Sviluppo di un sistema di monitoring dei dati acquisiti dall'esperimento sottomarino NEMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo di un sistema di monitoring dei dati acquisiti dall'esperimento sottomarino NEMO"

Transcript

1 Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Sviluppo di un sistema di monitoring dei dati acquisiti dall'esperimento sottomarino NEMO Relatore: Prof. Maurizio Spurio Tesi di laurea di: Diego Bonfigli Correlatore: Dott. Tommaso Chiarusi II Sessione Anno accademico 2007/2008

2

3 Indice 1 Astrofisica con Neutrini Sorgenti astrofisiche di neutrini Telescopi di neutrini Il telescopio sottomarino NEMO Struttura del rilevatore Il progetto NEMO fase 1 e Il sistema di acquisizione dati per NEMO fase Il sistema di visualizzazione Obiettivi e finalità Panoramica sul software prodotto L'interfaccia di Vis Il menu visualizzazioni Grafici Il menu impostazioni Sviluppo del sistema di visualizzazione Tecnologie utilizzate La libreria Qt Il framework ROOT Il dispatcher ControlHost Architettura di Vis Model View e Controller Preparazione e compilazione del software LoadStat

4 2

5 Introduzione In questa tesi si presenta lo sviluppo di un software per il monitoraggio dei dati acquisiti dall'esperimento NEMO. NEMO (NEutrino Mediterranean Observatory) è un progetto dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare per la definizione delle tecniche necessarie alla costruzione di un telescopio di neutrini delle dimensioni di 1 km3 nelle profondità abissali del Mar Mediterraneo. La rivelazione di neutrini astrofisici estenderà le conoscenze dell'universo in modo complementare all Astronomia tradizionale che si basa sull osservazione del Cosmo tramite la radiazione elettromagnetica. Un esperimento di tale novità si inserisce perciò in un contesto di frontiera della ricerca. Alla fine del 2006, dopo circa otto anni di intensa attività di ricerca e sviluppo, la Collaborazione NEMO ha depositato e messo in opera al largo di Catania, in Sicilia, un prototipo in scala ridotta dell elemento chiave del telescopio, la Torre di fotomoltiplicatori. Entro la metà del 2009, una Torre completa e nella configurazione finale per il km3 sarà posizionata e messa in funzione in un secondo sito abissale al largo di Capo Passero, sempre in Sicilia. La realizzazione del sistema per l acquisizione dei dati (Data AcQuisition, DAQ) di tale Torre è attualmente in corso d opera. Tale sistema di DAQ è assai complesso: presenta a mare un apparato hardware costituito da numerosi fotomoltiplicatori che spedisce a terra un elevato e continuo flusso di dati. Tale flusso dati viene raccolto ed analizzato da una batteria di computer che, grazie ad un apposito software, dovrà selezionare ed elaborare in tempo reale una mole di dati dell'ordine delle decine di TB al giorno. Vis, il software prodotto per questa tesi, si inserisce in questo contesto fornendo uno strumento per la visualizzazione in tempo reale dei dati che caratterizzano l'intero sistema di acquisizione. Possono essere mostrate informazioni riguardanti i dati registrati dal telescopio sottomarino (dati di fisica), o grandezze di controllo che rivelano lo stato delle macchine (dati di performance). Vis si interfaccia all'utente attraverso grafici e tabelle con statistiche di vario tipo. Nel primo capitolo della tesi vengono introdotte le ragioni scientifiche per lo 3

6 studio dei neutrini astrofisici, discutendo la loro origine ed il ruolo chiave che essi hanno nell Astrofisica delle Alte energie. Il secondo capitolo descrive l'esperimento NEMO, la struttura del telescopio sottomarino, le fasi di prototipazione svolte e il sistema di acquisizione dati. Il terzo capitolo espone il software Vis, il suo ruolo all'interno del sistema di DAQ, la sua interfaccia e il suo funzionamento. Nel quarto capitolo è trattata la descrizione completa dello sviluppo di Vis, le tecnologie utilizzare, l'architettura del software e le classi con le quali è composto. Il quinto capitolo presenta LoadStat, un programma che viene eseguito in background sulle macchine del sistema di DAQ, utilizzato per fornire a Vis dati sulle performance di rete dei server sui quali esso è eseguito. 4

7 1 Astrofisica con Neutrini 1 Astrofisica con Neutrini L'Astrofisica con i neutrini rappresenta un campo di ricerca di frontiera per espandere la nostra conoscenza dell'universo, basata attualmente sull'osservazione del Cosmo utilizzando come vettori di informazione la radiazione elettromagnetica (e.m.) ed i Raggi Cosmici (RC). I fotoni (dalle onde radio ai raggi gamma) rappresentano tradizionalmente la sonda più utilizzata in Astronomia. I fotoni conservano generalmente la loro direzione di provenienza, ed è pertanto possibile studiare in modo diretto le sorgenti che li hanno generati. Infatti, essendo elettricamente neutra, la radiazione e.m. non subisce deflessioni da parte dei campi magnetici presenti nello spazio interstellare o intergalattico. Tuttavia, i fotoni di energia E > 100 TeV (raggi gamma) non possono attraversare distanze maggiori di 10 Mpc perché sono assorbiti nell'interazione con la radiazione di fondo dell'universo. Questo preclude il loro uso nello studio di fenomeni altamente energetici che avvengono all'interno di sorgenti astrofisiche compatte a distanze cosmologiche. I Raggi Cosmici sono un flusso costante di particelle di origine extrasolare con uno spettro molto ampio di energia; i RC sono composti per la maggior parte da protoni e nuclei di elio, da una piccola frazione di nuclei pesanti e da elettroni. La loro origine è molto varia: sono sintetizzati nelle stelle ed espulsi da queste tramite il vento solare, in fenomeni energetici come le esplosioni delle supernovae, ed in oggetti remoti come Quasar ed altri Nuclei Galattici Attivi (AGN). Poiché le tipologie e lo stato energetico di tali particelle riflettono le caratteristiche delle loro sorgenti, i RC sono utilizzati per inferire, in modo complementare all Astronomia tradizionale, dati sui processi di base che costituiscono gli oggetti celesti. D'altra parte, i raggi cosmici che giungono sulla Terra, essendo particelle cariche, hanno perso la direzione di partenza a causa dei campi magnetici galattici o extra-galattici che hanno deviato le loro traiettorie, e non puntano più la loro sorgente di origine. Inoltre anche per i RC di altissima energia è previsto un 5

8 1 Astrofisica con Neutrini limite di propagazione simile a quello già discusso per i raggi gamma: tali RC, prodotti solamente nei fenomeni più violenti del cosmo, come gli AGN che si trovano ben lontani dal gruppo locale cui appartiene la nostra Galassia, vengono fermati dalla radiazione di fondo cosmica dopo circa 100 Mpc di cammino. Questo limite, denominato limite GZK dai nomi dei fisici Ginzburg, Zatsepin e Kuzmin che lo hanno teorizzato, definisce l orizzonte dell Universo entro cui possono essere studiati i fenomeni tramite radiazione cosmica di altissima energia [1a]. La necessità di superare tali orizzonti sta alla base dell idea di utilizzare i neutrini come una nuova sonda cosmica. I neutrini sono particelle elementari con una massa estremamente piccola (stimata essere almeno 500 mila volte più piccola di quella dell elettrone). L'uso dei neutrini dell'astrofisica presenta diversi vantaggi. I neutrini non hanno carica elettrica, di conseguenza non sono deflessi da campi elettrici o magnetici presenti ad esempio nei bracci a spirale delle galassie, o nello spazio tra le galassie stesse, e la loro direzione di arrivo sulla Terra punta direttamente la sorgente di provenienza. Una loro ulteriore caratteristica d importanza primaria è data dal fatto che i neutrini interagiscono solo tramite l'interazione debole, al contrario dei fotoni e dei RC ordinari che possono interagire con la materia anche tramite la forza elettromagnetica. Per questo motivo i neutrini possono così attraversare grandi distanze, senza interagire con il mezzo interstellare o intergalattico e senza venirne assorbiti. In sostanza i neutrini astrofisici arrivano indisturbati direttamente dal cuore delle proprie sorgenti, che in alcuni casi possono essere gli oggetti astrofisici più distanti e ancora sconosciuti. 1.1 Sorgenti astrofisiche di neutrini Le sorgenti di neutrini astrofisici possono essere sia galattiche, come le supernovae, i resti di supernovae ed i microquasar, che extragalattiche, come gli AGN ed i Gamma Ray Bursts (GRB). Le supernovae sono esplosioni di stelle causate dalla rottura dell'equilibrio tra forza gravitazionale e la pressione di radiazione dovuta all'energia liberata durante i processi di fusione dell'idrogeno e dell'elio. Durante le fasi che precedono l'esplosione è 6

9 1 Astrofisica con Neutrini prodotto un forte flusso di neutrini con energie di alcuni MeV che potrebbero essere rivelati da rivelatori di neutrini. Quando avviene l'esplosione, i materiali che formano gli strati esterni della stella sono espulsi formando così una struttura nota come Relitto di Supernova (SNR, SuperNova Remnant). I SNR sembrano essere le maggiori sorgenti galattiche di raggi cosmici ad energie al di sotto di 1017 ev e, secondo alcuni modelli potrebbero quindi essere anche sorgenti di neutrini. I microquasar sono sistemi binari costituiti da un oggetto compatto (stella di neutroni o buco nero) e da una stella compagna che trasferisce materia all'oggetto compatto. Essi presentano caratteristiche simili ai quasar come emissioni radio forti e variabili e un disco di accrescimento che circonda l'oggetto compatto. Alcuni microquasar presentano jet relativistici, dove l'interazione tra protoni fortemente accelerati al loro interno e fotoni darebbe luogo a raggi gamma e a neutrini di alta energia. Il centro della nostra Galassia, molto ricco di sorgenti di raggi gamma [1], sembra essere uno dei siti favoriti dove è possibile supporre l esistenza di microquasar e Figura 1: illustrazione artistica di un Microquasar 7

10 1 Astrofisica con Neutrini quindi di neutrini astrofisici. I GRB, sono i fenomeni più violenti dell Universo, in cui viene liberato il maggior flusso di energia. I GRB sono intensi lampi di raggi gamma della durata generalmente di pochi secondi; la loro origine è ancora oggi fonte di discussione: si suppone che essi provengano dall'ultimo stadio di coalescenza di un sistema binario di buchi neri compatti o di un buco nero compatto e di una stella di neutroni con la conseguente formazione di un oggetto di grande massa e alta temperatura. Questo oggetto è detto fireball e, secondo alcuni modelli, prevede la produzione di neutrini. Gli AGN sono oggetti nei quali la produzione energetica avviene a spese di un buco nero supermassivo centrale che si nutre del gas che gli cade dentro dal nucleo della galassia madre o di galassie vicine interagenti. Fanno parte della categoria degli AGN le Galassie di Seyfert, galassie a spirale con un nucleo brillante di apparenza stellare o semistellare, le Radiogalassie, galassie generalmente ellittiche con forte emissione nella banda radio, e Quasar, oggetti astronomici estremamente luminosi che emettono la stessa quantità di radiazione in quasi tutto lo spettro elettromagnetico. Gli AGN hanno ricevuto considerevole attenzione come possibili sorgenti di neutrini ad alta energia perché il loro rilascio di energia elettromagnetica in tutte le lunghezze d'onda Figura 2: illustrazione pittorica di un Gamma Ray Burst 8

11 1 Astrofisica con Neutrini eccede quello di ogni altro oggetto astronomico. 1.2 Telescopi di neutrini Un rivelatore di neutrini astrofisici è pensato per identificare oggetti celesti che sono anche sorgenti di neutrini; per tale ragione viene chiamato telescopio di neutrini. La costruzione di telescopi di neutrini pone diverse sfide. Innanzitutto non è possibile condurre delle misure dirette dei neutrini a causa della loro carica neutra. Tale misura viene effettuata tramite la rivelazione di particelle secondarie generate dai neutrini con la materia. Queste possono essere di vario genere: leptoni o adroni. La particella più facile da rivelare con un telescopio di neutrini è un leptone detto muone, ovvero una particella elementare simile ad un elettrone ma 200 volte più massiva. Rispetto ad altri leptoni, come gli elettroni o i tauoni, o agli adroni stessi, i muoni sono candidati più appetibili in virtù della loro maggiore sopravvivenza nel mezzo di propagazione. Grazie alla loro carica elettromagnetica, del tutto identica a quella di un elettrone, i muoni con una velocità v superiore alla velocità della luce in un mezzo diverso dal vuoto (c/n <v, con c la velocità della luce nel vuoto e n l indice di rifrazione del mezzo) emettono fotoni per un fenomeno detto effetto Cerenkov ( si noti che questo è vero per qualsiasi particella carica). Poiché la radiazione Cerenkov, in un dato mezzo, è emessa sempre ad un certo angolo, non è difficile ricavare delle relazioni geometriche particolari tra la direzione del muone ed i tempi di arrivo dei fotoni Cherenkov raccolti da un apposito apparato sperimentale. Nel caso dei telescopi di neutrini, tale apparato consiste in una enorme griglia di fotomoltiplicatori (Photon MulTiplier, PMT). I PMT sono rivelatori attivi (ovvero alimentati da una data potenza elettrica) che convertono il fotone incidente sulla propria superficie sensibile in un elettrone. Tale elettrone è denominato foto-elettrone. All interno del PMT, il foto-elettrone viene convogliato in un apparato preposto alla generazione di una cascata elettronica che amplifica il segnale elettrico: si passa cioè dal singolo foto-elettrone originato dalla conversione del fotone Cherenkov incidente sulla superficie del PMT, ad un vero e 9

12 1 Astrofisica con Neutrini proprio impulso amplificato di corrente elettrica contenente circa 108 elettroni secondari. Tale impulso elettrico viene campionato da opportuni sistemi elettronici posti alla base dei PMT e viene poi spedito verso il sistema di DAQ del telescopio. La misura indiretta dei neutrini astrofisici consiste quindi nella rivelazione dei fotoni Cherenkov emessi dalle loro particelle secondarie, generalmente muoni, che incidono su una griglia tridimensionale di PMT. Oltre una certa energia (100 GeV) la traiettoria dei muoni è praticamente la continuazione di quella dei neutrini originali, e basta ricostruire la traiettoria di tali muoni per risalire alla direzione di provenienza dei neutrini. Una prima ovvia considerazione è che la trasparenza del in cui si trova il telescopio risulta fondamentale per la propagazione dei fotoni Cherenkov. Inoltre, per quanto già accennato circa la caratteristica dei neutrini di interagire esclusivamente tramite la Forza Debole, per compensare sia la loro scarsa interazione con la materia che gli esigui flussi di neutrini astrofisici di alta energia, è necessario costruire rivelatori di grandi dimensioni. È stato calcolato che il volume ottimale entro cui disporre la griglia di PMT di un telescopio di neutrini non può scendere sotto il km 3 di estensione. Come conseguenza, per la ragione economica di procurarsi ingenti quantità di mezzo trasparente, i telescopi per neutrini sono collocati in siti marini (ANTARES, NESTOR o NEMO), nei laghi (BAIKAL) o nel ghiaccio in Antartide (AMANDA o ICECUBE). A queste considerazioni va aggiunto che l ingente numero dei cosiddetti muoni atmosferici, ovvero i muoni prodotti dall impatto dei RC negli strati dell atmosfera, rappresentano un fondo sovrastante il flusso dei muoni generati dai neutrini astrofisici. Per questo motivo i telescopi di neutrini devono essere collocati nelle profondità dei siti abissali marini o del permafrost dell Antartide. In questo modo è possibile avvalersi di una sufficiente schermatura naturale che riduce significativamente i muoni atmosferici. A questo punto, occorre menzionare che il segnale Cherenkov indotto dai muoni secondari è comunque trascurabile rispetto al bagno di fotoni solari che si avrebbe posizionando il rivelatore a basse profondità. Al passaggio di un muone indotto da neutrino, i PMT colpiti dalla radiazione Cherenkov si devono confrontare con non più di qualche fotone per volta; la luce solare che penetra le prime centinaia di metri sotto il 10

13 1 Astrofisica con Neutrini livello del mare o nel permafrost è invece ordini ed ordini di grandezza più intensa, ed i PMT, calibrati per la rivelazione di pochi fotoni, verrebbero danneggiati irreparabilmente. Ne segue che la scelta di siti estremamente profondi, avvolti dal buio degli abissi, è una condizione essenziale per la misura di fotoni Cherenkov (al di là delle ragioni esposte per ridurre il fondo dei muoni atmosferici). In mare, un ulteriore giustificazione dei siti abissali per i telescopi di neutrini, deriva infine dalla necessità di ridurre il fondo ottico legato al decadimento del K 40 (presente in sali disciolti in acqua) e per annullare l effetto della bioluminescenza di particolari organismi marini. Mentre oltre i 2500 m di profondità non è prevista alcuna bioluminescenza, nel mare non è possibile eliminare totalmente il fondo dei cosiddetti fotoni del 40K. Tuttavia i segnali di tali fotoni sui PMT sono totalmente scorrelati l uno dall altro, e possono essere eliminati ponendo delle condizioni di causalità tra i segnali registrati. Tali condizioni devono essere invece soddisfatte dai segnali generati dai fotoni Cherenkov, essendo questi emessi in successione dal muone nel suo incedere lungo la sua traiettoria. La conversione dei neutrini astrofisici in muoni avviene tanto più frequentemente quanto più è alta la densità del mezzo di propagazione dei neutrini, ovvero quando diventa più probabile un interazione neutrino-materia. Sulla Terra questo accade quando i neutrini si propagano dentro la roccia. Per questo un telescopio di neutrini, posto in mare o in un lago o sotto i ghiacci dell'antartide, ha come principale segnatura di neutrini astrofisici quei muoni che provengono dal basso, ovvero che sono stati prodotti e non assorbiti nella roccia sottostante il rivelatore. Per questo motivo un telescopio di neutrini viene generalmente progettato con i PMT orientati in modo da osservare prevalentemente la zona loro sottostante, divenendo così sufficientemente cieco ai segnali provenienti dall alto. 11

14 1 Astrofisica con Neutrini 12

15 2 Il telescopio sottomarino NEMO 2 Il telescopio sottomarino NEMO NEMO ( NEutrino Mediterranean Observatory) è un programma di ricerca e sviluppo che ha come obiettivo lo studio della tecnologia necessaria per la realizzazione di un telescopio sottomarino delle dimensioni di 1 km3 nel Mar Mediterraneo. Dopo più di venti campagne in mare condotte dalla Collaborazione NEMO fin dal 1998, è stato identificato il sito abissale ottimale: esso si trova a circa 100 km al largo di Portopalo di Capo Passero, in Sicilia, ad una profondità di circa 3500 metri. Tale sito offre caratteristiche eccellenti per accogliere un telescopio di neutrini: le impurità dell acqua come i particolati in sospensione sono assai limitate, tanto da garantire un ridotto assorbimento ed una bassa diffusione della luce Cherenkov (è stata misurata una lunghezza di attenuazione Latt ~ 70 m); gli effetti dei sedimenti o la crescita di biofilm che possono oscurare i moduli ottici che ospitano i PMT hanno effetti trascurabili stimati fino a oltre i 10 anni previsti per la presa dati del telescopio; inoltre, sotto i 2500 m di profondità non è aspettata alcuna bioluminescenza e sul sito prescelto è stato misurato un bassissimo fondo da 40K. Infine il sito scelto è posto non troppo lontano dalla costa della Sicilia dove sono state realizzate apposite infrastrutture scientifiche che Figura 3: rappresentazione artistica del telescopio di neutrini NEMO. 13

16 2 Il telescopio sottomarino NEMO accoglieranno il sistema di DAQ a terra ed il centro di controllo dell esperimento. Un ultima caratteristica non secondaria di tale sito, essendo questo nel Mar Mediterraneo, è rappresentata dalla sua collocazione nell'emisfero Nord terrestre: tenendo conto che un telescopio di neutrini è ottimizzato per la misura dei neutrini dal basso, il sito di NEMO si affaccia in modo privilegiato sul Centro Galattico, posto agli antipodi terrestri, da cui come già accennato, per correlazione alle molte sorgenti di raggi gamma scoperte [1], ci si aspetta un significativo flusso di neutrini astrofisici. La realizzazione di un telescopio di neutrini nel Mediterraneo trova un ulteriore motivazione nella dalla costruzione di un simile strumento che la Collaborazione di ICE-CUBE sta completando in questi anni agli antipodi terrestri, in Antartide. L accoppiamento dei telescopi nei due emisferi terrestri garantirà la totale copertura del cielo. 2.1 Struttura del rilevatore Secondo il progetto sviluppato dalla Collaborazione NEMO, il telescopio è costituito da Torri semirigide (le strutture di supporto per i PMT) ancorate sul fondale marino che si estendono per un'altezza di circa 700 metri grazie a dei galleggianti posti sulla loro sommità. Ogni torre è costituita da 16 piani distanziati gli uni gli altri 40 metri. L'ultimo progetto della torre prevede che ogni piano sia formato da una trave lunga 12 metri con due PMT ad ogni estremità (uno rivolto verso il basso e uno lungo la direzione orizzontale). I 16 piani sono mantenuti in trazione da quattro cavi di sospensione, due per ogni lato, e ognuno è ruotato rispetto ai vicini di 90 lungo l'asse verticale della torre. Questa soluzione assicura un certo grado di rigidità e al contempo limita i movimenti dei fotomoltiplicatori. È altresì possibile conoscere la posizione dei singoli PMT utilizzando triangolazioni di segnali acustici che vengono spediti e raccolti da opportuni apparecchi montati direttamente su ciascun piano e su apposite basi collocate attorno al rivelatore. Su ogni piano, oltre ai sensori ottici, sono poi disposti altri strumenti per la rivelazione dell effettiva posizione dei fotomoltiplicatori, come 14

17 2 Il telescopio sottomarino NEMO Figura 4: rappresentazione schematica del telescopio NEMO: le 81 torri saranno disposte in 9 gruppi ognuno formato da 9 torri e una Junction Box bussole ed inclinometri. L'intero telescopio è una griglia di 9 x 9 Torri spaziate l'un l'altra 140 metri; la griglia è suddivisa in nove Moduli, ognuno costituito da 3 x 3 Torri collegate ad una Junction Box di modulo, ovvero una struttura che fornisce al Modulo la necessaria potenza elettrica e distribuisce le linee di collegamento su fibra ottica per la trasmissione dei dati. Infine, una Junction Box primaria funge da raccordo tra i vari Moduli e convoglia su un cavo elettro-ottico di lunghezza pari a 100 km tutte le linee elettriche di potenza ed in fibra per la comunicazione dei dati da e verso terra. 2.2 Il progetto NEMO fase 1 e 2 La realizzazione di un apparato così complesso deve necessariamente passare attraverso fasi intermedie. Dopo lo studio di fattibilità e la localizzazione del sito, la collaborazione NEMO ha realizzato un prototipo su cui montare la maggior parte degli elementi critici previsti. Il progetto chiamato NEMO Fase-1 [2] ha permesso la prima validazione delle 15

18 2 Il telescopio sottomarino NEMO simulazioni e delle soluzioni tecnologiche proposte. Nel dicembre del 2006, una Junction Box e una versione ridotta di Torre, chiamata Minitorre, sono state depositate presso il sito sottomarino di test dei Laboratori Nazionali del Sud di Catania, ad una profondità di 2000 metri, e collegate attraverso un cavo elettro-ottico di 28 chilometri alla stazione di terra. La Minitorre è stata equipaggiata con sedici PMT posti su quattro piani. L acquisizione della Minitorre è continuata fino a tutto maggio La Fase-1 ha fornito un test fondamentale per le tecnologie proposte per la realizzazione del rivelatore; con la fase successiva, NEMO Fase-2, esse saranno finalmente validate alla profondità prevista per il rivelatore km3. La Fase-2 prevede l'installazione di una Torre intera di 16 piani, a 3500 metri di profondità sul sito designato di Capo Passero. La Torre è attualmente in costruzione e sarà installata e resa operativa nel Nel frattempo, la stazione di terra, situata nell'area portuale di Portopalo di Capo Passero, sarà completata entro la fine del Nel giugno del 2007 è stato depositato il cavo elettro-ottico che collega le profondità marine e la stazione di terra. Sia il cavo che il design della torre sono stati modificati leggermente in accordo con le esperienze ottenute dalla Fase Il sistema di acquisizione dati per NEMO fase-2 NEMO fase-2 presenta un complesso sistema di acquisizione dati (DAQ, dall'inglese Data AcQuisition) [ATN] nel quale i dati vengono raccolti dalla torre completa di 16 piani, trasportati verso la stazione di terra ed elaborati in modo da ottenere informazioni sugli eventi intercettati dal telescopio. I dati vengono raccolti dai fotomoltiplicatori e trasmessi alla stazione groundbased tramite cavi a fibre ottiche. Delle schede particolari, chiamate Floor Control Modul (FCM), sono poste nel centro di controllo nel porto e gestiscono la comunicazione con la torre sottomarina. Ogni FCM riceve i dati relativi a tutti i PMT di 16

19 2 Il telescopio sottomarino NEMO un unico piano e si interfaccia via ethernet con il sistema di Trigger. Il sistema di Trigger si occupa di raffinare e selezionare i dati rilevati. Una stima cautelativa indica che il flusso dei dati che giunge da una torre è pari a 256 MBps, in un giorno quindi vengono inviati verso la stazione oltre 20 TB. Immagazzinare tutta questa mole di dati sarebbe un problema non banale, visto anche in ottica del completamento delle 45 torri previste per il telescopio finale; è da notare però che i dati interessanti, cioè quelli che contengono informazioni su eventi, sono soltanto una piccola percentuale. Lo scopo del Trigger è proprio quello di selezionare questi dati. Il sistema di Trigger è composto da varie unità server, ognuna con un compito ben preciso, che lavorano sinergicamente per ridurre la quantità di dati del 99-99,5%, in modo da avere un accumulo giornaliero non superiore ai 100 GB. Di seguito vengono illustrati gli elementi che compongono il Trigger e il percorso che i dati grezzi seguono all'interno di esso. La torre è suddivisa in settori composti da quattro piani, poiché una scheda FCM si occupa di un solo piano, un settore fa riferimento a quattro FCM. Ogni gruppo di schede è collegato tramite un GigaBit Switch a un Hit Manager. Gli Hit Manager (HM) sono server che bufferizzano i dati ricevuti dalle schede FCM alle quali sono connessi e svolgono la scansione dei raw data per la compilazione delle strutture dati (Hit) dove saranno organizzati. Essi raggruppano i dati grezzi provenienti dai PMT di un settore per intervalli temporali denominati Time Slices (TS), l'insieme degli Hit di un settore della torre racchiuso entro una TS viene denominato Sector Time Slices (STS). Un HM quindi ha il compito di creare sequenze ordinate temporalmente di STS. Gli HM quindi inviano queste STS alle Master CPU (MCPU) attraverso un Gigabit Switch. Le MCPU hanno il compito di selezionare STS che contengono eventi attraverso degli algoritmi definiti per l'occasione. Non c'è una corrispondenza uno ad uno tra macchine MCPU e HM, è definito quindi un protocollo per la gestione della comunicazione tra i due elementi del sistema, chiamato Barrell Shift Paradigm, che consiste della rotazione delle macchine MCPU alle quali gli HM inviano le proprie STS. Quando una MCPU riconosce in una STS un evento, i dati corrispondenti ad esso vengono impacchettati e 17

20 2 Il telescopio sottomarino NEMO spediti all'event Manager. L'Event Manager (EM) raccoglie i dati selezionati dalle MCPU. Il primo compito dell'em è quello di riordinare temporalmente gli eventi che via via gli arrivano, le MCPU infatti operano su Time Slice diverse in modo asincrono. Una volta riordinati, i dati vengono inviati attraverso un socket TCP/IP a un sistema di storage che li memorizza permanentemente. A supervisionare tutta la catena di trattamento dei dati è posto il Trigger System Controller (TSC): esso controlla e configura il Sistema di Trigger, è responsabile della gestione dei problemi che potrebbero avere i vari server ed è il punto di contatto tra il Figura 5: schema delle macchine usate dal sistema di acquisizione dati: ogni scheda FCM (Floor Control Module) è collegata attraverso un GigaBit Switch ad un Hit Manager, ogni Hit Manager bufferizza e formatta i dati delle schede FCM al quale è collegato, questi dati poi vengono passati alle Master CPU che li seleziona secondo degli algoritmi di Trigger, l'event manager li raccoglie, li ordina e li fa memorizza permanentemente in una macchina Storage. Trigger System Controller è responsabile del controllo e della configurazione del sistema di Trigger ed è l'unico punto di accesso al sistema per il Run Control, la console, l'interfaccia sulla quale gli utenti operano. 18

21 2 Il telescopio sottomarino NEMO sistema di Trigger e la Console (l'interfaccia sula quale gli utenti operano) per la gestione dell'acquisizione dell'esperimento. L'intero sistema può essere controllato attraverso il monitoraggio di alcuni parametri particolarmente indicativi di ogni fase del trattamento dei dati acquisiti. Un esempio di questi dati può essere l'hit rate, cioè la quantità di dati raccolti in un intervallo di tempo dagli Hit Manager, il trigger rate, la quantità di eventi giudicati interessanti dalle MCPU, l'event rate, il numero di eventi riordinati dall'event Manager, e tutte le misure riguardanti lo stato di salute di ogni server, come lo stato delle connessioni di rete, la percentuale di uso dei processori ed altri parametri significativi. A tale scopo è prevista un server dedicato, il PCMonitor, collegato al sistema di Trigger tramite un dispatcher, in modo da raccogliere informazioni e redistribuirle a dei programmi di visualizzazione. Un programma di visualizzazione è Vis, un software progettato come lavoro per questa tesi, che sarà descritto nel dettaglio nel capitolo successivo. Figura 6: schema degli elementi del sistema di Trigger per il monitoraggio dei parametri di interesse (nella figura sono indicati hit rate, trigger rate e event rate): è previsto che un server dedicato, PCMonitor, sia collegato al sistema tramite un dispatcher in modo che dei programmi specifici possano raccogliere e visualizzare i dati inviati dal sistema di DAQ. 19

22 2 Il telescopio sottomarino NEMO 20

23 3 Il sistema di visualizzazione 3 Il sistema di visualizzazione 3.1 Obiettivi e finalità Come è stato mostrato nei capitoli precedenti, l'esperimento NEMO utilizza un complesso sistema hardware/software per l'acquisizione dati che va dalla conversione analogico/digitale dei segnali sui fotomoltiplicatori alla selezione degli eventi di interesse, dal trasporto delle informazioni attraverso una rete GigaBit Ethernet alla memorizzazione permanente dei dati in Data Base. Questa complessità porta alla necessità di uno strumento con la duplice funzione di visualizzazione in tempo reale dei dati fisici acquisiti e di monitoraggio del sistema stesso. Il software sviluppato si occupa di mostrare in un modo immediatamente leggibile ed aggiornato in tempo reale lo stato dei dati ottenuti dalla DAQ dell esperimento e reputati di interesse sensibile attraverso dei grafici di diverso tipo. 3.2 Panoramica sul software prodotto L'applicazione principale sviluppata in questo lavoro di tesi è il programma di visualizzazione denominato Vis. Esso si occupa sia della visualizzazione di dati che chiameremo di fisica, ovvero tutte quelle informazioni che saranno fornite dal sistema di acquisizione dell'esperimento NEMO, sia dei dati sulle performance dei server che fanno parte del sistema di Trigger. Per quest'ultimo compito sono state prodotte delle ulteriori applicazioni, eseguite come daemon1 sulle macchine che devono essere monitorate, il cui compito consiste nel fornire al visualizzatore i dati relativi allo stato dei singoli server. In base alle necessità sollevate dallo sviluppo del sistema di acquisizione che andava svolgendosi contestualmente a questo lavoro di tesi, è stato conveniente iniziare lo sviluppo del software concentrandosi sul monitoraggio del traffico di rete delle 1 Processi eseguiti in background piuttosto che sotto il diretto controllo dell'utente 21

24 3 Il sistema di visualizzazione macchine coinvolte nella DAQ. Per la trattazione dettagliata dei daemon si veda più avanti al cap. 5. Il sistema di visualizzazione comprende quindi processi daemon e dall'applicazione Vis. I daemon raccolgono i dati da monitorare e li inviano attraverso la rete al visualizzatore Vis, un'applicazione grafica desktop che mostra all'utente questi flussi di dati; più istanze di Vis possono essere presenti contemporaneamente in esecuzione sulla stessa macchina. Vis non deve necessariamente risiedere nelle stesse macchine dove i dati da visualizzare sono raccolti ma può essere installato su qualsiasi computer dotato di accesso alla rete. Questa separazione tra processi di visualizzazione e processi daemon è conveniente per svariate ragioni: consente di mantenere logicamente divisi i compiti dei vari sistemi dell'esperimento NEMO e di non mischiare competenze diverse (acquisizione, analisi e graficazione dei dati); permette di evitare l'aggiunta di sistemi software sulla struttura di DAQ, come ad esempio l'x Window System per avere un'interfaccia grafica, VNC, per l'accesso remoto ai desktop, ROOT, per l'analisi e la raffigurazione dei dati; offre il vantaggio di poter avere una visione completa di informazioni provenienti da diverse macchine su un unico programma (Vis) facilitando il controllo e il confronto delle informazioni stesse da parte dell'utente. Il sistema di visualizzazione non è basato sulla classica architettura client-server: i processi daemon e le istanze di Vis infatti non comunicano direttamente tra di loro ma si affidano ad un terzo componente, il dispatcher. Il dispatcher è un processo server che può essere posto a sua volta in una macchina qualsiasi e si occupa di veicolare dati tra i processi che fanno parte del sistema. L'applicazione lavora in questo modo: i daemon presenti nel sistema di DAQ inviano continuamente i dati raccolti verso il dispatcher indipendentemente dal numero di client di visualizzazione presenti, d'altra parte le istanze dell'applicazione Vis ricevono tutti questi dati dall'unica macchina dove il 22

25 3 Il sistema di visualizzazione dispatcher è in esecuzione. Entrambi gli estremi della comunicazione traggono profitto da questo terzo componente: i processi daemon non si devono più interessare di problemi quali la duplicazione dei dati e la loro spedizione verso diversi client, i processi di visualizzazione ricevono questi dati senza la necessità di gestire complicazioni legate ad esempio a disconnessioni momentanee da parte dei server raccoglitori di dati. Il dispatcher sarà descritto in maniera più dettagliata nel capitolo successivo. 3.3 L'interfaccia di Vis Vis è un programma dotato di un'interfaccia utente grafica per renderne semplice la configurazione e la fruizione, sviluppato per l'uso in sistemi Unix, sui quali il software della DAQ dell'esperimento NEMO è basato. Lo scopo dell'applicazione è il monitoring dei dati ricevuti dai vari processi daemon tramite uno o più dispatcher, questo obiettivo è raggiunto attraverso una serie di funzionalità che Vis offre: quadri riassuntivi della situazione attuale delle connessioni, grafici di vario tipo sulle informazioni raccolte e allarmi che vengono generati sotto certe condizioni. In Vis un flusso di dati che proviene da un daemon viene chiamato connessione. Ogni connessione viene identificata con un nome univoco (Tag) ed ha associato un gruppo, cioè un'etichetta che viene usata per ordinare connessioni diverse ma che per una certa ragione sono correlate tra loro, ad esempio provengono dalla stessa macchina o le informazioni che trasportano sono dello stesso tipo. La finestra principale di Vis è suddivisa in due menu: un menu, detto Visualizzazioni, si occupa della rappresentazione dei dati ricevuti, un altro menu, detto Impostazioni, permette di modificare o scegliere nel dettaglio le informazioni che si vogliono ricevere e il comportamento dell'applicazione stessa. Le due parti sono poste in schede (tab) differenti. I tab Visualizzazioni e Impostazioni sono entrambi organizzati secondo uno schema comune. Nella parte superiore dei menu è presente una tabella riassuntiva che mostra informazioni riguardanti le connessioni: in ogni riga è 23

26 3 Il sistema di visualizzazione presente il nome con cui una connessione viene identificata, il gruppo a cui appartiene, l'indirizzo ip della macchina del dispatcher utilizzato, una breve descrizione della connessione ed altre informazioni significative. Queste righe possono essere ordinate alfabeticamente secondo le informazioni visualizzate nelle colonne della tabella. Nella parte inferiore invece è presente un pannello che consente di eseguire operazioni sulle connessioni. Quando si vogliono eseguire azioni, sia la tabella riassuntiva che il pannello inferiore sono coinvolti: l'utente decide su quali connessioni vuole operare selezionando una o più righe dalla tabella, successivamente conclude l'operazione inserendo dati e premendo pulsanti nel pannello. Esiste anche la possibilità da parte dell'utente di utilizzare dei menu a tendina per selezionare velocemente gruppi di connessioni evitando di individuare queste nella tabella riga per riga Il menu visualizzazioni Visualizzazioni, come si è detto, è un menu che si occupa della visualizzazione delle informazioni. La tabella riassuntiva posta in alto mostra la situazione attuale di ogni connessione: il nome (tag), l'indirizzo del dispatcher (dispatcher), il gruppo alla quale la connessione appartiene, lo stato per quanto riguarda la rete (se è connessa, disconnessa o i dati per qualche motivo non stanno arrivando), lo stato dell'allarme (un aspetto che sarà chiarito tra poco), informazioni riguardanti i dati arrivati come valore dell'ultimo dato (valore istantaneo), media in una finestra temporale e media da quando la connessione è stata avviata (media dall'inizio) e una breve descrizione della connessione stessa. Il pannello in basso e diviso per le funzionalità offerte. Grafici Temporali consente di creare finestre dove vengono visualizzati grafici dei dati arrivati dalle connessioni che si decidono di controllare. L'utente deve selezionare nella tabella riassuntiva le connessioni alle quali si è interessati oppure scegliere nel menu a tendina un gruppo, dichiarare in apposite aree di testo in quante righe e colonne deve essere divisa la finestra e premere il pulsante mostra, apparirà in questo modo una finestra suddivisa in quadranti con il grafico di una connessione per ogni quadrante. Nel 24

27 3 Il sistema di visualizzazione Figura 7: menu visualizzazioni : il menu presenta una tabella riassuntiva che mostra informazioni su tutte le connessioni monitorate e un pannello dei comandi usato per eseguire operazioni su queste connessioni, come la visualizzazione di grafici di varia natura e l'attivazione o disattivazione degli allarmi. menu a tendina è presente anche la possibilità di creare una finestra senza grafici, questa opzione è utile se si vogliono inserire grafici in un momento successivo. Un'altra funzionalità offerta infatti è Aggiunta grafici temporali:essa viene usata se si vuole aggiungere un grafico in una finestra già costruita. Ogni finestra è identificata con un numero posto nella barra del titolo, le divisioni al loro interno sono anch'esse numerate da sinistra a destra e dall'alto in basso, quando si vuole aggiungere una serie di grafici si selezionano le connessioni allo stesso modo del menu Grafici Temporali, si inseriscono in menu a tendina questi valori e schiacciando il pulsante inserisci queste connessioni vengono visualizzate. Non è necessario che la porzione di finestra scelta sia vuota, i grafici infatti possono essere sovrapposti. Il terzo menu è chiamato Grafici sinottici. Esso permette di creare una finestra con degli istogrammi che graficano le medie dei dati arrivati nelle connessioni mostrando un quadro generale della situazione. Allarmi attiva e disattiva un allarme relativo ai dati per una connessione: esso permette di avvisare l'utente quando per una certo periodo di tempo la media dei valori arrivati in 25

28 3 Il sistema di visualizzazione un flusso di dati è inferiore a una certa soglia. Quando ciò accade viene mostrata una finestra pop-up con data, ora e nome della connessione che ha fatto scattare l'allarme. Nel menu Allarmi si può decidere soltanto se attivare o disattivare la notifica di eventi di questo tipo, i parametri relativi a tempi e soglie invece devono essere stabiliti nel menu Impostazioni. L'ultimo settore nel pannello Visualizzazioni è denominato Azzera dati: esso è usato per azzerare le informazioni ricevute da un flusso di dati. Questa è un'opzione utile quando si decidono di iniziare nuovi test sul sistema di DAQ e non si vole che i dati ricevuti precedentemente dai daemon influiscano sulla visualizzazione dei nuovi dati. Esistono due tipi di azzeramento: azzera media che si limita a eliminare i dati arrivati nella finestra temporale usata per la visualizzazione dei grafici, e azzera media dall'inizio, che invece cancella tutte le informazioni raccolte da quando la connessione è stata stabilita Grafici I grafici che possono essere mostrati sono di due tipi: temporali, cioè che mostrano tutti i dati arrivati in un certo intervallo di tempo, e sinottici, che raggruppano in un istogramma i valori medi delle connessioni che sono legate dalla sessa unità di misura. I grafici temporali sono grafici a linee dove per ogni flusso di dati nell'asse delle ordinate vengono posti i valori e nell'asse delle ascisse il momento nel quale essi sono stati inviati da un daemon. La finestra temporale, cioè l'estensione dell'intervallo di tempo mostrato nelle ascisse, è selezionabile dall'utente nel menu Impostazioni. In basso a destra viene stampato per comodità il valore dell'ultimo dato ricevuto. In ogni grafico viene disegnata anche una linea rossa, detta di segnalazione, usata per poter comparare agevolmente i dati con un valore stabilito dall'utente. Più flussi di dati possono essere visualizzati in uno stesso grafico, se ciò accade le linee di ogni connessione vengono colorate di colori differenti e vengono riconosciute attraverso una 26

29 3 Il sistema di visualizzazione Figura 8: esempio di finestra per grafici temporali: la finestra può essere divisa in settori, ogni settore può visualizzare grafici per più connessioni; per ogni grafico nell'asse delle ordinate vengono posti i valori ricevuti per una connessione e nell'asse delle ascisse il momento nel quale essi sono stati inviati. il pannello in basso contiene bottoni usati per cambiare la scala dei grafici, azzerare i dati ricevuti e salvare sul file un'immagine dei grafici disegnati nel frame della finestra. legenda posta un alto a destra, inoltre viene disegnata soltanto una linea di segnalazione, quella associata alla prima connessione nella legenda. I grafici sinottici sono istogrammi che indicano per ogni connessione selezionata la media dei dati ricevuti in una finestra temporale (colore nero) e la media di tutti i valori ricevuti da quando le connessioni sono state avviate (colore rosso). Al di sotto di ogni barra dell'istogramma viene riportato il valore e il nome relativo alla connessione monitorata. Entrambe le tipologie di grafici vengono disegnati in finestre separate dal menu principale. Queste finestre hanno un'interfaccia comune: la maggior parte dello spazio è riservata ad un frame dove i grafici vengono effettivamente tracciati, esiste poi un pannello sottile posto in fondo alle finestre con il quale è possibile eseguire delle operazioni sui grafici stessi. Una di queste operazioni è il cambiamento della scala dei 27

30 3 Il sistema di visualizzazione grafici lungo le ordinate: attraverso due aree di testo è possibile selezionare il limite inferiore e superiore dell'asse delle ordinate e con un apposito pulsante si può impostare il tipo di scala, lineare o logaritimica. La scala logaritmica risulta utile quando i dati coprono un largo intervallo di valori ma, quando viene utilizzata, non possono venire visualizzate misure negative, in questo caso se il limite inferiore dell'asse delle ordinate è inferiore o uguale a zero esso viene riportato automaticamente al più basso valore positivo distinguibile, Ogni cambiamento introdotto da questi controlli viene immediatamente riportato nei grafici senza bisogno di altri bottoni per date conferme. Un'altra funzionalità offerta dal pannello è l'azzeramento dei dati nella finestra temporale per tutte le connessioni visualizzate, una caratteristica posta per comodità nella finestra ma del tutto identica a quella presente nel menu Visualizzazioni. L'ultimo Figura 9: esempio di finestra per grafici sinottici: il frame principale mostra un istogramma che indica per ogni connessione la media dei dati ricevuti in una certa finestra temporale (colore nero) e la media di tutti i valori ricevuti da quando le connessioni sono state avviate (colore rosso). Al di sotto di ogni barra dell'istogramma viene riportato il valore e il nome relativo alla connessione monitorata. Il pannello in basso, simile alla finestra per i grafici temporali, contiene bottoni usati per cambiare la scala dei grafici, azzerare i dati ricevuti e salvare sul file un'immagine dei grafici disegnati nel frame della finestra. 28

31 3 Il sistema di visualizzazione bottone del pannello è usato per salvare su un file l'immagine dei grafici disegnati nel frame della finestra. Quando il bottone viene premuto appare un menu dove viene scelto il nome del file nel quale si vuole salvare l'immagine, la sua estensione determina il formato che può essere binario (jpg, gif, png, ps) o testuale (root, xml, C) Il menu impostazioni Il menu Impostazioni si occupa della configurazione dei parametri generali del programma e delle connessioni da controllare. La tabella riassuntiva mostra tutti parametri per ogni connessione: il nome (tag), l'indirizzo del dispatcher (dispatcher), il gruppo, l'unità di misura dei dati, la finestra temporale sulla quale calcolare le medie e mostrare i grafici ( Δt grafici), informazioni per quanto riguarda gli allarmi come finestra temporale sulla quale calcolare la media Figura 10: menu impostazioni : il menu presenta una tabella riassuntiva che mostra informazioni complete su tutte le connessioni monitorate e un pannello dei comandi usato per eseguire operazioni su queste connessioni, come l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuove connessioni. Il pannello è usato anche per configurare aspetti generali dell'applicazione, come la password per accedere a questo menu e delle opzioni per salvare o caricare file di configurazione. 29

32 3 Il sistema di visualizzazione (Δt allarme), soglia sotto la quale scatta l'allarme (soglia allarme) e se l'allarme deve essere attivo all'avvio del programma (allarme all'inizio), l'altezza della linea di segnalazione da visualizzare nei grafici temporali per questa connessione e una breve descrizione della connessione. Il pannello in basso è diviso in due schede: Connessioni, per gestire aspetti riguardanti i flussi di dati da visualizzare, e Impostazioni Generali, per modificare le configurazioni globali del programma. Il menu Connessioni a sua volta è diviso in diverse schede con nomi autoesplicativi: inserimento nuova connessione permette di specificare e aggiungere un nuovo flusso di dati da monitorare, rimozione connessioni è usata quando non si vuole più ricevere informazioni per un certo tipo di misurazione, modifica connessioni e allarmi sono utilizzate rispettivamente per impostare ogni aspetto delle connessione e le condizioni per le quali un avviso viene notificato all'utente. Il menu Impostazioni generali è suddiviso anch'esso in schede secondarie. Avviso di ritardo è una scheda utile per specificare se una finestra pop-up deve essere visualizzata quando una connessione non riceve dati per un certo periodo di tempo, anch'esso impostabile in questa scheda. La tab Password è utilizzata per definire una parola chiave usata per accedere al menu Impostazioni generali: esso infatti può essere protetto con una password. Quando il menu è bloccato tutti i suoi controlli appaiono opachi e non possono essere cliccati, soltanto un bottone in basso a destra può essere usato per inserire la parola chiave e liberare il menu. Questa funzionalità è utile per impedire agli utenti non autorizzati di modificare le configurazioni preimpostate. L'ultima scheda è salva/carica impostazioni, uno dei menu più utili, attraverso esso ogni aspetto della configurazione impostato durante l'esecuzione può essere salvato in un file: i parametri per ogni connessione, gli allarmi, le finestre per la visualizzazione dei grafici e la loro posizione, le impostazioni generali. Il file è scritto nel formato.ini, un tipo di file testuale strutturato in modo da rendere facili il salvataggio e il recupero delle informazioni salvate. Attraverso lo stesso menu poi è possibile caricare queste impostazioni evitando ad ogni avvio una lunga fase di configurazione del 30

33 3 Il sistema di visualizzazione programma. Vis può essere aperto con diversi parametri passati da riga di comando: -f nomefile carica tutte le impostazioni da un file di configurazione; -i numero-connessioni lista-di-nomi apre il programma con le connessioni specificate già impostate con alcuni valori di default, si possono modificare questi valori aggiungendo altri parametri a riga di comando come -a che consente di specificare l'indirizzo del dispatcher, -s per precisare la finestra temporale per i grafici, -u per determinare l'unità di misura per i dati in arrivo; -h stampa un breve messaggio di aiuto. Se non vengono passati parametri a riga di comando Vis si avvia senza connessioni configurate, esse possono comunque essere aggiunte dal menu Impostazioni in un secondo momento 31

34 3 Il sistema di visualizzazione. 32

35 4 Sviluppo del sistema di visualizzazione 4 Sviluppo del sistema di visualizzazione 4.1 Tecnologie utilizzate Vis è stato realizzato in C++ [3] [4]. Il C++ è un linguaggio di programmazione largamente usato nell'industria. È stato realizzato negli anni '80 da Bjarne Stroustrup come miglioramento del C: ad esso sono state aggiunti il supporto alla programmazione ad oggetti, la gestione delle eccezioni, l'overloading degli operatori, la programmazione generica ed altre caratteristiche che lo rendono adatto allo sviluppo di applicazioni software su larga scala. Il linguaggio C++ è molto versatile e presenta elementi sia di alto livello, cioè fornisce strumenti per astrarre dai dettagli della macchina, che di basso livello, ovvero mettono a disposizione dei costrutti considerati vicini all'hardware come la manipolazione diretta di indirizzi di memoria attraverso i puntatori e la possibilità di scrivere segmenti di codice assembly all'interno di codice C++. È anche uno tra i linguaggi più veloci in circolazione [5]. Tutte queste caratteristiche lo hanno reso adatto per la costruzione di un gran numero di applicazioni anche molto differenti tra loro che vanno dai database agli applicativi per l'ufficio, dai kernel di sistemi operativi ai videogiochi, dai server web ai compilatori. Il C++ non implementa alcune funzionalità come il supporto al multithreading, la programmazione di rete e lo sviluppo di interfacce grafiche che però sono fornite da molte librerie disponibili per questo linguaggio. Di seguito vengono descritte le librerie impiegate per Vis La libreria Qt Per l'interfaccia grafica sono state utilizzate le librerie Qt. Qt è un framework open source largamente usato per lo sviluppo di programmi con GUI (Graphical User Interface) realizzato dall'azienda norvegese Trolltech [6]. Qt è 33

36 4 Sviluppo del sistema di visualizzazione soprattutto utilizzato nell'ambiente desktop KDE per sistemi Unix ma, essendo multipiattaforma, può essere impiegato anche in Windows, Mac e nei sistemi embedded (PDA, smartphone) tramite Qtopia. Qt non è usato soltanto per la costruzione di interfacce grafiche ma anche per lo sviluppo di applicazioni console e server grazie ad una serie di API (Application Programming Interface) di generica utilità e non strettamente legate all'interazione con l'utente come contenitori, astrazione per la concorrenza, programmazione di rete, accesso a database SQL e supporto al formato XML. Vis si affida a queste API per quanto riguarda i contenitori quali hash table e liste e i costrutti per la concorrenza perché offrono un approccio più pulito rispetto alla libreria standard STL e ai PThreads (POSIX Threads). PThreads è uno standard per la programmazione concorrente nei sistemi POSIX come i cloni UNIX Linux e BSD e definisce una serie di tipi e funzioni per il linguaggio C. Il C++ supporta questo standard ma non in modo ottimale: essendo basato sul C, PThreads non può sfruttare le funzionalità ad alto livello del C++ come i costrutti per la programmazione ad oggetti quindi il suo uso non risulta naturale. D'altra parte, QThread, la parte di Qt dedicata alla programmazione concorrente, è un API moderna e portabile che si integra bene con gli altri meccanismi di Qt. Il framework Qt non fornisce soltanto delle librerie ma, attraverso il Meta-Object System [7] estende il linguaggio C++ e lo munisce di alcune caratteristiche interessanti come il sistema Signal/Slot, introspezione e chiamate asincrone a funzioni. Il Meta-Object System è basato su tre elementi: una classe chiamata QObject, la classe base per gli oggetti che vogliono beneficiare del Meta-Object System, una macro chiamata Q_OBJECT da porre all'interno della sezione privata della dichiarazione di una classe che vuole avvalersi di questa caratteristica, e il MOC (Meta-Objetc Compiler), uno strumento che legge un file sorgente C++ e, quando trova dichiarazioni di classe che contengono la macro Q_OBJECT, produce un altro file sorgente C++ che poi sarà il codice effettivamente compilato. Grazie al precompilatore MOC quindi la sintassi del C++ può essere modificata e adattata alle esigenze di Qt. La miglioria più interessante apportata dal Meta-Object System è il sistema Signal/Slot. 34

37 4 Sviluppo del sistema di visualizzazione Figura 11: schema rappresentativo del sistema Signal/Slot: attraverso la funzione connect() dei metodi di un oggetto possono essere associati a dei segnali di un altro oggetto. Quando un segnale è emesso tutti i metodi slot registrati vengono eseguiti. Esso è usato per la comunicazione tra oggetti. Un Signal è un segnale che può essere emesso da un oggetto quando raggiunge uno stato particolare o avvengono determinati eventi. Uno slot è una funzione che viene chiamata in risposta a questi eventi. Il meccanismo funziona in questo modo: gli oggetti che sono interessati ad un certo tipo di evento devono dichiarare uno slot attraverso il metodo connect() fornito da Qt; quando un oggetto emette un segnale (con una sintassi simile a quella di una chiama a funzione: emit nomesegnale(parametri) ) tutti gli oggetti che si erano registrati precedentemente recepiscono la notifica chiamando lo slot specificato con gli stessi parametri del segnale appena emesso. Tale sistema è particolarmente conveniente in un interfaccia grafica quando a determinate azioni dell'utente si vuole rispondere con determinate azioni da parte del programma. Questo meccanismo è completamente type safe, cioè la segnatura del segnale deve corrispondere necessariamente alla segnatura dello slot associato. È un'alternativa alla tecnica delle callback, che consiste nel passare ai generatori di eventi un puntatore alla funzione (chiamata appunto callback) che si vuole sia richiamata 35

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000.

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000. Introduzione La fondazione di un'astronomia dei neutrini cosmici di alta energia costituisce oggi una delle frontiere della ricerca in Astrofisica. Dopo i successi dell'astronomia dei gamma ottenuti con

Dettagli

Proprietà ottiche ed oceanografiche di un sito abissale rilevanti per un telescopio a neutrini

Proprietà ottiche ed oceanografiche di un sito abissale rilevanti per un telescopio a neutrini Capitolo 2 Proprietà ottiche ed oceanografiche di un sito abissale rilevanti per un telescopio a neutrini Come si è già detto, la collaborazione NEMO sta realizzando un telescopio sottomarino per la rivelazione

Dettagli

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point 1 Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point Pasquale Cautela pasquale.cautela@studio.unibo.it Marco Peca marco.peca@studio.unibo.it Rosario Salpietro rosario.salpietro@studio.unibo.it

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

studio AAE Studi/ Prodotti hardware Ricerca

studio AAE Studi/ Prodotti hardware Ricerca ASTROFISICA DELLE SORGENTI GALATTICHE FORMAZIONE ED EVOLUZIONE STELLARE SISTEMI BINARI CON SORGENTI COMPATTE SUPERNOVAE E SUPERNOAE REMNANTS MIGLIORAMENTO DELLA COMPRENSIONE DEI FENOMENI E DEI MODELLI

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen Prerequisiti Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen L opzione Touch è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro; per sfruttarne al meglio

Dettagli

Emissione X da sistemi binari

Emissione X da sistemi binari Emissione X da sistemi binari Le binarie X sono sistemi in cui un oggetto compatto (una nana bianca, una stella di neutroni o un buco nero) cattura materia proveniente da una stella compagna in un orbita

Dettagli

MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA

MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA Scopo dell esperienza Misura mediante calorimetro (lead glass) a luce Čerenkov del flusso di muoni cosmici Studenti: Balata Claudio

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation.

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Cover Page The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Author: Bogazzi, Claudio Title: Search for cosmic neutrinos with ANTARES Issue Date: 2014-05-15

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17 Manuale utente 1. Introduzione ad Archivierete... 3 1.1. Il salvataggio dei dati... 3 1.2. Come funziona Archivierete... 3 1.3. Primo salvataggio e salvataggi successivi... 5 1.4. Versioni dei salvataggi...

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

UPS... 1. 2 2. 3 2.1. 4 2.2. RS : 5 3. UPS

UPS... 1. 2 2. 3 2.1. 4 2.2. RS : 5 3. UPS Sommario 1. Che cosa è UPS Communicator?... 2 2. Installazione di UPS Communicator... 3 2.1. Server UPS... 4 2.2. RS System : Remote Shell System... 5 3. UPS Diag Monitor... 6 3.1. Connessione e disconnessione

Dettagli

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo"

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche disturbo Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo" esterno, si iniziano a formare dei "grumi" più densi che

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Lavori di manutenzione straordinaria degli impianti di sicurezza dell'esperimento LUNA2 e dei Laboratori sotterranei dei LNGS - CIG 0688197E1D

Lavori di manutenzione straordinaria degli impianti di sicurezza dell'esperimento LUNA2 e dei Laboratori sotterranei dei LNGS - CIG 0688197E1D Committente: Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - LNGS S.S. 17 bis km 18+910 Assergi (AQ) Lavori di manutenzione straordinaria degli impianti di sicurezza dell'esperimento LUNA2 e dei Laboratori sotterranei

Dettagli

VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 VI.1 OSCILLOSCOPIO LECROY 9354A

VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 VI.1 OSCILLOSCOPIO LECROY 9354A VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 Nel periodo fine marzo - inizio aprile 96 sono state fatte delle acquisizioni di segnali della camera Q1 utilizzando l amplificatore di corrente descritto nel capitolo

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Manuale Software Segreterie on-line Kayako (Staff)

Manuale Software Segreterie on-line Kayako (Staff) Manuale Software Segreterie on-line Kayako (Staff) Sommario Introduzione al software...3 Login...3 Impostare gli stati di connessione...4 Panoramica del desk...5 Il Pannello di Controllo...6 Introduzione...6

Dettagli

CAPITOLO 6 PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE AUTONOMA DI MISURA

CAPITOLO 6 PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE AUTONOMA DI MISURA CAPITOLO 6 PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE AUTONOMA DI MISURA 6.1 Obiettivo fisico della misura In questo capitolo descriveremo in dettaglio l apparato di misura proposto per lo studio del

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte I)

Corso di Visual Basic (Parte I) Corso di Visual Basic (Parte I) Come muovere i primi passi con Microsoft Visual Basic, lo strumento da molti considerato ideale per la realizzazione di applicazioni di piccola e media entità in ambiente

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

SMS Supervisor Management System

SMS Supervisor Management System www.brccompressors.it www.brcfuelmaker.it SMS Supervisor Management System SMS: Sistema di Supervisione e Controllo degli impianti di erogazione metano. Totalmente ingegnerizzato da Dresser Wayne, il sistema

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Le Interfacce Grafiche

Le Interfacce Grafiche Le Interfacce Grafiche Applicazione Client-Server Un'applicazione client-server (letteralmente cliente-servente) è un tipo di applicazione di rete nel quale un computer client istanzia l'interfaccia utente

Dettagli

TeamViewer 9 Manuale Manager

TeamViewer 9 Manuale Manager TeamViewer 9 Manuale Manager Rev 9.1-03/2014 TeamViewer GmbH Jahnstraße 30 D-73037 Göppingen teamviewer.com Panoramica Indice Indice... 2 1 Panoramica... 4 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 4 1.2

Dettagli

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Software 1.2 1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Il computer non è in grado di svolgere alcun compito autonomamente Esso può eseguire svariati compiti soltanto se viene opportunamente istruito Ciò avviene

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente

Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente 2 Appendice alla Guida per l'utente di Retrospect 10 www.retrospect.com 2012 Retrospect Inc. Tutti i diritti riservati. Guida per l'utente di Retrospect

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Sistemi operativi e Microsoft Windows

Sistemi operativi e Microsoft Windows Sistemi operativi e Microsoft Windows Sistemi operativi e Microsoft Windows...1 Definizioni di carattere generale...2 Interfaccia...2 Interfaccia Utente...2 Sistema operativo...2 CPU (Central Processing

Dettagli

Calcolatori e interfacce grafiche

Calcolatori e interfacce grafiche Calcolatori e interfacce grafiche COMPONENTI DI UN COMPUTER Hardware Tutti gli elementi fisici che compongono un calcolatore Software Comandi, istruzioni, programmi che consentono al calcolatore di utilizzare

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

ECONORMA S.a.s - Prodotti e Tecnologie per l Ambiente

ECONORMA S.a.s - Prodotti e Tecnologie per l Ambiente ECONORMA S.a.s - Prodotti e Tecnologie per l Ambiente Sistema di monitoraggio wireless per collaudi A.T.P. Prodotto dalla ECONORMA S.a.s., questo sistema portatile è stato progettato tenendo in considerazione

Dettagli

Novità della Versione

Novità della Versione Novità della Versione Anagrafiche e struttura: 1. Variazione controllata nominativo proprietario/inquilino 2. Visualizzazione dati anagrafiche in gestione proprietà 3. Riordino nominativi per"n unità"

Dettagli

LA SEQUENZA DI HUBBLE

LA SEQUENZA DI HUBBLE LA SEQUENZA DI HUBBLE G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) (a) INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste (b) Istituto Comprensivo S. Giovanni - Sc. Sec. di primo grado M. Codermatz" - Trieste

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Cronoprogramma e Quadro Economico

Cronoprogramma e Quadro Economico Tutela della Biodiversità nel parco Regionale dei Castelli Romani Cronoprogramma e Quadro Economico 1 Indice generale 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELLE COMPONENTI DEL PROGETTO PER LA CONSERVAZIONE DELLA

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Salve ragazze e ragazzi!

Salve ragazze e ragazzi! Salve ragazze e ragazzi! Iniziamo con questa pagina il nostro viaggio che ci porterà dalla scoperta della nostra Galassia fino ai confini dell Universo, così come oggi possiamo osservarli e conoscerli

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Gruppo italiano di Meccanica Applicata. Istruzioni per la compilazione del modulo per il monitoraggio della didattica del gruppo GMA

Gruppo italiano di Meccanica Applicata. Istruzioni per la compilazione del modulo per il monitoraggio della didattica del gruppo GMA Gruppo italiano di Meccanica Applicata Istruzioni per la compilazione del modulo per il monitoraggio della didattica del gruppo GMA Maggio 2003 Indice del documento Pag. In generale 1 1 - Sezione 1 Informazioni

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

NetSupport Protect Guida dell'utente. Tutti i diritti riservati 2006 NetSupport Ltd

NetSupport Protect Guida dell'utente. Tutti i diritti riservati 2006 NetSupport Ltd NetSupport Protect Guida dell'utente Tutti i diritti riservati 2006 NetSupport Ltd 1 Indice Benvenuti a NetSupport Protect...3 Panoramica del Prodotto...4 Riassunto delle Caratteristiche Salienti...5 Requisiti

Dettagli

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tesi svolta presso IASF/INAF di Milano Fabio Fornari Indice l astrofisica gamma e il satellite

Dettagli

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente 2 Retrospect 9 Manuale dell'utente Appendice www.retrospect.com 2011 Retrospect, Inc. Tutti i diritti riservati. Manuale per l'utente Retrospect 9,

Dettagli

Funzioni principali di Dropbox

Funzioni principali di Dropbox ICT Rete Lecco Generazione Web - Progetto FARO Dropbox "Un luogo per tutti i tuoi file, ovunque ti trovi" Dropbox è il servizio di cloud storage più popolare, uno tra i primi a fare la sua comparsa nel

Dettagli

TINYHVSR. basato sul modulo GPELL del software Geopsy www.geopsy.org MANUALE D'USO (12 / 2012)

TINYHVSR. basato sul modulo GPELL del software Geopsy www.geopsy.org MANUALE D'USO (12 / 2012) 1-------------------- TinyHVSR Versione 1.3.0 TINYHVSR basato sul modulo GPELL del software Geopsy www.geopsy.org MANUALE D'USO (12 / 2012) Copyright SARA electronic instruments s.r.l. All rights reserved

Dettagli

Manuale TeamViewer Manager 6.0

Manuale TeamViewer Manager 6.0 Manuale TeamViewer Manager 6.0 Revisione TeamViewer 6.0-954 Indice 1 Panoramica... 2 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 2 1.2 Informazioni sul presente Manuale... 2 2 Installazione e avvio iniziale...

Dettagli

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller GEODROP APPLICATIONS Public Developer Reseller Private Le Applicazioni di Geodrop Guida per Developer alle Applicazioni Guida alle applicazioni v1.1-it, 21 Dicembre 2012 Indice Indice...2 Cronologia delle

Dettagli

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base ARCHIVI CLASSICI Concetti di base Per svolgere una qualsiasi attività gestionale, amministrativa, o statistica è necessario utilizzare grandi quantità di dati e scegliere per essi una opportuna organizzazione,

Dettagli

Objectway ActivTrack

Objectway ActivTrack Objectway ActivTrack Manuale Utente Gruppo ObjectWay Guida OW ActivTrack 1.0.docx 22-01-2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Che cosa è Ow ActivTrack... 3 1.1. Le caratteristiche principali di Ow ActivTrack...

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Compendio della Tesi

Compendio della Tesi Compendio della Tesi Le galassie sono sistemi stellari di enormi proporzioni tenuti insieme dall attrazione gravitazionale, e rappresentano, su grande scala, i mattoni costituenti dell Universo. Ciascuna

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

ARF CHAMPIONS LEAGUE

ARF CHAMPIONS LEAGUE 1 ARF CHAMPIONS LEAGUE Contenuti: Introduzione Modalità d'uso Tipo di operazione Avvertenze d'uso Cosa vuoi fare? Menù: descrizione del menù Modalità campionato: funzioni aggiuntive Finestra dell'operazione

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

INTERFACCIA UTENTE----------------------------------------------------------------------------------------------------

INTERFACCIA UTENTE---------------------------------------------------------------------------------------------------- IL FILE SYSTEM PROF. ANTONIO TUFANO Indice 1 FILE SYSTEM ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 1.1. CARATTERISTICHE E STORIA

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Migliorare la qualità della didattica con italc

Migliorare la qualità della didattica con italc Migliorare la qualità della didattica con italc ORE 11.00 Prof.re Massimiliano Zanol massimiliano.zanol@posit.it Massimiliano Zanol Docente di informatica presso l'istituto A. Tambosi di Trento (corsi

Dettagli

Client XProtect Accesso al sistema di sorveglianza

Client XProtect Accesso al sistema di sorveglianza Client XProtect Accesso al sistema di sorveglianza Tre modalità di visualizzazione della videosorveglianza Per accedere facilmente alla videosorveglianza, Milestone offre tre interfacce utente flessibili:

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

FT-105/RF-Plus-B. ECONORMA Prodotti e Tecnologie per l Ambiente. ECONORMA S.a.s.Pagina 1 di 14

FT-105/RF-Plus-B. ECONORMA Prodotti e Tecnologie per l Ambiente. ECONORMA S.a.s.Pagina 1 di 14 FT-105/RF-Plus-B Sistema di monitoraggio e telecontrollo via radio BIDIREZIONALE ECONORMA Prodotti e Tecnologie per l Ambiente Applicazioni tipiche: Registrazione della Temperatura durante una giornata

Dettagli

Studio dell effetto del biofouling sull efficienza di rivelazione di un apparato Čerenkov sottomarino per neutrini astrofisici di alta energia

Studio dell effetto del biofouling sull efficienza di rivelazione di un apparato Čerenkov sottomarino per neutrini astrofisici di alta energia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE,FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN FISICA Studio dell effetto del biofouling sull efficienza di rivelazione di un apparato Čerenkov

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KASPERSKY ADMINISTRATION KIT. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

IL DESKTOP DI WINDOWS 7Ver.

IL DESKTOP DI WINDOWS 7Ver. IL DESKTOP DI WINDOWS 7Ver. (1.0) Windows 7 è il più semplice sistema operativo creato da Microsoft. Tutti i menu, le funzioni e i programmi integrati puntano a un approccio diretto per l'utente. A sovrintendere

Dettagli

Oggetto: Manuale utente 1.01

Oggetto: Manuale utente 1.01 OSSERVATORIO REGIONALE CONTRATTI PUBBLICI (L.R. 38/07) SEZIONE REGIONALE OSSERVATORIO CONTRATTI PUBBLICI (D.Lgs. 163/06) Applicativo: Sitat229 Oggetto: Manuale utente 1.01 Sommario: 1 Sitat229 Obiettivi...

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Solo le persone in gamba leggono i manuali.

Solo le persone in gamba leggono i manuali. Solo le persone in gamba leggono i manuali. Sommario Introduzione...1 Accensione e spegnimento sicuri dell'unità... 1 Scollegamento delle unità esata e 1394... 2 Unità esata... 3 Unità 1394... 4 Installazione

Dettagli

Server USB Manuale dell'utente

Server USB Manuale dell'utente Server USB Manuale dell'utente - 1 - Copyright 2010Informazioni sul copyright Copyright 2010. Tutti i diritti riservati. Disclaimer Incorporated non è responsabile per errori tecnici o editoriali od omissioni

Dettagli

Utilità plotter da taglio Summa

Utilità plotter da taglio Summa Utilità plotter da taglio Summa 1 Utilità plotter da taglio Nelle righe seguenti sono descritte le utilità che possono essere installate con questo programma: 1. Plug-in per CorelDraw (dalla versione 11

Dettagli

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove.

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove. Foto di Federica Testani, Flickr Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1 materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove 1 di 24 Gestire i dati con Calc Strutturare

Dettagli

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente Aggiornamento 20/05/2013 Cod. SWUM_01029_it Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Il modello di calcolo applicato... 3 2. Requisiti

Dettagli

MODULO 5 BASI DI DATI

MODULO 5 BASI DI DATI MODULO 5 BASI DI DATI A cura degli alunni della VD 2005/06 del Liceo Scientifico G. Salvemini di Sorrento NA Supervisione prof. Ciro Chiaiese SOMMARIO 5.1 USARE L APPLICAZIONE... 3 5.1.1 Concetti fondamentali...

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 ARGO DOC ARGO DOC è un sistema per la gestione documentale in formato elettronico che consente di conservare i propri documenti su un server Web accessibile via internet. Ciò significa che i documenti

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

Word Processor: WORD. Classificazione

Word Processor: WORD. Classificazione Parte 5 Word Processor: WORD Classificazione Esistono diversi strumenti per la realizzazione di documenti di testuali: Editor di testo (Es: Blocco Note) Word Processor (Es: MS Word, Open Office ) Applicazioni

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo I BUCHI NERI Maurizio Macchiarulo I Buchi Neri nella Fisica Classica 1687 Isaac Newton pubblica i suoi Principia 1783 John Michell formula il concetto di Dark Star 1795 Pierre Simon Laplace pubblica Le

Dettagli