DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI"

Transcript

1 DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero , e perché? Divisibilità fra interi. Proprietà riflessiva e transitiva. Lezione 2. martedí 18 settembre 2012 (2 ore) Lo sviluppo decimale di Non vale la proprietà simmetrica. Determinazione delle coppie (a, b) tali che a divide b e b divide a. Determinazione delle coppie (x, y) di interi tali che xy = 1. Divisione con resto non negativo. Il caso del dividendo negativo. Il caso del divisore negativo. Unicità di quoziente e resto. Criterio di divisibilità in base all annullarsi del resto. Massimo comun divisore (MCD): definizione elementare. Problema: non esiste il MCD di 0 e 0. Lezione 3. mercoledí 19 settembre 2012 (2 ore) Divisione con resto non negativo: il caso del divisore negativo. Modalità di calcolo del MCD: l approccio mediante la fattorizzazione fallisce con numeri grandi : provare con numeri dell ordine di grandezza di , tenendo presente che l Universo ha anni. Definizione formale del MCD fra due interi a, b. Il MCD di 0 e 0 è 0. Più in generale, il MCD fra 0 e b è b. Esistenza e costruzione del MCD mediante l algoritmo di Euclide (inizio). Lezione 4. giovedí 20 settembre 2012 (2 ore) Sono equivalenti: d è il massimo comun divisore fra a e b, e D(a, b) = D(d). (Qui D(c) = { x Z : x c }, e D(a, b) = D(a) D(b).) Unicità del massimo comun divisore. Notazione (a, b) per il MCD. Date: Trento, A. A. 2012/13.

2 2 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 Descrizione formale dell algoritmo di Euclide. L algoritmo di Euclide su due numeri grandi all incirca N termina in al più 2 log 2 (N) passi. Algoritmo di Euclide esteso per esprimere il massimo comun divisore d di due numeri a, b come loro combinazione lineare ax + by = d, con x, y Z. Un esempio con 157 e 124. Se (a, b) = 1, allora a e b si dicono coprimi, o primi fra loro, o relativamente primi. a e b sono coprimi se e solo se esistono x, y Z tali che ax + by = 1. Lezione 5. lunedí 24 settembre 2012 (2 ore) L altra versione dell algoritmo di Euclide esteso per esprimere il massimo comun divisore di due numeri come loro combinazione lineare. Lemmi aritmetici. Applicazione dei lemmi aritmetici: il minimo comune multiplo (formula (a, b) [a, b] = a b, e interpretazione in termini di fattori comuni e non comuni). Altra applicazione: tutte le combinazioni per esprimere il massimo comun divisore come combinazione lineare. Divisori di 1 in Z. Congruenze. Basta considerare le congruenze modulo numeri non negativi. Le congruenze modulo 0, 1. Lezione 6. mercoledí 26 settembre 2012 (2 ore) Essere congrui vuol dire avere lo stesso resto, dunque la congruenza è una relazione di equivalenza. Classi rispetto a una relazione di equivalenza, e loro proprietà. Relazioni di equivalenza e partizioni. Le classi formano una partizione. Classi di congruenza (o resto) modulo un intero n. Le classi modulo 2 e 3. Lezione 7. giovedí 27 settembre 2012 (2 ore) Modulo n ci sono esattamente n classi resto, che sono [0], [1],..., [n 1]. Notazione Z/nZ. Si può calcolare con le classi resto. La prova del nove. Criteri di divisibilità per 9, 11, 7. Esercizio proposto: trovare i numeri interi positivi il cui prodotto delle cifre faccia un numero della forma Lezione 8. lunedí 1 ottobre 2012 (2 ore) Riepilogo sulle classi resto. Lemma: n divide a se e solo se [a] = [0] in Z/nZ. Criteri di divisibilità per 2, 4, 13. Z/nZ è un anello commutativo con unità. Il problema della buona definizione. Buona definizione della somma fra le classi resto. Inversi in un anello. Unicità.

3 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 3 Lezione 9. martedí 2 ottobre 2012 (2 ore) Inversi in Z/nZ. Calcolo degli inversi in Z/nZ mediante l algoritmo di Euclide esteso. L unico anello con unità in cui 0 = 1 è l anello { 0 }. 0-divisori. 0-divisori in Z/nZ. Dunque [a] Z/nZ è invertibile se e solo se (a, n) = 1, e l inverso si trova mediante l algoritmo di Euclide esteso. Se invece (a, n) > 1, allora [a] è un divisore dello zero. Domini: un dominio è un anello in cui l unico divisore dello zero è 0. Lemma dei cassetti. Lezione 10. mercoledí 3 ottobre 2012 (2 ore) In un anello finito (commutativo, con unità) gli elementi sono o invertibili o divisori dello zero. Un dominio finito è un campo. Gruppi: notazione neutra, additiva e moltiplicativa. Monoidi, lemma sugli inversi, gli elementi invertibili di un monoide formano un gruppo. Esempi. Lezione 11. giovedí 4 ottobre 2012 (2 ore) Il gruppo U(Z/nZ) delle classi invertibili modulo n. Funzione di Eulero. Valore della funzione di Eulero per la potenze di un primo. La funzione di Eulero è moltiplicativa nel senso della teoria dei numeri (enunciato). Il caso in cui n = pq è il prodotto di due numeri primi distinti. La funzione f : Z/mnZ Z/mZ che manda [x] mn ([x] m, [x] n ) è ben definita. Esempi: m = n = 2, e m = 2, n = 3. La funzione f è iniettiva se (m, n) = 1 Lezione 12. lunedí 8 ottobre 2012 (2 ore) Sistemi di due congruenze. Come trovare una soluzione. Come trovare tutte le soluzioni. Se un sistema di due congruenze ha soluzione, allora esso equivale a una singola congruenza. Sistemi di più congruenze. La funzione f di cui sopra è suriettiva. La funzione di Eulero è moltiplicativa nel senso della teoria dei numeri. Lezione 13. martedí 9 ottobre 2012 (2 ore) Funzioni iniettive e biiettive, inverse destre e sinistre, inversa bilatera, gruppo delle permutazioni. Potenze, regole delle potenze. Periodo (o ordine) di un elemento in un gruppo. Principio del minimo intero. Eguaglianza di due potenze.

4 4 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 Lezione 14. mercoledí 10 ottobre 2012 (2 ore) Periodo di [10] in U(Z/nZ), con (10, n) = 1, e sviluppo decimale periodico di 1/n. In un gruppo finito, il periodo di un elemento divide l ordine del gruppo. (Dimostrazione nel solo caso commutativo.) Le traslazioni destre e sinistre sono funzioni biiettive. Teorema di Eulero-Fermat. Ultima cifra decimale di Lezione 15. giovedí 11 ottobre 2012 (2 ore) Il gioco del tris. Il logaritmo come esempio di isomorfismo. Il primo teorema di isomorfismo fra insiemi. Un applicazione: potenze in un gruppo. Calcolare con le potenze di un elemento di periodo t equivale a calcolare in Z/tZ. Primo teorema di isomorfismo per gruppi (enunciato). Lezione 16. lunedí 15 ottobre 2012 (2 ore) Primo teorema di isomorfismo per gruppi: relazioni compatibili. Spiegazione dell esercizio proposto all inizio del corso. Introduzione alla crittografia. Cifrario di Cesare. Il problema dello scambio in pubblico di una chiave segreta. Lezione 17. mercoledí 17 ottobre 2012 (2 ore) Rappresentazione di un intero positivo in base B > 1. RSA, Chiave pubblica e chiave privata (segreta). Esempi. Problemi: mostrare che un numero è primo, fare le potenze. Lezione 18. giovedí 18 ottobre 2012 (3 ore) Prima provetta intermedia. Lezione 19. lunedí 22 ottobre 2012 (2 ore) Numeri di Carmichael. Criteri probabilistici di primalità. Criteri deterministici: AKS. Calcolo delle potenze. Il grafico di y = 2 x. Lezione 20. martedí 23 ottobre 2012 (2 ore) Calcolo delle potenze. Polinomi: definizione formale. Grado, grado della somma e grado del prodotto. Divisione con resto. Divisibilità, ed elementi invertibili in F [x], con F un campo. Algoritmo di Euclide (esteso).

5 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 5 Lezione 21. mercoledí 24 ottobre 2012 (2 ore) Razionalizzazione. Radici di un polinomio, e regola di Ruffini. Numero di radici di un polinomio: un polinomio di grado n a coefficienti in un dominio A ha al più n radici in A. Invece se A non è un dominio, un polinomio può avere più radici del suo grado. Quadrati in F = Z/pZ. Se p è dispari, ci sono (p 1)/2 quadrati non nulli in F, e questi sono le radici del polinomio x (p 1)/2 1. Lezione 22. giovedí 25 ottobre 2012 (2 ore) Se p è un primo dispari, e a 0 (mod p), allora a (p 1)/2 1 se e solo se a è un quadrato, e a (p 1)/2 1 altrimenti. Primo teorema di isomorfismo per anelli. Prodotto diretto di anelli. Applicazione: se (m, n) = 1, allora la funzione [x] mn ([x] m, [x] n ) è un isomorfismo Z/mnZ Z/mZ Z/nZ. Radici quadrate modulo = pq, con p, q numeri primi distinti. Lezione 23. lunedí 29 ottobre 2012 (2 ore) Testa o croce per telefono. Estensioni. Estensioni semplici. Esistenza, unicità e struttura di una estensione semplice. L estensione semplice A[α] B è l immagine del morfismo valutazione v α : A[x] B, che manda a A[x] in a(α). Aritmetica su domini. Divisibilità. Elementi associati. Elementi primi e irriducibili. Lezione 24. martedí 30 ottobre 2012 (2 ore) Definizioni equivalenti di elementi irriducibili. Primo implica irriducibile. Norme su un dominio, norma speciali. In Z[i 5] l elemento 2 è irriducibile, ma non primo. Domini euclidei. In un dominio euclideo la norma è speciale, e gli irriducibili sono primi. Lezione 25. mercoledí 31 ottobre 2012 (2 ore) Interi di Gauss Z[i]. Hanno una norma speciale, e sono un dominio euclideo. Numeri primi come somma di due quadrati: se p 1 (mod 4), allora p è somma di due quadrati. Lezione 26. lunedí 5 novembre 2012 (2 ore) Ancora sulla divisione con resto negli interi di Gauss: cenno a Z[ 2] e Z[ 3]. In un dominio dotato di norma speciale, ogni elemento si può scrivere come prodotto di irriducibili. In un dominio in cui gli irriducibili sono primi, la scomposizione nel prodotto di irriducibili è (essenzialmente) unica.

6 6 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 Terne pitagoriche, terne pitagoriche primitive. Se (a, b, c) è una terna pitagorica primitiva, allora (a + ib, a ib) = 1. Lezione 27. mercoledí 7 novembre 2012 (2 ore) In un dominio a fattorizzazione unica A, se x, y, z A, x 2 = yz, e (y, z) = 1, allora y = ɛu 2, z = ηv 2, ove u, v A, e ɛ, η sono unità. Caratterizzazione delle terne pitagoriche primitive. Primo teorema di isomorfismo fra gruppi, e potenze di un elemento in un gruppo. Primo teorema di isomorfismo fra anelli, e estensioni semplici di un campo. Polinomi minimi. Lezione 28. giovedí 8 novembre 2012 (2 ore) Struttura delle estensioni semplici di un campo. Polinomio minimo e irriducibilità. Lezione 29. lunedí 12 novembre 2012 (2 ore) Irriducibilità di polinomi di gradi piccoli. Descrizione di F [x]/mf [x], con m 0, e di F [α], con α algebrico su F. Se B è un dominio, estensione del campo F, e α B è algebrico su F, con polinomio minimo m, allora m è irriducibile in F [x], e F [α] è un campo. Lezione 30. martedí 13 novembre 2012 (2 ore) Un anello commutativo B, estensione del campo F, si può vedere come uno spazio vettoriale su F. Grado (= dimensione) B : F di una estensione. Se α è algebrico su F, il grado F [α] : F è eguale al grado del polinomio minimo di α su F. Calcolo del polinomio minimo di α = su Q, mediante il calcolo del grado Q[α] : Q. Lezione 31. mercoledí 14 novembre 2012 (2 ore) Formula dei gradi, e cenno alle costruzioni con riga e compasso. Il polinomio minimo di 4 2 su Q è x 4 2, col metodo diretto. Esistenza di una estensione in cui c è una radice di un polinomio (inizio). Lezione 32. giovedí 15 novembre 2012 (2 ore) Esistenza di una estensione in cui c è una radice di un polinomio. Esempi: costruzione di C a partire da R, costruzione di campi finiti con 4 e 9 elementi. Campo di spezzamento (riducibilità completa) di un polinomio. Esistenza, cenno all unicità a meno di isomorfismi.

7 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 7 Lezione 33. lunedí 19 novembre 2012 (2 ore) Se una estensione E del campo F ha grado finito n, allora ogni elemento α di E è algebrico su F, e il grado del polinomio minimo di α su F divide n. Caratteristica di un anello commutativo B con unità. Multipli di 1, e periodo additivo di 1. Se la caratteristica di B è zero, B contiene un sottoanello isomorfo a Z. Se la caratteristica di B è m > 0, B contiene un sottoanello isomorfo a Z/mZ, e m a = 0 per ogni a B. Se B è un dominio di caratteristica m > 0, allora m è un numero primo. Un campo finito E contiene (un sottoanello isomorfo a) F p = Z/pZ, con p primo. Se E : F p = n, allora E = p n. Se E è un campo finito di ordine q = p n, allora i suoi elementi sono le radici del polinomio x q x F p [x]. Lezione 34. mercoledí 21 novembre 2012 (2 ore) Costruzione di un campo finito con q = p n elementi come insieme delle radici di f = x q x nel campo di spezzamento ( ) di f su F p = Z/pZ. p Se p è primo, allora divide, per ogni 0 < i < p. Dunque in caratteristica p i si ha (a + b) p = a p + b p. Radici multiple e criterio della derivata. Un sottogruppo moltiplicativo finito di un capo è ciclico. (Senza dimostrazione.) Un campo finito di ordine p n è della forma F p [α], ove α ha polinomio minimo di grado n. Lezione 35. giovedí 22 novembre 2012 (3 ore) Seconda provetta intermedia. Lezione 36. martedí 27 novembre 2012 (2 ore) Polinomi irriducibili di grado 2, 3 e 4 su F 2 = Z/2Z. Costruzione di campi finiti di ordine 2, 4, 8. Lezione 37. mercoledí 28 novembre 2012 (2 ore) Polinomi irriducibili di grado 2 su F 3 = Z/3Z Costruzione del campo di ordine 9. Codici a rivelazione e correzione d errore. Codice a ripetizione una e due volte. Codice a controllo di parità. Lezione 38. giovedí 29 novembre 2012 (2 ore) Codice a controllo di parità. Codici lineari: matrice del codice, matrice di controllo di parità.

8 8 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 Lezione 39. lunedí 3 dicembre 2012 (2 ore) Codici lineari binari. Rivelazione e correzione di un errore: distanza di Hamming. Il codice di Hamming basato sul polinomio x 3 + x + 1 F 2 [x]. Lezione 40. mercoledí 5 dicembre 2012 (2 ore) Dalla matrice di controllo di parità alla matrice del codice. Notazione matriciale. Un codice lineare binario rivela un errore se la matrice di controllo di parità ha tutte le colonne diverse da zero, e ne corregge uno se la matrice di controllo di parità ha colonne diverse da zero, e distinte. Il codice di Hamming corregge un errore. Lezione 41. giovedí 6 dicembre 2012 (2 ore) Codici di Hamming in generale, codifica e decodifica. Lezione 42. lunedí 10 dicembre 2012 (2 ore) Il legame fra i codici di Hamming basati sui polinomi x 3 +x+1, x 3 +x 2 +1 F 2 [x]. Sottogruppi di un gruppo. Sottogruppi di Z. Classi laterali, Teorema di Lagrange, e corollario sull ordine degli elementi in un gruppo finito. Relazioni di equivalenza su un anello compatibili con le operazioni, e morfismi suriettivi. Lezione 43. martedí 11 dicembre 2012 (2 ore) Sottoanelli e ideali. Il nucleo di un morfismo è un ideale. La relazione di congruenza modulo un ideale è una relazione di equivalenza compatibile con le operazioni. Anello quoziente. Primo teorema di isomorfismo fra anelli con gli ideali. Sottoanelli e ideali di Z. Ideali di un dominio euclideo. Lezione 44. mercoledí 12 dicembre 2012 (2 ore) Secondo teorema di isomorfismo fra anelli. Un applicazione sugli interi: ab = (a, b) [a, b]. Il gruppo delle funzioni x ax + b, con a = ±1, su R e su F 3. Lezione 45. giovedí 13 dicembre 2012 (2 ore) Sottogruppi normali, e primo teorema di isomorfismo fra gruppi.

9 DIARIO DEL CORSO ALGEBRA 2012/13 9 Lezione 46. lunedí 17 dicembre 2012 (2 ore) Ancora sui teoremi di isomorfismo. Fibre di una funzione e iniettività. Un morfismo è iniettivo se e solo se il nucleo ha un solo elemento. Ordine di una potenza di un elemento. Tutti i sottogruppi di un gruppo commutativo sono normali. Applicazione: un gruppo ciclico di ordine m ha un unico sottogruppo di ordine h, per ogni divisore h di m. Lezione 47. mercoledí 19 dicembre 2012 (2 ore) Terzo teorema di isomorfismo per i gruppi. Lezione 48. giovedí 20 dicembre 2012 (3 ore) Terza provetta intermedia. Dipartimento di Matematica, Università degli Studi di Trento, via Sommarive 14, Trento address: URL:

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 16 settembre 2013 (2 ore) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 142857,

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2015/16 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2015/16 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2015/16 DOCENTE: ANDREA CARANTI Nota. L eventuale descrizione di lezioni non ancora svolte si deve intendere come una previsione/pianificazione. Lezione 1. martedí 15 settembre

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2010/11 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2010/11 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2010/11 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. mercoledí 15 settembre 2010 (2 ore) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero

Dettagli

REGISTRO DELLE LEZIONI 2005/2006. Tipologia. Addì 20-04-2006. Tipologia. Addì 21-04-2006. Tipologia

REGISTRO DELLE LEZIONI 2005/2006. Tipologia. Addì 20-04-2006. Tipologia. Addì 21-04-2006. Tipologia Introduzione al corso. Definizione di gruppo e sue proprietà. Addì 19-04-2006 Addì 20-04-2006 Esercizi introduttivi ed esempi sui gruppi. Definizione di sottogruppo e sue proprietà. Addì 20-04-2006 Addì

Dettagli

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei Capitolo 5: Anelli speciali: Introduzione: Gli anelli speciali sono anelli dotati di ulteriori proprietà molto forti che ne rendono agevole lo studio. Anelli euclidei Domini ad ideali principali Anelli

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità.

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità. 1 ANELLI Definizione 1.1. Sia A un insieme su cui sono definite due operazioni +,. (A, +, ) si dice Anello se (A, +) è un gruppo abeliano è associativa valgono le leggi distributive, cioè se a, b, c A

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI 1. CLASSI DI RESTO E DIVISIBILITÀ In questa parte sarò asciuttissimo, e scriverò solo le cose essenziali. I commenti avete potuto ascoltarli a lezione.

Dettagli

Esame di Matematica Discreta Laurea Triennale in Informatica e Comunicazione Digitale Sede di Taranto 28/9/2005

Esame di Matematica Discreta Laurea Triennale in Informatica e Comunicazione Digitale Sede di Taranto 28/9/2005 Sede di Taranto 28/9/2005 1. Dati gli insiemi A = {1, 2, 3, 4, 5} e B = {a, b, c}, determinare tutte le applicazioni surgettive f : A B tali che f(2) = f(3) = a f(x) a per x {2, 3}. 2. Risolvere il sistema

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

Note per un corso di Algebra per 12 crediti complessivi. Versione A.A. 2014/15

Note per un corso di Algebra per 12 crediti complessivi. Versione A.A. 2014/15 Note per un corso di Algebra per 12 crediti complessivi Versione A.A. 2014/15 Andrea Caranti con aggiunte e commenti di Sandro Mattarei Dipartimento di Matematica, Università degli Studi di Trento, via

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S Relazioni binarie Una relazione binaria può essere rappresentata con un grafo o con una matrice di incidenza. Date due relazioni R, S A 1 A 2, la matrice di incidenza a seguito di varie operazioni si può

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

QUARTA PROVETTA DI ALGEBRA TRENTO, 18 DICEMBRE 2015

QUARTA PROVETTA DI ALGEBRA TRENTO, 18 DICEMBRE 2015 QUARTA PROVETTA DI ALGEBRA TRENTO, 18 DICEMBRE 2015 Nota: Questi fogli contengono gli esercizi delle quattro diverse versioni della provetta che sono state assegnate. L esercizio x.y è l esercizio x della

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Programma di Algebra 1

Programma di Algebra 1 Programma di Algebra 1 A. A. 2015/2016 Docenti: Alberto Canonaco e Gian Pietro Pirola Richiami su relazioni di equivalenza: definizione, classe di equivalenza di un elemento, insieme quoziente e proiezione

Dettagli

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto PRODOTTO CARTESIANO Dati due insiemi non vuoti X e Y si definisce prodotto cartesiano: X Y ={ x, y x X, y Y } attenzione che (x,y) è diverso da (y,x) perchè (x,y)={x,{y}} e (y,x)={y,{x}} invece sono uguali

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE 1. Operazioni algebriche binarie Dato un insieme M, chiamiamo operazione algebrica binaria definita su M una qualunque applicazione f che associa ad ogni coppia ordinata (a, b) di

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Introduzione alla Crittografia

Introduzione alla Crittografia Liceo Scientifico N. Tron, 6 febbraio 2006 Riassunto Dato n > 1, la funzione di Eulero ϕ(n) è il numero di elementi < n e coprimi con n. Riassunto Dato n > 1, la funzione di Eulero ϕ(n) è il numero di

Dettagli

Cenni di teoria dei campi finiti

Cenni di teoria dei campi finiti Cenni di teoria dei campi finiti Luca Giuzzi 31 ottobre 2011 In queste note vengono richiamati alcuni risultati di algebra relativi la teoria dei campi finiti. 1 Anelli Definizione 1. Un anello (R, +,

Dettagli

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA CORSO DI ALGEBRA, A.A. 2012-2013 Nel seguito D indicherà sempre un dominio d integrità cioè un anello commutativo con unità privo di divisori dello zero. Indicheremo con

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali ALGEBRA II UNITÀ. M. Chiara Tamburini

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali ALGEBRA II UNITÀ. M. Chiara Tamburini UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali ALGEBRA II UNITÀ M Chiara Tamburini Anno Accademico 2009/2010 Indice I Omomorfismi fra anelli 1 1 Ideali 1 2 Anelli

Dettagli

Strutture Algebriche Le Sottostrutture Strutture degli Insiemi Quoziente

Strutture Algebriche Le Sottostrutture Strutture degli Insiemi Quoziente ALGEBRA RELAZIONI Operazioni tra relazioni: Unione (somma logica delle matrici) Intersezione (prodotto elemento per elemento delle matrici) Prodotto (prodotto righe per colonne delle matrici) prop. Associativa,

Dettagli

SECONDA PROVETTA DI ALGEBRA TRENTO, 6 NOVEMBRE 2015

SECONDA PROVETTA DI ALGEBRA TRENTO, 6 NOVEMBRE 2015 SECONDA PROVETTA DI ALGEBRA TRENTO, 6 NOVEMBRE 2015 Nota: Questi fogli contengono gli esercizi delle quattro diverse versioni della provetta che sono state assegnate. L esercizio x.y è l esercizio x della

Dettagli

Corso introduttivo pluridisciplinare Strutture algebriche

Corso introduttivo pluridisciplinare Strutture algebriche Corso introduttivo pluridisciplinare Strutture algebriche anno acc. 2013/2014 Univ. degli Studi di Milano Cristina Turrini (Univ. degli Studi di Milano) Corso introduttivo pluridisciplinare 1 / 17 index

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

ALGEBRA E LOGICA (v1.5)

ALGEBRA E LOGICA (v1.5) ALGEBRA E LOGICA (v1.5) Iniettività e suriettività: Per dimostrare che una funzione è iniettiva basta provare che se a1 = a2 => f(a1) = f(a2) per ogni valore di a (la cardinalità del codominio è maggiore

Dettagli

ALGEBRA I: MODULI. Abbiamo indicato con 0 A, 1 A lo zero e l unità nell anello A e con 0 M l elemento neutro del gruppo abeliano (M, +).

ALGEBRA I: MODULI. Abbiamo indicato con 0 A, 1 A lo zero e l unità nell anello A e con 0 M l elemento neutro del gruppo abeliano (M, +). ALGEBRA I: MODULI 1 GENERALITÀ SUGLI A-MODULI Il concetto di A-modulo generalizza quello di spazio vettoriale su un campo K Definizione 11 Sia A un anello commutativo con unità Un A-modulo è un insieme

Dettagli

Applicazioni lineari

Applicazioni lineari Applicazioni lineari Esempi di applicazioni lineari Definizione. Se V e W sono spazi vettoriali, una applicazione lineare è una funzione f: V W tale che, per ogni v, w V e per ogni a, b R si abbia f(av

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

Appunti di. Algebra Superiore. Rosario Strano

Appunti di. Algebra Superiore. Rosario Strano Appunti di Algebra Superiore Rosario Strano A cura di Giuseppe Bilotta. Dattiloscritti con AMS-L A TEX. Indice Parte I. Teoria di Galois 5 Capitolo I. Estensioni di campi 7 1. Richiami 7 2. Estensioni

Dettagli

Un introduzione all algebra lineare

Un introduzione all algebra lineare Luciano A. Lomonaco Un introduzione all algebra lineare Terza edizione ARACNE Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma

Dettagli

Anelli. dispense provvisorie del corso di Algebra 1 2010-2011 Alessio Del Vigna - Giovanni Gaiffi

Anelli. dispense provvisorie del corso di Algebra 1 2010-2011 Alessio Del Vigna - Giovanni Gaiffi Anelli dispense provvisorie del corso di Algebra 1 2010-2011 Alessio Del Vigna - Giovanni Gaiffi 16 febbraio 2011 1 Prime definizioni Abbiamo già dato in precedenza la definizione di anello associativo,

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Dispense di Algebra 1 - Gruppi

Dispense di Algebra 1 - Gruppi Dispense di Algebra 1 - Gruppi Dikran Dikranjan e Maria Silvia Lucido Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine via delle Scienze 200, I-33100 Udine gennaio 2005 L algébre est généreuse,

Dettagli

La matematica dell orologio

La matematica dell orologio La matematica dell orologio Un aritmetica inusuale: I numeri del nostro ambiente sono: 0,1,2,...,11 e corrispondono alle ore di un nostro orologio Le operazioni sono intese in questo modo: 1 somma: a+b

Dettagli

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 4, crittografia asimmetrica. Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica)

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 4, crittografia asimmetrica. Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica) Crittografia asimmetrica (a chiave pubblica) Problemi legati alla crittografia simmetrica Il principale problema della crittografia simmetrica sta nella necessità di disporre di un canale sicuro per la

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

ALGEBRA 2 CAMPI E TEORIA DI GALOIS

ALGEBRA 2 CAMPI E TEORIA DI GALOIS ALGEBRA 2 CAMPI E TEORIA DI GALOIS ALESSANDRO D ANDREA INDICE 1. Richiami sugli anelli 1 1.1. Anelli, sottoanelli, ideali 1 1.2. Omomorfismi di anelli ed anelli quoziente 2 1.3. Ideali primi e massimali.

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre.

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre. MULTIPLO: IL NUMERO CHE CONTIENE UN ALTRO NUMERO UN CERTO NUMERO DI VOLTE ESATTAMENTE. LI ( I MULTIPLI) OTTENGO MOLTIPLICANDO UN NUMERO PER QUALSIASI ALTRO NUMERO: IL PRODOTTO é IL MULTIPLO. IL MULTIPLO

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

Lezione 6 Nucleo, Immagine e Teorema della Dimensione. 1 Definizione di Nucleo e Immagine

Lezione 6 Nucleo, Immagine e Teorema della Dimensione. 1 Definizione di Nucleo e Immagine Lezione 6 Nucleo, Immagine e Teorema della Dimensione In questa lezione entriamo nel vivo della teoria delle applicazioni lineari. Per una applicazione lineare L : V W definiamo e impariamo a calcolare

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Ercole Suppa Liceo Scientifico A. Einstein, Teramo e-mail: ercolesuppa@gmail.com Teramo, 3 dicembre 2014 USR Abruzzo - PLS 2014-2015,

Dettagli

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Relatore Prof. Andrea Loi Tesi di Laurea

Dettagli

Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive. Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata

Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive. Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata Commenti alle lezioni del CORSO DI ANALISI MATEMATICA a.a. 2005/2006

Dettagli

Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI

Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI Premessa lessicale Anche se il suono è simile, la parola inglese factoring non significa calcolare la fattorizzazione (vedi sotto), bensì passare al quoziente,

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03...

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03... UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Registro dell insegnamento Anno Accademico 2014/2015 Facoltà Ingegneria....................................... Insegnamento Matematica................................ Settore Mat03............................................

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015

Geometria Superiore. A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno. March 2, 2015 Geometria Superiore A.A. 2014/2015 CdL in Matematica Università degli Studi di Salerno Luca Vitagliano March 2, 2015 Programma Prerequisiti. Spazi affini. Anelli commutativi con unità. Ideali. Anelli quoziente.

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

NULLSTELLENSATZ PER TUTTI

NULLSTELLENSATZ PER TUTTI NULLSTELLENSATZ PER TUTTI MARCO MANETTI Dedicato alla memoria di Franco Conti Il Nullstellensatz, detto anche teorema degli zeri di Hilbert, è la generalizzazione in più dimensioni del teorema fondamentale

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. Definizione 1. La funzione L : V W si dice una applicazione

Dettagli

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio Lezioni di Geometria e Algebra Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio CAPITOLO 0 Preliminari.. Insiemistica e logica Il presente Capitolo introduttivo ha lo scopo di ripassare alcuni argomenti

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI TEORIA DEI NUMERI E CRITTOGRAFIA. (41 ore complessive di lezione)

DIARIO DEL CORSO DI TEORIA DEI NUMERI E CRITTOGRAFIA. (41 ore complessive di lezione) DIARIO DEL CORSO DI TEORIA DEI NUMERI E CRITTOGRAFIA DOCENTE: SANDRO MATTAREI (41 ore complessive di lezione) Prima settimana. Lezione di martedí 22 febbraio 2011 (due ore) Rappresentazione di numeri interi

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Aritmetica modulare. Aritmetica modulare. Benvenuto nel wikibook: Autore: Dr Zimbu

Aritmetica modulare. Aritmetica modulare. Benvenuto nel wikibook: Autore: Dr Zimbu Aritmetica modulare Benvenuto nel wikibook: Aritmetica modulare Autore: Dr Zimbu PDF generato attraverso il toolkit opensource ''mwlib''. Per maggiori informazioni, vedi [[http://code.pediapress.com/ http://code.pediapress.com/]].

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Classicazione dei moduli nitamente generati su un dominio euclideo

Classicazione dei moduli nitamente generati su un dominio euclideo Classicazione dei su un dominio euclideo Relatore: Prof. Andrea Loi Candidato: Università degli Studi di Cagliari 31 Marzo 2015 (UniCa) 31 Marzo 2015 1 / 14 classicazione dei su un dominio euclideo Obiettivo:

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE pag. 131 Appendice: Nozioni base e varie G. Gerla APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE 1. Funzioni e relazioni di equivalenza Questi appunti sono rivolti a persone che abbiano già una conoscenza elementare della

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE

CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE CLASSI PRIME Scienze Applicate 5 ORE Settembre Ottobre Somministrazione di test di ingresso. Novembre dicembre Insiemi numerici Operazioni negli insiemi N, Q Operazioni negli insiemi Z, Q. Potenze con

Dettagli

ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE

ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE ALGEBRA I FATTORIZZAZIONE 1. DIVISIBILITÀ IN DOMINI A IDEALI PRINCIPALI 1.1. Ideali e divisibilità. Il nostro obiettivo è quello di preparare il terreno prima di affrontare la dimostrazione del Teorema

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 I NUMERI NATURALI

INDICE CAPITOLO 1 I NUMERI NATURALI INDICE CAPITOLO 1 I NUMERI NATURALI 1.1 Il sistema decimale 1 1. Numeri primi 1 Teorema della fattorizzazione unica Teorema di Euclide (i numeri primi sono infiniti) 1.3 Massimo comun divisore ed algoritmo

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

1. Operazioni binarie e loro proprietà.

1. Operazioni binarie e loro proprietà. INTRODUZIONE ALLE STRUTTURE ALGEBRICHE Lo studio delle strutture algebriche astratte innanzitutto consente economia di pensiero, mediante l'unificazione in teorie generali degli esempi particolari già

Dettagli

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM GLI INSIEMI NUMERICI E LE OPERAZIONI Ripasso del calcolo numerico: espressioni

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

ALGEBRA COMPUTAZIONALE

ALGEBRA COMPUTAZIONALE ALGEBRA COMPUTAZIONALE Capitolo I. TERMINOLOGIA Lo scopo di queste pagine è di richiamare le nozioni algebriche che verranno usate nel corso, illustrandole con qualche esempio di riferimento. Le dimostrazioni,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI A.A. 2015/16 CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 PER I CORSI DI LAUREA IN MATEMATICA E FISICA I semestre, 12 crediti Teoria: 9 crediti, tenuti da me Esercitazioni: 3 crediti, tenuti dal Dott. Bruno Scardamaglia

Dettagli