Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO PRONTO SOCCORSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO PRONTO SOCCORSO"

Transcript

1 ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO PRONTO SOCCORSO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO AL PRONTO SOCCORSO (DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE 15/07/2003, n. 388) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 1

2 ADDETTO PRONTO SOCCORSO Definizione (art. 4 comma 5 lettera - a- del D.Lgs 626/94): Il datore di lavoro [...] adotta le misure necessarie per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ed in particolare: a) designa preventivamente i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza; A FORMAZIONE: Obblighi di carattere normativo e contrattuale Chi deve fare il corso Gli addetti al pronto soccorso, designati ai sensi dell articolo 12 comma 1, lettera b), del decreto legislativo n 626 del 19 settembre 1994, sono formati con istruzione teorica e pratica per l attuazione delle misure di primo intervento interno e per l attivazione degli interventi di pronto soccorso (Decreto n 388 del 15 luglio 2003, art 3 comma 1 Gazzetta Ufficiale del 03/02/2004). I contenuti minimi dei corsi di formazione, ai sensi del DM 388/2003 variano in relazione al fattore di rischio ed alle dimensioni delle aziende. Come sono Classificate le Aziende rispetto allla tipologia del rischio Il Decreto del 15 luglio 2003 n 388, all art. 1 classifica le aziende: 1 Le aziende ovvero le unità produttive sono classificate, tenuto conto della tipologia di attività svolta, del numero dei lavoratori occupati e dei fattori di rischio, in tre gruppi. Gruppo A: I. Aziende o unità produttive con attività industriali, soggette all'obbligo di dichiarazione o notifica, di cui all'articolo 2, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari di cui agli articoli sette, 28 e 33 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, aziende estrattive ed altre attività minerarie definite dal decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 624, lavori in sotterraneo di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 320, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni; II. Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, quali desumibili dalle statistiche nazionali INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno. Le predette statistiche nazionali INAIL sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale; III. Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell'agricoltura. Gruppo B: aziende o unità produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A. Gruppo C: aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A. 2. Il datore di lavoro, sentito il medico competente, ove previsto, identifica la categoria di appartenenza della propria azienda od unità produttiva e, solo nel caso appartenga al gruppo A, la GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 2

3 comunica all'azienda Unità Sanitaria Locale competente sul territorio in cui si svolge l'attività' lavorativa, per la predisposizione degli interventi di emergenza del caso. Se l'azienda o unità produttiva svolge attività lavorative comprese in gruppi diversi, il Datore di Lavoro deve riferirsi all'attività' con indice più elevato. In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell indice infortunistico, l INAIL ha pubblicato sul proprio sito internet le suddette statistiche. Queste evidenziano che l indice del settore delle costruzioni è superiore a quattro. Pertanto le aziende del settore delle costruzioni rientrano nei seguenti gruppi: Gruppo A - se hanno più di cinque lavoratori Gruppo B - se hanno da tre a cinque lavoratori Gruppo C se hanno meno di tre lavoratori Chi è responsabile della formazione del lavoratore Il Datore di Lavoro assicura che ciascun lavoratore addetto al pronto soccorso riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia. Quando deve essere erogata la formazione al lavoratore La formazione del lavoratore deve avvenire in occasione della nomina di: o addetto al pronto soccorso; La formazione dei lavoratori deve avvenire in orario di lavoro e non deve comportare oneri per i lavoratori. La formazione degli addetti deve essere ripetuta con cadenza triennale almeno per ciò che attiene alla parte pratica. Il DM 388/2003, fa salvi tutti i corsi di formazione che pur non rispondendo ai requisiti del decreto, siano stati ultimati entro il 3 agosto 2004 (data di entrata in vigore) Con chi deve collaborare l azienda per l erogazione della formazione La formazione deve avvenire in collaborazione con l Organismo Paritetico (art.22, comma 6, D.Lgs 626/94) Quali sono gli argomenti su cui è obbligatorio assicurare la formazione per l aziende del gruppo A e B e C Il Decreto n 388 del 15 luglio 2003 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 03 febbraio 2004 con entrata in vigore il 03 agosto 2004 prevede: GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 3

4 PRIMA GIORNATA Modulo A OBIETTIVI DIDATTICI ALLERTARE IL SISTEMA DI SOCCORSO RICONOSCERE UNA EMERGENZA SANITARIA ATTUARE GLI INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO Conoscere i rischi specifici dell attività svolta PROGRAMMA a) Cause e circostanze dell infortunio (luogo dell infortunio, numero delle persone coinvolte, stato degli infortunati ecc.); b) Comunicare le predette informazione in maniera chiara e precisa ai servizi di assistenza sanitaria di emergenza; 1) Scena dell infortunio: a) raccolta dell informazione b) previsione dei pericoli evidenti e di quelli probabili. 2) Accertamento delle condizioni psicofisiche del lavoratore infortunato: a) funzione vitali (polso,pressione, respiro); b) stato di conoscenza; c) ipotermia e ipertermia; 3) Nozione elementari di anatomia e fisiologia dell apparato cardiovascolare e respiratorio; 4) Tecniche di autoprotezione del personale addetto al soccorso 1) Sostenimento delle funzioni vitali: a) posizionamento dell infortunato e manovre per la pervietà delle prime vie aeree; b) respirazione artificiale; c) massaggio cardiaco esterno. 2) Riconoscimento e limiti d intervento di primo soccorso: a) lipotimia,sicope,shock; b) edema polmonare acuto; c) crisi asmatica; d) dolore acuto stenocardiaco; e) reazione allergiche; f) crisi convulsive g) emorarragie esterne post-traumatiche e tamponamento emorragico. Totale n.6 ore gruppo A Totale n.4 ore gruppo B-C GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 4

5 SECONDA GIORNATA Modulo B ACQUISIRE CONOSCENZE GENERALI SUI TRAUMI IN AMBIENTE DI LAVORO ACQUISIRE CONOSCENZE GENERALI SULLE PATOLOGIE SPECIFICHE IN AMBIENTI DI LAVORO b) Cenni di anatomia; c) Lussazione, fratture e complicanze d) Traumi e lesioni cranio - encefalici e della colonna vertebrale e) Traumi e lesioni toraco - addominali 1) Lesioni da freddo e da calore; 2) Lesioni da corrente elettrica; 3) Lesioni da agenti chimici; 4) Intossicazioni; 5) Ferite lacero contuse; 6) Emorragie esterne. Totale n.4 ore gruppo A Totale n.4 ore gruppo B-C TERZA GIORNATA Modulo C ACQUISIRE CAPACITA DI INTERVENTO PRATICO 1) Tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del SSN; 2) Tecniche di primo soccorso nelle sindromi celebrali acute; 3) Tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria acuta; 4) Tecniche di rianimazione cardiopolmonare; 5) Tecniche di tamponamento emorragico; 6) Tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato; 7) Tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici. Totale n.6 ore gruppo A Totale n.4 ore gruppo B-C GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 5

6 B L esperienza dei CPT nella realizzazione dei corsi di formazione degli Addetti Pronto Soccorso Durata dell intervento formativo L esperienza dei CPT è stata quella di fornire corsi di durata inferiore a quelli previsti dal nuovo Decreto. La normativa fornisce indicazioni riguardo la durata del corso di pronto soccorso per il gruppo A è di 16 ore, per i gruppi B e C è di 12 ore. Contenuti dell attività formativa Per diversi CPT i contenuti dei corsi dovevano rispettare il Decreto n. 388 del 15 luglio Modalità di erogazione del corso Il corso viene erogato attraverso lezioni frontali, dove è possibile realizzare un dibattito. Sono previsti momenti di lavoro di gruppo o comunque di esercitazione singola od a gruppi. I sussidi didattici utilizzati sono: lucidi, diapositive, filmati e un manichino. I materiali didattici forniti sono opuscoli generici. Composizione gruppo dei discenti Datori di lavoro stessi o dipendenti designati comunque dal datore di lavoro quali addetti alla gestione delle emergenze Formatori Come previsto all art. 3 del Decreto n 388 del 15 luglio 2003 comma 2, la formazione dei lavoratori designati è svolta da personale medico, in collaborazione, ove possibile, con il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale. Nello svolgimento della parte pratica della formazione il medico può avvalersi della collaborazione di personale infermieristico o di altro personale specializzato. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 6

7 C Proposte operative per la realizzazione di un nuovo programma per la formazione degli Addetti Pronto Soccorso NOTA INTRODUTTIVA e RIEPILOGATIVA I CPT si sono già attivati per dar seguito a quanto disposto e comunque poco spazio è lasciato ad una programmazione più articolata; si ritiene che particolare interesse di sviluppo avrà la formazione dei lavoratori designati che andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico (art. 3 comma 5 D.Ministero della Salute n. 388) Il programma che segue (ALLEGATO 1) si basa sull indicazione del Decreto Ministeriale della Salute 15 luglio 2003 n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell articolo 15, comma 3, del Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni. L art. 1 del Decreto Ministeriale 388/2003 Classificazione delle aziende distingue le aziende o le unità produttive (intendendosi come unità produttive non genericamente i singoli cantieri, ma solo quelli dotati di autonomia finanziaria e tecnico funzionale, secondo la definizione di cui all art. 2 del Decreto Legislativo 626/94 e s.m. ed i.) classificate in tre gruppi, in relazione alla tipologia dell attività, al numero dei dipendenti ed i fattori di rischio; l identificazione della categoria di appartenenza deve essere fatta dal datore di lavoro sentito il medico competente; le aziende estrattive contemplate dal Decreto Legislativo 626/94, i lavoratori in sotterraneo e le aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari I.N.A.I.L. con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, dati desumibili dalle statistiche nazionali I.N.A.I.L. relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno, sono comprese nel gruppo A; le aziende o unità produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A sono comprese nel gruppo B; il gruppo C riguarda le aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A. Se l azienda o l unità produttiva svolge attività lavorativa comprese in gruppi diversi, il datore di lavoro deve riferirsi all attività con indice più elevato L art. 3 del Decreto Requisiti e formazione degli addetti al pronto soccorso tratta della formazione, differenziata in relazione al gruppo in cui è inserita l azienda o l unità produttiva e prevede corsi di 16 ore per il gruppo A e di 12 ore per i gruppi B e C, svolti da personale medico in collaborazione, ove possibile, con il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale. Sono ritenuti validi i corsi ultimati entro la data di entrata in vigore del Decreto Ministeriale 388/03. Luogo di erogazione della formazione E risultato evidente che la formazione di pronto soccorso deve essere erogata al di fuori del contesto produttivo dell impresa. L aula è sicuramente il luogo migliore dove realizzarla. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 7

8 Orario delle lezioni La formazione dei lavoratori deve avvenire durante l orario di lavoro per cui è consigliabile che le lezioni si tengano dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle 13,00. Il ricorso al sabato mattina è sconsigliato, se non per dettate e specifiche esigenze aziendali o dei lavoratori. Si ritiene utile dividere le 6 ore per il modulo di aggiornamento in 4 ore più 2 ore in modo da rendere omogeneo l impiego dell aula didattica con la prima parte uguale per tutti. Gruppo dei discenti Quando possibile il gruppo discenti dovrà essere il più omogeneo possibile, per poter affrontare situazioni simile e paragonabili. Livello di accesso al corso di formazione di pronto soccorso E necessario che l addetto abbia seguito un percorso di formazione di base nel quale abbia ricevuto le principali nozione di gestione delle emergenze. E importante che il discente abbia la consapevolezza di quello che sarà il suo compito futuro. Valutazione della ricaduta della formazione sui lavoratori E fondamentale valutare i risultati della formazione, anche dal punto di vista statistico. La cosa migliore sarebbe quello di introdurre dei questionari o test che i lavoratori dovranno compilare prima dell inizio del corso ed al termine dello stesso. Il questionario sarà lo stesso e servirà al formatore per valutare il livello di ingresso e la crescita avuta con il corso. E bene che questo questionario venga realizzato con domande a risposte chiuse e con la presenza di immagini e fotografie nelle quali si individuano situazioni errate e situazioni corrette. In aula verrà corretto oralmente solo il questionario di uscita. Valutazione del gradimento dell attività formativa Al termine del corso verrà richiesto ai discenti di compilare un questionario di gradimento del corso, che verrà utilizzato dagli organizzatori per valutare con puntualità la propria attività formativa. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 8

9 Modalità didattica di erogazione del corso GRUPPO DI LAVORO D Il corso avrà modalità didattiche di aula. Ritenendo che il gruppo dei discenti sia il più omogeneo possibile è di fondamentale importanza che il docente esemplifichi la didattica tenendo conto del contesto lavorativo dei discenti. Individuazione e preparazione dei formatori Per il corso di formazione, è necessaria la presenza di personale medico, in collaborazione, ove possibile, con il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale, per la parte pratica della formazione il medico potrà avvalersi della collaborazione di personale infermieristico o di altro personale specializzato. Supporti didattici per il docente Per lo svolgimento delle lezioni, i docenti dovranno utilizzare dei supporti didattici progettati e realizzati allo scopo come lucidi, diapositive, filmati e un manichino. La preparazione di questi strumenti deve essere realizzata sotto la supervisione del CPT. Materiali didattici per i discenti I materiali devono essere progettati allo scopo, devono essere di ridotte dimensioni e ripercorrere esclusivamente i punti salienti della formazione ed essere utili a risolvere i problemi qualora si verificassero. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 9

10 ALLEGATO 1 PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO AL PRONTO SOCCORSO (DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE 15/07/2003, n. 388) GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 10

11 OBIETTIVI DIDATTICI PROGRAMMA durata Presentazione del corso ALLERTARE IL SISTEMA DI SOCCORSO RICONOSCERE UNA EMERGENZA SANITARIA f) Nota introduttiva del quadro normativo vigente (artt D.lgs. 626/94 e s.m.i. e D.M. 388/03, con riferimento anche ai DPR 303/56 D.M. 28/7/58 all. A e B) g) Cenni sulle statistiche INAIL relative agli infortuni nel settore edile sia nazionali che locali h) Valutazione dei rischi presenti sul luogo di lavoro a) Cause e circostanze dell infortunio (luogo dell infortunio, numero delle persone coinvolte, stato degli infortunati ecc.); b) Comunicare le predette informazioni in maniera chiara e precisa ai servizi di assistenza sanitaria di emergenza; 5) Scena dell infortunio: a) raccolta dell informazione b) previsione dei pericoli evidenti e di quelli probabili. 6) Accertamento delle condizioni psicofisiche del lavoratore infortunato: a) funzione vitali (polso,pressione, respiro); b) stato di conoscenza; c) ipotermia e ipertermia; 7) Nozione elementari di anatomia e fisiologia dell apparato cardiovascolare e respiratorio; 8) Tecniche di autoprotezione del personale addetto al soccorso 1 ora per il modulo A ½ ora per il modulo B e C 1 ora per il modulo A ½ ora per il modulo B e C 2 ore per il modulo A 1,5 ore per il modulo B e C ATTUARE GLI INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO 3) Sostenimento delle funzioni vitali: a) posizionamento dell infortunato e manovre per la pervietà delle prime vie aeree; b) respirazione artificiale; c) massaggio cardiaco esterno. 4) Riconoscimento e limiti d intervento di primo soccorso: h) lipotimia, sicope, shock; i) edema polmonare acuto; j) crisi asmatica; k) dolore acuto stenocardiaco; l) reazione allergiche; m) crisi convulsive n) emorarragie esterne post-traumatiche e tamponamento emorragico. 2 ore per il modulo A 1,5 ore per il modulo B e C Conoscere i rischi specifici dell attività svolta GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 11

12 SECONDA GIORNATA Modulo B ACQUISIRE CONOSCENZE GENERALI SUI TRAUMI IN AMBIENTE DI LAVORO 1) Cenni di anatomia dello scheletro; 2) Lussazione, fratture e complicanze 3) Traumi e lesioni cranio - encefalici e della colonna vertebrale 4) Traumi e lesioni toraco - addominali 2 ore per tutti i moduli ACQUISIRE CONOSCENZE GENERALI SULLE PATOLOGIE SPECIFICHE IN AMBIENTI DI LAVORO 7) Lesioni da freddo e da calore; 8) Lesioni da corrente elettrica; 9) Lesioni da agenti chimici; 10) Intossicazioni; 11) Ferite lacero contuse; 12) Emorragie esterne. 2 ore per tutti i moduli TERZA GIORNATA Modulo C ACQUISIRE CAPACITA DI INTERVENTO PRATICO 8) Tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del SSN; 9) Tecniche di primo soccorso nelle sindromi celebrali acute; 10) Tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria acuta; 11) Tecniche di rianimazione cardiopolmonare; 12) Tecniche di tamponamento emorragico; 13) Tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato; 14) Tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici. 6 ore (*) per il modulo A 4 ore per il modulo B e C (*) si ritiene utile dividere le 6 ore per il modulo A in 4 ore più 2 ore in modo rendere omogeneo l impiego dell aula didattica con la prima parte uguale per tutti. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 12

13 QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO Trovi un collega riverso a terra cosa fai per prima cosa?: 1. avvisi immediatamente il capo cantiere e successivamente il 1-1-8; 2. urli il più forte possibile in modo da farti notare dagli altri colleghi; se possibile usi il cellulare per comunicare con 1-1-8; 3. verifichi lo stato di coscienza della vittima; Quando attivi il cosa devi assolutamente comunicare all operatore della centrale 1-1-8? 1. il luogo dell evento, quanti anni ha la vittima, se sul posto ci sono altre ambulanze, se esiste in cantiere una cassetta di pronto soccorso; 2. il luogo dell evento, cosa è accaduto, quante persone sono coinvolte, le condizioni della vittima, nome e cognome: 3. il luogo dell evento, il nome della ditta, il nome del datore di lavoro, se esiste una piazzola per l atterraggio dell eliambulanza Un tuo collega si procura una ferita sulla mano e stà sanguinando abbondantemente, cosa fai?: 1. lasci scorrere un po di sangue e successivamente applichi del cotone emostatico 2. ti metti i guanti di protezione e disinfetti bene la parte con acqua ossigenata ed applichi un tampone di garza sterile 3. applichi un laccio emostatico nelle vicinanze della ferita ed eventualmente tamponi con cotone sterile Durante una manovra errata un collega si procura un abrasione superficiale sporca di terriccio cosa fai?. 1. copro subito la parte con una garza sterile per prevenire infezioni 2. disinfetto la parte con acqua ossigenata o eventualmente con acqua per rimuover più impurità possibili 3. applico immediatamente della polvere antibiotica sull abrasione se presente nella cassetta di pronto soccorso Una latta di malta, per un caso fortuito, cade da un impalcatura ed una parte del composto lambisce il viso di un lavoratore procurandogli un bruciore agli occhi, cosa fai? 1. lavi abbondantemente con acqua la parte cercando di eliminare ogni traccia della sostanza irritante; GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 13

14 2. lavi il viso del lavoratore con solvente, mai con acqua e copri poi la parte con una garza; 3. copri gli occhi del lavoratore e lo trasporti il più velocemente possibile all ospedale più vicino Durante il tuo turno di lavoro trovi riverso a terra in stato di incoscienza il tuo collega; ricordi che lui stava intonacando la facciata su un impalcatura al secondo piano, cosa fai? 1. sposto immediatamente il corpo sollevando la testa per non creargli abrasioni alla nuca 2. sposto il corpo del collega solo ed esclusivamente se esiste un pericolo; comunque faccio molto attenzione a non spostare ne il capo ne la colonna vertebrale; 3. mi accerto dello stato di coscienza; aspetto aiuto prima di cercare di rimetterlo in piedi; Nel fissare delle assi su un impalcatura un lavoratore si schiaccia un dito con una martellata, cosa fare? 1. metto il dito del lavoratore sotto l acqua calda ed aspetto che il dolore passi 2. se ci sono ferire o abrasioni disinfetto con acqua ossigenata e fascio la parte con garze sterili 3. disinfetto con acqua ossigenata se necessito, tengo la parte sotto il getto di acqua fresca e se disponibile applico ghiaccio Collegando due cavi elettrici l elettricista, posa le dita su un parte di cavo sprovvisto di plastica isolante; immediatamente cade a terra, cosa fai? 1. avviso subito il 1-1-8, mi precipito subito dall elettricista e controllo il battito cardiaco 2. stacco la corrente dall interruttore centrale e successivamente controllo lo stato di coscienza 3. mi accerto che tipo di voltaggio passava sul filo e consiglio all elettricista di rivolgersi appena possibile al pronto soccorso; Un lavoratore gli affidano il compito di trasportare contenitori di solvente in una stanza al secondo piano del palazzo in costruzione. Durante l accatastamento dei fusti, uno scivola e si rompe, disperdendo il contenuto a terra, cosa fare? 1. avviso subito i colleghi e cero di recuperare il liquido versato a terra eventualmente; se non riesco cerco di asciugare con segatura; 2. apro subito le finestre, cerco di non inalare i vapori del prodotto e se pregni mi tolgo immediatamente i vestiti, lavo accuratamente la pelle venuta a contatto; 3. solo se il contatto è stato prolungato nel tempo e se c è difficoltà respiratoria devo comunicare l evento alla centrale 1-1-8; GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 14

15 Ore 14 in pieno luglio, in cantiere un lavoratore cade a terra; è a terra ma respira ed è cosciente, cosa fai? 1. attivo il servizio di emergenza del cantiere e chiamo la centrale richiedendo l intervento di un medico 2. mi accerto dello stato di coscienza, slaccio la camicia e la cinta, controllo il battito cardiaco, aspetto assieme al lavoratore l arrivo dell ambulanza 3. tranquillizzo il lavoratore e se disponibile, faccio sorseggiare del superalcolico e con l aiuto dei colleghi somministro ossigeno con la maschera. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 15

16 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO Il questionario che le presentiamo riguarda la valutazione di fine corso di formazione a cui lei ha appena partecipato ed ha come obiettivo specifico quello di rilevare quali sono le Sue considerazioni riguardo l andamento del corso in termini organizzativi, logistici e sui docenti. Il questionario è anonimo, le sue risposte sono per noi fondamentali al miglioramento della qualità del servizio offerto ai partecipanti dei nostri corsi.. Grazie per la sua collaborazione. Titolo del corso Durata Data di inizio Data di termine Sede Codice corso Rispetto a quanto si attendeva, ha trovato questo corso Molto soddisfacente Soddisfacente Insoddisfacente Se molto soddisfacente o soddisfacente, perchè Argomenti nuovi/utili Nuovi rapporti sociali Esperienza positiva Altro (specificare) Se insoddisfacente, perchè Difficoltà degli argomenti Carenze organizzative Esperienza negativa Altro (specificare) GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 16

17 Gli argomenti trattati si sono rivelati Molto utili Utili Scarsamente utili Nel partecipare a questo corso Lei ha incontrato difficoltà per Difficoltà nella teoria Distanza dalla sede/dall azienda/trasporti Orario pesante Nessuna difficoltà Altro (specificare) Ritiene che quanto appreso durante il corso Le potrà essere utile per migliorare la qualità del suo lavoro suo lavoro? Molto Abbastanza Poco Per niente Rispetto a quanto già sapeva, le informazioni raccolte Le hanno dato Molte informazioni nuove Alcune informazioni nuove Un approfondimento delle informazioni che già conosceva Tutte informazioni che già conosceva Secondo Lei la metodologia con cui sono stati esposti gli argomenti, l ha resa Partecipe e attiva Interessata Indifferente Annoiata GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 17

18 Secondo Lei il materiale didattico fornitole, risulta chiaro e facilmente comprensibile? SI NO Altro (specificare) Giudizio sulla docenza relativa all argomento: Ottimo Buono Sufficiente Insufficiente per il seguente motivo: GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 18

19 Materiale consegnare ai discenti PRIMO SOCCORSO NOTA METODOLOGICA Nell ambito delle attività promozionali per la diffusione nei luoghi di lavoro di materiale per l infortunistica, questo gruppo di lavoro ha realizzato la presente nota metodologica che tratta il problema del primo soccorso in cantiere in caso di infortunio. Si è voluto colmare quell intervallo di tempo che solitamente intercorre, senza assistenza, tra il momento dell infortunio e l intervento medico-infermieristico, cercando di fornire le nozioni necessarie all addetto al primo soccorso. Seguendo i suggerimenti indicati il lavoratore potrà prestare un aiuto immediato e determinante. Si ricorda che le raccomandazioni proposte dagli organi competenti, prevedono l uso di guanti, mascherine e occhialini per la protezione reciproca. L Addetto al primo soccorso deve: in caso si infortunio verificare lo stato di coscienza, attivare il sistema di soccorso 1-1-8, fornire informazioni utili, sapere dove è allocata la cassetta del pronto soccorso, accertarsi che non esistano pericoli per i soccorritori ne per la vittima. Il sistema di emergenza viene attivato chiamando il numero telefonico locale di emergenza (1-1-8); tale numero, ampiamente pubblicizzato in ogni comunità, ci permette di entrare in contatto con una centrale operativa; la persona che attiva il sistema di emergenza deve essere preparata a dare le seguenti informazioni in maniera tranquilla: 1. il proprio nome e cognome ed ev. il proprio ruolo. 2. il luogo dell emergenza (con il nome della strada o della piazza se possibile). 3. il numero telefonico dal quale sta chiamando. 4. che cosa è accaduto (attacco di cuore, incidente d auto, ecc.). 5. quante persone hanno bisogno di aiuto. 6. le condizioni della/e vittima/e. 7. qualunque altra informazione richiesta. Per essere sicuri che il personale della centrale non abbia ulteriori domande da porre, chi chiama deve riagganciare solo quando gli viene detto di farlo da parte dell operatore di centrale. Se in grado, l operatore di centrale può anche dare istruzioni a chi chiama, su come iniziare la rianimazione cardio-polmonare. Colui che chiama deve seguire queste istruzioni sino all arrivo dell equipe di soccorritori esperti. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 19

20 SITUAZIONI DI INFORTUNIO PIU FREQUENTI NEI CANTIERI EDILI Abrasioni e tagli L Addetto al primo soccorso deve: disinfettare la ferita o abrasione con acqua ossigenata o in alternativa acqua corrente. Tamponare il sanguinamento con garze sterili ed applicare una fasciatura ben stretta. Non deve assolutamente usare cotone e l uso del laccio emostatico deve essere usato solo ed esclusivamente come ultima spiaggia nei casi di sanguinamenti copiosi o amputazioni. Malta negli occhi L Addetto al primo soccorso deve: lavare abbondantemente gli occhi della vittima cercando di eliminare il più possibile la sostanza irritante, se persiste il dolore bisogna coprire l occhio con garze, portare in ospedale il contenitore della sostanza per rilevarne i componenti Caduta dall impalcatura L Addetto al primo soccorso deve: chiamare immediatamente il ( vedi modalità a pag. 2) solo in caso di pericolo spostare la vittima senza in nessun caso muovere il capo e la colonna vertebrale. Ci possono essere di aiuto tavole, tavole da ponte ecc. Il trattamento di questi traumatizzati inizia al momento stesso dell incidente nel senso che è importantissimo durante il trasporto del paziente evitare tutte quelle manovre che possono provocare od aggravare una lesione midollare, impartendo ad una colonna fratturata o comunque instabile, i movimenti che possono risultare pericolosi. Quindi è necessario immobilizzare il più precocemente possibile il collo prima con le mani e poi mediante l applicazione di un collare cervicale, e prima dell eventuale trasporto della vittima, caricarla, mantenendola in asse, su una tavola spinale. Traumi da schiacciamento L Addetto al primo soccorso deve: disinfettare con acqua ossigenata se sono presenti ferite, far tener la parte interessata sotto l acqua corrente ed applicare ghiaccio sintetico ed in fine fasciare la parte contusa con garza. GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 20

21 Elettrocuzione e ustioni L Addetto al primo soccorso deve: prima di tutto assicuratevi che la corrente sia interrotta e che il paziente non sia più a contatto con la sorgente di elettricità, valutare lo stato di coscienza ed eventualmente iniziare la rianimazione cardio polmonare ( bls + attivazione 1-1-8), valutazione delle ustioni entrata/uscita, raffreddare le zone ustionate e rimuovere i vestiti, applicare medicazioni sterili asciutte nelle zone ustionate Agente tossico L Addetto al primo soccorso deve: far allontanare i il più velocemente possibile dall ambiente inquinato il personale e/o comunque aerarlo, sperando di accorgersi della dispersione della sostanza tossica dando importanza alla sintomatologia come: cefalea, nausea, bruciore agli occhi,alla bocca e al naso, vertigini, difficoltà respiratorie per poi iperventilare in aria libera. Sperando che vi siano colleghi o persone che si accorgano dell incidente e possano avvertire i soccorsi e se qualcuno volesse intervenire prima dell arrivo dei soccorsi bisogna che sia consapevole del rischio a cui si espone. L attrezzatura di protezione è importantissima perché evita di intossicarsi e non permette alla sostanza tossica di penetrare per via aerea né per via cutanea. Se proprio si vuole intervenire, anche se sconsigliato, non bisogna essere da soli (almeno tre persone), avere delle cinghie o corde che consentano di recuperare l infortunato e di trainarci fuori dall ambiente nel caso in cui si perdesse conoscenza a nostra volta. Essere ben coperti e iperventilare in aria libera per almeno un minuto, quindi entrare trattenendo il respiro il più possibile. Se la manovra di recupero si prolunga, uscire rapidamente in aria libera ed iperventilare. Evitare di accendere interruttori, suonare campanelli o farsi luce con accendini o candele perché la sostanza tossica potrebbe essere infiammabile. Lipotimia L Addetto al primo soccorso deve:valutare lo stato di coscienza, mai tentare di rialzare vittime che sono a terra,attivare il se incosciente sollevare il mento (algoritmo BLS), se invece risponde slacciare la camicia e cintura, rimanere vicino a lui sino all arrivo dei soccorsi GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 21

22 Come nota informativa si allegano i contenuti minimi per la CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO (allegato 1 D.M. 388/03) considerando che il settore edile è riconducibile ai gruppi tariffari I.N.A.I.L. con indice infortunistico di inabilità temporanea superiore a quattro e, i contenuti minimi del PACCHETTO DI MEDICAZIONE (allegato 2 D.M. 388/03) ALLEGATO 1 CONTENUTO MINIMO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO Guanti sterili monouso (5 paia). Visiera paraschizzi Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1). Flaconi di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 500 ml (3). Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10). Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2). Teli sterili monouso (2). Pinzette da medicazione sterili monouso (2). Confezione di rete elastica di misura media (1). Confezione di cotone idrofilo (1). Confezione di cerotti di varie misure pronti all uso (2). Rotoli di cerotto alto cm 2,5 (2). Un paio di forbici. Lacci emostatici (3). Ghiaccio pronto uso (2 confezioni). Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2) Termometro. Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa. ALLEGATO 2 CONTENUTO MINIMO DEL PACCHETTO DI MEDICAZIONE Guanti monouso (2 paia). Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml (1). Flaconi di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml (1). Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (3). Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (1). Pinzette da medicazione sterili monouso (1). Confezione di cotone idrofilo (1). Confezione di cerotti di varie misure pronti all uso (1). Rotoli di cerotto alto cm 2,5 (2). Rotolo di benda orlata alta 10 cm (1). Un paio di forbici. Lacci emostatici (1). Confezione di ghiaccio pronto uso (1). Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (1). GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO PRONTO SOCCORSO 22

Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA DEFINIRE.

Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA DEFINIRE. PREISCRIZIONE AL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE PER A Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 190 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO D.M. n 388 del 15/07/2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Normativa - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO INCARICATO DI PRIMO SOCCORSO AZIENDA GRUPPO A

PROGRAMMA DEL CORSO INCARICATO DI PRIMO SOCCORSO AZIENDA GRUPPO A PROGRAMMA DEL CORSO INCARICATO DI PRIMO SOCCORSO AZIENDA GRUPPO A (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009 art. 45 e DM 15/07/03, n.388) Durata del corso Date e orari del corso Sede del corso

Dettagli

http://bd01.leggiditalia.it/cgi-bin/fulshow

http://bd01.leggiditalia.it/cgi-bin/fulshow Pagina 1 di 11 Leggi d'italia D.M. 15-7-2003 n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, e successive

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 15 luglio 2003, n. 388

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994,

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

PRONTO SOCCORSO Milano, 27 gennaio 2005 S008/05 PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA. Egregio Associato,

PRONTO SOCCORSO Milano, 27 gennaio 2005 S008/05 PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA. Egregio Associato, PRONTO SOCCORSO Milano, 27 gennaio 2005 S008/05 PRONTO SOCCORSO IN AZIENDA Associazione Nazionale Aziende distributrici Prodotti e servizi per l ufficio, l informatica e la telematica Fondata nel 1945

Dettagli

MILANO antinfortunistica SRL

MILANO antinfortunistica SRL Milano 07/09/2015 Spett.le Cliente, con la presente comunichiamo che nei prossimi giorni inizieranno, a nostra cura, una nuova serie di corsi di formazione "antinfortunistica D.Lgs. 81/08 e s.m.i." tra

Dettagli

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M.

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. 388/03) ORGANIZZAZIONE: Responsabile del progetto formativo Ing. Giacinto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE SuIla Gazzetta Ufficiale n.27 del 3 febbraio 2004 è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.388 del 15 luglio 2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto

Dettagli

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI 01.CORSO R.L.S.. 02.CORSO INFORMAZIONE/FORMAZIONE. 03.CORSO PREPOSTI. 04.CORSO ANTINCENDIO.

Dettagli

MODULO SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER GESTORI DI RIFUGI ALPINISTICI ED ESCURSIONISTICI

MODULO SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER GESTORI DI RIFUGI ALPINISTICI ED ESCURSIONISTICI MODULO SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER GESTORI DI RIFUGI ALPINISTICI ED ESCURSIONISTICI INTRODUZIONE Il Club Alpino Italiano Regione Lombardia (CAI-Lombardia) è impegnato come

Dettagli

MODULO SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER GESTORI DI RIFUGI ALPINISTICI ED ESCURSIONISTICI

MODULO SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER GESTORI DI RIFUGI ALPINISTICI ED ESCURSIONISTICI MODULO SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO PER GESTORI DI RIFUGI ALPINISTICI ED ESCURSIONISTICI INTRODUZIONE Il Club Alpino Italiano Regione Lombardia (CAI-Lombardia) è impegnato come

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 DATA: 27/01/2005 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Personale / Resp. Servizio Prevenzione e Protezione / Resp. Formazione / Addetti Primo Soccorso DA/FROM: TECNOLARIO

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente.

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente. IL PRIMO SOCCORSO Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 mette in capo al Datore di Lavoro l obbligo di prendere i provvedimenti necessari in tema di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

Dettagli

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Primo Soccorso (corso di aggiornamento)

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Primo Soccorso (corso di aggiornamento) Corso di formazione per Addetto al Servizio di Primo Soccorso (corso di aggiornamento) - AZIENDE GRUPPO A - B - C - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci

Dettagli

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale edizione Art. 34, 36, 37 D.Lgs. 81/2008 (ex Art. 22 D.Lgs. 626/97 Modificato con D.Lgs. 388/03) Gruppo A (16 ore)

Dettagli

Catalogo dell Offerta Formativa TecnoAmbiente Srl

Catalogo dell Offerta Formativa TecnoAmbiente Srl Catalogo dell Offerta Formativa TecnoAmbiente Srl Sommario Addetto lotta agli incendi - Luogo di lavoro a rischio di incendio basso - DM 10/03/1998... 2 Addetto lotta agli incendi - Luogo di lavoro a rischio

Dettagli

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS IL PRIMO SOCCORSO A cura

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SCIALOIA 21 PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) DELLA SCUOLA PRIMARIA CALVINO via Scialoia 19 Milano DELLA SCUOLA SECONDARIA I BUONARROTI via Scialoia

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 14/2015

CIRCOLARE CLIENTI - N 14/2015 CIRCOLARE CLIENTI - N 14/2015 DATA: 01/04/2015 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Sicurezza-Ambiente DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL N : 0341/494210 FAX N 0341/250007 N PAG.: 6 Oggetto: Corso

Dettagli

Titolo rilasciato: Il rilascio dell attestato di partecipazione avverrà solo dopo aver effettuato almeno il 70% delle ore previste.

Titolo rilasciato: Il rilascio dell attestato di partecipazione avverrà solo dopo aver effettuato almeno il 70% delle ore previste. CORSI DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE DATORE DI LAVORO-RSPP secondo artt. 34 e 37 del D.Lgs. 81/08 ACCREDITATO 16 ECM (SETTORE SANITA : rischio ALTO 14 ore) Conforme alle indicazioni degli Accordi Stato-Regioni

Dettagli

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA

Dettagli

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Graziano Frigeri 1 graziano@euronorma.it Con sei mesi di ritardo rispetto alla scadenza originaria, il 3 Febbraio 2005bentra definitivamente

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO. AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08

CORSO DI PRIMO SOCCORSO. AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08 CORSO DI PRIMO SOCCORSO AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08 ARGOMENTI CORSO AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO per aziende di gruppo B e C (4 ore), ex D.M. 388/2003 e D.Lgs. 81/2008 UNICA

Dettagli

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI DELL'ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, DI EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO IN CASO DI PERICOLO GRAVE E IMMEDIATO, DI SALVATAGGIO

Dettagli

Primo soccorso in azienda

Primo soccorso in azienda Primo soccorso in azienda Articolo 15 D. Lgs. 626/94 1) Il datore di lavoro (omissis).. prende provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza.(omissis) 2) Il

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 1 Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 Primo Soccorso - Formazione per Addetti al Primo Soccorso

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

L organizzazione del Primo Soccorso

L organizzazione del Primo Soccorso Seminario SIRS L organizzazione del Primo Soccorso Dott. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena Modena, 19 dicembre 2013 La normativa Articolo 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI PORTO S. STEFANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ( D.M. 15 luglio 2003, n.388 ) 1 INDICE PAG. 1. GENERALITA 3 2. PRESIDI SANITARI 4 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 5 4. IL MEDICO

Dettagli

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE Con l entrata in vigore del nuovo Accordo Stato-Regioni avvenuta il 26 gennaio 2012, i contenuti formativi legati alla Sicurezza sul Lavoro hanno subito degli adeguamenti sostanziali, sia nei CONTENUTI,

Dettagli

Formazione per Addetti al Primo Soccorso

Formazione per Addetti al Primo Soccorso Formazione per Addetti al Primo Soccorso A chi è rivolto Lavoratori aziende gruppo A B C (vedi nota allegata). Obiettivi Migliorare le competenze pratiche per permettere a chi è incaricato di attuare gli

Dettagli

Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE

Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE Obiettivi del corso: Fornire i concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti, doveri

Dettagli

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Angelo Sacco Matteo Ciavarella Collana A B C INFORMAZIONE ESSENZIALE PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Manuale ad uso dei lavoratori Ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e del Decreto n. 388 del

Dettagli

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015 DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE Formazione sulla sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs 81/2008) e s.m.i PRESENTAZIONE Con il presente catalogo intendiamo sintetizzare le principali opportunità

Dettagli

CONOSCERE PER CRESCERE

CONOSCERE PER CRESCERE CONOSCERE PER CRESCERE FORMAZIONE / RICERCA / CONSULENZA IRES FVG PER LE AZIENDE Formazione su misura IRES FVG Impresa sociale progetta e realizza interventi formativi destinati al personale delle aziende.

Dettagli

FEBBRAIO 2015. Informazioni ed Iscrizioni: Antonella Moi amoi@confindustriaravenna.it Tel.0544/210499 Fax 0544/34565

FEBBRAIO 2015. Informazioni ed Iscrizioni: Antonella Moi amoi@confindustriaravenna.it Tel.0544/210499 Fax 0544/34565 FEBBRAIO 2015 : Aggiornamento di Primo Soccorso per aziende appartenenti al Gruppo A (D.M. n.388 del 15/07/03) 03/02/2015 ore 11.00-18.00 Aggiornamento della formazione degli Addetti al Primo Soccorso,

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO. CORSO DI FORMAZIONE ADDETTO PRIMO SOCCORSO Aziende Gruppo A D.Lgs. 81/2008 s.m.i., art. 46 e D.M. 15 luglio 2003, n 388

SICUREZZA SUL LAVORO. CORSO DI FORMAZIONE ADDETTO PRIMO SOCCORSO Aziende Gruppo A D.Lgs. 81/2008 s.m.i., art. 46 e D.M. 15 luglio 2003, n 388 SICUREZZA SUL LAVORO CORSO DI FORMAZIONE ADDETTO PRIMO SOCCORSO Aziende Gruppo A D.Lgs. 81/2008 s.m.i., art. 46 e D.M. 15 luglio 2003, n 388 16 ore PER TUTTI I SETTORI DI ATTIVITA Il corso di formazione

Dettagli

GESTIONE DELLA PROFESSIONE:

GESTIONE DELLA PROFESSIONE: PRESENTAZIONE PROPOSTA FORMATIVA.. Proposta formativa (Ai sensi del comma 6.2 delle Linee Guida e di Coordinamento attuative del Regolamento per l aggiornamento e sviluppo professionale continuo) GESTIONE

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE ed TU Titolo IV Cantieri temporanei o mobili 1 PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 dove parla del primo soccorso 2 Dlgs 81/2008+106/2009 allegato

Dettagli

A.O. G. SALVINI Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro

A.O. G. SALVINI Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro A.O. G. SALVINI Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro TARIFFARIO CORSI Unità Operativa con SISTEMA DI GESTIONE UNI EN ISO 9001:2008 CERTIFICATO FORMAZIONE PER I LAVORATORI 4 ore CORSO GENERALE

Dettagli

Destinatari Il corso è rivolto a tutti i lavoratori. Requisiti: Nessun requisito minimo.

Destinatari Il corso è rivolto a tutti i lavoratori. Requisiti: Nessun requisito minimo. Il Corso di Formazione ed Informazione per Lavoratori (tutti i livelli di rischio) assolve gli obblighi indicati nel D.lgs 81/08, T.U. Sicurezza e s.m.i. del D.Lgs. 106/09 e gli aggiornamenti dell'ultimo

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale.

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. InformaImpresa n. 43 del 03/12/04 Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. A distanza di quasi dieci anni è stato approvato e pubblicato

Dettagli

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI Gli accordi Stato- Regioni del 21 dicembre sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell 11 gennaio 2012.

Dettagli

CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING -

CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING - CATALOGO CORSI ANNO 2013 - E-LEARNING - (F.GEN-00-F) Destinatari: Tutto il personale dipendente, escluso il legale rappresentante Obiettivi del corso: Fornire i concetti di rischio, danno, prevenzione,

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: A.N.P.AS. (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO ANTINCENDIO (DECRETO MINISTERIALE 10/03/1998) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO ANTINCENDIO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 AGENFORM Centro di Formazione Professionale Viale Amendola Eboli(SA) Consulente Dott. Ing. Elena Chiappa FORMAZIONE:

Dettagli

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto 1 Riferimenti normativi Decreto Legislativo 19 settembre 1994 n. 626 capo VI Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997 Decreto

Dettagli

Primo Soccorso e gestione dell emergenza sanitaria aziendale: aspetti normativi, organizzativi e istruzione teorica e pratica

Primo Soccorso e gestione dell emergenza sanitaria aziendale: aspetti normativi, organizzativi e istruzione teorica e pratica OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU ID. 784 CORSO DI FORMAZIONE Primo Soccorso e gestione dell emergenza sanitaria aziendale: aspetti normativi, organizzativi e istruzione teorica e pratica Destinatari Il

Dettagli

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 150 EUR Location : Viterbo - Largo F. Nagni, 15 Livello :

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 150 EUR Location : Viterbo - Largo F. Nagni, 15 Livello : Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 150 EUR Location : Viterbo - Largo F. Nagni, 15 Livello : "Corso Primo Soccorso (durata 12 ore)" Il corso obbligatorio per addetto

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

ddestramento sicurezza sul lavoro Centro di formazione e addestramento per la sicurezza sul lavoro

ddestramento sicurezza sul lavoro Centro di formazione e addestramento per la sicurezza sul lavoro formazione ddestramento sicurezza sul lavoro Centro di formazione e addestramento per la sicurezza sul lavoro Centro di formazione e addestramento per la sicurezza sul lavoro La pubblicazione del D.Lgs.

Dettagli

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs. Ente Bilaterale Mantovano Commercio Turismo Servizi Organismo Paritetico Provinciale I. Parte generale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE DEL 09/11/2015

DECRETO DEL DIRETTORE DEL 09/11/2015 DECRETO DEL DIRETTORE DEL 09/11/2015 VISTO il vigente Regolamento per l affidamento di incarichi di lavoro autonomo; VISTO l avviso pubblico emanato in data 19/10/2015 rif. SL/2015 e pubblicato all Albo

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE CATALOGO FORMATIVO Percorsi di formazione trasversale pag. 1 INDICE: PAGINA ORE COSTO (IVA esclusa) PERCORSI DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN 3 MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Addetto antincendio - rischio

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI Anno Scolastico 2013 / 2014 ALLEGATO O Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

PROCEDURA DI FORMAZIONE INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

PROCEDURA DI FORMAZIONE INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO PROCEDURA DI FORMAZIONE INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO PREMESSA Tale si compone delle seguenti macro-aree: - procedura di formazione informazione e addestramento riportante campo di applicazione e destinatari,

Dettagli

Documento Valutazione Rischi

Documento Valutazione Rischi ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI In Memoria dei Morti per la Patria CHIAVARI Succursale: via Castagnola 15A Documento Valutazione Rischi (art.28 Decreto Legislativo n 81/2008) ISTITUTO

Dettagli

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE EMERGENZA EVENTO IMPROVVISO E PERICOLOSO CHE RICHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI. EVENTI LEGATI A RISCHI PROPRI DELL

Dettagli

Corsi di formazione organizzati da Bioikòs Ambiente (calendario 2014): PRIMO SOCCORSO ANTINCENDIO

Corsi di formazione organizzati da Bioikòs Ambiente (calendario 2014): PRIMO SOCCORSO ANTINCENDIO I Corsi di Bioikos Ambiente Antincendio e Primo Soccorso anno 2014 Circolare n. BA/4077/13/LE Bologna, 11 dicembre 2013 Spett. le Azienda, Corsi di formazione organizzati da Bioikòs Ambiente (calendario

Dettagli

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Il corso di Addetto Antincendio si prefigge di formare gli operatori in modo completo sulle tematiche relative alla gestione delle emergenze e sull estinzione

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Programma di formazione, informazione e. addestramento del personale addetto

Programma di formazione, informazione e. addestramento del personale addetto Programma di formazione, informazione e addestramento del personale addetto Approvato dal Dirigente Scolastico: ing. Michele Nicastri Verificato dal RSPP: ing. Di Pietro Angelo Presa visione del RLS aziendale:

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

03 agosto Entrata in vigore

03 agosto Entrata in vigore DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale,in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014 CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Formazione ed informazione

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI IL MINISTRO DELLA SALUTE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 24 gennaio 2011, n. 19 Regolamento sulle modalita' di applicazione in ambito ferroviario, del decreto 15 luglio 2003, n. 388, ai sensi dell'articolo

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE Da sempre la Scuola è un luogo di lavoro atipico, dove la presenza dei minori amplifica le problematiche legate al soccorso (che negli altri luoghi di

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO PIANO DI PRONTO SOCCORSO INDICE 1 - GENERALITÀ 2 - ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 3 - PROCEDURE IMPARTITE AGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 4 - PROCEDURE IMPARTITE AI LAVORATORI 5 - CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO Per primo soccorso si intende l insieme di comportamenti, manovre e cure da effettuarsi nell immediatezza di un infortunio o di un malore improvviso

Dettagli

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento Allegato II Schema di corsi di formazione per preposti e lavoratori, addetti alle attività di pianificazione, controllo e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si

Dettagli

Analisi del D.M. articolo per articolo:

Analisi del D.M. articolo per articolo: Decreto Ministeriale 15 luglio 2003 n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e

Dettagli

Circolare N.85 del 23 Maggio 2013

Circolare N.85 del 23 Maggio 2013 Circolare N.85 del 23 Maggio 2013 Dal 01.06.2013 obbligatorie le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che a partire dal 01.06.2013

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole PRIMO SOCCORSO: Aspetti organizzativi 7.13 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 Primo soccorso

Dettagli

CENNI DI LEGISLAZIONE

CENNI DI LEGISLAZIONE CENNI DI LEGISLAZIONE L articolo 593 del Codice Penale prescrive, in via generale, che ogni cittadino che trovi un corpo umano inanimato o una persona ferita o altrimenti in pericolo, deve prestare l assistenza

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Squadra di sicurezza In Istituto sono presenti n.18 persone addestrate e formate al Primo Soccorso L addetto di primo soccorso (PS) è una persona formata ed opportunamente addestrata

Dettagli

DENOMINAZIONE CORSO GENERE FAD AULA ORE TOTALI

DENOMINAZIONE CORSO GENERE FAD AULA ORE TOTALI CORSI SALUTE E SICUREZZA D. LGS. 81/08 e s. m. i. COMPRESI NELLA PIATTAFORMA E-LEARNING ERUDIO DENOMINAZIONE CORSO GENERE FAD AULA ORE TOTALI Formazione ed informazione Lavoratori (generale) Formazione

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 ALLEGATO REV DATA 19..26 IV INDICE PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE 1 INTRODUZIONE... 3 2 CLASSIFICAZIONE AZIENDA... 3 3 LUOGO DI SVOLGIMENTO

Dettagli

09 AGGIORNAMENTO ADDETTI ALL EMERGENZA RISCHIO MEDIO 10 AGGIORNAMENTO ADDETTI ALL EMERGENZA RISCHIO ELEVATO

09 AGGIORNAMENTO ADDETTI ALL EMERGENZA RISCHIO MEDIO 10 AGGIORNAMENTO ADDETTI ALL EMERGENZA RISCHIO ELEVATO ID CATALOGO FORMATIVO CORSO 01 FORMAZIONE PER LAVORATORI - RISCHIO BASSO 02 FORMAZIONE PER LAVORATORI - RISCHIO MEDIO 03 FORMAZIONE PER LAVORATORI - RISCHIO ELEVATO 04 AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI 05 FORMAZIONE

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO DIREZIONE DIDATTICA DI STATALE II CIRCOLO DI BOLLATE PIANO DI PRONTO SOCCORSO II CIRCOLO DIDATTICO DI BOLLATE - Scuola dell infanzia V. BACHELET - Scuola dell infanzia B. MUNARI - Scuola primaria M. MONTESSORI

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI)

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) PIANO DI PRONTO SOCCORSO ITCG G. Maggiolini via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO

Dettagli

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni Corsi di Formazione Sommario Sistemi di gestione 4 Modulo A Corso di Formazione per Auditor di Sistemi di Gestione Modulo A - uni en iso 19011 - Corso Qualificato

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli