Ricerca guasti e monitoring delle Switched LAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca guasti e monitoring delle Switched LAN"

Transcript

1 Ricerca guasti e monitoring delle Switched LAN Pietro Nicoletti Switchedlan-Trouble- 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo ed i copyright relativi alle slides (ivi inclusi, ma non limitatamente, ogni immagine, fotografia, animazione, video, audio, musica e testo) sono di proprietà degli autori indicati a pag. 1. Le slides possono essere riprodotte ed utilizzate liberamente dagli istituti di ricerca, scolastici ed universitari afferenti al Ministero della Pubblica Istruzione e al Ministero dell Università e Ricerca Scientifica e Tecnologica, per scopi istituzionali, non a fine di lucro. In tal caso non è richiesta alcuna autorizzazione. Ogni altra utilizzazione o riproduzione (ivi incluse, ma non limitatamente, le riproduzioni su supporti magnetici, su reti di calcolatori e stampate) in toto o in parte è vietata, se non esplicitamente autorizzata per iscritto, a priori, da parte degli autori. L informazione contenuta in queste slides è ritenuta essere accurata alla data della pubblicazione. Essa è fornita per scopi meramente didattici e non per essere utilizzata in progetti di impianti, prodotti, reti, ecc. In ogni caso essa è soggetta a cambiamenti senza preavviso. Gli autori non assumono alcuna responsabilità per il contenuto di queste slides (ivi incluse, ma non limitatamente, la correttezza, completezza, applicabilità, aggiornamento dell informazione). In ogni caso non può essere dichiarata conformità all informazione contenuta in queste slides. In ogni caso questa nota di copyright non deve mai essere rimossa e deve essere riportata anche in utilizzi parziali. Switchedlan-Trouble- 2 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

3 Cattura dei pacchetti su reti Shared e Switched Nelli reti Shared l analizzatore può catturare tutti i pacchetti che transitano in rete L analizzatore connesso sulla porta di uno Switch cattura solo i pacchetti Broadcast e Multicast o i pacchetti Singlecast che vengono inviati su tutte le porte per effetto di una funzione di Flooding dello Switch Per catturare i pacchetti che transitano su una porta è necessario utilizzare le funzioni di Mirroring Switchedlan-Trouble- 3 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

4 Errori su rete shared Se ci sono dei pacchetti errati a livello fisico/mac (CRC, Aligment) l analizzatore è in grado di catturarli e decodificarli Per trovare la causa o le cause di errori su una rete dove vengono corrotti anche gli indirizzi MAC SSAP è necessario delimitare la zona interessata A fronte del rilevamento di un problema si suddivide inizialmente la rete in due parti, inserendo uno switch store & forward; identificata la macro zona in cui sono presentano gli errori, la si segmenta a successivi passi con lo switch fino ad identificare l apparato o gli apparati guasti Switchedlan-Trouble- 4 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

5 Errori su rete switched Lo switch store & forward non inoltra i pacchetti errati se un apparato trasmette dei pacchetti errati (CRC, Alignment), questi non arrivano a destinazione il livello 4 della macchina ricevente, nel caso TCP, richiede diverse ritrasmissioni dei pacchetti persi analizzando l indirizzo della macchina a cui vengono richieste molteplici ritrasmissioni si può risalire alla sua connessione con lo switch Switchedlan-Trouble- 5 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

6 Analisi errori su rete switched L analizzatore di rete può essere inserito sulla mirror port dello switch si effettua, verso questa, la copia dei pacchetti ricevuti e/o trasmessi dalla porta dello switch che si vuole analizzare Se gli errori sono a livello fisico/mac tipicamente lo switch li filtra e non li inoltra sulla porta mirror Si può inserire un repeater a 10 o 100 Mb/s tra lo switch e la macchina per collegare l analizzatore di rete e poter analizzare gli errori di livello fisico/mac la porta dello switch e la macchina ad essa connessa devono essere impostate in half-duplex!!! Switchedlan-Trouble- 6 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

7 Analisi errori su rete switched Mirror port LAN Analyzer R LAN Analyzer Switchedlan-Trouble- 7 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

8 Funzioni di port mirroring Su alcuni switch la funzione di mirroring della porta è molto elementare e si limita alla copia dei pacchetti dalla porta sotto testing alla porta di monitor o mirror dove viene inserito il LAN-Analyzer o lo strumento di Monitoring Lan Analyzer o Network Probe Mirror/Monitor Port Switch High Capacity Switch Fabric Switchedlan-Trouble- 8 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

9 Quali funzioni dovrebbe prevedere il port mirroring Copia dei pacchetti: In ingresso sulla porta IN In uscita dalla porta OUT In transito sulla porta nelle due direzioni IN/OUT Selezionabile per VLAN Consentita sia da porte ACCESS, sia da porte TRUNK Invio dei pacchetti sulla porta Mirror/Monitor provenienti da porte Trunk in modalità incapsulata 802.1q o decapsulata 802.1q Questa funzione è meno importante delle precedenti perché ormai la gran parte dei LAN Analyzer sono in grado di decodificare i pacchetti con l incapsulamento 802.1q Switchedlan-Trouble- 9 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

10 La scelta dei prodotti di switching Questa scelta non si può limitare semplicemente alle caratteristiche di: Numero e tipo di porte disponibili Prestazioni Dimensionamento dei buffer Costi Ma Deve anche considerare le funzioni di Mirror/Monitor che offre lo switch!!! Funzioni limitate di Mirroring possono impattare negativamente sul Monitoring della rete e sulla ricerca guasti Switchedlan-Trouble- 10 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

11 Esempio di comandi per abiltare il mirroring sugli Switch Extreme Networks Porta da cui copiare i dati 7:8, porta dove si collega il LAN Analyzer 7:1 Switch# configure mirroring add port 7 : 8 Switch# enable mirroring to port 7 : 1 Switch# configure vlan Prova1" add ports 7 : 1 tagged In alternativa si può usare l opzione untagged Switch# configure vlan Prova2" add ports 7 : 1 tagged Switch# configure vlan Prova3" add ports 7 : 1 tagged Switch# show mirroring Mirror port: 7:1 is up port number 7:8 in all vlans Le VLAN configurate sono: Prova1, Prova2, Prova3 Switchedlan-Trouble- 11 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

12 Comandi per abiltare il mirroring sugli Switch Cisco monitor session session_number source {interface interface-id vlan vlan-id} [, -] [both rx tx] Crea una sessione di monitoring che ha come porta o VLAN sorgente quella specificata monitor session session_number destination {interface interface-id [encapsulation {dot1q isl}] La sessione ha come destinazione di mirroring la porta indicata dove va connesso il LAN Analyzer monitor session session_number filter vlan vlan-id [, -] Permette di filtrare delle VLAN show monitor [session session_number] Visualizza le caratteristiche della sessione di mirroring Switchedlan-Trouble- 12 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

13 Cosa è necessario per monitorare la rete e ricercare le cause di un problema? Switchedlan-Trouble- 13 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

14 Prodotti di Management o Monitoring? I prodotti di management hanno come obiettivo principale tenere sotto controllo lo stato di funzionamento degli apparati in un ottica di gestione globale della rete Possono interrogare ciclicamente gli apparati di rete Possono ricevere dagli apparati di rete informazioni su eventi o cambiamenti di stato in modalità asincrona Forniscono delle informazioni di stato degli apparati di rete visualizzando gli eventuali allarmi su una mappa grafica della rete Per operare devono interagire con gli apparati di rete attraverso il protocollo SNMP e facendo uso delle MIB specifiche degli apparati Switchedlan-Trouble- 14 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

15 Prodotti di Management o Monitoring? I prodotti di monitoring hanno come obiettivo principale tenere sotto controllo il traffico della rete e le sue caratteristiche Se si installano dei Probe nei punti della rete di cui si vogliono conoscere i dati del traffico questi non hanno bisogno di interagire con gli apparati di rete attraverso il protocollo SNMP Operano su un database e possono fornire indicazioni di tipo statistico o percentuale sull entità e la tipologia del traffico, possono fornire delle informazioni sulle caratteristiche del traffico e la ridistribuzione per protocolli Possono tenere dei dati storici sul traffico rilevato che possono essere salvati e visuallizzati in un tempo successivo Switchedlan-Trouble- 15 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

16 Che cos è il probe Il probe è un apparato che viene inserito nella rete che raccoglie dei dati e li può inviare ad una stazione che si occupa, a sua volta, di visualizzarli ed eventualmente decodificarli Può fare da sonda remota ad un analizzatore di protocollo Può fare da sonda remota ad un apparato o software di monitoring del traffico di rete A seconda delle funzioni che deve svolgere come sonda remota fornisce alla stazione di monitoring o di analisi di protocollo informazioni differenti: Dati relativi a vari tipi di contatori di: pacchetti, protocolli, flussi di traffico Dati statistici Invio di pacchetti catturati Switchedlan-Trouble- 16 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

17 Il monitoring della rete A cosa serve? A tenere sotto controllo il traffico di rete e la sua tipologia in termini di: Misura mediata del traffico (average) Misura dei picchi di traffico Ridistribuzione del traffico per: stazioni, protocolli, porte, applicativi di rete E una base dati che serve a stabilire le condizioni di norma e gli scostamenti o gli eventi E utile nel primo livello di indagine e serve per esempio a stabilire su quale trunk o porta bisogna concentrare l attenzione e raccogliere dati più dettagliati per risolvere un potenziale problema Switchedlan-Trouble- 17 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

18 Quali azioni può scatenare il rilevamento di uno scostamento sul traffico di rete? Un maggior approfondimento su un particolare protocollo da effettuare con il LAN Analyzer Un maggior approfondimento sul traffico tra stazioni: coppia di stazioni verso e da un stazione che comunica con varie stazioni Un indagine su un protocollo inaspettato in rete Un indagine sulle ragioni di un aumento inaspettato del traffico su un porta Causata per esempio da programmi Cavalli di Troia o Spyware Causata da attacchi di Hacker Causata dal cattivo funzionamento di apparati di rete Switchedlan-Trouble- 18 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

19 Quali azioni può scatenare il rilevamento di uno scostamento sul traffico di rete? Un riesame della caratteristiche dello Switch sulla base dell entità di traffico rilevato Particolarmente importante è il traffico di picco e la sua durata che potrebbe avere un impatto notevole sulla dimensione dei Buffer Un entità di traffico non sostenibile dalla porta dello switch potrebbe comportare una perdita eccessiva di pacchetti e ha un impatto diretto con le prestazioni di rete percepite dall utente Switchedlan-Trouble- 19 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

20 Misura del traffico Le misure si basano sul conteggio dei bit, byte o pacchetti rilevati nell intervallo di tempo t0 t1, ovvero nell intervallo di tempo di campionamento. Per avere una misura precisa del traffico in ogni istante bisogna usare un tempo di campionamento pari all unità di misura nella quale vengono espressi i valori di traffico ovvero il secondo bit/s, Kb/s, Mb/s, Gb/s, byte/s, KB/s, MB/s, packet/s (pps) Un grafico preciso del profilo di traffico si costruisce per punti dove ognuno di questi è un campionamento del traffico nell intervallo di tempo di 1 secondo Switchedlan-Trouble- 20 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

21 Misura del traffico: valori di picco (peak) e mediati (average) Per valore di picco si intende il valore massimo rilevato in una determinata finestra temporale Nell apparato di monitoring si può impostare una funzione che visualizzi tutti i picchi di traffico che superano una certa soglia impostata Per valore mediato o average s intende il numero di bit, byte o pacchetti rilevati in un tempo di campionamento più ampio dell unità di tempo Switchedlan-Trouble- 21 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

22 Valori di carico di traffico (Network Load) Servono ad indicare il carico del traffico Le unità di misure tipiche sono bit/s, Kb/s. Mb/s, Gb/s Per avere dei dati attendibili è necessario che il profilo di traffico venga costruito per punti ognuno di questi è un campionamento del traffico nell intervallo di tempo di 1 secondo I picchi di traffico e la loro durata ci possono aiutare a stabilire se le caratteristiche dello switch sono adeguate Switchedlan-Trouble- 22 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

23 Guardiamo alcuni prodotti di monitoring NTOP Prodotto sviluppato da Luca Deri disponibile su due piattaforme: Fre BSD, Windows Fluke OptiView Console Prodotto che va installato su un Server Windows: NT, 2000 o 2003 Observer Suite della Network Instruments Prodotto installabile su PC Windows Switchedlan-Trouble- 23 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

24 NTOP Caratteristiche principali: Effettua un monitoring continuo sulla rete e può produrre vari tipi di report e statistiche Opera a seconda delle 2 piattaforme su: Sun Solaris, Ms Windows, Linux, *BSD, and MacOS X. Ha un server HTTP/HTTPS integrato, operante di default sulla porta 3000, che mette a disposizione i report su pagine WEB consultabili da qualunque PC in rete Si appoggia a NetView (Cisco) raccogliere i dati da varie sonde remote in una rete geografica e convogliarli verso un collettore centrale che raccoglie i vari dati e produce dei report con interfaccia WEB Switchedlan-Trouble- 24 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

25 NTOP Caratteristiche principali: Le sonde (Probe) possono essere costituite da diversi nbox inseriti su diverse porte mirror degli switch nbox è un appliance costituita da un PC di modeste dimensioni fisiche con Kernel Linux ottimizzato e software NTOP che raccoglie il traffico da una porta Ethernet 10/100/1000. E in grado di operare correttamente su flussi Gigabit Ethernet senza perdere dati Switchedlan-Trouble- 25 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

26 Tipi di report che fornisce NTOP Switchedlan-Trouble- 26 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

27 Tipi di report che fornisce NTOP Switchedlan-Trouble- 27 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

28 Tipi di report che fornisce NTOP Switchedlan-Trouble- 28 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

29 Tipi di report che fornisce NTOP Switchedlan-Trouble- 29 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

30 Tipi di report che fornisce NTOP Switchedlan-Trouble- 30 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

31 Tipi di report che fornisce NTOP Aprile Switchedlan-Trouble- 31 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

32 Tipi di report che fornisce NTOP Aprile Switchedlan-Trouble- 32 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

33 Tipi di report che fornisce NTOP Aprile Switchedlan-Trouble- 33 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

34 Tipi di report che fornisce NTOP Aprile Switchedlan-Trouble- 34 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

35 Tipi di report che fornisce NTOP Aprile 2005 Switchedlan-Trouble- 35 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

36 Fluke OptiView Console (OVC) Caratteristiche principali Interroga gli apparati di rete attraverso il protocollo SNMP, per questa ragione il PC su quale è caricato OVC in una rete switched deve stare sulla VLAN di management (tipicamente la VLAN 1) Gli apparati di rete devono avere la funzione SNMP abilitata Può tenere dati storici fino a 1 settimana Permette di visualizzare dati e statistiche a posteriori Permette di effettuare degli zoom temporali per meglio visualizzare il profilo di traffico Bisogna definire quali e quante porte di uno switch vengono monitorizzate da OVC Switchedlan-Trouble- 36 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

37 Requisiti minimi OptiView Console Non è importante il prodotto funziona anche se il sistema operativo è in italiano. Switchedlan-Trouble- 37 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

38 Requisiti minimi OptiView Console Aprile 2005 Oppure Windows XP Professional Switchedlan-Trouble- 38 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

39 Tipi di report che fornisce OptiView Console (MAC 00000C ) Switchedlan-Trouble- 39 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

40 Tipi di report che fornisce OptiView Console Switchedlan-Trouble- 40 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

41 Tipi di report che fornisce OptiView Console Switchedlan-Trouble- 41 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

42 Tipi di report che fornisce OptiView Console Switchedlan-Trouble- 42 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

43 Tipi di report che fornisce OptiView Console Switchedlan-Trouble- 43 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

44 Tipi di report che fornisce OptiView Console Switchedlan-Trouble- 44 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

45 Observer Suite della Network Instruments Opera su sistemi Windows E un ibrido che include funzioni di: Monitoring LAN-Analyzer Funzioni elementari di sistema di gestione Switchedlan-Trouble- 45 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

46 Tipi di report che fornisce Observer Suite Switchedlan-Trouble- 46 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

47 Network Protocol Distribution Tipi di report che fornisce Observer Suite Switchedlan-Trouble- 47 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

48 Network IP subprotocol distribution Tipi di report che fornisce Observer Suite Switchedlan-Trouble- 48 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

49 Network IP group protocol distribution Tipi di report che fornisce Observer Suite Switchedlan-Trouble- 49 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

50 Tipi di report che fornisce Observer Suite Switchedlan-Trouble- 50 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

Ricerca ed analisi della causa di un problema o guasto di rete

Ricerca ed analisi della causa di un problema o guasto di rete Ricerca ed analisi della causa di un problema o guasto di rete Pietro Nicoletti www.studioreti.it Trouble- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel

Dettagli

Impiego e funzioni principali del LAN- Analyzer e del Wireless-LAN Analyzer. Pietro Nicoletti www.studioreti.it

Impiego e funzioni principali del LAN- Analyzer e del Wireless-LAN Analyzer. Pietro Nicoletti www.studioreti.it Impiego e funzioni principali del LAN- Analyzer e del Wireless-LAN Analyzer Pietro Nicoletti www.studioreti.it Lan-Analyzer - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag.

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. SNMP e RMON Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s Mario Baldi Politecnico di Torino SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Multicast e IGMP. Pietro Nicoletti www.studioreti.it

Multicast e IGMP. Pietro Nicoletti www.studioreti.it Multicast e IGMP Pietro Nicoletti wwwstudioretiit Multicast-2004-1 P Nicoletti: si veda nota a pag 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul

Dettagli

FONDAMENTI DI MATEMATICA BINARIA

FONDAMENTI DI MATEMATICA BINARIA FONDAMENTI DI MATEMATICA BINARIA Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it Binar - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle

Dettagli

Wireless monitoring & protection

Wireless monitoring & protection Wireless monitoring & protection Pietro Nicoletti piero[at]studioreti.it Wifi-Monitor - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Link Aggregation - IEEE 802.3ad

Link Aggregation - IEEE 802.3ad Link Aggregation - IEEE 802.3ad Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Pietro Nicoletti Studio Reti http://www.studioreti.it Basato sul capitolo 8 di: M. Baldi, P. Nicoletti,

Dettagli

Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x

Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Pietro Nicoletti Studio Reti http://www.studioreti.it Basato sul capitolo 8 di: M. Baldi,

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Autenticazione tramite IEEE 802.1x

Autenticazione tramite IEEE 802.1x Autenticazione tramite IEEE 802.1x Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s www.studioreti.it 802-1-X-2004 -Switch 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

ACCESS LIST. Pietro Nicoletti www.studioreti.it

ACCESS LIST. Pietro Nicoletti www.studioreti.it ACCESS LIST Pietro Nicoletti www.studioreti.it Access List - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO ARP e RARP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ARP - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di

Dettagli

Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN

Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel

Dettagli

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Pietro Nicoletti piero[at]studioreti.it HSRP-VRRP - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

SMDS: Switched Multi-Megabit Data Service. Silvano GAI

SMDS: Switched Multi-Megabit Data Service. Silvano GAI : Switched Multi-Megabit Data Service Silvano GAI Silvano.Gai@polito.it http://www.polito.it/~silvano - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo IP Multicast Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Silvano Gai sgai@cisco.com Multicast - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli. Mario Baldi. Politecnico di Torino. http://staff.polito.it/mario.baldi

Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli. Mario Baldi. Politecnico di Torino. http://staff.polito.it/mario.baldi Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Basato sul capitolo 10 di: M. Baldi, P. Nicoletti, Switched LAN, McGraw-Hill,

Dettagli

OmniSwitch Alcatel 7700, 7800, 8800

OmniSwitch Alcatel 7700, 7800, 8800 OmniSwitch Alcatel 7700, 7800, 8800 Pietro Nicoletti www.studioreti.it Alcatel-Switch - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

10_MLSwitching. ! Normalmente server web! Portali. ! Yahoo, Netscape. ! Notizie in tempo reale. ! CNN, La Stampa. ! Reperimento software. !

10_MLSwitching. ! Normalmente server web! Portali. ! Yahoo, Netscape. ! Notizie in tempo reale. ! CNN, La Stampa. ! Reperimento software. ! Nota di Copyright Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Basato sul capitolo 10 di: M. Baldi, P. Nicoletti,

Dettagli

Introduzione alla telefonia su IP

Introduzione alla telefonia su IP Introduzione alla telefonia su IP Mario Baldi Synchrodyne Networks, Inc. baldi@synchrodyne.com Pietro Nicoletti Studio Reti, s.a.s. p.nicol@inrete.it IPtelIntro_i - 1 Copyright: si veda nota a pag. Nota

Dettagli

Network Troubleshooting

Network Troubleshooting Network Troubleshooting Introduzione e concetti base di Giovanni Perteghella [Digital Lab] Webb.it 2004 - Padova 1 Copyright Questo insieme di trasparenze è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni

Dettagli

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Nota di Copyright Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Pietro Nicoletti nicoletti@studioreti.it www.studioreti.it! Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Riccardo Paterna

Riccardo Paterna <paterna@ntop.org> Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Project History Iniziato nel 1997 come monitoring application per l'università di Pisa 1998: Prima release pubblica v 0.4 (GPL2)

Dettagli

Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna

Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Project History Iniziato nel 1997 come monitoring application per l'università di Pisa 1998: Prima release

Dettagli

Unbundling e xdsl. Mario Baldi

Unbundling e xdsl. Mario Baldi Unbundling e xdsl Mario Baldi Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Capitolato per la fornitura in opera di apparati di misura di rete Fluke Networks con relativi servizi di assistenza e supporto tecnico in garanzia

Capitolato per la fornitura in opera di apparati di misura di rete Fluke Networks con relativi servizi di assistenza e supporto tecnico in garanzia AREA ORGANIZZAZIONE, FORMAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI FUNZIONE TECNOLOGIE INFORMATICHE E TELECOMUNICAZIONI AREA ORGANIZZAZIONE, FORMAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI Capitolato per la fornitura in opera di

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

High Speed Traffic Capture with ntop. Riccardo Paterna

High Speed Traffic Capture with ntop. Riccardo Paterna <paterna@ntop.org> High Speed Traffic Capture with ntop Riccardo Paterna 1 Who am I? Riccardo Paterna Network Evangelist at ntop.org President @System (www.atsystem.org) 2 Di cosa Parleremo? Il progetto ntop Cattura dei

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Codifica delle immagini 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Ing. DAVIDE PIERATTONI. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. Compressione MPEG

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Ing. DAVIDE PIERATTONI. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. Compressione MPEG FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Compressione MPEG 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n. 2) 1 Nota

Dettagli

Gli indirizzi di IPv6

Gli indirizzi di IPv6 Nota di Copyright Gli indirizzi di IPv6 Silvano GAI sgai@cisco.com IPV6-ADD - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Progetto di una rete IP Addressing

Progetto di una rete IP Addressing Progetto di una rete IP Addressing Mario Baldi Flavio Marinone Fulvio Risso AddressingIP - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Servizi integrati su Internet

Servizi integrati su Internet Servizi integrati su Internet L architettura Integrated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IntServ - 1 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Prof. PIER LUCA MONTESSORO. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine

RETI DI CALCOLATORI. Prof. PIER LUCA MONTESSORO. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine RETI DI CALCOLATORI Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 2001-2007 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Codifica delle immagini 2000-2007 P. L. Montessoro - D. Pierattoni (cfr.la nota di copyright alla

Dettagli

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Teach Convegni Networking ad Alta Velocità: le nuove LAN e il Multi-Layer switching Milano, 17-18 novembre 1997 Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Pier Luca Montessoro

Dettagli

Voce su IP e Telefonia su IP

Voce su IP e Telefonia su IP Voce su IP e Telefonia su IP Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi VoIP - 1 M. Baldi: see page 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

Laboratorio di reti Relazione N 5 Gruppo 9. Vettorato Mattia Mesin Alberto

Laboratorio di reti Relazione N 5 Gruppo 9. Vettorato Mattia Mesin Alberto Laboratorio di reti Relazione N 5 Gruppo 9 Vettorato Mattia Mesin Alberto Virtual LAN Che cosa è una VLAN? Il termine Virtual LAN indica una serie di tecniche atte a separare un dominio di broadcast, di

Dettagli

Voce su IP e Telefonia su IP

Voce su IP e Telefonia su IP Voce su e Telefonia su Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai@cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota a

Dettagli

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Argomenti della presentazione. Nota di Copyright. Routing interdominio

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Argomenti della presentazione. Nota di Copyright. Routing interdominio Interdomain routing Principi generali e protocolli di routing Interdomain_routing - 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche

Introduzione alle Reti Telematiche Introduzione alle Reti Telematiche Esercizi Copyright Gruppo Reti Politecnico di Torino INTROUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons Noerivs-NonCommercial.

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment IL DIMENSIONAMENTO SU LAN Soluzione IPTel (PBX virtuali) Gateway con rete PSTN ISDN/PSTN IP Eth. phones Call manager (gatekeeper) Server H.323

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Mario Baldi

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Mario Baldi Interdomain routing Principi generali e protocolli di routing Mario Baldi Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Interdomain_routing - 1 Nota

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Gestione della memoria centrale 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide

Dettagli

Collegamenti RS-232 TX TX RX RX Cavo incrociato o Null Modem Massa TX TX RX RX Cavo dritto Massa 55 Invio di un pacchetto IP su rete Ethernet (2) Formato di un frame MAC per l'invio di

Dettagli

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino SIP e SDP Segnalazione nelle reti VoIP Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#73 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

il progetto ieee 802

il progetto ieee 802 il progetto ieee 802 architettura generale g. di battista nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi, ma non

Dettagli

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet mask Indirizzo IP Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134 Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet Mask La Subnet Mask viene implementata per limitare il traffico

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla AdRem NetCrunch 6 Server per il controllo della rete aziendale Con NetCrunch puoi tenere sotto controllo ogni applicazione, servizio, server e apparato critico della tua azienda. Documenta Esplora la topologia

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Wireless Network Esercitazioni Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Configurazione AP CISCO Serie 1200 AP 1200: Features Col firmware 12.3(2)JA l AP supporta: SSID multipli (fino a 16), per ciascuno

Dettagli

Packet Tracer: simulatore di RETE

Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer è un software didattico per l'emulazione di apparati di rete CISCO. http://www.cisco.com/web/it/training_education/networking_academy/packet_tracer.pdf PT

Dettagli

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente Cos'è una vlan Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente detta VLAN, è un gruppo di host che comunicano tra di loro come se fossero collegati allo stesso cablaggio, a prescindere dalla loro posizione

Dettagli

Invisible Irc Project Anonymous real time communication Yvette (vodka) Agostini - vodka@s0ftpj.org

Invisible Irc Project Anonymous real time communication Yvette (vodka) Agostini - vodka@s0ftpj.org Invisible Irc Project Anonymous real time communication Yvette (vodka) Agostini - vodka@s0ftpj.org E-Privacy 2003 Firenze 14 giugno 2003 Yvette Agostini 2003 1 Copyright Questo insieme di trasparenze è

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Davide PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Introduzione ai sistemi operativi 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

Tecnologie Informatiche. security. Rete Aziendale Sicura

Tecnologie Informatiche. security. Rete Aziendale Sicura Tecnologie Informatiche security Rete Aziendale Sicura Neth Security è un sistema veloce, affidabile e potente per la gestione della sicurezza aziendale, la protezione della rete, l accesso a siti indesiderati

Dettagli

INFOCOM Dept. Antonio Cianfrani. Virtual LAN (VLAN)

INFOCOM Dept. Antonio Cianfrani. Virtual LAN (VLAN) Antonio Cianfrani Virtual LAN (VLAN) Richiami sullo standard Ethernet Lo standard Ethernet (IEEE 802.3) è utilizzato per le Local Area Network (LAN): livello 2 della pila protocollare. Consente l utilizzo

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione

Dettagli

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico Esercizi su: Ritardi di trasferimento ommutazione Sorgenti di raffico Esercizio 1 Un sistema trasmissivo della velocità di 100 kb/s presenta una lunghezza di 500 km. Si calcoli il tempo che intercorre

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

ProCurve Manager Plus 2.2

ProCurve Manager Plus 2.2 ProCurve Manager Plus 2.2 ProCurve Manager Plus 2.2 è una piattaforma di gestione di rete basata su Windows sicura ed avanzata che consente agli amministratori di rete di configurare, aggiornare, monitorare

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall Firewall e NAT A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protezione di host: personal firewall Un firewall è un filtro software che serve a proteggersi da accessi indesiderati provenienti dall esterno della rete Può

Dettagli

Perché abbiamo problemi di sicurezza? Sicurezza nel computer dell utente. Sicurezza. Sicurezza. Nota di Copyright

Perché abbiamo problemi di sicurezza? Sicurezza nel computer dell utente. Sicurezza. Sicurezza. Nota di Copyright SICUREZZA INFORMATICA RETI DI CALCOLATORI II Introduzione Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

Realizzazione e gestione di Local Area Network

Realizzazione e gestione di Local Area Network Realizzazione e gestione di Local Area Network Ceracchi Fabiana Mansi Luigi Tutor Angelo Veloce NETWORK La rete è un insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni messi in comunicazione tra

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli) Sommario Esercitazione 05 Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)! Packet Filtering ICMP! Descrizione esercitazione! Applicazioni utili: " Firewall: wipfw - netfilter " Packet sniffer: wireshark!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-

Dettagli

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito.

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito. Domain Name Service Mario BALDI staff.polito.it/mario.baldi Silvano GAI sgai[at]cisco.com Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

Perché abbiamo problemi di sicurezza? Sicurezza. Reti di calcolatori. 2001-2007 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Perché abbiamo problemi di sicurezza? Sicurezza. Reti di calcolatori. 2001-2007 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n. RETI DI CALCOLATORI Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 2001-2007 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Software per la gestione delle stampanti MarkVision

Software per la gestione delle stampanti MarkVision Software e utilità per stampante 1 Software per la gestione delle stampanti MarkVision In questa sezione viene fornita una breve panoramica sul programma di utilità per stampanti MarkVision e sulle sue

Dettagli

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1 Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente Ver. 1.1 1 Indice 1 Introduzione 4 1.1 Dichiarazione di Conformità.............................. 4 1.2 Contenuto della Confezione..............................

Dettagli

Manuale InOut DA Console Versione 1.0

Manuale InOut DA Console Versione 1.0 Manuale InOut DA Console Versione 1.0 INOUT AUDIO COMUNICATION SYSTEMS Via nobel, 10 30020 Noventa di Piave Venezia ITALY Tel. +39 0421 571411 Fax +39 0421 571480 web:www.inout-digital.com email:info@inout-digital.com

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi WLAN - 1 M. Baldi: si veda pagina 2 Nota di Copyright Questo insieme di

Dettagli

Pietro Nicoletti METODI DI MISURA RELATIVI AI DISTURBI ELETTROMAGNETICI. Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it http://www.uniud.

Pietro Nicoletti METODI DI MISURA RELATIVI AI DISTURBI ELETTROMAGNETICI. Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it http://www.uniud. Ottobre 1996 METODI DI MISURA RELATIVI AI DISTURBI ELETTROMAGNETICI Pietro Nicoletti Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it http://www.uniud.it/~montessoro en55022-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di

Dettagli

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 ETI/Domo 24810070 www.bpt.it IT Italiano ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 Configurazione del PC Prima di procedere con la configurazione di tutto il sistema è necessario configurare il PC in modo che

Dettagli

SICUREZZA INFORMATICA RETI DI CALCOLATORI II. Introduzione

SICUREZZA INFORMATICA RETI DI CALCOLATORI II. Introduzione SICUREZZA INFORMATICA RETI DI CALCOLATORI II Introduzione Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

!"#$%&'( ((%)**+')**,

!#$%&'( ((%)**+')**, !"#$%&'( ((%)**+')**, -./0"11/."2 3.456/%7488"94#$ 06488"94#$:;"$1/

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

IP Multicast Routing. Silvano Gai sgai@cisco.com. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Nota di Copyright. Multicast Backbone

IP Multicast Routing. Silvano Gai sgai@cisco.com. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Nota di Copyright. Multicast Backbone Nota di Copyright IP Multicast Routing Silvano Gai sgai@cisco.com Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle

Dettagli

Caratteristiche e vantaggi

Caratteristiche e vantaggi Dominion KX II Caratteristiche Caratteristiche dell hardware Architettura hardware di nuova generazione Elevate prestazioni, hardware video di nuova generazione Due alimentatori con failover Quattro porte

Dettagli