Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni"

Transcript

1 20 maggio 2004 Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni Entro il 31 maggio dovranno essere rimossi dai pubblici esercizi tutti gli apparecchi cosiddetti videopoker ( cioè gli apparecchi di cui alla lettera b) del settimo comma dell articolo 110 del TULPS che già dal primo maggio dovevano essere spenti. Il Ministero dell Interno e L Amministrazione Autonoma dei monopoli di stato con le allegate circolari hanno fornito dettagliatissime istruzioni sugli adempimenti connessi alla imminente scadenza. Si rinvia alla circolare del Ministero dell Interno per la dettagliata analisi delle procedure la sospensione delle licenza previste dai commi 10 e 11 dell articolo 110 delò TULPS in presenza di infrazioni alla disciplina del gioco con detti apparecchi.

2 Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Prot. N. 2004/25283/COA/ADI Circolare n. 2/COA/DG/2004 Allegati uno Roma, 6 MAGGIO 2004 Agli Ispettorati compartimentali dei monopoli di Stato Loro Sedi Al Comando Generale della Guardia di Finanza Viale XXI Aprile Roma Al Ministero dell Interno Dipartimento di Pubblica Sicurezza Via A. Depretis Roma All Ufficio del coordinamento legislativo Finanze Via XX Settembre, Roma Oggetto: Chiarimenti applicativi relativi agli apparecchi da intrattenimento di cui all art. 110, comma 7, lettere a) e c) del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (T.U.L.P.S.) L art. 39, commi da 5 a 13, del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 ed integrato dall art. 4, comma 195, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, ha riordinato la normativa sul gioco lecito con l obiettivo della piena razionalizzazione del comparto relativo agli apparecchi da divertimento ed intrattenimento. Con la norma di cui sopra, il legislatore ha disposto che gli apparecchi di cui all art. 110, comma 7, lett. b), del T.U.L.P.S. (cosiddetti videopoker), entro il 31 maggio c.a. siano rimossi per essere demoliti o ceduti all estero ovvero, se tecnicamente possibile, convertiti in apparecchi di cui all art. 110, comma 6 o comma 7, lettere a) e c), del Testo Unico medesimo. Pertanto, dal 1 maggio 2004, non è più consentito mantenere in funzione presso esercizi pubblici, circoli privati o punti di raccolta di altri giochi

3 autorizzati, gli apparecchi di cui al citato art. 110, comma 7, lett. b); in ogni caso, dalla predetta data, gli apparecchi di gioco ammessi dall art. 110 del T.U.L.P.S. sono esclusivamente quelli previsti dal comma 6 e dal comma 7, lettere a) e c), del medesimo articolo. Tanto premesso, nel richiamare le convergenti direttive impartite, per gli aspetti di competenza, dal Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza con l allegata circolare n. 557/PAS (1) del 6 maggio c.a., si ritiene necessario ed urgente fornire opportuni chiarimenti al fine, da un lato, di porre in grado gli operatori del settore d improntare la propria attività a principi di correttezza e trasparenza, per la tutela dei loro interessi e per prevenire forme sempre più insidiose di concorrenza sleale e, dall altro, di orientare, nell ambito delle proprie competenze, l attività di tutti gli organi istituzionalmente deputati alla prevenzione, repressione e controllo dei fenomeni d illiceità legati al settore in questione. Risulta, infatti, il progressivo diffondersi sul mercato di apparecchi che, dichiarati come appartenenti alle categorie di cui al comma 7, lettere a) e c), del predetto art. 110 del T.U.L.P.S., in realtà non rispondono alle caratteristiche proprie di tali tipologie (che, nel prosieguo, vengono ampiamente illustrate) superando oggettivamente i confini di liceità dettati dal legislatore. Al riguardo, è bene chiarire, in via preliminare, che la volontà del legislatore esprime evidentemente una logica del gioco affatto diversa tra gli apparecchi con vincite in denaro e quelli di cui al comma 7, lettere a) e c). Per distinguerli, infatti, non è sufficiente la semplice previsione di un qualche elemento di diversità come, ad esempio, un premio costituito da piccola oggettistica piuttosto che da una vincita in denaro. Come descritto successivamente, trattasi di apparecchi di diversa tipologia destinati, in genere, ad un pubblico con differenti fasce di età, tanto che l art. 110, comma 8, del T.U.L.P.S., stabilisce il divieto di utilizzo degli apparecchi con vincite in denaro ai minori di anni Apparecchi di cui all art. 110, comma 7, lett. a) del T.U.L.P.S. Le caratteristiche che, sulla base delle norme vigenti, definiscono la liceità degli apparecchi in questione, le quali devono essere contestualmente presenti al fine di garantirne la conformità alla previsione normativa, sono: a) il funzionamento elettromeccanico; b) l assenza di monitor; c) l interazione con il giocatore, al fine di consentirgli di esprimere la propria abilità fisica, mentale o strategica; 2

4 d) l erogazione del premio, direttamente da parte dell apparecchio, immediatamente dopo la conclusione della partita, con esclusione della possibilità di conversione del premio stesso in denaro ovvero in altri premi di qualunque specie; e) l attivazione dell apparecchio unicamente con l introduzione di monete metalliche aventi corso legale in tutti i paesi europei che adottano la moneta unica, di valore complessivo non superiore, per ciascuna partita, ad euro uno. In relazione al punto a), pur ammettendo l impiego di circuiti e componenti elettronici offerti dalla moderna tecnologia, in ogni caso tali apparecchi devono essere caratterizzati dalla presenza di dispositivi meccanici attraverso i quali si possa specificamente esercitare l abilità del giocatore. Ne consegue che apparecchi privi di dispositivi meccanici, aventi la funzione appena descritta e nei quali, quindi, il gioco avviene esclusivamente mediante dispositivi elettronici, non possono essere inseriti nella tipologia in commento. In relazione al punto b), è proprio l esclusione di dispositivi video a rendere del tutto evidente la volontà del legislatore di prevedere la partecipazione al gioco esclusivamente mediante gli elementi meccanici menzionati nella precedente lettera a), senza l ausilio di alcun strumento di proposizione virtuale delle immagini relative al gioco. Con riguardo al punto c), il legislatore ha inteso garantire la massima espressione dell abilità fisica, mentale o strategica del giocatore. D altra parte, proprio la presenza di alcuni elementi di casualità permette al giocatore stesso di esprimere meglio le proprie abilità. Per tale categoria di apparecchi, pertanto, non si vede come possano adottarsi soluzioni tecnicoinformatiche tali da introdurre elementi di gioco basati specificamente su un alea programmata (anche attraverso algoritmi residenti in schede elettroniche), in quanto tali soluzioni determinerebbero combinazioni e percentuali di vincita dei premi che, da un lato, non permetterebbero un effettiva interazione del giocatore con l apparecchio e, dall altro, impedirebbero al giocatore stesso di prevalere con la propria abilità sugli elementi di casualità, proprio in quanto questi ultimi sono stati programmati. Infatti, la casualità intrinseca presente in alcune fasi del gioco (ad esempio, la caduta accidentale della pallina in un sito non desiderato dal giocatore, l inclinazione del piano nella pesca d abilità, ecc.) deve poter essere influenzata dall abilità del giocatore nel senso che, anche se non completamente eliminabile (cosa che renderebbe, probabilmente, tedioso un gioco prevalentemente espletato mediante strumenti meccanici), deve, comunque, poter essere governata dalla bravura e dall esperienza del giocatore. 3

5 In relazione al punto d), in quanto trattasi di apparecchi di gioco fruibili prevalentemente da un pubblico non adulto, la norma ha stabilito premi di valore non superiore a venti volte il costo della partita (massimo 20 euro). Il legislatore ha stabilito, inoltre, che tali premi, oltre a non essere convertibili in denaro o con premi di qualunque altra specie, devono essere necessariamente costituiti da piccola oggettistica (ad es., pupazzi, piccoli orologi, portachiavi, ecc.) ed erogati direttamente dall apparecchio alla fine della partita. Per quanto detto, non sono assolutamente consentiti premi rappresentati, ad esempio, da schede telefoniche, buoni benzina, card di valore predeterminato od altri prodotti, comunque non ascrivibili alla comune accezione di piccola oggettistica. A titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, tra le tipologie di apparecchi appartenenti alla categoria sopra definita, le più diffuse sono le gru o pesche verticali di abilità, le gru o pesche orizzontali di abilità, la pesca degli orologi, ecc. 2. Apparecchi di cui all art. 110, comma 7 lett. c) del T.U.L.P.S. Le caratteristiche che definiscono la liceità degli apparecchi in questione, le quali devono essere contestualmente presenti al fine di garantirne la conformità alla previsione normativa, sono: a) l assenza di qualsiasi vincita; b) la variabilità della durata della partita, in funzione del livello di abilità espresso dal giocatore durante la partita; abilità da considerare quale frutto, da un lato, delle attitudini personali e, dall altro, dell esperienza progressivamente acquisita con la pratica di gioco; c) l interazione con il giocatore al fine di consentirgli di esprimere la sola abilità fisica, mentale o strategica; d) il costo della singola partita, che può essere superiore a 50 centesimi di euro. In generale, tale categoria di apparecchi adotta uno schermo elettronico (monitor) quale strumento di visualizzazione interattiva del gioco; il giocatore, a sua volta, mediante l applicazione di un elettronica sempre più sofisticata, interviene nelle varie fasi tramite opportune periferiche o consolle di controllo. In relazione ai punti b) e c), gli apparecchi in commento non devono permettere, in nessuna fase del gioco, la presenza di qualsiasi componente aleatoria; il giocatore, infatti, deve poter esprimere la sola abilità fisica, mentale o strategica in funzione della quale può condizionare la durata del gioco stesso. 4

6 In relazione al punto d), il costo della singola partita non è determinato dal legislatore se non nella previsione che la stessa può essere superiore a 50 centesimi di euro. 3. Sanzioni Ferme restando le sanzioni previste dal codice penale per il gioco d azzardo nonché le valutazioni che, nell ambito del giudizio penale, la legge riserva all Autorità giurisdizionale, si richiama quanto già illustrato nell allegata circolare del Ministero dell Interno in relazione ai comportamenti illeciti rilevanti sul piano penale ed amministrativo. Per quanto concerne le sanzioni amministrative in capo al gestore, si richiama il disposto dall art. 39, comma 7, lett. c), del predetto decreto legge n. 269 del 2003, convertito dalla legge n. 326 del 2003, ai sensi del quale non potranno essere rilasciati, per un periodo pari a cinque anni, nulla osta per la messa in esercizio di apparecchi da divertimento ed intrattenimento nei confronti di un soggetto che non abbia proceduto alla demolizione, cessione all estero ovvero conversione, ove tecnicamente possibile, degli apparecchi di cui all art. 110, comma 7, lett. b), del T.U.L.P.S. (videopoker) entro la data del 31 maggio p.v. Nei confronti (i) del gestore degli apparecchi sottoposti al regime autorizzatorio di cui all art. 38 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e successive modificazioni ed integrazioni, (ii) dell esercente del locale ove tali apparecchi sono installati ovvero (iii) di chiunque procede alla distribuzione, effettua l installazione o consente l uso degli apparecchi in assenza del relativo nulla osta, è disposta la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro e può, inoltre, essere disposta la confisca degli apparecchi medesimi. Per quanto concerne, invece, le sanzioni di carattere penale in capo al gestore, all esercente ovvero nei confronti di chiunque installi o consenta l uso in luoghi pubblici, aperti al pubblico o in circoli ed associazioni di qualunque specie, di apparecchi per il gioco d azzardo o non rispondenti alle caratteristiche e prescrizioni indicate ai commi 6 e 7 del citato art. 110 del T.U.L.P.S., si applicano le disposizioni di cui all art. 110, comma 9, del medesimo Testo unico. Tale comma prevede l irrogazione al trasgressore dell ammenda da a euro nonché la confisca obbligatoria degli apparecchi che devono essere distrutti; in caso di recidiva la sanzione è raddoppiata. Il successivo comma 10 del predetto articolo 110 dispone, in tema di sanzioni amministrative a carico dell esercente, che qualora gli illeciti in questione siano commessi da un soggetto titolare di licenza per pubblico esercizio, la licenza stessa è sospesa per un periodo da uno a sei mesi e può essere, altresì, revocata dal sindaco con ordinanza motivata, in caso di recidiva. 5

7 In conclusione, si rammenta il potere cautelare e preventivo introdotto dall art. 110, comma 11, del citato Testo unico secondo cui il Questore, quando sono riscontrate violazioni alle disposizioni concernenti gli apparecchi disciplinati dal medesimo articolo, ha facoltà di sospendere la licenza dell autore degli illeciti per un periodo non superiore a tre mesi. Tutto ciò premesso, si sottolinea che rientrano tra i comportamenti illeciti, sotto il profilo penale, tutti quelli che riguardano l uso di qualsiasi dispositivo esterno all apparecchio (telecomandi ed altri dispositivi similari) in grado d influire sulle normali modalità di funzionamento dell apparecchio stesso. Possono, altresì, essere penalmente rilevanti i comportamenti derivanti da accordi intervenuti tra i vari soggetti coinvolti, diretti ad eludere le previsioni normative che stabiliscono i parametri di liceità, anche in termini di erogazione dei premi. ********** I capi degli Ispettorati compartimentali avranno cura di assicurare il puntuale adempimento di quanto disposto nella presente circolare. Il Comando Generale della Guardia di Finanza è pregato di fornire le presenti istruzioni ai propri Comandi territoriali. IL DIRETTORE GENERALE f.to Giorgio TINO 6

8 UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale N.557/PAS (1) Roma, 6 maggio 2004 OGGETTO: Apparecchi da intrattenimento di cui all art.110, comma 7, lettere a) e c) del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza. Modalità applicative. AI SIGNORI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI AL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI AL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REG. DELLA VALLE D AOSTA AI QUESTORI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI TRENTO BOLZANO AOSTA LORO SEDI e, per conoscenza: AL COMMISSARIO DELLO STATO NELLA REGIONE SICILIA AL RAPPRESENTANTE DEL GOVERNO NELLA REG. SARDEGNA AL COMMISSARIO DEL GOVERNO NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE REGIONI A STATUTO ORDINARIO AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE DI COORDINAMENTO NELLA VALLE D AOSTA PALERMO CAGLIARI TRIESTE LORO SEDI AOSTA ALL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO ROMA AL COMANDO GENERALE DELL ARMA DEI CARABINIERI AL COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA ROMA ROMA Si fa seguito a circolare n. 557/B (1) del 3 marzo 2003, per sottolineare che, a decorrere dal 1 maggio u.s., non è più consentito tenere in funzione nei pubblici esercizi, circoli privati o punti di raccolta di giochi autorizzati gli apparecchi da gioco (cosiddetti videopoker ) indicati nel comma 7, lettera b), dell art. 110 del Testo Unico delle leggi di P.S., come modificato dall art. 39 del decreto legge , n. 269, convertito con modificazioni dalla legge , n. 326 ed integrato dall art. 4, comma 195, della legge , n. 350 (legge finanziaria 2004).

9 UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale Si ricorda, inoltre, che per tali apparecchi il legislatore ha disposto la loro rimozione dai luoghi indicati entro il 31 maggio p.v., nonché la loro demolizione ovvero, ove tecnicamente possibile, la loro conversione in apparecchi di cui all art.110, comma 6 o comma 7, lett. a) e c) del predetto testo unico, secondo le modalità di cui al decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze - Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato del 20 gennaio 2004, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 41 del 19 febbraio In ogni caso, a far data dal 1 maggio u.s., gli apparecchi da gioco ammessi dall art.110 del T.U.L.P.S. sono unicamente quelli previsti dal comma 6 e dal comma 7, lett. a ) e c) del medesimo articolo. Nel richiamare le convergenti direttive impartite, per gli aspetti di interesse, dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato con l allegata circolare n. 2004/25283/COA/ADI del 6 maggio 2004, si ritiene opportuno diramare le ulteriori indicazioni di specifica competenza, volte ad assicurare omogenee modalità applicative nell attuazione dei controlli di pubblica sicurezza e nell attivazione delle misure sanzionatorie previste dall attuale disciplina. In particolare, in relazione alla segnalata dilagante presenza sul mercato di apparecchi che, asseritamente dichiarati come appartenenti alle tipologie di cui al comma 7, lett. a) e lett. c) dell art.110 del T.U.L.P.S., risultano, invece, non conformi ai requisiti di liceità dettati dal legislatore, si rendono necessarie alcune precisazioni. a) apparecchi elettromeccanici indicati dal comma 7, lettera a). Preme innanzi tutto chiarire che rientrano in tale categoria di apparecchi da gioco quelli a funzionamento elettromeccanico attraverso i quali il giocatore esprime la sua abilità fisica, mentale o strategica, aventi la specifica caratteristica di distribuire, come premio, un prodotto di piccola oggettistica direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita. La legge precisa che tali apparecchi devono essere privi di monitor e devono essere attivati unicamente con l introduzione di monete metalliche, di valore complessivo, per 2

10 UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale ciascuna partita, non superiore ad un euro e che i premi di piccola oggettistica non possono avere, ciascuno, un valore superiore a venti volte il costo della partita (massimo 20 euro) e non possono essere convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie. Conseguentemente, tali apparecchi: non possono essere attivati con modalità diverse da quelle indicate come, ad esempio, mediante gettoni o dispositivi elettronici, né con monete che non abbiano corso legale nel territorio dello Stato; non possono distribuire premi diversi dalla piccola oggettistica, quali, ad esempio, schede telefoniche, buoni benzina, carte di valore predeterminato, buoni di scambio o cose comunque non rientranti nella comune accezione di piccola oggettistica ; non possono presentare modalità di gioco diverse da quelle finalizzate all espressione dell abilità fisica, mentale o strategica del giocatore, sicché eventuali elementi di casualità presenti in alcune fasi del gioco (ad esempio, la caduta dell oggetto dal meccanismo di apprensione attivato dal giocatore) devono poter essere governati dall abilità del giocatore, anche acquisita attraverso la progressiva esperienza nel gioco; devono funzionare con modalità elettromeccaniche ed essere privi di monitor. Ciò implica che, pur tenendo conto del crescente impiego di componenti elettroniche, il funzionamento del gioco, attraverso cui si manifesta l abilità del giocatore, deve essere assicurato da dispostivi meccanici o elettromeccanici, senza l ausilio di strumenti di proposizione virtuale delle immagini (monitor) relative al gioco. Considerato che il legislatore ha sottolineato i caratteri di sicurezza del gioco, consentendone l impiego, senza limitazioni, ai minorenni, si richiama l attenzione delle SS.LL. sulla necessità di improntare i controlli a criteri di equilibrata severità, a tutela dei minori. 3

11 UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale b) apparecchi di abilità di cui al comma 7, lettera c). Rientrano in tale categoria gli apparecchi specificamente ed esclusivamente finalizzati all esercizio della sola abilità fisica, mentale o strategica del giocatore, privi di elementi premiali, per i quali la durata della partita può variare in relazione all abilità del giocatore. Per tali caratteristiche, che esaltano le funzioni di trattenimento del gioco, il legislatore ha ritenuto di non limitarne la fruibilità ai minori e di non predeterminare il costo di fruizione del gioco. Conseguentemente, tali apparecchi: non possono consentire alcun contenuto aleatorio, per cui le difficoltà del gioco, anche attraverso l inserimento di componenti di casualità, devono poter essere superate esclusivamente dall abilità soggettiva dell utente, acquisita anche attraverso la progressiva esperienza nello specifico gioco; non possono consentire vincite di qualsiasi natura, indipendentemente dalle modalità di erogazione dei premi; deve ritenersi assolutamente vietato l uso di dispositivi interni od esterni (telecomandi ed altro), capaci di influire sul funzionamento del gioco introducendo elementi aleatori o di vincita. Attese le specifiche caratteristiche dei giochi in argomento, anch essi fruibili da un pubblico minorenne, ed in considerazione del fatto che in tale categoria possono rientrare anche, sia pure con le necessarie modificazioni, i giochi precedentemente rientranti nella descrizione di cui alla lettera b) del comma 7 dell art.110 del T.U.L.P.S., nei quali pure era ammesso il prolungamento della partita, i controlli saranno specificamente mirati ad evitare la sopravvivenza di non consentiti elementi di aleatorietà e di non consentiti elementi premiali, quali la ripetizione della partita. Si richiama l attenzione sugli altri elementi descrittivi dei giochi in argomento indicati nell art.38 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, come novellato dall art.22 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (legge finanziaria 4

12 UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale 2003), relativamente ai requisiti di immodificabilità e di blocco dei giochi ed ai sistemi di controllo ivi previsti, nonché sullo specifico divieto (comma 7-bis dell art. 110 T.U.L.P.S. novellato) di riproduzione del gioco del poker o anche solo di parte delle sue regole fondamentali. Si conferma, nella circostanza, l esigenza di integrare le prescrizioni amministrative in materia con il divieto di immagini o altri contenuti osceni o violenti, secondo le modalità già indicate con la circolare n. 557/A/ del * * * Qualora, pertanto, nel corso dell attività di accertamento dovessero riscontrarsi apparecchi o congegni che presentino requisiti difformi rispetto alle caratteristiche sopra illustrate, dovranno essere attivate le procedure sanzionatorie previste, facendo presente che la novella legislativa non ha apportato modifiche alle disposizioni sanzionatorie ed al regime dei controlli, già oggetto di interventi innovativi introdotti con la citata legge n. 289 del Nel fare, pertanto, integrale rinvio alle direttive impartite al riguardo con la circolare n.557/b (1) del , si ritiene opportuno fornire ulteriori indicazioni in ordine ai presupposti ed alle finalità dei provvedimenti sanzionatori e cautelari previsti, sì da omogeneizzarne ed uniformarne la portata applicativa, ferme restando le valutazioni che nell ambito del giudizio penale la legge riserva all Autorità Giudiziaria, anche al fine di aggiornare le presenti indicazioni con gli orientamenti interpretativi della giurisprudenza. Si richiama, in particolare, l attenzione sulla previsione di cui al comma 10 dell art.110 del T.U.L.P.S. il quale stabilisce che, qualora l autore degli illeciti di cui al comma 9 sia titolare di licenza per pubblico esercizio, la stessa sia sospesa per un periodo da uno a sei mesi e, in caso di recidiva o di reiterazione delle violazioni ai sensi dell art.8-bis della legge n. 689, venga revocata dal Sindaco competente con ordinanza motivata e con le modalità previste dall art.19 del D.P.R. 24 luglio 1977, n

13 UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale Si tratta, in tal caso, di una sanzione amministrativa accessoria che deve conseguire necessariamente alla condanna emessa dall Autorità Giudiziaria per la contravvenzione prevista e punita dal nono comma del medesimo articolo 110; il provvedimento sospensivo, pertanto, non potrà essere adottato dal Sindaco sulla base della mera denuncia del fatto-reato ai competenti organi della magistratura. Il Sindaco disporrà, altresì, la revoca della licenza esclusivamente in caso di recidiva nell illecito penale o di reiterazione dell illecito amministrativo. Si ritiene, infine, opportuno precisare che il Sindaco potrà autonomamente procedere alle misure sanzionatorie di competenza allorché venga irrogata la sanzione amministrativa pecuniaria prevista dal comma 9 dell art.110 del T.U.L.P.S., nel rispetto delle modalità procedurali previste dall art.19 del d.p.r. 24 luglio 1977, n Va, peraltro, rilevato che la sospensione della licenza disposta ai sensi dell art.110, comma 10, fa riferimento, con tutta evidenza, all attività concernente il pubblico esercizio. Diversa natura e finalità presenta la sospensione della licenza da parte del Questore prevista dal comma 11 del citato art.110 del T.U.L.P.S.. Trattasi, in tal caso, di un provvedimento amministrativo di esclusiva competenza dell Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza che si caratterizza per avere natura cautelare e preventiva, in quanto strumentalmente e teleologicamente teso a impedire il perpetrarsi di comportamenti illeciti e ad evitare che le violazioni poste in essere vengano portate ad ulteriori conseguenze. Deve, peraltro, precisarsi che, come affermato dalla giurisprudenza amministrativa, l esercizio del potere cautelare attribuito al Questore è espressamente subordinato al fatto che siano riscontrate violazioni alle disposizioni concernenti gli apparecchi e che il Questore possa attivarsi in presenza di specifici riscontri quali un efficace sequestro di carattere penale, ovvero uno specifico parere tecnico di un ausiliario. Ed invero, per giurisprudenza consolidata, il potere attribuito al Questore dall art.100 del T.U. incontra un limite all esercizio nell effettiva sussistenza di situazioni di fatto di 6

14 UFFICIO PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale particolare gravità e allarme concretamente idonee a mettere a repentaglio l ordine e la sicurezza pubblica, in quanto solo in presenza di siffatti presupposti può giustificarsi la compressione di una libertà costituzionalmente tutelata quale è quella di iniziativa economica privata. Conseguentemente, e per le medesime ragioni, anche la sospensione della licenza di cui all art.110 u.c., potrà essere legittimamente comminata solo in presenza di concreti, precisi e concordanti indizi della sussistenza delle violazioni. In conclusione, deve perciò affermarsi che il concreto esercizio del potere sospensivo di cui all art.110 non possa prescindere dall esatta descrizione, nella motivazione posta a corredo del provvedimento interdittivo, del riscontrato profilo di trasgressività. (T.A.R. per l Emilia Romagna Bologna Sez.I Sent. n.120 del ). Adeguato supporto motivazionale dovrà, a maggior ragione, essere fornito allorché la sospensione della licenza si estenda anche alla chiusura dell esercizio. Va, da ultimo, soggiunto che, anche per il procedimento in questione ricorrono, salvo situazioni di urgenza che vanno, comunque, adeguatamente esposte nel provvedimento, gli obblighi inerenti all avvio del procedimento di cui all articolo 7 della legge nr. 241/1990. I Sigg.ri Prefetti sono pregati di estendere quanto sopra ai Sigg.ri Sindaci per i profili di loro competenza. Si resta in attesa di cortese assicurazione. p.il Ministro Il Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza (De Gennaro) PAN 7

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Sommario: 1. Premessa. - 2. Gli ordini e le ordinanze. - 3. Le autorizzazioni. - 4. Segue: Competenza al rilascio delle autorizzazioni. - 5. Segue: La disciplina

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli