RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DELLA NUOVA NORMATIVA BANCARIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DELLA NUOVA NORMATIVA BANCARIA"

Transcript

1 CENTRO DI PRODUTTIVITÀ VENETO CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI VICENZA RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DELLA NUOVA NORMATIVA BANCARIA Quirino Biscaro Atti del seminario sulle problematiche finanziarie delle PMI 11 novembre 1997 presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Vicenza

2 A - Le prospettive sottese dal nuovo Testo Unico Nel gennaio del 1994 è entrato in vigore il Testo Unico sul tema dell'attività bancaria e creditizia, che è andato a sostituire ma anche a integrare tutta la congeria di leggi e regolamenti emessi in materia dal 1936 in avanti. La sostanziale novità di questo Testo Unico è il riconoscere la banca come una qualsiasi impresa operante in regime di mercato; di per sè questo principio può rendere enormemente più flessibile il rapporto tra le istituzioni creditizie e le PMI. Nonostante il basso livello di capitalizzazione delle PMI suggerisca che l'apporto di nuovo capitale di rischio sia la via principale per riequilibrare la gestione finanziaria aziendale, non si può pensare di eliminare il ricorso al capitale intermediato. Il debito esiste e quindi è razionale cogliere le opportunità fornite dal Testo Unico al fine di gestirlo nel modo più efficiente. La nuova normativa, eliminando la separazione tra banche di credito ordinario e istituti di credito speciale, imposta una banca multiprodotto autorizzata a tutte le operazioni che godono del mutuo riconoscimento, in pratica la ben nota banca universale. Le operazioni in questione sono sinteticamente le seguenti: - raccolta di fondi con obbligo di restituzione; - operazioni di prestito (ivi comprese le cessioni di credito pro-soluto e pro-solvendo); - leasing finanziario; - servizi di pagamento; - emissione e gestione di mezzi di pagamento; - garanzie e impegni di firma; - operazioni in strumenti di mercato monetario, strumenti finanziari a termine e opzioni, contratti sui cambi e sui tassi di interesse, operazioni in valori mobiliari; - prestazioni di servizi in emissione di titoli; - consulenza alle imprese in tema di struttura finanziaria e strategia industriale; - servizi del tipo "money-broking"; - consulenza nella gestione dei patrimoni; - servizi di informazione commerciale. Come si può notare, oltre alle tradizionali attività gestite dalla banca ve ne sono altre sulla base delle quali può instaurarsi un rapporto più stringente con l'impresa. B - La gestione del patrimonio del piccolo imprenditore Va osservato che nelle piccole e piccolissime aziende il patrimonio personale-familiare dell'imprenditore è quasi coincidente con il patrimonio aziendale. Per cui lo sviluppo di un rapporto del tipo "private banking" è utile alla funzione finanziaria dell'azienda ogni qualvolta quest'ultima è costituita in forma di azienda individuale o di società di persone (più in generale in tutti quei casi in cui l'azienda non gode di autonomia patrimoniale perfetta). Il private-banking rappresenta normalmente un insieme di servizi a tutto campo, presuppone la fidelizzazione del piccolo imprenditore ed è caratterizzato da tre aspetti principali: la personalizzazione del servizio, svariate tecnologie finanziarie, la segmentazione per tipologia di clientela. La combinazione di questi tre parametri può avvenire a qualsiasi livello e quindi la logica del private-banking si può applicare non solo a imprenditori con elevate dotazioni patrimoniali ma anche ad imprenditori con patrimoni relativamente ridotti. Può limitarsi in via esclusiva alla gestione patrimoniale ( european style banking ) oppure spingersi nel terreno fiscale e nella concessione di finanziamenti ( american style banking ). 1

3 Un rapporto banca-impresa del tipo private banking, se inteso nella sua accezione specialistica di servizi di vasta gamma e personalizzati, deve essere considerato separatamente dalla tradizionale offerta commerciale delle banche, anche perchè può coinvolgere altri intermediari. Il private-banking di tipo europeo si caratterizza per una fusione tra la fase di pianificazione delle esigenze del piccolo imprenditore e la fase tecnica di personalizzazione del portafoglio. In queste due fasi l'operato della banca è fondamentale dato che il piccolo imprenditore raramente propone di sua iniziativa il modello di portafoglio a lui più adatto, quindi in realtà la personalizzazione del servizio avverrà sulla base di una griglia di opzioni predefinite dalla banca e che si caratterizzano per orizzonte temporale, rischio e redditività degli investimenti, per livelli di liquidità, nonchè per tutta una serie di variabili fiscali e valutarie. Dalla prima fase di specificazione delle esigenze, il piccolo imprenditore sarà classificato come "wealth preserver", se orientato alla redditività attuale e al mantenimento del potere di acquisto del patrimonio, come "wealth builder", se il suo orizzonte temporale è più orientato sul lungo periodo e se è dotato di una media propensione al rischio, oppure come "wealth maximizer", se alla pari del wealth builder è orientato sul lungo periodo ma è disposto ad assumere rischi più decisi miranti alla massimizzazione dei capital gain. In questo rapporto con la banca il piccolo imprenditore può porsi in posizione attiva o passiva. Nel primo caso esso manterrà costantemente il controllo del portafoglio anche dopo aver dato mandato per la gestione del suo patrimonio, mentre nel secondo caso la delega è totale. Appare chiaro che le maggiori ricadute sull'attività della PMI si avranno in presenza di una posizione attiva del piccolo imprenditore, in quanto mandato di gestione sottoscritto con la banca prevede un continuo scambio di informazioni che vanno ad aggiornare gli scenari di riferimento in base ai quali il portafoglio è stato modellato, scenari che sostanzialmente sono gli stessi in cui opera l'azienda. In pratica il rapporto di private banking spesso va oltre la gestione del patrimonio ma sconfina nella vera e propria attività imprenditoriale. Nel caso del private banking europeo, come d'altra parte per quello statunitense, i piccoli e medi imprenditori tendono frequentemente a porsi in posizione attiva, e su ciò pesano non poco le commissioni generalmente commisurate al patrimonio gestito 1. Il successo di un simile rapporto banca-piccolo imprenditore dipende strettamente dalla fidelizzazione di quest'ultimo, il che si inquadra in una attività creditizia sul tipo della banca universale se non anche dell' hausbank. C - Il "customer dealing room desk" La domanda rivolta alle banche per la gestione dei rischi finanziari, sia di cambio che di interesse, è variabile tanto quanto sono volatili i mercati valutari e finanziari. Questa domanda è più pressante nel caso di una PMI, vista la ridotta dimensione aziendale che non giustifica l'impiego di specifiche risorse (soprattutto umane) per l'approfondita valutazione delle correlazioni tra scelte operative e scelte finanziarie; spesso però è una domanda latente, inespressa. Da quando nel 1993 è mancato l'ancoraggio della Lira allo SME, con tutte le ben note conseguenze non solo sui tassi di cambio ma anche sui tassi di interesse, la stessa gestione finanziaria di breve periodo appare piuttosto problematica. In presenza di instabilità dei mercati valutari e finanziari la priorità con cui una PMI (ma anche una grande impresa) prende le sue decisioni, fa anteporre le scelte finanziarie a quelle operative, stando a significare che anche per le PMI le scelte finanziarie concorrono anticipatamente all andamento della gestione. Non appaiono più sufficienti coperture finanziarie reattive ma sembra essere necessario un atteggiamento anticipativo; per fare un esempio, nel caso di una PMI esportatrice il rischio di 1 Normalmente sono inversamente correlate al patrimonio, ma dipendono anche dal tipo di posizione assunta dall'imprenditore (attiva o passiva) e dalla presenza di una consulenza che deborda dalla gestione patrimoniale per arrivare a quella aziendale; formalmente le commissioni non risultano da un'esplicito e separato contratto di consulenza. 2

4 cambio non va aggredito al sorgere del credito in valuta ma è auspicabile che sia affrontato già dal perfezionamento del contratto. La gestione finanziaria proattiva ha per la PMI lo specifico vantaggio di evitare le sovracoperture/sottocoperture del rischio tipiche della gestione operazione per operazione, e accresce forzatamente la cultura finanziaria in tema di direzione, ampiezza e timing delle aspettative sui cambi e sui tassi. La dimensione della copertura incide fortemente la struttura economica della PMI, nel senso che coeteris paribus essa preferirà coperture tanto più flessibili e limitate in presenza di un breve ciclo economico aziendale 2. La qualità della copertura è normalmente influenzata dalla propensione della PMI a sostenerne i costi, limitatamente a quelli che non sarebbero presenti in posizioni aperte (ovvero non coperte). In considerazione di tutto questo la scelta sulla gestione dei rischi finanziari appare estremamente soggettiva, ma l'aspetto più delicato è del tipo "make or buy". Normalmente nella PMI mancano attitudini spiccatamente finanziarie tenuto conto del fatto che il know how del piccolo imprenditore è quasi esclusivamente tecnico e commerciale: la scelta cruciale è perciò quella fra l'approntare la copertura finanziaria internamente all'azienda ( make ) o rivolgersi ad un intermediario specializzato in tal senso ( buy ). Anche tenendo conto che una delle maggiori remore del piccolo imprenditore alla soluzione del tipo "buy" è quella che il rivolgersi all'esterno riduce il suo controllo sull attività, la nuova normativa bancaria prefigura buone prospettive per un approfondimento del rapporto banca-impresa. A questo scopo le banche hanno cominciato a istituire al loro interno i cosidetti "customer dealing room desk", ovvero nuclei operativi che forniscono complessi servizi di copertura finanziaria. Con questo strumento la banca supera la sua tradizionale posizione passiva di semplice servizio informativo per il cliente che ne faccia richiesta, a favore di un atteggiamento propositivo e continuativo. Compito principale dei customer dealing room desk è quello di intervenire tempestivamente per la copertura finanziaria del piccolo imprenditore evitando da un lato operazioni non redditizie per la banca e dall'altro operazioni troppo costose per l'impresa. Questo tipo di rapporto banca-impresa è innovativo non solo perchè è di tipo continuativo ma anche perchè si inquadra nella generale attività di banca universale. E' infatti necessario un legame più stringente ed esclusivo tra l'imprenditore e la banca, nel senso che il primo non fissi l'attenzione soltanto sulla quantità dell'assistenza bancaria e sia più attento ai differenziali di prezzo dei servizi richiesti, e la seconda non sia orientata a una logica di prodotto ma a una logica per cliente. Il primo passo dello staff del customer dealing room desk è quello di una visita aziendale al fine di meglio qualificare le grandezze a rischio, ma la fase cruciale è quella di presentare all'imprenditore la gamma di opzioni evidenziandone vantaggi e svantaggi rispetto alla loro realizzazione interna all'azienda. Nella realtà bancaria italiana questo tipo di servizio si svolge con lo schema del "problem solving", il quale porta progressivamente l'impresa nell'ottica della banca universale. Questa strategia si basa sulla fidelizzazione dell'imprenditore, che è la leva principale per superare gli ostacoli che si frappongono alla diffusione degli strumenti di copertura. Il primo degli ostacoli da superare è la diffidenza dell'imprenditore e la sua scarsa conoscenza degli strumenti di gestione del rischio, ostacolo aggirabile proprio da una relazione banca-impresa costante e continua. Un secondo ostacolo è la perdita dell'"upside potential", ovvero il mancato profitto che si potrebbe conseguire con posizioni non coperte in presenza di una favorevole evoluzione dei cambi e dei tassi. L'errore tipico dell'imprenditore è quello di paragonare l upside potential con il costo della copertura, quando invece quest'ultima deve essere considerata una forma assicurativa. Un trasparente rapporto con l'imprenditore può risolvere il problema, nel senso che il customer dealing room desk può contrattare con l'impresa coperture parziali e flessibili non 2 Per esso intendiamo il tempo medio intercorrente tra il sostenimento di un costo e l'ottenimento del corrispondente ricavo. 3

5 azzerando del tutto l' upside potential. Altro ostacolo è il costo della copertura, che con un'orientamento al cliente piuttosto che al prodotto da parte della banca può essere contenuto entro limiti accettabili attraverso operazioni selettive 3. Come quarto ostacolo vi è l'identificazione tra "mancanza di uno strumento idoneo" e "mancanza del bisogno di copertura", confusione che viene evitata da un rapporto diretto e continuato tra imprenditore e banca. La limitazione principale alla diffusione del customer dealing room desk sembra essere l'asimmetria informativa tra l'impresa e la banca. La carenza di informazioni tempestive e trasparenti impedisce alla banca di fidelizzare il rapporto con l'impresa, e la scarsa diffusione di segnali riguardanti l'attività della PMI dipende molto spesso dal fatto che questa non è dotata di un buon sistema informativo interno. Questo vincolo va rimosso ma ciò può avvenire solo sostenendo costi materiali e psicologici. I primi attengono alla formazione del personale aziendale addetto alla funzione finanziaria mentre i secondi riguardano l'innata resistenza alla rimozione di procedure amministrative vecchie ma consolidate. Il principale fattore che può far superare questi ostacoli è paradossalmente un ridotto margine di struttura: in tal caso, infatti, la PMI si troverebbe ad agire nei pressi del break even point rendendosi così necessaria la gestione anticipata della tesoreria. D - La partecipazione della banca al capitale di rischio della PMI Il rapporto partecipativo tra banca e piccola impresa è una via attraverso cui realizzare un'operatività di medio e lungo periodo tra i due soggetti. In realtà il Testo Unico in materia bancaria non disciplina questo tema, che resta caratterizzato dalla normativa imposta dalla Banca d'italia e dal Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio. Al riguardo è stato mantenuto il principio della separatezza, in base al quale è opportuna la distinzione tra l'azienda e la banca finanziatrice. Le norme attuali consentono alle istituzioni creditizie investimenti partecipativi complessivamente non superiori al 15% del loro patrimonio di vigilanza, con un limite del 3% in relazione ad ogni singola partecipazione, e un ulteriore limite del 15% del capitale dell'impresa partecipata; queste soglie possono essere superate da banche di grandi dimensioni. Se queste opzioni fossero utilizzate appieno per le PMI, più che vincoli all'intervento del sistema bancario appaiono come nuove opportunità di ricapitalizzazione. Si ricordi che nel sistema creditizio tedesco non sono rare partecipazioni in piccole imprese che si spingono fino al 90% del capitale dell'azienda partecipata. Un interessante opportunità offerta dalle normative della Banca d'italia è l'operazione comunemente nota come "debt-for-equity-swap". E' prevista infatti la conversione in partecipazioni di crediti bancari verso aziende in difficoltà, anche se permane l'obbligo di dismetterle alla prima favorevole occasione. Resta però il fatto che nel frattempo la banca deve predisporre un piano di riequilibrio finanziario non superiore ai cinque anni, e che nell'effettuare una simile operazione possano essere superati i limiti precedentemente visti. Al di la dei vincoli normativi imposti alle banche, si impongono alcune riflessioni. Le caratteristiche strutturali delle PMI sono dominate dalla contemporanea presenza di un basso livello di capitalizzazione, in relazione al rischio d'impresa, e dall'elevata incidenza del debito a breve termine. Le banche non possono superare ragionevoli livelli di rischio nello svolgere la loro funzione creditizia, e anche eventuali interventi che andassero a ridefinire la struttura del debito per scadenza ripristinerebbero l'equilibrio finanziario di breve periodo ma non potrebbero certamente realizzare l'auspicata netta separazione tra rischio di credito e rischio d'impresa. L'intervento di ricapitalizzazione ad opera della banca stessa contribuirebbe certamente ad attenuare questi aspetti negativi, anche è opportuno che il coniugare la posizione di finanziatore sia di rischio che di credito sia solo una soluzione temporanea. Tra l'altro, per svolgere questa funzione suppletiva (in attesa di 3 Un caso tipico si verifica per la PMI esportatrice alla quale può essere proposto un pacchetto del tipo "zero cost collar" con il quale si incrociano la vendita di un'opzione put e l'acquisto di un'opzione call. 4

6 altri finanziatori a titolo di rischio) per la banca sarebbe necessario poter disporre di informazioni più approfondite riguardo le prospettive economiche della PMI. 5

7 BIBLIOGRAFIA Baglioni A. (1993) - Banca universale, gruppo polifunzionale, banca mista: una rassegna della letteratura, Collana Ricerche della Banca Commerciale Italiana, r93-8 Banca d Italia (1993) - Il testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, Bollettino Economico, ottobre Baravelli M. (1993) - Il recepimento della seconda direttiva comunitaria ed il modello della banca universale, Il Risparmio, 4 Basile I. (1995) - Sviluppo dei mercati derivati e rapporto banca-impresa, Notiziario Economico della Banca S. Paolo di Brescia, 3 Berneschi G. (1993) - Riforme e modelli organizzativi per l impresa bancaria in ottica europea, Economia e Diritto del Terziario, 2 Bianchi M. e Donna G. (1984) - Errori strategici di gestione finanziaria, L impresa, 4 Bini M. (1995) - I tratti caratteristici del private banking in italia, Rivista Milanese di Economia, 53 Marotta G. (1993) - Banche e piccola impresa: una nota, Notiziario Economico della Banca S. Paolo di Brescia, 2 Metelli F. (1995) - I servizi bancari perla tesoreria d impresa, Notiziario Economico della Banca S. Paolo di Brescia, 3 Metzger R. O. e Dey S. (1986) - Affluent customers: what do they really value?, Journal of Retail Banking, 1 Mondello A. (1994) - Il rapporto banca-impresa: il punto di vista di un industriale, Economia Italiana, 2 Porta A. (1993) - I modelli di specializzazione degli intermediari creditizi e il rapporto bancaimpresa dopo il recepimento della seconda direttiva comunitaria, Economia e Diritto del Terziario, 2 Porteri A. (1992) - Despecializzazione del sistema bancario e introduzione della banca universale in Italia, Notiziario Economico della Banca S. Paolo di Brescia, 3 Ripa G. (1993) - Guida alla nuova legge bancaria, Milano Finanza, ottobre Rose S. (1992) - A new approach to private banking Journal of Retail Banking, 2 Rossi E. (1995) - La gestione dei rischi finanziari nelle imprese non grandi: il ruolo dei customer desk bancari, Rivista Milanese di Economia, 53 Toniolo G. (1993) - La banca affronta il mercato, Il Sole 24 Ore, 28 agosto Tosini G. (1993) - La nuova legge bancaria: dai vincoli al mercato, Notiziario Economico della Banca S. Paolo di Brescia, 3 Vitali C. (1994) - La gestione avanzata del credito: strumenti ed esperienze di una banca di piccola-media dimensione, Notiziario Economico della Banca S. Paolo di Brescia, 2 6

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4 Indice Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro

Dettagli

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione Indice Presentazione xiii 1 Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 2 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 2 1.3 Quali funzioni svolge il sistema

Dettagli

Indice. 2 Elementi di teoria dell intermediazione finanziaria Introduzione 3

Indice. 2 Elementi di teoria dell intermediazione finanziaria Introduzione 3 parte I Prefazione Attribuzioni Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIII XVI XVIII XIX Introduzione e panoramica dei mercati finanziari 1 1 Introduzione 3 1.1 Perché uno studio su mercati e

Dettagli

L'equilibrio finanziario e patrimoniale delle banche italiane

L'equilibrio finanziario e patrimoniale delle banche italiane L'equilibrio finanziario e patrimoniale delle banche italiane Workshop CeTIF Risk Management e pianificazione strategica verso Basilea III: credito, liquidità e patrimonio Francesco Romito Ispettorato

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL TESORO D.M. 6 luglio 1994. Determinazione, ai sensi dell'art. 106, comma 4, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, del contenuto delle attività indicate nello stesso art. 106, comma 1, nonché in quali

Dettagli

Funzioni e struttura del sistema finanziario, ruolo di quello bancario

Funzioni e struttura del sistema finanziario, ruolo di quello bancario Funzioni e struttura del sistema finanziario, ruolo di quello bancario Obiettivi Analizzare le funzioni, la struttura e le componenti del sistema finanziario e il ruolo del sistema bancario Osservare l

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale FUNZIONE FINANZIARIA Oggetto: gestione razionale del fattore capitale TEORIA DELLA FINANZA: Modelli di comportamento volti a razionalizzare le decisioni gestionali QUALI SONO I VALORI IN GIOCO? La solidita

Dettagli

B) Si dica se le seguenti affermazioni sono Vere o False appostando una crocetta in modo opportuno

B) Si dica se le seguenti affermazioni sono Vere o False appostando una crocetta in modo opportuno ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

IL RICORSO AL FACTORING

IL RICORSO AL FACTORING IL RICORSO AL NELLE IMPRESE ITALIANE MOTIVAZIONI, PERCEZIONI ED EFFETTI SULLA GESTIONE E SUI BILANCI Diego Tavecchia ASSIFACT Convegno Finanziare la Ripresa - Un nuovo rapporto tra PMI e banche Lunedì

Dettagli

Istituto Professionale di Stato Sede e Segreteria: Via di San Bartolo a Cintoia 19/a 50142 Firenze a.s. 2014 2015 CLASSE III A Accoglienza turistica DISCIPLINA: DIRITTO E TECNICA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE

Dettagli

Le funzioni del sistema finanziario

Le funzioni del sistema finanziario Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 1.3 Quali funzioni svolge il sistema finanziario 1.3.1 L offerta

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL 'USURA

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL 'USURA Foglio N. 0.00.3 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 "Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia" (e successive modifiche ed integrazioni)

Dettagli

Company Profile. Società Cooperativa di Produzione e Lavoro tra Mediatori Creditizi a Mutualità Prevalente

Company Profile. Società Cooperativa di Produzione e Lavoro tra Mediatori Creditizi a Mutualità Prevalente Company Profile Società Cooperativa di Produzione e Lavoro tra Mediatori Creditizi a Mutualità Prevalente CHI SIAMO COOPCREDIT S.C.P.A. L unica vera novità nel panorama della Mediazione Creditizia CoopCredit

Dettagli

Risultati preliminari dell esercizio 2016

Risultati preliminari dell esercizio 2016 Comunicato Stampa Risultati preliminari dell esercizio 2016 CET 1 Capital ratio consolidato al 25,5% Raccolta complessiva della clientela incluse le attività fiduciarie nette in crescita a 5,7 miliardi

Dettagli

Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione tra investimenti e finanziamenti Ø Andamento di investimenti e finanziamenti

Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione tra investimenti e finanziamenti Ø Andamento di investimenti e finanziamenti TIPOLOGIE DI INDICATORI Desumibili dallo SP: Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione tra investimenti e finanziamenti Ø Andamento di investimenti e finanziamenti Desumibili

Dettagli

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO A.A. 2016/2017 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste RACCOLTA BANCARIA Risorse finanziarie Capitale proprio Strumenti

Dettagli

Percorso professionalizzante - Il bilancio delle banche

Percorso professionalizzante - Il bilancio delle banche www.abiformazione.it Percorso professionalizzante - Il bilancio delle banche Fiscalità e bilancio / Bilancio Il bilancio della banca è un documento fondamentale d'informazione per una pluralità di soggetti

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SUL FABBISOGNO DI CONSULENZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE

ALCUNE RIFLESSIONI SUL FABBISOGNO DI CONSULENZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ALCUNE RIFLESSIONI SUL FABBISOGNO DI CONSULENZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE Stefano Guidotti Responsabile Area Finanza di impresa Bologna, 13 ottobre 2016 La finanza delle aziende e in particolare delle

Dettagli

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement A Le questioni in corso e le linee di indirizzo l contesto istituzionale ed economico 1 La crisi dell Area euro, la risposta delle istituzioni e le prospettive 5 1.1 L evoluzione della crisi e i riflessi

Dettagli

Corso di Analisi Finanziaria. Prof. Francesco RANALLI AA.AA. 2017/ Lo stato patrimoniale

Corso di Analisi Finanziaria. Prof. Francesco RANALLI AA.AA. 2017/ Lo stato patrimoniale Corso di Analisi Finanziaria Prof. Francesco RANALLI AA.AA. 2017/2018 3. Lo stato patrimoniale 1 TIPOLOGIE DI INDICATORI Desumibili dallo SP: Ø composizione degli investimenti e dei finanziamenti Ø correlazione

Dettagli

IL FACTORING E BASILEA 2: OPPORTUNITA DA COGLIERE PER LE AZIENDE. relatore: Dott. Paolo Viano dottore commercialista - revisore dei conti

IL FACTORING E BASILEA 2: OPPORTUNITA DA COGLIERE PER LE AZIENDE. relatore: Dott. Paolo Viano dottore commercialista - revisore dei conti IL FACTORING E BASILEA 2: OPPORTUNITA DA COGLIERE PER LE AZIENDE relatore: Dott. Paolo Viano dottore commercialista - revisore dei conti L INFLUENZA DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULLE IMPRESE CHE UTILIZZANO

Dettagli

CONVEGNO DI STUDI. I fondi di credito. Prof. Massimo Biasin Dipartimento di Economia e Diritto Macerata, 14 novembre 2014

CONVEGNO DI STUDI. I fondi di credito. Prof. Massimo Biasin Dipartimento di Economia e Diritto Macerata, 14 novembre 2014 CONVEGNO DI STUDI I fondi di credito Prof. Massimo Biasin Dipartimento di Economia e Diritto massimo.biasin@unimc.it Macerata, 14 novembre 2014 I fondi di credito Forma di finanza non bancaria a completamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2012 PRIMO TRIMESTRE IN DECISO MIGLIORAMENTO

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2012 PRIMO TRIMESTRE IN DECISO MIGLIORAMENTO CAMFIN COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2012 PRIMO TRIMESTRE IN DECISO MIGLIORAMENTO RISULTATO NETTO CONSOLIDATO POSITIVO PER 22,1 MILIONI DI EURO (16,7 MILIONI DI

Dettagli

Moneta e sistema bancario

Moneta e sistema bancario Moneta e sistema bancario Cos è la moneta? La moneta è uno strumento indispensabile al funzionamento dell economia e il mercato monetario condiziona in modo determinante il mercato dei beni reali. Sebbene

Dettagli

Il consulente finanziario indipendente

Il consulente finanziario indipendente I consulenti finanziari indipendenti possono essere definiti come soggetti che, a titolo oneroso e su base continuativa, svolgono attività di consulenza verso terzi in materia di strumenti finanziari.

Dettagli

Fondi Amundi Obiettivo

Fondi Amundi Obiettivo Fondi Amundi Obiettivo REGOLAMENTO Il presente Regolamento è stato approvato dall organo amministrativo della SGR che, dopo averne verificato la conformità rispetto alle disposizioni vigenti, ha accertato

Dettagli

Servizi di Wealth Management

Servizi di Wealth Management Servizi di Wealth Management FinLabo Sim in breve SOCIETA di Intermediazione Mobiliare fondata nel 2006 FinLABO Sim è una Società di Intermediazione Mobiliare autorizzata dalla Banca D Italia e dalla Consob,

Dettagli

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

INDICE RAGIONERIA PARTE I I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI. Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia. pag.

INDICE RAGIONERIA PARTE I I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI. Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia. pag. INDICE Presentazione XI PARTE I RAGIONERIA di Valter Cantino e Alain Devalle I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI CHIUSURA DEL BILANCIO 3 Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia

Dettagli

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Giovanni Fermi Responsabile Direzione Organizzazione e Sistemi Banca

Dettagli

Agevolazioni & Incentivi Srl

Agevolazioni & Incentivi Srl Agevolazioni & Incentivi Srl Agevolazioni & Incentivi Agevolazioni & Incentivi svolge attività di consulenza e assistenza a favore delle aziende nell ambito della finanza d impresa. I nostri esperti sono

Dettagli

IL PROGETTO AGRISVILUPPO A SUPPORTO DELLE FILIERE AGRICOLE ITALIANE

IL PROGETTO AGRISVILUPPO A SUPPORTO DELLE FILIERE AGRICOLE ITALIANE IL PROGETTO AGRISVILUPPO A SUPPORTO DELLE FILIERE AGRICOLE ITALIANE MARZO 2016 Il settore dell agricoltura in Italia: contesto di mercato L agricoltura è il terzo settore per numero di imprese attive iscritte

Dettagli

Le Banche. La definizione di banca nell ordinamento italiano. Contenuti. 1. La banca: definizione e funzioni

Le Banche. La definizione di banca nell ordinamento italiano. Contenuti. 1. La banca: definizione e funzioni Le Banche Contenuti 1 Le Banche Contenuti 1. La banca: definizione e funzioni La definizione di banca nell ordinamento italiano Nell ordinamento italiano la banca è considerata un impresa che può esercitare

Dettagli

Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione. Si distinguono in: Logica Funzionale (flusso generato da uno stock)

Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione. Si distinguono in: Logica Funzionale (flusso generato da uno stock) Analisi per indici Cosa sono? Relazioni fra grandezze che presentano una connessione Logica Funzionale (flusso generato da uno stock) Si distinguono in: Margini (differenze) Indicatori o ratios (quozienti)

Dettagli

CONVEGNO I Confidi Vigilati: nuove opportunità per banche e imprese

CONVEGNO I Confidi Vigilati: nuove opportunità per banche e imprese CONVEGNO I Confidi Vigilati: nuove opportunità per banche e imprese I Confidi vigilati: inquadramento alla luce delle novità previste dal decreto 141/2010 Foggia, 27 settembre 2012 Università di Foggia

Dettagli

ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO

ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO Roma, 28 settembre 2011 Il Consiglio di Amministrazione di Enel SpA, presieduto da

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO DI CAMBIO

GESTIONE DEL RISCHIO DI CAMBIO GESTIONE DEL RISCHIO DI CAMBIO LA VOLATILITÀ DEI CAMBI In un ambiente industriale competitivo, caratterizzato da una generale riduzione dei margini, la gestione dell impatto della volatilità dei cambi

Dettagli

Canali distributivi dei servizi bancari. Massimo Caratelli, maggio 2017

Canali distributivi dei servizi bancari. Massimo Caratelli, maggio 2017 Canali distributivi dei servizi bancari Massimo Caratelli, maggio 2017 1 Contenuti Ø Ø Ø Ø Servizio finanziario Sistema di erogazione e distribuzione dei servizi finanziari Canale distributivo Caratteristiche

Dettagli

Vanni Bovi Direttore Commerciale Imprese Milano e Provincia Intesa Sanpaolo

Vanni Bovi Direttore Commerciale Imprese Milano e Provincia Intesa Sanpaolo Vanni Bovi Direttore Commerciale Imprese Milano e Provincia Intesa Sanpaolo Punti chiave e novità dell Accordo 2014-2015 I cinque pilastri 1 2 3 5 Expo 2015 Crescita Innovazione e Startup Export e Internazionalizzazione

Dettagli

FINANZA COMPLEMENTARE: LO SMOBILIZZO CREDITI PER LE PMI E GLI NPL

FINANZA COMPLEMENTARE: LO SMOBILIZZO CREDITI PER LE PMI E GLI NPL FINANZA COMPLEMENTARE: LO SMOBILIZZO CREDITI PER LE PMI E GLI NPL 1 CONFIDI DAY Palermo, 20 ottobre 2016 Dott. Graziano Del Greco, Amm.re Unico K2C Consulting SrL K2C Consulting 2 K2C è una società di

Dettagli

Tabella 1 Conto economico consolidato di Unicredit Banca: formazione dell utile (dati in migliaia di euro)

Tabella 1 Conto economico consolidato di Unicredit Banca: formazione dell utile (dati in migliaia di euro) Analisi della performance di Unicredit Banca. Analizzeremo ora l andamento dei ricavi di servizi di Unicredit Banca. Per avere maggiori informazioni sulle componenti del margine d intermediazione verrà

Dettagli

SELEZIONE E COMPETENZA, PER STARE AL PASSO COI MERCATI

SELEZIONE E COMPETENZA, PER STARE AL PASSO COI MERCATI GPF EVOLUZIONE GPF EVOLUZIONE Col passare degli anni l offerta di strumenti di investimento si è fatta sempre più ampia e specializzata ed è quindi molto importante affidarsi a professionisti in grado

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale I sistemi di controllo direzionale: progettazione, strumenti, organizzazione, ruoli Prof. Cattaneo Cristiana Bergamo, 7 Ottobre

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Economia aziendale, bilancio, business plan Anno accademico 2016/2017 Prof. Antonio Staffa Prof. Mario Venezia

Dettagli

RISPOSTA DELL ABI ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE SULL ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2001/65/CE

RISPOSTA DELL ABI ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE SULL ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2001/65/CE RISPOSTA DELL ABI ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE SULL ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2001/65/CE e 2003/51/CE E SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELL ORGANISMO ITALIANO

Dettagli

Lezione Gli indici di bilancio

Lezione Gli indici di bilancio Lezione Gli indici di bilancio Obiettivi Analizzare i principali indici di bilancio delle banche Fornire una lettura integrata degli stessi Gli indici di bilancio Gli indici di bilancio si ottengono mettendo

Dettagli

Legge n. 108 del 7/3/ Disposizioni in materia di usura

Legge n. 108 del 7/3/ Disposizioni in materia di usura Legge n. 108 del 7/3/1996 - Disposizioni in materia di usura Rilevazione dei tassi di interesse effettivi globali medi ai fini della Legge sul'usura (*) Medie aritmetiche dei tassi sulle singole operazioni

Dettagli

Informativa al Pubblico Ai sensi delle disposizioni di vigilanza prudenziale sulle Banche

Informativa al Pubblico Ai sensi delle disposizioni di vigilanza prudenziale sulle Banche Informativa al Pubblico Ai sensi delle disposizioni di vigilanza prudenziale sulle Banche (Circolare Banca d Italia n. 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2) Situazione riferita al 31 Dicembre 2014

Dettagli

I principi contabili L orientamento Sono le regole per la predisposizione dei conti annuali (bilanci) delle imprese.

I principi contabili L orientamento Sono le regole per la predisposizione dei conti annuali (bilanci) delle imprese. I principi contabili L orientamento Sono le regole per la predisposizione dei conti annuali (bilanci) delle imprese. Regole compilazione bilancio Common law Regole stabilite dagli operatori tutela Civil

Dettagli

Fonti di finanziamento esterne:

Fonti di finanziamento esterne: Fonti di finanziamento esterne: DEFINIZIONE: Le fonti esterne di finanziamento sono rappresentate da tutti quei debiti che, con diverse modalità e varie scadenze, l impresa accende con i terzi. SONO FONTI

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

Pegognaga, 30 Giugno Carpe Diem BANCHE E MERCATO FINANZIARIO quali opportunità possono cogliere le imprese?

Pegognaga, 30 Giugno Carpe Diem BANCHE E MERCATO FINANZIARIO quali opportunità possono cogliere le imprese? Pegognaga, 30 Giugno 2016 Carpe Diem BANCHE E MERCATO FINANZIARIO quali opportunità possono cogliere le imprese? 1. Banca: il merito di credito Analisi aziendale e negoziazione: come discutere con gli

Dettagli

WORKSHOP OPPORTUNITA E STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE MARZO 2014 Intervento dott. Sandro Di Cicco

WORKSHOP OPPORTUNITA E STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE MARZO 2014 Intervento dott. Sandro Di Cicco WORKSHOP OPPORTUNITA E STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE 28 29 MARZO 2014 Intervento dott. Sandro Di Cicco Responsabile Agevolazioni Iccrea BancaImpresa 1 AGEVOLAZIONI : UN SUPPORTO ALLE

Dettagli

Come rafforzare il patrimonio e la liquidità delle imprese trentine: giusti incentivi e strumenti efficaci

Come rafforzare il patrimonio e la liquidità delle imprese trentine: giusti incentivi e strumenti efficaci Come rafforzare il patrimonio e la liquidità delle imprese trentine: giusti incentivi e strumenti efficaci Incontro per il monitoraggio della manovra anticrisi Trento, 12 giugno 2009 Luca Erzegovesi Dipartimento

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 3. 3 Tassi di interesse e valutazione degli strumenti obbligazionari 39

Indice. 1 Introduzione 3. 3 Tassi di interesse e valutazione degli strumenti obbligazionari 39 Indice Prefazione I collaboratori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XII XV XVI XVII PARTE 1 INTRODUZIONE E PANORAMICA DEI MERCATI FINANZIARI 1 1 Introduzione 3 1.1 Perché uno studio su mercati

Dettagli

Strumenti innovativi per la creazione d impresa

Strumenti innovativi per la creazione d impresa I Seminario: competitività Modulo n. 2: Strumenti innovativi per la creazione d impresa Fondo Perequativo Accordo di Programma MISE Unioncamere 2010 Progetto n. 89 } } La valutazione della redditività

Dettagli

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # #

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # # Allegato II Informazioni sulle remunerazioni per finalità di benchmarking - GL EBA 2014/8 Schema n. 1 - Informazioni sulle remunerazioni di tutto il personale Codice della banca, della SIM o del gruppo

Dettagli

Ricavi in crescita del 4,7% nel Q a 390,1m. EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo del 9% a 38,5m

Ricavi in crescita del 4,7% nel Q a 390,1m. EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo del 9% a 38,5m COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2016 SOGEFI (GRUPPO CIR): Ricavi in crescita del 4,7% nel Q1 2016 a 390,1m EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo

Dettagli

Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata Le iniziative da realizzare Le risorse da i

Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata Le iniziative da realizzare Le risorse da i IL Business Planning Definizione e contenuti del Business Plan Il modello di Business Budgeting Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata

Dettagli

WELFARE INDEX PMI. Enea Dallaglio Amministratore Delegato Innovation Team. Il welfare nelle pmi italiane 08/03/2016 Salone delle Fontane Roma

WELFARE INDEX PMI. Enea Dallaglio Amministratore Delegato Innovation Team. Il welfare nelle pmi italiane 08/03/2016 Salone delle Fontane Roma Il welfare nelle pmi italiane 08/03/2016 Salone delle Fontane Roma RAPPORTO 2017 WELFARE INDEX PMI Enea Dallaglio Amministratore Delegato Innovation Team www.welfareindexpmi.it Un anno fondamentale per

Dettagli

La moneta: funzioni. Intermediario degli scambi Mezzo di pagamento universale Unità di misura dei prezzi Riserva di valore

La moneta: funzioni. Intermediario degli scambi Mezzo di pagamento universale Unità di misura dei prezzi Riserva di valore La moneta: funzioni Intermediario degli scambi Mezzo di pagamento universale Unità di misura dei prezzi Riserva di valore Tipi di moneta Moneta merce: beni intermediari (sale, corallo, pecore) = svantaggi

Dettagli

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità Applicazione n. 2 Analisi della solidità e della liquidità Alfa S.p.A. Bilancio separato al 31.12.2010 Stato patrimoniale 31.12.2010 31.12.2009 Attività non correnti Immobili, impianti e macchinari 7.418.159

Dettagli

LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI

LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1 SOMMARIO Aspetti introduttivi La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Gli indicatori finanziari e patrimoniali La riclassificazione del Conto Economico Gli indicatori

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, relazione

Dettagli

IL BILANCIO D ESERCIZIO

IL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO funzione,analisi equilibri e attestazioni 1 L AZIENDA COME SISTEMA DI RISCHI LA GESTIONE AZIENDALE: - si svolge in un contesto di incessante cambiamento in presenza di RISCHI (esterni

Dettagli

INDAGINE SUL CREDITO BANCARIO NELL AREA DELL EURO QUESTIONARIO

INDAGINE SUL CREDITO BANCARIO NELL AREA DELL EURO QUESTIONARIO INDAGINE SUL CREDITO BANCARIO NELL AREA DELL EURO QUESTIONARIO I. Prestiti e linee di credito a favore delle imprese 1. Negli ultimi tre mesi, come sono mutati i criteri applicati dalla vostra banca per

Dettagli

Discorso di apertura del convegno Nordest Technology Transfer Saluto tutti gli Ospiti che ci onorano della loro presenza, i Ricercatori, gli

Discorso di apertura del convegno Nordest Technology Transfer Saluto tutti gli Ospiti che ci onorano della loro presenza, i Ricercatori, gli Discorso di apertura del convegno Nordest Technology Transfer Saluto tutti gli Ospiti che ci onorano della loro presenza, i Ricercatori, gli Imprenditori, le Autorità; e ringrazio vivamente gli Organizzatori

Dettagli

Indice. Introduzione. xiii. Parte prima Il sistema finanziario 1

Indice. Introduzione. xiii. Parte prima Il sistema finanziario 1 Indice Introduzione xiii Parte prima Il sistema finanziario 1 1 Il sistema finanziario 3 1.1 La struttura del sistema finanziario 4 1.2 Gli intermediari finanziari 6 1.3 I mercati finanziari 8 1.4 Le autorità

Dettagli

Comunicato stampa FIDEURAM INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2017

Comunicato stampa FIDEURAM INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2017 Comunicato stampa FIDEURAM INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2017 TOTALE DELLE MASSE AMMINISTRATE RAGGIUNGE IL LIVELLO RECORD DI 202,9 MILIARDI, SUPERANDO PER LA PRIMA

Dettagli

ANALISI PRELIMINARE VASSALLO SRL. analisi dei Bilanci. rating DFKA MCC. fondo di garanzia. anagrafica soci partecipazioni

ANALISI PRELIMINARE VASSALLO SRL. analisi dei Bilanci. rating DFKA MCC. fondo di garanzia. anagrafica soci partecipazioni ANALISI PRELIMINARE anagrafica soci partecipazioni analisi dei Bilanci bilanci riclassificati rendiconto finanziario indici rating fondo di garanzia DFKA MCC 25/5/216 Ragione sociale : Indirizzo: Comune:

Dettagli

17/11/2015. Il concetto di fonte e di impiego. Fattore produttivo denaro. Flussi in senso stretto di denaro. Flussi in senso lato di movimenti bancari

17/11/2015. Il concetto di fonte e di impiego. Fattore produttivo denaro. Flussi in senso stretto di denaro. Flussi in senso lato di movimenti bancari Lo schema di rilevazione: entrate ed uscite Entrate Uscite Flussi in senso stretto di denaro 1. Il concetto di fonte e di impiego Flussi in senso lato di movimenti bancari Fattore produttivo denaro 1 2

Dettagli

TEMA 1: Analisi e Pianificazione Finanziaria

TEMA 1: Analisi e Pianificazione Finanziaria TEMA 1: Analisi e Pianificazione Finanziaria Redditività e Rendiconto Finanziario (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 2) Temi del corso 1. Analisi e pianificazione finanziaria 2. Pianificazione finanziaria

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO DELLA CONTROPARTE. 13 giugno 2013 Renato Lavoratorini Responsabile Finanza d'impresa Banca Carige Spa

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO DELLA CONTROPARTE. 13 giugno 2013 Renato Lavoratorini Responsabile Finanza d'impresa Banca Carige Spa LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO DELLA CONTROPARTE 13 giugno 2013 Renato Lavoratorini Responsabile Finanza d'impresa Banca Carige Spa Componenti del rischio di credito e loro misurazione INSOLVENZA

Dettagli

PROGRAMMA a.s CLASSE IIIA Accoglienza turistica

PROGRAMMA a.s CLASSE IIIA Accoglienza turistica 1 Istituto Professionale di Stato Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Bernardo Buontalenti Sede e Segreteria: Via di San Bartolo a Cintoia 19/a 50142 Firenze Tel. 055 462781 Fax: 055

Dettagli

Banca Generali approva i risultati dei primi 9 mesi 2007

Banca Generali approva i risultati dei primi 9 mesi 2007 Comunicato stampa Banca Generali approva i risultati dei primi 9 mesi 2007 I risultati consolidati al 30 settembre 2007 1 confermano la crescita Utile netto: 9,3 milioni (+43,1% vs. 30 settembre 2006)

Dettagli

Le operazioni bancarie. A breve termine

Le operazioni bancarie. A breve termine Le operazioni bancarie A breve termine Funzioni delle banche moderne Funzione creditizia: reperiscono i mezzi finanziari sul mkt (stimolano il risparmio) e lo concedono in prestito ad altri soggetti meritori

Dettagli

La cartolarizzazione. Economia degli Intermediari Finanziari. A.A maggio 2009

La cartolarizzazione. Economia degli Intermediari Finanziari. A.A maggio 2009 La cartolarizzazione Economia degli Intermediari Finanziari A.A. 2008-2009 19 maggio 2009 Aspetti definitori È una tecnica di finanziamento che consente di smobilizzare poste dell attivo a fronte dell

Dettagli

Company Identity File dell'impresa 01 Sicilia (Campione 1500 Imprese)

Company Identity File dell'impresa 01 Sicilia (Campione 1500 Imprese) Company Identity File dell'impresa ultima elaborazione: 29/06/2012 Premessa 2/14 Il Campione di Riferimento 3/14 Leanus Flash 2010 Capitale Investito Netto % Turnover: 1,5% Ricavi % 21.095.232.906 100

Dettagli

26. Le aree funzionali

26. Le aree funzionali 26. Le aree funzionali Le funzioni aziendali sono composte da gruppi di operazioni omogenee attraverso le quali il sistema-azienda attua il proprio oggetto e persegue specifici obiettivi. Le aree funzionali

Dettagli

Management Vol.II Funzioni e processi nella gestione d impresa

Management Vol.II Funzioni e processi nella gestione d impresa Management Vol.II Funzioni e processi nella gestione d impresa Decisioni e pianificazioni economicofinanziarie Corso di Management Prof. Sergio Barile Prof. Giuseppe Sancetta 15/11/2016 Lezione numero

Dettagli

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa Davide Vierzi L approccio al controllo di gestione Il controllo di gestione spesso non è sistematico Le cause sono molteplici: Può essere oneroso Non

Dettagli

BAIL-IN. Alcuni criteri di analisi e simulazione del rischio sul sistema bancario

BAIL-IN. Alcuni criteri di analisi e simulazione del rischio sul sistema bancario BAIL-IN Alcuni criteri di analisi e simulazione del rischio sul sistema bancario Alcuni indicatori di solidità delle banche CET1: misura il rapporto tra il core equity tier 1 ed i RWA Deve essere superiore

Dettagli

Lezione Le caratteristiche tecniche e giuridiche degli strumenti finanziari

Lezione Le caratteristiche tecniche e giuridiche degli strumenti finanziari Lezione Le caratteristiche tecniche e giuridiche degli strumenti finanziari Obiettivi Analizzare le caratteristiche tecniche e giuridiche degli Caratteristiche tecniche degli La trasferibilità è una caratteristica

Dettagli

Le imprese toscane al 9 Censimento Istat dell industria e dei servizi Temi di approfondimento

Le imprese toscane al 9 Censimento Istat dell industria e dei servizi Temi di approfondimento Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Le imprese toscane al 9 Censimento Istat dell industria e dei servizi Temi di approfondimento SINTESI La seguente

Dettagli

Ruolo Consorzi Fidi. Missione

Ruolo Consorzi Fidi. Missione Missione I Confidi svolgono da decenni un ruolo importante nell economia italiana. Affiancano, infatti, le imprese nelle varie fasi di nascita, crescita e sviluppo e ne agevolano l accesso al credito,

Dettagli

CREARE UNA NUOVA IMPRESA

CREARE UNA NUOVA IMPRESA CREARE UNA NUOVA IMPRESA Pianificare la gestione con il Business Plan Dott. Patron Daniele Pianificare la gestione con il Business Plan - pagina 1 IL BUSINESS PLAN DI UN IMPRESA COS E E un documento che

Dettagli

Il Gruppo BEI a supporto degli Strumenti Finanziari con dotazione FEASR. Roma, 13 giugno 2016

Il Gruppo BEI a supporto degli Strumenti Finanziari con dotazione FEASR. Roma, 13 giugno 2016 Il Gruppo BEI a supporto degli Strumenti Finanziari con dotazione FEASR Roma, 13 giugno 2016 Presentazione del Gruppo BEI Esperienza del Gruppo BEI con gli strumenti finanziari Strumenti finanziari: caratteristiche

Dettagli

Rischio di Interesse

Rischio di Interesse Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Rischio di Interesse 17 Novembre 2016 Anno Accademico 2016-2017 I temi della lezione Il rischio di tasso Rischio di rifinanziamento Rischio di reinvestimento

Dettagli

L ANALISI DEI MARGINI E DEGLI INDICI DI BILANCIO

L ANALISI DEI MARGINI E DEGLI INDICI DI BILANCIO L ANALISI DEI MARGINI E DEGLI INDICI DI BILANCIO Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Economia aziendale, bilancio, business plan Anno accademico 2016/2017 Prof. Antonio Staffa Prof. Mario Venezia

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 2

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 2 FINANZA AZIENDALE Lezione n. 2 Dalla contabilità alla finanza aziendale 1 SCOPO DELLA LEZIONE Illustrare come le modalità di gestione dell impresa abbiano impatto diretto sul fabbisogno di risorse finanziarie

Dettagli

Iscrizione e classificazione degli strumenti finanziari

Iscrizione e classificazione degli strumenti finanziari Risk and Accounting Iscrizione e classificazione degli strumenti finanziari Marco Venuti 2017 Agenda Iscrizione Classificazione attività finanziarie Fair value option Trasferimenti di comparto (Riclassificazioni)

Dettagli

Il corso si propone di delineare le caratteristiche dell attività bancaria ed i principi di gestione delle banche.

Il corso si propone di delineare le caratteristiche dell attività bancaria ed i principi di gestione delle banche. DOCENTE: Franco Tutino TITOLO DELL INSEGNAMENTO: Economia e Gestione della Banca Modelli operativi e gestionali SSD: SECS-P/11 CORSO DI LAUREA: Scienze aziendali (a partire dall A.A. 2012-2013) Banca,

Dettagli

Estratti e conclusioni del documento votato in Commissione Finanze: INDAGINE CONOSCITIVA SUI MERCATI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

Estratti e conclusioni del documento votato in Commissione Finanze: INDAGINE CONOSCITIVA SUI MERCATI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Estratti e conclusioni del documento votato in Commissione Finanze: INDAGINE CONOSCITIVA SUI MERCATI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Le risultanze emerse nel corso dell indagine permettono di circoscrivere

Dettagli

Le direttrici dell analisi. operativa. economicità. netta. liquidità. solvibilità. solidità. Le direttrici dell analisi di economicità.

Le direttrici dell analisi. operativa. economicità. netta. liquidità. solvibilità. solidità. Le direttrici dell analisi di economicità. Elementi di analisi di bilancio: L analisi per indici Lezione per il corso di: Statistica Applicata per la Banca e le Assicurazioni Corso di Laurea Magistrale in Banca, Assicurazioni e Mercati Finanziari

Dettagli

Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009

Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009 Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009 COMUNICATO STAMPA Ricavi consolidati: 55,4 milioni (rispetto a 68,9 milioni nel primo trimestre 2008) Utile netto consolidato: 6,0 milioni (contro 12,8

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI 30 GIUGNO 2016 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO Voci dell'attivo 30/06/2016 31/12/2015 10. Cassa e disponibilità liquide 19.938 20.430 20.

Dettagli

LA SOCIETÀ. Denominazione sociale. Costituita in data Iscritta nel registro delle imprese in data / /

LA SOCIETÀ. Denominazione sociale. Costituita in data Iscritta nel registro delle imprese in data / / Domanda di iscrizione 106 Banca d Italia Servizio Supervisione Intermediari Finanziari pec: sif@pec.bancaditalia.it [o, in alternativa: Via Nazionale n. 91 00184 ROMA] Iscrizione nell elenco generale degli

Dettagli