corsi triennali di primo livello in corso di autorizzazione ministeriale Accademia di Belle Arti di Palermo ordinamenti didattici dei corsi triennali di primo livello in corso di autorizzazione ministeriale ORDINAMENTI DIDATTICI DEI CORSI TRIENNALI DI PRIMO LIVELLO DIPARTIMENTO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a. Programmazione disciplinare

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a. Programmazione disciplinare Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a C.so C.so Garibaldi Garibaldi - 88024 88024 Girifalco Girifalco (CZ) (CZ) Scientifico Scientifico 0968/749233 0968/749233 Artistico

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali N.PROT. 3448 C/27 del 02 dicembre 2010 Allegato 3 FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali INDICATORI PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA

Dettagli

Competenze di riferimento: osservare, descrivere, conoscere, analizzare ed

Competenze di riferimento: osservare, descrivere, conoscere, analizzare ed PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2014.2015 Arte della Tipografia e della Grafica Pubblicitaria_D613 Classe 5D Prof.ssa Moira Piemonte 1. Obiettivi. Obiettivi disciplinari. Acquisire le competenze/conoscenze

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che organizza, in diversi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. ARCHITETTURA VIRTUALE corso master

SCEGLI CON IL CUORE. ARCHITETTURA VIRTUALE corso master SCEGLI CON IL CUORE ARCHITETTURA VIRTUALE pag. ARCHITETTURA VIRTUALE Master patrocinato dall Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia, con rilascio di crediti

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Vilfredo Pareto

Istituto Tecnico Economico Statale Vilfredo Pareto Istituto Tecnico Economico Statale Vilfredo Pareto Da anni l offerta formativa del nostro istituto è stata arricchita dall esperienza della realizzazione di imprese simulate e reali con la partecipazione

Dettagli

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN CINEMA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB DESIGN corso di qualificazione professionale

SCEGLI CON IL CUORE. WEB DESIGN corso di qualificazione professionale SCEGLI CON IL CUORE WEB DESIGN pag. 2 WEB DESIGN Il corso, annuale, forma tecnici/progettisti specializzati nel settore della comunicazione multimediale orientata al web. Progettisti in grado di governare

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello

Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura Scuola di Scultura Scuola di Decorazione Scuola di Grafica Dipartimento di Progettazione ed Arti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FOTOGRAFIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FOTOGRAFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FOTOGRAFIA Art. 1 - Denominazione del Corso di studio È istituito presso la Rome University of Fine Arts - Accademia di Belle Arti

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

MISSIONE E VISIONE DELL ISTITUTO ORIOLI

MISSIONE E VISIONE DELL ISTITUTO ORIOLI MISSIONE E VISIONE DELL ISTITUTO ORIOLI Volendo parafrasare un famoso discorso di J. F. Kennedy che disse: Concittadini del mondo, non chiedete cosa l America può fare per voi, ma cosa possiamo fare, insieme,

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

percorsi professionali

percorsi professionali percorsi professionali Studio SOLIDEA propone corsi per la formazione di giovani designer interessati alle materie artistiche e creative, o per l aggiornamento di chi già esercita la professione di stilista/modellista

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE Prof. Materia: L.O.G.S.R. Classe 5 RISTORAZIONE sez. Anno scolastico: 2011/2012 SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE Conoscenze n. Competenze / Capacità n. Espressione

Dettagli

Indirizzi Settore Tecnologico

Indirizzi Settore Tecnologico ISTITUTO TECNICO "SAFFI-ALBERTI" 47121 FORLI - via Turati n. 5 Tel. 0543.67370 - Fax 0543.63178 www.saffi-alberti.gov.it Indirizzi Settore Tecnologico CHIMICA MATERIALI E BIOTECNOLOGIE SISTEMA MODA COSTRUZIONI

Dettagli

I. P. C. LUCIANO TANDOI

I. P. C. LUCIANO TANDOI I. P. C. LUCIANO TANDOI ISTRUZIONE PROFESSIONALE STATALE Corso quinquennale per Tecnico dei Servizi Commerciali Primo Biennio (classi Prime e Seconde) Secondo Biennio (classi Terze e Quarte) Monoennio

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Quali alternative dopo il diploma?

Quali alternative dopo il diploma? Quali alternative dopo il diploma? Che fare dopo il diploma? Inserimento nel mondo del lavoro o prosecuzione degli studi? Esistono alternative ai percorsi accademici tradizionali? Hai mai pensato agli

Dettagli

IPSIA A. Pacinotti Pistoia Piano dell'offerta formativa a.s. 2015-2016 ISTRUZIONE PROFESSIONALE: ORDINAMENTO E CURRICOLI

IPSIA A. Pacinotti Pistoia Piano dell'offerta formativa a.s. 2015-2016 ISTRUZIONE PROFESSIONALE: ORDINAMENTO E CURRICOLI ISTRUZIONE PROFESSIONALE: ORDINAMENTO E CURRICOLI 1 Finalità I percorsi degli Istituti Professionali sono parte integrante del sistema dell istruzione secondaria superiore in cui si articola il secondo

Dettagli

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI FRANCAVILLA FONTANA (BR) MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA COMMISSIONE EUROPEA Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale La Scuola

Dettagli

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN PROGETTAZIONE DEL COSTUME PER L OPERA LIRICA

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN PROGETTAZIONE DEL COSTUME PER L OPERA LIRICA ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN PROGETTAZIONE DEL COSTUME PER L OPERA LIRICA Premessa L accentuata spettacolarità che caratterizza

Dettagli

Progettista della comunicazione web

Progettista della comunicazione web UDA Progettista della comunicazione web Responsabile grafico della comunicazione on-line Discipline Grafiche e Laboratorio Grafico CLASSE 3a GRAFICA A.S. 2015/16 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Responsabile

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Carrara Centro arti visive di Pietrasanta CAVP

Accademia di Belle Arti di Carrara Centro arti visive di Pietrasanta CAVP Accademia di Belle Arti di Carrara Centro arti visive di Pietrasanta CAVP Accademia di Belle Arti di Carrara CENTRO ARTI VISIVE DI PIETRASANTA Corsi di perfezionamento biennali in - Disegno, dal progetto

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli