GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE"

Transcript

1 GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1

2 La logistica aziendale Qualsiasi impresa si pone l obiettivo di essere presente sul mercato da protagonista, in modo dinamico, flessibile, vincente. Per raggiungere questo obiettivo non bastano la produzione o la distribuzione di prodotti di qualità elevata, con caratteristiche migliori di quelle dei concorrenti. In un sistema economico globale, caratterizzato da altissimi livelli di concorrenza e dalla necessità di offrire prodotti sempre nuovi e diversi, l impresa che si impone sul mercato deve sviluppare un rapporto preferenziale col cliente, proponendogli un prodotto di qualità e un servizio che lo rendano consapevole dei vantaggi derivanti dall avere scelto quel bene e quell azienda produttrice. In due parole, deve curare la qualità totale. È pertanto importante che essa disponga di un organizzazione interna razionale per il soddisfacimento delle esigenze del mercato. 3 La logistica aziendale In questa situazione, fattori determinanti di successo sono: la capacità di approvvigionarsi delle materie prime e delle merci necessarie al processo di trasformazione; la possibilità di disporre di un organizzazione logistica e commerciale attraverso la quale collocare sul mercato, nei luoghi e nei tempi richiesti, il prodotto finito o le merci. La logistica aziendale è quella parte della gestione che si occupa di collegare in modo razionale ed efficientele fasi di acquisizionedei fattori della produzione, di svolgimentodel processo di trasformazione tecnico-economica e di distribuzionedel prodotto finito. 4 2

3 La logistica aziendale Secondo l associazione italiana di logistica (AILOG) la logistica rappresenta l insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nelle aziende i flussi dei materiali dall acquisto delle materie presso i fornitori fino alla consegna dei prodotti finiti ai clienti e al servizio post-vendita. Le funzioni della logistica sono pertanto quelle di programmare, gestire e controllare in maniera efficiente ed efficace il flusso dei beni, dei servizi e delle relative informazioni, dal punto di origine fino al punto di consumo. È così possibile soddisfare le richieste della clientela, fornendo un servizio adeguato, ottimizzando le procedure e riducendo i costi. 5 La logistica aziendale comprende: LOGISTICA DI PRODUZIONE (material management) LOGISTICA DI DISTRIBUZIONE (distribution management) Programmazione dell approvvigionamento e delle procedure Gestione delle scorte di prodotti finiti PRODUZIONE Gestione degli acquisti e dei servizi accessori (trasporti, assicurazioni, ecc.) Gestione dei depositi Gestione delle scorte di materie prime, materiali e degli spazi aziendali Gestione degli imballaggi, delle spedizioni ai clienti, dei trasporti 6 3

4 La logistica aziendale La logistica assume oggi un ruolo centrale nella catena produttiva e distributiva aziendale, ponendosi come attività di collegamento tra le altre aree dell impresa. L approvvigionamento, la produzione, il marketing, la distribuzione e la finanza costituiscono infatti diversi passaggi di un unica catena, da fare crescere in modo collegato e complementare al fine di massimizzare l efficienza dell intero sistema. Fino a circa vent anni fa molte aziende non erano dotate di una funzione logistica vera e propria: in alcuni casi essa era concepita come gestione del magazzino, in altri come servizio traffico o trasporti. Da circa quindici anni la logistica ha via via assunto un significato più ampio, fino a diventare la funzione alla quale l impresa affida la realizzazione del valore aggiunto del proprio prodotto: il servizio al cliente. 7 Finalità della logistica SODDISFAZIONE DEI CLIENTI Consegna tempestiva Risposta rapida al cliente Breve tempo di evasione degli ordini Riduzione scorte in eccesso RIDUZIONE DEI COSTI CONTRIBUTO SOCIALE Riduzione scorte Attività a costi bassi Imballaggio semplice Esternalizzazione la reverse logistics logistica inversa o sostenibile è la logistica che cura la gestione dei flussi di ritorno (cioè il recupero e il riciclaggio) di materiali, prodotti finiti o imballaggi. È un settore in grande crescita, anche a seguito dell applicazione di normne internazionali. 8 4

5 Evoluzione della logistica Negli ultimi anni gli scenari nei quali le imprese hanno operato sono mutati in modo radicale, imponendo alle stesse imprese rapidi e continui adattamenti operativi e gestionali. Tra i fattori che hanno determinato l evoluzione della gestione logistica aziendale ricordiamo: il processo di globalizzazione che ha fortemente modificato i flussi delle merci e delle relative reti distributive. Le imprese moderne acquistano dove vogliono, producono dove più conviene, vendono dove è possibile, in tutto il mondo. Controllare e gestire questi flussi è sempre più complesso; le nuove tecnologie informatiche: nel sistema di Internet e dell e-commerce, la comunicazione tra fornitore e cliente presenta costi irrisori ed è immediata. Internet ha modificato la struttura della logistica aziendale, mentre l e-commerce sta modificando i livelli di vita dei consumatori; l evoluzione del concetto di prodotto, che viene inteso oggi in senso più ampio rispetto al tradizionale concetto di bene concreto e tangibile. 9 FINANZA mezzi di pagamento diversi e flessibili PRODUZIONE una gamma vasta e completa di prodotti di qualità LOGISTICA possibilità di ordini minimi con consegna continua LOGISTICA una consegna rapida e certa IL SERVIZIO AL CLIENTE RICHIEDE. LOGISTICA/ INFORMATICA un sistema informativo efficiente LOGISTICA un imballo adeguato, un trasporto sicuro e affidabile LOGISTICA/ COMMERCIALE assistenza nella vendita e nel post vendita 10 5

6 Il magazzino Il magazzino è la parte centrale della logistica aziendale in quanto contribuisce allo svolgimento dei processi decisionali e operativi volti a garantire il puntuale approvvigionamento della struttura produttiva e distributiva, consentendo il continuo rifornimento al mercato di sbocco. Il magazzino svolge la fondamentale funzione di raccordo tra gli acquisti dell impresa e i suoi processi di trasformazione tecnico-economica, garantendo: 1. la continuità del processo produttivo e la tempestività nel soddisfacimento dei bisogni della clientela; 2. la separazione dei processi dell attività aziendale (approvvigionamento, trasformazione tecnico-economica, commercializzazione). 11 Il magazzino Al termine magazzino è possibile associare due significati diversi, strettamente legati tra loro. Il primo fa riferimento alle caratteristiche specifiche e fisiche delle scorte, mentre il secondo evidenzia in particolare il problema della loro gestione. Sotto l aspetto fisico con il termine magazzino si individuano: 1) lescorte (stock) di materie, merci, semilavorati e prodotti finiti presenti nell azienda per essere utilizzati o venduti; 2) le strutture(fabbricati, attrezzature, materiali vari, accessori) e il personalein grado di ricevere, custodire e consegnare le scorte. 12 6

7 Il magazzino Dal secondo punto di vista il magazzino pone all impresa significativi problemi di: a) gestione degli spazi generali (layout aziendale) e specifici (layout di magazzino); b) qualifica e motivazione del personale addetto alla ricezione, allo stoccaggio e all utilizzo delle scorte. Nel termine magazzino si inglobano anche le problematiche gestionali collegate al corretto ed efficiente utilizzo delle scorte. Dette problematiche in un impresa commerciale sono diverse da quelle di un impresa industriale. 13 Il magazzino nelle imprese commerciali Le imprese commerciali non effettuano la trasformazione tecnica delle merci, limitandosi al più a modificarne l aspetto esteriore (imballo, composizioni, ecc.) per la presentazione al cliente. Esse svolgono una trasformazione economica dei beni, attraverso la loro conservazione e distribuzione. Nel magazzino di queste imprese si conservano le merci destinate alla distribuzione e il materiale di consumo (imballaggi, cancelleria, materiale per confezioni, ecc.). Disporre di un magazzino ampio e ben attrezzato per la conservazione delle merci permette all impresa commerciale di gestire con maggior elasticità i rapporti con i fornitori e i clienti, sfruttando ad esempio condizioni favorevoli di acquisto (sconto per quantità) e garantendo una regolare evasione degli ordini. 14 7

8 MAGAZZINO MERCI Merci disponibili per la distribuzione Vendite a clienti OUT IN Acquisti da fornitori Merci rese da clienti IN Merci danneggiate o difettose Merci rese a fornitori OUT 15 Il magazzino nelle imprese industriali Nelle imprese industriali il magazzino ha la funzione di consentire lo svolgimento del processo tecnico-produttivo in modo indipendente dalla gestione degli approvvigionamenti e dalla domanda di mercato. In relazione alle diverse fasi di lavorazione dei beni si distingue tra: 1. il magazzino delle materie prime, sussidiarie e di consumo. Consente all impresa industriale la gestione degli approvvigionamenti in funzione della loro convenienza e opportunità: è pertanto possibile che si effettuino acquisti rilevanti anche in periodi di produzione non elevata;. 2. il magazzino dei semilavorati che si originano durante il processo produttivo; 3. il magazzino dei prodotti finiti. Poiché la consegna rapida al cliente è un fattore di successo determinante per l impresa, essa punta a soddisfare in tempi brevi le richieste del mercato. Il magazzino prodotti finiti svolge un ruolo fondamentale perché consente di mantenere regolari e costanti i processi produttivi, separando i ritmi della produzione dall andamento del mercato. 16 8

9 IN MAGAZZINO MATERIE Materie disponibili per il processo produttivo Acquisto da fornitori Materie utilizzate per la lavorazione Materie rese dalla produzione P R O D U Z I O N E MAGAZZINO PRODOTTI FINITI Carico prodotti finiti Scarico prodotti finiti ai clienti OUT Materie danneggiate o difettose Materie rese a fornitori T E C N I C A Prodotti resi alla produzione Prodotti resi da clienti IN OUT 17 Il magazzino nelle imprese In periodi di calo della domanda, il magazzino costituisce un deposito di prodotti, pronti a essere utilizzati nelle successive fasi di crescita della domanda, durante le quali l impresa non è in grado di produrre una quantità pari a quella richiesta. Questo problema viene sempre più spesso risolto grazie al collegamento informatico tra l impresa e i suoi fornitori e più in generale ricorrendo all outsourcing, cioè trasferendo sulle imprese subfornitrici le problematiche legate alla gestione del magazzino. 18 9

10 Organizzazione e logistica di magazzino Le scelte che il management deve compiere per dotare l impresa di magazzini efficienti e funzionali si possono suddividere in cinque aree di intervento: 1. Utilizzo degli spazi fisici dell azienda 2. Movimentazione in azienda di merci e materiali (material handling) 3. Organizzazione degli spazi di magazzino 4. Conservazione delle scorte 5. Sistema informativo 19 Le scorte di magazzino Il termine scorta (rimanenza o stock) indica la quantità di materie, semilavorati e prodotti finiti presente in magazzino in un determinato momento, pronta a essere utilizzata nel processo produttivo e distributivo. Le scorte sono classificate in base a diversi criteri: per natura (ad esempio merci, materie prime, materie sussidiarie, materie di consumo, componenti, ricambi, semilavorati, prodotti in corso di lavorazione sottoprodotti, prodotti finiti); in base alle caratteristiche fisico/merceologiche (ad esempio scorte solide come rame, tessuti, ingranaggi oppure scorte liquide come olii e combustibile o scorte gassose come gas butano); secondo l utilizzo e la funzione nel processo produttivo

11 Le scorte secondo l utilizzo e la funzione nel processo produttivo In questo caso le scorte si classificano in: Scorta esistente: quantitativo realmente presente in magazzino in un certo momento, rilevato dai programmi di gestione dello stock; Scorta virtuale: scorta esistente aumentata delle quantità ordinate ai fornitori e diminuita di quelle già impegnate per i clienti; Scorta normale: scorta media normalmente in magazzino nel corso dell anno; Scorta massima: scorta da non superare per mantenere l equilibrio tra efficienza produttiva e limitazione dei costi; Scorta minima o di sicurezza: livello di stock al di sotto del quale l impresa rischia il blocco della produzione o della distribuzione in caso, ad esempio di improvvise variazioni di mercato; Scorta speculativa: scorta costituita in particolari situazioni di mercato, quando si originano aspettative circa un rialzo a breve termine del prezzo di acquisto delle materie o delle merci. 21 ESEMPIO: Scorta effettiva e scorta virtuale Un impresa industriale ha in magazzino una scorta del prodotto A di 350 pezzi. Per tale prodotto l impresa ha ricevuto ordinativi da clienti per 130 pezzi ed ha inoltrato ordini al fornitore per 100 pezzi. Determiniamo la scorta effettiva e la scorta virtuale dell impresa. Scorta effettiva (quantità esistente in magazzino) = 350 pezzi Scorta virtuale (quantità esistente in magazzino + quantità ordinata ai fornitori quantità impegnata per i clienti) = ( ) = 320 pezzi 22 11

12 La classificazione delle scorte La gestione delle scorte richiede una precisa classificazione degli articoli e la loro codificazione, affinchè ogni bene venga individuato in modo certo e oggettivo sia all interno che all esterno dell azienda. La classificazione consiste nel frazionamento delle scorte in classi omogenee, per esempio in base all appartenenza a un settore merceologico. La seguente distinzione relativa a un impresa produttrice di macchine per filatura, consente di conoscere la provenienza dei beni (interna o esterna all impresa) e la loro tipologia.... Classe 558: componenti elettrici di acquisto esterno gestiti a magazzino Classe 559: componenti di plastica di acquisto esterno Classe 560: componenti in gomma di acquisto esterno. Classe 600: componenti meccanici di produzione interna Classe 601: componenti idraulici di produzione interna. 23 La codificazione delle scorte La codificazione consiste nell attribuzione a ogni articolo di un nome che può essere un numero o un insieme di lettere e numeri (codice numerico o alfanumerico). Si determina in questo modo una relazione biunivoca tra l articolo e il codice assegnato che rende veloce e certa l identificazione. L attribuzione del codice consente di semplificare le procedure di gestione degli articoli: digitando a terminale il codice del bene oggetto di analisi risulta infatti possibile conoscerne le caratteristiche merceologiche, la movimentazione, i costi o i temnpi di produzione (se di produzione interna), le rimanenze, ecc. La costruzione del codice del prodotto richiede l individuazione di classi, sottoclassi, gruppi e sottogruppi, determinati soprattutto a uso interno. Vediamo, ad esempio, che informazioni fornisce il codice R79G Classe Sottoclasse Gruppo Sottogruppo Progressivo R 79 G Materiale per impianto elettrico Articoli di sicurezza Articoli in plastica Pulsanti per prese elettriche Pulsantiera per quadro salvavita 24 12

13 La logistica integrata e la supply chain L utilità e il senso della logistica sono risultati evidenti soprattutto nel momento i cui lo sviluppo di questa funzione ha varcato i confini dell impresa, ponendosi nella logica della customer satisfactione prendendo in considerazione le inefficienze derivanti dal frazionamento delle attività e degli obiettivi aziendali. Le imprese hanno così progressivamente sviluppato un sistema di logistica integrata, attraverso il quale ricercare la combinazione più razionale tra i settori dell approvvigionamento, dello stoccaggio e dell evasione degli ordini ricevuti dai clienti. Proprio perché punta ad attivare procedure operative per migliorare il servizio al cliente e minimizzare i costi dell impresa, la logistica richiede una profonda integrazione fra le aree aziendali, le cui singole inefficienze ricadono comprensibilmente su tutto il sistema. 25 La logistica integrata e la supply chain Al fine di raggiungere i livelli di organizzazione ed efficienza desiderati, l impresa deve rispettare due passaggi fondamentali: 1. la fase che precede la gestione del magazzino, relativa alla definizione del fabbisogno di merci o di materie prime e al loro approvvigionamento, deve essere svolta in modo specializzato e qualificato, scegliendo materiale di qualità, contenendo i costi e individuando i fornitori più affidabili; 2. le procedure interne di comunicazione e trasmissione dei dati devono essere tempestive e aggiornate. I piani di lavoro di un impresa vanno infatti impostati in tempi adeguati, con considerevole anticipo rispetto alla gestione quotidiana. Il coordinamento tra il magazzino e la produzione consente di evadere gli ordini nei tempi richiesti dal servizio commerciale, mettendo l impresa in condizione di vantaggio sul mercato

14 Supply chain La logistica è dunque un sistema di attività riferito trasversalmente a tutta l impresa, con l obiettivo di un coordinamento delle funzioni aziendali coinvolte nella catena riordinoproduzione-spedizione. Un ulteriore evoluzione di questo concetto è quella della supply chain (SC, anche detta value chain, letteralmente catena di fornitura), ovvero di un ciclo di logistica complessiva che siestende fino ai livelli fornitura-produzione-vendite. A partire dal 1990 le imprese hanno infatti dato vita a reti di fornitura sempre più complesse e articolate, sviluppate su scala globale tra diversi soggetti: i fornitori di beni e di servizi, i produttori, i partner logistici e gestionali. Questi soggetti, totalmente autonomi e separati dal punto di vista giuridico e operativo, agiscono tra di loro in modo integrato e organico al fine di migliorare l ambito gestionale e produttivo, e dunque per ottimizzare il processo di organizzazione, produzione e vendita. 27 Supply chain La supply chain considera l impresa come un anello di un unica catena logistica. Essa rappresenta una rete di entità organizzative connesse, interdipendenti e operanti in modo coordinato con l obiettivo di gestire, controllare e migliorare il flusso dei materiali e informazioni che, partendo dai fornitori e dopo aver attraversato le fasi di approvvigionamento, trasformazione e distribuzione interni nell impresa, raggiungono i clienti finali. Gli attori della supply chain possono essere diversi: la catena di fornitura può infatti limitarsi a coinvolgere i soggetti che più specificamente si occupano della produzione (fornitura di materie prime e semilavorati, produzione in senso stretto, assemblaggio e preparazione del prodotto finito) oppure estendersi fino ai soggetti che seguono e supportano la distribuzione e la vendita (ad esempio le imprese di trasporto, di servizi e quelle commerciali che sviluppano il rapporto di vendita al cliente finale)

15 Esternalizzazione e outsourcing Sul fronte della distribuzione e della vendita, lo sviluppo della supply chain delle imprese moderne può essere considerato un evoluzione della terziarizzazione dei servizi logistici, cioè dell accordo con fornitori esterni per lo svolgimento di alcune fasi del processo logistico aziendale. Con l esternalizzazione della logistica l impresa si avvale di fornitori esterni per la gestione operativa di una o più funzioni, in un modello nel quale l impresa stessa affida agli stessi fornitori -legati da un rapporto di partnership aziendale lo sviluppo di attività significative (stoccaggio, personalizzazione dei prodotti, allestimento di ordini, imballaggio, trasporto, assicurazione ecc.). Lo sviluppo di una significativa rete di esternalizzazione è sostenuto soprattutto nel breve periodo dalla ricerca di riduzione dei costi da parte delle imprese che vi ricorrono. Ma nella logica della supply chain l impresa stessa si muove con la consapevolezza che la soddisfazione delle aspettative della clientela richiederebbe investimenti in competenze e tecnologie spesso onerose e di difficile gestione. 29 Esternalizzazione e outsourcing Accade dunque sempre più frequentemente che intere fasi del processo gestionale aziendale non vengano più concepite come un fattore interno alla singola impresa, ma si estendano all intera catena di fornitura, produzione e distribuzione, coinvolgendo sia i fornitori sia i clienti. In questo senso la supply chain ha ampliato il concetto tradizionale di logistica, non limitandosi a definire le condizioni interne all azienda ma estendendo la rete operativa e ponendo tra le priorità dell impresa l ottimizzazione dei rapporti gestionali con i fornitori e i clienti. In questo modo la catena della fornitura viene ampliata fino a incorporare fasi del processo logistico a monte e a valle della produzione, pur se giuridicamente collocate all esterno dell impresa

16 Impresa estesa e impresa virtuale La catena logistica da ottimizzare è dunque la più vasta possibile, sviluppando in questo modo il concetto di: impresa estesa, che realizza l integrazione dei processi aziendali dall utilizzatore finale risalendo ai fornitori di materiali, prodotti, servizi e informazioni in modo da creare valore aggiunto per il cliente. I confini operativi della singola impresa si fanno perciò meno definiti, dando vita ad un nuovo concetto di sistema produttivo che pone al centro dell attività dei soggetti coinvolti nella catena di fornitura la condivisione del business. impresa virtuale, nella quale i flussi informativi coinvolgono tutti gli attori della catena, generando tra di essi una profonda connessione. L impresa non è più un entità indipendente ma un sistema interconnesso con i diversi partner: si realizza in questo modo una lunga rete che costituisce un ambiente virtuale collaborativo. 31 La rete della supply chain Nel modello operativo della supply chain, le attività di trasformazione, gli spostamenti dei materiali e dei prodotti, le informazioni relative al coordinamento dei diversi interventi, le procedure amministrative a burocratiche confluiscono in un unico flusso integrato di informazioni. L obiettivo dell eccellenza aziendale viene perseguito attraverso: la comprensione delle esigenze del mercato, soprattutto rispetto alla capacità di intuire le esigenze della clientela prima che esse si rendano evidenti; la capacità di adattamento del sistema aziendale alle richieste del mercato evitando l aumento dei costi; la capacità di produrre output di qualità con il minor impiego di input possibile, limitando al massimo sprechi, perdite e inefficienze

17 La rete della supply chain La riorganizzazione della logistica secondo la supply chain consente all impresa di raggiungere importanti obiettivi: liberare energie a favore della propria attività principale (core business); ottenere maggiore flessibilità operativa contenendo i costi; sincronizzare le richieste del cliente con l emissione di materiale da parte del fornitore; fornire un servizio efficiente e puntuale e ottenere un vantaggio competitivo sulla concorrenza grazie all incremento del customer service

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

La logistica nella gestione d impresa

La logistica nella gestione d impresa La logistica nella gestione d impresa Introduzione alla logistica Definizioni e obiettivi Sistema logistico e suoi sottosistemi Costi logistici Livello di servizio Evoluzione della logistica Prof. Luigi

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Logistics Provider Service SPECIALIZZATA NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI DELLA MECCANICA E AUTOMOTIVE

Logistics Provider Service SPECIALIZZATA NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI DELLA MECCANICA E AUTOMOTIVE Logistics Provider Service SPECIALIZZATA NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI DELLA MECCANICA E AUTOMOTIVE LA LOGISTICA E IL NOSTRO CORE BUSINESS LA COMPETENZA DEI GRANDI LA FLESSIBILITA

Dettagli

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente dott.ing. GIAMPAOLO

Dettagli

Logi.C.A. Consulting 1

Logi.C.A. Consulting 1 La Logistica La logistica, nell ambito del processo di gestione della supply chain : Pianifica Implementa Controlla l efficiente ed efficace flusso e immagazzinamento dei beni commerciali, l efficiente

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Introduzione 1 IL PUNTO DI PARTENZA MICROLOGISTICA: tutto ciò che concettualmente è (o avviene o viene

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

VI SONO SEMPRE SPAZI DI RECUPERO, PURCHÉ LO SI VOGLIA E SI ABBIA LA CREATIVITÀ E LA DETERMINAZIONE PER FARLO.

VI SONO SEMPRE SPAZI DI RECUPERO, PURCHÉ LO SI VOGLIA E SI ABBIA LA CREATIVITÀ E LA DETERMINAZIONE PER FARLO. gruppo gruppo VI SONO SEMPRE SPAZI DI RECUPERO, PURCHÉ LO SI VOGLIA E SI ABBIA LA CREATIVITÀ E LA DETERMINAZIONE PER FARLO. Aderente a Confindustria Cuneo Azienda con sistema di gestione certificato ISO

Dettagli

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci CONCETTO DI SCORTA Le scorte sono elementi dell ATTIVO CIRCOLANTE, perche Rappresentano investimenti in fattori produttivi che attendono Di essere consumati o venduti in breve tempo Imprese Industriali

Dettagli

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Bologna 27/10/2010 IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Ventitremila mq la struttura, venticinque milioni di euro l investimento, trecento i fornitori accreditati, quattromila referenze di cui

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

I Nostri Servizi. LOGISTICA DISTRIBUZIONE. Servizio Espresso. Warehousing Management System. Distribuzione Gdo. Sistemi di Radiofrequenza

I Nostri Servizi. LOGISTICA DISTRIBUZIONE. Servizio Espresso. Warehousing Management System. Distribuzione Gdo. Sistemi di Radiofrequenza Il Progetto. Sioli & Fontana nasce più di 25 anni fa e cresce sull onda del mercato hi-tech, ancora oggi, in continua espansione. Specializzata prima nel trasporto espresso e successivamente nella logistica,

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010 Federico Di Palma Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia Tel: 0382-985796 - Fax:0382-985373 email:federico.dipalma@unipv.it

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Perché SAP IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it

Perché SAP IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it LA LA SOLUZIONE SAP SAP MILL NELLE CARTIERE Perché SAP Ciò di cui l'azienda aveva bisogno era un sistema unico ed integrato come SAP che andasse a sostituire i diversi applicativi gestionali. In questo

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la gestione finanziaria dott. Matteo Rossi Benevento, 21 gennaio 2008 La funzione produzione La produzione

Dettagli

_ AZIENDA. La CDF fonda le sue origini all inizio degli anni 70.

_ AZIENDA. La CDF fonda le sue origini all inizio degli anni 70. _ AZIENDA La CDF è un azienda di spicco nel settore logistico, che esercita la sua attività attraverso l offerta di un ampia gamma di servizi integrati nel mondo del food e del non food, rispondendo alle

Dettagli

Magazzini industriali

Magazzini industriali Magazzini industriali Magazzini industriali 1 Funzioni Proteggere le merci a scorta Si devono conservare i materiali e componenti impiegati in produzione, quelli realizzati durante i cicli di produzione

Dettagli

BUSINESS MATEF. ingrosso e dettaglio materiale elettrico e ferramenta

BUSINESS MATEF. ingrosso e dettaglio materiale elettrico e ferramenta BUSINESS MATEF ingrosso e dettaglio materiale elettrico e ferramenta enter Ridurre i costi delle giacenze di magazzino Programmare e seguire in tempo reale gli acquisti Applicare politiche flessibili su

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato Corriere Espresso Colli Smyb effettua ritiro e consegna di colli senza limite di peso, in 24/48h, su tutto il territorio nazionale con controllo spedizioni via Track & Trace. Corriere Espresso Pallet Il

Dettagli

Progest Servizi. Sede operativa: Via Cattaneo 116, 41100 - Modena E-mail: info@progestservizi.com

Progest Servizi. Sede operativa: Via Cattaneo 116, 41100 - Modena E-mail: info@progestservizi.com Progest Servizi Sede operativa: Via Cattaneo 116, 41100 - Modena E-mail: info@progestservizi.com Le crescenti esigenze organizzative del business process hanno portato molte aziende, negli ultimi anni,

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

indice mas logistics 05 persone 06 perchè scegliere mas logistics 12 LA progettazione del servizio 18 gestione DEI magazzini materie prime 20

indice mas logistics 05 persone 06 perchè scegliere mas logistics 12 LA progettazione del servizio 18 gestione DEI magazzini materie prime 20 maslogistics indice mas logistics 05 persone 06 perchè scegliere mas logistics 12 I PRINCIPALI servizi OFFERTI 14 LA progettazione del servizio 18 gestione DEI magazzini materie prime 20 gestione DEI magazzini

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Lezione 4: Le funzioni aziendali Le funzioni aziendali OBIETTIVI DELLA LEZIONE Definire il concetto di funzione

Dettagli

esolver per il Marmo Software e servizi per le imprese del settore marmo. Sistema integrato per la gestione aziendale. www.sistemi.

esolver per il Marmo Software e servizi per le imprese del settore marmo. Sistema integrato per la gestione aziendale. www.sistemi. SISTEMA IMPRESA Sistema integrato per la gestione aziendale. esolver per il Marmo Software e servizi per le imprese del settore marmo. esolver per il Marmo è la soluzione software che gestisce tutti i

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile.

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Business Logistics Salerno Moving Your Business Smyb SMYB Srl Salerno Moving Your Business è un courier specializzato nel trasporto delle merci a groupage

Dettagli

Logistica e ecommerce B2c

Logistica e ecommerce B2c Logistica e ecommerce B2c In collaborazione Osservatorio ecommerce B2c Netcomm - School of Management Politecnico di Milano 26 Febbraio 2014 Il processo logistico nell ecommerce B2c In collaborazione 1

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Corso di Logistica dei Trasporti e della Distribuzione

Corso di Logistica dei Trasporti e della Distribuzione Corso di Logistica dei Trasporti e della Distribuzione La logistica e la sua evoluzione Modulo II Lezione 1 Data 05/06/2013 Cosa vedremo? 1. Dal trasporto alla Supply Chain 1. Trasporto 2. Distribuzione

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

BUSINESS PROGECO. progettazione costruzione impianti. enter >

BUSINESS PROGECO. progettazione costruzione impianti. enter > BUSINESS PROGECO progettazione costruzione impianti enter Controllo costante dell avanzamento dei lavori Pieno rispetto dei tempi di realizzazione preventivati Gestione automatica della documentazione

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

COMODO di Sitema Engineering Il primo magazzino 100% flessibile

COMODO di Sitema Engineering Il primo magazzino 100% flessibile L essenza del prodotto. Cos è, cosa fa, cosa lo distingue COMODO di Sitema Engineering Il primo magazzino 100% flessibile Caratteristica distintiva: stiva in verticale secondo logica random. Vantaggio:

Dettagli

Profilo delle qualifiche per Impiegata in logistica AFC / Impiegato in logistica AFC

Profilo delle qualifiche per Impiegata in logistica AFC / Impiegato in logistica AFC Profilo delle qualifiche per Impiegata in logistica AFC / Impiegato in logistica AFC Numero della professione 95504 Ordinanza sulla formazione professionale / Piano di formazione del 18 ottobre 2006 sulla

Dettagli

Stoccaggio e gestione dei depositi per conto terzi (outsourcing): ricevimento, stoccaggio e preparazione delle merci a temperatura controllata;

Stoccaggio e gestione dei depositi per conto terzi (outsourcing): ricevimento, stoccaggio e preparazione delle merci a temperatura controllata; AZIENDA Blu Pegaso è il partner logistico che ti offre una costellazione di servizi su misura delle tue esigenze: progetta e realizza soluzioni di logistica integrata su misura per il cliente. L obiettivo

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN Le strategie adottate dalle imprese nel gestire le fasi a monte del processo produttivo sono cambiate seguendo una traiettoria ben precisa. Le tappe

Dettagli

Business Plan II. Agenda. La catena del valore. Il Business Model. Definizione. La struttura. Attività generatrici di valore.

Business Plan II. Agenda. La catena del valore. Il Business Model. Definizione. La struttura. Attività generatrici di valore. Business Plan II La catena del valore ed il Business Model Lezione 05 Prof. Paolo Di Marco Agenda La catena del valore Definizione La struttura Attività generatrici di valore Attività primarie Attività

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

SERVIZI INTEGRATI DI SUPPORTO. Presentazione

SERVIZI INTEGRATI DI SUPPORTO. Presentazione SERVIZI INTEGRATI DI SUPPORTO Presentazione Servizi Integrati di Supporto srl (SIS) nasce nel 2001 come iniziativa di imprenditorialità femminile agevolata dalla Regione Lazio. E una società che opera

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

EasyPLAST. Siamo riusciti a trasferire in EasyPLAST tutte le informazioni e le procedure che prima erano gestite con fogli excel

EasyPLAST. Siamo riusciti a trasferire in EasyPLAST tutte le informazioni e le procedure che prima erano gestite con fogli excel Abbiamo completamente eliminato i costi di personalizzazione e di continuo sviluppo per cercare di adattare un prodotto software orizzontale e generalista alle problematiche del nostro settore Un software

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE TECNOLOGIE INFORMATICHE Il gestionale per la distribuzione Il progetto nasce dalla presa d atto che le problematiche del settore idrotermosanitario hanno una forte specificità derivante dalle caratteristiche

Dettagli

La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati.

La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati. Milano, 10 novembre 2010 L efficienza della Supply Chain sanitaria. La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati. Relatore: Roberto Mariani Dir. Customer Service

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 1 BUDGET COMMERCIALE 2 1 BUDGET COMMERCIALE Esprime gli obiettivi e i programmi dell area commerciale (in termini di volumi

Dettagli

Persone con intuizioni ed entusiasmo, protagoniste di una nuova era. Tech your way

Persone con intuizioni ed entusiasmo, protagoniste di una nuova era. Tech your way Persone con intuizioni ed entusiasmo, protagoniste di una nuova era. Tech your way VISION Assecondiamo la globalizzazione dei mercati, l internazionalizzazione e la diffusione delle alleanze strategiche,

Dettagli

Consulenze Industriali Forniture Industriali

Consulenze Industriali Forniture Industriali Consulenze Industriali Forniture Industriali 2 La Società MT Engineering Srl è l unione di esperienze avente lo scopo di offrire dedicate consulenze industriali soprattutto nel settore dell industria meccanica.

Dettagli

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica Davide Albanesi, Auto & Industry Sales Director, CEVA Italy Bologna, 19 Marzo 2015 Agenda

Dettagli

Honeywell Safety Products. Benvenuti al HSP Preferred Partner Program

Honeywell Safety Products. Benvenuti al HSP Preferred Partner Program Honeywell Safety Products Benvenuti al HSP Preferred Partner Program Honeywell Safety Products Noi di Honeywell Safety Products ci siamo assunti l impegno costante di proteggere donne e uomini esposti

Dettagli

Logistica e trasporti

Logistica e trasporti Logistica e trasporti La logistica per crescere nelle aziende e nel Paese quando la libertà diventa licenza, può tramutarsi nella peggiore delle schiavitù Antonio Turco LOGISTICA E TRASPORTI LA LOGISTICA

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

LA VOSTRA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO

LA VOSTRA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO LA VOSTRA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO Da quasi un ventennio ITAC-TRON svolge la propria attività su tutto il territorio nazionale ed europeo, proponendo ai retailer, soluzioni all avanguardia nella progettazione

Dettagli

..a spingerci avanti è la voglia di ricercare e disegnare sempre nuovi futuri..

..a spingerci avanti è la voglia di ricercare e disegnare sempre nuovi futuri.. UNION &WORK ..a spingerci avanti è la voglia di ricercare e disegnare sempre nuovi futuri.. UNION & WORK UNION & WORK s.r.l. è un azienda che offre servizi personalizzati alle imprese, che abbraccia,

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Criteri di Progettazione Del Magazzino Nozioni di base CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Impiegare le unità di carico più adatte Utilizzare lo spazio nel modo migliore (soppalchi, larghezza e numero

Dettagli

Risolviamo con competenza e professionalità le esigenze dei nostri clienti, attraverso tecnologie e metodologie innovative e prestazioni efficaci.

Risolviamo con competenza e professionalità le esigenze dei nostri clienti, attraverso tecnologie e metodologie innovative e prestazioni efficaci. GESCO CENTRO è un gruppo giovane e dinamico che attraverso le società consorziate, specializzate nella prestazione di servizi logistici e di pulizie civili, offre un ampia gamma di soluzioni con la garanzia

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

all'interno dell'impresa, nelle diverse fasi del processo di produzione e di assemblaggio dei beni, o fra le sedi diverse della stessa;

all'interno dell'impresa, nelle diverse fasi del processo di produzione e di assemblaggio dei beni, o fra le sedi diverse della stessa; Logistica e impresa La logistica è "l'insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche. Esse governano nell'azienda, i flussi di materiali e delle relative informazioni, dalle origini, presso

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina VII Forum Politeia Supply Chain sostenibile end-to-end Angelo Spina 1 www.acquistiesostenibilita.org 4 ACQUISTI &SOSTENIBILITA - Vietata la riproduzione anche parziale ed il ri-editing ad hoc Vers.1.0

Dettagli

Collaborazione estesa delle supply chain

Collaborazione estesa delle supply chain Il progetto di ricerca FLUID-WIN nell ambito del sesto Programma Quadro Panoramica generale Integrazione dei fornitori di servizio di terze parti con l intera Trend dell economia globale La globalizzazione

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Schede di autovalutazione per ambito

Schede di autovalutazione per ambito Schede di autovalutazione per ambito Classic Le schede sono concepite per evidenziare l argomento dell analisi, imputare una rilevanza (ovvero un peso ) a seconda dell importanza dell argomento, indicare

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine.

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine. La Catena del Valore Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze Attività di supporto Infrastrutture, Finanza, Approvvigionamenti Ricerca e Sviluppo Gestione e sviluppo risorse umane

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Imprenditore industria fabbricazione di mobili

Imprenditore industria fabbricazione di mobili Imprenditore industria fabbricazione di mobili La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento La gestione delle scorte ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA La gestione

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

Responsabile di produzione

Responsabile di produzione Responsabile di produzione La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DD 20.5 Fabbricazione di altri prodotti in legno; fabbricazione di articoli

Dettagli