Introduzione all'amministrazione di Microsoft Lync Server Autore: Fabrizio Volpe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione all'amministrazione di Microsoft Lync Server 2013. Autore: Fabrizio Volpe"

Transcript

1 Introduzione all'amministrazione di Microsoft Lync Server 2013 Autore: Fabrizio Volpe

2 Non Esistono Pasti Gratis Potrete leggere le 70 pagine di questo libro a costo zero. Spero che il lavoro che sto mettendo a vostra disposizione vi sarà utile nella comprensione e nella gestione di Lync. Detto questo, non credo nei pasti gratis. Quindi, se questo testo vi risulterà utile e avrete il desiderio di ricambiare in qualche modo, vi invito a fare una donazione a Save the Childrens o ad un altra associazione per la tutela dei minori. A quel punto avrete contraccambiato. Nota Il testo non ha superato una revisione tecnica o di una fase di correzione delle bozze, quindi questa prima release avrà sicuramente ampio spazio di miglioramento (e parecchie opportunità per aggiungere future espansioni). Siete i benvenuti se vorrete suggerire (educatamente) correzioni e miglioramenti. Immagine di copertina: Calgary skyline and a pedestrian bridge in Calgary, Alberta Canada. Used under Extended Print RF License 1

3 Tavola dei Contenuti NON ESISTONO PASTI GRATIS... 1 NOTA PRIMA DI INIZIARE... 4 COS È MICROSOFT LYNC SERVER 2013?... 4 PERCHÈ LYNC 2013 È INTERESSANTE?... 4 GUARDIAMO LYNC 2013 DAL PUNTO DI VISTA DEL CLIENT... 5 GUARDIAMO LYNC 2013 DAL PUNTO DI VISTA DEL SERVER... 9 IMPLEMENTARE LYNC: COSA MI SERVE E QUANTO COSTA COSTI AGGIUNTIVI DA CONSIDERARE IN LYNC PER CONCLUDERE COSTRUIAMO IL NOSTRO LABORATORIO LYNC PIANIFICARE UNA INFRASTRUTTURA MINIMA FUNZIONANTE SERVIZI LYNC SERVER SOLO PER LA RETE INTERNA PROVATE ADESSO LYNC SERVER RAGGIUNGIBILE PER GLI UTENTI ESTERNI PROVATE ADESSO INTEGRAZIONE CON EXCHANGE 2013 E SHAREPOINT ASSEMBLAGGIO DEL SOFTWARE E DELL'HARDWARE NECESSARI Virtualizzazione Acquisire le Risorse Necessarie REALIZZARE I DIVERSI SCENARI DI INSTALLAZIONE PROVATE ADESSO COSTRUIRE IL LABORATORIO Domain controller PROVATE ADESSO Front-End Lync Server Server Office Web Apps Reverse Proxy Lync Edge Exchange e SharePoint LABORATORIO GESTIONE DEGLI UTENTI CON IL PANELLO DI CONTROLLO DI LYNC SERVER INTRODUZIONE ALL AMMINISTRAZIONE DI LYNC DAL PANNELLO DI CONTROLLO SCEGLIERE TRA IL PANNELLO DI CONTROLLO E LA MANAGEMENT SHELL POLITICHE E AMBITO DELLE POLITICHE NELLA GESTIONE DI LYNC RUOLI NELL AMMINISTRAZIONE DI LYNC PROVATE ADESSO

4 ABILITARE E CONFIGURARE GLI UTENTI ABILITARE UN UTENTE A LYNC Assegnazione ad un Pool Configurazione del SIP URI Opzioni di Telefonia Politica Dial Plan Politica Voice Assegnazione delle Politiche PROVATE ADESSO LABORATORIO GESTIONE DEI CLIENT E DEI DISPOSITIVI CON IL PANNELLO DI CONTROLLO DI LYNC SERVER SOFTWARE CLIENTS PROVATE ADESSO HARDWARE DEVICE MOBILITÀ PUSH NOTIFICATIONS ALCUNE COSE CHE DOVRETE FARE FUORI DAL PANNELLO DI CONTROLLO PROVATE ADESSO LABORATORIO GESTIONE GLI UTENTI CON LYNC SERVER MANAGEMENT SHELL AMMINISTRAZIONE UTENTI DALLA MANAGEMENT SHELL OTTENERE INFORMAZIONI SUGLI UTENTI DI LYNC ATTIVARE O DISATTIVARE GLI UTENTI LYNC PROVATE ADESSO SPOSTAMENTO DI UTENTI LYNC TRA DIVERSI POOLS GESTIONE DELLE POLITICHE DALLA MANAGEMENT SHELL LABORATORIO

5 1 Prima di iniziare Cos è Microsoft Lync Server 2013? Lync server 2013 è un sistema di unified communications. Lync può fornire messaggistica istantanea (IM), audio conferenze, video conferenze, meeting con più partecipanti in alta risoluzione e voce su protocollo IP (VOIP). E possibile integrare Lync con la rete di telefonia pubblica (public switched telephone network - PSTN) per offrire tutte le funzionalità di telefonia e rimpiazzare i centralini IP PBX esistenti. Se dobbiamo definire le unified communications (UC), esse in genere integrano: Servizi di comunicazione in tempo reale come chat, informazioni sullo stato di presenza, telefonia (inclusa la telefonia IP), le video conferenze, la condivisione dei dati, i controlli di qualità sulle chiamate e il riconoscimento vocale. Servizi non in tempo reale, come lo unified messaging (integrazione che comprende cassette vocali, , SMS e fax) Parlando di Lync ci sono alcune caratteristiche mancanti dall'elenco di cui sopra. Il riconoscimento vocale, fax e SMS dipendono da prodotti di terze parti, mentre le cassette vocali e la sono "integrati" solo se ci interfacciamo con Exchange. Perchè Lync 2013 è interessante? Lync server 2013 ha i seguenti vantaggi: Si integra nativamente con Active Directory, Microsoft Exchange, e Microsoft SharePoint Usa i tools di gestione Microsoft per semplificare l amministrazione Permette l'accesso agli utenti esterni tramite servizi sicuri esposti su Internet, riducendo i costi (nessuna connessione sicura dedicata o VPN è necessaria) Si interfaccia con l'hardware di diversi produttori in modo agnostico Lync è un probabile vincitore nello scontro per il controllo del mercato delle comunicazioni unificate per i prossimi anni. Da un lato, abbiamo aziende che producono hardware e che hanno creato un software di interfaccia per gestire solo i loro prodotti. Dall'altro lato, abbiamo Microsoft, uno sviluppatore di software. Microsoft ha deciso di rendere Lync compatibile con il maggior numero possibile di prodotti hardware (dedicati alla voce e alle conferenze). E inoltre disponibile un gran numero di scenari di 4

6 coesistenza con le altre soluzioni di U.C. Infine, Lync dispone di interfacce di alta qualità per gli amministratori e gli utenti che stanno dimostrando di essere il suo punto di forza. Guardiamo Lync 2013 dal Punto di Vista del Client Uno dei modi migliori per ottenere un'idea delle capacità di Lync è quello di aprire uno dei client disponibili, come in figura 1.1. Figura 1.1 Client full di Lync 2013 con indicatori di presenza Non appena un utente accede a Lync, egli utilizza la prima caratteristica del prodotto chiamata "rich presence". Praticamente tutte le persone connesse e abilitate alla nostra infrastruttura Lync (colleghi, dipendenti delle aziende partner o contatti lavorativi) visualizzano le informazioni di presenza sotto forma di un "indicatore di stato". Rich presence è simile ad un semaforo con i colori verde, giallo o rosso. Esso indica se la persona è in grado (e disposta) a comunicare con noi in modo diretto (indicatore verde) piuttosto che ricevere messaggi utilizzando un metodo non-real-time (indicatore giallo o rosso). Nel primo caso, se avete bisogno di comunicare con l'altro utente, un messaggio istantaneo o una chiamata sono una buona soluzione, mentre si potrebbe preferire e- mail o inviti a una riunione pianificata per un contatto "occupato". 5

7 Il rich presence di Lync include una serie di informazioni che permettono all'utente di specificare la ragione per cui lui o lei non è disponibile. È possibile visualizzare gli indicatori riassunti nella seguente figura Figura 1.2 un rapido sguardo agli stati di presenza che è possibile utilizzare nel client Lync Gli indicatori di presenza di Lync sono estesi anche a Exchange e SharePoint, quindi se ci accingiamo a scrivere un messaggio di posta elettronica o ad organizzare un incontro, conosciamo già lo stato di presenza di altri utenti, come potete vedere in figura 1.3 Figura 1.3 la programmazione di una riunione in Outlook con utenti abilitati a Lync. Alcuni di loro sono "occupati" in questo momento Ho appena menzionato la possibilità di vedere lo stato di presenza di contatti che non fanno parte della nostra azienda. Questo si ottiene mediante una ulteriore caratteristica, federazione di Lync (federation). La federazione dà la possibilità a due società con una infrastruttura Lync di estendere vicendevolmente le funzionalità (IM ma anche conferenze e voce) stabilendo un rapporto di fiducia. La funzione di federazione è stata 6

8 migliorata di recente per includere gli utenti Skype. Lync 2013 può federare anche servizi non Microsoft basati sul protocollo XMPP. Potete vedere un esempio di utenti di Lync mostrati con le informazioni di presenza all'interno di un client Skype in figura 1.4 Figura 1.4 gli utenti di Lync sono disponibili in Skype se la loro azienda sta utilizzando la federazione Messaggistica istantanea (tra cui la possibilità di scambiare file tra utenti) e la conferenza video diretta tra due utenti sono un'esperienza simile a quella che potremmo aver già visto in altri sistemi come Skype. Una caratteristica spesso non disponibili in altri sistemi di U.C. è la capacità di utilizzare una interfaccia web (Lync Web App) per consentire alle persone senza client Lync installato sulla propria postazione di lavoro di partecipare a una riunione. In figura 1.5 si può vedere la schermata di accesso per il Web App Figura 1.5 è richiesta la plug-in Lync Web App, se si desidera che tutte le funzionalità siano disponibili durante la riunione Lync 2013 Web App comprende tutte le funzionalità, compresa la partecipazione in audio e video (in Lync 2010 si era limitati all IM). Questo strumento amplia la partecipazione a coloro che stanno lavorando su una postazione temporanea. Gli utenti esterni che utilizzano il Web App sono in grado di prendere parte a una riunione di Lync con un'interfaccia che gli è già familiare (come si può vedere in figura 1.6) 7

9 Figura 1.6 una riunione di Lync visto dal Lync Web App. Voce e video sono disponibili nel browser Il client Lync 2013 mobile è un altro strumento che espandere la vostra base di utenti di Lync. E 'disponibile per Windows Phone, iphone, ipad e Android. Come si può vedere nella figura successiva, il client mobile include quasi tutte le funzionalità comprese nel client completo, tra cui la videoconferenza e il VOIP. Figura 1.7 fare una video-chiamata da un Windows Phone non è più un grosso problema La qualità di questo nuovo client mobile è una risorsa importante di Lync 2013, ed è molto popolare presso il top management nelle aziende. 8

10 Esiste una serie di plug-in e pacchetti software di terze parti per ottimizzare il client Lync anche per l uso su una postazione di lavoro virtualizzata (inclusi sia i desktop virtuali che i servizi remote desktop). Lync include una funzionalità nota come persistent chat che permette di creare "stanze". Le stanze sono un modo per classificare i messaggi IM e conservarli. Ogni volta che un utente deve leggere o aggiornare una conversazione, questa è disponibile sul server. Per completare questa rapida panoramica del lato client di Lync, è necessario parlare delle funzioni Enterprise Voice. Lync può sostituire senza problemi un IP PBX e fornire ogni tipo di servizio che ci si può aspettare da una soluzione VOIP. E 'anche facile da integrare con soluzioni preesistenti (come CUCM di Cisco). Estendere le funzionalità vocali agli utenti che si collegano da una rete esterna richiede semplicemente l uso del client Lync che abbiamo già visto. Lync Server 2013 supporta anche i telefoni hardware (desk phones) come quelli che vedete in figura 1.8 Figura 1.8 alcuni desk phones che è possibile utilizzare con Lync Enterprise Voice Con l aggiunta del supporto per i dispositivi dall'aspetto più tradizionale come quelli di cui sopra, Lync dà agli utenti la possibilità di scegliere tra questi telefoni o cuffie collegate direttamente al computer (una scelta più pratica soprattutto per gli utenti mobili). Guardiamo Lync 2013 dal Punto di Vista del Server Spesso, come amministratori di Lync, vedrete le strutture e le funzionalità solo dal punto di vista dei server. Ci sono molti strumenti che aiutano nella gestione e nel debug di una infrastruttura Lync, ma i due principali, quelli che si utilizzano per le attività 9

11 quotidiane, sono l'interfaccia grafica di amministrazione di Lync (Lync Server Control Panel) e la riga di comando di amministrazione (Lync Server Management Shell) basata su PowerShell. È possibile vedere entrambi in figura 1.9 Figura 1.9 il pannello di controllo e la gestione da Shell affiancati Il Pannello di Controllo è lo strumento che può essere utilizzato per circa l'80% di tutte le attività amministrative. Il restante 20% è disponibile solo nella Management Shell (che comprende anche tutte le funzionalità che avete nel Pannello di Controllo). Implementare Lync: cosa mi serve e quanto costa Lync server distingue chiaramente tra due edizioni (Standard ed Enterprise). La licenza base del server ha lo stesso costo nelle due versioni. Tuttavia, il tipo di edizione che si intende utilizzare ha un impatto sulle caratteristiche di continuità disponibili e sul numero di server necessari. Per capire le differenze di cui sopra, è necessario introdurre i "ruoli" per Lync Server (roles). I ruoli in Lync Server 2013: Ogni ruolo è richiesto per una o più funzioni di Lync I ruoli possono essere assegnati ad uno o più server di Lync contemporaneamente I ruoli rendono l'architettura di Lync Server 2013 altamente scalabile. Una implementazione in una piccola azienda (senza utenti esterni) può essere costituita da un singolo server Standard Edition, con il ruolo di Front-End di Lync. Questo perché il Lync Front-End è il ruolo fondamentale, e gestisce un gran parte delle funzioni di base di Lync Server. L'aggiunta allo scenario di un server di Active Directory Directory Services (i Directory Services sono necessari per Lync) e di un server con Office Web Apps 10

12 (necessario per supportare le presentazioni di PowerPoint durante una riunione Lync) ci dà una implementazione completa (per uso interno all azienda) di Lync come quella che si può vedere nel Figura 1.10 Figura 1.10 un'infrastruttura minimale che garantirà funzionalità di Lync ai nostri utenti interni Gli utenti sono "basati" (homed) sul Front-End e la loro possibilità di utilizzare Lync dipende dalla disponibilità di questo ruolo (o di un server in grado di sostituire il loro server principale in caso di guasti). La soluzione basata su standard edition è interessante, soprattutto per mantenere i costi più bassi possibile. Non richiede licenze aggiuntive al di fuori di quella per l edizione standard di Lync e non fa uso di un database esterno, cosa richiesta per l'edizione enterprise. Questo tipo di soluzione, basata su un unico server, ha i suoi limiti. Lync edizione standard non può garantire l'alta affidabilità. C'è, come vedremo, un metodo per "accoppiare" (pairing) due server di Front-End e garantire la resilienza, ma questo non è automatico e richiede interventi da parte dell'amministratore di Lync. L implementazione di una enterprise edition di Lync è più costosa e complessa. Almeno tre Lync Front-End Server sono necessari per creare un Pool. Una pool è un gruppo di server con configurazione identica che forniscono un'elevata affidabilità. In un pool le funzionalità di Lync saranno disponibili anche se un server diventa non operativo. Le basi di dati funzionali per Lync non sono ospitate (co-hosted) sul Front-End (come è per l'edizione standard), ma sono attive su un server SQL esterno. Se abbiamo bisogno anche di continuità dei database, siamo in grado di utilizzare il meccanismo di mirroring (o il clustering) di SQL In Lync l alta affidabilità di tutti i ruoli server (non solo per i Front-End) richiede l'implementazione dei pool. 11

13 In figura 1.11 è possibile vedere uno schema per una distribuzione di Lync con un pool di Front-End Enterprise Edition. Figura 1.11 uno schema per una implementazione di Lync compreso un pool di Front-End per l alta affidabilità Office Web Apps non è un ruolo di Lync, quindi se avete bisogno di metterlo in alta affidabilità è necessario utilizzare il meccanismo della "farm". Il costo di questa soluzione deriva da: Licenze Lync Server Enterprise Edition Licenze SQL server, necessarie per creare l'infrastruttura di database Lync, chiamata Back End Di solito il passo successivo dopo l'installazione di servizi per la rete interna è l'esposizione delle funzionalità Lync agli utenti esterni. Per ottenere il risultato di cui sopra è necessario installare uno o più server Lync Edge e un reverse proxy. Il Lync Edge è un ruolo di Lync Server installato su una macchina stand-alone che in genere si trova in una rete perimetrale e non fa parte del dominio Active Directory. Lync Edge estende agli utenti esterni (in modo sicuro) i servizi di Lync, inclusi conferenza audio e video, agendo come un "man in the middle" che riceve le richieste da 12

14 Internet e le inoltra al Front-End Lync. Non c'è alcuna connessione diretta tra l'utente esterno e i server Lync sulla rete interna. Un proxy inverso è simile a un Lync Edge, ma espone in modo sicuro le funzionalità Web (come Web App) del Front-End, ponendosi in mezzo tra il client e il server di destinazione. In figura 1.12, è possibile vedere uno schema contenente anche i server necessari per l'accesso degli utenti esterni. Figura 1.12 Schema di una rete perimetrale e dei server richiesti per l'accesso di un utente esterno Aggiungere Lync Edge e un reverse proxy non presenta costi aggiuntivi, perché Lync Edge non richiede licenza e ci sono molte soluzioni gratuite per implementare le funzionalità di reverse proxy. Parlando dei ruoli Lync ce ne sono alcuni che non sono stati ancora citati: Monitoring è un ruolo dedicato alla registrazione di informazione sullo stato dell infrastruttura Lync e sulla qualità della parte voce (con il relativo reporting). Archiving è il ruolo incaricato di mantenere una registrazione dei contenuti delle conversazioni IM per esigenze legali e di compliance. 13

15 In Lync 2013 i ruoli monitoring ed archiving sono sempre co-locati su un Front-End. E necessario valutare se questi ruoli sono effettivamente richiesti. Monitoring è estremamente utile per la risoluzione di problemi e acquista un valore addizionale se si utilizza la Enterprise Voice. La presenza di un server di archiving è legata invece solo ad esigenze di carattere legale. Persistent Chat è un ruolo che permette la creazione di chat rooms per la parte di instant messaging. E possibile creare delle aree tematiche per raccogliere le chat con argomento affine e i contenuti delle stanze sono persistenti. Un utente può leggere una conversazione o aggiungere dei contenuti in ogni momento. Una funzione di questo genere ha senso, ad esempio, se si vuole creare una knowledge base aziendale. Il persistent chat si può co-locare su un Front-End standard edition oppure può essere installato su un server (o in un pool) dedicato. Mediation server è richiesto per poter operare con la parte di Enterprise Voice (è il ruolo che gestisce la parte signaling del flusso di dati). In Lync 2013 i requisiti hardware sono stati ridotti visto che è presente la funzione di media-bypass (di cui parleremo nei capitoli dedicati all implementazione delle funzioni Enterprise Voice in Lync). Questa novità permette di co-locare il mediation server come ruolo in un Front- End. E comunque disponibile la possibilità di creare un server stand-alone o un pool. Director è un ruolo dedicato alla gestione dell autenticazione degli utenti prima che essi raggiungano i Front-End. In Lync 2013 è un ruolo scarsamente utilizzato. Può essere interessante per aggiungere uno strato di sicurezza addizionale ma potrebbe anche aggiungere un single point of failure critico. Costi Aggiuntivi da Considerare in Lync 2013 Durante la spiegazione precedente, non ho menzionato il fatto che nel progettare una soluzione basata su Lync bisogna considerare alcuni costi. Il primo aspetto da considerare è il costo del sistema operativo su cui installeremo Lync e i server addizionali richiesti (Office Web Apps ed, eventualmente, il reverse proxy). Lync supporta l installazione in ambiente virtuale, per cui possiamo sfruttare i virtualization rights di Windows per ridurre i costi (ad esempio, la versione Datacenter di Windows 2012 permette di installare un numero infinito di macchine virtuali su un singolo host fisico). Cionondimeno, una struttura complessa come quella richiesta per un pool di Front-End, richiederà anche una spesa significativa per il sistema operativo di base. Il secondo aspetto da considerare è il costo della licenza client. Lync richiede una CAL (Client Access License) per ciascun utente o macchina che si connette al server. Le CAL 14

16 si dividono in tre tipologie e ciascuna abilita all uso di una parte delle funzionalità. Per poter utilizzare tutte le funzionalità, è richiesta una CAL Standard a cui aggiungere una CAL Enterprise e (per alcune specifiche funzioni) una terza licenza chiamata CAL Plus (potete pensare alle licenze enterprise e plus come a supplementi aggiuntivi alla CAL standard). CAL Standard: offer le funzionalità IM (Instant Messaging) e Presence. Inoltre include la possibilità di comunicazione audio e video fra due postazioni (endpoints) CAL Enterprise: l utente può utilizzare Lync per meeting con più partecipanti (inclusa la funzione di Gallery View, che permette di visualizzare fino a cinque flussi video contemporanemente) CAL Plus: aggiunge le funzioni di Enterprise Voice Il softare client di Lync 2013 può aumentare ulteriormente i costi. Il client di Lync 2013 completo (full) per desktop è parte della suite Office 2013 Plus, quindi dovremo considerare il costo di questo software. L alternativa gratuita (Lync 2013 Basic Client) ha alcune limitazioni, ad esempio le funzioni di Enterprise Voice sono ridotte per questa tipologia di client. E possibile anche continuare ad utilizzare i client per Lync 2010, ma comunque sia la scelta del client impone una adeguata valutazione dei costi. Per Concludere Questa rapida panoramica ha introditto concetti che approfondiremo in seguito nel testo. Molte idee che sono state presentate in questo capitolo avranno maggior senso quando viste nel loro contesto, quindi vi invito a iniziare con il successivo capitolo, Costruiamo il Nostro Laboratorio Lync

17 2 Costruiamo il Nostro Laboratorio Lync 2013 In genere un testo come quello che state leggendo inizia con una procedura di installazione guidata del prodotto. Questo capitolo ha lo scopo di aiutare nella costruire il nostro laboratorio per studiare Lync 2013 con una spiegazione di alto livello delle risorse richieste e dei passaggi necessari da un punto di vista logico. Pianificare una Infrastruttura Minima Funzionante Prenderò in esame tre diferenti scenari per l ambiente di test. Ciascuno userà quanto fatto nei precedenti scenari come base di partenza: Servizi Lync server solo per la rete interna Abilitazione di utenti esterni ai servizi di Lync Integrazione con Exchange 2013 e SharePoint 2013 Nei prossimi paragrafi esplorerò le diverse attività legate all hardware e software necessary per rendere funzionali le configurazioni che ho elencato. Servizi Lync Server Solo per la Rete Interna Lync utilizza Active Directory come elemento fondamentale, quindi è necessario che il primo server che installeremo non sia Lync ma un Domain Controller. La buona notizia è che questo server potrà essere utilizzato per più ruoli contemporaneamente, fornendo anche il servizio DNS (la risoluzione dei nomi è un aspetto critico in Lync) e come Certification Authority aziendale. Il secondo server della vostra lista dovrebbe essere un Front-End di Lync, inserito nel dominio Active Directory. NOTA: anche se stiamo progettando un laboratorio con risorse limitate, il server di Front- End richiede 3 Gb di RAM (in caso contrario l installazione non inizierà neppure). Un requisito addizionale è un server Office Web Apps che supporterà le presentazioni PowerPoint durante le riunioni. Con i tre server elencati, avremo un ambiente Lync funzionante. E una buona idea aggiungere un client virtualizzato per poter testare le funzionalità di un utente sia dentro che fuori dal dominio. Il nostro laboratorio dovrebbe avere un aspetto simile a quello nella seguente figura 16

18 Figura 2.1 l ambiente di laboratorio base Con una struttura come la precedente (e aggiungendo un server DHCP sul Vostro domain controller) potreste anche testare la versione di Lync dedicate ai desk phone. Provate adesso Riuscite ad installare un Front-End di Lync senza un server Office Web Apps disponibile? Quali sono le conseguenze? Lync Server Raggiungibile per gli Utenti Esterni Se volete testare anche l accesso degli utenti esterni, dovete aggiungere un server Lync Edge e un reverse proxy (hardware o software) per i servizi Front-End di Lync (esempi validi sono il web application proxy di Windows 2012 o Forefront TMG). Un requisito aggiuntivo sarà simulare lo scenario più comune, una rete demilizarizzata (DMZ) fra Internet e la vostra rete interna. Potreste ottenere il risultato di cui sopra è richiesto uno schema come quello visibile nella prossima immagine. Si potrebbe sfruttare Forefront TMG come firewall con tre connessioni (three legged), configurare i servizi RRAS su un server Windows virtuale o utilizzare un hardware per simulare la topologia di rete. 17

19 Figura 2.2 l ambiente di laboratorio con le tre reti logiche simulate Provate adesso Accettando di lavorare in uno scenario non supportato (per limitare il numero di server necessari) si è in grado di distribuire Lync per gli utenti esterni senza reverse proxy? E possibile ottenere il risultato senza il server Lync Edge? Integrazione con Exchange 2013 e SharePoint 2013 Exchange e SharePoint aggiungono moltissime caratteristiche interessanti a Lync (repository di contatti unificato e immagini ad alta risoluzione da Exchange 2013, ricerca basata sugli skill individuali con SharePoint 2013). Aggiungendo Exchange si dovrebbe considerare anche la funzione di messaggistica unificata per integrare voice mail e altri servizi vocali. Inoltre, per esplorare l'integrazione tra Lync e Outlook avrete bisogno di "abilitare alla mail" ( mail enable ) gli utenti di Lync con una cassetta postale di Exchange. Il laboratorio, a questo punto non è facile da implementare e gestire, come quelli che abbiamo visto prima 18

20 Figura 2.3 ambiente di laboratorio con installazione di Exchange e SharePoint Assemblaggio del software e dell'hardware necessari Nel costruire un laboratorio, uno dei criteri è (di solito), il mantenimento di un costo basso (in termini di spazio, tempo e denaro richiesto). Quali sono le risorse di cui abbiamo bisogno? Cosa siamo in grado di tenere su un ambiente virtuale e che cosa dobbiamo installare su un hardware dedicato? Virtualizzazione Partiamo dall'ultimo degli aspetti di cui sopra : Lync 2013 consente la virtualizzazione di tutti i ruoli del server. Inoltre, quasi tutta l infrastruttura necessaria per distribuire Lync o per aggiungere funzionalità ( controller di dominio, server di posta e così via ) è virtualizzabile. Questo è molto importante e vi aiuterà a ottenere il primo obiettivo (apprendere Lync con il minimo sforzo ) e aggiunge il supporto per le snapshots, così si potranno testare varie configurazioni e tornare alla situazione precedente con un semplice comando. Se avete accesso ad un trunk SIP (o se lo si potete simulare, ad esempio con una seconda distribuzione di Lync o una soluzione voce alternativa come Asterisk), potrete imparare molto sulla Enterprise Voice di Lync senza che sia richiesto un hardware dedicato. Se siete in grado di acquistare un telefono fisso (desk phone) Lync e uno switch si può di esplorare anche la gestione dell hardware di telefonia con 19

21 Lync. Allora, che cosa perdete con una soluzione del genere? Quello che non ci si può aspettare è acquisire la conoscenza pratica su come configurare gateway voce di terze parti, IP PBX e così via. Questo è qualcosa di importante che si dovrà imparare (probabilmente) sul campo, sperando che la documentazione disponibile sia il migliore possibile. Acquisire le Risorse Necessarie In primo luogo esaminiamo le singole risorse di cui avrete bisogno. Dopo il paragrafo successivo (in cui potrete vedere i diversi scenari di una distribuzione Lync) cercherò di proporre il modo migliore per ottenerle. RAM (memoria): è una risorsa costosa, in proporzione. Su notebook e desktop la memoria massima che si può utilizzare è limitata dall'hardware, e una buona scheda madre potrebbe utilizzare fino ad un massimo di 32 Gb (ma bisogna anche considerare i costi dei moduli di memoria). Così nella creazione dell'infrastruttura necessaria sarà utile usare il minimo indispensabile di memoria. Un limite è dato dall'usabilità, perché spesso si è in grado di mantenere alcuni server funzionanti con pochi Mb di RAM, ma le loro performance saranno così scadenti che essi saranno praticamente inutilizzabili. La virtualizzazione può essere di aiuto con il supporto per la memoria dinamica, ma la memoria richiesta è comunque spesso un collo di bottiglia. Hard disks: di solito l'allocazione dello spazio su disco per i server è veloce ed economica (soprattutto se stiamo parlando di una distribuzione virtualizzata). Le performance dei dischi possono essere fonte di problemi. Maggiore è il numero di macchine virtuali che metteremo su un singolo disco fisico, più lentamente lavoreranno. Anche in questo caso, la soluzione potrebbe essere l'aggiunta di dischi (più facile su un desktop), per distribuire i file dei server virtuali su dischi esterni o l'utilizzo di (costosi) dischi SSD. CPU: questa è una risorsa che vince supera quanto richiesto. Se si dispone di un buon processore x64 con più core e hyper-threading abilitato, è qualcosa che non deve preoccuparvi. Networking: se volete provare anche l'accesso per gli utenti esterni dovrete simulare una rete "Internet" e una interna (con un server Edge e un reverse proxy ad agire come punto di ingresso ai servizi di Lync). Si potrebbe usare un hardware (firewalls e routers SOHO sono davvero a buon mercato) oppure un software (un sistema server virtualizzato di Windows con il routing e accesso remoto ad esempio) 20

22 SSL Certificates: in un ambiente di test è possibile utilizzare una CA interna per creare e distribuire i certificati. Tenete a mente che in uno scenario reale una C.A. di terze parti è il modo più semplice per espandere i servizi Lync ad utenti esterni (e per evitare mal di testa e problemi). Software: per il sistema di base (hypervisor) è possibile utilizzare un prodotto gratuito (Microsoft e VMware offrono buone soluzioni). I server che si sta per distribuire (Windows 2012 o Windows 2008 R2) e il software di back office necessario (Lync, Exchange, SharePoint e Forefront TMG) sono generalmente disponibili in versione valutazione a 180 giorni quindi questo dovrebbe essere il bene meno costoso e più facile da trovare. Realizzare i Diversi Scenari di Installazione Baserò la mia spiegazione seguente su un ambiente virtuale. Per un deploy in ambiente fisico la configurazione dei vari server richiede lavoro e complessità eccessive per un ambiente di test. Per realizzare lo scenario Lync con servizi solo per utenti interni, un unico laptop o desktop con un hypervisor, almeno 8 Gb di RAM e un hard disk veloce è sufficiente. L'aggiunta dei servizi accessibili da Internet (secondo scenario) richiede due server supplementari e può essere troppo pesante per un computer portatile. Un buon desktop con 12 GB di RAM e un paio di dischi in cui è possibile distribuire le diverse macchine virtuali potrebbe essere sufficiente. Per lo scenario di integrazione Exchange 2013 e SharePoint 2013 si potrebbe provare con un buon desktop (con un elevato quantitativo di RAM ed il più alto numero di dischi possibile) o con un server ricondizonato ( refurbished ). Ci sono buone opportunità per comprare del vecchio hardware che si adatta con il vostro esigenze con un prezzo accessibile. Un'altra soluzione che ho provato è quella di noleggiare alcuni server privati virtuali sul Cloud da un fornitore di hosting. Sono più convenienti che acquistare l'hardware, non richiedono spazio o manutenzione e spesso offrono indirizzi IP pubblici, in modo che non c'è bisogno di simulare Internet perché si ha un vero e proprio server direttamente collegato. Lo svantaggio di tale soluzione è che all aumento del numero di server (e del loro tempo di utilizzo) aumentano i costi. Quindi, tale soluzione è una valida solo se avete intenzione di concentrare le vostre prove e lo studio in tempo breve. 21

23 Provate adesso Se avete bisogno di testare un aspetto specifico di Lync, come la distribuzione di un front-end o di una Lync Edge, provate i laboratori virtuali Microsoft Ignite Sono gratuiti, a disposizione dei clienti e partner Microsoft e vi daranno un ambiente virtuale (limitato nel tempo), che è possibile utilizzare in base ai passi che verranno descritti per il laboratorio o per testare funzioni che si desidera provare con mano. Costruire il Laboratorio A iniziare dallo scenario Servizi Lync Server Solo per la Rete Interna saranno richiesti: Un domain controller Un Front-End Lync Un Server Office Web Apps Domain controller Lync utilizzerà i seguenti server come infrastruttura base: AD Directory Server DNS Certification Authority Lync interagisce con Active Directory per costruire l'infrastruttura, modificare lo schema, la foresta e i domini in modo che le nuove classi e gli attributi vengano creati. Uno dei limiti è che si può avere una sola organizzazione Lync per ogni foresta. È necessario avere almeno un livello Windows 2003 per la foresta e per i domini. DNS: Lync richiede la capacità di risolvere tutti i nomi coinvolti nella infrastruttura, compresi sia quelli associati al dominio interno che quelli collegati al nome (o ai nomi) pubblici della nostra azienda. Questi ultimi sono di solito definiti domini SIP per una società (Session Initiation Protocol o SIP è il protocollo utilizzato per avviare o terminare le sessioni di comunicazione in tempo reale). Gli utenti potranno accedere a Lync sempre con lo stesso indirizzo SIP (o utilizzando il loro indirizzo mail) a prescindere dalla loro ubicazione (tablet al di fuori della nostra azienda, desktop inseriti nel dominio e così via). Così il DNS interno deve essere in grado di risolvere i nomi comuni del nostro dominio e deve essere in grado di instradare le richieste di indirizzi di rete che si trovano all'interno della nostra rete. Per ottenere questo risultato sono 22

24 disponibili due soluzioni: Split Brain DNS (che sospita una "falsa" zona pubblica sul DNS interno ) o utilizzare le zone PinPoint, che consente di puntare gli FQDN ad IP interni, senza la necessità di gestire tutta la copia interna della zona pubblica che è tipica degli scenari split brain. Per creare una zona PinPoint (per esempio per meet.lync2013.org da puntare a ), potete utilizzare il seguente commando dal prompt del server DNS: dnscmd. /zoneadd meet.lync2013.org. /dsprimary dnscmd. /recordadd A Nella prossima immagine possiamo vedere i messaggi risultanti dai comandi dnscmd Figura 2.4 usare il pinpointing per il record meet del Front-End Lync Nota: utilizzando I comandi visti da PowerShell, solo il primo dei due verrà eseguito correttamente. Certification Authority: l'intero sistema di Lync è sicuro per design e la comunicazione viaggia solo in modo criptato. Ecco perché i certificati sono molto importanti in Lync (i servizi di base non saranno avviati se c'è un problema con i certificati). Per un ambiente di test la C.A. installata sul controller di dominio è tutto ciò che ci serve per creare i certificati richiesti per i server interni e per quelli "connessi a Internet". Provate Adesso Il pinpointing può essere realizzato anche dall interfaccia grafica. Provate a valutare il metodo che si addice meglio a voi. 23

25 Front-End Lync Server Parlando del laboratorio quello che suggerisco è di installare Lync Standard Edition, e co-locare il ruolo di Monitoring, il ruolo di Group Chat e il server Mediation. Nota: di collocare il ruolo Monitoring, è necessario installare anche i relativi report. L'intero processo è ben descritto sul blog di Matt Landis 'http://windowspbx.blogspot.it/2012/07/aaa-donotpost-install-lync-standard.html Server Office Web Apps L'installazione è ben descritta in questo articolo TechNet Distribuire Office Web Apps Server Il solo avvertimento che aggiungo è quello di selezionare e ricordare il nome interno e pubblico del server, perché saranno necessari per generare i certificati e per la costruzione della Topologia di Lync ( Topology ). Vi sono ulteriori requisiti per il secondo scenario " Lync Server Raggiungibile per gli Utenti Esterni" Reverse Proxy Microsoft non suggerisce una soluzione specifica per il processo di pubblicazione Lync Con TMG avviato a f ine vita, una soluzione praticabile è quella di utilizzare IIS come proxy inverso. Tale soluzione è delineato sul blog NextHop Uso di IIS ARR come proxy inverso per Lync Server Lync Edge Installazione Lync Edge sarà discussa nel capitolo 25. In un ambiente di test suggerisco di utilizzare il file hosts sul server periferico per risolvere i nomi dei infrastruttura interna Lync. Exchange e SharePoint La configurazione di Exchange e SharePoint è legata alla versione del server che si sta per installare. Lync è in grado di integrarsi con Exchange 2007, 2010 e SharePoint è supportato se l edizione selezionata è 2010 o

26 Alcuni indicazioni: In Exchange 2013 non esiste un ruolo UM: La funzionalità è parte del ruolo Mailbox server Il ruolo Client Access server dà il servizio UM Call Router L autenticazione e l autorizzazione, Server-a-server OAuth (Open Authorization) è un protocollo richiesto da Lync Server 2013, Exchange 2013 e SharePoint Server. Le credenziali utente e le password non vengono trasmesse da un computer a un altro (OAuth si basa sullo scambio di token di protezione). Il token concede l'accesso a un insieme specifico di risorse per una specifica quantità di tempo Laboratorio La configurazione di OAuth può essere avviata da Lync 2013 "Assegnazione di un certificato di autenticazione server-a-server di Microsoft Lync Server 2013" o da Exchange 2013 "L'integrazione di Exchange 2013 e Lync 2013 per UCS e OWA" Provate entrambi i metodi e valutate i pro e i contro dei diversi approcci. 25

27 3 Gestione degli Utenti con il Panello di Controllo di Lync Server Il Pannello di controllo ( Control Panel ) di Lync è il primo strumento amministrativo che viene presentato al termine dell'installazione. Circa l 80-90% di tutte le attività amministrative può essere gestito con questa interfaccia grafica (le operazioni restanti saranno limitate alla Lync Server Management Shell che spiegherò a partire dal capitolo 5). Questo capitolo è idealmente suddiviso in due temi di base: Una panoramica di alto livello del Pannello di Controllo e di alcuni concetti fondamentali di amministrazione di Lync (politiche, ambito delle politiche e ruoli amministrativi) Una spiegazione completa dei parametri di configurazione disponibili per gli utenti nel Pannello di controllo, compresa l'assegnazione ad un pool, la configurazione del SIP URI, le opzioni di telefonia e l'assegnazione delle politiche. Introduzione all Amministrazione di Lync dal Pannello di Controllo Se non siete esperti di PowerShell e se l infrastruttura di Lync non necessita di frequenti interventi per la risoluzione di problemi, il pannello di controllo è lo strumento che si usa più spesso nel corso della giornata di un amministratore di Lync. La prima operazione che di solito si eseguirà nel Pannello di Controllo (e quello che viene suggerita di default) è quello di abilitare gli utenti a Lync. L'operazione di cui sopra può sembrare logica se ignoriamo un fatto fondamentale: la configurazione che l'utente riceverà si basa in gran parte sulle politiche e le regole di Lync, mentre il suo / la sua configurazione di Enterprise Voice dipenderà in larga misura dai dial plan e dalle voice route distribuite nella vostra azienda. Così il presupposto tacito è che prima di attivare il primo utente si dovrebbero avere tutte le impostazioni necessarie già pronte e la pianificazione per le funzioni voce, per il bilanciamento del carico di lavoro e così via già completata. La mia esperienza personale dice che di solito (per un sacco di buone ragioni) si abiliteranno gli utenti a Lync per poi modificare le impostazioni utente in base alle configurazioni che si definiremo in un secondo momento. Quindi cerchiamo di esaminare alcuni dei passaggi da seguire se avete intenzione di abilitare i vostri utenti (per esempio Patricia Johnson, Peter Duggan e Julie Penny) a 26

28 Lync tenendo conto delle loro diverse esigenze. Avremo Enterprise Voice (per Julie con il prefisso di accesso esterno configurato, per Peter con delega), la mobilità, funzioni conferencing (con visualizzazione della gallery per Patricia) e federazione con un provider esterno XMPP (ancora per Patricia). Scegliere tra il Pannello di Controllo e la Management Shell Una decisione che dovrete prendere prima di iniziare il lavoro effettivo è la scelta dello strumento che si intende utilizzare. Come ho detto all'inizio del capitolo, Lync 2013 consente la gestione da interfaccia grafica (Pannello di controllo di Lync Server) e da riga di comando (Lync Server Management Shell). Gestire con una GUI è più facile ma per esempio, se avete intenzione di attivare un gran numero di utenti con una modifica batch, lo strumento migliore è la Management Shell. Il pannello di controllo può essere fonte di confusione perché avrete disponibili tutte le interfacce amministrative, incluse quelle relative alle caratteristiche ancora non utilizzate (e anche a quelle che non utilizzerete mai). Guardando l'immagine successiva, per esempio, si vede la scheda Persistent Chat nel Pannello di controllo di una distribuzione di Lync che non ha questo servizio attivato. Figura 3.1 La schermata iniziale del Pannello di Controllo Ora, prima di poter realmente fare operazioni amministrative, cerchiamo di tradurre le informazioni che abbiamo su Patricia in un elenco di parametri di Lync: lei avrà bisogno di un numero di telefono, raggiungibile dalla rete telefonica pubblica con un interno 27

29 (userò 1 (555) e la sua estensione sarà 5555). Il dialing habit (modo in cui l utente compone per abitudine un numero di telefono) dell'azienda è quello di aggiungere il 9 prima di comporre un numero esterno e vogliamo mantenere questo modello. Patricia sarà abilitata per le funzioni vocali avanzate, tra cui il trasferimento di chiamata, squillo simultaneo su più periferiche (simultaneous ringing), e così via e, dal punto di viste della videoconferenza utilizzerà anche la gallery view (più flussi video simultanei). Politiche e Ambito delle Politiche nella Gestione di Lync L'intera esperienza Lync dei nostri utenti sarà dettata dalle politiche che applichiamo, per i siti di Lync (cioè in base alla collocazione sulla rete) ad all'organizzazione nel suo complesso. Quando il vostro obiettivo è quello di creare una configurazione o vincoli per la maggior parte degli utenti, è consigliabile utilizzare una politica globale (global policy). I criteri predefiniti che Lync applica subito dopo la fase di installazione sono tutti di tipo globale. Diciamo, per esempio, che Lync2013.Org ha una politica interna che nega la delega (delegation) (una funzionalità che consente agli utenti di specificare altri utenti di inviare e ricevere chiamate per loro conto). Per affrontare un requisito del genere lavoreremo su una politica globale (un criterio vocale con una portata globale, per essere più precisi) La politica si applica a tutte le infrastrutture Lync (vedi figura 3.2) Figura 3.2 una politica globale, con la delega non abilitata Pochi utenti di Lync come Peter Duggan (che attiverà una delega a Julie Penny) avranno accesso alla funzione di cui sopra. Per creare un'eccezione alla regola si creerà una 28

30 politica Voice aggiuntiva (con ambito = utente) da applicare solo a chi richiede la funzionalità di delega. Dobbiamo definire una nuova politica voce per rispondere a questa esigenza in figura 3.3 Figura 3.3 selezionare un ambito, per applicare un politica solo a determinati utenti Se aveste una filiale con un numerosi utenti che necessitano della funzione di delega, si potrebbe usare il terzo ambito di applicazione (sito) che è esteso a tutti gli utenti di un sito Lync specifico. La politica più specifica (di ambito più ristretto) sostituisce le altre per permettere una gestione granulare (cioè i parametri in conflitto saranno risolti applicando la politica utente in sovrascrittura sulla politica del sito e la politica del sito, se non in conflitto con quella utente, sovrascriverà i parametri delle politiche globali). Di conseguenza, l'aspetto rete della infrastruttura Lync influenzerà la vostra amministrazione Lync. Per aziende con un unico sito, si perde ovviamente uno dei livelli di "flessibilità" nella gestione delle politiche. Ruoli nell Amministrazione di Lync Il Controllo di Accesso Basato sui Ruoli (RBAC) è il modello di autorizzazioni utilizzato in Lync Durante la preparazione di foresta e dominio (che è obbligatoria per l installazione di Lync), alcuni gruppi universali vengono creati e le autorizzazioni di accesso vengono assegnate a loro. I gruppi di cui sopra sono la base di RBAC e consentono di controllare ciò che gli amministratori (e gli utenti finali) possono fare. La divisione tra i ruoli di Lync e altre attività amministrative (come l'amministrazione Directory Services) è talmente netta che subito dopo la preparazione del dominio è necessario inserire almeno un utente del gruppo CsAdministrator, per definire il primo amministratore di Lync Ogni ruolo RBAC è associato a un set di cmdlet della Management Shell Lync Server corrispondenti ai compiti che possono essere svolti dagli utenti in un gruppo specifico. 29

31 Proviamo a immaginare uno scenario: Lync2013.Org vuole delegare ad un gruppo di operatori il controllo dello stato di Lync. L'unica operazione che l'amministratore Lync dovrà svolgere è quella di inserire i propri utenti nel gruppo CsViewOnlyAdministrator (lo strumento da utilizzare è Active Directory Users and Computers non c'è modo per eseguire questa operazione da Lync). Provate Adesso Abbiamo detto che i gruppi hanno un sottoinsieme limitato di cmdlet disponibili. Per verificare quali comandi ogni gruppo è in grado di eseguire è possibile utilizzare la seguente stringa in Management Shell di Lync. Rimanendo con l'esempio di cui sopra, si può lanciare la seguente riga GET-CSADMINROLE -IDENTITY "CSVIEWONLYADMINISTRATOR" SELECT-OBJECT -EXPANDPROPERTY CMDLETS Il risultato mostra un elenco dei cmdlet relativi al gruppo CsViewOnlyAdministrator. Si può provare lo stesso comando con CsAdministrator e vedere le differenze. Abilitare e Configurare gli Utenti Nella figura 3.4 ho diviso il pannello di creazione di un nuovo utente Lync (New Lync Server User) in quattro zone : Assegnazione ad un Pool (Pool assignment) Configuratione URI SIP (SIP URI configuration) Opzioni di telefonia (Telephony options) Assegnazione delle politiche (Policy assignment) Userò la divisione di cui sopra per separare le diverse attività correlate a parametri utente che avete a vostra disposizione (più avanti nel capitolo, faremo la stessa cosa per client e dispositivi). 30

32 Figura 3.4 La pagina nuovo utente Lync server con le opzioni suddivise in quattro "zone" Abilitare un Utente a Lync Diamo uno sguardo ad un processo standard per abilitare a Lync uno dei nostri utenti, Patricia Johnson. Vogliamo darle una utenza Lync corrispondente con il suo indirizzo di posta elettronica, assegnarla al pool Lync che si trova nella sede della società e darle un numero di telefono che è direttamente raggiungibile dal sistema di telefonia pubblica 1 (555) Si utilizzerà la capacità di Lync per visualizzare flussi video multipli in una singola conferenza (gallery view). Ci è stato inoltre richiesto di renderle semplice lei richiesti per l accesso ai servizi di instant messaging pubblici come Jabber.Org (al momento ha molti account diversi su vari sistemi). Patricia e suoi colleghi hanno usato per molti anni un PBX che richiedeva di comporre il 9 prima di comporre un numero esterno. Noi vogliamo rispettare anche questa abitudine. 31

33 Possiamo iniziare dal Pannello di controllo, scheda Utenti e selezionare Abilita Utenti Possiamo iniziare dal Pannello di Controllo, scheda Utenti e selezionare Abilita Utenti Figura 3.5 Iniziamo il processo di abilitazione Nella schermata seguente, selezionare Aggiungi Figura 3.6 La schermata nuovo utente Lync server Nella schermata Selezione da Active Directory (Select From Active Directory) potete cercare l utente con un parametro o premere semplicemente il tasto Cerca (Find) per avere una lista di tutti gli utenti Active Directory non abilitati a Lync. Selezioniamo Patricia Johnson. 32

34 Figura 3.7 Selezioniamo un utente da abilitare Assegnazione ad un Pool Diversi parametri sono già impostati su automatico, il che significa che la politica globale si applicherà finché non decidiamo altrimenti. La prima area è utilizzata per decidere che tipo di Pool ospiterà l'account utente (Patricia Johnson), come si può vedere nella seguente schermata (figura 3.8). Le informazioni relative al pool in cui l'utente viene "collocato" sono presenti nella prima parte del menu e sono importanti, per esempio, se è necessario spostare gli utenti da un server a un altro in caso di disaster recovery. Figura 3.8 Assegnazione di un utente ad un server Standard Edition In Lync 2013 il pool di Front-End è responsabile di gran parte della funzionalità di base di Lync tra cui l'autenticazione e la registrazione degli utenti. Un pool di Front-End 33

35 potrebbe essere costituito da un singolo server Lync standard Edition o da un gruppo di server Lync Enterprise Edition (il minimo consigliato è di tre server per un pool Enterprise). Ogni utente di Lync deve essere assegnato su una Pool. Se il Pool contiene più di un server, ogni persona in connessione a Lync avrà un ordine di registrazione definito (costruito e aggiornato utilizzando un algoritmo) contenente un server primario, un server secondario e così via. Il meccanismo suddetto bilancia gli utenti sui "nodi" del pool e dà continuità se uno o più dei server non funziona. Se si dispone di una rete geografica con differenti siti di Lync, lo scenario normale è quello di avere utenti assegnati a una pool che è sulla loro rete locale, anche se questo non è obbligatorio. Con la cosiddetta logica "brick", utilizzata in Lync 2013, abbiamo una caratteristica di continuità aggiuntiva (accoppiamento dei Front-End pairing ). Se si dispone di due pool separati, si è in grado di effettuare failover e failback da un pool di Front-End ad un altro. Questo non è lo stesso livello di continuità che avete con un unico Enterprise pool, perché si dovrà operare manualmente per muovere gli utenti. Tuttavia, questo metodo supporta la continuità (non l alta afidabilità) perché i dati vengono replicati e gli utenti possono essere spostati senza alcuna perdita di informazioni. Configurazione del SIP URI Patricia Johnson ha un indirizzo di posta sul sistema Exchange della nostra società Sarà più comodo per lei utilizzare lo stesso indirizzo per accedere anche ai servizi Lync. Clienti e partner si aspettano di contattarla via federazione Lync / Skype utilizzando lo stesso indirizzo di posta elettronica (riportato anche sul suo biglietto da visita). Un secondo riferimento, diverso da quello di cui sopra, potrebbe essere fonte di confusione. Come sapete, Lync utilizza Session Initiation Protocol (SIP) come protocollo di signaling. Per citate la RFC 3261 "SIP è un protocollo di controllo a livello applicativo in grado di stabilire, modificare e terminare sessioni multimediali (conferenze), ad esempio le chiamate di telefonia via Internet. SIP può anche gestire gli inviti a sessioni già esistente ". URI SIP è lo standard negli indirizzi di SIP per chiamare un'altra persona. In altre parole, un SIP URI è la versione SIP di un numero telefonico tradizionale. 34

36 Ogni risorsa in una rete SIP ha bisogno di un URI univoco (Uniform Resource Identifier) e Lync non fa eccezione. La seconda zona, " Configurazione URI SIP " è dove è possibile configurare un indirizzo SIP per l'utente che deve essere unico nella struttura Lync e dovrebbe essere il più semplice possibile da ricordare sia per gli utenti interni che esterni. Figura 3.9 Le opzioni SIP disponibili per ogni utente Le scelte disponibili per il SIP URI dipendono fortemente dalle scelte che si fanno per la topologia Lync. Quando si progetta (e pubblica) l'infrastruttura Lync, si debbono elencare tutti i domini SIP che l infrastruttura dovrà gestire. Nella figura 3.10 è possibile vedere la configurazione relativa al dominio predefinito SIP ed a quelli supplementari che si è in grado di aggiungere. URI SIP contenenti domini che non sono già esistenti non sono configurabili in Lync Server Figura 3.10 Aggiungere o rimuovere domini SIP richiede la modifica della topologia di Lync Se uno dei domini SIP è anche un dominio di posta elettronica pubblico per la società, l'opzione "Utilizza l indirizzo dell'utente" dovrebbe essere la vostra prima scelta. 35

37 La possibilità di utilizzare la UPN (nome principale utente) è stata ampiamente utilizzata, ma se il dominio Active Directory utilizza un nome interno, i limiti sui certificati di terze parti che saranno efficaci a novembre 2015 rendere questa opzione meno conveniente di quanto non fosse in passato. Le opzioni rimanenti aggiungono flessibilità per darvi la possibilità di utilizzare uno schema di denominazione URI SIP che soddisfa le esigenze della vostra azienda. Opzioni di Telefonia Nella terza zona, opzioni di telefonia, quattro impostazioni sono disponibili nel primo menu a tendina : Audio / video disabilitato implica che l'utente non può effettuare chiamate con audio e video PC-to-PC l'utente può effettuare solo chiamate audio o video da PC a PC. Enterprise Voice permette all'utente di ricevere ed effettuare chiamate vocali (questa funzione richiede una specifica licenza di accesso client che sarà necessario acquistare in aggiunta alla licenza server, come spiegato nel primo capitolo). Controllo delle chiamate remote ha due impostazioni differenti Controllo delle chiamate remote consente all'utente di controllo le chiamate remote, ma disabilita chiamate audio da PC a PC. Tutti i parametri (esclusi audio / video disabilitato) richiedono una linea URI ( il numero di telefono dell'utente ). Patricia richiede piene funzionalità Enterprise Voice e un numero raggiungibile dal sistema telefonico pubblico, 1 ( 555 ) Il primo parametro che ci serve è una linea URI. Abbiamo detto che Lync si basa sul protocollo SIP, quindi bisogna formattare secondo le raccomandazioni ITU- T E. 164 (tel: ). Tale formato include un codice di paese, un prefisso e un numero utente locale ed è necessario mettere Lync Server 2013 in grado di parlare (anche) con la Rete telefonica pubblica commutata (PSTN) e con il mondo esterno in generale. Enterprise voce verrà spiegato più dettagliatamente in seguito nel libro. Il numero di cui sopra può essere direttamente raggiungibile dall'esterno della società (questo è chiamato DID, Direct Inward Dialing) oppure può essere un numero 36

38 interno che richiede di passare per un numero principale. In quest'ultimo scenario, abbiamo il supporto per un ulteriore parametro, ext. L'URI linea sarà simile a quello in figura 3.11, dove l'estensione è Figura 3.11 Configurare un utente con estensione DID Politica Dial Plan La politica Dial Plan e la politica Voice aggiungeranno alcuni parametri di cui abbiamo bisogno per gestire un utente Enterprise Voice. La politica Dial Plan risolve un problema comune: è necessario normalizzare i numeri (per esempio, quelli che un utente digita) in modo che siano trasmessi ai gateway voce o ai trunk SIP in formato E Un Dial Plan contiene una o più regole di normalizzazione che è possibile applicare a un sito, un pool, un utente, o all'intero sistema Lync (la politica globale di default). Le regole di normalizzazione vengono create utilizzando le espressioni regolari regular expressions come $ match the end (un argomento che esploreremo nella parte Enterprise Voice del libro). 37

39 Figura 3.12 Configurare un dial plan con un prefisso per l accesso Esterno Nella figura 3.12 ho aggiunto anche un "prefisso di accesso esterno" (9) che viene spesso utilizzato per le chiamate che vanno al di fuori della società. Questo parametro è utile se le abitudini di composizione del vostro utente includono l'aggiunta di un numero per identificare le chiamate che andranno al di fuori della società. Il nostro utente Julie Penny di solito usa un telefono desktop e compone numeri di telefono dopo che ha sollevare il ricevitore (composizione off-hook). Aggiunge sempre 9 all'inizio del numero esterno (abitudine che ha imparato con l uso del precedente PBX) poi legge il numero e la compone. Il prefisso di accesso esterno dice a Lync che il 9 sarà utilizzato per numero esterno (quindi verrà ignorato per le regole per i numeri interni saranno) e che il numero 9 non è da considerarsi quando normalizziamo il numero. 38

40 Politica Voice Le politiche voice sono costituite da due "parti": caratteristiche (che è possibile attivare o disattivare) e le registrazioni dell utilizzo PSTN (PSTN Usage Record), come mostrato nella figura 3.13 Figura 3.13 Modificare una politica voice La schermata precedente mostra la configurazione predefinita per una politica voice. Per il nostro utente bisognerà attivare anche la funzione di parcheggio chiamata (call parking) (cioè, la capacità di lasciare una chiamata "in attesa" e raccoglierla da un altro apparecchio). I record PSTN sono etichette che usiamo per raggruppare regole necessarie per gestire i costi delle chiamate e instradamento voce. Parleremo di più su Enterprise Voice nella terza parte del libro. In precedenza, abbiamo parlato di Lync CAL. Le licenze di Lync sono basate sull onore (honor based), quindi non c'è nessun controllo o limite alle funzioni che si è in grado di usare anche se non si sono acquisite le licenze necessarie e non esiste uno strumento dedicato per aggiungere o rimuovere le licenze. L'unico modo che per mantenere il controllo sul numero di licenze necessarie è con i criteri assegnati a utenti di Lync, aggiungendo o rimuovendo funzioni. Le caratteristiche di Lync sono divise in tre categorie, corrispondenti a tre tipi di licenze di accesso client (CAL). Le CAL sono cumulative (quindi avrete bisogno di una licenza CAL Standard per ogni utente e quindi si possono aggiungere servizi con ulteriori CAL): Lync standard CAL (richiesto per IM e presenza) Lync Enterprise CAL (richiesto per audio, video e web conferencing) Lync CAL Plus (per le funzionalità di Enterprise Voice) 39

41 Assegnazione delle Politiche Abbiamo detto che Patricia userà una funzionalità denominata gallery view. Questo è un nuovo layout per le video conferenze, che offre fino a cinque flussi video attivi allo stesso tempo. Il parametro "Consenti più flussi video" ( Allow multiple video streams ) (abilitato per default e introdotto per la prima volta in Lync 2013) può essere disattivata in situazioni in cui abbiamo bisogno di inibire l'accesso a conferenze che utilizzano questa funzionalità. E qualcosa che dobbiamo abilitare con l'uso di una politica (cioè, lavorando nell'ultima zona del Pannello di controllo). I parametri vengono impostati nella schermata che vedete in figura 3.14 (nella scheda Conferencing). Figura 3.14 Modificare la politica di conferencing globale per abilitare più flussi video Patricia Johnson tiene i contatti con un gran numero di clienti della nostra azienda e le è spesso richiesto di incontrarli su servizi IM pubblici come Jabber.org. Si vuole rendere più facile per lei il collegamento con i servizi esterni di cui sopra utilizzando il suo account di Lync (e sostituzione con quest'ultimo una lunga lista di utenze che lei usa sulle altre piattaforme). È possibile raggiungere il risultato configurando una 40

42 federazione basata su XMPP. Vi spiegherò i dettagli in seguito, ma fondamentalmente quello che dovete fare è configurare la politica nella scheda Federazione e Accesso d all Esterno (Federation and External Access) come mostrato in figura 3.15 Figura 3.15 Configurare una politica per la federazione con XMPP, avente ambito utente E 'importante sottolineare che la politica sarà di ambito utente, perché vogliamo che l'integrazione XMPP non sia una funzione generalmente disponibile. Tornando ai parametri dell'utente per Patricia (figura 3.16) applicheremo la politica "XMPP Federation", lasciando la politica globale di default senza modifiche. Figura 3.16 Applicando una politica utente pe federazioni basate su protocollo XMPP Le diverse politiche che vediamo in questa schermata detteranno l'intera esperienza utente e verranno discusse più in profondità nei prossimi capitoli. Per darvi una rapida idea dei parametri disponibili, abbiamo: Conferencing policy Definisce le caratteristiche e le funzionalità che gli utenti hanno a disposizione nel corso di una riunione, tra cui il gli strumenti di condivisione di dati audio e video disponibili. 41

43 Client Version policy Tale politica detta le versioni di client Lync supportate nel nostro ambiente. PIN policy Per partecipare a una conferenza dial-in, un utente Lync richiede un numero di identificazione personale (PIN). La politica PIN impone numero massimo di tentativi di accesso, scadenza PIN, e così via. External Access policy È possibile configurare quali sistemi pubblici (compresi partner XMPP federati) o utenti esterni possono collaborare con gli utenti interni alla nostra azienda. Archiving policy L archiviazione permette alle aziende di tenere traccia delle conversazioni di messaggistica istantanea che coinvolgono gli utenti Lync. La funzione di cui sopra può essere richiesta per motivi legali e potrebbe essere attivata solo per utenti specifici, con una politica dedicata applicata alle persone che è necessario monitorare. Location policy La Politica di tracciamento della posizione contiene le impostazioni E9-1-1 (servizi per chiamate di emergenza). Mobility policy Le caratteristiche che potete controllare da qui sono legate principalmente a Lync 2013 per i dispositivi mobili. Persistent Chat policy I parametri che è possibile modificare questo spazio si riferiscono al servizio persistent chat. Client policy La politica client determina quali funzionalità client saranno disponibili per l'utente. Come si è visto, anche la configurazione di un utente che non ha i requisiti particolarmente complessi richiede diversi passaggi. Politiche e configurazioni di un utente (soprattutto se poi proiettata su larga scala) hanno un profondo impatto sui costi e sulle prestazioni del sistema e non devono essere sottovalutate. Provate Adesso Spostare un utente da un pool di Lync ad un altro e per disattivare le loro politiche conferenza utilizzando il Pannello di Controllo. 42

44 Laboratorio NOTA Per questo laboratorio, sono necessari un controller di dominio e un Front-End Lync funzionanti. Abilitate una nuovo utente a Lync Delegate all'utente la possibilità di abilitare e disabilitare gli utenti per Lync Server Lanciate il Pannello di Controllo di Lync con l'utente di cui sopra e attivate due nuovi utenti di Lync Definite le loro politiche in modo che uno di loro sia abilitata solo per IM, mentre l'altro è un utente Enterprise Voice Per quest'ultimo, configurare una dial policy che include 0 come prefisso di accesso esterno Provate una chiamata audio e quindi configurate tutto in modo che gli utenti siano in grado di comunicare tra di loro con Enterprise Voice Verificare che la funzionalità di delega, attivandola per un utente di Lync e applicando la delega dal client Lync 43

45 4 Gestione dei Client e dei Dispositivi con il Pannello di Controllo di Lync Server Come amministratori Lync, uno dei vostri compiti è quello di gestire gli aggiornamenti software e le politiche di utilizzo per i client. La definizione di client in Lync include il software client Lync installato sulla workstation dell'utente o su un dispositivo mobile e telefoni da scrivania (deskphone) basati su IP. È possibile aggiungere alla lista Lync Web App, un'interfaccia web accessibile agli utenti privi di software client sul computer. L'applicazione Web non è un client piena funzionalità, ma permette la partecipazione ad una riunione già esistente. Nella figura 4.1 si può vedere il client completo, la Web App e un deskphone afiancati. Figura 4.1 Una rappresentazione grafica di alcuni client Lync 2013 Il pannello di controllo di Lync 2013 server sarà di grande aiuto in questo compito con gli strumenti incorporati in una scheda denominata CLIENTS (come ho spiegato in precedenza, il pannello di controllo è l'interfaccia grafica per l'amministrazione Lync). La si può vedere in figura 4.2 Figura 4.2 Sulla sinistra del Pannello di Controllo di Lync, evidenziata in verde la tab Clients Nella schede client abbiamo gli strumenti per gestire: 44

46 Clients: software client Lync e OCS installati sul desktop client (OCS 2007 R2 è stato il prodotto Microsoft precedente a Lync) Hardware: questa definizione comprende tutti i telefoni fissi che è possibile utilizzare con Lync. Questi possono essere suddivisi in due grandi categorie: Telefoni IP Testati e Qualificati per Lync che sono i telefoni che utilizzano un software di terze parti compatibili con Lync Telefoni IP ottimizzati per Lync che sono i telefoni basati su Lync Phone Edition (vedi figura 4.3). Lync Phone Edition è un software client di Microsoft che gira su dispositivi qualificati e fornisce funzionalità di telefonia tradizionali e avanzate. Figura 4.3 il telefono a sinistra utilizza Lync Phone Edition mentre quello a destra utilizza un software fornito dal produttore hardware Mobility: dedicato alla gestione delle funzionalità del client progettato per i dispositivi mobili come smartphone e tablet Nella Figura 4.4, oltre a mostrare il contenuto della scheda Clients, lo ho diviso in tre "zone" (clients, hardware e mobility). Dovrebbe essere più facile spiegare i diversi strumenti in questo modo. 45

47 Figura 4.4 scheda Client nel Pannello di controllo di Lync con le tre zone evidenziate Come potete vedere, due schede sono per la gestione dei client software, quattro sono per i dispositivi hardware e due si focalizzano sulla mobilità. È possibile mappare ogni scheda con i compiti amministrativi da svolgere all interno, come nella seguente tabella Client Version Policy Client Version Configuration Politiche sulla versione client che consentono di specificare che i clienti saranno accettati da Lync Server Qui è possibile specificare un'azione predefinita per i client a cui non ho applicato criteri di versione client Device Update Test Device Device Log Configuration Siete in grado di approvare e distribuire gli aggiornamenti software ai dispositivi È possibile aggiungere un dispositivo di prova e utilizzarlo per verificare i nuovi aggiornamenti prima di distribuirli in produzione È possibile gestire le impostazioni relative alla registrazione degli aggiornamenti dei dispositivo Device Configuration Configurazione del dispositivo consente di modificare le opzioni di gestione per Lync Phone Edition come il blocco del telefono dopo un time-out Mobility Policy Push Notification Configuration È possibile creare una politica di mobilità per consente o nega funzionalità di Lync per gli utenti mobili È possibile abilitare o disabilitare le notifiche push. Una notifica è un avvertimento sullo schermo per comunicazione Lync perse. Notifiche push è disponibile solo su alcune versioni del client mobile Lync 46

48 Spiegherò alcune delle configurazioni disponibili nelle diverse schede, mantenendo la divisione logica in tre aree per migliorare la chiarezza. NOTA: Solitamente la gestione dei client non è un lavoro che si effettua su una base quotidiana. Spesso si lavorerà a fronte di aggiornamenti del software o se è necessario cambiare le politiche Lync. Ora, per iniziare con un esempio pratico, immaginiamo di aver appena migrato l'infrastruttura aziendale a Lync Server Probabilmente avrete il seguente errore dai client Lync 2010 : "Microsoft Lync 2010 non è una versione che può essere utilizzata per accedere al server", come si può vedere in figura 4.5 Figura 4.5 Errore di default con i clients Lync 2010 La soluzione al vostro problema è in quella che ho definito in precedente la zona "software clients" nella scheda clients nel Pannello di Controllo di Lync. Software Clients I parametri nella Politica della versione client (Client Version Policy) e nelle schede di configurazione della versione Client (Client Version Configuration) dettano, insieme, quali client possono accedere al server Lync. Ogni volta che un utente accede Lync, la client version policy stabilisce se l utente è soggetto a controlli di versione client o meno. Se client version configuration è attivata (vedi figura 4.6) la client version policy controllerà la versione del software client e consentirà (o negherà) l'accesso. 47

49 Figura 4.6 Client version configuration abilitato Then la client version policy stabilisce le regole per l'ammissione o il blocco dei diversi client. Il criterio predefinito è globale (il che significa che si applica a tutta l'infrastruttura Lync), come potete vedere in figura 4.7 Figura 4.7 client version policy con la politica di default (globale) Aprendo la politica, vedrete l'elenco nell'immagine 4.8. Il valore che ho sottolineato in verde è quello che riguarda i nostri clienti Lync Se sono precedenti alla versione non saranno in grado di connettersi a Lync Server

50 Figura 4.8 client version policy con il parametro riguardante Lync client 2010 evidenziato Le impostazioni predefinite sono troppo restrittive, per il nostro scenario, tagliando fuori una parte dei client Lync Quello che occorre fare è modificare le impostazioni per consentire la versione OC dello "user agent" (corrispondente al client Lync 2010), come si può vedere nella schermata successiva Figura 4.9 Abilitare i client Lync 2010 Ora, aggiungiamo alcune informazioni per andare al di là del problema specifico che avete appena visto. Version Configuration include un parametro per consentire o bloccare i client non identificati. Questo è una opzione importante perché determina come Lync gestirà qualsiasi client non corrispondente con le versioni elencate nei parametri della politica. 49

51 Per gestire scenari con una distribuzione dei client Lync non è omogenea è possibile creare criteri per siti o utenti per gestire le eccezioni per un singolo ufficio o per gli impiegati singoli di una società. Nota: Se si desidera mantenere anche Microsoft Office Communicator 2007 R2 in esecuzione, la versione da modificare è Suggerimento: vi consiglio uno strumento gratuito (Find Lync Versions che interroga il database RTCLocal per recuperare le versioni client che gli utenti hanno sulla loro postazione di lavoro. Provate Adesso Aprite un client Lync e individuate il numero di versione. Preparate un elenco dei passaggi necessari per consentire la connessione al server Lync per i client legacy in una filiale con un server locale Lync Front-End dove gli utenti sono collocati. Ora, immaginate la filiale di cui sopra con una distribuzione SBA di Lync (Survivable Branch Appliance è un hardware con limitate caratteristiche Lync per aumentare la resilienza voce in scenari delle filiali). L'elenco delle operazioni necessarie per mantenere i client esistenti cambierà? Hardware Device Se la vostra azienda utilizza la Enterprise Voice di Lync Server 2013 (che è il termine Lync per definire le comunicazioni vocali su protocollo Internet o VoIP), probabilmente avete anche distribuito deskphone come quelli che avete visto all'inizio del capitolo. Una parte dei vostri compiti amministrativi è quello di tenerli aggiornati e allineare all'ultima versione del software i dispositivi di telefonia fisici di cui sopra. In questa zona del Pannello di Controllo si possono approvare e distribuire gli aggiornamenti ai dispositivi (e fare un rollback in caso si verificasse un problema), testarli o configurare alcuni parametri (vedi figura 4.10) Figura 4.10 Gestione delle periferiche nel Pannello di Controllo Lync 50

52 Supponiamo che vogliate aggiornare un telefono HP4110 all'ultima release del software. Il primo passo è quello di scaricare un file bin aggiornato (il file, distribuito ai desk phone, aggiornerà il software). E necessario rendere il file disponibile ai dispositivi. Lync permette la distribuzione del software attraverso il servizio web installato di default sui Front-Ends Lync. NOTA: La procedura richiederà anche l'uso della Lync Management Shell e dei suoi cmdlet (comandi semplificati utilizzati in ambiente PowerShell) Avremo bisogno di un cmdlet per importare i file bin. Il comando di base è Import- CsDeviceUpdate, ma è necessario anche conoscere un parametro del Front-End chiamato identità ( identity ). Se non si conosce il parametro " identity" per il nostro server è possibile utilizzare il seguente cmdlet Get-CsService-WebServer. Nel mio esempio ho un valore pari a Webserver: 2012SE1.Lync2013.dom. Il file. Bin che ho scaricato si trova in c: e ha nome ucupdates.cab. Il cmdlet finale per importare sarà Import-CsDeviceUpdate -identity WebServer:2012SE1.Lync2013.dom -FileName c:\ucupdates.cab Per verificare se l'aggiornamento è stato importato correttamente bisogna andare nel Pannello di controllo di Lync e aprire Device Update nella scheda client. Il risultato è quello che potete vedere in figura 4.11 (ho anche aperto il menu Azione per l'approvazione). 51

53 Figura 4.11 Gli aggiornamenti sono disponibili per l'approvazione nel Pannello di Controllo di Lync Prima di distribuire su larga scala è possibile verificare i nuovi aggiornamenti su un dispositivo di test utilizzando il menu dedicato (Test Device)) nel Pannello di controllo. L'hardware può essere identificato utilizzando l'indirizzo MAC (identificativo univoco dell'interfaccia di rete del telefono fisso). Nel mio caso 00:04:13:72:00:7F. È inoltre possibile utilizzare il numero di serie (M ) come mostrato in figura 4.12 Figura 4.12 Configurare una periferica di test Se il dispositivo di test non mostra alcun problema, è possibile distribuire l'aggiornamento dalla scheda Device Update di cui sopra. Nota: I pre-requisiti per una corretta distribuzione della Phone Edition includono una infrastruttura Lync Enterprise Voice funzionante e modifiche ai server dell'infrastruttura di rete come DNS e DHCP. 52

54 Mobilità Elenchiamo le esigenze della nostra utente Patricia Johnson: Utilizzare un client mobile e la funzione call via work (cioè la capacità di chiamare dal suo cellulare utilizzando il suo numero di lavoro) Vogliamo che lei possa usare voce e video solo se è disponibile una connessione Wi-Fi (altre connessioni dati dovrebbe essere inibite per queste caratteristiche) La cattiva notizia è che non è possibile ottenere il risultato utilizzando solo il Pannello di Controllo. Il criterio predefinito (globale) che potete vedere nella scheda Mobility Policy (figura 4.13) non soddisfa i requisiti di cui sopra e non c'è modo di forzare il parametro Wi-Fi dal Pannello di Controllo. Figura 4.13 The La scheda Mobility Policy con la politica predefinita aperta Ho ingrandita l'immagine precedente nella figura Come potete vedere, le impostazioni disponibili sono solo per abilitare o disabilitare la mobilità e la call via work 53

55 Figura 4.14 Politica Globale di Mobilità La soluzione è quella di utilizzare (di nuovo) la Lync Management Shell. Se si avvia il cmdlet Get-CsMobilityPolicy vedrete un risultato simile al seguente Identity: Global Description: EnableOutsideVoice: EnableMobility: EnableIPAudioVideo: True True True RequireWIFIForIPAudio: False RequireWIFIForIPVideo: False Quindi, per ottenere il risultato desiderato (limitandoci a un ambito utente perché vogliamo applicarlo ai singoli utenti) il cmdlet sarà qualcosa di simile al seguente New-CsMobilityPolicy -identity "Wi-Fi required" -RequireWiFiForIPAudio $True - RequireWiFiForIPVideo $True Push Notifications A seconda del tipo di dispositivo mobile con cui lavora l'utente, potrebbe essere preferibile abilitare le notifiche push di Lync (come abbiamo detto prima, si tratta di avvisi a schermo per comunicazioni Lync perse). Push Notification sono disabilitate di default (vedi Figura 4.15) Figura 4.15 Politica di default per le Push Notifications Per continuare con l'esempio precedente, se Patricia ha Lync 2013 Mobile su un dispositivo Apple, non sono necessarie le notifiche push perché la nuova versione del client per ipad e iphone non le supporta. Se lei usa Lync 2010 Mobile su un dispositivo Apple o su Windows Phone, le notifiche risultano utili. Le configurazioni appena citate 54

56 potranno utilizzare il servizio push per avvisare l'utente di messaggi IM persi e contatti avvenuti quando il client è in background. Nota: la funzione richiede la configurazioni del Lync Edge e del reverse proxy inverso che vedremo in seguito. Alcune Cose che Dovrete Fare Fuori dal Pannello di Controllo Alcuni dispositivi, come quelli dedicati alle conferenze e i telefoni per le aree comuni ( common area phones ) non sono gestite dal Pannello di Controllo e ne parleremo. Una parte della gestione del client e della configurazione (politica bootstrap) è gestito tramite Criteri di Gruppo ( Group Policy ) (i modelli amministrativi di Lync 2013 sono inclusi in Office 2013 Administrative Template files (ADMX, ADML) ) come si può vedere nella figura 4.16 Figura 4.16 Microsoft Lync 2013 administrative template in Group Policy editor Come forse già sapete, le Group Policies consentono di modificare l'intera esperienza di lavoro di un utente, aggiungendo o la rimuovendo caratteristiche, programmi e autorizzazioni dal client in base ai gruppi di appartenenza, all'unità organizzativa in cui inseriamo l'account di Active Directory, all'oggetto computer e così via. Di solito questa è una cosa gestita dal gruppo amministrativo responsabile delle Active Directory della società. Come amministratore di Lync, è possibile utilizzare l'infrastruttura di Active Directory per configurare i parametri del client Lync. Le group policy per Lync sono legate all'oggetto computer, in modo che siamo in grado di modificare alcune impostazioni del client Lync in base alla workstation cui è connesso l'utente. Un utile applicazione dei criteri di gruppo con Lync 2013 offre una soluzione all errore Lync Sign In error Lync cannot verify that the server is trusted for your sign-in address. Connect anyway?. 55

57 Di solito si tratta di un errore relativo ad alcune informazioni non corrette nei certificati Lync. Ad esempio, il nostro dominio Active Directory è Lync2013.dom e il nome del Front- End Lync (e i record DNS) sono associati al dominio Lync2013.org. Tutti i client Lync, la prima volta che si tenta di connettersi, mostreranno l'errore di cui sopra. È possibile aggiungere manualmente il server all'elenco dei domini attendibili ma una soluzione più intelligente è quella di utilizzare i Criteri di gruppo. Aggiungendo il parametro per il server Lync nella " Trusted Domain List (TrustModelData)" (vedi immagine seguente). Figura 4.17 la Trusted Domain List L'errore non si mostrerà mai in nessuno dei clienti inseriti nel dominio Active Directory. Questo è solo un esempio dei risultati che si possono ottenere con le group policy. Nel prossimo "Provate Adesso" mostrerò alcune operazioni aggiuntive che è possibile eseguire. Provate Adesso Per esplorare ulteriormente il potere delle group policy per Lync 2013 si potrebbe provare a creare due politiche diverse: la prima (che si può chiamare Tracing), consentirà il tracciamento per la risoluzione dei problemi sul client (Turn on tracing for Lync enabled nella policy) ed è possibile collegarlo a un'unità organizzativa che si può chiamare Debug. Il secondo criterio (che si può chiamare No Tracing) avrà lo stesso parametro configurato in disable e verrà collegato a un OU chiamato Lync clients. 56

58 La situazione sarà quella che si può vedere nella figura successiva Figura 4.18 Organizational units con le due group policy di Lync collegate Ora, ogni volta che si verificherà un problema con il client Lync di una singola postazione di lavoro, è possibile spostare l'oggetto computer nella OU Debug in modo che la prossima volta che il client accede al dominio è abilitata la tracciatura. Quando il problema viene risolto, è possibile spostare la postazione di nuovo nella OU originale e la tracciatura sarà disattivata al successivo log in. Laboratorio In questo capitolo avete visto una parte della gestione attraverso il Pannello di Controllo di Lync che comprende tutte le soluzioni client disponibili per gli utenti (client Lync per PC desktop e utenti mobili). Come avete visto, alcuni compiti specifici devono essere eseguiti al di fuori l'interfaccia grafica e le caratteristiche della Lync management shell sono l'argomento dei prossimi capitoli. NOTA Per questo laboratorio, sono necessari un controller di dominio e un Front-End Lync funzionanti. Provate a rispondere alle seguenti domande e a completare i compiti specificati. Questo laboratorio si concentra sulle caratteristiche che il Pannello di Controllo di Lync offre per gestire i diversi tipi di client e dispositivi. Si può inibire l'uso di Lync per un gruppo di utenti? Come? Come si abilita l'utilizzo del client Lync 2010 solo per un sito specifico? Qual è il metodo migliore per testare un firmware Lync su un desk phone prima di distribuirlo a tutti i dispositivi? Come potete configurare le funzioni audio e vocali per i client di telefonia mobile 57

59 5 Gestione gli Utenti con Lync Server Management Shell Lync Server Management Shell è un interfaccia amministrativa costruita su Windows PowerShell 3.0. Anche se è possibile eseguire circa l'80% delle attività di gestione e configurazione dal Pannello di Controllo di Lync, si deve ricordare che l'interfaccia grafica usa solo un sottoinsieme di cmdlet rispetto a quelli che avete a vostra disposizione nella management shell. La management shell è anche il miglior strumento per automatizzare le attività amministrative. Amministrazione Utenti dalla Management Shell Utilizzare la PowerShell 3.0 significa che le nuove funzionalità e miglioramenti sono a disposizione per gestire Lync. Il primo strumento utile è il cmdlet Show-Command. Come si può vedere in Figura 5.1, la nuova versione di questo cmdlet apre un'interfaccia grafica che consente di selezionare il modulo PowerShell che si desidera utilizzare e quindi viene visualizzato un elenco di cmdlet disponibili. Figura 5.1 Utilizzare il cmdlet Show-Command per esplorare I comandi Lync Selezionando un cmdlet si è in grado di visualizzare i parametri disponibili (vedi Figura 5.2) 58

60 Figura 5.2 i parametri vengono mostrati nell'interfaccia grafica Ottenere informazioni sugli utenti di Lync Possiamo iniziare esaminando uno dei cmdlet più utilizzati per la gestione degli utenti di Lync: Get-CsUser 59

61 Figura 5.3 il cmdlet Get-CsUser con una lista delle opzioni disponibili LA figura 5.3 mostra le proprietà più comuni che è possibile utilizzare con il comando Get-CsUser. Un primo, cmdlet interessante che è possibile utilizzare è Get-CsUser Get-Member -MemberType Properties Questo comando mostrerà tutte le proprietà che si possono verificare con Get-CsUser Nell'immagine seguente ho lanciato il cmdlet filtrando solo la proprietà name per avere una lista chiara Get-CsUser Get-Member -MemberType Properties select-object Name 60

62 Figura 5.4 il risultato del cmdlet precedente con i valori selezionati in una tabella Alcuni esempi: Get-CsUser Select-Object DisplayName Il comando elencherà I permessi Lync di tutti gli utenti e mostrerà solo il nome di visualizzazione per ciascuno Get-CsUser -Filter {EnterpriseVoiceEnabled -eq $true} Select-Object DisplayName Il comando elencherà gli utenti abilitati alla Enterprise Voice e mostrerà solo il nome di visualizzazione per ciascuno 61

63 Get-CsUser where {$_.LineURI -like "tel:+39*"} Sort-Object LineURI Select-Object Displayname, LineURI, PrivateLine Il comando mostrerà tutti gli utenti abilitati per Lync Enterprise Voice con un numero che inizia con +39 e li ordinerà in base al loro numero di telefono in una tabella, come si può vedere nella successiva Figura Figura 5.5 il risultato del cmdlet precedente con i valori selezionati in una tabella $list = Get-CsUser $list.count To count the users enabled to Lync and display a numeric value $list=get-csuser -Filter {EnterpriseVoiceEnabled -eq $true} $list.count Se si desidera elencare solo gli utenti abilitati per Enterprise Voice è possibile mescolare il comando di cui sopra e uno degli esempi precedenti Get-CsUser where {$_.registrarpool -match "Lync01.lync2013.intra"} Se si desidera elencare gli utenti ospitati su un pool specifico (per esempio Lync01.lync2013.intra) Attivare o Disattivare gli Utenti Lync Per consentire a un utente di accedere a Lync è necessario abilitarlo. L'utente dovrà disporre di un account valido nella foresta di Active Directory. Mentre si può lanciare il cmdlet Get-CsUser senza parametri, il cmdlet Enable-CsUser ha alcuni parametri obbligatori. Identità, RegistrarPool e SipAddress devono essere definite (anche se quest'ultimo può essere parametrizzato automaticamente o manualmente nel cmdlet). 62

64 Figura 5.6 parametri richiesti dal comando Enable-CsUser sono in giallo Alcuni esempi: get-csaduser -filter {windows address -like } -OU ou=organizationunitname,dc=domain,dc=com Enable-CsUser RegistrarPool PoolServer.domain.com -SipAddressType Address Abilitando massivamente gli utenti di Active Directory a Lync è qualcosa che è richiesto molto spesso. Suggerisco la soluzione pubblicata su questo blog Questa soluzione si basa sul cmdlet get-csaduser e permette di scegliere oggetti utente da una specifica unità organizzativa, filtrare utilizzando l indirizzo di posta elettronica e abilitando a di Lync con un indirizzo SIP generato automaticamente in base all'indirizzo di posta elettronica di cui sopra. Il Pannello di Controllo non può modificare gli utenti di dominio che fanno parte di un gruppo amministrativo. Se si tenta di fare questo, si avrà l'errore mostrato nella successiva figura 63

65 Figura 5.7 il messaggio di errore scatenato dalla modifica di un amministratore E' necessario lavorare nella management shell con il seguente cmdlet Enable-CsUser Identity "Administrator" RegistrarPool Lync01.lync2013.intra - SipAddressType Address Provate Adesso Provate il parametro WhatIf per testare un cmdlet Enable-CsUser Provate la differenza tra Set-CsUser Identity "username" Enabled $False e la Disable-CsUser Identity "username". Si noterà che il primo disabilita l'utente da Lync con nessuna configurazione o la politica persa, mentre il secondo cancella tutti i parametri di Lync. Spostamento di Utenti Lync tra Diversi Pools Il cmdlet Move-CsUser consente di spostare un account utente da un pool Lync ad un altro. Il comando è importante in Lync 2013 perché possiamo usarlo per effettuare il failover / failback di utenti Lync da un pool all'altro, se abbiamo deciso di sfruttare la funzionalità di pairing dei Front-End. I parametri relativi al Move-CsUser sono quelli che si possono vedere in Figura 5.8, con quelli in giallo (Identità e Target) obbligatori. 64

66 Figura 5.8 il cmdlet Move-CsUser con i parametri obbligatori e facoltativi Come parte della procedura di failover se un front-end in pairing non è più disponibile, è necessario utilizzare il seguente cmdlet (incluso il parametro -Force) Get-csuser -Filter {RegistrarPool -eq "Lync1.Lync2013.Intra"} Move-CsUser -Target Lync1.Lync2013.Intra -Force Lync2013.Org ha configurato un ambiente ibrido con uno split domain. Questa configurazione consente agli utenti di lavorare on-premises e in Cloud con lo stesso dominio SIP. È anche possibile spostare gli utenti on-line e di on-premises utilizzando il cmdlet Move-CsUser. La sintassi sarà simile a quella che potete vedere qui Move-CsUser -Identity -Target sipfed.online.lync.com - Credential Office 365 administrator credentials -HostedMigrationOverrideUrl Migration URI taken from the Office 365 Portal 65

67 Gestione delle Politiche dalla Management Shell Come avete visto nei capitoli precedenti, Lync Server fornisce una serie di politiche per gestire le funzionalità e configurazioni. Per ogni criterio che avete visto nel Pannello di Controllo c'è un cmdlet corrispondente nella management shell. Politiche relative ai client e ai dispositivi (versione del client, Pin, politica client) saranno spiegate nel capitolo 6. Per quanto riguarda gli utenti di Lync abbiamo lo schema si può vedere in Figura 5.9. Si noti che lo schema utilizza solo il cmdlet "New-" utilizzato per creare una nuova politica, ma abbiamo anche "Grant-" per assegnare una politica già esistente, "Get-" per recuperare le informazioni sulle politiche, "Remove-" per rimuovere le politiche e "Set-" per modificare una politica esistente. Figura 5.9 Le politiche utente affiancate con il cmdlet utilizzati per generare una nuova politica La prima politica che Lync2013.Org vuole applicare per le conferenze, limiterà agli utenti con una CAL standard alla messaggistica immediata, presenza e partecipazione (non pianificazione) nelle conferenze. Tim Harrington ha fatto un ottimo lavoro qui con una politica che fa quanto richiesto usando la management shell (gli articoli sono basati su Lync 2010, ma i limiti CAL standard e cmdlet da utilizzare sono gli stessi in Lync 2013): 66

68 New-CsConferencingPolicy Identity Conf-StandardCAL AllowIPAudio $false AllowIPVideo $false AllowUserToScheduleMeetingsWithAppSharing $false AllowPolls $false EnableAppDesktopSharing None EnableDialinConferencing $false La politica disabiliterà tutte le caratteristiche non incluse nella CAL standard come si può vedere nei risultati mostrati nella Figura 5.10 Figura 5.10 la configurazione di una nuova politica per imporre la standard CAL The next step will be to apply the policy to users. For example let s say that when Julie Penny was hired in the company the features we granted to her were the ones included in the standard cal Il prossimo passo sarà quello di applicare il criterio agli utenti. Ad esempio, diciamo che quando Julie Penny è stata assunta in azienda le caratteristiche a lei concesse erano quelle incluse nella CAL standard Grant-CsConferencingPolicy Identity "Julie Penny" PolicyName "Conf-StandardCAL" Quando Julie ha iniziato a lavorare con Stacey Duggan l'amministratore Lync ha deciso di allinearla alla politica "globale", che include funzionalità aggiuntive. Anche in questo caso, dalla Shell di gestione, siamo in grado di svolgere l'attività utilizzando: Grant-CsConferencingPolicy Identity "Julie Penny" PolicyName $Null 67

Lync: la nuova era della comunicazione 21.11.2012 1

Lync: la nuova era della comunicazione 21.11.2012 1 Lync: la nuova era della comunicazione 21.11.2012 1 Possibilità di comunicazione comuni Messaggi istantanei Segreteria telefonica digitale Conferenze Video Telefonia Conferenze Web E-Mail e Calendario

Dettagli

LA COLLABORAZIONE AL SERVIZIO DELLA CENTRALITÀ DEL DIPENDENTE NELL ENTE PUBBLICO

LA COLLABORAZIONE AL SERVIZIO DELLA CENTRALITÀ DEL DIPENDENTE NELL ENTE PUBBLICO LA COLLABORAZIONE AL SERVIZIO DELLA CENTRALITÀ DEL DIPENDENTE NELL ENTE PUBBLICO Maggio 2011 Vincenzo Carnovale Unified Communications Solution Sales Microsoft Italia C ERA UNA VOLTA Le persone usavano

Dettagli

Vericom Unified Messaging Server (VUMS)

Vericom Unified Messaging Server (VUMS) Vericom Unified Messaging Server (VUMS) VUMS è progettato per integrare ed espandere i sistemi di comunicazione in voce tradizionali con le funzioni applicative dei sistemi di telefonia su IP. Le caratteristiche

Dettagli

Microsoft. Le soluzioni e i servizi. Microsoft Lync Server 2013. Unified Communication e Collaboration 2013

Microsoft. Le soluzioni e i servizi. Microsoft Lync Server 2013. Unified Communication e Collaboration 2013 Unified Communication e Collaboration 2013 Microsoft Unified Communication e Collaboration rappresentano due pilastri nella visione Microsoft per la produttività, che si concretizza in un insieme di soluzioni

Dettagli

Exchange Server 2007: si parte dalla messaggistica, ma non è il punto di arrivo Office Communications Server: la voce corre sul filo ma della rete

Exchange Server 2007: si parte dalla messaggistica, ma non è il punto di arrivo Office Communications Server: la voce corre sul filo ma della rete Exchange Server 2007: si parte dalla messaggistica, ma non è il punto di arrivo Office Communications Server: la voce corre sul filo ma della rete Unified Communications Da reti e strumenti proprietari

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

DEPLOY DI ZEROSHELL IN AMBIENTE VIRTUALE. Lorenzo Comi

DEPLOY DI ZEROSHELL IN AMBIENTE VIRTUALE. Lorenzo Comi DEPLOY DI ZEROSHELL IN AMBIENTE VIRTUALE Lorenzo Comi Introduzione: software ed hardware 2 Software per la virtualizzazione: VMware Fusion. 3 macchine virtuali Zeroshell 3.0.0 con profilo attivo. Macchina

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

OGGETTO: Microsoft Unified Communications

OGGETTO: Microsoft Unified Communications OGGETTO: Microsoft Unified Communications Gentile Cliente, Microsoft Unified Communications è la nuova soluzione di comunicazione integrata che offre alle organizzazioni una piattaforma estendibile di

Dettagli

Da Google Apps a Office 365 per le aziende

Da Google Apps a Office 365 per le aziende Da Google Apps a Office 365 per le aziende Passaggio L'interfaccia di Office 365 per le aziende è diversa da quella di Google Apps. Al primo accesso viene visualizzata la schermata seguente, ma dopo poche

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Pagina 1 Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo La sfida Replicare un ambiente

Dettagli

1. Il Client Skype for Business

1. Il Client Skype for Business 1. Il Client Skype for Business 2. Configurare una Periferica Audio 3. Personalizzare una Periferica Audio 4. Gestire gli Stati di Presenza 5. Tabella Stati di Presenza 6. Iniziare una Chiamata 7. Iniziare

Dettagli

ANTEPRIMA OFFICE 365! LA COLLABORAZIONE E LA PRODUTTIVITÀ CLOUD BASED PER GLI ENTI PUBBLICI

ANTEPRIMA OFFICE 365! LA COLLABORAZIONE E LA PRODUTTIVITÀ CLOUD BASED PER GLI ENTI PUBBLICI ANTEPRIMA OFFICE 365! LA COLLABORAZIONE E LA PRODUTTIVITÀ CLOUD BASED PER GLI ENTI PUBBLICI 9 maggio 2011 Ida Pepe Solution Specialist Online Services Microsoft Italia IL FUTURO DELLA PRODUTTIVITÀ Comunicazioni

Dettagli

WINDOWS SERVER WEB 2008R2 64BIT/X64 CON SP1 1-4 CPU VERSIONE OEM 1PACK IN ITALIANO

WINDOWS SERVER WEB 2008R2 64BIT/X64 CON SP1 1-4 CPU VERSIONE OEM 1PACK IN ITALIANO WINDOWS SERVER WEB 2008R2 64BIT/X64 CON SP1 1-4 CPU VERSIONE OEM 1PACK IN ITALIANO Descrizione Breve prodotto Lingua italiano Licenza Server + Cal Sistema Spaziolibero Cpu Memoria Windows Server 2008 Web

Dettagli

Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING

Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING 53% ottimizzazione dei costi di implementazione 48% risparmio sui costi di manutenzione 46% velocità di innovazione 30% costi adattabili in

Dettagli

Che cos'è OmniTouch 8660 My Teamwork?

Che cos'è OmniTouch 8660 My Teamwork? OMNITOUCH 8660 MY TEAMWORK 6.1 GUIDA DI AVVIO RAPIDO Che cos'è OmniTouch 8660 My Teamwork? OmniTouch 8660 My Teamwork Unified - Conferenze e collaborazione riunisce la funzione di messaggistica istantanea

Dettagli

Informazioni. OpenScape Web Collaboration

Informazioni. OpenScape Web Collaboration Informazioni OpenScape Web Collaboration OpenScape Web Collaboration è una soluzione per conferenze Web scalabile, sicura ed estremamente affidabile per aziende di qualsiasi dimensione. Communication for

Dettagli

DEMO OFFICE 365. OFFICE DOWLOAD Si entra nella Sottoscrizione pannello personale

DEMO OFFICE 365. OFFICE DOWLOAD Si entra nella Sottoscrizione pannello personale DEMO OFFICE 365 OFFICE DOWLOAD Si entra nella Sottoscrizione pannello personale Ogni utente può installare il proprio Office da Impostazioni / software http://community.office365.com/it-it/tools/helpcenter.aspx?hcs=b7430e03-97b5-403d-95f4-

Dettagli

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 1.Descrizione della Soluzione La soluzione per la audio/videoconferenza EW2 proposta da Gruppo SIGLA consente di comunicare e collaborare a distanza, senza muoversi

Dettagli

Consulenza Informatica ======================================================================= Introduzione. Documentazione tecnica

Consulenza Informatica ======================================================================= Introduzione. Documentazione tecnica Introduzione Le novità che sono state introdotte nei terminal services di Windows Server 2008 sono davvero tante ed interessanti, sotto tutti i punti di vista. Chi già utilizza i Terminal Services di Windows

Dettagli

Royal Dutch Shell prevede un ambiente di lavoro migliorato con Unified Communications

Royal Dutch Shell prevede un ambiente di lavoro migliorato con Unified Communications Microsoft Office System Case study soluzioni clienti Royal Dutch Shell prevede un ambiente di lavoro migliorato con Unified Communications Panoramica Paese: Paesi Bassi Settore: petrolio e gas Profilo

Dettagli

BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server

BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server Guida Rapida all'installazione Diritto d'autore 2010 BitDefender; 1. Panoramica dell'installazione Grazie per aver scelto le soluzioni

Dettagli

Guida al laboratorio di test: Illustrare la collaborazione Intranet con SharePoint Server 2013

Guida al laboratorio di test: Illustrare la collaborazione Intranet con SharePoint Server 2013 Guida al laboratorio di test: Illustrare la collaborazione Intranet con SharePoint Server 2013 Questo documento viene fornito «così com'è». Le informazioni e le opinioni espresse nel presente documento,

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

La posta elettronica in cloud

La posta elettronica in cloud La posta elettronica in cloud www.kinetica.it Cosa significa avere la posta elettronica in cloud? I tuoi archivi di posta non sono residenti su un computer o un server della tua rete, ma su un server di

Dettagli

COMUNICAZIONE PERSONALE COMPLETA da un unico strumento gestisce telefonate, email, chat, IM, fax, sms, voice mail. INTERFACCIA semplice e intuitiva

COMUNICAZIONE PERSONALE COMPLETA da un unico strumento gestisce telefonate, email, chat, IM, fax, sms, voice mail. INTERFACCIA semplice e intuitiva CLIENT TELEFONICO SIP trasforma il PC in uno strumento di comunicazione completo INTERFACCIA semplice e intuitiva SAMubycom Client è un applicativo di Unified Communication & Collaboration che consente

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Guida utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud)

Guida utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud) Guida utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud) Prima pubblicazione: 01 agosto 2014 Ultima modifica: 10 ottobre 2014 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West

Dettagli

22 Ottobre 2014. #CloudConferenceItalia

22 Ottobre 2014. #CloudConferenceItalia 22 Ottobre 2014 #CloudConferenceItalia Gli Sponsor AZU03 Microsoft Azure e Active Directory Giampiero Cosainz walk2talk giampiero.cosainz@walk2talk.it @GpC72 Ruberti Michele walk2talk michele.ruberti@walk2talk.it

Dettagli

Symantec Mobile Management for Configuration Manager 7.2

Symantec Mobile Management for Configuration Manager 7.2 Symantec Mobile Management for Configuration Manager 7.2 Gestione dei dispositivi scalabile, sicura e integrata Data-sheet: Gestione degli endpoint e mobiltà Panoramica La rapida proliferazione dei dispositivi

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

IPBX Office IPBX Office

IPBX Office IPBX Office IPBX Office IPBX Office include, oltre a tutte le funzioni di un centralino tradizionale, funzionalità avanzate quali ad esempio: voice mail con caselle vocali illimitate e personalizzate, risponditore

Dettagli

Listino prezzi Office 365 di Swisscom Swisscom (Svizzera) SA

Listino prezzi Office 365 di Swisscom Swisscom (Svizzera) SA Listino prezzi Office 365 di Swisscom Swisscom (Svizzera) SA Valido dal 1 marzo 2014 2 Abbonamento Office 365 Small Business Premium Il pacchetto per i professionisti e le piccole imprese. Prezzo mensile

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Introduzione Per sicurezza in ambito ICT si intende: Disponibilità dei servizi Prevenire la perdita delle informazioni Evitare il furto delle informazioni

Dettagli

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati Collegare il router e tutti i devices interni a Internet ISP connection device

Dettagli

Nuove funzionalità di Microsoft Windows SBS 2008

Nuove funzionalità di Microsoft Windows SBS 2008 Nuove funzionalità di Microsoft Windows SBS 2008 Introduzione di Nicola Ferrini MCT MCSA MCSE MCTS MCITP Microsoft Windows Small Business Server 2008 è il nuovo prodotto Microsoft progettato per la PMI

Dettagli

Office 2010 e Office 365: il tuo ufficio sempre con te

Office 2010 e Office 365: il tuo ufficio sempre con te Office 2010 e Office 365: il tuo ufficio sempre con te Accedi ai tuoi documenti e messaggi di posta ovunque sei, sia online che offline, sul PC, sul telefono o sul browser. Usi Office, Excel, Word in ufficio

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Programmi di licensing Microsoft per le Aziende

Programmi di licensing Microsoft per le Aziende Programmi di licensing Microsoft per le Aziende Il Licensing Microsoft Come acquistare i prodotti Microsoft Contratti per il Mercato «business»: Contratto Nome esteso Cos è FPP Full Packaged Product Acquisto

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

VOIP SKYPE LA CONVERGENZA TOTALE CON IL MONDO SKYPE FACILE, CONVENIENTE E SENZA SPRECHI

VOIP SKYPE LA CONVERGENZA TOTALE CON IL MONDO SKYPE FACILE, CONVENIENTE E SENZA SPRECHI VOIP SKYPE LA CONVERGENZA TOTALE CON IL MONDO SKYPE FACILE, CONVENIENTE E SENZA SPRECHI Tutti i marchi menzionati sono di proprietà dei rispettivi possessori - Rev 1.7 / 2013 PIENA CONVERGENZA CON IL MONDO

Dettagli

Installation Guide. Pagina 1

Installation Guide. Pagina 1 Installation Guide Pagina 1 Introduzione Questo manuale illustra la procedura di Set up e prima installazione dell ambiente Tempest e del configuratore IVR. Questo manuale si riferisce alla sola procedura

Dettagli

Messaggio dell'assistenza clienti

Messaggio dell'assistenza clienti Cisco WebEx: Aggiornamento di servizio alla nuova release di WBS30 Cisco aggiornerà i servizi WebEx alla nuova release, WBS30. Questo aggiornamento inciderà sui servizi seguenti: Cisco WebEx Meeting Center

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria dell Informazione FONDAMENTI DI INFORMATICA PRIMA PARTE Manuale di Installazione dell ECMs SharePoint PROFESSORE: STUDENTE: Prof. Mario Bochicchio Paiano

Dettagli

Manuale d'uso del Microsoft Apps

Manuale d'uso del Microsoft Apps Manuale d'uso del Microsoft Apps Edizione 1 2 Informazioni su Microsoft Apps Informazioni su Microsoft Apps Microsoft Apps incorpora le applicazioni aziendali di Microsoft nel telefono Nokia Belle su cui

Dettagli

Messaggistica immediata e stato della disponibilità

Messaggistica immediata e stato della disponibilità 3 Nel caso si voglia immettere qualche commento al proprio stato si prema su Cosa succede oggi? e si scriva una nota. Cosa significa il proprio stato di presenza? Messaggistica immediata e stato della

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS SECURITY FOR BUSINESS Le nostre tecnologie perfettamente interoperabili Core Select Advanced Total Gestita tramite Security Center Disponibile in una soluzione mirata Firewall Controllo Controllo Dispositivi

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Una volta installato, il Solstice Pod permette a più utenti di condividere simultaneamente il proprio schermo su un display tramite la rete Wi-Fi

Dettagli

( vedi pagina tariffe )

( vedi pagina tariffe ) www.comunicazioni.weebly.com servizi.weebly@gmail.com eebly@gmail.com - Comunicazioni Weebly il tuo Centralino Voip!! Con il VoIP puoi usare l'adsl per telefonare. Le chiamate sono gratis verso i fissi

Dettagli

Versione: 18/11/2013

Versione: 18/11/2013 Offerta Versione: 18/11/2013 1 Indice La piattaforma Sèmki-RV 3 Gli strumenti di comunicazione 4 Funzionalità in breve degli utenti del nuovo sistema Sèmki 6 Report e statistiche 9 Prerequisiti 10 Quotazione

Dettagli

Brochure Servizi UComm

Brochure Servizi UComm Brochure Servizi UComm UComm è la suite di soluzioni che accompagna le aziende nella Cloud! TWT è l unica azienda in grado di fornire ai clienti, attraverso tre profili di offerta, un sistema di comunicazione

Dettagli

Guida utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud) 3.0

Guida utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud) 3.0 Guida utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud) 3.0 Prima pubblicazione: 1 agosto 2014 Ultima modifica: 21 agosto 2015 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170

Dettagli

Guida dell'utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud)

Guida dell'utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud) Guida dell'utente di WebEx Meeting Center con sale riunioni di collaborazione (CMR Cloud) Prima pubblicazione: venerdì 1 agosto 2014 Ultima modifica: venerdì 1 agosto 2014 Americas Headquarters Cisco Systems,

Dettagli

comunicazioni digitali nell era dei servizi cloud

comunicazioni digitali nell era dei servizi cloud Teatro Uno sguardo Open Arena sul futuro delle comunicazioni digitali nell era dei servizi cloud Benvenuti! 29 maggio 2013 Nicoletti Marco Project Manager Proge-Software S.r.l. mnicoletti@progesoftware.it

Dettagli

Monitoraggio di outsourcer e consulenti remoti

Monitoraggio di outsourcer e consulenti remoti 1 Monitoraggio di outsourcer e consulenti remoti Un Whitepaper di Advanction e ObserveIT Daniel Petri 2 Sommario Esecutivo Nel presente whitepaper verrà mostrato come registrare le sessioni remote su gateway

Dettagli

Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows

Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows FirstClass IntroEdition è una soluzione groupware di collaborazione gratuita e completamente funzionante che include il server

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

MITEL MICOLLAB CLIENT

MITEL MICOLLAB CLIENT GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO MITEL MICOLLAB CLIENT INFORMAZIONI SU MICOLLAB CLIENT MiCollab Client è un prodotto per comunicazioni software integrato con le funzionalità avanzate di gestione delle chiamate

Dettagli

Listino ClearOne / Spontania - Febbraio 2015 SOMMARIO

Listino ClearOne / Spontania - Febbraio 2015 SOMMARIO SOMMARIO Videoconferenza - Videoconferenza Cloud... pag. 2 Videoconferenza - Videoconferenza On-Premise... pag. 5 Pag. 1/6 Videoconferenza - Videoconferenza Cloud Piattaforma integrata di videocomunicazione,

Dettagli

Unified Communications & Collaboration

Unified Communications & Collaboration I vantaggi delle tecnologie di Unified Communications & Collaboration Il caso del Comune di Mantova Realizzato da in collaborazione con Dicembre 2012 2012 NetConsulting - 1 - Migliorare la comunicazione

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

MITEL MICOLLAB CLIENT

MITEL MICOLLAB CLIENT MITEL MICOLLAB CLIENT Informazioni su MiCollab Client MiCollab Client è un prodotto per comunicazioni software integrato con le funzionalità avanzate di gestione delle chiamate di MiVoice Business e MiVoice

Dettagli

Listino prezzi Microsoft Office 365 di Swisscom

Listino prezzi Microsoft Office 365 di Swisscom 1 Listino prezzi Microsoft Office 365 di Swisscom Valido dal 1 novembre 2014 2 Panoramica Parte generale 3 Piani per piccole e medie imprese (1 25 o 300 utenti) 4 > Small Business > Small Business Premium

Dettagli

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Edizione 1.0 2 Informazioni su Microsoft Apps Informazioni su Microsoft Apps Microsoft Apps incorpora le applicazioni aziendali di Microsoft nel telefono Nokia

Dettagli

FAI Fondo Ambiente Italiano

FAI Fondo Ambiente Italiano FAI Fondo Ambiente Italiano FAI - Fondo Ambiente Italiano (www.fondoambiente.it) è una fondazione nazionale senza scopo di lucro che dal 1975 ha salvato, restaurato e aperto al pubblico importanti testimonianze

Dettagli

Destinazione Office 365

Destinazione Office 365 Destinazione Office 365 Office 365 Technical Overview Benvenuti! Green Team è Microsoft Partner con elevate competenze per i progetti che ruotano attorno al mondo di SharePoint. Siamo nati nel 1991 a Bologna.

Dettagli

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete Indice Introduzione.... 3 Monitoraggio e risoluzione dei problemi

Dettagli

Listino prezzi Office 365 di Swisscom Swisscom (Svizzera) SA

Listino prezzi Office 365 di Swisscom Swisscom (Svizzera) SA Listino prezzi Office 365 di Swisscom Swisscom (Svizzera) SA Valido dal 1 giugno 2 Abbonamento Office 365 Small Business Premium Il pacchetto per i professionisti e le piccole imprese. Prezzo mensile Prezzo

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

unified communications

unified communications UNIFIED COMMUNICA unified communications la soluzione di unified communications per la tua impresa www.dexgate.com Dal telefono fisso alla Unified Communications La tecnologia Le tecnologie digitali hanno

Dettagli

Il protocollo FTP (1/3)

Il protocollo FTP (1/3) FTP Server e Client Il protocollo FTP (1/3) Il File Transfer Protocol (FTP) (protocollo di trasferimento file), è un Protocollo per la trasmissione di dati tra host basato su TCP. Un server FTP offre svariate

Dettagli

PANASONIC NS1000 SIP BUSINESS COMMUNICATIONS SERVER SEMPRE PIÙ DI QUELLO CHE TI ASPETTI

PANASONIC NS1000 SIP BUSINESS COMMUNICATIONS SERVER SEMPRE PIÙ DI QUELLO CHE TI ASPETTI SEMPRE PIÙ DI QUELLO CHE TI ASPETTI PANASONIC NS1000 SIP BUSINESS COMMUNICATIONS SERVER CON QUALITÀ AUDIO IN ALTA DEFINIZIONE FUNZIONI DI RETE COMPLETAMENTE TRASPARENTI E MASSIMA FLESSIBILITÀ L NS1000

Dettagli

Notifica sul Copyright

Notifica sul Copyright Parallels Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

IP Telephony. Indice generale. www.tnet.it 2. Titoli degli argomenti

IP Telephony. Indice generale. www.tnet.it 2. Titoli degli argomenti Servizi Internet per le Aziende Certified Content XML Implementer CONNETTIVITÀ DIAL UP, ADSL, HDSL PROGETTAZIONE RETI VPN, VOIP WIRELESS WEB SOLUTION IP TELEPHONY VIDEOSORVEGLIANZA IP TUTELA DELLA PRIVACY

Dettagli

Confronto tra VMware Zimbra e le principali piattaforme di posta elettronica e collaborazione

Confronto tra VMware Zimbra e le principali piattaforme di posta elettronica e collaborazione Confronto tra VMware Zimbra e le principali piattaforme di posta elettronica e collaborazione W H I T E PA P E R : Z I M B R A E L A C O N C O R R E N Z A Introduzione La posta elettronica è un'applicazione

Dettagli

Guida rapida all uso del client UC-One Desktop e Mobile per il servizio Cloud PBX Acantho

Guida rapida all uso del client UC-One Desktop e Mobile per il servizio Cloud PBX Acantho Guida rapida all uso del client UC-One Desktop e Mobile per il servizio Cloud PBX Acantho Versione 1.0 Dicembre 2014 Installazione su Smartphone Android oppure ios 1. Accedere allo store Play Store oppure

Dettagli

UComm CONNECT TO THE CLOUD

UComm CONNECT TO THE CLOUD CONNECT TO THE CLOUD CHI È TWT TWT S.p.A., operatore di telecomunicazioni dal 1995, offre ai propri clienti e partner una gamma completa di soluzioni ICT integrate e innovative, personalizzate in base

Dettagli

Sistema di Unified Communications Wildix

Sistema di Unified Communications Wildix Sistema di Unified Communications Wildix Un sistema di Comunicazione Unificata Wildix è composto da diversi elementi hardware ed applicativi software che interagiscono per gestire il flusso delle comunicazioni

Dettagli

MULTICANALITÀ E COMUNICAZIONI UNIFICATE

MULTICANALITÀ E COMUNICAZIONI UNIFICATE MULTICANALITÀ E COMUNICAZIONI UNIFICATE 20-03-2012 26 Argomenti Introduzione e quadro generale Convergenza dei servizi Servizi di prima e i servizi del futuro Comunicazioni unificate Comunicazioni aziendali

Dettagli

Modalità di fornitura server. Memorizzazione. Funzionalità

Modalità di fornitura server. Memorizzazione. Funzionalità Le nostre soluzioni server per uffici e piccole aziende locali sono studiate per soddisfare tutte le esigenze di un piccolo gruppo di lavoro; ed offrono la possibilità di crescere insieme alle esigenze

Dettagli

Microsoft Office 365: un esperienza nuova di collaborazione e comunicazione 21.11.2012 1

Microsoft Office 365: un esperienza nuova di collaborazione e comunicazione 21.11.2012 1 Microsoft Office 365: un esperienza nuova di collaborazione e comunicazione 21.11.2012 1 Microsoft Office 365: un esperienza nuova di collaborazione e comunicazione Agenda: - Il futuro della produttività

Dettagli

APPLICAZIONI STANDARD

APPLICAZIONI STANDARD ì Voisfriend è l innovativo sistema di comunicazione Full IP ideato dal Gruppo Biesse, completamente compatibile con lo standard SIP, che grazie alle sue molteplici funzioni e sofisticati servizi, migliora

Dettagli

Wind Unified Communication

Wind Unified Communication Wind Unified Communication UNIFIED COMMUNICATION È un trend di mercato per semplificareed unire tutte le forme di comunicazione aziendale Èbasato su una combinazione di tecnologie che consentono la gestione

Dettagli

Manuale utente 3CX VOIP client / Telefono software Versione 6.0

Manuale utente 3CX VOIP client / Telefono software Versione 6.0 Manuale utente 3CX VOIP client / Telefono software Versione 6.0 Copyright 2006-2008, 3CX ltd. http:// E-mail: info@3cx.com Le Informazioni in questo documento sono soggette a variazioni senza preavviso.

Dettagli

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N109548 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica senza

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Logo Microsoft Outlook 2003

Logo Microsoft Outlook 2003 Tecnologie informatiche CONFIGURARE MICROSOFT OUTLOOK 2003 Introduzione Logo Microsoft Outlook 2003 Microsoft Office Outlook 2003 è l'applicazione di Microsoft Office per la comunicazione e per la gestione

Dettagli

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione.

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione. Questa guida mostra come convertire un normale PC in un server Untangle utilizzando un CD di installazione Untangle. Che cosa sa fare il Server Untangle? Il server Untangle offre un modo semplice per proteggere,

Dettagli

comunicazione a tutto campo

comunicazione a tutto campo comunicazione a tutto campo Software GESTIONALE PBX Asterisk Introduzione Rubrica Telefonica Condivisa Il crescente bisogno di velocità e snellezza in tutte le operazioni aziendali, compreso l'ambito della

Dettagli

Unified Communication

Unified Communication Samsung Unified Comunication e Collaboration Samsung Unified Comunication e Collaboration (UC&C) costituisce una piattaforma di soluzioni che permettono di gestire i servizi di comunicazione in tempo reale

Dettagli

IBM Lotus CEO Community Collaboration Bundle offre una soluzione completa di collaborazione nelle comunicazioni

IBM Lotus CEO Community Collaboration Bundle offre una soluzione completa di collaborazione nelle comunicazioni Annuncio IBM Europe Software ZP08-0301 del 24 giugno 2008 IBM Lotus CEO Community Collaboration Bundle offre una soluzione completa di collaborazione nelle comunicazioni Indice In sintesi Panoramica In

Dettagli

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Importante: le istruzioni all'interno di questa guida sono applicabili solamente nel caso in cui l'archivio di messaggi sia Avaya Message

Dettagli