La comunicazione finanziaria alla luce delle nuove direttive comunitarie

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione finanziaria alla luce delle nuove direttive comunitarie"

Transcript

1 La comunicazione finanziaria alla luce delle nuove direttive comunitarie Fabrizio Plateroti Director, Regulation & Post Trading Borsa Italiana 5 Maggio Maggio 2006 Milano, Palazzo Mezzanotte Roma, Palazzo Altieri 1

2 Contenuti La comunicazione finanziaria Il Financial Service Action Plan (FSAP) e l organizzazione dei mercati 2

3 Contenuti Il FSAP Il Financial Service Action Plan (FSAP) e l organizzazione dei mercati 3

4 Il FSAP Il FSAP Il FSAP ha tra i suoi obiettivi quello di creare le condizioni per favorire l integrazione del mercato finanziario e l armonizzazione dell informativa societaria. Lo stesso FSAP, pertanto, si sviluppa su due principali aspetti: L organizzazione dei mercati (efficienza e competizione tra sistemi di negoziazione) I requisiti strutturali del mercato unico (armonizzazione, comparabilità e fruibilità dell informativa a livello pan-europeo) 4

5 Le principali caratteristiche delle direttive FSAP Il FSAP Direttiva Market Abuse (2003/6/CE) GIA RECEPITA A LIVELLO NAZIONALE Creazione di un unica fonte normativa riguardante gli abusi di mercato, garantendo in tutta la Comunità Europea uno stesso quadro in materia di ripartizione delle competenze, di applicazione e di cooperazione; Assoggettamento degli emittenti quotati a medesimi obblighi di informativa continua (informativa price sensitive). Direttiva Prospetti (2003/71/CE) IN CORSO DI RECEPIMENTO A LIVELLO NAZIONALE (DELEGA NELLA LEGGE RISPARMIO) - Armonizzazione dei requisiti per le emissioni di strumenti da offrire al pubblico o da ammettere alla negoziazione; - Passaporto unico per gli emittenti, con la possibilità per gli stessi di collocare e quotare strumenti finanziari in diversi Stati con un unico prospetto; - Definizione di un chiaro regime di vigilanza e di un regime linguistico semplificato; - Armonizzazione dei contenuti del prospetto (building block approach) e snellimento delle procedure di autorizzazione, con minori tempi di approvazione (time to market). 5

6 Le principali caratteristiche delle direttive FSAP Il FSAP MiFID (ISD2) (2004/39/EC) DA RECEPIRE A LIVELLO NAZIONALE ENTRO IL 31/01/2007 Regolamentazione della prestazione dei servizi di investimento da parte di banche ed imprese di investimento; Organizzazione e funzionamento dei mercati; Coordinamento delle attività di vigilanza. Direttiva Transparency (2004/109/EC) DA RECEPIRE A LIVELLO NAZIONALE ENTRO IL 20/01/ Disciplina la tempistica ed il contenuto dell informativa periodica a cui sono sottoposti gli emittenti quotati; - Disciplina gli obblighi di trasparenza per gli azionisti rilevanti; - Disciplina le modalità con cui devono essere diffuse le informazioni societarie; - Disciplina le modalità di archiviazione delle informazioni stesse. Direttiva OPA (2004/25/CE) DA RECEPIRE A LIVELLO NAZIONALE Livello minimo di protezione per tutti gli azionisti, in particolar modo di minoranza, a livello europeo; Definizione di regole omogenee e trasparenti; Rafforzamento della sicurezza giuridica delle OPA transfrontaliere. 6

7 Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e l organizzazione dei mercati 7

8 Gli elementi di novità ed i risultati attesi Le principali novità che caratterizzano la nuova direttiva sui servizi di investimento possono essere così riassumibili: eliminazione dell obbligo di concentrazione degli scambi sul mercato regolamentato; possibilità per le banche di organizzare mercati non regolamentati (MTF) o porsi in contropartita con il cliente per tutte le tipologie di titoli (internalizzazione degli ordini); possibilità per i mercati regolamentati di ammettere alle negoziazioni strumenti finanziari senza domanda dell emittente; ampliamento del concetto di membership di mercato. I risultati attesi: Attraverso la competizione tra sistemi di negoziazione si tenderebbe a ridurre le barriere all entrata per i fornitori di servizi di negoziazione e, per questa via, si dovrebbe assistere ad una riduzione dei costi operativi e al miglioramento della qualità dei servizi. La competizione, in ultima analisi, costituirebbe un incentivo all efficienza 8

9 Le nuove figure di mercato organizzato Mercato Regolamentato sistema multilaterale, amministrato e/o gestito dal gestore del mercato, che consente o facilita l incontro - al suo interno e in base alle sue regole non discrezionali - di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti relativi a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione conformemente alle sue regole e/o ai suoi sistemi, e che è autorizzato e funziona regolarmente e conformemente alle disposizioni del titolo III (mercati regolamentati) MTF sistema multilaterale gestito da un impresa di investimento o da un gestore del mercato che consente l incontro - al suo interno ed in base a regole non discrezionali - di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti conformemente alle disposizioni del titolo II (condizioni per l autorizzazione e l esercizio delle attività applicabili alle imprese di investimento) Internalizzatore sistematico impresa di investimento che in modo organizzato, frequente e sistematico, negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un MTF Obblighi di trasparenza Approccio funzionale 9

10 Caratteristiche comuni e differenze tra MR e MTF Mercato Regolamentato vs MTF Caratteristiche comuni sono sistemi multilaterali; sono soggetti autorizzati; hanno regole di funzionamento non discrezionali; hanno medesimi obblighi di trasparenza. Principali differenze il MR è un mercato per strumenti finanziari regolati (--> regole di ammissione alle negoziazioni ex art.40, che fa riferimento alle altre Direttive applicabili agli strumenti finanziari ammessi su mercati regolamentati); l MTF è un mercato per strumenti finanziari sia regolati che non; il MR costituisce oggetto sociale esclusivo; l MTF è un servizio di investimento erogabile da un soggetto polifunzionale oppure attività esercitabile da un gestore del mercato. 10

11 Requisiti di ammissione alle negoziazioni Tipologia di mercato Riferimento Requisiti MERCATO UFFICIALE MERCATO UFFICIALE MERCATO MERCATO REGOLAMENTATO REGOLAMENTATO (MR) (MR) MERCATO MERCATO NON NON REGOLAMENTATO REGOLAMENTATO (MTF) (MTF) Direttiva 2001/34/CE Direttiva MiFID Direttiva MiFID Requisiti Requisiti minimi: minimi: capitalizzazione capitalizzazione (> (> /mln /mln 1); 1); flottante; flottante; numero numero bilanci. bilanci. Nessun Nessun requisito requisito minimo: minimo: le regole del MR assicurano che gli le regole del MR assicurano che gli strumenti ammessi alla negoziazione strumenti ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato in un mercato regolamentato possano essere negoziati in modo possano equo, ordinato essere ed negoziati efficiente in modo e, nel equo, ordinato ed efficiente e, nel caso di valori mobiliari, siano caso di valori mobiliari, siano liberamente trasferibili. liberamente trasferibili. Nessun Nessun requisito requisito minimo: minimo: possono essere ammessi sia possono essere ammessi sia strumenti finanziari quotati che non strumenti finanziari quotati che non quotati quotati 11

12 Potenziali impatti per il mercato secondario frammentazione della liquidità indebolimento del processo di formazione dei prezzi rischio di price impact su singoli mercati indebolimento del concetto di best execution maggiori costi di accesso all informazione; frammentazione informativa 12

13 Strumenti volti a garantire l integrità dei mercati obblighi di best execution e gestione degli ordini accesso non discriminato alle trading venues trasparenza pre- e post- trade; consolidamento delle informazioni 13

14 Potenziali impatti per gli emittenti presenza di più mercati di negoziazione e, quindi, di diversi prezzi di riferimento maggiori costi di accesso all informazione; frammentazione informativa efficacia dell attività di stabilizzazione post offerta aumento del costo del capitale per rischio perdita di liquidità ridefinizione di un friendly environment 14

Workshop sulle Misure di Livello 2

Workshop sulle Misure di Livello 2 Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati: Introduzione alla Trasparenza Maria Antonietta Scopelliti Responsabile della Divisione Mercati CONSOB 22luglio 2014 *

Dettagli

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement A Le questioni in corso e le linee di indirizzo l contesto istituzionale ed economico 1 La crisi dell Area euro, la risposta delle istituzioni e le prospettive 5 1.1 L evoluzione della crisi e i riflessi

Dettagli

INTERNALIZZATORE SISTEMATICO BANCA AKROS

INTERNALIZZATORE SISTEMATICO BANCA AKROS INTERNALIZZATORE SISTEMATICO BANCA AKROS Caratteristiche e modalità di funzionamento dell Internalizzatore Sistematico di Banca Akros per la negoziazione di titoli obbligazionari emessi e/o collocati da

Dettagli

La Normativa Mifid in Circoscrizione

La Normativa Mifid in Circoscrizione La Normativa Mifid in Circoscrizione 20 Ottobre 2016 Relatore: Dr. Davide Rivero AGENDA Il Premessa Contesto e finalità normativa Aree impattate dalla normativa Funzionamento e trasparenza dei mercati

Dettagli

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) (e relative norme di 2 livello: Direttiva 2006/73/CE e Regolamento 1287/2006) Regulation & Post Trading Division Fabrizio Plateroti Elena

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

Sintesi Policy di esecuzione e trasmissione degli ordini della Cassa Rurale Alta Valsugana

Sintesi Policy di esecuzione e trasmissione degli ordini della Cassa Rurale Alta Valsugana Sintesi Policy di esecuzione e trasmissione degli ordini della Cassa Rurale Alta Valsugana Giugno 2016 INDICE 1. - LA NORMATIVA MIFID... 3 2. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 3.

Dettagli

Indice. Cenni di storia dell'ordinamento italiano del mercato mobiliare

Indice. Cenni di storia dell'ordinamento italiano del mercato mobiliare Indice Capitolo I Introduzione 1. La nozione di mercato mobiliare 1 2. Gli intermediari di mercato mobiliare 3 3. Le ragioni di una disciplina speciale del mercato mobiliare 4 4. Dal valore mobiliare allo

Dettagli

Il MAC: un nuovo business per gli Advisor

Il MAC: un nuovo business per gli Advisor Il MAC: un nuovo business per gli Advisor www.mercatoalternativocapitale.it 9 Maggio 2008 0 I principali mercati alternativi europei hanno avuto un successo straordinario N aziende al 05/05/08 1679 1.500

Dettagli

AIM ITALIA QUOTARSI PER CRESCERE. Un opportunità concreta per le imprese del Friuli Venezia Giulia. Trieste, 10 giugno 2016 LUKAS PLATTNER

AIM ITALIA QUOTARSI PER CRESCERE. Un opportunità concreta per le imprese del Friuli Venezia Giulia. Trieste, 10 giugno 2016 LUKAS PLATTNER AIM ITALIA QUOTARSI PER CRESCERE Un opportunità concreta per le imprese del Friuli Venezia Giulia Trieste, 10 giugno 2016 LUKAS PLATTNER Crescita delle PMI e mercato dei capitali Le PMI (oltre 146.000

Dettagli

Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, Vi forniamo le seguenti informazioni e richiediamo il Vostro consenso esplicito.

Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, Vi forniamo le seguenti informazioni e richiediamo il Vostro consenso esplicito. MiFID Markets in Financial Instruments Directive - Execution policy 1. Premessa La Direttiva dell Unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive modifica, a partire

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 28 giugno 2017

Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 28 giugno 2017 Regolamento del Sistema di Negoziazione Interno delle azioni emesse dalla Banca Popolare delle Province Molisane s.c.p.a. e utilizzo della Riserva Acquisto Azioni Proprie Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE. Lucidi a cura di Marco Di Antonio L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE Lucidi a cura di Marco Di Antonio LE AREE DI INTERVENTO DELLE BANCHE E possibile distinguere 2 grandi aree di intervento delle banche nell attività di intermediazione

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio Deliberazione del 30 Dicembre 2009

Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio Deliberazione del 30 Dicembre 2009 Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio 2010 COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Deliberazione del 30 Dicembre 2009 Oggetto: Determinazione, ai sensi dell'articolo 40 della legge n. 724/1994,

Dettagli

MiFID TRASPARENZA POST NEGOZIAZIONE PER I SOGGETTI ABILITATI

MiFID TRASPARENZA POST NEGOZIAZIONE PER I SOGGETTI ABILITATI MiFID TRASPARENZA POST NEGOZIAZIONE PER I SOGGETTI ABILITATI PREMESSA La Direttiva 2004/39/CE, con lo scopo di tutelare gli investitori e garantire un elevata integrazione dei mercati, ha introdotto un

Dettagli

Banca Popolare dell Alto Adige. Società cooperativa per azioni

Banca Popolare dell Alto Adige. Società cooperativa per azioni Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via del Macello 55 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE 1. I temi trattati................................... 1 2. La complessità del sistema normativo..................... 2 3. Cenni a strumenti finanziari, valori mobiliari,

Dettagli

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE L'evoluzione strutturale e normativa Prefazione di Roberto Caparvi FrancoAngeii INDICE Prefazione di Roberto Caparvi pag. XIII I. La disciplina del mercato mobiliare

Dettagli

La quotazione su AIM Italia : preparazione della società

La quotazione su AIM Italia : preparazione della società S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista La quotazione su AIM Italia : preparazione della società Dott. Livio Pasquetti

Dettagli

È impegno di tutti lavorare per ricreare condizioni di fiducia stabili.

È impegno di tutti lavorare per ricreare condizioni di fiducia stabili. LA CRISI E LA TUTELA DEI RISPARMIATORI Gli effetti della crisi mondiale sull economia italiana sono severi e colpiscono l occupazione, l imprenditorialità, i redditi e i risparmi degli italiani. Ai segnali

Dettagli

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche Concetti Generali Borsa Italiana S.p.a. è una società per azioni che si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento della Borsa

Dettagli

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini CDA DEL 23 marzo 2016 INDICE IMPOSTAZIONE METODOLOGICA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE

Dettagli

N. 2 DEL 16 FEBBRAIO Consultazioni. Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line.

N. 2 DEL 16 FEBBRAIO Consultazioni. Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line. N. 2 DEL 16 FEBBRAIO 2013 Consultazioni Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line. Il decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 ( c.d. Decreto crescita

Dettagli

Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario

Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario Sommario 1. Il sistema dei controlli 2. Le autorità di controllo 3. La regolamentazione e la vigilanza 1. Il sistema dei controlli:

Dettagli

www.mercatoalternativocapitale.it MAC@mercatoalternativocapitale.it 0 Il MAC: nuove risorse per le Piccole Medie Imprese Claudio Poli Luca Maurizio Duranti Forlì, 9 luglio 2007 IL MAC È UN MERCATO CON

Dettagli

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. XXVIII, N. 2

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. XXVIII, N. 2 - 337 - esclusi dall'indagine i dipendenti di banche e assicurazioni e i consulenti finanziari); il decisore finanziario è la persona che guadagna di più nella famiglia (se nessuno lavora è l'uomo più

Dettagli

Regolamentazione del sistema finanziario

Regolamentazione del sistema finanziario Regolamentazione del sistema finanziario Prof. Domenico Curcio Cattedra di Mercati e investimenti finanziari 2 Perché regolare il sistema finanziario? Tre motivazioni essenziali: Centralità del sistema

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 Aggiornata nel CdA del 09/06/2016 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Lezione Il Mercato Azionario, relativa segmentazione e mercato del risparmio gestito

Lezione Il Mercato Azionario, relativa segmentazione e mercato del risparmio gestito Lezione Il Mercato Azionario, relativa segmentazione e mercato del risparmio gestito Obiettivi Definire il mercato azionario, analizzare i principali segmenti Conoscere il mercato del Risparmio gestito

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Banca San Giorgio Quinto Valle Agno. (Delibera CdA 17 Dicembre 2012)

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Banca San Giorgio Quinto Valle Agno. (Delibera CdA 17 Dicembre 2012) Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (Delibera CdA 17 Dicembre 2012) PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...

Dettagli

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Come cambia la struttura del settore della consulenza e della distribuzione dei prodotti finanziari 6 Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria Milano, 20

Dettagli

MiFID. - MarKets in Financials Instruments Directive-

MiFID. - MarKets in Financials Instruments Directive- MiFID - MarKets in Financials Instruments Directive- Il 1 Novembre 2007 entrerà in vigore la nuova disciplina sui servizi di investimento, gli strumenti finanziari ed i mercati: la MiFID. E articolata

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

RUOLO, TIPOLOGIA E RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI NELLE SOCIETA QUOTATE IN BORSA

RUOLO, TIPOLOGIA E RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI NELLE SOCIETA QUOTATE IN BORSA Ente pubblico non economico RUOLO, TIPOLOGIA E RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI NELLE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Dott.ssa Annamaria RONCARI per il Comitato Pari Opportunità dell ODCEC di Torino

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A.

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail Milano, 27 marzo 2007 Alessandro Zignani 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. 1 Agenda 1. Il mercato obbligazionario

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Pol_Exe_Trans.pdf REVISIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN DATA 21 FEBBRAIO 2011 INDICE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Pol_Exe_Trans.pdf REVISIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN DATA 21 FEBBRAIO 2011 INDICE REVISIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN DATA 21 FEBBRAIO 2011 INDICE PREMESSA...3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...6 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE DEGLI ORDINI...8 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...10

Dettagli

LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA

LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA IL PERCHÉ DELLA REGOLAMENTAZIONE FINANZIARIA La ragione fondante della regolamentazione risiede nella circostanza di prevenire, ed eventualmente gestire situazioni

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia gestiti da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

Sistema Mediolanum Fondi Italia gestiti da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Parte seconda del prospetto Illustrazione dei dati periodici di rischio-rendimento e costi dei Fondi Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati

Dettagli

2 Mini-Bond Meeting.un anno dopo

2 Mini-Bond Meeting.un anno dopo 2 Mini-Bond Meeting.un anno dopo I mini-bond: strumento di sviluppo per le imprese Roberto Calugi Consorzio Camerale per il credito e la finanza Milano, 15 dicembre 2014 domande 1. Perchè? 2. Cosa sono?

Dettagli

Art. 2. Disposizioni fi nali

Art. 2. Disposizioni fi nali m4) hanno ottenuto l approvazione del prospetto di ammissione a quotazione di strumenti fi nanziari ai sensi dell art. 113, comma 1, del decreto legislativo n. 58/1998, nel periodo compreso tra il 2 gennaio

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA A.A COMUNICAZIONE FINANZIARIA. Prof. Gennaro Sangiuliano Dott.ssa Virginia Lozito

FACOLTÀ DI ECONOMIA A.A COMUNICAZIONE FINANZIARIA. Prof. Gennaro Sangiuliano Dott.ssa Virginia Lozito FACOLTÀ DI ECONOMIA A.A. 2012-2013 COMUNICAZIONE FINANZIARIA Prof. Gennaro Sangiuliano Dott.ssa Virginia Lozito DEFINIZIONE La comunicazione finanziaria consiste nella trasmissione di informazioni dalla

Dettagli

Capo I: Obblighi di segnalazione alla CONSOB delle operazioni concluse su strumenti finanziari

Capo I: Obblighi di segnalazione alla CONSOB delle operazioni concluse su strumenti finanziari ASSIOM, Associazione Italiana Operatori di Mercato, è l associazione italiana degli operatori dei mercati finanziari, forte di 1.300 iscritti che lavorano per 350 diversi intermediari finanziari. CONSOB

Dettagli

Allegato 1 INDICE SINTESI... 2 PREMESSA DISPOSIZIONI GENERALI... 2

Allegato 1 INDICE SINTESI... 2 PREMESSA DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Allegato 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari adottata dalla Banca Nazionale del Lavoro S.p.A, Gruppo BNP Paribas, nell ambito dei servizi di investimento offerti

Dettagli

AGENZIE DI RATING E COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE DELLE ASSOCIAZIONI DI

AGENZIE DI RATING E COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE DELLE ASSOCIAZIONI DI Studio Legale Losappio Via Ferrucci, 94 www.studiolegalelosappio.it GIUSEPPE LOSAPPIO AGENZIE DI RATING E COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE DELLE ASSOCIAZIONI DI CONSUMATORI La disciplina regolamentare delle

Dettagli

MINIBOND. Nuova finanza alle imprese. www.minibond.net

MINIBOND. Nuova finanza alle imprese. www.minibond.net MINIBOND Nuova finanza alle imprese www.minibond.net Decreto Sviluppo 2012 - Strumenti Cambiali finanziarie Obbligazioni () Funding a breve termine (attivo circolante) Durata tra 1 e 36 mesi Ammontare

Dettagli

PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD La presente procedura riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati alla ammissione alle negoziazioni delle azioni di (la Società ) sul sistema

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE di Offerta di prestiti obbligazionari denominati

CONDIZIONI DEFINITIVE di Offerta di prestiti obbligazionari denominati Sede legale in Via C. Carcano n. 6-24047 Treviglio (Bergamo) Sito internet : www.cassaruraletreviglio.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 3148 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

D.Lgs 127/91 recepisce Direttive Europee in materia di redazione del bilancio Attuazione delle direttive n. 78/660/CEE e n. 83/349/CEE in materia societaria, relative ai conti annuali e consolidati, ai

Dettagli

Obblighi di reportistica secondo il regolamento REMIT

Obblighi di reportistica secondo il regolamento REMIT Obblighi di reportistica secondo il regolamento REMIT Biagio De Filpo Direzione Mercati Autorità per l'energia elettrica il gas ed il sistema idrico Seminario EMIR - Assonime Milano, 16 luglio 2015 Agenda

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2 Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Sede Legale: Via Prediera, 2/a - 42030 San Giovanni di Querciola- Viano- (RE) Capitale Sociale e riserve al 31/12/2009 Euro 27.949.889 Iscritto al Registro

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI

REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO EMITTENTI DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ART. 205 DEL TUF IN TEMA DI OFFERTE DI ACQUISTO E DI VENDITA DI STRUMENTI FINANZIARI EFFETTUATE NEI SISTEMI MULTILATERALI DI NEGOZIAZIONE E DA INTERNALIZZATORI

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Banca di Credito Cooperativo di Sala di Cesenatico Società Cooperativa DELIBERA DEL CONSIGLIO DI

Dettagli

"MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. Eugenio de Blasio 9 Maggio 2014

MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. Eugenio de Blasio 9 Maggio 2014 "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio 9 Maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un nuovo canale

Dettagli

INDICE. pag. Articolo 2 Norme di coordinamento con il testo unico bancario Art Modifiche all articolo 1 del d.lgs. n. 385 del

INDICE. pag. Articolo 2 Norme di coordinamento con il testo unico bancario Art Modifiche all articolo 1 del d.lgs. n. 385 del Decreto legislativo 6 febbraio 2004 n. 37. Modifiche ed integrazioni ai decreti legislativi numeri 5 e 6 del 17 gennaio 2003, recanti la riforma del diritto societario, nonche al testo unico delle leggi

Dettagli

CDN/PS Spett. le CONSOB Divisione Mercati

CDN/PS Spett. le CONSOB Divisione Mercati CDN/PS Spett. le CONSOB Divisione Mercati consob@consob.it Osservazioni alla proposta relativa all ammissione di prassi di mercato previste dall art. 180, comma 1, lett. c) del d.lgs. n. 58/98 inerenti:

Dettagli

Corporate Governance. Mercato controllo societario: LIUC - a.a. 2011/ Stefano Balzola

Corporate Governance. Mercato controllo societario: LIUC - a.a. 2011/ Stefano Balzola 1 Mercato controllo societario: Microsoft Yahoo! AT&T T-Mobile 2 Mercato controllo societario: - benefici per gli azionisti che aderiscono e non aderiscono all offerta - benefici per il mercato in generale

Dettagli

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO A.A. 2016/2017 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste RACCOLTA BANCARIA Risorse finanziarie Capitale proprio Strumenti

Dettagli

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX Milano, 18 dicembre 2006 Stefano Cuccia Head of Market Supervision 1 I normali ambiti di attività dei mercati 1.Listing (ammissione alla negoziazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. 7. Efficienza ed equità nelle operazioni di mutamento degli assetti proprietari

INDICE SOMMARIO. 7. Efficienza ed equità nelle operazioni di mutamento degli assetti proprietari INDICE SOMMARIO Introduzione...................................... 1 CAPITOLO PRIMO RAGIONI ED OBIETTIVI DI UNA NORMATIVA SPECIALE IN MATERIA DI TRASFERIMENTO E CONSOLIDAMENTO DEL CONTROLLO DI SOCIETÀ

Dettagli

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE INDICE 1. Informazioni sulla Società ed attività autorizzate... 3 2. Autore del manuale delle procedure interne... 4 3. Finalità del manuale... 4 4. Contenuto

Dettagli

BREXIT. Diritto di recesso dall UE previsto all art. 50 del Trattato di Lisbona

BREXIT. Diritto di recesso dall UE previsto all art. 50 del Trattato di Lisbona BREXIT Diritto di recesso dall UE previsto all art. 50 del Trattato di Lisbona Due anni di tempo per il negoziato per definire i rapporti tra il Paese uscente e la UE (possibile proroga con decisione all

Dettagli

Evoluzione della normativa finanziaria e potenziali riflessi sui mercati all ingrosso dell energia

Evoluzione della normativa finanziaria e potenziali riflessi sui mercati all ingrosso dell energia Evoluzione della normativa finanziaria e potenziali riflessi sui mercati all ingrosso dell energia Giornata di studio degli Affari Giuridici dell Autorità: Energia e mercati finanziari Milano, 1 febbraio

Dettagli

Informazioni sulla strategia di trasmissione degli ordini di Edmond de Rothschild SGR S.p.A.

Informazioni sulla strategia di trasmissione degli ordini di Edmond de Rothschild SGR S.p.A. ALLEGATO 1C (Allegato al contratto di gestione n. ) Luogo e data, Informazioni sulla strategia di trasmissione degli ordini di Edmond de Rothschild SGR S.p.A. Edmond de Rothschild SGR S.p.A., nel rispetto

Dettagli

11 novembre 2014. I mercati finanziari Andrea Rotti

11 novembre 2014. I mercati finanziari Andrea Rotti 11 novembre 2014 I mercati finanziari Andrea Rotti Principali funzioni dei mercati finanziari Investitori Cosa cercano Allocazione ottimale del risparmio Diversificazione di portafoglio (rischio) Mercato

Dettagli

Le funzioni del sistema finanziario

Le funzioni del sistema finanziario Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 1.3 Quali funzioni svolge il sistema finanziario 1.3.1 L offerta

Dettagli

La rimozione degli ostacoli regolamentari: opportunità di economie di scala e di scopo

La rimozione degli ostacoli regolamentari: opportunità di economie di scala e di scopo La rimozione degli ostacoli regolamentari: opportunità di economie di scala e di scopo Roma, 21 giugno 2011 Francesca Passamonti Indice 1. Introduzione 2. Excursus del processo di armonizzazione: verso

Dettagli

Indice. Introduzione pag. XI. Parte prima La stagione delle cartolarizzazioni

Indice. Introduzione pag. XI. Parte prima La stagione delle cartolarizzazioni Indice Introduzione pag. XI Parte prima La stagione delle cartolarizzazioni 1 Le cartolarizzazioni immobiliari pubbliche di Tiziana Mazzarocchi» 3 1.1 Premessa» 3 1.2 Programma di cartolarizzazione SCIP»

Dettagli

1 - Realizzazione dello studio di fattibilità dell'operazione di ammissione a quotazione. Grado di complessità dell analisi.

1 - Realizzazione dello studio di fattibilità dell'operazione di ammissione a quotazione. Grado di complessità dell analisi. Partner: Integrae SIM Nome referente PiùBorsa*: Luigi Giannotta 1 - Realizzazione dello studio di fattibilità dell'operazione di ammissione a quotazione Nel valutare la fattibilità dell operazione Integrae,

Dettagli

LE NUOVE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER LE IMPRESE. 19 Marzo 2014

LE NUOVE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER LE IMPRESE. 19 Marzo 2014 LE NUOVE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER LE IMPRESE 19 Marzo 2014 ADB SpA Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how consolidato in oltre 25 anni

Dettagli

Luglio Il Nuovo Regolamento Prospetto entrerà in vigore il 20 luglio 2017 e diverrà applicabile secondo le seguente tempistica:

Luglio Il Nuovo Regolamento Prospetto entrerà in vigore il 20 luglio 2017 e diverrà applicabile secondo le seguente tempistica: Luglio 2017 PUBBLICATO SULLA GAZZETTA EUROPEA IL REGOLAMENTO (UE) 2017/1129 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO RELATIVO AL PROSPETTO DA PUBBLICARE PER L OFFERTA PUBBLICA O L AMMISSIONE ALLA NEGOZIAZIONE

Dettagli

L Offerta di Borsa Italiana per le PMI. Luca Tavano Primary Markets Borsa Italiana - London Stock Exchange Group Ottobre2016

L Offerta di Borsa Italiana per le PMI. Luca Tavano Primary Markets Borsa Italiana - London Stock Exchange Group Ottobre2016 L Offerta di Borsa Italiana per le PMI Luca Tavano Primary Markets Borsa Italiana - London Stock Exchange Group Ottobre2016 L offerta di Borsa Italiana per le PMI Mercati regolamentati MTA Mercato Telematico

Dettagli

Un approccio integrato nell offerta di servizi d investimento alla clientela retail della banca commerciale.

Un approccio integrato nell offerta di servizi d investimento alla clientela retail della banca commerciale. Un approccio integrato nell offerta di servizi d investimento alla clientela retail della banca commerciale. Francesca Nieddu - Banca IMI Workshop MiFID: un'opportunità per l'innovazione dei processi e

Dettagli

Corporate Governance

Corporate Governance 1 Mercato controllo societario: I takeover friendly Walt Disney - Pixar 2006- $7.4 billion Telefonica Telco - Telecom 2 Lezione 27.09.2013 LIUC - a.a. 2013/2014 - Stefano Balzola 2 Mercato controllo societario:

Dettagli

Indice. XI Guida alla lettura XV Autori XIX Premessa

Indice. XI Guida alla lettura XV Autori XIX Premessa Indice XI Guida alla lettura XV Autori XIX Premessa 3 Capitolo primo I mercati 4 1.1 Natura dei mercati e loro efficiente funzionamento 8 1.2 I requisiti e le condizioni di efficiente organizzazione dei

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 10.0 del 14/03/2016. Aggiornata dal CDA nella seduta del 5/04/2016

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 10.0 del 14/03/2016. Aggiornata dal CDA nella seduta del 5/04/2016 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 10.0 del 14/03/2016 Aggiornata dal CDA nella seduta del 5/04/2016 Approvato in prima istanza dal C.E. in data 6/03/2008 1 INDICE PREMESSA... 3

Dettagli

4. I nuovi mercati ufficiali

4. I nuovi mercati ufficiali 4. I nuovi mercati ufficiali (Ilaria Rega) 4.1 I nuovi mercati ufficiali Il filosofo e giurista Gian Battista Vico quando affermò: Paion traversie e sono opportunità non poteva immaginare quanto, qualche

Dettagli

Corporate Governance. effetti complessivi non sempre desiderabili («spezzatino») effetti negativi del massiccio ricorso a LBO

Corporate Governance. effetti complessivi non sempre desiderabili («spezzatino») effetti negativi del massiccio ricorso a LBO 1 Mercato controllo societario: bene0ici per gli azionisti che aderiscono e non aderiscono all offerta bene0ici per il mercato in generale (migliore ef0icienza dei manager) effetti complessivi non sempre

Dettagli

ENERGY ON AIR SKY GAS&POWER

ENERGY ON AIR SKY GAS&POWER ENERGY ON AIR 2 Sky Gas & Power è un azienda solida che opera nel mercato libero del gas e dell energia elettrica. Si rivolge a tutti i tipi di clientela offrendo non solo prezzi fissi e indicizzati ma

Dettagli

Trieste, 10 Giugno Il Ruolo del Nomad

Trieste, 10 Giugno Il Ruolo del Nomad Trieste, 10 Giugno 2016 Il Ruolo del Nomad AGENDA MERCATO AIM ITALIA: UN OPPORTUNITA CONCRETA PER CRESCERE GLI ATTORI COINVOLTI IREQUISITI IL PROCESSO (TEMPI, COSTI, MODI) QUOTAZIONE E PERMANENZA PARLIAMO

Dettagli

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi Scuola di Economia e Management DISAG- Dipartimento di Studi aziendali e Giuridici Corso di Diritto Europeo della Banca e della Finanza (EGIF) Prof.ssa Antonella Brozzetti a.a. 2015-2016 Le riforme delle

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A.

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A. CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A. ZERO COUPON Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A 13/07/2009 13/07/2014 Z.C. ISIN IT0004514359

Dettagli

Strategia di Ricezione, Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

Strategia di Ricezione, Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Strategia di Ricezione, Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Strategia di Ricezione, Trasmissione ed Esecuzione Ordini - 1 - NNOORRMM INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1. Strategia di ricezione,

Dettagli

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione Indice Presentazione xiii 1 Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 2 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 2 1.3 Quali funzioni svolge il sistema

Dettagli

Le strategie di valorizzazione del patrimonio. I fondi immobiliari ad apporto pubblico. Conclusioni

Le strategie di valorizzazione del patrimonio. I fondi immobiliari ad apporto pubblico. Conclusioni Le strategie di valorizzazione del patrimonio I fondi immobiliari ad apporto pubblico Conclusioni Le strategie patrimoniali Obiettivi dell amministrazione pubblica: Economici e finanziari non solo conservazione

Dettagli

IREN SPA. i documenti contabili o informativi sono stati inviati a Borsa Italiana tramite il circuito NIS e depositati presso la Sede Sociale;

IREN SPA. i documenti contabili o informativi sono stati inviati a Borsa Italiana tramite il circuito NIS e depositati presso la Sede Sociale; IREN SPA Premessa: Il presente documento è redatto ai sensi dell art. 54 del Regolamento Emittenti 11971/99 e successive modifiche ed integrazioni. Per ogni documento o informazione è indicata la natura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE

REGOLAMENTO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE REGOLAMENTO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 10 APRILE 2017 1 Premessa e fonti normative La Cassa di Risparmio di Ravenna Spa (di seguito La Cassa o

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD - 1 -

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD - 1 - WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD - 1 - Premessa La presente procedura (la Procedura ) riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati alla ammissione delle

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 1. Premessa La Direttiva dell Unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments

Dettagli

Gli ordinamenti dell attività bancaria, finanziaria e assicurativa Le recenti innovazioni regolamentari

Gli ordinamenti dell attività bancaria, finanziaria e assicurativa Le recenti innovazioni regolamentari Gli ordinamenti dell attività bancaria, finanziaria e assicurativa Le recenti innovazioni regolamentari Sommario 1. Gli ordinamenti 2. Recenti innovazioni regolamentari Basilea 2 MiFID Corporate Governance

Dettagli

Introduction su AIM Italia

Introduction su AIM Italia Introduction su AIM Italia Elena Goos 02/02/2009 Che cos è l Introduction (1/2) L introduction è una tecnica utile soprattutto nei momenti negativi di mercato. La tecnica dell introduction consente l ammissione

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA

DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA STRUTTURA GENERALE CORSO SULLE SOCIETA DI PERSONE (115 ore) 1 MODULO ordinamento sociale

Dettagli

Politica di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di clienti al dettaglio adottata da Banca Mediolanum S.p.A.

Politica di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di clienti al dettaglio adottata da Banca Mediolanum S.p.A. Politica di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di clienti al dettaglio adottata da Banca Mediolanum S.p.A. Edizione Novembre 2009 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 3

Dettagli

1 Sezione III per la parte consolidata.

1 Sezione III per la parte consolidata. Comunicazione del 30 giugno 2016 Quesiti in materia di segnalazioni statistiche di vigilanza sui servizi di investimento. Da parte di banche e SIM sono pervenute talune richieste di chiarimento in merito

Dettagli

ATTUAZIONE CONSOB DELLA DISCIPLINA COMUNITARIA SU MARKET ABUSE E PROSPETTI INFORMATIVI

ATTUAZIONE CONSOB DELLA DISCIPLINA COMUNITARIA SU MARKET ABUSE E PROSPETTI INFORMATIVI CIRCOLARE n. 1/2006 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE Approvato dall Assemblea dei Soci del 26 aprile 2015 1. Obiettivi e finalità del regolamento Con il presente regolamento

Dettagli

I Minibond come strumento di finanziamento dell impresa Brevi note

I Minibond come strumento di finanziamento dell impresa Brevi note I Minibond come strumento di finanziamento dell impresa Brevi note Ottobre 2016 Avvertenze Le informazioni contenute nel presente documento (di seguito «Documento») hanno carattere confidenziale e sono

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DI MILANO S.c.r.l. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca Popolare di Milano 29 Aprile 2016/2021 Step Up Callable, ISIN IT0005175374 Obbligazioni

Dettagli

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2)

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) v. del 20/12/2012 confermata il 11/12/2014 PREMESSA In conformità alle disposizioni previste dalla Direttiva

Dettagli