Rassegna Web del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Web del 29.07.2014"

Transcript

1 Rassegna Web del POLITICA E ISTITUZIONI... 3 IL DECRETO ART BONUS È LEGGE, BLUNDO: SI SAREBBE DOVUTO ESCLUDERE SETTORE GIOCO DA DETRAZIONI PREVISTE... 3 DL TURISMO: PRECLUSI TUTTI GLI EMENDAMENTI, INCLUSI QUELLI CONTRO IL CREDITO D IMPOSTA ALLE SOCIETÀ DI GIOCO... 3 NEWSLOT E VLT... 3 SLOT. TAR, LEGITTIMO DINIEGO AGEVOLAZIONE AUTOIMPIEGO A SOCIETÀ DI GESTIONE... 3 PADOVA, SINDACO BITONCI: "STOP SALE GIOCO VICINO A LUOGHI SENSIBILI"... 4 SCOMMESSE, POKER E ONLINE... 4 TRIBUNALE DI MILANO CONFERMA SEQUESTRO GOLDBET: "CONCESSIONE STATALE ESSENZIALE PER RACCOLTA SCOMMESSE... 4 INSPIRED ANNUNCIA IL LANCIO DEI GIOCHI TEMPLE OF TREASURE E HOT FRUIT SPINNER IN ITALIA... 5 CRONACHE... 6 LA CASINÒ MUNICIPALE DI CAMPIONE D ITALIA S.P.A. CHIUDE IL SUO ULTIMO BILANCIO CON 23 MILIONI DI EURO DI PERDITA... 6 CONSIGLIO DI STATO CONFERMA: STOP A NUOVE LICENZE NEL CENTRO DI ROMA... 6 PRIMOCONSUMO: PROMOSSA LA PETIZIONE DIFENDIAMO I CITTADINI DAL GIOCO D AZZARDO... 7 OPINIONI E COMMENTI... 7 BINGO, BARBIERI (ASCOB): IL 15% DELLE ATTUALI SALE POTREBBE NON PARTECIPARE ALLA GARA... 7 ALLARA (PADDY POWER): 'LA POLITICA FAVORIRÀ IL RITORNO AL GIOCO ILLEGALE'... 8 A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI IL DECRETO ART BONUS È LEGGE, BLUNDO: SI SAREBBE DOVUTO ESCLUDERE SETTORE GIOCO DA DETRAZIONI PREVISTE (GIOCONEWS 29/07/2014) Il decreto Art bonus - approvato ieri dall Aula del Senato con 159 voti e 90 contrari e sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia prevede che le erogazioni liberali effettuate da privati ed imprese a favore della cultura beneficeranno della detrazione d imposta del 65%, spalmata in tre quote annuali e il cui importo non potrà superare il 15% del reddito del mecenate". Lo ha ricordato, intervenendo in Aula, la senatrice Rosetta Enza Blundo (M5S), che ha sottolineato che non si è voluto evitare che queste detrazioni vengano utilizzate anche da chi ha già beneficiato di notevoli detrazioni, come i gestori di giochi e scommesse online. Nel corso della discussione in commissione, erano stati proposti e respinti degli emendamenti che chiedevano, appunto, che il settore del gioco fosse escluso dalla possibilità di usufruire di queste detrazioni. DL TURISMO: PRECLUSI TUTTI GLI EMENDAMENTI, INCLUSI QUELLI CONTRO IL CREDITO D IMPOSTA ALLE SOCIETÀ DI GIOCO (AGIMEG - 29/07/2014) Approvato dall Aula del Senato l articolo unico del governo, interamente sostitutivo del dl recante disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo. L approvazione del testo del governo ha ovviamente precluso tutti gli emendamenti presentati al testo, inclusi quelli di M5S e Lega Nord che al fine di evitare il rischio che le erogazioni liberali ( ) possano costituire una forma di pubblicità indiretta chiedevano di non riconoscere il credito d imposta in relazione alla natura dell attività svolta, alle società del tabacco e del gioco d azzardo. im/agimeg NEWSLOT E VLT SLOT. TAR, LEGITTIMO DINIEGO AGEVOLAZIONE AUTOIMPIEGO A SOCIETÀ DI GESTIONE (JAMMA 29/07/2014) Il Tribunale Regionale del Lazio ha rigettato il ricorso di una società che si è vista negare l agevolazione previste dal D.Lgs 185/2000 per l autoimpiego e la microimpresa. IL FATTO In data , la ricorrente presentava ad Invitalia una domanda di ammissione alle agevolazioni ai sensi del D. lgs. n. 185/2000 richiedendo i benefici concessi in favore dell autoimpiego in forma di microimpresa, per l avvio di un attività imprenditoriale consistente nella gestione di apparecchi a moneta che consentono una vincita in denaro. Invitalia, avviava l attività istruttoria di valutazione tecnica del progetto, in conformità al D.M. 28 maggio 2001 n. 295 recante i criteri e le modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego, emanato in attuazione del D. lgs. 185/2000. In seno all attività istruttoria, la resistente rilevava gravi punti di criticità del progetto sotto il profilo della coerenza tra le caratteristiche del proponente e l iniziativa proposta, tali da compromettere la concreta realizzabilità in conformità alle finalità previste dalla normativa di riferimento. IL DIRITTO Per i giudici del Tar la normativa generale all art. 13 del citato D. lgs. 185/2000 afferma che le disposizioni del presente titolo sono dirette a favorire la diffusione di forme di autoimpiego attraverso strumenti di promozione del lavoro autonomo e dell autoimprenditorialità. Le disposizioni sono dirette, in particolare: a) a favorire l inserimento nel mondo del lavoro di soggetti privi di occupazione; b) a qualificare la professionalità dei soggetti beneficiari e promuovere la cultura d impresa. Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 3

4 Dunque, la norma presuppone che il proponente eserciti direttamente l attività d impresa ed abbia una professionalità adeguata all iniziativa proposta. Ne consegue, che le mere attività di noleggio di beni sono escluse dal finanziamento, poiché non costituiscono attività d impresa e non prevedono l apporto lavorativo diretto e continuativo del socio proponente, ponendosi in contrasto con i principi e le finalità delle misure incentivanti previste dal Legislatore in favore della microimpresa. Occorre aggiungere che, secondo pacifici principi giurisprudenziali, la principale finalità delle agevolazioni finanziarie alle imprese è il raggiungimento di precisi obiettivi produttivi, economici ed occupazionali in determinati settori e nei tempi previsti, per cui l intervento straordinario dello Stato, delle Regioni o degli enti locali a favore di imprenditori privati si giustifica proprio per la realizzazione di queste finalità ed è quindi ancorato a parametri assai rigidi, con la conseguenza che i beneficiari possono ottenere un ausilio nella realizzazione dei loro programmi di investimenti solo a determinate condizioni, fra le quali acquista un ruolo preponderante la effettiva e concreta consapevolezza da parte del soggetto proponente almeno degli aspetti fondamentali dell attività imprenditoriale proposta, tanto più che la concessione delle agevolazioni finanziarie alle attività produttive,proprio per rispondere all interesse pubblico per il perseguimento del quale le stesse sono state previste dal legislatore, deve essere preceduta da una valutazione particolarmente rigorosa dell assetto degli interessi coinvolti, pubblico e privato, al fine di assicurare la serietà degli interventi imprenditoriali ed evitare fenomeni lucrativi e speculativi o stratagemmi per un utilizzo distorto delle risorse pubbliche (cfr. Tar Puglia, Lecce, sez. I, n. 906). Orbene, nel provvedimento impugnato in epigrafe, Invitalia ha correttamente rilevato che l attività di mero noleggio di slot machines non comporta un coinvolgimento diretto e continuativo dei soci proponenti, in quanto le attività connesse all utilizzo delle macchinette a gettone vengono già espletate dagli esercizi commerciali dove queste sono installate. Il provvedimento evidenzia infatti che l iniziativa proposta non prevedendo alcuna forma di partecipazione operativa diretta e continuativa del soggetto proponente l attività imprenditoriale, risulta non coerente con quanto previsto dalla disciplina agevolativa di riferimento, la quale è preordinata ad assicurare, attraverso l erogazione di agevolazioni di Stato, la qualificazione della professionalità di soggetti privi di occupazione e la promozione della cultura d impresa in rapporto alla propria idea di auto impiego. Peraltro, sia nelle controdeduzioni presentate oltre il termine di giorni 10 prescritto dall art. 10 bis della L. 241/1990 dalla Società ricorrente ad Invitalia, che nell odierno ricorso, si asserisce il coinvolgimento diretto e personale dei soci senza fornire alcuna prova in merito. PADOVA, SINDACO BITONCI: "STOP SALE GIOCO VICINO A LUOGHI SENSIBILI" (GIOCONEWS 29/07/2014) "Impedire l'apertura di nuove sale giochi vicino alle chiese, alle aree residenziali, alle scuole". E' l'obiettivo del neo sindaco di Padova Massimo Bitonci, che ha annunciato la creazione di un tavolo di lavoro comune fra forze dell'ordine e amministrazione comunale. L'iniziativa, discussa nel corso di un incontro tenutosi al Comitato per l Ordine e la Sicurezza Pubblica insieme al prefetto Patrizia Impresa, al questore Ignazio Coccia, al comandante provinciale dei carabinieri Fabiano Salticchioli e quello della Finanza Guido Zelano, segue di pochi giorni la presentazione di un piano per decentrare le sale scommesse e giochi. Bitonci non è nuovo ad azioni che riguardano il tema del gioco pubblico e da senatore aveva presentato il disegno di legge recante Misure di contrasto al fenomeno della ludopatia e razionalizzazione dei punti di rivendita di gioco pubblico. SCOMMESSE, POKER E ONLINE TRIBUNALE DI MILANO CONFERMA SEQUESTRO GOLDBET: "CONCESSIONE STATALE ESSENZIALE PER RACCOLTA SCOMMESSE (GIOCONEWS 29/07/2014) Il Tribunale di Milano, con ordinanza del 18 giugno scorso, ha rigettato il ricorso per l'annullamento del decreto di sequestro preventivo dei locali e delle attrezzature di un centro Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 4

5 raccogliente scommesse in collegamento con la società Goldbet Sportwetten Gmbh in virtù dei principi contenuti nella sentenza della Corte di Giustizia del 12 settembre 2013 sul caso Biasci. Il Collegio ha richiamato i principi contenuti nella sentenza pronunciata dal Giudice dell'unione il 12/09/13, per cui gli articoli 43 e 49 del Trattato CE non ostano ad una normativa nazionale che imponga alle società interessate ad esercitare attività collegate ai giochi d'azzardo, l'obbligo di ottenere un'autorizzazione di polizia in aggiunta ad una concessione rilasciata dallo Stato al fine di esercitare simili attività e che limiti il rilascio di una simile autorizzazione segnatamente ai richiedenti che già sono in possesso di una simile concessione. TRATTATO CE - Gli articoli 43 e 49 del Trattato CE devono essere interpretati nel senso che la circostanza che un operatore disponga nello Stato membro in cui è stabilito di un'autorizzazione che gli consente di offrire giochi non osta a che un altro Stato membro, nel rispetto degli obblighi stabiliti dal diritto dell'unione, subordini al possesso di un'autorizzazione rilasciata dalle proprie autorità la possibilità, per tale operatore, di offrire siffatti servizi a consumatori che si trovino nel suo territorio. Rileva il Tribunale come tali principi discendano dalla necessità, per ciascuno Stato, di sottoporre a controllo, per ragioni di ordine pubblico e sicurezza, l'attività in oggetto, pur con l'obbligo di garantire parità di trattamento tra le società partecipanti ai bandi per l'attribuzione delle concessioni a livello nazionale. SIMBALDI: "INTERPRETAZIONE RIGOROSA DEL DIRITTO UE" - Osserva l'avvocato Chiara Sambaldi come il Collegio, nella veste propria di giudice nazionale chiamato ad applicare le fonti del diritto europeo, "ha adottato un'interpretazione rigorosa degli stessi con particolare attenzione alla ratio giustificativa della normativa italiana in materia (prevenzione della degenerazione criminale), richiamando i principi affermati dalla Corte di Giustizia Ue, con la sentenza sul caso Biasci. RISCHI PER L'ORDINE PUBBLICO - Infatti, si legge nell'ordinanza disapplicare la norma penale di cui all'art. 4 L. 401/89 comporterebbe la totale libertà per chiunque di raccogliere scommesse anche in condizioni che comporterebbero seri rischi per l'ordine pubblico. Basti pensare alla possibilità che tale attività venga gestita da soggetti appartenenti alla criminalità organizzata o che i relativi centri siano indiscriminatamente aperti a soggetti in situazione di fragilità o pregiudicati. PROCEDIMENTO SENZA ESITO - Il Tribunale prende atto del nuovo rinvio pregiudiziale disposto dal Consiglio di Stato e dalla Corte di Cassazione relativamente alla normativa di cui alla gara cd 'Monti' G.U. U.E. del 31/7/12, evidenziando come in questa fase sarebbe pertanto un fuor d'opera avventurarsi in interpretazioni del diritto europeo affermando eventualmente l'illegittimità della gara e facendone discendere la disapplicazione della norma penale liberalizzando in tal modo completamente un settore con evidenti implicazioni di ordine pubblico. Allo stato, infatti, il procedimento in Corte di Giustizia, è senza esito. INSPIRED ANNUNCIA IL LANCIO DEI GIOCHI TEMPLE OF TREASURE E HOT FRUIT SPINNER IN ITALIA (JAMMA 29/07/2014) Inspired Gaming Group (Inspired), l azienda internazionale specialista di VLT e SBG, ed uno dei principali fornitori di VLT in Italia e di Sport Virtuali nel mondo, è lieta di annunciare il lancio di 2 giochi premium sulla sua piattaforma Open VLT in Italia, Temple of Treasure e Hot Fruit Spinner. Entrambi i giochi, dopo aver passato i test SOGEI ed aver ricevuto l approvazione AAMS sono adesso disponibili per gli appassionati delle VLT nelle sale di tutt Italia. Temple of Treasure è un gioco premium FreeSpin firmato Inspired con un accattivante design egiziano. Il gioco include 5 rulli e 10 linee di vincita con Extra Spins per garantire una durata di gioco più lunga e dare la possibilità di vincere fino a con il Bonus Free Spin. Il gioco, grazie all esclusiva quota a 1 per 5 giri unica nel mercato Italiano delle VLT, attrae soprattutto il giocatore in tempo reale. Hot Fruit Spinner è un gioco slot easy play con un design piccante con tema a frutta ed un nuovissimo ed entusiasmante Bonus Rischio Hot Spin esclusivo nel mercato italiano delle VLT. Il gioco base è dotato di 3 rulli e 10 linee di vincita. Le vincite posso essere scambiate per degli Hot Spins che si giocano su 4 serie di rulli con una probabilità di ripetitore maggiore in grado di aggiudicare premi fino a Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 5

6 Vitaliano Casalone, Presidente di Inspired Italia, ha commentato: Inspired è estremamente entusiasta di aggiungere questi 2 fantastici giochi slot ai suoi prodotti VLT multi-game in Italia. Siamo fiduciosi che questi giochi, per i loro bonus esclusivi, otterranno una grande popolarità tra i giocatori italiani. Lanceremo a brevissimo nuove hit firmate Inspired al fine di garantire ai nostri clienti italiani una libreria di giochi dinamica ed in constante miglioramento. Inspired fornisce la sua tecnologia VLT / SBG ad i maggiori operatori italiani quali Sisal, Lottomatica e Bplus; a breve la piattaforma di Inspired sarà live anche con il Gruppo HBG e con Cogetech. Inspired fornisce oltre VLT ed è oggi uno dei 3 maggiori fornitori di VLT del panorama italiano. Inspired, inoltre, rappresenta il fornitore numero uno in Italia ed in tutto il mondo di Sport Virtuali e ricopre oggi oltre sale in tutta Italia con operatori quali SNAI, Lottomatica, Sisal, Eurobet, Cogetech, Intralot, Gamenet and Microgame. CRONACHE LA CASINÒ MUNICIPALE DI CAMPIONE D ITALIA S.P.A. CHIUDE IL SUO ULTIMO BILANCIO CON 23 MILIONI DI EURO DI PERDITA (JAMMA 29/07/2014) La Casinò Municipale di Campione d Italia S.p.A. chiude il suo ultimo bilancio con 23 milioni di euro di perdita. Nei prossimi giorni sarà costituita ufficialmente la nuova società di gestione Casinò di Campione S.p.A., unipersonale, interamente posseduta dal Comune. Passando all analisi dei risultati, il casinò evidenzia come la redditività lorda (prima della corresponsione del contributo al Comune) della Casa da gioco si attesti comunque nel 2013 su circa 20 milioni di euro a fronte di circa 90 milioni di euro di incassi di gioco (22%). Per quanto riguarda la riduzione dei costi, lo sforzo complessivo è stato pari a 20 milioni di euro, ottenuti, in particolare attraverso il contributo dei lavoratori (contratto di solidarietà), tuttavia, il bilancio evidenzia come non sia possibile per l azienda ritornare ad un costo del lavoro precedente al contratto di solidarietà in scadenza ad ottobre L azienda è pertanto disponibile ad ogni soluzione, in linea con la proprietà, per garantire la continuità aziendale e il contributo al Comune per il pareggio del bilancio, nella convinzione che il tavolo della Prefettura possa contribuire al raggiungimento di un accordo condiviso, si legge. Va nella stessa direzione anche la dichiarazione del Sindaco, Marita Piccaluga: L esercizio 2013 chiude con un disavanzo che, per quanto inferiore a quello dell anno precedente, non ci permette di guardare serenamente al futuro, anche se i dati confermano il valore e le potenziali aziendali del Casinò. Il Comune di Campione d Italia ha quindi ben presenti le gravi difficoltà che tuttora permangono, ma è altresì consapevole di accingersi ad assumere la gestione di una società che oggi è più azienda di qualche anno fa e che, considerata la grave perdita che ancora registra, deve compiere tutti gli sforzi necessari per raggiungere il pareggio di bilancio. CONSIGLIO DI STATO CONFERMA: STOP A NUOVE LICENZE NEL CENTRO DI ROMA (JAMMA 29/07/2014) Il consiglio di Stato sconfessa il Tar del Lazio, salva il centro storico dalla liberalizzazione selvaggia e risparmia al sindaco Ignazio Marino la revisione della delibera (la 35 del 2010) che limita il rilascio di nuove licenze per la somministrazione di alimenti e bevande a Testaccio, Trastevere, Monti, San Lorenzo, Borgo Pio, in zona Celio e negli 11 rioni che compongono il cuore del I municipio. Tutto con una sola sentenza. I giudici di palazzo Spada con una sentenza del 17 luglio scorso hanno accolto l appello proposto dal Comune e bocciato quanto disposto dai colleghi del Tar, che in primo grado avevano dato il via libera all apertura di un nuovo locale in via di Monserrato. Una decisione arrivata sulla scorta del decreto Salva Italia, che per i magistrati di via Flaminia aveva reso obsoleto il contenuto dei regolamenti comunali e, di fatto, aperto la strada a nuove aperture nel centro storico da parte di qualsiasi tipo di negozio, sale slot comprese. Ora, però, il Consiglio di Stato impone il dietrofront: La tesi del Tar - scrivono in sentenza i giudici della quinta sezione - non è condivisibile. Il Comune - si legge ancora nel dispositivo - ha continuato ragionevolmente ad applicare il regolamento 35 del 2010? proprio come è accaduto nel cuore del centro storico, dove il Campidoglio ha ritenuto Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 6

7 necessario salvaguardare l assetto di via di Monserrato da trasformazioni connesse ad una commercializzazione esasperata, considerata la rilevanza storica del luogo. Si tratta di una sentenza importante - osserva l assessore alle Attività produttive del Campidoglio, Marta Leonori - perché salva il tessuto commerciale peculiare della nostra città, dalle botteghe artigiane ai tanti esercizi di vicinato. Tuttavia questo ricorso era frutto dei decreti nazionali per le liberalizzazioni. E allora credo che sia giunto il tempo di conferire maggiori poteri ai Comuni, in modo che possano incidere maggiormente nella tutela delle attività storiche, perché la totale deregulation può nuocere alle città, stravolgendone il volto. Nonostante la soddisfazione per il pronunciamento dei giudici che di fatto impedisce agli imprenditori di trasformare la città storica in una vera e propria giungla, la consigliera del I municipio Nathalie Naim non abbassa la guardia: Il centro di Roma non è ancora salvo. La delibera 36 del 2006, poi aggiornata nel 2009, autorizza l apertura 24 ore su 24 di attività considerate tutelate, come i laboratori artigianali alimentari e i negozi alimentari di vicinato. Questi regolamenti fanno si che in centro continuino ad aprire pub e birrerie con questo tipo di licenze. Il Comune intervenga al più presto. Un ragionamento condiviso da Roberto Tomassi dell Associazione residenti Campo Marzio, che aggiunge: Attendiamo che venga ultimato il testo unico sul commercio in via di approvazione in Regione. Senza un adeguata normativa si rischia di ridurre il centro storico di Roma a un parco divertimenti. Così si rischia lo spopolamento del cuore della città. PRIMOCONSUMO: PROMOSSA LA PETIZIONE DIFENDIAMO I CITTADINI DAL GIOCO D AZZARDO (AGIMEG - 29/07/2014) L associazione Primoconsumo ha promosso una petizione per difendere i cittadini dai rischi del gioco d azzardo.indirizzata al governo, la petizione chiede alle forze politiche di vietare i messaggi pubblicitari (così come avviene per il tabacco) concernenti il gioco con vincite in denaro; disporre il divieto di vendite promiscue di gioco in locali non dedicati esclusivamente al gioco; di promuovere campagne di informazione e sensibilizzazione sui rischi e i pericoli derivanti dal gioco d azzardo a partire dai contesti scolastici e di aggregazione giovanile con una quota parte del prelievo fiscale già in essere quale tassa di scopo per la sovvenzione della pubblicità progresso. L associazione chiede anche di destinare parte del prelievo fiscale derivante dai luoghi fisici di gioco (no internet) al finanziamento degli enti locali che oggi subiscono fortemente l impatto fisico e sociale del gioco e sanzionare chi consente giochi d azzardo attraverso internet in locali pubblici attraverso l installazione di pc o apparecchi idonei allo scopo. La petizione chiede anche di promuovere l adozione di un unico registro nazionale delle persone che chiedono l autoesclusione dai siti di gioco uniformando la disciplina per tutti i concessionari. I primi firmatari della petizione sono Riccardo Nencini, Viceministro alle infrastrutture (PSI); Enrico Buemi, capogruppo Aut-Psi-Maie; sen. Fausto Guilherme Longo(Psi); Claudio Bucci, responsabile Nazionale Psi. rg/agimeg OPINIONI E COMMENTI BINGO, BARBIERI (ASCOB): IL 15% DELLE ATTUALI SALE POTREBBE NON PARTECIPARE ALLA GARA (JAMMA 29/07/2014) Con questo bando, il 10-15% delle attuali sale bingo rischia di non partecipare. E non credo che verranno rimpiazzate da nuovi soggetti: i documenti di gara pubblicati finora sembrano di una semplicità estrema, non vengono minimamente prese in considerazione le difficoltà del settore. Il giudizio di Salvatore Barbieri, presidente di Ascob, è netto, anche se rimane la speranza che i capitolati correggano il tiro. Barbieri sottoliena che la situazione italiana è completamente cambiata rispetto alla gara di 12 anni fa: le sale ormai non sono più in grado di sostenersi con il solo bingo, anzi spiega a Agimeg, il 70-80% dei proventi lo traggono dagli apparecchi. IL bingo poi da quanto risulta a Ascob nel primo semestre del 2014 ha subito un altro calo, tra l 11 e il 13%. L acquisto di una concessione insomma è un investimento da valutare con attenzione. Inoltre, la nuova gara assegna titoli della durata di 6 anni Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 7

8 salvo rinnovo e ne servono almeno cinque per recuperare i costi sostenuti per aprire la sala, nel sesto anno si dovrebbe riuscire quindi a ammortare l investimento per l acquisto della concessione. Barbieri spiega quindi che è cambiato anche lo scenario in cui si va a operare: Basti pensare alle distanze dai luoghi sensibili che hanno adottato moltissimi comuni italiani. Chi partecipa alla gara in molti casi anche coloro che già hanno una concessione e la devono rinnovare dovrà avviare un lungo iter amministrativo, e magari anche intraprendere un contenzioso con il Comune proprio a causa della distanze minime che sono state introdotte in questi anni. Al contrario di quanto prevedeva la gara del 2002, spiega ancora il presidente di Ascob a Agimeg, non è stata adottato nessun criterio che determini il numero delle sale che si possono aprire in un comune sulla base di quello degli abitanti: Il rischio è che chi opera nelle zone meno remunerative sia spinto a spostarsi nelle grandi città, e che in queste ultime invece vi sia un numero eccessivo di sale. Un problema contiguo a quello della convivenza tra vecchie e nuove concessioni: Alcune delle vecchie concessioni sono partite con 6 anni di ritardo, di conseguenza scadranno solo nel In pratica chi ha partecipato alla vecchia gara, lo ha fatto calcolando che in quel comune avrebbero aperto un numero determinato di sale. Adesso invece potrebbe ritrovarsi un numero di competitor decisamente più elevati. Ascob avrebbe voluto insomma una gara molto diversa: Si sarebbe dovuto attendere che le tutte concessioni scadessero facendo leva sulle questioni di ordine pubblico, le uniche che l UE non può sindacare per consentire a tutti di operare nelle stesse condizioni. Oppure si sarebbe dovuta lanciare una gara simile a quella delle concessioni per il gioco online, con una finestra temporale molto ampia per acquisire la concessione. Invece non solo tutte le proposte che abbiamo fatto ai Monopoli in questi anni a quanto pare sono state disattese, ma gli operatori non sono stati nemmeno interpellati prima di lanciare la gara. ALLARA (PADDY POWER): 'LA POLITICA FAVORIRÀ IL RITORNO AL GIOCO ILLEGALE' (GIOCONEWS 29/07/2014) Dopo il grido 'No slot', arriva anche quello, 'no gioco online'. Peccato che tutto questo continui a essere un ostacolo al gioco legale dotato di licenza Adm e lascia ovviamente campo libero al ritorno dell'illegalità, delle bische e di altre problematiche legate alla sicurezza e all'evasione fiscale. E nel suo blog, Alessandro Allara, direttore della comunicazione di Paddy Power Italy, ha sviscerato il problema seguendo le linee di principio riassunte nell'incipit di questo articolo. "Al grido di "No Slot", motto ormai propagatosi come certificato di purezza dell'ho.re.ca., bandiera blu del buon bere, denominazione di origine protetta dell'esercente modello, e che comunque meriterebbe più di un dibattito al posto di certe sterili propagande politiche travestite, si è deciso di rendere off-limits, nella rete wi-fi free messa a disposizione dal Comune nella zona centrale del capoluogo emiliano, i siti di gioco legali: siti di scommesse sportive, poker, bingo (e ovviamente anche Casinò, con le famose slot) dotati di licenza AAMS", esordisce Allara. La situazione è grave e non sembra funzionare: "In poco tempo siamo passati dal tentativo (mal riuscito) di inibire i siti non autorizzati al tentativo (efficace) di bloccare quelli autorizzati: siamo nuovamente in una situazione paradossale che, ancora una volta, dimostra come il dialogo sia necessario per identificare degli obiettivi e costruire un percorso che produca dei risultati - prosegue Allara - caro Assessore Monti, il solo risultato che otterrà con questa iniziativa sarà dare una mano agli operatori di gioco non autorizzati: certo, perché questi operatori sono presenti sul territorio e veicolano i propri utenti direttamente su siti.com non autorizzati e privi delle procedure presenti sui.it, procedure pensate e messe in atto a tutela del cosumatore. Con questa iniziativa stiamo dicendo che i cattivi sono gli operatori che hanno fatto investimenti, che hanno assunto, che hanno formato talenti e stiamo dichiarando che i buoni sono quelli che operano da paradisi fiscali senza stabile organizzazione, quelli che non pagano le tasse, quelli che non creano occupazione se non un sottobosco di nero veicolato attraverso negozi che oggi-ci-sono-e-domanichissà. Dov'è la logica, anche politica, in tutto questo? E dov'è l'interesse a tutelare le categorie più deboli se lasciamo che tali categorie popolino punti vendita che, sulla carta, non dovrebbero esistere ma che esistono di fatto e non si adoperano per monitorare e controllare il gioco all'interno di un ecosistema legale e protetto?". La politica sta sbagliando cura, secondo Allara: "Sono abbastanza demoralizzato da queste notizie, ve lo devo confessare. Il demone del gioco si è propagato a macchia d'olio e ha trasformato un problema sociale, Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 8

9 analogo a molti altri, in un fenomeno epidemiologico di dimensioni catastrofiche. La cura? Purtroppo la cura che la politica sta testando in questi giorni è la diffusione di un nuovo batterio, ben più pericoloso ed immune a future iniziative: il batterio del gioco illegale, del ritorno al nero, del ritorno alla "bisca". E sì, perché quello che non si vuole comprendere è che il mercato chiede prodotti di gioco e ci sono due modi per offrirglieli: un modo è quello regolato in cui il somministratore deve attenersi a certe regole ferree ma è aperto al dialogo per, eventualmente, riscrivere quelle regole in maniera più restrittiva, cercando di anticipare e stemperare certe tendenze di comunicazione che imporrebbero un proibizionismo dissennato; l'altro modo è quello del proibizionismo dissenato, appunto, che riporterebbe il gioco in mano a soggetti pericolosi e incontrollabili. Non vi rendete conto che il No Slot sta già riportando nelle strade totem di vari tipi collegati a siti esteri che offrono gli stessi prodotti, magari, ma a payout sconosciuti e mossi da software di dubbia provenienza? Questo è positivo per il vostro curriculum politico perché formalmente avete tolto le slot dalle strade (e certo, ce n'erano troppe, non sono certo qui a fare Don Chisciotte). Ma conoscete il prezzo reale di questa manovra? E ne immaginate gli effetti? Esisterà un riconoscimento sanitario del gioco patologico il giorno in cui avrete rimosso il germe del gioco dal mercato legale? Credo proprio di no: un fenomeno nero tornerà a parlare a malati immaginari". E poi il finalino: "Comprendo perfettamente di avere un approccio ultraliberista che, quindi, andrà indigesto a molti lettori. Ma non credo di aver abusato di teoria ultraliberista in questo mio pensiero, se non in un passaggio: che senso ha vietare se la richiesta è così forte da produrre, immediatamente, un ritorno al mercato illegale? Ai posteri l'ardua sentenza". Rassegna WEB di martedì 29 luglio 2014 Pag. 9

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Approvato con verbale n. 108 Consiglio Comunale del 20 ottobre 2010 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI sul DIRITTO di

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli