RICONOSCIMENTO MUTUO. Punti essenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICONOSCIMENTO MUTUO. Punti essenziali"

Transcript

1 RICONOSCIMENTO MUTUO DEI CAMPIONI DI MISURA NAZIONALI E DEI CERTIFICATI DI TARATURA E MISURAZIONE EMESSI DAGLI ISTITUTI METROLOGICI NAZIONALI Accordo redatto dal Comitato internazionale dei pesi e delle misure in virtù dell autorità ad esso conferita dagli Stati membri della Convenzione del Metro Obiettivi Punti essenziali L accordo di riconoscimento mutuo (ARM) è stato redatto dal Comitato internazionale dei pesi e delle misure in virtù dell autorità ad esso conferita dagli Stati membri della Convenzione del Metro; esso è destinato alla firma dei direttori degli Istituti Metrologici Nazionali (IMN) degli Stati membri della Convenzione stessa. stabilire il grado di equivalenza dei campioni di misura nazionali mantenuti dagli IMN; provvedere al riconoscimento mutuo dei certificati di taratura e misurazione emessi dagli IMN; fornire in questo modo ai Governi e ad altre parti un solido fondamento ad altri e più estesi accordi legati al commercio internazionale, agli affari ed alle attività di regolamentazione. Procedimento di attuazione confronti internazionali di misurazioni, denominati confronti chiave; confronti internazionali di misurazioni supplementari; messa in opera da parte degli IMN di sistemi di qualità e dimostrazione della propria competenza. Risultato dichiarazione, da parte di ciascun istituto, delle proprie capacità di misurazione, che vengono inserite in una banca dati gestita dal BIPM e pubblicamente accessibile tramite il Web. Impegno I direttori degli IMN firmatari dell accordo di riconoscimento mutuo hanno l approvazione delle competenti autorità del loro paese, e pertanto: accettano i procedimenti, specificati nell accordo, intesi a stabilire la banca dati; riconoscono i risultati dei confronti chiave e supplementari inseriti nella banca dati; riconoscono le capacità di misurazione e taratura degli altri istituti aderenti all accordo, riportate nella banca dati. 1

2 Restrizioni la firma dell accordo impegna gli istituti metrologici nazionali, ma non necessariamente altre agenzie del loro Paese; la responsabilità delle misure e delle tarature è unicamente dell istituto metrologico nazionale che le effettua, e non si estende, per effetto dell AMR, ad alcun altro istituto partecipante. Organizzazione il coordinamento è realizzato dal BIPM sotto gli auspici del CIPM, in virtù dell autorità ad esso conferita dagli Stati membri della Convenzione del Metro; i comitati consultivi del CIPM, le organizzazioni metrologiche regionali (OMR) ed il BIPM hanno la responsabilità dell organizzazione e della realizzazione dei confronti chiave e supplementari; un comitato congiunto delle OMR e del BIPM ha la responsabilità di esaminare le capacità di misurazione e taratura dichiarate dagli IMN, allo scopo di inserirle nella banca dati. 2

3 Premessa Gli organismi nazionali di accreditamento e regolamentazione necessitano di accordi o di intese multilaterali che stabiliscano le condizioni alle quali accettare i certificati di taratura, di misurazione e di prova emessi dai laboratori accreditati in altri Paesi. La validità di tali accordi o intese è legata all'accuratezza dei campioni di misura nazionali e dei certificati di taratura e di misurazione emessi dagli istituti nazionali di metrologia (IMN) Il presente accordo provvede al riconoscimento mutuo dei campioni di misura nazionali e dei certificati di taratura e di misurazione emessi dagli istituti metrologici nazionali; esso si fonda sugli sforzi che ciascun istituto metrologico nazionale compie per legare le sue misure e le loro incertezze alle unità del Sistema Internazionale di Unità (SI). Allo scopo di stabilire i criteri di riconoscimento mutuo su basi oggettive, quest'accordo si basa su (a) i risultati di un insieme di confronti chiave effettuati secondo procedure specificate che conducono ad una valutazione quantitativa del grado di equivalenza dei campioni di misura nazionali, (b) la messa in opera da parte di ciascun INM di mezzi appropriati a garantire la qualità delle misurazioni e (c) la partecipazione effettiva di ciascun INM ad appropriati confronti supplementari. Il risultato complessivo di queste tre azioni indica alle istituzioni partecipanti il grado di fiducia che ciascuno può nutrire nei risultati da altri pubblicati, la qual cosa risulta in una maggiore fiducia reciproca. Ai fini del presente accordo, il grado di equivalenza dei campioni di misura è inteso nel senso di grado di compatibilità di detti campioni ai valori di riferimento determinati sulla base dei confronti chiave. I gradi di equivalenza indicano dunque in quale misura i campioni sono tra loro compatibili. Il valore di riferimento è detto valore di riferimento del confronto chiave e, nella maggior parte dei casi, può essere considerato una approssimazione buona, ancorché non necessariamente la migliore possibile, del valore della corrispondente unità SI. Il grado di equivalenza di un campione di misura nazionale è espresso quantitativamente dallo scostamento tra il suo valore ed il valore di riferimento del confronto chiave, accompagnato dall'incertezza di questo scostamento. Quest'accordo comprende due parti: nella prima, i firmatari riconoscono il grado di equivalenza dei campioni di misura nazionali degli istituti nazionali partecipanti; nella seconda, i firmatari riconoscono la validità dei certificati di taratura e di misurazione emessi dagli istituti partecipanti. Formalmente, questo documento costituisce un accordo di carattere tecnico tra i direttori degli istituti metrologici nazionali degli Stati membri della Convenzione del Metro; non è un trattato diplomatico. Esso è stato redatto dal Comitato internazionale dei pesi e delle misure (CIPM), conformemente alla Convenzione del Metro, della quale peraltro non costituisce un'aggiunta né sostituisce alcun articolo. I direttori che a suo tempo decidono di firmare l'accordo lo fanno con l'approvazione delle competenti autorità del loro Paese, siano esse governative o altre autorità ufficiali. E' probabile che la partecipazione a quest accordo aprirà la strada a più vasti accordi legati al commercio, agli affari ed alle attività di regolamentazione, firmati dalle 3

4 1 L'accordo autorità competenti di ciascun paese o regione, ed a tali accordi fornirà le basi tecniche. L'adesione al presente accordo da parte di Stati e di entità economiche associati alla Conferenza generale dei pesi e delle misure (CGPM) è possibile nella loro qualità di membri di un organizzazione metrologica regionale. 1.1 Questo documento costituisce un accordo tra istituti metrologici nazionali. Esso specifica le condizioni per il riconoscimento mutuo dei campioni di misura nazionali e della validità dei certificati di taratura e misurazione emessi dagli istituti metrologici nazionali. Esso è stato redatto dal CIPM in virtù dell'autorità che gli è conferita dall'articolo 10 (1921) del Regolamento allegato alla Convenzione del Metro. 1.2 Quest'accordo consta di due parti, come specificato nel successivo paragrafo 2; la prima parte riguarda i campioni di misura nazionali, la seconda i certificati di taratura e misurazione. 1.3 Gli istituti metrologici nazionali che, sottoscrivendola, partecipano all'accordo, possono scegliere di limitare la loro adesione alla prima parte, cioè al riconoscimento dei campioni di misura nazionali. 1.4 Ogni firmatario di quest'accordo è l istituto metrologico nazionale che la competente autorità, sia essa governativa o altra autorità ufficiale, del suo Stato, membro della Convenzione del Metro, ha investito della responsabilità dei campioni di misura nazionali. Per quegli Stati che a questo scopo hanno designato più di un istituto, l'accordo è firmata da un solo istituto per conto di tutti, ed il nome degli altri istituti è allegato al documento. 1.5 Gli istituti metrologici nazionali designati dagli Stati o dalle entità economiche associati alla CGPM possono partecipare a quest'accordo solo attraverso le loro organizzazioni metrologiche regionali mediante la firma di una dichiarazione allegata a quest'accordo. 1.6 Possono altresì partecipare a quest'accordo organizzazioni intergovernative e internazionali designate dal CIPM. 2 Scopo dell'accordo 2.1 Gli istituti metrologici nazionali partecipanti, elencati all'appendice A, riconoscono il grado di equivalenza dei campioni nazionali di misura, derivato dai risultati dei confronti chiave, per le grandezze ed i valori specificati nell'appendice B. Questo costituisce la prima parte dell'accordo. 2.2 Gli istituti metrologici nazionali partecipanti riconoscono la validità dei certificati di taratura e misurazione emessi dagli altri istituti partecipanti, per le grandezze ed i campi di misura specificati nell'appendice C. Questo costituisce la seconda parte dell'accordo. 4

5 3 Basi tecniche dell'accordo 3.1 La base tecnica di quest'accordo è costituita dall'insieme dei risultati via via conseguiti nei confronti chiave realizzati dai comitati consultivi del CIPM, dall'ufficio internazionale dei pesi e delle misure (BIPM) e dalle organizzazioni metrologiche regionali (OMR). Detti risultati sono pubblicati dal BIPM e conservati nella banca dati dei confronti chiave. Le prescrizioni tecniche dettagliate sono indicate nel Supplemento Tecnico di quest accordo. 3.2 I confronti chiave realizzati dai comitati consultivi e dal BIPM sono chiamati confronti chiave del CIPM ed i confronti chiave organizzati dalle organizzazioni metrologiche regionali sono chiamati confronti chiave delle OMR. Il collegamento tra i confronti chiave delle OMR ed i confronti chiave del CIPM deve essere assicurato da un certo numero di istituti che partecipano ad entrambi. I gradi di equivalenza dedotti dai risultati dei confronti chiave delle OMR hanno lo stesso status di quelli dedotti dai risultati dei confronti chiave del CIPM. 3.3 Un comitato congiunto delle OMR e del BIPM (JCRB), creato dal CIPM, è responsabile del coordinamento dei dati forniti dalle OMR e delle altre azioni che esse intraprendono per promuovere la fiducia nei certificati di taratura e di misurazione (vedi paragrafo 9.3). 4 Responsabilità dei comitati consultivi del CIPM I comitati consultivi hanno la responsabilità di scegliere i confronti chiave, il cui elenco è nell'appendice D, e di sancirne i risultati. Le responsabilità specifiche dei comitati consultivi sono fornite in dettaglio nel Supplemento tecnico. 5 Responsabilità delle organizzazioni metrologiche regionali Gli istituti metrologici nazionali firmatari dell'accordo s impegnano a mettere in atto in seno alle loro OMR le strutture che a queste permettano: a) di proporre ai comitati consultivi una scelta di confronti chiave; b) di condurre a termine i confronti chiave delle OMR descritti nel Supplemento tecnico e corrispondenti ai confronti chiave del CIPM; c) di partecipare allo JCRB (vedi paragrafi seguenti 9.3 e 9.4); d) di organizzare confronti supplementari e altre azioni volte a rinforzare la fiducia reciproca nella validità dei certificati di taratura e di misurazione emessi dagli istituti partecipanti (vedi seguente paragrafo 7.3). 6 Partecipazione ai confronti chiave e supplementari 6.1 La partecipazione ad un confronto chiave del CIPM è aperta ai laboratori che possiedono la massima competenza ed esperienza tecnica, vale a dire, di norma, ai membri del comitato consultivo competente. I laboratori che non sono membri di un comitato consultivo o non sono istituti metrologici nazionali devono essere nominati dall istituto nazionale designato, indicato al paragrafo 1.4, come responsabili dei campioni di misura nazionali. Nella scelta dei partecipanti il comitato consultivo si adopererà per assicurare un adeguata rappresentanza delle varie regioni. Può 5

6 accadere che il numero di laboratori partecipanti ai confronti chiave del CIPM venga limitato per ragioni tecniche. 6.2 La partecipazione ai confronti chiave di un'organizzazione metrologica regionale è aperta a tutti i membri della OMR e ad altri istituti che rispondano ai criteri dell'organizzazione regionali (compresi laboratori invitati esterni alla regione) e che abbiano la competenza tecnica adeguata allo specifico confronto. 6.3 La partecipazione ai confronti supplementari delle OMR è aperta agli istituti che rispondono alle condizioni specificate al paragrafo Fiducia nelle misure 7.1 La fiducia nelle misure è uno dei presupposti essenziali del commercio internazionale e facilita la maggior parte delle attività del mondo industrializzato. Questa fiducia già è molto diffusa: essa è basata sul SI, pietra angolare del sistema internazionale di misura, così come è realizzato dai laboratori metrologici nazionali. Obiettivo del presente accordo di riconoscimento mutuo è quello di estendere e rinforzare la fiducia internazionale già esistente nelle misurazioni. 7.2 E' auspicabile che gli istituti che partecipano a quest'accordo accrescano la fiducia nelle loro attività, di cui già godono, attraverso la pubblicazione di rapporti periodici sul loro lavoro, il loro invio al BIPM, la partecipazione alle conferenze su temi di loro competenza e alle attività promosse dal BIPM. 7.3 In aggiunta alla partecipazione ai confronti chiave ed a quelli supplementari definiti nel paragrafo 6, il riconoscimento dei certificati di taratura e di misurazione presuppone che venga attuata una delle seguenti procedure, allo scopo di assicurare il livello di mutua fiducia richiesto: e) Un IMN che scelga, per i suoi servizi di taratura e misurazione, di dotarsi di un sistema di qualità in conformità alla Guida ISO 25 (o equivalente) e attestato da un ente di accreditamento conforme alla Guida ISO 58, dichiara le sue capacità di taratura e misurazione (vedi paragrafo T.7) e le sottopone alla locale OMR per la presentazione al comitato congiunto, che le analizza e le include nell'appendice C. f) Un IMN che scelga, per assicurare la qualità delle misure, di mettere in atto mezzi diversi, o che scelga un altro sistema di qualità o un sistema conforme alla Guida ISO 25 ma senza valutazione esterna, dichiara le sue capacità di taratura e misurazione (vedi paragrafo T.7) e le sottopone alla locale OMR per revisione e trasmissione al comitato congiunto, che le analizza e le include nell'appendice C. La verifica delle competenze e delle possibilità di misura dichiarate può rendere necessario l'esame delle procedure utilizzate e la visita del laboratorio da parte di un IMN o di terzi di pari livello designati dall organizzazione metrologica regionale locale. 7.4 Quest'accordo non pretende di limitare in alcun modo la libertà di uno o più firmatari di stabilire altri accordi o intese di riconoscimento mutuo, conformi ai paragrafi 2.1 e 2.2, esterni all'accordo stessa. 6

7 8 Controversie relative a quest'accordo Quest'accordo viene messo in atto dal BIPM in stretto collegamento con i comitati consultivi e le organizzazioni metrologiche regionali che, in virtù dei precedenti paragrafi 4 e 5, hanno la responsabilità di condurre a buon fine i confronti chiave e di valutarne i risultati. Le controversie in merito alla messa in atto del presente accordo saranno innanzi tutto discusse in seno al comitato consultivo competente, o all'organizzazione metrologica regionale o al comitato congiunto. In caso di mancata composizione a questo livello, saranno presentate al CIPM. 9 Coordinamento 9.1 Il coordinamento delle attività legate a quest'accordo spetta al CIPM. 9.2 Il coordinamento dei confronti chiave è assicurato da consultazioni tra i comitati consultivi e le organizzazioni metrologiche regionali. 9.3 Il coordinamento dei confronti supplementari e delle altre azioni condotte dalle organizzazioni metrologiche regionali, allo scopo di rinforzare la fiducia nei certificati di taratura e misurazione, è di competenza del comitato congiunto (JCRB) creato dal CIPM. Questo comitato è costituito da rappresentanti delle OMR e presieduto dal direttore del BIPM. I compiti del comitato congiunto sono specificati nell'appendice E. 9.4 Il comitato congiunto, sotto la responsabilità del CIPM, è responsabile dell'analisi e dell'aggiornamento del contenuto dell'appendice C. 10 Responsabilità e obblighi relativi alle misure 10.1 Ciascun firmatario riconosce ed accetta che quest'accordo non crea né diritti né responsabilità né obblighi vincolanti sul piano del diritto nazionale o internazionale Ciascun firmatario riconosce ed accetta che per ciascun Paese il presente accordo si applica esclusivamente all istituto firmatario ed agli altri istituti che esso rappresenta. L'accordo non si estende necessariamente ad altre istituzioni aventi responsabilità in materia di metrologia o di regolamentazione in quel Paese La responsabilità delle misure prodotte nell'ambito del presente accordo ricade esclusivamente sull istituto che effettua le misurazioni. Né il CIPM, né il BIPM o i Comitati consultivi o le organizzazioni metrologiche regionali sono responsabili delle incertezze dichiarate o delle dichiarazioni relative alla qualità. 11 Firma dell'accordo di riconoscimento mutuo e data di validità 11.1 La procedura di attivazione del presente accordo è la seguente Nel corso della riunione dei direttori degli istituti metrologici nazionali tenutasi dal 23 al 25 febbraio 1998 i direttori sono stati invitati a siglare una bozza del presente accordo; 7

8 Nel corso della riunione dei direttori degli istituti metrologici nazionali che si terrà durante la 21 a CGPM nell'ottobre 1999 i direttori saranno invitati a firmare il presente accordo per un periodo iniziale di quattro anni. Nuovi firmatari potranno aderire a quest'accordo in qualunque momento, dietro semplice richiesta al direttore del BIPM Per ritirarsi dall'accordo, il direttore di un istituto firmatario notifica la sua decisone al direttore del BIPM sei mesi prima della data effettiva di rinuncia. Il direttore del BIPM informerà di questa decisone gli altri firmatari entro e non oltre un mese dal suo ricevimento Nel periodo dall'ottobre 1999, e fintantoché la prima campagna di confronti chiave e supplementari non sia stata portata a termine, e non siano stati attuati i sistemi di controllo della qualità definiti nel precedente paragrafo 7.3, il presente accordo funzionerà in modo transitorio. Valori provvisori dei gradi di equivalenza (Appendice B) saranno basati sui risultati dei confronti effettuati all'incirca dal 1988, saranno riesaminati ed approvati dal comitato consultivo competente per ogni campo e saranno inseriti nella banca dati dei confronti chiave menzionata al paragrafo 3.1. Le capacità di taratura e misurazione (Appendice C) saranno basate transitoriamente sui corrispondenti risultati, rivisti dalle organizzazioni metrologiche regionali ed esaminati dal comitato congiunto, secondo le procedure indicate nel paragrafo 7.3, e saranno inserite nella banca dati dei confronti chiave Al termine del periodo iniziale di quattro anni i firmatari potranno, con l'approvazione delle competenti autorità del loro Paese, siano esse governative o altre autorità ufficiali, apportare modifiche al presente accordo nel corso di riunioni, organizzate dal CIPM, tra i direttori degli istituti metrologici nazionali. 12 Status dei campioni di misura nazionali tarati dal BIPM o da un istituto metrologico nazionale. Il presente accordo non limita i diritti individuati nella Convenziona del Metro, che permettono agli istituti metrologici nazionali membri di far tarare i loro campioni nazionali dal BIPM o da un altro istituto metrologico nazionale. Il riconoscimento mutuo di questi campioni è subordinato alla successiva partecipazione a confronti chiave o supplementari (vedere precedenti paragrafi 3 e 6). 13 Istituti metrologici nazionali non membri di un'organizzazione metrologica regionale Gli istituti metrologici nazionali che desiderano aderire a quest'accordo, e non sono membri di una OMR, devono formare una nuova OMR o associarsi ad una OMR esistente per le finalità di quest'accordo, scegliendo la soluzione che ritengono più appropriata. Se nessuna delle due soluzioni è praticabile, dovranno ricercare accordi specifici. 14 Istituti metrologici nazionali membri di più organizzazioni metrologiche regionali 8

9 Gli istituti metrologici nazionali membri di più organizzazioni metrologiche regionali devono dichiarare con quale OMR parteciperanno alla seconda parte di quest'accordo. 15 Ammissione di nuove organizzazioni metrologiche regionali al comitato congiunto L'ammissione di una nuova organizzazione metrologica regionale al comitato congiunto è subordinata all'approvazione del CIPM. 9

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali

Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali A cura di Mercede Bergoglio e Anita Calcatelli I.N.R.M.

Dettagli

PROCEDURA CONCILIATIVA

PROCEDURA CONCILIATIVA PROCEDURA CONCILIATIVA PROTOCOLLO D INTESA tra Findomestic Banca S.p.A, con sede legale in Via J. Da Diacceto, 48 50128 Firenze (di seguito Findomestic ) e le Associazioni di Consumatori Adiconsum, Adoc

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione Camera dei Deputati Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici Audizione Schema di decreto legislativo concernente modifiche ed integrazioni del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 155, recante

Dettagli

Comitato di Coordinamento

Comitato di Coordinamento Coomitaatoo t ddi i Coooorddi r i nnaamenntoo e t ddeel llee Orrggaannizzzaazioonni i z zi i ddi i Vooloonntaarri l t i aatoo t ddellaa PPrrootezioonnee Civvili ill ee Reggoolaameenntoo e l t Art. 1 Premessa

Dettagli

Convenzione europea sul riconoscimento della personalità giuridica delle organizzazioni internazionali non governative

Convenzione europea sul riconoscimento della personalità giuridica delle organizzazioni internazionali non governative Traduzione 1 Convenzione europea sul riconoscimento della personalità giuridica delle organizzazioni internazionali non governative 0.192.111 Conclusa a Strasburgo il 24 aprile 1986 Approvata dall Assemblea

Dettagli

$UWLFROR$OWULSRVVLELOLGLULWWLD]LRQDELOL

$UWLFROR$OWULSRVVLELOLGLULWWLD]LRQDELOL &219(1=,21( (8523($ 68//(6(5&,=,2 '(, ',5,77, '(, 0,125, $GRWWDWD GDO &RQVLJOLRG(XURSDD6WUDVEXUJRLOJHQQDLRWUDGX]LRQHQRQXIILFLDOH 3UHDPEROR Gli Stati membri del Consiglio d Europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE),

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), 4.2.2.5. Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie in logopedia e dei diplomi delle scuole universitarie in terapia psicomotoria del 3 novembre 2000 La Conferenza

Dettagli

0.973.266.31. Accordo quadro

0.973.266.31. Accordo quadro Traduzione 1 Accordo quadro tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Romania concernente l attuazione del programma di cooperazione tra la Svizzera e la Romania destinato a ridurre le disparità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010)

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) B O Z Z A (da adattare alla situazione specifica ) PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) L anno duemiladieci,

Dettagli

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR)

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR) ALLEGATO 1 ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR) LE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di accrescere la sicurezza dei trasporti internazionali su strada,

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

SCHEMA CESI-ISPEZIONI

SCHEMA CESI-ISPEZIONI Pagina 1 di 6 SCHEMA CESI-ISPEZIONI ISPEZIONI DI TIPO A REGOLAMENTO Documento approvato dal Comitato Tecnico per la Certificazione del CESI (CTC) nella riunione del 23 Novembre 2006 [D042.02-CTC(Segr)]

Dettagli

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Norma AOMAS / Regolamento: revisione 2010 Versione definitiva: 2010-10-10 1 / 12 Informazioni sulla revisione La presente revisione del regolamento

Dettagli

Sistema Nazionale per l Accreditamento di Laboratori. Procedura per l'iscrizione ed il mantenimento degli Ispettori negli elenchi SINAL PT 0005

Sistema Nazionale per l Accreditamento di Laboratori. Procedura per l'iscrizione ed il mantenimento degli Ispettori negli elenchi SINAL PT 0005 Sistema Nazionale per l Accreditamento di Laboratori Procedura per l'iscrizione ed il mantenimento degli Ispettori negli elenchi SINAL PT 0005 Ente Federato PT-0005 PROCEDURA PER L ISCRIZIONE ED IL MANTENIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Industria e Taratura - novità, progetti, programmi Mario Mosca Direttore Dipartimento Laboratori di Taratura m.mosca@accredia.it 011 3 919 735 AFFIDABILITA &

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri ART. l - COSTITUZIONE È costituita un'associazione non riconosciuta, ai sensi e per gli effetti degli artt.

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE),

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), 4.2.2.3. Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare del 10 giugno 1999 La Conferenza

Dettagli

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA PREMESSO CHE l art. 7 del D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275 prevede la facoltà per le istituzioni scolastiche di promuovere accordi di rete per il raggiungimento delle proprie

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

La metrologia ed il controllo di qualità

La metrologia ed il controllo di qualità ACCREDIA L ente italiano di accreditamento La metrologia ed il controllo di qualità Torino, martedì 21 Gennaio 2014 Funzionario Tecnico di ACCREDIA DT Rosalba Mugno 1-36 Perché è importante la Riferibilità

Dettagli

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini Pag. 1 di 10 QA-EQDL20 Revisione n 1 del 29/03/2005 PROCEDURA DI AUDIT EQDL REVISIONI 1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA P. Fezzi/C. Morlacchi CONTROLLATA F. Filippazzi/

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP Pag. 1 di 10 PROCEDURA DI AUDIT EUCIP REVISIONI 1 10/05/04 Prima Emissione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA CONTROLLATA APPROVATA Funzione Funzione Qualità delle Certificazioni EUCIP Responsabile

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

LEGGE RECANTE RATIFICA

LEGGE RECANTE RATIFICA DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO ITALIANO E L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ UFFICIO REGIONALE PER L EUROPA CONCERNENTE L UFFICIO EUROPEO OMS PER GLI INVESTIMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa Art. 1 Composizione e sede L Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa (AIGO) ha sede in Roma, via

Dettagli

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008 PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SUI DIRITTI UMANI E LA BIOMEDICINA RELATIVO AI TEST GENETICI A FINI SANITARI (2008) Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI di B A R I REGOLAMENTO DEL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO per l Attività Formativa Professionale Continua degli Iscritti all Ordine Consigliatura

Dettagli

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Premessa Il Comune di Monte Urano riconosce, nelle numerose Associazioni e organismi di volontariato che senza fini di lucro operano

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN *

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * Art. 1 È costituita l associazione culturale denominata Istituto Internazionale Jacques Maritain, con sede sociale a Roma. Art. 2 L Istituto non

Dettagli

del 14 maggio 2004 (Stato 15 luglio 2011)

del 14 maggio 2004 (Stato 15 luglio 2011) Regolamento di organizzazione della Banca nazionale svizzera del 14 maggio 2004 (Stato 15 luglio 2011) Il Consiglio di banca della Banca nazionale svizzera (Consiglio di banca), visto l articolo 42 capoverso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL TAVOLO DEL VOLONTARIATO, AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 4, LETTERA G) DELLO STATUTO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL TAVOLO DEL VOLONTARIATO, AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 4, LETTERA G) DELLO STATUTO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 64 DEL 30/07/2003 REGOLAMENTO DEL TAVOLO DEL VOLONTARIATO, AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 4, LETTERA G) DELLO STATUTO COMUNALE ART. 1 - FINALITÀ Il Comune di Castel Maggiore,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale

Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale Traduzione 1 Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale Conclusa a Parigi il 17 ottobre 2003 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite per l educazione, la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 COMITATO ECOLABEL ED ECOAUDIT SEZIONE EMAS ITALIA PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 Rev.

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Statuto della E.MAlumni Association

Statuto della E.MAlumni Association STATUTO DELLA E.MALUMNI ASSOCIATION ASSOCIAZIONE DEGLI ALUNNI DEL MASTER EUROPEO IN DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE Preambolo Noi, Alunni del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, Aspirando

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale Bruxelles, 1 febbraio 2012 TAXUD/A3/017/2011 Final IT Ares(2012)

Dettagli

Scuola di Alta Formazione Master. Regolamento dei Corsi

Scuola di Alta Formazione Master. Regolamento dei Corsi Scuola di Alta Formazione Master Regolamento dei Corsi Sommario Introduzione... 3 Art. 1 - Definizioni... 3 Art. 2 - Principi generali e finalità... 3 Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi... 4 Art. 4 - Istituzione

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto iscritto nel registro delle persone giuridiche, ai sensi dell articolo 2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n.361 su istanza del 23 agosto 2013 della Prefettura

Dettagli

Allegato A. Regolamento dei corsi di Master. Art. 1 - Definizioni. Art. 2 - Principi generali e finalità. Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi

Allegato A. Regolamento dei corsi di Master. Art. 1 - Definizioni. Art. 2 - Principi generali e finalità. Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi Allegato A Regolamento dei corsi di Master Art. 1 - Definizioni Art. 2 - Principi generali e finalità Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi Art. 4 - Istituzione e attivazione Art. 5 - Corsi interistituzione

Dettagli

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Monte Porzio Catone Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI maggio 2005 ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E SEDE CAPO I 1) La consulta delle Associazioni di Monte Porzio Catone è un organismo democratico

Dettagli

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la 17000:2005 e l architettura concettuale di Giovanni Mattana INTRODUZIONE La valutazione della conformità di prodotti, sistemi,

Dettagli

0.946.292.492.3. Accordo

0.946.292.492.3. Accordo Traduzione 1 0.946.292.492.3 Accordo sul riconoscimento reciproco dei risultati delle prove di strumenti di misurazione tra l Istituto federale di metrologia (METAS) della Confederazione Svizzera e l Amministrazione

Dettagli

414.134.2 Ordinanza della direzione del PFL sulla formazione continua e sulla formazione approfondita al Politecnico federale di Losanna

414.134.2 Ordinanza della direzione del PFL sulla formazione continua e sulla formazione approfondita al Politecnico federale di Losanna Ordinanza della direzione del PFL sulla formazione continua e sulla formazione approfondita al Politecnico federale di Losanna (Ordinanza sulla formazione continua al PFL) del 27 giugno 2005 (Stato 30

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche ACCORDO tra la Regione Marche e il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche per favorire l inclusione socio-lavorativa di persone sottoposte a provvedimenti dell autorità giudiziaria.

Dettagli

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1.

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1. Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL Revisione 1. PROCEDURE ecolabel rev1 Premesso che : regolamento CE n. 1980/2000

Dettagli

REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL

REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL Articolo 1 Principi generali 1. Ai sensi di quanto previsto dall art. 2,

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

Determinazione N. 11/2003. del 14 maggio 2003

Determinazione N. 11/2003. del 14 maggio 2003 Il Consiglio Determinazione N. 11/2003 del 14 maggio 2003 SOA/379 Certificazione di sistema di qualità e dichiarazione della presenza di elementi significativi e correlati del sistema di qualità Considerato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Statuti Società svizzera sclerosi multipla www.sclerosi-multipla.ch

Statuti Società svizzera sclerosi multipla www.sclerosi-multipla.ch Statuti Società svizzera sclerosi multipla www.sclerosi-multipla.ch Art. : Nome e sede Con il nome di «Schweizerische Multiple Sklerose Gesellschaft», «Société suisse de la sclérose en plaques», «Società

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Assistente d ufficio con certificato federale di formazione pratica (CFP) dell 11 luglio 2007 (stato il 1 febbraio 2012) 68103 Assistente d ufficio

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO. 1..(cognome, nome,luogo e data di nascita, residenza, attività, nazionalità) 2..

ATTO COSTITUTIVO. 1..(cognome, nome,luogo e data di nascita, residenza, attività, nazionalità) 2.. (Schema atto costitutivo) ATTO COSTITUTIVO Addì.(giorno in lettere) del mese di.(in lettere) dell anno.(in lettere) nella.. di in via..di.(indicare il comune e lo Stato), si sono riuniti i signori: 1..(cognome,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

UN NUOVO QUADRO PER LE POLITICHE DI BILANCIO

UN NUOVO QUADRO PER LE POLITICHE DI BILANCIO UN NUOVO QUADRO PER LE POLITICHE DI BILANCIO La crisi del debito sovrano, che minaccia la stabilità dell'unione economica e monetaria, mette in luce l'urgente necessità di migliorare in modo sostanziale

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI 1 Disposizioni in materia di prestazioni pensionistiche Le Le norme in in materia pensionistica

Dettagli

Statuto Aggiornato 07 maggio 2011

Statuto Aggiornato 07 maggio 2011 CENTRO NAZIONALE PER IL VOLONTARIATO Studi ricerche e collegamento fra le Associazioni Statuto Aggiornato 07 maggio 2011 Art. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione denominata "Centro Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER L AMBIENTE approvato con approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 14/02/2005 Pagina 1 di 5 Art. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Bari istituisce la

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA Norme comuni a tutte le Lauree in Ingegneria

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA Norme comuni a tutte le Lauree in Ingegneria REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA Norme comuni a tutte le Lauree in Ingegneria Cap.1 - Commissioni di Laurea 11 Gennaio 1996 Art. 1 - Membri delle Commissioni di Laurea Le Commissioni per gli esami di

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005)

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) ART 1 - Istituzione dell Albo delle Associazioni Studentesche 1. Il Presente Regolamento disciplina le modalità di iscrizione

Dettagli

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali Statuti della SGfB I. Disposizioni generali Art. 1 Nome e sede Con la denominazione di Associazione Svizzera di Consulenza SGfB/Swiss Association for Counselling si è costituita un associazione ai sensi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO DELL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI PREMESSE

STATUTO DELL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI PREMESSE STATUTO DELL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI PREMESSE - L Associazione degli Spedizionieri di Trieste - L Unione dei Commercianti di Trieste - L Associazione degli Industriali di Trieste

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

Ordinanza del PF di Zurigo sulla formazione continua al PF di Zurigo

Ordinanza del PF di Zurigo sulla formazione continua al PF di Zurigo Ordinanza del PF di Zurigo sulla formazione continua al PF di Zurigo (Ordinanza sulla formazione continua al PF di Zurigo) 414.134.1 del 26 marzo 2013 (Stato 1 ottobre 2013) La Direzione scolastica del

Dettagli

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi NEU NOUVEAU NUOVO NOVO 12.03.2009 Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi Entrato in vigore il 1 aprile 2009 Titolo I Disposizioni generali Articolo

Dettagli

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO 3.4.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 98/3 COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO DECISIONE DEL COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO del 27 gennaio 2014 su un quadro di coordinamento

Dettagli