Studio per la realizzazione di una piattaforma di monitoring per servizi wireless

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio per la realizzazione di una piattaforma di monitoring per servizi wireless"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Studio per la realizzazione di una piattaforma di monitoring per servizi wireless Laureando Alberto Pettini Relatore Prof. Paolo Merialdo Università Roma Tre Correlatore Severino Di Cola Datamat S.p.A. Anno Accademico

2 Misura ciò che è misurabile, e rendi misurabile ciò che non lo è Galileo Galilei ( )

3 Indice 1 Introduzione Contenuto dei capitoli Contesto Service Level Management QoS Il concetto di chiave Problema Specifiche di Sistema Obiettivo Metodologia di sviluppo RUP Iterazioni Ideazione Analisi dei requisiti Requisiti Funzionali Requisiti non Funzionali Attori Elaborazione Modello dei casi d uso UC1 : Visualizza scenario Pull UC2 : Filtra i risultati Pull UC3 : Seleziona Probe II

4 INDICE INDICE UC4 : Visualizza scenario Push UC5 : Visualizza scenario Allarmi UC6 : Imposta il numero di eventi Tecnologie di sviluppo Soluzione Java Servlet e jsp Vantaggi rispetto Visual Basic Lo strato di persistenza Architettura del Sistema Le componenti nel dettaglio Probe Alarm Manager KPI viewer and reporting Repository Configurazione operativa Implementazione e Transizione Modello a strati Classi e modello Controllo e vista Dati e persistenza Transizione Il Sistema WSM Monitoring web real-time Pull Push Allarmi Reportistica Risultati e Conclusioni Sviluppi futuri III

5 INDICE INDICE 11 Strumenti utilizzati Strumenti software Ringraziamenti 71 IV

6 Elenco delle figure 2.1 Relazione tra punti di vista del QoS Gerarchia degli indicatori chiave Fasi del processo RUP Ciclo del processo iterativo-incrementale Use Case 1: Visualizza Pull Use Case 2: Filtra risultati Pull Use Case 3: Seleziona Probe Use Case 4: Visualizza Push Use Case 6: Imposta numero eventi Architettura Servlet e Jsp Architettura logico-funzionale Configurazione operativa Struttura fisica della componente web Modello a strati Il modello delle classi Estensioni web per UML - rappresentazione simbolica Estensioni web per UML: UC Estensioni web per UML: UC Estensioni web per UML: UC La tabella MDSLOG Vista di insieme delle tabelle di interesse Vista parziale del Db (1) V

7 ELENCO DELLE FIGURE ELENCO DELLE FIGURE 8.10 Vista parziale del Db (2) Dettaglio monitoring Pull Dettaglio monitoring Push Dettaglio monitoring Allarmi Menù di scelta Sintesi Servizi VI

8 Capitolo 1 Introduzione La continua evoluzione delle tecnologie nel settore delle telecomunicazioni e del business ad esse correlato ha comportato negli ultimi anni un radicale cambiamento delle comunicazioni mobili. In particolare il mondo del wireless sta trasformando i dispositivi mobili da semplici terminali per chiamate vocali a potenti strumenti interattivi. In tale ambito il corretto funzionamento dei servizi offerti all utente ha assunto importanza basilare per i Service Providers operanti su sistemi mobili di Terza Generazione. Il progetto di Wireless Service Monitoring (WSM), oggetto di questa tesi, è nato all interno della Divisione Telecomunicazioni (Convergere) della società Datamat. L obiettivo da raggiungere è stato la realizzazione di una componente web di un sistema di monitoring complesso e modulare che operasse in real time. Tale sistema offre una soluzione integrata composta da strumenti di simulazione del traffico SMS/MMS (wireless probes), di navigazione su portali WAP, e gli strumenti necessari alla documentazione dei livelli di servizio offerti. L approccio allo sviluppo del progetto è stato del tipo iterativo incrementale sull impronta delle tecniche suggerite dal Rational Unified Process (RUP), un processo per lo sviluppo di software Object Oriented. Anche le consegne al cliente sono avvenute in più fasi, offrendoci così un feed-back continuo e permettendo una continua individualizzazione dei rischi maggiori 1

9 1.1. Contenuto dei capitoli CAPITOLO 1. Introduzione che ha consentito interventi e modifiche tempestive e limitate. L analisi dei requisiti è stata guidata da specifiche funzionali molto dettagliate nate da un attenta interazione con il cliente finale da parte dei responsabili del team, ed ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo, offrendo un solido filo conduttore nello svolgimento delle attività. La scelta delle tecnologie di sviluppo è stata in parte dettata dall esigenza di far evolvere un sistema già parzialmente esistente, in parte per poter offrire al cliente un prodotto conforme alle specifiche funzionali e prestazionali e facilmente espandibile nel futuro. Il progetto è stato gestito tramite una struttura software ed hardware altamente modulare, consentendo un ottimale sviluppo in team e permettendo di ottenere singole componenti facilmente integrabili e riusabili. Tali accorgimenti hanno conferito al sistema caratteristiche di adattabilità ai nuovi servizi ed alle esigenze dei diversi clienti e lo hanno predisposto a futuri sviluppi ed implementazioni. 1.1 Contenuto dei capitoli Il cap. 2 è un introduzione al contesto in cui il progetto di Wireless Service Monitoring si va a collocare. Vi si spiegano i princìpi di funzionamento e l importanza del Service Level Management (SLM) nell ambito delle telecomunicazioni, con attenzione ai concetti di Quality of Sevice e di chiavi di qualità. Nel cap. 3 vi è una descrizione più dettagliata dell obiettivo da raggiungere e dei requisiti richiesti: una piattaforma che permetta di monitorare in real-time servizi wireless (SMS-MMS-WAP), creando una sorta di cruscotto con strumenti di supporto al personale tecnico-amministrativo di un Telco provider. Nel cap. 4 si introduce la metodologia di sviluppo adottata durante 2

10 1.1. Contenuto dei capitoli CAPITOLO 1. Introduzione la durata del progetto, analizzando gli aspetti ed i vantaggi del processo iterativo-incrementale RUP (Rational Unified Process). I capitoli successivi si baseranno principalmente sulle fasi individuate da tale processo di sviluppo. Il cap. 5 riporta gli studi effettuati durante la fase di Ideazione, proponendo una soluzione al problema individuato. In questa fase vengono analizzati nello specifico i requisiti richiesti e sono individuati gli attori principali che interagiscono con il sistema. Con il cap. 6 si pone l attenzione alla fase di Elaborazione, con l obiettivo di realizzare un modello formale che rappresenti quanto analizzato nella fase precedente. Nel cap. 7 vengono presentate le tecnologie di sviluppo adoperate nel progetto. In particolare si parla di tecnologie Java applicate al web (Jsp e Servlet) ed i vantaggi che portano. Viene anche descritto lo strato di persistenza dei dati e l interazione con il Database. Viene poi presentata l architettura generale del sistema nella sua completezza, con ruolo e funzionamento di ogni componente coinvolta. Il cap. 8 è focalizzato sulla fase implementativa, descrivendo nel dettaglio le scelte e la creazione di modello, controllo ed interfaccia. Alla fine del capitolo viene introdotta anche la fase di Transizione, ovvero il passaggio tra due iterazioni consecutive del processo RUP, nella quale vengono descritti i test effettuati sul sistema. Nel cap. 9 viene fatta una panoramica sul prodotto sviluppato nella sua completezza, descrivendo le interfaccie realizzate e gli strumenti a disposizione dell utente. Per completezza oltre alla parte di monitoring real-time vengono mostrate anche le schermate di reportistica dei servizi. Il cap. 10 contiene le considerazioni di insieme sull attività lavorativa svolta descrivendo i risultati ottenuti e traendone delle conclusioni. Vengo- 3

11 1.1. Contenuto dei capitoli CAPITOLO 1. Introduzione no inoltre introdotti gli sviluppi futuri previsti per il sistema in previsione delle nuove tecnologie in ambito dei servizi di comunicazione wireless che si affacciano sul mercato. 4

12 Capitolo 2 Contesto 2.1 Service Level Management La percezione che il cliente ha di un servizio wireless non si basa esclusivamente su semplici misurazioni quantitative riguardo le prestazioni della rete ma di norma include anche considerazioni sulla qualità delle operazioni, ad esempio l esattezza di fatturazione, la reperibilità di risorse o la tempestiva risoluzione di problemi. Di qui la necessità di sottoscrivere contratti di Service Level Agreement, anche detti Service Level Garantee. Essi non sono altro che contratti (o parti di contratto) che vengono stipulati tra il Network Operator/Service Provider (NOs/SPs) ed il cliente, con la funzione di garantire un comune accordo riguardo servizi, priorità, responsabilità ed altro, defininendo un insieme di appropriate procedure ed obiettivi al fine del mantenimento di una determinata Qualità di Servizio. Tali procedure comprendono i concetti di disponibilità, percentuale d errore, frequenza dei fallimenti (MTBF), tempo di ripristino di una servizio (MTRS). Lo scopo del Service Level Management è dunque quello di definire delle metodologie che consentano un continuo controllo e la valutazione in tempo reale di una determinata prestazione per il raggiungimento delle soglie minime di qualità, predisponendo le azioni correttive a fronte di evidenti o prevedibili degradi del livello di servizio offerti, prima che siano pregiudicate la disponibilità e la fruibilità del servizio stesso. 5

13 2.2. QoS CAPITOLO 2. Contesto 2.2 QoS Con lo sviluppo dei servizi di terza generazione (3G) il concetto di Quality of Service ha acquisito un importanza critica, tanto da imporre ai diversi fornitori di prestazioni nell ambito delle Telecomunicazioni un continuo controllo dei servizi erogati. La percezione di qualità di servizio risulta ovviamente differente a seconda del punto di vista, come possiamo vedere in figura 2.1. Figura 2.1: Relazione tra punti di vista del QoS In quest ottica il QoS offerto dal provider consisterà in una dichiarazione del livello di qualità garantito al cliente per contratto, espresso in un linguaggio comprensibile ad entrambe le parti. Un esempio è dato dal valore della Service Avaibility (SA), ovvero la disponibilità del servizio, intesa come tempo durante il quale la risorsa offerta è ritenuta migliore o uguale del QoS stabilito, ed espressa in percentuale per quantificare il periodo di operatività della servizio negoziato. A tale valore dovrà avvicinarsi quanto più possibile l Achieved QoS, ovvero la qualità effettivamente raggiunta, suddivisa e ricapitolata per periodi di tempo solitamente con cadenza mensile. Al contrario il cliente utilizzatore parlerà di QoS in termini assolutamente non tecnici ma di livello di soddisfazione, come combinazione tra servizi attesi 6

14 2.3. Il concetto di chiave CAPITOLO 2. Contesto e servizi ottenuti, preoccupandosi di aspetti network oriented, quindi legati alle prestazioni della rete in termini di reperibilità e velocità di accesso alle risorse, ma anche non-network oriented, per questioni di semplicità di accesso ai servizi o di customer care, dei quali non ci occuperemo in questa tesi. Il QoS definito nel CCITT Recommendation E.800 [QMF00] può essere riassunto nella seguente definizione: The collective effect of service performance which determine the degree of satisfaction of a user of the service. 2.3 Il concetto di chiave I fornitori di servizii hanno segnalato storicamente le prestazioni delle loro reti attraverso un insieme di indici accordati nel settore business, detti Key Performance Indicator (KPIs). I KPIs sono solitamente finalizzati all analisi delle prestazioni del network in questione e forniscono una sintetica indicazione ed una importante misura riguardo il funzionamento della rete. La migrazione verso un amministrazione delle risorse focalizzata sulla qualità ha condotto poi verso la realizzazione di una nuova tipologia di indici: parliamo in questo caso di Key Quality Indicator (KQIs), i quali forniscono una misura di una specifica funzione delle prestazioni di un prodotto o delle componenti di un prodotto, estrapolando ed aggregando dati da un certo numero di fonti, tra le quali anche le KPIs. Nella relativa forma più semplice un KQI può avere un singolo KPI come relativa fonte di dati. Un Servizio KQI aggregherà invece indicatori di prestazione multipli per calcolare la qualità dell intero servizio. É facile pensare quindi che le fonti per la costruzione delle KQIs di un prodotto complesso possono avere le più diverse provenienze, ed aggregando dati addizionali scaturiti da analisi incrociate delle chiavi si ottiene un indice esplicativo della qualità del prodotto stesso. 7

15 2.3. Il concetto di chiave CAPITOLO 2. Contesto Figura 2.2: Gerarchia degli indicatori chiave 8

16 Capitolo 3 Problema Verrà qui introdotta una descrizione più dettagliata del problema da risolvere nell ambito del tirocinio e degli obiettivi da raggiungere, partendo da determinate specifiche di sistema. 3.1 Specifiche di Sistema Come introdotto nei capitoli precedenti, l analisi delle prestazioni e della qualità dei servizi nell ambito delle Telecomunicazioni, in particolare per quanto concerne le tecnologie wireless, è di fondamentale importanza per tutti i provider al fine di rispettare i contratti di SLA, e provvedere al mantenimento di prestazioni che rientrino nelle soglie minime di qualità. Tenere però sotto continuo controllo applicazioni complesse come nel caso dei servizi wireless di ultima generazione non è affatto semplice per diversi motivi. Tra essi la vastità del territorio da controllare e la dislocazione dei centri servizi, che impongono una architettura di analisi altamente modulare e ben distribuita, nonchè la continua evoluzione delle tecnologie e dei servizi offerti al cliente e la conseguente nascita di nuovi standard. In quest ottica nasce l esigenza di un sistema che consenta un monitoring delle risorse in real-time, ovvero una sorta di cruscotto contenente gli strumenti necessari a manterere sotto controllo i numerosi servizi offerti al cliente. In accordo con un importante operatore italiano di telecomu- 9

17 3.2. Obiettivo CAPITOLO 3. Problema nicazioni, la divisione Convergere di Datamat studia un sistema che possa soddisfare questa esigenza gestendone le diverse caratteristiche. Il sistema in questione dovrà dunque monitorare oppurtunamente servizi offerti a clienti consumer dai Telco providers in modalità wireless, come SMS, MMS e navigazione su portali WAP, il tutto su reti GSM e GPRS, dando la possibilità a chi amministra la rete di effettuare test sui vari servizi in ogni momento valutando la disponibilità ed i tempi di delivery dei contenuti ed estrapolare informazioni utili all analisi del funzionamento degli stessi. In particolare i servizi SMS e MMS dovranno essere trattati nella loro interezza, facendo distinzione tra prestazioni on-demand (messaggi di pull) e prestazioni a scadenza fissa (messaggi push). Il cruscotto di monitoring dovrà essere dettagliato ed esaustivo nelle informazioni, dando la possibilità all utente (che sarà comunque un personale tecnico-amministrativo addetto al controllo dei servizi) di intercettare tempestivamente eventuali malfunzionamenti e di filtrare opportunamente i dati estratti per ottenere statistiche sull andamento della rete. Il sistema dovrà inoltre avere caratteristiche di dinamicità, in modo da consentire all utente stesso di estendere facilmente i piani di test ai nuovi servizi futuri, e di espandibilità, per essere pronto ad accogliere nuovi standard e tecnologie wireless ed aggiungere funzionalità. Le specifiche per la realizzazione del sistema sono state trattate in modo dettagliato tramite un attenta interazione con il cliente da parte dei responsabili del team, ed hanno permesso di individuare in modo preciso tutti i requisiti funzionali necessari. 3.2 Obiettivo Per rispettare tali specifiche e soddisfare le richieste del cliente la divisione telecomunicazioni di Datamat aveva già sviluppato al mio arrivo un modulo desktop scritto in linguaggio Visual Basic per la configurazione dei piani di test sui servizi attivi e l amministrazione dei dati acquisiti. Il mio obiettivo, una volta inserito nel team di sviluppo, è stato quello 10

18 3.2. Obiettivo CAPITOLO 3. Problema di studiare ed implementare una componente costituita da un applicativo web-based che riportasse le funzionalità del sistema sviluppato, in modo tale da poter offrire al cliente i vantaggi di questa soluzione, ovvero la centralizzazione dell applicazione su un server al quale è possibile accedere tramite un qualsiasi browser web (client), indipendentemente dal sistema operativo. Nei successivi capitoli verrà descritta più nel dettaglio l architettura adottata, motivando le scelte e presentandone i vantaggi. 11

19 Capitolo 4 Metodologia di sviluppo In questo capitolo analizzeremo la metodologia di sviluppo utilizzata per la realizzazione del progetto (RUP) e le soluzioni adottate per rispondere alle specifiche di sistema introdotte nel capitolo precedente. 4.1 RUP Rational Unified Process è una metodologia standardizzata per la progettazione e lo sviluppo di software Object-Oriented (OO) che consente un approccio disciplinato alla gestione delle attività assicurando una produzione di qualità. Lo svilupppo che RUP propone è di tipo iterativo - incrementale: in quest ottica vengono pianificate iterazioni time-boxed, con durata solitamente fissata a 2-4 settimane, alla fine delle quali si ha un prodotto funzionante che progredisce con raffinamenti successivi ed offre un continuo feed-back, fondamentale per l impostazione dell iterazione successiva. Figura 4.1: Fasi del processo RUP 12

20 4.2. Iterazioni CAPITOLO 4. Metodologia di sviluppo 4.2 Iterazioni Durante ogni iterazione viene svolta attività di analisi, progettazione, implementazione e verifica. Un approccio di questo tipo offre numerosi vantaggi: RUP evidenzia infatti l importanza di realizzare un sistema funzionante fin dalle primissime fasi, cercando di costruire subito la baseline dell architettura, raffinandola poi nelle successive iterazioni. In questo modo i rischi maggiori vengono affrontati fin dall inizio, quando è ancora possibile prendere provvedimenti, anche stravolgendo l architettura o riprogettando parte di essa. Un sistema del genere accetta senza problemi gli inevitabili cambiamenti che occorrono nello sviluppo, anche a livello di requisiti, offrendo grande capacità di adattamento. Figura 4.2: Ciclo del processo iterativo-incrementale 13

21 4.2. Iterazioni CAPITOLO 4. Metodologia di sviluppo In ciascuna iterazione viene dunque scelto un piccolo sottoinsieme dei requisiti, svolgendo su di esso una breve attività di analisi, progettazione, implementazione e verifica. L iterazione offrirà quindi un rapido ritorno di informazioni (feedback) indispensabili per la pianificazione dell iterazione successiva. Tale feedback proviene sia dagli sviluppatori, i quali possono rendersi conto della direzione nella quale si sta evolvendo il sistema tramite i test, sia dall utente interessato, al quale viene offerta una continua visione del progresso che lo rende partecipe ed in grado di interagire con lo sviluppo. Come suggerito da RUP i modelli realizzati in questa tesi sono stati ottenuti utilizzando il linguaggio UML, il quale consente di modellare il software in modo visuale permettendo di individuare le entità astratte coinvolte e favorendo l utilizzo di linguaggi Object Oriented. 14

22 Capitolo 5 Ideazione La fase di ideazione ha il compito di avviare l attività di progettazione, individuando i requisiti, definendo gli attori interessati e fornendo una visione approssimativa del sistema. É la fase più breve per quanto riguarda percentuale di tempo e risorse utilizzate. 5.1 Analisi dei requisiti Un requisito è una condizione o una caratteristica alla quale il sistema deve essere conforme. L importanza di requisiti specifici e dettagliati definiti tramite una attenta analisi della raltà di interesse è fondamentale ai fini della progettazione. L identificazione, l organizzazione e la documentazione dei requisiti pone dunque le indispensabili basi della progettazione e delle attività seguenti. RUP definisce e classifica i requisiti secondo il modello FURPS+. Per una trattazione più sintetica raggrupperemo tali requisiti nella due macrocategorie: requisiti funzionali requisiti non funzionali 15

23 5.1. Analisi dei requisiti CAPITOLO 5. Ideazione Requisiti Funzionali I requisiti funzionali esprimono il comportamento che il sistema deve avere sotto determinati stimoli: con una particolare condizione di ingresso mi aspetto una certa condizione di uscita. L obiettivo principale del sistema WSM è quello di consentire una rapida consultazione delle condizioni dei servizi monitorati. Per ogni test effettuato bisognerà dunque gestire informazioni che consentano di tenere traccia dello stato del servizio in questione, il Centro Servizi a cui fa riferimento, il tipo di messaggio inviato, la data e l ora in cui il test è stato effettuato ed i tempi di delivery della risorsa richiesta. Di fondamentale importanza è la gestione indipendente delle diverse tipologie di servizi (messaggi di tipo PULL e di tipo PUSH), e la possibilità di scegliere la Probe sul territorio da monitorare. É inoltre richiesta una breve sintesi sullo stato dei servizi attivi con relative statistiche da affiancare al cruscotto real-time. Una richiesta di tipo pull presuppone la ricezione contestuale di un messaggio di risposta contenente le informazioni richieste. Una richiesta push, invece, consente di ricevere informazioni unicamente ad orari prestabiliti definiti in fase di sottoscrizione del servizio. La mancata ricezione dei contenuti richiesti entro un timeout stabilito, può generare segnalazioni di allarme. Risulta inoltre utile tenere traccia di tutti gli allarmi ricevuti negli ultimi 3 giorni, in modo tale da avere una visione di insieme dell andamento dei malfunzionamenti dei servizi. Di ogni allarme è bene tracciare il Centro Servizi di riferimento, la Probe interessata, il tipo di messaggio, la data e l ora del fallimento. Dal momento che i test registrati saranno di tipo eterogeneo ed elevati in numero risulterà necessario poter filtrare opportunamente i dati per avere delle viste dettagliate in base alle esigenze: potrà essere utile monitorare il comportamento di un determinato servizio, oppure verificare la risposta del sistema in una certa data, o ancora prendere visione di tutti i test che hanno 16

24 5.1. Analisi dei requisiti CAPITOLO 5. Ideazione riscontrato malfunzionamenti. I filtri e la lista delle Probe attive dovranno essere generati dinamicamente in base ai dati presenti sul DB. Qualora i la combinazione di filtri generi un insieme vuoto di risultati dovrà essere visualizzata una schermata opportuna. L Utente dovrà anche essere in grado di estrapolare dati di sintesi che consentano una visione attuale, giornaliera, settimanale e mensile secondo vari criteri di ricerca: tipo probe, periodo, protocollo, tipo richiesta, tipo network, piattaforma. Il carico di lavoro a regime può essere elevato, con diverse centinaia di test effettuate ogni giorno. Attualmente non è richiesta un operazione di autenticazione al sistema Requisiti non Funzionali I requisiti non funzionali racchiudono tutti gli attributi che non sono strettamente legati alle funzionalità richieste per il sistema ma che contribuiscono al rilascio di un prodotto di qualità. Lo standard ISO 9126 definisce gli attributi che un software dovrebbe possedere: usabilità efficenza manutenibilità portabilità affidabilità In particolare il sistema in questione dovrà garantire il massimo dell efficenza in modo da rispettare un interfacciamento real-time, nonchè grande affidabilità, in quanto un guasto nel WSM interromperebbe il controllo di operatività del sistema monitorato. La manutenibilità inoltre è requisito fondamentale, legandosi strettamente al concetto di espandibilità, indispensabile in un campo in continua evoluzione come quello dei servizi wireless. 17

25 5.1. Analisi dei requisiti CAPITOLO 5. Ideazione Sarà quindi necessario adottare una struttura modulare che consenta l inserimento a caldo di nuovi elementi senza stravolgere le basi costruite. Una soluzione web consentirà anche di garantire una certa portabilità. La soluzione richiesta dovrà offrire una rappresentazione end to end del servizio, così come lo percepisce l utente finale, caratterizzata da una interfaccia utente che coniuga semplicità di utilizzo e immediatezza delle informazioni in aggiunta ad una elevata configurabilità, rendendola strumento indispensabile ad operatori tecnici ma anche facilmente gestibile da utenze non propriamente tecniche che necessitano di informazioni di sintesi. 18

26 5.2. Attori CAPITOLO 5. Ideazione 5.2 Attori Un attore è qualcosa o qualcuno che ha un comportamento ed interagisce con il sistema. Sono previsti dal sistema due tipi di attori: il primo consiste nell Utente Amministratore, il quale ha libero accesso alle operazioni di backend riguardanti la gestione dei piani di test e dei servizi, nonchè al monitoring real-time. Per questioni di sicurezza al momento Datamat ha scelto di soddisfare questa tipologia di utente solamente attraverso il modulo Visual Basic, offrendo un ampio pannello di controllo che consente di aggiungere e rimuovere servizi ad un catalogo, configurarli e modificare lo scenario di simulazione per nuovi piani di test. Per questa ragione l Utente Amministratore non verrà trattato in questa tesi. Il secondo tipo di utente è L Utente Semplice, il quale deve essere in grado di verificare in ogni momento lo stato della piattaforma, avendo dunque accesso a tutte le funzioni messe a disposizione dal modulo web. 19

27 Capitolo 6 Elaborazione La fase di elaborazione ha come base i dati raccolti durante la fase di ideazione. L obiettivo è la realizzazione di un modello formale che rappresenti quanto richiesto nella fase precedente, definendo i casi d uso del sistema e producendo specifiche dettagliate che guideranno la pianificazione delle attività, la definizione della baseline dell architettura e la scelta delle tecnologie di sviluppo, in un ottica di progettazione ampia e poco profonda. Bisogna quindi capire come deve comportarsi l applicazione progettata e studiarne le funzioni ed i dati in base alla realtà di interesse messa a fuoco nella fase di ideazione. 6.1 Modello dei casi d uso I casi d uso offrono un mezzo semplice ed esplicativo per la formulazione di un modello dedicato alla soluzione di un problema. Essi descrivono l interazione tra il sistema e gli attori interessati senza rivelare la struttura interna del sistema. Per la descrizione dei casi d uso utilizzeremo di seguito una forma testuale, che espone passo per passo tutti i punti salienti dell interazione tra le parti interessate, eventuali estensioni e flussi alternativi allo scenario di successo, parti interessate ed interessi, precondizioni e postcondizioni. Per maggiore chiarezza espositiva verranno presentati inoltre dei diagrammi di 20

28 6.1. Modello dei casi d uso CAPITOLO 6. Elaborazione attività che rappresentano la versione schematica dei casi d uso e consentono di visualizzare in modo espressivo gli eventi che portano alla realizzazione dello scenario di successo e le eccezioni. I casi d uso individuati sono: Visualizza scenario Pull Filtra risultati Pull Seleziona Probe Visualizza scenario Push Visualizza scenario Allarmi Imposta il numero di eventi 21

29 6.1. Modello dei casi d uso CAPITOLO 6. Elaborazione UC1 : Visualizza scenario Pull É lo scenario principale del cruscotto di monitoring. All accesso il sistema interroga la base di dati per ottenere un lista delle Probe attive. Attori : Utente semplice. Vuole avere una chiara visione globale sull andamento dei servizi di tipo Pull. Precondizioni : non ci sono precondizioni. Postcondizioni : l Utente ha visualizzato i dati inerenti gli ultimi test di Pull effettuati. 1. l Utente seleziona dal menù il monitoring dei servizi Pull 2. il Sistema verifica che ci siano Probe attive 3. il Sistema stampa i dati di Pull, lo stato corrente di ogni servizio e le statistiche sui dati ottenuti 4. il sistema genera la form dei filtri dinamicamente in base ai dati Estensione 2a: Nessuna Probe attiva - il Sistema visualizza una schermata opportuna 22

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis SAP BusinessObjects Process Analysis XI3.1 Service Pack 3 windows Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet,

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli