Iniziamo il tempo di Avvento con

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziamo il tempo di Avvento con"

Transcript

1 A cura dell Ufficio per il Coordinamento della pastorale della diocesi di Chioggia. Inserto di Nuova Scintilla del 29 novembre 2009 Editoriale Natale senza crisi Iniziamo il tempo di Avvento con l ormai tradizionale inserto curato dalla Caritas Diocesana nel quale non ci occuperemo questa volta delle iniziative e delle varie occasioni di solidarietà che nelle parrocchie LEGGERE LA REALTÀ POVERTÀ E CRISI 2 CENTRI DI ASCOLTO IN DIOCESI VALIDE OPPORTUNITÀ 3 POLITICHE PER I LAVORATORI RIQUALIFICAZIONE 4 INCLUSIONE SOCIALE PER DETENUTI SECONDA STELLA... 5 CONSULTORIO FAMILIARE DENTRO LE STORIE DELLE FAMIGLIE 6 UN GIOCO D AZZARDO ETICO? INUTILE E DANNOSO 7 DIRITTI DELL INFANZIA BAMBINI E GIOCO 7 CALENDARIO E SUSSIDI 8 e nei Comuni della Diocesi si organizzano in questo periodo. Natale è la Festa di tutti, si scambian gli auguri e i regali, si baciano i belli e i brutti recitava una canzone di Pierangelo Bertoli qualche generazione fa. In realtà molte famiglie vivranno questo tempo di Avvento e di Natale con qualche preoccupazione in più rispetto ai Natali precedenti. La crisi, partita come crisi finanziaria, è diventata crisi lavorativa e oggi sta diventando crisi sociale. Anzi, a dire il vero, la crisi sociale riassume in sé tutti i tre aspetti. Questo numero di In.Con.Tra. non centrerà la sua attenzione su balocchi e presepi e non darà indicazioni liturgiche per la Messa di mezzanotte. Più semplicemente e più realisticamente tenterà, con i mezzi e gli strumenti che in questi anni la Caritas si è data, di illustrare cosa si sta facendo in Diocesi per aiutare le persone e le famiglie in difficoltà. Sul tempo della crisi che è tempo di prova ho chiesto a Francesco Marsico, Vicedirettore di Caritas Italiana, un testo introduttivo che, facendo riferimento all ottavo Rapporto Caritas-Zancan sulla povertà in Italia, illustrasse i dati raccolti e i risultati emersi. Nella seconda parte, che riporta il titolo Le forme della Solidarietà, saranno brevemente illustrate le azioni poste in essere dalla Caritas Diocesana nel territorio: in primis il Microcredito, il Fondo di Solidarietà e ultimamente l inizio di strutturazione del Fondo antiusura, attraverso l apertura dei Centri di Ascolto. Gli articoli sono rispettivamente dei volontari di Chioggia e Porto Viro. Alla dott.ssa Silvia Bassan, presidente della Cooperativa Titoli Paralleli (altro soggetto del sistema Caritas ), abbiamo chiesto di illustrarci una particolare forma di aiuto alle persone e alle famiglie che vivono il problema della fuoriuscita di un loro componente familiare dal lavoro. Nel tempo di assenza di lavoro è possibile inserirsi in corsi di formazione professionale per acquisire competenze e avere più opportunità al ritorno lavorativo. Uno degli aspetti che in questi ultimi anni hanno interessato la Caritas è stata la situazione di persone che, uscite dal carcere, si sono ritrovate a reinserirsi in un territorio per molti aspetti impreparato a questo tipo di accoglienza. Grazie ad un contributo derivato dall otto per mille nazionale, la Caritas Diocesana di Chioggia inizierà in collaborazione con l Uepe (Ufficio Esecuzione Penale Esterna) un progetto di reinserimento: l articolo è di Massimo Guglielmo che ha preparato il progetto e che proviene come formazione dal volontariato carcerario. Al nostro Consultorio Familiare Diocesano è stato poi chiesto di relazionare sui primi mesi di attività e di aiutarci a capire quali sono state le problematiche affrontate: vedremo come anche il lavoro consultoriale coglie questo tempo di crisi economica e sociale. Infine una riflessione sulla pericolosa china del gioco d azzardo camuffato di solidarietà e un esperienza, invece, sul diritto al gioco promossa dalla cooperativa Titoli Minori in occasione del 20 anniversario della Convenzione sui diritti dell Infanzia. In conclusione - insieme al consueto Calendario diocesano - un cenno al Materiale di Avvento che è stato messo a disposizione dei parroci. Forse è già abbastanza. don Marino Callegari

2 2 Leggere la realtà guardandosi attorno Povertà e tempo di crisi incontra Capire effettivamente a che punto è la crisi economica nel nostro paese non risulta facile. Ovviamente il superamento dei rischi connessi alla componente finanziaria della crisi ha reso possibile tirare, almeno parzialmente, un sospiro di sollievo. Le banche italiane sembrano avere superato i rischi maggiori e ovviamente la comunicazione ufficiale enfatizza alcuni segnali di ripresa, pure timidi, rispetto ad un aumento di alcune tipologie di consumi. Ma per avere una sensazione realistica non si possono guardare solo i dati statistici: la crisi va letta girando per le vie del nostro paese, guardando dentro gli esercizi commerciali, per le strade dei distretti industriali, ascoltando le speranze e i timori degli imprenditori e delle famiglie. Ogni territorio sta vivendo questa crisi in forme diverse, a partire dalle difficoltà relative alla propria vocazione produttiva specifica. Inoltre, a causa di un sistema di ammortizzatori e di protezione sociale di tipo categoriale, che produce rilevanti iniquità, pur in presenza dello stesso rischio di perdita del lavoro, si delinea un panorama di situazioni personali fortemente differenziato. La cassa integrazione che è strumento di sostegno alle imprese e solo indirettamente ammortizzatore sociale è garantita solo ad una parte dei nostri lavoratori. Stesso discorso si può fare sul sussidio di disoccupazione, che non tutela in maniera uniforme i percorsi professionali ed è comunque uno strumento con un limite temporale di erogazione. L assenza di forme di reddito garantito o minimo nel nostro paese, a differenza della stragrande maggioranza dei paesi dell Unione europea, fa sì che un lavoratore - non solo precario possa precipitare da una situazione di stabilità lavorativa alla totale assenza di reddito, senza che forme di sostegno possano intervenire in suo soccorso. La crisi, in questo senso, non produce nuovi poveri ma mostra come il nostro sistema di welfare sia iniquo, incompleto e inefficace. Le misure messe in campo dal Governo nella scorsa legislatura erano anch esse o temporanee (come il bonus famiglia, non rifinanziato per il 2010), o parziali come la Carta acquisti (il cui accesso è limitato con vincoli connessi all età dei destinatari). La prossima finanziaria confermerà solo i bonus energia e la Carta acquisti: molte famiglie italiane dovranno affrontare se sfuggite alle larghe maglie del nostro welfare da sole e a mani nude gli effetti della crisi. La povertà del nostro paese quindi non è mutata a causa della crisi, sta soltanto spingendo più in basso nella scala sociale alcuni e rendendo più fragili le condizioni di vita di altri. I dati Istat inerenti il 2008, riguardanti la povertà relativa, ci segnalano non solo che oltre l 11% delle famiglie italiane sono povere, ma che quasi l 8% è appena sopra a questa soglia. Il nostro paese ha bisogno di politiche sociali adeguate di contrasto alla povertà contestualmente a un diffuso impegno nel contrasto degli effetti della crisi. Il Prestito della Speranza, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana è, in questo senso, un segno certamente non esaustivo che evidenzia la necessità di una responsabilità diffusa che le diocesi e le comunità cristiane a partire dalle proprie risorse si stanno assumendo rafforzando le proprie attività ordinarie o mettendo in campo iniziative nuove. E da qui, riaprire un cammino di riflessione su una economia capace di rispondere ai bisogni dell uomo e che non sia strumento di ineguaglianza e di sfruttamento: l Enciclica Caritas in veritate è un importante stimolo a continuare a cercare, nell opacità di questo tempo, strade inedite di carità e giustizia. Anche la Caritas diocesana di Chioggia con le sue iniziative s inserisce nel lavoro che le Caritas in Italia stanno implementando nel territorio. Ho accennato al Prestito della Speranza ma anche alle varie forme di Microcredito e di Fondi di Solidarietà che sono presenti nelle proposte di molte Caritas. Francesco Marsico Vice direttore di Caritas italiana (nella foto)

3 incontra 3 Il Centro di ascolto vicariale a Chioggia e il Microcredito Opportunità importanti! L esperienza di Porto Viro Per le famiglie Numerose sono state le persone e le famiglie che in queste ultime settimane si sono presentate al Centro di Ascolto della Caritas Diocesana presso le opere parrocchiali di Scalon a Porto Viro. Il Centro collabora con la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo ad un progetto denominato Fondo straordinario di solidarietà, volto a sostenere le famiglie residenti nelle province di Padova e Rovigo che, a causa dell attuale congiuntura, si trovano in una situazione di difficoltà dovuta alla mancanza di lavoro. Il fondo è destinato a fornire una concreta risposta in termini economici e di accompagnamento sociale a quelle persone che non sono in grado di mantenere dignitosamente se stessi e al propria famiglia e non risultino protetti, o non lo siano sufficientemente, da tutele sociali o forme di assistenza pubblica. I volontari della Caritas sono entrati in contatto con le realtà più disparate. Molte le donne separate o divorziate con un figlio che, licenziate, hanno perso l unica fonte di sostentamento; infatti l ex marito o convivente di rado collabora al mantenimento del minore; si appoggiano ai genitori anziani che spesso percepiscono pensioni irrisorie. Sono le persone più provate e scoraggiate, convinte che sarà molto difficile un loro inserimento Da alcuni mesi la Caritas diocesana ha avviato un Centro di Ascolto a Chioggia, in Calle Cesare Battisti. Il Centro di ascolto è uno strumento di accoglienza e di accompagnamento per le persone che vivono uno stato di disagio. Chi ascolta e chi viene ascoltato, ciascuno con il proprio ruolo, sono coinvolti in un progetto per cercare insieme le soluzioni più adeguate e lenire il disagio espresso da chi ha bisogno di aiuto. Il Centro si prende carico delle storie di sofferenza, orientando verso una rilettura delle reali esigenze, fornendo - se possibile - una prima risposta alle necessità più urgenti, accompagnando nelle difficoltà chi non sa trovare punti di riferimento. L ascolto delle persone è il cuore della relazione ed è anche il primo passo per entrare in contatto con il territorio nella realizzazione di reti solidali pubbliche e private. All interno del Centro di Ascolto opera anche un servizio di microcredito, attraverso il quale si offre l opportunità di piccoli crediti finanziari a persone e famiglie che, essendo prive di sufficienti garanzie, si trovano momentaneamente in situazioni precarie oppure hanno intenzione di sviluppare un attività lavorativa autonoma. La connessione tra Centro di Ascolto e microcredito è quanto mai opportuna per meglio analizzare le situazioni critiche e per dare credibilità e fiducia alle persone superando la logica bancaria del profitto economico. Gli operatori del Centro hanno effettuato un percorso formativo mirato a sapere sviluppare relazioni e cogliere le complessità che spesso si nascondono nelle richieste di aiuto. La capacità di entrare in rapporto con le necessità delle persone, nella loro integralità, si sviluppa attraverso l esperienza diretta; certamente ciò richiede tempo e passione, oltre che competenze. Ma l essere volontari permette di anteporre alla richiesta di aiuto la persona stessa, ed è proprio in questo che consiste l originalità del servizio offerto dal Centro di Ascolto: dare voce a individui concreti, protagonisti di una specifica storia intrisa di aspirazioni, delusioni, sofferenze, e speranze. Bruno Perini e Lucia Bellemo nel mondo del lavoro, in una realtà come quelle bassopolesana che offre scarsissime possibilità alle donne e comunque sempre in un contesto precario: addette alle pulizie, cameriere nei fine settimana, bariste durante la stagione estiva presso le strutture alberghiere di Rosolina Mare e Albarella. In tutto il Delta si sente la crisi del settore tessile che ha portato in poco tempo alla chiusura quasi totale dei laboratori artigianali. Poco rassicurante è anche la situazione in quelle famiglie monoreddito dove il capofamiglia, che ha perso il lavoro, ha un età matura e i figli sono ancora minorenni. Sono convinti che il mercato del lavoro punterà in futuro soprattutto sui giovani e anche se provvisti di competenze e professionalità si sentono emarginati e frustrati; sarebbero disposti a qualsiasi sacrificio pur di vedere i propri figli terminare gli studi: questa è l ossessione di tutti i genitori coinvolti in questa situazione. Le coppie giovani e senza reddito sono costrette a chiedere aiuto ad amici e parenti per pagare bollette e affitti; chiedono alla Caritas di intercedere presso i Comuni interessati, perché siano sospese in questo momento di difficoltà le imposte locali. Rattrista il fatto che non si parli di mettere al mondo figli; fra loro anche diplomati e laureati pronti a trasferirsi in realtà più forti economicamente. Pochissimi gli extracomunitari che si sono presentati al Centro per chiedere l accesso al Fondo. Una situazione quindi da monitorare continuamente per non perdere la percezione di una realtà che le persone vivono quotidianamente e dalla quale siamo interpellati come cittadini e come credenti. Antonio Marangon

4 4 Proposte dalla Regione Veneto: politiche attive per i lavoratori incontra Riqualificazione e reimpiego Con la DGR 1757 del 16/06/2009 la Regione Veneto dà l avvio al progetto Interventi di politica attiva per il reinserimento, la riqualificazione, il reimpiego dei lavoratori del sistema produttivo colpito dalla crisi economica, inserito nel più ampio programma Obiettivo Competitività regionale e occupazionale del Fondo Sociale Europeo. Si tratta di un insieme di attività di orientamento e formazione (politica attiva) destinate alla persone che usufruiscono della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (politica passiva) per aiutarle a trovare una nuova occupazione o per rientrare nel proprio posto di lavoro con maggiori competenze soprattutto nell ambito dei diritti dei lavoratori, sicurezza, comunicazione. Il Fondo Sociale Europeo, lo Stato Italiano e la Regione Veneto intendono, con queste misure, non solo tutelare un reddito minino ai dipendenti colpiti dalla crisi economica, ma anche offrire loro gli strumenti di crescita personale a difesa della propria occupabilità. A rendere possibile la realizzazione delle politiche attive per il lavoro ci pensano gli organismi di formazione accreditati dalla Regione. Nei territori di Chioggia e Cavarzere tra gli altri, segnaliamo Irecoop Veneto che attraverso un suo partner il C.C.S. Consorzio Cooperative Sociale ha coinvolto la cooperativa sociale Titoli Minori di Chioggia e la cooperativa Emmanuel di Cavarzere nelle operazioni di concreta erogazione del servizio. In particolare le due cooperative hanno messo a disposizione alcuni locali delle loro sedi operative perché possano essere i luoghi dei colloqui di orientamento, dei percorsi formativi di gruppo e delle attività individuali rivolti ai lavoratori con particolari esigenze. Le cooperative inoltre hanno collaborato con Irecoop e C.C.S. nell individuazione sul territorio delle figure professionali da coinvolgere su questo progetto; tenendo presenti le competenze necessarie e cioè disponibilità all ascolto, capacità di analizzare le situazioni e i bisogni, buona conoscenza degli strumenti informatici predisposti dalla Regione Veneto, Titoli Minori ed Emmanuel hanno saputo individuare un équipe di lavoro operante sia su Chioggia che su Cavarzere in grado di gestire nei modi e nei tempi adeguati l elevato numero di richieste (sono più di cento infatti le persone in CIGS nei due comuni inviate dalla Regione Veneto a Irecoop Veneto). Silvia Bassan Per i Vicariati di Loreo e Porto Tolle: CENTRO DI ASCOLTO per Microcredito e Fondo di Solidarietà: Ogni Lunedì presso la Parrocchia di Scalon dalle 17,00 alle 19,00. Per i Vicariati di Chioggia, Pellestrina, Sottomarina e Cavarzere: CENTRO DI ASCOLTO (e Microcredito): A Chioggia, Via Cesare Battisti, 289 (ex consultorio): Mercoledì ore 9,30 11,30; Venerdì 15,00 17,00.

5 incontra 5 Progetto di inclusione sociale per detenuti che risiedono nel territorio in cui opera la Caritas di Chioggia Seconda stella a destra La Caritas Diocesana di Chioggia ha presentato, in occasione della progettualità dell otto per mille annualità 2009, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Titoli Paralleli di Adria (Ro), un progetto rivolto a persone residenti in misura restrittiva nella diocesi di Chioggia. Seconda stella a destra è un progetto di inclusione sociale rivolto alle persone detenute del territorio della Caritas di Chioggia, recluse nelle carceri venete in particolar modo negli Istituti di pena di Venezia e Rovigo. L idea nasce dal tentativo di dare una reale risposta alle numerose richieste pervenute alla Caritas diocesana, in particolar modo dall Uepe (Ufficio di Esecuzione penale esterna) di Venezia. Il progetto si prefigge di sviluppare percorsi di reinserimento sociale favorendo la ricollocazione lavorativa come strumento di integrazione nel territorio di appartenenza, creando percorsi alternativi al carcere di autonomia e recupero attraverso attività occupazionali. Formazione, lavoro e reinserimento sono le specificità che il progetto si pone come obbiettivo. Se da una parte il tentativo sarà quello di creare tavoli di confronto con le associazioni di categoria e con le agenzie territoriali che si occupano di inserimento lavorativo, dall altra con la collaborazione fattiva della cooperativa Titoli Paralleli si cercherà di creare vere e proprie opportunità di formazione al lavoro in tre ambiti specifici: la conduzione di un bar, attività di pulizia e attività di assemblaggio. La Cooperativa infatti per la progettualità mette a disposizione non solo i contenitori lavorativi che già ha in essere ma anche competenze specifiche maturate e specializzate negli ultimi cinque anni di vita. Naturalmente il progetto prevede il continuo confronto con gli uffici competenti del Ministero di grazia e giustizia. Non è certo fuori luogo occuparsi di detenzione in un territorio che di fatto non accoglie Istituti di Pena, considerando che in ogni caso persone attualmente detenute che afferiscono al nostro territorio a fine pena dovranno riconfrontarsi con la nostra realtà, una realtà che, oggi come non mai, presenta un tessuto sociale e culturale di difficile impatto soprattutto lavorativo. L accompagnamento al reinserimento vuole essere uno strumento di valorizzazione della persona, in ogni caso nel tentativo di farla riappropriare dell identità e dello status che il carcere giorno dopo giorno annienta senza speranze. Attraverso questa progettualità si cercherà anche di sensibilizzare la parte delle imprese, aziende, cooperative, industrie che operano nel nostro territorio e che possono dare una risposta concreta dopo il periodo di formazione svolto dalla cooperativa. Il percorso progettuale diventa garante e propedeutico ad una proposta di lavoro reale che possa dare stabilità e garanzia per il futuro. Massimo Guglielmo

6 6 incontra Notizie dal Consultorio diocesano Essere dentro le storie delle famiglie Da circa sei mesi il Consultorio Diocesano ha ripreso con regolarità l attività di sportello con la presenza stabile di un operatore e di una équipe che ha permesso anche l autorizzazione alla consulenza da parte dell Ente pubblico (in questo caso l Aulss). Cosa è emerso di significativo in questo primo spazio di tempo? Possiamo dire che anche il Consultorio in un certo senso si è scontrato con la crisi, perché ha di fatto intercettato situazioni familiari che avevano sullo sfondo non solo una crisi di coppia e/o di relazione, ma anche di mancanza di lavoro, di povertà economica, di poca progettualità per il futuro. Possiamo suddividere i casi ascoltati e le problematiche affrontate su tre sfondi. 1. Una sofferenza psicologica e relazionale. Sono questi i casi, inviati dai parroci (pochi) e da altri enti pubblici, che chiedono di essere ascoltati riguardo incomprensioni e conflitti che avvengono all interno del nucleo familiare. È una sofferenza che riguarda le prime difficoltà della vita matrimoniale affrontata forse con troppa fretta e superficialità. O una sofferenza legata ai figli adolescenti che si vorrebbero avere sempre bambini sono le sofferenze dei distacchi. Queste storie sono legate a contesti familiari non sempre deprivati: sono famiglie normali che affrontano problemi che sentono essere più grandi di loro. 2. Una sofferenza legata ad una situazione di disagio sociale e di emarginazione. Il Consultorio Diocesano ha affrontato casi e situazioni che avevano la loro origine prossima o remota in situazioni e condizioni di povertà e di deprivazione materiale. È una sofferenza dovuta a molteplici fattori scatenanti: la perdita del posto di lavoro in una famiglia monoreddito obbliga il coniuge più debole (in genere la donna) alla ricerca di un lavoro mal pagato e saltuario. La precarietà e l incertezza per il futuro diventano ulteriore motivo di crisi all interno della coppia e con i figli. È in questa particolare dimensione della vita familiare che giungono la richieste di informazioni sulla procedura della separazione e del divorzio. 3. Infine abbiamo le richieste di informativa sulle separazioni da coppie che non sono state interessate da problemi economici ma che arrivano al Consultorio con l idea abbastanza precisa di conclusione della loro esperienza matrimoniale. Come si può notare il soggetto famiglia non è una entità astratta che si rapporta ai servizi (pubblici e privati) del territorio per questioni di principio e di metodo: le famiglie sono attraversate da una crisi non solo spirituale e morale, ma anche materiale di prospettiva e di significato per il futuro. Su questo dovrà pensare e riflettere anche la nostra Chiesa Locale per rendere significativa e professionale la presenza di strumenti come il Consultorio che restano dei punti di riferimento per persone e famiglie in difficoltà. Claudia Caser e Boscolo Giuditta

7 incontra 7 Quando il gioco finge di essere etico : il poker on line per l Abruzzo... Solo indebitamenti inutili! Cifre da capogiro, che possono cambiare la vita. Il sogno del pensionato, del cassaintegrato, del precario, del disoccupato: vincere al gioco d azzardo e diventare ricco. Non è solo lecito sperarlo, dato che l immaginario collettivo è continuamente alimentato da un apparato pubblicitario nel quale la sfortuna di una vita può improvvisamente finire. Il governo, con una norma contenuta nel decreto per la ricostruzione in Abruzzo, incentiva il poker on line autorizzando la formula veloce di scommesse senza limiti. Per conquistare i gonzi nuovi adepti dell azzardo etico si moltiplicano le iniziative che vedono protagonisti personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport. Nel maggio scorso La7 ha trasmesso il torneo televisivo con dei bei personaggi che esemplificano tutto 20 anni dalla Convenzione sui Diritti dell Infanzia Bambini e...gioco Il 20 novembre in occasione del 20 anniversario della Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia la cooperativa Titoli Minori, da dieci anni vicina e attenta ai bisogni ed esigenze dei minori, ha organizzato per la cittadinanza e i bambini l iniziativa Diritti a giocare. La giornata rappresenta un appuntamento importante e sentito dalla cooperativa che da tre anni organizza in tale data eventi di sensibilizzazione e valorizzazione del mondo dei più piccoli. Gli anni scorsi sono stati realizzati esibizioni e spettacoli di canto e ballo dove i grandi protagonisti erano i bambini, quest anno l iniziativa è stata duplice: un momento di gioco per i bambini della città, in cui educatori professionali hanno promosso il diritto al gioco proponendo gare e giochi di gruppo per bambini e un momento dedicato ai genitori sul tema del gioco con i propri figli, relatrice d eccellenza la dott.ssa Lorella Ciampalini, direttore dell U.O Materno Infantile Età Evolutiva e Famiglia dell Asl 14. In un lo spessore culturale del made in Italy : Titti, Lillo, lo sciatore Giorgio Rocca, Tomas De Gaspari degli Zero Assoluto e un vecchia conoscenza dell azzardo: Pupo. Montepremi finale ,00 euro consegnati alla Protezione Civile. A Sanremo stesso copione: a margine dell European poker tour evento mondiale di primissimo piano per i giocatori di poker - è andato in scena un evento collaterale di beneficenza con la partecipazione di personaggi dello sport e della Tv. Gigi Buffon, giocatore d azzardo pentito, ha sponsorizzato un sito di poker on line per sostenere un progetto a favore dei bambini argentini: all evento erano presenti Giorgio Panariello, Paolo Brosio, i ciclisti Michele Bartoli e Alessandro Petacchi, secondo il consolidato sodalizio sport-tv. Non è un caso che molti siti di poker on line non parlino più di azzardo ma di poker sportivo, un cambio di mentalità veicolato anche attraverso le maratone di solidarietà. Eppure secondo la Consulta Nazionale delle Fondazioni Antiusura, il gioco non vale la candela. Non solo si rischia di favorire l indebitamento delle famiglie, ma si sottraggono risorse ai consumi, quindi alla produzione, quindi alla tassazione, producendo minori entrate per l erario. Di quei 55 miliardi annui che, secondo le stime, gli italiani spenderanno, al netto delle spese di gestione, solo 7 miliardi finiranno nelle casse dello Stato. Se invece i nostri concittadini spendessero la stessa cifra nell acquisto di beni e servizi, metterebbero in moto un ciclo virtuoso dal quale lo stato ricaverebbe tra Irpef e Irap almeno 40 miliardi di euro. Daniela Palumbo clima partecipato, ma in modo quasi confidenziale, la dott.ssa Ciampalini con il suo modo semplice e diretto ha fatto una prima descrizione dei Diritti del Fanciullo per poi soffermarsi sull importanza del gioco per la costruzione dell identità, della personalità, delle potenzialità, del futuro del bambino. Chi si vuole bene gioca dice la relatrice; il gioco ha la grande capacità di permettere la rappresentazione di tanti mondi possibili da costruire, distruggere e ricostruire sperimentando la relazione con il mondo in cui si vive: Il gioco rende magico, possibile l incontro con il mondo. Nelle regole del gioco si imparano le regole della vita, per questo c è bisogno che vicino al bambino che gioca in alcuni momenti ci sia un adulto, che lo guidi in quest esperienza facendo squadra. Ruolo dell adulto è quello di mediatore, che insegna, giocando, ad affrontare i conflitti e le paure che fanno parte di ogni uomo. Non solo quindi consigli pratici, che chi ha assistito al convegno magari ha subito messo in pratica a casa con i bambini, ma anche possibilità di usare questi spunti di riflessione per creare altri momenti di incontro con i propri figli. Un occasione davvero preziosa per i genitori di Chioggia. Valeria Tiozzo

8 8 incontra Calendario delle attività pastorali diocesane Nel mese di dicembre 2009 Giovedì 3: ore 20.30, in Seminario, Lezione Scuola di formazione teologica (Boscolo A.); ore 21, Preghiera vocazionale a Chioggia (san Francesco), a Ca Tiepolo, a Pellestrina (Santuario). Sabato 5: a sant Anna, Ritiro Spirituale Religiose Tempi forti. Lunedì 7: ore 18, a Brondolo, Ammissione di Simone Doria tra i candidati all Ordine sacro. Martedì 8: ore 15, a Boccasette, Ammissione di Yacopo Tugnolo tra i candidati all Ordine sacro. Giovedì 10: a S. Anna, Assemblea Apostolato della Preghiera 1a giornata; ore 20.30, in Seminario, Lezione aperta Scuola formazione teologica. Venerdì 11: a s. Anna, Assemblea Apostolato della Preghiera 2a giornata. Sabato 12: Masci Arrivo luce di Betlemme; Giovani AC uscita di Avvento. Domenica 13: ore 10, a s. Anna, Incontro del Vescovo con operatori sociopolitici-amministrativi. Martedì 15: ore 20.30, in Seminario, Lezione Scuola formazione teologica (Tosello); ore incontro della Caritas vicariale di Ca Venier. Mercoledì 16: ore 21, in Seminario, Preparazione esperienza OPSA. Giovedì 17: ore 9, a s. Anna, Ritiro spirituale del clero; ore 19.30, in Centro Parrocchiale della Cattedrale, Giovedì d ACì; ore 20.30, in Seminario, Lezione Scuola formazione teologica (Boscolo A.). Venerdì 18: ore 20.45, a s. Giusto-Donada, Il Vescovo incontra i giovani: Maria e il suo sì. Domenica 20: dalle 10 alle 19, a Chioggia, Masci Natale in piazza. Lunedì 21: ore 21, chiesa s. Francesco, Masci - Rosario della pace e consegna della luce di Betlemme a tutti. Martedì 22: ore 21, chiesa di s. Giacomo, Agesci e Masci Veglia di Natale attorno alla luce di Betlemme. Reperibili presso la sede Caritas (calle Seminario 740, tel ) Sussidi per l Avvento Nelle foto due dei sussidi proposti e già distribuiti dalla Caritas per accompagnare bambini e famiglie in un Avvento di fraternità. Fascicoli, cassettine, manifesti ed altro materiale sono reperibili ancora presso la sede diocesana.

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti Il Centro di ascolto della Caritas diocesana è il luogo privilegiato (perché consegnato dalla tradizione e confermato dall esperienza) in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito del

Dettagli

Progetto di Credito Solidale

Progetto di Credito Solidale Progetto di Credito Solidale Fondo Fiducia e Solidarietà Prestiti a persone e famiglie in difficoltà economica temporanea e straordinaria Promosso da Caritas diocesana di Andria Ufficio diocesano per la

Dettagli

La povertà letta dalla Caritas a Livorno

La povertà letta dalla Caritas a Livorno La povertà letta dalla Caritas a Livorno I semestre 2015 Dati raccolti dalla rete di Centri di Ascolto Caritas A cura di Osservatorio Diocesano delle Povertà e delle Risorse POVERTA' ALIMENTARE Area/centro

Dettagli

Centro di Ascolto. "St'Oria Nuova" - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO

Centro di Ascolto. St'Oria Nuova - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO Centro di Ascolto? 1 IL CENTRO DI ASCOLTO fa dell'ascolto il suo MODO PROPRIO di SERVIZIO Ascoltare non è udire (atto puramente fisico e involontario) L ascolto implica la volontà, l atteggiamento di accoglienza,

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Da dove siamo partiti La Diocesi e la Caritas hanno cercato sempre più di configurarsi come

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario Fondo Famiglia L intenzione progettuale Il Fondo Famiglia è un progetto socio-pastorale della Diocesi di Roma affidato per la gestione, l amministrazione ed il coordinamento operativo alla Caritas diocesana

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 Allegato A Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 1. Premessa Con la D.g.r. 2513 del 17/10/2014 si è data una prima attuazione alla legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE Il 2012 è stato un anno in cui abbiamo registrato una situazione sostanzialmente immutata nelle richieste di aiuto e nelle erogazioni di servizi. Diversi fenomeni

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Regolamento del Fondo Famiglie Solidali. INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro.

Regolamento del Fondo Famiglie Solidali. INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro. Regolamento del Fondo Famiglie Solidali INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro. La situazione di crisi economica conseguente alla grave crisi

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE L associazione Fabbrica dei Sogni si può definire come il punto di arrivo di un percorso iniziato nell anno 2000 all interno della Comunità del Centro giovanile S. Giorgio di Bergamo,

Dettagli

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande!

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! anima l estate con ANIMAGIOVANE e ALTRESÌ NON SOLO CENTRI... Dopo vari anni di sperimentazioni, nel 2004 nasce ANIMAGIOVANE,

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria 2008 2009 2010 Decreti Affidi servizio sociale 172 210 195 Inserimenti in comunità 49 (+15 madri) 33 (+12 madri)

Dettagli

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002)

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002) L Affidamento etero familiare inteso come risposta qualificata a garantire il diritto di tanti bambini e ragazzi ad avere una famiglia, in grado anche temporaneamente di aiutarli a crescere ha costituito

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008. martedì 24 giugno UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA

Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008. martedì 24 giugno UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008 martedì 24 giugno OPERARE PER I BENI COMUNI: alleanze per una terra futura UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA L A S S E

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2013-2014

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2013-2014 COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2013-2014 Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio. Bisogna custodire la gente, aver cura di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini,

Dettagli

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Bologna, 21 maggio 2010 premessa: la popolazione sotto il livello di povertà L'ISTAT conduce annualmente una analisi delle condizioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Gennaio 2014 Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Diamo qui una descrizione sintetica del progetto,

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

RELAZIONE DI BILANCIO ATTIVITA ANNO 2013

RELAZIONE DI BILANCIO ATTIVITA ANNO 2013 O.N.L.U.S. RELAZIONE DI BILANCIO ATTIVITA ANNO 2013 L anno 2013 è stato molto impegnativo per l Associazione Fondo Vivere, a causa della generale crisi economica che ha colpito il paese e delle crescenti

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Assemblea coordinamento donne Cesena

Assemblea coordinamento donne Cesena Cesena 11-12-2014 Assemblea coordinamento donne Cesena Il motivo per cui oggi ci troviamo qui è legato al fatto che le donne pensionate della CGIL stanno preparando l assemblea Regionale, poi nel 2015

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

BENVENUTI A CENA CON LE AZIENDE

BENVENUTI A CENA CON LE AZIENDE Parrocchia di S. Giuliana in collaborazione con Mercoledì 13 07 2011 BENVENUTI all'appuntamento con... A CENA CON LE AZIENDE RELAZIONE ANNUALE Un altro anno è passato, dall'ultimo appuntamento dello scorso

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

per una legge regionale sul reddito minimo garantito

per una legge regionale sul reddito minimo garantito per una legge regionale sul reddito minimo garantito YES WE CASH! PER UNA LEGGE REGIONALE SUL REDDITO MINIMO GARANTITO Gli effetti della crisi, sempre più devastanti, sono ormai una realtà per tutti noi;

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

1300 PERSONE 60% 30% nello scorso anno hanno chiesto consulenza al servizio Consulenza Debitori Caritas. le cause di questi indebitamenti sono

1300 PERSONE 60% 30% nello scorso anno hanno chiesto consulenza al servizio Consulenza Debitori Caritas. le cause di questi indebitamenti sono Devi affrontare un sovraindebitamento crescente? Non sai più cosa fare? non vergognarti a chiedere aiuto! 1300 PERSONE 60% nello scorso anno hanno chiesto consulenza al servizio Consulenza Debitori Caritas

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 L Inventafiabe Scuola dell Infanzia Scuola Primaria ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE area 3 Vantaggiato Marilena CONTINUITA PERCHE?

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB Povertà rilevate dai centri di ascolto parrocchiali aderenti al progetto "Centri di ascolto in rete" nell anno 2013 In ascolto per costruire comunità La

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT Pag.1 Pag.2 Sommario COS È IL SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE SAAT... 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO... 3 I SERVIZI OFFERTI...

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE Dialogos - Voci di solidarietà : i vincitori del 2006 Monte Paschi Asset Management Sgr, la società di gestione del risparmio del Gruppo MPS, ha scelto di intraprendere

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Caritas Diocesana. Cosa è il centro di Ascolto e come si organizza. Corso di Formazione per Operatori CdA Caritas

Caritas Diocesana. Cosa è il centro di Ascolto e come si organizza. Corso di Formazione per Operatori CdA Caritas Caritas Diocesana Cosa è il centro di Ascolto e come si organizza Corso di Formazione per Operatori CdA Caritas Che cosa è il centro di ascolto? Il C.d.A. è lo strumento che la Caritas si dà per ascoltare

Dettagli

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata:

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Predisposto da Don Pierluigi Vignola e Patrizio Pinnarò Introduzione Il turismo religioso in Regione

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

UFE Utenti Familiari Esperti

UFE Utenti Familiari Esperti XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Empowerment della persona come strategia di promozione della salute nei luoghi di cura, nell integrazione socio-sanitaria e nella comunità UFE Utenti Familiari

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE

MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE PROGETTARE COOPERANDO La corresponsabilità della Famiglia oggi: una risorsa per il futuro della società Filomena

Dettagli