DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento. Raccomandazione della Commissione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento. Raccomandazione della Commissione"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, SWD(2014) 233 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Raccomandazione della Commissione sui principi per la tutela dei consumatori e degli utenti dei servizi di gioco d'azzardo online e per la prevenzione dell'accesso dei minori ai giochi d'azzardo on-line {C(2014) 4630 final} {SWD(2014) 232 final} IT IT

2 Introduzione In Europa i servizi di gioco d'azzardo on-line sono ampiamente offerti, pubblicizzati e utilizzati. Il gioco d'azzardo on-line nell'ue rappresenta circa il 45% del mercato mondiale del gioco d'azzardo on-line. Nell'UE i servizi di gioco d'azzardo on-line rappresentano oltre il 12% della quota di mercato del gioco d'azzardo (ossia 10,54 miliardi di EUR (proventi lordi dei giochi [Gross Gaming Revenues GGR]) nel 2012). Detti servizi comprendono una serie di giochi di sorte, come scommesse sportive, poker, giochi da casinò e lotterie, con circa 6,8 milioni di consumatori che partecipano a uno o più giochi. Esistono tuttavia anche migliaia di siti internet di gioco d'azzardo non regolamentati, spesso esterni all'ue, ai quali i consumatori sono esposti e che possono comportare considerevoli rischi, quali la frode e il riciclaggio di denaro. Nonostante la rilevanza transfrontaliera del gioco d'azzardo on-line, a livello UE non esiste alcuna legislazione specifica che regolamenti il settore dei servizi di gioco d'azzardo. Nel contempo, la maggior parte degli Stati membri ha intrapreso riforme normative, in particolare per tenere conto di nuove forme di servizi di gioco d'azzardo che si svolgono principalmente on-line. Una consultazione pubblica tenuta nel 2011 ha individuato come prioritaria la tutela dei cittadini compresi i minori e dei consumatori riguardo al gioco d'azzardo on-line 1. Sulla base di tale risultato, la Commissione ha avviato un dialogo con gli Stati membri e con le imprese del settore su questioni inerenti ai consumatori di servizi di gioco d'azzardo on-line e alle comunicazioni commerciali relative al gioco d'azzardo. 1. Il problema Uno dei principali elementi alla base del problema è l'accessibilità del gioco d'azzardo online, che riguarda i servizi di gioco d'azzardo on-line che sono regolamentati negli Stati membri e quelli che sfuggono a qualsiasi controllo dell'ue (non regolamentati). La crescita del gioco d'azzardo on-line dipende anche dalla rapida evoluzione delle tecnologie, dall'aumento dell'accesso a internet e dalla comodità delle applicazioni mobili. Quando constatano una mancanza di offerta, offerte poco allettanti o importi bassi delle vincite sulle puntate, i giocatori on-line iniziano a ricercare opportunità di gioco alternative, che sono facilmente disponibili, spesso sotto forma di siti internet di gioco d'azzardo non regolamentati. I consumatori vi sono indirizzati dalla pubblicità, per la quale sia gli operatori di gioco d'azzardo commerciali sia quelli pubblici spendono ingenti somme di denaro. Le pratiche commerciali dannose sono molto diffuse. Tecniche di vendita aggressive e fuorvianti, nonché la loro ripetitività, si traducono in scelte disinformate e nel fatto che i minori si lascino attrarre dal gioco d'azzardo. La mancanza di informazioni chiare, dirette e di facile comprensione è una delle principali cause delle scelte disinformate da parte dell'utente. Le informazioni sul gioco 1 2

3 responsabile, sul trattamento dei dati personali e sulla tutela dei fondi dei giocatori in caso di insolvenza sono spesso nascoste in lunghi testi pieni di termini giuridici presenti sui siti di gioco d'azzardo, nonostante le disposizioni della direttiva relativa alle clausole abusive nei contratti. Se le informazioni non sono trasparenti e chiare, i consumatori non possono valutare adeguatamente i rischi né richiedere assistenza in caso di necessità. A causa dell'inadeguatezza dei controlli e dell'assistenza, essi rischiano di perdere la cognizione del tempo e/o del denaro mentre giocano, cosa che potrebbe portare a problemi legati al gioco d'azzardo, ivi compresi problemi di salute. Riguardo alla regolamentazione dell'offerta, i problemi individuati sono determinati da due questioni principali, ossia la mancanza di misure efficaci di tutela dei consumatori e la presenza minima, se non l'assenza, di misure relative alle comunicazioni commerciali. La legislazione esistente non è riuscita a fornire una soluzione efficace al riguardo. I livelli e le misure di tutela dei consumatori e di garanzia di comunicazioni commerciali responsabili non sono uniformi tra gli Stati membri. Nella maggior parte dei casi, gli Stati membri elaborano le rispettive politiche separatamente gli uni dagli altri e non esiste un approccio generale dell'ue che consenta di allinearle. La conseguenza è un'attività di vigilanza divergente e inadeguata da parte delle autorità di regolamentazione. Spesso non è chiaro in che modo gli Stati membri controllino i servizi di gioco d'azzardo per promuovere la responsabilità sociale e la gestione dei rischi. Infine, l'inutile duplicazione di disposizioni giuridiche nell'ue determina un onere amministrativo significativo per gli operatori regolamentati e ne compromette la competitività. I fattori descritti in precedenza determinano vari problemi. I singoli consumatori non possono avere una percezione realistica del gioco e dei rischi relativi alla salute, nonché degli eventuali danni economici derivanti da un gioco compulsivo o eccessivo. In mancanza di verifiche e controlli adeguati esiste il rischio che le persone possano sviluppare un tipo di patologia legata al gioco d'azzardo. Ad esempio, il gioco eccessivo dipende dalla disponibilità personale di tempo e di denaro, tuttavia, in mancanza di adeguate possibilità di controllo dei giocatori, l'ambiente on-line implica il rischio di spendere più tempo e denaro di quanto previsto. Riguardo alle comunicazioni commerciali, le immagini e i testi relativi al gioco d'azzardo possono creare percezioni errate del gioco d'azzardo e di ciò che può consentire di ottenere dal punto di vista finanziario e sociale, inducendo così le persone a giocare in modo irresponsabile. Oltre alle considerazioni sulla salute, i siti di gioco d'azzardo non regolamentati espongono i consumatori a rischi quali frodi e altre pratiche criminali. I minori sono a rischio a causa dell'inadeguatezza dei sistemi di verifica dell'età, della mancanza di consapevolezza riguardo al gioco d'azzardo e della disponibilità di giochi d'azzardo non regolamentati. È necessario migliorare la tutela dei consumatori. Le pratiche commerciali, la riduzione dei danni al minimo, la prevenzione dei problemi legati al gioco d'azzardo e il controllo del comportamento di gioco dovrebbero essere regolamentati in modo più rigoroso. 3

4 Il mercato del gioco d'azzardo on-line è altamente competitivo. Se la domanda dei consumatori non sarà soddisfatta nel contesto regolamentato dell'ue, i consumatori continueranno a rivolgersi ai siti non controllati. In mancanza di un intervento da parte dell'ue, con ogni probabilità gli Stati membri continueranno a occuparsi della questione separatamente gli uni dagli altri e i livelli e le misure di tutela resteranno non uniformi tra gli Stati membri. È improbabile che negli Stati membri l'esposizione dei cittadini dell'ue alle comunicazioni commerciali sul gioco d'azzardo possa diminuire e gli utenti dei servizi di gioco d'azzardo continueranno a ricercare opportunità di gioco on-line. 2. L'UE ha il diritto di intervenire? La tutela dei consumatori è un settore di competenze condivise tra l'ue e gli Stati membri. Ai sensi del trattato sul funzionamento dell'unione europea, l'intervento dell'ue è giustificato se normative nazionali divergenti e misure insufficienti o inefficaci creano un mercato interno frammentato per i consumatori e le imprese. L'intervento dell'ue è giustificato anche nel caso in cui senza tale intervento i cittadini dell'ue non sarebbero adeguatamente tutelati. A causa della natura stessa dell'ambiente on-line, della dimensione transfrontaliera del gioco d'azzardo on-line e del modo in cui il gioco d'azzardo on-line viene pubblicizzato, non è sufficiente intervenire a livello nazionale. L'intervento dell'ue è necessario per garantire un livello di tutela sufficiente e uniforme in tutta l'unione. 3. Gli obiettivi L'iniziativa ha lo scopo di contribuire a conseguire un livello adeguato e uniforme di tutela dei cittadini, dei consumatori e dei minori nei servizi di gioco d'azzardo on-line. In termini più concreti, gli obiettivi specifici sono intesi a: tutelare gli utenti di servizi di gioco d'azzardo on-line, tutelare i minori dal gioco d'azzardo, garantire pratiche commerciali più coerenti, sensibilizzare maggiormente le persone allo scopo di attenuare per quanto possibile gli effetti negativi sui consumatori dei siti di gioco d'azzardo non regolamentati nell'unione europea. Da un punto di vista operativo, gli obiettivi sono: 1. garantire informazioni trasparenti e comprensibili, e assistenza e controlli specifici del comportamento di gioco, 2. promuovere una maggiore responsabilità sociale nelle pratiche commerciali e garantire la presa di coscienza dei rischi intrinseci relativi alla salute associati al gioco d'azzardo, 3. disporre di misure più efficaci per garantire che i minori non abbiano accesso al gioco d'azzardo e ridurre per quanto possibile la loro esposizione al gioco d'azzardo, 4

5 4. mantenere gli utenti dei servizi di gioco d'azzardo on-line in un contesto regolamentato nell'ue. 4. Opzioni politiche Vengono prese in esame le seguenti opzioni politiche: rafforzare gli obblighi in materia di informazione e identificazione, in relazione ai dispositivi utilizzati e per quanto riguarda le comunicazioni commerciali attraverso i vari canali utilizzati; rafforzare i sistemi di registrazione per l'apertura di conti di gioco e disporre di procedure di verifica più solide per escludere i minori fin dall'inizio; rafforzare gli obblighi in materia di salvaguardia del benessere dei giocatori on-line e mantenere il gioco entro parametri ricreativi; agevolare l'autoesclusione dei giocatori a livello di Unione europea tramite una banca dati on-line attraverso la quale gli operatori stabiliti in uno o più Stati membri possono anche verificare i dati identificativi per impedire ai giocatori esclusi di accedere ai loro servizi; rafforzare la vigilanza da parte delle autorità di regolamentazione per garantire ai consumatori e ai cittadini un elevato livello di sicurezza e di protezione e sensibilizzare le persone sui rischi associati al gioco d'azzardo. La tabella sottostante illustra in che modo ciascuna opzione politica può conseguire gli obiettivi. Opzioni politiche Obiettivi Efficacia Fornire informazioni trasparenti e comprensibili, assistenza e controlli specifici a favore dei consumatori Opzione 1 Nessun cambiamento Opzione 2 Obblighi in materia di contenuti e identificazione Opzione 3 Sistemi di registrazione elettronica dei giocatori Opzione 4 Obblighi in materia di assistenza per i giocatori Opzione 4 bis Autoesclusione dei giocatori a livello di UE Opzione 5 Rafforzamento della vigilanza da parte delle autorità di regolamentazione attraverso sistemi di controllo in tempo reale Rendere le comunicazioni commerciali sul gioco d'azzardo socialmente responsabili e n/d n/d ++ 5

6 sensibilizzare maggiormente le persone sui rischi intrinseci associati al gioco d'azzardo Introdurre misure più efficaci per escludere i minori dal gioco d'azzardo e ridurre per quanto possibile la loro esposizione al gioco d'azzardo Mantenere gli utenti dei servizi di gioco d'azzardo online in un contesto regolamentato nell'ue n/d Ridurre la frammentarietà della situazione per gli operatori stabiliti nell'ue e titolari di una licenza in uno o più Stati membri Efficienza Accettabilità da parte degli Stati membri da parte del settore Gli strumenti politici presi in considerazione Gli strumenti presi in considerazione sono i seguenti: normativa dell'ue mediante una direttiva, l'autoregolamentazione del settore, lo scambio di informazioni approfondito tra le autorità di regolamentazione e una raccomandazione della Commissione. Sebbene una direttiva dell'ue offra le migliori possibilità di conseguire gli obiettivi, al momento non è possibile proporre una soluzione legislativa. Il motivo principale è la mancanza di sostegno a favore di tale scelta, come risulta evidente dalle risposte alla consultazione pubblica, dalla posizione della maggioranza degli Stati membri e dalle risoluzioni del Parlamento europeo. Anche uno scambio di informazioni approfondito tra le autorità di regolamentazione è da escludere, in quanto consentirebbe sì di affrontare le sfide comuni e di effettuare uno scambio di conoscenze, ma potrebbe non essere sufficiente per conseguire gli obiettivi. Lo scambio di informazioni generali tra le autorità di regolamentazione può continuare a essere favorito nel contesto del gruppo di esperti della Commissione. 6

7 Optare per l'autoregolamentazione del settore significherebbe affrontare il problema affidandosi unicamente a misure volontarie. Seguendo questo approccio, l'attuazione e la conformità sarebbero volontarie, anche se alcuni operatori potrebbero essere sottoposti a verifica in base a criteri da essi stessi fissati. L'autoregolamentazione del settore può essere complementare alle prescrizioni normative. Poiché gli Stati membri non hanno fiducia nelle iniziative del settore come soluzione di per sé, l'autoregolamentazione può essere solo complementare alla regolamentazione governativa. Una raccomandazione della Commissione agli Stati membri potrebbe fornire un quadro che consentirebbe a questi ultimi di procedere verso gli obiettivi politici. Incoraggerebbe gli Stati membri a intervenire a livello nazionale, lasciandoli liberi di scegliere i mezzi che ritengono più opportuni. Una clausola di riesame consentirebbe di valutare l'efficacia delle misure in essa proposte. Una raccomandazione della Commissione sembra essere lo strumento più accettabile, in quanto tiene conto delle forti riserve espresse dagli Stati membri e dal Parlamento europeo riguardo a una soluzione legislativa e risponde alle loro ripetute richieste di azione per tutelare i consumatori dai rischi associati al gioco d'azzardo e per tutelare i minori. 6. L'opzione prescelta In primo luogo, in questa fase l'opzione 3 (registrazione elettronica), l'opzione 4 bis (autoesclusione a livello di UE) e l'opzione 5 (controllo in tempo reale) non vengono ulteriormente prese in esame. Esse avrebbero contribuito in misura significativa al conseguimento degli obiettivi. In particolare, visto l'oggetto della presente valutazione d'impatto, ossia il gioco d'azzardo on-line, benché tali opzioni prendano in esame soluzioni on-line vantaggiose per i consumatori, gli operatori e le autorità di regolamentazione, esse sono scartate sulla base della non accettabilità indicata nella tabella precedente. In secondo luogo, in seguito all'analisi effettuata, per affrontare efficacemente i singoli problemi vengono prescelte le opzioni 2 e 4. Si ritiene che questa combinazione di opzioni sia la più fattibile per conseguire gli obiettivi specifici e operativi. Alla luce dei problemi individuati e degli obiettivi stabiliti, la raccomandazione si concentrerebbe sui consumatori e sui giocatori che usufruiscono di servizi di gioco d'azzardo on-line, cercando di migliorare la trasparenza, il sostegno ai giocatori e il controllo del comportamento di questi ultimi, nonché l'educazione e la sensibilizzazione sul gioco d'azzardo in generale. La raccomandazione avrebbe anche lo scopo di impedire ai minori di partecipare a giochi d'azzardo. Si concentrerebbe sulle comunicazioni commerciali tenendo conto della loro portata più ampia e sulla salute, comprese le considerazioni di carattere sociale, allo scopo di garantire che dette comunicazioni avvengano entro parametri socialmente responsabili a prescindere dai canali utilizzati. 7

8 7. Impatto Da un punto di vista economico, le modifiche comporteranno costi di conformità marginali per la maggior parte degli operatori. Nel contempo, esse consentiranno un approccio semplificato, contribuendo così a far fronte ai problemi degli operatori per quanto riguarda la conformità, principalmente per i costi delle licenze che coprono più giurisdizioni. Sarà introdotta una serie essenziale di disposizioni di base, che avrà un effetto di ricaduta più forte sui fornitori di comunicazioni commerciali. Da un punto di vista sociale, il pubblico beneficerà di una tutela più adeguata dai rischi associati al gioco d'azzardo, dell'esclusione dei minori, di una migliore tutela dei consumatori e di obblighi di responsabilità sociale più rigorosi per gli operatori di gioco d'azzardo on-line. Le ripercussioni amministrative dovrebbero essere minime. È possibile che gli Stati membri debbano modificare le normative e i requisiti per la concessione delle licenze e che le autorità di regolamentazione debbano adattare la loro organizzazione. Un approccio combinato può contribuire a ridurre gli oneri amministrativi inutili per le autorità di regolamentazione e per gli operatori. I costi di attuazione dovrebbero essere da bassi a moderatamente elevati, a seconda se, e in quale misura, gli Stati membri daranno seguito alla raccomandazione della Commissione. 8. Monitoraggio e valutazione La Commissione intende verificare periodicamente i progressi compiuti, in particolare attraverso il gruppo di esperti sui servizi di gioco d'azzardo. Nel breve periodo l'attenzione sarà rivolta a verificare in che misura gli Stati membri si sono attenuti alla raccomandazione. Si potrà discutere di tale aspetto in due riunioni di esperti, sulla base di indicatori da stabilire. Nel medio e nel lungo periodo la Commissione intende seguire i progressi compiuti dagli Stati membri, controllando il numero di persone che aprono conti di gioco, il numero di persone che non completano la registrazione, la percentuale di persone che richiede l'esclusione dai servizi di gioco d'azzardo, la percentuale di minori che si stima abbiano avuto accesso ai siti di gioco d'azzardo e i tipi di violazioni relative alle comunicazioni commerciali. La Commissione può anche organizzare seminari per verificare i miglioramenti introdotti dalle imprese del settore sulla base della raccomandazione, quali ad esempio la formazione del personale e i contatti con i centri di cura. La Commissione dovrebbe effettuare una valutazione dopo 24 mesi dalla data di adozione della raccomandazione. 8

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE

Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE Confindustria Relazioni Industriali, Sicurezza e Affari Sociali La nuova strategia è stata

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 4.12.2008 SEC(2008) 2954 C6-0469/08 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Documento che accompagna la proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

PROGETTO DI PARERE. IT Unita nella diversità IT. Parlamento europeo 2015/0278(COD) 10.5.2016. della commissione per la cultura e l'istruzione

PROGETTO DI PARERE. IT Unita nella diversità IT. Parlamento europeo 2015/0278(COD) 10.5.2016. della commissione per la cultura e l'istruzione Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per la cultura e l'istruzione 2015/0278(COD) 10.5.2016 PROGETTO DI PARERE della commissione per la cultura e l'istruzione destinato alla commissione per il mercato

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO

SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 SEC(2009) 577 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE che accompagna la Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO

LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO Avv. Claudia Petracca Milano, 7 maggio 2013 CONTESTO DELLA PROPOSTA La proposta di IV Dir. nasce con l obiettivo di: -RAFFORZARE il mercato interno mediante

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del XXX

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del XXX COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, XXX C(2014) 4630/2 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del XXX sui principi per la tutela dei consumatori e degli utenti dei servizi di gioco d'azzardo online e per la prevenzione

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.10.2009 SEC(2009) 1455 C7-0271/09 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO Documento di accompagnamento alla

Dettagli

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di 1 Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di Milano a partecipare a questa GIORNATA INFORMATIVA dell Europa in provincia [?], e di congratularmi con

Dettagli

Sintesi della valutazione di impatto

Sintesi della valutazione di impatto COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 8.12.2008 SEC(2008) 2957 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE che accompagna la Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL DCO 12/11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

Orientamenti sui fondi separati

Orientamenti sui fondi separati EIOPA-BoS-14/169 IT Orientamenti sui fondi separati EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu site: https://eiopa.europa.eu/

Dettagli

TESTO APPROVATO Indicazione del paese di origine nell'etichettatura per gli ingredienti carnei contenuti nei prodotti alimentari trasformati

TESTO APPROVATO Indicazione del paese di origine nell'etichettatura per gli ingredienti carnei contenuti nei prodotti alimentari trasformati TESTO APPROVATO Indicazione del paese di origine nell'etichettatura per gli ingredienti carnei contenuti nei prodotti alimentari trasformati 11.02.15 P8_TA-PROV(2015)0034 Indicazione del paese di origine

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

4. La violenza da parte di terzi e le molestie possono manifestarsi in molte forme. Possono ad esempio:

4. La violenza da parte di terzi e le molestie possono manifestarsi in molte forme. Possono ad esempio: DIALOGO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PROVVISORIE PER AFFRONTARE LA VIOLENZA DA PARTE DI TERZI E LE MOLESTIE SUL LAVORO EPSU, UNI europa, ETUCE, HOSPEEM, CEMR, EFEE, EuroCommerce, CoESS Bozza

Dettagli

RACCOMANDAZIONI. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/478/UE)

RACCOMANDAZIONI. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/478/UE) L 214/38 RACCOMANDAZIONI RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 14 luglio 2014 sui principi per la tutela dei consumatori e degli utenti dei servizi di gioco d'azzardo on line e per la prevenzione dell'accesso

Dettagli

Racc. 14 luglio 2014, n. 2014/478/UE

Racc. 14 luglio 2014, n. 2014/478/UE Racc. 14 luglio 2014, n. 2014/478/UE (1). RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE sui principi per la tutela dei consumatori e degli utenti dei servizi di gioco d'azzardo on line e per la prevenzione dell'accesso

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PROGETTO DI RELAZIONE

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2004 2009 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 2008/2173(INI) 20.11.2008 PROGETTO DI RELAZIONE sulla protezione dei consumatori, in particolare dei minori,

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.7.2012 SWD(2012) 197 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO che accompagna il documento REGOLAMENTO DELEGATO DELLA

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA 22.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 200/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 13 luglio 2010 recante orientamenti

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.1.2014 SWD(2014) 29 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta di REGOLAMENTO DEL

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 3.7.2012 SWD(2012) 192 final C7-0180/12 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento DIRETTIVA DEL PARLAMENTO

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 47/1 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 24 maggio 2012 in merito a una proposta di regolamento delegato

Dettagli

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1%

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1% STORIA%E%ATTUALITÀ%DEL%GIOCO%A%DISTANZA%ITALIANO% Abstract( La presente scheda fornisce una sintesi della storia del gioco a distanza con vincita in denaro in Italia,interminidinormativaedidimensionietrenddelmercato.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

Commissione giuridica. destinato alla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori

Commissione giuridica. destinato alla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione giuridica 13.7.2011 2011/2084(INI) PARERE della commissione giuridica destinato alla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori sul gioco

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni COMMISSIONE EUROPEA MEMO Bruxelles, 22 ottobre

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.2.2013 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 142/2009, presentata da R.A.J., cittadino italiano, corredata di due firme, sull'intervento

Dettagli

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI Finalità del documento Il presente documento fa il punto della situazione in materia di commercio elettronico e servizi finanziari,

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 30.8.2011 2011/2116(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sullo statuto della società cooperativa europea per quanto riguarda il coinvolgimento

Dettagli

Norme comuni per un'imposta sulle transazioni finanziarie domande frequenti (Si veda anche IP/11/1085)

Norme comuni per un'imposta sulle transazioni finanziarie domande frequenti (Si veda anche IP/11/1085) MEMO/11/640 Bruxelles, 28 settembre 2011 Norme comuni per un'imposta sulle transazioni finanziarie domande frequenti (Si veda anche IP/11/1085) 1. Contesto generale Perché la Commissione ha proposto una

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE 14.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 183/5 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 20 maggio 2014, su un piano

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini ORIZZONTE 2020 Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020 Renzo Tomellini Il quadro politico La strategia 'Europa 2020': indirizzata ad una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva

Dettagli

perchè accontentarsi?

perchè accontentarsi? perchè accontentarsi? OnGuard Il software per il credit management Perchè accontentarsi? Il successo della gestione del credito dipende dalle vostre policy e dagli strumenti che adoperate. La migliore

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 23.10.2012 COM(2012) 596 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE E AL COMITATO DELLE REGIONI Verso un

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti INTRODUZIONE I contatori intelligenti sono strumenti per il monitoraggio in tempo reale dei consumi e per l invio automatico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PMI EX DIV. XII POLITICHE DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI ALLE ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI DI CATEGORIA E DELLA

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.7.2011 SEC(2011) 959 definitivo C7-0212/11 IT DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 104 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore FILIPPI) approvata nella seduta del 28 gennaio 2016

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Guida ai reclami della Cassa di Risparmio di Bra.

Guida ai reclami della Cassa di Risparmio di Bra. Guida ai reclami della Cassa di Risparmio di Bra. Aggiornamento ottobre 2015 La Guida è stata redatta in collaborazione con 1.L importanza dei Reclami in CR BRA La sopravvivenza e il successo di ogni azienda

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i problemi economici e monetari PROGETTO DI PARERE. della commissione per i problemi economici e monetari

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i problemi economici e monetari PROGETTO DI PARERE. della commissione per i problemi economici e monetari PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2002/0132(COD) 18 dicembre 2002 PROGETTO DI PARERE della commissione per i problemi economici e monetari destinato

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D IMPATTO PROPOSTA DI DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D IMPATTO PROPOSTA DI DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.7.2013 SWD(2013) 264 final C7-0215/13 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D IMPATTO PROPOSTA DI DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE "VERSO UNA POLITICA GENERALE DI LOTTA CONTRO LA CIBERCRIMINALITÀ"

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE VERSO UNA POLITICA GENERALE DI LOTTA CONTRO LA CIBERCRIMINALITÀ MEMO/07/199 Bruxelles, 22 maggio 2007 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE "VERSO UNA POLITICA GENERALE DI LOTTA CONTRO LA CIBERCRIMINALITÀ" Uso del termine "cibercriminalità" nella comunicazione Non esiste

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 26 maggio 2016 (OR. en) 9524/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni IND 111 RECH 207 TELECOM 99 MI 389 COMPET

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Principio dei tre pilastri

Principio dei tre pilastri Dipartimento federale dell interno/ Ufficio federale delle assicurazioni sociali Incontro con i media del 26 maggio 2003 (Ile Saint-Pierre) - Documentazione Garanzia ed evoluzione della previdenza professionale

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE. collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE. collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Bruxelles, 22.07.2009 SEC(2009) 1053 DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Il futuro quadro normativo di concorrenza applicabile al settore automobilistico

Dettagli

Tutela dei clienti al point of sale e vigilanza unitaria sugli operatori finanziari nell ambito di una legge sui servizi finanziari

Tutela dei clienti al point of sale e vigilanza unitaria sugli operatori finanziari nell ambito di una legge sui servizi finanziari Point de Presse, 10 novembre 2010, Zurigo Dott. Patrick Raaflaub, Direttore Tutela dei clienti al point of sale e vigilanza unitaria sugli operatori finanziari nell ambito di una legge sui servizi finanziari

Dettagli

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia La mobilità europea dei giovani per motivi di studio e di lavoro: risorsa per lo sviluppo delle competenze, l'inserimento nel mercato del lavoro e l'integrazione sociale Roma, 8 novembre 2010 Silvia Vaccaro

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014. su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014. su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.3.2014 C(2014) 1500 final RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.3.2014 su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Elementi per una futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia

Elementi per una futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia Elementi per una futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia La Commissione non intende fare della futura Carta europea dei diritti dei consumatori di energia un documento giuridico vincolante.

Dettagli

DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012)

DDL Legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.C. 3012) FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOGASLIQUIDI Associazione Nazionale imprese gas liquefatti La norma DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012) Articolo 22 - Disposizioni riguardanti la

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli