DOSSIER. a cura di Alfonso Rubinacci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER. a cura di Alfonso Rubinacci"

Transcript

1 DOSSIER a cura di Alfonso Rubinacci La scuola, vista come luogo privilegiato dove creare e vivere relazioni educative di qualità, ha bisogno di recuperare il proprio ruolo con nuove idee. La modernizzazione del sistema scolastico postula una visione di fondo a cui connettere le politiche formative. La generalizzazione dell uso delle tecnologie nella scuola è in sintonia con questa finalità ed è una delle raccomandazioni del rapporto OCSE sul

2 Accordo Miur-Samsung. Sponsor privati per recuperare il ritardo di innovazione tecnologica nella scuola? Piano nazionale Italiano di scuola digitale. La scuola, non essendo un corpo avulso della società, riflette in se stessa i processi e i cambiamenti che attraversano il contesto sociale. L agenda digitale scolastica ha una rilevanza strategica che può offrire un significativo contributo al cambiamento del Paese e alla costruzione della valigia del futuro dei giovani, rendendoli protagonisti del percorso del loro apprendimento per giungere nel mondo del lavoro con competenze estese e solide. Il ministro Giannini, tra gli obiettivi prioritari, ha richiamato l urgenza di realizzare una scuola digitale che sappia rispondere alle nuove esigenze della tecnologia dell informazione e della comunicazione con obiettivi, contenuti e metodologie adeguate. Nella nostra era dagli orizzonti incerti ed instabili, un solo dato appare certo: la crescita del capitalismo intellettuale 2.0 che pone al centro la conoscenza e il capitale umano. In parole povere chi possiede i saperi del nuovo mondo ha prospettive di carriera anche economica, chi non li possiede perderà status. E giunto, perciò, il momento di passare dall Agenda digitale scolastica con l elenco delle cose da fare, all attuazione degli obiettivi. Non basta indicare ciò che serve, si tratta di accelerare, di passare alla fase operativa, con l impegno non soltanto dello Stato, ma anche del privato. Uno degli aspetti del problema è il costo della tecnologia da porre a disposizione della scuola che i finanziamenti del Miur non riescono a garantire. I dati parlano chiaro, il ritardo da colmare è forte. Un ritardo molto concreto di alfabetizzazione digitale, di penetrazioni della banda larga tradizionale e di nuova generazione. Nell azione scuola 2.0, prevista dal Piano Nazionale Scuola Digitale sono rientrate nello scorso anno scolastico altre 22 istituzioni scolastiche, in aggiunta alle 14 dei precedenti anni: alle 416 classi 2.0 già funzionanti se ne sono aggiunte circa 850. Una quantità limitata rispetto ai numeri del sistema educativo, costituito da 8644 istituzioni scolastiche, articolate in sedi scolastiche. Occorre aprire un dibattito nel Paese perché la scuola 2.0, la digitalizzazione della didattica e delle infrastrutture non può essere preoccupazione del solo governo e delle forze politiche, ma deve essere la sfida di una comunità nazionale, di un Europa che innova per tornare a crescere. In questo orizzonte si collocano le prese di posizione del premier Renzi, che, in occasione del Forum Digital Venice, l evento svoltosi a Venezia nel luglio scorso che ha aperto il semestre di Presidenza Italiana del Consiglio UE, ha dichiarato come solo l innovazione può rinnovare il Paese che deve ambire a ritrovare un ruolo di leadership in Europa. Linea confermata da Silvia Costa, Presidente della Commissione Cultura e 46

3 Intervista a Carlo Barlocco, Deputy President di Samsung Electronics Italia. Un accordo che guarda al futuro di Paola Torre Carlo Barlocco, Deputy President di Samsung Electronics Italia, racconta le prospettive che si possono aprire con la firma del protocollo d intesa con il Miur con una più stretta collaborazione tra impresa, ministero e scuole per recuperare il ritardo del nostro Paese rispetto agli standard europei in fatto di digitalizzazione del sistema educativo. L Accordo sull innovazione tecnologica tra il Miur e Samsung è importante per le prospettive che si possono aprire per il nostro Paese in fatto di digitalizzazione dell istruzione. Il dott Carlo Barlocco, Deputy President di Samsung Electronics, non nasconde la sua soddisfazione. Questo protocollo, che intende raccordare e porre in rete i programmi e i progetti già esistenti, spiega rappresenta un momento importante del percorso di impegno sociale che ci siamo dati e che sta andando avanti secondo i tempi programmati. Mi piace moltissimo che abbiamo condiviso con il Miur l obiettivo ma anche gli strumenti operativi per assicurare le migliori condizioni di sviluppo del nostro impegno a favore della digitalizzazione della scuola. Presidente Barlocco cosa ha reso possibile il protocollo d intesa con il Miur su azioni di sviluppo di una cultura digitale nella scuola? È stato un percorso lungo motivato dalla volontà di lavorare in sinergia con le Istituzioni: Samsung mette a disposizione del Ministero ciò che sa fare nello specifico, dotare classi con tablets ed E-Board nelle scuole primarie e secondarie di primo grado con l obiettivo di offrire a Smart Future tutta l autorevolezza e il rigore che merita. Inoltre il Miur collabora a diffonderlo su scala nazionale, attraverso il Bando che sarà lanciato dal MIUR, che dà la possibilità alle scuole di candidarsi per prendere parte al progetto. Sono molto fiero del risultato raggiunto perché Samsung è la prima azienda con cui il MIUR ha deciso di collaborare. L uso delle tecnologie nel sistema educativo del nostro Paese soffre di un forte ritardo. Quali prospettive si possono aprire con una più stretta collaborazione tra aziende, MIUR e scuole per allineare il nostro Paese agli standard europei in fatto di segue a pag. 49 Istruzione al Parlamento europeo, che dichiara di essere convinta che la cultura, la scuola, la formazione insieme siano la strada giusta per valorizzare quel progetto di una nuova Europa capace di ridare speranza, sviluppo e lavoro. Si configura come azione conseguente la sigla l 11 luglio 2014 del protocollo Miur e Samsung Electronics Italia che disciplina un quadro d azioni dirette, tra l altro, a promuovere e rafforzare lo sviluppo di una cultura digitale nella didattica, a sperimentare soluzioni tese a modificare i tradizionali ambiti di apprendimento. L accordo potrebbe concorrere a favorire non solo il potenziamento dell interazione della scuola con il settore dell impresa per la definizione e realizzazione di piani formativi integrati, ma anche il cambiamento tra esigenza ed offerta del servizio. Il protocollo d intesa segna il passaggio dall illusione che una legge cambi la scuola, alla consapevolezza della necessità di cura, di sostegno, di tenacia e non di scorciatoie o ritardi. Sponsor e sinergie: schema di gioco per portare in rete la palla dell innovazione tecnologica La collaborazione tra Miur e Samsung, infatti, investe non solo i rispettivi interessi, ma anche quelli generali del Paese e quindi le politiche da promuovere. La scuola è, infatti, protagonista imprescindibile di ogni iniziativa tesa a modernizzare il paese per adeguarlo agli standard europei ed internazionali. La collaborazione tra i soggetti istituzionali ed il mondo dell impresa potrebbe garantire gli interventi necessari per la realizzazione non di alcune Scuole 2.0, ma della Scuola 2.0 a livello nazionale. Pensiamo - sottolinea il direttore generale Letizia 47

4 LOMBARDIA SMART FUTURE SCHOOL ADDRESS REFERENT STATATE ANGELINI NOLLI ARQUATI LODI TERZO Via Cap Città Prov. Via Angelini, Pavia PV Viale Romagna, 16/18 Via Gaetano Salvemini, Milano MI Lodi LO ISTITUTO MARIA IMMACOLATA Via Diaz, Gorgonzola MI LIGURIA SESTRI STATALE ISA 2 - COMPLESSO 2 GIUGNO STATALE SASSELLO Via Ermelinda Rigon, 16 Via Aldo Ferrari snc Genova Sestri Ponente GE Dirigente Scolastico: Claudia Curci Dirigente Scolastico: Elena Maria Borgnino Dirigente scolastico: Massimo Iovacchini Dirigente: Wanda Clerici Giacomo Buonopane La Spezia SP Dirigente Antonella Minucci Via Perrando, Sassello SV Dirigente Lia Zunino PUGLIA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA SANTA CHIARA JAPIGIA I - VERGA PARISI - DE SANCTIS ISTITUTO COMPRENSOVO PARITARIO CUORE IMMACOLATO DI MARIA Piazzetta Santa Chiara, Foggia FG Dirigente: Mariolina GODUTO Via Peucetia, Bari BA Dirigente: Patrizia Rossini. Via Marchese De Rosa, 11 Via Martiri d Otranto, Foggia FG Dirigente: dott. Alfonso RAGO Lecce LE Dirigente: Suor Domenica. TOSCANA DIREZIONE DIDATTICA STATALE FUCECCHIO BARSANTI - PRIMARIA MARTIN LUTHER KING PIRANDELLO LASTRA A SIGNA P. CALAMANDREI Via Roma, Fucecchio FI Viale Canova, Firenze FI Via S. Maria a Cintoia, 8 Via P. Togliatti, 41 Via Panciatichi, Firenze FI Lastra a Signa FI Firenze FI docente di riferimento: Prof. MORIANI PATRIZIA DS: Marco Menicatti Docente di riferimento: MONICA MISURI DS: Pasquale Marzullo; Docente di riferimento: Gabriella Vegni DS: Luciano Cianti; Docente referente: Francesca Panzica Docente: Paola Massalin LAZIO ANZIO 1 REGINA ELENA Via Ambrosini, Anzio RM Via Puglie, 6/ Roma Dirigente Scolastico: Elisabetta Spaziani DS: Sonnino Rossella; Docente referente: Licia Re ABRUZZO MAZZINI-PATINI PESCARA 8 4 COLLODI-MARINI Via Salaria Antica Est Loc. Campo di Pile AQ Via Torino, Pescara pe Via Fucino, Avezzano AQ Dirigente scolastico: Lattanzi Antonio Dirigente scolastico: Bini Annarita Dirigente scolastico: Scipioni Claudia UMBRIA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO D. ALIGHIERI NOCERA UMBRA PIEGARO Via Tolmino, Perugia PG DS: Capasso Serenella Via Po della Fratta, Piegaro PG DS: Zoncheddu Simona ISTITUTO 48 ALTO ORVIETANO COMPRENSIVO Via XXIII, Giovanni Fabro TR DS: Maravalle Cristina

5 digitalizzazione dell istruzione? Dato che il gap esiste, la soluzione è fare sistema. I privati possono contribuire a snellire alcune procedure, oltre naturalmente a finanziare i progetti, un aspetto sempre molto importante vista l endemica carenza di fondi. Auspico che questo tipo di collaborazione divenga sempre più frequente per permettere ai giovani un istruzione adeguata e allineata a quella di altri Paesi. Alla luce di quanto ha raccontato, su quali progetti di rilevante valore sociale si stanno concentrando gli sforzi di Samsung verso la scuola? Samsung è impegnata su diversi fronti il cui denominatore comune è la valorizzazione del talento. Smart Future impegna i più giovani attraverso l educazione digitale, Maestros Academy è la piattaforma digitale ideata da Samsung per mettere in contatto i maestri artigiani con i giovani e per aiutarli a scoprire il proprio talento e, aggiungo, il nuovo corso che stiamo studiando insieme a una nota università dedicato allo sviluppo di application in ambiente android. Come nasce l idea Smart Future, il progetto internazionale creato e finanziato dalla Samsung per favorire lo sviluppo della digitalizzazione nell istruzione primaria e secondaria di primo grado? Quali le tipologie di destinatari? Smart Future nasce con l intento di offrire un contributo alla crescita del Paese indirizzandosi principalmente ai più giovani dato che coinvolge studenti dai 6 ai 14 anni. Quello dell educazione è un asset strategico perché dalle prossime generazioni possa nascere un futuro migliore. Smart Future, nato come esperienza pilota nello scorso anno scolastico 2013/2014, come è stato accolto, nelle 7 regioni, dalle 25 scuole coinvolte, dai docenti, dai dirigenti scolastici e dalle famiglie? Partiamo da un presupposto: la fotografia che la ricerca condotta da Cremit Univerisità Cattolica con la direzione scientifica del Professor Pier Cesare Rivoltella ci restituisce, offre un immagine relativamente statica dell uso della tecnologia a scuola. Al momento, viene utilizzata principalmente per fruire di materiali video o svolgere ricerche in tempi rapidi grazie ai motori di ricerca. Smart Future è qualcosa di più, aggiunge un passaggio: quello di contribuire a ripensare la didattica. Fare lezione col tablet significa sostituire la lezione frontale, condividere e lavorare in gruppo, scrivere, disegnare, creare collegamenti tra le diverse materie. E positivo è stato il feedback di genitori e docenti: dall uso di tablet a scuola ci si aspetta soprattutto un aumento della motivazione degli studenti e maggiore attenzione in classe. L indagine ha coinvolto 199 genitori, 157 docenti (64% donne e 36% uomini) e 16 dirigenti scolastici: sono stati straordinari nel cogliere questa opportunità e trasferirla agli alunni, docenti e famiglie coinvolte nel progetto. Quali i primi risultati di monitoraggio del percorso? Quali i punti di forza e di criticità riscontrati? Mi ha molto colpito un dato emerso dalla ricerca: l aumento della motivazione nello studio. Evidentemente il tablet viene visto come un aggiunta e non una sostituzione alla didattica tradizionale che offre davvero una molteplicità di usi: dall archiviazione dei dati alla multimodalità, alla ricerca, alla produzione di materiale didattico originale, attività queste che caratterizzeranno anche la futura vita professionale. Dunque il tablet aumenta la componente di curiosità degli alunni che in questo modo vivono lo studio in maniera diversa, sono maggiormente stimolati. Sicuramente questo comporta un ripensamento dello svolgimento della lezione, quindi gli insegnanti dovranno aggiornarsi e il loro ruolo diverrà ancora più cruciale. Quale strategia, quale sfida, quale progetto ha in serbo Samsung per il futuro? Abbiamo intenzione di proseguire sulla creazione di valore attraverso iniziative di questo genere che mettano in luce le grandi potenzialità dell Italia in termini di creatività, talento, know how, cultura. Ed è proprio questo che il mondo ci invidia. Melina - che i tempi siano maturi per trasformare i progetti, le singole iniziative delle imprese che si sono concretizzate in questi anni in politiche organiche e concrete di trasformazione delle singole realtà scolastiche territoriali. Samsung osserva Carlo Barlocco, Deputy President di Samsung ha avviato il progetto di collaborazione come contributo allo sviluppo di competenze che facilitino l inserimento dei giovani in un contesto lavorativo sempre più competitivo. Il protocollo osserva Sabrina Bono, Capo dipartimento - è architettato su una strategia di relazione tra il Miur e il mondo dell impresa che favorisce la costruzione di linguaggi ed obiettivi comuni. Gli fa eco l ing. Elio Catania, Presidente di Confindustria Digitale, il quale a margine di un convegno sull Itc al Cnr, sottolinea che tutti dobbiamo fare la nostra parte. Innanzitutto siamo fortemente impegnati a sostenere tutte le iniziative dell Agenda digitale, ma vogliamo avere anche un approccio molto propositivo e progettuale nei confronti del mercato e della Pa. Mi riferisco al tema delle risorse Insieme ad un maggior utilizzo dei fondi strutturali si possono affrontare grandi progetti infrastrutturali riguardanti sanità, giustizia, scuola, tutte aree a grande dividendo sociale (Corriere delle Comunicazioni del 21 maggio 2014). L ambizione - incalza Barlocco - è contribuire ad avere una scuola che stimoli la produzione e la fruizione di contenuti digitali e che permetta di ripensare le modalità di apprendimento allargandone gli orizzonti. In quest ottica si colloca il progetto Smart Future, forte dell esperienza già maturata in una trentina di paesi nel mondo, approdato in Italia per favorire lo sviluppo della digitalizzazione dell istruzione a 49

6 partire da un processo di education indirizzato in prima battuta agli insegnanti e di conseguenza agli alunni di scuola primaria e secondaria di 1 grado. Smart Future, uno degli esperimenti più innovativi nell universo scuola, avviato nell ottobre 2013 prima della stipula del protocollo, come progetto pilota, articolato su 7 regioni del territorio nazionale, coinvolge 25 classi di altrettanti Istituti Comprensivi, individuate secondo criteri selettivi riferiti al numero di alunni con disabilità, di incidenza DSA, al disagio socio culturale del contesto territoriale, alla ridotta dimensione del plesso scolastico. Smart Future sottolinea Lucia Di Giovanni, dirigente scolastica dell istituto comprensivo Calamandrei di Firenze - ha impresso alla nostra comunità scolastica un accelerazione riguardo al dibattito, già molto appassionato, circa l utilizzo delle nuove tecnologie applicate alla didattica. L opportunità di salire in corsa sul treno che avrebbe consentito di rispondere ai cambiamenti sociali, sperimentando nuovi modi di comunicare, nuova organizzazione didattica, nuova tecnologia al servizio dell apprendimento, nuovi contenuti e metodi di formazione dei docenti ha generato un buon successo nelle scuole coinvolte. I punti fondamentali del progetto sono l offerta gratuita di un tablet per ogni alunno della classe di scuola primaria prescelta, la formazione dei docenti, il monitoraggio. I numeri e le tabelle elaborate sui dati raccolti con la ricerca condotta dal Cremit, diretto da Pier Cesare Rivoltella, docente universitario di didattica generale, consentono di tracciare un ritratto significativo, seppure limitato, della scuola di oggi, dei docenti, dei loro valori, dei comportamenti, delle speranze e delle paure. Il tablet è visto come strumento per sostenere l apprendimento di conoscenze e metodi spendibili nella didattica (18,42%), per produrre strumenti e materiali in classe (11,62%), per aumentare la motivazione degli studenti (10,53%), per recuperare materiali/contenuti utili per l attività didattica con gli alunni (7,24%), per ricevere supporto nella progettazione del percorso (6,38%), per confrontarsi e collaborare tra colleghi (5,92%). La tecnologia viene ritenuta un aspetto vicino e quotidiano per il 35,49% degli insegnanti che le attribuiscono il ruolo di aggregante per l inclusione di studenti stranieri (60%) e diversamente abili (80%). Non solo: sul fronte studenti, gli insegnanti pensano che la tecnologia li renda maggiormente responsabili (46%) e possa incidere anche sul rendimento (46%) e l aggregazione (58%). Questo dato è interessante sottolinea il prof Rivoltella poiché pone in evidenza come parlare di didattica digitale significhi anche, direi soprattutto, motivare e sostenere gli insegnanti le cui competenze si amplieranno. Per il 53,68% dei genitori coinvolti, il tablet può contribuire a fare squadra e sono fiduciosi lo è il 23,44% - che, grazie all utilizzo del tablet, i figli possano acquisire competenze diverse. Inoltre, per il 23,25% del campione, il tablet è in grado di produrre strumenti e materiali per una didattica innovativa, per il 14,93% aumenta il livello di motivazione e per l 11,72% aumenta l attenzione in classe. D altra parte, essere connessi è una condizione comune delle famiglie se si pensa che i genitori confermano la presenza di un PC fisso collegato a internet (65,8%), numero compensato dalla presenza di uno o più portatili per il 91% dei casi (oltre agli smartphone) e dunque immaginare una scuola digitale conclude Barlocco è in linea con un mondo sempre più connesso come testimoniano docenti e genitori che utilizzano strumenti tecnologici ogni giorno. La scuola deve diventare parte di questo sistema. Occorre riconoscere che i dati relativi all utilizzo dello strumento e la rappresentazione del tablet fornite da insegnanti e studenti costituiscono una fonte informativa preziosa per le decisioni che dovranno essere assunte per dare continuità al progetto Smart Future, nato con l obiettivo di darsi un orizzonte più ampio a livello di sistema scuola, attraverso la fornitura di tecnologie digitali ad altre 54 classi nel triennio di validità del protocollo, che saranno individuate tra quelle che hanno presentato una propria candidatura attraverso l area web dedicata messa a disposizione sul sito del Miur (art 3 del protocollo). Ed è proprio sull articolo 2 e sull articolo 3 (impegni delle parti) che il comitato paritetico deve giocare bene le sue carte per dare sostanza alla collaborazione tra le parti e a tutte le buone intenzioni rappresentate nella premessa del protocollo. Il testo contiene indicazioni promettenti sulle politiche attive in una visione organica della scuola e della digitalizzazione che segnano una inequivocabile svolta rispetto al passato, con una modalità di cooperazione nuova. La causa infatti, non è la suddivisione di compiti della fase di attuazione del progetto Smart Future, ma lo svolgimento in comune di una attività di governo del progetto con l obiettivo di accrescere la capacità innovativa e la crescita di ognuno. Per questo entrambe le parti svolgono un potere di coordinamento per l attuazione del protocollo e la definizione di regole di collaborazione sulle aree d intervento. 50

7 Strumenti digitali, formazione dei docenti, innovazione dei modelli didattici elementi essenziali del progetto SmarT Future è dal mese di aprile del 2014 che gli studenti della 2 A della Scuola Secondaria di 1 grado Calamandrei di Firenze partecipano a pieno titolo alla sperimentazione nell ambito del Progetto Smart Future di Samsung HA. Il progetto avuto inizio nel settembre del 2013 ed ha visto coinvolte venticinque scuole sul territorio italiano. Con questa iniziativa la Samsung, in collaborazione con l Università Cattolica di Milano e l Università di Foggia, intende contribuire, mediante la messa a punto di strumenti e software specifici, alla promozione ed allo sviluppo della digitalizzazione delle scuole primarie e secondarie di primo grado. L occasione di partecipare al Progetto Smart Future ha impresso alla nostra Comunità scolastica un accelerazione riguardo al dibattito, già molto appassionato, circa l utilizzo delle nuove tecnologie applicate alla didattica; la Samsung ci offriva l opportunità di sperimentare un sistema integrato ed interamente pensato a supportare una didattica ed una metodologia innovativa ma, quest ultima doveva prender forma in primis nella mente dei docenti e camminare grazie alla curiosità ed alla motivazione dei ragazzi. E apparso subito chiaro, però, che ci veniva offerta la grande opportunità di salire in corsa sul treno che avrebbe consentito alla nostra Comunità scolastica di rispondere ai bisogni ed agli imprescindibili cambiamenti sociali, sperimentando nuovi modi di comunicare e di apprendere. E. lasciati gli ultimi indugi, eccoci a lavoro. Grande e contagioso l entusiasmo dei ragazzi quando la Samsung ci di Lucia Di Giovanni* ha fornito, a titolo gratuito, di n. 24 tablet Galaxy note 10.1, uno per ciascuno studente, uno per i docenti, una E-board, un computer portatile, un server, una stampante/scanner, un AllShare Cast Dongle, e il software, Samsung School; si sono subito sentiti speciali, investiti di responsabilità e impazienti di usare tale tecnologia. Una mood board ha raccolto e documenta il loro entusiasmo ed il sentirsi protagonisti di una scuola al passo con i tempi. Scrivono di provare soddisfazione nella consapevolezza di acquisire competenze tecnologiche che si diversificano dall uso intuitivo dello smartphone; esprimono la loro gioia nell apprendere il funzionamento del tablet e comprendono che lo strumento è molto di più di uno smartphone gigante. I ragazzi notano, anche, che in classe c è maggior silenzio probabilmente perché sono più concentrati, e si sentono più coinvolti ed attivi. Soprattutto, essi stessi affermano che con i tablet riescono a realizzare lavori prima non possibili e vedono il risultato dei propri lavori: essi sono consapevoli che i software e le applicazioni permettono di personalizzazione le loro produzioni e rendono partecipata ciascuna fase del processo d apprendimento. Anche i ragazzi dislessici non vivono più l ansia della discriminazione nell uso degli strumenti tecnologici compensativi, perché il tablet diventa strumento di uso quotidiano per tutti e gli studenti stranieri godono della versatilità dello strumento potendo La prof.ssa Lucia Di Giovanni, già docente di scuola dell infanzia e primaria, è dirigente Scolastico dall anno scolastico 2007/2008. Ha lavorato con alunni di diverse età evolutive ed in tutti, indistintamente, ha saggiato la curiosità per il nuovo e la voglia di trovare docenti credibili e competenti. E convinta che la parola chiave sia sperimentare, senza troppa paura di sbagliare e che la Scuola è l eccezionale filtro in cui transitano intere generazioni ed in cui è possibile scoprire i talenti di ognuno ed offrire a tutti gli stimoli formativi adeguati per una piena realizzazione. 51

8 fruire di percorsi differenziati e dei molteplici software. Ma i ragazzi non mancano di senso critico e la mood board ha raccolto, anche, l espressione delle loro difficoltà: le password sono noiose, a volte gli strumenti s inceppano, essi manifestano, talvolta, anche frustrazione e l ansia per un risultato disatteso. In alcuni casi gli studenti con maggiori difficoltà cognitive e d apprendimento manifestano, all approccio iniziale, un atteggiamento oppositivo al nuovo strumento. Tutti i ragazzi, però sono concordi nell auspicare che i tablet possano diventare strumento quotidiano di lavoro. Grande interesse anche da parte dei docenti per il nuovo sistema in dotazione alla scuola, tutti hanno partecipato al mini-training organizzato dalla Samsung sull uso degli strumenti e del sistema Smart Future, ma le difficoltà sono apparse chiare fin da subito: non tutti gli insegnanti hanno una formazione tecnologica e se si vuole agire una rinnovata didattica, dove la e-board diventa strumento d uso quotidiano così come l utilizzo del tablet, allora sarà necessario un vasto piano di formazione per l introduzione di nuovi modelli didattici ed il cambiamento, anche strutturale, degli ambienti di apprendimento. Vanno ripensati, dunque, e riorganizzati gli spazi, i modi di fruizione del sapere, cambia l interazione tra discenti, docenti e l informazione: cambia...la scuola! In ogni caso i docenti sono consapevoli di trovarsi di fronte ad una sfida professionale alla quale ciascuno, inizialmente può reagire con inerzia, resistenza, curiosità o motivazione, tutti sono concordi nel ritenere che bisogna prendere atto delle trasformazioni delle istanze educative e formative e rispondere diversificando metodi, strumenti e strategie d apprendimento. Autorevole punto di riferimento ha costituto il prof. Pier Cesare Rivoltella che con i suoi studi, volti a mettere a punto una proposta metodologica Scheda tecnica La soluzione integrata del progetto Smart Future per la scuola digitale INTRODUZIONE Samsung School è una soluzione che permette l utilizzo di vari dispositivi tecnologici a scopo didattico grazie all integrazione con un Software specifico creato per il mondo dell educazione. I dispositivi coinvolti sono: - Galaxy Note 10.1, in dotazione sia all insegnante sia agli studenti; - un server unico per tutta la Scuola; - un pc per ogni insegnante; - una lavagna elettronica; - un AllShare Cast Dongle. Il server è il vero e proprio motore della soluzione perché contiene tutti i file destinati alle lezioni, le anagrafiche degli studenti e i dati relativi alla gestione dei corsi. L applicazione utilizzata è la stessa sia per l insegnante sia per lo studente: ogni utente è registrato con login e password e in questo modo, una volta effettuato l accesso, il docente avrà a disposizione delle funzionalità diverse e/o aggiuntive rispetto ai propri alunni. Grazie all All Share Cast Dongle, lo schermo del tablet del Docente viene automaticamente duplicato sulla lavagna elettronica (E-Board Samsung, Tv, Monitor, Videoproiettore, LIM) che in questo modo va a sostituire la lavagna di ardesia. L APPLICAZIONE Il menù principale della soluzione si articola in diverse aree: - libreria; - studenti; - banca dati quiz; - avvisi; - messaggi. LIBRERIA La libreria contiene i file didattici relativi alle lezioni. L unico a poter caricare i file è il Docente, che avrà a disposizione una Cartella Privata, alla quale sarà il solo ad avere accesso, ed una Cartella Pubblica nella quale caricherà tutti i contenuti che vorrà condividere con i propri studenti. Questi file sono salvati all interno del Server per essere sempre disponibili. I tipi di file supportati sono le estensioni di Office (es. excel), file audio, video e PDF. Ogni file caricato dall insegnante può essere associato ad una o più lezioni, programmando così il piano didattico di tutto l anno scolastico. In ogni momento gli studenti potranno eseguire il Download dei file resi disponibili dal Docente nella Cartella Pubblica. STUDENTI Questo è l archivio dell anagrafica studenti. Ogni singolo studente è registrato all interno della Samsung School e il Docente può visualizzare le informazioni personali relative ad ogni suo alunno con la possibilità di modificare tali dati (ID e Password di accesso al Software, Nome e Cognome e Note varie). Per questioni di Privacy invece, gli studenti avranno accesso alla visualizzazione solo dei propri dati anagrafici. BANCA DATI QUIZ Un altra funzionalità nelle mani dell Insegnante è quella di creare Quiz e Sondaggi da somministrare ai propri studenti. Tramite un interfaccia grafica molto semplice ed intuitiva il docente sarà guidato attraverso la compilazione di campi obbligatori che gli consentiranno di creare un quiz a risposta chiusa 52

9 o vero/falso. Tale quiz sarà sempre a disposizione del docente che potrà decidere di associarlo ad una specifica lezione esattamente come avviene con i file nella libreria e, durante lo svolgimento della lezione stessa, decidere in quale momento avviare la verifica sul tablet dei propri studenti. LEZIONE Nel momento in cui il docente seleziona Avvia Lezione si aprirà automaticamente l ambiente virtuale a cui accederanno anche gli studenti. NB. La Samsung School non ha bisogno di connessione internet per creare questo ambiente ed essere gestita in tutte le sue funzionalità. Basterà che tutti i tablet abbiano accesso alla stessa rete WiFi locale. Una volta che docente e studenti avranno effettuato l accesso alla stessa lezione, in automatico verranno visualizzati i file che il docente ha caricato precedentemente nella libreria e associato a quella data lezione. Docenti e studenti saranno liberi di sfogliare i contenuti e prendere appunti come se si trovassero di fronte ad un libro di testo. Tramite il tasto Condividi, ciò che il docente visualizza sul proprio tablet sarà riprodotto, oltre che sulla lavagna interattiva, anche su tutti i tablet degli studenti in maniera automatica. In questo modo il docente avrà la completa attenzione degli studenti e potrà guidare meglio i propri alunni attraverso la comprensione dei contenuti didattici della lezione. Attraverso poi la sezione di Monitoraggio il docente ha a disposizione vari strumenti per tenere sotto controllo l andamento della classe. In una sola schermata potrà visualizzare la totalità degli schermi dei tablet dei suoi alunni, accertandosi di presenze ed assenze, controllando chi realmente sta seguendo la lezione, chi è distratto o chi volontariamente sta usando alcune funzionalità del tablet al di fuori della lezione in corso. L insegnante potrà altresì bloccare gli schermi degli studenti, mandando ai tablet una schermata nera di blocco e costringendo gli studenti a prestare maggiore attenzione alla lezione in svolgimento. Tramite la funzione di Blocco applicazioni il docente può decidere in qualsiasi momento di consentire o meno ai propri alunni l utilizzo di determinate applicazioni presenti sui tablet. Nativamente i Galaxy Note 10.1 degli studenti nascono inibiti all utilizzo di qualsiasi applicazione presente sul tablet mentre la lezione è in corso; sarà l insegnante che, attraverso questa funzionalità specifica, deciderà di consentire l utilizzo di specifiche App. Oltre a condividere la schermata del proprio tablet, tramite la funzione Condividi Schermata, il docente può decidere di condividere sui dispositivi video presenti in classe il contenuto dello schermo di uno studente in particolare. Il docente ha poi a disposizione alcune funzionalità che gli permettono, tra le altre cose, di aprire in automatico una pagina web (previa connessione dei tablet ad Internet) o una applicazione specifica sui tablet degli studenti, oppure a fine lezione, spegnere contemporaneamente tutti i dispositivi degli alunni con un solo tasto. MESSAGGI Nella soluzione è presente anche un servizio di messaggistica, biunivoca fra studente insegnante e per ovvi motivi, bloccata fra studente studente. In questo modo la comunicazione sarà incentivata andando a sostenere l interazione e la collaborazione tra il Docente e i propri studenti. AVVISI In quest area sarà possibile per il docente o il personale di Segreteria dotato di accesso alla Samsung School, postare gli avvisi e/o le circolari che saranno visualizzabili in automatico sui tablet degli Studenti. PC Tutte queste funzionalità appena descritte per il Docente sono presenti sia attraverso l applicazione da Tablet che attraverso il PC; il device assegnato allo studente sarà invece sempre e solo il Tablet Galaxy Note Per il docente è anche possibile utilizzare PC e Tablet contemporaneamente, usando l uno per condurre la lezione e l altro per monitorare costantemente gli studenti. funzionale ad integrare i dispositivi tecnologici ad una didattica del saper fare, è divenuto per i docenti più motivati fonte di studio e di ricerca-azione nella costruzione di EAS, episodi di apprendimento situato, che si avvalgono della multimedialità per fare della scuola un laboratorio, in cui si costruisce e condivide il sapere. Anche i genitori hanno accolto con interesse il Progetto Smart Future e gioito con i propri figli per la stimolante opportunità. Con loro abbiamo condiviso alcune scelte funzionali al Progetto stesso ed è stata chiesta la loro collaborazione per creare i ponti tra casa e scuola, favorire rinnovate modalità di comunicazione e di scambio di materiali fra alunni e docenti, attraverso il sistema di cloud storage dropbox. Interrogativi sono emersi circa la sicurezza della rete e della navigazione in rete; l argomento ha costituito occasione di confronto ed i genitori hanno trovato risposte rassicuranti nello stesso software Samsung School, che permette il controllo dell insegnante sui tablet degli studenti e la possibilità di inibire siti o applicazioni indesiderate. In conclusione, la sperimentazione nell ambito del Progetto Smart Future di Samsung, iniziata nel mese di aprile, ha già prodotto copiosi frutti, grazie agli strumenti innovativi messi a nostra disposizione da Samsung e grazie alla professionalità ed all impegno dei docenti che non hanno resistito a sperimentarne le potenzialità. I nostri ragazzi hanno già acquisito, seppur in breve tempo, competenze ed abilità sorprendenti ed il processo d insegnamento-apprendimento li vede quotidianamente protagonisti attivi, consapevoli e propositivi. Ma ciò che più ci rende orgogliosi e motivati nel proseguire in questa esperienza è la consapevolezza che essa contribuirà a formare persone in grado di interagire con la realtà naturale e sociale, con attive competenze di cittadinanza. *Dirigente Scolastica I.C. Calamandrei Firenze 53

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia!

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia! Spett. le Fondazione De Mari desideriamo ringraziarvi per il finanziamento che abbiamo ricevuto; il Vostro contributo ha dato un importante aiuto alla nostra scuola consentendole di andare avanti e di

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

USO DEI TABLET. Nozioni fondamentali... 2. Il tocco... 2. I tasti laterali... 2. Connessione ad Internet... 3. Il Market... 3

USO DEI TABLET. Nozioni fondamentali... 2. Il tocco... 2. I tasti laterali... 2. Connessione ad Internet... 3. Il Market... 3 1 USO DEI TABLET Nozioni fondamentali... 2 Il tocco.... 2 I tasti laterali... 2 Connessione ad Internet... 3 Il Market... 3 Tabella dei programmi... 4 aprire un file... 5 DROPBOX... 6 Il sistema Android...

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

LIM IDEA Progetto Scuola 0.1: camminiamo insieme verso la Scuola 2.0.

LIM IDEA Progetto Scuola 0.1: camminiamo insieme verso la Scuola 2.0. LIM IDEA Progetto Scuola 0.1: camminiamo insieme verso la Scuola 2.0. In rete con: DD I Circolo Asti - DD VI Circolo Asti - DD V Circolo Asti IC Moncalvo- IC Castell'Alfero Premessa: Come previsto dalle

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 Avviso progetto Smart Future : fornitura, a partire dall anno scolastico 2014/2015, di tecnologie digitali a 54 classi di scuola primaria e di

Dettagli

Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale

Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale ClasseWeb, al fine di validare il format proprietario denominato Scuola Genitori Digitale ha realizzato

Dettagli

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori CHI SIAMO LATUAIDEADIMPRESA è una community costituita da migliaia di studenti italiani, professori, imprenditori. E un progetto finalizzato

Dettagli

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione e Apprendimento in Rete Open source Il cloud computing Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione insegnanti Generazione Web Lombardia Il Cloud, metafora per

Dettagli

Corso di Formazione Brixia generazione digitale Descrizione argomenti trattati

Corso di Formazione Brixia generazione digitale Descrizione argomenti trattati Nr. modulo 1` (Universita Cattolica) Titolo modulo formativo Seminario di apertura del corso Corso di Formazione Brixia generazione digitale Descrizione argomenti trattati Partecipazione all incontro di

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

Scheda Piano di Miglioramento

Scheda Piano di Miglioramento Scheda Piano di Miglioramento Meccanografico della scuola BGIC896007 Denominazione della scuola Istituto Comprensivo Enrico Fermi di Romano di Lombardia - BG Area di scelta Rapporti scuola-famiglia Motivazione

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI Località d intervento: Varese Scuola Secondaria di I grado Mons. E. Manfredini Durata prevista: Giugno 2014Maggio 2015 Beneficiari diretti: 30

Dettagli

REGEL LA SCUOLA DIGITALE

REGEL LA SCUOLA DIGITALE CATALOGO 2015 REGEL LA SCUOLA DIGITALE Offerta integrata di servizi informatici e di consulenza per la Scuola Perché scegliere i nostri servizi Regel? 1. perché Regel si arricchisce ogni anno di nuove

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Regina 5 22012 CERNOBBIO (CO) C.F. 95000030130 PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 Responsabile del Piano (DS) Grandi Anna Rielaboratore del Piano Bianchi Emilia sulla base

Dettagli

LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE

LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE Soggetto accreditato per la formazione del personale della scuola D M, protocollo AOODPIT 595 del 15/07/2014 MIUR ANNO SCOLASTICO 2014/15 www.imparadigitale.it segreteria@imparadigitale.it

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia Il difficile accesso degli studenti italiani alla didattica digitale Fonte: Unione Europea, «Survey of Schools:

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011 Prot. n.... Bologna, 9 novembre 2011 PROTOCOLLO D INTESA TRA Ufficio Scolastico Regionale, Direzione Generale per l Emilia-Romagna E Telecom Italia SpA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Relazione finale sull attività svolta dal docente incaricato di funzione strumentale al P.O.F. (art. 33 del CCNL 29.11.2007)

Relazione finale sull attività svolta dal docente incaricato di funzione strumentale al P.O.F. (art. 33 del CCNL 29.11.2007) 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE NEVIANO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado VIA G.

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

Polo Formativo ISIS Ponti Gallarate

Polo Formativo ISIS Ponti Gallarate Polo Formativo ISIS Ponti Gallarate e ATS Varese ISIS Newton ATS Gallarate ISIS Ponti ATS Saronno IC Da Vinci Polo Formativo Isis Ponti e Reti ATS Presentazione corsi Aprile-Maggio 2015 Le opportunità

Dettagli

MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA

MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA Il progetto deve comprendere approfondimenti appartenenti ad entrambi gli ambiti sottoindicati, prendendo in considerazione congiuntamente

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Analisi SWOT progetti Education

Analisi SWOT progetti Education Analisi SWOT progetti Education CTS Agid - Gruppo di lavoro Scuola Annalisa Buffardi Daniela Rovina Andrea Zanni Progetti Olimpiadi di Informatica Aica-Italia Progress in Training Consorzio Garr Crescere

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli di Angela Fossati Buongiorno a tutti, sono Angela Fossati, docente utilizzata a supporto dell integrazione alunni

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale MIUR-Direzione Gen. per gli Ordinamenti scol. e per l Autonomia scolastica, Fondazione Rosselli, AEEE-Italia Roma, marzo aprile 2012 2 Investire

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Il software completo per la comunicazione della tua scuola

Il software completo per la comunicazione della tua scuola Bacheca Scuola Interattiva Il software completo per la comunicazione della tua scuola Bacheca Scuola Interattiva è uno strumento ricco di funzionalità per gestire e condividere le informazioni della tua

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE ITET E. FERMI LANCIANO RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE CURRICOLO E VALUTAZIONE Prof.ssa Mariella DI LALLO a.s. 2014-2015 Durante l anno scolastico 2014-2015 le principali attività svolte come funzione

Dettagli

Cisco Academy Support Center Cisco Instructor Training Center Cisco Academy. 13 Settembre 2013

Cisco Academy Support Center Cisco Instructor Training Center Cisco Academy. 13 Settembre 2013 Cisco Academy Support Center Cisco Instructor Training Center Cisco Academy 13 Settembre 2013 1 Agenda Il Consorzio Accademia del Levante La Scuola Digitale La Sperimentazione Proposta: la Nostra Idea

Dettagli

Il social learning con edmodo

Il social learning con edmodo Il social learning con edmodo gestire ed utilizzare una classe virtuale Cos'è edmodo cos è edmodo È un social network adatto per la creazione di comunità di apprendimento; permette di lavorare e mantenere

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione un catalogo di offerta formativa multimediale MiFORMOeLAVORO è il progetto, lanciato da Adversus in collaborazione con Skilla, che ha l obiettivo

Dettagli

controlamafiascritturateatroconosce nza,controlamafiascritturateatrocono scenza,controlamafiascritturateatroc onoscenza,controlamafiascritturateat

controlamafiascritturateatroconosce nza,controlamafiascritturateatrocono scenza,controlamafiascritturateatroc onoscenza,controlamafiascritturateat controlamafiascritturateatroconosce nza,controlamafiascritturateatrocono scenza,controlamafiascritturateatroc onoscenza,controlamafiascritturateat PROGETTO EDUCATIVO roconoscenzacontrolamafiascritturat

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali AREA DI COMPETENZA COPERTA DALLA CERTIFICAZIONE MACRO-COMPETENZA

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LA REGIONE JONICO-ETNEA IN UN CLICK Presentazione Il progetto si propone

Dettagli

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Il Quadro di della Certificazione EPICT si articola su quattro livelli: 1. Area di competenza (Competenza

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo)

INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) INDICAZIONI DALLE ESPERIENZE DELLE SCUOLE (Short: Spunti dal vivo) I progetti IT attivati nelle singole scuole mostrano che la scuola sta facendo passi avanti nell acquisizione delle tecnologie e nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 41 CONSOLE Via Diomede Carafa, 28 80124 - Napoli A.S. 2014/2015 RELAZIONE FINALE F.S. AREA 4

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 41 CONSOLE Via Diomede Carafa, 28 80124 - Napoli A.S. 2014/2015 RELAZIONE FINALE F.S. AREA 4 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 41 CONSOLE Via Diomede Carafa, 28 80124 - Napoli A.S. 2014/2015 RELAZIONE FINALE F.S. AREA 4 GESTIONE TECNOLOGICA E SITI WEB SEDE FORNARI DOCENTE LONIGRO MARIAROSARIA

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola

Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una scuola Pagina1 Progettare una unità didattica per la LIM Autore: Tania Iommi Descrizione della situazione di partenza Descrizione del contesto Il nostro caso vede come protagonista un docente di lettere di una

Dettagli

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione LOGOS Didattica della Comunicazione Didattica Comunicazione e comunità hanno la stessa radice linguistica: le comunità esistono attraverso la condivisione di significati comuni e di forme comuni di comunicazione(j.

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Tante diversità. Uguali diritti INTEGRAZIONE Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

Funzioni principali di Dropbox

Funzioni principali di Dropbox ICT Rete Lecco Generazione Web - Progetto FARO Dropbox "Un luogo per tutti i tuoi file, ovunque ti trovi" Dropbox è il servizio di cloud storage più popolare, uno tra i primi a fare la sua comparsa nel

Dettagli

Relazione Finale Attività svolta dal docente incaricato di Funzione Strumentale prof. Cosimo Resta

Relazione Finale Attività svolta dal docente incaricato di Funzione Strumentale prof. Cosimo Resta Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE NEVIANO con sezione staccata di Seclì Scuola dell Infanzia, Primaria e

Dettagli

Internetopoli, alla scoperta della Rete

Internetopoli, alla scoperta della Rete Internetopoli, alla scoperta della Rete Giorgia Bassi, Beatrice Lami, Gian Mario Scanu Ludoteca.it - Registro.it Via G. Moruzzi 1, 56100 Pisa giorgia.bassi@iit.cnr.it beatrice.lami@iit.cnr.it gianmario.scanu@iit.cnr.it

Dettagli

Direzione Generale per i Sistemi Informativi Ufficio V

Direzione Generale per i Sistemi Informativi Ufficio V Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c.: Al Capo Dipartimento per la Programmazione ministeriale e per la gestione del Bilancio, delle Risorse Umane e dell Informazione

Dettagli

ICSnet. Crescere in Rete. Il modello e le tecnologie della rete per migliorare la crescita dei ragazzi, della scuola e del territorio

ICSnet. Crescere in Rete. Il modello e le tecnologie della rete per migliorare la crescita dei ragazzi, della scuola e del territorio Via dei Perrando, 78 17046 Sassello (SV) www.rrmnetwork.it www.icsassello.com ICSnet Crescere in Rete Il modello e le tecnologie della rete per migliorare la crescita dei ragazzi, della scuola e del territorio

Dettagli

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso Modello Formativo DIDATEC PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici Concetta Grasso Il docente nel XXI secolo la scuola dell insegnamento Ruolo, funzioni, profili professionali dell insegnante

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

La Buona scuola dalla A alla Z

La Buona scuola dalla A alla Z Lessico della Riforma Renzi La Buona scuola dalla A alla Z Le nuove voci in ordine alfabetico di questo patto educativo, con le definizioni testuali riportate nel documento governativo Alternanza obbligatoria

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

" L. A N N E O S E N E C A

 L. A N N E O S E N E C A MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFF. SCOL. REG. PER IL LAZIO I S T I T U T O D I I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E L I C E O " L. A N N E O S E N E C A " Via F. Albergotti,

Dettagli

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA Plesso Console RELAZIONE FINALE Docente: Zarrelli Patrizia La scuola, negli ultimi anni, mira alla diffusione

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA Denominazione del progetto UN TUFFO NELLA MULTIMEDIALITÀ Responsabile di progetto D Angelo Matilde Analisi

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Report di inizio anno A cura dello staff di HOC-LAB, DEI Novembre 2010 Iscrizioni a.a. 2010/2011 Nell anno accademico 2010/2011

Dettagli

Portale KK non solo registro elettronico

Portale KK non solo registro elettronico Portale KK non solo registro elettronico Unica videata per il Docente per compilare il Registro Personale e il Registro di Classe Associazione della Programmazione annuale all attività giornaliera del

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Tablet in spalla Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Progetto pilota su tre scuole secondarie di 1 grado di Lucca Scuola G. Carducci IC Lucca 1 Scuola D. Chelini

Dettagli

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Segreteria del Consiglio Nazionale

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA 7.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si basa su un campione del prodotto, precedentemente selezionato

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

L avvento di Internet nella nostra esperienza professionale di docenti

L avvento di Internet nella nostra esperienza professionale di docenti Laboratorio 4 L avvento di Internet nella nostra esperienza professionale di docenti Internet e insegnamento Negli ultimi anni la professionalità degli insegnanti è stata modificata dalla diffusione massiva

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

Le attività di e-learning promosse dal MIUR a supporto della Riforma della scuola e dell università

Le attività di e-learning promosse dal MIUR a supporto della Riforma della scuola e dell università Le attività di e-learning promosse dal MIUR a supporto della Riforma della scuola e dell università Alessandro Musumeci Direttore Generale dei Sistemi Informativi Torino 20 settembre 2005 Le tecnologie

Dettagli