Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica"

Transcript

1 i Architettura Tecnica

2 ii Copyright Link.it s.r.l.

3 iii Indice 1 Scopo del documento Abbreviazioni Overview La PdD Funzionalità di Cooperazione Funzionalità di Integrazione Architettura PdD Strumenti software utilizzati Application Server Database Management System Architettura dell applicazione Backend Layer Data Layer Business Layer Frontend Layer Schema Architetturale

4 iv Elenco delle tabelle 1 Abbreviazioni

5 1 / 9 1 Scopo del documento Il presente documento definisce l architettura tecnica di OpenSPCoop 1.1 Abbreviazioni Questo paragrafo contiene le abbreviazioni utilizzate all interno del documento Abbreviazione AS DBMS EJB J2EE JMS JMX JNDI MDB PdD PD PA SOAP SPCoop WS WSI Significato Application Server Database Management System Enterprise Java Bean Java 2 Enterprise Edition Java Message Service Java Management extension Java Naming and Directory Interface Message Driven Bean PdD porta Delegata porta Applicativa Simple Object Access Protocol Sistema Pubblico di Cooperazione Web Service Web Service Interoperability Tabella 1: Abbreviazioni 2 Overview 2.1 La PdD La PdD OpenSPCoop è una soluzione completa per l erogazione e la fruizione di Servizi da parte delle Pubbliche Amministrazioni, in maniera aderente alle più recenti specifiche del Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop 1.1). Il Software OpenSPCoop è il risultato di un progetto open source attivo da oltre due anni, la cui qualità è costantemente validata dalla più ampia comunità d utenza per la cooperazione applicativa esistente in Italia. La porta è stata adottata nei principali progetti italiani di cooperazione applicativa, tra cui il progetto CART di Regione Toscana ed il progetto ICAR per la cooperazione applicativa interregionale. Anche l interoperabilità è uno degli obiettivi principali del progetto OpenSPCoop. Il problema è stato affrontato sia dal punto di vista teorico che da quello sperimentale, portando ad un implementazione altamente interoperabile con le altre implementazioni oggi disponibili di SPCoop. Basata sugli standard dei Web Services, la PdD OpenSPCoop gestisce l instradamento delle richieste applicative di un Ente sull infrastruttura SPCoop, anche in maniera del tutto trasparente alle applicazioni. È suddivisibile logicamente in un componente di cooperazione verso l infrastruttura SPC e in un componente di integrazione verso applicazioni interne al dominio di gestione. Il componente di cooperazione utilizza un registro dei servizi dove sono registrati gli attori di una cooperazione applicativa (Soggetti,Accordi di Servizio) per l esportazione/fruizione dei servizi sull infrastruttura SPC. L elenco delle principali funzionalità di cooperazione offerte da OpenSPCoop vengono illustrate nella Sezione 2.2. Il componente di integrazione si occupa invece dell integrazione dei sistemi informativi locali interni al dominio di gestione della porta: Un sistema informativo locale che eroga uno specifico servizio applicativo, può essere contattato dall esterno tramite la porta Applicativa presente sulla propria PdD.

6 2 / 9 Un sistema informativo locale che intende fruire di un servizio può farlo tramite la porta Delegata, presente sulla propria PdD. L elenco delle principali funzionalità di integrazione offerte da OpenSPCoop vengono illustrate nella Sezione 2.3. La figura seguente evidenzia i componenti in gioco durante una cooperazione applicativa: 2.2 Funzionalità di Cooperazione Le funzionalità di cooperazione della porta riguardano l implementazione del protocollo SPCoop e quindi le modalità con cui la porta dialoga con altre PdD tramite busta e-gov. Specifica SPCoop 1.1: pieno supporto del formato dell Header della busta e-gov SPCoop 1.1, così come specificata nel documento SPCoop-Busta e-gov_v1.1_ Gestione Profili di Collaborazione: pieno supporto dei quattro profili previsti nell Header e-gov: Oneway, Sincrono, Asincrono Simmetrico ed Asincrono Asimmetrico previsti. Gestione modalità consegna affidabile: implementazione del meccanismo di consegna affidabile mediante la gestione dell elemento opzionale Profilo Trasmissione della busta utilizzando l algoritmo a finestra di trasmissione previsto dalla busta e-gov. Tracciatura delle Comunicazioni: tutte le attività della porta vengono tracciate mediante dei log persistenti su file o su database, in accordo ai formati xml di tracciatura previsti dalla specifica SPCoop 1.1, in modo da poter ricostruire in caso di necessità gli andamenti dei flussi in ingresso o in uscita dal Dominio dell Ente. Tracciatura Diagnostica: tutte le anomalie riscontrate nella gestione dei messaggi sono riportate mediante messaggi diagnostici persistenti su file o su database, in accordo ai formati di diagnostica previsti dalla specifica SPCoop 1.1. PdD Multiente: una sola PdD può essere configurata per la gestione di più Soggetti SPCoop, in modo da realizzare un infrastruttura multiente. Sicurezza a livello trasporto: gestione della modalità di comunicazione mediante il protocollo HTTPS. Assicura la garanzia e la confidenzialità dello scambio nell ambito della connessione tra PdD. Sicurezza a livello messaggio: conformità con le raccomandazioni WSI Basic Security Profile v1.0 e supporto dello standard WS-Security, per la gestione della sicurezza a livello messaggio, laddove non siano applicabili i meccanismi di sicurezza punto-punto forniti da https.

7 3 / 9 Verifica dei contenuti applicativi: possibilità di attivare la verifica del formato dei messaggi trasportati nelle buste e-gov rispetto agli schemi xml esposti dai WSDL degli Accordi di Servizio SPCoop. Politiche di Routing: possibilità di definire politiche di routing delle buste e-gov per supportare topologie articolate di rete SPCoop, come ad esempio le comunicazioni interregionali. 2.3 Funzionalità di Integrazione Le funzionalità di integrazione della porta riguardano le modalità con cui i servizi appicativi interni al Dominio dell Ente possano scambiare i contenuti applicativi con la PdD. Configurabilità di Porte Delegate e Applicative: l abilitazione di nuove porte delegate e/o applicative non richiede l installazione sulla PdD di componenti applicativi ad-hoc, ma soltanto la registrazione dei dati identificativi relativi ad ogni nuova porta delegata ed applicativa, riducendo così drasticamente la complessità di attivazione di nuovi servizi SPCoop. Integrazione Trasparente: in questa modalità di integrazione la PdD espone le stesse interfacce applicative native dei servizi registrati negli accordi di servizio; in tal modo la PdD agisce come un proxy SOAP trasparente con funzionalità di imbustamento e sbustamento e-gov dei messaggi in transito e gli applicativi possono continuare ad operare esattamente come se stessero interagendo direttamente con il servizio applicativo dell altro Ente. IntegrationManager: in questa modalità di integrazione i servizi applicativi usano un apposito web service di Integrazione esposto dalla PdD; rispetto alla modalità trasparente l Integration Manager assicura una maggiore flessibilità d uso, ad esempio nella gestione dei profili asincroni. Autenticazione dei Servizi Applicativi: la PdD può essere configurata per autenticare i servizi applicativi tramite protocollo di autenticazione http basic o https. Autorizzazione delle richieste: la PdD può essere configurata per regolare i diritti di accesso dei servizi applicativi nell invio di messaggi su una porta delegata e nella ricezione di messaggi su una porta applicativa. Applicazioni Legacy: la PdD può essere configurata per il tunnelling su SOAP dei contenuti applicativi. In questo modo è possibile far comunicare su SPCoop anche applicazioni non aderenti allo standard dei Web Services. Correlazione Applicativa: questa funzionalità risolve uno dei principali limiti della specifica SPCoop, permettendo di correlare l identificatore della busta e-gov con un identificatore applicativo unico. In questo modo diventa possibile ricondurre il tracciamento di una busta e-gov all effettiva richiesta applicativa scambiata tra gli Enti. 3 Architettura PdD 3.1 Strumenti software utilizzati La PdD di OpenSPCoop richiede la seguente infrastruttura software: Application Server Database Management System Application Server La PdD richiede un application server che supporta le specifiche J2EE. J2EE aggiunge numerosi livelli di funzionalità al di sopra della piattaforma J2SE, la quale è invece orientata allo sviluppo e al deployment di applicazioni desktop tradizionali. La piattaforma J2EE gestisce l infrastruttura software e supporta i servizi Web che consentono di creare applicazioni enterprise sicure, distribuite e interoperabili. J2EE, tramite la sua architettura multilivello distribuita e basata sulle componenti, facilita lo sviluppo di applicazioni particolarmente scalabili, costituite da elementi fisicamente distribuiti nelle reti.

8 4 / 9 Sull Application Server verranno istanziati applicazioni in formato EAR e WAR. Le applicazioni registrano/consultano sia l albero JNDI che la console JMX dell AS. L applicazione PdD è composta da EJB timers e MDB. Gli MDB necessitano di un broker JMS su cui creare code utilizzate come buffers di comunicazione tra i moduli funzionali che compongono la porta. L application server di riferimento è JBoss mentre il broker JMS di riferimento è JBossMQ. La PdD essendo realizzata tramite tecnologie J2EE è scalabile e distribuibile su cluster di AS in modo da aumentarne il sistema di affidabilità e le performance Database Management System La PdD supporta attualmente i database PostgreSQL, MySQL e Oracle. L integrazione con altri database è facilmente realizzabile visto che il core library della porta utilizza un interfaccia comune di accesso al database (vedi Sezione 3.2.2). Il DBMS di riferimento è PostgreSQL. 3.2 Architettura dell applicazione L architettura della PdD è stata progettata da zero sulla base dell esperienze fatte nell uso dei prodotti e dei progetti per la cooperazione applicativa di prima generazione. Per le sue caratteristiche innovative, OpenSPCoop è stato oggetto di varie pubblicazioni scientifiche. Basato sull architettura J2EE, il software OpenSPCoop è facilmente portabile su qualunque Application Server J2EE. Il prodotto viene estesamente testato sulla piattaforma di riferimento di JBoss Application Server. Il DBMS per la persistenza dei dati puo essere scelto attualmente tra i database PostgreSQL,MySQL,Oracle ma sono in costante aumento i database supportati, visto la facile realizzazione di adapter dedicati a nuovi DB (vedi Sezione 3.2.2). L architettura si puo suddividere logicamente in quattro livelli così identificati: Backend Layer, storage richiesto dall applicazione Data Layer, accesso allo storage Business Logic Layer, funzioni di cooperazione/integrazione della porta Frontend Layer, interfacce grafiche e web services Di seguito lo schema architetturale di massima dell applicazione, dove si evidenziano i livelli.

9 5 / Backend Layer In questo livello si trovano le risorse di backend necessarie al corretto funzionamento della PdD. Le risorse sono logicamente suddivisibili: Repository dei messaggi e delle buste e-gov in gestione sulla porta Configurazione della PdD Sistema di logging dei msg diagnostici e delle tracce e-gov emessi dalla PdD Il repository dei messaggi e delle buste e-gov viene realizzato tramite un database relazionale dove vengono memorizzati i messaggi in transito sulla porta. In particolare in campi appositi per la memorizzazione di byte (es. BLOB per Oracle/MySQL, ByteA per PostgreSLQ) vengono memorizzati i contenuti dei messaggi ottenendo due principali vantaggi: Il contenuto dei messaggi viene salvato dai servizi di ricezione, e letto dai moduli di uscita, modificato nell header per la gestione della busta e-gov. Non viaggiando nell infrastruttura che collega i moduli funzionali è possibile avere performance maggiori. Poichè il contenuto dei messaggi, le buste e-gov e anche le informazioni di servizio vengono registrate su database, è possibile avere meccanismi di recovery dei messaggi in presenza di crash del sistema La configurazione della PdD contiene le definizioni di PD, PA, servizi applicativi fruitori/erogatori e aspetti di configurazione pura della porta. Vengono attualmente gestite due tipi di configurazioni: Un file XML in cui gli elementi sono definiti attraverso uno schema xsd. Un database che puo essere gestito attraverso interfacce grafiche e ws (vedi Sezione 3.2.4)

10 6 / 9 Il sistema di logging gestisce sia i messaggi diagnostici che le tracce e-gov emesse dalla PdD. Le tracce hanno un valore legale, e devono obbligatoriamente essere mantenute attraverso uno storage. E possibile registrare tali informazioni su diverse risorse: Database che possono essere poi consultati attraverso interfacce grafiche (vedi Sezione 3.2.4). Le informazioni che vengono registrate su database, non sono in una forma xml, ma già strutturate in apposite tabelle e colonne e quindi di più facile consultazione. Log emessi su File System attraverso la tecnologia Log4j. La struttura dei log, è formata da xml descritti dalle specifiche CNIPA (vedi documento Sistema Pubblico di Cooperazione: Porta di Dominio) Qualsiasi altra risorsa gestibile attraverso Log4j. La figura seguente mostra i componenti che fanno parte di questo layer: Data Layer In questo livello si trova la componente dell applicazione che si occupa del reperimento e della persistenza dei dati presenti nel backend layer. Esaminiamone la struttura software attraverso la classificazione già utilizzata nella Sezione Il repository dei messaggi e delle buste e-gov viene gestito rispettivamente dai package org.openspcoop.pdd.core e org.openspcoop.egov. I package contengono sia i JavaBean che mappano in oggetti java le entità gestite su database, sia i driver per la loro gestione. Il repository viene acceduto anche da un altro driver presente nel package org.openspcoop.pdd.monitor, che permette il monitoraggio dei messaggi in transito sulla PdD. Le informazioni raccolte dal driver sono strutturate in Bean definiti nel package org.openspcoop.pdd.monitor.dto. La configurazione della PdD è strutturata in oggetti java attraverso il package org.openspcoop.dao.config che contiene il mapping in JavaBean degli oggetti definiti nello schema xsd della configurazione. Il package org.openspcoop.dao.config.driver contiene invece due driver per la gestione delle due tipologie di configurazioni possibili: DriverXML, permette la lettura della configurazione da un file xml. DriverDB, permette sia la lettura che la gestione CRUD della configurazione mantenuta attraverso un database. Il sistema di logging viene gestito dal package org.openspcoop.pdd.logger che contiene sia i JavaBean che mappano i messaggi diagnostici e le tracce attraverso oggetti java, sia i driver per la loro gestione. All interno del package sono presenti quattro driver per la gestione delle due tipologie di logging possibili: DriverMsgDiagnosticiDB,DriverTracciamentoDB, permettono la lettura e la registrazione su database. Le informazioni vengono strutturate su opportune colonne e tabelle. DriverMsgDiagnosticiLog4J,DriverTracciamentoLog4J, permettono la registrazione attraverso la tecnologia Log4J, e quindi su molteplici tipi di storage. Le informazioni registrate sono strutture XML dei messaggi diagnostici e delle tracce come definito dalla specifica CNIPA (vedi documento Sistema Pubblico di Cooperazione: Porta di Dominio) L accesso al database da parte dei driver non avviene direttamente tramite JDBC, ma attraverso un interfaccia org.openspcoop.utils.sqlo che permette di astrarre dal tipo di database. Attualmente vengono fornite tre implementazioni dell interfaccia SQLObject per i Database PostgreSQL, MySQL e Oracle. Le implementazioni utilizzano poi i driver JDBC per l accesso al database. La figura seguente evidenzia i collegamenti tra il Data Layer e il Backend Layer.

11 7 / Business Layer La PdD di OpenSPCoop si basa sulla egov Library di OpenSPCoop per implementare le funzionalità di PdD dell architettura SPCoop. Il Business Layer OpenSPCoop implementa due moduli di ingresso (org.openspcoop.pdd.services): Ricezione Contenuti Applicativi, utilizzato per ricevere richieste (in forma di buste SOAP) dai Sistemi Informativi interni al dominio di cooperazione servito; Ricezione Buste e-gov, utilizzato per ricevere richieste (in forma di buste e-gov) da altre PdD, indirizzate a servizi ospitati nel dominio di cooperazione servito. Questi moduli interagiscono con il backend per reperire le informazioni che descrivono le specifiche porte delegate e applicative residenti sulla PdD per decidere come gestire le richieste in arrivo. In funzione di queste descrizioni e dello stato delle transazioni egov in corso, le richieste attraversano quindi una pipeline di moduli specifici (Message Driven Beans in terminologia J2EE, implementati nel package org.openspcoop.pdd.mdb), arricchendosi di informazioni utili al loro trattamento mantenute negli header dei messaggi JMS. I moduli di ingresso e gli MDB costituiscono il nucleo centrale del sistema, che si occupa dell autorizzazione (org.openspcoop.pdd.autent della validazione, del tracciamento, delle politiche di sicurezza (org.openspcoop.pdd.wssecurity), e soprattutto del trattamento delle buste in transito, che può richiedere un semplice imbustamento/sbustamento, nei casi più semplici, fino all implementazione di sofisticate politiche di gestione dei riscontri, nei casi più complessi. Per effettuare la consegna viene utilizzato il package org.openspcoop.pdd.connettori che si occupa di astrarre il livello di trasporto. In questo modo possono essere supportati più protocolli per l invio e dei messaggi, dall HTTP al JMS. In alcune situazioni, i Servizi Applicativi devono avere una precisa visibilità dei messaggi SPCoop scambiati tra le PdD. Una situazione del genere si verifica, ad esempio, quando diversi messaggi SPCoop sono correlati tra loro, come nel caso del profilo di collaborazione Asincrona. Per questo, alcune delle informazioni contenute nell header egov possono essere scambiate tra il Servizio Applicativo e la PdD al momento dell invocazione di un PD o PA grazie al componente di Integrazione, implementato in org.openspcoop.pdd.integrazione. La PdD fornisce un web service di Integrazione per la spedizione e/o la ricezione di messaggi, alternativo alla modalità trasparente: Fruizione di servizi, attraverso l invocazione della PD. Erogazione asincrona dei servizi, che consente alla porta applicativa di conservare il messaggio in un message box in attesa che venga prelevato dal servizio applicativo attraverso l Integration Manager. Di seguito viene mostrato lo schema software del Business Logic Layer:

12 8 / Frontend Layer Il livello di Frontend espone le interfacce necessarie agli utenti per gestire e fruire delle funzionalità fornite dalla PdD. Per le funzionalità di gestione sono forniti il web service Management (org.openspcoop.management.ws), l interfaccia web PdD GUI (org.openspcoop.web.pdd) e la Console JMX (org.openspcoop.pdd.jmx) che forniscono la possibilità di configurare ogni aspetto della PdD. L interfaccia web PdD GUI, il web service Monitor (org.openspcoop.monitor.ws) ed il Monitor CLI (Command Line Interface implementato in org.openspcoop.monitor.cli) consentono il monitoraggio della PdD attraverso la visualizzazione dei messaggi in transito sulla porta. Le stesse interfacce, con l esclusione del Monitor CLI, consentono la visualizzazione dei messaggi diagnostici e delle tracce e-gov emesse dalla PdD. Per i Soggetti Fruitori ed Erogatori la PdD espone tre servizi web, PD, PA e Integration Manager, per l invio e la ricezione dei messaggi. Il primi due sono utilizzati per la modalità d integrazione trasparente, qualora il servizio applicativo utilizzi (in caso di porta delegata) o esponga (in caso di porta applicativa) le interfacce applicative native dei servizi, così come registrate negli accordi di servizio. In tal caso la PdD agisce come un proxy SOAP trasparente con funzionalità di imbustamento e sbustamento egov dei messaggi applicativi e gli applicativi potranno continuare ad operare esattamente come se stessero interagendo direttamente con il servizio applicativo dell altro Ente. Il Servizio di Integration Manager espone le funzionalità per la spedizione e/o la ricezione di messaggi ai servizi applicativi nell eventualità che non fosse possibile l utilizzo della modalità d integrazione trasparente. Di seguito viene mostrato lo schema software del Frontend Layer: Schema Architetturale Di seguito viene mostrato il quadro completo dell architettura software della PdD, con le relazioni tra i layer descritti nei precedenti paragrafi. Si nota quindi che il layer di frontend interascisce con quello di business solo attraverso i web service PD, PA e Integration Manager, mentre per quanto riguarda le funzionalità di monitoraggio e gestione si interfaccia direttamente con il backend layer.

13 9 / 9

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

EMC Documentum xcp for Business Process Management

EMC Documentum xcp for Business Process Management Analisi dettagliata Abstract Oggi le aziende devono affrontare una sfida comune: ottimizzare i processi di business e la loro efficienza operativa. Per vincere questa sfida, EMC Documentum xcelerated Composition

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche II contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. 1 di 39 REDATTO DA < Amici Cinzia > Firma Data 18/01/2011

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli