Grid Computing e Linux. Gian Luca Rubini INFN-CNAF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grid Computing e Linux. Gian Luca Rubini INFN-CNAF"

Transcript

1 Grid Computing e Linux Gian Luca Rubini INFN-CNAF

2 Al giorno d oggi fare scienza richiede collaborazione fra diverse strutture.

3 Uno dei requirement più sentiti è quello di costruire partnership temporanee (ad esempio per grossi esperimenti di breve durata) L accesso a risorse eterogenee avviene on demand

4 What is the Grid? Resource sharing & coordinated problem solving in dynamic, multiinstitutional virtual organizations Courtesy of Carl Kesselman 1. Enable integration of distributed resources 2. Using general-purpose protocols & infrastructure 3. To achieve better-than-best-effort service

5 Grid? Per fare cosa? Number crunching Simulazioni (ad esempio l implementazione di modelli climatici) Ingegneria (ad esempio analisi strutturali) Data intensive Analisi di esperimenti (high-energy physics) Analisi di immagini (astronomia)

6 Grid stack

7 Grid environments: alcuni concetti riguardanti la standardizzazione Costruire sistemi distribuiti attraverso l unione di diverse componenti eterogenee richiede come minimo alcune politiche di standardizzazione: Una strategia per l identificazione delle risorse Un sistema per il manegement del lifetime delle risorse Discovery delle risorse e monitoring delle stesse Un sistema comune di messaggistica degli errori Un sistema di notifiche E molto altro

8 VO PBox GRID PBox GRID PBox Resource sharing PBox PBox PBox PBox SITE SITE SITE SITE PBox PBox PBox SubSITE SubSITE SubSITE VO = Virtual Organization PBox = Policy Box

9 Virtual Organizations (what is this?) Sono insiemi dinamici di regole e di utenti che permettono la condivisione di risorse facenti parte di una o più organizzazioni fisiche. Computer Center 1 Utenti comuni ai domini locali e alla VO. VO Utenti locali Comp. Cent.1 Computer Center 2 Utenti locali Comp. Cent.2 Utenti della VO

10 Ancora sul concetto di Grid Dopo la slide relativa ai Grid layers e quella relativa allo sharing delle risorse una Grid può essere vista come una sorta di livello che permette un utilizzo ordinato di insiemi eterogenei di risorse. Gli utilizzatori delle Grid sono generalmente utenti appartenenti a Virtual Organizations

11 Virtualizzazione delle risorse Attualmente le risorse virtualizzate sono 2: Computing Element (CE) e Storage Element (SE). Sui CE vengono elaborati dei Job (sì: la Grid per ora funziona con l elaborazione batch vecchio stampo ). I Job vengono sottomessi da parte degli utenti in 2 modi: Direttamente sui CE senza nessun processo di resource discovery Passando da un Resource Broker, una sorta di router per i job, che individua in base alla richiesta quali sono le migliori risorse disponibili per l elaborazione/memorizzazione (best effort job submission) Gli SE sono utilizzati per memorizzare i risultati dei Job oppure direttamente su richiesta dell utente (in questo caso la richiesta ha una scadenza temporale).

12 Grid Middleware User interface Input sandbox Output sandbox Resource Broker DataSets info SE & CE info Input sandbox + Broker Info Replica Catalogue Information Service Output sandbox Author. &Authen. Job Submit Event Job Query Job Status Publish Storage Element Logging & Book-keeping Job Status Computing Element

13 Security: terminologia Authentication: stabilisce l identità Authorization: stabilisce i diritti/permessi Protezione dei messaggi Integrità Confidenzialità Non-repudiation Digital signature Accounting Delega

14 Un grosso problema: coniugare il concetto di VO e security No Cross- Domain Trust Certification Authority Certification Authority Policy Authority Sub-Domain A1 Policy Authority Sub-Domain B1 Domain A Task Federation Service Domain B GSI Server X Virtual Organization Domain Server Y

15 L utente si presenta con delle credenziali che verranno poi interpretati dai vari domini amministrativi Compute Center Service Rights VO Compute Center

16 Attenzione: ci sono diversi metodi per gestire le credenziali Compute Center Rights X.509 AC X.509/SSL X.509 AC XACML Doc Service SAML attribute Kerberos/ WS-Security VO Compute Center

17 Uno standard: Grid Security Infrastructure (GSI) E basato sul concetto di PKI Utilizza il protocollo SSL per l autenticazione e la cifratura dei messaggi X.509 per l identificazione degli attori in gioco Per utenti, servizi, hosts, etc. Certificati proxy Estensioni secondo lo standard GSI per i certificati X.509 per la delega e il single sign-on

18 Certificati Proxy Create Service F1 CN=Jane Doe X.509 Id certificate X.509 Proxy Delegation CN=Jane Doe/9874 Rights: Can access file F1, Service S1, X.509 Proxy certificate L utente si presenta con delle credenziali nell accedere alle risorse. S1

19 Ottenere un certificato Il comando grid-cert-request è utilizzato per creare una coppia pubblica/privata di chiavi e un certificato non firmato nella directory ~/.globus/: usercert_request.pem: Certificato non firmato userkey.pem: Chiave privata Spedire via mail usercert_request.pem alla propria CA di riferimento Si ottiene in risposta un dertificato firmato Memorizzarlo in ~/.globus/usercert.pem

20 Informazioni relative al certificato grid-cert-info % grid-cert-info -subject /C=US/O=Globus/O=ANL/OU=MCS/CN=Ian Foster Alcune opzioni relative al comando -all -startdate -subject -enddate -issuer -help

21 Effettuare il login sulla Grid Il primo passo è generare un certificato proxy, così si effettua anche autenticamente una sorta di login (l utente viene infatti identificato grazie ai certificati presenti nella directory ~/.globus : % grid-proxy-init Enter PEM pass phrase: ****** Il certificato proxy ha una durata limitata e serve per effettuare operazioni sulla Grid evitando di dovere ripetere la password per ogni operazione. Alcune opzioni relative a grid-proxy-init: -hours <lifetime of credential> -bits <length of key> -help

22 grid-proxy-init: alcune considerazioni grid-proxy-init crea un certificato proxy locale. La chiave privata è utilizzata per firmare un certificato proxy, con una nuova coppia di chiavi pubblica/privata. L utente espone la propria chiave privata solo durante la generazione del proxy, successivamente non sarà più necessaria Il certificato proxy viene memorizzato in /tmp, è in readonly mode grid-proxy-info displays proxy details

23 Grid Sign-On With grid-proxy-init Pass Phrase User certificate file Private Key (Encrypted) User Proxy certificate file

24 Eliminare il cert. proxy (logout) Per eliminare il proprio certificato proxy locale: % grid-proxy-destroy Attenzione: questo non elimina altri proxy generati per delega Altri entità/domini amministrativi possono utilizzare il proxy dell utente per generarne degli altri di brevissima durata

25 Delega Delega = creazione remota di un certificato proxy Nuova coppia di chiavi generata Il proxy e la chiave pubblica sono inviati al client Il client firma il proxy Generalmente il server memorizza il proxy in / tmp

26 Secure Services Sui server di Grid il gatekeeper effettua la conversione fra utenti di Grid e quelli locali via Grid-Map-File. E un file creato/mantenuto a mano! # Distinguished name Local # username "/C=US/O=Globus/O=NPACI/OU=SDSC/CN=Rich Gallup rpg "/C=US/O=Globus/O=NPACI/OU=SDSC/CN=Richard Frost frost "/C=US/O=Globus/O=USC/OU=ISI/CN=Carl Kesselman u14543 "/C=US/O=Globus/O=ANL/OU=MCS/CN=Ian Foster itf

27 User Interface E il principale punto di accesso per I servizi di Grid Permette di connettersi a. e/o svolgere: Proxy server Job management Job submission Job monitoring Visualizzazione dell output Operazioni sui dati Upload di file verso uno a più SE Creare repliche di dati Effettuare il discovery di repliche Altro Generalmente le UI forniscono API in C++ e Java UI JDL La sottomissione di un job richiede la formulazione della richiesta secondo un JDL (Job Description Language) file

28 Struttura del CE (in Grid.It) Un CE è visto come una coda batch a cui è possibile accedere tramite un Grid Gate front end Job request I.S. Logging Logging Gatekeeper Info system Grid gate gridmapfile Sistemi locali per il job submission: Condor / PBS / LSF master Farm di worker nodes

29 Struttura di uno Storage Element Storage elements: memorizza file Replica Catalogue - Quali copie esistono per un file? Replica Location Service - Dove sono queste copie? File transfer Requests Logging Info system Event Logging GridFTP Gatekeeper Local Info gridmapfile Disk arrays or tapes

30 Resource Broker Implementa il Workload Management System Accetta sottomissioni di job Indirizza I job nei giusti (CE) Permette agli utenti di: Ottenere informazioni sullo status dei job Ottenere l output Generalmente le UI sono configurate con un Resource Broker (RB) di default. Il JDL permette di: Specificare direttamente un CE Specificare alcuni attributi che aiuteranno il Broker a trovare il CE più adatto Specificare un SE (in questo caso il Broker cerca il CE più vicino e conveniente interrogando il Replica Location Service)

31 Information System Si aggiorna ogni 5 minuti ricevendo delle notifiche dai vari CE,SE. E utilizzato dal Resource Broker per effettuare il discovery delle risorse che soddisfano i requisiti contenuti in una job submission Leaf/node system: currently BDII is used Site Site a Site b Element CE CE CE SE CE SE

32 UI Network Server RB node Replica Location Server Workload Manager Inform. Service Job Contr. - CondorG CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

33 RB node Job Status UI Network Server Replica Location Server submitted Workload Manager Inform. Service UI: accesso al WMS Job Contr. - CondorG CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

34 edg-job-submit myjob.jdl Myjob.jdl UI Workload Manager Job Contr. - CondorG RB node JobType = Normal ; Replica Executable = "$(CMS)/exe/sum.exe"; Network Location Server Server InputSandbox = {"/home/user/wp1testc","/home/file*, "/home/user/data/*"}; OutputSandbox = { sim.err, test.out, sim.log"}; Requirements = other. GlueHostOperatingSystemName == CE characts & status Inform. Service linux" && other. GlueHostOperatingSystemRelease == "Red Hat 7.3 && other.gluecepolicymaxcputime > 10000; Rank = other.gluecestatefreecpus; Job Statu s submitted Job SE Description characts Languag (JDL): & status si specificano i requirement per la sottomissione Computing Element Storage Element

35 NS: network daemon RB node utilizzato per sottometterejob Job Status submitted UI Job Network Server Replica Location Server waiting Input Sandbox files RB storage Workload Manager Inform. Service Job Contr. - CondorG CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

36 UI Job submission Network Server Job RB node Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Inform. Service WM: è il front end di un sistema decisionale, sceglie la risorsa migliore. Job Contr. - CondorG CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

37 UI Job submission Network Server RB node Match- Maker/ Broker Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Dove posso eseguire il job? Inform. Service Job Contr. - CondorG CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

38 UI Job submission Network Matchmaker: è colui Server che decide su quale CE spedire il job. RB node Match- Maker/ Broker Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Inform. Service Job Contr. - CondorG CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

39 UI Job submission RB storage Network Server Workload Manager Job Contr. - CondorG RB node Match- Maker/ Broker Qual è lo status della Grid? Dove sono gli SE che contengono eventuali dati? CE characts & status Replica Location Server Inform. Service SE characts & status Job Status submitted waiting Computing Element Storage Element

40 UI Job submission Network Server RB node Match- Maker/ Broker Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager CE choice Inform. Service Job Contr. - CondorG CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

41 UI Job submission Network Server RB node Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Job Contr. - CondorG Job Adapter CE characts & status Inform. Service JA: effettua gli ultimi aggiustamenti per la sottomissione del job (ad esempio la creazione di un wrapper script, etc.) SE characts & status Computing Element Storage Element

42 UI Job submission Network Server RB node Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Job Inform. Service ready Job Contr. - CondorG JC: è il vero e proprio Job manager (via CondorG) CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

43 UI Job submission Network Server RB node Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Inform. Service ready scheduled Job Contr. - CondorG Input Sandbox files Job CE characts & status SE characts & status Computing Element Storage Element

44 UI Job submission Network Server RB node Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Inform. Service ready scheduled Job Contr. - CondorG running Input Sandbox Computing Element Grid enabled data transfers/ accesses Storage Element Job

45 UI Job submission Network Server RB node Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Inform. Service ready scheduled Job Contr. - CondorG running Output Sandbox files done Computing Element Storage Element

46 UI RB node edg-job-get-output <dg-job-id> Job submission Network Server Replica Location Server Job Status submitted waiting RB storage Workload Manager Inform. Service ready scheduled Job Contr. - CondorG running Output Sandbox done Computing Element Storage Element

47 UI Job submission Network Server RB node Replica Location Server Job Status submitted waiting Output Sandbox files RB storage Workload Manager Inform. Service ready scheduled Job Contr. - CondorG running done cleared Computing Element Storage Element

48 RB node UI Job status Job monitoring edg-job-status <dg-job-id> edg-job-get-logging-info <dg-job-id> LB: riceve e memorizza gli eventi relativi ad un Job. Network Server Workload Manager Logging & Bookkeeping Log Monitor Job Contr. - CondorG LM: effettua il parsing dei log di CondorG e spedisce tutto al sistema LB Computing Element

49 Altri comandi relativi ai job che si possono invocare da una UI edg-job-cancel Per eliminare un job dalla coda edg-job-status Mostra lo status del job edg-job-get-output Restituisce l output del job (OutputSandbox files) edg-job-get-logging-info Mostra le informazioni di log relative ad un job edg-job-list-match Mostra tutte le risorse che soddisfano una richiesta di job submission Permette di effettuare un resource matching senza effettuare una sottomissione vera e propria.

50 Job submission edg-job-submit [ r <res_id>] [-c <config file>] [-vo <VO>] <job.jdl> -r il job viene spedito direttamente al CE indentificato da <res_id> -c specifica un apposito <config file> -vo la Virtual Organization

51 Esempio di file JDL Executable = gridtest ; StdError = stderr.log ; StdOutput = stdout.log ; InputSandbox = { /home/joda/test/gridtest }; OutputSandbox = { stderr.log, stdout.log }; InputData = lfn:testbed ; DataAccessProtocol = gridftp ; Requirements = other.architecture== INTEL && \ other.opsys== LINUX && other.freecpus >=4; Rank = other.gluehostbenchmarksf00 ;

52 Ma allora Linux e la Grid? Come detto durante l introduzione l obiettivo delle Grid è quello di permettere la cooperazione dei vari utenti della comunità scientifica internazionale. Sistemi software chiusi ostacolano la collaborazione perché non consentono la modifica di programmi per adattarli alle particolare esigenze della propria struttura di appartenenza. Le varie Grid mondiali adottano quasi tutte sistemi operativi Unix, in particolare Linux (percentuale vicina al 100%, le briciole rimangono per Sun Solaris e IBM AIX). Il middleware della Grid è prodotto totalmente con software Open Source. Il software prodotto dai vari enti di ricerca è rilasciato con licenze che permettono la modifica dei sorgenti, ma non sono altrettanto libere come la GPL. E il sistema operativo più diffuso del mondo che ruolo gioca nella Grid? Zero. Fino ad ora non vi è traccia delle famose finestre.

53 2 progetti italiani (INFN-CNAF) Grid Policy Box (G-PBox) Grid monitoring (GridICE)

54 Policy e Grid: un problema aperto Il gruppo di studio dell INFN-CNAF ha individuato 3 tipi di policy: Policy riguardanti solo una VO Users of VO cms/muon get their job on the highest priority queue Policy locali (relative ad esempio alle farm) Local users always get top priority Policy miste User John.Simms, member of VO cms/muon, cannot access the CNAF farm

55 Policy e Grid: un problema aperto (2) I siti locali devono: Avere controllo assoluto sulle loro risorse Devono avere un unica interfaccia per il management delle policy (locali e non) VOs e ambienti di Grid devono: Distribuire policy a differenti domini amministrativi e devono ottenere la loro approvazione Devono consentire un elevato livello di granularità

56 VO PBox GRID PBox GRID PBox Architettura del G-PBox, un sistema Open Source PBox PBox per le PBox policy PBox SITE SITE SITE SITE PBox PBox PBox SubSITE SubSITE SubSITE 56

57 Architettura del G-PBox I PBox. Ricevono richieste di accesso alle risorse ed effettuano una valutazione Forniscono risposte del tipo DENY [Obligations], PERMIT [Obligations], UNDEFINED. Creano e distribuiscono policy Tutti I PBox sono strutturalmente identici Un PBox permette connessioni solo da determinati client

58 X PBox P 1 P 2 P 3 X A A A Y P P P P 1 P2 P 3 X PBox P 1 P 2 P 3 X A A A Y A R A P 1 P2 P 3 Flusso distributivo delle policy Y fra 2 PBox appartenenti a 2 livelli PBox P A P B P 1 P 2 P 3 Y A A P P P P A P B P 1 P 2 P 3 Y PBox P A P B P 1 P 2 P 3 Y A A A R A P A P B P 1 P 2 P 3 58

59 Componenti interni 1 componenti interni PR 3 componenti boundary PCI PAT PAT PDP PDP PAT PDP PR Modulo che riceve richieste di valutazione da parte del PEP. PCI PCI Interfaccia per le comunicazioni con gli altri PBox Operaz. di un utente su una risorsa Intrefaccia amministrativa del PBOX PEP PAT PR PDP 59

60 Valutazione delle policy Ogni client (for example a CE, SE, ecc.) deve implementare un PEP (Policy Enforcement Point) Un client invia una richiesta al proprio PEP, il quale trasforma la richiesta in un formato comprensibile al PDP del PBox di riferimento e gliela invia (1) Il PDP restituisce una risposta (2) Il PEP effettua nuovamente una conversione verso il formato proprietario del client. 1 client PEP 2 PDP 60

61 Policy Language Le policy sono espresse in XACML (extended Access Control Markup Language) XACML può essere esteso in modo da implementare policy di accounting e management Questo è possibile grazie al concetto di obligation policies Nuovi tipi di actions (direttiva XACML) potrebero essere implementate (esempio: uri:pbox:1.0:submit, per indicare la sottomissione di un job)

62 Alcuni problemi rimasti in sospeso Sottomissione diretta dei job Alcune policy, per la loro applicazione, necessitano di una visione globale dell utilizzo delle risorse nella Grid (esempio: Impedisci l accesso ai CE agli utenti che hanno già sottomesso 50 jobs o più nell intera Grid ) Soluzione: implementazione di un sistema di accounting

63 Grid Monitoring GridICE

64 Definizione di Grid Monitoring Grid Monitoring: Consiste nel monitorare risorse di grid significative con i relativi attributi in order to Analizzare la performance della Grid nel suo complesso Rilevare e segnalare malfunzionamenti Violazioni dei contratti di utilizzo delle risorse (SLA) Eventi programmati dall utente E un elemento fondamentale per la GMA (Grid Management Activity), operata dai GOC (Grid Operation Center) nazionali

65 Componenti per un servizio Di monitoring per la Grid Servizio di rilevazione: Interrogazione delle risorse Servizio di discovery: Scoprire le risorse disponibili Aggiornare il GRIS (Grid Information Service) Servizio di notifica: Errori, violazioni di SLA, eventi definiti dall utente Analisi dei dati: Reports e statistiche Servizio di presentazione: Via web

66 Flusso dei dati: dalla risorsa all utente Presentation Service Data Analyzer Data Collection (historical) Detection & Notification Grid Information Service Measurement Service

67 Un esempio: raccolta di informazioni da un cluster web interface GIIS ldap query First discovery phase information index ldap query Second discovery phase monitoring server Central Monitoring Database EDG-WP4 fmonserver run GRIS (GLUE schema) information providers ldif output read cluster head node write farm monitoring archive EDG-WP4 monitoring agent run read WP4 sensor /proc filesystem metric output metric output cluster worker node EDG-WP4 monitoring agent run read WP4 sensor /proc filesystem metric output metric output cluster worker node

68 Monitoring scenario: GridICE deployment GridICE Server TOP- LEVEL GIIS REGION GIIS REGION GIIS site INFN-CNAF site CERN GRIS computing element access node LEMON Client SITE GIIS broker LEMON Client SITE GIIS... worker nodes LEMON Client LEMON Client GRIS LEMON Server GRIS 2136 storage element access node replica location service LEMON Client LEMON Client GRIS LEMON Server GRIS 2136 storage element access node

69 Ciclo di vita delle risorse Un sistema di monitoring deve essere in grado anche di tenere la traccia storica dei cambiamenti di stato.

70 Server Side processes layout WEB 5B Gfx/Presentation 1C 2A Discovery Config 1A 1B GRID GIIS 2B 5A Monitoring DB 4B Nagios/scheduler 3 4A GRIS 1: entities discovery 2: generation of config files 3: check scheduling 4: entities info collection 5: DB info rendering Check Grid Information System LDAP Interface Developed by DataTAG WP4

71 GridICE all opera

72 Grid.It

73 Alcuni link GridICE: Grid.It: Situazione della Grid Europea (e non solo): Globus (Grid Middleware): EGEE:

Workload Management Service (1/2)

Workload Management Service (1/2) Introduzione alle griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Informatica III Anno LEZIONE N. 9 WMS (Workload Management Service) (Job Description Language) Matchmaking

Dettagli

Grid Tutorial Day Palermo, 13 Aprile 2011 Job Description Language Gestione job utente

Grid Tutorial Day Palermo, 13 Aprile 2011 Job Description Language Gestione job utente Grid Tutorial Day Palermo, 13 Aprile 2011 Marco Cipolla Job Description Language Gestione job utente Jobs e Applicazioni Utente I job permettono l esecuzione di programmi utente sulla GRID Per sottomettere

Dettagli

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Chi siamo NIS nasce nel 1993 come spin-off dalla Università di Genova (DIST) Nel 1996 viene aperta una unità operativa

Dettagli

Cos'é una (Computing) GRID?

Cos'é una (Computing) GRID? Incontro Borsisti Progetto Lauree Scientifiche Perugia, 26 agosto 1 settembre 2007 Cos'é una (Computing) GRID? Istituto Nazionale Fisica Nucleare Sezione di Perugia Università Studi di Perugia Perché il

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Grid Security Infrastructure Grid Security Infrastructure Certificati X.509 Certificati

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la Architettura del middleware INFNGRID e piano di deployment sull'infrastruttura SCoPE Gennaro Tortone INFN Napoli 21 febbraio 2007 Indice Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

Griglie Computazionali

Griglie Computazionali Griglie Computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 9 Workload Management Service - WMS Allocazione delle risorse Sottomissione

Dettagli

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione Sommario Il Problema della Sicurezza nelle Grid Sicurezza nelle Grid Grid Security Infrastructure Autorizzazione 2 Page 1 Il Problema della Sicurezza nelle Grid (1) Le risorse sono presenti domini amministrativi

Dettagli

Problemi di schedulazione distribuita su Grid

Problemi di schedulazione distribuita su Grid Problemi di schedulazione distribuita su Grid Ivan Porro Università degli Studi di Genova, DIST, Laboratorio BioLab pivan@unige.it 010-3532789 Si ringrazia per il materiale il Dr. Andrea Clematis dell

Dettagli

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids James Frey, Todd Tannenbaum, Miron Livny, Ian Foster, Steven Tuecke Condor-G Sfrutta: Security, comunicazioni, resource

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Infrastrutture di calcolo su GRID in Italia

Infrastrutture di calcolo su GRID in Italia Infrastrutture di calcolo su GRID in Italia IFAE 27 Napoli, 12 aprile Enzo Miccio INFN/CNAF - CERN IFAE 27, Napoli, 12 aprile Sommario In prospettiva Progetti attuali e futuri Lo stato attuale GRID in

Dettagli

Risultati test su GRID-IT

Risultati test su GRID-IT Risultati test su GRID-IT G. Donvito (BARI) Outline: Report produzione di CMS su LCG1 Modalità di produzione su Grid Proposte di modalità di analisi su Grid (LCG2 e DC04) Interfaccia per McRunjob per la

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

Service Level Agreement Management Framework

Service Level Agreement Management Framework Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Workshop su QoS e SLA Service Level Agreement Management Framework Giovanni Morana

Dettagli

Sommario. Esempio di Modellazione mediante DASM: Grid OGSA. Grid secondo OGSA. Definizione Grid per OGSA. Stati di un Job e Requisiti DASM

Sommario. Esempio di Modellazione mediante DASM: Grid OGSA. Grid secondo OGSA. Definizione Grid per OGSA. Stati di un Job e Requisiti DASM Sommario Esempio di Modellazione mediante DASM: Grid Definizione Grid per OGSA Funzionalità JEMS Stati di un Job e Requisiti DASM DASM per Grid 1 DASM per Grid 2 OGSA Grid secondo OGSA OGSA = Open Grid

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 16 Resource Management Systems: PBS, MAUI Il Computing Element Griglie computazionali

Dettagli

Work Package Grid Workload Management

Work Package Grid Workload Management Work Package Grid Workload Management Last modified: 22.05.01 Nell ambito del progetto DataGrid, le attivita` del work package 1 (Grid Workload Management), di cui l INFN e` responsabile, si stanno concentrando

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Grid Scheduling e WS-Agreement

Grid Scheduling e WS-Agreement Grid Scheduling e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni in più domini Obiettivi del proprietario vs. obiettivi

Dettagli

Autorizzazione ed autenticazione in glite

Autorizzazione ed autenticazione in glite Autorizzazione ed autenticazione in glite Elisa Ingrà INFN Catania Elisa.ingra@ct.infn.it Grid Tutorial per gli Istituti Tecnici Industriali Sommario Glossario Crittografia Algoritmi simmetrici Algoritmi

Dettagli

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni Gid Grid Scheduling Shdli e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni i i in più domini i Obiettivi del proprietario

Dettagli

The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia

The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia The Globus Toolkit Corso laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Outline Introduzione Globus Toolkit 2 Globus Toolkit 3 Diamo per scontate i concetti noti Antonella Galizia Lezione 5 2 La storia

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

GRID Un nuovo e potente strumento di calcolo al servizio della ricerca scientifica

GRID Un nuovo e potente strumento di calcolo al servizio della ricerca scientifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN FISICA APPLICATA TESI DI LAUREA GRID Un nuovo e potente strumento di calcolo al servizio della ricerca

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive

Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive D. Salomoni Davide.Salomoni@cnaf.infn.it INFN-CNAF CdC CNAF, 15/12/2009 D. Salomoni (INFN-CNAF) Accesso integrato a risorse di calcolo CdC

Dettagli

Apriti Sesamo Plus Client per Windows

Apriti Sesamo Plus Client per Windows Apriti Sesamo Plus Client per Windows 1. username e password per il logon di Windows 2. Username e password sono corretti. Windows è OK ma non quella al sistema Windows Domain Controller Utente finale

Dettagli

Grid Middleware: L interazione con IPv6. Valentino R. Carcione valentino.carcione@garr.it GARR. [GARR WS7-Roma-16-11-2006]

Grid Middleware: L interazione con IPv6. Valentino R. Carcione valentino.carcione@garr.it GARR. [GARR WS7-Roma-16-11-2006] Grid Middleware: L interazione con IPv6 Valentino R. Carcione valentino.carcione@garr.it GARR [GARR WS7-Roma-16-11-2006] Grid e IPv6, quali vantaggi? IPv6 offre uno spazio di indirizzamento molto ampio

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN D. Salomoni Davide.Salomoni@cnaf.infn.it INFN-CNAF CdC CNAF, 16/11/2009 D. Salomoni (INFN-CNAF) WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud

Dettagli

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Davide Petturiti Sistemi Operativi Avanzati Prof. Osvaldo Gervasi A.A. 2007/2008 Corso di Laurea Specialistica in Informatica Facoltà di Scienze

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Accessi remoti sicuri alle risorse di rete aziendali La tecnologia PortWise

Accessi remoti sicuri alle risorse di rete aziendali La tecnologia PortWise Accessi remoti sicuri alle risorse di rete aziendali La tecnologia PortWise Nasce nel 1990 come distributore esclusivo della tecnologia F-Prot (ora F-Secure) Da più di 15 anni focalizzata SOLO nell ambito

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

Security policy e Risk Management: la tecnologia BindView

Security policy e Risk Management: la tecnologia BindView NETWORK SECURITY COMPANY Security policy e Risk Management: la tecnologia BindView www.bindview.com Luca Ronchini lr@symbolic.it Security policy e Risk Management : vulnerabilty management e security assessment,

Dettagli

maildocpro Manuale Installazione

maildocpro Manuale Installazione maildocpro Manuale Installazione versione 3.4 maildocpro Manuale Installazione - Versione 3.4 1 Indice Indice... 2 Creazione database... 3 Database: MAILDOCPRO... 3 Database: SILOGONWEB... 5 Configurazione

Dettagli

Tracciabilità degli utenti in applicazioni multipiattaforma

Tracciabilità degli utenti in applicazioni multipiattaforma Tracciabilità degli utenti in applicazioni multipiattaforma Case Study assicurativo/bancario Yann Bongiovanni y.bongiovanni@integra-group.it Roma, 4 ottobre 2006 Retroscena Un azienda multinazionale del

Dettagli

Sicurezza su Grid. Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009

Sicurezza su Grid. Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009 Sicurezza su Grid Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009 Introduzione e Definizione di Computing Grid La griglia computazionale eʼ un tipo

Dettagli

CLUSTER COKA. Macchine e Risorse

CLUSTER COKA. Macchine e Risorse CLUSTER COKA Macchine e Risorse Il cluster per il progetto COKA si compone complessivamente delle seguenti 5 macchine: rd coka 01 : server con il MIC e le GPU K20; rd gpu 01 : server con GPU C1060; rd

Dettagli

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid Data Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Data Management in Globus Toolkit GridFTP RFT RLS OGSA-DAI GridFTP GT4 Data Services High-performance

Dettagli

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo n 1 L integrazione tra macchine della farm di sezione e macchine della farm di GRID è già una realtà. L integrazione è stata possibile grazie ad alcuni fattori determinanti: Distribuzione degli RPM del

Dettagli

Accesso remoto sicuro alla rete aziendale La tecnologia PortWise

Accesso remoto sicuro alla rete aziendale La tecnologia PortWise Accesso remoto sicuro alla rete aziendale La tecnologia PortWise Luigi Mori Network Security Manager lm@symbolic.it Secure Application Access. Anywhere. 1 VPN SSL Tecnologia di accesso remoto sicuro alla

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO Rev. n 02 Pag. 1 di 25 SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE TERNA L UTILIZZO DEL SERVIZIO Storia delle revisioni Rev. n Data Descrizione 01 23/08/2010 Prima emissione del documento. 02 24/09/2010 Aggiornamento printscreen

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI GLOBUS 1.1.2

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI GLOBUS 1.1.2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI GLOBUS 1.1.2 R. Cucchi, G. Lo Biondo, F. Prelz, M. Sgaravatto, G. Vita Finzi Maggio 2000 Le istruzioni di seguito riportate fanno riferimento alla documentazione di installazione

Dettagli

Running batch jobs on supercomputers

Running batch jobs on supercomputers Running batch jobs on supercomputers Catello Di Martino Catello.dimartino@unina.it University of Naples Federico II, Dipartimento di Informatica e Sistemistica DIS Materiale a cura di Giulio Merolla (gmerolla@yahoo.it)

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

L'architettura di ENEA-GRID, infrastruttura distribuita per la condivisione di risorse informatiche dedicate al calcolo scientifico

L'architettura di ENEA-GRID, infrastruttura distribuita per la condivisione di risorse informatiche dedicate al calcolo scientifico Conferenza GARR 2005 La rete dapertutto Pisa 10-13 maggio 2005 L'architettura di ENEA-GRID, infrastruttura distribuita per la condivisione di risorse informatiche dedicate al calcolo scientifico S. Migliori,

Dettagli

NetEye Release Notes 2013

NetEye Release Notes 2013 NetEye Release Notes 2013 Version 3.4. Questo documento fornisce una panoramica sulle funzionalità e miglioramenti rilasciati con la nuova versione 3.4 di WÜRTHPHOENIX NetEye. Comandi più complessi per

Dettagli

Identity Access Management nel web 2.0

Identity Access Management nel web 2.0 Identity Access Management nel web 2.0 Single Sign On in applicazioni eterogenee Carlo Bonamico, NIS s.r.l. carlo.bonamico@nispro.it 1 Sommario Problematiche di autenticazione in infrastrutture IT complesse

Dettagli

Solgenia NetX. Conosci la tua rete, supporta i tuoi utenti

Solgenia NetX. Conosci la tua rete, supporta i tuoi utenti Conosci la tua rete, supporta i tuoi utenti Gestione delle reti e dei Sistemi informativi benefits per il Business Cataloga hardware, software e configurazioni di sistema dei server di rete dando grande

Dettagli

I progetti di integrazione di GRID EU-US

I progetti di integrazione di GRID EU-US I progetti di integrazione di GRID EU-US US Flavia Donno INFN Sezione di Pisa Riunione Comm. I sul calcolo a LHC Perugia, 11-12 1 I progetti e le iniziative GOAL: Costruire una grid transatlantica sperimentale

Dettagli

- Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI

- Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI - Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI Appendice 1 - Pagina 1 di 11 Indice SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI... 1 1. SCOPO... 3 2. DESCRIZIONE INFRASTRUTTURA SINTEL E NECA...

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Paolo Gandolfo Efficienza IT e controllo costi

Paolo Gandolfo Efficienza IT e controllo costi Paolo Gandolfo Efficienza IT e controllo costi Agenda della sessione La piattaforma IBM per l Asset & Service management Aree e voci di impatto sulle rendiconto economico Soluzioni TIVOLI a supporto Quali

Dettagli

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini 1 Kelyon Fonda il suo business esclusivamente sull'open source Offre soluzioni open per il settore pharma,

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Indice. Prefazione. Presentazione XIII. Autori

Indice. Prefazione. Presentazione XIII. Autori INDICE V Indice Prefazione Presentazione Autori XI XIII XV Capitolo 1 Introduzione alla sicurezza delle informazioni 1 1.1 Concetti base 2 1.2 Gestione del rischio 3 1.2.1 Classificazione di beni, minacce,

Dettagli

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g Sommario Oracle Database 10g (laboratorio) Dr. Daniele Barone Dr. Simone Grega 1 2 Oracle Database 10g Offre alte qualità del servizio: Performance; Scalabilità; Sicurezza; Affidabilità. Gestione autonoma

Dettagli

Capire le priorità tramite la Real User Experience

Capire le priorità tramite la Real User Experience Capire le priorità tramite la Real User Experience Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di offrire

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 22 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management)

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 91/Ric. del 5 luglio 2012 Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) AAI: Il problema che OCP ha affrontato

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX

Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Batch versione 15. IBM SPSS Modeler La modalità batch offre le stesse funzionalità

Dettagli

System & Network Integrator. Rap 3 : suite di Identity & Access Management

System & Network Integrator. Rap 3 : suite di Identity & Access Management System & Network Integrator Rap 3 : suite di Identity & Access Management Agenda Contesto Legislativo per i progetti IAM Impatto di una soluzione IAM in azienda La soluzione di SysNet: Rap 3 I moduli l

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management GridFTP RFT RLS OGSA-DAI 1 GT4 Services GridFTP High-performance transfer protocol The Reliable

Dettagli

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E.

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Tesi di Laurea Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Anno Accademico 2011/2012 Relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque Correlatore

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati Collegare il router e tutti i devices interni a Internet ISP connection device

Dettagli

Consulenza Informatica ======================================================================= Introduzione. Documentazione tecnica

Consulenza Informatica ======================================================================= Introduzione. Documentazione tecnica Introduzione Le novità che sono state introdotte nei terminal services di Windows Server 2008 sono davvero tante ed interessanti, sotto tutti i punti di vista. Chi già utilizza i Terminal Services di Windows

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D.

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

Security Enhanced Linux (SELinux)

Security Enhanced Linux (SELinux) 25/10/2002 Security Enhanced Linux 1 Cos è SELinux? Security Enhanced Linux (SELinux) a cura di: Michelangelo Magliari Loredana Luzzi Andrea Fiore Prototipo di Sistema Operativo Realizzato dalla National

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Autenticazione con LDAP

Autenticazione con LDAP Autenticazione con LDAP Uso del protocollo LDAP per l autenticazione in rete ing. Walter Vendraminetto - vendra@sci.univr.it 07.06.2006 Directory Il concetto di Directory è essenzialmente quello di catalogo

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX IBM SPSS Modeler Text Analytics Server può essere installato e configurato per essere eseguito su un computer su cui è in esecuzione

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Nuvola It Data Space Easy Tutorial per l Amministratore. Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services

Nuvola It Data Space Easy Tutorial per l Amministratore. Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services Easy Tutorial per l Amministratore Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services Contents Introduzione Profilo Ammistratore Portale di gestione: Team Portal Il cliente che sottoscrive

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Procedura ristretta n. 2/2006 per l affidamento della progettazione, realizzazione e gestione di componenti di cooperazione applicativa,

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Installazione dell'adattatore di IBM SPSS Modeler Server

Installazione dell'adattatore di IBM SPSS Modeler Server Installazione dell'adattatore di IBM SPSS Modeler Server Indice Installazione dell'adattatore per IBM SPSS Modeler Server......... 1 Informazioni sull'installazione dell'adattatore IBM SPSS Modeler Server...........

Dettagli

Single Sign-On su USG

Single Sign-On su USG NEXT-GEN USG Single Sign-On su USG Windows Server 2008 e superiori Client SSO ZyXEL, scaricabile da ftp://ftp.zyxel.com/sso_agent/software/sso%20agent_1.0.3.zip già installato sul server Struttura Active

Dettagli

Allegato Tecnico Database As A Service

Allegato Tecnico Database As A Service Allegato Tecnico Database As A Service Nota di lettura 1 Descrizione del servizio 1.1 Definizioni e acronimi 1.2 Oracle DATABASE AS A SERVICE 1.3 Attivazione del servizio Configurazione Network Configurazione

Dettagli

Forum ICT Security. Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org. Roma 4 Novembre 2003

Forum ICT Security. Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org. Roma 4 Novembre 2003 Forum ICT Security Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org Roma 4 Novembre 2003 Premessa Ich Sunt Leones/1 Ich Sunt Leones/2 Laptop TELCO Partner Offices Firewall

Dettagli

Fisciano, 24 ottobre 2008

Fisciano, 24 ottobre 2008 Virtualizzazione applicazioni per la sicurezza Luigi Catuogno Fisciano, 24 ottobre 2008 Sommario Virtualizzazione e para-virtualizzazione Sicurezza Separazione delle applicazioni Virtual data center Trusted

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli