Relazione. sull'attivita e le ricerche svolte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione. sull'attivita e le ricerche svolte"

Transcript

1 Dottorato di Ricerca in Informatica, XIII Ciclo, Universita degli Studi di Salerno Corsi Corso : Logica fuzzy e polivalente Relazione sull'attivita e le ricerche svolte Dott. Maria Barra Anni Accademici Docenti : Pro. Giangiacomo Gerla e Antonio Di Nola Durata : 20 ore Periodo : Ottobre-Dicembre 1998 Luogo : Universita di Salerno Modalita esame : Seminari Superamento esame : Superato Corso : Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi distribuiti (ASDAD) Docenti : Prof. Alberto Negro Durata : 60 ore Periodo : Marzo-Maggio 1999 Luogo : Universita di Salerno Modalita esame : Seminari Superamento esame : Superato Corso : Linguaggi per basi di dati a oggetti (LBDO) Docenti : Prof. Antonio Albano (Universita di Pisa), Dr. Giuseppe Castagna (Laboratoire d'informatique de l'ecole Normale Superieure), Dr. Veronique Benzaken (Universite de Paris I et LRI) Durata : 20 ore Periodo : Maggio 1999 Luogo : SNDIS99: Scuola Nazionale dei Dottorati di Informatica delle Facolta di Scienze Modalita esame : Esercizi Superamento esame : Superato Corso : Reti di Petri Stocastiche: Modelli ed analisi (RPS) Docenti : Prof. Gianfranco Balbo (Universita di Torino) 1

2 Durata : 20 ore. Periodo : Maggio 1999 Luogo : SNDIS99: Scuola Nazionale dei Dottorati di Informatica delle Facolta di Scienze Corso : Modelli e linguaggi per la mobilita (MLM) Docenti : Dr. Davide Sangiorgi (INRIA Sophia Antipolis) Durata : 20 ore. Periodo : Maggio 1999 Luogo : SNDIS99: Scuola Nazionale dei Dottorati di Informatica delle Facolta di Scienze Modalita esame : Esercizi Superamento esame : Superato Seminari La sottoscritta ha partecipato ai seguenti seminari(sono indicati solo i piu' recenti): Web Based Intermediaris. Seminario tenuto il 12 Aprile 2000 presso l'universita di Salerno da Paul Maglio, PhD IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. WBI Applications. Seminario tenuto il 13 Aprile 2000 presso l'universita di Salerno da Paul Maglio, PhD IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. e ai seguenti Weekly Interaction Discussion Seminars presso IBM Almaden Research Center, San Jose, California. On the Role of Action in Human-Computer Interaction. Paul P. Maglio. IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. Using intermediaries to make 'interesting' aspects of Web content more salient. Andreas Dieberger. IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. Neil Scott, Project Leader and Chief Engi- Making Computers Accessible to Everyone. neer, Stanford University. Intro to an Internet Audio Chat/Phone System Ron Barber. Center, San Jose, CA. IBM Almaden Research Multi-modal Topical Event Mining. Center, San Jose, CA. Tanveer Syeda-Mahmood. IBM Almaden Research Automating Usability Assessment of Web Sites. Berkeley. Marti Hearst. University of California, On Designing Systems that Support Coherent Group Interactions: Rhyme and Punishment& You can Do a Lot with Little Colored Dots. Thomas Erickson. IBM T.J.Watson Research Center. 2

3 What is Cognitive Science? Wendy Ark. University of California San Diego. High-speed video-based eye tracking using the EyeLink system. Arild Drivdal. The Making of GUI Bloopers Je Johnson. UI Wizards, Inc. Interacting with E-Services. Adam Cheyer, Sr. Director of Advanced Products at VerticalNet Solutions. Automatic Detection of Salient Segment from Imperfect Speech Transcriptions. Ponceleon. IBM Almaden ResearchCenter. Dulce Chinese Input with Keyboard and Eye-tracking - An Anatomical Study. Shumin Zhai. IBM Almaden Research Center. Extending the Reach of Speech Technology - An inside view of the making of AOLbyPhone. John Kominek. Americo On Line. Dagit: An Architecture Supporting the Construction of Distributed User Interfaces. Rich Gossweiler and Eser Kandogan. IBM Almaden Research Center. Bogdan Dorohon- Architectures for Group Collaboration using Heterogeneous Devices. ceanu. Extreme Blue Projects.Kieran Lal. IBM Almaden Research Center. The role of ctive motion in gurative interpretations of motion verbs. Teenie Matlock. IBM Almaden Research Center. How to Teach a Fish to Swim. Stephen P. Farrell. IBM Almaden Research Center. Conferences La sottoscritta ha partecipato alla seguenti conferenze: SAC'00: ACM Symposium on Applied Computing , Como, Italy. NPUC 2000: The Eighth Annual NPUC (New Paradigms for Using Computers) 2000 Conference. July 27, IBM Almaden Research Center, San Jose, CA. AH2000: International Conference on Adaptive Hypermedia and Adaptive Web-based Systems. August 28-30, Trento, Italy. WSDAAL'00: Sistemi Distribuiti: Algoritmi, Architetture e Linguaggi. Settembre 18-20, Ischia Napoli, Italy. CSCW2000: ACM Conference on Computer Supported Cooperative Work. Dicembre 2-6, 2000 Philadelphia, Pennsylvania NPUC 2001: The 9th Annual NPUC (New Paradigms for Using Computers) 2001 Conference. July 30, IBM Almaden Research Center, San Jose, CA.(USA). 3

4 Interessi di ricerca La ricerca si e svolta nel campo dei Sistemi Distribuiti sul World Wide Web per il quale sono state trattate le seguenti problematiche: User Modeling specialmente applicato a sistemi per il commercio elettronico [2] [3] con l'obiettivo di personalizzare le risposte del sistema sulla base delle crescenti interazioni degli utenti Monitoring delle attivita diweb server con l'obiettivo di facilitare le attivita' amministrative [18] e la scalabilita' del sistema [8] Sistemi Cooperativi sul Web in ambito Distance Learning [9] [12] Adattivita di Gruppo: Recommendation e Collaborative Filtering per supportare lsocial navigation e awareness sul web [14]. Le aree che sono state oggetto di attenzione nel corso di questi anni di attivita sono brevemente descritte nei seguenti paragra. Sistemi distribuiti sul World Wide Web. Con la crescita della rete Internet, l'interesse della comunita scientica e non, per i sistemi distribuiti, si focalizza sulla ricerca di applicazioni di facile utilizzo e supportate da qualunque piattaforma hardware e software. In particolare le applicazioni web hanno riscontrato un notevole sviluppo: da un lato il crescente aumento di servizi on-line applicati alle aree commercio elettronico, educazione a distanza, sistemi informativi, dall'altro la crescente necessita' di modicare tali applicazioni per aumentare le prestazioni, proponendo facile utilizzo, personalizzazione, scalabilita', gestione della sicurezza e privacy. Sistemi Adattivi per il Commercio Elettronico. Nell'area del Commercio Elettronico focalizziamo la nostra attenzione a quei sistemi basati su WWW e Internet che permettono l'acquisto di beni via rete telematica. L'obiettivo della ricerca in questo campo e quello di utilizzare al meglio le potenzialita della rete telematica come un mezzo potente, aperto e sicuro per mettere in comunicazione venditori e acquirenti. Le attivita di ricerca si muovono lungo due principali direzioni: i metodi per assicurare la sicurezza sulle transazioni e la adattivita dei sistemi, cioe la pesonalizzazione del servizio oerto. Un sistema di Commercio Elettronico puo essereunavetrina elettronica (dovee permesso solamente sfogliare un catalogo) oppure un commesso e cassa elettronica (dovee permesso eettuare un acquisto e pagare tramite moneta elettronica e si introduce un comportamento dierenziato del sistema a seconda del \tipo" di cliente che interagisce. In [1] viene presentato un modello in grado di sintetizzare ecacemente il comportamento di un cliente, attraverso la creazione di un prolo utente, durante la sua interazione con un sistema di Commercio Elettronico. La caratteristica piu interessante del modello e che esso risulta simmetrico in quanto modella allo stesso tempo sia il cliente che la merce che esso acquista. In tale maniera, il sistema e in grado (ad esempio) di rispondere a query del tipo \A cosa e interessato questo cliente? " cos come anche la (simmetrica) query \Quali clienti possono essere interessati a questa merce? ". Il modello permette anche di valutare retrospettivamente il proprio comportamento, in quanto fornisce una misura della adabilita delle previsioni cos come indicazioni circa il \tuning" del sistema stesso. Il modello presentato in [1] presupponeva la interazione tra un singolo venditore e diversi clienti. In [3], viene fornita una prima classicazione 4

5 dei sistemi di Commercio Elettronico, indicando laddove possono essere inserite comportamenti adattivi allo scopo di migliorare la qualita del servizio, sottolineando anche le necessita di security correlate alla necessita di preservare la privacy degli attori in una transazione di Commercio Elettronico. In [2] si sviluppa, invece il modello in direzione distribuita. Le problematiche in tale ambito risultano complicate dal problema di dover garantire la privacy sia ai clienti (che non desiderano, ad esempio, essere schedati e rintracciabili dai venditori) che ai venditori (che non desiderano divulgare le loro informazioni ai propri concorrenti). Il modello proposto raggiunge lo scopo di garantire la privacy agli attori di ogni transazione e prevede la creazione di una Proling Authority che raccoglie informazioni anonime e le mette a disposizione dei vari venditori. Tecniche avanzate per la rappresentazione dello stato di un server Web L'attivita di monitoring di un Web server e spesso dicile: una dicolta deriva dal fatto che gli strumenti attualmente disponibili consentono il monitoring delle attivita diunweb server, ma generalmente richiedono che l'utente (Webmaster) sia costantemente impegnato ad osservare display graci o indicatori sullo schermo, quando il monitoring e eettuato in tempo reale. Inoltre il problema e accentuato dal fatto che non e' semplice unire in una sola rappresentazione graca i molti parametri (http header, possono essere combinati per ottenere svariate rappresentazioni del comportamento di un Web server) che il Webmaster potrebbe volere monitorare. E in questo ambito che abbiamo sviluppato Web Melody [10] una tecnica che permette di monitorare il comportamento di un server, attraverso la sonicazione, cioe associando eventi descriventi l'attivita del server a suoni, cosi' da formare una melodia. Tale melodia puo essere ascoltata per riconoscere in tempo reale pattern di eventi predeniti rappresentanti anomalie nel comportamento o particolari attivita delweb server. L'obiettivo e quello di permettere aunwebmaster di ascoltare tale melodia, continuando a svolgere il proprio lavoro, ed essere richiamato prontamente da combinazioni di suoni. In Web Melody i suoni sono attentamente scelti cos che formano una naturale musica di background opportunamente studiata per non essere invasiva. A questo proposito, il sistema e' stato quindi sperimentato all'interno del Dip. di Inforatica ed Applicazioni dell'universita di Salerno, ottenendo i risultati presentati in [18]. L'obiettivo della sperimentazione era esplorare l'ecacia del Web server sonicato. Dalla sperimentazione risulta che la musica di background non distrae l'utente da un suo compito primario, mentre e' in grado di fornire informazioni sull'andamento delle attivita' del server, in particolare l'esperimento prova che non c'e alcun decremento di lavoro svolto nella attivita primaria, quando i partecipanti sono richiesti di prestare attenzione alla musica di background comparato a quando essi sono richiesti di non prestare attenzione alla musica. Rimane da provare che tale musica generata dal sistema puo' anche essere ascoltata per un lungo periodo di tempo, e che non induce fatica mentale all'ascoltatore. A tale proposisto stiamo sviluppando una estensione del sistema, Personal WebMelody, che dovrebbe permetterci di arontare questo problema fornendo una integrazione della musica generata dal sistema con sorgenti esterne. Personal WebMelody[16] e' infatti capace di mixare una sorgente audio esterna (cos come le MP3, CD musicali, radio etc.) con la sonicazione del Web server, per esempio fornendo l'informazione del carico del server attraverso un incremento/decremento del volume della sorgente esterna, e aggiungendo ad essa i suoni rappresentanti gli eventi. In [10] viene presentata la realizzazione del prototipo sviluppato per la sonicazione del Web server Apache. Esso presenta una architettura distribuita a tre 5

6 livelli, dal lato server un modulo esamina ogni richiesta ricevuta e determina l'occorrenza degli eventi da monitorare. Ogni occorrenza viene appropriatamente codicata e la sua codica viene passata ad un programma locato a un livello intermedio (middle-level) nella nostra architettura. Questo mette a disposizione le informazioni ricevute dal server ai client abilitati per la riproduzione sonora (player). Dipendente dalle attivita che si vogliono monitorare i dati ricevuti dal programma proxy possono richiedere l'elelaborazione prima di essere disponibili ai client. Sistemi Informativi per \Cooperative Workgroup" In molte organizzazioni il lavoro e supportato da sistemi distribuiti attraverso cui gli utenti possono comunicare e scambiare informazioni utili, ma anche collaborare allo svolgimento di alcune attivita. La Collaborazione su Rete ore prospettive notevoli, in particolar modo ore condivisione di risorse e spazi di lavoro agli utenti impegnati come gruppi di lavoro. Le nuove tecnologie permettono di costruire sistemi altamente integrati, multipiattaforma, e con caratteristiche di multimedialita, interattivita ed user-friendly che permettono la fruizione di svariate informazioni. In [9] abbiamo presentato il progetto e il prototipo di un sistema cooperativo sul Web specializzato per distance learning. Il sistema realizza una classe virtuale che permette ad un insegnante e alcuni studenti di partecipare on-line a una lezione altamente interattiva collaborando a varie attivita su risorse condivise. Sulla stessa linea di ricerca in [12] invece, abbiamo presentato un sistema TEST++ per il training degli studenti. Esso prevede lo svolgimento di sessioni di test che possono essere richieste dall'insegnante durante le lezioni oppure usate dagli studenti come esercitazione. Sistemi Adattivi per il Collaborive Work Nella vita di ogni giorno le persone eettuano le proprie scelte basandosi sulle opinioni fornite da altri esperti o/e amici o semplicemente seguendo le scelte fatte da molti altri. Il parere altrui viene riferito attraverso lettere, giornali, guide che consigliano lm, libri, ristoranti, localita' da visitare ecc.. Recommender system e collaborative ltering sono quei sistemi che cercano di migliorare e aumentare questo processo sociale. In un systema di reccomendation gli utenti forniscono recommendation che il sistema poi aggrega e distribuisce ad altri. In alcuni casi il processo di aggregazione e fondamentale mentre in altri importante e la qualita dell'associazione tra chi raccomanda una risorsa e chi la richiede. Molti sistemi richiedono che gli utenti valutino le risorse assegnando qualche valore o livello di qualita alla risora stessa, mentre altri cercano di valutare la qualita di una risorsa attraverso implicite azioni dell'utente su di essa, per esempio quanto tempo impiegano a leggere quella informazione. In collaborative ltering invece l'obiettivo e quello di predire le preferenze di un utente, sulla base di cio che un gruppo di utenti ha preferito. La mia attivita di ricerca e in questo momento focalizzata sulla denizione e la realizzazione di un Group Adaptive System (GAS) [14] per la fruizione cooperativa di informazioni sul Web. L'obiettivo e permettere a gruppi di utenti di navigare le risorse traendo vantaggio dalla navigazione eettuata da altri in uno stesso gruppo di interesse, attraverso la condivisione delle stesse risorse (paths e pages), di una hissory e una semplice attivita di interazione con gli altri 6

7 costituita da scambi di messaggi e note. La nostra ricerca mira alla denizione di un sistema che non solo sia in grado di associare persone(utenti di un sistema) in gruppi durante il normale svolgimento della loro attivita,maanche di supportare awareness delle attivita e fruizione adattiva delle informazioni. In [11] e stata presentata l'idea che sta alla base di questa ricerca: la condivisione di risorse web navigate individualmente attraverso uno spazio di informazione interattivo. Il lavoro descrive quali sono problemi che nascono quando si vuole modellare un gruppo anziche utenti singoli, e le tecniche che potrebbero aiutarci nella denizione di un tale modello. Le principali questioni su cui intendiamo investigare sono focalizzate su come le persone all'interno di un workgroup scoprono informazioni nell'attivita' di altri e, come possiamo costruire sistemi che facilitano questo processo di scoperta delle informazioni. In [14] viene descritto uno scenario di applicazione e una piu' approfondita vista del sistema. L'architettura del sistema sviluppato e a tre livelli: gli utenti devono poter accedere a ogni risorsa sulla rete e da ogni locazione cos scegliamo di implementare il sistema lato proxy. L'interfaccia utente e semplicemente un HTTP browser, vi sono 2 nestre quella cooperativa e quella di navigazione. La Collaborative View permette di rappresentare lo spazio di informazioni condviso: questo potrebbe essere staticamente organizzato (cioe presentare le stesse informazioni a tutti i membri del gruppo) o personalizzato secondo le preferenze di ogni singolo utente la Navigation View permette la fruizione delle documenti: i documenti sono presentati in modo da contenere gli strumenti per eettuare le annotazioni e le annotazioni lasciate dagli utenti. Tra le interazioni gia previste gli utenti possono annotare documenti, associare una rilevanza, ritrovare path e risorse gia' navigate da altri seguire recommendation. La adattivita sara quindi basata sulle interazioni siano esse implicite o esplicite. I dati provenienti dalle interazioni degli utenti saranno da un lato manipolati e studiati per determinare i suggerimenti del sistema, la rilevanza delle informazioni navigate e e le risorse che il gruppo condivide e come esse saranno presentate, dall'altro lato gli stessi dati saranno esaminati per determinare i gruppi, cioe per modellare l'appartenenza ai gruppi sulla base del comportamento dei partecipanti cioe esaminandone dierenze e similitudini. Lavori Pubblicati [1] M. Barra, G. Cattaneo, A. Negro, V. Scarano. \Symmetric Adaptive Customer Modeling in a Electronic Store". In Proc. of Third IEEE Symposium on Computers and Communications (ISCC) [2] M. Barra, G. Cattaneo, M. Izzo, A. Negro, V. Scarano. \Symmetric Adaptive Customer Modeling for Electronic Commerce in a Distributed Environment". In Proc. of International IFIP Working Conference on\trends in Distributed Systems for Electronic Commerce", Lecture Notes in Computer Science, Springer-Verlag Eds. June 3-5, [3] M. Barra, G. Cattaneo, M. Izzo, A. Negro, V.Scarano. \Commercio Elettronico: Adattivita, Sicurezza e Privacy". Atti del Convegno \Caboto '98: Il Commercio Elettronico per le Piccole e Medie Imprese" Venezia, Febbraio [4] M. Barra, G. Cattaneo, V. Scarano. \Architecture Design of a Distributed System for Cooperative and Remote Software Support and Maintenance". In Proc. of ReTIS '97 - Re-Technologies for Information Systems, December 1997, OCG Lecture Notes. Vol. 107 (1997) pp

8 [5] M. Barra, S. Ferrandino, V. Scarano. \WebSlide: A Slide Projector on World Wide Web". In Proc. of 14th International Conference on Advanced Science and Technology (ICAST) [6] M. Barra, S. Ferrandino, V. Scarano.\WebSlide: A Slide Projector on World Wide Web". In Journal of Journal of Science Educational and Tecnology, Vol. 8 No. 1, [7] M. Barra, A. Negro, V. Scarano. \When the Teacher learns: a Model for Symmetric Adaptivity". In Proc. of 2nd Workshop on Adaptive Systems and User Modeling on the WWW 8th Intl. World Wide Web Conference, Toronto, Canada, May 11-14, 1999 [8] M. Barra, G. Cattaneo, U. Ferraro, V. Scarano. JSEB Java Scalable service Builder: a tool for building scalable services In Proc. of IV Workshop on Sistemi Distribuiti: Algoritmi, Architetture e Linguaggi. L'Aquila Settembre, 1999 [9] M. Barra, G. Cattaneo, V. Garofalo, U. Ferraro Petrillo, C. Rossi, V. Scarano. \Teach++:A Cooperative Distance Learning and Teaching Environment". In Proc. of ACM Symposium on Applied Computing SAC2000. March 19-21, 2000 Como, Italy [10] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, A. Negro, V. Scarano. \WebMelody: Sonication of Web servers". In Proc. of The Ninth International World Wide Web Conference (WWW9). May 15-19, 2000 Amsterdam, Netherlands. [11] M. Barra. \Distributed Systems for Group Adaptivity on the Web". In Proc. of International Conference on Adaptive Hypermedia and Adaptive Web-based Systems. August 28-30, 2000 Trento, Italy. [12] M. Barra, S. Napolitano, G. Palmieri, V. Scarano, L. Zitarosa. \Adaptive Testing by Test++". In Proc. of International Conference on Adaptive Hypermedia and Adaptive Web-based Systems. August 28-30, 2000 Trento, Italy. [13] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, A. Negro, V. Scarano. WebMelody: Sonication Of Web Servers. In Proc. of Workshop su Sistemi Distribuiti: Algoritmi, Architetture e Linguaggi. Settembre 18-20, 2000 Ischia (Napoli), Italy. [14] M. Barra. \Group Navigation and Adaptation on the Web". In Proc. of ACM 2000 Conference on Computer Supported Cooperative Work. December 2-6, 2000 Philadelphia, Pennsylvania (USA). [15] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, A. Negro, V. Scarano. MMM: Multi- Modal Monitoring of Web Servers. Accepted in Journal IEEE MultiMedia, Computer Society. Special Issue [16] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, U. Ferraro Petrillo, P. Maglio, T. Matlock, A. Negro, V. Scarano. Personal Web Melody Customized Sonication of Web Servers. In Proc. of WWW10. Tenth International world Wide Web Conference. May 1-5, Hong Kong. [17] M. Barra, G. Cattaneo, U. Ferraro Petrillo, V. Scarano. \JSEB Java Scalable service Builder: Scalable Systems for Cluster of Workstations". In Proc. of The 6th IEEE Symposium on Computers and Communications (ISCC 2001). July 3-5, Hammamet, Tunisia. 8

9 [18] M. Barra, T. Cillo, A. De Santis, A. Negro, U. Ferraro Petrillo, V. Scarano, P. Maglio, T. Matlock. \Personal Webmelody: Customized Sonication of Web Servers". In Proc. of The Seventh International Conference on Auditory Display (ICAD 2001). July 29- August 1, Helsinki, Finland. Baronissi, 16 Novembre 2001 Maria Barra 9

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA

Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA GRUPPO TELECOM ITALIA Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA Indice Guida Veloce Contatti Quando

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Università degli studi di Camerino

Università degli studi di Camerino Università degli studi di Camerino Scuola di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea in Informatica (Classe 26) Sistemi di Web Conferencing Caso di studio: Apache OpenMeetings Studente: Matteo Veroni Relatore:

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza!

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! Scheda corso ipad edition Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! E' pronto il nuovo corso Il tablet a Scuola, un corso rivoluzionario per due motivi: primo perchè

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Cognitive Adaptive Man Machine Interface for Cooperative Systems 19 Settembre 2012 ENAV ACADEMY Forlì (IT) Magda Balerna 1 ARTEMIS JU Sub Project 8: HUMAN Centred Design

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli