Aprile-Maggio 12. Anno VIII n 3. - Keith Haring -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aprile-Maggio 12. Anno VIII n 3. - Keith Haring -"

Transcript

1 Il Giornale ufficiale dell Associazione Studentesca Analysis Aprile-Maggio 12 Anno VIII n 3 - Keith Haring -

2 la vetrina Opinioni - musicalmente Kensho pag. 6 - memorie Rita pag. 8 - comincia tutto con un occhio che si apre Mr B pag. 9 - ti piace impoverirti facile? Antonio Cozzi pag. 16 -stupro: basta indulgenze Ylenia Greco pag. 17 Rubricamente -Al Cinema con la zia El: I Cento Passi El pag Alta Fedeltà: Afterhours 1784pag 11 - Libera Mente Cecilia Raffaelli pag Prospettive sul Mondo Istanbull peyazi pag. 13 Uniradio - musica e cultura Veronica Marrulli pag. 20 Prospettive future immagine di copertina: Keith Haring (4 maggio febbraio 1990) è stato un pittore statunitense, nelle cui opere ritroviamo l arte di strada americana e la Pop Art degli anni 80, per alcuni aspetti riconducibile ad Andy Warhol. Omosessuale, è stato uno dei più grandi artisti statunitensi degli anni 80, che ha avuto il merito di ridare una caratterizzazione di lotta all arte e di adottare un linguaggio universalmente riconosciuto nel nostro secolo. Contagiato negli anni della promiscuità sessuale dal virus dell HIV, muore alla precoce età di 31 anni

3 editoriale L importanza di chiamarsi studenti w WtÇ ÄÉ UâÉÇÉÜt FolleNente Alcuni di voi forse avranno sentito parlare della consultazione pubblica proposta dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca riguardo l abolizione del valore legale del titolo di studio. In merito sono sorte molteplici discussioni, le posizioni sono varie e variabili: chi vede favorevolmente l idea del governo, soprattutto per quanto riguarda il coinvolgimento della cittadinanza in una scelta ritenuta comunque molto importante; chi pensa, invece, che si tratti di mera demagogia, di una mossa tattica per avere più consenso; chi pensa non ci sia nulla da discutere, che il valore del titolo di studio in Italia non dovrebbe essere minimamente messo in dubbio. La consultazione sul sito del MIUR è terminata il 24 aprile, probabilmente in questi giorni usciranno i risultati. Io non voglio esprimere giudizi affrettati e lapidari, ma semplicemente riportarvi qualche notizia: un associazione studentesca ha provato a iscrivere Elvis Presley alla consultazione e, nonostante evidenti difficoltà biologiche, anche il famosissimo Elvis ha potuto partecipare alla discussione ed esprimere il proprio parere su un argomento rilevante per il nostro futuro; un altra associazione studentesca, insieme a vari comitati, invece, ha proposto un contro-questionario; riportando questi fatti non ho intenzione di screditare il Ministero, ma semplicemente di evidenziare qualche piccola mancanza nella preparazione del questionario. La consultazione pubblica è uno strumento molto usato in Paesi civili, un modo rapido ed economico, soprattutto se fatto sul web, per sapere cosa ne pensa la popolazione riguardo a un determinato argomento; ma la democrazia è davvero questo? Dare la possibilità di rispondere a qualche domanda è un modo per trovare una soluzione? E, poi, è davvero l abolizione del valore legale del titolo di studio l argomento più urgente e importante da affrontare per quanto riguarda l università e il lavoro, soprattutto in un Paese dove la disoccupazione giovanile è al 32% (dati ISTAT aprile)? Probabilmente si dovrebbe cominciare a parlare della struttura universitaria, entrare davvero nelle viscere del sistema e cambiare radicalmente, perché qualcosa c è qualcosa che non va, è evidente, ma per modificare il sistema universitario ci vorranno anni; abbiamo l illusione che qualcosa possa cambiare prima della nostra ricerca di lavoro, ma è, appunto, un illusione. Razionalmente fare previsioni ottimistiche è quasi impossibile, anche da un punto di vista della democrazia: fonti non ufficiali affermano che le elezioni universitarie saranno indette solo a maggio 2013 e, soprattutto per noi di psicologia, la situazione è tragica, la triennale non ha più rappresentanti ormai da quasi un anno e molti rappresentanti delle specialistiche si stanno laureando I ritardi sono dovuti alla burocrazia, poiché i cambiamenti previsti dal governo precedente non risultano così immediati da applicare, e le istituzioni universitarie, probabilmente, non hanno neanche tutta questa buona volontà di accelerare i tempi, ci sono sempre tantissimi interessi (economici) in gioco, dai privati alle università e, innanzitutto, alla politica. Senza rappresentanti chi può portare al livello dei consigli di facoltà, dei corsi laurea la voce degli studenti? Come fanno i presidi a sapere cosa ne pensa il popolo studentesco? Vedere in un consiglio di facoltà tutte le parti rappresentate, dai docenti ai tecnici, e notare che mancano gli studenti, a mio parere, mette tristezza. Gli studenti sono la parte più consistente del mondo universitario, sia da un punto di vista numerico, che economico: le tasse dell università chi le paga? E, poi, se non ci fossero gli studenti, cosa sarebbe l università? Noi davvero siamo l asse portante, le fondamenta dell università, dell istruzione, della società, del futuro. Quando si prendono decisioni vitali per il nostro presente e per il nostro futuro, credo dovrebbe essere inevitabile interpellarci, sapere noi cosa ne pensiamo; potrebbero definirci immaturi, potrebbero dire che decisioni tanto importanti non sono alla nostra portata, che non sappiamo come si vive ma ora ci viviamo noi nell università, quarantacinque anni fa era un mondo diverso, solo noi sappiamo davvero come funzionano le cose, per quanto immaturi o ignoranti, noi siamo immersi in meccanismi strani di valutazione, in piani di studi che appaiono assurdi. Noi siamo il presente dell università e il futuro della società, noi dobbiamo decidere della nostra vita, dobbiamo avere la possibilità di fare ciò che ci piace, di fare il lavoro che sogniamo. 3

4 l associazione SocioDramma Il 18 aprile 2012 l'associazione studentesca Analysis è stata lieta di organizzare una sessione dimostrativa di sociodramma di 3 ore. I partecipanti sono stati 18. Cos'è il sociodramma? E' una tecnica socio-psicologica interattiva applicata ai gruppi, inventata da Moreno. E' una sposalizio tra arte e psicologia, nello specifico tra psicologia dei gruppi e teatro. La sessione è stata condotta dalla dottoressa Borgonovi, docente psicoterapeuta dell'infanzia presso l'istituto Mosaico Psicologie di Bologna e responsabile del Master in sociodramma presso Universidue. La docente ha chiesto a ognuno dei ragazzi di presentarsi, al fine di instaurare una basilare conoscenza reciproca e rafforzare la nostra idea di gruppo. i membri dei gruppi, tra cui il sociogramma e il sociodramma. Ai cenni storici sulla tecnica sono seguite le spiegazioni dei vari strumenti con cui misurare i rapporti tra I ragazzi hanno avuto l'opportunità di sperimentare entrambi. Il sociogramma è la rappresentazione fisica di come uno dei membri del gruppo (lo scultore) percepisce le relazioni all'interno del gruppo. Il sociodramma consiste nella messa in scena di un problema di gruppo da parte di persone (tutte nella stessa maniera protagoniste) che interpretano loro stesse in un determinato ruolo. Si serve di tecniche come l'inversione di ruolo e il doppiaggio L'inversione di ruolo è necessaria quando due personaggi interpretano ruoli in antitesi e non riescono a comprendersi. Il doppiaggio è svolto invece dagli spettatori, che possono suggerire le battute che ritengono opportune ai personaggi sulla scena. La differenza tra sociodramma e psicodramma consiste nel fatto che nello psicodramma il problema messo in scena è individuale e gli altri personaggi non sono protagonisti ma comparse, Credo personalmente che sia stata un'esperienza utile e formativa, per esplorare teorie e tecniche il cui insegnamento non è previsto nei corsi di laurea tradizionali. Nonica Giannone

5 cittadinanza FolleNente 5 IL 25 APRILE il futuro passa dalla Resistenza Il 25 aprile è una data da ricordare, non solo perché è rossa sul calendario, perché le scuole chiudono o perché ci sono eventi in piazza. La valenza del 25 aprile dura ancora fino ad oggi, è sì una data storica, ma anche una giornata di prospettiva, di costruzione del futuro basata sui valori della Resistenza e dell antifascismo. Ancora oggi, purtroppo, ci sono tante manifestazione di stampo fascista, nonostante ogni tentativo di ricostituire il fascismo e l apologia di fascismo sono reati sanciti dalla Costituzione Italiana, nata appunto negli anni successivi a quel 25 aprile La nostra libertà, almeno costituzionalmente parlando, è stata sancita grazie alle lotte dei partigiani sulle colline, nelle strade e nelle piazze. Il loro impegno, il loro spirito dovrebbe essere ancora vivo, anzi è ancora vivo; nelle menti pensanti, la coscienza civica è intrisa degli insegnamenti degli uomini e delle donne che hanno combattuto contro il fascismo; ma anche chi apparentemente non si impegna nella società, ha dentro di sé un barlume di resistenza. Seppur flebile, questo barlume è insito in ogni coscienza; ma per diventare veri cittadini, bisogna alimentare la coscienza e, semmai, cercare di alimentare anche quella degli altri. Per non essere burattini nelle mani di qualche fantasmagorico politico è necessario informarsi, guardarsi attorno, capire. La conoscenza di tutto ciò che ci riguarda è indispensabile per non essere vittima di decisioni, talvolta prese a nostra totale insaputa. La libertà tanto duramente guadagnata deve essere preservata e noi siamo il fulcro della difesa dei valori dell antifascismo e della Resistenza, dobbiamo informarci e informare, partecipare, urlare. Nikolay TrueRed 17 MAGGIO: CONTRO L OMOFOBIA I nostri carissimi (in senso economico) politici sono sempre un ottima vetrina delle bassezze morali e comportamentali dell uomo. Non dovremmo sorprenderci, quindi, di alcuni atteggiamenti assolutamente negativi, se la rappresentanza politica ne è massima espressione. Negli ultimi tempi, purtroppo, ancora ci sono tanti episodi di discriminazione nei confronti degli omosessuali: i pregiudizi giocano un ruolo fondamentale, perciò bisogna fare informazione, educare al rispetto. Il 17 maggio è la Giornata internazionale contro l omofobia e la transfobia, istituita nel 2007, per fermarsi a riflettere e denunciare i comportamenti di violenza fisica e morale legati all orientamento sessuale. L Associazione studentesca Analysis ha accolto questa celebrazione e il 9 maggio ha organizzato un incontro sull omofobia (locandina dell evento nel giornale) per capire meglio come nasce e quali giustificazioni può trovare questo tipo di discriminazione. È stato scelto il 17 maggio perché nel 1990, in questa data, l Organizzazione Mondiale della Sanità ha bandito l omosessualità dalla lista delle malattie mentali. Ventidue anni sono passati, sono pochissimi, soprattutto notando l approccio di tante persone nei confronti degli omosessuali; purtroppo, l ufficialità di un cambiamento non corrisponde sempre a un cambiamento reale. Tanti Paesi fingono di fare qualcosa, anche in Italia solo pochissimi anni fa qualche politico si è mobilitato per inserire delle leggi di condanna contro l omofobia, per definire penalmente la discriminazione legata all orientamento sessuale. Il cambiamento di mentalità non può essere imposto dall alto e non si possono attendere risultati immediati; bisogna partire dal basso, insegnare il rispetto nelle scuole, nelle università, nelle strade. Aiman Amhed

6 opinioni NusicalNente A quanti di voi è capitato di ascoltare una canzone, una melodia o più precisamente un suono armonico e provare una sensazione positiva, dei brividi o addirittura arrivare ad avere i lacrimoni agl occhi Beh a tutto questo c è una spiegazione scientifica: è la reazione del nostro cervello a quelle che vengono definite attività gratificanti. Tra le più note possiamo citare l assunzione di stupefacenti, l assunzione di cibo (quindi il gusto) e, perché non farlo presente, l attività sessuale. Queste sono tutte attività, più o meno di frequenza giornaliera, che portano gratificazione. Ma è molto importante ed interessante far notare una cosa, ovvero che la musica, a differenza dell assunzione di cibo o dell attività sessuale, è una pratica astratta ovvero che non causa una qualche azione biologica.per prima cosa dobbiamo dire che culturalmente la musica fa parte ormai della nostra quotidianità da ormai secoli (se non proprio millenni, se pensiamo alla musica come parte fondamentale di riti nelle tribù).la musica è a tutti gli effetti un mezzo di comunicazione a volte più efficace delle parole, questo perché con essa, non viene più trattata soltanto la semantica di una frase, ma la si contorna di suono gradevole al nostro udito.ora la mia domanda è: Cosa si attiva nel nostro cervello quando ascoltiamo una sequenza ben definita di suoni chiamata Musica? Per rispetto verso chi gradirebbe conoscere tutto il meccanismo di ascolto, apro una piccola parentesi su come funziona il nostro orecchio.l orecchio umano percepisce le fluttuazioni di pressioni d aria che fanno vibrare la membrana timpanica. La gamma di frequenze percettibili è molto vasta (dai 20 ai Hz. Per intenderci dal suono dell esplosione di una bomba nei giochi ad 8bit, fino a quei fastidiosi suoni acutissimi che ci fanno venire mal di testa). Tali frequenze vengono dette toni o altezze dei suoni.la struttura dell orecchio è divisibile in 3 principali sezioni: 1. L orecchio esterno: raccoglie ed incanala i suoni fino all orecchio medio 2. L orecchio medio: trasforma l energia di un onda sonora (formata da una fase di compressione ed una di rarefazione) in vibrazioni del timpano di egual frequenza.poiché il timpano è collegato a degl ossicini interni (martello, incudine e staffa), li metterà in movimento e a loro volta (in particolare sarà la staffa) trasmetteranno le vibrazioni ad un fluido collocato nell orecchio interno. 3. L orecchio interno: è formato da coclea (o chiocciola), canali semicircolari, e nervo uditivo.quando un onda di compressione passa tra il martello dell orecchio medio e il canale semicircolare dell orecchio interno attraverso la Coclea, le cellule nervose ciliari, di cui è composta ed immerse nel fluido precedentemente citato, vibrano.ogni cellula risponde naturalmente ad una particolare frequenza di vibrazione. Quando la frequenza dell onda è la stessa della cellula nervosa, quest ultima risuona con una maggiore ampiezza di vibrazione. Questo rilascia un impulso elettrico che attraverso il nervo uditivo va al cervello. Bene, ora che l impulso è arrivato al nostro cervello, vediamo di capire come questo lo elabora e vediamo se riusciamo a spiegare perché un determinato suono ci piace.

7 opinioni FolleNente 7 La Tomografia ad Emissione di Positroni (PET), viene utilizzata per misurare e registrare quella che è l attività del cervello in risposta ad uno stimolo. Questo avviene attraverso l osservazione di variazioni di flusso sanguigno nelle diverse aree cerebrali. Se si verifica un aumento di flusso in una specifica zona del cervello, si localizza un aumento dell attività cerebrale. Ricerche Neuro-scientifiche hanno dimostrato e localizzato una maggiore attività cerebrale, generata da differenti tipologie di vibrazioni e dalle zone talamiche responsabili dell attivazione degli stati emotivi, nella zona immediatamente sottostante al lobo frontale dell Acumen (un network di neuroni posizionati nell area prefrontale, che normalmente controlla il flusso di informazione). È stato anche notato un aumento dell attività cerebrale anche in quella che viene chiamata area di Wernicke (parte del lobo temporale dedicata alla comprensione del linguaggio, più precisamente deputata all interpretazione cognitiva dei suoni). Ora però bisogna fare una precisazione. Cioè, non è necessario che l ascolto di una melodia debba provocare una qualche risposta emotiva. Ovvero, quando ascoltiamo una canzone triste, non per forza proviamo tristezza. E lo stesso vale per le canzoni cariche di ritmo e tonalità forti.ecco, sono proprio queste le variabili che possono modificare le nostre emozioni: il ritmo ed la tonalità. Il primo dei due, con la frase Questa musica è triste, rimanda ad un'analogia tra il movimento percepito ascoltando un brano musicale e i movimenti di una persona ritenuta triste: la lentezza, gli andamenti vacillanti, esitanti e irregolari del corpo.per il secondo, invece, alcuni brani musicali sono espressivi di una certa emozione perché è possibile percepire che certi loro tratti sono "strutturalmente simili a quelli della nostra voce" quando questa esprime tale emozione nella vita quotidiana. Quindi diciamo "questa musica è espressiva di tristezza" perché assomiglia al nostro tono vocale nei momenti di tristezza. E ipotizzando che la musica rappresenti le emozioni piuttosto che crearle, ci può far pensare ad un contenuto emotivo intrinseco. Ad esempio un salice piangente, ha una forma che ricorda l espressione della tristezza, ma ciò non vuol dire che sia triste.per entrambi esiste quindi un legame tra espressione musicale e schemi espressivi umani (di carattere culturale). Però dire che la musica rappresenta soltanto le emozioni, potrebbe risultare incompleto ed insoddisfacente. Ricerche, hanno mostrato come un normale ascoltatore impiega meno di un secondo a scoprire se un frammento sonoro induce emozioni e di quale tipo. Questo minimo arco di tempo è sufficiente per capire il carattere emotivo del brano.esisto contesti applicativi relativi all induzione musicale, tra cui la scelta delle musica nei film o addirittura quella che viene definita musica funzionale, usata nei centri commerciali per indurre modifiche comportamentali negli acquisti o negli operai.quindi perché ci emozioniamo all ascolto di un brano musicale? La risposta risiede, fino a prova contraria, nell isomorfismo strutturale che un brano musicale ha con la rappresentazione umano-culturale di un emozione. Praticamente, ci emozioniamo perché quel brano ci riporta alla mente quella particolare sensazione di gioia o di tristezza.se poi il testo di una canzone descrive una particolare situazione, questa amplificherà la sensazione provata. Kensho

8 opinioni Silenzio. La luce del primo pomeriggio colorava timidamente tutta la stanza. Sulle pareti, piccoli giochi di ombre creati dalle querce maestose cullavano dolcemente il mio rituale di bellezza. Il legno intagliato della mia toilette emanava un dolce profumo di noce. Prendevo lentamente ogni oggetto, lo utilizzavo, poi lo riponevo con cura accanto al lavabo. L aria fresca di Aprile penetrava attraverso la finestra aperta, riempiendomi i polmoni di gioia ed eccitazione. Tutto in me era in fermento. Di tanto in tanto il mio cuore sussultava, poi riprendeva a battere più rapidamente; come per ricordare a se stesso ciò che di lì a poco sarebbe accaduto. Mi piaceva quel silenzio. Controllavo il mio riflesso nello specchio cercando meticolosamente di curare ogni dettaglio del mio aspetto. Era un giorno importante. Il mio giorno. Il nostro giorno. Il candore del mio abito si accendeva di vita accarezzato dai raggi del sole. Avevo scelto il velo, alla fine. Mia madre avrebbe voluto così. Il suo ciondolo d argento disegnava una forma perfetta alla base del mio collo pallido. Le pareti sapevano di lei. Alle mie spalle un vecchio ritratto di mio padre. La guerra ce lo aveva portato via nel 17. Erano con me. Sarebbero stati con me fino alla fine. Destino ingiusto, pensai. Strapparmi così violentemente dalle mani gli affetti più cari per poi affidarmi, pochi mesi dopo, a quelle del mio unico vero amore. Déjà vu. In un solo misero istante è come se premessero i ricordi di una vita intera. E invece paradossalmente ciò che rimane è solo una sensazione di vuoto, di dimenticanza. -Signorina, si sente bene? Nemorie Vuoto. -Eh io cosa? -Ehilà!? Sei ancora su questo pianeta?! Villa Elena, lago, collina, acquirenti, agenzia immobiliare, ricordi? Ma che ti prende? Dimenticanza. - Io, si certo. Scusate. E che questa porta non viene aperta da parecchi anni. L odore di umido e stantio deve avermi provocato un piccolo capogiro. Dove ero rimasta? Ah sì, questo è il soggiorno. Come potete vedere è un ambiente molto luminoso. La casa è rimasta disabitata per parecchio tempo; è innegabile che necessiti di una ritoccattina, ma personalmente credo sia veramente stupenda. Date pure un occhiata in giro. Poi vi mostrerò il magnifico pergolato in giardino, c è una vite rampicante che durante il periodo estivo crea un atmosfera fantastica con il suo profumo. Che ne pensate? - Ci piace davvero tanto! C è qualcos altro da vedere? - Io.. credo di..sì. Un piccolo capanno degli attrezzi sul retro. - No, ti sbagli. Non c è nessun capanno. Insomma qui sulla mia nota non c è scritto! Lo sapremmo se il proprietario lo avesse inserito nell annuncio, no? Non l ascoltai. Mi mossi in maniera meccanica verso l ampia camera matrimoniale. Aprii l anta dell armadio, davanti allo sguardo interrogativo della mia collega, che cominciava a credere che stessi delirando. All interno vi era un piccolo cassetto in legno grezzo, intagliato a mano nella sua parte anteriore. Ecco di nuovo quella sensazione. Sapevo esattamente cosa racchiudeva al suo interno. Ma come era possibile? Io non ero mai stata in quella villa. Non c era tempo per essere razionali, non avrei mai potuto chiedere alla mia mente di fare un tale sforzo. Ero come in trance, guidata in qualche modo dai pensieri di qualcun altro. Eppure ero io. Insomma, sapevo chi ero. Il mio lavoro, l agenzia, la casa. Quando toccai quell oggetto lo feci con una cura quasi innaturale. C era un inquietante sacralità nei miei movimenti, unita alla spontaneità di una routine giornaliera. Quando le mie dita sfiorarono l intaglio ebbi una fortissima sensazione di nostalgia, come sfogliando un album dei ricordi.

9 opinioni FolleNente 9 Lo aprii. Una piccola chiave in ferro era adagiata sul fondo del cassetto. La presi fra le mani e sussultai. Animata come da un improvvisa scarica di adrenalina, mi precipitai in giardino, seguita dagli acquirenti e dalla mia collega, dal volto visibilmente stravolto. C era, effettivamente poco distante dalla casa, un capanno dall aria cadente. -Non credo che faccia parte della stessa proprietà. Qui non c è scritto nulla. Credo che non dovremmo aprire. Ancora una volta le parole della mia collega erano risultate vane. Ero già davanti al vecchio portellone arrugginito. Non mi stupii affatto che la mia chiave combaciasse perfettamente con la toppa. I miei accompagnatori rimasero indietro. C ero solo io. Attorno a me la voce del bosco. Fu solo allora che mi accorsi della magnifica vista di cui si poteva godere da quella posizione. Un piccolo lago faceva capolino tra i massicci tronchi dei pioppi. Tutto mi era straordinariamente familiare. C ero già stata, in un sogno di cui non ricordavo praticamente nulla. Le mie gambe mossero verso uno scaffale sulla destra. Tra tutte quelle cianfrusaglie un oggetto in particolare attirò la mia attenzione. Lo presi. Era una scatola di legno. Semplice. Senza decorazioni. La aprii. Le mie mani indugiarono qualche istante tra gli oggetti contenuti al suo interno. Un orologio da taschino, delle lettere, delle monete antiche. Poi mi bloccai. Déjà vu. In un solo misero secondo è come se premessero i ricordi di una vita intera. Era una vecchia fotografia in bianco e nero. Il mio cuore prese a battere così forte che pareva volesse uscire fuori dal petto. Erano ritratti un uomo e una donna davanti alla porta di una chiesa. Alle loro dita due piccoli anelli. Lei aveva un lungo abito bianco e il velo le copriva il volto. Lui un abito nero e un giglio nel taschino della giacca. Un giglio. Il mio fiore preferito. Non potevo vedere il volto della donna, ma ebbi la netta sensazione di aver indossato quell abito, una volta. Il mio corpo non rispondeva più. Tremavo. Voltai la fotografia. Riconobbi la mia grafia. L inchiostro nero brillava incurante del tempo. Due parole. Aprile Comincia tutto con un occhio che si apre C era una scarpa, c era un prato, c era un cielo, c era una storia e c era una volta. La volta del cielo, della scarpa, del prato e della storia tutti assieme, che si univano armoniosi. Quella particolare volta, tuttavia, la storia non era in vena di seguire nessuno. Voleva stare da sola e così decise di andarsene per conto suo, seguendo la propria strada. Purtroppo per lei, però, ogni volta che si spostava, altri la seguivano, attirati inesorabilmente dalla sua forma, dal suo essere, dalla sua storia, anche se lei voleva soltanto stare da sola. Ogni volta che incontrava altri, essi si aggiungevano a lei medesima e le si aggrappavano addosso, costringendola, suo malgrado, a seguirli, a muoversi a fatica, trasportando il loro peso per lei insopportabile -, a divincolarsi con grande sforzo. Ma lei non voleva! Per questo aveva cominciato a spostarsi, per questo la volta della scarpa e del prato e del cielo essa si era allontanata: non voleva stare con nessuno, voleva stare da sola! Senza pesi, senza altri, senza alcun elemento egoista e narcisista, pronto ad aggrapparsi a lei, come fosse Rita l unico modo per vivere una propria storia. Così continuò a spostarsi. Sempre più lontano, sempre più in fretta. Ma nonostante questi suoi sforzi non bastava mai. C era sempre qualcuno o qualcosa che la sentiva, la percepiva, la vedeva, si accorgeva e, come fosse l unica cosa da fare in quel momento, l unica possibile, come l ago della bussola verso la Groenlandia, vi si lanciava addosso, impattando, scontrandosi con lei, modificandola, alterandola. Dopo molto, troppo tempo, che ormai si era rassegnata ad avere come compagno fisso in quel suo interminabile viaggio (poiché il tempo, si sa, è molto tenace e innamorato di tutte le storie), la storia decise, ormai stremata da quel suo lungo viaggio senza meta, di fermarsi, arrendersi al fatto che più andava avanti, più gli altri la cambiavano. Che non poteva continuare a camminare rimanendo completamente da sola, non poteva continuare a vivere senza farsi cambiare dagli altri. E si fermò. Nr B

10 rubricamente LA ZIA EL -Per farti ascoltare certe volte devi fare la voce grossa. Eccoci ancora con il terzo film. Questo mese vi propongo: I cento passi. - E invece no. Perché se fai la voce grossa fai capire che stai male. Non ti fai ascoltare. Non ti fai sentire. Film che apparentemente conoscono tutti, film che parla di quella parte d Italia che in molto cercano di ignorare, e in molti altri cercano di eliminare, cerchiamo di eliminare! I cento passi è un film struggente, un ragazzo, dei sogni, una radio, degli amici e la mafia, cose troppo forti che insieme tra loro non gli avrebbero garantito una vita facile. Cento sono i passi che occorre fare a Cinisi, per colmare la distanza tra la casa della famiglia Impastato e quella del boss mafioso Tano Badalamenti. Il giovane Peppino Impastato vive cercando di sfuggire a quest'inesorabile legame con l'ambiente mafioso che il padre, Luigi Impastato, un po' per inerzia, un po' perché ha una moglie da proteggere e due figli da crescere, non ha la forza di rompere. Anche di fronte alla vulnerabilità sua e della propria famiglia, Peppino, animato da uno spirito civico irrefrenabile, non esita, con l'involontaria complicità del fratello Giovanni, ad attaccare "don Tano" e a denunciarne pubblicamente le malefatte. Il percorso "controcorrente" di Peppino nasce quando, bambino, vede scorrere davanti a sé gli albori della lotta politica contro la mafia e il potere a essa colluso, lotta a cui poi prenderà attiva parte una volta adolescente e poi da adulto. La morte violenta dello zio capomafia, l'incontro con il pittore comunista Stefano Venuti, il rifiuto del padre biologico e della famiglia intesa in senso mafioso e il formarsi con il pittore idealista, suo vero "padre etico", sono i punti di svolta della vita di Peppino bambino, che lo segneranno per il resto della sua esistenza. La frase "noi comunisti perdiamo perché ci piace perdere" sembra quasi un preludio alla sua tragica morte, che giunge quando ormai è diventato troppo scomodo ai mafiosi e il padre, morto in un oscuro incidente, non lo può più proteggere da don Tano. Viene ucciso soprattutto per l'operato dell'irriverente Radio Aut, dai microfoni della quale si è scagliato senza freni a denunciare la mafia e i suoi misfatti.

11 rubricamente ALTA FEDELTA e da quando ho scoperto che erano prigioni, ho giocato un sistema con le mie ragioni FolleNente w DJKG 11 Questa sarà un edizione speciale di Alta Fedeltà. In quest appuntamento non presenteremo nessun nuovo disco, ma vi parlerò di qualcosa che mi sta a cuore, per anticipare un uscita che avverrà in questi giorni, ma che non abbiamo ancora avuto modo di avere per le mani. Vi parlerò di uno dei gruppi storici della scena rock italiana E ve ne racconterò in nome di chi ha vissuto la sua adolescenza urlando e sussurrando i loro pezzi, sentendo sulla pelle ogni nota Si tratta degli Afterhours, che tornano il 17 Aprile sulla scena con Padania, a tre anni dalla partecipazione a Sanremo e dalla pubblicazione dell album Afterhours presentano: Il paese è reale (19 artisti per un paese migliore?), realizzato con la collaborazione di altri artisti del panorama indipendente italiano. Cosa sono gli Afterhours?! Mi piacerebbe essere tecnica, ma non ci riesco. Afterhours è ciò che ti aspetti da qualsiasi cosa che in qualche modo possa definirsi arte, Afterhours è ribaltarsi, riconoscersi, entrarsi dentro e riscoprirsi nuovi, Afterhours è ciò che di te non diresti mai, eppure lo senti, sai che c è per quanto sia difficile riuscire ad esprimerlo Ed è una storia che comincia alla fine degli anni Ottanta a Milano ed ha un titolo che è, sicuramente, un tributo alla figura di LouReed e dei suoi Velvet Underground, passa attraverso due album completamente in lingua inglese [ DuringChristine ssleep e Pop Kills Your Soul ]e giunge, prima con Germi e poi con Hai paura del buio?, a conquistare la scena indipendente non solo italiana Tra note collaborazioni, tra cui Afghan Whigs e Massimo Volume, e tour internazionali, escono alcuni dei più bei dischi mai usciti in Italia. Non è Per Sempre, Quello Che Non C è, Ballate Per Piccole Iene Vorrei li ascoltaste, tutti voi O forse no. Mi piacerebbe avere l illusione che nessuno li abbia mai ascoltati, che ciò che esprimono possa essere solo mio, che nessuno possa comprenderlo Anche se è stato bellissimo vederli live e poter abbracciare sconosciuti, con un espressione ed uno stato d animo tra l orgasmo e Top 3 l estasi, cantando - Vivere e morire a Treviso con loro ogni singolo brano, - Non vedo l ora/martino con il cuore a - Dimmi Addio mille e il sorriso migliore che abbia mai indossato E no, questa non è una recensione. Forse neanche una presentazione. Ma forse chi li conosce può capirmi E chi no, magari essere spinto dall amore che ne provo io ad ascoltarli E magari innamorarsi anche lui/lei. Io, nel frattempo, aspetto il 17 E mi sparo di nuovo a palla la titletrack

12 rubricamente Liberamente Quanto realmente ci perdiamo nel percorrere la solita strada? Casa, facoltà, mensa, stazione, supermercato, parco, discoteca, palestra... Quanta strada ci portano a fare i nostri piedi ogni giorno? Quanti luoghi, familiari e non, ci capita di incontrare? Quotidianamente miliardi di stimoli colpiscono i nostri sensi, ci attraversano e fuggono,. Ma, presi dalla frenesia di tutti i giorni, chissà quanto di ciò che guardiamo (e che ci guarda) ha il privilegio di catturare davvero la nostra attenzione, il potere di emozionarci a tal punto da riuscire a fermare per un attimo il nostro passo svelto. Durante il vostro cammino, tra un passo frettoloso e l'altro, concedetevi di trattenere un'immagine tra le tante che vi si infrangono addosso. Limitatevi ad osservarla immobili, solo osservarla, e lasciatevi travolgere e stupire. Ecco, ora fatela vostra, senza pensarci troppo su. Io ci ho provato e ho fissato quelle immagini, rapite dalla mia vita di tutti i giorni a Cesena e dintorni, in fotografie. Questi sono i primi risultati. Osservate e stupitevi.. LIBERAMENTE. Cecilia Raffaelli

13 rubricamente Prospettive sul mondo ISTANBuL: CITTA DELLE PRINCIPESSE FolleNente Il 3 Aprile, quando l aereo si e avvicinato alla terra, si poteva vedere lo stretto del Bosforo sul mar di Marmara. Ci sono le navi, enormi, che toccano quasi il ponte del Bosforo. Tutti i passeggeri attaccati alle finestre per vedere questa bellezza unica Siamo ad Istanbul, nella città che copre una storia di 8500 anni... Appena usciti dall aereoporto, ci sentiamo confuse e perse. Fuori c è caos; c è gente che urla, che corre, vanno tutti di fretta. L unica cosa che una straniera vorrebbe, è andare in un posto meno caotico, per poter respirare un attimo. In questa città enorme, che connette i continenti di Asia ed Europa, andare a casa vuol dire un altro viaggio lunghissimo Bisogna riposare bene, perché il giorno dopo sarà molto stancante La mattina ci svegliamo presto, nell albergo ci danno la colazione turca tradizionale. È difficile trovare il caffè e le brioche, perché i turchi bevono il tè nero in continuazione e mangiano l omelette come gli inglesi. Dopo la colazione ci troviamo sul metro-bus per andare verso il centro, il metro-bus e pieno di gente perciò, per circa un ora, viaggiamo in piedi. Il primo luogo da vedere e la Blue Mosque. È la moschea principale della città, con un giardino enorme. Per entrare bisogna togliere le scarpe e le donne devono coprirsi completamente. Poi la seconda destinazione è Hagia Sofia (Basilica di Santa Sofia), una chiesa trasformata in una moschea e oggi uno dei principali monumenti della Turchia. Prossimo, è Topkapı Palace. È enorme, per vedere tutto ci vogliono almeno due ore la parte più impressionante e l Harem, ha un panorama bellissimo perché si vede tutto lo stresso del Bosforo ed è decorato con l oro le donne, quando escono, sono sempre visibilmente impressionate Per pranzo, si mangia il kebab ma è diverso da quello che abbiamo in Italia. Il kebab viene cucinato nel forno turco in un piatto di metallo, e la carne viene messa sopra piccoli pezzettini di pane e yogurt. Dopo passiamo al Grand Bazaar. Ci sono tanti negozi che vendono prodotti tradizionali e i venditori usano tanti modi differenti per attirare la nostra attenzione. Ci offrono il tè, ci parlano nella nostra lingua originale, ci danno prezzi bassi per poterci rubare ai venditori degli altri negozi. Ci fanno tante domande, sono molto amichevoli, alla fine non abbiamo altra scelta: il prodotto che ci fanno vedere viene comprato. Completiamo la parte dello shopping con tante risate Poi passiamo a Taksim, il centro della città. Non ci sono tanti turisti, ma c è tanta gente. Ci sono tutti i tipi di bar e tanti negozi economici. Sulla strada principale si cammina lentamente, perché c è un enorme flusso di gente. Anche lì si sente un rumore forte e musica in continuazione dopo una bella camminata, prendiamo una nave per un tour sul Bosforus in un ora la nave percorre la metà del Bosforo e si vedono tutte le case e i palazzi tutti sulla nave iniziano a sognare una vita fatta in quelle case delle principesse. Torniamo all albergo, stanchissime, pensando alla città magnifica e ai suoi 8500 anni di vita il giorno dopo sarà molto più stancante Ñxçté 13

14 logicamente Sudoku ^ uç Cadavere tra le dune C'è un uomo morto in mezzo ad una distesa di sabbia. Vicino a lui c'è un pacchetto chiuso. Nella sabbia, per un raggio di 200 metri attorno al cadavere, non c'è nessun tipo di impronta. L'uomo è morto da circa 10 secondi. Cosa è successo? Antonio e Cleopatra Pensiero Laterale Sul pavimento di una lussuosa villa egizia sono riversi Antonio e Cleopatra, morti. Attorno a loro dei vetri rotti e dell acqua. La finestra è aperta. Quando sono morti non era presente nessuno in villa, sui loro corpi nessun segno e non sono stati avvelenati. Qual è la causa del decesso?

15 logicamente Parole Crociate FolleNente 15 Verticale Orizzontale fàx 1.Chi ha la mania di raccogliere libri 2.African Virtual University 3.Rifugio Alpino 4.Costiera Campana famosa per la sua bellezza 7.Pingue 8.Fabbrica torinese di automobili 9.Simbolo chimico del Rubidio 14.Detto anche Ciuco 15.Titolo onorifico legale 17. Quanta vita c è,quanta vita insieme a te Titolo 18.Gruppo di cani usato per le battute di caccia 21.Central Inteligencer Agency 22.Saluto inglese equivalente al ciao 24.Preposition in Englis 1.Neurologo francese famoso per la scoperta di un riflesso nel neonato 5.Imposta sul valore aggiunto 6.Oscuro,con poca luce 8.Forma troncata di frate 10.Trapani 11.Gruppo bancario di Roma 12.Intelligenza artificiale film di S.Spielberg 13.Biondo attivista dell associazione Analysis 16.La si regala l 8 Marzo 19.Architettura risorse umane 20.Sede della torre di Guevara 23.Elemento radioattivo,detto più comunemente Radon 25.Secondo con i numeri romani 26.Finestra a sei luci 27.Iniziali di Andreotti politico italiano

16 opinioni Ti piace impoverirti facile? Salve a tutti, ultimamente, purtroppo, ho avuto più contatto di quanto avrei voluto con la nostra amata televisione e ho notato qualcosa di sconcertante, a mio parere.non so se sono l unico o qualcun altro ha fatto caso al fatto che c è una vera e propria campagna pubblicitaria in favore del gioco d azzardo, di giochi come il poker o meglio ancora il lotto. Come scusa? Il gioco d azzardo non è una di quelle cose rischiose e per la quale vanno sul lastrico famiglie? Eh sì, ma a quanto pare qualcuno ha bisogno di soldi, dato che la gente non va più a fare la spesa al supermercato, qualcuno spera che la vada a fare al tabacchino. Questo qualcuno ovviamente è lo Stato, che nel frattempo, tra polemiche inutili su problemi di cui è ridicolo anche solo parlare, come quello dell ormai famigerato articolo 18, trova il tempo per provare a infinocchiarci con pubblicità che promettono di cambiare in meglio la propria vita, di diventare ricchi, di poter comprare una squadra di calcio, creare un azienda eccetera eccetera, semplicemente giocando al lotto. La ridicola e vergognosa pubblicità del lotto è solo l esempio più eclatante, in realtà stanno spuntando come funghi pubblicità dei siti di poker o che comunque inducono al gioco d azzardo. Ora, io non voglio fare il moralista, né tantomeno l ipocrita, mi piace però sottolineare quando questi ruoli vengono assunti dagli altri. Perché, effettivamente, ci vuole coraggio a criticare e condannare pubblicamente alcuni comportamenti, per poi sponsorizzare una piaga che potrebbe essere messa al pari dell alcool o delle sigarette, o (e mo prendo gli insulti) delle droghe, come problema sociale, come causa di difficoltà economiche e familiari. In realtà anche l alcool sta acquisendo una visibilità sempre maggiore, le droghe non portano alcun introito allo stato e per la pubblicità delle sigarette dovremo aspettare di cadere ancora più in basso. Potrei presentarvi una sfilza di dati, come il fatto che la spesa per il gioco d'azzardo degli italiani è aumentata ben del 19,7% nel 2007 rispetto al 2006, figuriamoci negli ultimi 4 anni, con una raccolta complessiva di 42,2 miliardi di euro (2% del prodotto interno lordo), che in Regioni quali Sicilia, Puglia, Campania, Sardegna e Abruzzo (guarda caso quelle tra le più povere) le famiglie investono in gioco d'azzardo il 6,5% del proprio reddito, portando a conseguenze quali debiti e usura. Tutti dati diffusi dall Alea (Associazione per lo studio del gioco d'azzardo e dei comportamenti a rischio): eh già, perché il gioco d azzardo è ufficialmente ritenuto una dipendenza, però finché lo Stato, quando lo pubblicizza, aggiunge la scritta giocare con prudenza ha fatto il proprio dovere. Potrebbero fare lo stesso anche con altre cose a sto punto, ok sto esagerando, non voglio cominciare un discorso che poi assumerebbe proporzioni enormi.

17 opinioni FolleNente 17 Sicuramente vi sarete rotti, quindi vi lascio con un monito serio, se volete scommettere, giocare, bere, fumare, fare l amore, suonare l ukulele di notte nonostante le proteste del vicino, qualunque cosa vogliate fare, se sapete che fa male ma lo fate con la vostra testa, responsabilmente, con coscienza, fatelo pure, state attenti solo a non farvi manipolare. Ragionate con la vostra testa, leggete, non fatevi abbindolare da tv o rappresentanti vari di un Paese che è arrivato a chiedere alla gente di spendere i loro ultimi soldi in schedine, poker e macchinette. Antonio Cozzi STUPRO: basta indulgenze w läxç t ZÜxvÉ Nel XXI secolo si suppone che l Italia sia un Paese civile, tuttavia tutti i diritti fondamentali dell uomo vengono violati senza poi essere condannati dalla giustizia. Lo stupro è un reato che lede il diritto alla libertà, il diritto alla dignità e compromette il futuro e l equilibrio psicologico della persona che lo subisce. Lo scorso 3 febbraio si è sollevata la questione della non obbligatorietà di detenzione per chi commette stupri di gruppo. Se lo stupro di gruppo non è grave come lo stupro singolo per responsabilità condivisa dei rei, allora questo criterio dovrebbe essere esteso anche ad altri reati di gruppo. Ad esempio l omicidio di gruppo, la rapina di gruppo, l evasione fiscale di gruppo. Occorre sottolineare che la polemica non sorge solo per la supposta differenza di stupro commesso da singoli o da gruppi. Di fatti il reato di stupro è di per sé sottovalutato, basti pensare che il possesso di marijuana (oltre il limite fissato a 10 grammi) è condannato più rigidamente della violenza carnale. Sorge allora un interrogativo: come mai questi giudici così indulgenti? Non hanno figlie, mogli, sorelle? Quando essi giudicano stupratori, anche minorenni, non pensano che le donne a cui loro tengono potrebbero essere vittime dello stesso reato? Da cosa è inabissata la loro umanità? E qual è la credibilità di un Paese che nel 2009 s impegna per introdurre una legge sullo stalking per proteggere le vittime di questo reato e poi, di fronte ad un reato ancora più grave, sta fermo a guardare e non fa valere i diritti fondamentali dei propri cittadini? Le donne e gli uomini che vogliono difendere il diritto alla libertà e il diritto alla dignità devono allora protestare affinché la giustizia venga creata ora e non in un supposto regno di Dio, in cui forse un giorno a codesti giudici verrà negato il diritto alla redenzione.

18 esperienze Le conseguenze dell odio: la storia di Zijo Ribic Questa è la storia di un omicidio, la storia di un conflitto civile, una storia che ci mostra quanto siano gravi i danni quando il rispetto per la diversità viene calpestato: questa è la storia di Zijo Ribic. Zijo Ribic nasce nel 1984 nell ex Jugoslavia, più precisamente nella parte orientale dell attuale Bosnia-Erzegovina, e trascorre i primi anni della sua vita in un paesino abitato prevalentemente da rom. Nel 1992, quando Zijo ha solo 7 anni, scoppia la guerra civile: la Bosnia all epoca era abitata da serbi, croati e bosniaci e questa guerra rappresentava la prosecuzione dei conflitti già scoppiati in altre regioni dell ex Jugoslavia e, come spesso accade, a farne le spese per primi sono le minoranze, in questo caso la popolazione rom, a cui Zijo appartiene. Di rom che abitavano in Bosnia, sono stati uccisi. Il paesino di Zijo viene attaccato dagli ultranazionalisti serbi che uccidono numerose persone, compresa la famiglia di Zijo: Anche dopo tanti anni mi ricordo tutto, come se fosse successo ieri. Mi ricordo quando sono arrivati e ci hanno presi. Prima ci hanno picchiati, cercando oro e armi. Hanno detto che non avrebbero fatto niente alle donne e ai bambini. Ci hanno raggruppati tutti davanti alla casa, hanno stuprato mia sorella maggiore Zlatija e io ho visto tutto; poi, sono arrivati due camion nei quali ci hanno caricato. Arrivati a destinazione ci hanno fatti scendere uno alla volta e ci hanno condotti verso una fossa appena scavata. Prima hanno fatto scendere mia madre e mio fratello, poi sono venuti a prendere me. Io piangevo, chiedendo di vedere mia madre. Mi risposero che l avrei vista subito. Poi, in fila è arrivato il mio turno. Ho sentito degli spari e un fendente di lama nel collo. Ho fatto finta di essere morto. E mi hanno gettato nella fossa insieme agli altri che avevano appena ammazzato. Successivamente, Zijo scappa e si rifugia per un po nei boschi, poi ha la fortuna di incontrare in una casa abbandonata due soldati dell esercito popolare Jugoslavo che lo soccorrono e lo conducono in un infermeria, dove però sono presenti le stesse persone che gli avevano sterminato la famiglia due giorni prima: Entrato nell infermeria ho visto le stesse persone che la sera prima hanno ucciso i miei familiari. Mi sono aggrappato ai due soldati che mi hanno salvato e non li mollavo. Fortunatamente i due soldati resistettero alle pressioni del gruppo paramilitare e accompagnarono Zijo in un ospedale, dove rimase fino al 95, quando fu ricoverato in un istituto, non adatto però a curare i traumi vissuti da un bambino di appena 7 anni. Grazie ad un progetto dell Unicef, Zijo fu portato in un orfanotrofio montenegrino, il Mladost, ma il suo calvario non era ancora finito: dopo 5 anni trascorsi in questa struttura, Zijo viene trasferito in un nuovo orfanotrofio, questa volta in Bosnia, precisamente nella città di Tuzla. Nel 2005 esce dall orfanotrofio e viene ospitato da una struttura, la Casa Pappagallo, adibita ad accogliere coloro che una volta usciti dall orfanotrofio non sanno dove andare. Attualmente Zijo non ha un lavoro per mantenersi e non ha ricevuto alcun sostegno economico o morale da parte di nessuna associazione bosniaca, ma nonostante tutto ha trovato la forza per denunciare gli assassini che hanno sterminato la sua famiglia ed è stato il primo a portare in un aula di tribunale la questione del genocidio del suo popolo. Ancora nel 21 secolo, in un sacco di posti del mondo, ci sono discriminazioni, violenze, uccisioni e anche nella tanto democratica e civile Europa si assiste tutt ora alla messa in discussione della convivenza nella diversità, come ad esempio è successo poco tempo fa nella civile e tecnologica Londra, dove il premier Inglese Cameron ha parlato irresponsabilmente del fallimento delle politiche di integrazioni londinesi, come se la storia non avesse nulla da insegnare. Mi colpiscono molto le parole con cui Zijo, segnato così duramente dall odio per la diversità, conclude la sua testimonianza: Dei Serbi mi hanno rovinato la vita e dei Serbi me l hanno salvata, ho perso i genitori e 6 tra sorelle e fratelli, ma non ho imparato ad odiare: l odio non porta a niente, porta solo a delle atrocità, bisogna vivere insieme, non serve a niente odiare gli altri perché sono diversi.le parole di quest uomo dovrebbero essere di esempio per tutti, compresa parte della nostra classe politica. Narco Bertini, conferenza stampa del 20/1/2012 al Centro per la pace, Cesena

19 Bell Evirato V era un dì vanesio fante, vero prode cavaliere, bello, giovane ed aitante, di pulzelle ne avea a schiere. C è da dir che il giovanotto, che di fascino esaltava, i sapea che d intelletto e di ingegno non brillava. Tuttavia ciò non frenava le passioni sue d amore quando donna avvicinava le portava via il cuore. Ma il belloccio aveva un vizio che lo rendeva spesso ostile quando placava lo suo sfizio comportavasi da vile. Le concesse a lui madame che di notte cavalcava appena esaurito il seme come stracci le trattava, v era inoltre un altro mito sull indomito amante, disprezzava inorridito donna poco accattivante, facea grande selezione di colei che ad ore amava e quelle che non eran buone grezzamente lui insultava. Racchie, brutte e con il baffo gli diceva da volgare, affermando solo Saffo le avrebbe mai potuto amare. Così le vittime del suo agire di verbo e di carnal usura si decisero a reagire si raccolsero in congiura. Mentre il fusto era in sella gli si avvicinò tra tante dame la vergine più bella che vivesse nel reame. Gli sussurrò il desiderio che fosse lui a profanarla però a patto che davvero continuasse poi ad amarla. Lui incredulo eccitato accettò assai contento rispondendo le avea dato per la notte appuntamento. Così riposto poi lo scudo, quando il sole ormai svanito, lui giaceva a letto nudo aspettando il premio ambito. Quando poi venere venne quasi lui non ci credeva Il suo brando in mano tenne operette mentre ancor lei si spogliava. Gli fu chiesta condizione da quel fiore prelibato la scelta di posizione e che lui fosse legato. FolleNente Egli ormai era tutto teso col suo sesso che pulsava accettò da bravo illuso impaziente ch ella si posava. Quando fu tutto bloccato e ad un palmo dal suo seno lo stanzone desolato delle sue vittime fu pieno. Riversandosi a decine tutte quante le donzelle, vecchie e storpie eran le prime e poi dopo le più belle. E d un tratto la vergin casta mentre ancor sfoggiava il pelo prese in mano la sua asta le bastò poi un colpo solo, proprio con la di lui spada lo privò del gioiellino mentre contorto dalle grida piangeva come un agnellino. Alla fin del trattamento quello povero evirato osservò il viso contento delle fanciulle che aveva maltrattato. E quando ebbe realizzato, come un lampo in un momento, che non avrebbe mai più cavalcato fu pervaso da sgomento. Perse il senno, oltre al resto, la sua storia era finita, e come ultimo suo gesto si levò al mattin la vita. Nrs Robinson 19

20 Narla operette C è una bambina, nella piccola città, che è diversa da tutti. La sua camera, non l ho mai vista, ma ha una porta-finestra, limpida, senza tendine. Entra qualsiasi tipo di luce, anche quella viola. Si chiama Marla e, un giorno, dopo che si è spenta la lampada, si è girata nel lato scomodo del letto, quello che non si incontra mai. Quella notte i raggi spaccavano le difese, mille pezzi di vetro, mille pezzi, e mille cristalli nei suoi occhi.da quella sera, e tutte le sere dopo, apre la porta-finestra, in punta di piedi esce sul balcone, arrivando a malapena sulla ringhiera, si appoggia con i gomiti e osserva la luna.si abbronza, di energia fuori bordo, ai margini. Si concede il tempo che la sua fantasia gli concede attenta a non far rumore.e rientra con un sorriso, neanche una mossa. Voi dite che il padre lo sappia?io non glielo dirò, anche se lo so. La Playlist Luce Beach Eccoci con il secondo appuntamento della nostra playlist; stavolta vi proponiamo tracce adatte ad un momento relax, indicandovi anche album e anno di pubblicazione. Inoltre, rendiamo il FolleNente più interattivo: la prossima playlist sarà sul momento rabbia e voi potete indicarci le vostre preferenze (massimo 3) inviando un a Succederà Bandabardò ( Se Mi Rilasso Collasso 2002) River Flows In You Yiruma (First Love 2001) Nay It Be Enya (Colonna Sonora: Il Signore degli Anelli 2001) Njosnavelin Sigur Ròs (Vanilla Sky Complete Soundtrack 2001) Sobrepena Hevia (No Man's Land ) Nemorial Explosions In The Sky (The Earth Is Not A Cold Dead Place 2003) Lapres Nidi Yann Tiersen ( Colonna Sonora: Amelie 2005) The Nission Ennio Morricone (Colonna Sonora: The Mission 1986) Nuvole Bianche Ludovico Einaudi ( Una Mattina 2004) Analyse The Cranberries ( Wake Up And Smell Coffee 2001) Nuvole Di Rock -Modà ( Singolo 2004) Yes Changes ( )

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere Sedurla e soddisfarla Le regole del suo piacere Disegni realizzati da Denise Maltese. Vincenzo Emanuele Todaro SEDURLA E SODDISFARLA Le regole del suo piacere www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso?

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso? Da 1200 a 12.000 partecipanti in dieci anni. Sono queste le cifre impressionanti del corso Sprigiona il Potere che è in Te di motivazione personale di Anthony Robbins, uno dei massimi eventi formativi

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

festa per la famiglia o famiglia per la festa?

festa per la famiglia o famiglia per la festa? Natale: festa per la famiglia o famiglia per la festa? Inserto N. 4 2010 Bè provo un po a spiegarmi: ogni anno mi viene un certo nervosino perchè mi sembra che tutti: la tv, internet, gli amici, le pubblicità

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli