Relazione. sull'attivita e le ricerche svolte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione. sull'attivita e le ricerche svolte"

Transcript

1 Dottorato di Ricerca in Informatica, XIII Ciclo, Universita degli Studi di Salerno Corsi Corso : Logica fuzzy e polivalente Relazione sull'attivita e le ricerche svolte Dott. Maria Barra Anni Accademici Docenti : Pro. Giangiacomo Gerla e Antonio Di Nola Durata : 20 ore Periodo : Ottobre-Dicembre 1998 Luogo : Universita di Salerno Modalita esame : Seminari Superamento esame : Superato Corso : Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi distribuiti (ASDAD) Docenti : Prof. Alberto Negro Durata : 60 ore Periodo : Marzo-Maggio 1999 Luogo : Universita di Salerno Modalita esame : Seminari Superamento esame : Superato Corso : Linguaggi per basi di dati a oggetti (LBDO) Docenti : Prof. Antonio Albano (Universita di Pisa), Dr. Giuseppe Castagna (Laboratoire d'informatique de l'ecole Normale Superieure), Dr. Veronique Benzaken (Universite de Paris I et LRI) Durata : 20 ore Periodo : Maggio 1999 Luogo : SNDIS99: Scuola Nazionale dei Dottorati di Informatica delle Facolta di Scienze Modalita esame : Esercizi Superamento esame : Superato Corso : Reti di Petri Stocastiche: Modelli ed analisi (RPS) Docenti : Prof. Gianfranco Balbo (Universita di Torino) 1

2 Durata : 20 ore. Periodo : Maggio 1999 Luogo : SNDIS99: Scuola Nazionale dei Dottorati di Informatica delle Facolta di Scienze Corso : Modelli e linguaggi per la mobilita (MLM) Docenti : Dr. Davide Sangiorgi (INRIA Sophia Antipolis) Durata : 20 ore. Periodo : Maggio 1999 Luogo : SNDIS99: Scuola Nazionale dei Dottorati di Informatica delle Facolta di Scienze Modalita esame : Esercizi Superamento esame : Superato Seminari La sottoscritta ha partecipato ai seguenti seminari(sono indicati solo i piu' recenti): Web Based Intermediaris. Seminario tenuto il 12 Aprile 2000 presso l'universita di Salerno da Paul Maglio, PhD IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. WBI Applications. Seminario tenuto il 13 Aprile 2000 presso l'universita di Salerno da Paul Maglio, PhD IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. e ai seguenti Weekly Interaction Discussion Seminars presso IBM Almaden Research Center, San Jose, California. On the Role of Action in Human-Computer Interaction. Paul P. Maglio. IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. Using intermediaries to make 'interesting' aspects of Web content more salient. Andreas Dieberger. IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. Neil Scott, Project Leader and Chief Engi- Making Computers Accessible to Everyone. neer, Stanford University. Intro to an Internet Audio Chat/Phone System Ron Barber. Center, San Jose, CA. IBM Almaden Research Multi-modal Topical Event Mining. Center, San Jose, CA. Tanveer Syeda-Mahmood. IBM Almaden Research Automating Usability Assessment of Web Sites. Berkeley. Marti Hearst. University of California, On Designing Systems that Support Coherent Group Interactions: Rhyme and Punishment& You can Do a Lot with Little Colored Dots. Thomas Erickson. IBM T.J.Watson Research Center. 2

3 What is Cognitive Science? Wendy Ark. University of California San Diego. High-speed video-based eye tracking using the EyeLink system. Arild Drivdal. The Making of GUI Bloopers Je Johnson. UI Wizards, Inc. Interacting with E-Services. Adam Cheyer, Sr. Director of Advanced Products at VerticalNet Solutions. Automatic Detection of Salient Segment from Imperfect Speech Transcriptions. Ponceleon. IBM Almaden ResearchCenter. Dulce Chinese Input with Keyboard and Eye-tracking - An Anatomical Study. Shumin Zhai. IBM Almaden Research Center. Extending the Reach of Speech Technology - An inside view of the making of AOLbyPhone. John Kominek. Americo On Line. Dagit: An Architecture Supporting the Construction of Distributed User Interfaces. Rich Gossweiler and Eser Kandogan. IBM Almaden Research Center. Bogdan Dorohon- Architectures for Group Collaboration using Heterogeneous Devices. ceanu. Extreme Blue Projects.Kieran Lal. IBM Almaden Research Center. The role of ctive motion in gurative interpretations of motion verbs. Teenie Matlock. IBM Almaden Research Center. How to Teach a Fish to Swim. Stephen P. Farrell. IBM Almaden Research Center. Conferences La sottoscritta ha partecipato alla seguenti conferenze: SAC'00: ACM Symposium on Applied Computing , Como, Italy. NPUC 2000: The Eighth Annual NPUC (New Paradigms for Using Computers) 2000 Conference. July 27, IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. AH2000: International Conference on Adaptive Hypermedia and Adaptive Web-based Systems. August 28-30, Trento, Italy. WSDAAL'00: Sistemi Distribuiti: Algoritmi, Architetture e Linguaggi. Settembre 18-20, Ischia Napoli, Italy. CSCW2000: ACM Conference on Computer Supported Cooperative Work. Dicembre 2-6, 2000 Philadelphia, Pennsylvania NPUC 2001: The 9th Annual NPUC (New Paradigms for Using Computers) 2001 Conference. July 30, IBM Almaden Research Center, San Jose, CA.(USA). 3

4 Interessi di ricerca La ricerca si e svolta nel campo dei Sistemi Distribuiti sul World Wide Web per il quale sono state trattate le seguenti problematiche: User Modeling specialmente applicato a sistemi per il commercio elettronico [2] [3] con l'obiettivo di personalizzare le risposte del sistema sulla base delle crescenti interazioni degli utenti Monitoring delle attivita diweb server con l'obiettivo di facilitare le attivita' amministrative [18] e la scalabilita' del sistema [8] Sistemi Cooperativi sul Web in ambito Distance Learning [9] [12] Adattivita di Gruppo: Recommendation e Collaborative Filtering per supportare lsocial navigation e awareness sul web [14]. Le aree che sono state oggetto di attenzione nel corso di questi anni di attivita sono brevemente descritte nei seguenti paragra. Sistemi distribuiti sul World Wide Web. Con la crescita della rete Internet, l'interesse della comunita scientica e non, per i sistemi distribuiti, si focalizza sulla ricerca di applicazioni di facile utilizzo e supportate da qualunque piattaforma hardware e software. In particolare le applicazioni web hanno riscontrato un notevole sviluppo: da un lato il crescente aumento di servizi on-line applicati alle aree commercio elettronico, educazione a distanza, sistemi informativi, dall'altro la crescente necessita' di modicare tali applicazioni per aumentare le prestazioni, proponendo facile utilizzo, personalizzazione, scalabilita', gestione della sicurezza e privacy. Sistemi Adattivi per il Commercio Elettronico. Nell'area del Commercio Elettronico focalizziamo la nostra attenzione a quei sistemi basati su WWW e Internet che permettono l'acquisto di beni via rete telematica. L'obiettivo della ricerca in questo campo e quello di utilizzare al meglio le potenzialita della rete telematica come un mezzo potente, aperto e sicuro per mettere in comunicazione venditori e acquirenti. Le attivita di ricerca si muovono lungo due principali direzioni: i metodi per assicurare la sicurezza sulle transazioni e la adattivita dei sistemi, cioe la pesonalizzazione del servizio oerto. Un sistema di Commercio Elettronico puo essereunavetrina elettronica (dovee permesso solamente sfogliare un catalogo) oppure un commesso e cassa elettronica (dovee permesso eettuare un acquisto e pagare tramite moneta elettronica e si introduce un comportamento dierenziato del sistema a seconda del \tipo" di cliente che interagisce. In [1] viene presentato un modello in grado di sintetizzare ecacemente il comportamento di un cliente, attraverso la creazione di un prolo utente, durante la sua interazione con un sistema di Commercio Elettronico. La caratteristica piu interessante del modello e che esso risulta simmetrico in quanto modella allo stesso tempo sia il cliente che la merce che esso acquista. In tale maniera, il sistema e in grado (ad esempio) di rispondere a query del tipo \A cosa e interessato questo cliente? " cos come anche la (simmetrica) query \Quali clienti possono essere interessati a questa merce? ". Il modello permette anche di valutare retrospettivamente il proprio comportamento, in quanto fornisce una misura della adabilita delle previsioni cos come indicazioni circa il \tuning" del sistema stesso. Il modello presentato in [1] presupponeva la interazione tra un singolo venditore e diversi clienti. In [3], viene fornita una prima classicazione 4

5 dei sistemi di Commercio Elettronico, indicando laddove possono essere inserite comportamenti adattivi allo scopo di migliorare la qualita del servizio, sottolineando anche le necessita di security correlate alla necessita di preservare la privacy degli attori in una transazione di Commercio Elettronico. In [2] si sviluppa, invece il modello in direzione distribuita. Le problematiche in tale ambito risultano complicate dal problema di dover garantire la privacy sia ai clienti (che non desiderano, ad esempio, essere schedati e rintracciabili dai venditori) che ai venditori (che non desiderano divulgare le loro informazioni ai propri concorrenti). Il modello proposto raggiunge lo scopo di garantire la privacy agli attori di ogni transazione e prevede la creazione di una Proling Authority che raccoglie informazioni anonime e le mette a disposizione dei vari venditori. Tecniche avanzate per la rappresentazione dello stato di un server Web L'attivita di monitoring di un Web server e spesso dicile: una dicolta deriva dal fatto che gli strumenti attualmente disponibili consentono il monitoring delle attivita diunweb server, ma generalmente richiedono che l'utente (Webmaster) sia costantemente impegnato ad osservare display graci o indicatori sullo schermo, quando il monitoring e eettuato in tempo reale. Inoltre il problema e accentuato dal fatto che non e' semplice unire in una sola rappresentazione graca i molti parametri (http header, possono essere combinati per ottenere svariate rappresentazioni del comportamento di un Web server) che il Webmaster potrebbe volere monitorare. E in questo ambito che abbiamo sviluppato Web Melody [10] una tecnica che permette di monitorare il comportamento di un server, attraverso la sonicazione, cioe associando eventi descriventi l'attivita del server a suoni, cosi' da formare una melodia. Tale melodia puo essere ascoltata per riconoscere in tempo reale pattern di eventi predeniti rappresentanti anomalie nel comportamento o particolari attivita delweb server. L'obiettivo e quello di permettere aunwebmaster di ascoltare tale melodia, continuando a svolgere il proprio lavoro, ed essere richiamato prontamente da combinazioni di suoni. In Web Melody i suoni sono attentamente scelti cos che formano una naturale musica di background opportunamente studiata per non essere invasiva. A questo proposito, il sistema e' stato quindi sperimentato all'interno del Dip. di Inforatica ed Applicazioni dell'universita di Salerno, ottenendo i risultati presentati in [18]. L'obiettivo della sperimentazione era esplorare l'ecacia del Web server sonicato. Dalla sperimentazione risulta che la musica di background non distrae l'utente da un suo compito primario, mentre e' in grado di fornire informazioni sull'andamento delle attivita' del server, in particolare l'esperimento prova che non c'e alcun decremento di lavoro svolto nella attivita primaria, quando i partecipanti sono richiesti di prestare attenzione alla musica di background comparato a quando essi sono richiesti di non prestare attenzione alla musica. Rimane da provare che tale musica generata dal sistema puo' anche essere ascoltata per un lungo periodo di tempo, e che non induce fatica mentale all'ascoltatore. A tale proposisto stiamo sviluppando una estensione del sistema, Personal WebMelody, che dovrebbe permetterci di arontare questo problema fornendo una integrazione della musica generata dal sistema con sorgenti esterne. Personal WebMelody[16] e' infatti capace di mixare una sorgente audio esterna (cos come le MP3, CD musicali, radio etc.) con la sonicazione del Web server, per esempio fornendo l'informazione del carico del server attraverso un incremento/decremento del volume della sorgente esterna, e aggiungendo ad essa i suoni rappresentanti gli eventi. In [10] viene presentata la realizzazione del prototipo sviluppato per la sonicazione del Web server Apache. Esso presenta una architettura distribuita a tre 5

6 livelli, dal lato server un modulo esamina ogni richiesta ricevuta e determina l'occorrenza degli eventi da monitorare. Ogni occorrenza viene appropriatamente codicata e la sua codica viene passata ad un programma locato a un livello intermedio (middle-level) nella nostra architettura. Questo mette a disposizione le informazioni ricevute dal server ai client abilitati per la riproduzione sonora (player). Dipendente dalle attivita che si vogliono monitorare i dati ricevuti dal programma proxy possono richiedere l'elelaborazione prima di essere disponibili ai client. Sistemi Informativi per \Cooperative Workgroup" In molte organizzazioni il lavoro e supportato da sistemi distribuiti attraverso cui gli utenti possono comunicare e scambiare informazioni utili, ma anche collaborare allo svolgimento di alcune attivita. La Collaborazione su Rete ore prospettive notevoli, in particolar modo ore condivisione di risorse e spazi di lavoro agli utenti impegnati come gruppi di lavoro. Le nuove tecnologie permettono di costruire sistemi altamente integrati, multipiattaforma, e con caratteristiche di multimedialita, interattivita ed user-friendly che permettono la fruizione di svariate informazioni. In [9] abbiamo presentato il progetto e il prototipo di un sistema cooperativo sul Web specializzato per distance learning. Il sistema realizza una classe virtuale che permette ad un insegnante e alcuni studenti di partecipare on-line a una lezione altamente interattiva collaborando a varie attivita su risorse condivise. Sulla stessa linea di ricerca in [12] invece, abbiamo presentato un sistema TEST++ per il training degli studenti. Esso prevede lo svolgimento di sessioni di test che possono essere richieste dall'insegnante durante le lezioni oppure usate dagli studenti come esercitazione. Sistemi Adattivi per il Collaborive Work Nella vita di ogni giorno le persone eettuano le proprie scelte basandosi sulle opinioni fornite da altri esperti o/e amici o semplicemente seguendo le scelte fatte da molti altri. Il parere altrui viene riferito attraverso lettere, giornali, guide che consigliano lm, libri, ristoranti, localita' da visitare ecc.. Recommender system e collaborative ltering sono quei sistemi che cercano di migliorare e aumentare questo processo sociale. In un systema di reccomendation gli utenti forniscono recommendation che il sistema poi aggrega e distribuisce ad altri. In alcuni casi il processo di aggregazione e fondamentale mentre in altri importante e la qualita dell'associazione tra chi raccomanda una risorsa e chi la richiede. Molti sistemi richiedono che gli utenti valutino le risorse assegnando qualche valore o livello di qualita alla risora stessa, mentre altri cercano di valutare la qualita di una risorsa attraverso implicite azioni dell'utente su di essa, per esempio quanto tempo impiegano a leggere quella informazione. In collaborative ltering invece l'obiettivo e quello di predire le preferenze di un utente, sulla base di cio che un gruppo di utenti ha preferito. La mia attivita di ricerca e in questo momento focalizzata sulla denizione e la realizzazione di un Group Adaptive System (GAS) [14] per la fruizione cooperativa di informazioni sul Web. L'obiettivo e permettere a gruppi di utenti di navigare le risorse traendo vantaggio dalla navigazione eettuata da altri in uno stesso gruppo di interesse, attraverso la condivisione delle stesse risorse (paths e pages), di una hissory e una semplice attivita di interazione con gli altri 6

7 costituita da scambi di messaggi e note. La nostra ricerca mira alla denizione di un sistema che non solo sia in grado di associare persone(utenti di un sistema) in gruppi durante il normale svolgimento della loro attivita,maanche di supportare awareness delle attivita e fruizione adattiva delle informazioni. In [11] e stata presentata l'idea che sta alla base di questa ricerca: la condivisione di risorse web navigate individualmente attraverso uno spazio di informazione interattivo. Il lavoro descrive quali sono problemi che nascono quando si vuole modellare un gruppo anziche utenti singoli, e le tecniche che potrebbero aiutarci nella denizione di un tale modello. Le principali questioni su cui intendiamo investigare sono focalizzate su come le persone all'interno di un workgroup scoprono informazioni nell'attivita' di altri e, come possiamo costruire sistemi che facilitano questo processo di scoperta delle informazioni. In [14] viene descritto uno scenario di applicazione e una piu' approfondita vista del sistema. L'architettura del sistema sviluppato e a tre livelli: gli utenti devono poter accedere a ogni risorsa sulla rete e da ogni locazione cos scegliamo di implementare il sistema lato proxy. L'interfaccia utente e semplicemente un HTTP browser, vi sono 2 nestre quella cooperativa e quella di navigazione. La Collaborative View permette di rappresentare lo spazio di informazioni condviso: questo potrebbe essere staticamente organizzato (cioe presentare le stesse informazioni a tutti i membri del gruppo) o personalizzato secondo le preferenze di ogni singolo utente la Navigation View permette la fruizione delle documenti: i documenti sono presentati in modo da contenere gli strumenti per eettuare le annotazioni e le annotazioni lasciate dagli utenti. Tra le interazioni gia previste gli utenti possono annotare documenti, associare una rilevanza, ritrovare path e risorse gia' navigate da altri seguire recommendation. La adattivita sara quindi basata sulle interazioni siano esse implicite o esplicite. I dati provenienti dalle interazioni degli utenti saranno da un lato manipolati e studiati per determinare i suggerimenti del sistema, la rilevanza delle informazioni navigate e e le risorse che il gruppo condivide e come esse saranno presentate, dall'altro lato gli stessi dati saranno esaminati per determinare i gruppi, cioe per modellare l'appartenenza ai gruppi sulla base del comportamento dei partecipanti cioe esaminandone dierenze e similitudini. Lavori Pubblicati [1] M. Barra, G. Cattaneo, A. Negro, V. Scarano. \Symmetric Adaptive Customer Modeling in a Electronic Store". In Proc. of Third IEEE Symposium on Computers and Communications (ISCC) [2] M. Barra, G. Cattaneo, M. Izzo, A. Negro, V. Scarano. \Symmetric Adaptive Customer Modeling for Electronic Commerce in a Distributed Environment". In Proc. of International IFIP Working Conference on\trends in Distributed Systems for Electronic Commerce", Lecture Notes in Computer Science, Springer-Verlag Eds. June 3-5, [3] M. Barra, G. Cattaneo, M. Izzo, A. Negro, V.Scarano. \Commercio Elettronico: Adattivita, Sicurezza e Privacy". Atti del Convegno \Caboto '98: Il Commercio Elettronico per le Piccole e Medie Imprese" Venezia, Febbraio [4] M. Barra, G. Cattaneo, V. Scarano. \Architecture Design of a Distributed System for Cooperative and Remote Software Support and Maintenance". In Proc. of ReTIS '97 - Re-Technologies for Information Systems, December 1997, OCG Lecture Notes. Vol. 107 (1997) pp

8 [5] M. Barra, S. Ferrandino, V. Scarano. \WebSlide: A Slide Projector on World Wide Web". In Proc. of 14th International Conference on Advanced Science and Technology (ICAST) [6] M. Barra, S. Ferrandino, V. Scarano.\WebSlide: A Slide Projector on World Wide Web". In Journal of Journal of Science Educational and Tecnology, Vol. 8 No. 1, [7] M. Barra, A. Negro, V. Scarano. \When the Teacher learns: a Model for Symmetric Adaptivity". In Proc. of 2nd Workshop on Adaptive Systems and User Modeling on the WWW 8th Intl. World Wide Web Conference, Toronto, Canada, May 11-14, 1999 [8] M. Barra, G. Cattaneo, U. Ferraro, V. Scarano. JSEB Java Scalable service Builder: a tool for building scalable services In Proc. of IV Workshop on Sistemi Distribuiti: Algoritmi, Architetture e Linguaggi. L'Aquila Settembre, 1999 [9] M. Barra, G. Cattaneo, V. Garofalo, U. Ferraro Petrillo, C. Rossi, V. Scarano. \Teach++:A Cooperative Distance Learning and Teaching Environment". In Proc. of ACM Symposium on Applied Computing SAC2000. March 19-21, 2000 Como, Italy [10] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, A. Negro, V. Scarano. \WebMelody: Sonication of Web servers". In Proc. of The Ninth International World Wide Web Conference (WWW9). May 15-19, 2000 Amsterdam, Netherlands. [11] M. Barra. \Distributed Systems for Group Adaptivity on the Web". In Proc. of International Conference on Adaptive Hypermedia and Adaptive Web-based Systems. August 28-30, 2000 Trento, Italy. [12] M. Barra, S. Napolitano, G. Palmieri, V. Scarano, L. Zitarosa. \Adaptive Testing by Test++". In Proc. of International Conference on Adaptive Hypermedia and Adaptive Web-based Systems. August 28-30, 2000 Trento, Italy. [13] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, A. Negro, V. Scarano. WebMelody: Sonication Of Web Servers. In Proc. of Workshop su Sistemi Distribuiti: Algoritmi, Architetture e Linguaggi. Settembre 18-20, 2000 Ischia (Napoli), Italy. [14] M. Barra. \Group Navigation and Adaptation on the Web". In Proc. of ACM 2000 Conference on Computer Supported Cooperative Work. December 2-6, 2000 Philadelphia, Pennsylvania (USA). [15] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, A. Negro, V. Scarano. MMM: Multi- Modal Monitoring of Web Servers. Accepted in Journal IEEE MultiMedia, Computer Society. Special Issue [16] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, P. Maglio, T. Matlock, A. Negro, V. Scarano. Personal Web Melody Customized Sonication of Web Servers. In Proc. of WWW10. Tenth International world Wide Web Conference. May 1-5, Hong Kong. [17] M. Barra, G. Cattaneo, U. Ferraro Petrillo, V. Scarano. \JSEB Java Scalable service Builder: Scalable Systems for Cluster of Workstations". In Proc. of The 6th IEEE Symposium on Computers and Communications (ISCC 2001). July 3-5, Hammamet, Tunisia. 8

9 [18] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, A. Negro, U. Ferraro Petrillo, V. Scarano, P. Maglio, T. Matlock. \Personal Webmelody: Customized Sonication of Web Servers". In Proc. of The Seventh International Conference on Auditory Display (ICAD 2001). July 29- August 1, Helsinki, Finland. Baronissi, 16 Novembre 2001 Maria Barra 9

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: SP1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Web Content Management and E- Learning

Web Content Management and E- Learning Web Content Management and E- Learning Dott. Fabio Fioravanti fioravanti@sci.unich.it http://www.sci.unich.it/~fioravan Corso di Laurea in Economia e Management Facoltà di Scienze Manageriali UNICH - AA

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it Punto della Situazione Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di e-mail: cazzola@dico.unimi.it Slide 1 of 8 EOS-DUE: Informazioni Generali. L (responsabile), Lorenzo Capra e

Dettagli

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.1 3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.2 VLE: un Un ambiente VLE è un integrato ambiente integrato L idea di ambiente include la nozione di integrazione di funzioni e contenuti

Dettagli

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet.

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. COMMERCIO ELETTRONICO -Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. -Un qualsiasi tipo di transazione tendente a vendere o acquistare un prodotto

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Liliana Ardissono Gruppo di Intelligent User Interfaces Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino liliana@di.unito.it

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Scienze della Formazione e dell educazione Insegnamento: Laboratorio di informatica applicata alla didattica Docente Prof. Limone Pierpaolo

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

Analisi dello stato dell'arte dei siti Web nella PA centrale: problematiche generali di Pasquale Russo e Giovanna Sissa

Analisi dello stato dell'arte dei siti Web nella PA centrale: problematiche generali di Pasquale Russo e Giovanna Sissa Analisi dello stato dell'arte dei siti Web nella PA centrale: problematiche generali di Pasquale Russo e Giovanna Sissa Psicopatologia dei web quotidiani Quando è nato il WWW poche funzioni, pochi utenti:

Dettagli

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO SEZIONE 3. IL PROGETTO 3.1 Analisi di contesto Allo stato attuale le attività didattiche del Corso di laurea in Medicina e chirurgia sono strutturate in linea con il nuovo curriculum comunitario approvato

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Riassunto della Tesi: Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Relatore: Prof. E. Bertino Correlatore: Prof. V. Atluri Il crescente

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Introduction

Sistemi Mobili e Wireless Introduction Sistemi Mobili e Wireless Introduction Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Sistemi mobili e wireless: definizione

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Sommario. Introduzione Architettura Client-Server. Server Web Browser Web. Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli

Sommario. Introduzione Architettura Client-Server. Server Web Browser Web. Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli Sommario Introduzione Architettura Client-Server Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli Server Web Browser Web Introduzione La storia inizia nel 1989 Tim Berners-Lee al CERN, progetto WWW

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA 1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA

SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA Reti Informatiche SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA INTERNET Il prototipo della grande rete si chiamava ARPAnet ed alla fine del 1960 collegava i computer dell UCLA, dello Stanford

Dettagli

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica Paolo Perlasca Dipartimento di Informatica, Indirizzo: via Comelico 39/41, 20135 Milano Telefono: 02-503-16322 Email: paolo.perlasca@unimi.it Paolo Perlasca è ricercatore universitario confermato presso

Dettagli

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Ipertesti e Internet Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Ipertesto Qualsiasi forma di testualità parole, immagini,

Dettagli

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze 48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze C U R R I C O L A All interno del corso di laurea magistrale gli insegnamenti e le attività formative sono organizzate in modo da offrire percorsi

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

E-learning: la formazione on-line per il Call Center. Carlo Cozza Presidente e A.D. Opera Multimedia. L e-learning per il Call Center

E-learning: la formazione on-line per il Call Center. Carlo Cozza Presidente e A.D. Opera Multimedia. L e-learning per il Call Center E-learning: la formazione on-line per il Call Center Carlo Cozza Presidente e A.D. Opera Multimedia Milano, 6 dicembre 2001 Agenda Agenda Il mercato dell e-learning L e-learning per il Call Center Le tecnologie

Dettagli

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla IV edizione Anno Accademico 2009/2010 Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Università di Siena Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Marco Casini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Email: casini@ing.unisi.it - 4 Aprile 2008

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso]

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso] Presentazione del Corso 1 Premessa Il software libero/open source si è diffuso oltre le comunità di sviluppo, coinvolgendo altri attori che hanno individuato modelli di sviluppo sostenibili che lo rendono

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale

Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale Lezioni economico-sociali Programma di aggiornamento dei docenti 11/11/2013 1 Il Progetto Nel 2011 nasce il progetto di accompagnamento

Dettagli

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica A cura dello staff DOL Formazione online per insegnanti della scuola italiana si rivolge a docenti di qualsiasi livello

Dettagli

1 di 5 18/10/2012 01:36

1 di 5 18/10/2012 01:36 Server: localhost Database: corsi_parole_poli Tabella: orientamento Mostra Struttura SQL Cerca Inserisci Esporta Importa Operazioni Svuota Elimina Visualizzazione record 0-158 (159 Totali, La query ha

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

I METODI DI MONITORAGGIO. Indici e indicatori di di qualità del servizio

I METODI DI MONITORAGGIO. Indici e indicatori di di qualità del servizio I METODI DI MONITORAGGIO Indici e indicatori di di qualità del servizio Indici e indicatori di di qualità del servizio Indici e indicatori di di qualità del servizio Indici e indicatori di di qualità del

Dettagli

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2015

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GR AFICO MUSICALE LUCIANO BIANCIARDI CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2015 Agenzia Formativa Bianciardi Consorzio Istituti Professionali Associati

Dettagli

Approccio al BIM BUILDING INFORMATION MODELING

Approccio al BIM BUILDING INFORMATION MODELING Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 a.a. 2014-2015 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà

Dettagli

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE PREPARAZIONE ALL ESAME, PARTE II INGEGNERIA DEL SOFTWARE. La soluzione corretta è la c)

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE PREPARAZIONE ALL ESAME, PARTE II INGEGNERIA DEL SOFTWARE. La soluzione corretta è la c) DESIGN PATTERN Barrare con una X la lettera del diagramma delle classi che fra i seguenti rappresenta in modo corretto il design pattern architetturale Model View Controller (MVC) ESERCITAZIONE PREPARAZIONE

Dettagli

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software Viterbo, 10 Dicembre 2008 Presentazione a cura di Slide n.1 AVIPA: l'ambiente software Queste slides rappresentano le prime indicazioni sul lavoro

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIES IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS N. 196/2003

INFORMATIVA SUI COOKIES IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS N. 196/2003 INFORMATIVA SUI COOKIES IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS N. 196/2003 In osservanza di quanto previsto dagli artt. 13 e 122 del D.lgs 30 giugno 2003, nonché da quanto

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso WEB & GIS Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Contenuti del Corso 1. Introduzione 2. Internet e Tecnologia Web 3. Il server web: IIS, Apache, IIS 4. Il

Dettagli

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Privacy Policy In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo livello, tecnologia e soluzioni per la didattica.

Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo livello, tecnologia e soluzioni per la didattica. Progettiamo soluzioni per aiutare il docente di oggi a insegnare ai propri studenti ad avere successo domani. Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo

Dettagli

LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B

LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B Laurea Specialistica in Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione docente: Gabriella Taddeo mail: gabriella.taddeo@polito.it 1 SOCIAL NETWORK Lezione 10: test

Dettagli

STRATEGIE DI PERSONALIZZAZIONE PER SISTEMI DI COMMERCIO ELETTRONICO SUL WEB

STRATEGIE DI PERSONALIZZAZIONE PER SISTEMI DI COMMERCIO ELETTRONICO SUL WEB STRATEGIE DI PERSONALIZZAZIONE PER SISTEMI DI COMMERCIO ELETTRONICO SUL WEB L. Ardissono, A. Goy, G. Petrone e M. Segnan Dipartimento di Informatica Università di Torino Italia In questo articolo sono

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri.

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri. Il Servizio World Wide Web () Corso di Informatica Generale (Roberto BASILI) Teramo, 20 Gennaio, 2000 Il World Wide Web Storia : obbiettivi : tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri La Storia (1990)

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

prof. Mario Dalessandro

prof. Mario Dalessandro INTERNET Internet in pratica è una rete vastissima, costituita dall interconnessione di migliaia di reti pubbliche e private, utilizzata per scopi differenti, ma comunque volta a creare e diffondere informazioni.

Dettagli

L università degli Studi del Sannio

L università degli Studi del Sannio La ricerca condotta dall Università degli studi del Sannio e dalla Dida Network s.r.l. in tema di formazione avanzata per persone sorde ed in particolare i risultati del progetto: This project has been

Dettagli

CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO -

CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO - 1 CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO - Corsi di Laurea in Informatica, Ing. Informatica, Ing. di Internet (a.a. 2015-2016) Roberto Basili 2 Overview WM&R: Motivazioni e prospettive

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Caratterizzazionedei SistemiDistribuiti

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive Paolo Tortiglione E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive 2007 Paolo@tortiglione.com Evoluzione dei sistemi di apprendimento Perché fare E-Learning anche in campo musicale? Si è pensato di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea In Informatica Sviluppo di un'applicazione Android per i servizi studenti Relatore Chiar.mo Prof. Raffaele MONTELLA

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE Caro collega, grazie per la tua disponibilità. Compilando questo questionario, che richiederà solo 5 10 minuti, ci aiuterai a calibrare meglio la scelta

Dettagli

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Candidato: Paolo Romano Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Prof. Bruno Ciciani Sommario Il problema: garantire semantica exactly once alle transazioni Web. Sistema

Dettagli

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15 http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Laurea Magistrale L obiettivo della laurea magistrale in Ingegneria informatica (Master of Science

Dettagli

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione La presenza e il ruolo di ciascun utente nella sperimentazione è rilevato mediante il questionario di ingresso e il questionario di uscita (form):

Dettagli

MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS

MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS UN BUON MOTIVO PER [cod. E103] Questo corso combina i contenuti di tre corsi: Network Infrastructure Technology Specialist, Active

Dettagli

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 L'Open Source entra nell'e Learning Paolo Gatti http://www.paologatti.it E learning: introduzione Per e learning si intende la possibilità di imparare sfruttando la rete

Dettagli

I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta

I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta Company LOGO I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta Progetto Scuol@2.0 La scuola tra utopia e nuove tecnologie Alcuni suggerimenti per l uso Company LOGO LE PAROLE CHIAVE E-Learning Multimedialità

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

10 ore di Informatica

10 ore di Informatica 10 ore di Informatica prof. Gerardo OSTA Dip. di Informatica e Scienze dell' Informazione Maggio 2001 Aggiornamento: Ottobre 2007 Seconda parte osta --DISI 1 Basi di Dati Archiviare grandi quantita` di

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1 I Sistemi Informativi Geografici Laboratorio GIS 1 Sistema Informativo Geografico Strumento computerizzato che permette di posizionare ed analizzare oggetti ed eventi che esistono e si verificano sulla

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

1 Anno. 3 Anno. QUASAR DESIGN UNIVERSITY WEB AND INTERACTION - W&I - CORSO TRIENNALE COORDINATORE DIDATTICO: Emanuele Tarducci a.a.

1 Anno. 3 Anno. QUASAR DESIGN UNIVERSITY WEB AND INTERACTION - W&I - CORSO TRIENNALE COORDINATORE DIDATTICO: Emanuele Tarducci a.a. QUASAR DESIGN UNIVERSITY WEB AND INTERACTION - W&I - CORSO TRIENNALE COORDINATORE DIDATTICO: Emanuele Tarducci a.a. 2014-2015 TABELLA CAMPI DISCIPLINARI (INSEGNAMENTI) 1 Anno Campi disciplinari (insegnamenti)

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

L apprendimento della Chimica attraverso le Simulazioni

L apprendimento della Chimica attraverso le Simulazioni L apprendimento della Chimica attraverso le Simulazioni Massimo Angeloni IISS Carlo Alberto Dalla Chiesa, Montefiascone (VT) mas.angeloni@gmail.com Introduzione L insegnamento delle Scienze e in particolare

Dettagli

LA VALUTAZIONE AUTOMATICA DELL USABILITA DI SITI WEB

LA VALUTAZIONE AUTOMATICA DELL USABILITA DI SITI WEB LA VALUTAZIONE AUTOMATICA DELL USABILITA DI SITI WEB L.Paganelli, F.Paternò, M.Pizzolati CNUCE-C.N.R. Via G.Moruzzi 1, Pisa L'usabilità dei siti web si sta affermando come un elemento determinante per

Dettagli

INFORMATICA (1 2 3) INFORMATICA 1 (primo e secondo periodo)

INFORMATICA (1 2 3) INFORMATICA 1 (primo e secondo periodo) INFORMATICA (1 2 3) Sono previsti diversi moduli di Informatica, ciascuno dei quali prevede un esame e l acquisizione di 5 crediti. Il modulo A fornisce competenze di base di informatica e di uso del personal

Dettagli

La proposta formativa di WeCa Associazione Webcattolici Italiani LA COMMUNITY I SEMINARI E LEARNING IL PREMIO

La proposta formativa di WeCa Associazione Webcattolici Italiani LA COMMUNITY I SEMINARI E LEARNING IL PREMIO La proposta formativa di WeCa Associazione Webcattolici Italiani LA COMMUNITY I SEMINARI E LEARNING IL PREMIO La Community / Forum di WeCa http://forum.webcattolici.it Perché questo servizio 1. Mettere

Dettagli

ROBERTA LARASPATA. Phone: +39 0805963312 E-mail: roberta.laraspata@gmail.com

ROBERTA LARASPATA. Phone: +39 0805963312 E-mail: roberta.laraspata@gmail.com ROBERTA LARASPATA Phone: +39 0805963312 E-mail: roberta.laraspata@gmail.com FORMAZIONE Febbraio 2011 Ottobre 2007 Maggio 2007 Dottorato di Ricerca in Ingegneria dell Informazione Titolo della Tesi di Dottorato:

Dettagli

Laboratorio di Informatica I

Laboratorio di Informatica I Struttura della lezione Lezione 1: Le Architetture Distribuite Vittorio Scarano Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi Distribuiti Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno Le architetture distribuite

Dettagli

Nuove tecnologie: scenari e opportunità per gli studi professionali

Nuove tecnologie: scenari e opportunità per gli studi professionali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Nuove tecnologie: scenari e opportunità per gli studi professionali DAVIDE GRASSANO Membro della Commissione Informatica 1 Dicembre 2010 - Milano Agenda 1 Il software come

Dettagli