Iniziamo il tempo di Avvento con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziamo il tempo di Avvento con"

Transcript

1 A cura dell Ufficio per il Coordinamento della pastorale della diocesi di Chioggia. Inserto di Nuova Scintilla del 29 novembre 2009 Editoriale Natale senza crisi Iniziamo il tempo di Avvento con l ormai tradizionale inserto curato dalla Caritas Diocesana nel quale non ci occuperemo questa volta delle iniziative e delle varie occasioni di solidarietà che nelle parrocchie LEGGERE LA REALTÀ POVERTÀ E CRISI 2 CENTRI DI ASCOLTO IN DIOCESI VALIDE OPPORTUNITÀ 3 POLITICHE PER I LAVORATORI RIQUALIFICAZIONE 4 INCLUSIONE SOCIALE PER DETENUTI SECONDA STELLA... 5 CONSULTORIO FAMILIARE DENTRO LE STORIE DELLE FAMIGLIE 6 UN GIOCO D AZZARDO ETICO? INUTILE E DANNOSO 7 DIRITTI DELL INFANZIA BAMBINI E GIOCO 7 CALENDARIO E SUSSIDI 8 e nei Comuni della Diocesi si organizzano in questo periodo. Natale è la Festa di tutti, si scambian gli auguri e i regali, si baciano i belli e i brutti recitava una canzone di Pierangelo Bertoli qualche generazione fa. In realtà molte famiglie vivranno questo tempo di Avvento e di Natale con qualche preoccupazione in più rispetto ai Natali precedenti. La crisi, partita come crisi finanziaria, è diventata crisi lavorativa e oggi sta diventando crisi sociale. Anzi, a dire il vero, la crisi sociale riassume in sé tutti i tre aspetti. Questo numero di In.Con.Tra. non centrerà la sua attenzione su balocchi e presepi e non darà indicazioni liturgiche per la Messa di mezzanotte. Più semplicemente e più realisticamente tenterà, con i mezzi e gli strumenti che in questi anni la Caritas si è data, di illustrare cosa si sta facendo in Diocesi per aiutare le persone e le famiglie in difficoltà. Sul tempo della crisi che è tempo di prova ho chiesto a Francesco Marsico, Vicedirettore di Caritas Italiana, un testo introduttivo che, facendo riferimento all ottavo Rapporto Caritas-Zancan sulla povertà in Italia, illustrasse i dati raccolti e i risultati emersi. Nella seconda parte, che riporta il titolo Le forme della Solidarietà, saranno brevemente illustrate le azioni poste in essere dalla Caritas Diocesana nel territorio: in primis il Microcredito, il Fondo di Solidarietà e ultimamente l inizio di strutturazione del Fondo antiusura, attraverso l apertura dei Centri di Ascolto. Gli articoli sono rispettivamente dei volontari di Chioggia e Porto Viro. Alla dott.ssa Silvia Bassan, presidente della Cooperativa Titoli Paralleli (altro soggetto del sistema Caritas ), abbiamo chiesto di illustrarci una particolare forma di aiuto alle persone e alle famiglie che vivono il problema della fuoriuscita di un loro componente familiare dal lavoro. Nel tempo di assenza di lavoro è possibile inserirsi in corsi di formazione professionale per acquisire competenze e avere più opportunità al ritorno lavorativo. Uno degli aspetti che in questi ultimi anni hanno interessato la Caritas è stata la situazione di persone che, uscite dal carcere, si sono ritrovate a reinserirsi in un territorio per molti aspetti impreparato a questo tipo di accoglienza. Grazie ad un contributo derivato dall otto per mille nazionale, la Caritas Diocesana di Chioggia inizierà in collaborazione con l Uepe (Ufficio Esecuzione Penale Esterna) un progetto di reinserimento: l articolo è di Massimo Guglielmo che ha preparato il progetto e che proviene come formazione dal volontariato carcerario. Al nostro Consultorio Familiare Diocesano è stato poi chiesto di relazionare sui primi mesi di attività e di aiutarci a capire quali sono state le problematiche affrontate: vedremo come anche il lavoro consultoriale coglie questo tempo di crisi economica e sociale. Infine una riflessione sulla pericolosa china del gioco d azzardo camuffato di solidarietà e un esperienza, invece, sul diritto al gioco promossa dalla cooperativa Titoli Minori in occasione del 20 anniversario della Convenzione sui diritti dell Infanzia. In conclusione - insieme al consueto Calendario diocesano - un cenno al Materiale di Avvento che è stato messo a disposizione dei parroci. Forse è già abbastanza. don Marino Callegari

2 2 Leggere la realtà guardandosi attorno Povertà e tempo di crisi incontra Capire effettivamente a che punto è la crisi economica nel nostro paese non risulta facile. Ovviamente il superamento dei rischi connessi alla componente finanziaria della crisi ha reso possibile tirare, almeno parzialmente, un sospiro di sollievo. Le banche italiane sembrano avere superato i rischi maggiori e ovviamente la comunicazione ufficiale enfatizza alcuni segnali di ripresa, pure timidi, rispetto ad un aumento di alcune tipologie di consumi. Ma per avere una sensazione realistica non si possono guardare solo i dati statistici: la crisi va letta girando per le vie del nostro paese, guardando dentro gli esercizi commerciali, per le strade dei distretti industriali, ascoltando le speranze e i timori degli imprenditori e delle famiglie. Ogni territorio sta vivendo questa crisi in forme diverse, a partire dalle difficoltà relative alla propria vocazione produttiva specifica. Inoltre, a causa di un sistema di ammortizzatori e di protezione sociale di tipo categoriale, che produce rilevanti iniquità, pur in presenza dello stesso rischio di perdita del lavoro, si delinea un panorama di situazioni personali fortemente differenziato. La cassa integrazione che è strumento di sostegno alle imprese e solo indirettamente ammortizzatore sociale è garantita solo ad una parte dei nostri lavoratori. Stesso discorso si può fare sul sussidio di disoccupazione, che non tutela in maniera uniforme i percorsi professionali ed è comunque uno strumento con un limite temporale di erogazione. L assenza di forme di reddito garantito o minimo nel nostro paese, a differenza della stragrande maggioranza dei paesi dell Unione europea, fa sì che un lavoratore - non solo precario possa precipitare da una situazione di stabilità lavorativa alla totale assenza di reddito, senza che forme di sostegno possano intervenire in suo soccorso. La crisi, in questo senso, non produce nuovi poveri ma mostra come il nostro sistema di welfare sia iniquo, incompleto e inefficace. Le misure messe in campo dal Governo nella scorsa legislatura erano anch esse o temporanee (come il bonus famiglia, non rifinanziato per il 2010), o parziali come la Carta acquisti (il cui accesso è limitato con vincoli connessi all età dei destinatari). La prossima finanziaria confermerà solo i bonus energia e la Carta acquisti: molte famiglie italiane dovranno affrontare se sfuggite alle larghe maglie del nostro welfare da sole e a mani nude gli effetti della crisi. La povertà del nostro paese quindi non è mutata a causa della crisi, sta soltanto spingendo più in basso nella scala sociale alcuni e rendendo più fragili le condizioni di vita di altri. I dati Istat inerenti il 2008, riguardanti la povertà relativa, ci segnalano non solo che oltre l 11% delle famiglie italiane sono povere, ma che quasi l 8% è appena sopra a questa soglia. Il nostro paese ha bisogno di politiche sociali adeguate di contrasto alla povertà contestualmente a un diffuso impegno nel contrasto degli effetti della crisi. Il Prestito della Speranza, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana è, in questo senso, un segno certamente non esaustivo che evidenzia la necessità di una responsabilità diffusa che le diocesi e le comunità cristiane a partire dalle proprie risorse si stanno assumendo rafforzando le proprie attività ordinarie o mettendo in campo iniziative nuove. E da qui, riaprire un cammino di riflessione su una economia capace di rispondere ai bisogni dell uomo e che non sia strumento di ineguaglianza e di sfruttamento: l Enciclica Caritas in veritate è un importante stimolo a continuare a cercare, nell opacità di questo tempo, strade inedite di carità e giustizia. Anche la Caritas diocesana di Chioggia con le sue iniziative s inserisce nel lavoro che le Caritas in Italia stanno implementando nel territorio. Ho accennato al Prestito della Speranza ma anche alle varie forme di Microcredito e di Fondi di Solidarietà che sono presenti nelle proposte di molte Caritas. Francesco Marsico Vice direttore di Caritas italiana (nella foto)

3 incontra 3 Il Centro di ascolto vicariale a Chioggia e il Microcredito Opportunità importanti! L esperienza di Porto Viro Per le famiglie Numerose sono state le persone e le famiglie che in queste ultime settimane si sono presentate al Centro di Ascolto della Caritas Diocesana presso le opere parrocchiali di Scalon a Porto Viro. Il Centro collabora con la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo ad un progetto denominato Fondo straordinario di solidarietà, volto a sostenere le famiglie residenti nelle province di Padova e Rovigo che, a causa dell attuale congiuntura, si trovano in una situazione di difficoltà dovuta alla mancanza di lavoro. Il fondo è destinato a fornire una concreta risposta in termini economici e di accompagnamento sociale a quelle persone che non sono in grado di mantenere dignitosamente se stessi e al propria famiglia e non risultino protetti, o non lo siano sufficientemente, da tutele sociali o forme di assistenza pubblica. I volontari della Caritas sono entrati in contatto con le realtà più disparate. Molte le donne separate o divorziate con un figlio che, licenziate, hanno perso l unica fonte di sostentamento; infatti l ex marito o convivente di rado collabora al mantenimento del minore; si appoggiano ai genitori anziani che spesso percepiscono pensioni irrisorie. Sono le persone più provate e scoraggiate, convinte che sarà molto difficile un loro inserimento Da alcuni mesi la Caritas diocesana ha avviato un Centro di Ascolto a Chioggia, in Calle Cesare Battisti. Il Centro di ascolto è uno strumento di accoglienza e di accompagnamento per le persone che vivono uno stato di disagio. Chi ascolta e chi viene ascoltato, ciascuno con il proprio ruolo, sono coinvolti in un progetto per cercare insieme le soluzioni più adeguate e lenire il disagio espresso da chi ha bisogno di aiuto. Il Centro si prende carico delle storie di sofferenza, orientando verso una rilettura delle reali esigenze, fornendo - se possibile - una prima risposta alle necessità più urgenti, accompagnando nelle difficoltà chi non sa trovare punti di riferimento. L ascolto delle persone è il cuore della relazione ed è anche il primo passo per entrare in contatto con il territorio nella realizzazione di reti solidali pubbliche e private. All interno del Centro di Ascolto opera anche un servizio di microcredito, attraverso il quale si offre l opportunità di piccoli crediti finanziari a persone e famiglie che, essendo prive di sufficienti garanzie, si trovano momentaneamente in situazioni precarie oppure hanno intenzione di sviluppare un attività lavorativa autonoma. La connessione tra Centro di Ascolto e microcredito è quanto mai opportuna per meglio analizzare le situazioni critiche e per dare credibilità e fiducia alle persone superando la logica bancaria del profitto economico. Gli operatori del Centro hanno effettuato un percorso formativo mirato a sapere sviluppare relazioni e cogliere le complessità che spesso si nascondono nelle richieste di aiuto. La capacità di entrare in rapporto con le necessità delle persone, nella loro integralità, si sviluppa attraverso l esperienza diretta; certamente ciò richiede tempo e passione, oltre che competenze. Ma l essere volontari permette di anteporre alla richiesta di aiuto la persona stessa, ed è proprio in questo che consiste l originalità del servizio offerto dal Centro di Ascolto: dare voce a individui concreti, protagonisti di una specifica storia intrisa di aspirazioni, delusioni, sofferenze, e speranze. Bruno Perini e Lucia Bellemo nel mondo del lavoro, in una realtà come quelle bassopolesana che offre scarsissime possibilità alle donne e comunque sempre in un contesto precario: addette alle pulizie, cameriere nei fine settimana, bariste durante la stagione estiva presso le strutture alberghiere di Rosolina Mare e Albarella. In tutto il Delta si sente la crisi del settore tessile che ha portato in poco tempo alla chiusura quasi totale dei laboratori artigianali. Poco rassicurante è anche la situazione in quelle famiglie monoreddito dove il capofamiglia, che ha perso il lavoro, ha un età matura e i figli sono ancora minorenni. Sono convinti che il mercato del lavoro punterà in futuro soprattutto sui giovani e anche se provvisti di competenze e professionalità si sentono emarginati e frustrati; sarebbero disposti a qualsiasi sacrificio pur di vedere i propri figli terminare gli studi: questa è l ossessione di tutti i genitori coinvolti in questa situazione. Le coppie giovani e senza reddito sono costrette a chiedere aiuto ad amici e parenti per pagare bollette e affitti; chiedono alla Caritas di intercedere presso i Comuni interessati, perché siano sospese in questo momento di difficoltà le imposte locali. Rattrista il fatto che non si parli di mettere al mondo figli; fra loro anche diplomati e laureati pronti a trasferirsi in realtà più forti economicamente. Pochissimi gli extracomunitari che si sono presentati al Centro per chiedere l accesso al Fondo. Una situazione quindi da monitorare continuamente per non perdere la percezione di una realtà che le persone vivono quotidianamente e dalla quale siamo interpellati come cittadini e come credenti. Antonio Marangon

4 4 Proposte dalla Regione Veneto: politiche attive per i lavoratori incontra Riqualificazione e reimpiego Con la DGR 1757 del 16/06/2009 la Regione Veneto dà l avvio al progetto Interventi di politica attiva per il reinserimento, la riqualificazione, il reimpiego dei lavoratori del sistema produttivo colpito dalla crisi economica, inserito nel più ampio programma Obiettivo Competitività regionale e occupazionale del Fondo Sociale Europeo. Si tratta di un insieme di attività di orientamento e formazione (politica attiva) destinate alla persone che usufruiscono della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (politica passiva) per aiutarle a trovare una nuova occupazione o per rientrare nel proprio posto di lavoro con maggiori competenze soprattutto nell ambito dei diritti dei lavoratori, sicurezza, comunicazione. Il Fondo Sociale Europeo, lo Stato Italiano e la Regione Veneto intendono, con queste misure, non solo tutelare un reddito minino ai dipendenti colpiti dalla crisi economica, ma anche offrire loro gli strumenti di crescita personale a difesa della propria occupabilità. A rendere possibile la realizzazione delle politiche attive per il lavoro ci pensano gli organismi di formazione accreditati dalla Regione. Nei territori di Chioggia e Cavarzere tra gli altri, segnaliamo Irecoop Veneto che attraverso un suo partner il C.C.S. Consorzio Cooperative Sociale ha coinvolto la cooperativa sociale Titoli Minori di Chioggia e la cooperativa Emmanuel di Cavarzere nelle operazioni di concreta erogazione del servizio. In particolare le due cooperative hanno messo a disposizione alcuni locali delle loro sedi operative perché possano essere i luoghi dei colloqui di orientamento, dei percorsi formativi di gruppo e delle attività individuali rivolti ai lavoratori con particolari esigenze. Le cooperative inoltre hanno collaborato con Irecoop e C.C.S. nell individuazione sul territorio delle figure professionali da coinvolgere su questo progetto; tenendo presenti le competenze necessarie e cioè disponibilità all ascolto, capacità di analizzare le situazioni e i bisogni, buona conoscenza degli strumenti informatici predisposti dalla Regione Veneto, Titoli Minori ed Emmanuel hanno saputo individuare un équipe di lavoro operante sia su Chioggia che su Cavarzere in grado di gestire nei modi e nei tempi adeguati l elevato numero di richieste (sono più di cento infatti le persone in CIGS nei due comuni inviate dalla Regione Veneto a Irecoop Veneto). Silvia Bassan Per i Vicariati di Loreo e Porto Tolle: CENTRO DI ASCOLTO per Microcredito e Fondo di Solidarietà: Ogni Lunedì presso la Parrocchia di Scalon dalle 17,00 alle 19,00. Per i Vicariati di Chioggia, Pellestrina, Sottomarina e Cavarzere: CENTRO DI ASCOLTO (e Microcredito): A Chioggia, Via Cesare Battisti, 289 (ex consultorio): Mercoledì ore 9,30 11,30; Venerdì 15,00 17,00.

5 incontra 5 Progetto di inclusione sociale per detenuti che risiedono nel territorio in cui opera la Caritas di Chioggia Seconda stella a destra La Caritas Diocesana di Chioggia ha presentato, in occasione della progettualità dell otto per mille annualità 2009, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Titoli Paralleli di Adria (Ro), un progetto rivolto a persone residenti in misura restrittiva nella diocesi di Chioggia. Seconda stella a destra è un progetto di inclusione sociale rivolto alle persone detenute del territorio della Caritas di Chioggia, recluse nelle carceri venete in particolar modo negli Istituti di pena di Venezia e Rovigo. L idea nasce dal tentativo di dare una reale risposta alle numerose richieste pervenute alla Caritas diocesana, in particolar modo dall Uepe (Ufficio di Esecuzione penale esterna) di Venezia. Il progetto si prefigge di sviluppare percorsi di reinserimento sociale favorendo la ricollocazione lavorativa come strumento di integrazione nel territorio di appartenenza, creando percorsi alternativi al carcere di autonomia e recupero attraverso attività occupazionali. Formazione, lavoro e reinserimento sono le specificità che il progetto si pone come obbiettivo. Se da una parte il tentativo sarà quello di creare tavoli di confronto con le associazioni di categoria e con le agenzie territoriali che si occupano di inserimento lavorativo, dall altra con la collaborazione fattiva della cooperativa Titoli Paralleli si cercherà di creare vere e proprie opportunità di formazione al lavoro in tre ambiti specifici: la conduzione di un bar, attività di pulizia e attività di assemblaggio. La Cooperativa infatti per la progettualità mette a disposizione non solo i contenitori lavorativi che già ha in essere ma anche competenze specifiche maturate e specializzate negli ultimi cinque anni di vita. Naturalmente il progetto prevede il continuo confronto con gli uffici competenti del Ministero di grazia e giustizia. Non è certo fuori luogo occuparsi di detenzione in un territorio che di fatto non accoglie Istituti di Pena, considerando che in ogni caso persone attualmente detenute che afferiscono al nostro territorio a fine pena dovranno riconfrontarsi con la nostra realtà, una realtà che, oggi come non mai, presenta un tessuto sociale e culturale di difficile impatto soprattutto lavorativo. L accompagnamento al reinserimento vuole essere uno strumento di valorizzazione della persona, in ogni caso nel tentativo di farla riappropriare dell identità e dello status che il carcere giorno dopo giorno annienta senza speranze. Attraverso questa progettualità si cercherà anche di sensibilizzare la parte delle imprese, aziende, cooperative, industrie che operano nel nostro territorio e che possono dare una risposta concreta dopo il periodo di formazione svolto dalla cooperativa. Il percorso progettuale diventa garante e propedeutico ad una proposta di lavoro reale che possa dare stabilità e garanzia per il futuro. Massimo Guglielmo

6 6 incontra Notizie dal Consultorio diocesano Essere dentro le storie delle famiglie Da circa sei mesi il Consultorio Diocesano ha ripreso con regolarità l attività di sportello con la presenza stabile di un operatore e di una équipe che ha permesso anche l autorizzazione alla consulenza da parte dell Ente pubblico (in questo caso l Aulss). Cosa è emerso di significativo in questo primo spazio di tempo? Possiamo dire che anche il Consultorio in un certo senso si è scontrato con la crisi, perché ha di fatto intercettato situazioni familiari che avevano sullo sfondo non solo una crisi di coppia e/o di relazione, ma anche di mancanza di lavoro, di povertà economica, di poca progettualità per il futuro. Possiamo suddividere i casi ascoltati e le problematiche affrontate su tre sfondi. 1. Una sofferenza psicologica e relazionale. Sono questi i casi, inviati dai parroci (pochi) e da altri enti pubblici, che chiedono di essere ascoltati riguardo incomprensioni e conflitti che avvengono all interno del nucleo familiare. È una sofferenza che riguarda le prime difficoltà della vita matrimoniale affrontata forse con troppa fretta e superficialità. O una sofferenza legata ai figli adolescenti che si vorrebbero avere sempre bambini sono le sofferenze dei distacchi. Queste storie sono legate a contesti familiari non sempre deprivati: sono famiglie normali che affrontano problemi che sentono essere più grandi di loro. 2. Una sofferenza legata ad una situazione di disagio sociale e di emarginazione. Il Consultorio Diocesano ha affrontato casi e situazioni che avevano la loro origine prossima o remota in situazioni e condizioni di povertà e di deprivazione materiale. È una sofferenza dovuta a molteplici fattori scatenanti: la perdita del posto di lavoro in una famiglia monoreddito obbliga il coniuge più debole (in genere la donna) alla ricerca di un lavoro mal pagato e saltuario. La precarietà e l incertezza per il futuro diventano ulteriore motivo di crisi all interno della coppia e con i figli. È in questa particolare dimensione della vita familiare che giungono la richieste di informazioni sulla procedura della separazione e del divorzio. 3. Infine abbiamo le richieste di informativa sulle separazioni da coppie che non sono state interessate da problemi economici ma che arrivano al Consultorio con l idea abbastanza precisa di conclusione della loro esperienza matrimoniale. Come si può notare il soggetto famiglia non è una entità astratta che si rapporta ai servizi (pubblici e privati) del territorio per questioni di principio e di metodo: le famiglie sono attraversate da una crisi non solo spirituale e morale, ma anche materiale di prospettiva e di significato per il futuro. Su questo dovrà pensare e riflettere anche la nostra Chiesa Locale per rendere significativa e professionale la presenza di strumenti come il Consultorio che restano dei punti di riferimento per persone e famiglie in difficoltà. Claudia Caser e Boscolo Giuditta

7 incontra 7 Quando il gioco finge di essere etico : il poker on line per l Abruzzo... Solo indebitamenti inutili! Cifre da capogiro, che possono cambiare la vita. Il sogno del pensionato, del cassaintegrato, del precario, del disoccupato: vincere al gioco d azzardo e diventare ricco. Non è solo lecito sperarlo, dato che l immaginario collettivo è continuamente alimentato da un apparato pubblicitario nel quale la sfortuna di una vita può improvvisamente finire. Il governo, con una norma contenuta nel decreto per la ricostruzione in Abruzzo, incentiva il poker on line autorizzando la formula veloce di scommesse senza limiti. Per conquistare i gonzi nuovi adepti dell azzardo etico si moltiplicano le iniziative che vedono protagonisti personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport. Nel maggio scorso La7 ha trasmesso il torneo televisivo con dei bei personaggi che esemplificano tutto 20 anni dalla Convenzione sui Diritti dell Infanzia Bambini e...gioco Il 20 novembre in occasione del 20 anniversario della Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia la cooperativa Titoli Minori, da dieci anni vicina e attenta ai bisogni ed esigenze dei minori, ha organizzato per la cittadinanza e i bambini l iniziativa Diritti a giocare. La giornata rappresenta un appuntamento importante e sentito dalla cooperativa che da tre anni organizza in tale data eventi di sensibilizzazione e valorizzazione del mondo dei più piccoli. Gli anni scorsi sono stati realizzati esibizioni e spettacoli di canto e ballo dove i grandi protagonisti erano i bambini, quest anno l iniziativa è stata duplice: un momento di gioco per i bambini della città, in cui educatori professionali hanno promosso il diritto al gioco proponendo gare e giochi di gruppo per bambini e un momento dedicato ai genitori sul tema del gioco con i propri figli, relatrice d eccellenza la dott.ssa Lorella Ciampalini, direttore dell U.O Materno Infantile Età Evolutiva e Famiglia dell Asl 14. In un lo spessore culturale del made in Italy : Titti, Lillo, lo sciatore Giorgio Rocca, Tomas De Gaspari degli Zero Assoluto e un vecchia conoscenza dell azzardo: Pupo. Montepremi finale ,00 euro consegnati alla Protezione Civile. A Sanremo stesso copione: a margine dell European poker tour evento mondiale di primissimo piano per i giocatori di poker - è andato in scena un evento collaterale di beneficenza con la partecipazione di personaggi dello sport e della Tv. Gigi Buffon, giocatore d azzardo pentito, ha sponsorizzato un sito di poker on line per sostenere un progetto a favore dei bambini argentini: all evento erano presenti Giorgio Panariello, Paolo Brosio, i ciclisti Michele Bartoli e Alessandro Petacchi, secondo il consolidato sodalizio sport-tv. Non è un caso che molti siti di poker on line non parlino più di azzardo ma di poker sportivo, un cambio di mentalità veicolato anche attraverso le maratone di solidarietà. Eppure secondo la Consulta Nazionale delle Fondazioni Antiusura, il gioco non vale la candela. Non solo si rischia di favorire l indebitamento delle famiglie, ma si sottraggono risorse ai consumi, quindi alla produzione, quindi alla tassazione, producendo minori entrate per l erario. Di quei 55 miliardi annui che, secondo le stime, gli italiani spenderanno, al netto delle spese di gestione, solo 7 miliardi finiranno nelle casse dello Stato. Se invece i nostri concittadini spendessero la stessa cifra nell acquisto di beni e servizi, metterebbero in moto un ciclo virtuoso dal quale lo stato ricaverebbe tra Irpef e Irap almeno 40 miliardi di euro. Daniela Palumbo clima partecipato, ma in modo quasi confidenziale, la dott.ssa Ciampalini con il suo modo semplice e diretto ha fatto una prima descrizione dei Diritti del Fanciullo per poi soffermarsi sull importanza del gioco per la costruzione dell identità, della personalità, delle potenzialità, del futuro del bambino. Chi si vuole bene gioca dice la relatrice; il gioco ha la grande capacità di permettere la rappresentazione di tanti mondi possibili da costruire, distruggere e ricostruire sperimentando la relazione con il mondo in cui si vive: Il gioco rende magico, possibile l incontro con il mondo. Nelle regole del gioco si imparano le regole della vita, per questo c è bisogno che vicino al bambino che gioca in alcuni momenti ci sia un adulto, che lo guidi in quest esperienza facendo squadra. Ruolo dell adulto è quello di mediatore, che insegna, giocando, ad affrontare i conflitti e le paure che fanno parte di ogni uomo. Non solo quindi consigli pratici, che chi ha assistito al convegno magari ha subito messo in pratica a casa con i bambini, ma anche possibilità di usare questi spunti di riflessione per creare altri momenti di incontro con i propri figli. Un occasione davvero preziosa per i genitori di Chioggia. Valeria Tiozzo

8 8 incontra Calendario delle attività pastorali diocesane Nel mese di dicembre 2009 Giovedì 3: ore 20.30, in Seminario, Lezione Scuola di formazione teologica (Boscolo A.); ore 21, Preghiera vocazionale a Chioggia (san Francesco), a Ca Tiepolo, a Pellestrina (Santuario). Sabato 5: a sant Anna, Ritiro Spirituale Religiose Tempi forti. Lunedì 7: ore 18, a Brondolo, Ammissione di Simone Doria tra i candidati all Ordine sacro. Martedì 8: ore 15, a Boccasette, Ammissione di Yacopo Tugnolo tra i candidati all Ordine sacro. Giovedì 10: a S. Anna, Assemblea Apostolato della Preghiera 1a giornata; ore 20.30, in Seminario, Lezione aperta Scuola formazione teologica. Venerdì 11: a s. Anna, Assemblea Apostolato della Preghiera 2a giornata. Sabato 12: Masci Arrivo luce di Betlemme; Giovani AC uscita di Avvento. Domenica 13: ore 10, a s. Anna, Incontro del Vescovo con operatori sociopolitici-amministrativi. Martedì 15: ore 20.30, in Seminario, Lezione Scuola formazione teologica (Tosello); ore incontro della Caritas vicariale di Ca Venier. Mercoledì 16: ore 21, in Seminario, Preparazione esperienza OPSA. Giovedì 17: ore 9, a s. Anna, Ritiro spirituale del clero; ore 19.30, in Centro Parrocchiale della Cattedrale, Giovedì d ACì; ore 20.30, in Seminario, Lezione Scuola formazione teologica (Boscolo A.). Venerdì 18: ore 20.45, a s. Giusto-Donada, Il Vescovo incontra i giovani: Maria e il suo sì. Domenica 20: dalle 10 alle 19, a Chioggia, Masci Natale in piazza. Lunedì 21: ore 21, chiesa s. Francesco, Masci - Rosario della pace e consegna della luce di Betlemme a tutti. Martedì 22: ore 21, chiesa di s. Giacomo, Agesci e Masci Veglia di Natale attorno alla luce di Betlemme. Reperibili presso la sede Caritas (calle Seminario 740, tel ) Sussidi per l Avvento Nelle foto due dei sussidi proposti e già distribuiti dalla Caritas per accompagnare bambini e famiglie in un Avvento di fraternità. Fascicoli, cassettine, manifesti ed altro materiale sono reperibili ancora presso la sede diocesana.

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To)

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca Linee di ricerca e progettazione sociale A cura di Tiziana Ciampolini sommario 1. Le attività di ricerca 2. Le conoscenze maturate grazie all attività di ricerca 3. Dalla ricerca alla sperimentazione Tiziana

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli