IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI"

Transcript

1 IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza

2 Contesto regolamentare La funzione di Risk Management ha assunto una crescente rilevanza ed un maggiore riconoscimento normativo soprattutto in seguito all emanazione del Nuovo Accordo di Basilea sul Capitale - Basilea 2 e, nella sua conseguente adozione a livello di sistema bancario italiano, con la Circolare di Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre 2006 Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le Banche. La normativa di Basilea 2, in particolare, ha rivisto in maniera significativa la disciplina prudenziale per le banche ed i gruppi bancari intervenendo principalmente sulle metodologie di gestione e misurazione dei rischi da parte degli intermediari. A palesare l utilità di una architettura strutturale che disciplini e coordini il sistema dei controlli interni delle istituzioni bancarie e non solo - hanno contribuito anche le recenti vicende legate alla crisi, iniziata a metà del 2007 nel comparto immobiliare dei mutui subprime americani, interessando dapprima il mercato creditizio e finanziario per poi contagiare il sistema economico-industriale fino alla recessione mondiale. Tutto ciò ha reso necessario un rafforzamento dell impianto normativo relativo al sistema dei controlli interni con un coinvolgimento specifico delle varie funzioni presenti nell istituzione Banca, prevedendo l individuazione di precise aree di responsabilità. IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (2)

3 Sistemi dei Controlli Interni Nel modello del Sistema dei Controlli Interni adottato dal Gruppo Banca Popolare di Vicenza, che si articola su tre livelli controlli di primo livello (di linea) diretti ad assicurare il corretto svolgimento delle operazioni ed effettuati dalle stesse strutture produttive o nell ambito dell attività di back-office o attraverso procedure/sistemi informatici controlli di secondo livello affidati a strutture diverse da quelle produttive con lo scopo di a) concorrere alla definizione delle metodologie di misurazione del rischio, verificare il rispetto dei limiti assegnati anche in termini di coerenza dell operatività con gli obiettivi di rischio/rendimento prefissati b) concorrere alla definizione delle metodologie di misurazione/valutazione del rischio di conformità, individuare idonee procedure per la prevenzione dei rischi rilevati e richiederne l adozione c) attestare/dichiarare l informativa contabile aziendale secondo quanto previsto dalla legge controlli di terzo livello (attività di revisione interna) affidati a strutture diverse da quelle produttive e diretti ad individuare andamenti anomali, violazioni di procedure/regolamentazione e a valutare la funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni la funzione di Risk Management effettua una parte della propria attività nell ambito dei controlli di secondo livello. IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (3)

4 Le Unità Operative del Risk Management Nell organizzazione aziendale del Gruppo Banca Popolare di Vicenza, la funzione di Risk Management è accentrata presso la Direzione Pianificazione e Risk Management della Capogruppo, all interno della quale sono state individuate due Unità Operative dedicate: U.O RISK MANAGEMENT U.O MONITORAGGIO RISCHIO DI CREDITO IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (4)

5 Ruolo e mission dell U.O. Risk Management In tale contesto il Risk Management svolge compiti diretti ad assicurare l attività di misurazione e di controllo dei rischi (quali quelli di credito, di mercato, di liquidità, di tasso, operativo, di controparte) di supporto alle funzioni preposte nella definizione di parametri e modalità di valutazione delle prestazioni in termini di rischio/rendimento. Tale missione comporta la definizione e lo sviluppo di modelli e strumenti di misurazione e controllo dei rischi, con la verifica sistemica e continuativa dell adeguatezza dei modelli e degli strumenti utilizzati, presidiando l evoluzione normativa degli indirizzi regolamentari che impattano sull attività di risk management la verifica della conformità dei profili di rischio delle legal entity appartenenti al Gruppo Banca Popolare di Vicenza rispetto ai limiti stabiliti dalle funzioni preposte. IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (5)

6 Ruolo e mission dell U.O. Monitoraggio Rischio di Credito L U.O. Monitoraggio Rischio di Credito svolge, invece, compiti diretti ad assicurare una costante attività di monitoraggio dell evoluzione del profilo di rischiosità dei portafogli crediti delle legal entity del Gruppo Banca Popolare di Vicenza, curando anche in coordinamento con le Direzioni Crediti e con l U.O. Risk Management della Capogruppo il disegno, la predisposizione, il mantenimento e l evoluzione di un reporting periodico a livello di Gruppo Tale missione comporta tra l altro la responsabilità di segnalare con tempestività alle funzioni preposte alla gestione del rischio il presentarsi di fenomeni indicatori di deterioramento della qualità del credito sui diversi segmenti/portafogli di rischio la predisposizione di un reporting di sintesi sull andamento del rischio di credito con evidenza, quando presenti, delle situazioni di anomalia e della loro evoluzione nel tempo IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (6)

7 Collocazione nell Organigramma Aziendale Proprio per il ruolo ed i compiti affidati al Risk Management si rende necessario il suo collocamento all interno della struttura aziendale in modo da poterne garantire l autonomia e l indipendenza dalle aree della Banca su cui debba eventualmente esercitare funzioni di controllo di limiti ed indirizzi assegnati di valutazione di performance ottenute Nell organigramma aziendale della Banca Popolare di Vicenza Consigliere Delegato Direttore Generale U.O. Monitoraggio Rischio di Credito Direzione Pianificazione e Risk Management (BPVi) Altre U.O. U.O. Risk Management IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (7)

8 Attività e Responsabilità del Risk Management Le attività affidate al Risk Management prevedono una serie di responsabilità generali per cui tra l altro interagisce e supporta varie strutture della Banca e responsabilità specifiche in alcune aree per cui deve garantire un presidio di produzione di dati e di controllo puntuale. Tra quest ultime rientrano: responsabilità specifiche relative al Rischio di Credito responsabilità specifiche relative al Rischio di Mercato responsabilità specifiche relative al Rischio Operativo responsabilità specifiche relative al Rischio di Tasso e di Liquidità responsabilità specifiche relative al Rendiconto ICAAP IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (8)

9 Attività e Responsabilità del Risk Management Tra le responsabilità generali del Risk Management si segnalano: la definizione e sviluppo dei modelli e strumenti di misurazione e controllo dei rischi la verifica continua e sistematica dei modelli e degli strumenti utilizzati il presidio dell evoluzione normativa degli indirizzi regolamentari riguardanti le attività di risk management il presidio delle tematiche inerenti l applicazione di Basilea 2 il coordinamento e la raccolta delle informazioni necessarie per l alimentazione dei sistemi di risk management utilizzati il presidio e la promozione di interventi volti a colmare i gap rilevati in termini di informazioni e strumenti rispetto ai modelli definiti la verifica della conformità dei profili di rischio delle legal entity appartenenti al Gruppo rispetto ai limiti assegnati IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (9)

10 Attività e Responsabilità del Risk Management la produzione di reporting relativi ai diversi profili di rischio ilsupporto, di concerto con lealtre strutture coinvolte, alla progettazione e realizzazione di modelli di misurazione dell assorbimento ed allocazione del capitale la produzione di analisi e informativa a fronte di richieste specifiche dell Autorità di Vigilanza il supporto alla Direzione Ragioneria Generale in tema di segnalazioni di vigilanza la produzione di analisi e valutazioni richieste dalle Direzioni Commerciali della Banca anche per supportarle nella gestione di eventuali criticità la partecipazione a comitati interni che coinvolgono processi di assunzione e gestione di rischi lo sviluppo di modelli e strumenti di ALM strategico garantendo il coordinamento, anche a livello di Gruppo, con le strutture preposte IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (10)

11 Attività e Responsabilità del Risk Management Rischio Credito Tra le attività connesse alle responsabilità specifiche relative al Rischio di Credito si segnalano: lo sviluppo a livello Gruppo delle metodologie di scoring e rating ed il presidio della coerenza metodologica e normativa dei relativi sistemi lo sviluppo a livello Gruppo dei modelli di stima dei diversi fattori che influenzano il rischio di credito il supporto alla Direzione Generale nell attività di pianificazione del portafoglio crediti attraverso la definizione e lo sviluppo di appropriati modelli il supporto alla Direzione Generale nella definizione in prospettiva di modelli di risk adjusted pricing il supporto alla Direzione Bilancio nella definizione a livello di Gruppo della metodologia per la stima degli accantonamenti sulla base delle componenti di rischio il supporto alla Direzione Bilancio nella definizione a livello di Gruppo della metodologia per il calcolo del fair value dei crediti da appostare in Nota Integrativa IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (11)

12 Attività e Responsabilità del Risk Management Rischio di Mercato Tra le attività connesse alle responsabilità specifiche relative al Rischio di Mercato si segnalano: lo sviluppo a livello Gruppo di modelli e strumenti di misurazione e controllo dei rischi relativi ad analisi quali Value at Risk, Stress Test Scenarios, BackTesting, la proposta, di concerto con la Divisione Finanza, di un sistema di limiti di VaR e operativi, garantendo coerenza metodologica tra le diverse metriche il monitoraggio del rispetto dei limiti di Value at Risk e la produzione della relativa reportistica la certificazione, documentazione e validazione delle fonti e dei processi di raccolta dei dati di mercato e la determinazione dei parametri rappresentativi dei diversi elementi di rischio propri delle posizioni della Banca la determinazione o la validazione delle metodologie e dei criteri di pricing degli strumenti finanziari utilizzati dalle diverse legal entity del Gruppo il supporto al fine di indirizzare e coordinare le unità di business delle varie strutture della Banca nelle attività di gestione dei rischi di mercato IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (12)

13 Attività e Responsabilità del Risk Management Rischio di Mercato il supporto alla Divisione Finanza nell elaborazione di strategie mirate alla gestione dei rischi, anche attraverso la formulazione di proposte di mitigazione degli stessi il supporto agli operatori della Divisione Finanza nella gestione di eventuali sconfini dei limiti definiti e nelle operazioni di rientro la verifica che, nell ambito del processo di introduzione di nuovi prodotti, la Banca abbia adeguati strumenti di pricing e di valutazione del rischio e che il profilo del rischio sia coerente con le mission delle strutture operative la determinazione o la validazione dei criteri/fair value da utilizzare per le valutazioni ufficiali delle posizioni della Banca il presidio delle tematiche relative alle segnalazioni di Vigilanza ed inerenti i rischi di mercato ed i rischi di controparte il supporto alle altre strutture della Banca relativamente all evoluzione del rischio di prodotti offerti alla clientela tramite analisi di stress test scenarios IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (13)

14 Attività e Responsabilità del Risk Management Rischio Operativo Tra le attività connesse alle responsabilità specifiche relative al Rischio Operativo si segnalano: lo sviluppo e la manutenzione a livello Gruppo del sistema di gestione dei rischi operativi, con particolare riferimento al processo di autovalutazione la raccolta dei dati delle perdite operative e la definizione di tempi e scadenze delle stesse attività a livello di Gruppo il presidio dei rapporti con i consorzi esterni di raccolta dei dati di perdita ed il coordinamento delle attività di comunicazione la predisposizione dell informativa alla Direzione Generale ed al Comitato di Controllo la definizione dei livelli dei segnali di warning, indicanti un innalzamento dei livelli di rischio il coordinamento e la collaborazione con le altre strutture della Banca coinvolte per individuare le cause che hanno determinato l innalzamento dei livello di rischio IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (14)

15 Attività e Responsabilità del Risk Management Rischio Operativo il coordinamento e la collaborazione con le altre strutture della Banca coinvolte per definire i piani di mitigazione e di prevenzione dei rischi a livello di Gruppo il supporto alla funzione preposta alla definizione delle politiche assicurative nell analisi del rischio in termini di valutazione sulla convenienza economica delle condizioni praticate dagli assicuratori IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (15)

16 Attività e Responsabilità del Risk Management Rischio di Tasso e Liquidità Per le responsabilità specifiche relative al Rischio di Tasso e di Liquidità si segnalano le seguenti attività: l alimentazione del sistema di ALM e la certificazione della relativa base dati la produzione del reporting e dell informativa di ALM statico, sia per le singole legal entity sia per il Gruppo nel suo complesso la conduzione delle prove di stress, sia per quanto riguarda la «prospettiva degli utili correnti» sia per quanto riguarda la «prospettiva dei valori di mercato» il monitoraggio dei limiti operativi definiti dal C.d.A. della Capogruppo il supporto al processo strategico ed operativo, attraverso le simulazioni necessarie per verificare ex ante l efficacia delle operazioni per la gestione del rischio di tasso la ristima / sviluppo dei modelli e delle metodologie utilizzati dal sistema di ALM la gestione / manutenzione / evoluzione della base dati e della parametrizzazione del sistema di ALM IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (16)

17 Attività e Responsabilità del Risk Management Rischio di Tasso e Liquidità l alimentazione con frequenza giornaliera della Maturity Ladder Operativa l alimentazione con frequenza mensile della Maturity Ladder Strutturale il monitoraggio con frequenza giornaliera degli early warning e dei limiti sulla liquidità operativa il monitoraggio con frequenza mensile dei limiti sulla liquidità strutturale la produzione dell informativa al Comitato Finanza e ALMs, agli Organi e alle Funzioni aziendali coinvolte attraverso un azione di reporting coerente con quanto definito nel Sistema Informativo Direzionale. IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (17)

18 Attività e Responsabilità del Risk Management Rendiconto ICAAP Tra le attività connesse alle responsabilità specifiche relative al Rendiconto ICAAP Internal Capital Adequacy Assessment Process è il processo aziendale per la valutazione dell adeguatezza patrimoniale relativa ai rischi rilevanti derivanti dall operatività aziendale e dai mercati di riferimento si segnalano: l identificazione dei rischi e la definizione della tassonomia, specificandone le caratteristiche, i fattori ed il perimetro di estensione delle definizioni anche rispetto ad altri rischi e, sentita la Direzione Internal Audit e la Direzione Ragioneria Generale, l identificazione dei criteri per la determinazione della rilevanza dei rischi da includere nella Rendicontazione ICAAP l identificazione dei rischi quantificabili a fronte dei quali deve essere determinato un capitale interno la definizione degli approcci metodologici di misurazione dei rischi ai fini della determinazione del capitale interno e della corretta applicazione delle linee guida in materia di profilo di rischio IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (18)

19 Attività e Responsabilità del Risk Management Rendiconto ICAAP la definizione delle metodologie per l analisi dei presidi organizzativi e dei sistemi di attenuazione e controllo su tutti i rischi rilevanti, in collaborazione con la Direzione Internal Audit la definizione, con il supporto delle Funzioni aziendali impattate maggiormente dai singoli rischi di quali rischi quantificabili sottoporre a stress test e quali metodologie adottare per la conduzione degli stessi la definizione, con il supporto della Direzione Ragioneria Generale, delle metriche per la determinazione del capitale complessivo e dell ammontare, effettuando la riconciliazione tra le grandezze regolamentari e le grandezze ICAAP l individuazione, di concerto con la Direzione Internal Audit, degli interventi sui presidi organizzativi e sui sistemi di attenuazione e controllo dei rischi che risultano inadeguati o comunque sono ritenuti suscettibili di miglioramento l identificazione e l analisi della situazione degli indicatori per la definizione del risk appetite IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (19)

20 Attività e Responsabilità del Risk Management Rendiconto ICAAP la declinazione operativa degli obiettivi in termini di risk appetite definendo il piano pluriennale e il budget il monitoraggio sugli interventi programmati con riferimento ai presidi organizzativi e ai sistemi di attenuazione e controllo dei rischi e sugli obiettivi di piano pluriennale, budget inclusi quelli relativi al risk appetite il coordinamento delle diverse funzioni e strutture aziendali per la predisposizione del Rendiconto ICAAP secondo le tempistiche e gli obblighi previsti dalla normativa di vigilanza prudenziale IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI BPVi - Direzione Pianificazione e Risk Management (20)

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Riccardo Cesari (Università di Bologna e IVASS) Milano,SDA Bocconi, 10.7.2013 1 Crisi finanziaria e risk management

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

2009 Pillar III. Informativa al Pubblico del Gruppo BPVi. Situazione al 31 dicembre 2009

2009 Pillar III. Informativa al Pubblico del Gruppo BPVi. Situazione al 31 dicembre 2009 2009 Pillar III Informativa al Pubblico del Gruppo BPVi Situazione al 31 dicembre 2009 Informativa al Pubblico Pillar III Società Cooperativa per azioni Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 1 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 12 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA... 32 TAVOLA 4 ADEGUATEZZA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009. Basilea 2 Terzo Pilastro Deliberato dal Consiglio di Amministrazione 09 Giugno 2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009. Basilea 2 Terzo Pilastro Deliberato dal Consiglio di Amministrazione 09 Giugno 2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009 Basilea 2 Terzo Pilastro Deliberato dal Consiglio di Amministrazione 09 Giugno 2010 Indice PREMESSA 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...3

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 DATI DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 7

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2011 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Indice TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE...35

Indice TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE...35 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2009 1 Indice PREMESSA...3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...8 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...26 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...27

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA 2 2011 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1 Situazione riferita al 31/12/2011 Indice TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/06/2014 pagina 1 di 8 Indice Premessa...3

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Impruneta

Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Società Cooperativa Con Sede a Impruneta - Firenze Codice Fiscale 00517140489 Codice Bankit n. 1398.70 Codice ATECO n. K64191 Codice Abi n. 08591.0 Iscritta all

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO Sede Legale: Via Gramsci, 7 10121 Torino Capitale sociale 156.037.608 int. vers. Codice Azienda Bancaria n. 3043.7 Albo Banche n. 5319 Registro Imprese di Torino n. 02751170016

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INDICE PREMESSA 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 15 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvata con delibera del C.d.A. n. 2974 del 31/05/2011 Formalizzata con O.d.S. n. 8 dell 1/06/2011

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III Informativa al pubblico in materia di adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali

Dettagli

BASILEA 3 III PILASTRO. Informativa al pubblico

BASILEA 3 III PILASTRO. Informativa al pubblico BASILEA 3 III PILASTRO Informativa al pubblico 31 dicembre 214 Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEI RISCHI... 5 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE (ART. 436 CRR)... 3 TAVOLA

Dettagli

TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEI RISCHI (ART 435 CRR)...

TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEI RISCHI (ART 435 CRR)... Pag. 1 di 1 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEI RISCHI (ART 435 CRR)... 5 2.1 INFORMATIVA QUALITATIVA... 5 2.2 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE (ART. 436 CRR)...

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo San Giuseppe di Petralia Sottana Adottata con delibera del C.d.A. del

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI QUINTO VICENTINO Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 3 TAVOLA

Dettagli

Informativa al pubblico 31 dicembre 2014. INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013

Informativa al pubblico 31 dicembre 2014. INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 31 dicembre 2014 1 Qualsiasi precisazione in merito a questo documento può essere richiesta ai seguenti recapiti: e-mail:

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015

Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015 Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015 INDICE PREMESSA... 4 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO - ART. 435 (1) CRR... 6 Risk Appetite Framework...6

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 35 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

Informativa al Pubblico Pillar 3 Situazione al 31 dicembre 2014

Informativa al Pubblico Pillar 3 Situazione al 31 dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar 3 Situazione al 31 dicembre 214 INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)... 3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di Rischio: Reati contro la Pubblica Amministrazione Protocolli: Stipula dei rapporti

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI (ex III Pilastro)

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI (ex III Pilastro) INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI (ex III Pilastro) Ai sensi delle Disposizioni di vigilanza per le banche (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013) Dati al 31 dicembre 2014 INF301_2014

Dettagli

Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 39

Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 39 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 39 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014 Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 28.05.2015 1 INDICE Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli

Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS

Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS Gruppo ALLIANZ BANK FINANCIAL ADVISORS III PILASTRO Informativa al pubblico al 31 Dicembre 2013 Premessa...3 Tavola 1. Requisito informativo generale...4 Tavola 2. Ambito di applicazione...16 Tavola 3.

Dettagli

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)...

Dettagli

oooo Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO

oooo Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO data di riferimento 31 dicembre 2013 2009 1 oooo Banca Popolare delle Province Calabre

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 Progetto Basilea 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 1 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO

III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO Sommario PREMESSA... 2 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 4 TAVOLA 1bis - SISTEMI DI GOVERNANCE... 24 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE (ART.

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 1 Indice PREMESSA...3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...30 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI E DEGLI ALTRI RISCHI La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico Nicola d Auria TMF Compliance (Italy) 26 giugno 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Informativa al Pubblico Pillar III

Informativa al Pubblico Pillar III 31 dicembre 2013 Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa Sede Legale e Direzione Generale in Arezzo via Calamandrei, 255 Codice Fiscale e numero di Iscrizione nel Registro delle Imprese

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/214 Processo ICAAP BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 9/6/215 INDICE Sommario

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

2008 Pillar III. Informativa al pubblico del Gruppo BPVi. Situazione al 31 dicembre 2008

2008 Pillar III. Informativa al pubblico del Gruppo BPVi. Situazione al 31 dicembre 2008 2008 Pillar III Informativa al pubblico del Gruppo BPVi Situazione al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico Pillar III Società Cooperativa per azioni Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. 31 dicembre 2011 ver. 2.0

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. 31 dicembre 2011 ver. 2.0 BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico 31 dicembre 2011 ver. 2.0 Sommario PREMESSA...4 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...5 RISCHIO DI CREDITO... 7 RISCHIO DI CONTROPARTE... 9 RISCHIO

Dettagli

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 1/75 SOMMARIO 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (ART. 435 CRR)... 4 1.1 INTRODUZIONE... 4 1.2 RISCHIO DI CREDITO E CONTROPARTE...

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2010 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013 Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea Aggiornato al 13/11/2013 1 Il sistema dei controlli adottato da Iccrea Holding Le attività, i processi, l assetto organizzativo, la gestione del rischio,

Dettagli

2013 Pillar 3. Informativa al pubblico del Gruppo Bipiemme. Situazione al 31 dicembre 2013. Banca Popolare di Milano

2013 Pillar 3. Informativa al pubblico del Gruppo Bipiemme. Situazione al 31 dicembre 2013. Banca Popolare di Milano 2013 Pillar 3 Informativa al pubblico del Gruppo Bipiemme Situazione al 31 dicembre 2013 Banca Popolare di Milano Informativa al pubblico Pillar 3 Banca Popolare di Milano Società Cooperativa a r.l. fondata

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli